I reattori nucleari di quarta generazione: una fonte inesauribile di energia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I reattori nucleari di quarta generazione: una fonte inesauribile di energia"

Transcript

1 I reattori nucleari di quarta generazione: una fonte inesauribile di energia Milano-Bicocca, 21 Aprile, 2009 L. CINOTTI 1

2 Generation IV International Forum (GIF) è stato costituito per lo sviluppo della prossima generazione di reattori nucleari. È stato inizialmente promosso da Argentina, Brasile, Canada, Francia, Giappone, Corea del Sud, Sud Africa, Svizzera, Regno Unito, USA, ed anche da Euratom. Mappa dei Paesi aderenti a Generation IV 2

3 Generation IV International Forum (GIF) È attualmente sottoscritto da: Canada, Cina, Corea del Sud, Euratom, Francia, Giappone, Sud Africa, Svizzera, USA E attesa a breve anche la sottoscrizione da parte della Russia 3

4 Nel 2001 sono stati valutati circa 100 sistemi. L esame ha messo in evidenza grandi potenzialità dell energia nucleare e la necessità di lanciare tempestivamente i programmi di R&D. I sistemi più promettenti dal punto di vista tecnico sono stati suddivisi in due gruppi: - International Near-Term Deployment; - Reattori Generation IV, destinati a sostituire i reattori attuali. Nel dicembre 2002 viene pubblicata la Technology Roadmap for Generation IV Nuclear Energy Systems che: - identifica sei sistemi; - ne delinea il programma di R&D. 4

5 GIF ha operato la selezione basandosi su: - 4 Goals area, - 8 Goals, - 15 Criteria - 24 Metrics 5

6 Technology Roadmap for Generation IV I reattori fino a Generation III + possono garantire sicurezza, competitività economica e protezione fisica. I reattori (sistemi) Generation IV garantiscono anche sostenibilità e resistenza alla proliferazione. 6

7 International Near-Term Deployment Sono impianti che ricorrono a tecnologia provata; non raggiungono i requisiti di sostenibilità di GEN IV, ma ne viene riconosciuta alta potenzialità in termini di sicurezza ed economia. I criteri di selezione di detti impianti sono stati essenzialmente due: supporto industriale tale da renderli disponibili entro il 2015; caratteristiche tecniche, riferite ai quattro Goals area (Sustainability, Safety and Reliability, Economics, Proliferation Resistance and Physical Protection) uguali o migliori di quelle relative ai sistemi Generation III ed in particolare agli Advanced Light Water Reactors (ALWRs) di recente costruzione. 7

8 Advanced Boiling Water Reactors ABWR II (Advanced Boiling Water Reactor II) ESBWR (European Simplified Boiling WaterReactor) HC-BWR (High Conversion Boiling Water Reactor) SWR-1000 (Siedewasser Reactor-1000, ad acqua bollente) Advanced Pressure Tube Reactor ACR-700 (Advanced CANDU Reactor 700) Advanced Pressurized Water Reactors AP600 (Advanced Pressurized Water Reactor 600) AP1000 (Advanced Pressurized Water Reactor 1000) APR1400 (Advanced Power Reactor 1400) APWR+ (Advanced Pressurized Water Reactor Plus) EPR (European Pressurized Water Reactor) Integral Primary System Reactors CAREM (Central Argentinade Elementos Modulares) IMR (International Modular Reactor) IRIS (International Reactor Innovative and Secure) SMART (System-Integrated Modular Advanced Reactor) Modular High Temperature Gas-Cooled Reactors GT-MHR (Gas Turbine-Modular High Temperature Reactor) PBMR (Pebble Bed Modular Reactor) 8

9 Principi base per la sicurezza (1/3) LA REAZIONE A CATENA, SE DIVERGE, PUO COMPORTARE RAPIDI INCREMENTI DI POTENZA ARRESTARE LA REAZIONE DURANTE QUALSIASI INCIDENTE 9

10 Principi base per la sicurezza (2/3) I PRODOTTI DI FISSIONE SONO RADIOATTIVI E DECADENDO PRODUCONO CALORE IL CALORE DI DECADIMENTO AD 1 SECONDO 6,6% AD 1 MINUTO 4% AD 1 ORA 1,5% AD 1 GIORNO 0,6% RIMUOVERE IL CALORE DI DECADIMENTO ANCHE DOPO LO SPEGNIMENTO 10

11 Principi base per la sicurezza (3/3) I PRODOTTI ALL INTERNO DEL COMBUSTIBILE SONO RADIOATTIVI EVITARE IL RILASCIO DI RADIOATTIVITA ALL AMBIENTE (CONTENIMENTO) 11

12 Il reattore ad acqua in pressione (PWR) 12

13 Il Reattore Nucleare Recipiente in pressione Barre di controllo Refrigerante Moderatore Combustibile PWR Westinghouse 13

14 AP600 e AP1000 adottano sistemi passivi per maggior sicurezza e semplicità. 14

15 ISIS ANSALDO

16 ABB-ANSALDO SECURE ABB IRIS riprende molte soluzioni di origine italiana ISIS ANSALDO NILUS POLITECNICO di Milano IRIS Consorzio IRIS dal

17 L arricchimento U 235 U 238 L uranio naturale è un miscuglio di due isotopi: U 235 0,7%, U ,3% ~ 170 tu/anno per un reattore da 1000 MWe Uranio impoverito di scarso valore commerciale La maggior parte degli attuali reattori usa uranio arricchito al ~ 3,5-4% in U 235 ~ 24 tu/anno di uranio arricchito per un reattore da 1000 MWe Rischio di proliferazione se il processo viene spinto verso alti arricchimenti 17

18 Il combustibile esaurito Energia elettrica Nel Reattore ~ 23 t/anno di uranio. ~ 0,9 t/anno di prodotti di fissione. ~ 0,2 t/anno di plutonio ~ 0,04 t/anno di attinidi ~ 24 t/anno minori di uranio arricchito U 235 Pu U 238 Attinidi minori Prodotti di fissione Volume delle scorie non ottimizzato Scorie a vita lunga Scorie a vita lunga Rischio di proliferazione

19 Durata (in anni) delle riserve accertate all attuale tasso di consumo Carbone Gas Petrolio Uranio 19

20 Obbiettivi di sostenibilità e resistenza alla proliferazione dei reattori di quarta generazione: - un riprocessamento che separi solo i prodotti di fissione (resistenza alla proliferazione). U 235 Pu U 238 Attinidi minori Prodotti di fissione + - un reattore nucleare che possa essere alimentato in U 238, Pu ed attinidi minori (sostenibilità). - l inutilità dell arricchimento (resistenza alla proliferazione). 20

21 Il combustibile esaurito Nel Reattore ~ 24 t/anno di uranio arricchito Energia elettrica ~ 23 t/anno di uranio. ~ 0,9 t/anno di prodotti di fissione. ~ 0,2 t/anno di plutonio ~ 0,04 t/anno di attinidi minori U 235 U 238 Pu Attinidi minori Prodotti di fissione Volume scorie non ottimizzato Scorie a vita lunga Scorie a vita lunga Rischio di proliferazione + + Uranio impoverito Scorie a vita media + + Combustibile per i LFR 21

22 I sei sistemi di quarta generazione Generation IV Systems Acronym Chair of the SC Gas-Cooled Fast Reactor System Lead-Cooled Fast Reactor System Molten Salt Reactor System Sodium-Cooled Fast Reactor System Supercritical Reactor System Water-Cooled Very-High-Temperature Reactor System GFR LFR MSR SFR SCWR VHTR Anzieu (CEA-FRANCE) Cinotti (Del Fungo-Euratom) Renault (CEA-FRANCE) Ichimiya (JAEA- Japan) Khartabil (AECL-Canada) O Connor (DOE-USA) 22

23 I reattori SCWR e VHTR sono stati selezionati per la possibilità di innalzare la temperatura di funzionamento, permettendo la produzione di energia elettrica e idrogeno con alto rendimento. IL MSR è particolarmente adatto alla conversione del 232 Th, ma è sviluppabile solo a lungo termine. 23

24 Tre sistemi prescelti sono a spettro neutronico veloce GFR SFR LFR In un reattore veloce: ( Il keff cambia poco durante il burn up) ( si può usare il Pu, con Convertion Ratio~1) ( si possono bruciare gli attinidi minori) 24

25 Gas-Cooled Fast Reactor (GFR) reattore a spettro veloce raffreddato ad elio e con ciclo del combustibile chiuso per una efficiente conversione dell uranio fertile e la gestione degli attinidi. Importanti aspetti di sicurezza rimangono irrisolti. 25

26 Sodium-Cooled Fast Reactor (SFR) - reattore a spettro veloce raffreddato a sodio e con ciclo del combustibile chiuso per una efficiente conversione dell uranio fertile e la gestione degli attinidi. Si presta ad impianti sia di piccola che di grande taglia. La tecnologia è provata, ma non ha mai raggiunto la competitività con i reattori raffreddati ad acqua. 26

27 SUPERPHENIX Plant View 27

28 28

29 SPX1 29

30 Circuiti secondari di SPX1 30

31 SUPERPHENIX Erection of the Core Supporting Structure 31

32 SUPERPHENIX Detail Inside the Reactor Block 32

33 SUPERPHENIX Internals 33

34 SUPERPHENIX Intermediate Sodium/Sodium Heat Exchanger 34

35 SUPERPHENIX Tube Plate of an Intermediate Heat Exchanger 35

36 SUPERPHENIX Fuel Element Diagrid 36

37 Lead-Cooled Fast Reactor (LFR)- reattore a spettro veloce raffreddato a piombo e con ciclo del combustibile chiuso per una efficiente conversione dell uranio fertile e la gestione degli attinidi. The system uses pure lead or the lead/bismuth eutectic, with a reactor outlet temperature of 550 C, possibly ranging up to 800 C, depending upon the success of the materials R&D, (iniziale dichiarazione GENIV). 37

38 European Lead-cooled System (ELSY) (Progetto Euratom promosso e coordinato da aziende italiane) Lista dei partecipanti Paese Ansaldo Nucleare S.p.A, ANSALDO ITALIA AGH, Akademia Górniczo-Hutnicza AGH POLONIA Centro Elettrotecnico Sperimentale Italiano CESI ITALIA Inter Universities Consortium for Nuclear Technological Research CIRTEN ITALIA Centre National de la Recherche Scientifique CNRS FRANCIA Empresarios Agrupados Internacional S.A. EA SPAGNA Electricité de France EDF FRANCIA Ente per le Nuove Tecnologie, l Energia e l Ambiente ENEA ITALIA Forschungszentrum Karlsruhe GmbH FZK GERMANIA Institute for Nuclear Research INR ROMANIA European Commission, Joint Research Centre JRC EUROPA Royal Institute of Technology-Stockholm KTH SVEZIA Nuclear Research and Consultancy Group NRG OLANDA Ustav jaderneho vyzkumu Rez, a.s. (NRI Rez, plc.) UJV REPUBBLICA CECA Paul Scherrer Institut PSI SVIZZERA Studiecentrum voor Kernenergie SCK CEN BELGIO Del Fungo Giera Energia S.p.A. DEL ITALIA Data di inizio contratto: Impegno totale : 625 uomini-mese in tre anni 38

39 Principali Parametri di ELSY Potenza elettrica 630 MW Efficienza termica 42 % Refrigerante primario Sistema primario Circolazione del refrigerante primario Perdita di carico primaria (a potenza) Temperatura ingresso nocciolo Temperatura uscita nocciolo Combustibile Materiale delle guaine del combustibile Temperatura delle guaine del combustibile (max) Vessel del reattore Vessel di sicurezza Generatori di vapore Ciclo secondario Pompe primarie Strutture interne Vessel interno Scambiatori immersi del sistema di evacuazione del calore residuo Progetto sismico Piombo Integrato Forzata ~ 1,5 bar ~ 400 C ~ 480 C MOX e nitruri (con e senza attinidi minori) T91 (Fe-Al alloy coated) ~ 550 C In acciaio austenitico, appeso, corto ~ 9 m Ancorato al pozzo reattore N 8, integrati nel vessel del reattore Acqua-vapore surriscaldato a 180 bar, 450 C N 8, meccaniche con aspirazione dal collettore caldo Rimuovibili Cilindrico N 4, immersi nel collettore freddo Isolatori sismici 2D per l edificio reattore 39

40 Come progettare un LFR sulla base dell esperienza relativa ai SFR? L eliminazione dei circuiti intermedi è la chiave per la compattezza e la riduzione di costo dei LFR. I generatori di vapore possono essere istallati all interno del vessel del reattore. Ridotte dimensioni dell edificio reattore in pianta ed in elevazione 40

41 Come progettare un LFR sulla base dell esperienza relativa ai SFR? SPX1 Attenzione! Il vantaggio del LFR derivante dall eliminazione dei circuiti intermedi può essere annullato dall eccessive dimensioni del sistema primario per la bassa velocità di circolazione del piombo nel reattore (< 2m/s) e la maggior densità rispetto al sodio. 41

42 Il piombo è particolarmente promettente come refrigerante di un FR: è compatibile con l acqua; non brucia in aria; ha alto punto di ebollizione; è un ottimo schermo per le radiazioni; modera poco ed assorbe poco i neutroni; ma ha alto punto di fusione; è corrosivo per molti materiali strutturali. Temperature C Technology gap Pumps V outlet Core inlet 480 ~ Vessel Internals Cladding Negligible few ~ 100 dpa Critical Parameter Technological Limits for ss316 and T91 O 2 control + alluminization O 2 control Low O 2 activity Material embrittlement Lead Freezing Il ciclo termico è condizionato da aspetti tecnologici La tecnologia del piombo è stata inizialmente sviluppata dalla Russia con l uso dell eutettico piombo-bismuto in reattori per la propulsione di sottomarini. In Italia nel centro ENEA del Brasimone vi sono due circuiti sperimentali all eutettico piombo-bismuto ed uno a piombo puro. 42 T, dpa

43 Open issues at the beginning of the ELSY project ELSY How to transfer the LBE experience to pure lead? (already addressed in IP-Eurotrans) How to mitigate the seismic issue? How to compact the primary system? How to avoid the spent fuel internal storage? How to cool a high power spent fuel element during refuelling? How to design a compact SG? How to avoid the risk of catastrophic primary system pressurization associated to the water or steam collector failure? How to mitigate the effect of SGTR? How to make the internal removable? How to handle the fuel elements at 400 C in lead? How to sustain the fuel elements in lead? How to design a simple and reliable DHR? L. Cinotti, EUR coordination meeting on GIF, LFR - Update Bruxelles, December 4,

44 How to transfer the experience on LBE to pure lead? ELSY By using a low core outlet temperature as a LBE cooled reactor. SVBR- 75/100 ELSY BREST Coolant Core inlet T( C) LBE 320 Lead 400 Core oulet T ( C) By a technological program of adaptation of the LBE technology to lead. (IP-EUROTRANS, ELSY, VELLA, GETMAT) L. Cinotti, EUR coordination meeting on GIF, LFR - Update Bruxelles, December 4,

45 Come progettare un LFR sulla base dell esperienza relativa ai SFR? SPX1 ELSY L innovazione è la soluzione per la compattezza del sistema primario di ELSY nonostante la bassa velocità del piombo. 45 L. Cinotti Milano - Bicocca, 21 aprile, 2009

46 LFR How to mitigate the seismic issue? ELSY..from A Technology Roadmap for Generation IV Nuclear Energy Systems ELSY ELSY short-height vessel and compactness improves resistance to seismic loads L. Cinotti, L. Cinotti EUR coordination meeting on GIF, LFR - Update 46 Bruxelles, December 4, 2008 Milano - Bicocca, 21 aprile, 2009

47 How to compact the primary system? ELSY With no fuel internal storage With Innovative SG (-50% in volume) With Primary pumps integrated in the SG SG PP L. Cinotti, L. Cinotti EUR coordination meeting on GIF, LFR - Update 47 Bruxelles, December 4, 2008 Milano - Bicocca, 21 aprile, 2009

48 How to avoid the spent fuel internal storage? ELSY With an innovative spent fuel assembly cooling system Conductive lamellae clamped to the FA as additional heat transfer surface cooled by gas in natural circulation L. Cinotti, EUR coordination meeting on GIF, LFR - Update Bruxelles, December 4,

49 How to design a compact SG? ELSY..a spiral-tube bundle Steam Generator to cope with the main vessel leakage accident and for Simplicity and Compactness of the primary system Pump-SG integration. SG positioned in the upper part of the downcomer to shorten the Reactor Vessel. Volume reduced by about factor 2. Primary pressure loss reduced by about factor 2. Reactor vessel kept at constant temperature (load following made easier). L. Cinotti, L. Cinotti EUR coordination meeting on GIF, LFR - Update 49 Bruxelles, December 4, 2008 Milano - Bicocca, 21 aprile, 2009

50 How to avoid the risk of catastrophic primary system pressurization associated to the water or steam collector failure? ELSY Feed water and steam collectors outside the reactor vessel. L. Cinotti, EUR coordination meeting on GIF, LFR - Update Bruxelles, December 4,

51 ELSY How to mitigate the effect of SGTR?. Feed water tubes with Venturi nozzle and steam tubes with check valve for leak-flow limitation. Feed water and steam loops depressurized and isolated. Reactor cover gas plenum depressurized by rupture discs in ducts connected to the Above-Reactor Enclosure. Normally radial flow across the tube bundle deviated upwards by passive devices. L. Cinotti, L. Cinotti EUR coordination meeting on GIF, LFR - Update 51 Bruxelles, December 4, 2008 Milano - Bicocca, 21 aprile, 2009

52 How to make the internal removable? By a combination of radial and vertical displacements ELSY 1st 2nd 3rd 4th b a d c First condition: a>b Second condition: c>d L. Cinotti, EUR coordination meeting on GIF, LFR - Update Bruxelles, December 4,

53 How to handle a fuel element under lead at high temperature? ELSY It is possible, it is easy.the technology is available, let us learn from the operator of the bourguignonne. Heat transfer fluid Fuel element stem Handling (hot lead) (cold) Mechanisms Nuclear fuel L. Cinotti, L. Cinotti Operator (hot oil) Vessel EUR coordination meeting on GIF, Heat transfer fluid Special fuel LFR - Update Handle (cold end) Vessel 53 Bruxelles, December 4, 2008 Milano - Bicocca, 21 aprile, 2009

54 How to sustain the fuel elements in lead? ELSY..the Fuel Assemblies are sustained by buoyancy, kept in the vertical position by support beams and kept radially compacted by the inner vessel Fuel assemblies can be released of engagement with the inner vessel and moved apart from each other for refueling. L. Cinotti, L. Cinotti EUR coordination meeting on GIF, LFR - Update 54 Bruxelles, December 4, 2008 Milano - Bicocca, 21 aprile, 2009

55 How to design a simple and reliable DHR? ELSY Reactor Vessel Air-Cooling System + Water loops with innovative dip coolers Double-wall, helium bonded outer tube. Dip coolers Bayonet tube 55

56 ELSY GV WA-DHR GV ELSY Reactor Roof penetrations PU GV PU GV WA-DHR GV PU GV WA-DHR L. Cinotti, EUR coordination meeting on GIF, LFR - Update Bruxelles, December 4,

57 ELSY OPEN SQUARE CORE (Alternative hexagonal closed is also evaluated) ELSY Power MWth 1500 Fuel column height (mm) 900 N Fuel Assemblies (FA) 162 FA geometry Open square FA pitch (mm) 294 N fuel rods / FA (mm) 428 Fuel rod pitch (at 20 C) (mm) 13,9 Fuel rod outer diameter (mm) 10,5 Three radial fuel zones with different Pu contents Fuel PuO 2 vf [%] at. [% HM] wt [% HM] N FAs Inner 14,20 14,61 14,69 56 Intermediate 16,20 16,65 16,75 62 Outer 19,10 19,61 19,72 44 Core av. 16,30 16,75 16, L. Cinotti, EUR coordination meeting on GIF, LFR - Update Bruxelles, December 4,

58 An adiabatic core (it burns its own MA) with BR 1 is feasibile ELSY 1,0E ,0E [ kg ] 1,0E+03 Pu (+0,4% in 4 years) MAs U (-7,7% in 4 years) 1,0E+02 1,0E+01 1,0E+00 [ years ] MA equilibrium content (at equilibrium): 410 [kg] = 16,5% Pu BOL = 1,1% HM BOL, (τ 14 years) BU ( average in 4 years) = 60 MWd/ kg HM L. Cinotti, EUR coordination meeting on GIF, LFR - Update Bruxelles, December 4,

59 Technical summary ELSY Design provisions proposed for ELSY exploit the advantages of lead and overcome or alleviate the impact of the drawbacks Lead characteristics Good neutronic characteristics Reactor design features Fast flux, waste burning, low core ΔP No fast reaction with water, not ignites in air High boiling point No intermediate loop, Compact in-vessel SGs, DHR by air and water coolers Primary system at ambient pressure Corrosion Core mean outlet T limited to 480 C. Opacity Refueling machine operating in gas. No mechanism operating in lead. High melting point ISI requirements limited by design. High density 2D isolators supporting the reactor building. Short-height vessel. Reduced risk of re-criticality in case of core melt. Fuel elements basically supported by buoyancy. L. Cinotti, EUR coordination meeting on GIF, LFR - Update Bruxelles, December 4,

60 Flusso di materiali nucleari (in tonnellate) per produrre un terzo dell energia elettrica italiana. 1) Scenario attuale 2) Scenario prossimo possibile 3) Scenario verso 2040 Reattori raffreddati ad acqua di 3 generazione Reattori raffreddati a piombo liquido di 4 generazione senza riciclo degli attinidi minori Uranio naturale da estrarre ,8 Oppure a, b, c Prodotti del processo Uranio impoverito prodotto nell impianto di arricchimento Uranio incombusto nel combustibile esaurito 1900 (a) 184 (b) Pu risultante 2,6 (c) Attinidi minori risultanti Prodotti di fissione risultanti 0,38 (d) Reattori ideali raffreddati a piombo liquido di 4 generazione 10,44 Oppure a, b, c, d Trascurabile Trascurabile 0,36 Trascurabili 13 10,43 10,43 60

61 Conclusione (1/3) Il riciclaggio del Pu e degli attinidi minori in un reattore veloce riducono drasticamente la radiotossicità delle scorie nucleari. 61

62 Conclusione (2/3) I reattori veloci costituiscono una fonte inesauribile di energia senza rilasci di CO2 nell atmosfera Carbone Gas Petrolio Uranio In reattori termici Uranio in reattori veloci Durata (in anni) delle riserve accertate all attuale tasso di consumo Source: BP and IAEA data for

63 Conclusione (3/3) Il reattore raffreddato a piombo è la migliore soluzione? Sarà la soluzione sviluppata industrialmente per produrre energia nei prossimi decenni/secoli? 63 L. Cinotti Milano - Bicocca, 21 aprile, 2009

La posizione della Ricerca

La posizione della Ricerca La posizione della Ricerca La posizione della Ricerca 2 1. Evoluzione dei reattori nucleari 2. La ricerca: un impegno a livello internazionale 3. Il contributo italiano 1. Evoluzione dei reattori nucleari:

Dettagli

Enrico MAINARDI - Associazione Italiana Nucleare; E-MAIL: info@assonucleare.it

Enrico MAINARDI - Associazione Italiana Nucleare; E-MAIL: info@assonucleare.it Reattori Nucleari di IV Generazione Enrico MAINARDI - Associazione Italiana Nucleare; E-MAIL: info@assonucleare.it Enrico MAINARDI, ingegnere nucleare e dottorato in Energetica, ha collaborato con università

Dettagli

nucleare e fonti rinnovabili

nucleare e fonti rinnovabili L Energia,, per il futuro: nucleare e fonti rinnovabili Reattori di nuova generazione per il nucleare del futuro Dipartimento di fisica Luciano Cinotti Milano 8 Ottobre,, 2006 Del Fungo Giera Energia L

Dettagli

Aumento costante del consumo di energia nel mondo (+ 50 % nel 2020):

Aumento costante del consumo di energia nel mondo (+ 50 % nel 2020): La produzione di energia nel mondo Passato e presente Futuro Aumento della popolazione mondiale (10 miliardi nel 2050) Miglioramento generale degli standard di vita (soprattutto nell area BRIC) Aumento

Dettagli

Energia nucleare di IV Generazione e Fusione

Energia nucleare di IV Generazione e Fusione Università di Pisa Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Nucleare e della Produzione Energia nucleare di IV Generazione e Fusione Francesco Oriolo IV Congresso Nazionale AIGE Roma, 26-27 Maggio 2010 Quali

Dettagli

Il J \V\ ~ (fa?t')ft;~, 'tjl(t/jlj

Il J \V\ ~ (fa?t')ft;~, 'tjl(t/jlj Pago ~ NNFISS - P3-11 1 12 Titolo Pompa Centrifuga per Impianto a Metallo iquido pesante Descrittori Tipologia del documento: Collocazione contrattuale: Argomenti trattati: Specifica Tecnica Sistema Accordo

Dettagli

Produzione di energia dall atomo

Produzione di energia dall atomo Produzione di energia dall atomo Corso di aggiornamento Clima ed energie L. Ramello CCS in Fisica, Facoltà di Scienze M.F.N. Contenuti Consumi di energia in Italia, in Europa e nel mondo Energia dalla

Dettagli

Campi d'applicazione: Centrali termoelettriche Propulsione navale e impianti ausiliari navali Applicazioni industriali (essiccamento, distillazione,

Campi d'applicazione: Centrali termoelettriche Propulsione navale e impianti ausiliari navali Applicazioni industriali (essiccamento, distillazione, UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE Generatori di vapore e reattori nucleari Campi d'applicazione Campi d'applicazione: Centrali termoelettriche Propulsione navale e impianti ausiliari

Dettagli

Energia dal Nucleo. Ezio Previtali

Energia dal Nucleo. Ezio Previtali Energia dal Nucleo Ezio Previtali Struttura dell atomo m = 5.5x10-4 a.m.u. r ~ 1 Å = 10-10 m m = 1 a.m.u.= 1.7x10-27 kg r ~ 1 fm = 10-15 m R n = R 0 A 1/3 R 0 = 1.2 fm La carta dei nuclidi Isotopi = stesso

Dettagli

MIX ENERGETICO DI ALCUNI PAESI EUROPEI PRODUZIONE SPECIFICA DEL MIX ENERGETICO. x fr gas. x fr olio. x fr carbone. P s. (mix) = (P s carbone

MIX ENERGETICO DI ALCUNI PAESI EUROPEI PRODUZIONE SPECIFICA DEL MIX ENERGETICO. x fr gas. x fr olio. x fr carbone. P s. (mix) = (P s carbone Produzione di CO2 da fonti energetiche fossili e non fossili Produzione specifica di CO 2 da centrali a combustibili fossili Produzione specifica di CO 2 da diversi mix energetici Ruolo dell energia nucleare

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA TECNOLOGIA NUCLEARE

EVOLUZIONE DELLA TECNOLOGIA NUCLEARE SAFETY FORUM 2009 Ing. Adriano Zuliani, Associazione Italiana Nucleare (AIN) EVOLUZIONE DELLA TECNOLOGIA NUCLEARE SAFETY FORUM 2009 UNIVERSITA CAMPUS BIO MEDICO Roma, 9 Maggio 2009 EVOLUZIONE DELLA TECNOLOGIA

Dettagli

Energia nucleare e risorse energetiche

Energia nucleare e risorse energetiche Energia nucleare e risorse energetiche Vera Montalbano Dipartimento di Fisica Università di Siena Riserva Naturale del Pigelleto 7-10 settembre 2009 Le conquiste della fisica moderna L'elemento più usato

Dettagli

L energia nucleare. INFN Sezione di Bari

L energia nucleare. INFN Sezione di Bari L energia nucleare Vantaggi, limiti e prospettive future N. Colonna INFN Sezione di Bari 1 La produzione di CO 2 Report of the Intergovernmental Panel on Climate Changes (IPCC), 2007 www.ipcc wg1.unibe.ch/publications/wg1

Dettagli

Scorie Nucleari e Cicli Innovativi del Combustibile

Scorie Nucleari e Cicli Innovativi del Combustibile DIMNP (University of Pisa) & DIPTEM (University of Genova) e-mail: g.lomonaco@ing.unipi.it Scorie Nucleari e Cicli Innovativi del Combustibile Dr. Ing. Scorie Nucleari e Cicli Innovatici 1 Le scorie nucleari

Dettagli

L incidente di Fukushima

L incidente di Fukushima L incidente di Fukushima DEA - Dipartimento di Energia e Ambiente - CISM http://www.cism.it/departments/energy-and-environment/ Premessa Nel distretto di Fukushima vi sono due centrali nucleari: Fukushima

Dettagli

Almo Collegio Borromeo, Pavia, a.a. 2009-2010 corso riconosciuto dall Università degli Studi di Pavia ENERGIA NUCLEARE.

Almo Collegio Borromeo, Pavia, a.a. 2009-2010 corso riconosciuto dall Università degli Studi di Pavia ENERGIA NUCLEARE. Energia e Fonti Rinnovabili Almo Collegio Borromeo, Pavia, a.a. 2009-2010 corso riconosciuto dall Università degli Studi di Pavia ENERGIA NUCLEARE Andrea Borio Dipartimento di Fisica Nucleare e Teorica

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

L ENERGIA NUCLEARE: OPPORTUNITÁ e/o PROBLEMATICHE?

L ENERGIA NUCLEARE: OPPORTUNITÁ e/o PROBLEMATICHE? Dipartimento della Produzione, Termoenergetica e Modelli Matematici Sezione Termoenergetica e Condizionamento Ambientale L ENERGIA NUCLEARE: OPPORTUNITÁ e/o PROBLEMATICHE? 2 Maggio 1942 Prof. M. MISALE

Dettagli

Scenari energetici futuri Prospettive della energia nucleare. G. Turchetti Dipartimento di Fisica e Centro Galvani UNIBO INFN Sezione di Bologna

Scenari energetici futuri Prospettive della energia nucleare. G. Turchetti Dipartimento di Fisica e Centro Galvani UNIBO INFN Sezione di Bologna Prospettive della energia nucleare G. Turchetti Dipartimento di Fisica e Centro Galvani UNIBO INFN Sezione di Bologna In memoria di Giuseppe Minardi, un amico, Senigalliese che amato la sua città come

Dettagli

HeatReCar. Reduced Energy Consumption by Massive Thermoelectric Waste Heat Recovery in Light Duty Trucks

HeatReCar. Reduced Energy Consumption by Massive Thermoelectric Waste Heat Recovery in Light Duty Trucks HeatReCar Reduced Energy Consumption by Massive Thermoelectric Waste Heat Recovery in Light Duty Trucks SST.2007.1.1.2 Vehicle/vessel and infrastructure technologies for optimal use of energy Daniela Magnetto,

Dettagli

Titolo presentazione sottotitolo

Titolo presentazione sottotitolo Competenze di sicurezza, security e sostenibilità nucleare nel mondo accademico Titolo presentazione sottotitolo Accordo di Programma Milano, MiSE-ENEA XX mese 2012-2014 20XX, 2015 Sett. 11 prof. Marco

Dettagli

SCATTER Caratteristiche generali General features

SCATTER Caratteristiche generali General features 141 Caratteristiche generali General features I destratificatori elicoidali serie scatter, sono adatti a distribuire, nella stagione invernale, volumi d aria in medi e grandi ambienti, come capannoni,

Dettagli

Per innovativi si intendono quei sistemi che, rispetto alla generazione attuale, presentano una o più delle seguenti caratteristiche:

Per innovativi si intendono quei sistemi che, rispetto alla generazione attuale, presentano una o più delle seguenti caratteristiche: 18. Ciclo del combustibile Fino verso la fine degli anni '70 vi è stato un forte interesse allo sviluppo dei reattori veloci, in quanto sistemi capaci di produrre, attraverso il meccanismo della fertilizzazione

Dettagli

NEW. e p. Water Less Cooled Plate RHVT Piatto raffreddato ad aria RHVT

NEW. e p. Water Less Cooled Plate RHVT Piatto raffreddato ad aria RHVT pe NEW v re o Euro nding B Pe an Patent e p RHVT Piatto raffreddato ad aria RHVT etto Euro NO WATER NO ACQUA NO MECHANICAL PARTS IN MOVEMENT NESSUNA PARTE MECCANICA IN MOVIMENTO ONLY COMPRESSED AIR SOLO

Dettagli

star Antighiaccio - Antifrost PATENT PENDING

star Antighiaccio - Antifrost PATENT PENDING Antighiaccio - Antifrost il rubinetto d erogazione a sfera ha riscosso un successo a livello internazionale grazie agli indubbi vantaggi tecnici qualitativi proposti rispetto ai modelli tradizionali. Successo

Dettagli

Sistemi di recupero calore da fonderia con tecnologia Organic Rankine Cycle: stato dell arte e sviluppi futuri

Sistemi di recupero calore da fonderia con tecnologia Organic Rankine Cycle: stato dell arte e sviluppi futuri Sistemi di recupero calore da fonderia con tecnologia Organic Rankine Cycle: stato dell arte e sviluppi futuri Brescia - 22 Novembre 2014 Francesco Campana, Sales Engineer Turboden SILC I Sustainable Industry

Dettagli

Giornata di informazione su VII Programma Quadro per Ricerca e Innovazione Fissione Nucleare

Giornata di informazione su VII Programma Quadro per Ricerca e Innovazione Fissione Nucleare IL PROGRAMMA EURATOM PER RICERCA E FORMAZIONE Giornata di informazione su VII Programma Quadro per Ricerca e Innovazione Fissione Nucleare Roma, 17 Febbraio 2012 ENEA Sede Piero Risoluti Esperto Nazionale

Dettagli

ENERGIA NUCLEARE Ing. Andrea Nicolini

ENERGIA NUCLEARE Ing. Andrea Nicolini Università degli Studi di Perugia ENERGIA NUCLEARE Ing. Andrea Nicolini RADIOATTIVITA L energia di legame (ovvero l energia che occorre somministrare dall esterno per spaccare un nucleo) è funzione del

Dettagli

TECNOLOGIE SUL MERCATO

TECNOLOGIE SUL MERCATO TECNOLOGIE SUL MERCATO Cicli chiusi Produzione acqua refrigerata Cicli aperti Condizionamento aria diretto Tipo di sorbente solido liquido solido liquido Tipici materiali in uso Acqua - Silicagel, 1) Ammoniaca

Dettagli

Le ricerche sull idrogeno al Dipartimento di Energetica del Politecnico di Milano Ennio Macchi. Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano

Le ricerche sull idrogeno al Dipartimento di Energetica del Politecnico di Milano Ennio Macchi. Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Le ricerche sull idrogeno al Dipartimento di Energetica del Politecnico di Milano Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano I principali filoni di ricerca (I) 2 La coproduzione di idrogeno ed

Dettagli

MONITORAGGIO TERMICO IR DEGLI IMPIANTI IN AREE POTENZIALMENTE ESPLOSIVE, PER LA PROTEZIONI DEI BENI E DELLE PERSONE

MONITORAGGIO TERMICO IR DEGLI IMPIANTI IN AREE POTENZIALMENTE ESPLOSIVE, PER LA PROTEZIONI DEI BENI E DELLE PERSONE MONITORAGGIO TERMICO IR DEGLI IMPIANTI IN AREE POTENZIALMENTE ESPLOSIVE, PER LA PROTEZIONI DEI BENI E DELLE PERSONE Esempio pratico di applicazione su Gassificatore MAINTENANCE Stories Siracusa, 16 giugno

Dettagli

HOLCROFT POWER GENERATOR FOR QUENCHING FURNACE

HOLCROFT POWER GENERATOR FOR QUENCHING FURNACE OEM SALES AND HOLCROFT POWER GENERATOR FOR QUENCHING FURNACE FOR SALE Monfalcone, September 15 th 2015 Page 1 of 7 OEM SALES AND MAIN TECHNICAL DATA OF UNIVERSAL HOLCROFT POWER GENERATOR FOR ATMOSPHERE

Dettagli

UNION CAMERE DEL VENETO 26 Novembre 2015 Hotel Laguna Palace Soluzioni ibride per la produzione di energie rinnovabili: quali opportunità per il

UNION CAMERE DEL VENETO 26 Novembre 2015 Hotel Laguna Palace Soluzioni ibride per la produzione di energie rinnovabili: quali opportunità per il Indice UNION CAMERE DEL VENETO 26 Novembre 2015 Hotel Laguna Palace UNION CAMERE DEL VENETO 26 Novembre 2015 Hotel Laguna Palace Archimede Solar Energy UNION CAMERE DEL VENETO 26 Novembre 2015 Hotel Laguna

Dettagli

Le frontiere tecnologiche nella ricerca sulle energie rinnovabili

Le frontiere tecnologiche nella ricerca sulle energie rinnovabili Le frontiere tecnologiche nella ricerca sulle energie rinnovabili Giorgio Palazzi ENEA Seminario Le fonti di energia rinnovabili e le politiche di ricerca e sviluppo in Puglia Bari, 29 maggio 2007 Biblioteca

Dettagli

POMPE DI CALORE AD ALTA TEMPERATURA AL SERVIZIO DI SISTEMI DI TELERISCALDAMENTO GEOTERMICI

POMPE DI CALORE AD ALTA TEMPERATURA AL SERVIZIO DI SISTEMI DI TELERISCALDAMENTO GEOTERMICI POMPE DI CALORE AD ALTA TEMPERATURA AL SERVIZIO DI SISTEMI DI TELERISCALDAMENTO GEOTERMICI Ulrich Pietrucha ulrich.pietrucha@friotherm.com Friotherm AG Zürcherstrasse 12 CH-8401 Winterthur Switzerland

Dettagli

L ENERGIA NUCLEARE NEL MONDO

L ENERGIA NUCLEARE NEL MONDO Tolmezzo, 27 maggio 2011 L ENERGIA NUCLEARE NEL MONDO G. Comini CISM Dipartimento di Energia e Ambiente Preoccupazioni Sicurezza, in quanto le centrali nucleari sono viste come un rischio per la salute

Dettagli

Tecniche di Solar Cooling

Tecniche di Solar Cooling Tecniche di Solar Cooling Motivazioni, principi di funzionamento, sistemi Marco Citterio ENEA Evoluzione dei consumi energetici nel settore Civile: ~29 MTep ~15 MTep Consumi di Energia Primaria: dati storici

Dettagli

Solar cooling applicato alle strutture sportive: palazzetto dello sport di Dongo

Solar cooling applicato alle strutture sportive: palazzetto dello sport di Dongo Solar cooling applicato alle strutture sportive: palazzetto dello sport di Dongo KlimaEnergy 2011 - Bolzano Federico Cristofoli, Kloben BENVENUTI SOLAR COOLING: FABBISOGNO E SINCRONIA 3000 [kwh/mese] Radiazione

Dettagli

ADS (Accelerator Driven Systems) e LFR (Lead Fast Reactor)

ADS (Accelerator Driven Systems) e LFR (Lead Fast Reactor) ADS (Accelerator Driven Systems) e LFR (Lead Fast Reactor) L. Mansani luigi.mansani@ann.ansaldo.it Seminario su: Impianto sperimentale sottocritico a neutroni veloci in Piombo solido a bassa potenza sostenuto

Dettagli

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Analisi critica di concetti di reattori evolutivi PWR di piccola taglia ed identificazione

Dettagli

TANTI STILI UNA PASSIONE - SEVERAL STYLES ONE PASSION. Company Profi le

TANTI STILI UNA PASSIONE - SEVERAL STYLES ONE PASSION. Company Profi le TANTI STILI UNA PASSIONE - SEVERAL STYLES ONE PASSION Company Profi le DAL 1969 Since 1969 La Spaziale S.p.A. è stata fondata nel 1969 da persone con una esperienza realizzata sin dal 1947 nel settore

Dettagli

Realizzazione di un sistema di monitoraggio per un. impianto di solar cooling a servizio dell edificio Q2. del campus AREA Science Park di Basovizza

Realizzazione di un sistema di monitoraggio per un. impianto di solar cooling a servizio dell edificio Q2. del campus AREA Science Park di Basovizza Realizzazione di un sistema di monitoraggio per un impianto di solar cooling a servizio dell edificio Q2 del campus AREA Science Park di Basovizza Progetto EMILIE Relazione conclusiva Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Centrale Termodinamica Cogenerativa Solare Indipendente, integrabile a Biomasse da 120KWe a oltre 1MWe

Centrale Termodinamica Cogenerativa Solare Indipendente, integrabile a Biomasse da 120KWe a oltre 1MWe 1 2 3 4 Centrale Termodinamica Cogenerativa Solare Indipendente, integrabile a Biomasse da 120KWe a oltre 1MWe SIP SOLAR COB : Sistema Solare Termodinamico a Sali fusi con accumulo Indipendente e Modulare

Dettagli

Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca

Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca Ezio Previtali INFN Sezione Milano Bicocca Università di Milano Bicocca Misure di Elementi in Ultra-Tracce Fisica

Dettagli

international GARDEN LINE CLEANING Revisione 6-09/2013 Cod. 7111352

international GARDEN LINE CLEANING Revisione 6-09/2013 Cod. 7111352 C L E A N I N G GARDEN LINE international CLEANING Revisione 6-09/2013 Cod. 7111352 Note Tecniche di Prodotto. I dati e le caratteristiche tecniche riportate nel presente Catalogo Generale non sono impegnativi.

Dettagli

VALVOLE IDROPNEUMATICHE IN MATALLO / METAL DIAPHRAGM VALVES LINEA DI PRESSIONE LINE PRESSURE CAMERA SUPERIORE UPPER CHAMBER

VALVOLE IDROPNEUMATICHE IN MATALLO / METAL DIAPHRAGM VALVES LINEA DI PRESSIONE LINE PRESSURE CAMERA SUPERIORE UPPER CHAMBER VALVOLE IDROPNEUMATICHE IN MATALLO / METAL DIAPHRAGM VALVES CARATTERISTICHE GENERALI: Le valvole nella versione standard sono normalmente aperte. Il coperchio ed il corpo valvola sono in ghisa. La membrana

Dettagli

A new approach to concentrating solar plant (CSP) by ENEA

A new approach to concentrating solar plant (CSP) by ENEA A new approach to concentrating solar plant (CSP) by ENEA ENEA objective Economic element of solar plant ENEA technology innovations Archimede demonstrative solar plant Final remarks Presented by Mauro

Dettagli

MOTORE ALIMENTATO AD AMMONIACA

MOTORE ALIMENTATO AD AMMONIACA CONVEGNO Dalle autostrade alle Neostrade : quale auto/strada prendere? MOTORE ALIMENTATO AD AMMONIACA Un progetto Toscano per una mobilità sostenibile Pontedera, Auditorium Museo Piaggio 13 ottobre 2015

Dettagli

Decommissioning degli Impianti Nucleari

Decommissioning degli Impianti Nucleari 2004 Decommissioning degli Impianti Nucleari Si può fare ed è stato fatto Una delle preoccupazioni più diffuse in tema di produzione di energia elettrica da fonte nucleare è che la disattivazione degli

Dettagli

INCIDENTE DI CERNOBYL. 26 aprile 1986

INCIDENTE DI CERNOBYL. 26 aprile 1986 INCIDENTE DI CERNOBYL 26 aprile 1986 breve storia breve storia Il più grave incidente nella storia dell energia nucleare. Con l incidente avvenuto nel marzo 2011 alla centrale di Fukushima Dai-ichi è un

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE

LE FONTI ENERGETICHE LE FONTI ENERGETICHE Le fonti energetiche Nella vita di tutti i giorni utilizziamo, per gli scopi più diversi, energia; essa è immagazzinata in svariati corpi e materiali disponibili in natura. Quasi tutta

Dettagli

Domande alla scienza: Come funzionano le centrali nucleari e cosa è successo a Fukushima?

Domande alla scienza: Come funzionano le centrali nucleari e cosa è successo a Fukushima? Domande alla scienza: Come funzionano le centrali nucleari e cosa è successo a Fukushima? Stefano Covino INAF / Osservatorio Astronomico di Brera Vimercate UTL 2011 Quanto è importante il nucleare? Il

Dettagli

DRASTICITA DI TEMPRA DEI GAS E DEI LIQUIDI A CONFRONTO. Elio Gianotti Trattamenti Termici Ferioli e Gianotti SpA Rivoli To

DRASTICITA DI TEMPRA DEI GAS E DEI LIQUIDI A CONFRONTO. Elio Gianotti Trattamenti Termici Ferioli e Gianotti SpA Rivoli To DRASTICITA DI TEMPRA DEI GAS E DEI LIQUIDI A CONFRONTO Elio Gianotti Trattamenti Termici Ferioli e Gianotti SpA Rivoli To INTRODUZIONE La gamma dei gas e dei liquidi di tempra commercialmente disponibili

Dettagli

Progetto Filiera idrogeno WP9: Monitoraggio della Normativa e Sicurezza dell Idrogeno

Progetto Filiera idrogeno WP9: Monitoraggio della Normativa e Sicurezza dell Idrogeno Progetto Filiera idrogeno WP9: Monitoraggio della Normativa e Sicurezza dell Idrogeno Responsabile Prof. Marco CARCASSI Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Nucleare e della Produzione Università di Pisa

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata Ingegneria per l Ambiente e il Territorio GESTIONE ED ECONOMIA DELL ENERGIA A.A 2010-2011 ISPEZIONE E CONTABILITÀ NUCLEARE IN UN NUOVO SCENARIO ENERGETICO ITALIANO

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTE FOSSILE E NUCLEARE

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTE FOSSILE E NUCLEARE PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTE FOSSILE E NUCLEARE Ing. Mauro Venturini Ing. Mauro Venturini Dipartimento di Ingegneria Sommario Produzione di energia da fonte fossile Impianti a vapore d acqua Turbine

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM YEAR: 2011 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection System (ecolds) for Ferrera - Cremona Pipeline which

Dettagli

La ricerca sulla fusione

La ricerca sulla fusione La ricerca sulla fusione La ricerca sulla fusione vede impegnati i migliori laboratori di tutto il mondo con l obiettivo di arrivare ad una fonte di energia rinnovabile, sicura, praticamente inesauribile,

Dettagli

LP1 - Collaborazioni internazionali e sviluppo competenze in materia nucleare

LP1 - Collaborazioni internazionali e sviluppo competenze in materia nucleare Progetto 1.3.1: «Nuovo nucleare da fissione» LP1 - Collaborazioni internazionali e sviluppo competenze in materia nucleare M. Sepielli Responsabile Unità Tecnica Tecnologie per la fissione e Gestione materiali

Dettagli

PROGETTO STRATEGICO INFN-ENERGIA

PROGETTO STRATEGICO INFN-ENERGIA PROGETTO STRATEGICO INFN-ENERGIA APPROFONDIMENTO (dal Piano Triennale) INFN- E è una nuova linea di ricerca dell Ente, il cui fine è lo sviluppo di competenze e strumentazioni nel settore delle applicazioni

Dettagli

Studi di scenario ed estensione del modello economicofinanziario per la realizzazione di un parco reattori nucleari

Studi di scenario ed estensione del modello economicofinanziario per la realizzazione di un parco reattori nucleari Studi di scenario ed estensione del modello economicofinanziario per la realizzazione di un parco reattori nucleari nell orizzonte 2020-2030 S. Boarin, M. Cerini, M. Ricotti, F. Vettraino Report RSE/2009/139

Dettagli

Sistemi Nucleari di IV Generazione. Contributo Universitario Italiano

Sistemi Nucleari di IV Generazione. Contributo Universitario Italiano WORKSHOP REATTORI DI IV GENERAZIONE E SICUREZZA NUCLEARE Sistemi Nucleari di IV Generazione. Contributo Universitario Italiano G. Forasassi Centro Ricerche ENEA, Roma, 11Settembre, 2015 Brasimone, 21-22

Dettagli

The research activity lines devoted to the abatement of CO2 emissions in a large university department Ennio Macchi

The research activity lines devoted to the abatement of CO2 emissions in a large university department Ennio Macchi The research activity lines devoted to the abatement of CO2 emissions in a large university department Head of the Department of Energy - Politecnico di Milano The context - CO 2 emissions 1/2 The context

Dettagli

VALVOLE DI SFIATO ARIA AUTOMATICHE AUTOMATIC AIR VENT VALMAT VALMAT AUTOMATIC AIR VENT VALMAT VALVOLE DI SFIATO ARIA AUTOMATICHE VALMAT

VALVOLE DI SFIATO ARIA AUTOMATICHE AUTOMATIC AIR VENT VALMAT VALMAT AUTOMATIC AIR VENT VALMAT VALVOLE DI SFIATO ARIA AUTOMATICHE VALMAT VALVOLE DI SFIATO ARIA AUTOMATICHE VALMAT CARATTERISTICHE IDRAULICHE La valvola di sfiato viene utilizzata negli impianti di riscaldamento per scaricare le sacche d aria. Il rubinetto di intercettazione

Dettagli

Innovative Technological Systems S.r.l. Motori a ciclo Stirling ITS Energy

Innovative Technological Systems S.r.l. Motori a ciclo Stirling ITS Energy Innovative Technological Systems S.r.l. Motori a ciclo Stirling ITS Energy Innovative Technological Systems S.r.l. IL PROGETTO AZIENDALE La società, evoluzione dalla precedente collaborazione tra gli attuali

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria. Corso di Pianificazione Energetica Prof. ing. Francesco Asdrubali a.a.

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria. Corso di Pianificazione Energetica Prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione Energetica Prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2012-13 ENERGIA NUCLEARE Contributo alla produzione di energia elettrica al

Dettagli

Energy Saving Solutions

Energy Saving Solutions Energy Saving Solutions Energy Saving Solutions IBT È PARTNER ESCLUSIVO PER L ITALIA DELLA SOCIETÀ CALIFORNIANA CAPSTONE TURBINE CORPORATION, LEADER MONDIALE NELLA TECNOLOGIA DEI SISTEMI ENERGETICI CON

Dettagli

RPS TL System. Soluzioni per l energia solare Solutions for solar energy

RPS TL System. Soluzioni per l energia solare Solutions for solar energy Soluzioni per l energia solare Solutions for solar energy RPS TL da 280 kwp a 1460 kwp RPS TL from 280 kwp to 1460 kwp RPS TL System L elevata affidabilità e la modularità della costruzione sono solo alcuni

Dettagli

pod coffee machines macchine per caffé IN CIALDE pod coffee machines macchine per caffé in cialde

pod coffee machines macchine per caffé IN CIALDE pod coffee machines macchine per caffé in cialde Non accontentatevi! Non sono tutte uguali le macchine per caffè, noi le facciamo per il nostro caffè. Costruite su misura per un risultato perfertto. Per la casa, per l ufficio, per il bar. Don t be satisfied!

Dettagli

APPUNTI DI IMPIANTI NUCLEARI

APPUNTI DI IMPIANTI NUCLEARI Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Nucleare e della Produzione Università di Pisa APPUNTI DI IMPIANTI NUCLEARI RL 811 A (99) Prof. Bruno Guerrini Dr. Ing. Sandro Paci Anno Accademico

Dettagli

La sfida ambientale e le nuove tecnologie energetiche

La sfida ambientale e le nuove tecnologie energetiche La sfida ambientale e le nuove tecnologie energetiche Franco Donatini Responsabile Rinnovabili Politiche di Ricerca e Sviluppo Enel Ingegneria e Innovazione Energia, come motore della storia La terra da

Dettagli

GLI ACCUMULI TERMICI A CAMBIAMENTO DI FASE

GLI ACCUMULI TERMICI A CAMBIAMENTO DI FASE GLI ACCUMULI TERMICI A CAMBIAMENTO DI FASE R. Lazzarin, M. Noro, L. Zamboni Dipartimento di Tecnica e Gestione dei sistemi industriali Università degli Studi di Padova CITTA SOSTENIBILE Convegno Climatizzazione

Dettagli

Emicon ac. Labs. Emicon Labs. Emicon new Climatic Chambers Le nuove camere climatiche Emicon

Emicon ac. Labs. Emicon Labs. Emicon new Climatic Chambers Le nuove camere climatiche Emicon Emicon ac Labs FC Emicon Labs Emicon new Climatic Chambers Le nuove camere climatiche Emicon Yacht Yacht Laboratory allows the performances check of air and water cooled close control units up to a cooling

Dettagli

DEVIATORI DI FLUSSO DIVERTER VALVES

DEVIATORI DI FLUSSO DIVERTER VALVES DEVIORI DI FLUSSO DIVERER VLVES OLEODINMIC MRCHESINI.1 - DEVIORI DI FLUSSO 3 VIE.1-3-WYS DIVERER VLVES tipo/ type DF 3 Schema Idraulico (con centro aperto) Hydraulic Diagram (with opened centre) richiesta

Dettagli

Il nucleare: situazione attuale e prospettive nel mondo e l approccio Italiano

Il nucleare: situazione attuale e prospettive nel mondo e l approccio Italiano Il nucleare: situazione attuale e prospettive nel mondo e l approccio Italiano Alessandro Clerici Presidente onorario WEC Italia 1 Indice 1) Premessa 2) La nascita e lo sviluppo negli anni del nucleare

Dettagli

POMPA PNEUMOIDRAULICA PNEUMOHYDRAULIC PUMP VERSIONE PER OLIO E PER ACQUA OIL AND WATER WORKING APPLICATION

POMPA PNEUMOIDRAULICA PNEUMOHYDRAULIC PUMP VERSIONE PER OLIO E PER ACQUA OIL AND WATER WORKING APPLICATION POMPA PNEUMOIDRAULICA PNEUMOHYDRAULIC PUMP VERSIONE PER OLIO E PER ACQUA OIL AND WATER WORKING APPLICATION VERSIONE MANUALE CON VOLANTINO MANUAL VERSION WITH HANDWHEEL VERSIONE CON COMANDO PNEUMATICO A

Dettagli

Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico. Ennio Macchi Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano

Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico. Ennio Macchi Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Il quesito cui cercherò di rispondere 2 La pompa di calore utilizza energia elettrica per

Dettagli

LA CENTRALE EPR AREVA-SIEMENS

LA CENTRALE EPR AREVA-SIEMENS QUADERNO AIN n. 3 21 mo SECOLO SCIENZA E TECNOLOGIA n. 4-2009 AIN ASSOCIAZIONE ITALIANA NUCLEARE QUADERNO N. 3 IMPIANTI NUCLEARI DI TERZA GENERAZIONE LA CENTRALE EPR AREVA-SIEMENS Il reattore EPR (Enhanced

Dettagli

La sicurezza delle centrali nuclear

La sicurezza delle centrali nuclear La sicurezza delle centrali nuclear Milano, 5 maggio 2011 Giuseppe Bolla, Senior Advisor Fondazione EnergyLab EnergyLab - Laboratorio dell Energia Il sistema integrato di gestione in campo nu La sicurezza

Dettagli

Energia da processi nucleari

Energia da processi nucleari Energia da processi nucleari G. Bosia Dipartimento di Fisica Università di Torino Produzione di energia nucleare La possibilità di estrarre energia da processi nucleari è legata all eccesso di massa. Fusion

Dettagli

COME SI CONSULTA IL CATALOGO RICAMBI HOW TO READ THE SPARE PARTS CATALOGUE

COME SI CONSULTA IL CATALOGO RICAMBI HOW TO READ THE SPARE PARTS CATALOGUE MAIN 24 Fi 24 i SPARE PARTS CATALOGUE - COME SI CONSULTA IL CATALOGO RICAMBI Dopo le tavole esplosi caldaie si trovano le liste dei componenti delle caldaie, suddivise in varie colonne, con il seguente

Dettagli

Standard di sicurezza e nuove frontiere tecnologiche per l energia nucleare

Standard di sicurezza e nuove frontiere tecnologiche per l energia nucleare FRANCESCO TROIANI, ENEA. Signor presidente, per prima cosa voglio rivolgere un doveroso saluto da parte del presidente dell ENEA, il professor Luigi Paganetto, che non può essere qui per via di altri impegni

Dettagli

LA CATASTROFE DI CHERNOBYL Una Storia da non dimenticare.

LA CATASTROFE DI CHERNOBYL Una Storia da non dimenticare. LA CATASTROFE DI CHERNOBYL Una Storia da non dimenticare. Università di Bologna Facoltà di Ingegneria Meccanica 19 marzo 2013 1 Centro di Ricerca Nucleare Università di BOLOGNA 2 RB1 RB2 RB3 Il Centro

Dettagli

Economia dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013. Modulo VI L energia nucleare e le energie rinnovabili

Economia dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013. Modulo VI L energia nucleare e le energie rinnovabili Economia dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013 Modulo VI L energia nucleare e le energie rinnovabili Ferrari, M. (2011) L energia nucleare in Economia dell energia, a cura di P. Ranci, il Mulino

Dettagli

Studiare Ingegneria Nucleare in Italia ed in Europa

Studiare Ingegneria Nucleare in Italia ed in Europa Università di Pisa Studiare Ingegneria Nucleare in Italia ed in Europa W. Ambrosini PROFESSORE ASSOCIATO DI IMPIANTI NUCLEARI presso il Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Nucleare e della Produzione

Dettagli

Termotecnica Pompe di Industriale

Termotecnica Pompe di Industriale Termotecnica Pompe di Industriale Calore Tecnologia in pompa di calore ad assorbimento a metano + energie rinnovabili: scenario, opportunità e applicazioni caratteristiche Massimo Ghisleni Responsabile

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INNOVATIVI: IL SOLAR HEATING AND COOLING. Federico Cristofoli Turco Group srl

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INNOVATIVI: IL SOLAR HEATING AND COOLING. Federico Cristofoli Turco Group srl IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INNOVATIVI: IL SOLAR HEATING AND COOLING Federico Cristofoli Turco Group srl GRUPPO KLOBEN GRUPPO KLOBEN SOLAR COOLING: ASPETTI TECNICI hot water SOLAR HEATING & COOLING Carico

Dettagli

Progetto Archimede: calore ad alta temperatura dall energia solare

Progetto Archimede: calore ad alta temperatura dall energia solare Progetto Archimede: calore ad alta temperatura dall energia solare SOLTERM-SVIL SVIL Ing. Giorgio Giorgiantoni ENEA CR Casaccia Via Anguillarese 301 00060 S.M.Galeria Roma tel.+39 06 3048 4011, fax +39

Dettagli

Heat Pumps in the Italian energy system

Heat Pumps in the Italian energy system Heat Pumps in the Italian energy system 4th November 2009 LE APPLICAZIONI DEL SOLARE TERMICO IN ITALIA RELATORE: Francesco Fontana 8. CENNI DI SOLAR COOLING Acqua calda sanitaria (ACS) Riscaldamento degli

Dettagli

/ < " DI MANAGEMENT C RTI ICA ISTEM )3/ )3/ ä - "

/ <  DI MANAGEMENT C RTI ICA ISTEM )3/ )3/ ä - 64B ATTUATORE ELETTRICO - ELECTRIC ACTUATOR VERSIONE STANDARD 0-90 ( 0-180 - 0-270 ) STANDARD VERSION 0-90 (ON REQUEST 0-180 - 0-270 ) 110V AC 220V AC 100-240 AC CODICE - CODE 85H10001 85H20001 85H00003

Dettagli

Analisi dei sistemi di strumentazione e controllo previsti in alcuni progetti su reattori al piombo attualmente in sviluppo a livello internazionale

Analisi dei sistemi di strumentazione e controllo previsti in alcuni progetti su reattori al piombo attualmente in sviluppo a livello internazionale Inserire logo o denominazione del cobeneficiario Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi dei sistemi di strumentazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO Facoltà di Ingegneria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO Facoltà di Ingegneria Corso di Studio in Ingegneria dei Materiali Metallurgia dei Metalli non ferrosi Prof. Diego Colombo IL PIOMBO ED IL BISMUTO PER APPLICAZIONI NUCLEARI

Dettagli

York Derby Radiator ligth-epdm Radiator LCL. Tubi per settore auto Automotive hose. Auto

York Derby Radiator ligth-epdm Radiator LCL. Tubi per settore auto Automotive hose. Auto Auto York Derby Radiator ligth-epdm Radiator LCL Tubi per settore auto Automotive hose Auto 112 Auto York italiano Tubo per radiatori auto Applicazione: tubo cord per passaggio di acqua calda mista a liquidi

Dettagli

bruciatori TECNOPRESS gas, gasolio, olio combustibile e misti TECNOPRESS SERIES natural gas burners, dual fuel burners, light and heavy oil burners

bruciatori TECNOPRESS gas, gasolio, olio combustibile e misti TECNOPRESS SERIES natural gas burners, dual fuel burners, light and heavy oil burners bruciatori TECRESS gas, gasolio, olio combustibile e misti TECRESS SERIES natural gas burners, dual fuel burners, light and heavy oil burners Caratteristiche Generali Bruciatori Tecnopress I bruciatori

Dettagli

Il bruciamento delle scorie nucleari: le sfide tecnologiche e i programmi in corso

Il bruciamento delle scorie nucleari: le sfide tecnologiche e i programmi in corso Il bruciamento delle scorie nucleari: le sfide tecnologiche e i programmi in corso Paolo Pierini INFN Milano LASA Laboratorio Acceleratori e Superconduttività Applicata Work supported by the EURATOM 6

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Macchine ad Impatto Impact machines

Macchine ad Impatto Impact machines Macchine ad Impatto Impact machines Macchine ad impatto S6 S5 S4 Queste macchine sono idonee per marcare, rivettare, ribadire, cianfrinare, numerare, fustellare, tranciare ecc. ed in tutte quelle operazioni

Dettagli

SUNWAY M PLUS. Inverter solare monofase con trasformatore. Single-phase solar inverter with transformer

SUNWAY M PLUS. Inverter solare monofase con trasformatore. Single-phase solar inverter with transformer Inverter solare monofase con trasformatore ngle-phase solar inverter with transformer La soluzione migliore nel caso in cui esigenze normative o funzionali di modulo, d impianto o di rete, richiedano la

Dettagli

Valvole Singola Sede di Fondo BBZO/BBZOG BBZO/BBZOG Single Seat tank bottom valves

Valvole Singola Sede di Fondo BBZO/BBZOG BBZO/BBZOG Single Seat tank bottom valves Valvole Singola Sede di Fondo /G /G Single Seat tank bottom valves Dati tecnici Technical details G Connessioni da 40 a 100 Materiale a contatto con il prodotto Materiale guarnizioni a contatto con il

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM YEAR: 2009-2010 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection System (ecolds) for Rho - Malpensa Pipeline

Dettagli