STATO DELL ARTE DELLE TECNOLOGIE LAVORAZIONE LAMIERE E SCELTA MACCHINA PUNZONATRICE POLITECNICO DI TORINO SEDE DI ALESSANDRIA PROGETTO DI RICERCA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STATO DELL ARTE DELLE TECNOLOGIE LAVORAZIONE LAMIERE E SCELTA MACCHINA PUNZONATRICE POLITECNICO DI TORINO SEDE DI ALESSANDRIA PROGETTO DI RICERCA"

Transcript

1 POLITECNICO DI TORINO SEDE DI ALESSANDRIA PROGETTO DI RICERCA WP2: State of the art and industrial specifications STATO DELL ARTE DELLE TECNOLOGIE DI LAVORAZIONE DELLA LAMIERA E SCELTA MACCHINA PUNZONATRICE Eseguita per: Mondial Group S.p.A. Responsabile del progetto: Gianni GONELLA Firma:... Responsabile del WP2: Augusto DE FILIPPI Firma:... Sperimentatore: Paolo PRIARONE Firma:... Alessandria, 09/2009 Questo Rapporto non può essere riprodotto, se non in forma completa, senza l autorizzazione scritta del Laboratorio di Materiali e Caratterizzazione e non può essere citato fuori dal suo contesto. PAG. 1/47

2 Sommario 1 Introduzione Analisi dello stato dell arte nella lavorazione della lamiera La piegatura delle lamiere La teoria della piegatura Tipologie di piegatura Il ritorno elastico della lamiera lavorata Il taglio delle lamiere Tranciatura La tranciatura fine La punzonatura La roditura Il taglio laser Taglio con getto d acqua Analisi delle richieste dell azienda Mondial Group S.p.A Punzonatrici Amada Trumpf Schiavi Salvagnini Fpl-Technology Finn-Power Taglio laser Taglio con getto d acqua (Water Jet) Analisi di dettaglio della tecnologia necessaria Ottimizzazione dei criteri di scelta PAG. 2/47

3 3.5.1 Soluzione con tecnologia convenzionale Soluzione con tecnologia non convenzionale PAG. 3/47

4 1 Introduzione Nel presente documento si riportano i risultati parziali ottenuti nell ambito del progetto di ricerca Refliflex. In particolare è riportata la descrizione dello stato dell arte delle tecnologie di lavorazione della lamiera, con l analisi di mercato che ha portato alla scelta ed all acquisizione, da parte della Mondial Group, della punzonatrice AMADA AC255 NT. PAG. 4/47

5 2 Analisi dello stato dell arte nella lavorazione della lamiera Nel panorama delle lavorazioni industriali una categoria di fondamentale importanza è ricoperta dalla lavorazione delle lamiere, ovvero semilavorati piani, di diverse geometrie, di spessore generalmente s 5 mm, che dà origine ad una numerosa serie di prodotti quasi sempre finiti: carrozzerie automobilistiche, involucri di elettrodomestici, componentistica varia, ecc. I più importanti gruppi di lavorazioni delle lamiere sono le lavorazioni di taglio, la piegatura e l imbutitura. Per ottenere i pezzi stampati finiti sono necessarie diverse fasi di lavorazioni che richiedono macchinari (presse e stampi) molto costosi, pertanto la messa a punto di un impianto di stampaggio risulta economicamente conveniente solo per produzioni di grande numero di pezzi (lavorazioni in serie). Di seguito verranno prese in esame diverse tipologie di lavorazione della lamiera in particolare la piegatura, la tranciatura con le sue varianti e quindi punzonatura, la roditura anch essa nel caso meccanico, con laser e con getto d acqua (waterjet). 2.1 La piegatura delle lamiere La piegatura è il processo di lavorazione che modifica la forma della lamiera mediante un azione di flessione che provoca deformazione plastica del materiale solo lungo un asse. E attuabile su lamiere di tutti i materiali sufficientemente plastici da non determinare rotture in corrispondenza della piega. La deformazione si raggiunge con l applicazione di una forza esercitata di solito da un punzone, tale da superare il limite di snervamento del materiale. In questo modo si entra nella zona di deformazione plastica del materiale che quindi modificherà la sua geometria a seconda del tipo di piegatura esercitata La teoria della piegatura La teoria della piegatura si basa sulla presenza della fibra neutra (Figura 1) collocata al centro dello spessore della lamiera che si deforma senza allungarsi né contrarsi durante la deformazione: questa ipotesi vale, però, soltanto per valori alti (oltre 50) del rapporto r i /s tra raggio interno di PAG. 5/47

6 piegatura e spessore della lamiera. Nella pratica industriale la grande maggioranza delle piegature avviene con valori molto inferiori di quel rapporto. In questi casi la posizione della fibra neutra non è più al centro dello spessore, bensì spostata verso l interno (Figura 1); nelle fibre esterne si ha uno stiramento che provoca una riduzione di spessore. Le fibre interne invece subiscono un ricalcamento. La presenza di questi effetti porta poi al ritorno elastico del materiale che risulta essere l aspetto più critico della lavorazione di piegatura delle lamiere Tipologie di piegatura Figura 1: piegatura di una piastra "spessa" Esistono diverse tipologie di piegatura in funzione di come questa venga realizzata. La prima importante differenziazione va fatta in piegatura libera o in aria e piegatura in stampi. A seguire si riportano le principali tipologie di piegatura: La piegatura libera è caratterizzata dal fatto che il raggio interno di piega è sempre maggiore del raggio di testa del punzone (Figura 2). Questo tipo di piegatura risulta molto flessibile, semplice e non richiede particolari attrezzature. Inoltre la precisione di piegatura ottenibile, grazie ai moderni sistemi di correzione del angolo di piega e di compensazione del ritorno elastico, è molto migliorata rispetto ad anni fa e risulta oggi soddisfacente. Esistono due diversi tipi di piegatura libera e sono la piegatura a V e la piegatura ad L. PAG. 6/47

7 Figura 2: piegatura libera La piegatura a V viene effettuata utilizzando un punzone che esercita la forza di piegatura sulla lamiera che viene appoggiata alle estremità su delle matrici apposite. La caratteristica di questa tipologia di piegatura sta nel fatto che la lamiera non viene mai spinta in battuta contro la matrice sottostante. Di seguito, in Figura 3, viene presentata l analisi delle forze scambiate durante questo processo per arrivare ad ottenere il calcolo della forza necessaria di piegatura F = R Vincoli 2 R1 2 = Figura 3: piegatura a V M max F l = Momento massimo agente sulla lamiera 4 PAG. 7/47

8 M max y σ max = Tensione massima presente nella lamiera J 3 b s J = Momento d Inerzia della lamiera 12 s y = Distanza tra la superficie e la fibra neutra 2 σ max = 3 F l 2 b s b s σ max F = Forza di piegatura 3 l La piegatura ad L viene effettuata con la lamiera montata a sbalzo. Da un estremità si posiziona la lamiera su una matrice e applico sopra di essa il premi lamiera così che sia vincolata e non possa muoversi durante la lavorazione. A questo punto utilizzo un punzone per andare a piegare la parte di lamiera montata a sbalzo. Generalmente questo tipo di piegatura viene eseguita con lo scopo di ottenere pieghe delle lamiera di 90. Di seguito viene presentata l analisi delle forze scambiate durante questo processo per arrivare ad ottenere il calcolo della forza necessaria di piegatura. Figura 4: forze e momenti agenti nella piegatura ad L M max = F l = F g F s Momento massimo agente sulla lamiera PAG. 8/47

9 M max y σ max = Tensione massima presente nella lamiera J 3 b s J = Momento d Inerzia della lamiera 12 s y = Distanza tra la superficie e la fibra neutra 2 σ max = 6 F b s b s σ F = max Forza di piegatura 6 σ max R m La piegatura in stampi prevede la presenza di uno stampo e di un punzone che andrà a deformare la lamiera contro lo stampo stesso per ottenere la geometria desiderata (Figura 5). La piegatura in stampi è a tutti gli effetti una piegatura a V in cui il punzone spinge in battuta la lamiera contro la matrice sottostante. Di seguito sono riportati i passi principali di questo processo. Figura 5: piegatura in stampi PAG. 9/47

10 Questa tecnica di piegatura è tutt oggi molto usata ma subisce molto la concorrenza della piegatura in aria o libera che offre vantaggi di minori attrezzature necessarie e di maggiore flessibilità. La piegatura in stampi può essere di tipo semplice o multipla a seconda di quante pieghe vengano realizzate per ogni discesa del punzone,come illustrato a seguire. Piegatura Semplice: punzone e matrice sono sagomati in modo da eseguire una sola piegatura per ogni corsa del punzone. Per realizzare più piegature si devono eseguire più corse del punzone e posizionare, di volta in volta, la lamiera nel modo opportuno; Figura 6: piegatura semplice Piegatura Multipla: punzone e matrice sono sagomati in modo da ottenere, in una sola corsa del punzone, le pieghe volute. In questo caso il tempo per eseguire la lavorazione è ridotto, ma lo stampo di piegatura può effettuare solo quel tipo di piegatura e quindi risulta economicamente conveniente solo per produzione in serie; PAG. 10/47

11 Figura 7: piegatura multipla Nella piegatura in stampi è sempre presente un sistema di estrazione della lamiera dopo la lavorazione. L estrattore è rappresentato generalmente da un piastra mobile verticalmente azionata con una molla dal basso verso l alto (Figura 8). Figura 8: schema estrazione Non bisogna confondere il concetto di piegatura in stampi con il processo di imbutitura. L imbutitura prevede di deformare plasticamente una lamiera donandole la geometria tridimensionale dello stampo. Questo significa che la deformazione plastica agisce lungo tutti e tre gli assi mentre nella piegatura in stampi si sviluppa la deformazione solo lungo una direzione, salvo i casi dove interviene anche la trafilatura. Per questo motivo si considera scorretto definire l operazione di piegatura in stampi con il termine stampaggio che viene di solito utilizzato come sinonimo di processo di imbutitura. PAG. 11/47

12 La piegatura in stampi viene talvolta detta anche di coniatura. In realtà la coniatura serve a realizzare delle nervature sulle lamiere con lo scopo di aumentare la rigidezza della lamiera e la resistenza a carichi flessionali. Il processo di realizzazione è comunque quello di una piegatura in stampi ma l applicazione risulta diversa poiché la dimensione degli elementi coniati risulta piccola rispetto a quello dell intero componente stampato. In questo caso la forza necessaria alla piegatura risulta analoga a quella della piegatura a V modificata con un coefficiente d che dipende dall apertura w della matrice e dallo spessore s della lamiera. 2 d l s σ max F = Forza di piegatura w σ max R m La piegatura ad U consiste in una tipologia particolare di piegatura che può essere collocata tra la piegatura libera e quella in stampi. Con questo processo si posiziona la lamiera come nella piegatura libera a V e con un punzone della geometria complementare al profilo ad U viene eseguita la deformazione plastica. Tuttavia in questo tipo di piegatura oltre al problema del ritorno elastico è presente il fenomeno dell imbarcatura del fondo. Questo effetto fa incurvare il fondo della lamiera e per correggerlo si utilizza un contropunzone agente dal basso in verso opposto rispetto al moto del punzone. Come si può notare in Figura 9, l introduzione del contro punzone (b) elimina l imbarcatura del fondo (chiaramente visibile nel caso (a) ma rimane il problema del ritorno elastico che dovrà essere affrontato con soluzioni differenti per ogni tipologia di piegatura. Il calcolo della forza di piegatura in questo caso è analogo a quello per la piegatura a stampi con la sola modifica che si deve raddoppiare il coefficiente d. 2 2 d l s σ max F = Forza di piegatura w σ max R m PAG. 12/47

13 Figura 9: piegatura ad U La piegatura con macchine pannellatrici prevede l impiego di due strutture dette pressore inferiore e pressore superiore che servono a serrare la lamiera da una estremità. Sull estremità montata a sbalzo agisce un utensile oscillante che ruotando deforma la lamiera piegandola dell angolo voluto. Queste macchine piegatrici lavorano la lamiera con una procedura di partenza analoga alla piegatura libera ad L salvo utilizzare non un punzone mobile perpendicolarmente alla lamiera ma appunto un utensile oscillante. Questo tipo di piegatura viene per lo più utilizzato per piegare lamiere con angoli di 90 (Figura 10). PAG. 13/47

14 Figura 10: piegatura con macchine pannellatrici Con diversi studi, e qui solamente abbozzati, si è arrivati alla formulazione di un equazione per il calcolo del lavoro (energia) di piegatura: L = m F C + F p C dove F è la forza massima di piegatura, F p è la forza esercitata dal premilamiera, C la corsa del punzone e m un coefficiente che dipende dalla geometria di piegatura e tipicamente vale: m = 0,33 m = 0,66 Piegatura a V Piegatura a U 2.2 Il ritorno elastico della lamiera lavorata Tutte le azioni di ricalcamento e stiramento che si sviluppano in seguito alla piegatura devono essere compensate mediante spostamenti di materiale e da ciò derivano quindi tensioni interne che si liberano in parte dopo la piegatura, determinando il fenomeno del ritorno elastico. Questo fenomeno non è uniforme e costante: l entità del ritorno elastico dipende fortemente dal rapporto r i /s e in particolare risulta maggiore per alti valori di questo rapporto e viceversa (Figura 11). Il ritorno elastico che si sviluppa può essere visto ancora come la reazione del materiale nella condizione in cui si sia raggiunta la deformazione plastica e venga annullato il carico agente su di esso. Ogni materiale plastico, infatti, presenta sempre un ritorno elastico una volta raggiunte queste condizioni ed è possibile quindi imputarlo direttamente alle proprietà del materiale. PAG. 14/47

15 Figura 11: comportamento del materiale in seguito ad una deformazione plastica E importante ricordare come sia necessario tenere conto di questo fenomeno in tutte le operazioni di piegatura realizzate con ogni tipo di pressa (a montanti o pannellatrici). Ovviamente c è la necessità di annullare gli effetti di questo ritorno elastico poiché si va a modificare la geometria della piega che risulterà quindi meno deformata. Il ritorno elastico viene trattato in modo differente a seconda della tecnologia di piegatura adottata. 2.3 Il taglio delle lamiere Le lavorazioni di taglio che si possono effettuare su delle lamiere possono essere di diversa natura a seconda del tipo di taglio che si vuole realizzare. Occorre innanzitutto chiarire come vi siano diversi processi di taglio nel momento in cui si voglia realizzare un taglio della lamiera lungo tutta una sua dimensione oppure se lo scopo è quello di tranciare solo delle porzioni di lamiera con geometrie particolari realizzando quindi delle vere e proprie aperture. Nel primo caso un processo molto utilizzato è la cesoiatura mentre tutti gli altri tipi di lavorazioni che vedremo sono applicabili per ogni taglio atto a realizzare aperture nella lamiera di svariata geometria. PAG. 15/47

16 2.3.1 Tranciatura Come da definizione nella Normativa, la tranciatura può essere descritta come un processo di lavorazione atto a realizzare aperture o fori sagomati in una lamiera mediante un attrezzo detto punzone e un contro-attrezzo detto matrice. Scopo finale di questo processo è ricavare dalla lamiera dei pezzi tranciati che sono i pezzi utili della lavorazione. Fin da subito bisogna chiarire la differenza tra un operazione di tranciatura e punzonatura. Il tipo di lavorazione è il medesimo e l unica differenza sta nel fatto che nella tranciatura il pezzo utile è il tranciato mentre nella punzonatura avviene esattamente il contrario, quindi il prodotto finito sarà la lamiera forata e il pezzo tranciato sarà lo scarto (Figura 12). Da adesso in avanti si parlerà di tranciatura ma tutti gli aspetti che verranno analizzati riguardano ovviamente anche la punzonatura. Figura 12: esempio di tranciatura e di punzonatura Per eseguire questa lavorazione, bisogna poggiare le due estremità della lamiera su una matrice che nella parte sottostante presentano un angolo di spoglia/sformo necessario per garantire la caduta del tranciato senza che vi siano inutili attriti con la matrice stessa. Il corretto posizionamento della lamiera sulla matrice è garantito dalla presenza di un sistema guida lamiera. Il punzone applicherà la forza di tranciatura perpendicolarmente alla lamiera per deformare e quindi tranciare una parte di materiale (Figura 13) PAG. 16/47

17 Figura 13: schema di tranciatura A questo punto occorre un analisi più dettagliata delle fasi di tranciatura. La forza di tranciatura viene applicata alla lamiera dalla superficie frontale del punzone: sotto questa azione, la lamiera stessa si piega lievemente fra punzone e matrice (Figura 14/I). Al crescere del carico sul punzone, questo incide la lamiera e al raggiungimento della tensione di rottura a taglio del materiale si genera una superficie di frattura che separa l oggetto tranciato dal resto della lamiera (Figura 14/II). In questa fase il punzone applica la massima forza sulla lamiera. Mediante scorrimento del materiale del pezzo nella direzione di taglio e nella direzione a questa ortogonale, sul lato entrante del punzone lo spigolo di quest ultimo penetra nel materiale, mentre dalla parte opposta lo spigolo della matrice entra in corrispondenza nella lamiera. Al crescere della corsa le due incisioni iniziali si propagano l una verso l altra determinando il distacco del materiale (Figura 14/III). Durante la prima fase la forza esercitata dal punzone cresce per raggiungere il valore massimo nella seconda fase e decrescere velocemente nell ultima fase comprendente la caduta del tranciato. PAG. 17/47

18 Figura 14: fasi di tranciatura Il diametro della matrice è sempre un poco maggiore del diametro del punzone, perciò tra gli spigoli taglienti della matrice e del punzone vi è un gioco. L operazione lascia sui bordi (sia della lamiera, sia della rondella tranciata) una tipica struttura superficiale articolata in varie zone (Figura 15). Secondo le proprietà del materiale e l entità del gioco fra punzone e matrice, struttura e aspetto di questo zone variano notevolmente assumendo tipiche conformazioni. Partendo dalla parte bassa del tranciato, troviamo una bombatura inferiore causata dalla presenza del gioco (dell ordine del centesimo di mm) tra matrice e punzone che mi determina un momento che mi inflette appunto il tranciato, questo perché non ci troviamo nella condizione di taglio puro. Oltre all imbarcatura troviamo un arrotondamento dello spigolo inferiore: salendo sulla superficie del tranciato troviamo una zona di taglio liscia e lucida poiché questa ha subito uno strisciamento sulla parete della matrice. Salendo ancora la superficie diventa rugosa e questo perché si tratta della zona di origine della frattura. La parte superiore terminale vedrà infine la presenza di una bava di materiale. Inoltre per la presenza del gioco tra punzone e matrice, il tranciato assume una geometria conica anziché cilindrica. Come già detto in precedenza, la stessa struttura superficiale è presenta sulla lamiera priva del tranciato. PAG. 18/47

19 Figura 15: aspetto delle superfici di un pezzo tranciato L origine di una bava di materiale nella parte superiore del pezzo tranciato è dovuto allo stato di tensione presente localmente (Figura 16). Il volume A di materiale presenta uno stato di tensione di trazione dovuto proprio all operazione di tranciatura. Il volume B invece presenta uno stato di compressione oltre a quello di trazione radiale che permane. Risulta evidente che la bava che rappresenta il distacco del materiale tenderà a formarsi nella zona del volume A dove ho uno stato di tensione di pura trazione. Figura 16: stato tensionale nell'operazione di tranciatura Terminata l analisi del processo di tranciatura è necessario ricordare che punzone e matrice vengono visti all interno di un unica struttura che si definisce stampo di tranciatura (Figura 17) comprendente anche tutti i componenti strutturali necessari. PAG. 19/47

20 Figura 17: stampo di tranciatura La precisione dei pezzi tranciati migliora se si adottano giochi limitati fra punzone e matrice, ma contemporaneamente cresce la deformazione del materiale nella zona di taglio, cosa che determina un maggior effetto di incrudimento del materiale e richiede quindi superiori forze di tranciatura. La determinazione del gioco è un problema di ottimizzazione, perché il suo aumento può ridurre anche del 15% la forza e del 40% il lavoro necessario, pur ottenendosi una discreta precisione La tranciatura fine La tranciatura fine è una particolare tranciatura che consente di produrre in grande serie componenti di vario spessore senza che sulle superfici generate si verifichino le grossolane imperfezioni di taglio tipiche della tranciatura tradizionale. La dizione fine non si riferisce pertanto agli spessori delle lamiere in lavorazione, bensì al grado di finitura ottenibile sulle superfici generate dalla tranciatura. Con la tranciatura fine si lavora con gioco nullo tra matrice e punzone e si genera inoltre un elevata planarità, grazie alla presenza nella matrice di un elemento a funzionamento idraulico, antagonista al punzone, che controlla la penetrazione del pezzo in matrice e ne evita l imbarcamento. Con questa lavorazione si possono ottenere pezzi di spessore sino a 15 mm con superfici perfettamente finite, caratterizzate da una rugosità sino a 0.5 μm. L operazione di tranciatura fine viene svolta in modo del tutto analogo alla tranciatura tradizionale salvo l inserimento del premilamiera che serve a ridurre l effetto di incurvatura della lamiera e a bloccarla senza che il punzone se la porti dietro durante il ciclo di risalita. Come detto prima viene anche introdotto l uso di un contropunzone per eliminare l imbarcamento del fondo ed estrarre il PAG. 20/47

21 tranciato. Tuttavia una piccola porzione dello spessore del pezzo è interessata da un arrotondamento dovuto al cedimento che avviene sul materiale all inizio della sua penetrazione nella matrice. Inoltre per quanto riguarda la bava sui pezzi tranciati fini, va detto che essa esiste esattamente come nella tranciatura classica, e che deve essere quindi asportata mediante una successiva operazione di sbavatura. La matrice non è più spogliata in questo tipo di tranciatura poiché vi è la presenza al suo interno del contropunzone mobile e risulta quindi totalmente cilindrica. Il punzone non esegue più tutta l operazione di tranciatura perché lavorando con gioco tendente a zero non sarebbe possibile il suo passaggio in matrice alle alte velocità del processo di tranciatura tradizionale. Il punzone si occupa solo di eseguire la tranciatura e, con un sistema molto preciso di regolazione dei macchinari moderni, si ferma prima di entrare nella matrice e risale consentendo al contropunzone di estrarre dal basso verso l alto il tranciato. La Figura 18 rappresenta in sezione schematica semplificata gli elementi caratteristici dello stampo in una operazione di tranciatura fine. Figura 18: schema di tranciatura fine Il ciclo completo di tranciatura fine si compone delle fasi in Figura 19 e Figura 20: PAG. 21/47

22 Figura 19: fasi di tranciatura fine Figura 20: fasi di tranciatura fine (cont.) 1. Lo stampo è aperto. Il materiale è collocato a contatto con il premilamiera che non compie spostamenti durante la corsa di chiusura della slitta. 2. La slitta ha compiuto la corsa di chiusura (a velocità relativamente elevate per la necessaria ottimizzazione dei tempi) e si prepara a iniziare, non appena il cordone perimetrale entra in contatto con il materiale, la corsa di lavoro a velocità bassa. 3. Il premilamiera ha penetrato il suo dente perimetrale di bloccaggio nel materiale di tranciatura. La forza idraulica sul premilamiera viene selezionata sulla base di due valori: uno elevato per consentire al cordone di entrare nel materiale e uno inferiore per la tenuta del materiale stesso durante la tranciatura fine. Questo abbattimento in sequenza della forza sul premilamiera costituisce un interessante recupero di potenza a favore della tranciatura fine vera e propria. PAG. 22/47

23 4. L operazione di tranciatura fine è completata. Il pezzo si trova nella matrice e gli sfridi del profilo interni sono ancora nel punzone. Le forze idrauliche di contropressione e di premilamiera sono temporaneamente disattivate per evitare che, all iniziare della corsa di apertura dello stampo, il pezzo venga progressivamente ripiantato nel materiale di tranciatura e gli sfridi vengano rifollati nel pezzo. 5. Lo stampo apre e il pezzo da una parte e gli sfridi con la striscia tranciata dall altra sono ora pronti per venire estratti. 6. Il pezzo viene estratto dalla matrice mentre la striscia e gli sfridi vengono estratti dal punzone. Pezzo e sfridi vengono evacuati dallo stampo per mezzo di un getto d aria o di un estrattore meccanico. Il materiale è pronto per essere fatto avanzare di un passo. Un nuovo ciclo sta per avere inizio La punzonatura Di questa lavorazione della lamiera molto è già stato detto in precedenza parlando della tranciatura. Il processo di lavorazione è il medesimo e la macchina utilizzata per questo tipo di lavorazione si chiama punzonatrice. Facendo quindi più chiarezza bisogna specificare che il macchinario che svolge le lavorazioni di tranciatura e punzonatura è lo stesso ed è appunto detto punzonatrice (Figura 21) Figura 21: macchina punzonatrice PAG. 23/47

24 Solo a seconda di come viene eseguita la lavorazione di taglio si potrà poi parlare di tranciatura, punzonatura oppure scantonatura a seconda dei casi. Queste analoghe lavorazioni portano in ogni caso alla realizzazione, in un unica corsa del punzone, della geometria finita sia che questa appartenga alla lamiera o al tranciato. Si possono eseguire più lavorazioni, come già visto ad esempio con gli stampi progressivi, ma il concetto di base è che si realizza con un solo colpo del punzone il taglio voluto. Infine ricordiamo che anche l operazione di taglio di cesoiatura, differente come realizzazione del taglio rispetto alle precedenti, viene spesso effettuata con la punzonatrice dotata in più del sistema di taglio della cesoiatura. Questa caratteristica di ormai quasi tutte le macchine punzonatrici è dettata dall esigenza di dover frazionare la lamiera, che viene acquistata in rotoli (Coil), prima di eseguire processi di taglio specifici La roditura Questa lavorazione della lamiera è sempre un processo di taglio che però non prevede più la realizzazione di quest ultimo andando a tranciare tutto il materiale in esubero, bensì viene esercitato il taglio minimo necessario al distacco del materiale, ovvero si va a tagliare il profilo quindi il perimetro della geometria da asportare. La zona di materiale soggetta alla lavorazione sarà quindi una parte molto ridotta rispetto alle operazioni di taglio come tranciatuta/punzonatura in cui l asportazione di un disco di materiale interessava tutta la superficie del tranciato. Questa lavorazione può essere svolta con diverse metodologie. Di seguito verranno analizzate la roditura meccanica, la roditura con laser (taglio al laser) e la roditura con getto d acqua (water jet). La roditura meccanica è un processo di taglio della lamiera che si realizza separando gradualmente una parte del materiale lungo un perimetro di taglio di qualsiasi forma, mediante una serie di singole punzonature successive parzialmente ricoprenti: infatti, la distanza fra una punzonatura e l altra è inferiore alla dimensione del punzone impiegato (Figura 22). PAG. 24/47

25 Figura 22: roditura meccanica Nel processo il pezzo si muove gradualmente nella direzione di avanzamento desiderata e il movimento è intermittente; una speciale funzione di avanzamento permette di arrestare il pezzo sempre prima della penetrazione del punzone. Il passo di avanzamento fra due colpi successivi di roditura è determinato da tipo e dimensioni del punzone e dalla rugosità richiesta sulla superficie generata di roditura. Questo processo, come detto, permette la creazione di profili interni o esterni di qualunque forma o dimensione senza dover disporre di un punzone di forma corrispondente, anche se il tempo richiesto risulta maggiore. Un vantaggio della roditura è quello di generare praticamente qualunque profilo con uno stesso utensile, quindi grande flessibilità. Questo processo di lavorazione viene svolto esattamente come una punzonatura o tranciatura, l unica differenza riguarda il tipo di punzone impiegato. In linea di principio tutti i punzoni potrebbero essere utilizzati anche per la roditura ma nella pratica, in caso di impiego sistematico, conviene utilizzare opportuni e specifici utensili con diametro e lunghezza dello spigolo di punzonatura compresi fra 4 e 30 mm. Questo tipo di lavorazione viene svolta sempre attraverso una punzonatrice dopo aver eventualmente cambiato il punzone. Le dimensioni minime dei punzoni non vengono solitamente calcolate, bensì determinate con il criterio empirico che indica la dimensione minima del punzone uguale allo spessore della lamiera. La roditura con fascio laser è l operazione di lavorazione della lamiera atta ad eseguire il taglio di quest ultima attraverso un fascio laser, con la possibilità di creare geometrie di taglio molto complesse. Il laser fonde localmente il materiale fino a generarne il distacco. PAG. 25/47

26 2.3.5 Il taglio laser Sin dalla sua messa a punto, avvenuta alla fine degli anni 50, ad oggi il laser ha subito uno sviluppo straordinario e contemporaneamente una diffusione capillare in settori applicativi anche molto differenti tra loro (misure, elettronica, telecomunicazioni, tecnologico meccanico e così via). In particolare, in ambito tecnologico meccanico il fascio laser viene utilizzato come vettore di energia per effettuare lavorazioni termiche (taglio e saldatura) in maniera efficiente e precisa. Oggi le lavorazioni industriali mediante laser hanno raggiunto una maturità tecnologica da poter essere considerate tra le principali lavorazioni di riferimento nel panorama delle lavorazioni non convenzionali. Il meccanismo alla base del taglio laser ha in un fascio proveniente dalla sorgente il suo punto fondamentale. Esso viene focalizzato tramite una lente sulla superficie della lamiera da tagliare, la quale si riscalda e giunge rapidamente a fusione. Contemporaneamente, il flusso di gas (coassiale al fascio) uscente da un ugello posto a valle della lente di focalizzazione produce una spinta fluidodinamica sufficientemente intensa da allontanare il fuso, generando di fatto il solco di taglio. Lamiera e fascio vengono movimentati in maniera tale da far progredire la lavorazione lungo il percorso desiderato. Il taglio laser è quindi dato dall azione combinata del fascio laser (azione termica) e del flusso di gas (azione fluidodinamica): la sola azione termica non sarebbe sufficiente a tagliare il materiale in maniera efficiente e precisa. Il solco generato è generalmente ampio 0.1 mm per lamiere di basso spessore (indicativamente fino a 2 mm) e cresce con lo spessore fino a circa 0.5 mm nel caso di spessori elevati (15/20 mm). Il lembo laterale ha una precisione dimensionale che, su spessori contenuti, raggiunge facilmente ±0.1 mm per diventare ±0.3 mm circa per spessori elevati. Il meccanismo di taglio descritto precedentemente cambia a seconda che si utilizzi come gas di processo un gas inerte o un gas reattivo (ossigeno), in grado cioè di reagire con un metallo ad alta temperatura. L utilizzo del fascio laser quale tecnologia di taglio offre interessanti opportunità sia al progettista (nella fase di progettazione del prodotto) sia al tecnologo del processo (nella fase di progettazione del ciclo di produzione). È quindi particolarmente importante che queste figure lavorino a stretto contatto per poter cogliere a pieno tutti i vantaggi derivanti dall adozione di una lavorazione laser. PAG. 26/47

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

TAGLIO LASER PUNZONATURA PIEGATURA SOFTWARE

TAGLIO LASER PUNZONATURA PIEGATURA SOFTWARE TAGLIO LASER PUNZONATURA PIEGATURA SOFTWARE www.lvdgroup.com Sheet Metalworking, Our Passion, Your Solution LVD offre macchinari di punzonatura, taglio laser, piegatura e cesoiatura, nonché un software

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

< EFFiciEnza senza limiti

< EFFiciEnza senza limiti FORM 200 FORM 400 < Efficienza senza limiti 2 Panoramica Efficienza senza limiti Costruzione meccanica Il dispositivo di comando 2 4 6 Il generatore Autonomia e flessibilità GF AgieCharmilles 10 12 14

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C.

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. 1 MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. Marino prof. Mazzoni Evoluzione delle macchine utensili Quantità di pezzi 10 10 10 10 6 5 4 3 10 2 1 2 1-MACCHINE SPECIALIZZATE 2-MACCHINE TRANSFERT 3-SISTEMI FLESSIBILI

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

profili per il fai da te

profili per il fai da te Profilpas S.p.A. profili in alluminio anodizzato (con etichetta codice a barre) lunghezza m.1 lunghezza m.2 misure argento argento piatto 12x2 10100 10104 15x2 10108 10112 20x2 10116 10120 25x2 10124 10128

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Sistemi di presa a vuoto su superfici FXC/FMC

Sistemi di presa a vuoto su superfici FXC/FMC Sistemi di presa a vuoto su superfici / Massima flessibilità nei processi di movimentazione automatici Applicazione Movimentazione di pezzi con dimensioni molto diverse e/o posizione non definita Movimentazione

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Sommario Kit di assemblaggio InnoTech 2-3 Guida Quadro 6-7 Guide su sfere 8-11 Guide su rotelle 12-13 Portatastiere

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro.

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro. 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042 TRASPORTATORI LEGGERI Non è saggio pagare troppo. Ma pagare troppo poco è peggio. Quando si paga troppo si

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Utensili diamantati con legante galvanico Lavorazione di ghisa grigia e ghisa sferoidale

Utensili diamantati con legante galvanico Lavorazione di ghisa grigia e ghisa sferoidale Utensili diamantati con legante galvanico Lavorazione di ghisa grigia e ghisa sferoidale Efficace ottimizzazione del processo di pulitura della ghisa Grande convenienza economica grazie alla durata ed

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Misura di portata Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Scheda tecnica WIKA FL 10.05 FloTec Applicazioni Produzione di petrolio e raffinazione Trattamento

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

Ditec Valor H Porte pedonali automatiche per ambienti in atmosfera controllata

Ditec Valor H Porte pedonali automatiche per ambienti in atmosfera controllata Ditec Valor H Porte pedonali automatiche per ambienti in atmosfera controllata IT www.ditecentrematic.com Automazioni progettate per ambienti specialistici. Ditec Valor H, nella sua ampia gamma, offre

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Serie RTC. Prospetto del catalogo

Serie RTC. Prospetto del catalogo Serie RTC Prospetto del catalogo Bosch Rexroth AG Pneumatics Serie RTC Cilindro senza stelo, Serie RTC-BV Ø 16-80 mm; a doppio effetto; con pistone magnetico; guida integrata; Basic Version; Ammortizzamento:

Dettagli

1 Introduzione alla dinamica dei telai

1 Introduzione alla dinamica dei telai 1 Introduzione alla dinamica dei telai 1.1 Rigidezza di un telaio elementare Il telaio della figura 1.1 ha un piano solo e i telai che hanno un piano solo, sono chiamati, in questo testo, telai elementari.

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Guarnizioni per oleodinamica e pneumatica

Guarnizioni per oleodinamica e pneumatica Raschiatori NBR/FPM DAS, DP6, DP, DP, DRS, DWR Guarnizioni a labbro NBR/FPM /, /M, /M, M, H, C Bonded seal NBR-metallo Guarnizioni a pacco in goa-tela TO, TG, TEO Guarnizioni per pistoni in poliuretano,

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Martelli - mazze - mazzette 462 Utensili di percussione serie con guaina 472 462 464 467 Utensili di percussione 475 Mazzuole 468 475 468 476

Martelli - mazze - mazzette 462 Utensili di percussione serie con guaina 472 462 464 467 Utensili di percussione 475 Mazzuole 468 475 468 476 460 www.facom.com 10. Martelli, utensili di percussione Martelli - mazze - mazzette 462 Utensili di percussione serie con guaina 472 Martelli con impugnatura in Graphite... 462 Martelli con impugnatura

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Inserti fresa ad HFC NUOVO

Inserti fresa ad HFC NUOVO Inserti fresa ad HFC NUOVO Sgrossatura ad alto rendimento con frese ad inserti HFC [ 2 ] L applicazione principale del sistema di fresatura HFC è la sgrossatura ad alto rendimento. La gamma di materiali

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

Serrature a 3 punti di chiusura. a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro

Serrature a 3 punti di chiusura. a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro Serrature a 3 punti di chiusura a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro Serrature a 3 punti di chiusura a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro ElEvata sicurezza - Catenaccio laterale

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

IIl lavaggio industriale è una fase del

IIl lavaggio industriale è una fase del VETRINA brevetto depositato in data 23/11/89. La SAT era una macchina particolarmente innovativa: alle estremità di una raggiera, dei pallet fungevano da porta pezzi; ruotava la raggiera e ruotavano i

Dettagli

A prima vista: Dati tecnici microfonditrice MC 15. 44 cm. 40 cm. Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie. Minimo utilizzo di metallo

A prima vista: Dati tecnici microfonditrice MC 15. 44 cm. 40 cm. Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie. Minimo utilizzo di metallo A prima vista: Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie Minimo utilizzo di metallo Generatore ad induzione da 3,5 kw per un riscaldamento estremamente veloce e per raggiungere alte temperature

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

SONDE PASSACAVI DI ULTIMA GENERAZIONE

SONDE PASSACAVI DI ULTIMA GENERAZIONE SONDE PASSACAVI DI ULTIMA GENERAZIONE Linea anguila MATERIALI Comportamento delle sonde all interno di un tubo NYLON e BI-NYLON 4 Le sonde in Nylon sono molto flessibili nelle curve anguste ed hanno una

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli