Barbara Colombo BIONIC DESIGN LO SVILUPPO DEL PRODOTTO INDUSTRIALE ATTRAVERSO LO STUDIO DELLA NATURA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Barbara Colombo BIONIC DESIGN LO SVILUPPO DEL PRODOTTO INDUSTRIALE ATTRAVERSO LO STUDIO DELLA NATURA"

Transcript

1 Barbara Colombo BIONIC DESIGN LO SVILUPPO DEL PRODOTTO INDUSTRIALE ATTRAVERSO LO STUDIO DELLA NATURA

2 Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: dicembre 2008

3 A Matteo Alla mia famiglia

4

5 7 Indice Premessa Introduzione Definizione dell ambito di ricerca Partner Nodi problematici Obiettivi Metodologia Capitolo I Definizioni della disciplina I Fondamenti Scale di intervento Strutturale Materico La bionica e il ruolo del design Bionica e innovazione Bionic Car Fastskin Capitolo II La Creatività Il ruolo del design Creare innovazione L uso dell analogia Strumenti per creare innovazione con l analogia Lead user Synectics TRIZ Bio TRIZ TOL ed EOL La spirale della vita Bionica bio analogia Descrizione di un processo attraverso l utilizzo delle analogie Conclusioni Capitolo III Nuovi modelli progettuali... 69

6 8 Indice 3.2 I centri di ricerca La Germania Università di Nath Università di Reading R&D in azienda Design innovation Design Continuum Motorola Capitolo IV Inquadramento del progetto di ricerca Il montaggio delle strutture Il processo di costruzione I sistemi di assemblaggio L assemblaggio a secco L assemblaggio a secco come linguaggio La saldatura La messa in opera Assemblaggio e messa in opera delle strutture in acciaio a sezione cava La lavorazione L assemblaggio La messa in opera Le giunzioni nelle strutture a sezione cava Giunzioni in linea Giunti saldati di testa Giunti a flangia Giunti a piastra Giunture secondarie Giunzioni nelle strutture reticolari Sagomatura Costi per la realizzazione di strutture in acciaio Il Ciclo di vita delle strutture in acciaio Fattori di costo nelle costruzione in acciaio Costi per la realizzazione di strutture in acciaio a sezione cava Aspetti economici di strutture in acciaio a sezione cava Il costo degli elementi di giunzione Criteri di scelta del tipo di giunto Il costo della verniciatura Costi vari Ottimizzazione dei costi

7 Indice 9 Capitolo VII Design bionico come strumento Risultati Vantaggi Svantaggi Capitolo VIII I concept Concept Concept Concept Verifica progettuale Aspetti estetici Aspetti economici Prestazioni tecniche Sicurezza Valutazione dei risultati Vantaggi Svantaggi Conclusioni Capitolo IX...159

8

9 11 Premessa Il testo nasce dall osservazione e dall analisi dei processi di sviluppo del prodotto industriale. In particolare la pubblicazione ha approfondito, attraverso casi studio, l utilizzo della bionica quale strumento utile da impiegarsi in questo processo. L ipotesi di partenza della tesi considera la bionica come un sistema articolato di esperienze e competenze in grado di comunicare informazioni di diversa natura all interno di un percorso di conoscenza: geometria, matematica, meccanica, biologia, ecc. La bionica è una disciplina nata negli anni sessanta che ha trovato impiego, seppur con poca diffusione, in diversi ambiti di ricerca quali il design, l ingegneria dei materiali, la bioingegneria e l aeronautica. Lo scopo dell utilizzo di questo strumento è raggiungere un nuovo livello di conoscenza e definire un metodo in grado di innovare il processo di sviluppo prodotto, che si possa applicare sia in ambito industriale, che in ambito accademico. La ricerca approfondisce anche il ruolo del designer quale osservatore privilegiato e figura in grado di dialogare con tutta la struttura aziendale. La metodologia impiegata è stata definita tramite una sequenza logica di fasi che ha unito, sia la ricerca bibliografica, riguardante le discipline coinvolte, sia un approccio più pratico. Durante lo svolgimento della pubblicazione si sono esplorate le questioni più strettamente legate al mondo della produzione, grazie alla partecipazione dei partner esterni e alla realizzazione di un caso pilota. Per ottenere dei risultati significativi si è ritenuto necessario effettuare una comparazione fra i vari contesti di analisi: università, società, centri di ricerca, aziende, e il risultato è stato un rapporto costante tra il mondo della

10 12 Definizione del tema di ricerca ricerca accademica e quello delle imprese. L intento è dimostrare che i principî della bionica, efficienza, efficacia e sufficienza, possono essere interpretati come uno strumento idoneo per sviluppare, attraverso la loro applicazione, nuove procedure nell ambito dell insegnamento; poiché questa disciplina, non solo presta attenzione alle forme, ma sottolinea l importanza delle caratteristiche meccaniche e morfologiche. La bionica è una disciplina che cerca risposte ad una domanda cruciale per qualsiasi approccio che voglia definirsi sostenibile: che cosa farebbe la natura in questi casi? L analogia con la natura è il principio base su cui si fonda questa disciplina e offre un approccio pragmatico e interdisciplinare in cui il progettista sperimenta il trasferimento delle caratteristiche del mondo naturale nel disegno di progetto. Infatti, nell elaborazione del progetto non si considerano solo le componenti meccaniche e tecnologiche, ma anche le caratteristiche morfologiche, e ciò che ne scaturisce sono prodotti e strutture economicamente vantaggiose, rispettose dell ambiente e attente al risparmio energico. L attività sin qui svolta si è concretizzata in due risultati, il primo teorico ed il secondo pratico. Nel primo caso è stata evidenziata l utilità di mettere a punto uno strumento metodologico per lo sviluppo del prodotto industriale attraverso l utilizzo della bionica. Tale metodologia è stata elaborata in base alle esperienze condotte sui casi studio analizzati e tenendo conto delle problematiche evidenziate rispetto allo stato dell arte della materia. Lo scopo di questa proposta è, di fornire al progettista uno strumento di impostazione del processo di produzione del progetto, in grado di valutare e definire i requisiti, le prestazioni e le soluzioni più idonee per risolvere un problema progettuale. Ciò non significa eliminare i sistemi di progettazione e di sviluppo del prodotto acquisiti durante gli anni ma aggiungerne altri che, sommati ai precedenti, apportino un valore aggiunto, in grado di favorire una nuova organizzazione della ricerca. In questo ambito si può anche ribadire il ruolo del designer quale innovatore di prodotti coerenti e sensati attraverso le possibili strategie di lavoro. Il secondo risultato raggiunto sono una serie di concept sviluppati durante la fase progettuale della ricerca. Tale fase è stata l occasione per verificare l ipotesi di partenza, in particolare se la bionica può fornire un beneficio estetico e di qualità al disegno di progetto. II risultati raggiunti rappresentano un primo passo nella definizione di una proposta integrata in grado di generare soluzioni che tengano conto di

11 Premessa 13 una serie di variabili quali la geometria delle componenti edilizie, le regole di assemblaggio, la presenza di funzioni particolari e operazioni. Infatti, la tecnologia al taglio laser e la sua originale applicazione attraverso il design bionico possono definire e fornire un nuovo processo di sviluppo del prodotto industriale. Nel panorama internazionale il design bionico rappresenta un ambito di studio in continua evoluzione caratterizzato da una costante ricerca sulle tematiche tecniche, scientifiche ed ingegneristiche, in grado di offrire a profili professionali differenti strumenti e metodi di progetto appropriati che presuppongono un ruolo all interno sistema della didattica e della ricerca. Gli esiti della progettazione con la bionica, recentemente sviluppati, e le osservazioni presentate nel corso della ricerca invitano ad un approccio alla disciplina di carattere sperimentale e suggeriscono, per lo scenario futuro, di pensare e di operare nella fase di sviluppo del prodotto secondo le indicazioni proprie di questa disciplina. Poiché oggigiorno si assiste a una domanda di prodotti che prevedono soluzioni nel rispetto delle leggi della natura il progettista, grazie alle risorse fornite dalla bionica, può soddisfare tali richieste. A seguito del lavoro prodotto è possibile individuare alcuni scenari futuri, in particolare, fornire opportunità di applicazione della metodologia proposta utile a validarne la bontà nella realizzazione e nello sviluppo di prodotti innovativi, spesso differenti dalla maggior parte dei prodotti di un azienda che opera in modo tradizionale, al fine di promuovere la cultura della conoscenza e della ricerca attraverso la via del confronto. L implementazione di un metodo di progettazione per la realizzazione industriale di componenti per l edilizia attraverso l impiego dei principî del design bionico, rappresenta l attività di studio svolta all interno dell Unità di Ricerca ProgettoProdotto, diretta dal professor Francesco Trabucco. Si è cercato di trattare il tema di studio in modo sistematico legandolo ad una ricerca progettuale svolta in collaborazione con un azienda. Questa analisi si inserisce nel vasto panorama degli studi che hanno per oggetto la bionica cioè quella disciplina che studia le parti degli organismi viventi allo scopo di costruire modelli, teorici e pratici, tramite dispositivi per simulare le loro funzioni, con lo scopo di avere una progettazione più efficiente e ne descrive i risultati ottenuti. All interno di questo ambito è stato ricavato uno spazio di applicazione originale che è il design delle componenti per l edilizia. Il tema della bionica applicata al design è ricco di spunti, di originalità e di interesse, non solo per l interdisciplinarità che lo caratterizza, ma anche per il ruolo che ha assunto il design bionico in questi anni nel panorama

12 14 Definizione del tema di ricerca mondiale. È importante sottolineare che non esiste un unica metodologia, condivisa e definita in modo puntuale dalla comunità scientifica, per affrontare la disciplina, ma vi sono diversi approcci distinti scaturiti dalle molteplici esperienze di ricerca che sono stati valutati e validati durante il percorso di ricerca. L indagine ha avuto un carattere prevalentemente applicativo, ma sono stati sviluppati anche aspetti tecnici riguardanti l innovazione tecnologica con riflessioni sul tema della progettazione industriale, e questo saggio è il risultato delle elaborazioni teoriche applicate in modo concreto ad un lavoro di progettazione. Nella fase iniziale sono state definite tre macro-aree di intervento che sono coincise anche con le tre fasi attraverso le quali si è articolato e sviluppato il progetto di ricerca: il concetto di bionica nel suo insieme, il ruolo del designer e la definizione di nuovi sistemi costruttivi. La scelta di queste tre aree si è dimostrata da subito utile rispetto agli obiettivi identificati, poiché la bionica si pone come disciplina di integrazione trasversale a molte aree di ricerca, ed il designer ha tra le sue competenze anche quella di ordinare e organizzare il progetto di ricerca. Infatti nella definizione del processo progettuale il designer assume un ruolo centrale nell ambito di competenze e sistemi che generano un prodotto, e nel corso della ricerca si è voluto far emergere, coinvolgendo progettisti e committenti, la dimensione partecipativa, tipica dell action research. La prima parte della pubblicazione è dedicata a definire in modo teorico che cosa è la bionica e, in modo particolare, cos è la bionica in relazione all innovazione ed al ruolo del designer. Ciò che si vuole indagare è il rapporto tra oggetti, elementi e strutture che comunicano l uso del design bionico e il processo di progettazione del prodotto bionico, inteso quale valore creativo di un manufatto realizzabile in modo industriale. L obiettivo è dimostrare che l approccio progettuale, attraverso questo metodo, può fornire al prodotto un valore espressivo ed un beneficio economico. Questo nuovo prodotto, infatti, è ottenuto mediante un processo di astrazione dei principî, delle analogie di forme, colori, strutture, funzionalità, delle componenti dei prodotti, dei sistemi e dei materiali usati dalla natura e replicati dall uomo, ed offre una maggiore comprensione dei rapporti tra forma funzione struttura nel progetto di prodotto. La seconda parte esamina il lavoro di ricerca applicata svolta in collaborazione con Blm - Adige Sys per definire nuovi scenari e nuove strategie, attraverso l impiego di tecnologie per la lavorazione dei tubi metallici, da applicarsi alla realizzazione di strutture, snodi e giunti a sezione cava. L azienda, che è leader nel settore della costruzione di macchinari per il taglio laser di tubi di grosse dimensioni, ha rappresentato, durante lo

13 Premessa 15 svolgimento di questo studio, un punto di riferimento continuo con cui confrontare i risultati ottenuti con l obiettivo di migliorare ed innovare i prodotti. La progettazione di componenti per l edilizia è partita da un analisi del processo per comprende quali siano le sue caratteristiche peculiari, la definizione delle funzione, degli elementi e delle lavorazioni. In questo ambito la ricerca è stata ampliata con l obiettivo di evidenziare sia le caratteristiche e i principî su cui si basa la natura, che una possibile applicazione del metodo bionico nella ricerca progettuale. In particolare, l obiettivo è stato lo sviluppo soluzioni applicative innovative nelle quali l utilizzo della tecnologia del taglio laser abbia un ruolo preponderante. In questo senso è apparso opportuno coniugare conoscenze provenienti dalla letteratura di cantiere, dall esperienza dei progettisti appartenenti al team di ricerca e dall esperienza professionale di uno studio di consulenza. Il sistema di relazioni è stato ampliato consentendo di sostenere le proposte progettuali, senza tuttavia limitare e circoscrivere l indagine alla sola lavorazione sul tubo, prestando altresì attenzione alla funzione di supporto alla messa in opera, che nei progetti elaborati raggiunge elevati valori espressivi. Per concludere, la terza parte è dedicata a definire il ruolo originale che ha oggi il design bionico nel processo di realizzazione di nuovi prodotti industriali che presentano caratteristiche distinguibili rispetto al panorama tradizionale. L obiettivo è quello di far emergere le peculiarità della disciplina, chiarire il ruolo del designer e fornire uno strumento in grado di generare innovazione all interno delle aziende, enti di ricerca ed imprese. La possibilità di avere come partner Blm - Adige Sys, durante lo svolgimento della ricerca, è stata l occasione per elaborare una serie di concept e verificare la fattibilità in termini strutturali e di benefici che possono essere ottenuti in campo economico.

14

15 17 Introduzione Definizione dell ambito di ricerca Il tema di ricerca intende rimarcare la scelta di progettazione e sviluppo di nuovi prodotti industriali attraverso il metodo bionico dimostrando che i concept sviluppati hanno qualità funzionali nuove e vantaggiose, che sono altamente sviluppabili e replicabili grazie alla crescente integrazione con altri ambiti di ricerca. La tematica, allo scopo di identificare in modo adeguato dei modelli per definire lo sviluppo di prodotti bionici, è stata investigata attraverso due punti di vista distinti: ambito del progetto e ambito della produzione. Nel primo caso l obiettivo è di mettere a fuoco il rapporto tra disegno e realizzazione del prodotto e l influenza dell approccio bionico sui metodi di progettazione. In questa prima fase, attraverso casi studio, si è voluto evidenziare il carattere bionico del progetto. Il secondo approccio, incentrato rispetto all ambito produttivo, individua le caratteristiche costruttive del prodotto, i sistemi di produzione e i dati di mercato. La scelta di questo doppio registro è data dalla volontà e dalla necessità di comprendere se il design è parte integrante di entrambi gli approcci per poi, eventualmente, colmare le eventuali lacune che si potrebbero presentare nella fase di progettazione. Le nozioni acquisite dall indagine di esperienze progettuali significative nell ambito della bionica legate ai nomi di Carmelo di Bartolo e Franco Lodato hanno permesso di definire i principî base in cui opera il progettista e mostrare le complessità e le criticità delle funzioni coinvolte. Infatti, risulta problematico definire una teoria della bionica in considerazione delle vaste applicazioni che questa può avere, dalla scala molto piccola, di virus e batteri, a quella molto grande

16 18 Definizione dell ambito di ricerca degli edifici. Attraverso l indagine delle strutture naturali, della forma e della struttura è possibile definire una successione di fasi, di strumenti e di processi da applicare per ottenere un prodotto realizzabile industrialmente. Si tratta dello studio di pratiche progettuali adottate da designers in aziende o centri di ricerca che hanno mostrato caratteristiche comuni. Queste caratteristiche sono fondate sull osservazione della natura e degli elementi naturali esistenti, sulla definizione delle peculiarità che li rendono unici, poiché l obiettivo del progettista è la realizzazione di un prodotto innovativo. Il carattere originale del prodotto non è dato dalla forma finale, ispirata dalla natura, ma dalle prestazioni complesse ed articolare che portano ad un miglioramento dell esistente. Appare chiaro che le fasi di progettazione e realizzazione devono essere supportate da una ricerca di base interdisciplinare in grado di comprendere la complessità della natura. Ciò che rende interessante l obiettivo di questa ricerca, è dare un contributo alla definizione della cultura della progettazione attraverso la natura applicando l analisi sperimentale. Il secondo ambito di indagine riguarda uno specifico apparato di prodotti: le costruzioni in acciaio ed i sistemi di giunzione per la realizzazione di strutture a sezione cava. Dopo aver individuato le componenti che definiamo tradizionali e dimostrato le potenzialità e possibilità di impiego, in una fase successiva, sono stati analizzati sistemi di costruzione bionici: vale a dire prodotti che presentano analogie e riferimenti con il modo naturale. Attraverso un percorso di comparazione tra questi elementi è possibile stabilire i vantaggi o gli vantaggi dell impiego di tali soluzioni. Partner Il doppio ambito della ricerca, del progetto e della produzione, si è mantenuto anche nella scelta dei partner. In particolare, la scelta del partner aziendale con cui è stata svolta la ricerca progettuale è ricaduta su Blm Adige Sys. L impresa è leader nella costruzione di macchine per il taglio dei tubi a sezione cava e produttrice mondiale di un macchinario, chiamato Jumbo, in grado di tagliare tubi di diversa sezione (circolare, quadrata, rettangolare o ad H) con una capacità fino a Ø 300 mm, una lunghezza massima fino a 8500 mm e uno spessore di 16mm. L azienda si è mostrata interessata a evidenziare le potenzialità dell utilizzo di questa macchina, individuando nuovi sviluppi, nuovi scenari d impiego e nuove applicazioni delle strutture di acciaio a sezione cava. Con queste premesse la collaborazione è divenuta un opportunità per verificare, attraverso lo sviluppo di tre concept, se l applicazione della bionica è realmente vantaggiosa.

17 Introduzione 19 Dati gli interessi immediati di verifica delle proposte progettuali e le relative possibilità di brevetto sono state richieste valutazioni di fattibilità delle strutture ad esperti del settore. Il partner con cui è stato possibile indagare l ambito progettuale è la Architecture and Design University di Aalborg. Si tratta di un università con indirizzo tecnico che durante il corso di studi, nello svolgimento di alcuni laboratori, utilizza un approccio bionico per progettazione di prodotti industriali. In particolare la Facoltà organizza un Bionik Workshop Project, durante il 4 semestre di studi, il cui programma è stato elaborato da Marianne Stokholm e da Carmelo di Bartolo. Il workshop si è dimostrato l occasione per osservare il processo progettuale utilizzato nello sviluppo del prodotto attraverso la bionica e per verificare se, effettivamente, esistono dei vantaggi nell utilizzo di questo strumento da parte del progettista. Nodi problematici La definizione dell ambito di ricerca e l analisi critica mettono in evidenza i nodi irrisolti legati alle diverse fasi del processo che, in questo caso, ruotano tutti intorno al concetto della progettazione di prodotti e componenti per l edilizia, in particolare giunti e snodi, pensati attraverso la bionica. In base alle considerazioni fatte durante la ricerca sono state affrontate differenti problematiche a cui si è cercato di dare una soluzione nell ambito di interesse. In prima analisi è stata evidenzia la mancanza di un percorso progettuale unico ed univoco relativo ai prodotti bionici, ciò emerge dalla constatazione che nel panorama questi prodotti rappresentano una minoranza, nonostante si tratti di manufatti innovativi dal punto di vista tecnico e in grado di soddisfare le esigenze di utenti, progettisti, carpentieri e imprenditori. L aspetto considerato inizialmente è l individuazione di un sistema dove poter sperimentare questi principî, per poi progettare prodotti realmente pensati per lo scopo che devono soddisfare. L analisi dei riferimenti teorici ha prodotto riflessioni che vanno al di là del tema specifico della progettazione di elementi costruttivi. Infatti, la principale osservazione riscontrata sulla creazione di componenti per l edilizia è la necessità di creare un organismo architettonico unitario, pensato come un unicum composto da elementi producibili industrialmente. Gli ultimi sviluppi evolutivi dell architettura sperimentano la possibilità di combinare tecnologie e materiali avanzati con i tradizionali principî progettuali e l involucro è la parte dell edificio soggetto alle sperimentazioni più interessanti. Poiché è un elemento intermedio tra spazio interno e spazio

18 20 Definizione dell ambito di ricerca esterno, la cui funzione è di filtrare i flussi energetici e di modularli in maniera selettiva, uno degli obiettivi che ci potrebbe porre è la possibilità di realizzare strutture altamente sviluppabili replicate grazie a integrazione crescente con altri ambiti e metodi di ricerca supportati da strumenti di natura progettuale, tecnica, informatica. Obiettivi L obiettivo principale di questa ricerca è la creazione un percorso di progettazione per la realizzazione di strutture, che si avvale dello strumento innovativo della bionica. In particolare si vuole evidenziare, il carattere interdisciplinare del lavoro di analisi che può favorire la creazione di una cultura del progetto più sistemica e prossima alla ricerca che non alla composizione formale. Un altro aspetto della ricerca è legato alla possibilità di progettare prodotti, attraverso un procedimento di analogia, ispirati alla natura. La verifica dell obiettivo è stata possibile grazie alla collaborazione di un partner aziendale che ha fornito il caso studio da indagare. Per dimostrare la fattibilità di questo processo si è ricorsi ad un analisi comparativa tra le caratteristiche delle strutture in acciaio a sezione cava, e i progetti strutturali riferiti alla natura. Attraverso questo processo è infatti possibile individuare se sussistono vantaggi e benefici offerti dalla bionica. L analisi, l osservazione e la definizione delle caratteristiche dei prodotti, che possiamo definire bionici, presenti sul mercato delle costruzioni in acciaio, dimostrano di avere altresì ricadute positive anche nel mondo della produzione. Data l impronta applicativa della ricerca, il processo evidenzia l esistenza di un passaggio critico in cui si ha l astrazione dei principî degli elementi naturali che vengono applicati nella progettazione con il fine di determinare delle invarianti. Metodologia Il percorso metodologico parte e dalla definizione degli strumenti di indagine relativi agli obiettivi della ricerca e dalla raccolta e dalla sistematizzazione del maggior numero di informazioni possibile sull argomento. Gli strumenti impiegati sono: l indagine bibliografica, l analisi della documentazione prodotta da università, enti, aziende, l esame di pubblicazioni pertinenti, lo studio delle tesi di dottorato svolte sull argomento, il tutto sia in ambito nazionale, che internazionale, allo scopo di definire, attraverso una fase di esplorazione, le potenzialità della disciplina, i fondamenti teorici e le scale di intervento.

19 Introduzione 21 Partendo da un analisi generale del campo d indagine l attenzione si è via via focalizzata su un contesto più definito fino ad arrivare all individuazione delle migliori soluzioni presenti sul mercato, così da realizzare una soluzione realmente utile. Lo studio e l analisi dei centri di ricerca soprattutto europei, operativi sia in ambito accademico, che lavorativo, pongono l accento su come viene utilizzata la bionica. Si tratta di una fase importante per definirne l influenza sugli elaborati di ricerca prodotti. Infatti, attraverso la lettura della produzione bionica è possibile identificare alcune questioni significative come le tendenze funzionali e formali dei prodotti e il riconoscimento della loro qualità. Il percorso di elaborazione della tesi prevede la sperimentazione su una serie di casi studio convergenti sulle tematiche affrontate, con lo scopo di definire un metodo di sviluppo prodotto, ispirato all analogia con la natura, e applicato alla progettazione di un sistema di realizzazioni per le componenti per l edilizia. Per ciascun caso studio considerato sono stati individuati i possibili processi, gli strumenti e gli approcci metodologici di lavoro, con lo scopo di definire i possibili percorsi per un rinnovamento del processo di sviluppo prodotto attraverso la bionica e creare un ipotesi su cui fare convergere le esperienze di metodo e di progetto. Il processo di definizione della struttura della ricerca è stato effettuato attraverso l utilizzo di un metodo funzionale di modellazione di processi chiamato IDEF0. L approccio metodologico impiegato può essere definito un prerequisito essenziale per le fasi successive di definizione e rappresentazione dei flussi di informazione ottenute e prodotte. La visualizzazione del processo attraverso lo strumento IDEF0 si è dimostrata utile per verificare gli obiettivi e definire le problematiche che il ricercatore si trova ad affrontare, se vuole basare la modellazione su dati di rilievo. In particolare attraverso l applicazione di questo strumento è offerta la possibilità di definire le parti principali in cui si è articolata la ricerca, e gli output raggiunti alla fine di ciascuna fase che possono essere schematizzati nei grafici di seguito. Le immagini, (v. Figg. 1 e 2), mostrano la sequenza delle funzioni che hanno rappresentato le parti fondamentali della ricerca, l input iniziale e l output (descritto nei diagrammi con i colori rosso e blu). Questo strumento prevede la possibilità di definire dei controlli (nello schema in colore rosa), vale a dire, figure con cui interagire per poter avere un riscontro sull attività svolta. Nel caso particolare di questa ricerca i controlli sono stati tre.

20 22 Definizione dell ambito di ricerca Figura 1 Diagramma del contesto della ricerca. Il primo è legato alla figura del tutor-relatore, i professori Francesco Trabucco e Matteo Ingaramo che hanno seguito lo svolgimento della tesi con critiche, osservazioni, spunti ed hanno promosso riflessioni; il secondo controllo è rappresentato dal collegio di dottorato che, con cadenza periodica, ha espresso una valutazione e un giudizio critico sul lavoro svolto in merito ai contenuti affrontati, ai significati della ricerca ed agli obiettivi raggiunti. Infine, un ultimo controllo (in colore nero) è rappresentato dalla comunità scientifica di riferimento, in questo caso le occasioni di verifica e di dialogo sono i convegni ed i seminari. Questo strumento consente anche la definizione di meccanismi, che nel caso specifico sono l autore della ricerca e il tutor-relatore. Lo scopo dell analisi è di convalidare in modo scientifico la proposta della ricerca. Per ottenere informazioni utili, tali da poter validare o smentire l idoneità del metodo, si è deciso di collaborare con un azienda e verificare l efficacia della bionica. La realizzazione dei progetti, in un preciso campo di applicazione, ha rivelato che la bionica può essere uno strumento di riferimento per l attività di ricerca progettuale e un mezzo per convalidare e comunicare il progetto. Infatti dalla sperimentazione delle varie ipotesi è possibile arrivare alla definizione delle specifiche progettuali.

21 Introduzione 23 La ricerca si conclude con una riflessione teorica basata sull analisi e sulla rielaborazione dei dati ricavati dall attività progettuale, il cui risultato finale è una proposta metodologica. Figura 2 - Applicazione del diagramma zero per modellare il processo di ricerca.

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO. Elementi essenziali di progetto. Fasi e tappe Gli Approcci

IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO. Elementi essenziali di progetto. Fasi e tappe Gli Approcci UNIVERSITA MILANO BICOCCA Corso di laurea di primo livello in servizio sociale anno accademico 2009-2010 Progettare il sociale Prof. Dario A. Colombo IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO Elementi essenziali di

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO «Quello Quello che per un uomo è "magia", per un altro è ingegneria». Robert Anson Heinlein ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA Corso di aggiornamento sulle Norme

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola E' italiana la casa ad alta efficienza energetica campione del mondo che si è aggiudicata il primo posto

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue Italian Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue The Italian translation of The right of the deaf child to grow up bilingual by François Grosjean University of Neuchâtel, Switzerland Translated

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé.

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. COLLECTION luna material and shapes evoke the celestial

Dettagli