TAGLIO PLASMA HT: MODELLI ANALITICI E RISULTATI SPERIMENTALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TAGLIO PLASMA HT: MODELLI ANALITICI E RISULTATI SPERIMENTALI"

Transcript

1 Dottorato di Ricerca in TECNOLOGIE E SISTEMI DI LAVORAZIONE XIII CICLO Politecnico di Milano Università degli Studi di Brescia Università degli Studi di Pavia Università degli Studi di Lecce TAGLIO PLASMA HT: MODELLI ANALITICI E RISULTATI SPERIMENTALI RELATORE: COORDINATORE: prof. Michele MONNO prof. Roberto PACAGNELLA CANDIDATO: dott. ing. Barbara PREVITALI

2 Introduzione 3 1 Processi di lavorazione plasma Definizione preliminare Temperatura in un plasma Plasmi Termici Plasmi Non Termici Plasmi artificiali Plasmi termici da scarica in arco Tipologie di scarica Plasmi da scarica in arco Sistemi a plasma termico Configurazione Applicazioni Taglio plasma Componenti del circuito elettrico Meccanismo di stabilizzazione Meccanismo di trasmissione dell energia Torce da taglio Torcia dry Torcia dual gas Torcia da taglio in acqua Torcia High Tolerance Parametri di processo della torcia HT Qualità del taglio HT 60 2 Il problema del flusso di calore nella zona di taglio Bilancio di energia Dal campo elettrico al fascio plasma nella torcia Dal fascio esterno all interfaccia con il materiale Dall interfaccia con il materiale al materiale Reazione di ossidazione Il calore allontanato per conduzione nella zona di taglio Stato dell arte Sorgente istantanea Sorgente continua Sorgente in moto Sorgente in moto quasistazionaria Sorgente in moto: un secondo approccio 95 3 Modellazione del flusso di calore lungo lo spessore Modello a flusso variabile lungo lo spessore Modellazione diretta ed inversa 103 1

3 3.3 Inputs del modello inverso Outputs del modello inverso Distanza massima Risoluzione del problema inverso Analisi dell errore Errore di approssimazione Errore di misura Validazione del modello inverso: misure di temperatura Aspetti critici della misura mediante termocoppie: prima sperimentazione Validazione: seconda sperimentazione Principali fonti di errore Progettazione tagli e misure Confronto temperature previste e temperature misurate: analisi dell errore Conclusioni Applicazione backward e forward del modello inverso Modellazione backward: applicazione al taglio di titanio Scelta materiale Scelta parametri di processo Procedura di taglio e preparazione campioni Procedura di analisi e misura della ZTA Piano degli esperimenti Analisi dei dati Modellazione forward: applicazione agli acciai al carbonio Considerazioni tecnologiche Conclusioni 207 Bibliografia 212 Ringraziamenti 218 2

4 Introduzione Il taglio plasma è una tecnologia consolidata nata negli anni sessanta per la lavorazione nel settore aerospaziale di alluminio ed inossidabili. Durante gli anni due sono state le direzioni di crescita di questo processo. Grazie al controllo di processo ed ai nuovi materiali della torcia da alcuni anni si è aperta la possibilità di utilizzare ossigeno ed aria quali gas di taglio nei sistemi automatizzati, innovazione che ha esteso la gamma di materiali lavorabili soprattutto agli acciai al carbonio. La seconda direzione di crescita, più recente, consiste nell introduzione del taglio plasma ad alta definizione, che è caratterizzato da un fascio di qualità superiore rispetto ai sistemi convenzionali. Il fascio plasma ad alta definizione infatti si connota per diametro del fascio minore e potenza maggiore, caratteristiche che si riflettono positivamente sulla qualità del solco di taglio. Sebbene i sistemi di taglio plasma siano largamente diffusi e sebbene miglioramenti continui vengano introdotti nei dispositivi, il processo di taglio plasma ha ricevuto e riceve da parte della comunità scientifica poca attenzione. La causa principale è la cattiva fama che il processo si è meritato tra le lavorazioni non convenzionali unita alla complessità dei fenomeni fisici, che lo descrivono. Il fascio plasma infatti può essere visto contemporaneamente come un arco elettrico, come un getto di gas ionizzato e come una sorgente di calore. Il taglio è frutto di un bilanciodi massa, energia e quantità di moto nel quale si manifestanofenomeni termici, elettromagnetici, chimici e fluidodinamici. A questo si unisce il fatto che il fascio plasma nel taglio è in modalità trasferita, ovvero l arco elettrico, che scocca nella torcia, si chiude sul pezzo in lavorazione. Pertanto il fascio plasma da taglio esiste solo in presenza del materiale che deve essere tagliato, al quale è strettamente legato. Unostudio del fascioa priori, che indaghi il fascio senza il materiale, può dare solo indicazioni di massima ma non può rappresentare la natura del processo di taglio, che è intimamente legata alla presenza contemporanea di fascio plasma e materiale da lavorare. Quest aspetto rende molto arduo modellare 3

5 il processo di taglio nel suo complesso, perchè presuppone la risoluzione di bilanci mutuamente accoppiati, che conducono a sistemi di equazioni non lineari, complessi e pesanti dal punto di vista computazionale. Una strada più agevole consiste nell indagare (e modellare) il risultato della mutua interazione plasma - pezzo, per trarre alcune considerazioni sulle proprietà del fascio. Alcuni metalli e leghe infatti, se opportunamente trattati, mostrano una traccia dell interazione del fascio plasma nella zona termicamente alterata, ovvero in quella porzione di materiale che, sebbene non portato a fusione, ha subito un danneggiamento termico che ne ha modificato la struttura metallografica. La zona termicamente alterata può essere modellata come il risultato dell applicazione sulla superficie di taglio di un flusso di calore, quasistazionario, di intensità e forma non note, che rappresenta le proprietà termiche del fascio plasma. Attraverso la Teoria della Sorgente in Moto, opportunamente elaborata ed estesa ai flussi di calore di forma qualsiasi, è possibile modellizzare il disturbo termico, che ha generato l alterazione nel materiale. Il legame tra il materiale ed il fascio plasma in questo modo viene ricostruito a ritroso a partire dall esito della lavorazione. Il presente lavoro propone un modello analitico inverso che stima il flusso di calore, trasmesso dal fascio plasma e diffuso nel materiale, a partire dall isoterma di transizione che separa la zona termicamente alterata dal materiale base. Poichè il flusso di calore, trasmesso dalla sorgente plasma ha un andamento variabile in funzione dello spessore del campione tagliato, non noto a priori, il modello restituisce non solo l intensità del fascio ma anche la sua forma lungo lo spessore. Il lavoro si articola in 6 capitoli. Nel 1 ± Capitolo si presenta un introduzione alle lavorazione mediante plasma in generale ed alle lavorazioni di taglio plasma in particolare. A partire dalla definizione di plasma, si descrive lo stato di plasma e le principali grandezze fisiche, che lo identificano. Di seguito, tra le numerose manifestazioni di plasmi artificiali disponibili, si affronta nel dettaglio la caratterizzazione dei plasmi termici in arco elettrico, che sono 4

6 alla base delle lavorazioni mediante plasma. Vengono poi identificati e descritti i principali componenti dei sistemi di lavorazione, che utilizzano plasmi termici e le diverse tipologie e finalità di utilizzo. Le applicazioni di plasma termico tecnologiche aprono poi la strada alla descrizione dei sistemi da taglio plasma. I dispositivi da taglio plasma sono descritti sinteticamente mentre in dettaglio si affronta la descrizione dei sistemi da taglio plasma ad alta definizione, oggetto dello studio successivo. Il taglio plasma ad alta definizione viene infine caratterizzato sia per i principali parametri di processo che per gli attributi di qualità del solco. Nel 2 ± Capitolo il problema della determinazione del flusso di calore in un mezzo tagliato plasma viene inquadrato ed inserito nel più generico problema del bilancio termico nella zona di taglio. Il flusso di calore trasmesso dal fascio plasma e diffuso nel mezzo per conduzione è infatti solo una delle voci, che costituiscono il bilancio termico nella zona di taglio. La prima parte del capitolo identifica i diversi contributi del bilancio termico, suggerendone una stima ed analizzandone il peso relativo. A seguito di quest analisi si mostra come i due termini maggiori del bilancio siano il calore speso per la realizzazione del solco (facilmente determinabile) ed il calore diffuso per conduzione, mentre i rimanenti contributi sono poco significativi. Nella seconda parte del capitolosi presenta una breve descrizione degli strumenti di modellazione analitica che possono essere utilizzati nella stima del flusso del calore diffuso per conduzione. Dall analisi della bibliografia emerge che nella descrizione e rappresentazione delle lavorazioni termiche a fascio vi è un ampia diffusione della Teoria della Sorgente in Moto. Tuttavia, manca un modello in grado di rappresentare gli aspetti termici della lavorazione plasma ad alta definizione ed in particolare la variazione lungo lo spessore della potenza disponibile per la realizzazione del solco. Nel3 ± Capitolo si propone un modello analitico per stimare il flusso di calore trasmesso dalla sorgente al solco di taglio e diffuso per conduzione nel materiale. Affinchè, il modello proposto sia in grado di descrivere il fascio plasma occorre rimuovere l ipotesi di costanza del flusso lungo lo spessore, ipotesi che generalmente caratterizza i mod- 5

7 elli analitici applicati al taglio. Grazie al principio di sovrapposizione degli effetti ed alla scomposizione in serie di Fourier di soli coseni, è possibile sviluppare un modello in grado di prevedere l andamento della temperatura in un mezzo a cui è applicato un flusso di forma qualsiasi variabile lungo lo spessore. Il modello proposto viene applicato in maniera inversa, ovvero a partire dalla misura di temperatura nel campione tagliato plasma si determina l andamento del flusso di calore, che l ha generata. L applicazione secondo la modalità inversa presenta difficoltà nella risoluzione del sistema di equazioni, che descrivono il modello. Nella seconda parte del capitolo si propone una soluzione approssimata al problema inverso, risolubile analiticamente e si fornisce una stima dell errore commesso nell approssimazione. Nel 4 ± Capitolo il modello analitico, proposto nel 3 ± Capitolo, che esprime il legame tra il flusso di calore della sorgente plasma e la temperatura nel mezzo tagliato plasma, viene validato. La validazione consiste nel confronto tra la misura di temperatura, eseguita mediante microtermocoppie collocate in punti a distanza crescente dal solco, e la corrispondente temperatura prevista. Poichè il flusso di calore è noto solo sulla superficie la misura di temperatura è superficiale. Nella prima parte del5 ± Capitolo il modello inverso, messo a punto nei capitoli precedenti, viene applicato al taglio di titanio commercialmente puro (modellazione backward ). L esito del modello è rappresentato dal flusso di calore diffuso per conduzione nel materiale, descritto per intensità e forma. Considerando diverse condizioni di taglio, si osserva che il flusso di calore allontanato per conduzione dipende fortemente dalla velocità di avanzamento della torcia. All aumentare della velocità infatti l entalpia del fascio aumenta, così che la potenza disponibile per l esecuzione del taglio ed il riscaldamento della zona circostante il taglio cresce. Nella seconda parte del Capitolo viene verificata la potenzialità previsiva del modello proposto (modellazione forward ). Il flussodi calore determinatonel tagliodi titanioviene utilizzato per prevedere l andamento della temperatura e le proprietà geometriche del solco nel taglio di acciaio al carbonio. A condizione di mantenersi nello stesso range di velocità, il modello 6

8 analitico così determinato si dimostra un valido strumento di previsione del comportamento termico del materiale. Il6 ± Capitolo chiude il lavoro suggerendo i possibili utilizzi del modello proposto nello studio della lavorazione plasma evidenziandone vantaggi e svantaggi. I principali vantaggi del modello risiedono da una parte nei vantaggi e dall altra nelle potenzialità previsive della modellizzazione analitica. Anche in questa applicazione infatti la modellazione analitica conferma le doti per le quali è così ampiamente diffusa ed utilizzata. Si mostra infatti uno strumento veloce e parco nel consumo di risorse sia temporali che hardware. A questo si aggiunge che si dispone di uno strumento, che se opportunamente tarato, consente di prevedere il comportamento termico di un qualsiasi materiale a seguito del taglio plasma. Dal campo termico poi discende un ampia rosa di applicazioni, che possono riguardare la previsione delle geometria del solco di taglio, lo studio dello comportamento meccanico e dello stato tensionale residuo del campione, l ottimizzazione dei parametri di taglio. 7

9

10 Capitolo 1 Processi di lavorazione plasma Il1 ± Capitolo rappresenta un introduzione alle lavorazione mediante plasma in generale ed alle lavorazioni di taglio plasma in particolare. A partire dalla definizione di plasma, si descrive lo stato di plasma e le principali grandezze fisiche, che lo identificano. Di seguito, tra le numerose manifestazioni di plasmi artificiali disponibili, si affronta nel dettaglio la caratterizzazione dei plasmi termici in arco elettrico, che sono alla base delle lavorazioni mediante plasma. Vengono poi identificati e descritti i principali componenti dei sistemi di lavorazione, che utilizzano plasmi termici e le diverse tipologie e finalità di utilizzo. Le applicazioni di plasma termico tecnologiche aprono poi la strada alla descrizione dei sistemi da taglio plasma. I dispositivi da taglio plasma sono descritti sinteticamente mentre in dettaglio si affronta la descrizione dei sistemi da taglioplasma ad alta definizione, oggetto dello studio successivo. Il taglio plasma ad alta definizione viene infine caratterizzato sia per i principali parametri di processo che per gli attributi di qualità del solco. 1.1 Definizione preliminare Il termine plasma è stato utilizzato perla prima volta con l accezione, che oggi gli viene riconosciuta, da due scienziati dell inizio novecento, Tonks e Langmur, i quali erano soliti utilizzare la parola plasma per definire the portion of an arc type discharge in which densities of ions and electrons are high but substantially equal. Ripercorrendo la definizione data dai due fisici, innanzitutto si può affermare che il plasma è una miscela di elettroni, ioni e particelle neutre. Poichè la massa di ioni e 9

11 Capitolo 1 Processi di lavorazione plasma particelle neutre è di gran lunga maggiore della massa dell elettrone (ad esempio nel caso dell idrogeno la massa dell atomo dell idrogeno è 1840 volte superiore alla massa dell elettrone), particelle neutre ed ioni sono spesso denominati specie pesanti. Occorre inoltre considerare che a causa dell alto contenuto di energia del plasma alcune di queste particelle pesanti sono ad un livello energetico superiore. Le particelle allo stato eccitato generalmente ritornano ad un livello di energia più basso mediante l emissione di un fotone. L emissione fotonica è la causa principale della luminosità del plasma. Pertanto più correttamente il plasma può essere definito come una miscela di elettroni, ioni e particelle allo stato neutro, specie eccitate e fotoni. Tale miscela tuttavia costituisce un plasma solo se le cariche positive e quelle negative si bilanciano, ovvero complessivamente il plasma deve essere elettricamente neutro. Questa proprietà del plasma è nota con il nome di quasi-neutralità [1] [2]. Spesso si fa riferimento allo stato di plasma anche con la denominazione di quarto stato della materia, alludendo alla sequenza solido, liquido, gassoso ed infine plasma. Il quarto stato della materia, anche se praticamente non presente come manifestazione naturale sulla crosta terrestre (ad esclusione dei lampi), è ampiamente diffuso nel resto dell universo, dove il99% della materia è nello stato di plasma. Un esempio tipico di plasma naturale è rappresentato dal sole, la cui temperatura interna supera i10 7 K. 1.2 Temperatura in un plasma Come nei mezzi gassosi, la temperatura cinetica di un plasma è definita dall energia cinetica media delle particelle che lo costituiscono (molecole, atomi, ioni ed elettroni), ovvero: 1 2 mv2 = 3 kt (1.1) 2 dovemèla massa della particella,k la costante di Boltzmann 1,T la temperatura assoluta. 1 Pari a J/K 10

12 Paragrafo 1.2 Temperatura in un plasma L Eq.1.1 implica che le particelle seguano una distribuzione di velocità di tipo Maxwell- Boltzmann, che può essere espressa dalla relazione: dn v =nf(v)dv (1.2) con f(v)= 4 p ¼ µ 2kT m 3=2 v 2 exp µ mv2 2kT (1.3) La funzione di distribuzione della velocità è mostrata in Fig.1.1, nella quale si possono identificare le tre velocità caratteristiche: ²la velocità più probabile v m = p 2kT=m ²la velocità mediav= R 1 0 vf(v)dv= p 8kT=¼m ²la velocità media quadraticav rms = R 1 0 v 2 f(v)dv 1=2 = p 3kT=m Figura 1.1- Funzione di distribuzione di velocità Maxwell-Boltzmann La condizione secondo cui le particelle in un plasma seguono la distribuzione di velocità Maxwell-Boltzmann dipende fortemente dall interazione fra le particelle stesse, ovvero dalla frequenza di collisione e dall energia scambiata in ogni urto. Se si applicano le leggi di conservazione all urto elastico di due particelle di massa m edm 0, lo scambio di energia cinetica, vale: 11

13 Capitolo 1 Processi di lavorazione plasma mm 0 E kin =2 (1.4) (m+m 0 ) 2 L espressione precedente implica che per particelle di ugual massa lo scambio di energia cinetica vale: E kin =1=2 (1.5) Pertanto qualsiasi distorsione dalla distribuzione di velocità di Maxwell-Boltzmann tra particelle di ugual massa viene rapidamente abbattuta (indicativamente dopo poco più di10 collisioni). La considerazione precedente evidenzia come in un plasma dominato da effetti di collisione si può ragionevolmente assumere che ciascuna specie (particelle pesanti ed elettroni) segua una distribuzione di Maxwell-Boltzmann e che pertanto ciascuna specie, presa singolarmente, possa essere caratterizzata da un unica temperatura assoluta. Se si considerano al contrario gli scambi di energia tra elettroni e particelle pesanti dall Eq. 1.4, considerato che la massa dell elettronem e è molto più piccola della massa del protonem h si ricava: E kin» =2 m e m h (1.6) Perciò un numero molto più elevato di collisioni(>10 3 ) sono necessarie per eliminare la differenza di energia (e di temperatura) tra elettroni e specie pesanti. Il modo più comune per ottenere un plasma consiste nell utilizzare una scarica elettrica. Nella scarica elettrica gli elettroni, fortemente mobili, assorbono energia dal campo elettrico e la trasferiscono in parte alle particelle pesanti mediante urti elastici. Ma, anche con un eccellente rapporto di collisione tra particelle pesanti ed elettroni (ovvero con una frequenza media di collisione elevata) può esservi sempre una differenza fra la temperatura degli elettroni e quella delle specie pesanti. L energia trasferita da un elettrone ad una particella pesante in una singola collisione 12

14 Paragrafo 1.2 Temperatura in un plasma elastica può essere espressa come: 3 2 k (T e T h )2 m e m h (1.7) dovet e et h costituiscono rispettivamente la temperatura elettronica e quella delle specie pesanti. L energia che un elettrone acquisisce dal campo elettrico applicato E tra due collisioni vale: ev d e (1.8) dovev d è la velocità media di drift (la velocità dell elettrone lungo la direzione del campo elettricoe) e e il tempo medio di percorrenza del cammino medio libero tra due collisioni. Se si assume con e =l e =v e (1.9) v e = p 8kT e =¼m e (1.10) el e è il cammino medio libero dell elettrone, in una situazione stazionaria vale: T e T h = T = 3¼m µ h e le E 2 3 T e T e 32m e k T (1.11) 2 e In accordo con l Eq per raggiungere l equilibrio cinetico tra elettroni e specie pesanti(t e =T h ) occorre che l energia acquisita dagli elettroni nel campo elettrico tra una collisione e l altra sia molto piccola se confrontata con l energia cinetica ( e la temperatura) degli elettroni stessi. 13

15 Capitolo 1 Processi di lavorazione plasma Grazie alla proporzionalità tra la pressioneped il cammino libero mediol e : l e» 1 p (1.12) un altra lettura dell Eq.1.11: T e T h T e = T T e» µ E 2 (1.13) p mette in evidenza il ruolo primario ricoperto dal parametro E = p nel determinare l equilibrio cinetico nel plasma. Per valori piccoli del parametro E = p, la temperatura elettronica si avvicina alla temperatura delle particelle pesanti. Quando ciò avviene il plasma viene definito in Equilibrio Termodinamico Locale (LTE) 2. Un plasma che soddisfi la condizione di LTE (T e» =Th ) è definito Plasma Termico. Al contrario un plasma che si allontana fortemente dalla condizione di equilibrio (T e ÀT h ) è denominato Plasma Non Termico Plasmi Termici I plasmi termici, altrimenti definiti come plasmi caldi o plasmi in equilibrio, sono per definizione in LTE o molto vicini a questa condizione 3. Come già menzionato, la condizione di equilibrio cinetico è raggiunta per valori del parametro E = p piccoli, ovvero in presenza di elevate pressioni e/o ridotti valori del campo elettrico. Tipicamente, le pressioni nei plasmi in LTE superano i10kpa (¼0:1atm), mentre per valori di pressione inferiori le due temperature, quella elettronica e quella delle specie pesanti si differenziano, come illustrato in Fig. 1.2, dovet e et g rappresentano rispettivamente 2 Più correttamente alla condizione di equilibrio cinetico si devono aggiungere altre condizioni (equilibrio chimico e stato di eccitazione) perchè si raggiunga la condizione LTE. 3 In realtà, studi più recenti hanno messo in luce come la condizione LTE rappresenti più un eccezione che la regola, poichè difficilmente vengono raggiunte tutte le condizioni di equilibrio. Per questa ragione, oggi i plasmi termiciche si discostano parzialmente dalla condizione LTE vengono definitiplasmi in equilibrio termodinamico locale parziale (PLTEP), per distinguerli dai plasmi in equilibrio termodinamico locale completo (CLTEP) 14

16 Paragrafo 1.3 Plasmi artificiali la temperatura elettronica e quella delle specie pesanti. Figura 1.2- Temperatura in un arco plasma Plasmi Non Termici I Plasmi Non in Equilibrio Termico vengono frequentemente denominati plasmi freddi a causa della bassa temperatura delle specie pesanti. A differenza dei plasmi caldi, i plasmi freddi operano per lo più a pressionip < 100kPa mentre valori tipici del rapporto E=p sonodi alcuni ordini di grandezza maggiori dei plasmi caldi. Ad esempio un valore tipico per la scarica glow (si veda il paragrafo successivo) operante ad una pressione di0:1pa e dell ordine die=p=10 7 V=mkPa. La Tab.1.1 sintetizza le caratteristiche distintive delle due classi di plasmi individuate, che possono riassumersi in temperatura delle due specie, rapportoe=p e grado di ionizzazione (particelle cariche nell unità di volume). Caratteristiche Plasmi Termici Plasmi Non Termici Temperatura T e =T h T e ÀT h Ionizzazione» = :8 E/p» = mv mpa»= 50V mpa Tabella 1.1- Plasmi termici e non termici 15

17 Capitolo 1 Processi di lavorazione plasma 1.3 Plasmi artificiali Una volta definito il concetto di temperatura di plasma e la condizione LTE, la definizione preliminare del primo paragrafo può essere arricchita, distinguendo diverse tipologie di plasma. Infatti, come è possibile intuire, non esiste un solo tipo di plasma ma al contrario numerose manifestazioni fisiche, tutte caratterizzate dagli attributi definiti in precedenza cadono sotto il nome di plasma. Una prima distinzione consiste nel distinguere tra plasmi naturali e plasmi artificiali (man made). Come menzionato in precedenza, i plasmi naturali rappresentanopiù del 99% della materia dell universo. Due dei plasmi naturali più conosciuti sono costituiti dal fulmine e dall aurora boreale. Poichè i due fenomeni avvengono a pressioni notevolmente diverse (estremamente elevata per il fulmine e molto bassa perl aurora), anche l aspetto dei due fenomeni è significativamente diverso. Anche per i plasmi artificiali un criterio di distinzione è costituito dalla pressione a cui avvengono (e quindi dalla distanza del cammino medio libero ad essa correlata). Gli altri due criteri di distinzione, in parte già individuati in precedenza, sono costituiti dalla temperatura assoluta e dalla densità elettronica. La Fig.1.3 illustra alcuni plasma naturali ed artificiali distinti secondo gli attributi individuati nei paragrafi precedenti. In figura lungo l asse delle coordinate la temperatura è in unità1ev (1eV corrisponde a a7740k 4 ). Come è possibile osservare dalla Fig.1.3, i principali plasmi di interesse tecnologico sono rappresentati da: ²scarica glow (o scarica a scintilla), che tipicamente opera a pressioni di kpa, temperatura per le particelle pesanti vicine alla temperatura ambiente e dell ordine dei10 4 K per gli elettroni. In una lampada fluorescente ad esempio la temperatura elettronica raggiunge i2: K mentre le particelle pesanti hanno una temperatura di300k, ²fiamma, che rispetto alla scarica glow presenta temperatura e densità elettronica 4 Se le specie seguono una distribuzione di velocità di tipo Maxwell-Boltzmann. 16

18 Paragrafo 1.4 Plasmi termici da scarica in arco Figura 1.3- Plasmi più basse, ²plasmi termici, (tra i quali i plasmi in scarica ad arco, argomento principale di questo studio) che mostrano temperature dell ordine dei10 4 K con densità elettroniche variabili da10 21 a10 26 m 3 : ²plasmi da fusione termonucleare, che presentano condizioni estreme sia per quanto riguarda la temperatura che per la densità elettronica. Nel caso dei plasmi nucleari la densità elettronica può superare i10 26 m 3 e la temperatura è tipicamente dell ordine dei10 6 K ma può raggiungere anche valori dell ordine dei10 8 K. 1.4 Plasmi termici da scarica in arco Il meccanismo secondo cui si generano plasmi artificiali consiste nel trasferire energia al gas. Poichè il gas a temperatura ambiente è un ottimo isolante elettrico occorre generare all interno del gas un elevato numero di cariche elettriche affinchè possa divenire conduttore di corrente. Al contrario dei gas infatti, il plasma, essendo costituito 17

19 Capitolo 1 Processi di lavorazione plasma da cariche elettriche libere, è un ottimo conduttore elettrico e può raggiungere valori di conduttività elettrica che superano quella dei metalli a temperatura ambiente. Ad esempio, un plasma di idrogeno a pressione atmosferica, riscaldato alla temperatura di 10 6 K ha approssimativamente la stessa conduttività elettrica del rame a temperatura ambiente. Il processo secondo cui un isolante gassoso diviene conduttore elettrico viene definito rottura del dielettrico (electrical breakdown). Esistono diverse modalità per produrre la rottura del dielettrico, ovvero la ionizzazione del plasma. La più nota e diffusa è costituita dalla scarica elettrica. Secondo questa modalità la scarica elettrica, che si genera in un gas isolante sottoposto ad un intensa differenza di potenziale, ionizza il gas portandolo allo stato di plasma. Altre modalità più sofisticate (che esulano dagli obiettivi di questo lavoro) consentono di ottenere plasmi da scariche in radiofrequenza, in microonde, da radiazioni ad elevata energia (UV, raggi X e gamma) o dall azione di fasci laser o elettronici. Infine, il plasma può essere prodotto anche riscaldando in fornaci ad elevate temperature vapori metallici Tipologie di scarica Poichè i principi della scarica elettrica si manifestano sia in corrente continua (DC) che in corrente alternata (AC) ci si limiterà in questo paragrafo a descriverla nel caso più semplice di corrente continua. Il cambio frequente di polarità, proprio del circuito in corrente alternata infatti, produce nella zona degli elettrodi fenomeni complessi che rischiano di oscurare in parte le manifestazioni dell arco stesso. Come già affermato, tutti i gas a temperatura ambiente sono degli eccellenti isolanti elettrici. Sebbene un certo numero di cariche sia presente anche nei gas a temperatura ambiente (in aria a pressione atmosferica vi sono indicativamente10 6 elettroni=m 3 ), questi valori sono troppo piccoli perchè venga registrata una conduttività elettrica significativa. Tuttavia le cariche naturalmente presenti nel gas a temperatura ambiente sono sufficienti per provocare la rottura del dielettrico, se il gas viene sottoposto ad una differenza di potenziale sufficientemente elevata fra due elettrodi. Il passaggio di 18

20 Paragrafo 1.4 Plasmi termici da scarica in arco corrente attraverso il mezzo, in origine isolante ed ora conduttore, viene registrato mediante la manifestazione della scarica elettrica. All interno della scarica il gas viene ionizzato in una miscela di molecole, atomi, ioni ed elettroni, in definitiva in plasma. Le proprietà e la natura del plasma, che così si ottiene, dipendono dalla modalità di scarica oltre che dai parametri della scarica stessa. In Fig.1.4 sono illustrati i vari tipi di scarica che si ottengono in un ampolla riempita di gas inerte (argon) a pressione dell ordine di0:1kpa con un gap tra gli elettrodi di qualche centimetro in funzione della differenza di potenziale applicata. Tra le diverse modalità di scarica elettrica rappresentate è possibile riconoscere la scarica glow, propria dei plasmi freddi (che esulano da questa trattazione) e la scarica ad arco, tipica dei plasmi caldi. Si osservi come la scarica ad arco sia identificata da una brusca diminuzione del potenziale, che entra in una zona discendente, dopo che è stato raggiunto il valore massimo a seguito della scarica glow. La differenza di potenziale per sostenere una scarica in arco infatti è solitamente inferiore a quella necessaria a sostenere tutte le altre tipologie di scarica [3] [4]. Figura 1.4- Classificazione delle tipologie di scarica in circuito DC Plasmi da scarica in arco Definizione Sebbene non vi sia una definizione univoca di arco elettrico un plasma generato in scarica ad arco è caratterizzato principalmente da tre proprietà: (a)densita DI CORRENTE ELEVATA 19

Spettroscopia atomica

Spettroscopia atomica Spettroscopia atomica La spettroscopia atomica è una tecnica di indagine qualitativa e quantitativa, in cui una sostanza viene decomposta negli atomi che la costituiscono tramite una fiamma, un fornetto

Dettagli

GC GC/MS. Chiaravalle, 11-12 FEBBRAIO 2010

GC GC/MS. Chiaravalle, 11-12 FEBBRAIO 2010 GC GC/MS Chiaravalle, 11-12 FEBBRAIO 2010 GAS-CROMATOGRAFO GAS di TRASPORTO (carrier): Gas inerte (azoto,elio..): trasporta componenti della miscela lungo la colonna cromatografica INIETTORE: - Assicura

Dettagli

SPETTROSCOPIA ATOMICA

SPETTROSCOPIA ATOMICA SPETTROSCOPIA ATOMICA Corso di laurea in Tecnologie Alimentari La spettroscopia atomica studia l assorbimento, l emissione o la fluorescenza di atomi o di ioni metallici. Le regioni dello spettro interessate

Dettagli

Elettroerosione Macchina per elettroerosione

Elettroerosione Macchina per elettroerosione Elettroerosione 1 Macchina per elettroerosione 2 Politecnico di Torino 1 Il processo di elettroerosione Viene generato un campo elettrico tra elettrodo e pezzo Si forma un canale ionizzato tra elettrodo

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica ( ING/IND16) CF 8. Saldature. Sistemi di Produzione/ Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica ( ING/IND16) CF 8. Saldature. Sistemi di Produzione/ Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia ( ING/IND16) CF 8 Saldature Saldatura: Processo di unione permanente di due componenti meccanici. Variabili principali: Lega da saldare Spessore delle parti Posizione di saldatura Produzione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA TRIENNALE IN: Gassificazione Di Rifiuti Solidi Urbani Con

Dettagli

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA VANTAGGI E SVANTAGGI DELLE PRINCIPALI LAMPADE UTILIZZATE NELL ILLUMINAZIONE DI FABBRICATI NON RESIDENZIALI, FABBRICHE,

Dettagli

!&'()*!"#!$% XIII. 3 Capitolo 1 Introduzione alle lavorazioni non convenzionali di Michele Monno

!&'()*!#!$% XIII. 3 Capitolo 1 Introduzione alle lavorazioni non convenzionali di Michele Monno !"#!$% XI XIII XV Premessa Autori Notazioni e simboli 3 Capitolo 1 Introduzione alle lavorazioni non convenzionali di Michele Monno 5 1.1 Lavorazioni a ultrasuoni 6 1.2 Lavorazioni water jet e abrasive

Dettagli

Introduzione alla SPETTROMETRIA IN ASSORBIMENTO ATOMICO SPETTROMETRIA PLASMA MASSA CROMATOGRAFIA IONICA

Introduzione alla SPETTROMETRIA IN ASSORBIMENTO ATOMICO SPETTROMETRIA PLASMA MASSA CROMATOGRAFIA IONICA Introduzione alla SPETTROMETRIA IN ASSORBIMENTO ATOMICO SPETTROMETRIA PLASMA MASSA CROMATOGRAFIA IONICA www.sdasr.unict.it/materiale/lab_geoch_lezione8.ppt venus.unive.it/matdid.php?utente=capoda&base...ppt...

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

SALDATURA AD ARCO SOMMERSO

SALDATURA AD ARCO SOMMERSO SALDATURA SALDATURA AD ARCO SOMMERSO La saldatura ad arco sommerso (SAW - Submerged Arc Welding nella terminologia AWS) è un saldatura ad arco a filo continuo sotto protezione di scoria. Il fatto che l

Dettagli

Deposito di un film sottile via magnetron sputtering

Deposito di un film sottile via magnetron sputtering Deposito di un film sottile via magnetron sputtering Brevi cenni sullo sputtering Lo sputtering è una tecnica mediante la quale atomi e ioni Argon o di altri gas, contenuti in un plasma bombardano un bersaglio

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce 3.1 Lampade ad incandescenza

Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce 3.1 Lampade ad incandescenza Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce Il Sole è sicuramente la sorgente più comune e facilmente disponibile. In realtà però al giorno d oggi molte attività sono svolte sotto sorgenti artificiali di tipo

Dettagli

I FORNI FUSORI. Combustibile solido; Energia elettrica per produrre calore; Gas (solitamente naturale).

I FORNI FUSORI. Combustibile solido; Energia elettrica per produrre calore; Gas (solitamente naturale). I FORNI FUSORI La fusione avviene in appositi forni fusori che hanno la funzione di fornire alla carica la quantità di calore necessaria per fonderlo e surriscaldarlo (cioè portarlo ad una temperatura

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007 CORRENTE ELETTRICA INTRODUZIONE Dopo lo studio dell elettrostatica, nella quale abbiamo descritto distribuzioni e sistemi di cariche elettriche in quiete, passiamo allo studio di fenomeni nei quali le

Dettagli

Classe 4^ - Tecnologie mecc. di proc. e prod. - UdA n 2: Taglio dei metalli - Fluidi da taglio FLUIDI DA TAGLIO

Classe 4^ - Tecnologie mecc. di proc. e prod. - UdA n 2: Taglio dei metalli - Fluidi da taglio FLUIDI DA TAGLIO FLUIDI DA TAGLIO Il calore che si sviluppa durante l asportazione di truciolo é causato da: - lavoro di deformazione del materiale - lavoro di attrito 1) Il calore dovuto alla deformazione dipende dalle

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

Esplosioni di polveri: prevenzione

Esplosioni di polveri: prevenzione Esplosioni di polveri: prevenzione ing. Nicola Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili Divisione di Innovhub-Stazioni Sperimentali Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 Corso CINEAS: La ricerca

Dettagli

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Misure e grandezze Grandezze fondamentali Grandezza fisica Simbolo della grandezza Unità di misura Simbolo dell unità di misura lunghezza

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano pag.1

Dettagli

LE LEGGI DEI GAS. Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore

LE LEGGI DEI GAS. Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore LE LEGGI DEI GAS Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore alle Un video : Clic Un altro video : Clic Un altro video (in inglese): Clic Richiami sulle

Dettagli

RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI. Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse:

RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI. Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse: RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse: -Fluenza di particelle -Fluenza di energia -Informazioni

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Temperatura

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Corso di formazione ed aggiornamento professionale per Energy Managers-Trenitalia BOLOGNA 15-16 Giugno 2011 METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Ing. Nino Di Franco ENEA-UTEE-IND IL CONTROLLO DELLA

Dettagli

La fisica di Feynmann Termodinamica

La fisica di Feynmann Termodinamica La fisica di Feynmann Termodinamica 3.1 TEORIA CINETICA Teoria cinetica dei gas Pressione Lavoro per comprimere un gas Compressione adiabatica Compressione della radiazione Temperatura Energia cinetica

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza INCENDI Nell industria di processo l incendio rappresenta il processo più frequente: il calore prodotto e irraggiato provoca generalmente notevoli danni all impianto e pone in serio pericolo l incolumità

Dettagli

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II Metodi di abbattimento delle emissioni Metodi per l abbattimento l delle emissioni I sistemi di abbattimento delle emissioni a valle della camera di combustione risultano indispensabili qualsiasi sia la

Dettagli

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca La ricerca come strumento per lo sviluppo aziendale: sinergia tra università e industria

Dettagli

APPLICAZIONI INDUSTRIALI DEL PLASMA

APPLICAZIONI INDUSTRIALI DEL PLASMA APPLICAZIONI INDUSTRIALI DEL PLASMA Caratteristiche che rendono il plasma utile per applicazioni industriali: ² È caratterizzato da un ampio range di densità di potenza/energia (plasmi termici in archi

Dettagli

Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica. Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007

Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica. Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007 Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica PhD. Ing. Folgheraiter Michele Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007 1 Definizione di Attuatore (Robotica) Si definisce attuatore, quella

Dettagli

Indice PREFAZIONE. Capitolo 5 LE LEGGI DEL MOTO DI NEWTON 58 5.1 La terza legge di Newton 58

Indice PREFAZIONE. Capitolo 5 LE LEGGI DEL MOTO DI NEWTON 58 5.1 La terza legge di Newton 58 Indice PREFAZIONE XV Capitolo 1 RICHIAMI DI MATEMATICA 1 1.1 Simboli, notazione scientifica e cifre significative 1 1.2 Algebra 3 1.3 Geometria e trigonometria 5 1.4 Vettori 7 1.5 Sviluppi in serie e approssimazioni

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA L ENERGIA e IL LAVORO Non è facile dare una definizione semplice e precisa della parola energia, perché è un concetto molto astratto che

Dettagli

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti A cura di M. Aliberti L ENERGIA Spunti per la ricerca Che cos è l energia? Come si manifesta concretamente l energia? Quali forme può assumere? E possibile passare da una forma di energia all altra? Con

Dettagli

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero Nei motori endotermici (m.e.t.) l energia termica è prodotta mediante combustione di sostanze liquide o gassose, generalmente dette carburanti. Si tratta di motori a

Dettagli

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti Guide ottiche integrate Massimo Brenci IROE-CNR Firenze Esempio di guida ottica integrata Propagazione della luce in una guida ottica integrata (vista in

Dettagli

Le sorgenti di radiazioni ottiche artificiali (ROA) non coerenti

Le sorgenti di radiazioni ottiche artificiali (ROA) non coerenti Le sorgenti di radiazioni ottiche artificiali (ROA) non coerenti Dr. Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo - Pavia Principali applicazioni

Dettagli

INFORMATIVA N. 7/2011. Tecnologia Plasma a pressione atmosferica Made in Italy

INFORMATIVA N. 7/2011. Tecnologia Plasma a pressione atmosferica Made in Italy INFORMATIVA N. 7/2011 Tecnologia Plasma a pressione atmosferica Made in Italy Lo sviluppo della tecnologia Plasma a livello industriale è, da anni, argomento di studio di molti centri di ricerca a livello

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) "CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO"

Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) "CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO" In questi ultimi anni, sono stati fatti molti studi riguardanti la corrosione del titanio, a testimonianza del crescente

Dettagli

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE Nelle trasformazioni chimiche e fisiche della materia avvengono modifiche nelle interazioni tra le particelle che comportano sempre variazioni di energia "C è un fatto,

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

Centrali termiche: per la conduzione ci vuole la patente Obbligo del patentino di abilitazione di 2 grado per la conduzione degli impianti termici

Centrali termiche: per la conduzione ci vuole la patente Obbligo del patentino di abilitazione di 2 grado per la conduzione degli impianti termici Centrali termiche: per la conduzione ci vuole la patente Obbligo del patentino di abilitazione di 2 grado per la conduzione degli impianti termici sopra i 232 kw Ing. Diego Danieli Libero Professionista

Dettagli

LA NITRURAZIONE. (versione gennaio 2006)

LA NITRURAZIONE. (versione gennaio 2006) LA NITRURAZIONE (versione gennaio 2006) Raccolta di appunti ad esclusivo uso interno ITIS VARESE - specializzazione meccanici. La nitrurazione è un processo che consente la formazione di nitruri durissimi

Dettagli

Trattamenti al plasma per i processi tessili di tintura e finissaggio

Trattamenti al plasma per i processi tessili di tintura e finissaggio Dipartimento di Scienze dei Materiali e Ingegneria Chimica- Politecnico di Torino- Sede di Biella Trattamenti al plasma per i processi tessili di tintura e finissaggio IKME-International Exhibition of

Dettagli

Marco Grotti Metodi spettroscopici per l analisi elementare

Marco Grotti Metodi spettroscopici per l analisi elementare A03 64 Marco Grotti Metodi spettroscopici per l analisi elementare Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065

Dettagli

MATERIALI PER L ELETTRONICA - Epitassia 49

MATERIALI PER L ELETTRONICA - Epitassia 49 8 Epitassia Per epitassia si intende la deposizione di sottili strati di materiale cristallino su un substrato massivo, anch'esso cristallino, che ne indirizza la crescita e ne determina le proprietà strutturali.

Dettagli

REALIZZAZIONE DI MULTILAYER PER LA RADIAZIONE NELL EUV TRAMITE MAGNETRON SPUTTERING DEPOSITION

REALIZZAZIONE DI MULTILAYER PER LA RADIAZIONE NELL EUV TRAMITE MAGNETRON SPUTTERING DEPOSITION LABORATORI NAZIONALI DI LEGNARO ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE LABORATORIO DI FISICA DEI MATERIALI REALIZZAZIONE DI MULTILAYER PER LA RADIAZIONE NELL EUV TRAMITE MAGNETRON SPUTTERING DEPOSITION

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE

I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE asdf I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE INTERNA : UN PRIMO SGUARDO 31 March 2012 Introduzione Il seguente articolo vuole essere una prima introduzione a quelli che sono i motori alternativi a combustione

Dettagli

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG Il ciclo frigorifero Esempio di ciclo frigorifero ad assorbimento con generatore a fiamma diretta Il principio di funzionamento /informazioni utili La termodinamica

Dettagli

MISURE DI VELOCITA OTTICHE

MISURE DI VELOCITA OTTICHE MISURE DI VELOCITA OTTICHE SOMMARIO VISUALIZZAZIONI ANALISI DI IMMAGINI 1) METODO DELLA SOGLIA 2) PARTICLE TRACKING VELOCIMETRY (PTV) 3) PARTICLE IMAGE VELOCIMETRY (PIV) 2 VISUALIZZAZIONI 1. INIEZIONE

Dettagli

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO La fabbricazione degli elementi meccanici seguita dalla loro unione sono i principali compiti dell industria produttiva. Essenzialmente l assemblaggio consiste nel collegare degli

Dettagli

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero Diapositiva 1 Unità Didattica 1 La radiazione di Corpo Nero Questa unità contiene informazioni sulle proprietà del corpo nero, fondamentali per la comprensione dei meccanismi di emissione delle sorgenti

Dettagli

STOCCAGGIO DI IDROGENO NEI SOLIDI ATTIVITA DI RICERCA PRESSO IL POLITECNICO DI TORINO

STOCCAGGIO DI IDROGENO NEI SOLIDI ATTIVITA DI RICERCA PRESSO IL POLITECNICO DI TORINO STOCCAGGIO DI IDROGENO NEI SOLIDI ATTIVITA DI RICERCA PRESSO IL POLITECNICO DI TORINO A. TAGLIAFERROT LAQ In.Te.S.E. Politecnico di Torino SOMMARIO Il problema Le possibili tecnologie Il contributo del

Dettagli

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Ing. Davide Palumbo Prof. Ing. Umberto Galietti Politecnico di Bari, Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management

Dettagli

Polimeri semiconduttori negli OLED

Polimeri semiconduttori negli OLED Polimeri semiconduttori negli OLED Nella figura viene mostrato uno schema di funzionamento di un Organic Light Emitting Diode (OLED). Il catodo e formato da un elettrodo di Alluminio (Magnesio o Calcio)

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore 1 Temperatura e Calore Stati di Aggregazione Temperatura Scale Termometriche Dilatazione Termica Il Calore L Equilibrio Termico La Propagazione del Calore I Passaggi di Stato 2 Gli

Dettagli

TUBO RADIOGENO (Tubo a Raggi X)

TUBO RADIOGENO (Tubo a Raggi X) UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia TUBO RADIOGENO (Tubo a Raggi X) A.A. 2014-2015 Tecniche

Dettagli

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali Perché nelle stesse condizioni di temperatura e pressione sostanze differenti possono trovarsi in stati di aggregazione differenti? perché le forze tra le molecole sono differenti Da che cosa hanno origine

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA 1 POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA Per ogni punto del programma d esame vengono qui di seguito indicate le pagine corrispondenti nel testo G. Tonzig,

Dettagli

Rendimento globale: Assegnati combustibile. rapporto

Rendimento globale: Assegnati combustibile. rapporto Esoreattore (turbogetti o ramjets) Spinta: Velocità efficace: Resistenza ram Spinta del getto: Spinta netta (condizioni adattamento: ): Impulso specifico all aria: Consumo specifico di combustibile (TSFC):

Dettagli

Informazioni Tecniche

Informazioni Tecniche Informazioni Tecniche Principi di Risparmio Energetico Principio della restituzione dell energia persa per resistenza sotto forma di energia efficace 01 Elettroni di scambio da vibrazioni del reticolo

Dettagli

TEMPRA IN STAMPO Caratteristiche e gestione del processo

TEMPRA IN STAMPO Caratteristiche e gestione del processo Giornata di studio Deformazione e variazione di forma permanente Cause e tecniche per la gestione del processo TEMPRA IN STAMPO Caratteristiche e gestione del processo Andrea Zanotti Gruppo Proterm - Trattamenti

Dettagli

Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck

Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck Progetto A1e Un esperimento in prestito di Lauree Scientifiche G. Rinaudo Dicembre 2005 Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck Scopo dell esperimento Indagare il doppio comportamento corpuscolare

Dettagli

SINTESI C1. Materia ed energia

SINTESI C1. Materia ed energia Le proprietà fisiche della materia Il mondo che ci circonda è formato da un gran numero di oggetti diversi. Siano essi di origine naturale o creati dagli esseri umani questi oggetti in chimica e fisica

Dettagli

PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA

PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA Celle solari: dai mirtilli agli spaghetti CONVERSIONE FOTOVOLTAICA: L ENERGIA DEL FUTURO v Energia inesauribile e rinnovabile v Non

Dettagli

SPETTROSCOPIA MOLECOLARE

SPETTROSCOPIA MOLECOLARE SPETTROSCOPIA MOLECOLARE La spettroscopia molecolare studia l assorbimento o l emissione delle radiazioni elettromagnetiche da parte delle molecole. Il dato sperimentale che si ottiene, chiamato rispettivamente

Dettagli

Utilizzo degli Alimentatori a Corrente Costante nelle Applicazioni Industriali

Utilizzo degli Alimentatori a Corrente Costante nelle Applicazioni Industriali Utilizzo degli Alimentatori a Corrente Costante nelle Applicazioni Industriali September, 2012 Nel vasto mondo degli alimentatori possiamo identificare due principali categorie: a Tensione Costante ed

Dettagli

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI 1 LA CORROSIONE Fenomeno elettrochimico che si può manifestare quando un metallo o una lega metallica

Dettagli

PLASMA ELETTROLITICO Nuovi Materiali

PLASMA ELETTROLITICO Nuovi Materiali PLASMA ELETTROLITICO Le sperimentazioni finora eseguite hanno mostrato che è possibile eseguire la trasformazione di energia elettrica in calore ottenendo rapporti energetici, o meglio, coefficienti di

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 CONVENZIONI DI NOTAZIONE Calore scambiato da 1 a 2. Calore entrante o di sorgente. Calore uscente o ceduto al pozzo. CONVERSIONI UNITÀ DI MISURA PIÙ FREQUENTI

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Capitolo 12 Definizioni fondamentali 12.1 Considerazioni introduttive Iplasmisonofluidi le cui particelle costituenti sono cariche elettricamente. Il termine plasma fu coniato da Tonks e Langmuir nel 1929,

Dettagli

5. FLUIDI TERMODINAMICI

5. FLUIDI TERMODINAMICI 5. FLUIDI TERMODINAMICI 5.1 Introduzione Un sistema termodinamico è in genere rappresentato da una quantità di una determinata materia della quale siano definibili le proprietà termodinamiche. Se tali

Dettagli

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Energia nelle reazioni chimiche Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti VIDEO Introduzione (I) L energia chimica è dovuta al particolare arrangiamento degli atomi nei composti chimici e le varie forme di

Dettagli

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE Gli atomi sono costituiti da un nucleo, formato da protoni (carica elettrica positiva, massa 1,6724 x 10-24 g) e neutroni (nessuna carica elettrica, massa 1,6745 x 10-24 g),

Dettagli

MECCANICA DEI MATERIALI E PROCESSI TECNOLOGICI SIMULAZIONE E DIAGNOSTICA DI PLASMI TERMICI AD ARCO TRASFERITO PER IL TAGLIO DI MATERIALI METALLICI

MECCANICA DEI MATERIALI E PROCESSI TECNOLOGICI SIMULAZIONE E DIAGNOSTICA DI PLASMI TERMICI AD ARCO TRASFERITO PER IL TAGLIO DI MATERIALI METALLICI Alma Mater Studiorum Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA IN MECCANICA DEI MATERIALI E PROCESSI TECNOLOGICI Ciclo XXII Settore scientifico-disciplinare di afferenza: ING/IND 0018 TITOLO TESI SIMULAZIONE

Dettagli

Filtri per la saldatura e tecniche connesse requisiti di trasmissione e utilizzazioni raccomandate

Filtri per la saldatura e tecniche connesse requisiti di trasmissione e utilizzazioni raccomandate allegato 3 - protezione personale degli occhi Allegato 3 (*) Si riportano di seguito le appendici delle norme UNI EN 169 (1993), UNI EN 170 (1993) e UNI EN 171 (1993) Protezione personale degli occhi (*)

Dettagli

A cura di: Grillo Sergio. Foto 1 Forni continui di saldobrasatura acciai inox

A cura di: Grillo Sergio. Foto 1 Forni continui di saldobrasatura acciai inox Relazione sui principi fondamentali della saldobrasatura dei componenti in acciaio inossidabile in atmosfera controllata di azoto e idrogeno in forni continui A cura di: Grillo Sergio Foto 1 Forni continui

Dettagli

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l.

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l. GAS PERFETTO Usando il principio di semplicità, si definisce il sistema termodinamico più semplice: il gas perfetto composto da molecole che non interagiscono fra loro se non urtandosi. Sfere rigide che

Dettagli

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria Katia Gallucci Spesso è necessario variare il contenuto di vapore presente in una corrente gassosa. Lo studio di come si possono realizzare queste variazioni

Dettagli

Tecnologia degli impianti di aspirazione e ventilazione Tipologie di sorgenti e variabili di progetto

Tecnologia degli impianti di aspirazione e ventilazione Tipologie di sorgenti e variabili di progetto Tecnologia degli impianti di aspirazione e ventilazione di Renato Rota - Politecnico di Milano Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria chimica G. Natta Tra le numerose postazioni presenti negli

Dettagli

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari Indice PREFAZIONE XIII 1 La materia e la sua struttura 1.1. Le particelle fondamentali e la struttura dell atomo 2 1.2. Il numero atomico, il numero di massa, i nuclidi e gli isotopi 5 1.3. L unità di

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Come proteggere il dispersore dalla corrosione

Come proteggere il dispersore dalla corrosione Come proteggere il dispersore dalla corrosione Pubblicato il: 15/12/2003 Aggiornato al: 15/12/2003 di Gianluigi Saveri Dal punto di vista chimico fisico i metalli e le leghe, nelle normali condizioni ambientali,

Dettagli

Il calore come forma di energia. prof. ing. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dipartimento della Ricerca Dorsoduro, 2206 30123 Venezia

Il calore come forma di energia. prof. ing. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dipartimento della Ricerca Dorsoduro, 2206 30123 Venezia Il calore come forma di energia prof. ing. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dipartimento della Ricerca Dorsoduro, 2206 30123 Venezia Alcune definizioni Il calore è definito come quella forma

Dettagli

Guida pratica. Saldatura MIG di alluminio e delle sue leghe.

Guida pratica. Saldatura MIG di alluminio e delle sue leghe. Guida pratica. Saldatura MIG di alluminio e delle sue leghe. Indice: 1. Gas di copertura 2. Fili d apporto 3. Impianto di saldatura 4. Regolazioni 5. Prevenzione degli errori 1. Gas di copertura L argon

Dettagli

Indice generale 1 INTRODUZIONE, CINEMATICA IN DUE O TRE DIMENSIONI; VETTORI 71 DINAMICA: LE LEGGI DI NEWTON 115 MOTO: CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE 25

Indice generale 1 INTRODUZIONE, CINEMATICA IN DUE O TRE DIMENSIONI; VETTORI 71 DINAMICA: LE LEGGI DI NEWTON 115 MOTO: CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE 25 Indice generale PREFAZIONE ALLO STUDENTE TAVOLA DEI COLORI x xiv xvi 1 INTRODUZIONE, MISURE, STIME 1 1 1 La natura della scienza 2 1 2 Modelli, teorie e leggi 3 1 3 Misure ed errori; cifre significative

Dettagli

Spettroscopia Raman. Trasmissione-assorbimento

Spettroscopia Raman. Trasmissione-assorbimento Spettroscopia Raman Quando una radiazione monocromatica di frequenza n o e incidente ad un sistema molecolare la luce viene: assorbita se ha energia pari ad una possibile transizione ad un livello energetico

Dettagli

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE 1 Illuminatore L illuminatore provvede a generare la luce e inviarla, minimizzando ogni dispersione con un sistema ottico opportuno, nel bundle cioè nel collettore

Dettagli

Cenni di Teoria Cinetica dei Gas

Cenni di Teoria Cinetica dei Gas Cenni di Teoria Cinetica dei Gas Introduzione La termodinamica descrive i sistemi termodinamici tramite i parametri di stato (p, T,...) Sufficiente per le applicazioni: impostazione e progettazione di

Dettagli

TEORIA CINETICA DEI GAS

TEORIA CINETICA DEI GAS TEORIA CINETICA DEI GAS La teoria cinetica dei gas è corrispondente con, e infatti prevede, le proprietà dei gas. Nella materia gassosa, gli atomi o le molecole sono separati da grandi distanze e sono

Dettagli