Progettare la demolizione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progettare la demolizione"

Transcript

1 Progettare la demolizione Bologna 24 Ottobre 2014 Docente: Michela Arezzini Consulente sicurezza nei luoghi di lavoro

2 Perché progettare le demolizioni SICUREZZA AMBIENTE COSTI

3 La pianificazione della sicurezza nelle demolizioni

4 Contenuti dell intervento: Definizione La normativa di riferimento La valutazione dei rischi nelle demolizioni

5 Demolizioni: Definizione

6 Dal dizionario Devoto Oli Demolizione: «Operazione sistematica di abbattimento. nell'edilizia, il complesso dei lavori diretti ad abbattere una costruzione e a rimuoverne i materiali.» Materiale di demolizione«quello che si ottiene dalla demolizione di un edificio o di un impianto e che può essere riutilizzato»

7 Demolizioni: La norma IN EDILIZIA: TITOLO IV CAPO II SEZIONE VIII DEMOLIZIONI N 7 articoli (da art. 150 a art. 156) IN AMBITO ESTRATTIVO: Dlgs 624/2006 Dpr 128/1959

8 Articolo Rafforzamento delle strutture 1. Prima dell inizio di lavori di demolizione è fatto obbligo di procedere alla verifica delle condizioni di conservazione e di stabilità delle varie strutture da demolire. 2. In relazione al risultato di tale verifica devono essere eseguite le opere di rafforzamento e di puntellamento necessarie ad evitare che, durante la demolizione, si verifichino crolli intempestivi.

9 Articolo Ordine delle demolizioni 1. I lavori di demolizione devono procedere con cautela e con ordine, devono essere eseguiti sotto la sorveglianza di un preposto e condotti in maniera da non pregiudicare la stabilità delle strutture portanti o di collegamento e di quelle eventuali adiacenti. 2. La successione dei lavori deve risultare da apposito programma contenuto nel POS, tenendo conto di quanto indicato nel PSC, ove previsto, che deve essere tenuto a disposizione degli organi di vigilanza.

10 Articolo Misure di sicurezza 1. La demolizione dei muri effettuata con attrezzature manuali deve essere fatta servendosi di ponti di servizio indipendenti dall opera in demolizione adiacenti. 2. E vietato lavorare e fare lavorare gli operai sui muri in demolizione. 3. Gli obblighi di cui ai commi 1 e 2 non sussistono quando trattasi di muri di altezza inferiore ai due metri.

11 Articolo 153 -Convogliamento del materiale di demolizione 1. Il materiale di demolizione non deve essere gettato dall alto, ma deve essere trasportato oppure convogliato in appositi canali, il cui estremo inferiore non deve risultare ad altezza maggiore di due metri dal livello del piano di raccolta. 2. I canali suddetti devono essere costruiti in modo che ogni tronco imbocchi nel tronco successivo; gli eventuali raccordi devono essere adeguatamente rinforzati.

12 Articolo 153 -Convogliamento del materiale di demolizione 3. L imboccatura superiore del canale deve essere realizzata in modo che non possano cadervi accidentalmente persone. 4. Ove sia costituito da elementi pesanti od ingombranti, il materiale di demolizione deve essere calato a terra con mezzi idonei. 5. Durante i lavori di demolizione si deve provvedere a ridurre il sollevamento della polvere, irrorando con acqua le murature ed i materiali di risulta

13 Articolo 154 -Sbarramento della zona di demolizione 1. Nella zona sottostante la demolizione deve essere vietata la sosta ed il transito, delimitando la zona stessa con appositi sbarramenti. 2. L accesso allo sbocco dei canali di scarico per il caricamento ed il trasporto del materiale accumulato deve essere consentito soltanto dopo che sia stato sospeso lo scarico dall alto

14 Articolo Demolizione per rovesciamento 1. Salvo l osservanza delle Leggi e dei Regolamenti speciali e locali, la demolizione di parti di strutture aventi altezza sul terreno non superiore a 5 metri può essere effettuata mediante rovesciamento per trazione o per spinta. 2. La trazione o la spinta deve essere esercitata in modo graduale e senza strappi e deve essere seguita soltanto su elementi di struttura opportunamente isolati dal resto del fabbricato in demolizione in modo da non determinare crolli intempestivi o non previsti di altre parti

15 Articolo Demolizione per rovesciamento 3. Devono inoltre essere adottate le precauzioni necessarie per la sicurezza del lavoro quali: trazione da distanza non minore di una volta e mezzo l altezza del muro o della struttura da abbattere e allontanamento degli operai dalla zona interessata. 4. Il rovesciamento per spinta può essere effettuato con martinetti solo per opere di altezza non superiore a 3 metri, con l ausilio di puntelli sussidiari contro il ritorno degli elementi smossi.

16 Articolo Demolizione per rovesciamento 5. Deve essere evitato in ogni caso che per lo scuotimento del terreno in seguito alla caduta delle strutture o di grossi blocchi possano derivare danni o lesioni agli edifici vicini o ad opere adiacenti pericolose per i lavoratori addetti.

17 Articolo Verifiche 1. Il Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali, sentita la Commissione consultiva permanente, può stabilire l obbligo di sottoporre a verifiche ponteggi e attrezzature per costruzioni, stabilendo le modalità e l organo tecnico incaricato.

18 Normativa di riferimento demolizioni La legislazione impone la redazione di un documento che disciplini le fasi che riguardano le demolizioni. Le demolizioni sono tra i lavori a maggior rischio infortunio in conseguenza dell improvvisazione nell esecuzione dei lavori. È quindi fondamentale la pianificazione preventiva della sequenza dei lavori partendo dalla conoscenza approfondita delle strutture e delle tecniche di lavorazione dell epoca di realizzazione.

19 Normativa di riferimento demolizioni Non esistono tecniche di demolizione valide univocamente ma la tecnica di demolizione deve essere studiata per singolo caso e adattata alla necessità ed allo stato dell opera su cui si interviene.

20 Il programma delle demolizioni È composto dalle seguenti fasi: Analisi dell ambiente di lavoro Analisi delle strutture da demolire Analisi delle strutture limitrofe o collegate Analisi della successione delle demolizioni Analisi delle attrezzature utilizzate Analisi delle opere provvisionali necessarie a garantire la sicurezza dei lavoratori e la stabilità dell opera Analisi delle modalità di allontanamento dei materiali demoliti Analisi delle modalità di abbattimento delle polveri Analisi della gestione del personale4analisi della gestione delle emergenze

21 Demolizioni: La valutazione dei rischi I nuovi modelli semplificati per la redazione del PSC

22

23 Zona di scarico materiali non interferente con linee elettriche aeree L impresa incaricata alle demolizioni dovrà redigere POS con indicazione puntuale dell ordine di demolizione Prima dell inizio lavori predisporre le protezioni contro le linee aeree con schermature

24

25

26

27

28

29

30

31

32 Analisi rischi demolizioni nel PSC 1. Cadute di persone dall alto per le lavorazioni oltre 2 ml di altezza 2. Caduta materiale dall alto (in particolare durante l abbassamento delle macerie) 3. Interferenza con altre lavorazioni 4. Rischi tipici della lavorazione (schiacciamenti, abrasioni, punture, schizzi, irritazioni cutanee, elettrocuzione, rumore, MMC..) 5. Seppellimento per crollo improvviso della struttura

33 Scelte progettuali ed organizzative Ogni demolizione e rimozione deve essere effettuata coordinando le diverse fasi lavorative in atto, così che non vengano coinvolti da rumore e polvere o caduta di materiale dall alto, i lavoratori impegnati in altre fasi. Nel POS della ditta edile sarà dettagliatamente indicata la procedura seguita e le misure di sicurezza messe in atto.

34 Procedure: Abbassamento macerie e manufatti rimossi: L abbassamento delle macerie va effettuato con apposito canale convogliatore, e verificando sempre che la zona di ricezione delle macerie sia adeguata (assenza di persone sotto il canale, presenza di furgone,..)

35 Procedure: Abbassamento macerie e manufatti rimossi: L abbassamento delle macerie va effettuato con apposito canale convogliatore, e verificando sempre che la zona di ricezione delle macerie sia adeguata (assenza di persone sotto il canale, presenza di furgone,..)

36 Procedure: Dal Dizionario Devoto Oli: Idoneo: Di cosa - adatto, Utilizzo gru: conveniente, opportuno per quanto riguarda l utilizzo della gru nella fase di abbassamento materiali è assolutamente necessario che vengano utilizzate idonee imbracatura e aggancio dei materiali, onde evitare lo scivolamento del carico in fase di sollevamento

37 Procedure: Sezionamento impianti: prima di procedere con qualsiasi demolizione assicurarsi dell assenza di impianti (gas, elettrico, idraulico, telefonico) in caso di presenza di impianti eseguire preventivamente le operazioni di lock out e tag out

38 Procedure: Crollo strutture: Le demolizioni devono essere condotte in modo da evitare la possibilità di crolli improvvisi; oltre agli addetti alle demolizioni nessun altro lavoratore deve trovarsi sotto il raggio delle attrezzature utilizzate per demolire. Prima di procedere alle demolizione predisporre apprestamenti di sicurezza indipendenti dalle strutture in demolizione

39 Procedure: Zone di lavoro: Curare l ordine e la pulizia delle zone di lavoro così da non pregiudicare la stabilità degli apprestamenti e non creare ostacoli in caso di emergenza

40 Procedure: Cadute dall alto: durante le demolizioni i lavoratori addetti dovranno sempre operare in sicurezza rispetto al rischio di caduta dall alto, utilizzando piani di lavoro indipendenti dalle strutture da demolire e cinture di sicurezza in fasi particolarmente delicate. Devono essere posizionati impalcati di sicurezza dotati di piani di appoggio stabili e di adeguata ampiezza per una movimentazione agevole durante i lavori.

41 Misure preventive e protettive: Gli addetti utilizzeranno i DPI previsti all interno dei propri POS per i rischi specifici della lavorazione

42 Prescrizioni operative: Prima di ogni demolizione segnalare la zona interessata dai lavori di demolizione con. e assicurarsi dell assenza di altri lavoratori che potrebbero essere coinvolti dalla caduta di materiale. In particolare nella creazione delle nuove aperture sui muri perimetrali è necessario segregare le zone poste sul retro della muratura per impedire il passaggio di altri operatori.

43 Procedure complementari e di dettaglio: N Lavorazione Procedura 1 Demolizione Indicazione DPI 2 Demolizione 3 Demolizione. Indicare modalità di abbassamento dei carichi dal piano di lavoro al piano di campagna Soggetto destinatario Impresa XXX Addetta demolizioni Impresa XXX

44 Discussione aperta Grazie per l attenzione! Michela Arezzini

Terza giornata 14 ottobre 2011

Terza giornata 14 ottobre 2011 Benvenuti e Bentornati per la Terza giornata 14 ottobre 2011 BUONE PRASSI NELLE TECNICHE DI DEMOLIZIONE MECCANICA E TRAMITE ESPLOSIVI Introduzione dei lavori: inquadramento normativo sulla sicurezza negli

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE DEFINIZIONE Demolizione: Operazione di abbattimento parziale o totale di un opera edificata, attraverso una sequenza programmata di interventi da effettuare sull opera

Dettagli

PIANO DELLE DEMOLIZIONI ATTIVITA CONTEMPLATA

PIANO DELLE DEMOLIZIONI ATTIVITA CONTEMPLATA PIANO DELLE DEMOLIZIONI ATTIVITA LAVORATIVA ATTIVITA CONTEMPLATA Trattasi del Piano Particolareggiato delle Demolizioni che, ai sensi del DPR 164/56, l Impresa deve predisporre in relazione alle proprie

Dettagli

LE DEMOLIZIONI NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

LE DEMOLIZIONI NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI ORDINE DEGLI INGEGNERI BAT LE DEMOLIZIONI NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI Prof. Domenico SPINAZZOLA Dirigente del Servizio Tecnico della Prevenzione ASL BAT Professore presso l Università degli Studi

Dettagli

demolizioni e programma delle demolizioni

demolizioni e programma delle demolizioni demolizioni e programma delle demolizioni La Legislazione D.P.R. 7 gennaio 1956 N. 164 art. 71 rafforzamento delle strutture art. 72 ordine delle demolizioni comma 2: La successione dei lavori. deve risultare

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEI PIANI DI DEMOLIZIONE

LA PROGETTAZIONE DEI PIANI DI DEMOLIZIONE Scuola edile di Brescia Seminario tecnico EDILIZIA DI SOSTITUZIONE: DEMOLIZIONI IN SICUREZZA, DECOSTRUZIONI E PIANI DI DEMOLIZIONE 3 Marzo 2012 LA PROGETTAZIONE DEI PIANI DI DEMOLIZIONE Ing. Massimo Viarenghi

Dettagli

1. PREMESSA 1 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 2. 3. IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DELL OPERA (punto 2.1.2. A all.xv d.lgs n.81/08) 3

1. PREMESSA 1 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 2. 3. IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DELL OPERA (punto 2.1.2. A all.xv d.lgs n.81/08) 3 1. PREMESSA 1 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 2 3. IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DELL OPERA (punto 2.1.2. A all.xv d.lgs n.81/08) 3 3.1.1. Indirizzo Del Cantiere 3 3.1.2. Descrizione Del Contesto In Cui E

Dettagli

DEMOLIZIONE E SICUREZZA

DEMOLIZIONE E SICUREZZA Associazione Nazionale Demolitori Italiani DEMOLIZIONE E SICUREZZA Brescia, 23 giugno 2007 L RUOLO DEL COORDINATORE NELLE ATTIVITÀ DI DEMOLIZIONE dott. Fabrizio Lovato In generale. L imprenditore è tenuto

Dettagli

Metodi di Demolizione in Ambito Estrattivo ed in Edilizia

Metodi di Demolizione in Ambito Estrattivo ed in Edilizia Metodi di Demolizione in Ambito Estrattivo ed in Edilizia 21 Novembre 2011 Giornata di Aggiornamento Ing. Domenico Gullì e Ing. Cristina Rognini Demolizioni Indice 1. Definizione 2. La normativa di riferimento

Dettagli

CONVEGNI DI FORMAZIONE PERMANENTE Anno 2011

CONVEGNI DI FORMAZIONE PERMANENTE Anno 2011 COLLEGIO DEGLI INGEGNERI E ARCHITETTI DI MILANO CONVEGNI DI FORMAZIONE PERMANENTE Anno 2011 Titolo dell intervento : Relatore: Moderatore: Il rischio nelle demolizioni Arch. Carlo Borgazzi Barbò Ing. Giancarlo

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO. Interventi di risanamento di ponti ubicati sulla SR65 - SP29. Piano di Sicurezza e Coordinamento. R.U.P.: Ing.

PROGETTO ESECUTIVO. Interventi di risanamento di ponti ubicati sulla SR65 - SP29. Piano di Sicurezza e Coordinamento. R.U.P.: Ing. Interventi di risanamento di ponti ubicati sulla SR65 - SP29 PROGETTO ESECUTIVO TAVOLA N. Piano di Sicurezza e Coordinamento 09 _ NOME FILE: 09 - Piano di sicurezza e coordinamento Data redazione elaborato:

Dettagli

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia informazioni per la sicurezza in cantiere 01 Comitato paritetico territoriale di Brescia

Dettagli

PIANO DELLE DEMOLIZIONI

PIANO DELLE DEMOLIZIONI COMUNE DI RONCHI DEI LEGIONARI PROVINCIA DI GORIZIA PIANO DELLE DEMOLIZIONI TITOLO IV D.LGS. N 81 DEL 09/04/2008, LAVORI DI REALIZZAZIONE DI UNA SALA POLIFUNZIONALE DA RICAVARE NELL EDIFICIO DI PROPRIETA

Dettagli

Piano di Demolizione

Piano di Demolizione Piano di Demolizione Elaborato ai sensi dell art.151 D.Lgs. N 81 del 2008 e successive modifiche ed integrazioni IMPRESA (Ragione sociale e dati) Cantiere (identificazione del cantiere) COMMITTENTE (Ragione

Dettagli

DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE

DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE CENNI RIGUARDANTI IL D.LGS N.81 DEL 09/04/2008 E S.M.I. Articolo 150 RAFFORZAMENTO DELLE STRUTTURE Articolo 151 ORDINE DELLE DEMOLIZIONI Articolo 152 MISURE DI SICUREZZA

Dettagli

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE IMPRESA: CHECK LIST PER LA CUREZZA NEL CANTIERE EDILE Visita al cantiere sito in. Via. Committente:.. Coordinatore per la sicurezza: Responsabile di cantiere: DATA VERIFICA: / / Soggetto verificatore:..

Dettagli

I RISCHI IN CANTIERE:

I RISCHI IN CANTIERE: I RISCHI IN CANTIERE: SCAVI E DEMOLIZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa

Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa Direzione Provinciale del Lavoro Lucca Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa CADUTE dall alto La causa principale dei

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV D.Lgs. 81/08 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI VIGILANZA MINIMO ETICO MINIMO ETICO DI SICUREZZA PERICOLO DI INFORTUNI GRAVI PRESUPPOSTI CARENZE, CONFIGURABILI COME VIOLAZIONI ALLE NORME NON SANABILI

Dettagli

CARPENTIERI / FERRAIOLI

CARPENTIERI / FERRAIOLI POSA DEL FERRO: MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Per quanto possibile, si dovrà ridurre la movimentazione manuale dei carichi ricorrendo all utilizzo di apparecchi di sollevamento. Le norme vigenti danno specifiche

Dettagli

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO La scheda di rilevazione dei rischi di caduta dall alto è stata pensata come strumento di analisi sia per gli addetti del settore che per i funzionari

Dettagli

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DELL OPERA L identificazione e la descrizione dell opera è esplicitata con: a) l indirizzo del cantiere; b) la descrizione del contesto in cui

Dettagli

COORDINATORI DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE E PROGETTAZIONE DEI LAVORI NEI CANTIERI PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO 120 ORE anno 2010

COORDINATORI DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE E PROGETTAZIONE DEI LAVORI NEI CANTIERI PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO 120 ORE anno 2010 COORDINATORI DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE E PROGETTAZIONE DEI LAVORI NEI CANTIERI PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO 120 ORE anno 2010 SCHEMA MODULARE Il corso si sviluppa sulla base dei contenuti dell

Dettagli

Demolizioni D.Lgs. n. 81 del TITOLO IV - SEZIONE VIII DEMOLIZIONI N 7 articoli (da art. 150 a art. 156)

Demolizioni D.Lgs. n. 81 del TITOLO IV - SEZIONE VIII DEMOLIZIONI N 7 articoli (da art. 150 a art. 156) Demolizioni D.Lgs. n. 81 del 09.04.2008 TITOLO IV - SEZIONE VIII DEMOLIZIONI N 7 articoli (da art. 150 a art. 156) Articolo 150 - Rafforzamento delle strutture 1. Prima dell'inizio di lavori di demolizione

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

CORSO COORDINATORI PER LA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DEI LAVORI NEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI

CORSO COORDINATORI PER LA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DEI LAVORI NEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI CORSO COORDINATORI PER LA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DEI LAVORI NEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI - CORSO 120 ORE ANNO 2016 - Rif. SCHEMA MODULARE PROGRAMMA DI DETTAGLIO Il corso si

Dettagli

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA I CONTENUTI DELLA VIGILANZA NEI CANTIERE A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA B) DOCUMENTAZIONE DEL CANTIERE C) CONTROLLO ADOZIONE MISURE DI SICUREZZA PER LE LAVORAZIONI CORSO D) LA GESTIONE DEL CANTIERE

Dettagli

Comune di Avigliana RISCHI CHE SI POSSONO VERIFICARE IN UN CANTIERE RISCHI CHE SI POSSONO VERIFICARE IN UN CANTIERE

Comune di Avigliana RISCHI CHE SI POSSONO VERIFICARE IN UN CANTIERE RISCHI CHE SI POSSONO VERIFICARE IN UN CANTIERE Comune di Avigliana La centralità della valutazione dei rischi nella prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali La valutazione dei rischi in edilizia: pianificazione e piano

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO PER I CANTIERI EDILI, AI FINI DELLA VALUTAZIONE DELLE NORME DI SICUREZZA APPLICATE, REDATTO A CURA DI ANCE AQUILA.

LISTA DI CONTROLLO PER I CANTIERI EDILI, AI FINI DELLA VALUTAZIONE DELLE NORME DI SICUREZZA APPLICATE, REDATTO A CURA DI ANCE AQUILA. LISTA DI CONTROLLO PER I CANTIERI EDILI, AI FINI DELLA VALUTAZIONE DELLE NORME DI SICUREZZA APPLICATE, REDATTO A CURA DI ANCE AQUILA. Guida di riferimento per Datori di lavoro e Responsabili di cantiere.

Dettagli

Lista di controllo Gru a ponte e a portale

Lista di controllo Gru a ponte e a portale Sicurezza realizzabile Lista di controllo Gru a ponte e a portale Potete affermare di lavorare in condizioni di sicurezza con le gru a ponte e a portale? Nell industria e nell artigianato le gru sono il

Dettagli

SEMINARIO. Le nuove regole

SEMINARIO. Le nuove regole SEMINARIO Le nuove regole I lavori non elettrici alla luce della IV edizione della norma CEI 11-27 Ing. Fausto Di Tosto INAIL Coordinatore del GdL INAIL per i Lavori sotto tensione ROMA, 11 MARZO 2014

Dettagli

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili L'ing. M. Grandi - funzionario della Direzione provinciale del Lavoro di Verbania ha curato la realizzazione una check list dedicata

Dettagli

Cantieri temporanei o mobili. dott. ing. Giuseppe SEMERARO

Cantieri temporanei o mobili. dott. ing. Giuseppe SEMERARO Cantieri temporanei o mobili Titolo IV DLgs. 81/2008 1 Capo che sostituisce DPR 164/56, parte del DLgs. 626/94 ad altri provvedimenti minori abrogatiindirettamente indirettamente CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE

Dettagli

TITOLO IV D.LGS. 81/08 I CONTENUTI DEL PSC

TITOLO IV D.LGS. 81/08 I CONTENUTI DEL PSC TITOLO IV D.LGS. 81/08 I CONTENUTI DEL PSC L allegato XV al D. Lgs. n 81/2008 CONTENUTI DEL PSC (già DPR n 222/2003 - Regolamento sui contenuti minimi dei piani di sicurezza) Il PSC è specifico per ogni

Dettagli

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs.

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. 235/2003 A) PARTE GENERALE (Anagrafica) Premesso che il PIMUS deve essere specifico

Dettagli

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S)

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S) Corso di aggiornamento RSPP aziende edili Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S) In questa unità didattica descriveremo le caratteristiche del Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S.). Nello

Dettagli

!!!!!!! "# "#$ % # $$%!!!!!!

!!!!!!! # #$ % # $$%!!!!!! ! "#!!!!!! "#$% #$$%!!!!!! $#!!''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''( & )!*) )+!,$#!!!)#!''''''''''''''''''''- ( $!.! */* *!#!*) #!11 +/)! * *)!#!! 2!)/*!!!!!#2!*1!'''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''3

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DELLA SICUREZZA...

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DELLA SICUREZZA... INDICE 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DELLA SICUREZZA... 2 1.1 PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONE PER LA STESURA DEL PSC... 2 1.2 I CONTENUTI MINIMI DEL PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO... 2 1.3 IL

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI INTERVENTI DI: ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA RISCHI CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI DI COSTRUZIONE, MANUTENZIONE, MODIFICA STRUTTURE TRADIZIONALI

Dettagli

3) descrizione sintetica dell opera, con particolare riferimento alle scelte progettuali, architettoniche, strutturali e tecnologiche; - - - - -

3) descrizione sintetica dell opera, con particolare riferimento alle scelte progettuali, architettoniche, strutturali e tecnologiche; - - - - - Collegio Geometri della Provincia di Brescia Commissione 494 Sicurezza dei Cantieri P.S.C. P.S.C. (o Piano di Sicurezza e di Coordinamento): specificato per ogni singolo cantiere temporaneo o mobile e

Dettagli

L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO

L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO COSA PREVEDE LA NORMATIVA SUI D.P.R. 164/1956 Art. 16 Ponteggi e opere provvisionali Nei lavori che sono eseguiti ad un altezza

Dettagli

dall art. 1 lett. a) del D.lgs. n. 301 del 27/12/2002 4 CRESME Il mercato delle demolizioni in Italia. Dimensioni, caratteri e nuove opportunità -218-

dall art. 1 lett. a) del D.lgs. n. 301 del 27/12/2002 4 CRESME Il mercato delle demolizioni in Italia. Dimensioni, caratteri e nuove opportunità -218- La demolizione di opere 1 riguarda lo smontaggio di impianti industriali e la demolizione completa di edifici con attrezzature speciali ovvero con uso di esplosivi, il taglio di strutture in cemento armato

Dettagli

CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE

CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo III Capo III articoli 80-87 e Allegati V- VI - IX Titolo IV Capo II art 117 e Allegato X - così come modificati dal Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n.

Dettagli

PROPOSTA DI LINEE GUIDA PER INTERVENTI IN EDILIZIA

PROPOSTA DI LINEE GUIDA PER INTERVENTI IN EDILIZIA REGIONE MARCHE PROPOSTA DI LINEE GUIDA PER INTERVENTI IN EDILIZIA a cura del Gruppo Tecnico Regionale Edilizia 1 LINEE GUIDA PER GLI INTERVENTI DI PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI IN EDILIZIA PREMESSA Gli infortuni

Dettagli

PIANO DI DEMOLIZIONE. Impresa. Sede Legale. Oggetto dei lavori. Indirizzo del cantiere. Rev. Motivazione Data. 00 Emissione. Il Direttore dei Lavori

PIANO DI DEMOLIZIONE. Impresa. Sede Legale. Oggetto dei lavori. Indirizzo del cantiere. Rev. Motivazione Data. 00 Emissione. Il Direttore dei Lavori PIANO DI DEMOLIZIONE (DOCUMENTO EX ART. 151 DEL D.LGS. 81/2008) Impresa Sede Legale Oggetto dei lavori Indirizzo del cantiere Rev. Motivazione Data 00 Emissione 01 02 03 04 05 Azienda Il Direttore dei

Dettagli

Il decreto legislativo 494/96. Geom. Stefano Fiori

Il decreto legislativo 494/96. Geom. Stefano Fiori Il decreto legislativo 494/96 Geom. Stefano Fiori EVOLUZIONE NORMATIVA DEFINIZIONI Articolo 1 1. Il presente decreto legislativo prescrive misure per la tutela e per la sicurezza dei Lavoratori nei cantieri

Dettagli

OPUSCOLO PER I LAVORATORI

OPUSCOLO PER I LAVORATORI 1 OPUSCOLO PER I LAVORATORI A cura: del Dott. Davide Antonelli 2 SCALE A MANO Tale attrezzatura È prevista per superare dislivelli e per effettuare lavorazioni straordinarie a carattere eccezionale e temporaneo.

Dettagli

DEMOLIZIONE EDIFICI RIMOZIONE SERRAMENTI DEMOLIZIONE TAMPONAMENTI ESTERNI DEMOLIZIONE DIVISORI INTERNI RIMOZIONE CONTROSOFFITTATURE

DEMOLIZIONE EDIFICI RIMOZIONE SERRAMENTI DEMOLIZIONE TAMPONAMENTI ESTERNI DEMOLIZIONE DIVISORI INTERNI RIMOZIONE CONTROSOFFITTATURE DEMOLZONE EDFC 1. DEMOLZON MANUAL D1 SMANTELLAMENTO SOVRASTRUTTURE RMOZONE SERRAMENT DEMOLZONE TAMONAMENT ESTERN DEMOLZONE DVSOR NTERN RMOZONE CONTROSOFFTTATURE DEMOLZONE AVMENT RMOZONE MANT RMOZONE CANNA

Dettagli

NT24.it - Impianti elettrici nei cantieri edili CAPITOLO III. Impianto elettrico

NT24.it - Impianti elettrici nei cantieri edili CAPITOLO III. Impianto elettrico NT24.it - Impianti elettrici nei cantieri edili CAPITOLO III Impianto elettrico Gli impianti elettrici di cantiere sono impianti molto particolari, hanno caratteristiche peculiari che è bene considerare

Dettagli

Consolidamento e manutenzione dei solai in laterocemento zona bagni al piano terra e primo, mediante inserimento di nuovi profilati metallici

Consolidamento e manutenzione dei solai in laterocemento zona bagni al piano terra e primo, mediante inserimento di nuovi profilati metallici CAPITOLO I 1.1 - DESCRIZIONE SINTETICA DELL OPERA Il progetto riguarda i lavori di adeguamento/miglioramento sismico controllato della scuola primaria Colombo nell'ambito del piano per la messa in sicurezza

Dettagli

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI DEMOLIZIONE EDIFICI 1. DEMOLIZIONI MANUALI E1 DEMOLIZIONI STRUTTURE RAFFORZAMENTI E UNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OERE ADIACENTI DEMOLIZIONE VOLTE; DEMOLIZIONE SOLAI IN LEGNO; DEMOLIZIONE SOLAI LATERO-

Dettagli

COMUNE DI CIVATE. Progetto per la riqualificazione ed adeguamento Palestra comunale di via A. Longoni

COMUNE DI CIVATE. Progetto per la riqualificazione ed adeguamento Palestra comunale di via A. Longoni CERTIFICATO N.07089 ORGANISMO DI PROGETTAZIONE Committente COMUNE DI CIVATE Tipo di elaborato: Fascicolo Tecnico Progetto: Palestra comunale Commessa: E15047 Località: via A. Longoni CIVATE (LC) N Documento:

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 maggio 2010 Pagina 1 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

Dispositivi iti NON rmanenti PROVVISORI

Dispositivi iti NON rmanenti PROVVISORI Dispositivi NON permanenti PROVVISORI PIATTAFORME AEREE: dispositivo per il lavoro in quota efficace e di immediato impiego, non richiede attività preparatoria a terra o sulla facciata (a parte la delimitazione

Dettagli

LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI

LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI INCONTRI CON LE IMPRESE Lodi, 21 Luglio 2015 LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI ing. Marco Antonio Fusco CPT Milano, Lodi, Monza Brianza Principali fasi di lavorazione nella prefabbricazione 1.

Dettagli

IL MODELLO SEMPLIFICATO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PSC ED IL RUOLO DEL CSP

IL MODELLO SEMPLIFICATO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PSC ED IL RUOLO DEL CSP Servizio Prevenzione Sicurezza Luoghi di Lavoro Responsabile: Dott. Vito Liberati IL MODELLO SEMPLIFICATO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PSC ED IL RUOLO DEL CSP Teramo, 25 marzo 2015 Giovanni Di Feliciantonio

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Introduzione Nelle varie fasi lavorative, si è visto come ricorra spesso l utilizzo di ausili per la movimentazione meccanica dei carichi,

Dettagli

Elementi di giudizio. Cadute dall alto. Lavoratori esposti al rischio di caduta da una altezza superiore a circa tre. Estesa carenza di protezioni

Elementi di giudizio. Cadute dall alto. Lavoratori esposti al rischio di caduta da una altezza superiore a circa tre. Estesa carenza di protezioni SPISAL Asl 20 Asl 21 Asl 22 Direzione Provinciale del Lavoro Comitato Paritetico Territoriale Polizia Municipale Campagna Cantieri Sicuri 2007 Elementi di giudizio Cantieri sotto il Minimo Etico Cadute

Dettagli

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE Prime indicazioni per la stesura del piano della sicurezza Descrizione sommaria delle fasi

Dettagli

D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Servizio Impiantistica Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall'alto nei lavori di manutenzione ordinaria

Dettagli

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio Argomenti verbale di consegna I CRITERI DI GESTIONE DEL PONTEGGIO Lodi, 28 Ottobre 2014 ing. Marco Antonio Fusco Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie Uso dei sistemi anticaduta durante

Dettagli

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali LA SICUREZZA DEI CANTIERI ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali 1 I riferimenti normativi (norme prescrittive) D.P.R. 27.04.1955 n. 547 Norme di prevenzione degli infortuni

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO PROGETTO SI.PRE. COMPARTO CANTIERI EDILI DEMOLIZIONE EDIFICI C.P.T.

ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO PROGETTO SI.PRE. COMPARTO CANTIERI EDILI DEMOLIZIONE EDIFICI C.P.T. ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO I.S.P.E.S.L. REGIONI PROGETTO SI.PRE. COMPARTO CANTIERI EDILI DEMOLIZIONE EDIFICI C.P.T. TORINO 1 PROFILO DI RISCHIO NEL COMPARTO COSTRUZIONI

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere 3.2.8 Parapetti Le finestre, i balconi e le terrazze devono avere parapetti di altezza non inferiore a cm. 100. In ogni caso i parapetti, fermo restando che devono garantire sufficiente resistenza agli

Dettagli

Le novità del Testo Unico in tema di sicurezza cantieri (il fascicolo di manutenzione)

Le novità del Testo Unico in tema di sicurezza cantieri (il fascicolo di manutenzione) Le novità del Testo Unico in tema di sicurezza cantieri (il fascicolo di manutenzione) Piano di manutenzione dell opera e delle sue parti Nei lavori pubblici, (D. Lgs. 163/06 e regolamento di attuazione

Dettagli

L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO

L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO CORSO RESPONSABILI DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e dell Accordo tra Stato e Regioni 26 gennaio 2006 L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO

Dettagli

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Allegato alla Delibera n. 850 del 17.12.2004 Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Articolo 3.2.11: Disposizioni concernenti la prevenzione dei rischi di caduta dall alto Le seguenti disposizioni

Dettagli

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22 Lavori in quota 1/22 D.Lgs 81/08 e s.m.i., art. 111 1. Il datore di lavoro, nei casi in cui i lavori temporanei in quota non possono essere eseguiti in condizioni di sicurezza e in condizioni ergonomiche

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. N AN.... DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE Pagina 1 di 9 Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze, artt. 26 e 28 D.Lgs 81/2008 Stazione appaltante/ Committente:

Dettagli

Prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza

Prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza Prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza Sommario 1. PREMESSA 3 2. DESCRIZIONE SOMMARIA DEI LAVORI 5 3. INDICAZIONI E PRESCRIZIONI DI SICUREZZA PRELIMINARI 6 4. VALUTAZIONE

Dettagli

Comune di #Datigen/committente/5# (Prov di ) PROGETTAZIONE PRELIMINARE

Comune di #Datigen/committente/5# (Prov di ) PROGETTAZIONE PRELIMINARE Comune di #Datigen/committente/5# (Prov di ) PROGETTAZIONE PRELIMINARE (Art. 18 DPR 21/12/99, N. 554) Prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza (art. 18, comma 1, lett. f del

Dettagli

Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03

Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Ing. Marco Masi Regione Toscana Settore Prevenzione e Sicurezza PREVENZIONE E SICUREZZA

Dettagli

LA SICUREZZA in COPERTURA

LA SICUREZZA in COPERTURA INCONTRI TECNICI Progettazione, tecniche e materiali 08 giugno 2011 LA SICUREZZA in COPERTURA INQUADRAMENTO NORMATIVO Relatori: Ing. Cosimo Chines Ing. Stefano Camoni In collaborazione con Studio Tecnico

Dettagli

Comune di TORINO Provincia di TO

Comune di TORINO Provincia di TO Comune di TORINO Provincia di TO FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (Allegato XVI e art. 91 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto

Dettagli

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per:

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per: Allegato 1) Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota nei cantieri edili e di ingegneria civile ai sensi dell art. 6 della legge regionale 2 marzo

Dettagli

COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI

COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI Divisione Formazione Corso di formazione per COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI (120 ore) ai sensi del D.Lgs 81/08, art.98 Gennaio febbraio 2011 1 giornata 9.00 12.30 La legislazione

Dettagli

DIPARTIMENTO AREA TECNICA E APPROVVIGIONAMENTI PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEL PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

DIPARTIMENTO AREA TECNICA E APPROVVIGIONAMENTI PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEL PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA 36100 VICENZA - Viale F. Rodolfi 37 - Tel. 0444/993481 - Fax 0444/993283 COD. REGIONE 050 - COD. U.L.SS. 006 C. F.

Dettagli

Manutenzione e revisione. Macchine di cantiere Apparecchi di sollevamento Opere provvisionali Impianti

Manutenzione e revisione. Macchine di cantiere Apparecchi di sollevamento Opere provvisionali Impianti Manutenzione e revisione Macchine di cantiere Apparecchi di sollevamento Opere provvisionali Impianti Manutenzione e revisione mezzi ma sarà solo un problema dell impresa, no?! Allegato XV estratto Contenuti

Dettagli

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NORME CEI 0-10 GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI La guida contiene le indicazioni relative alla manutenzione degli impianti elettrici di bassa tensione allo scopo di favorire il mantenimento

Dettagli

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Sicurezza realizzabile Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Gli interventi di manutenzione sui veicoli ferroviari vengono svolti in condizioni di sicurezza? La manutenzione dei

Dettagli

Allegato 15 Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili

Allegato 15 Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili Allegato 15 Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

PIANO di SICUREZZA e di COORDINAMENTO

PIANO di SICUREZZA e di COORDINAMENTO PIANO di SICUREZZA e di COORDINAMENTO conforme ai contenuti minimi previsti dall allegato XV del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. COORDINATORE in fase di: O PROGETTAZIONE O ESECUZIONE INDIRIZZO CANTIERE NATURA DELL

Dettagli

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Comune di TORINO Provincia di TO FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Decreti Legislativi 494/96 e 528/99 D.P.R. 222/2003 OGGETTO: COMMITTENTE: LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PER LA BONIFICA E LO SMALTIMENTO

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO DOCUMENTRO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (ART. 26, COMMA 3, D.LGS. N. 81/2008) STAZIONE APPALTANTE: Comune di

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi Martedì 22 luglio2014, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede CPT, Viale Milano 56/60 Lodi Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi ing. Massimiliano Colletta I LAVORI

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA Assessorato Sanità

REGIONE LOMBARDIA Assessorato Sanità REGIONE LOMBARDIA Assessorato Sanità IL CAPO CANTIERE INTRODUZIONE ALLA SICUREZZA Organizzato da ASL 3 Monza in collaborazione con Circolo Geometri di Monza e Brianza Relatori: Dr. Tullio Quaianni P. E.

Dettagli

Piano di Sicurezza e Coordinamento relativo al cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) SCHEDE DI SICUREZZA

Piano di Sicurezza e Coordinamento relativo al cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) SCHEDE DI SICUREZZA cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) DOCUMENTO ELABORATO AI SENSI DELL ART. 100 DEL D. LGS. 81/2008 COORDINATO CON IL D. LGS. 3 AGOSTO 2009, N 106 E CON I CONTENUTI MINIMI PREVISTI ALL'ALLEGATO

Dettagli

MISURE DI DISICUREZZA NEI LAVORI IN IN QUOTA SU EDIFICI DANNEGGIATI DAGLI EVENTI SISMICI

MISURE DI DISICUREZZA NEI LAVORI IN IN QUOTA SU EDIFICI DANNEGGIATI DAGLI EVENTI SISMICI EVENTI SISMICI DEL 20 E 29 MAGGIO 2012 RICOSTRUIRE IN SICUREZZA Incontro tecnico di presentazione del documento: MISURE DI DISICUREZZA NEI LAVORI IN IN QUOTA SU EDIFICI DANNEGGIATI DAGLI EVENTI SISMICI

Dettagli

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I 1. A N A G R A F I C A D E L L O P E R A S O G G E T T I C O I N V O L T I G E S T I O N E D E L P S C 1.1 CARATTERISTICHE DELL OPERA 1. Le caratteristiche dell opera da eseguire sono state trattate nel

Dettagli

Manutenzione di macchine e impianti Lista di controllo

Manutenzione di macchine e impianti Lista di controllo Manutenzione di macchine e impianti Lista di controllo Nella vostra azienda si garantisce la sicurezza durante gli interventi di manutenzione? Le persone più a rischio sono i manutentori e gli operatori

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE. PiMUS. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE. PiMUS. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E CUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE PiMUS prof. ing. Pietro Capone 1 Piano di montaggio, uso e smontaggio (PiMUS) Già D.lgs. n 235 del 08/07/2003 Il montaggio, lo smontaggio

Dettagli

(DGRV 2774/09 così come modificato dalla DGRV 97/2012)

(DGRV 2774/09 così come modificato dalla DGRV 97/2012) ISTRUZIONI TECNICHE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA (DGRV 2774/09 così

Dettagli

PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO

PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO FASCICOLO INFORMATIVO DELL'OPERA Responsabile del Procedimento: Arch.

Dettagli

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili.

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili. Come utilizzare le scale a mano o portatili. SCALE A MANO NORME GENERALI Bisogna innanzitutto avere presente il concetto che le scale a mano devono servire esclusivamente per lavori assolutamente particolari

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI Valutazione del rischio R = 2 x 2 = 4 S. 01 CATEGORIA: INSTALLAZIONE DEL CANTIERE OPERAZIONE: Installazione di impianto di terra e contro le scariche atmosferiche per il ponteggio ATTREZZATURE: Compressore,

Dettagli

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Allegato 1 Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Si riporta di seguito, in via del tutto esemplificativo, la strutturazione di un impianto di trattamento

Dettagli