Barbara Colombo BIONIC DESIGN LO SVILUPPO DEL PRODOTTO INDUSTRIALE ATTRAVERSO LO STUDIO DELLA NATURA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Barbara Colombo BIONIC DESIGN LO SVILUPPO DEL PRODOTTO INDUSTRIALE ATTRAVERSO LO STUDIO DELLA NATURA"

Transcript

1 Barbara Colombo BIONIC DESIGN LO SVILUPPO DEL PRODOTTO INDUSTRIALE ATTRAVERSO LO STUDIO DELLA NATURA

2 Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: dicembre 2008

3 A Matteo Alla mia famiglia

4

5 7 Indice Premessa Introduzione Definizione dell ambito di ricerca Partner Nodi problematici Obiettivi Metodologia Capitolo I Definizioni della disciplina I Fondamenti Scale di intervento Strutturale Materico La bionica e il ruolo del design Bionica e innovazione Bionic Car Fastskin Capitolo II La Creatività Il ruolo del design Creare innovazione L uso dell analogia Strumenti per creare innovazione con l analogia Lead user Synectics TRIZ Bio TRIZ TOL ed EOL La spirale della vita Bionica bio analogia Descrizione di un processo attraverso l utilizzo delle analogie Conclusioni Capitolo III Nuovi modelli progettuali... 69

6 8 Indice 3.2 I centri di ricerca La Germania Università di Nath Università di Reading R&D in azienda Design innovation Design Continuum Motorola Capitolo IV Inquadramento del progetto di ricerca Il montaggio delle strutture Il processo di costruzione I sistemi di assemblaggio L assemblaggio a secco L assemblaggio a secco come linguaggio La saldatura La messa in opera Assemblaggio e messa in opera delle strutture in acciaio a sezione cava La lavorazione L assemblaggio La messa in opera Le giunzioni nelle strutture a sezione cava Giunzioni in linea Giunti saldati di testa Giunti a flangia Giunti a piastra Giunture secondarie Giunzioni nelle strutture reticolari Sagomatura Costi per la realizzazione di strutture in acciaio Il Ciclo di vita delle strutture in acciaio Fattori di costo nelle costruzione in acciaio Costi per la realizzazione di strutture in acciaio a sezione cava Aspetti economici di strutture in acciaio a sezione cava Il costo degli elementi di giunzione Criteri di scelta del tipo di giunto Il costo della verniciatura Costi vari Ottimizzazione dei costi

7 Indice 9 Capitolo VII Design bionico come strumento Risultati Vantaggi Svantaggi Capitolo VIII I concept Concept Concept Concept Verifica progettuale Aspetti estetici Aspetti economici Prestazioni tecniche Sicurezza Valutazione dei risultati Vantaggi Svantaggi Conclusioni Capitolo IX...159

8

9 11 Premessa Il testo nasce dall osservazione e dall analisi dei processi di sviluppo del prodotto industriale. In particolare la pubblicazione ha approfondito, attraverso casi studio, l utilizzo della bionica quale strumento utile da impiegarsi in questo processo. L ipotesi di partenza della tesi considera la bionica come un sistema articolato di esperienze e competenze in grado di comunicare informazioni di diversa natura all interno di un percorso di conoscenza: geometria, matematica, meccanica, biologia, ecc. La bionica è una disciplina nata negli anni sessanta che ha trovato impiego, seppur con poca diffusione, in diversi ambiti di ricerca quali il design, l ingegneria dei materiali, la bioingegneria e l aeronautica. Lo scopo dell utilizzo di questo strumento è raggiungere un nuovo livello di conoscenza e definire un metodo in grado di innovare il processo di sviluppo prodotto, che si possa applicare sia in ambito industriale, che in ambito accademico. La ricerca approfondisce anche il ruolo del designer quale osservatore privilegiato e figura in grado di dialogare con tutta la struttura aziendale. La metodologia impiegata è stata definita tramite una sequenza logica di fasi che ha unito, sia la ricerca bibliografica, riguardante le discipline coinvolte, sia un approccio più pratico. Durante lo svolgimento della pubblicazione si sono esplorate le questioni più strettamente legate al mondo della produzione, grazie alla partecipazione dei partner esterni e alla realizzazione di un caso pilota. Per ottenere dei risultati significativi si è ritenuto necessario effettuare una comparazione fra i vari contesti di analisi: università, società, centri di ricerca, aziende, e il risultato è stato un rapporto costante tra il mondo della

10 12 Definizione del tema di ricerca ricerca accademica e quello delle imprese. L intento è dimostrare che i principî della bionica, efficienza, efficacia e sufficienza, possono essere interpretati come uno strumento idoneo per sviluppare, attraverso la loro applicazione, nuove procedure nell ambito dell insegnamento; poiché questa disciplina, non solo presta attenzione alle forme, ma sottolinea l importanza delle caratteristiche meccaniche e morfologiche. La bionica è una disciplina che cerca risposte ad una domanda cruciale per qualsiasi approccio che voglia definirsi sostenibile: che cosa farebbe la natura in questi casi? L analogia con la natura è il principio base su cui si fonda questa disciplina e offre un approccio pragmatico e interdisciplinare in cui il progettista sperimenta il trasferimento delle caratteristiche del mondo naturale nel disegno di progetto. Infatti, nell elaborazione del progetto non si considerano solo le componenti meccaniche e tecnologiche, ma anche le caratteristiche morfologiche, e ciò che ne scaturisce sono prodotti e strutture economicamente vantaggiose, rispettose dell ambiente e attente al risparmio energico. L attività sin qui svolta si è concretizzata in due risultati, il primo teorico ed il secondo pratico. Nel primo caso è stata evidenziata l utilità di mettere a punto uno strumento metodologico per lo sviluppo del prodotto industriale attraverso l utilizzo della bionica. Tale metodologia è stata elaborata in base alle esperienze condotte sui casi studio analizzati e tenendo conto delle problematiche evidenziate rispetto allo stato dell arte della materia. Lo scopo di questa proposta è, di fornire al progettista uno strumento di impostazione del processo di produzione del progetto, in grado di valutare e definire i requisiti, le prestazioni e le soluzioni più idonee per risolvere un problema progettuale. Ciò non significa eliminare i sistemi di progettazione e di sviluppo del prodotto acquisiti durante gli anni ma aggiungerne altri che, sommati ai precedenti, apportino un valore aggiunto, in grado di favorire una nuova organizzazione della ricerca. In questo ambito si può anche ribadire il ruolo del designer quale innovatore di prodotti coerenti e sensati attraverso le possibili strategie di lavoro. Il secondo risultato raggiunto sono una serie di concept sviluppati durante la fase progettuale della ricerca. Tale fase è stata l occasione per verificare l ipotesi di partenza, in particolare se la bionica può fornire un beneficio estetico e di qualità al disegno di progetto. II risultati raggiunti rappresentano un primo passo nella definizione di una proposta integrata in grado di generare soluzioni che tengano conto di

11 Premessa 13 una serie di variabili quali la geometria delle componenti edilizie, le regole di assemblaggio, la presenza di funzioni particolari e operazioni. Infatti, la tecnologia al taglio laser e la sua originale applicazione attraverso il design bionico possono definire e fornire un nuovo processo di sviluppo del prodotto industriale. Nel panorama internazionale il design bionico rappresenta un ambito di studio in continua evoluzione caratterizzato da una costante ricerca sulle tematiche tecniche, scientifiche ed ingegneristiche, in grado di offrire a profili professionali differenti strumenti e metodi di progetto appropriati che presuppongono un ruolo all interno sistema della didattica e della ricerca. Gli esiti della progettazione con la bionica, recentemente sviluppati, e le osservazioni presentate nel corso della ricerca invitano ad un approccio alla disciplina di carattere sperimentale e suggeriscono, per lo scenario futuro, di pensare e di operare nella fase di sviluppo del prodotto secondo le indicazioni proprie di questa disciplina. Poiché oggigiorno si assiste a una domanda di prodotti che prevedono soluzioni nel rispetto delle leggi della natura il progettista, grazie alle risorse fornite dalla bionica, può soddisfare tali richieste. A seguito del lavoro prodotto è possibile individuare alcuni scenari futuri, in particolare, fornire opportunità di applicazione della metodologia proposta utile a validarne la bontà nella realizzazione e nello sviluppo di prodotti innovativi, spesso differenti dalla maggior parte dei prodotti di un azienda che opera in modo tradizionale, al fine di promuovere la cultura della conoscenza e della ricerca attraverso la via del confronto. L implementazione di un metodo di progettazione per la realizzazione industriale di componenti per l edilizia attraverso l impiego dei principî del design bionico, rappresenta l attività di studio svolta all interno dell Unità di Ricerca ProgettoProdotto, diretta dal professor Francesco Trabucco. Si è cercato di trattare il tema di studio in modo sistematico legandolo ad una ricerca progettuale svolta in collaborazione con un azienda. Questa analisi si inserisce nel vasto panorama degli studi che hanno per oggetto la bionica cioè quella disciplina che studia le parti degli organismi viventi allo scopo di costruire modelli, teorici e pratici, tramite dispositivi per simulare le loro funzioni, con lo scopo di avere una progettazione più efficiente e ne descrive i risultati ottenuti. All interno di questo ambito è stato ricavato uno spazio di applicazione originale che è il design delle componenti per l edilizia. Il tema della bionica applicata al design è ricco di spunti, di originalità e di interesse, non solo per l interdisciplinarità che lo caratterizza, ma anche per il ruolo che ha assunto il design bionico in questi anni nel panorama

12 14 Definizione del tema di ricerca mondiale. È importante sottolineare che non esiste un unica metodologia, condivisa e definita in modo puntuale dalla comunità scientifica, per affrontare la disciplina, ma vi sono diversi approcci distinti scaturiti dalle molteplici esperienze di ricerca che sono stati valutati e validati durante il percorso di ricerca. L indagine ha avuto un carattere prevalentemente applicativo, ma sono stati sviluppati anche aspetti tecnici riguardanti l innovazione tecnologica con riflessioni sul tema della progettazione industriale, e questo saggio è il risultato delle elaborazioni teoriche applicate in modo concreto ad un lavoro di progettazione. Nella fase iniziale sono state definite tre macro-aree di intervento che sono coincise anche con le tre fasi attraverso le quali si è articolato e sviluppato il progetto di ricerca: il concetto di bionica nel suo insieme, il ruolo del designer e la definizione di nuovi sistemi costruttivi. La scelta di queste tre aree si è dimostrata da subito utile rispetto agli obiettivi identificati, poiché la bionica si pone come disciplina di integrazione trasversale a molte aree di ricerca, ed il designer ha tra le sue competenze anche quella di ordinare e organizzare il progetto di ricerca. Infatti nella definizione del processo progettuale il designer assume un ruolo centrale nell ambito di competenze e sistemi che generano un prodotto, e nel corso della ricerca si è voluto far emergere, coinvolgendo progettisti e committenti, la dimensione partecipativa, tipica dell action research. La prima parte della pubblicazione è dedicata a definire in modo teorico che cosa è la bionica e, in modo particolare, cos è la bionica in relazione all innovazione ed al ruolo del designer. Ciò che si vuole indagare è il rapporto tra oggetti, elementi e strutture che comunicano l uso del design bionico e il processo di progettazione del prodotto bionico, inteso quale valore creativo di un manufatto realizzabile in modo industriale. L obiettivo è dimostrare che l approccio progettuale, attraverso questo metodo, può fornire al prodotto un valore espressivo ed un beneficio economico. Questo nuovo prodotto, infatti, è ottenuto mediante un processo di astrazione dei principî, delle analogie di forme, colori, strutture, funzionalità, delle componenti dei prodotti, dei sistemi e dei materiali usati dalla natura e replicati dall uomo, ed offre una maggiore comprensione dei rapporti tra forma funzione struttura nel progetto di prodotto. La seconda parte esamina il lavoro di ricerca applicata svolta in collaborazione con Blm - Adige Sys per definire nuovi scenari e nuove strategie, attraverso l impiego di tecnologie per la lavorazione dei tubi metallici, da applicarsi alla realizzazione di strutture, snodi e giunti a sezione cava. L azienda, che è leader nel settore della costruzione di macchinari per il taglio laser di tubi di grosse dimensioni, ha rappresentato, durante lo

13 Premessa 15 svolgimento di questo studio, un punto di riferimento continuo con cui confrontare i risultati ottenuti con l obiettivo di migliorare ed innovare i prodotti. La progettazione di componenti per l edilizia è partita da un analisi del processo per comprende quali siano le sue caratteristiche peculiari, la definizione delle funzione, degli elementi e delle lavorazioni. In questo ambito la ricerca è stata ampliata con l obiettivo di evidenziare sia le caratteristiche e i principî su cui si basa la natura, che una possibile applicazione del metodo bionico nella ricerca progettuale. In particolare, l obiettivo è stato lo sviluppo soluzioni applicative innovative nelle quali l utilizzo della tecnologia del taglio laser abbia un ruolo preponderante. In questo senso è apparso opportuno coniugare conoscenze provenienti dalla letteratura di cantiere, dall esperienza dei progettisti appartenenti al team di ricerca e dall esperienza professionale di uno studio di consulenza. Il sistema di relazioni è stato ampliato consentendo di sostenere le proposte progettuali, senza tuttavia limitare e circoscrivere l indagine alla sola lavorazione sul tubo, prestando altresì attenzione alla funzione di supporto alla messa in opera, che nei progetti elaborati raggiunge elevati valori espressivi. Per concludere, la terza parte è dedicata a definire il ruolo originale che ha oggi il design bionico nel processo di realizzazione di nuovi prodotti industriali che presentano caratteristiche distinguibili rispetto al panorama tradizionale. L obiettivo è quello di far emergere le peculiarità della disciplina, chiarire il ruolo del designer e fornire uno strumento in grado di generare innovazione all interno delle aziende, enti di ricerca ed imprese. La possibilità di avere come partner Blm - Adige Sys, durante lo svolgimento della ricerca, è stata l occasione per elaborare una serie di concept e verificare la fattibilità in termini strutturali e di benefici che possono essere ottenuti in campo economico.

14

15 17 Introduzione Definizione dell ambito di ricerca Il tema di ricerca intende rimarcare la scelta di progettazione e sviluppo di nuovi prodotti industriali attraverso il metodo bionico dimostrando che i concept sviluppati hanno qualità funzionali nuove e vantaggiose, che sono altamente sviluppabili e replicabili grazie alla crescente integrazione con altri ambiti di ricerca. La tematica, allo scopo di identificare in modo adeguato dei modelli per definire lo sviluppo di prodotti bionici, è stata investigata attraverso due punti di vista distinti: ambito del progetto e ambito della produzione. Nel primo caso l obiettivo è di mettere a fuoco il rapporto tra disegno e realizzazione del prodotto e l influenza dell approccio bionico sui metodi di progettazione. In questa prima fase, attraverso casi studio, si è voluto evidenziare il carattere bionico del progetto. Il secondo approccio, incentrato rispetto all ambito produttivo, individua le caratteristiche costruttive del prodotto, i sistemi di produzione e i dati di mercato. La scelta di questo doppio registro è data dalla volontà e dalla necessità di comprendere se il design è parte integrante di entrambi gli approcci per poi, eventualmente, colmare le eventuali lacune che si potrebbero presentare nella fase di progettazione. Le nozioni acquisite dall indagine di esperienze progettuali significative nell ambito della bionica legate ai nomi di Carmelo di Bartolo e Franco Lodato hanno permesso di definire i principî base in cui opera il progettista e mostrare le complessità e le criticità delle funzioni coinvolte. Infatti, risulta problematico definire una teoria della bionica in considerazione delle vaste applicazioni che questa può avere, dalla scala molto piccola, di virus e batteri, a quella molto grande

16 18 Definizione dell ambito di ricerca degli edifici. Attraverso l indagine delle strutture naturali, della forma e della struttura è possibile definire una successione di fasi, di strumenti e di processi da applicare per ottenere un prodotto realizzabile industrialmente. Si tratta dello studio di pratiche progettuali adottate da designers in aziende o centri di ricerca che hanno mostrato caratteristiche comuni. Queste caratteristiche sono fondate sull osservazione della natura e degli elementi naturali esistenti, sulla definizione delle peculiarità che li rendono unici, poiché l obiettivo del progettista è la realizzazione di un prodotto innovativo. Il carattere originale del prodotto non è dato dalla forma finale, ispirata dalla natura, ma dalle prestazioni complesse ed articolare che portano ad un miglioramento dell esistente. Appare chiaro che le fasi di progettazione e realizzazione devono essere supportate da una ricerca di base interdisciplinare in grado di comprendere la complessità della natura. Ciò che rende interessante l obiettivo di questa ricerca, è dare un contributo alla definizione della cultura della progettazione attraverso la natura applicando l analisi sperimentale. Il secondo ambito di indagine riguarda uno specifico apparato di prodotti: le costruzioni in acciaio ed i sistemi di giunzione per la realizzazione di strutture a sezione cava. Dopo aver individuato le componenti che definiamo tradizionali e dimostrato le potenzialità e possibilità di impiego, in una fase successiva, sono stati analizzati sistemi di costruzione bionici: vale a dire prodotti che presentano analogie e riferimenti con il modo naturale. Attraverso un percorso di comparazione tra questi elementi è possibile stabilire i vantaggi o gli vantaggi dell impiego di tali soluzioni. Partner Il doppio ambito della ricerca, del progetto e della produzione, si è mantenuto anche nella scelta dei partner. In particolare, la scelta del partner aziendale con cui è stata svolta la ricerca progettuale è ricaduta su Blm Adige Sys. L impresa è leader nella costruzione di macchine per il taglio dei tubi a sezione cava e produttrice mondiale di un macchinario, chiamato Jumbo, in grado di tagliare tubi di diversa sezione (circolare, quadrata, rettangolare o ad H) con una capacità fino a Ø 300 mm, una lunghezza massima fino a 8500 mm e uno spessore di 16mm. L azienda si è mostrata interessata a evidenziare le potenzialità dell utilizzo di questa macchina, individuando nuovi sviluppi, nuovi scenari d impiego e nuove applicazioni delle strutture di acciaio a sezione cava. Con queste premesse la collaborazione è divenuta un opportunità per verificare, attraverso lo sviluppo di tre concept, se l applicazione della bionica è realmente vantaggiosa.

17 Introduzione 19 Dati gli interessi immediati di verifica delle proposte progettuali e le relative possibilità di brevetto sono state richieste valutazioni di fattibilità delle strutture ad esperti del settore. Il partner con cui è stato possibile indagare l ambito progettuale è la Architecture and Design University di Aalborg. Si tratta di un università con indirizzo tecnico che durante il corso di studi, nello svolgimento di alcuni laboratori, utilizza un approccio bionico per progettazione di prodotti industriali. In particolare la Facoltà organizza un Bionik Workshop Project, durante il 4 semestre di studi, il cui programma è stato elaborato da Marianne Stokholm e da Carmelo di Bartolo. Il workshop si è dimostrato l occasione per osservare il processo progettuale utilizzato nello sviluppo del prodotto attraverso la bionica e per verificare se, effettivamente, esistono dei vantaggi nell utilizzo di questo strumento da parte del progettista. Nodi problematici La definizione dell ambito di ricerca e l analisi critica mettono in evidenza i nodi irrisolti legati alle diverse fasi del processo che, in questo caso, ruotano tutti intorno al concetto della progettazione di prodotti e componenti per l edilizia, in particolare giunti e snodi, pensati attraverso la bionica. In base alle considerazioni fatte durante la ricerca sono state affrontate differenti problematiche a cui si è cercato di dare una soluzione nell ambito di interesse. In prima analisi è stata evidenzia la mancanza di un percorso progettuale unico ed univoco relativo ai prodotti bionici, ciò emerge dalla constatazione che nel panorama questi prodotti rappresentano una minoranza, nonostante si tratti di manufatti innovativi dal punto di vista tecnico e in grado di soddisfare le esigenze di utenti, progettisti, carpentieri e imprenditori. L aspetto considerato inizialmente è l individuazione di un sistema dove poter sperimentare questi principî, per poi progettare prodotti realmente pensati per lo scopo che devono soddisfare. L analisi dei riferimenti teorici ha prodotto riflessioni che vanno al di là del tema specifico della progettazione di elementi costruttivi. Infatti, la principale osservazione riscontrata sulla creazione di componenti per l edilizia è la necessità di creare un organismo architettonico unitario, pensato come un unicum composto da elementi producibili industrialmente. Gli ultimi sviluppi evolutivi dell architettura sperimentano la possibilità di combinare tecnologie e materiali avanzati con i tradizionali principî progettuali e l involucro è la parte dell edificio soggetto alle sperimentazioni più interessanti. Poiché è un elemento intermedio tra spazio interno e spazio

18 20 Definizione dell ambito di ricerca esterno, la cui funzione è di filtrare i flussi energetici e di modularli in maniera selettiva, uno degli obiettivi che ci potrebbe porre è la possibilità di realizzare strutture altamente sviluppabili replicate grazie a integrazione crescente con altri ambiti e metodi di ricerca supportati da strumenti di natura progettuale, tecnica, informatica. Obiettivi L obiettivo principale di questa ricerca è la creazione un percorso di progettazione per la realizzazione di strutture, che si avvale dello strumento innovativo della bionica. In particolare si vuole evidenziare, il carattere interdisciplinare del lavoro di analisi che può favorire la creazione di una cultura del progetto più sistemica e prossima alla ricerca che non alla composizione formale. Un altro aspetto della ricerca è legato alla possibilità di progettare prodotti, attraverso un procedimento di analogia, ispirati alla natura. La verifica dell obiettivo è stata possibile grazie alla collaborazione di un partner aziendale che ha fornito il caso studio da indagare. Per dimostrare la fattibilità di questo processo si è ricorsi ad un analisi comparativa tra le caratteristiche delle strutture in acciaio a sezione cava, e i progetti strutturali riferiti alla natura. Attraverso questo processo è infatti possibile individuare se sussistono vantaggi e benefici offerti dalla bionica. L analisi, l osservazione e la definizione delle caratteristiche dei prodotti, che possiamo definire bionici, presenti sul mercato delle costruzioni in acciaio, dimostrano di avere altresì ricadute positive anche nel mondo della produzione. Data l impronta applicativa della ricerca, il processo evidenzia l esistenza di un passaggio critico in cui si ha l astrazione dei principî degli elementi naturali che vengono applicati nella progettazione con il fine di determinare delle invarianti. Metodologia Il percorso metodologico parte e dalla definizione degli strumenti di indagine relativi agli obiettivi della ricerca e dalla raccolta e dalla sistematizzazione del maggior numero di informazioni possibile sull argomento. Gli strumenti impiegati sono: l indagine bibliografica, l analisi della documentazione prodotta da università, enti, aziende, l esame di pubblicazioni pertinenti, lo studio delle tesi di dottorato svolte sull argomento, il tutto sia in ambito nazionale, che internazionale, allo scopo di definire, attraverso una fase di esplorazione, le potenzialità della disciplina, i fondamenti teorici e le scale di intervento.

19 Introduzione 21 Partendo da un analisi generale del campo d indagine l attenzione si è via via focalizzata su un contesto più definito fino ad arrivare all individuazione delle migliori soluzioni presenti sul mercato, così da realizzare una soluzione realmente utile. Lo studio e l analisi dei centri di ricerca soprattutto europei, operativi sia in ambito accademico, che lavorativo, pongono l accento su come viene utilizzata la bionica. Si tratta di una fase importante per definirne l influenza sugli elaborati di ricerca prodotti. Infatti, attraverso la lettura della produzione bionica è possibile identificare alcune questioni significative come le tendenze funzionali e formali dei prodotti e il riconoscimento della loro qualità. Il percorso di elaborazione della tesi prevede la sperimentazione su una serie di casi studio convergenti sulle tematiche affrontate, con lo scopo di definire un metodo di sviluppo prodotto, ispirato all analogia con la natura, e applicato alla progettazione di un sistema di realizzazioni per le componenti per l edilizia. Per ciascun caso studio considerato sono stati individuati i possibili processi, gli strumenti e gli approcci metodologici di lavoro, con lo scopo di definire i possibili percorsi per un rinnovamento del processo di sviluppo prodotto attraverso la bionica e creare un ipotesi su cui fare convergere le esperienze di metodo e di progetto. Il processo di definizione della struttura della ricerca è stato effettuato attraverso l utilizzo di un metodo funzionale di modellazione di processi chiamato IDEF0. L approccio metodologico impiegato può essere definito un prerequisito essenziale per le fasi successive di definizione e rappresentazione dei flussi di informazione ottenute e prodotte. La visualizzazione del processo attraverso lo strumento IDEF0 si è dimostrata utile per verificare gli obiettivi e definire le problematiche che il ricercatore si trova ad affrontare, se vuole basare la modellazione su dati di rilievo. In particolare attraverso l applicazione di questo strumento è offerta la possibilità di definire le parti principali in cui si è articolata la ricerca, e gli output raggiunti alla fine di ciascuna fase che possono essere schematizzati nei grafici di seguito. Le immagini, (v. Figg. 1 e 2), mostrano la sequenza delle funzioni che hanno rappresentato le parti fondamentali della ricerca, l input iniziale e l output (descritto nei diagrammi con i colori rosso e blu). Questo strumento prevede la possibilità di definire dei controlli (nello schema in colore rosa), vale a dire, figure con cui interagire per poter avere un riscontro sull attività svolta. Nel caso particolare di questa ricerca i controlli sono stati tre.

20 22 Definizione dell ambito di ricerca Figura 1 Diagramma del contesto della ricerca. Il primo è legato alla figura del tutor-relatore, i professori Francesco Trabucco e Matteo Ingaramo che hanno seguito lo svolgimento della tesi con critiche, osservazioni, spunti ed hanno promosso riflessioni; il secondo controllo è rappresentato dal collegio di dottorato che, con cadenza periodica, ha espresso una valutazione e un giudizio critico sul lavoro svolto in merito ai contenuti affrontati, ai significati della ricerca ed agli obiettivi raggiunti. Infine, un ultimo controllo (in colore nero) è rappresentato dalla comunità scientifica di riferimento, in questo caso le occasioni di verifica e di dialogo sono i convegni ed i seminari. Questo strumento consente anche la definizione di meccanismi, che nel caso specifico sono l autore della ricerca e il tutor-relatore. Lo scopo dell analisi è di convalidare in modo scientifico la proposta della ricerca. Per ottenere informazioni utili, tali da poter validare o smentire l idoneità del metodo, si è deciso di collaborare con un azienda e verificare l efficacia della bionica. La realizzazione dei progetti, in un preciso campo di applicazione, ha rivelato che la bionica può essere uno strumento di riferimento per l attività di ricerca progettuale e un mezzo per convalidare e comunicare il progetto. Infatti dalla sperimentazione delle varie ipotesi è possibile arrivare alla definizione delle specifiche progettuali.

21 Introduzione 23 La ricerca si conclude con una riflessione teorica basata sull analisi e sulla rielaborazione dei dati ricavati dall attività progettuale, il cui risultato finale è una proposta metodologica. Figura 2 - Applicazione del diagramma zero per modellare il processo di ricerca.

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

f a c o l t à d i INGEGNERIA

f a c o l t à d i INGEGNERIA f a c o l t à d i INGEGNERIA UNIVERSITÀ politecnica delle marche facoltà di Via Brecce Bianche, 12 60131 Tel. 071 2204778 INGEGNERIA Per informazioni più approfondite relative alla didattica dei singoli

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN STORIA E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI

CORSO DI LAUREA IN STORIA E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI CORSO DI LAUREA IN STORIA E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI LABMATER=Laboratorio dei "Materiali e risparmio energetico" Corso di: A.A. 2011/2012 Tema d anno: Ambienti Mediterranei e

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès

Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès formazione ricerca tecnologia innovazione DOVE SIAMO Valle d Aosta Verrès Verrès (Valle d Aosta - Italia) 391 m slm, 2.677 abitanti, 39 km da Aosta, 78 km

Dettagli

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche A13 Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale Il ruolo della funzione di risk management delle banche Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione CIRPA / 10 Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione Master di II livello in Direzione delle Aziende e delle Organizzazioni Sanitarie DAOSan

Dettagli

TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573

TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573 TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573 Emanuela Maria Torre STRATEGIE DI RICERCA VALUTATIVA

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali.

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali. Indirizzi Laurea Magistrale in Matematica INDIRIZZO di LOGICA MATEMATICA L indirizzo logico si propone un duplice obiettivo: 1) la formazione di un laureato in grado di affrontare problemi di natura combinatoriale,

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Linee guida Secondo ciclo di istruzione

Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Grafica e comunicazione Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Teoria della comunicazione 60 89 Progettazione multimediale 119

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

È ORA di diventare GRANdI. MASTER IN GRAPHIC E WEb design 328 ore 76 lezioni da 4 ore 2 Volte a settimana + 6 WorKshop. MASTER IN GRAPHIC design

È ORA di diventare GRANdI. MASTER IN GRAPHIC E WEb design 328 ore 76 lezioni da 4 ore 2 Volte a settimana + 6 WorKshop. MASTER IN GRAPHIC design MASTER IN GRAPHIC E WEb design 328 ore 76 lezioni da 4 ore 2 Volte a settimana + 6 WorKshop È ORA di diventare GRANdI MASTER IN GRAPHIC design CERTIFIED ASSOCIATE AbC formazione PROfESSIONALE Via Pisanelli,

Dettagli

Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4

Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4 Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4 Presidente: Prof. arch. FILIPPO ALISON Obiettivi formativi

Dettagli

PROGETTAZIONE B.I.M.

PROGETTAZIONE B.I.M. PROGETTAZIONE B.I.M. Building Information Modeling INTRODUZIONE: Negli ultimi anni, in architettura, ingegneria e nel mondo delle costruzioni è avvenuto un radicale cambiamento negli strumenti e nei metodi

Dettagli

Catalogo di offerte formative per lo sviluppo di competenze di base nell edilizia sostenibile

Catalogo di offerte formative per lo sviluppo di competenze di base nell edilizia sostenibile Catalogo di offerte formative per lo sviluppo di competenze di base nell edilizia sostenibile Trento, 5 dicembre 2010 L offerta formativa proposta nel presente catalogo è rivolta allo sviluppo delle competenze

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Aprile 2013) 1/373 Sperimentale secondo le modalità previste dalla Comunicazione

Dettagli

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi):

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi): Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dario Maggiorini, Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano LIKE THIS! Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

Il progetto per il quale viene coinvolto. Esempio di design con CAD

Il progetto per il quale viene coinvolto. Esempio di design con CAD Giovanni Albertario, Ingegnere Elettronico. Ha svolto attività sistemistica presso Ibm Italia, nell area delle telecomunicazioni e dei sistemi informativi per la progettazione e produzione industriale,

Dettagli

Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali

Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali Cosa è Scuola Valore, Finalità... 2 I progetti... 3 Le risorse e i possibili utilizzi... 4 Il processo di produzione delle risorse... 6 1 Cosa è

Dettagli

Pensieri sussurrati: sintesi

Pensieri sussurrati: sintesi 1 Pensieri sussurrati: sintesi Nuclei tematici Identità delle SUP Rapporto tra formazione e ricerca Didattica - insegnamento Modalità di lavoro attorno alla didattica La figura e il ruolo del docente Rapporto

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA INDICATORI 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali 2. Osservare e sperimentare sul campo Sviluppa atteggiamenti di curiosità verso il mondo circostante

Dettagli

Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende

Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende A13 Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

LA CONOSCENZA DEL MONDO

LA CONOSCENZA DEL MONDO SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI LA CONOSCENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni. DEL MONDO FISICO E.. Esplorare con curiosità attraverso i sensi. Manipolare materiali diversi. Sperimentare

Dettagli

( Fondazione Pescarabruzzo)

( Fondazione Pescarabruzzo) ISIA ROMA DESIGN MASTER IN DESIGN DELL ACCOGLIENZA ( allegato C) Livello Primo livello AFAM, ( MIUR) Alta Formazione Artistica e Musicale Anno di attivazione Anno Accademico 2008/09 Istituzione ISIA ROMA

Dettagli

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dr. Dario Maggiorini, Dr. Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo Un modello per l analisi delle interazioni in rete Prefazione di Guglielmo Trentin Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA FINALITA EDUCATIVE La tecnica è la struttura razionale del lavoro, cioè l uso consapevole e finalizzato di mezzi, materiali e procedimenti operativi

Dettagli

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA Pavia, 9 luglio 2009 2 Finalità e principi In attuazione delle proprie finalità istituzionali, la Fondazione Alma Mater Ticinensis ha deciso

Dettagli

Via Don Angelo Scapin, 36 I-35020 Roncaglia di Ponte San Nicolò (PD) ITALIA Phone/Fax: +39 049 719065 - info@spinips.com www.spinips.

Via Don Angelo Scapin, 36 I-35020 Roncaglia di Ponte San Nicolò (PD) ITALIA Phone/Fax: +39 049 719065 - info@spinips.com www.spinips. Via Don Angelo Scapin, 36 I-35020 Roncaglia di Ponte San Nicolò (PD) ITALIA Phone/Fax: +39 049 719065 - info@spinips.com www.spinips.com STUDI E VERIFICHE DI FATTIBILITÀ... 2 PROGETTAZIONE MECCANICA...

Dettagli

L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti

L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti Agnese Vardanega L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti Fare ricerca sociale con i dati testuali ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Università degli studi dell Aquila. Sistemi informativi aziendali 9 C.F.U.

Università degli studi dell Aquila. Sistemi informativi aziendali 9 C.F.U. Università degli studi dell Aquila Sistemi informativi aziendali 9 C.F.U. Ing. Gaetanino Paolone (gaetanino.paolone@univaq.it) Prof. Dr. Luciano Fratocchi (luciano.fratocchi@univaq.it) Contenuti (2 ore)

Dettagli

GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA [GCV]

GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA [GCV] corso triennale GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA [GCV] Progetto: Flavia Pellegrini Comunicazione e informazione sono oggi presenze generalizzate e pervasive che caratterizzano ogni aspetto della quotidianità.

Dettagli

Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre

Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre ITALIANO (Voto numerico espresso in decimi e riportato in lettere) Prestare attenzione, comprendere e riferire i contenuti di

Dettagli

BOZZA DEL 06/09/2011

BOZZA DEL 06/09/2011 ARTICOLAZIONE: INFORMATICA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C4) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati

Dettagli

COME SI REALIZZA INNOVAZIONE ATTRAVERSO LA RICERCA CHIMICA? Consiste nella valutazione dei costibenefici

COME SI REALIZZA INNOVAZIONE ATTRAVERSO LA RICERCA CHIMICA? Consiste nella valutazione dei costibenefici COME SI REALIZZA INNOVAZIONE ATTRAVERSO LA RICERCA CHIMICA? A Flusso di attività B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE 0. Domanda di innovazione nella Ricerca e nella

Dettagli

Normativa di riferimento. Contesto attuale

Normativa di riferimento. Contesto attuale ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE SILVANO FEDI Via Panconi, 39-51100 - PISTOIA (ITALIA) Tel. +39 0573 37211 FAX.+39 0573 372121 Web: www.itisfedi.pt.it E-Mail :mailto:posta@itisfedi.pt.it Progetto di

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie

Facoltà di Scienze e Tecnologie Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di dottorato in SUSTAINABLE ENERGY AND TECHNOLOGIES (Energie e Tecnologie Sostenibili) Sito web del Corso: http://www.unibz.it/en/sciencetechnology/progs/phd/sustainable/default.html

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007 PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE 200 Programma di lavoro PRIMA PARTE: FONDAMENTI TEORICI la scuola dell autonomia come contesto di promozione della salute e dello sviluppo personale e sociale

Dettagli

TECNOLOGIA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI

TECNOLOGIA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI TECNOLOGIA 1. Esprimersi e comunicare mediante l uso del linguaggio specifico della tecnologia ( disegno, grafica, schemi, tabelle, metodi

Dettagli

Presentazione delle attività formative. Obiettivi e contenuti del Piano

Presentazione delle attività formative. Obiettivi e contenuti del Piano Piano di formazione e informazione dei Team di Valutazione alle indagini nazionali e internazionali Conferenze di servizio per i dirigenti scolastici Presentazione delle attività formative. Obiettivi e

Dettagli

DISCIPINA: SCIENZE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA APPRENDIMENTO. 1. Esplorare il mondo attraverso i cinque sensi

DISCIPINA: SCIENZE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA APPRENDIMENTO. 1. Esplorare il mondo attraverso i cinque sensi SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA - VERIFICA E VALUTAZIONE 1. Osserva persone e oggetti nell ambiente circostante 2. Classifica, identifica relazioni, produce

Dettagli

LOGO E ROBOTICA. Tutta la vita è risolvere problemi Karl Popper

LOGO E ROBOTICA. Tutta la vita è risolvere problemi Karl Popper LOGO E ROBOTICA Tutta la vita è risolvere problemi Karl Popper molto spesso lo sforzo che gli uomini compiono per attività che sembrano completamente inutili, risulta essere estremamente importante per

Dettagli

DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD )

DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD ) Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO INDIRIZZO: ARCHITETTURA E AMBIENTE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA A: DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD ) SECONDO BIENNIO CLASSI : TERZE

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Camillo Riccio Architetto di Monica Montesi, Relatore: Micaela Viglino Correlatore: Elena

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14. PROF.SSA Claudia Zardini. MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14. PROF.SSA Claudia Zardini. MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF.SSA Claudia Zardini MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13 Finalità della disciplina Nell ambito dell intero processo

Dettagli

Formare i formatori al tempo della crisi

Formare i formatori al tempo della crisi Settembre 2013, anno VII N. 8 Formare i formatori al tempo della crisi di Giusi Miccoli 1 La situazione della formazione e confronto con l Europa La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni colpisce

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009 Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea Magistrale in Disegno e Gestione degli Interventi i Sociali Corso di Biografia, Cultura e Servizio Sociale Servizio Sociale

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROF. RAMIN GINO CLASSE III B SCIENTIFICO A.S 2015/2016 MATERIA : SCIENZE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROF. RAMIN GINO CLASSE III B SCIENTIFICO A.S 2015/2016 MATERIA : SCIENZE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROF. RAMIN GINO CLASSE III B SCIENTIFICO A.S 2015/2016 MATERIA : SCIENZE LIVELLI DI PARTENZA La classe è attenta ma poco partecipe, qualcuno porta anche dei contributi personali

Dettagli

Attività e insegnamenti dell indirizzo Produzioni industriali e artigianali. Articolazione Industria. Opzione Arredi e forniture d interni

Attività e insegnamenti dell indirizzo Produzioni industriali e artigianali. Articolazione Industria. Opzione Arredi e forniture d interni Attivitàeinsegnamentidell indirizzo Produzioniindustrialieartigianali Articolazione Industria Opzione Arrediefornitured interni Disciplina: LABORATORI TECNOLOGICI ED ESERCITAZIONI Il docente di Laboratori

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI SCIENZE. TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE della CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI SCIENZE. TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE della CLASSE I SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI SCIENZE ANNO SCOLASTICO INSEGNANTI TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE della CLASSE I Osserva con curiosità che lo circonda, ponendo spontaneamente

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

EPPUR SI MUOVE PROGETTO PER LA COSTRUZIONE E LA DIFFUSIONE DI MODELLI DI DIDATTICA LABORATORIALE PER LE DISCIPLINE SCIENTIFICHE

EPPUR SI MUOVE PROGETTO PER LA COSTRUZIONE E LA DIFFUSIONE DI MODELLI DI DIDATTICA LABORATORIALE PER LE DISCIPLINE SCIENTIFICHE EPPUR SI MUOVE PROGETTO PER LA COSTRUZIONE E LA DIFFUSIONE DI MODELLI DI DIDATTICA LABORATORIALE PER LE DISCIPLINE SCIENTIFICHE 1. Analisi dei bisogni In un momento nel quale, con il riordino della scuola

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

CORSI DI LAUREA DELL AREA DELL ARCHITETTURA

CORSI DI LAUREA DELL AREA DELL ARCHITETTURA CORSI DI LAUREA DELL AREA DELL ARCHITETTURA 39 Area di apprendimento STORIA E SCIENZE SOCIALI 1 anno 2 anno 3 anno 1 P.D. 2 P.D. 1 P.D. 2 P.D. 1 P.D. 2 P.D. Storia dell Architettura contemporanea Atelier

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

L università degli Studi del Sannio

L università degli Studi del Sannio La ricerca condotta dall Università degli studi del Sannio e dalla Dida Network s.r.l. in tema di formazione avanzata per persone sorde ed in particolare i risultati del progetto: This project has been

Dettagli

Mappatura dei Descrittori di Dublino negli Insegnamenti previsti dal Corso di Studi

Mappatura dei Descrittori di Dublino negli Insegnamenti previsti dal Corso di Studi Dipartimento di Ingegneria Navale, Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni (DITEN) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Classe LM-28 Mappatura dei Descrittori di Dublino negli Insegnamenti

Dettagli

Terzo modulo 2 dicembre 2010 Il progetto èconcluso Valutazione

Terzo modulo 2 dicembre 2010 Il progetto èconcluso Valutazione CORSO DI FORMAZIONE REGIONALE cosa stai cercando? riflessioni sulla ricerca sanitaria dall idea all application: come descrivere un progetto di ricerca e chiedere un finanziamento Regione Liguria Terzo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

SCUOLA PRIMARIA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA PRIMARIA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Classe 1 Descrittori Classe 2 Descrittori Classe 3 Descrittori Classe 4 Descrittori

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO INDIRIZZO MECCANICA, MECCATRONICA ed ENERGIA Meccanica e Meccatronica Energia Materie plastiche

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO INDIRIZZO MECCANICA, MECCATRONICA ed ENERGIA Meccanica e Meccatronica Energia Materie plastiche IIS GIULIO NATTA RIVOLI (To) IL PRIMO BIENNIO ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO INDIRIZZO MECCANICA, MECCATRONICA ed ENERGIA Meccanica e Meccatronica Energia Materie plastiche Il primo biennio ha carattere

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti.

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti. Scienze Competenze TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Osserva con attenzione il suo corpo, L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione L Outsourcing Relatore Prof.ssa Concetta Mercurio Candidato Mario

Dettagli

facoltà di INGEGNERIA

facoltà di INGEGNERIA facoltà di INGEGNERIA INGEGNERIA Via Brecce Bianche, Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204778 Sistema Gestione Qualità Certificato RINA 10039/03/S Registrazione IQNet IT-33732 Corsi di Laurea Triennale

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

RAPPORTO DI RICERCA CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI. Cooperazione.

RAPPORTO DI RICERCA CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI. Cooperazione. CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI RAPPORTO DI RICERCA Cooperazione tra aree rurali Cooperation day Cooperazione tra aree rurali Cooperazione

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline Curriculum di Matematica Introduzione La matematica nel nostro Liceo Linguistico ha come obiettivo quello di far acquisire allo studente saperi e competenze che lo

Dettagli

La Gestione della Complessità

La Gestione della Complessità La Gestione della Complessità Only variety can destroy variety (Ross. W. Ashby) Prof. Claudio Saita 1 La struttura del modello cognitivo proposto, conosciuto più comunemente in letteratura come la legge

Dettagli

Habitat design 3 mod giardini. Storia e critica del progetto 3

Habitat design 3 mod giardini. Storia e critica del progetto 3 Corso Triennale in Habitat Design - 3 anno CODICE MONTE ORE Habitat design 3 mod interni HD32015_01 64 Laboratorio Interni 3 HD32015_02 64 Habitat design 3 mod giardini HD32015_03 38 Laboratorio Giardini

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALESSANDRO ANTONELLI TORINO PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 Tenendo conto dei programmi ministeriali, delle indicazioni metodologiche, degli obiettivi

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21 a cura di Roberto Catania L istituzione di nella Provincia di Lecco ha avuto inizio nel 2003 seguendo un percorso che si potrebbe definire tradizionale. Dall istituzione del Forum generale si è passati

Dettagli

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No DOCENTE : FOGLI MAURIZIO BENVENUTI SERGIO MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE A.S.: 2014 / 2015 CLASSE: 4 AMS Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No Gli obiettivi disciplinari

Dettagli

DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD )

DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD ) Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO INDIRIZZO: DESIGN ARREDAMENTO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA A: DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD ) SECONDO BIENNIO CLASSI : TERZE E QUARTE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: DISCIPLINE GRAFICHE Prof. Paolo Maria Arosio Prof. Lorenzo Cazzaniga A. Modigliani Giussano Mod.: dir.14 Rev.: 2,0 Data 10/10/2014

Dettagli

ANNARITA: Il database Object Relational dell Anagrafe Nazionale delle Ricerche

ANNARITA: Il database Object Relational dell Anagrafe Nazionale delle Ricerche ANNARITA: Il database Object Relational dell Anagrafe Nazionale delle Ricerche Alex Manzo CILEA, Roma Abstract Nell ottica di un potenziamento e arricchimento dei dati dell Anagrafe Nazionale delle Ricerche

Dettagli

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE A14 371 Giovanni Tocci CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA IN ALCUNE CITTÀ MEDIE ITALIANE Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza www.lecito.org info@lecito.org Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza Il Convegno A scuola di Competenze del 29 ottobre 2013 ha avuto una partecipazione

Dettagli

Istituto Comprensivo 2 di Montesarchio A.S. 2014-2015 Curricolo Verticale di Tecnologia. TECNOLOGIA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti

Istituto Comprensivo 2 di Montesarchio A.S. 2014-2015 Curricolo Verticale di Tecnologia. TECNOLOGIA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti Istituto Comprensivo di Montesarchio A.S. 014-015 Curricolo Verticale di Tecnologia 1 Competenze Leggere e descrivere immagini. TECNOLOGIA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti Riproduzione dei colori per realizzare

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

I NUOVI ISTITUTI TECNICI

I NUOVI ISTITUTI TECNICI Istituto Tecnico Industriale Statale Liceo Scientifico Tecnologico Ettore Molinari Via Crescenzago, 110/108-20132 Milano - Italia tel.: (02) 28.20.786/ 28.20.868 - fax: (02) 28.20.903/26.11.69.47 Sito

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015 GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2014-2015 1 DEFINIZIONE DI QUALITA La norma UNI EN ISO 9000: 2005 definisce la qualità come «l insieme delle caratteristiche intrinseche di un prodotto/ servizio che

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE L insegnamento delle scienze dovrebbe essere caratterizzato dall utilizzo e dall acquisizione delle metodologie euristiche, che alimentano

Dettagli

Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No

Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No DOCENTE : FOGLI MAURIZIO BENVENUTI SERGIO MATERIA: TECNOLOGIE MECCANICHE DI PROCESSO E DI PRODOTTO A.S.: 2014 / 2015 CLASSE: 5 AMS Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1

Dettagli

LE COMPETENZE-CHIAVE POF 2012

LE COMPETENZE-CHIAVE POF 2012 1 LE COMPETENZE-CHIAVE In ragione delle scelte etiche e pedagogiche operate dal collegio e dai consigli di classe, il Buonarroti ha individuato le competenze chiave necessarie allo sviluppo globale della

Dettagli

INFORMATICA COMPETENZE

INFORMATICA COMPETENZE INFORMATICA Docente: Sandra Frigiolini Finalità L insegnamento di INFORMATICA, nel secondo biennio, si propone di: potenziare l uso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca

Dettagli