ASPORTAZIONE DI MATERIALE: PRINCIPALI METODI TRADIZIONALI E INNOVATIVI DI LAVORAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASPORTAZIONE DI MATERIALE: PRINCIPALI METODI TRADIZIONALI E INNOVATIVI DI LAVORAZIONE"

Transcript

1 ASPORTAZIONE DI MATERIALE: PRINCIPALI METODI TRADIZIONALI E INNOVATIVI DI LAVORAZIONE (A CURA DI M. MONNO) Componenti e parti meccaniche realizzate mediante processi tecnologici primari (tecniche fusorie, deformazione plastica a caldo e a freddo, etc.), di cui si è precedentemente discusso nell ambito di questo corso, richiedono generalmente l impiego di processi tecnologici di lavorazione per asportazione di truciolo prima che il prodotto sia pronto per l utilizzo finale (fig. 1). Fig. 1 Nella maggior parte delle applicazioni ingegneristiche infatti, le parti devono risultare intercambiabili per poter funzionare in modo affidabile ed appropriato nel corso della vita utile attesa per il componente. E quindi necessario ottenere tolleranze dimensionali, tolleranze di forma e finiture superficiali spesso non compatibili con quanto i processi tecnologici primari sono in grado di realizzare. E inoltre necessario garantire la ripetibilità nell ottenimento di tali caratteristiche e selezionare, tra le possibili alternative offerte dai processi tecnologici disponibili, soluzioni economicamente sostenibili ed in grado di competere con le alternative proposte dal mercato

2 Fig. 2 Sebbene il termine lavorazione sia genericamente utilizzato per descrivere l asportazione di truciolo, possiamo distinguere differenti processi classificabili come segue: Fig. 3 - processi di taglio, che utilizzano utensili mono-tagliente (ad es. tornitura) o multi-tagliente (es. fresatura) con geometria definita; - processi che utilizzano abrasivi (ad es. rettifica), con utensili (le particelle abrasive) di geometria non definita; - processi non-convenzionali (laser, plasma, waterjet, etc.) che utilizzano differenti meccanismi di rimozione del truciolo e diffrenti forme di energia

3 - 3 - Fig. 4

4 - 4 - Fig. 5

5 In sintesi, possiamo elencare alcune motivazioni che rendono indispensabili i processi di asportazione di materiale nella produzione industriale: - possono essere richieste tolleranze dimensionali migliori di quanto sia ottenibile con i processi di fonderia, formatura o deformazione plastica. Ad esempio, in un albero a gomiti ottenuto per forgiatura, le superfici di contatto con i cuscinetti e i fori non possono essere prodotti direttamente con la tolleranza e la finitura superficiale richieste; - le parti da realizzare possono presentare profili interni ed esterni, così come spigoli vivi e planarità che non possono essere prodotti per formatura e stampaggio; - alcune parti sono trattate termicamente per migliorare la durezza e la resistenza ad usura: dato che le superfici trattate possono presentare distorsioni ed alterazioni, generalmente vengono richieste operazioni di finitura come la rettifica per ottenere le dimensioni finali e la qualità superficiale richiesta; - speciali caratteristiche superficiali sono ottenibili soltanto con processi di asportazione di materiale: per esempio specchi di rame ad alta riflettività sono realizzati con utensili diamantati; - lavorare le parti alle macchine utensili può essere più economico rispetto alla produzione con altri processi, in particolar modo se il numero di pezzi è relativamente basso; A fronte di questi vantaggi, i processi di asportazione di materiale presentano alcune limitazioni: - i processi di rimozione inevitabilmente producono scarti di materiale e generalmente richiedono più energia, capitali e manodopera rispetto alle operazioni di formatura e deformazione plastica. Per questo è consigliabile non ricorrervi se non necessario; - rimuovere un volume di materiale da un pezzo generalmente richiede un tempo superiore rispetto a realizzare la forma e le dimensioni volute tramite altri processi; - se non eseguiti correttamente, i processi di asportazione di materiale possono produrre effetti indesiderati sulla qualità superficiale e le proprietà del prodotto. In generale la scelta degli utensili e dei parametri tecnologici di lavorazione per il processo o, più spesso, per la sequenza di processi di lavorazione meccanica (tradizionali e/o non convenzionali), in grado di trasformare un grezzo o un semi-lavorato in un prodotto finito risente delle caratteristiche reologiche del materiale in lavorazione

6 Talvolta i processi di asportazione di truciolo convenzionali visti in precedenza non sono in grado di operare in modo corretto e affidabile lasciando spazio a tecnologie di lavorazione che utilizzano meccanismi di rimozione del materiale e forme di energia diverse. Lo sviluppo di tali processi innovativi, spinto generalmente da settori industriali di avanguardia (meccanica di precisione, aeronautica, etc.), si rende particolarmente necessario quando la natura del materiale in lavorazione, la geometria del componenete o la produttività richiesta rendono inapplicabili le soluzioni tecnologiche consolidate. L individuazione o lo sviluppo di una tecnologia speciale si rende indispensabile quando: - la durezza e la resistenza alla lavorazione del materiale è molto elevata (tipicamente > 400HB); - il pezzo in lavorazione è troppo flessibile o sottile per sopportare le forze di taglio applicate da un utensile tradizionale, oppure la geometria del pezzo rende difficoltoso o impossibile l'afferraggio in una attrezzatura di bloccaggio; - la forma del particolare da lavorare è problematica (fig. 6a), a causa di profili interni ed esterni complessi o per la presenza di fori di piccolo diametro, come nel caso di un ugello per iniettore di combustibile (fig.6b) da ralizzare in acciaio temprato; - sono richieste finiture e tolleranze migliori di quelle ottenibili mediante processi tradizionali; - non sono accettabili incrementi di temperatura e/o tensioni residue nel pezzo in lavorazione. Fig. 6 Tali requisiti hanno portato allo sviluppo dei processi di lavorazione non convenzionali riassunti nel seguente schema Fig

7 LAVORAZIONI AD ULTRASUONI ED A GETTO ABRASIVO Nelle lavorazioni USM (Ultra-Sonic Machining) la rimozione di materiale dalla superficie del pezzo avviene per l azione di una fanghiglia abrasiva interposta tra il materiale in lavorazione e l utensile che opera come un martello pneumatico ad alta frequenza. Il processo USM è in grado di asportare truciolo solo da materiali molto duri e fragili quali ceramici, carburi, alcuni compositi, pietre preziose, vetro e gli acciai temprati. La testa dell utensile (fig.8a) vibra ad una frequenza di circa 20 khz e a bassa ampiezza ( mm). Questa vibrazione trasmette una spinta, impulsiva e ciclica, ai grani di abrasivo situati tra l utensile ed il pezzo. Lo stress causato dalle particelle abrasive, che vengono pressate sulla superficie del pezzo, è notevole poichè il tempo di contatto tra le particelle ed il pezzo è molto ridotto e l area di contatto è piccola. Nei materiali fragili lo stress d impatto è sufficiente per provocare microfratturazioni localizzate ed erosione della superficie. L utensile, collegato ad un trasduttore piezoelettrico (rendimenti di trasformazione molto alti ma potenze limitate ad 1 kw) o magnetostrittivo (potenze nell ordine di qualche kw ma rendimenti modesti che richiedono la presenza un circuito di raffreddamento per smaltire il calore prodotto) che genera la vibrazione ultrasonica, è realizzato in acciaio dolce in modo da essere soggetto ad una usura trascurabile durante la lavorazione. Come abrasivo si impiega carburo di boro, oppure allumina o carburo di silicio. La granulometria varia dalla #100 per operazioni di sgrossatura alla #1000 per la finitura. I grani sono addotti in forma di fanchiglia acquosa, con una concentrazione del % in volume. Il flusso di abrasivo ed acqua allontana gli sfridi dalla zona di lavorazione. Due applicazioni dell USM sono illustrate nelle figg.8b e 8c. Gli ultrasuoni vengono inoltre efficacemente impiegati nella saldatura, a lembi sovrapposti, di lamiere sottili (fino a qualche decimo di mm). Mediante questa tecnica è possibile realizzare giunzioni tra materiali differenti. Nelle lavorazioni a getto abrasivo (AJM - Abrasive Jet Machining) un getto di aria, o di biossido di carbonio (CO 2 ), che trascina particelle abrasive, è proiettato contro la superficie del pezzo. L impatto delle particelle è in grado di realizzareare fori o fessure su materiali molto duri, metallici e non. Considerazioni tecnologiche e progettuali Il disegno del pezzo non deve contenere spigoli ed angoli acuti, che verrebbero rimossi dall utensile. Con questi processi si ottengono cavità e fori caratterizzati da una marcata conicità. Per non danneggiare i materiali fragili nella realizzazione di fori passanti, la superficie superiore del pezzo deve essere talvolta protetta con una mascheratura. Fig.8 LAVORAZIONI WATERJET E ABRASIVE WATERJET L utilizzo del getto d acqua (Waterjet, WJ) come utensile per operazioni meccaniche di varia natura non è una scoperta particolarmente recente. Gli impieghi più antichi possono essere rintracciati già alla fine del secolo scorso nel settore minerario (waterjet mining), laddove un getto d acqua a bassa pressione (circa 10 MPa) ed elevata portata veniva usato per alcune operazioni di scavo delle gallerie. Un altro progenitore dell attuale waterjet industriale, ad esso più simile, è la tecnologia del waterjet cleaning, in uso da circa sessant anni. Essa prevede l utilizzo di getti a bassa pressione (circa 30 MPa con l/min di portata) ed è applicabile, in alternativa al getto abrasivo pneumatico, per operazioni di pulizia, sverniciatura e decapaggio, in diversi settori industriali. Le due applicazioni citate sono storicamente i primi esempi di sfruttamento di un getto d acqua come strumento per l asportazione di materiale; La pressione d esercizio per entrambe è comunque molto più bassa rispetto a tutte le altre tecniche a getto d acqua, sviluppate successivamente. Infatti, sebbene getti con le caratteristiche di quelli sinora citati siano anche attualmente utilizzati per alcune operazioni industriali di taglio, il salto di qualità che ha - 7 -

8 consentito al waterjet di diventare una vera e propria tecnologia industriale di lavorazione meccanica si è avuto solo tra la fine degli anni 60 e l inizio dei 70 grazie alle ricerche, e alla successiva applicazione dei getti ad alta pressione. Le caratteristiche principali di questi primi sistemi sono sostanzialmente rimaste invariate fino ad oggi, sebbene il campo delle possibili varianti tecnologiche sia attualmente molto ampio e preveda l impiego di soluzioni impiantistiche molto diverse. Lo schema di base prevede l uso di un intensificatore di pressione che fornisce una modesta portata d acqua (da 2 a 10 l/min) con pressioni fino a 400 MPa. Il fluido compresso (normalmente acqua filtrata e demineralizzata) attraversa un ugello primario, di sezione ridotta (diametro mm) in cristallo sintetico (zaffiro, rubino, diamante). Il getto risultante, caratterizzato dall'avere una buona coerenza ed una elevatissima energia cinetica (velocità in uscita fino a 1000 m/s), si presta, grazie all elevata pressione specifica esercitata sul materiale, a essere utilizzato per effettuare taglio ed altre lavorazioni meccaniche di dis creta precisione. Dai primi anni 70 la tecnologia di lavorazione con sola acqua è stata impiegata nel taglio di una vasta gamma di materiali quali espansi, gomma, nylon, materie plastiche, fibra di vetro, alcuni tipi di materiali compositi, prodotti alimentari, tessuti, pellami, etc. Le principali innovazioni che i sistemi WJ hanno subito nel corso di questi ultimi trent anni sono essenzialmente due: l adozione del controllo numerico e l aggiunta al getto di polvere abrasiva. La testa di lavorazione si arricchisce di una camera di miscelazione cui viene fatto pervenire, mediante un tubo flessibile, l abrasivo, e di un focalizzatore (un tubicino di carburo sinterizzato con diametro interno compreso tra 0.5 e 1.2 mm e lunghezza variabile da 50 a 100 mm). Nasce così la tecnologia del getto idroabrasivo (Abrasive Water Jet, AWJ) in grado di lavorare moltissimi materiali, tra i quali acciaio, alluminio, titanio, leghe di nichel, ceramici, vetro, lapidei, etc. Fig. 9: lastre metalliche di elevato spessore tagliate mediante AWJ Sebbene la tipologia d impianto più diffusa nell industria contemporanea preveda l utilizzo di getti continui idroabrasivi, esistono numerosi tipi di getto, diversi per caratteristiche fluidodinamiche. Ogni tipo di getto è aratterizzato da un proprio meccanismo d asportazione del materiale, e lascia una specifica impronta sulla superficie lavorata. L elemento comune è che tutti i getti sono prodotti da un ugello primario di sezione ridotta, che ha il compito di trasformare l energia accumulata dall acqua durante la compressione in energia cinetica. Esistono tre famiglie principali di getti: continui, pulsanti, cavitanti. Water Jets CONTINUI PULSANTI CAVITANTI a sola acqua idroabrasivi premescolati iniettati Fig. 10: classificazione degli idrogetti. I getti continui sono, come detto, i più diffusi. Essi possono essere a sola acqua (WJ) ovvero con l aggiunta d abrasivo (Abrasive Waterjet, AWJ). A loro volta gli AWJ si distinguono in getti: - 8 -

9 iniettati, premescolati. Nei getti continui iniettati (Abrasive Injected Waterjet, AIWJ) l abrasivo è incorporato al getto in una camera di miscelazione a valle del primario. Si forma così una miscela di acqua, abrasivo e aria, che attraversa un secondo ugello, detto focalizzatore, che ha lo scopo di aumentare la coerenza del getto (cfr. fig.6). Al contrario, nei getti premescolati, o sospesi (Abrasive Suspended Waterjet, ASWJ), la miscelazione avviene prima che il getto acquisti energia cinetica passando attraverso il primario. Acqua in pressione Ugello primario Abrasivo Focalizzatore Fig. 11: schema della testa di taglio AWJ Considerazioni tecnologiche e progettuali Il processo può essere applicato a qualsiasi materiale. Il taglio avviene a freddo e quindi senza alterazione termica dei bordi. Le forze di taglio non superano poche decine di N quindi non sono indispensabili attrezzaggi particolari per sostenere il pezzo durante la lavorazione. Geometria del solco e finitura delle pareti dipendono dalla scelta dei parametri tecnologici. Lo smaltimento del materiale di scarto, in particolare dell abrasivo, può costituire un problema. LAVORAZIONI CHIMICHE E' noto che taluni attacchi chimici sono in grado di aggredire e disgregare i materiali metallici rimuovendo piccole quantità di materiale dalla superficie. Tale principio è alla base delle lavorazioni chimiche (CM) che utilizzano reagenti chimici, quali soluzioni acide o alcaline, per attaccare localmente e dissolvere chimicamente il materiale. Queste tecniche vengono inoltre utilizzate per la sbavatura chimica di pezzi metallici provenienti dal levorazioni convenzionali. Fresatura chimica Mediante fresatura chimica vengono prodotte piccole cavità, anche di forma complessa, su lamiere, pezzi forgiati o estrusi (fig. 12). La fresatura chimica è stata impiegata su una vasta gamma di metalli e fino a profondità di asportazione di mm. Le zone del pezzo che non devono subire asportazione vengono protette mediante mascheratura della superficie o attraverso immersione parziale nel reagente

10 Fig.12 La sequenza di operazioni tipica della fresatura chimica consiste dei seguenti passaggi: 1. Se la parte da lavorare è interessata da tensioni residue provocate da precedenti lavorazioni, tali tensioni devono essere rimosse, attraverso un opportuno trattamento termico, prima della fresatura chimica al fine di evitare successive deformazioni. 2. Le superfici devono essere accuratamente pulite e sgrassate per assicurare una buona adesione della mascheratura (per la quale spesso si ricorre a materiali resistenti all'attacco chimico) ed una uniforme asportazione. 3. Viene applicata la mascheratura. Si utilizzano comunemente nastri adesivi o vernici, ma molto spesso si preferiscono elastomeri (gomma e neoprene) e plastica (polivinile, polietilene, polistirene) per ottenere mascherature più precise ed efficaci. 4. Si elimina la mascheratura, incidendola ed asportandola con una lama, nelle zone dove la superficie del pezzo verrà esposta all'attacco chimico. 5. Il pezzo viene immerso nel reagente. Le superfici da lavorare sono così esposte all'azione della soluzione di idrossido di sodio (per leghe di alluminio), acido nitrico o idrocloridico (per gli acciai comuni) o cloruro di ferro (per gli acciai inossidabili). Per ottenere una asportazione uniforme è importante controllare la temperatura della soluzione e mantenerla in movimento mediante l'azione di un agitatore (fig.13a). 6. Dopo la lavorazione le parti devono essere risciacquate accuratamente per evitare che il reagente chimico residuo continui ad attaccarne la superficie. 7. Viene rimossa la mascheratura ed il pezzo può essere ispezionato e controllato dimensionalmente. 8. Ulteriori operazioni di finitura possono essere effettuate dove necessario. Fig. 13 Le operazioni sopra descritte possono essere ripetute per produrre cavità o contorni a più livelli (fig.13b). Questo processo viene utilizzato nell'industria aerospaziale per rimuovere spessori limitati di sovrametallo da pannelli di grandi dimensioni utilizzati per il rivestimento esterno di aeroplani e missili e per lavorare i profilati impiegati nella realizzazione delle intelaiature dei velivoli. Il processo trova inoltre applicazione nell'industria elettronica e nella realizzazione di modelli metallici. Talvolta il materiale lavorato può presentare danni dovuti ad un attacco chimico preferenziale o intergranulare. Tali situazioni si verificano, ad esempio, nella lavorazione chimica di strutture saldate o nella lavorazione di getti da fusione. In entrambi i casi le differenze microstutturali o la presenza di porosità della superficie possono provocare una asportazione non uniforme

11 Tranciatura chimica La tranciatura chimica differisce dalla tranciatura meccanica delle lamiere metalliche per la modalità di asportazione del materiale dovuta alla dissoluzione chimica invece che alla deformazione plastica. Tipiche applicazioni per questo processo si hanno nella realizzazione di circuiti stampati o nella tranciatura di lamierini sottili che risultano esenti da bave di lavorazione. Tranciatura fotochimica La tranciatura fotochimica è una variante della fresatura chimica. Il materiale viene asportato, solitamente da lamiere di spessore molto sottile, mediante una tecnica di fotoincisione. In questo modo possono essere tranciati profili molto complessi (fig. 14), anche su lamierini da mm, evitando la formazione di bave tipiche dei processi di tranciatura convenzionali. Fig. 14 La sequenza di operazioni tipica della tranciatura fotochimica consiste dei seguenti passaggi: 1. La geometria da tranciare viene ingrandita, fino a 100 volte, in fase di disegno del pezzo. Viene quindi realizzato un negativo fotografico in modo da ridurne le dimensioni mantenendo una alta definizione dei contorni. 2. Il lamierino da tranciare viene ricoperto da un liquido fotosensibile (fotoresistore) mediante immersione, pennellatura o a spruzzo. Successivamente lo strato di protezione viene fatto essiccare in forno. 3. Il negativo viene proiettato sulla superficie da lavorare utilizzando una lampada a luce ultravioletta. Si ottiene così un indurimento dello strato di protezione nelle sole zone esposte alla luce. 4. Il lamierino viene quindi trattato come fosse una lastra fotografica. La fase di "sviluppo" elimina il rivestimento nelle zone non esposte, in precedenza, alla luce ultravioletta. 5. Il lamierino viene immerso in una vasca piena di reagente, come nella fresatura chimica, o spruzzato di reagente che agisce solo nelle zone non rivestite. Infine il pezzo ottenuto viene accuratamente lavato. Applicazioni tipiche della tranciatura elettrochimica si hanno nell'industria elettronica, nella realizzazione di circuiti stampati, di lamierini per gli impaccamenti statorici e rotorici di trasformatori e motori elettrici, nella produzione di molle piane, di schermi per tubi catodici etc. Sebbene sia richiesto l'intervento di operatori specializzati, i costi degli impianti e delle attrezzature richieste sono bassi ed il processo risulta facilmente automatizzabile. Considerazioni tecnologiche e progettuali A causa delle modalità di lavorazione, ed in particolare per l'attacco generalizzato del reagente a tutte le superfici esposte, devono essere evitate geometrie che prevedono angoli molto acuti, rilievi molto pronunciati, cavità profonde e sottili, conicità molto precise. Presentano difficoltà di lavorazione pezzi dalla superficie porosa o fortemente irregolare. Si deve inoltre tenere presente che il reagente attacca il materiale sia in direzione orizzontale che in verticale asportando materiale anche sotto la zona protetta (fig.8b). Questi processi sono caratterizzati da un tasso di rimozione (MRR - Material Removal Rate) piuttosto basso. Per tale motivo vengono spesso utilizzati a completamento di lavorazioni effettuate con processi, tradizionali o innovativi, a più elevata produttività

12 LAVORAZIONI ELETTROCHIMICHE Le lavorazioni ECM (Electro-Chemical Machining) sono basate su un principio opposto a quello della elettrodeposizione galvanica. L'elettrolita porta in soluzione i prodotti della della reazione anodica che si sviluppa sul pezzo in lavorazione per effetto elettrochimico producendo una cavità sulla superficie (fig.15). Fig. 15 Varianti del processo sono utilizzate in operazioni di tornitura, spianatura, foratura o nella realizzazione di fessure sottili dove l'elettrodo agisce da utensile.l'utensile (catodo) è realizzato in ottone, rame o bronzo. L'elettrolita è generalmente una soluzione di cloruro di sodio o di nitrato di sodio in acqua, che viene pompata attraverso cavità realizzate nell'utensile verso la zona dove avviene l'asportazione. Un generatore a corrente continua (5-25 V) garantisce il passaggio di corrente attraverso l'elettrolita. Le densità di corrente, per le zone interessate alla lavorazione, sono di circa A/mm 2. Gli impianti hanno dimensioni variabili ed amperaggi che vanno dai 5 ai A in funzione delle diverse applicazioni. La velocità di asportazione è proporzionale alla densità di corrente mentre le usure dell'utensile sono molto ridotte anche se i materialei in lavorazione hanno durezza elevata. Le lavorazioni elettrochimiche sono generalmente impiegate per la lavorazione di cavità di forma complessa in materiali di elevata tenacità e resistenza meccanica. In particolare, si ricorre a questo processo nell'industria aerospaziale per la produzione di palette per turbina, parti di motori a reazione, ugelli di forma complessa (figg.16a e 16b). Viene inoltre utilizzato per eseguire fori di diametro molto piccolo e, insieme ad altri processi di lavorazione, nella produzione di stampi (fig.16c). Fig

13 Le lavorazioni ECM danno luogo a superfici prive di bave; tale processo viene infatti utilizzato anche per la sbavatura di componenti provenienti da lavorazioni tradizionali. Non provoca danneggiamento termico delle parti lavorate e l'assenza di forze di taglio previene la possibilità di distorsioni meccaniche sia a livello macroscopico che microstrutturale. Possono tuttavia determinarsi, per alcuni materiali, alterazioni nella resistenza a fatica (fig.17) in confronto con altre lavorazioni. Fig. 17 Considerazioni tecnologiche e progettuali A causa della tendenza dell'elettrolita ad erodere i profili acuti, l'ecm non risulta idoneo alla realizzazione di spigoli netti o di superfici dove sia richiesta una buona planarità. Risulta alquanto difficoltoso il controllo del flusso di elettrolita che si arricchisce di scarti della lavorazione e deve pertanto essere rigenerato, periodicamente o in continuo. Le tolleranze, dimensionali e di forma, tipiche del processo non sono molto strette anche se, a tale proposito, notevoli miglioramenti sono stati ottenuti negli ultimi anni. Rettificatura elettrochimica La rettificatura elettrochimica (ECG) combina il principio della lavorazione elettrochimica a quello della rettifica trdizionale. L'impianto utilizzato è simile ad una comune macchina da rettifica fatto salvo che per l'utensile che è un "catodo rotante" dotato in superficie di particelle abrasive (fig.18). Fig

14 La mola ha un legante metallico ed utilizza particelle abrasive in diamante o in allumina e raggiunge, in rotazione, una velocità periferica di m/s. L'abrasivo agisce da isolante tra l'utensile e la superficie in lavorazione; esso inoltre contribuisce a rimuovere meccanicamente dalla superficie i prodotti della reazione elettrolitica. La maggior parte del materiale metallico rimosso nella ECG è tuttavia dovuta alla azione elettrolitica Come elettrolita si utilizza generalmente una soluzione di nitrato di sodio che viene inviata, mediante un getto, nella zona di lavorazione. L'usura dell'utensile è molto contenuta, la densità di corrente utilizzata è di 1-3 A/mm 2. Al termine della lavorazione possono essere previste alcune passate di finitura, effettuate in semplice rettifica, per ottenere l'accuratezza dimensionale richiesta. L'ECG ha applicazioni nello stesso campo dell'ecm ed ha trovato particolare successo nella lavorazione dei carburi metallici e nelle leghe ad alta resistenza. Combinando l'azione elettrochimica già descritta con l'uso di particelle abrasive di granulometria molto fine, sono state sviluppate macchine per la lappatura elettrochimica di superfici cilindriche interne (fori) ed esterne. Sebbene tali sistemi siano piuttosto costosi, essi consentono di ridurre significativamente i tempi di lavorazione rispetto a macchine di lappatura e superfinitura tradizionali

15 ELETTROEROSIONE Le lavorazioni EDM (Electro-Discharge Machining) si basano sull erosione dei metalli attraverso una successione di scariche elettriche. E noto il principio fisico secondo cui, se due elettrodi a differente potenziale elettrico vengono opportunamente avvicinati, tra di essi si produce una scarica. Se si osserva attentamente il punto di contatto della scarica sulla superficie dell elettrodo, si nota che una piccola porzione di metallo è stata erosa, lasciando una cavità. Sebbene questo fenomeno sia noto fin dalla scoperta dell elettricità, solo dagli anni 40 si è sviluppato un processo tecnologico basato su questo principio. Il sistema EDM è costituito da un utensile sagomato (elettrodo) e dal pezzo da lavorare, connesso ad un generatore di corrente continua ed immerso in un fluido dielettrico (fig. 19). Fig. 19 Quando la differenza di potenziale tra dielettrico ed utensile è sufficientemente alta, una scarica elettrica attraversa il fluido, rimuovendo una piccola quantità di materiale dal pezzo. La frequenza di scarica varia tra i 50 e i 500 khz, la tensione tra i 50 e i 300 V, e la corrente tra i 0,1 e i 500 A. Sono disponibili un ampia gamma di macchine EDM, la maggior parte delle quali con controllo numerico computerizzato. Il fluido dielettrico agisce come un isolante finchè il potenziale è sufficientemente alto, allontana gli sfridi di lavorazione (il truciolo è costituito da sfere cave di picolissime dimensioni) e costituisce un mezzo raffreddante. La distanza utensile-pezzo è una variabile critica, pertanto l avanzamento dell utensile è controllato da servomeccanismi, che automaticamente mantengono costante detta distanza. Gli olii minerali rapresentano i fluidi dielettrici più comuni, sebbene per applicazioni speciali si possano utilizzare kerosene ed acqua deionizzata e distillata. Il campo delle applicazioni mediante elettroerosione va dalla produzione di fori ciechi per componenti meccanici, ai fori profondi di piccolo diametro (fig.20) con filo di tungsteno come elettrodo, alle fessure strette, alle palette di turbine ed a componenti dalla forme articolata e complessa (figg.20a e 20b). Fig

16 Si possono realizzare cavità a gradino sincronizzando il movimento relativo del pezzo, che trasla in due direzioni sul piano, con il moto di discesa dell elettrodo (fig.21). Fig. 21 Inoltre si possono ottenere cavità interne in sottosquadro mediante elettrodi rotanti, che portano in estremità una punta orbitante (fig. 22). Fig. 22 Il processo EDM si applica a tutti i materiali conduttori. Il volume di materiale rimosso da ogni scarica ( mm 3 ) è inversamente proporzionale alla temperatura di fusione ed al calore latente di fusione del materiale lavorato. Poichè il processo non prevede un contatto diretto tra utensile e pezzo in lavorazione, le caratteristiche meccaniche del pezzo (durezza e carico di rottura) non influenzano la velocità di asportazione. Il controllo della velocità di asportazione avviene mediante modulazione della frequenza o dell energia di scarica.la velocità di asportazione e la rugosità superficiale crescono, se si aumenta la densità di corrente o si diminuisce la frequenza delle scariche. Il tasso di asportazione del materiale (MRR) è compreso tra 0,1 e 25 cm 3 /h. Velocità maggiori producono una pessima qualità della finitura superficiale e scarsa integrità superficiale del materiale fuso e risolidificato a discapito dalla resistenza a fatica. Gli elettrodi per EDM sono di solito in grafite, talvolta in bronzo, rame o in leghe di rame e tungsteno. Gli utensili vengono sagomati mediante forgiatura, fusione od asportazione di truciolo. L usura dell utensile è un fattore importante, che incide sulla precisone dimensionale del pezzo prodotto. Rettificatura mediante elettroerosione (EDG) La mola per EDG (Electro-Discharge Grinding) è in grafite o bronzo e non contiene abrasivi. Il materiale viene rimosso dalla superficie del pezzo mediante il continuo succedersi di scariche elettriche tra la mola rotante ed il pezzo. La realizzazione di un solco longitudinale mediante EDG con mola sagomata è mostrata in fig. 23. Fig

17 Il processo di rettificatura mediante elettroerosione (EDG) può essere combinato con la rettificatura elettrochimica (rettificatura mediante elettroerosione chimica, ECDG). Il materiale è rimosso per azione chimica mentre le scariche elettriche prodotte dalla mola di grafite rompono il film di ossido, che viene rimosso dal fluido elettrolitico. Considerazioni tecnologiche e progettuali Le parti devono essere progettate in modo tale che i corrispondenti elettrodi possano essere sagomati in modo appropriato e corretto. Si devono evitare fessure profonde e sottili. Finiture superficiali troppo accurate determinano costi di produzione molto elevati. Se si vuole ottenere una elevata produttività, può convenire asportare buona parte del materiale mediante processi convenzionali e destinare le operazioni di finitura all eletroerosione. Elettroerosione a filo Una variante dell EDM è il taglio mediante elettroerosione a filo (WEDM - Wire Electro Discharge Machining). In questo processo, che è simile al taglio di contornatura con sega a nastro, un filo (figg.24a e 24b) percorre molto lentamente il profilo programmato, mentre le scariche elettriche erodono progressivamente il materiale come i denti di una sega. Con l elettroerosione a filo si tagliano spessori fino a 500 mm e si realizzano punzoni, utensili e matrici di materiale duro. Le macchine per WEDM sono fornite di controllonumerico computerizzato per la gestione del percorso di taglio (fig.24c). Il filo è in bronzo, rame o tungsteno con un diametro minimo di circa 0,25 mm. Viene continuamente rinnovato riavvolgendolo su una bobina (a circa 2.5 mm/s) ed è relativamente poco costoso. Il filo viene mantenuto ad una distanza costante dal pezzo in lavorazione controllando i parametri di scarica Fig. 24

LAVORAZIONI NON CONVENZINALI I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN

LAVORAZIONI NON CONVENZINALI I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN LAVORAZIONI NON CONVENZINALI I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN DEFINIZIONE Le Lavorazioni Non Convenzionali (LNC) sono quei processi che utilizzano tecniche di rimozione del materiale per via meccanica, elettrica,

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 5.2 Lavorazioni non convenzionali LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Classificazione Lavorazioni non convenzionali Energia meccanica Energia elettrochimica Energia chimica

Dettagli

Elettroerosione Macchina per elettroerosione

Elettroerosione Macchina per elettroerosione Elettroerosione 1 Macchina per elettroerosione 2 Politecnico di Torino 1 Il processo di elettroerosione Viene generato un campo elettrico tra elettrodo e pezzo Si forma un canale ionizzato tra elettrodo

Dettagli

Lavorazioni e Disegno

Lavorazioni e Disegno Lavorazioni e Disegno 1 Assiemi meccanici Ogni particolare, ogni singolo pezzo è realizzato con: materiale diverso; tecnologia (o tecnologie) differenti. Il disegno delle parti ne deve tenere conto 2 Classificazione

Dettagli

!&'()*!"#!$% XIII. 3 Capitolo 1 Introduzione alle lavorazioni non convenzionali di Michele Monno

!&'()*!#!$% XIII. 3 Capitolo 1 Introduzione alle lavorazioni non convenzionali di Michele Monno !"#!$% XI XIII XV Premessa Autori Notazioni e simboli 3 Capitolo 1 Introduzione alle lavorazioni non convenzionali di Michele Monno 5 1.1 Lavorazioni a ultrasuoni 6 1.2 Lavorazioni water jet e abrasive

Dettagli

Tecnologie non convenzionali

Tecnologie non convenzionali Tecnologie non convenzionali Sezione Tecnologie Meccaniche e Produzione 1 Tecnologia Meccanica Sommario Processi tecnologici per asportazione di truciolo Perché Tecnologie Non Convenzionali? Classificazione

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica ( ING/IND16) CF 8. Saldature. Sistemi di Produzione/ Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica ( ING/IND16) CF 8. Saldature. Sistemi di Produzione/ Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia ( ING/IND16) CF 8 Saldature Saldatura: Processo di unione permanente di due componenti meccanici. Variabili principali: Lega da saldare Spessore delle parti Posizione di saldatura Produzione

Dettagli

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO La fabbricazione degli elementi meccanici seguita dalla loro unione sono i principali compiti dell industria produttiva. Essenzialmente l assemblaggio consiste nel collegare degli

Dettagli

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 1 Introduzione 1 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 2 1.1.1 Precisione nelle trasformazioni 5 1.2 Attributi geometrici dei

Dettagli

Classe 4^ - Tecnologie mecc. di proc. e prod. - UdA n 2: Taglio dei metalli - Fluidi da taglio FLUIDI DA TAGLIO

Classe 4^ - Tecnologie mecc. di proc. e prod. - UdA n 2: Taglio dei metalli - Fluidi da taglio FLUIDI DA TAGLIO FLUIDI DA TAGLIO Il calore che si sviluppa durante l asportazione di truciolo é causato da: - lavoro di deformazione del materiale - lavoro di attrito 1) Il calore dovuto alla deformazione dipende dalle

Dettagli

a cura di Massimo Reboldi MATERIALI PER UTENSILI

a cura di Massimo Reboldi MATERIALI PER UTENSILI MATERIALI PER UTENSILI Gli utensili 2 Il comportamento di un utensile influenza in maniera determinante la: Qualità del prodotto finito; Costo parti lavorate; Gli utensili 3 Nelle due principali fasi devono

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Gli elettrodi nell EDM. G. Fantoni Università di Pisa

Gli elettrodi nell EDM. G. Fantoni Università di Pisa Gli elettrodi nell EDM G. Fantoni Università di Pisa Erodibilità di diversi materiali metallici PURI T fus. -MRR Ma Ag, Cu anomali infatti erodibilità dipende anche da conducibilità termica, capacità

Dettagli

MATERIALI SINTERIZZATI

MATERIALI SINTERIZZATI MATERIALI SINTERIZZATI Sono ottenuti con la cosiddetta Metallurgia delle polveri, che consiste nella compattazione e trasformazione di materiali ridotti in polvere in un composto indivisibile. Sono utilizzati

Dettagli

SALDATURA AD ARCO SOMMERSO

SALDATURA AD ARCO SOMMERSO SALDATURA SALDATURA AD ARCO SOMMERSO La saldatura ad arco sommerso (SAW - Submerged Arc Welding nella terminologia AWS) è un saldatura ad arco a filo continuo sotto protezione di scoria. Il fatto che l

Dettagli

Analisi eseguite su alcuni casi di rottura dimostrano che gli errori in questi metodi di lavorazione hanno un incidenza.

Analisi eseguite su alcuni casi di rottura dimostrano che gli errori in questi metodi di lavorazione hanno un incidenza. Indicazioni per la lavorazione Rottura degli utensili a causa di rigature L economicità della fabbricazione di prodotti industriali è determinata, tra l altro, dalla efficienza degli utensili impiegati.

Dettagli

Introduzione alle tecnologie di fabbricazione Introduzione 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1.2 Attributi geometrici dei prodotti

Introduzione alle tecnologie di fabbricazione Introduzione 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1.2 Attributi geometrici dei prodotti Indice PREFAZIONE RINGRAZIAMENTI DELL EDITORE GUIDA ALLA LETTURA XIII XIV XV 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 1 Introduzione 1 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1 1.1.1 Precisione

Dettagli

Schema generale laminazioni

Schema generale laminazioni Laminazione Processo di riduzione dell altezza o cambio di sezione di un pezzo attraverso la pressione applicata tramite due rulli rotanti. La laminazione rappresenta il 90% dei processi di lavorazione

Dettagli

Tecnologie di saldatura per fusione

Tecnologie di saldatura per fusione La saldatura laser Tecnologie di saldatura per fusione saldatura ad arco (MIG, TIG, SAW, Plasma ecc.) saldatura a gas (ossiacetilenica, ossidrica ecc.) saldatura ad elettroscoria saldatura alluminotermica

Dettagli

ELEMENTI DI PRODUZIONE METALMECCANICA

ELEMENTI DI PRODUZIONE METALMECCANICA ELEMENTI DI PRODUZIONE METALMECCANICA 156 Introduzione ai processi di produzione metalmeccanica I processi di produzione metalmeccanica si possono classificare nelle tre grandi famiglie di seguito indicate.

Dettagli

LAVORAZIONI NON CONVENZIONALI TECNOLOGIA LASER

LAVORAZIONI NON CONVENZIONALI TECNOLOGIA LASER LAVORAZIONI NON CONVENZIONALI TECNOLOGIA LASER LASER = LIGHT AMPLIFICATION BY SIMULATED EMISSION OF RADIATION Amplificazione della luce mediante l emissione stimolata della radiazione Il LASER è una particolare

Dettagli

Dizionario. base materiale metallico dei pezzi da collegare con saldatura. Metallo d apporto:

Dizionario. base materiale metallico dei pezzi da collegare con saldatura. Metallo d apporto: TIG MIG MAG Dizionario Metallo base: base materiale metallico dei pezzi da collegare con saldatura. Metallo d apporto: d apporto materiale metallico che viene interposto allo stato fuso tra i pezzi da

Dettagli

Processo di deposito a freddo Elettro-Spark. SPARKDEPO per riparare stampi ad iniezione e per rimettere a nuovo parti usurate.

Processo di deposito a freddo Elettro-Spark. SPARKDEPO per riparare stampi ad iniezione e per rimettere a nuovo parti usurate. Processo di deposito a freddo Elettro-Spark SPARKDEPO per riparare stampi ad iniezione e per rimettere a nuovo parti usurate. a freddo con elettrodo rotante consumabile e un sistema di rivestimento/indurimento

Dettagli

CAPITOLO 14 Corrosione e protezione dei materiali ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 14 Corrosione e protezione dei materiali ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 14 Corrosione e protezione dei materiali ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 14.1 Un potenziale standard di ossidoriduzione è il potenziale elettrico (tensione)

Dettagli

Borazon* CBN è sinonimo di migliori prestazioni di rettifica

Borazon* CBN è sinonimo di migliori prestazioni di rettifica Prodotti Borazon* CBN Borazon* CBN è sinonimo di migliori prestazioni di rettifica Il Borazon CBN è oggi riconosciuto come uno dei più importanti avanzamenti tecnologici nella rettifica di materiali temprati

Dettagli

IL PROBLEMA DEL PRODURRE

IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL CICLO TECNOLOGICO E I PROCESSI PRIMARI E SECONDARI Ing. Produzione Industriale - Tecnologia Meccanica Processi primari e secondari - 1 IL CICLO TECNOLOGICO Il ciclo tecnologico

Dettagli

Come proteggere il dispersore dalla corrosione

Come proteggere il dispersore dalla corrosione Come proteggere il dispersore dalla corrosione Pubblicato il: 15/12/2003 Aggiornato al: 15/12/2003 di Gianluigi Saveri Dal punto di vista chimico fisico i metalli e le leghe, nelle normali condizioni ambientali,

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata SALDATURA

Università di Roma Tor Vergata SALDATURA SALDATURA La saldatura è un tipo di giunzione che consente di unire permanentemente parti solide, realizzando la continuità del materiale. Materiale d apporto Materiale base Materiale base = Materiale

Dettagli

La saldatura è un processo molto importante per garantire un prodotto finito di alta qualità.

La saldatura è un processo molto importante per garantire un prodotto finito di alta qualità. Saldatura 1 La saldatura è un processo molto importante per garantire un prodotto finito di alta qualità. TIPOLOGIE DI SALDATURA: - saldatura manuale MIG - saldatura manuale TIG - saldatura OSSICETILENICA

Dettagli

Processi di fusione e colata, parte III. Stampi permanenti Trattamenti termici

Processi di fusione e colata, parte III. Stampi permanenti Trattamenti termici Processi di fusione e colata, parte III Stampi permanenti Trattamenti termici Colata in stampi permanenti: generalità Gli stampi permanenti sono progettati in modo che il pezzo venga estratto facilmente

Dettagli

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI 1 LA CORROSIONE Fenomeno elettrochimico che si può manifestare quando un metallo o una lega metallica

Dettagli

SCELTA DEL TIPO DI FRESA

SCELTA DEL TIPO DI FRESA LAVORAZIONE CON FRESE A CANDELA SCELTA DEL TIPO DI FRESA La scelta del tipo di fresa a candela dipende dal grado di tolleranza e finitura superficiale richiesti. Utilizzare una fresa riaffilabile per applicazioni

Dettagli

IMPAX SUPREME. Acciaio per stampi bonificato

IMPAX SUPREME. Acciaio per stampi bonificato IMPAX SUPREME Acciaio per stampi bonificato Queste informazioni sono basate sulla nostra attuale esperienza e forniscono informazioni generali sul nostro prodotto e sul suo utilizzo. Pertanto non devono

Dettagli

Guida alla fresatura Spianatura 1/24

Guida alla fresatura Spianatura 1/24 SPIANATURA Guida alla fresatura Spianatura 1/24 SCELTA INSERTO/FRESA Una fresa con un angolo di registrazione inferiore a 90 agevola il deflusso dei trucioli aumentando la resistenza del tagliente. Gli

Dettagli

LA NITRURAZIONE. (versione gennaio 2006)

LA NITRURAZIONE. (versione gennaio 2006) LA NITRURAZIONE (versione gennaio 2006) Raccolta di appunti ad esclusivo uso interno ITIS VARESE - specializzazione meccanici. La nitrurazione è un processo che consente la formazione di nitruri durissimi

Dettagli

Alluminio e sue leghe

Alluminio e sue leghe Alluminio e sue leghe Proprietà dell alluminio puro Basso peso specifico Elevata conducibilità eletrica Buona resistenza alla corrosione Scarse caratteristiche meccaniche L alligazione dell alluminio ne

Dettagli

GLI ULTRASUONI PER LAVORARE I MATERIALI DURI

GLI ULTRASUONI PER LAVORARE I MATERIALI DURI ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO GLI ULTRASUONI PER LAVORARE I MATERIALI DURI 118 Con la tecnologia a ultrasuoni, Sauer, del Gruppo Gildemeister, presenta un metodo per la lavorazione ad alto rendimento di materiali

Dettagli

Le seghe a nastro. Figura N 1 Esempio di nastri per seghe. Larghezza

Le seghe a nastro. Figura N 1 Esempio di nastri per seghe. Larghezza Le seghe a nastro Generalità La lama da sega a nastro è adatta per ogni genere di taglio; essa taglia ininterrottamente senza movimenti discontinui come invece avviene nelle seghe alternative. Con le seghe

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

funzionale tecnologica di collaudo quote di grandezza quote di posizione in serie in parallelo combinata con quote sovrapposte in coordinate

funzionale tecnologica di collaudo quote di grandezza quote di posizione in serie in parallelo combinata con quote sovrapposte in coordinate QUOTATURA PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi CLASSIFICAZIONE punto di vista geometrico quote di grandezza quote di posizione quote di accoppiamento disposizione: sistemi di quotatura in serie in parallelo combinata

Dettagli

Pensa al rendimento del costo, Pensa HSS SEGATURA

Pensa al rendimento del costo, Pensa HSS SEGATURA Pensa al rendimento del costo, Pensa HSS SEGATURA SOMMARIO SEGA A NASTRO 2 Le basi della sega a nastro 3 HSS e rivestimenti 4 Il concetto bimetallico 5 Affilatura del dente 6 Passo e forme del dente 7

Dettagli

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia Solubilizzazione Cementazione Nitrurazione Tempra di soluzione ed invecchiamento Coltre bianca cementato Nitrurazione 550 C x

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE Le lavorazioni meccaniche possono essere classificate secondo diversi criteri. Il criterio che si è dimostrato più utile, in quanto ha permesso di considerare

Dettagli

IL QUADRO ELETTRICO INOX. in AMBIENTE ALIMENTARE e FARMACEUTICO

IL QUADRO ELETTRICO INOX. in AMBIENTE ALIMENTARE e FARMACEUTICO IL QUADRO ELETTRICO INOX in AMBIENTE ALIMENTARE e FARMACEUTICO Direttive e norme La direttiva sull igiene dei prodotti alimentari e la HACCP (Hazard-Analysis-Critical-Control-Points) Tra le norme che regolano

Dettagli

Makrolon Lastra compatta di policarbonato

Makrolon Lastra compatta di policarbonato 1. Generalità Utensili Per la lavorazione delle lastre è possibile utilizzare gli utensili d uso comune per il legno e i metalli. Consigliamo l impiego di utensili con taglienti in metallo duro. E importante

Dettagli

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche antimetallurgia) che si manifesta spontaneamente se: G

Dettagli

L ultima operazione è quella che ci permette di trasformare il nostro linguaggio di disegno in linguaggio macchina, cioè, grazie a dei programmi

L ultima operazione è quella che ci permette di trasformare il nostro linguaggio di disegno in linguaggio macchina, cioè, grazie a dei programmi MODULO 9 Introduzione a un progetto: realizzazione dei disegni meccanici con l ausilio di programmi CAD-CAM. Concetti di base su programmazione su macchine utensili a CNC: tornio, fresatrici ed elettroerosione.

Dettagli

TAKE CARE HAVE A COATING RIVESTIMENTO STAMPI PER LAVORAZIONI A FREDDO

TAKE CARE HAVE A COATING RIVESTIMENTO STAMPI PER LAVORAZIONI A FREDDO TAKE CARE HAVE A COATING RIVESTIMENTO STAMPI IL RIVESTIMENTO PVD RIVESTIMENTI HDP BREVI CENNI SULLA TECNOLOGIA DI DEPOSIZIONE PVD I trattamenti superficiali possono dividersi in due grandi categorie: trattamenti

Dettagli

Corrado Patriarchi 1

Corrado Patriarchi 1 CorradoPatriarchi 1 2 PROGETTAZIONE SCELTA DELL ACCIAIO APPLICAZIONE QUALITA DELL ACCIAIO ESECUZIONE SUPERFICIALE 3 Per trattamento termico si intende una successione di operazioni mediante le quali una

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI IMPORTANZA DI ESEGUIRE IL TRATTAMENTO TERMICO NEL MOMENTO OPPORTUNO DEL PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PEZZO

TRATTAMENTI TERMICI IMPORTANZA DI ESEGUIRE IL TRATTAMENTO TERMICO NEL MOMENTO OPPORTUNO DEL PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PEZZO TRATTAMENTI TERMICI IL TRATTAMENTO TERMICO CONSISTE IN UN CICLO TERMICO CHE SERVE A MODIFICARE LA STRUTTURA DEL MATERIALE PER LA VARIAZIONE DELLE SUE CARATTERISTICHE MECCANICHE: RESISTENZA DEFORMABILITA

Dettagli

SCHEDA DI APPROFONDIMENTO TECNICO SULLA SALDATURA DEGLI ACCIAI SUPERFERRITICI AST470LI EN1.4613 E AST460LI EN1.4611

SCHEDA DI APPROFONDIMENTO TECNICO SULLA SALDATURA DEGLI ACCIAI SUPERFERRITICI AST470LI EN1.4613 E AST460LI EN1.4611 SCHEDA DI APPROFONDIMENTO TECNICO SULLA SALDATURA DEGLI ACCIAI SUPERFERRITICI AST470LI EN1.4613 E AST460LI EN1.4611 Acciai Speciali Terni Gli acciai inox superferritici della Acciai Speciali Terni: perché

Dettagli

TECNICHE DI NITRURAZIONE CON SUPPORTO AL PLASMA

TECNICHE DI NITRURAZIONE CON SUPPORTO AL PLASMA TRATTAMENTO DELLE SUPERFICI TECNICHE DI NITRURAZIONE CON SUPPORTO AL PLASMA 108 I sistemi e il processo di plasma nitrurazione Ionit e Ionit Ox, della Metaplas Ionon, facente capo alla svizzera Sulzer,

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE MACCHINE UTENSILI

INTRODUZIONE ALLE MACCHINE UTENSILI di Tecnologia Meccanica INTRODUZIONE ALLE MACCHINE UTENSILI A cura dei proff. Morotti Giovanni e Santoriello Sergio INTRODUZIONE ALLE MACCHINE UTENSILI Si dicono macchine utensili quelle che consentono

Dettagli

INDICE. Premessa, XII

INDICE. Premessa, XII INDICE Premessa, XII 1. Prestazioni dei materiali e progetto, 3 1.1 Comportamento meccanico, 6 1.2 Azione dell ambiente, 6 1.3 Vita di servizio e durabilità, 11 1.4 Prevenzione del degrado, 16 1.5 Restauro,

Dettagli

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI Si suddividono in : proprietà chimico-strutturali strutturali; proprietà fisiche; proprietà meccaniche; proprietà tecnologiche. Le proprietà chimico-strutturali riguardano

Dettagli

Spettroscopia atomica

Spettroscopia atomica Spettroscopia atomica La spettroscopia atomica è una tecnica di indagine qualitativa e quantitativa, in cui una sostanza viene decomposta negli atomi che la costituiscono tramite una fiamma, un fornetto

Dettagli

DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO

DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO Funzioni PROGETTAZIONE Specifiche Materie prime / Componenti PRODUZIONE Prodotto DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO Progettazione del componente: materiale macro geometria micro geometria

Dettagli

CROMATURA PEVD SOTTOVUOTO

CROMATURA PEVD SOTTOVUOTO CROMATURA PEVD SOTTOVUOTO Causa i ben noti problemi legati ai processi di cromatura galvanica, da alcuni anni ormai si parla di procedimenti alternativi con basso impatto ambientale e ridotti consumi energetici.

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

TEMPRA IN STAMPO Caratteristiche e gestione del processo

TEMPRA IN STAMPO Caratteristiche e gestione del processo Giornata di studio Deformazione e variazione di forma permanente Cause e tecniche per la gestione del processo TEMPRA IN STAMPO Caratteristiche e gestione del processo Andrea Zanotti Gruppo Proterm - Trattamenti

Dettagli

I MATERIALI METALLICI CORSO DI TECNOLOGIA E DISEGNO TECNICO PROF. ILARIA GALLITELLI

I MATERIALI METALLICI CORSO DI TECNOLOGIA E DISEGNO TECNICO PROF. ILARIA GALLITELLI I MATERIALI METALLICI CORSO DI TECNOLOGIA E DISEGNO TECNICO PROF. ILARIA GALLITELLI ferrosi Ghise/acciai metalli pesanti non ferrosi leggeri ultraleggeri I materiali metallici MATERIALI METALLICI FERROSI

Dettagli

CLADDING MODIFICHE SULLE SUPERFICI CON L IMPIEGO DEL LASER. applicazioni

CLADDING MODIFICHE SULLE SUPERFICI CON L IMPIEGO DEL LASER. applicazioni MODIFICHE SULLE SUPERFICI CON L IMPIEGO DEL LASER CLADDING 1. I rivestimenti mediante la tecnica laser cladding hanno dimostrato di prolungare la durata dei componenti fino a 6 volte. Di N. Longfield,

Dettagli

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI)

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI) LEGHE METALLICHE LA GHISA E L ACCIAIO Prof.ssa Silvia Recchia Le leghe sono delle DISPERSIONI DI UN SOLIDO IN UN ALTRO SOLIDO SOLVENTE: metallo base (metallo presente in maggiore quantità) SOLUTO: alligante

Dettagli

Tecnologia di formatura in autoclave

Tecnologia di formatura in autoclave POLITECNICO DI MILANO Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale Corso di Tecnologie Aeronautiche Docente: Giuseppe Sala Tecnologia di formatura in autoclave Paolo Bettini tel. 0223998044 E-mail bettini@aero.polimi.it

Dettagli

WEICONLOCK Adesivi Anaerobici e Sigillanti. Nuovo. bloccaggio ritenuta sigillatura guarnizioni

WEICONLOCK Adesivi Anaerobici e Sigillanti. Nuovo. bloccaggio ritenuta sigillatura guarnizioni Nuovo Erogatore a penna! WEICONLOCK Adesivi Anaerobici e Sigillanti bloccaggio ritenuta sigillatura guarnizioni facili da applicare procedimento pulito dosatura accurata La soluzione ideale per la costruzione,

Dettagli

Blade cooling Gas Turbine. Impianti per l Energia l

Blade cooling Gas Turbine. Impianti per l Energia l Blade cooling Gas Turbine Impianti per l Energia l 2010-2011 2011 Effetto della temperatura massima del ciclo sulle prestazioni dei turbogas Effetto della temperatura massima del ciclo sulle prestazioni

Dettagli

Sezione J Ugelli Per Aria

Sezione J Ugelli Per Aria Sezione J Ugelli Per Aria Generalità La nostra ampia gamma di ugelli per aria, ideali per applicazioni di asciugatura e soffiatura, include prodotti studiati per l'impiego con soffianti rigenerative e

Dettagli

Trafila Di Diamante Naturale Monocristallo

Trafila Di Diamante Naturale Monocristallo Dove Hanno Inizio Fili Eccezionali Guida ai Prodotti Trafila Di Diamante Naturale Monocristallo Le trafile di diamante naturale monocristallo di Fort Wayne Wire Die forniscono elevate prestazioni e primissima

Dettagli

Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) "CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO"

Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) "CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO" In questi ultimi anni, sono stati fatti molti studi riguardanti la corrosione del titanio, a testimonianza del crescente

Dettagli

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE Facoltà di Ingegneria Master in Sicurezza e Protezione Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDI Docente Fabio Garzia Ingegneria della Sicurezza w3.uniroma1.it/sicurezza

Dettagli

Lezione 21 Materiali di impiego aeronautico e loro trattamenti

Lezione 21 Materiali di impiego aeronautico e loro trattamenti di impiego aeronautico e loro trattamenti Giuseppe Quaranta giuseppe.quaranta@polimi.it Forze che agiscono sul velivolo Portanza Trazione Resistenza Ambiente Operativo Peso Argomenti del corso Aerodinamica

Dettagli

Tecnologia avanzata per il cladding

Tecnologia avanzata per il cladding Tecnologia avanzata per il cladding Oil and Gas www.commersald.com Via Labriola,42 41123 Modena - Italy Tel.+ 39 059 822374 Fax+ 39 059 333099 Aumentano le esigenze Nuove richieste relative alla quota

Dettagli

ELECTRO DISCHARGE MACHINING o ELECTRIC DISCHARGE MACHINING (EDM) ELETTROEROSIONE. G. Fantoni Università di Pisa

ELECTRO DISCHARGE MACHINING o ELECTRIC DISCHARGE MACHINING (EDM) ELETTROEROSIONE. G. Fantoni Università di Pisa ELECTRO DISCHARGE MACHINING o ELECTRIC DISCHARGE MACHINING (EDM) o ELETTROEROSIONE G. Fantoni Università di Pisa Lavorazione per elettroerosione Esempi di pezzi realizzati per elettrosione Esempi di pezzi

Dettagli

Classificazione degli acciai da lavorare Scelta della punta in funzione del materiale da lavorare Parametri di taglio

Classificazione degli acciai da lavorare Scelta della punta in funzione del materiale da lavorare Parametri di taglio Materiali delle punte elicoidali Processi produttivi delle punte elicoidali Standard normativi Tipologia di affilatura Rivestimenti superficiali degli utensili Durezze Rockwell e Vickers Classificazione

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 4.1 Lavorazioni per asportazione di truciolo LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Il principio del taglio dei metalli LIUC - Ingegneria Gestionale 2 L asportazione di truciolo

Dettagli

Elenco Norme Saldatura

Elenco Norme Saldatura Elenco Norme Saldatura Norma Titolo Data UNI EN 175 Protezione personale - Equipaggiamenti di protezione degli occhi e del viso durante la saldatura e i processi connessi. giugno 99 UNI EN 287-1 Prove

Dettagli

Lo Stato Superficiale dei Pezzi Meccanici

Lo Stato Superficiale dei Pezzi Meccanici Lo Stato Superficiale dei Pezzi Meccanici Superfici Reali e Nominali Ing. Alessandro Carandina Disegno Tecnico Industriale per Ingegneria Meccanica Disegno tecnico Informazioni qualitative (i vari tipi

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI DEGLI ACCIAI

TRATTAMENTI TERMICI DEGLI ACCIAI 1. TEMPRA La tempra diretta: TRATTAMENTI TERMICI DEGLI ACCIAI - Aumenta la durezza degli acciai - Conferisce agli acciai la struttura denominata MARTENSITE (soluzione solida interstiziale sovrassatura

Dettagli

Saldare con il WELDOX e l HARDOX

Saldare con il WELDOX e l HARDOX Saldatura Saldare con il WELDOX e l HARDOX L acciaio strutturale WELDOX e l acciaio antiusura HARDOX abbinano prestazioni di vertice con una saldabilità eccezionale. Possono essere saldati, infatti, con

Dettagli

CAPITOLO 15 CAP. 15 - TECNOLOGIE SOTTRATTIVE NON CONVENZIONALI. Sinossi. 15.1 Processi sottrattivi non convenzionali

CAPITOLO 15 CAP. 15 - TECNOLOGIE SOTTRATTIVE NON CONVENZIONALI. Sinossi. 15.1 Processi sottrattivi non convenzionali CAPITOLO 15 15 TECNOLOGIE SOTTRATTIVE NON CONVENZIONALI Sinossi L e metodologie produttive illustrate nel capitolo precedente (le tecnologie sottrattive convenzionali) sono estremamente potenti e flessibili

Dettagli

SISTEM I D I A CCUM U LO T ERM I CO AD A LTA T EM PE RATU RA. Mauro Vignolini

SISTEM I D I A CCUM U LO T ERM I CO AD A LTA T EM PE RATU RA. Mauro Vignolini 1 SISTEM I D I A CCUM U LO T ERM I CO AD A LTA T EM PE RATU RA Mauro Vignolini Già Responsabile dell Unità Ricerca e Sviluppo del Progetto Solare Termodinamico dell ENEA Sommario Storicamente il progetto

Dettagli

La costruzione dei rotori per compressori

La costruzione dei rotori per compressori La costruzione dei rotori per compressori Vengono qui fornite alcune notizie sulla costruzione dei rotori dei compressori. In linea generale questi rotori possono essere pensati come una coppia di viti

Dettagli

GYRO. La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura. Per legno, metallo e materiali sintetici

GYRO. La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura. Per legno, metallo e materiali sintetici R GYRO La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura Tecnica di carteggiatura ad oscillazione Per legno, metallo e materiali sintetici - una macchina robusta ed

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO IL CICLO DI LAVORAZIONE. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08

ITIS OTHOCA ORISTANO IL CICLO DI LAVORAZIONE. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 ITIS OTHOCA ORISTANO IL CICLO DI LAVORAZIONE Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 Si definisce CICLO DI LAVORAZIONE la successione delle operazioni da compiere per la produzione di un particolare meccanico,

Dettagli

LAVORAZIONE DELLE LAMIERE

LAVORAZIONE DELLE LAMIERE LAVORAZIONE DELLE LAMIERE Pagina 1 di 5 LAVORAZIONE DELLE LAMIERE La lavorazione delle lamiere si esegue fondamentalmente per deformazione plastica a freddo oppure per separazione localizzata del materiale

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA RAPID TOOLING PER STAMPI DI MATERIE PLASTICHE

PROGETTO DI RICERCA RAPID TOOLING PER STAMPI DI MATERIE PLASTICHE PROGETTO DI RICERCA RAPID TOOLING PER STAMPI DI MATERIE PLASTICHE Il progetto di ricerca e sperimentazione realizzato è la diretta evoluzione tecnologica delle metodologie di Rapid Prototyping: un progetto

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 5 Tecnologie di saldatura LIUC - Ingegneria Gestionale 1 La saldatura È un processo di unione permanente di due componenti meccanici effettuabile con diversi procedimenti

Dettagli

Filtri per la saldatura e tecniche connesse requisiti di trasmissione e utilizzazioni raccomandate

Filtri per la saldatura e tecniche connesse requisiti di trasmissione e utilizzazioni raccomandate allegato 3 - protezione personale degli occhi Allegato 3 (*) Si riportano di seguito le appendici delle norme UNI EN 169 (1993), UNI EN 170 (1993) e UNI EN 171 (1993) Protezione personale degli occhi (*)

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI I MATERIALI La tecnologia è quella scienza che studia: i materiali la loro composizione le loro caratteristiche le lavorazioni necessarie e le trasformazioni che possono subire e il loro impiego. I materiali

Dettagli

MATERIALI. Introduzione

MATERIALI. Introduzione MATERIALI 398 Introduzione Gli acciai sono leghe metalliche costituite da ferro e carbonio, con tenore di carbonio (in massa) non superiore al 2%. Attenzione: la normazione sugli acciai è in fase di armonizzazione

Dettagli

I materiali. I materiali. Introduzione al corso. Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza. Le prove meccaniche distruttive

I materiali. I materiali. Introduzione al corso. Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza. Le prove meccaniche distruttive I materiali I materiali Introduzione al corso Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza Le prove meccaniche distruttive La meccanica dei materiali 2 2006 Politecnico di Torino 1 Obiettivi

Dettagli

Lavorazione delle lamiere

Lavorazione delle lamiere Lavorazione delle lamiere Lamiere Utilizzate nella produzione di carrozzerie automobilistiche, elettrodomestici, mobili metallici, organi per la meccanica fine. Le lamiere presentano una notevole versatilità

Dettagli

TUBO RADIOGENO (Tubo a Raggi X)

TUBO RADIOGENO (Tubo a Raggi X) UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia TUBO RADIOGENO (Tubo a Raggi X) A.A. 2014-2015 Tecniche

Dettagli

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO Perché si abbia la formazione del truciolo deve esserci un moto relativo utensile pezzo Sforzo di compressione dell utensile sul pezzo

Dettagli

TECNOLOGIA MECCANICA. Parte 7

TECNOLOGIA MECCANICA. Parte 7 TECNOLOGIA MECCANICA Parte 7 La principale differenza è legata alle forme che sono generalmente faae in leghe metalliche (acciai legac) in modo da essere uclizzate per un numero elevato di geg. Si uclizzano

Dettagli

1.3.1 SALDATURA DI ACCIAI LEGATI, ACCIAI DISSIMILI E DI COMPOSIZIONE SCONOSCIUTA

1.3.1 SALDATURA DI ACCIAI LEGATI, ACCIAI DISSIMILI E DI COMPOSIZIONE SCONOSCIUTA 1.3 BACCHETTE CASTOTIG 1.3.1 SALDATURA DI ACCIAI LEGATI, ACCIAI DISSIMILI E DI COMPOSIZIONE SCONOSCIUTA 45507W Ø 1.0-1.2-1.6-2.0 Bacchetta TIG per riparazione e ricarica di acciai, unione di acciai dissimili,

Dettagli

Materiali per utensili da taglio: usura e durata degli utensili

Materiali per utensili da taglio: usura e durata degli utensili Materiali per utensili da taglio: usura e durata degli utensili Riferimenti: Levi/Zompì cap. 4 Santochi/Giusti cap. 8 1 Introduzione Il comportamento di un utensile influenza in maniera determinante la

Dettagli

Test di ingresso MECCANICA Classe 20A

Test di ingresso MECCANICA Classe 20A Test di ingresso MECCANICA Classe 0A 1. Tre corpi di massa rispettivamente m, m e 3m, collegati rigidamente fra loro con elementi di massa trascurabile, sono disposti in senso orario su una semicirconferenza

Dettagli

Guida pratica. Saldatura MIG di alluminio e delle sue leghe.

Guida pratica. Saldatura MIG di alluminio e delle sue leghe. Guida pratica. Saldatura MIG di alluminio e delle sue leghe. Indice: 1. Gas di copertura 2. Fili d apporto 3. Impianto di saldatura 4. Regolazioni 5. Prevenzione degli errori 1. Gas di copertura L argon

Dettagli