Barbara Colombo BIONIC DESIGN LO SVILUPPO DEL PRODOTTO INDUSTRIALE ATTRAVERSO LO STUDIO DELLA NATURA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Barbara Colombo BIONIC DESIGN LO SVILUPPO DEL PRODOTTO INDUSTRIALE ATTRAVERSO LO STUDIO DELLA NATURA"

Transcript

1 Barbara Colombo BIONIC DESIGN LO SVILUPPO DEL PRODOTTO INDUSTRIALE ATTRAVERSO LO STUDIO DELLA NATURA

2 Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: dicembre 2008

3 A Matteo Alla mia famiglia

4

5 7 Indice Premessa Introduzione Definizione dell ambito di ricerca Partner Nodi problematici Obiettivi Metodologia Capitolo I Definizioni della disciplina I Fondamenti Scale di intervento Strutturale Materico La bionica e il ruolo del design Bionica e innovazione Bionic Car Fastskin Capitolo II La Creatività Il ruolo del design Creare innovazione L uso dell analogia Strumenti per creare innovazione con l analogia Lead user Synectics TRIZ Bio TRIZ TOL ed EOL La spirale della vita Bionica bio analogia Descrizione di un processo attraverso l utilizzo delle analogie Conclusioni Capitolo III Nuovi modelli progettuali... 69

6 8 Indice 3.2 I centri di ricerca La Germania Università di Nath Università di Reading R&D in azienda Design innovation Design Continuum Motorola Capitolo IV Inquadramento del progetto di ricerca Il montaggio delle strutture Il processo di costruzione I sistemi di assemblaggio L assemblaggio a secco L assemblaggio a secco come linguaggio La saldatura La messa in opera Assemblaggio e messa in opera delle strutture in acciaio a sezione cava La lavorazione L assemblaggio La messa in opera Le giunzioni nelle strutture a sezione cava Giunzioni in linea Giunti saldati di testa Giunti a flangia Giunti a piastra Giunture secondarie Giunzioni nelle strutture reticolari Sagomatura Costi per la realizzazione di strutture in acciaio Il Ciclo di vita delle strutture in acciaio Fattori di costo nelle costruzione in acciaio Costi per la realizzazione di strutture in acciaio a sezione cava Aspetti economici di strutture in acciaio a sezione cava Il costo degli elementi di giunzione Criteri di scelta del tipo di giunto Il costo della verniciatura Costi vari Ottimizzazione dei costi

7 Indice 9 Capitolo VII Design bionico come strumento Risultati Vantaggi Svantaggi Capitolo VIII I concept Concept Concept Concept Verifica progettuale Aspetti estetici Aspetti economici Prestazioni tecniche Sicurezza Valutazione dei risultati Vantaggi Svantaggi Conclusioni Capitolo IX...159

8

9 11 Premessa Il testo nasce dall osservazione e dall analisi dei processi di sviluppo del prodotto industriale. In particolare la pubblicazione ha approfondito, attraverso casi studio, l utilizzo della bionica quale strumento utile da impiegarsi in questo processo. L ipotesi di partenza della tesi considera la bionica come un sistema articolato di esperienze e competenze in grado di comunicare informazioni di diversa natura all interno di un percorso di conoscenza: geometria, matematica, meccanica, biologia, ecc. La bionica è una disciplina nata negli anni sessanta che ha trovato impiego, seppur con poca diffusione, in diversi ambiti di ricerca quali il design, l ingegneria dei materiali, la bioingegneria e l aeronautica. Lo scopo dell utilizzo di questo strumento è raggiungere un nuovo livello di conoscenza e definire un metodo in grado di innovare il processo di sviluppo prodotto, che si possa applicare sia in ambito industriale, che in ambito accademico. La ricerca approfondisce anche il ruolo del designer quale osservatore privilegiato e figura in grado di dialogare con tutta la struttura aziendale. La metodologia impiegata è stata definita tramite una sequenza logica di fasi che ha unito, sia la ricerca bibliografica, riguardante le discipline coinvolte, sia un approccio più pratico. Durante lo svolgimento della pubblicazione si sono esplorate le questioni più strettamente legate al mondo della produzione, grazie alla partecipazione dei partner esterni e alla realizzazione di un caso pilota. Per ottenere dei risultati significativi si è ritenuto necessario effettuare una comparazione fra i vari contesti di analisi: università, società, centri di ricerca, aziende, e il risultato è stato un rapporto costante tra il mondo della

10 12 Definizione del tema di ricerca ricerca accademica e quello delle imprese. L intento è dimostrare che i principî della bionica, efficienza, efficacia e sufficienza, possono essere interpretati come uno strumento idoneo per sviluppare, attraverso la loro applicazione, nuove procedure nell ambito dell insegnamento; poiché questa disciplina, non solo presta attenzione alle forme, ma sottolinea l importanza delle caratteristiche meccaniche e morfologiche. La bionica è una disciplina che cerca risposte ad una domanda cruciale per qualsiasi approccio che voglia definirsi sostenibile: che cosa farebbe la natura in questi casi? L analogia con la natura è il principio base su cui si fonda questa disciplina e offre un approccio pragmatico e interdisciplinare in cui il progettista sperimenta il trasferimento delle caratteristiche del mondo naturale nel disegno di progetto. Infatti, nell elaborazione del progetto non si considerano solo le componenti meccaniche e tecnologiche, ma anche le caratteristiche morfologiche, e ciò che ne scaturisce sono prodotti e strutture economicamente vantaggiose, rispettose dell ambiente e attente al risparmio energico. L attività sin qui svolta si è concretizzata in due risultati, il primo teorico ed il secondo pratico. Nel primo caso è stata evidenziata l utilità di mettere a punto uno strumento metodologico per lo sviluppo del prodotto industriale attraverso l utilizzo della bionica. Tale metodologia è stata elaborata in base alle esperienze condotte sui casi studio analizzati e tenendo conto delle problematiche evidenziate rispetto allo stato dell arte della materia. Lo scopo di questa proposta è, di fornire al progettista uno strumento di impostazione del processo di produzione del progetto, in grado di valutare e definire i requisiti, le prestazioni e le soluzioni più idonee per risolvere un problema progettuale. Ciò non significa eliminare i sistemi di progettazione e di sviluppo del prodotto acquisiti durante gli anni ma aggiungerne altri che, sommati ai precedenti, apportino un valore aggiunto, in grado di favorire una nuova organizzazione della ricerca. In questo ambito si può anche ribadire il ruolo del designer quale innovatore di prodotti coerenti e sensati attraverso le possibili strategie di lavoro. Il secondo risultato raggiunto sono una serie di concept sviluppati durante la fase progettuale della ricerca. Tale fase è stata l occasione per verificare l ipotesi di partenza, in particolare se la bionica può fornire un beneficio estetico e di qualità al disegno di progetto. II risultati raggiunti rappresentano un primo passo nella definizione di una proposta integrata in grado di generare soluzioni che tengano conto di

11 Premessa 13 una serie di variabili quali la geometria delle componenti edilizie, le regole di assemblaggio, la presenza di funzioni particolari e operazioni. Infatti, la tecnologia al taglio laser e la sua originale applicazione attraverso il design bionico possono definire e fornire un nuovo processo di sviluppo del prodotto industriale. Nel panorama internazionale il design bionico rappresenta un ambito di studio in continua evoluzione caratterizzato da una costante ricerca sulle tematiche tecniche, scientifiche ed ingegneristiche, in grado di offrire a profili professionali differenti strumenti e metodi di progetto appropriati che presuppongono un ruolo all interno sistema della didattica e della ricerca. Gli esiti della progettazione con la bionica, recentemente sviluppati, e le osservazioni presentate nel corso della ricerca invitano ad un approccio alla disciplina di carattere sperimentale e suggeriscono, per lo scenario futuro, di pensare e di operare nella fase di sviluppo del prodotto secondo le indicazioni proprie di questa disciplina. Poiché oggigiorno si assiste a una domanda di prodotti che prevedono soluzioni nel rispetto delle leggi della natura il progettista, grazie alle risorse fornite dalla bionica, può soddisfare tali richieste. A seguito del lavoro prodotto è possibile individuare alcuni scenari futuri, in particolare, fornire opportunità di applicazione della metodologia proposta utile a validarne la bontà nella realizzazione e nello sviluppo di prodotti innovativi, spesso differenti dalla maggior parte dei prodotti di un azienda che opera in modo tradizionale, al fine di promuovere la cultura della conoscenza e della ricerca attraverso la via del confronto. L implementazione di un metodo di progettazione per la realizzazione industriale di componenti per l edilizia attraverso l impiego dei principî del design bionico, rappresenta l attività di studio svolta all interno dell Unità di Ricerca ProgettoProdotto, diretta dal professor Francesco Trabucco. Si è cercato di trattare il tema di studio in modo sistematico legandolo ad una ricerca progettuale svolta in collaborazione con un azienda. Questa analisi si inserisce nel vasto panorama degli studi che hanno per oggetto la bionica cioè quella disciplina che studia le parti degli organismi viventi allo scopo di costruire modelli, teorici e pratici, tramite dispositivi per simulare le loro funzioni, con lo scopo di avere una progettazione più efficiente e ne descrive i risultati ottenuti. All interno di questo ambito è stato ricavato uno spazio di applicazione originale che è il design delle componenti per l edilizia. Il tema della bionica applicata al design è ricco di spunti, di originalità e di interesse, non solo per l interdisciplinarità che lo caratterizza, ma anche per il ruolo che ha assunto il design bionico in questi anni nel panorama

12 14 Definizione del tema di ricerca mondiale. È importante sottolineare che non esiste un unica metodologia, condivisa e definita in modo puntuale dalla comunità scientifica, per affrontare la disciplina, ma vi sono diversi approcci distinti scaturiti dalle molteplici esperienze di ricerca che sono stati valutati e validati durante il percorso di ricerca. L indagine ha avuto un carattere prevalentemente applicativo, ma sono stati sviluppati anche aspetti tecnici riguardanti l innovazione tecnologica con riflessioni sul tema della progettazione industriale, e questo saggio è il risultato delle elaborazioni teoriche applicate in modo concreto ad un lavoro di progettazione. Nella fase iniziale sono state definite tre macro-aree di intervento che sono coincise anche con le tre fasi attraverso le quali si è articolato e sviluppato il progetto di ricerca: il concetto di bionica nel suo insieme, il ruolo del designer e la definizione di nuovi sistemi costruttivi. La scelta di queste tre aree si è dimostrata da subito utile rispetto agli obiettivi identificati, poiché la bionica si pone come disciplina di integrazione trasversale a molte aree di ricerca, ed il designer ha tra le sue competenze anche quella di ordinare e organizzare il progetto di ricerca. Infatti nella definizione del processo progettuale il designer assume un ruolo centrale nell ambito di competenze e sistemi che generano un prodotto, e nel corso della ricerca si è voluto far emergere, coinvolgendo progettisti e committenti, la dimensione partecipativa, tipica dell action research. La prima parte della pubblicazione è dedicata a definire in modo teorico che cosa è la bionica e, in modo particolare, cos è la bionica in relazione all innovazione ed al ruolo del designer. Ciò che si vuole indagare è il rapporto tra oggetti, elementi e strutture che comunicano l uso del design bionico e il processo di progettazione del prodotto bionico, inteso quale valore creativo di un manufatto realizzabile in modo industriale. L obiettivo è dimostrare che l approccio progettuale, attraverso questo metodo, può fornire al prodotto un valore espressivo ed un beneficio economico. Questo nuovo prodotto, infatti, è ottenuto mediante un processo di astrazione dei principî, delle analogie di forme, colori, strutture, funzionalità, delle componenti dei prodotti, dei sistemi e dei materiali usati dalla natura e replicati dall uomo, ed offre una maggiore comprensione dei rapporti tra forma funzione struttura nel progetto di prodotto. La seconda parte esamina il lavoro di ricerca applicata svolta in collaborazione con Blm - Adige Sys per definire nuovi scenari e nuove strategie, attraverso l impiego di tecnologie per la lavorazione dei tubi metallici, da applicarsi alla realizzazione di strutture, snodi e giunti a sezione cava. L azienda, che è leader nel settore della costruzione di macchinari per il taglio laser di tubi di grosse dimensioni, ha rappresentato, durante lo

13 Premessa 15 svolgimento di questo studio, un punto di riferimento continuo con cui confrontare i risultati ottenuti con l obiettivo di migliorare ed innovare i prodotti. La progettazione di componenti per l edilizia è partita da un analisi del processo per comprende quali siano le sue caratteristiche peculiari, la definizione delle funzione, degli elementi e delle lavorazioni. In questo ambito la ricerca è stata ampliata con l obiettivo di evidenziare sia le caratteristiche e i principî su cui si basa la natura, che una possibile applicazione del metodo bionico nella ricerca progettuale. In particolare, l obiettivo è stato lo sviluppo soluzioni applicative innovative nelle quali l utilizzo della tecnologia del taglio laser abbia un ruolo preponderante. In questo senso è apparso opportuno coniugare conoscenze provenienti dalla letteratura di cantiere, dall esperienza dei progettisti appartenenti al team di ricerca e dall esperienza professionale di uno studio di consulenza. Il sistema di relazioni è stato ampliato consentendo di sostenere le proposte progettuali, senza tuttavia limitare e circoscrivere l indagine alla sola lavorazione sul tubo, prestando altresì attenzione alla funzione di supporto alla messa in opera, che nei progetti elaborati raggiunge elevati valori espressivi. Per concludere, la terza parte è dedicata a definire il ruolo originale che ha oggi il design bionico nel processo di realizzazione di nuovi prodotti industriali che presentano caratteristiche distinguibili rispetto al panorama tradizionale. L obiettivo è quello di far emergere le peculiarità della disciplina, chiarire il ruolo del designer e fornire uno strumento in grado di generare innovazione all interno delle aziende, enti di ricerca ed imprese. La possibilità di avere come partner Blm - Adige Sys, durante lo svolgimento della ricerca, è stata l occasione per elaborare una serie di concept e verificare la fattibilità in termini strutturali e di benefici che possono essere ottenuti in campo economico.

14

15 17 Introduzione Definizione dell ambito di ricerca Il tema di ricerca intende rimarcare la scelta di progettazione e sviluppo di nuovi prodotti industriali attraverso il metodo bionico dimostrando che i concept sviluppati hanno qualità funzionali nuove e vantaggiose, che sono altamente sviluppabili e replicabili grazie alla crescente integrazione con altri ambiti di ricerca. La tematica, allo scopo di identificare in modo adeguato dei modelli per definire lo sviluppo di prodotti bionici, è stata investigata attraverso due punti di vista distinti: ambito del progetto e ambito della produzione. Nel primo caso l obiettivo è di mettere a fuoco il rapporto tra disegno e realizzazione del prodotto e l influenza dell approccio bionico sui metodi di progettazione. In questa prima fase, attraverso casi studio, si è voluto evidenziare il carattere bionico del progetto. Il secondo approccio, incentrato rispetto all ambito produttivo, individua le caratteristiche costruttive del prodotto, i sistemi di produzione e i dati di mercato. La scelta di questo doppio registro è data dalla volontà e dalla necessità di comprendere se il design è parte integrante di entrambi gli approcci per poi, eventualmente, colmare le eventuali lacune che si potrebbero presentare nella fase di progettazione. Le nozioni acquisite dall indagine di esperienze progettuali significative nell ambito della bionica legate ai nomi di Carmelo di Bartolo e Franco Lodato hanno permesso di definire i principî base in cui opera il progettista e mostrare le complessità e le criticità delle funzioni coinvolte. Infatti, risulta problematico definire una teoria della bionica in considerazione delle vaste applicazioni che questa può avere, dalla scala molto piccola, di virus e batteri, a quella molto grande

16 18 Definizione dell ambito di ricerca degli edifici. Attraverso l indagine delle strutture naturali, della forma e della struttura è possibile definire una successione di fasi, di strumenti e di processi da applicare per ottenere un prodotto realizzabile industrialmente. Si tratta dello studio di pratiche progettuali adottate da designers in aziende o centri di ricerca che hanno mostrato caratteristiche comuni. Queste caratteristiche sono fondate sull osservazione della natura e degli elementi naturali esistenti, sulla definizione delle peculiarità che li rendono unici, poiché l obiettivo del progettista è la realizzazione di un prodotto innovativo. Il carattere originale del prodotto non è dato dalla forma finale, ispirata dalla natura, ma dalle prestazioni complesse ed articolare che portano ad un miglioramento dell esistente. Appare chiaro che le fasi di progettazione e realizzazione devono essere supportate da una ricerca di base interdisciplinare in grado di comprendere la complessità della natura. Ciò che rende interessante l obiettivo di questa ricerca, è dare un contributo alla definizione della cultura della progettazione attraverso la natura applicando l analisi sperimentale. Il secondo ambito di indagine riguarda uno specifico apparato di prodotti: le costruzioni in acciaio ed i sistemi di giunzione per la realizzazione di strutture a sezione cava. Dopo aver individuato le componenti che definiamo tradizionali e dimostrato le potenzialità e possibilità di impiego, in una fase successiva, sono stati analizzati sistemi di costruzione bionici: vale a dire prodotti che presentano analogie e riferimenti con il modo naturale. Attraverso un percorso di comparazione tra questi elementi è possibile stabilire i vantaggi o gli vantaggi dell impiego di tali soluzioni. Partner Il doppio ambito della ricerca, del progetto e della produzione, si è mantenuto anche nella scelta dei partner. In particolare, la scelta del partner aziendale con cui è stata svolta la ricerca progettuale è ricaduta su Blm Adige Sys. L impresa è leader nella costruzione di macchine per il taglio dei tubi a sezione cava e produttrice mondiale di un macchinario, chiamato Jumbo, in grado di tagliare tubi di diversa sezione (circolare, quadrata, rettangolare o ad H) con una capacità fino a Ø 300 mm, una lunghezza massima fino a 8500 mm e uno spessore di 16mm. L azienda si è mostrata interessata a evidenziare le potenzialità dell utilizzo di questa macchina, individuando nuovi sviluppi, nuovi scenari d impiego e nuove applicazioni delle strutture di acciaio a sezione cava. Con queste premesse la collaborazione è divenuta un opportunità per verificare, attraverso lo sviluppo di tre concept, se l applicazione della bionica è realmente vantaggiosa.

17 Introduzione 19 Dati gli interessi immediati di verifica delle proposte progettuali e le relative possibilità di brevetto sono state richieste valutazioni di fattibilità delle strutture ad esperti del settore. Il partner con cui è stato possibile indagare l ambito progettuale è la Architecture and Design University di Aalborg. Si tratta di un università con indirizzo tecnico che durante il corso di studi, nello svolgimento di alcuni laboratori, utilizza un approccio bionico per progettazione di prodotti industriali. In particolare la Facoltà organizza un Bionik Workshop Project, durante il 4 semestre di studi, il cui programma è stato elaborato da Marianne Stokholm e da Carmelo di Bartolo. Il workshop si è dimostrato l occasione per osservare il processo progettuale utilizzato nello sviluppo del prodotto attraverso la bionica e per verificare se, effettivamente, esistono dei vantaggi nell utilizzo di questo strumento da parte del progettista. Nodi problematici La definizione dell ambito di ricerca e l analisi critica mettono in evidenza i nodi irrisolti legati alle diverse fasi del processo che, in questo caso, ruotano tutti intorno al concetto della progettazione di prodotti e componenti per l edilizia, in particolare giunti e snodi, pensati attraverso la bionica. In base alle considerazioni fatte durante la ricerca sono state affrontate differenti problematiche a cui si è cercato di dare una soluzione nell ambito di interesse. In prima analisi è stata evidenzia la mancanza di un percorso progettuale unico ed univoco relativo ai prodotti bionici, ciò emerge dalla constatazione che nel panorama questi prodotti rappresentano una minoranza, nonostante si tratti di manufatti innovativi dal punto di vista tecnico e in grado di soddisfare le esigenze di utenti, progettisti, carpentieri e imprenditori. L aspetto considerato inizialmente è l individuazione di un sistema dove poter sperimentare questi principî, per poi progettare prodotti realmente pensati per lo scopo che devono soddisfare. L analisi dei riferimenti teorici ha prodotto riflessioni che vanno al di là del tema specifico della progettazione di elementi costruttivi. Infatti, la principale osservazione riscontrata sulla creazione di componenti per l edilizia è la necessità di creare un organismo architettonico unitario, pensato come un unicum composto da elementi producibili industrialmente. Gli ultimi sviluppi evolutivi dell architettura sperimentano la possibilità di combinare tecnologie e materiali avanzati con i tradizionali principî progettuali e l involucro è la parte dell edificio soggetto alle sperimentazioni più interessanti. Poiché è un elemento intermedio tra spazio interno e spazio

18 20 Definizione dell ambito di ricerca esterno, la cui funzione è di filtrare i flussi energetici e di modularli in maniera selettiva, uno degli obiettivi che ci potrebbe porre è la possibilità di realizzare strutture altamente sviluppabili replicate grazie a integrazione crescente con altri ambiti e metodi di ricerca supportati da strumenti di natura progettuale, tecnica, informatica. Obiettivi L obiettivo principale di questa ricerca è la creazione un percorso di progettazione per la realizzazione di strutture, che si avvale dello strumento innovativo della bionica. In particolare si vuole evidenziare, il carattere interdisciplinare del lavoro di analisi che può favorire la creazione di una cultura del progetto più sistemica e prossima alla ricerca che non alla composizione formale. Un altro aspetto della ricerca è legato alla possibilità di progettare prodotti, attraverso un procedimento di analogia, ispirati alla natura. La verifica dell obiettivo è stata possibile grazie alla collaborazione di un partner aziendale che ha fornito il caso studio da indagare. Per dimostrare la fattibilità di questo processo si è ricorsi ad un analisi comparativa tra le caratteristiche delle strutture in acciaio a sezione cava, e i progetti strutturali riferiti alla natura. Attraverso questo processo è infatti possibile individuare se sussistono vantaggi e benefici offerti dalla bionica. L analisi, l osservazione e la definizione delle caratteristiche dei prodotti, che possiamo definire bionici, presenti sul mercato delle costruzioni in acciaio, dimostrano di avere altresì ricadute positive anche nel mondo della produzione. Data l impronta applicativa della ricerca, il processo evidenzia l esistenza di un passaggio critico in cui si ha l astrazione dei principî degli elementi naturali che vengono applicati nella progettazione con il fine di determinare delle invarianti. Metodologia Il percorso metodologico parte e dalla definizione degli strumenti di indagine relativi agli obiettivi della ricerca e dalla raccolta e dalla sistematizzazione del maggior numero di informazioni possibile sull argomento. Gli strumenti impiegati sono: l indagine bibliografica, l analisi della documentazione prodotta da università, enti, aziende, l esame di pubblicazioni pertinenti, lo studio delle tesi di dottorato svolte sull argomento, il tutto sia in ambito nazionale, che internazionale, allo scopo di definire, attraverso una fase di esplorazione, le potenzialità della disciplina, i fondamenti teorici e le scale di intervento.

19 Introduzione 21 Partendo da un analisi generale del campo d indagine l attenzione si è via via focalizzata su un contesto più definito fino ad arrivare all individuazione delle migliori soluzioni presenti sul mercato, così da realizzare una soluzione realmente utile. Lo studio e l analisi dei centri di ricerca soprattutto europei, operativi sia in ambito accademico, che lavorativo, pongono l accento su come viene utilizzata la bionica. Si tratta di una fase importante per definirne l influenza sugli elaborati di ricerca prodotti. Infatti, attraverso la lettura della produzione bionica è possibile identificare alcune questioni significative come le tendenze funzionali e formali dei prodotti e il riconoscimento della loro qualità. Il percorso di elaborazione della tesi prevede la sperimentazione su una serie di casi studio convergenti sulle tematiche affrontate, con lo scopo di definire un metodo di sviluppo prodotto, ispirato all analogia con la natura, e applicato alla progettazione di un sistema di realizzazioni per le componenti per l edilizia. Per ciascun caso studio considerato sono stati individuati i possibili processi, gli strumenti e gli approcci metodologici di lavoro, con lo scopo di definire i possibili percorsi per un rinnovamento del processo di sviluppo prodotto attraverso la bionica e creare un ipotesi su cui fare convergere le esperienze di metodo e di progetto. Il processo di definizione della struttura della ricerca è stato effettuato attraverso l utilizzo di un metodo funzionale di modellazione di processi chiamato IDEF0. L approccio metodologico impiegato può essere definito un prerequisito essenziale per le fasi successive di definizione e rappresentazione dei flussi di informazione ottenute e prodotte. La visualizzazione del processo attraverso lo strumento IDEF0 si è dimostrata utile per verificare gli obiettivi e definire le problematiche che il ricercatore si trova ad affrontare, se vuole basare la modellazione su dati di rilievo. In particolare attraverso l applicazione di questo strumento è offerta la possibilità di definire le parti principali in cui si è articolata la ricerca, e gli output raggiunti alla fine di ciascuna fase che possono essere schematizzati nei grafici di seguito. Le immagini, (v. Figg. 1 e 2), mostrano la sequenza delle funzioni che hanno rappresentato le parti fondamentali della ricerca, l input iniziale e l output (descritto nei diagrammi con i colori rosso e blu). Questo strumento prevede la possibilità di definire dei controlli (nello schema in colore rosa), vale a dire, figure con cui interagire per poter avere un riscontro sull attività svolta. Nel caso particolare di questa ricerca i controlli sono stati tre.

20 22 Definizione dell ambito di ricerca Figura 1 Diagramma del contesto della ricerca. Il primo è legato alla figura del tutor-relatore, i professori Francesco Trabucco e Matteo Ingaramo che hanno seguito lo svolgimento della tesi con critiche, osservazioni, spunti ed hanno promosso riflessioni; il secondo controllo è rappresentato dal collegio di dottorato che, con cadenza periodica, ha espresso una valutazione e un giudizio critico sul lavoro svolto in merito ai contenuti affrontati, ai significati della ricerca ed agli obiettivi raggiunti. Infine, un ultimo controllo (in colore nero) è rappresentato dalla comunità scientifica di riferimento, in questo caso le occasioni di verifica e di dialogo sono i convegni ed i seminari. Questo strumento consente anche la definizione di meccanismi, che nel caso specifico sono l autore della ricerca e il tutor-relatore. Lo scopo dell analisi è di convalidare in modo scientifico la proposta della ricerca. Per ottenere informazioni utili, tali da poter validare o smentire l idoneità del metodo, si è deciso di collaborare con un azienda e verificare l efficacia della bionica. La realizzazione dei progetti, in un preciso campo di applicazione, ha rivelato che la bionica può essere uno strumento di riferimento per l attività di ricerca progettuale e un mezzo per convalidare e comunicare il progetto. Infatti dalla sperimentazione delle varie ipotesi è possibile arrivare alla definizione delle specifiche progettuali.

21 Introduzione 23 La ricerca si conclude con una riflessione teorica basata sull analisi e sulla rielaborazione dei dati ricavati dall attività progettuale, il cui risultato finale è una proposta metodologica. Figura 2 - Applicazione del diagramma zero per modellare il processo di ricerca.

arcvision Prize Women and Architecture by Italcementi Group

arcvision Prize Women and Architecture by Italcementi Group arcvision Prize Women and Architecture by Italcementi Group Premessa Italcementi Group pone da sempre grande attenzione all Architettura, come strumento di trasformazione sostenibile del territorio, e

Dettagli

Introduzione al management in sanità

Introduzione al management in sanità A13 373 Marco Pauletto Franco Tartaglia Introduzione al management in sanità Organizzazione aziendale e psicologia del lavoro Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione CIRPA / 10 Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione Master di II livello in Direzione delle Aziende e delle Organizzazioni Sanitarie DAOSan

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

Studiare alla Facoltà di Architettura

Studiare alla Facoltà di Architettura Studiare alla Facoltà di Architettura a.a. 2012/2013 1 Facoltà di Architettura Indice dei corsi Architettura c.u. Scienze dell Architettura, con curricula in Architettura e Paesaggio Disegno Industriale

Dettagli

Il progetto esecutivo e il progetto costruttivo delle Opere Pubbliche: Reingegnerizzazione dei processi e impiego delle tecnologie

Il progetto esecutivo e il progetto costruttivo delle Opere Pubbliche: Reingegnerizzazione dei processi e impiego delle tecnologie Pagina1 Formazione e Informazione Itinerante sui LL.PP. per la Pubblica Amministrazione, Liberi professionisti, Imprese Giornata di Studio Il progetto esecutivo e il progetto costruttivo delle Opere Pubbliche:

Dettagli

Via Don Angelo Scapin, 36 I-35020 Roncaglia di Ponte San Nicolò (PD) ITALIA Phone/Fax: +39 049 719065 - info@spinips.com www.spinips.

Via Don Angelo Scapin, 36 I-35020 Roncaglia di Ponte San Nicolò (PD) ITALIA Phone/Fax: +39 049 719065 - info@spinips.com www.spinips. Via Don Angelo Scapin, 36 I-35020 Roncaglia di Ponte San Nicolò (PD) ITALIA Phone/Fax: +39 049 719065 - info@spinips.com www.spinips.com STUDI E VERIFICHE DI FATTIBILITÀ... 2 PROGETTAZIONE MECCANICA...

Dettagli

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO ELEMENTI FONDAMENTALI PER LO SVILUPPO DI SISTEMI INFORMATIVI ELABORAZIONE DI

Dettagli

Evolutive experience design

Evolutive experience design Evolutive experience design Luca Mascaro evolving experience sketchin.ch πάντα ῥεῖ ὡς ποταμός (Tutto scorre come un fiume) - Eraclito Il filosofo greco ammoniva che Non si può discendere due volte nel

Dettagli

Glossario Project Cycle Management

Glossario Project Cycle Management Glossario Project Cycle Management Albero degli obiettivi Diagramma, utilizzato nell ambito dell Approccio del Quadro Logico, che permette di rappresentare, in un quadro unitario, ciò che si potrebbe osservare

Dettagli

Inaugurazione pubblica dell esperienza finale, alla quale parteciperanno anche personalità

Inaugurazione pubblica dell esperienza finale, alla quale parteciperanno anche personalità Progetto Titolo Mut(u)azioni tra arte e scienza: I Licei Artistici dell Umbria, i Musei scientifici dell Ateneo e l Accademia di Belle Arti di Perugia esplorano e sperimentano le interazioni possibili

Dettagli

f a c o l t à d i INGEGNERIA

f a c o l t à d i INGEGNERIA f a c o l t à d i INGEGNERIA UNIVERSITÀ politecnica delle marche facoltà di Via Brecce Bianche, 12 60131 Tel. 071 2204778 INGEGNERIA Per informazioni più approfondite relative alla didattica dei singoli

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

IL MASTER SARÀ IN LINGUA INGLESE

IL MASTER SARÀ IN LINGUA INGLESE MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO DEL POLITECNICO DI MILANO ORGANIZZATO DA POLI.DESIGN CONSORZIO DEL POLITECNICO IN COLLABORAZIONE CON GIUGIARO ARCHITETTURA IL MASTER SARÀ IN LINGUA INGLESE L INDUSTRIAL

Dettagli

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo Un modello per l analisi delle interazioni in rete Prefazione di Guglielmo Trentin Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Comunicazione visiva

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Comunicazione visiva Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design Corso di laurea in Comunicazione visiva Dipartimento ambiente costruzioni e design Il Dipartimento

Dettagli

DESIGN PROGETTO CULTURALE E FORMATIVO ( nuovo ordinamento- Progettazione e Laboratorio)

DESIGN PROGETTO CULTURALE E FORMATIVO ( nuovo ordinamento- Progettazione e Laboratorio) Obiettivi Tematiche Argomenti Dal profilo in uscita nuovo ordinamento - Individuare i principi e le regole della composizione e le teorie essenziali della percezione visiva; - Acquisire le teoriche di

Dettagli

D - Cloud. Facoltà del design Open lecture Design of the other Things anno accademico 10-11

D - Cloud. Facoltà del design Open lecture Design of the other Things anno accademico 10-11 Facoltà del design Open lecture Design of the other Things anno accademico 10-11 Docente: Stefano Maffei Cultori: Massimo Bianchini Ursula Borroni Beatrice Villari D - Cloud Amandolese Daniela Difonzo

Dettagli

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi):

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi): Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dario Maggiorini, Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano LIKE THIS! Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Vito Di Gioia Il sito web come strumento di promo commercializzazione del prodotto turistico

Vito Di Gioia Il sito web come strumento di promo commercializzazione del prodotto turistico DIRITTO DI STAMPA 61 DIRITTO DI STAMPA Il diritto di stampa era quello che, nell università di un tempo, veniva a meritare l elaborato scritto di uno studente, anzitutto la tesi di laurea, di cui fosse

Dettagli

Presentazione dei risultati di apprendimento dell area di istruzione generale

Presentazione dei risultati di apprendimento dell area di istruzione generale Comunicare con la scuola I nuovi Istituti Tecnici del settore tecnologico Roma, 9 novembre 2009 Istituto tecnico industriale Galileo Galilei Presentazione dei risultati di apprendimento dell area di istruzione

Dettagli

Indirizzo Grafica e Comunicazione

Indirizzo Grafica e Comunicazione Istituti tecnici Settore tecnologico Indirizzo Grafica e Comunicazione L indirizzo Grafica e Comunicazione ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale, le competenze

Dettagli

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dr. Dario Maggiorini, Dr. Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

Beatrice Orlando Slack organizzativo e shadow options

Beatrice Orlando Slack organizzativo e shadow options A13 Beatrice Orlando Slack organizzativo e shadow options L influenza della path dependency sulle potenzialità di sviluppo Prefazione di Antonio Renzi Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

La risk analisys tra metodologie standard e tecniche proprietarie (ICT Security - giugno 2007)

La risk analisys tra metodologie standard e tecniche proprietarie (ICT Security - giugno 2007) La risk analisys tra metodologie standard e tecniche proprietarie (ICT Security - giugno 2007) Con questo articolo intendiamo porre a confronto seppure in maniera non esaustiva le tecniche di analisi dei

Dettagli

Valerio Cellini Il falso in bilancio. Aspetti economico-aziendali e giuridici

Valerio Cellini Il falso in bilancio. Aspetti economico-aziendali e giuridici A13 Valerio Cellini Il falso in bilancio Aspetti economico-aziendali e giuridici Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie

Facoltà di Scienze e Tecnologie Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di dottorato in SUSTAINABLE ENERGY AND TECHNOLOGIES (Energie e Tecnologie Sostenibili) Sito web del Corso: http://www.unibz.it/en/sciencetechnology/progs/phd/sustainable/default.html

Dettagli

La Chimica nella Scuola. a cura della

La Chimica nella Scuola. a cura della A03 La Chimica nella Scuola a cura della Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978-88-548-xxxx-x

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE

RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE KNOWLEDGE MANAGEMENT Seminario Tematico Università di Milano-Bicocca RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE Stefania Bandini Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Università

Dettagli

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Architettura d interni

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Architettura d interni Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design Corso di laurea in Architettura d interni Dipartimento ambiente costruzioni e design Il Dipartimento

Dettagli

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT: NUOVE TENDENZE E NUOVE SFIDE DELLA GESTIONE DEI RISCHI AZIENDALI IN LOGICA INTEGRATA

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT: NUOVE TENDENZE E NUOVE SFIDE DELLA GESTIONE DEI RISCHI AZIENDALI IN LOGICA INTEGRATA CICLO DI SEMINARI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT: NUOVE TENDENZE E NUOVE SFIDE DELLA GESTIONE DEI RISCHI AZIENDALI IN LOGICA INTEGRATA Le importanti evoluzioni dei sistemi economici e dei mercati finanziari

Dettagli

Presentazione delle attività formative. Obiettivi e contenuti del Piano

Presentazione delle attività formative. Obiettivi e contenuti del Piano Piano di formazione e informazione dei Team di Valutazione alle indagini nazionali e internazionali Conferenze di servizio per i dirigenti scolastici Presentazione delle attività formative. Obiettivi e

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali.

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali. Indirizzi Laurea Magistrale in Matematica INDIRIZZO di LOGICA MATEMATICA L indirizzo logico si propone un duplice obiettivo: 1) la formazione di un laureato in grado di affrontare problemi di natura combinatoriale,

Dettagli

Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa

Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa A13 Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende

Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende A13 Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B

Dettagli

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione A13 Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione Profili di rischio e di solvibilità Prefazione di Antonio Minguzzi Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

Service Design Programme

Service Design Programme Service Design Programme SERVICE DESIGN - cosa è Il Service Design è l attività di pianificazione e organizzazione di un servizio, con lo scopo di migliorarne l esperienza in termini di qualità ed interazione

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie

Facoltà di Scienze e Tecnologie Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di dottorato in SUSTAINABLE ENERGY AND TECHNOLOGIES (Energie e Tecnologie Sostenibili) Sito web del Corso: http://www.unibz.it/en/sciencetechnology/progs/phd/sustainable/default.html

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: DISCIPLINE GRAFICHE Prof. Paolo Maria Arosio Prof. Lorenzo Cazzaniga A. Modigliani Giussano Mod.: dir.14 Rev.: 2,0 Data 10/10/2014

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA Indirizzo Produzioni industriali e artigianali Articolazione Artigianato ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA CARATTERI E FINALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA I percorsi degli Istituti professionali si caratterizzano

Dettagli

1. Premessa 2. Obiettivi Generali

1. Premessa 2. Obiettivi Generali 1. Premessa Il Progetto riguarda la creazione di un Laboratorio ambientale da realizzare sul territorio della Comunità Montana Versante Tirrenico Meridionale diffuso sul territorio montano, a partire dalle

Dettagli

IL POLO DI BOLOGNA EMILIA ROMAGNA Progetto I lincei per una nuova didattica nella scuola: una rete nazionale

IL POLO DI BOLOGNA EMILIA ROMAGNA Progetto I lincei per una nuova didattica nella scuola: una rete nazionale IL POLO DI BOLOGNA EMILIA ROMAGNA Progetto I lincei per una nuova didattica nella scuola: una rete nazionale RISULTATI E PROSPETTIVE Antonio Danieli Direttore Generale Fondazione Golinelli GLI ATTORI Promotori

Dettagli

Antonella Laino Il monopolio naturale

Antonella Laino Il monopolio naturale A13 477 Antonella Laino Il monopolio naturale Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978-88-548-4809-2

Dettagli

Liliana Signorini Psicologia del lavoro

Liliana Signorini Psicologia del lavoro Liliana Signorini Psicologia del lavoro ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 a/b 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978-88 548

Dettagli

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Prot. MIUR AOODRLO R.U. 1817 del 31/01/2013 Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Dentro il cambiamento L introduzione delle tecnologie e la transizione al

Dettagli

Atelier ALASS Le organizzazioni a rete in sanità: studi ed esperienze Ancona - 27 maggio 2011. Abstract

Atelier ALASS Le organizzazioni a rete in sanità: studi ed esperienze Ancona - 27 maggio 2011. Abstract Atelier ALASS Le organizzazioni a rete in sanità: studi ed esperienze Ancona - 27 maggio 2011 Abstract Una cabina di regia dedicata all integrazione ospedale-territorio Dott.ssa Bice Previtera Dirigente

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA

Dettagli

Macro-area tematica: innovazione, progettazione, produzione e commercializzazione per i settori design oriented Settore: Fashion e Design

Macro-area tematica: innovazione, progettazione, produzione e commercializzazione per i settori design oriented Settore: Fashion e Design UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA In collaborazione con DESIGN FOR BUSINESS & BUSINESS FOR DESIGN Design italiano come valore, innovazione e strategia (non solo di prodotto ma anche di processo!)

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD )

DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD ) Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO INDIRIZZO: ARCHITETTURA E AMBIENTE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA A: DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD ) SECONDO BIENNIO CLASSI : TERZE

Dettagli

Paciolo D Annunzio. liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico

Paciolo D Annunzio. liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico Paciolo D Annunzio liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico Sede 2 Sede: Via Alfieri 43036 Fidenza(PR) tel +039 0524 526102 www.paciolo-dannunzio.gov.it VISITE GUIDATE (su prenotazione) MICROSTAGE

Dettagli

INFORMATICA COMPETENZE

INFORMATICA COMPETENZE INFORMATICA Docente: Sandra Frigiolini Finalità L insegnamento di INFORMATICA, nel secondo biennio, si propone di: potenziare l uso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca

Dettagli

DISCIPLINE GRAFICHE e LABORATORIO DI GRAFICA

DISCIPLINE GRAFICHE e LABORATORIO DI GRAFICA Anno Scolastico 2014/2015 LICEO ARTISTICO INDIRIZZO: GRAFICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA A DISCIPLINE GRAFICHE e LABORATORIO DI GRAFICA SECONDO BIENNIO/QUINTO ANNO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITÀ Conoscere

Dettagli

Il Six Sigma per la gestione della qualità in azienda

Il Six Sigma per la gestione della qualità in azienda Roberto Candiotto Il Six Sigma per la gestione della qualità in azienda ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Prof. M. C. Cassanmagnago Prof. V. Cazzaniga Prof. P. Cinelli Prof. R. Colombo SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: LABORATORIO di DESIGN legno e arredamento Prof.

Dettagli

L alternanza a Milano e provincia nel 2006-2007

L alternanza a Milano e provincia nel 2006-2007 L alternanza a Milano e provincia nel 2006-2007 Introduzione Le scuole di Milano e provincia impegnate in progetti di alternanza scuola-lavoro nel 2006-2007 sono state complessivamente 42. Di queste, 11

Dettagli

Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali articolazione Industria opzione Produzioni audiovisive

Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali articolazione Industria opzione Produzioni audiovisive Bozza 16 novembre 2011 allegato B 4 Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali articolazione Industria opzione Produzioni audiovisive Profilo Il Diplomato di istruzione professionale nell indirizzo

Dettagli

Comitato scientifico Maria Antonietta Marchese Luisa Amenta Maria Elda Padalino Maria Emanuela Piemontese Rosaria Solarino Miriam Voghera

Comitato scientifico Maria Antonietta Marchese Luisa Amenta Maria Elda Padalino Maria Emanuela Piemontese Rosaria Solarino Miriam Voghera QUADERNI DI BASE 2 Comitato scientifico Maria Antonietta Marchese Luisa Amenta Maria Elda Padalino Maria Emanuela Piemontese Rosaria Solarino Miriam Voghera QUADERNI DI BASE I Quaderni di base mettono

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

AVVISO PUBBLICO "SFIDE"

AVVISO PUBBLICO SFIDE Unione Europea Fondo Sociale Europeo Repubblica Italiana AVVISO PUBBLICO "SFIDE" STRUMENTI FORMATIVI PER INNOVARE, DECOLLARE, EMERGERE PROGETTO: RIQUALIFICAZIONE E RIUSO DEL PATRIMONIO EDILIZIO, STORICO

Dettagli

Istituto Comprensivo 2 di Montesarchio A.S. 2014-2015 Curricolo Verticale di Tecnologia. TECNOLOGIA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti

Istituto Comprensivo 2 di Montesarchio A.S. 2014-2015 Curricolo Verticale di Tecnologia. TECNOLOGIA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti Istituto Comprensivo di Montesarchio A.S. 014-015 Curricolo Verticale di Tecnologia 1 Competenze Leggere e descrivere immagini. TECNOLOGIA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti Riproduzione dei colori per realizzare

Dettagli

Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^

Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^ Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^ I Docenti della Disciplina Salerno, lì 10/11 settembre 2013 Finalità

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

Terzo modulo 2 dicembre 2010 Il progetto èconcluso Valutazione

Terzo modulo 2 dicembre 2010 Il progetto èconcluso Valutazione CORSO DI FORMAZIONE REGIONALE cosa stai cercando? riflessioni sulla ricerca sanitaria dall idea all application: come descrivere un progetto di ricerca e chiedere un finanziamento Regione Liguria Terzo

Dettagli

Ingegneria del Software T. 2. Analisi orientata agli oggetti

Ingegneria del Software T. 2. Analisi orientata agli oggetti Ingegneria del Software T 2. Analisi orientata agli oggetti Per effettuare correttamente l analisi, è necessario Comunicare con l utente Ottenere una buona conoscenza dell area applicativa Determinare

Dettagli

COMPETENZE SPECIFICHE

COMPETENZE SPECIFICHE COMPETENZE IN SCIENZE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: SCIENZE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012. SCIENZE TRAGUARDI ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Aggiornato il 6 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA...

Dettagli

CAPITOLO 3 Previsione

CAPITOLO 3 Previsione CAPITOLO 3 Previsione 3.1 La previsione I sistemi evoluti, che apprendono le regole di funzionamento attraverso l interazione con l ambiente, si rivelano una risorsa essenziale nella rappresentazione di

Dettagli

Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali

Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali A13 494 Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali Stato dell arte e problematiche aperte verso il federalismo fiscale Copyright MMXII

Dettagli

Analisi. Ingegneria del Software L-A. Analisi. Analisi. Ingegneria del Software L-A 2.1. 2. Analisi orientata agli oggetti

Analisi. Ingegneria del Software L-A. Analisi. Analisi. Ingegneria del Software L-A 2.1. 2. Analisi orientata agli oggetti Ingegneria del Software L-A 2. orientata agli oggetti Per effettuare correttamente l analisi, è necessario Comunicare con l utente Ottenere una buona conoscenza dell area applicativa Determinare in dettaglio

Dettagli

Analisi. Ingegneria del Software L-A. Analisi. Analisi. Analisi e gestione dei rischi. Analisi e gestione dei rischi. Ingegneria del Software L-A 2.

Analisi. Ingegneria del Software L-A. Analisi. Analisi. Analisi e gestione dei rischi. Analisi e gestione dei rischi. Ingegneria del Software L-A 2. Ingegneria del Software L-A 2. orientata agli oggetti Per effettuare correttamente l analisi, è necessario Comunicare con l utente Ottenere una buona conoscenza dell area applicativa Determinare in dettaglio

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio ART. 1 Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento s intende:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

27/28 MAGGIO 2015 PIEMONTE TORINO INCONTRA CENTRO CONGRESSI REMAKE WORKSHOP. Tecnologie e metodologie per il recupero energetico degli edifici

27/28 MAGGIO 2015 PIEMONTE TORINO INCONTRA CENTRO CONGRESSI REMAKE WORKSHOP. Tecnologie e metodologie per il recupero energetico degli edifici MAGGIO TORINO INCONTRA CENTRO CONGRESSI REMAKE Tecnologie e metodologie per il recupero energetico degli edifici WORKSHOP Con il Patrocinio di Media Partner WORKSHOP GIOVEDÌ 28 MAGGIO REMAKE ORE 14.15

Dettagli

Lezione 4 Formazione delle strategie e strategie basate sulla conoscenza: la Knowledge Based View

Lezione 4 Formazione delle strategie e strategie basate sulla conoscenza: la Knowledge Based View Università degli Studi di Padova Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea Triennale in Discipline della Mediazione Linguistica e Culturale a.a. 2007/08 Economia e Gestione delle Imprese Lezione 4

Dettagli

Il Project Work Serena Donati

Il Project Work Serena Donati Il Project Work Serena Donati Gli elementi principali dei modelli teorici affrontati nel primo capitolo, ovvero quello pedagogico, psicologico e sociologico, nonché il ruolo fondamentale della valutazione

Dettagli

L applicazione del Modello di Area Industriale Sostenibile (SIAM), il caso di studio dell area industriale di Molfetta (Ba)

L applicazione del Modello di Area Industriale Sostenibile (SIAM), il caso di studio dell area industriale di Molfetta (Ba) L applicazione del Modello di Area Industriale Sostenibile (SIAM), il caso di studio dell area industriale di Molfetta (Ba) Antonella Lomoro alomoro@eco-logicasrl.it, Patrizia Milano, Massimo Guido; Claudia

Dettagli

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà Economia Corso di Strategia di Impresa A/A 2008-2009 TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE -Robert M. Grant- Peitas Patrizia INDICE 1. Il vantaggio competitivo

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO

LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO LEZIONE: LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO PROF.SSA PAOLA ZOCCOLI Indice 1 LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO --------------------------------------------- 3 2 OBIETTIVI

Dettagli

Andrea Grippa Reti Intranet

Andrea Grippa Reti Intranet Andrea Grippa Reti Intranet Piccola guida per la comprensione dell evoluzione di alcuni modelli e delle loro applicazioni Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

D - Cloud. Amandolese Daniela Difonzo Alessandro Mainente Elisa Napoli Marco Salvioni Ilaria Saviotti Federica

D - Cloud. Amandolese Daniela Difonzo Alessandro Mainente Elisa Napoli Marco Salvioni Ilaria Saviotti Federica Facoltà del design Open lecture Design of the other Things anno accademico 10-11 Docente: Stefano Maffei Cultori: Massimo Bianchini Ursula Borroni Beatrice Villari D - Cloud Amandolese Daniela Difonzo

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

COMPETENZE TRASVERSALI

COMPETENZE TRASVERSALI GESTIRE IL CAMBIAMENTO STILI DI LEADERSHIP FACILITARE LA COMUNICAZIONE GESTIRE LE SITUAZIONI DI CRISI CREATIVITÀ E PROBLEM SOLVING GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO PROJECT MANAGEMENT IN PRATICA FORMARE IL PROPRIO

Dettagli

Industrial Design: sistemi, servizi, prodotto

Industrial Design: sistemi, servizi, prodotto Industrial Design: sistemi, servizi, prodotto master ISIA DI PRIMO LIVELLO - 2011 A PORDENONE Industrial Design: sistemi, servizi, prodotto MasteR DI PRIMO LIVELLO - 2011 Progetto Il Master si rivolge

Dettagli

HOUSING SOCIALE E COLLABORATIVO

HOUSING SOCIALE E COLLABORATIVO CORSO DI MASTER LEVEL IN: HOUSING SOCIALE E COLLABORATIVO Programmare, progettare e gestire l abitare contemporaneo. Il corso è organizzato dal Consorzio POLI.design del Politecnico di Milano ed è supportato

Dettagli

CORSO TRIENNALE TRANSPORTATION DESIGN

CORSO TRIENNALE TRANSPORTATION DESIGN Project by: A. Berardi, M. Sarti, S. Gulino, M. Basilio - MINI WORLD CORSO TRIENNALE TRANSPORTATION DESIGN TRIENNALE IED Torino Diploma Accademico di I Livello Italiano IED TORINO Diploma Accademico di

Dettagli

DOSSIER. Laurea Magistrale in

DOSSIER. Laurea Magistrale in DOSSIER Laurea Magistrale in Biologia e Tecnologie Cellulari Siti attuali: http://elearning2.uniroma1.it/course/index.p hp?categoryid=640 http://corsidilaurea.uniroma1.it/biologia-etecnologie-cellulari/il-corso

Dettagli

DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD )

DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD ) Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO INDIRIZZO: DESIGN ARREDAMENTO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA A: DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD ) SECONDO BIENNIO CLASSI : TERZE E QUARTE

Dettagli

Rev del 23/05/08. Carta Dei Servizi. Pag 1 di 13

Rev del 23/05/08. Carta Dei Servizi. Pag 1 di 13 Carta Dei Servizi Pag 1 di 13 PREMESSA MACHINA Lonati Fashion and Design Institute attribuisce alla Carta dei Servizi il valore di uno strumento primario per garantire la conoscenza, la consapevolezza,

Dettagli

PRINCIPI E MODELLI EDUCATIVO DIDATTICI PER L ATTUAZIONE DELLA PRATICA MUSICALE

PRINCIPI E MODELLI EDUCATIVO DIDATTICI PER L ATTUAZIONE DELLA PRATICA MUSICALE PRINCIPI E MODELLI EDUCATIVO DIDATTICI PER L ATTUAZIONE DELLA PRATICA MUSICALE Convegno di Studi DM8/2011 7 Ottobre 2014 - I.C. Parini Catania 8 Ottobre 2014 D.D. Arculeo - Palermo Liliana Minutoli Comitato

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15

DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15 DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15 LICEO CLASSICO E DELLE SCIENZE UMANE PLAUTO PREMESSA L insegnamento delle Scienze naturali ha il fine di far acquisire allo studente conoscenze disciplinari e metodologie

Dettagli

CORSO IN DESIGN FOR PLASTICS 3^ edizione Inizio: 9 gennaio 2009

CORSO IN DESIGN FOR PLASTICS 3^ edizione Inizio: 9 gennaio 2009 Per informazioni: Ufficio coordinamento corsi POLI.design Consorzio del Politecnico di Milano Via Durando 38/A Milano Tel +39 022399 7248 Fax +39 022399 7217 formazione@polidesign.net www.polidesign.net

Dettagli