I recettori accoppiati a proteine G sono monomeri che attraversano 7 volte la membrana plasmatica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I recettori accoppiati a proteine G sono monomeri che attraversano 7 volte la membrana plasmatica"

Transcript

1 I recettori accoppiati a proteine G sono monomeri che attraversano 7 volte la membrana plasmatica I recettori a 7 domini transmembrana presentano caratteristiche estremamente conservate nei segmenti transmembrana Variazioni significative si riscontrano a livello del 3 loop citoplasmatico e dell estremità carbossiterminale mutazioni costitutivamente attivanti

2 Strategie di legame dell agonista e di attivazione del recettore Neurotrasmettitori: alcuni o tutti i 7 d.t. partecipano alla formazione di una tasca nello spessore della membrana plasmatica

3 Modello di un complesso adrenalina/ recettore β 2 - adrenergico

4 Strategie di legame dell agonista e di attivazione del recettore Peptidi: l interazione sembra coinvolgere alcune porzioni del recettore esposte alla superficie extracellulare rmoni glicoproteici: l interazione coinvolge l estremità N-terminale, necessaria ad orientare l ormone verso un successivo legame con i territori transmembrana

5 Strategie di legame dell agonista e di attivazione del recettore Glutammato: il neurotrasmettitore, interagendo con la porzione N-terminale, la forza a piegarsi ed interagire con il resto del recettore

6 Strategie di legame dell agonista e di attivazione del recettore Trombina: l attività proteasica riconosce e taglia una porzione del segmento N-terminale, generando una nuova estremità che funge da ligando ed interagisce con i segmenti transmembrana

7 Mutazioni recettoriali sono alla base di specifiche patologie Mutazioni a carico del terzo segmento citoplasmatico rendono il recettore costitutivamente attivato Recettore del TS Recettore del L incapace di attivazione Recettore della vasopressina (AD, ormone antidiuretico)

8 GPCR = G-protein coupled receptors I recettori a 7 domini transmembrana sono definiti GPCR perchè sono sempre accoppiati ad un eterotrimero denominato proteina G α β γ

9 Struttura di una proteina G eterotrimerica

10 outside Il complesso delle subunità β & γ, G β,γ, inibisce la attività GTPasica di G α. GPCR plasmatica membrana α γ γ + α citosol AC GDP β β GTP ATP camp + PP i 1. Inizialmente G α ha legato il GDP, e le subunità α, β, & γ formano un complesso.

11 segnale outside GPCR plasmatica membrana α γ γ + α citosol β β AC GTP GTP GDP ATP camp + PP i 2. La attivazione di un GPCR causa una modificazione conformazionale nel recettore che viene trasmessa alla proteina G. Il sito di legame per i nucleotidi presente su G α diviene più accessibile al citosol, dove [GTP] > [GDP]. G α rilascia GDP & lega GTP (scambio GDP-GTP).

12 segnale outside GPCR plasmatica membrana α γ γ + α citosol AC GDP β β GTP GTP GDP ATP camp + PP i 3. La sostituzione del GTP per il GDP causa un altro cambiamento conformazionale in G α. G α -GTP si dissocia dalle subunità inibitorie βγ e può legare ed attivare la struttura effettrice, in questo caso l enzima Adenilato Ciclasi.

13 outside GPCR plasmatica membrana α γ γ + α citosol AC GDP β β GTP GDP+P i 4. La Adenilato Ciclasi attivata da G α -GTP, catalizza la sintesi di camp. 5. G α -GTP idrolizza GTP a GDP e si riassocia alle subunità βγ.

14 Schema riassuntivo di funzionamento di un GPCR

15 Proteine G - si legano a, ed idrolizzano, il GTP Eterotrimeriche Subunità α, β, e γ; α lega il GTP Small e.g. ras, rac, rho...

16 Le Small GTP-binding proteins (o superfamiglia Ras) includono (ma non solamente): Ras Rho Rab Rap ARF Rheb Ran Tutte le GTP-binding proteins presentano conformazioni diverse a seconda che GDP o GTP sia legato al loro sito di legame per i nucleotidi. Generalmente, il legame del GTP induce la attivazione

17 La maggior parte delle GTP-binding proteins dipende da proteine helper: G- proteina- -GTP (attiva) GDP GEF GAP GTP P i G- proteina-gdp (inattiva) GEFs (Guanine nucleotide Exchange Factors), promuovono lo scambio GDP--->GTP. I GPCR attivati fungono da GEF per le proteine G eterotrimeriche.

18 GAPs (GTPase Activating Proteins), promuovono la idrolisi del GTP. Una GAP può promuovere un cambiamento conformazionale che favorisce la catalisi, anche se le proteine G α delle protein G eterotrimeriche possiedono una innata capacità di idrolisi del GTP. Le proteine RGS (regulator of G- protein signalling) regolano negativamente il segnale indotto da recettori GPCR, fungendo da GAP ovvero facilitando ulteriormente la idrolisi di GTP da parte di G α. protein-gtp (active) GDP GEF GAP GTP P i protein-gdp (inactive)

19 Diverse tossine batteriche modificano la attività dei GPCR attraverso la modificazione della G-protein La tossina della pertosse ADP ribosila un frammento di cisteina coinvolto nell interazione con la regione carbossiterminale di recettori accoppiati a αi o αo. Questo blocca l attivazione di tali recettori in quanto non possono più legare la G protein. La tossina colerica ADP ribosila, ovvero modifica covalentemente, la regione di αs coinvolta nell idrolisi di GTP; non essendo in grado di idrolizzare GTP lo lega persistentemente, causando una attivazione persistente di αs.

20 ADPribosilazione P P NAD + (nicotinamide adenina dinucleotide) C 2 N + N N 2 C N N 2 residuo di Arg N proteina (C 2 ) 3 N C N2 C N 2 + N 2 + N P P C N2 C 2 N proteina N N 2 N C N N 2 nicotinamide (C 2 ) 3 N C N 2 + proteina ADP-ribosilata

21 Esistono (almeno) 4 classi di subunità α s: attivano l adenilato ciclasi (e.g. rec. β-adrenergico) i ed o: le prime inibiscono la adenilato ciclasi ed attivano canali ionici al K + ; la seconda inibisce l attività di canali del Ca 2+ (e.g. recettore α 2 -adrenergico) q/11: stimolano la Fosfolipasi C (e.g. recettore muscarinico M 1 ) 12/13: sono coinvolte nell attivazione della famiglia di proteine Rho, controllano il rimodellamento del citoscheletro (migrazione cellulare) e stimolano segnali mitogeni

22 I SISTEMI EFFETTRI Adenilato ciclasi

23 segnale outside GPCR plasmatica membrana α γ γ + α citosol AC GDP β β GTP GTP GDP ATP camp + PP i Le subunità α & γ possiedono delle ancore lipidiche che li fanno interagire con la superficie citosolica della membrana plasmatica e ne facilitano la interazione con proteine ancorate alle membrane come la adenilato ciclasi.

24 camp N 2 La adenilato ciclasi catalizza la reazione: ATP camp + PP i N N N N Il procedere di questa reazione è facilitato dalla scissione di PP i, catalizzata dalla pirofosfatasi: PP i 2 P i 2 5' C 4' P - 3' 2' 1'

25 Le fosfodiesterasi catalizzano: camp + 2 AMP La fosfodiesterasi che idrolizza il camp è attivata per fosforilazione da parte della Protein Chinasi A. Quindi il camp stimola la sua stessa degradazione, portando ad un rapido contenimento del segnale del camp. camp N 2 5' C 4' P - N 2 N 3' N N 2' 1' Le fosfodiesterasi, che catalizzano la degradazione del camp, rappresentano un bersaglio di interesse farmacologico: molecole ad attività inibitoria (es. metilxantine, amrinone) provocano un aumento dei livelli intracellulari di camp

26 Effetti del camp: Regola l attività di un gruppo di protein chinasi camp-dipendenti o PKA, determinando il rilascio della subunità regolatoria dalla subunità catalitica che è quindi in grado di esercitare la sua attività di fosforilazione di residui di serina o treonina Attiva direttamente canali ionici (Na +, Ca 2+ ) camp N 2 5' C 4' P - N 2 N 3' N N 2' 1'

27 La Protein Chinasi A (camp-dependent Protein Kinase) trasferisce P i da ATP al gruppo di una Ser o Thr presenti all interno di una specifica sequenza di 5-amino acidi. La Protein Chinasi A a riposo è un complesso costituito da: 2 subunità catalitiche (C), & 2 subunità regolatorie (R). Ciascun (R) contiene una sequenza pseudosubstrato, uguale alla sequenza tipicamente riconosciuta ma con una Ala che sostituisce la Ser/Thr. Questa sequenza all interno di R, che manca dell fosforilabile, si lega al sito attivo di (C), bloccandone l attività.

28 Protein chinasi camp-dipendente (PKA)

29 Fosforilazione delle proteine e regolazione delle risposte biologiche Il legame di un gruppo fosfato ad un aminoacido nell ambito di una proteina rappresenta un meccanismo molto comune per regolare l attività delle stesse proteine nell ambito della cellula (più di un terzo di tutte le proteine è fosforilabile) Questo meccanismo è favorito dalla presenza ubiquitaria del principale donatore del gruppo fosfato, l ATP. La reazione è prontamente reversibile e di conseguenza finemente regolabile.

30 Le proteine che catalizzano reazioni di fosforilazione sono definite Protein chinasi Le proteine che catalizzano reazioni di defosforilazione sono definite Fosfatasi Protein Chinasi Protein + ATP Protein P P i Fosfatasi 2 + ADP

31 Conseguenze della fosforilazione L introduzione di un gruppo fortemente carico, può dare luogo a significativi cambiamenti conformazionali, in grado di influenzare le caratteristiche della proteina: Alterando la funzionalità di un enzima Modificando la capacità di interagire con altre strutture/proteine cellulari

32 Caratteristiche delle protein chinasi Il fosfato viene legato ad un gruppo idrossilico presente in residui di serina/treonina o tirosina a seconda delle diverse chinasi Alcune chinasi sono in grado di fosforilare sia serina/treonina che tirosina (MAP chinasi) Sono proteine a differente localizzazione intracellulare, che spesso dopo attivazione cambiano localizzazione

33 Caratteristiche delle protein chinasi Possono essere attivate da Secondi Messaggeri (camp, cgmp, Ca 2+, diacilglicerolo) Modificazioni covalenti dell enzima (fosforilazione, defosforilazione) Modificazioni del substrato (e.g. chinasi della glicogeno sintetasi, βark) Alcuni recettori transmembrana possiedono attività chinasica: Serina/treonina chinasi (e.g. recettore per il TGFβ) Tirosin chinasi (e.g. recettore per l insulina, recettore per EGF, recettore per PDGF) RECETTRI AD ATTIVITA ENZIMATICA

34 Caratteristiche delle protein chinasi Possiedono generalmente tre differenti domini: Un dominio catalitico (C) Un dominio regolatorio (R) Un dominio accessorio (A)

35 Caratteristiche delle protein chinasi Tipiche sequenze fanno sì che ciascuna protein chinasi sia in grado di riconoscere un limitato numero di substrati che presentano sequenze aminoacidiche simili, le cosiddette sequenze consenso La fosforilazione di un substrato comune a differenti chinasi rappresenta un punto di convergenza tra differenti vie di trasduzione del segnale

36 Le MAP chinasi (Mitogen-Activated Protein Kinases) Fosforilano, regolandone l attivazione, molteplici substrati (e.g. fattori di trascrizione, chinasi, fosfolipasi) Svolgono un ruolo fondamentale nella regolazione dell espressione genica, del metabolismo, della proliferazione, dell apoptosi, della motilità etc. Si distinguono: ERK (Extracellular-signal Regulated Kinases): ERK1 e ERK2 JNK (c-jun N 2 -terminal Kinases): JNK1, JNK2, JNK3 p38: α, β, γ, δ

37 Schema di attivazione delle MAP chinasi

38 Schema di attivazione delle ERK Small G-protein MAPKKK MAPKK MAPK

39 Controllo farmacologico delle chinasi Attivatori delle chinasi Esteri del forbolo: analoghi del DAG, attivatore fisiologico della protein chinasi C (Ca 2+ -fosfolipididipendente) Inibitori delle chinasi Peptidici (idrosolubili): mimano le sequenze regolatorie delle chinasi (pseudosubstrati) Non peptidici: sono attualmente in fase di sviluppo SCI-469: inibitore di p38, in corso studi di fase III per attività analgesica, e per attività Antiinfiammatoria nella Artrite Reumatoide e nella Sindrome Mielodisplastica

40 Fosfatasi Lo stato di fosforilazione di una proteina è regolato dall equilibrio tra attività delle protein chinasi e attività delle protein fosfatasi Nell uomo potrebbero esservi circa un migliaio di differenti fosfatasi, ma solo poche sono state identificate finora

41 Attività delle fosfatasi Le fosfatasi possiedono una significativa attività basale Anche la loro attività, come le chinasi, è strettamente regolata dalla cellula L attività fosfatasica rappresenta il bersaglio di numerose tossine microbiche o virali

42 Caratteristiche delle fosfatasi Fosfatasi a serina-treonina Possono essere formate da più catene polipeptidiche, ad attività catalitica, regolatoria ed in grado di indirizzare la proteina verso specifiche strutture subcellulari Tirosin fosfatasi Possono avere struttura simile ad un recettore di membrana, di cui non sono però noti i ligandi Sembrano avere una specificità inferiore alle chinasi e sono quindi in grado di defosforilare un elevato numero di substrati

43 Regolazione della attività delle fosfatasi Le fosfatasi sono principalmente regolate dalla interazione con diverse proteine specifiche (inibitore 1, inibitore 2, DARPP-32) La capacità di queste proteine di interagire con la fosfatasi è spesso regolata dalla loro fosforilazione

44 Interazioni tra protein chinasi A e proteinfosfatasi 1

45 Meccanismo d azione della ciclosporina CsA: ciclosporina CpN: ciclofillina CaN: calcineurina FK506: tacrolimus NF-Atc: componente citosolica del fattore nucleare delle cellule T attivate NF-Atn: componente nucleare del fattore nucleare delle cellule T attivate

46 Sistemi di trasduzione del segnale: la cascata dei fosfatidil inositoli 2 C C R 2 R 1 C C 2 C P Fosfatidil- s h inositolo

47 2 C C R 2 R 1 C C 2 C P PIP 2 phosphatidylinositol- 4,5-bisphosphate P P 3 2 Diverse chinasi catalizzano il trasferimento di P i da ATP ai gruppi in posizione 5 & 4 dell inositolo, a dare fosfatidilinositolo-4,5-difosfato (PIP 2 ). PIP 2 viene idrolizzato dall enzima fosfolipasi C.

48 Differenti isoforme di fosfolipasi C possiedono differenti domini regolatori per cui rispondono a stimoli diversi. Una isoforma di Fosfolipasi C viene attivata da Gα q/11. R 1 2 C C C C 2 C P Idrolisi ad opera di Fosfolipasi C 2 PIP 2 phosphatidi linositolo- 4,5-di f osfato R P P 3 2 Gα q/11 -GTP attiva la Fosfolipasi C.

49 2 P P P 3 IP 3 inositolo -1,4,5-trifosfato 5 R 1 2 C C C C 2 C diacilglicerolo R 2 L idrolisi di PIP 2, dà luogo a due secondi messaggeri: inositolo-1,4,5-trifosfato (IP 3 ) & diacilglicerolo (DAG). P 3 2 IP 3 P3 2 P 3 2 (3 steps) inositolo + 3 P i La defosforilazione sequenziale di IP 3 dà luogo a inositolo, substrato per la sintesi di PI.

50 DAG, in presenza di Ca ++, attiva la Protein Chinasi C, che catalizza la fosforilazione di una vasta gamma di proteine cellulari alterandone la attività Struttura della Protein Chinasi C SUBUNITA : Regolatoria Catalitica SITI DI LEGAME: Esteri del forbolo Zn ++ Fosfatidilserina Ca ++ ATP Substrato REGINI: Pseudosubstrato Cerniera

51 Ca ++ calmodulina IP 3 Ca ++ - canali per il Ca ++ ATP Ca ++ Ca ++ Ca ++ -ATPase ADP + P i reticolo endoplasmatico IP 3 attiva il rilascio di Ca ++ attraverso canali presenti sulla membrana del reticolo endoplasmatico. Ca ++ immagazzinato nel ER viene rilasciato nel citosol, dove lega la calmodulina e contribuisce ad attivare la Protein Chinasi C.

52 Il Calcio-ione all interno della cellula Lo ione calcio (Ca 2+ ) ha un ruolo estremamente importante nella regolazione delle funzioni cellulari L omeostasi del calcio-ione all interno della cellula (e dei suoi compartimenti subcellulari) rappresenta quindi un aspetto estremamente importante nel controllo della attività cellulare I movimenti del calcio-ione attraverso le membrane cellulari sono regolati da canali specifici, pompe e trasportatori

53 Canali per il Ca 2+ : canali attivati dal voltaggio (VCC)

54 Canali per il Ca 2+ : recettori-canale (RCC)

55 Canali per il Ca 2+ : canali attivati da secondi messaggeri (SMCC e SDCC)

56 Mantenimento dell omeostasi del Ca 2+ i : i sistemi di estrusione La pompa per il calcio Ca 2+ -ATPasi

57 Mantenimento dell omeostasi del Ca 2+ i : i sistemi di estrusione Lo scambiatore Ca 2+ /Na +

58 Lo scambiatore Ca 2+ /Na + e il meccanismo d azione dei glucosidi cardioattivi dopo attivazione

59 Mantenimento dell omeostasi del Ca 2+ i : i sistemi di deposito intracellulare Zone specializzate del reticolo endoplasmatico caratterizzate da: 1. Alta concentrazione di pompe per il Ca Alta concentrazione di proteine leganti il Ca Presenza di canali ionici intracellulari 1 : le pompe per il Ca 2+ del reticolo (SERCA) sono differenti da quelle di membrana Non sono regolate dalla calmodulina Scambiano 2 ioni Ca 2+ per ogni ATP idrolizzato Sono sensibili a sostanze quali la tapsigargina e l acido ciclopiazonico

60 Mantenimento dell omeostasi del Ca 2+ i : i sistemi di deposito intracellulare 2 : le proteine leganti il calcio presenti negli organelli del reticolo legano grosse quantità di Ca 2+ con bassa affinità, lasciando che le concentrazioni di Ca 2+ libero all interno di tali organelli sia comunque molto elevata 0,1-1 mm 3 : i canali per il calcio si distinguono in due tipo: Canali sensibili alla rianodina (se ne conoscono almeno 3 tipi diversi: livello muscolare, cardiaco ed a diffusione più ampia) Canali sensibili all IP 3 (probabilmente anche di tre tipi diversi)

61 Canali sensibili all IP 3 : modulazione allosterica da Ca 2+

62 Proteine leganti il Ca 2+ Nel citoplasma sono presenti proteine ( 300?) in grado di legare il calcio-ione con alta affinità e di tamponare quindi le variazioni di concentrazione derivanti dall ingresso o dal rilascio di Ca 2+ Sono caratterizzate dalla presenza di sequenze definite EF hand che legano selettivamente il calcio ione Per variare la concentrazione di Ca i è quindi necessario che entri molto più Ca 2+ (100 volte?) di quello teoricamente necessario.

63 Proteine leganti il Ca 2+ Calmodulina: lega 4 ioni Ca 2+ ed è poi in grado di legarsi a numerosi enzimi (chinasi, fosfatasi...), fungendo da subunità regolatoria Ca 2+ - dipendente Annessine: legano calcio-ione insieme a fosfolipidi quali la fosfatidilserina

64 Attivazione della protein chinasi Ca 2+ /calmodulina-dipendente

65 Canali per il Ca ++ voltaggio-dipendenti L-Type T-Type N-Type P-Type Q-Type R-Type Richiedono forte depolarizzazione (alto livello di soglia), ma vengono inattivati lentamente. Rappresentano i principali canali nelle cellule muscolari ed endocrine che vanno incontro a contrazione o secrezione. Sono attivati da deboli depolarizzazioni, sono rapidi e transitori e resistenti ai diversi bloccanti dei canali L-type, N- e P/Q-type. Sono coinvolti nel controllo della attivazione ripetuta in diversi tipi cellulari. Questi canali richiedono anche forte depolarizzazione ma sono resistenti ai bloccanti dei canali L-type. Sono bloccati da specifiche tossine polipetidiche isolate da veleni di ragno. Si trovano in neuroni dove contribuiscono ad iniziare la neurotrasmissione. L=long lasting; T=transiently activated; N=neither L nor T currents, neuronal; P=Purkinje fibers; Q=?; R=remaining, toxin resistant.

66 Modulazione farmacologica dei canali del Ca ++ voltaggio-dipendenti DILTIAZEM, VERAPAMILE, AMLDIPINA Prevengono l influsso di Ca ++ nei miociti e nelle cellule muscolari di arterie e arteriole bloccando i canali voltaggio-dipendenti di tipo L Diltiazem e verapamile diminuiscono anche la frequenza cardiaca Nifedipina o amlodipina possono produrre una tachicardia riflessa

67 30 Rimozione del Ca ++ ed effetto del Verapamile sulla contrazione miocardica Tension e (g) [Ca ++ ]= 2.4 mm [Ca ++ ]= 0 mm [Ca ++ ]= 2.4 mm 30 Tensione (g) [Ca ++ ]= 2.4 mm Verapamile 1 µm Isoproterenolo 1 µm

68 Meccanismo d azione L aumento di Ca ++ nel citoplasma delle cellule muscolari lisce vascolari è responsabile della contrazione delle stesse Lo ione Ca ++, attiva la myosin light-chain kinase (MLCK), causando fosforilazione dei filamenti di miosina seguita da interazione di questi filamenti con i filamenti di actina e conseguente contrazione cellulare.

69 I Calcio-antagonisti riducono il tono vascolare Riducono le resistenze vascolari diminuiscono la pressione sanguigna Riducono il carico e quindi il lavoro cardiaco Alcuni Calcio-antagonisti riducono la contrattilità del miocardio Riducono la richiesta di ossigeno del miocardio Alcuni Calcio-antagonisti riducono la frequenza cardiaca Riducono la richiesta di ossigeno del miocardio

70 Ruolo del Calcio-ione nella patologia cellulare L organismo destina un significativo sforzo energetico al mantenimento dell omeostasi del Calcio-ione Aumenti incontrollati della concentrazione di Ca 2+ intracellulare portano a degenerazioni cellulari che possono risultare nella morte cellulare, di particolare rilevanza nel caso del cervello e del cuore

71 Meccanismi di danno ischemico cerebrale

72 Canali al calcio Altri sistemi effettori Canali al potassio Presente sulle cellule pace-maker del cuore, operato da una G i attivata dal recettore muscarinico M 2 : responsabile dell effetto bradicardizzante Attivazione della cascata delle MAP chinasi

73 Ruolo delle subunità βγ Inibiscono la dissociazione del GDP da α Contribuiscono all interazione ad alta affinità tra recettore attivato e eterotrimero Controllano la fosforilazione del recettore coinvolta nei fenomeni di desensibilizzazione In alcuni sistemi il complesso βγ è in grado di interagire direttamente con effettori specifici (attivano canali al K +, inibiscono canali al Ca 2+, stimolano alcune forme di fosfolipasi C, attivano la cascata di MAP-chinasi)

74 Il ciclo della proteina G permette una significativa amplificazione del segnale Un unico recettore può attivare più proteine G L attivazione dell effettore da parte del complesso α-gtp dura alcuni secondi (nel caso di interazione con la adenilato ciclasi quest ultima in tale frazione di tempo genera numerose molecole di ATP) Adrenalina Amplificazione Adenilato ciclasi Amplificazione Chinasi Amplificazione Enzima attivato Amplificazione Prodotto

75 Modulazione delle risposte recettoriali Desensibilizzazione dei recettori accoppiati a proteine G Perdita di affinità per l agonista Riduzione nella capacità di attivare la proteina G Riduzione del numero di recettori (downregulation) TUTTI QUESTI MECCANISMI DI DESENSIBILIZZAZINE SN DIPENDENTI DALLA FSFRILAZINE DEL RECETTRE

76 Desensibilizzazione dei recettori accoppiati a proteine G βark = beta Adrenergic receptor kinase E una proteina ad attività protein-chinasica Appartiene ad una famiglia di chinasi dei recettori accoppiati a proteine G (GRK) Fosforila esclusivamente il recettore occupato dall agonista causandone diminuita affinità per l agonista, incapacità di interagire con la proteina G

77 Desensibilizzazione dei recettori accoppiati a proteine G adrenalina recettore desensibilizzato LʼAUMENT DI camp ATTIVA LA PKA CE FSFRILA IL RECETTRE IN UN SIT PKA attiva recettore desensibilizzato LA β-ark FSFRILA IN PIUʼ SITI IL RECETTRE LA β- ARRESTINA LEGA IL RECETTRE PLI- FSFRILAT β-ark attiva β-arrestina

78 Desensibilizzazione dei recettori accoppiati a proteine G β-ar=β-arrestina

79 Recettori ad attività tirosin-chinasica Recettori tirosin-chinasi con intrinseca attività chinasica

80 Schema di funzionamento dei recettori ad attività tirosin-chinasica diretta

81 Trasduttori del segnale che si associano ai recettori tirosin-chinasici attivati attraverso il dominio S2 (o PTB) A tt e n zi A da t t a t o i v it à m at i c a Trascrizione DNA S is t e m i t r a s d u zi r i d i o n e

82 Modello di recettore ad attività tirosin chinasica/sistema adattatore/trasduzione del segnale via attivazione della small G-protein Ras

83 Ciclo della small G-protein Ras

84 Modello di recettore ad attività tirosin chinasica/trasduzione del segnale via attivazione della fosfolipasi C-γ

85 Recettori ad attività tirosin-chinasica Recettori senza attività chinasica intrinseca Gruppo eterogeneo definito come la superfamiglia dei recettori per le citochine Interagiscono con tirosin chinasi nonrecettoriali quali le JAK (janis kinase)

86 La via di JAK STAT: un modello di trascrizione del segnale per le citochine Il recettore per le citochine consiste di almeno due catene, i cui domini citoplasmatici legano le chinasi Janus (JAK) Il legame con la citochina dimerizza il recettore, con il risultato che le JAKs si attivano e fosforilano il recettore I fattori di trascrizione STAT legano i recettori fosforilati, e vengono fosforilati dalle JAKs Gli STATs fosforilati formano dei dimeri che entrano nel nucleo dove viene promossa la trascrizione di geni specifici Membrana plasmatica Nucleo

87 Convergenza di segnali sulla cascata delle MAP chinasi

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale Comunicazione fra le cellule Le cellule comunicano e interagiscono tra loro tramite il fenomeno della segnalazione cellulare Una cellula segnalatrice produce

Dettagli

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula Mediatore chimico Recettore Trasduzione del segnale Risposta della cellula I mediatori chimici sono prodotti da cellule specializzate e sono diffusi nell organismo da apparati di distribuzione Sistemi

Dettagli

I RECETTORI ACCOPPIATI A PROTEINE G

I RECETTORI ACCOPPIATI A PROTEINE G I RECETTORI ACCOPPIATI A PROTEINE G I recettori accoppiati a proteine G sono costituiti da un unica subunità formata da un filamento di aminoacidi che attraversa 7 volte la membrana plasmatica Il sito

Dettagli

TRASDUZIONE DEL SEGNALE

TRASDUZIONE DEL SEGNALE TRASDUZIONE DEL SEGNALE TRASDUZIONE DEL SEGNALE Specificità (specificità riconoscimento) Amplificazione e diversificazione della risposta (cascata enzimatica) Integrazione tra segnali Spegnimento del segnale

Dettagli

TRASDUZIONE DEL SEGNALE LE PRINCIPALI MOLECOLE CHE PROVVEDONO ALLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI TRA LE CELLULE SONO FATTORI SOLUBILI QUALI NEUROTRASMETTITORI, ORMONI, FATTORI DI CRESCITA, CITOCHINE. UN CASO

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it Recettori a tirosina chinasi I recettori a tirosina chinasi presentano vari domini Una regione di legame (extracellulare) Una regione transmembrana Una coda intracellulare con numerose tirosine scaricato

Dettagli

04/04/14. Fondamenti di biochimica Terza edizione. Le ghiandole principali del sistema endocrino. Capitolo 13 La segnalazione biochimica

04/04/14. Fondamenti di biochimica Terza edizione. Le ghiandole principali del sistema endocrino. Capitolo 13 La segnalazione biochimica Fondamenti di biochimica Terza edizione Donald Voet Judith G. Voet Charlotte W. Pratt La segnalazione biochimica Copyright 2013 Zanichelli editore S.p.A. Gli ormoni Conce& chiave 13.1 Gli ormoni endocrini

Dettagli

MECCANISMI DI COMUNICAZIONE CELLULARE

MECCANISMI DI COMUNICAZIONE CELLULARE MECCANISMI DI COMUNICAZIONE CELLULARE La COMUNICAZIONE CELLULARE è cruciale negli organismi multicellulari - serve a coordinare/organizzare le attività lo sviluppo dei vari organi/tessuti -Lo scambio di

Dettagli

Circa l 80% di tutti gli ormoni e neurotrasmettitori e neuromodulatori inducono le loro risposte combinandosi con recettori che sono accoppiati agli

Circa l 80% di tutti gli ormoni e neurotrasmettitori e neuromodulatori inducono le loro risposte combinandosi con recettori che sono accoppiati agli Circa l 80% di tutti gli ormoni e neurotrasmettitori e neuromodulatori inducono le loro risposte combinandosi con recettori che sono accoppiati agli effettori con proteine G da Gether, Endocr.Rev. 21,90,200o

Dettagli

La trasduzione del segnale intracellulare

La trasduzione del segnale intracellulare La trasduzione del segnale intracellulare Chemical signaling mechanisms Amplification in signal transduction pathways Un aspetto importante è il controllo temporale del comportamento cellulare: il trasferimento

Dettagli

Comunicazione intercellulare. Negli organismi pluricellulari le cellule comunicano tramite un ampia varietà di segnali extracellulari

Comunicazione intercellulare. Negli organismi pluricellulari le cellule comunicano tramite un ampia varietà di segnali extracellulari Comunicazione intercellulare Negli organismi pluricellulari le cellule comunicano tramite un ampia varietà di segnali extracellulari PRINCIPI GENERALI DELLA COMUNICAZIONE TRA CELLULE TRAMITE MOLECOLE SEGNALE

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz FARMACODINAMICA La farmacodinamica può essere definita come lo studio degli effetti biochimici e fisiologici dei farmaci e dei loro meccanismi d azione. Gli obiettivi dell analisi

Dettagli

Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili.

Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili. Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili. La sensibilita delle vie di trasduzione dipende da 3 fattori: -l affinita

Dettagli

Recettori di superficie

Recettori di superficie Recettori di superficie Esistono 3 classi principali di recettori di superficie 1. Recettori annessi a canali ionici 2. Recettori accoppiati alle proteine G 3. Recettori associati ad enzimi Recettori

Dettagli

Comunicazione chimica

Comunicazione chimica Comunicazione chimica La comunicazione tra le cellule Modalità di comunicazione cellulare: Mediante messaggi elettrici Mediante messaggi chimici In ambedue le modalità il messaggio, sia esso una variazione

Dettagli

BIOSEGNALAZIONE. La ricezione e la trasmissione delle informazioni extracellulari Parte II

BIOSEGNALAZIONE. La ricezione e la trasmissione delle informazioni extracellulari Parte II BIOSEGNALAZIONE La ricezione e la trasmissione delle informazioni extracellulari Parte II Tipi generali di trasduttori di segnali RECETTORI CON ATTIVITA TIROSIN CHINASICA (RTK) INS: insulin VEGF: vascular

Dettagli

Corso di recupero Fisiologia cellulare/ Laboratorio di colture cellulari

Corso di recupero Fisiologia cellulare/ Laboratorio di colture cellulari Corso di laurea magistrale in BIOTECNOLOGIE DELLA RIPRODUZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO Corso di recupero Fisiologia cellulare/ Laboratorio di colture cellulari Prof.ssa Luisa Gioia COMUNICAZIONE

Dettagli

Il glicogeno (riserva di glucosio) è immagazzinato nel fegato e nei muscoli (con finalità diverse )

Il glicogeno (riserva di glucosio) è immagazzinato nel fegato e nei muscoli (con finalità diverse ) Glicogeno Glicogeno...1 Glicogenolisi...3 Glicogenosintesi...7 Regolazione ormonale della glicogenolisi e delle glicogenosintesi...13 Il recettore del glucagone e quello dell adrenalina sono 2 GPCR (G-Protein

Dettagli

Biochimica Strutturale con Elementi di Enzimologia corso integrato di Struttura e Funzione delle Macromolecole Biologiche

Biochimica Strutturale con Elementi di Enzimologia corso integrato di Struttura e Funzione delle Macromolecole Biologiche Biochimica Strutturale con Elementi di Enzimologia corso integrato di Struttura e Funzione delle Macromolecole Biologiche Codice Disciplina : BT019 Settore : BIO/10 N CFU: 6 Codice Corso integrato : BT067

Dettagli

Farmacodinamica. Mariapia Vairetti. Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare

Farmacodinamica. Mariapia Vairetti. Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare Farmacodinamica Mariapia Vairetti Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare Perchè una sostanza ha una determinata azione o tossicità? Farmacodinamica

Dettagli

Receptors, transmitters, signaling: ovvero come comunicano le cellule tra di loro

Receptors, transmitters, signaling: ovvero come comunicano le cellule tra di loro Receptors, transmitters, signaling: ovvero come comunicano le cellule tra di loro 1 Una proteina di legame non è sempre un recettore Specificità un recettore deve essere in grado di distinguere tra segnali

Dettagli

Biologia Molecolare della Cellula 08 7: Regolazione ormonale del metabolismo del glicogeno e della glicolisi Desensitizzazione

Biologia Molecolare della Cellula 08 7: Regolazione ormonale del metabolismo del glicogeno e della glicolisi Desensitizzazione Biologia Molecolare della Cellula 08 7: Regolazione ormonale del metabolismo del glicogeno e della glicolisi Desensitizzazione camp Proteina-CHINASI camp DIPENDENTE (PKA) Proteine target : ε metabolici

Dettagli

La comunicazione intercellulare: gli ormoni ed i recettori. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company

La comunicazione intercellulare: gli ormoni ed i recettori. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company La comunicazione intercellulare: gli ormoni ed i recettori La trasduzione del segnale: processo che converte i segnali extracellulari in risposte cellulari. La comunicazione mediante segnali extracellulari

Dettagli

Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido

Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido extracellulare e dalla loro regolazione. Membrana cellulare Ogni cellula presenta

Dettagli

Regolazione del metabolismo del glucosio

Regolazione del metabolismo del glucosio Regolazione del metabolismo del glucosio Regolazione coordinata di glicolisi e gluconeogenesi Glicolisi e gluconeogenesi sono regolate in modo reciproco La regolazione è a livello dei punti di deviazione

Dettagli

CONTROLLO ORMONALE DEL METABOLISMO GLUCIDICO DA PARTE DI GLUCAGONE, ADRENALINA E INSULINA

CONTROLLO ORMONALE DEL METABOLISMO GLUCIDICO DA PARTE DI GLUCAGONE, ADRENALINA E INSULINA CONTROLLO ORMONALE DEL METABOLISMO GLUCIDICO DA PARTE DI GLUCAGONE, ADRENALINA E INSULINA QUESTI ORMONI REGOLANO IL FLUSSO DEI METABOLITI NELLA GLICOLISI, NELLA GLICOGENO-SINTESI, NELLA GLIGENO-LISI E

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

Tipi di neurotrasmettitori

Tipi di neurotrasmettitori Tipi di neurotrasmettitori Neurotrasmettitori classici: molecole a basso peso molecolare, di varia natura: acetilcolina amine biogene (dopamina, adrenalina, noradrenalina) istamina aminoacidi (GABA, glicina,

Dettagli

La trasduzione del segnale

La trasduzione del segnale Latrasduzionedelsegnale AlesandraPontillo,LaboratorioImmunologiaPediatrica,IRCCSBurloGarofolo pontillo@burlo.trieste.it Lez.1:4/12/2006www.pediatria.univ.trieste.it/didattica/biol/ppt/genfunz_06_09.ppt

Dettagli

Catena B del fattore di crescita PDGF

Catena B del fattore di crescita PDGF FATTORI DI CRESCITA sis Proteina p28 Catena B del fattore di crescita PDGF (platelet derived growth factor) Agisce con meccanismo autocrino Si trova sul cromosoma 22, coinvolto nella traslocazione 9,22

Dettagli

DEGRADAZIONE di polisaccaridi (glicogeno epatico, amido o glicogeno dalla dieta) Glucosio. GLUCONEOGENESI (sintesi da precursori non glucidici)

DEGRADAZIONE di polisaccaridi (glicogeno epatico, amido o glicogeno dalla dieta) Glucosio. GLUCONEOGENESI (sintesi da precursori non glucidici) DEGRADAZIONE di polisaccaridi (glicogeno epatico, amido o glicogeno dalla dieta) Glucosio GLUCONEOGENESI (sintesi da precursori non glucidici) Metabolismo del glucosio La gluconeogenesi epatica è regolata

Dettagli

TRASDUZIONE DEL SEGNALE CELLULARE

TRASDUZIONE DEL SEGNALE CELLULARE TRASDUZIONE DEL SEGNALE CELLULARE RECETTORI I recettori ormonali sono proteine (spesso glicoproteine) capaci di riconoscere e legare l ormone L interazione tra ormone e recettore è estremamente specifica

Dettagli

Corso di Farmacologia FARMACODINAMICA

Corso di Farmacologia FARMACODINAMICA Corso di Farmacologia FARMACODINAMICA 1 Le interazioni tra un farmaco e i sistemi viventi Recettore Indica la molecola la cui funzionalità è modificata dall interazione con un farmaco. Il concetto di recettore

Dettagli

Integrali (transmembrana), si estendono attraverso l intera membrana. Classificate in famiglie a seconda del numero di segmenti transmembrana.

Integrali (transmembrana), si estendono attraverso l intera membrana. Classificate in famiglie a seconda del numero di segmenti transmembrana. Membrana cellulare Proteine inserite nella membrana cellulare: Integrali (transmembrana), si estendono attraverso l intera membrana. Classificate in famiglie a seconda del numero di segmenti transmembrana.

Dettagli

Messaggeri proteici e Recettori di membrana: Meccanismi di trasduzione del segnale

Messaggeri proteici e Recettori di membrana: Meccanismi di trasduzione del segnale Messaggeri proteici e Recettori di membrana: Meccanismi di trasduzione del segnale Figure e tabelle: Becker et al. ; Il mondo della cellula EdiSES Wolfe, Biologia molecolare e cellulare - EdiSES Le cellule

Dettagli

Il muscolo liscio vascolare

Il muscolo liscio vascolare Il muscolo liscio vascolare La cellula muscolare liscia Giorgio Gabella, professor of histology University College, London La cellula muscolare liscia Eccitabilita : potenziale d azione o potenziali graduati

Dettagli

Proteine integrali di membrana legate sul versante esterno a gruppi di carboidrati. Formati da diverse subunità che circoscrivono un poro acquoso che

Proteine integrali di membrana legate sul versante esterno a gruppi di carboidrati. Formati da diverse subunità che circoscrivono un poro acquoso che Canali ionici Proteine integrali di membrana legate sul versante esterno a gruppi di carboidrati. Formati da diverse subunità che circoscrivono un poro acquoso che permette il passaggio selettivo di ioni.

Dettagli

METABOLISMO DEL GLICOGENO

METABOLISMO DEL GLICOGENO METABOLISMO DEL GLICOGENO 1 2 DESTINI DEL GLUCOSIO 6-FOSFATO 3 RAPPRESENTAZIONE SCHEMATICA DEL METABOLISMO DEL GLUCOSIO 4 Glucosio-6-fosfatasi Omeostasi del glicogeno Nell'organismo animale, il glicogeno

Dettagli

Io Non sono un recettore!

Io Non sono un recettore! I recettori portano il messaggio extracellulare direttamente nel citoplasma (recettori di membrana) o nel nucleo (recettori nucleari) Io Non sono un recettore! È essenziale per la loro sopravvivenza che

Dettagli

Farmaci del sistema nervoso autonomo

Farmaci del sistema nervoso autonomo Farmaci del sistema nervoso autonomo Farmaci colinergici Esercitano i loro effetti farmacologici sul sistema nervoso parasimpatico che utilizza Acetilcolina come mediatore chimico L acetilcolina (Ach)

Dettagli

Trasduzione del Segnale da Recettori di Superfice

Trasduzione del Segnale da Recettori di Superfice Trasduzione del Segnale da Recettori di Superfice MEMBRANA 1. Legame recettore-ligando 2. oligomerizzazione 3. Attivazione TYR-K -Dominio citosolico dei RTK -Reclutamento TYR-K (src, jak, fak, abl) 4.

Dettagli

Canali del Calcio L-Type

Canali del Calcio L-Type Canali del Calcio L-Type Complessi etero-oligomerici in cui la subunità α 1 forma il poro ionico e lega agonisti e antagonisti 9 subunità α 1 (S,A,B,C,D,E,G,H,I) Subunità α 1 C e D formano il canale L;

Dettagli

Una risposta cellulare specifica può essere determinata dalla presenza di mediatori chimici (ormoni o altre molecole), dall interazione con altre

Una risposta cellulare specifica può essere determinata dalla presenza di mediatori chimici (ormoni o altre molecole), dall interazione con altre Una risposta cellulare specifica può essere determinata dalla presenza di mediatori chimici (ormoni o altre molecole), dall interazione con altre cellule (contatto cellula-cellula) o con strutture extracellulari

Dettagli

Fattori di crescita FATTORI DI CRESCITA. Recettori

Fattori di crescita FATTORI DI CRESCITA. Recettori FATTORI DI CRESCITA FATTORI DI CRESCITA Fattori di crescita FATTORI DI CRESCITA Recettori FATTORI DI CRESCITA Proliferazione Differenziamento FATTORI DI CRESCITA? Come fa una interazione tra due molecole

Dettagli

in Terminazione Neurone Dendriti Soma Fessura sinaptica sinaptica Nucleo dendrite Segmento iniziale Sinapsi inibitoria Segmento mielinico Assone

in Terminazione Neurone Dendriti Soma Fessura sinaptica sinaptica Nucleo dendrite Segmento iniziale Sinapsi inibitoria Segmento mielinico Assone Le funzioni del sistema nervoso si basano sull attività dei neuroni che consiste nel generare, trasmettere ed elaborare informazioni nervose, che dipendono da modificazioni del potenziale di membrana,

Dettagli

MODULAZIONE DELLE RISPOSTE RECETTORIALI

MODULAZIONE DELLE RISPOSTE RECETTORIALI MODULAZIONE DELLE RISPOSTE RECETTORIALI IL SISTEMA LIGANDO-RECETTORE È UN EQUILIBRIO DINAMICO LE CUI CONDIZIONI SONO CONTINUAMENTE REGOLATE DALLE STESSE INTERAZIONI LIGANDO- RECETTORIALI. LA MODULAZIONE

Dettagli

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula Mediatore chimico Recettore Trasduzione del segnale Risposta della cellula I mediatori chimici sono prodotti da cellule specializzate e sono diffusi nell organismo da apparati di distribuzione Sistemi

Dettagli

Ruolo biologico degli elementi del I e II gruppo

Ruolo biologico degli elementi del I e II gruppo Ruolo biologico degli elementi del I e II gruppo 1. Introduzione 2. Trasporto:pompa sodio/potassio 3. Ruolo del potassio: telomeri eacidi nucleici 4. Ruolo biologico del potassio 5. Ruolo del calcio negli

Dettagli

Comunicazione cellulare 1) Se le cellule sono in contatto diretto tra loro, esse possono comunicare attraverso l interazione tra una molecola di

Comunicazione cellulare 1) Se le cellule sono in contatto diretto tra loro, esse possono comunicare attraverso l interazione tra una molecola di Comunicazione cellulare 1) Se le cellule sono in contatto diretto tra loro, esse possono comunicare attraverso l interazione tra una molecola di superficie di una cellula e recettori presenti sulla superficie

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Lezione 26 La gluconeogenesi Concetti chiave: Il fegato e il rene possono sintetizzare glucosio da lattato, piruvato e amminoacidi.

Dettagli

Apoptosi. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company

Apoptosi. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company Apoptosi La morte cellulare e la sua regolazione La morte cellulare programmata è un processo fondamentale che controlla lo sviluppo degli organismi pluricellulari; L apoptosi porta all eliminazione di

Dettagli

G PROTEIN-COUPLED RECEPTORS

G PROTEIN-COUPLED RECEPTORS G PROTEIN-COUPLED RECEPTORS G PROTEIN - COUPLED RECEPTORS (GPCRS) GPCRs costituiscono la più grande famiglia genica del nostro genoma (~950 geni). Sono target della maggioranza dei farmaci, tra quelli

Dettagli

Comunicazione cellulare

Comunicazione cellulare Comunicazione cellulare Per segnali cellulari (cell signaling) si può intendere sia una catena di segnali tutti all interno di una cellula sia la catena di eventi che consente ad un segnale extracellulare

Dettagli

GLUCONEOGENESI. Sintesi (GENESI) di nuove (NEO) molecole di glucosio

GLUCONEOGENESI. Sintesi (GENESI) di nuove (NEO) molecole di glucosio GLUCONEOGENESI Sintesi (GENESI) di nuove (NEO) molecole di glucosio CATABOLISMO ANABOLISMO OSSIDAZIONI Produzione di ATP RIDUZIONI Consumo di ATP La GLUCONEOGENESI è un PROCESSO ANABOLICO La gluconeogenesi

Dettagli

Maurizio Pianezza. La mia terapia anticancro. Maurizio Pianezza. Aspetti di

Maurizio Pianezza. La mia terapia anticancro. Maurizio Pianezza. Aspetti di Maurizio ianezza Aspetti di Biologia Molecolare Maurizio ianezza 1 - DUE ISOFROME IGF1 IGF2 IGF - INSULIN GROWTH FACTOR FATTORE INSULINICO - ISOFORMA RINCIALE IGF1 - ROTEINA FORMATA DA 70 AMINOACIDI SIMILE

Dettagli

Le cellule eucariotiche svolgono durante la loro vita una serie ordinata di eventi che costituiscono il Ciclo Cellulare

Le cellule eucariotiche svolgono durante la loro vita una serie ordinata di eventi che costituiscono il Ciclo Cellulare Le cellule eucariotiche svolgono durante la loro vita una serie ordinata di eventi che costituiscono il Ciclo Cellulare Interfase comprende le fasi G 1, S, and G 2 Sintesi di macromolecole durante la

Dettagli

MECCANISMI MOLECOLARI MEMORIA PROCEDURALE/IMPLICITA

MECCANISMI MOLECOLARI MEMORIA PROCEDURALE/IMPLICITA MECCANISMI MOLECOLARI MEMORIA PROCEDURALE/IMPLICITA APLYSIA: VANTAGGI: Sistema nervoso semplice Poche e grosse (1 mm) cellule riconoscibili (20.000) MEMORIA PROCEDURALE Priming Motorie Apprendimento (abilità,abitudini)

Dettagli

Giunzione neuromuscolare

Giunzione neuromuscolare Il calcio provoca un rimaneggiamento di membrana e la sua conseguente fusione. Questo compito è svolto dalle proteine SNARE che si agganciano tra la membrana interna pre-sinaprica e quella della vescicola.

Dettagli

La contrazione deve essere coordinata e simultanea in tutte le cellule che costituiscono gli atri e i ventricoli.

La contrazione deve essere coordinata e simultanea in tutte le cellule che costituiscono gli atri e i ventricoli. 1 La contrazione deve essere coordinata e simultanea in tutte le cellule che costituiscono gli atri e i ventricoli. La contrazione è innescata dal potenziale d azione che nel cuore insorge spontaneamente

Dettagli

Prof. Maria Nicola GADALETA DISPENSA N. 18

Prof. Maria Nicola GADALETA DISPENSA N. 18 Prof. Maria Nicola GADALETA E-mail: m.n.gadaleta@biologia.uniba.it Facoltà di Scienze Biotecnologiche Corso di Laurea in Biotecnologie Sanitarie e Farmaceutiche Biochimica e Tecnologie Biochimiche DISPENSA

Dettagli

Le risposte indotte dai messaggeri primari hanno come risultato quello di adattare l organismo alle condizioni imposte dall ambiente esterno o

Le risposte indotte dai messaggeri primari hanno come risultato quello di adattare l organismo alle condizioni imposte dall ambiente esterno o Negli organismi superiori l integrazione funzionale dei vari organi è resa possibile da informazioni che vengono diramate per via nervosa o per via umorale. Sebbene funzionalmente distinti, questi due

Dettagli

Sinapsi chimiche, la trasmissione dei segnali viene garantita da un mediatore chimico Sinapsi elettriche, risultano estremamente veloci nella

Sinapsi chimiche, la trasmissione dei segnali viene garantita da un mediatore chimico Sinapsi elettriche, risultano estremamente veloci nella Sinapsi -sito di contatto tra due cellule nervose -ruolo nella trasmissione delle informazioni -il contatto neurone-fibra muscolare prende il nome di placca motrice o giunzione neuromuscolare Sinapsi

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FARMACIA, CHIMICA E TECNOLOGIE FARMACEUTICHE CORSO DI BASI BIOCHIMICHE PER L AZIONE DEI FARMACI. Martina Rossetti Pisa, 17/03/2014

DIPARTIMENTO DI FARMACIA, CHIMICA E TECNOLOGIE FARMACEUTICHE CORSO DI BASI BIOCHIMICHE PER L AZIONE DEI FARMACI. Martina Rossetti Pisa, 17/03/2014 DIPARTIMENTO DI FARMACIA, CHIMICA E TECNOLOGIE FARMACEUTICHE CORSO DI BASI BIOCHIMICHE PER L AZIONE DEI FARMACI Martina Rossetti Pisa, 17/03/2014 Spiegazione della fisiopatologia del dolore emicranico,

Dettagli

La pompa Na + /Glucosio: simporto

La pompa Na + /Glucosio: simporto MFN0366-A1 (I. Perroteau) - trasportatori e canali La pompa Na + /Glucosio: simporto Il trasportatore oscilla fra due stati alternativi (A e B); nello stato A la proteina è aperta nello spazio extracellulare,

Dettagli

Il trasporto di membrana e le proprietà elettriche delle membrane. www.fisiokinesiterapia.biz

Il trasporto di membrana e le proprietà elettriche delle membrane. www.fisiokinesiterapia.biz Il trasporto di membrana e le proprietà elettriche delle membrane www.fisiokinesiterapia.biz Membrana cellulare barriera al passaggio della maggior parte delle molecole polari Permette alla cellula di

Dettagli

TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare.

TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare. Membrana citoplasmatica èsedediscambiodi materia, energia e informazione con l ambiente esterno TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare. Scaricato da www.sunhope.it

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici MORTE CELLULARE Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici Omeostasi tissutale (di tessuti dinamici) Sviluppo embrionale Eliminazione di strutture corporee inutili - Fasi di scultura/rimodellamento

Dettagli

Metabolismo: Introduzione

Metabolismo: Introduzione Metabolismo: Introduzione METABOLISMO Insieme delle reazioni chimiche coordinate e integrate che hanno luogo in tutte le cellule C A T A B O L I S M O Ossidazioni esoergoniche Alimenti: Carboidrati Lipidi

Dettagli

PROTEINE E TRASPORTO TRANSMEMBRANALE

PROTEINE E TRASPORTO TRANSMEMBRANALE PROTEINE E TRASPORTO TRANSMEMBRANALE Il glucoso ed il galattoso, gli aminoacidi e gli ioni utilizzano apposite proteine per attraversare la MP. L'H 2 O può attraversare con difficoltà lo strato lipidico

Dettagli

Attori principali nei TCRS. Processi biologici in cui sono coinvolti sistemi a due componenti. Numero di TCRS nel genoma batterico

Attori principali nei TCRS. Processi biologici in cui sono coinvolti sistemi a due componenti. Numero di TCRS nel genoma batterico rocessi biologici in cui sono coinvolti sistemi a due componenti Utilizzazione di elementi necessari alla crescita (azoto); NtrC Virulenza (BvgAS di Bordetella pertussis) Resistenza a metalli pesanti (pco)

Dettagli

- Assenza di mitogeni - Presenza di segnali conflittuali ( se durano troppo va incontro ad apoptosi) - Segnali differenziativi

- Assenza di mitogeni - Presenza di segnali conflittuali ( se durano troppo va incontro ad apoptosi) - Segnali differenziativi Ciclo Cellulare M --> G1--> S --> G2 --> M S, G2 e M hanno durata sempre uguale mentre la fase G1 (in media 10 ore) può subire enormi variazioni da tessuto a tessuto (fino a migliaia di ore per i neuroni).

Dettagli

Muscolo Scheletrico 1. Anatomia funzionale, eccitazione, contrazione

Muscolo Scheletrico 1. Anatomia funzionale, eccitazione, contrazione Muscolo Scheletrico 1. Anatomia funzionale, eccitazione, contrazione Prof. Carlo Capelli Fisiologia Laurea in Scienze delle attività motorie e sportive Università di Verona Obiettivi Anatomia funzionale

Dettagli

Distribuzione e composizione dei liquidi corporei

Distribuzione e composizione dei liquidi corporei Distribuzione e composizione dei liquidi corporei Cavità principali del corpo umano Dee Unglaub Silverthorn, Fisiologia umana 2010 Pearson Italia S.p.A Organizzazione generale dell organismo: un visione

Dettagli

Segnali post-inserzionali

Segnali post-inserzionali Segnali post-inserzionali Ritenzione nel R.E. KDEL C-term RDEL KEEL Individuazione di recettori per KDEL tramite anticorpi di Seconda generazione Recupero di proteine localizzate nel reticolo endoplasmatico

Dettagli

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA ENZIMI PERCHE UNA REAZIONE AVVENGA, SI DEVONO SODDISFARE TRE CONDIZIONI I SUBSTRATI DEVONO ENTRARE IN COLLISIONE LA COLLISIONE DEVE AVVENIRE CON ORIENTAMENTO CORRETTO I REAGENTI DEVONO AVERE ENERGIA SUFFICIENTE

Dettagli

METABOLISMO DEL GLICOGENO

METABOLISMO DEL GLICOGENO METABOLISMO DEL GLICOGENO Struttura del glicogeno DEMOLIZIONE DEL GLICOGENO: GLICOGENOLISI 1) distacco progressivo di unità glucosidiche con formazione di glucosio-1- fosfato: enzima: glicogeno fosforilasi

Dettagli

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione SINTESI DELL RNA Replicazione Trascrizione Traduzione L RNA ha origine da informazioni contenute nel DNA La TRASCRIZIONE permette la conversione di una porzione di DNA in una molecola di RNA con una sequenza

Dettagli

CELLULE EUCARIOTICHE

CELLULE EUCARIOTICHE CELLULE EUCARIOTICHE Le cellule eucariotiche sono di maggiori dimensioni, rispetto a quelle procariotiche (almeno 10 volte più grandi) Oltre a: membrana plasmatica, citoplasma, DNA e ribosomi (comuni a

Dettagli

Energia chimica. muscolo. Energia meccanica

Energia chimica. muscolo. Energia meccanica Energia chimica muscolo Energia meccanica ! " # " Muscolo scheletrico Connettivo Fibre muscolari Vasi sanguigni Nervi Reticolo sarcoplasmatico Miofibrille Sarcolemma Tubuli T Nuclei Sarcoplasma Mitocondri

Dettagli

Le proteine-g: trasduttori di segnale Esiste una famiglia assai numerosa di proteine, le proteine-g (G perché legano GTP oppure GDP), che svolgono

Le proteine-g: trasduttori di segnale Esiste una famiglia assai numerosa di proteine, le proteine-g (G perché legano GTP oppure GDP), che svolgono Le proteine-g: trasduttori di segnale Esiste una famiglia assai numerosa di proteine, le proteine-g (G perché legano GTP oppure GDP), che svolgono una funzione trasduttiva. Tale funzione apparve una novità

Dettagli

LA FARMACOLOGIA GENERALE

LA FARMACOLOGIA GENERALE LA FARMACOLOGIA GENERALE Cenni sulle intossicazioni pag. 55. Farmacocinetica pag. 38. Farmacodinamica pag. 37. I canali ionici pag. 19. Interazioni farmaco-recettore pag 2. I recettori pag. 4. I recettori-canale

Dettagli

Meccanismi d azione degli ormoni II tipo

Meccanismi d azione degli ormoni II tipo Meccanismi d azione degli ormoni II tipo Recettori a 1 tratto transmembrana Recettori a 7 tratti transmembrana Oligosaccaridi: legame N animazione Classi e funzioni di proteine G Le quattro principali

Dettagli

Comunicare. 6. La comunicazione cellulare. Messaggio EFFETTO. Recepito e elaborato

Comunicare. 6. La comunicazione cellulare. Messaggio EFFETTO. Recepito e elaborato 6. La comunicazione cellulare contiene materiale protetto da copyright, ad esclusivo uso personale; non è consentita diffusione ed utilizzo di tipo commerciale Comunicare Messaggio Recepito e elaborato

Dettagli

Note sui messagg eri intracellulari (revisione 2005, distribuzione 2005) 1. Introduzione

Note sui messagg eri intracellulari (revisione 2005, distribuzione 2005) 1. Introduzione Note sui messagg eri intracellulari (revisione 2005, distribuzione 2005) 1. Introduzione Com é noto, nella larga maggioranza dei casi, il passaggio attraverso la membrana plasmatica dell infor mazione

Dettagli

Sostanza liberata da una cellula nervosa presinaptica, in grado di agire in maniera specifica su una cellula postsinaptica. In alcune sinapsi i

Sostanza liberata da una cellula nervosa presinaptica, in grado di agire in maniera specifica su una cellula postsinaptica. In alcune sinapsi i Neurotrasmettitori e recettori sinaptici Neurotrasmettitore Sostanza liberata da una cellula nervosa presinaptica, in grado di agire in maniera specifica su una cellula postsinaptica. In alcune sinapsi

Dettagli

Farmacodinamica II. Mariapia Vairetti. Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare

Farmacodinamica II. Mariapia Vairetti. Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare Farmacodinamica II Mariapia Vairetti Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare Processo di riconoscimento fra farmaco e recettore TIPI DI

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

dieta vengono convertiti in composti dei corpi chetonici.

dieta vengono convertiti in composti dei corpi chetonici. Metabolismo degli aminoacidi Metabolismo degli aminoacidi Gli aminoacidi introdotti in eccesso con la dieta vengono convertiti in composti precursori del glucosio, degli acidi grassi e dei corpi chetonici.

Dettagli

La traduzione: dall mrna alle proteine

La traduzione: dall mrna alle proteine La traduzione: dall mrna alle proteine Le infezioni batteriche sono una grave causa di malattie e morte in Europa e negli USA. Le infezioni batteriche si curano con antibiotici che colpiscono l espressione

Dettagli

Dall RNA alle proteine. La traduzione nei procarioti e negli eucarioti

Dall RNA alle proteine. La traduzione nei procarioti e negli eucarioti Dall RNA alle proteine La traduzione nei procarioti e negli eucarioti Codice genetico La sequenza dell mrna viene decodificata a gruppi di tre nucleotidi, e tradotta in una sequenza di amminoacidi 4 x

Dettagli

Relazione struttura-funzione

Relazione struttura-funzione Biotecnologie applicate alla progettazione e sviluppo di molecole biologicamente attive A.A. 2010-2011 Modulo di Biologia Strutturale Relazione struttura-funzione Marco Nardini Dipartimento di Scienze

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

MODALITA DI TRASPORTO ATTRAVERSO LE MEMBRANE BIOLOGICHE LA MEMBRANA CELLULARE E SELETTIVAMENTE PERMEABILE, CIOE SOLO DETERMINATI TIPI DI MOLECOLE POSSONO AT= TRAVERSARLA LIBERAMENTE (PICCOLE MOLECOLE POLARI;

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

glicogeno Glucosio 6-P Piruvato Acetil CoA Intermedi del ciclo di Krebs

glicogeno Glucosio 6-P Piruvato Acetil CoA Intermedi del ciclo di Krebs PIRUVAT glicogeno Glicogeno sintesi glicogenolisi Glucosio Glucosio 6-P Ribosio 5-P glicolisi Gluconeogenesi Amino acidi Piruvato Acetil CoA lattato Intermedi del ciclo di Krebs Concentrazione di glicogeno

Dettagli

Integrine 07/04/2013 SEGNALAMENTO MEDIATO DA INTEGRINE. 2. Trasduzione segnali & Meccanotrasduzione. Integrine/actina e trasduzione di segnale (2)

Integrine 07/04/2013 SEGNALAMENTO MEDIATO DA INTEGRINE. 2. Trasduzione segnali & Meccanotrasduzione. Integrine/actina e trasduzione di segnale (2) SEGNALAMENTO MEDIATO DA INTEGRINE Integrine 2. Trasduzione segnali & Meccanotrasduzione L interazione delle integrine con la matrice extracellulare nei punti di contatto o di adesioni focali porta all

Dettagli

Normale controllo della crescita cellulare

Normale controllo della crescita cellulare Normale controllo della crescita cellulare STOP STOP Cellula normale STOP Alterato controllo della crescita cellulare X STOP STOP Cellula tumorale STOP X Le cellule tumorali presentano alterazioni cromosomiche

Dettagli

Funzioni della membrana plasmatica

Funzioni della membrana plasmatica TRASPORTO M.P. -Omeostasi cellulare Funzioni della membrana plasmatica Mantenimento della conc. intracell. di ioni e molecole entro valori corretti Scambi interno - esterno Non c è consumo E Consumo E

Dettagli

Il metabolismo del glicogeno e la gluconeogenesi. Copyright 2013 Zanichelli editore S.p.A.

Il metabolismo del glicogeno e la gluconeogenesi. Copyright 2013 Zanichelli editore S.p.A. Il metabolismo del glicogeno e la gluconeogenesi Copyright 2013 Zanichelli editore S.p.A. Capitolo 16 La demolizione del glicogeno Concetti chiave 16.1 Il glicogeno, la forma di immagazzinamento del glucosio,

Dettagli