COMUNE DI ANGROGNA Provincia di Torino

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI ANGROGNA Provincia di Torino"

Transcript

1

2 COMUNE DI ANGROGNA Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI COSTRUZIONE COMMISURATI ALL INCIDENZA DELLE SPESE DI URBANIZZAZIONE E DEL COSTO DI COSTRUZIONE

3 RELAZIONE DI CALCOLO DEI CONTRIBUTI PER ONERI DI URBANIZZAZIONE Considerato che Legge 28 gennaio 1977 n 10, e successivamente il D.P.R. 6 giugno 2001 n 380 obbliga alla corresponsione di un contributo commisurato all incidenza delle spese di urbanizzazione nonché al costo di costruzione, in presenza di trasformazioni edilizie o urbanistiche. Le medesime norma attribuiscono ai Comuni il compito di fissare con propria deliberazione l incidenza degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria. L art. 51 della Legge Regionale , n 56 e s.m. ed i., prevede a sua volta ai fini della determinazione e della destinazione del contributo anzidetto quali siano le opere di urbanizzazione, distinguendole in opere di urbanizzazione primaria, secondaria e indotta. Con deliberazione n 179/CR-4170, del 26 maggio 1977, il Consiglio Regionale del Piemonte ha definito le tabelle parametriche di cui all art. 5 della Legge 10/77 ed ha altresì stabilito criteri per l analisi dei costi delle opere urbanizzative e norme generali per l applicazione delle tabelle parametriche in sede comunale. Con deliberazione n 615/CR-1660 del , il Consiglio Regionale del Piemonte ha modificato la D.C.R. n 179/CR-4170, del , mediante la sostituzione dei parametri relativi agli insediamenti turistici e l integrazione dei parametri relativi agli insediamenti commerciali e direzionali. Le tabelle parametriche regionali valgono per tutti i Comuni della Regione e compete a ciascun Comune fissare in concreto l incidenza del contributo concessorio afferente alle opere di urbanizzazione, mediante adeguamento alla propria condizione. Alcuni parametri regionali non presentano margini di discrezionalità mentre altri comportano invece l esercizio, seppur limitato, di alcuni margini discrezionali. Il Consiglio Comunale di Angrogna ha ottemperato ai suoi compiti in materia, in conformità a quanto dinanzi indicato, con D.C.C. n 36 del determinando i contributi relativamente agli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria, con riferimento alle tabelle parametriche definite dalle D.C.R. n 179/CR del , successivamente con D.C.C. n 19 del e D.C.C. n 83 del i predetti oneri sono stati aggiornati. A seguito dell approvazione del nuovo P.R.G.C. - in data con D.G.R. n pubblicata sul B.U.R. n 10 del che ha variato la capacità insediativa del territorio comunale, le aree di espansione e di completamento, la dotazione di servizi sociali ed attrezzature

4 pubbliche, il tutto anche correlato all aumento del costo di costruzione delle opere edili e delle infrastrutture, rendono necessaria la rideterminazione dei costi unitari e complessivi delle opere di urbanizzazione che devono essere eseguite. Le analisi e i computi per la rideterminazione del costo di costruzione delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria e la determinazione dei contributi ad esse relativi da versare dai privati, riflettono le indicazioni della deliberazione del Consiglio Regionale n. 179/CR 4170 in data 26 maggio 1977: Tabelle parametriche regionali ex articoli 5 e 10 della Legge 28 gennaio 1977, n. 10, da assumere nelle deliberazioni consigliari per la determinazione dei contributi relativi agli oneri di urbanizzazione e secondo la successiva circolare esplicativa dell Assessorato alla Pianificazione e Gestione Urbanistica della Regione Piemonte, prot. n. 780 del 18 luglio Ad esse si rimanda per le ulteriori specificazioni dei metodi e dei criteri assunti. DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE In sintesi, la via seguita per la determinazione dei contributi è stata quella di utilizzare un metodo analitico indiretto per ottenere un costo stimato delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria per tutti gli interventi oggetto di concessione, e di applicare a detti costi i parametri regionali, eventualmente rivisti in base alla situazione locale e alla casistica specifica, al fine di ottenere il contributo da versare dai concessionari.

5 Tabella n 1 - Calcolo del parametro complessivo relativo al Comune Comune di Angrogna a) Popolazione 1996 = 769 ab. b) Popolazione 2011 = 875 ab. c) hm. Capoluogo = 782 m. 1 Calcolo dei parametri operativi sulla base dei sub a), b), c), d) dell'art. 5 della L. 10/77 da pplicare alla stima delle opere di urbanizzazione primarie e secondarie 1.1 Popolazione 2011 = 875 ab. Parametro a1 = 0, Pop Pop Pop = 0,137 Parametro a2 = 1, hm. = 782 Parametro b = 1, Pop = 875 OO.UU. 1^ Parametro d1 = 0,90 OO.UU. 2^ Parametro d2 = 0,90 Pertanto Par. OO.UU. 1^ = a1 x a2 x b x d1 = 0,63 Par. OO.UU. 2^ = a1 x a2 x b x d2 = 0,63

6 RESIDENZA Si è suddiviso il territorio destinato alle residenze, urbanizzato ed urbanizzando, secondo le previsioni del P.R.G.C., in aree definibili a seconda della situazione di detto territorio in Tessuto Edilizio Esistente (Aree: A e BRS), Aree di Completamento (Aree: BC) ed Aree di Espansione (Aree: C), e per ogni singolo gruppo di aree si è individuato, tra le altre cose previste dalla normativa Regionale: il costo unitario medio di costruzione delle infrastrutture per ogni categoria di opere di urbanizzazione che è stato definito in base agli attuali costi di costruzione stimati con la redazione del presente Regolamento; il costo medio delle opere di urbanizzazione valutato per ogni categoria di opere, è contenuto nelle tabelle allegate numeri 2 (primaria) e 3 (secondaria); tale costo è stato determinato per metro cubo residenziale edificabile in un insediamento teorico di abitanti e privo di infrastrutture; la densità territoriale assunta è quella di 0,50 mc/mq. relativa alle zone di espansione desunta dalle schede di area del P.R.G.C.; gli standards urbanistici, i tassi di scolarizzazione ecc. sono stati ottenuti elaborando i dati contenuti nel P.R.G.C.; le superfici minime delle infrastrutture scolastiche e delle aree ad esse relative, sono state dimensionate secondo le norme tecniche del D.M. 13 dicembre 1975; i metri cubi ancora realizzabili in ogni area, e di conseguenza gli abitanti ancora insediabili (un abitante per vano e 90 mc./vano), si basano sulle previsioni del P.R.G.C.; le quote di percentuale per il completamento delle Opere di Urbanizzazione pertinenti alle aree oggetto di nuovi permessi di costruire nelle zone residenziali, sono state valutate e stimate in base ai servizi sociali ed alle attrezzature presenti e in corso di realizzazione rispetto alle previsioni del P.R.G.C., per le opere di urbanizzazione secondaria in riferimento allo stato dei luoghi e all infrastrutturazione esistente e in corso di realizzazione rispetto a quelle stimate necessarie per le opere di urbanizzazione primaria. Il dato finale dei costi per urbanizzazione stimati per metro cubo realizzabile, risulta dalla somma parzializzata in percentuale delle quote di costo per metro cubo realizzabile sulle diverse aree. Sommando in ultimo, le percentuali per oneri indotti e moltiplicando per i parametri caratteristici del Comune (Tabella N. 1) si ottiene l incidenza degli oneri per opere di urbanizzazione primaria e secondaria (Tabella 4, 5 e 6).

7 Tabella n 2 - Computo dell'incidenza degli oneri relativi alle opere di urbanizzazione primaria per un insediamento teorico di ab. - Indice territoriale 0,50 mc/mq. superficie territoriale mq opere di urbanizzazione primaria incidenza unita fisica per unità di superficie quantità di infrastruttura costo unitario infrastruttura costo totale infrastruttura costo medio per abitante costo medio per mc. edif. (1 ab. x 90 mc.) sistema viario pedonale e veicolare rete ed impianti per smaltimento e depurazione rifiuti liquidi opere di presa, adduzione e reti di distribuzione acqua spazi di sosta e parcheggio reti ed impianti per la pubblica illuminazione mq/mq. 0, ,00 30, ,00 830,79 9,23 ml/mq. 0, ,00 316, ,00 853,88 9,49 ml/mq. 0, ,00 116, ,00 313,85 3,49 2,5 mq/ab ,00 30, ,00 76,93 0,85 ml/mq. 0, ,00 128, ,00 346,17 3,85 costo parziale opere di urbanizzazione primaria oneri indotti a carattere generale ed oneri analiticamente non valutabili connessi alla realizzazione di: 2.426,61 26,96 a) opere di risanamento e sistemazione del suolo necessario per rendere il terreno idoneo all'insediamento; b) sistemazioni delle intersezioni stradali pertinenti agli insediamenti ed attrezzature per il traffico; c) spazi attrezzati a verde pubblico di quartiere; 10% di 2.426,61 242,66 2,70 Costo globale opere di urbanizzazione primaria 29,66

8 Tabella n 3 - Computo dell'incidenza degli oneri relativi alle opere di urbanizzazione secondaria per un insediamento teorico di ab. opere di urbanizzazione secondaria standard urbanistici di progetto tassi di scolarizzazione (% su popolazione totale) utenti per 5000 abitanti n. sezioni per soddisfare utenti col. 3 utenti serviti superficie minima per utente superficie minima dell'infrastruttura costo infrastrutture per unità di superficie costo medio per infrastrutture costo medio per raggruppamento sup. minima per intervento costo medio unitario per acquisto area costo totale per acquisto area costo totale per interventi (10+13) mq/ab. % n. n. n. mq. mq. /mq. mq costo medio per abitante costo per mc. edificabile (1 ab. x 90 mc.) asili nido 1,85 93,00-100,00 10, ,00 888, ,00 infrastrutture scolastiche scuole materne 3,38 169,00 6, , ,00 786, ,00 5 scuole elementari 7,22 361,00 15, , ,00 478, , , ,00 5, , ,50 856,32 9,51 scuole medie 4,22 211,00 9, , ,00 487, ,00 attrezzature verdi e sport attrezzature interesse comune giardini e parchi pubblici 12, ,00 15, ,00 impianti sportivi ,00 64, ,00 religiose, culturali, sociali assistenziali, sanitarie, amministrative, per mercati su aree pubbliche e centri commerciali pubblici , ,00 5 0, ,00 461, , , ,00 5, , ,00 256,43 2, ,00 5, ,00 355,54 3,95 spazi di sosta e parcheggio 2, ,00 30, , , ,00 5, , ,00 89,75 1,00 costo parziale opere di urbanizzazione secondaria 1.558,03 17,31 oneri indotti a carattere generale ed oneri analiticamente non valutabili connessi alla realizzazione di: a) impianti di trasporto collettivo di interesse comunale; b) impianti di smaltimento rifiuti solidi; c) sistemazione a verde delle fasce di protezione stradale, cimiteriale, e di sponde di fiumi e laghi; d) manufatti occorrenti per arginature e terrazzamenti per opere di consolidamento del terreno; 25% di 1.558,03 389,51 4,87 Costo globale opere di urbanizzazione secondaria 22,18

9 tessuto edilizio esistente area di completamento aree di espansione Tabella n 4 - Determinazione dell'incidenza delle opere di urbanizzazione primaria Comune di Angrogna Opere di urbanizzazione primaria Percentuale per il Percentuale dei mc.. Abitanti (o mc.) ancora Costo medio infrastruttura completamento delle OO.UU. realizzabili in ogni area rispetto Coefficiente di comprensorio insediabili (vedi tabella 3) pertinenti alle aree oggetto di al totale realizzabile nuove concessioni Costo finale 6 = 4x5x3x2 sistema viario pedonale e veicolare 9,23 5,00% 0,07 rete ed impianti per smaltimento e depurazione 9,49 50,00% 0,71 rifiuti liquidi ,00% opere di presa, adduzione e 3,49 20,00% 0,10 reti di distribuzione acqua spazi di sosta e parcheggio 0,85 50,00% 0,06 reti ed impianti per la pubblica illuminazione 3,85 20,00% 0,12 sistema viario pedonale e veicolare 9,23 20,00% 0,83 rete ed impianti per smaltimento e depurazione 9,49 60,00% 2,56 rifiuti liquidi ,00% 1 opere di presa, adduzione e 3,49 20,00% 0,31 reti di distribuzione acqua spazi di sosta e parcheggio 0,85 60,00% 0,23 reti ed impianti per la pubblica illuminazione 3,85 70,00% 1,21 sistema viario pedonale e veicolare 9,23 90,00% 3,32 rete ed impianti per smaltimento e depurazione 9,49 90,00% 3,42 rifiuti liquidi ,00% opere di presa, adduzione e 3,49 90,00% 1,26 reti di distribuzione acqua spazi di sosta e parcheggio 0,85 90,00% 0,31 reti ed impianti per la pubblica illuminazione 3,85 90,00% 1,38 100,00% 15,90 Costo analitico indiretto Oneri indotti Totale parziale 10% 15,90 1,59 17,49 Parametri a1=0,70 a2=1,00 b=1,00 d1=0,90 0,63 11,02 Incidenza OO.UU. per mc. 11,02

10 tessuto edilizio esistente area di completamento aree di espansione Tabella n 5 - Determinazione dell'incidenza delle opere di urbanizzazione secondaria Comune di Angrogna Opere di urbanizzazione secondaria Abitanti (o mc.) ancora insediabili Percentuale dei mc.. realizzabili in ogni area rispetto al totale realizzabile Coefficiente di comprensorio Costo medio infrastruttura (vedi tabella 3) Percentuale per il completamento delle OO.UU. pertinenti alle aree oggetto di nuove concessioni Costo finale 6 = 4x5x3x2 infrastrutture scolastiche 9,51 10,00% 0,14 attrezzature verdi e sport ,00% 3,95 20,00% 0,12 attrezzature interesse comune 2,85 10,00% 0,04 infrastrutture scolastiche 9,51 10,00% 0,43 attrezzature verdi e sport ,00% 1 3,95 40,00% 0,71 attrezzature interesse comune 2,85 20,00% 0,26 infrastrutture scolastiche 9,51 60,00% 2,28 attrezzature verdi e sport ,00% 3,95 60,00% 0,95 attrezzature interesse comune 2,85 20,00% 0,23 Costo analitico indiretto Oneri indotti Totale parziale Parametri 100,00% 5,16 5,16 25% 1,29 6,45 a1=0,70 a2=1,00 b=1,00 d2=0,90 0,63 4,06 Incidenza OO.UU. per mc. 4,06

11 Tabella n 6 - Insediamenti residenziali - oneri di urbanizzazioni primaria e secondaria Classi di intervento Opere di urbanizzazione primaria secondaria parametro /mc. parametro /mc Totale /mc. Aree in tessuto esistente (A- BRS) area di completamento (BC) 0,80 8,81 0,80 3,25 12,07 1,00 11,02 1,00 4,06 15,08 aree di espansione (C) 1,50 16,53 1,00 4,06 20,59 Interventi senza aumenti di carico urbanistico 0,50 5,51 0,50 2,03 7,54

12 ATTIVITA PRODUTTIVE Per quanto riguarda gli oneri per opere di urbanizzazione da computare per costruzione di impianti destinati ad attività industriali o artigianali dirette alla trasformazione di beni ed alla prestazione di servizi, la stima delle opere di urbanizzazione viene presunta pari all incidenza delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria per le aree residenziali di espansione adeguati al parametro specifico del comune. Il calcolo viene quindi rapportato alle diverse classi di industria, alle densità di addetti ed alle dimensioni dell insediamento (Tabella N. 7).

13 destinazione d'uso Classe A: dens.< 150 mq/addl. 1.0 densità < 40 mq/add. 1.1 Industria trasformazione materie prime 1,2 26,91 6,71 0,9 0,9 6,04 6,04 32,94 32, Industrie meccaniche 1 22,42 5,59 0,7 0,8 3,91 4,47 26,33 26, Industrie meccaniche di precisione elettronica-ottica 0,9 20,18 5,03 0,7 0,8 3,52 4,02 23,70 24, dendità da 40 a 70 mq/add. 2.1 Industria trasformazione materie prime 0,8 17,94 4, ,47 4,47 22,41 22,41 industriale Tabella n 7 - Stima sintetica degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria relativa alle attività produttive di cui al primo comma dell'art. 10 costo opere di costo OO.UU. per utente coeff. (K) per n. addetti costo delle opere di onere totale opere di classificazione per tipi di attività produttive in relazione alla sup. di primaria secondaria primarie 3x5 second. 4x5 < < < calpestio per addetto (mq/add.) 2.2 Industria manifattura varia 0,7 15,70 3,91 0,7 0,8 2,74 3,13 18,43 18, densità da 70 a 150 mq/add. 3.1 Industria trasformazione materie prime 0,6 13,45 3, ,35 3,35 16,81 16, Industria manifattura varia 2.669,27 22,42 = 0,63 x ,23 5,59 75 parametro h 0,5 11,21 2,79 0,7 0,8 1,96 2,24 13,17 13,45 Classe B: dens. > 150 mq/add. 11,21 2, Industria trasformazione materie prime = 0,63 x 0,63 = 0,5 5,61 1, x x = x x 0,63 1,40 1,40 7,00 7, Industria manifattura varia 2.669, , ,5 5,61 1, ,40 1,40 7,00 7,00

14 ATTIVITA COMMERCIALI, DIREZIONALI E TURISTICHE Anche in questo caso la Regione prevede, data la difficoltà di valutare analiticamente gli oneri di urbanizzazione, di applicare per le attività commerciali, direzionali e turistiche, i computi relativi agli insediamenti residenziali con i dovuti adeguamenti alla realtà comunale. Nella fattispecie l altezza dei locali commerciali è generalmente di circa metri 3,00; raffrontando in questo modo il costo medio analitico, compresi gli oneri indotti, a metro cubo delle opere di urbanizzazione per la residenza, si ottiene un costo a metro quadrato di superficie tre volte superiore. Per quanto riguarda le opere di urbanizzazione secondaria, si valuta un costo stimato per le attività commerciali e direzionali pari a 1/3 del costo analitico compresi gli oneri indotti a metro cubo delle opere di urbanizzazione secondaria (Tabella 8). ATTIVITA DI TRASFORMAZIONE DEL TERRITORIO NON A CARATTERE EDIFICATORIO Data la disparità degli interventi rientranti nelle varie attività comportanti trasformazione del territorio, sia pure non a carattere edificatorio, ma tali da determinare trasformazioni urbanistiche determinanti, il contributo è stato ricavato in modo empirico. Tabella n 8 - Stima sintetica per le attività di cui al 2 comma art. 10 Tipi di attività Attività commerciali Opere di urbanizzazione Totale Superficie netta primaria secondaria /mq. param. /mq. param. /mq. S 200 mq. 1,0 33,06 1,0 12,19 45, mq. < S 1,2 39,67 1,0 12,19 51,86 Attività direzionali - 1,5 49,58 1,0 12,19 61,77 Attività turisticoricettive 1,0 33,06 1,0 36,57 69,62 Attività di trasformazione del territorio non a carattere edificatorio qualora comportino una trasformazione urbanistica dello stesso S mq. 0,08 Tutte le zone S > mq 0,15

15 ******** I contributi relativi agli oneri di urbanizzazione vengono determinati partendo dalle incidenze delle opere di urbanizzazione per metro cubo moltiplicandoli per i parametri relativi alle destinazioni di zona ed ai tipi di intervento previsti dagli strumenti urbanistici vigenti (Tabella C della deliberazione Regionale). Il seguente Regolamento specifica la casistica di applicazione individuando: a) gli interventi gratuiti; b) gli interventi soggetti a contributo a forfait; c) gli interventi soggetti a contributo intero; d) le tabelle necessarie per il computo dell onere da versare in funzione della destinazione finale dell opera e del capo specifico di intervento edilizio. ********

16 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI COMMISURATI ALLA INCIDENZA DELLE SPESE DI URBANIZZAZIONE: Interventi gratuiti A) Interventi di manutenzione straordinaria (Art. 10 p.to 2 delle Norme tecniche di Attuazione del P.R.G.C.); ivi compresi gli adeguamenti alla normativa vigente per le zone dichiarate sismiche, fermo restando quanto previsto per l attività edilizia libera prevista dall art. 6 del D.P.R. 380/2001. B) Le occupazioni di suolo mediante deposito di materiali o esposizione di merci a cielo libero. C) Le opere di demolizione, i rinterri e gli scavi che non comportino modifiche urbanistiche o relative la coltivazione di cave o torbiere. D) Gli interventi edilizi da realizzare nelle zone agricole, ivi comprese le residenze, in funzione della conduzione del fondo e delle esigenze dell imprenditore agricolo a titolo principale ai sensi dell articolo 12 della Legge 9 maggio 1975, n E) Gli interventi di ristrutturazione (Articolo 10 p.to 5 e 6 N.T.A. del P.R.G.C.) e di ampliamento, in misura non superiore al 20% della superficie utile abitabile di edifici unifamiliari per la realizzazione di servizi igienici sanitari qualora mancanti o insufficienti. Da tali interventi sono eslcusi i casi in cui avviene variazione di destinazione d uso. Per edificio unifamigliare si intende un fabbricato isolato adibito a residenza, dotato di una sola cucina e la cui superficie utile, accessori compresi, non superi i 100 metri quadrati. Qualora l intervento su edificio unifamigliare superi il 20% l intrevento diventerà oneroso e verrà applicato il contributo intero. F) Gli impianti, le attrezzature, opere pubbliche o di interesse generale realizzate dagli enti istituzionalmente competenti, nonché le opere di urbanizzazione, eseguite anche da privati,, in attuazione di strumenti urbanistici. Ivi comprese le opere di intubamento, canali irrigui e le altre opere di drenaggio ed urbanizzazione primaria e secondaria, anche se non previste in piani esecutivi e tutte le opere eseguite all interno dei cimiteri. G) Gli interventi da realizzare in attuazione di norme o di provvedimenti emanati a seguito di pubbliche calamità. H) I nuovi impianti, lavori, opere, modifiche, installazioni, relativi alle fonti rinnovabili, di energia, alla conservazione, al risparmio e all uso razionale dell energia, nel rispeto delle norme urbanistiche, di tutela artistico-storica e ambientale. I) Varianti in corso d opera che non comportino aumento di superficie utile o di volume.

17 Interventi soggetti a titolo abilitativo con contributo per opere di urbanizzazione a forfait Sono soggetti a contributo a forfait gli interventi di ristrutturazione edilizia e cioè, escluse le opere precedentemente definite come gratuite, quelle che ricadono in uno dei seguenti casi: lavori che prevedono un insieme sistematico di opere tale da modificare il numero dei locali di abitazione preesistenti; modifiche interne che comportino la variazione delle superfici utili delle singole unità immobiliari e, all interno delle destinazioni non residenziali, la variazione della disposizione dei locali, modificandone l utilizzazione, ma mantenendone la destinazione d uso complessiva. Il calcolo del contributo è effettuato computando il volume (o la superficie) interessato all intervento. Se esistono parti destinate all abitazione in locali seminterrati, devono essere computati nel volume effettivo, al lordo delle murature. In caso di interventi di ristrutturazione parziale di un fabbricato, per il quale esistono difficoltà tecniche di computo del volume o delle superfici interessate (ad esempio per lo spostamento di tramezzi interni), il computo dell onere viene calcolato nel modo seguente: 1) per gli interventi concercenti la residenza il valore al quale deve essere applicato l onere a forfait è calcolato dividendo il costo globale dell intervento per il costo al metro quadro convenzionale di costruzione residenziale aggiornato annualmente dal Comune o dalla Regione; 2) per gli interventi concernenti altri tipi di costruzioni non destinati alla residenza, la superficie alla quale deve essere applicato l onere a forfait è calcolata dividendo il costo globale dell intervento per due volte il costo di cui al punto 1), pari al costo a metro quadrato convenzionale di edificio non residenziale.

18 Interventi soggetti a titolo abilitativi soggetti a contributo per opere di urbanizzazione intero Sono soggetti a contributo intero tutti gli interventi, esclusi quelli dei paragrafi precedenti, che comportino la nuova costruzione di locali o vani, o la ristrutturazione urbanistica nelle aree di tipo A e C, o che comportino variazioni della preesistente destinazione d uso. In questi casi il computo del contributo viene effettuato calcolando l intera cubatura nuova costruita, o ricostruita, o di cui si è mutata la destinazione, calcolata secondo le norme del P.R.G.C.. In caso di variazione di destinazione d uso, il contributo è eseguito per differenza fra l onere che si sarebbe pagato per la destinazione originaria e l onere per la destinazione mutata; oneri determinati dalle tariffe vigenti al momento dell intervenuta variazione. Nel caso in cui il risultato di tale differenza sia negativo, l Amministrazione non è tenuta ad alcun rimborso.

19 Tabella n 1 - Insediamenti residenziali e rurali non gratuiti Costo opere di urbanizzazione Zone P.R.G.C. Primaria Secondaria Contributo intero /mc. Contributo "a forfait" /mc. /mc. /mc A (A01, A02, A06, A07, A09, A10, A12) - BRS (BRS02, BRS03, BRS09, BRS12, BRS14, BRS16, BRS18, BRS 20, BRS21, BRS22, BRS43, BRS44, BRS46, BRS48, BRS51, BRS58, BRS59) e case sparse 8,81 3,25 12,07 7,54 A (A03, A11, A14, A22, A23, A30) - BRS ( BRS05, BRS25, BRS33, BRS41, BRS55, BRS60) e case sparse con distanza dalla fognatura pubblica od impianto di depurazione di borgata maggiore di 60 metri lineari A (A04, A05, A08, A13, A15, A21, A24, A29, A31, A32, A33, A34, A35, A36, A37, A38) - BRS (BRS06, BRS26, BRS27, BRS28, BRS29, BRS30, BRS32, BRS37, BRS40, BRS56, BRS57, BRS61) e case sparse con distanza dalla fognatura pubblica od impianto di depurazione di borgata maggiore di 60 metri lineari e con distanza dall'acquedotto pubblico o privato maggiore di 200 metri lineari A (A16, A17, A18, A19, A20, A25, A26, A27, A28) - BRS (BRS39) e case sparse con distanza dalla fognatura pubblica od impianto di depurazione di borgata maggiore di 60 metri lineari, con distanza dall'acquedotto pubblico o privato maggiore di 200 metri lineari e con viabilità garantità (strade pubbliche, private, piste agro-silvo-pastorali, ecc) ad una distanza maggiore di metri 100 dalla casa 7,49 3,25 10,74 6,71 6,61 3,25 9,86 6,16 4,41 3,25 7,66 4,79 BC (BC01, BC04, BC08, BC10, BC11, BC13, BC15, BC17, BC19, BC42, BC45, BC47, BC49, BC50, BC52, BC54 11,02 4,06 15,08 7,54 BC (BC23, BC24, BC34, BC35) BC (BC7, BC31, BC36, BC38) C 9,37 4,06 13,43 6,71 8,26 4,06 12,33 6,16 16,53 4,06 20,59 7,54 N.B. Per le case sparse, qualora vengano provate difficolta tecniche ad allacciarsi alla fognatura e all'acquedotto dovute all'attraversamento di versanti, rii o collinnette le distanze sopra menzionate potranno essere derogate I garage e i magazzini sono conteggiati secondo il seguente schema: se concorrono al conteggio della cubatura se sono al servizio diretto degli alloggi amministrati o posseduti dal richiedente e di superficie inferiore a 50 mq/alloggio vengono conteggiati come volume residemziale oneroso (vedi sopra) se non sono al servizio diretto degli alloggi amministrati o posseduti dal richiedente o se superano i 50 mq/alloggio (per la parte eccedente) vengono conteggiati come superficie artigianale manifatturriera (vedi punto 3.2) /mq. 13,17 se non concorrono al conteggio della cubatura sotterranei fuori terra (tettoie, bassi fabbricati e legnaie) sono a cubatura nulla: il contributo di urbanizzazione sul volume è nullo, è comunque dovuto il contributo per il costo di costruzione sono conteggiati come superficie artigianale manifatturiera (vedi punto 3.2) /mq. 13,17 vengono conteggiati come superficie artigianale manifatturriera (vedi punto 3.2) /mq. 13,17 sono conteggiati come superficie artigianale manifatturiera (vedi punto 3.2) /mq. 13,17

20 classificazione per tipi di attività produttive Tabella n 2 - Attività produttive Secondarie Primarie Contributo intero < < /mq. /mq. /mq. /mq. /mq. Classe A: dens.< 150 mq/addl. 1.0 densità < 40 mq/add. 1.1 Industria trasformazione materie prime 26,91 6,04 6,04 32,94 32, Industrie meccaniche 22,42 3,91 4,47 26,33 26, Industrie meccaniche di precisione elettronica-ottica 20,18 3,52 4,02 23,70 24, dendità da 40 a 70 mq/add. 2.1 Industria trasformazione materie prime 17,94 4,47 4,47 22,41 22, Industria manifattura varia 15,70 2,74 3,13 18,43 18, densità da 70 a 150 mq/add. 3.1 Industria trasformazione materie prime 13,45 3,35 3,35 16,81 16, Industria manifattura varia 11,21 1,96 2,24 13,17 13,45 Classe B: dens. > 150 mq/add. 1.1 Industria trasformazione materie prime 5,61 1,40 1,40 7,00 7, Industria manifattura varia 5,61 1,40 1,40 7,00 7,00 1) Il contributo da versare per le opere "necessarie al trattamento e allo smaltimento dei rifiuti liquidi e gassosi e quelle necessarie alla sistemazione dei luoghi ove ne siano alterarte le caratteristiche" va valutato sulla base di stime reali, ammettendosi sempre l'equivalenza tar la monetizzazione e diretta esecuzionedelle opere da parte del concessionario. 2) Per le attività industriali, sia il numero di addetti che i mq/addetto, devono figurare su apposita relazione esplicativa del richiedente, in cui siano citati anche esempi di stabilimenti con caratteristiche analoghe a quello dello stabilimento per il quale è richiesta la concessione. 3) Le attività artigiane sono parificate, agli effetti dei presenti contributi alle industrie analoghe per attività produttive, della classe "A" punti 3.1 e ) Le tettoie aperte quando rivestono caratteristiche di accessori ad una delle attività previste dalla presente tabella sono soggette "a forfait". 5) l'onere sopra riportato per tutti i casi della tabella, va moltiplicato per gli indici seguenti: - in tessuto edilizio esistente o di riordino, l'indice è 0,8; - nuovo impianto, l'indice è 1; - interventi soggetti a contributo "a forfait", l'indice è 0,5.

21 Tabella n 3 - Attività commerciali, turistiche e commerciali Tipi di attività Attività commerciali Opere di urbanizzazione Contributo Totale Superficie netta primaria secondaria "a forfait" /mq. /mq. /mq. /mq. S 200 mq. 33,06 12,19 45,24 22, mq. < S 39,67 12,19 51,86 25,93 Attività direzionali 49,58 12,19 61,77 30,89 Attività turisticoricettive 33,06 36,57 69,62 34,81 Per i fabbricati pertinenziali (tettoie, magazzini, ecc.) delle delle attività della presente tabella si applica il contributo "a forfait" Per i fabbricati dei campeggi e dei centri sportivi la tariffa è ridotta del 50% Attività di trasformazione del territorio non a carattere edificatorio qualora comportino una trasformazione urbanistica dello stesso Tutte le zone S mq. S > mq 0,08 0,04 0,15 0,08

22 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI COMMISURATI ALL INCIDENZA DEL COSTO DI COSTRUZIONE: E dovuto il contributo per il costo di costruzione per gli interventi residenziali, nonché per le costruzioni o gli impianti destinati ad attività turistica, commerciale, direzionale o allo svolgimento di servizi. Non sono soggetti al contributo per il costo di costruzione: - gli interventi previsti dal D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, art. 17; - gli interventi previsti dal D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, art. 19, c. 1. Il contributo per il costo di costruzione per i nuovi edifici residenziali è determinato dalla Regione Piemonte ai sensi dell art. 16, c. 9, del D.P.R. 6 giugno 2001, n Fatti salvi i casi di gratuità di cui dall art.17 del D.P.R. 6 giugno 2001, n.380 e s.m.i., la quota di contributo relativa al costo di costruzione è determinata per tutte le nuove costruzioni a destinazione residenziale mediante calcolo parametrico (scheda art.11 D.M. n 801 del ) con aliquote e prezzi fissati annualmente dal Comune ai sensi della D.C.R del Il Comune provvede annualmente ad adeguare il costo di costruzione, in ragione dell intervenuta variazione dei costi di costruzione accertata dall Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT). Il permesso di costruire relativo a costruzioni o impianti destinati ad attività turistiche, commerciali, direzionali o allo svolgimento di servizi è determinato applicando le aliquote sul costo dell intervento determinato mediante computo metrico estimativo redatto da tecnico abilitato sulla base del Prezzario Regionale OO.PP. ultimo aggiornamento, nella misura di seguito indicata: edifici turistico-ricettivi non di lusso: 4%; edifici turistico-ricettivi di lusso: 6%; edifici commerciali: 5 %; edifici a carattere direzionale: 7 %. Per gli interventi relativi all ampliamento o modifica delle unità immobiliari il contributo per il costo di costruzione viene determinato mediante la differenza, se positiva, tra l importo della scheda art.11 D.M. n 801 del compilata nella situazione post opera rispetto a quella compilata ante opera. Per gli interventi su edifici esistenti a destinazione residenziale il contributo per il costo di costruzione è determinato applicando l aliquota del 5% su 1/3 del costo dell intervento determinato

23 mediante computo metrico estimativo redatto da tecnico abilitato sulla base del Prezzario Regionale OO.PP. ultimo aggiornamento. Nel caso di titoli abilitativi relativi all ultimazione di opere precedentemente assentite, il costo di costruzione è da ricalcolarsi sulla parte di opere da ultimare, applicando la rispettiva aliquota sul costo dell intervento determinato mediante computo metrico estimativo redatto da tecnico abilitato sulla base del Prezzario Regionale OO.PP. ultimo aggiornamento.

COMUNE DI SCALENGHE S E T T O R E U R B A N I S T I C A

COMUNE DI SCALENGHE S E T T O R E U R B A N I S T I C A COMUNE DI SCALENGHE Provincia di Torino Via Umberto I, 1 C.A.P. 10060 Tel. (011) 9861721 Fax (011) 9861882 Partita IVA 02920980014 - Codice fiscale 85003410017 http://www.comune.scalenghe.to.it e.mail:

Dettagli

Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione. Anno 2013

Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione. Anno 2013 Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione Anno 2013 Nessuna modifica rispetto all anno 2012 Applicazione degli oneri di urbanizzazione e della quota

Dettagli

CITTA' DI TORINO - DIVISIONE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA - DIRIGENZA DI COORDINAMENTO EDILIZIA PRIVATA

CITTA' DI TORINO - DIVISIONE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA - DIRIGENZA DI COORDINAMENTO EDILIZIA PRIVATA classi di destinazioni d'uso insediamenti residenziali destinazioni rurali speciali Tabella C - Parametri da applicare in relazione alle destinazioni di zona e ai tipi di intervento previsti dagli strumenti

Dettagli

/mc. 16.902 = 8,73. /mc. 51.049 = 26,36. /mq. 22.699 = 11,72

/mc. 16.902 = 8,73. /mc. 51.049 = 26,36. /mq. 22.699 = 11,72 Determinazione dell incidenza degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria di cui agli artt. 3-4- 7 Legge 10/1977 adeguati alle disposizioni di cui alla L.R. 03 Gennaio 2005, n. 1. A TABELLA (COSTI

Dettagli

Disposizioni e tabelle per la determinazione del contributo di cui al titolo VII della L.R Toscana 03.01.2005 n.1

Disposizioni e tabelle per la determinazione del contributo di cui al titolo VII della L.R Toscana 03.01.2005 n.1 . Comune di Vicopisano Provincia di Pisa Servizio 3 U.O. 3.3 Tel. 050 796533 - Fax 050 796540 ediliziaprivata@comune.vicopisano.pi.it Disposizioni e tabelle per la determinazione del contributo di cui

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE indice Art. 1 Premessa pag 5 Art. 2 Ambito di applicazione pag 5 Art. 3 Incidenza degli oneri di urbanizzazione: tabella parametrica

Dettagli

COMUNE DI BELPASSO Provincia di Catania

COMUNE DI BELPASSO Provincia di Catania COMUNE DI BELPASSO Provincia di Catania VII SERVIZIO URBANISTICA SVILUPPO DEL TERRITORIO Dirigente Responsabile : Ing. Sebastiano Leonardi OGGETTO: Comune di Belpasso Art. 17, L.R. 16 aprile 2003, n. 4

Dettagli

(Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

(Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Comune di Sirolo (Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 42 del 29.11.2010) CAPO I GENERALITA Art. 1 - Oggetto

Dettagli

Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione

Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione COMUNE DI ALA Provincia di Trento Ufficio Tecnico Urbanistico Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione Art. 107 L.P. 5 settembre 1991, n. 22 e s.m.i. Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

CITTA DI GORGONZOLA PROVINCIA DI MILANO

CITTA DI GORGONZOLA PROVINCIA DI MILANO CITTA DI GORGONZOLA PROVINCIA DI MILANO SETTORE GESTIONE E PIANIFICAZIONE URBANISTICA SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Piazza Giovanni XXIII, n. 6 DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE PREMESSA Ai

Dettagli

Prospetto di riferimento per determinazione degli oneri di urbanizzazione e del costo di costruzione

Prospetto di riferimento per determinazione degli oneri di urbanizzazione e del costo di costruzione Provincia di Pisa Prospetto di riferim per determinazione degli oneri di urbanizzazione e del costo di costruzione Le tabelle di seguito riportate sono relative ai costi unitari estrapolati dalla normativa

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Il presente fascicolo ha lo scopo di dettare dei criteri applicativi generali, sulla base delle disposizioni di cui agli art.81 88 e 110-112

Dettagli

TABELLE ONERI CONCESSORI APPROVATE CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N 42 DEL 18/03/2008

TABELLE ONERI CONCESSORI APPROVATE CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N 42 DEL 18/03/2008 TABELLE ONERI CONCESSORI APPROVATE CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N 42 DEL 18/03/2008 DESTINAZIONE RESIDENZIALE importi in euro a metro cubo ZONA A CENTRO STORICO URB. 1 URB. 2 TOTALE RISTRUTT. EDILIZIA

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

COMUNE DI CELLINO SAN MARCO

COMUNE DI CELLINO SAN MARCO COMUNE DI CELLINO SAN MARCO Provincia di Brindisi REGOLAMENTO COMUNALE DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO RELATIVO AI PERMESSI DI COSTRUIRE E ALLE DENUNCE DI INIZIO ATTIVITA, NONCHE ALLE SANATORIE EX LEGGE

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Su proposta dell Assessore all Urbanistica, Edilizia Privata, Attività Produttive e Politiche Economiche, dott.

LA GIUNTA COMUNALE. Su proposta dell Assessore all Urbanistica, Edilizia Privata, Attività Produttive e Politiche Economiche, dott. Con delibera di Giunta Comunale N. 67 del 23/03/2007 avente in oggetto : Aggiornamento degli oneri di urbanizzazione primaria, secondaria e di smaltimento dei rifiuti ai sensi degli articoli 16 e 19 del

Dettagli

COMUNE DI PIOSSASCO Provincia di Torino CRITERI PER L'APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE. Aggiornamento 2011

COMUNE DI PIOSSASCO Provincia di Torino CRITERI PER L'APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE. Aggiornamento 2011 COMUNE DI PIOSSASCO Provincia di Torino CRITERI PER L'APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Aggiornamento 2011 (Legge 28 gennaio 1977 n 10, artt. 3, 5, 6, 7, 9, 10 D.P.R. 6/6/2001 n 380, artt. 16,

Dettagli

PRG C. Città di Rivoli. Scheda quantitativa dei dati urbani (oggetto di variante) Regione Piemonte. Provincia di Torino

PRG C. Città di Rivoli. Scheda quantitativa dei dati urbani (oggetto di variante) Regione Piemonte. Provincia di Torino Regione Piemonte Provincia di Torino Città di Rivoli PRG C piano regolatore generale comunale Variante ai sensi dell art 17, comma 8- LR 56/77 sm e i Scheda quantitativa dei dati urbani (oggetto di variante)

Dettagli

Comune di Pesaro. Regolamento Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione».

Comune di Pesaro. Regolamento Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione». Comune di Pesaro Regolamento Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione». Approvato con delibera di C.C. n. 27 del 5 marzo 2012

Dettagli

COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 14/05/2012 n. 16

COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 14/05/2012 n. 16 COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 14/05/2012 n. 16 OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUT O DI COSTRUZIONE, QUOTA AFFERENTE IL CONTRIBUTO SUGLI ONERI

Dettagli

DICHIARAZIONE E CALCOLO PER LA PREDETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO COMMISURATO AL COSTO DI COSTRUZIONE RELATIVO A NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI (E SIMILI)

DICHIARAZIONE E CALCOLO PER LA PREDETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO COMMISURATO AL COSTO DI COSTRUZIONE RELATIVO A NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI (E SIMILI) MODELLO A Stresa, lì. Prot. N.. Spett.le Sportello Unico Edilizia Privata Comune di Stresa OGGETTO: DICHIARAZIONE E CALCOLO PER LA PREDETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO COMMISURATO AL COSTO DI COSTRUZIONE RELATIVO

Dettagli

MODALITA DI CALCOLO DEI CONTRIBUTI DI COSTRUZIONE Art. 119 - Legge Regionale n. 1 del 3 Gennaio 2005

MODALITA DI CALCOLO DEI CONTRIBUTI DI COSTRUZIONE Art. 119 - Legge Regionale n. 1 del 3 Gennaio 2005 Allegato A alla Deliberazione n. 27/2007 MODALITA DI CALCOLO DEI CONTRIBUTI DI COSTRUZIONE Art. 119 - Legge Regionale n. 1 del 3 Gennaio 2005 CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE. Il contributo di costruzione, di

Dettagli

TABELLE. Contributi relativi agli oneri di urbanizzazione Aggiornamento al giugno 2007 COMUNE DI VIGLIANO BIELLESE

TABELLE. Contributi relativi agli oneri di urbanizzazione Aggiornamento al giugno 2007 COMUNE DI VIGLIANO BIELLESE COMUNE DI VIGLIANO BIELLESE Contributi relativi agli oneri di urbanizzazione Aggiornamento al giugno 2007 Nota: Tutte le sigle di destinazione d uso, contenute nelle presenti tabelle, sono riferite alla

Dettagli

COMUNE DI AGUGLIANO PROVINCIA DI ANCONA

COMUNE DI AGUGLIANO PROVINCIA DI ANCONA COMUNE DI AGUGLIANO PROVINCIA DI ANCONA 3 SETTORE TECNICO NUOVO REGOLAMENTO Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 concernente: «Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione». Art.

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Provincia Autonoma di Trento COMUNE di: REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE Legge provinciale 5 settembre 1991 n. 22 e s.m. 1 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione pag. 3 Art.

Dettagli

COMUNE DI CASTELLAMMARE DEL GOLFO PROVINCIA DI TRAPANI

COMUNE DI CASTELLAMMARE DEL GOLFO PROVINCIA DI TRAPANI COMUNE DI CASTELLAMMARE DEL GOLFO PROVINCIA DI TRAPANI SETTORE IV - Urbanistica e Gestione del Territorio RELAZIONE ILLUSTRATIVA OGGETTO: Adeguamento oneri di urbanizzazione e costo di costruzione per

Dettagli

TABELLE ONERI CONCESSORI

TABELLE ONERI CONCESSORI TABELLE ONERI CONCESSORI 1 - INSEDIAMENTI RESIDENZIALI (costi che si applicano per mc.) INTERVENTI Zona A Zona B Zona C Zona D Zona F primaria 1,85 2,12 2,25 2,25 2,25 secondaria 5,60 5,60 5,60 5,60 5,60

Dettagli

ALLEGATO A COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d Argento al Valor Civile SERVIZIO URBANISTICA AGGIORNAMENTO DEL COSTO DI COSTRUZIONE E DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ADEGUAMENTO ISTAT GIUGNO 2006 DICEMBRE

Dettagli

ALLEGATO A. Tabella Destinazione Tabella Destinazione. Tabella A2 Artigianali o industriali Tabella A4 Commerciale all ingrosso

ALLEGATO A. Tabella Destinazione Tabella Destinazione. Tabella A2 Artigianali o industriali Tabella A4 Commerciale all ingrosso ALLEGATO A OGGETTO: Adeguamento annuale degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria e del costo di costruzione in ragione della variazione degli indici ISTAT, già previsto dalla disciplina della

Dettagli

Valori tabellari per la determinazione degli oneri di urbanizzazione ai sensi dell'art. 184, co. 7 L.R.T. 65/2014 Anno 2015

Valori tabellari per la determinazione degli oneri di urbanizzazione ai sensi dell'art. 184, co. 7 L.R.T. 65/2014 Anno 2015 Valori tabellari per la determinazione degli oneri di urbanizzazione ai sensi dell'art. 184, co. 7 L.R.T. 65/2014 Anno 2015 INSEDIAMENTI RESIDENZIALI Interventi di nuova edificazione (importi unitari in

Dettagli

Ufficio Tecnico Comunale

Ufficio Tecnico Comunale COMUNE di LEIVI Provincia di Genova Via IV Novembre, n.1 16040 LEIVI Tel.0185.319033 + Fax.0185.319569 ufficio tecnico@comune.leivi.ge.it Ufficio Tecnico Comunale REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI

Dettagli

COMUNE DI CAMPODORO Provincia di Padova

COMUNE DI CAMPODORO Provincia di Padova COMUNE DI CAMPODORO Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE E L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Approvato con delibera di Consiglio Comunale nr. 41 del 21.12.2011-1 - INDICE TITOLO

Dettagli

Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione

Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione Suddivisione contributi Oneri di Urbanizzazione U1 - Primaria U2 - Secondaria D - Trattamento e Smaltimento rifiuti (solo per destinazioni produttive)

Dettagli

COMUNE DI CAPANNORI SERVIZIO GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI CAPANNORI SERVIZIO GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI CAPANNORI SERVIZIO GOVERNO DEL TERRITORIO TABELLE PER APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO INERENTE GLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E IL COSTO DI COSTRUZIONE (L.R. 1/0) Approvato con deliberazione di C.C.

Dettagli

Tabella riepilogativa oneri di urbanizzazione anno 2016

Tabella riepilogativa oneri di urbanizzazione anno 2016 Tabella riepilogativa oneri di urbanizzazione anno Residenza Industria artigianato agricolo non residenziale Industria artigianato categorie speciali 3 Commercio turismo direzionale servizi /mc /mq /mq

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona. Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona. Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari Il Sindaco Santicchia Angelo Il Segretario Comunale Dott. Bonetti Angelo Approvato

Dettagli

COMUNE DI BUSETO PALIZZOLO Provincia di Trapani Ufficio Tecnico

COMUNE DI BUSETO PALIZZOLO Provincia di Trapani Ufficio Tecnico COMUNE DI BUSETO PALIZZOLO Provincia di Trapani Ufficio Tecnico Oggetto: Adeguamento Oneri di Urbanizzazione primaria e secondaria ai sensi degli artt. 3 e 5 della L.N. 28.1.1977, n.10 e L.R. 28.12.1978

Dettagli

PARTE IV - TABELLE INDICI DI DENSITÀ FONDIARIA E ZONE OMOGENEE

PARTE IV - TABELLE INDICI DI DENSITÀ FONDIARIA E ZONE OMOGENEE PARTE IV - TAELLE INDICI DI DENSITÀ FONDIARIA E ZONE OMOGENEE Il parametro della densità fondiaria si riferisce non a quella dello specifico intervento, bensì a quella corrispondente all indice edificabile

Dettagli

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI PREGNANA MILANESE (Provincia di Milano) SETTORE ASSETTO ED USO DEL TERRITORIO UFFICIO URBANISTICA RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE INTRODUZIONE L art. 43 della legge Regionale

Dettagli

COMUNE DI GHEMME Regolamento per la determinazione del contributo di costruzione. Regolamento per la determinazione del contributo di costruzione

COMUNE DI GHEMME Regolamento per la determinazione del contributo di costruzione. Regolamento per la determinazione del contributo di costruzione COMUNE DI GHEMME Regolamento per la determinazione del contributo di costruzione Regolamento per la determinazione del contributo di costruzione APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 142

Dettagli

TABELLE ONERI ANNO 2011. LEGGE REGIONALE TOSCANA n 1 del 03/01/2005 'Norme per il governo del territorio'

TABELLE ONERI ANNO 2011. LEGGE REGIONALE TOSCANA n 1 del 03/01/2005 'Norme per il governo del territorio' TABELLE ONERI ANNO LEGGE REGIONALE TOSCANA n del 03/0/2005 'Norme per il governo del territorio' Tabelle per la determinazione degli oneri di urbanizzazione primaria, secondaria e percentuale costo di

Dettagli

Prontuario inerente la determinazione del contributo di costruzione

Prontuario inerente la determinazione del contributo di costruzione Prontuario inerente la determinazione del contributo di costruzione GENERALITA 1. Fatti salvi i casi di riduzione o esonero di cui all'articolo successivo del presente manuale, il proprietario dell immobile

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

CAPO II CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE

CAPO II CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE 1 CAPO I GENERALITA Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Definizioni e riferimenti normativi Art. 3 - Campo di applicazione Art. 4 - Riferimenti temporali per la determinazione del contributo Art.

Dettagli

TABELLE PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

TABELLE PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE File:tabellaONERI_ufficio COMUNE DI BORGOSATOLLO Provincia di Brescia AREA TECNICA URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA TABELLE PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE DATI GENERALI PERMESSO DI COSTRUIRE

Dettagli

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI INDICATORI URBANISTICO EDILIZI 1. Superficie territoriale (ST): Superficie totale di una porzione di territorio, la cui trasformazione è generalmente sottoposta a strumentazione urbanistica operativa e

Dettagli

AGGIORNAMENTO TABELLA ONERI URBANIZZAZIONE PRIMARIA-SECONDARIA-SMALTIMENTO RIFIUTI

AGGIORNAMENTO TABELLA ONERI URBANIZZAZIONE PRIMARIA-SECONDARIA-SMALTIMENTO RIFIUTI AGGIORNAMENTO TABELLA ONERI URBANIZZAZIONE PRIMARIA-SECONDARIA-SMALTIMENTO RIFIUTI (approvati con deliberazione C.C. n. 32 del 14.04.2016) MODELLO 3.1.1 002_TAB_ONERI_E_COSTO _C Destinazioni d'uso Nuove

Dettagli

CITTA DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova

CITTA DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova CITTA DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova Sportello Unico per l Edilizia SCHEMA ANALITICO DELLE SUPERFICI E VOLUMI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 16 DEL

Dettagli

TABELLE PER CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

TABELLE PER CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE ALLEGATO B Alla Deliberazione di C.C. n. 45 del 02.07.2013 Città di CANOSA DI PUGLIA TABELLE PER CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Cc : Contributo sul costo di costruzione Up : Contributo sul costo delle urbanizzazioni

Dettagli

Aggiornamento degli Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria COMUNE DI VIMERCATE SPORTELLO UNICO TECNICO SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA ALLEGATO B

Aggiornamento degli Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria COMUNE DI VIMERCATE SPORTELLO UNICO TECNICO SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA ALLEGATO B COMUNE DI VIMERCATE SPORTELLO UNICO TECNICO SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA Determinazione degli oneri di urbanizzazione ai sensi del D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380 e della L.R. 11 marzo 2005 n. 12 ALLEGATO B Aggiornamento

Dettagli

Volume Virtuale Art. 11 Regol. Reg. n. 6/1977 TOTALE. Superficie lorda complessiva. RESIDENZIALE Percentuale At IMPORTO TOTALE

Volume Virtuale Art. 11 Regol. Reg. n. 6/1977 TOTALE. Superficie lorda complessiva. RESIDENZIALE Percentuale At IMPORTO TOTALE SERVIZIO URBANISTICA -Sportello Unico Edilizia CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Pratica edilizia n Anno Richiedente Intervento: in via Oneri di Urbanizzazione: EDILIZIA RESIDENZIALE COMMERCIALE DIREZIONALE

Dettagli

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE Urbanistica Edilizia privata Comune di Fauglia Provincia di Pisa CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE DISCIPLINA IN MATERIA DI SANZIONI AMMINISTRATIVE DI CUI L ART. 140

Dettagli

COMUNE DI VIGOLO VATTARO

COMUNE DI VIGOLO VATTARO COMUNE DI VIGOLO VATTARO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE Legge provinciale 5 settembre 1991 n. 22 e s.m. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO LODIGIANO Provincia di Lodi RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI SANTO STEFANO LODIGIANO Provincia di Lodi RELAZIONE TECNICA COMUNE DI SANTO STEFANO LODIGIANO Provincia di Lodi RELAZIONE TECNICA D AGGIORNAMENTO DEGLI ONERI D URBANIZZAZIONE, VALORI MINIMI E CRITERI PER LA MONETIZZAZIONE DEGLI STANDARD IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

Dettagli

C O M U N E D I M A N T O V A LA GIUNTA COMUNALE

C O M U N E D I M A N T O V A LA GIUNTA COMUNALE COPIA C O M U N E D I M A N T O V A SEGRETERIA GENERALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 165 Reg. Deliberazioni N. 12579/2012 di Prot. G. OGGETTO: AGGIORNAMENTO ISTAT DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE,

Dettagli

COMUNE DI CAPANNORI SERVIZIO : SERVIZI ALLA CITTA

COMUNE DI CAPANNORI SERVIZIO : SERVIZI ALLA CITTA COMUNE DI CAPANNORI SERVIZIO : SERVIZI ALLA CITTA TABELLE PER APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO INERENTE GLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E IL COSTO DI COSTRUZIONE Approvate con deliberazione di C.C. n. 3 del 0/09/200

Dettagli

Timbro protocollo generale Allo Sportello Unico Attività Produttive/ Edilizia

Timbro protocollo generale Allo Sportello Unico Attività Produttive/ Edilizia Timbro protocollo generale Allo Sportello Unico Attività Produttive/ Edilizia Area Tecnica del Comune di Anzola dell Emilia Via Grimandi, 1 40011 Anzola dell Emilia MODELLO PER IL CALCOLO E LA CORRESPONSIONE

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA ESTRATTO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 13 DEL 05.05.1999 COME MODIFICATA DALLA D.C.C. N. 73 DEL 30.09.2010 E DALLA D.C.C. N. 5 DEL 15.03.2013 A IN RIFERIMENTO AL D.P.G.R. N. 373/98 IL CONSIGLIO

Dettagli

TABELLA 1 ADEGUAMENTO COSTO DI COSTRUZIONE

TABELLA 1 ADEGUAMENTO COSTO DI COSTRUZIONE TABELLA 1 ADEGUAMENTO COSTO DI COSTRUZIONE INDICE ISTAT MARZO 2011 = 117,2 INDICE ISTAT AGOSTO 2012 = 120,4 (IND.ago. 2012 : IND.mar. 2011 x 100 ) 100 = INCREMENTO Pertanto il valore da applicare corrisponde

Dettagli

Edilizia residenziale normale di tipo plurifamiliare /mc 276,84

Edilizia residenziale normale di tipo plurifamiliare /mc 276,84 Tabella H Costi edilizi di riferimento per il calcolo sommario del costo di costruzione riferito ad interventi su edifici esistenti o di nuova edificazione 1 NUOVA EDIFICAZIONE u.m. valore Edilizia residenziale

Dettagli

(Oneri di Urbanizzazione, Costo di Costruzione, Sanzioni)

(Oneri di Urbanizzazione, Costo di Costruzione, Sanzioni) COMUNITA MONTANA ALTA VALLE SUSA COMUNE DI SAUZE D OULX C.A.P. 10050 Via della Torre n. 11 Tel. 0122859224 Fax 0122858920 PROVINCIA DI TORINO e-mail: ufficio.tecnico@comune.sauzedoulx.to.it REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI SASSARI Settore Sviluppo Economico, SUAP e Politiche del Lavoro

COMUNE DI SASSARI Settore Sviluppo Economico, SUAP e Politiche del Lavoro Ing. G. AGATAU COMUNE DI SASSARI Settore Sviluppo Economico, SUAP e Politiche del Lavoro RELAZIONE Articolo 1 PREMESSA La presente Relazione norma il metodo di applicazione e calcolo degli oneri concessori

Dettagli

COMUNE DI LORENZANA Provincia di Pisa. SETTORE 2 GESTIONE del TERRITORIO, ATTIVITA PRODUTTIVE, POLIZIA MUNICIPALE www.comune.lorenzana.pi.

COMUNE DI LORENZANA Provincia di Pisa. SETTORE 2 GESTIONE del TERRITORIO, ATTIVITA PRODUTTIVE, POLIZIA MUNICIPALE www.comune.lorenzana.pi. COMUNE DI LORENZANA Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE del TERRITORIO, ATTIVITA PRODUTTIVE, POLIZIA MUNICIPALE www.comune.lorenzana.pi.it REGOLAMENTO E TABELLE PARAMETRICHE DI CALCOLO PER LA DETERMINAZIONE

Dettagli

COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) Contributi per gli oneri di urbanizzazione e per il costo di costruzione relativi ai permessi di costruire e alle denunce di inizio attività Marzo 2010 Indice

Dettagli

COMUNE DI CASTELBELLINO

COMUNE DI CASTELBELLINO COMUNE DI CASTELBELLINO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P.zza S. Marco 15 60030 Castelbellino e.mail urbanistica.castelbellino@provincia.ancona.it Protocollo ALLEGATO C AL PERMESSO DI COSTRUIRE Ditta: Oggetto:

Dettagli

CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE (ONERI DI URBANIZZAZIONE, COSTO DI COSTRUZIONE, CONTRIBUTO DI TUTELA ECOLOGICA, SCOMPUTI)

CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE (ONERI DI URBANIZZAZIONE, COSTO DI COSTRUZIONE, CONTRIBUTO DI TUTELA ECOLOGICA, SCOMPUTI) COMUNE di VINOVO (TO) Area tecnica servizio Urbanistica/Edilizia Privata e Commercio CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE (ONERI DI URBANIZZAZIONE, COSTO DI COSTRUZIONE, CONTRIBUTO DI TUTELA ECOLOGICA, SCOMPUTI)

Dettagli

Oneri di Urbanizzazione Aggiornamento valori tabellari - Aggiornamento del costo di costruzione degli edifici residenziali.

Oneri di Urbanizzazione Aggiornamento valori tabellari - Aggiornamento del costo di costruzione degli edifici residenziali. Oneri di Urbanizzazione Ai sensi del "REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI DISCIPLINA DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE è previsto l adeguamento annuale dei valori tabellari degli oneri di urbanizzazione, alle

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1132 Prot. n. 198/11-L VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Legge provinciale 4 marzo 2010, n. 1 (Pianificazione urbanistica e governo

Dettagli

INDICE CAPO VIII... 13

INDICE CAPO VIII... 13 INDICE REGOLAMENTO per la determinazione del contributo relativo alle concessioni edilizie, alle autorizzazioni edilzie e alle denunce di inizio dell attività... 3 CAPO I... 3 Norme generali... 3 Art.

Dettagli

SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA

SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI CASTELNUOVO BERARDENGA (Provincia di Siena) Pianificazione Urbanistica ed Edilizia Privata Via Garibaldi, 4 Tel. 0577 351308/14/22 - Fax 0577/351328 e-mail: urbanistica.edilizia@comune.castelnuovo-berardenga.si.it

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CITTÀ DI CHIERI Provincia di Torino ATTI UFFICIALI REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Modificato con Del. Consiglio Comunale n. 104 del 30.10.2012 in vigore dal 15.12.2012. INDICE

Dettagli

CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Normativa di riferimento: D.P.R. 380/2001 art. 16, 17, 18, 19, 42 D.M. 10 Maggio 1977 Delibera C. R. n. 119/1 del 28/07/1977 Delibera C. R. n. 208/5 del 26/03/1985 D.M.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CALCOLO E L APPLICAZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER IL CALCOLO E L APPLICAZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Allegato B) alla Deliberazione Consiglio Comunale n 137 del 27/10/2005 PROVINCIA DI TORINO Settore Pianificazione Territoriale - Ambiente - Edilità REGOLAMENTO PER IL CALCOLO E L APPLICAZIONE DEGLI ONERI

Dettagli

MOMO. Comune di. Regolamento per la determinazione e l applicazione del contributo di costruzione. Regione Piemonte Provincia Novara. A.S.L. n.

MOMO. Comune di. Regolamento per la determinazione e l applicazione del contributo di costruzione. Regione Piemonte Provincia Novara. A.S.L. n. Regione Piemonte Provincia Novara A.S.L. n. 13 Comune di MOMO delibera C.C. n.... del.. divenuta esecutiva il.... Il Sindaco Il Segretario comunale Il Professionista aggiornamento: Il Responsabile del

Dettagli

Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE

Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE Allegato A alla Delibera Consiglio Comunale n.27 del 07/09/2015 Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE TABELLA A - EDIFICI RESIDENZIALI Zone ZTS (ex P.R.G. Zone omogenee A) (U1) Euro 7,38/Mc Euro 2,95/Mc.

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE C:\Documents and Settings\miki\Documenti\Comune\Delibera Consiglio 5 del 31.01.06.doc DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 5 DEL 31.01.2006 PUBBLICATA AL N. 130 DEL 15.02.2006 Oggetto: ADEGUAMENTO DEL CONTRIBUTO

Dettagli

1 - DETERMINAZIONE ONERI DI URBANIZZAZIONE E CRITERI APPLICATIVI 3 - MONETIZZAZIONE AREE A STANDARD NEL CENTRO STORICO

1 - DETERMINAZIONE ONERI DI URBANIZZAZIONE E CRITERI APPLICATIVI 3 - MONETIZZAZIONE AREE A STANDARD NEL CENTRO STORICO SOMMARIO 1 - DETERMINAZIONE ONERI DI URBANIZZAZIONE E CRITERI APPLICATIVI 1-1 Variazioni del contributo per l incidenza degli Oneri di Urbanizzazione, rispetto ai valori calcolati con l applicazione delle

Dettagli

MODELLO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

MODELLO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CITTÀ DI FOLIGNO AREA GOVERNO DEL TERRITORIO E BENI CULTURALI Servizio Sportello Unico Edilizia Servizio Edilizia Via dei Molini, 20/a Corso Cavour, 89 MODELLO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

COMUNE DI CARASSAI REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI CARASSAI REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI CARASSAI Provincia di Ascoli Piceno REGOLAMENTO COMUNALE Attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 per la determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione Approvato con: Delibera

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

COMUNE DI DAONE Provincia di Trento

COMUNE DI DAONE Provincia di Trento REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE ai sensi la Legge provinciale 5 settembre 1991 n. 22 Allegato alla iberazione Consiglio Comunale n. 42 di data 28 agosto 2001-1 - REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI CASTELNUOVO RANGONE PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI CASTELNUOVO RANGONE PROVINCIA DI MODENA INDICAZIONI PROCEDURALI PER L APPLICAZIONE ED AGGIORNAMENTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE DI CUI AGLI ARTT. 5 E 10 DELLA L. N. 10/77, AGGIORNATE IN SEGUITO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO REGIONALE N. 849

Dettagli

TABELLE ONERI ANNO 2016

TABELLE ONERI ANNO 2016 TABELLE ONERI ANNO 2016 ALLEGATO A A1) Immobili ad uso residenziale: / mc Urbanizzazione Urbanizzazione Totale Tipo di intervento primaria secondaria oneri 1) Restauro e ristrutturazione edilizia ( ) 6,21

Dettagli

CRITERI APPLICATIVI MODALITÀ DI CALCOLO E VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE AI SENSI DELL ART. 16 D.P.R

CRITERI APPLICATIVI MODALITÀ DI CALCOLO E VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE AI SENSI DELL ART. 16 D.P.R allegato A alla delibera di Consiglio Comunale CITTÀ DI LEGNAGO Ufficio Tecnico Via XX Settembre, 29 37045 Legnago (Verona) CRITERI APPLICATIVI MODALITÀ DI CALCOLO E VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

( testo attuale e modificato)

( testo attuale e modificato) C O M U N E d i C R E S P I N A Servizi al Territorio Variante al Regolamento Urbanistico - Modifica alle Norme Tecniche di Attuazione relative agli impianti e aree cimiteriali ( articoli 61 e 66 ) ( testo

Dettagli

TABELLE PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

TABELLE PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE SERVIZIO URANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA TAELLE PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI URANIZZAZIONE aggiornate all indice ISTAT dicembre 201 ai sensi della L.R. 0.01.200 n. 1 e s.m.i. Allegato alla Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI ROBECCO SUL NAVIGLIO PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI ROBECCO SUL NAVIGLIO PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI ROBECCO SUL NAVIGLIO PROVINCIA DI MILANO Al Sindaco del Comune di Robecco sul Naviglio Servizio di Edilizia Privata Protocollo generale MODULO PER DETERMINAZIONE CONTRIBUTI Art. 16 del D.P.R.

Dettagli

Comune di Fano DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE RESIDENZIALE (rif. D.M. 10 maggio 1977)

Comune di Fano DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE RESIDENZIALE (rif. D.M. 10 maggio 1977) DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE RESIDENZIALE (rif. D.M. 10 maggio 1977) mod. CC01 Tabella 1 Incremento per superficie abitabile (art. 5) Classe di superficie Alloggi (n) abitabile Rapporto rispetto

Dettagli

I Comuni classificati con popolazione inferiore a diecimila abitanti assumono, per la edilizia residenziale, la

I Comuni classificati con popolazione inferiore a diecimila abitanti assumono, per la edilizia residenziale, la Legge Regionale Lazio 12/9/1977 n. 35 Tabelle parametriche regionali e norme di applicazione della legge 28 gennaio 1977, n. 10 per la determinazione del contributo per le spese di urbanizzazione gravante

Dettagli

ART. 1 - FINALITÀ. 2 ART. 2 - DEFINIZIONI. 2 ART. 3 - PARAMETRI URBANISTICI PER LA VALUTAZIONE DELL'AREA. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 4 ART. 4 ART. 5 ART.

ART. 1 - FINALITÀ. 2 ART. 2 - DEFINIZIONI. 2 ART. 3 - PARAMETRI URBANISTICI PER LA VALUTAZIONE DELL'AREA. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 4 ART. 4 ART. 5 ART. REGOLAMENTO IN MATERIA DI VALORE DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI DELL ACCERTAMENTO DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI E DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA - Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

Comune di Domaso. - Ufficio Tecnico -

Comune di Domaso. - Ufficio Tecnico - Comune di Domaso - Ufficio Tecnico - AGGIORNAMENTO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE AI SENSI DELLA L.R. 8 MARZO 2005 N. 12 LEGGE PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO E S.M.I. 10 Giugno 2011 RELAZIONE TECNICA L atto

Dettagli

Oggetto: Quesito sulla gratuità ovvero onerosità degli interventi edilizi.

Oggetto: Quesito sulla gratuità ovvero onerosità degli interventi edilizi. Oggetto: Quesito sulla gratuità ovvero onerosità degli interventi edilizi. Al fine di poter compiutamente illustrare il quesito che si andrà a formulare, necessita introdurre una breve premessa. Per conoscere

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C (Aggiornamento 31.03.2004) Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Norme

Dettagli

COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO

COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI DISCIPLINA DEGLI ONERI CONCESSORI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 42 in data 11.11.2009 Modificato

Dettagli

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO PRATICA EDILIZIA N. AL RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO DEL COMUNE DI CERRO AL LAMBRO Piazza Roma, 11 20070 Cerro al Lambro (MI) DENUNCIA

Dettagli

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02 Comune di Monterenzio Provincia di Bologna Area Servizi Tecnici Piazza Guerrino De Giovanni, 1 40050 Monterenzio telefono 051 929002 fax 0516548992 e-mail ediliziaprivata@comune.monterenzio.bologna.it

Dettagli

CITTÀ DI BIELLA *** *** REGOLAMENtO. per l applicazione del contributo di costruzione

CITTÀ DI BIELLA *** *** REGOLAMENtO. per l applicazione del contributo di costruzione CITTÀ DI BIELLA *** *** REGOLAMENtO per l applicazione del contributo di costruzione Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 128 del 25 ottobre 2011 Pubblicato all Albo Pretorio del Comune

Dettagli

Versamento con ccp n. 17368283 intestato a Comune di San Maurizio d Opaglio Servizio Tesoreria.

Versamento con ccp n. 17368283 intestato a Comune di San Maurizio d Opaglio Servizio Tesoreria. Ufficio Tecnico Comune di San Maurizio d Opaglio Provincia di Novara Piazza I Maggio n. 4-28017 San Maurizio d Opaglio - Tel. 0322/967222 - Fax 0322/967247 e-mail: urbanistica@comune.sanmauriziodopaglio.no.it

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Art. 16 del D.P.R. n. 380 del 06/06/2001

CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Art. 16 del D.P.R. n. 380 del 06/06/2001 Unità Operativa D Pianificazione Urbanistica Assetto del Territorio Edilizia Privata CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Art. 16 del D.P.R. n. 380 del 06/06/2001 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI

Dettagli