Processo di taglio a laser C02 di laminati di rame Stato dell'arte e nuove possibilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Processo di taglio a laser C02 di laminati di rame Stato dell'arte e nuove possibilità"

Transcript

1 Estratto dalla Rivista LA MECCANICA ITALIANA n Processo di taglio a laser C02 di laminati di rame Stato dell'arte e nuove possibilità G. DAURELIO Centro Laser, BARI Sommario In questo lavoro si sono esaminate le varie problematiche connesse al taglio di laminati di rame con l'utilizzo di un laser a CO,z. Nella prima parte della ricerca sono stati individuati i vari parametri termofisici che regolano la dinamica del processo e di questi si è cercato di stimare numericamente, anche se in maniera approssimata, il peso di ciascuno di essi. Si è potuto così definire i valori di assorbimento superficiale del rame a temperatura ambiente e vicino alla fusione, l'ordine di grande zza della potenza laser necessaria a provocare un graduale innal- Lavoro presentato al " Convegno delle unità operative del Progetto Finalizzato Laser di potenza del C.N.R. cjo Centro Direzionale Alfa Romeo - Arese (MI), 16 april e zamento della temperatura del campione da T,mb. a T di fusione. Si è anche stimato l'ordine di grandezza del valore di velocità a cui un laminato di un certo spessore si può tagliare. Quindi, l'analisi di tutte queste problematiche, connesse alla dinamica del processo e dello stato dell'arte [1, 2, 8, 9, 10, 12-31] confermerebbe la validità della corrente tesi sulla impossibilità e criticità del taglio con.un laser a CO, del rame. Nella seconda parte sono stati poi riportati i risultati sperimentali relativi alle prime prove, in assoluto, di taglio di laminati di rame di spessore 0,2-4,0 mm con un laser a CO ~ da 2 kw. Questi primi interessanti risultati sono $fati conseguiti grazie alla possibilità di far crescere sotto l'irradiazione del fascio laser strati sovrapposti di ossido rameico CuO, misto ad una piccola percentuale di ossido rameoso Cu 40, che permettono di realizzare il taglio. Si è visto così che in sola presenza di ossido rameoso l'assorbimento percentuale della radiazione a 10,6 micron non subisce incrementi, mentre, allorché le condizioni sperimentali lo permettono, la crescita di ossido rameico porta il valore di assorbimento intorno al 52-58% permettendo di innescare un processo di loop a tre variabili (temperatura-ossido-assorbimento) che è risultato la chiave vincente del processo di taglio. Le velocità di esecuzione sono risultate significative e varie sezioni micrografiche eseguite sui campioni hanno mostrato che la qualità dei tagli è abbastanza buona. 45 i LA MECCANICA ITALIANA maggio/giugno 1985 no 190

2 Stato dell'arte e dinamica del processo Nel corso di vari anni di sperimentazione e di applicazioni industriali del laser a co ~. sempre più crescente è stata la quantità e diversità dei material i metallici e non che sono stati tagliati con lasers a co ~ di potenza diversa. L'applicabilità o meno della macchina laser. in prima istanza. è stata sempre valutata dalla possibilità da parte del materiale di assorbire superficialmente la radiazione a 10,6 micron del laser a CO ~. Detto processo di assorbimento da parte dei metalli avviene essenzialmente in due stadi: - ne l primo stadio del processo si instaura un accoppiamento del fascio laser con la superficie del metallo, e ciò accade quando la radiazione laser è assorbita da elettroni liberi di conduzione e/o da vibrazioni reti col ari. convertendo la stessa in calore tramite processi di coll isione. Questo accoppiamento si instaura per profondità di alcune decine di micron e dipende principalmente dalla potenza incidente e dal materiale in esame come anche dalla rugosità della superficie, da eventuali difetti superficiali, da incrementi di temperatura del campione e da un sottile layer di materiale vaporizzato in superficie [ 1]; - nel secondo stadio, la radiazione laser. che è stata convertita in calore alla superficie del metallo, è trasferita tramite un normale processo di conduzione attraverso i l rimanente spessore del materiale. Alla luce di quanto detto innanzi, le difficoltà da superare per tagliare il rame con il laser sono da addebitare sia alla creazione del primo stadio (thermal coupling) che al mantenimento dinamico dello stesso (secondo stadio). A proposito del primo stadio del processo, questo come è logico aspettarsi. è regolato in modo preponderante dall'assorbimento di radiazione infrarossa da parte del metallo. Così per valutare teoricamente o sperimentalmente l'effetto di riscaldamento della radiazione laser su un materiale, è necessario conoscere quanto della radiazione incidente è stato assorbito e quanto riflesso. Poiché la maggior parte dei metalli sono opachi alle radiazioni infrarosse, è sufficiente eseguire misure di riflettività R).. (T) in quanto da esse si può risalire alla emissività o assorbimento A).. (T) secondo la: A,. (T) = 1 - R>. (T) (1) o ' ~ Al dove ), è la lunghezza d'onda della radiazione incidente e T in oc è la temperatura del campione. Per i metalli, nell'infrarosso per À > 2 IJ.m [1, 2, 3], A>JT) può essere ca lcolato dai valori della resistività elettrica del materiale in funzione della temperatura R(TJ. secondo la formula seguente: Al%= 1,12VR (2) con R espressa in micro-ohm cm, che altro non è che la formula esposta da Duley [2], calcolata solo al primo termine, essendo gli altri di peso trascurabile: A >. % (T) = 1,12 [R (1 +a.. T)] 'N - 6,29 [R (1 +a T)] ,4 [R (1 +a T)rN (3) Naturalmente entrambe le formule sopra dette sono valide pur TEIWPERArURE focj Fig. 1 An(Jamento dell 'emissività a 10,6 micron (Laser e C0 2 ) per vari metalli in fun zione della temperatura degli stessi (W.W. Duley: Laser Processing and Analysis of Materials. Plenum Press, 1984). 46 l LA MECCANICA ITALIANA maggio/giugno 1985 nn 190

3 ché siano rispettate le seguenti condizioni: - il range di temperatura può essere anche ampio ma sempre al di sotto (anche di poco) della temperatura di fusione; - non vi siano layer superficiali; - non partecipino altri processi (ad esempio processi esotermici di ossidazione del metallo) che apportino ulteriori contributi energetici al processo. Così dalla formula (2). inserendo valori di R(T) per acciai al carbonio. acciai inox e rame per temperature ambienti (20 C) e temperature prossime alla fusione [3-7] si sono calcolati i rispettivi A % che sono risultati: l, 2. l, l l, o 0,9 0,8 Acciai al C 3,8-4, ,7 +-~-+--~~~~--+-~-+--~ o T ( c) Acciai inox Rame 8-9 1,4-1, ,6-3,7 Fig. 2 - Andamento della diffusività termica del rame al variare della temperatura dello stesso. Come si evidenzia dai valor i appena riportati e dalla figura 1, l'assorbimento del rame sia a temperatura ambiente sia vicino al la fu sione è molto basso; così che uti- 1 izzando un laser a CO" da 2 kw di potenza, la potenza effettiva assorbita è di w (a 20 C) e di W (:::T,), valori questi molto modesti rispetto a quelli degli acciai [acciai al C: W (a 20 oc), W (:::T,); acciai inox: W (a 20 C), W ( ~ Ttl] {3]. Quindi già da questi primi ca lcoli è evidente come raggiungere la fusione del rame diviene abbastanza problematico. Esaminiamo ora l'instaurarsi del secondo stadio del processo di assorbimento partendo sempre dalla T ambiente. l W, trasferiti al materiale entro uno spessore di qualche decina di micron, convertiti in calore, tenderebbero ad essere trasferiti nella rimanenza dello spessore tramite un processo di conduzione. Prendendo in considerazione ora la conducibilità termica del rame, si nota che assume dei valori molto alti a temperatura ambiente (K = = 3,9 W/cm C) a confronto sempre con quelli degli acciai (al C: K = 0,75 W/cm C; inox: K = = 0,15 W/cm C) (3]; tipicamente il rame ha dei valori di conducibilità cinque volte più alti rispetto agli acciai al C e ben ventisei volte rispetto agli acciai inox. Analogo discorso è evidentemente valido anche per la diffusività termica (figura 2). Immaginando di voler fondere un ipotetico cilindro con diametro di 300 micron e di altezza 1 mm, si può calcolare quanta energia occorra per raggiungere la fusione [ 1 0]: dove: 0 = p V (Cr; tlt~ o - H xa+htj (4) p è la densità, in g/ cm' ; V il volume del cilindro, in cm"; Cp il calore specifico (calore necessario per portare il materiale dalla temperatura ambiente a quella di fusione) in cal/ g. C; t!. T il salto termico ( ) in oc; Hr ca lore latente di fusione. in cal/g. 47 j LA MECCANICA ITAI 'ANA maggio/ giugno 1985 n 190

4 Or"' = 8,96 7, (0, ) ~ ~ 0,0946 cal ~ 0,3965 J (5) Se si suppone di fornire questa quantità di calore nell'unità di tempo, per fondere il cilindro occorrono quindi ~ 0,4 W. Alla luce della [2], si è stimato che la A % del rame varia tra 1,4-1,7% a T ambiente; cosicché assumendo un valore medio di 1,5% si può calcolare quanta potenza laser deve essere fornita affinché il materiale assorba i 0,4 W sopra accennati : Potenza laser incidente = Q 0, ~ -- A % 1, ~ 26,7 w (6) Come, ovviamente, si può arguire con un fascio laser di 26,7 W di potenza non si riesce mai a portare a fusione il volume di materiale considerato, a causa delle grosse perdite termiche che sono insite nel processo stesso. Dovendo quindi procedere ad una stima molto approssimata di queste perdite, si può calcolare ad esempio la quantità di calore Q' che fluisce nell'unità di tempo [8] attraverso le due superfici S di un cilindro con diametro di 300 micron (pari allo spot focale) ed una altezza di 1 mm (spessore del materiale): Q' dove: K K(T~-L o ) S t d (J) (7) è la conducibilità termica nel f:..t considerato, in W/ mm cc; T1 > T,o sono le temperature rispettive del le due superfici, in cc; t d tempo in secondi; distanza tra le due piastre (due dischi da 300 micron di diamet ro), in mm. Poiché l'equazione (7) è valida in regime stazionario, supponiamo per il momento di operare in tale stadio e calcoliamo il flusso di calore che fluisce attraverso le stesse due piastre con f:..t = = cc: o :o.~.o = o, ,071 ~ 27,5 J (8) dove il va lore di K è stato mediato tra i valori a T"'"'' e a T vicino a fusione [9]. Poiché nel riscaldamento a laser non si opera in regime stazionario, si può immaginare che la superficie, dove impingue il fascio laser, lentamente si porti dalla T ambientale verso la T 1 (1083 C) e analogamente avvenga per la superficie inferiore. Tutto ciò fa sì che nella (7) man mano che il f:..t tenda a zero, anche i l valore di Q' faccia altrettanto. Se le quantità di calore 0; 11 ~~ 20 e o,... (5) le forniamo ne ll'unità di tempo si perviene alla deduzione che inizialmente la potenza necessaria assorbita dal materiale è di 27,5 W ed in un secondo stadio è solo di 0,4 W. Convertendo questi valori in potenza laser incidente, si ha: P 10~s-2o = ~ 27,5 1,5 A % 100 ~ 1833 w (9) Or" P'"" = ~ A % 0,4 =TG. 1oo ~ 11.1 w c1o) dove l'ultima A % è stata valutata a temperatura di fusione. Se si considera che il calore non viene trasmesso soltanto verso il basso ma anche in tutte le altre direzioni (direttrici del cilindro) [ 1, 9], si intuisce come effettivamente i pochi watt assorbiti dal materiale a temperatura ambiente (~30 W per potenza laser di 2 kw) servano inizialmente a bilanciare nel punto di impatto fascio-materia le perdite termiche, che sicuramente sono più alte di quelle stimate ( ~ 27, 5 W) ed in tutti i casi ad iniziare un processo di lento e graduale innalzamento della temperatura del campione; ciò conduce ad un incremento di A % e ad un abbassamento dei valori di K, f:..t e della Q' necessaria per portare a fusione l 'intero volume del ci lindretto in questione. In conclusione quindi affinché si inneschi il primo stadio del processo di assorbimento è necessario che i l fascio laser fornisca una energia d eli 'ordine di grandezza dei 2000 Jj s. Si vuole ora stimare, anche se in misura approssimativa, l'ordine di grandezza della velocità di taglio del laminato di rame di spessore 1 mm. Trascurando momentaneamente il fronte di ca lore che avanza sulla superficie e che precede il fascio, e quindi i gradienti termici conseguenti, si può pervenire a stimare la velocità alla quale può essere tagliato il materiale traslato sotto il fascio nell'unità di tempo. Considerando un fattore di accostamento dei cilindretti affiancati pari a zero, si può ipotizzare che 48 l LA MECCANICA ITALIANA maggio/ giugno 1985 n 190

5 Quali t~ Designazione e denominazione del tipo Definizione Composizione chimica, Cu {+Ag) o Bi (mi n) {max) (ma.x) 1- in peso Pb {max) p Settori di applicazione o ~ :;:C ~ ~.,Q,.,. 0.<! 00 "' :s E 2 "' : a;.... o 2 :2 =a Il.. E a; ~ o c: c., " 00 "'Oi.. "'.. "' E o a; -o Cu-ETP UNI Rame elettrolitico ossidulato Cu-FRTP UNI l Rame ossidulato affinato termicamente Cu-FRHC Rame ossidulato, a!fin!!_ nato termicamente ad el!_ vata purezza e condut~ vi l~ Cu-DLP UNI Rame disossidato al fosforo a basso tenore di fosforo residuo Cu-DHP UNI Rame disossidato al fosforo ad alto tenore di fosforo residuo Cu-OF Rame elettrolitico, ese!! te da ossigeno, ad alta conduttività Rame ad alta c ondutli vj_ tìl ottenuto p e r fusione di catodi Rame affinato per via termica senza particolari controlli del tenore di impurità Rame affinato per via termica di alta p u rezza e conduttività Rame disossidato con fosforo, contenente un basso tenore di fosforo residuo Rame disossidato con fosforo, contenente un alto tenore di fosforo residuo Rame elettrolitico, o:se.!! te da ossigeno, ad alta 99,95 conduttività 99,90 0,04 o, ,85 0,002 99,93 99,90 0,001 99,85 0,001 0, 005 TABELLA 1 - Definizione. composizione chimica e settori di appl icazione di alcuni tipi di rame raffinato 0,01 o, 01 o, 01-0,05 max da 0, 005 a 0, 012 da 0,013 a 0,050 Per semilavor!!_ ti ad usi elettrj_ ci, chimici, mee_ c ani ci, archite_l tonici Per semilavor!!_ ti destinati ad usi archiletlof!i ci, chimici, me,!;_ canici, e non aventi esigenze di conduttività elettrica e levata Per semilavorati destinati ad usi edili, architettonici, mccc~ nici 1 chimici ed elettrici, dotati di buona lavor!!_ bilità plastica, buona salda bili tà e resistenza al l 'infragilimento da i dro"eno Per semilavorati destinati ad usi edili, archi tett.q_ nici, meccanici, chimici, non!. venti esigenze di conduttività elettrica elevata, e dotati di buona saldabili_ tà, buona lav.q_ rabi lità plastica e resistenza al l 'infragilimento da idro11:eno Per applicazioni particolari: Radar, Anodi per tubi elettr.q_ nic:i, guide d'o!! da, Avvolgime!!_ ti di rotori e motori speciali, accoppiamenti rame - vetro nei tubi elettronici Legenda delle designazioni: Cu ETP (Eiectrolitical Tough Pitch Copper) Cu-FRTP (Fire Refined Tough Pitch Copper) Cu-FRHC (Fire Refined Tough Pitch High Conductive Copper) Cu-DLP {Deoxidized Low Phosphorus Copper) Cu-DHP Cu-OF Cu-IACS (Deoxidized High Phosphorus Copper) (Oxigen Free Copper) (lnternational Annealed Copper Standard) 49 l LA MECCANICA ITALIANA maggio/giugno 1985 n 190

6 Caratterlstich.. fi~lche Cu-ETP Cu-FRTP Cu-DLP Cu-DHP Cu-FRHC Cu-OF Cu-IACS - Den ltà a 20 C g/cm 3 8, 9 8,9 8,94 8, 94 8,92 8, 94 8,89 - Coc:Hiciente cù dilatazione termica lineare (25"C + loo"c) c 0,000011>8 o, ,000011>8 0, o, >8 o >8 - - Calore &pecifico a 20"C, cal/g c 0,0921 0,0921 0,0921 0,0921 o, , Conduttivilh termica a 20" C, cal/cm 1 c 0,948 o, 80 - o, 90 0,80-0,93 o, 70-0,87 0, 948 0, Conduttivith elettrica a 2o c m/ohm mm '7 IACS l 00 - l l Resistivitls elettrica a 20"C microhm cm (min.) l, 69 1, 82 1,75 1, 92 l, 69 1, 1>9 {max. ) ,04 2,30 3, 19 l, 72 l, 72 l, Temperatura di fusiont: T! ( C) Temperatura di vaporizzazione Tv ("C) Diffusi vi t1s a 2o c (cm2/s) (min. ) l, lb 0,98 0, 97 o, 85 (max..) l, 10 l, 13 l, 06 l, 15 l, 15 - Assorbimento a 20 c 1,45 l. 51 l, 48 l, 55 l, 45 1,45 A f. a lo, 6 micron 1,41> l, 4b 1,60 l, 70 2,00 1, 41> l, 41> - Riflettività a 2o c 98,5 98,5 98,5 R~~ a lo, b micron 98,1> 98,1> 98,1> 98, b 98,4 98,3 98,0 TABELLA 2 - Caratteristiche fisiche di alcuni tipi di rame la velocità di taglio sia dell'ordine di circa 300 micron/ s ~ 0.3 mm/ s qualora siano a disposizione i ~ 2000 W calcolati in base alla (9). Naturalmente allorché il pezzo inizia a scorrere a questa velocità sotto il fascio, poiché i tlt sono più bassi (in relazione al fronte di calore superficiale che precede il fascio e all'aumentata temperatura di tutto il pezzo) i valori di O' diminuiscono passando dal valore di circa 27,5 J/ s a 0,39 J/ s mentre la A % assume valori vicini al 3,6% ; cioè per fondere un analogo cilindretto affiancato al primo è richiesta meno energia. Dalla [10] si deduce che, appena il processo è avviato la potenza laser richiesta è molto più bassa. ma poiché si sta operando a potenza laser costante, ciò conduce a dire che il processo di taglio, iniziato ad una velocità di 0,3 mm/ s. dopo un primo istante (di innesco processo) può procedere ad una velocità più alta; in tutti i casi, alla luce delle altre perdite termiche non considerate e quindi dell'effetto di volano termico della massa circostante il cilindretto, non può essere che dell'ordine di circa 2 mm/ s al massimo, come di seguito stimato: P"'" ~ 72 W = 72 J/s A %~ 3,6% P mnie ta ~ 11 W = 11 J/ s V ~ 2 mm/ s 50 l LA MECCANICA ITALIANA maggio/ giugno 1985 no 190

7 Cioè in definitiva lo spessore di 1 mm si stima che possa essere tagliato a velocità comprese tra 0,3-2 mmjs. Inoltre, è necessario considerare, ai fini del mantenimento dinamico del processo di taglio, che mentre negli acciai al C (inox) la formazione di ossidi di ferro (ferro e cromo), con le corrispondenti reazioni esotermiche, apportano notevoli quantità di energia (/1H2~ ::::::: ::::::: kcal/g mole) sott ofor kcal/g mole) sotto forma di calore di formazione [7, 11], nel caso del rame i possibilì ossidi CuO e cu~o apportano debolissimi incrementi di energia I1H 2~ (37-40 kcal/g mole). Pertanto, a conclusione di tutto quanto scritto sinora, scaturiscono evidenti le grandi difficoltà insite nel processo di taglio a laser di laminati di rame; tanto che a tutt'oggi accurate ricerche bibliografiche [ 1, 2, 8, 9, 10, 12-31] portano a considerare il rame come metallo impossibilitato ad essere tagliato con tecnologia a laser. Risultati sperimenta-li Negli esperimenti sono stati usati laminati di rame di spessore 0,2-4 mm, di tipo Cu-DHP (Deoxydised High Phosphorous Copper) con tenori di Cu 99,85-99,99% e tenori di fosforo residuo di 0,013-0,050%_ (tabelle 1-3). La scelta di questo tipo di rame è stata dettata da varie esigenze quali: - enorme uso che se ne fa in numerosi settori di applicazioni industriali (tabella 1 ); - valori di conducibilità termica più bassa (0,70-0,87 cal/cm s C) rispetto agli altri tipi di rame (Cu ETP, Cu-FRTP; Cu-DLP, Cu-FRHC, Cu-OF) (tabella 2); - resistività elettrica a 20 oc più alta (1,92-3,19 micro-ohm cm) sempre rispetto ad altri tipi di rame (tabella 2); - assorbimento A% a 20 oc più alto (1,55-2,00%). come conseguenza del precedente punto (tabella 2). Questa scelta ha fatto ipotizzare un più facile innesco del primo stadio di assorbimento della radiazione, secondo quanto già detto prima. È stata utilizzata una sorgente a flusso assiale veloce da 2 kw di potenza C.W. emettente un fascio a struttura modale preponderante TEMoo. Lo spot focale risultante da una accurata focalizzazione è risultato di circa 300 micron, permettendo così di ottenere densità di energia di circa 2,8 MW/cm 2 Prove iniziali condotte con parametri macchina, ugelli, potenze (0,5-1,0-2 kw) e gas differenti su uno Caratteristiche tecnologiche Cu-ETP Cu-FRTP Cu-DLP Cu-DHP Temperatura di ricattura, c Lavorabilità plastica a caldo Lavorabilità plastica a freddo buona ottima Indice di lavorabilità all'utensile (ottone secco = 100) 20 Attitudine ai metodi di giunzione: Brasatur-a dolce Brasatura forte ottima buona buona buona buona ottima ottima ottima ottima ottima ottima buona ottima ottima Saldatura ossiacetilenica sconsigliabile sconsigliabile discreta buona Saldatura ad arco in gas inerte discreta discreta buona ottima Saldatura ad arco con elettrodo rivestito sconsigliabile sconsigl iabile sconsigli abile sconsigliabile Saldatura ad arco con elettrodo di grafite discreta discreta discreta buona ' Saldatura -a resistenza: per punti e continua sconsigliabile sconsigliabile sconsigliabile discreta Saldatura a resistenz-a: di testa buona buona buona buona T A BELLA 3 - Caratteristiche tecnologiche di alcuni tipi di rame 51 i LA MECCANICA ITALIANA maggio/ giugno 1985 n 190

8 Metallo: RAME DHP Velocità Larghe zza Spessore di di (mm) taglio taglio (mm/s) (micron m) o, ; , o, , 3 + 8, , 5 + 3, ,6+1, TABELLA 4 - Valori sperimentali delle velocità critiche di tagli e delle lunghezze degli stessi in funzione dello spessore del laminato di rame DHP. Sorgente impegnata: Laser BOC a C0 2 da 2 kw spessore di 0,6 mm non hanno dato esiti favorevoli. tranne a confermare tutto quanto scritto precedentemente. Infatti solo con va lori appropriati di potenza. di densità di energia e con un rigoroso controllo della posizione relativa del fuoco rispetto alla superficie, si è potuto tagliare detto spessore a velocità tra 1,6-2,5 m m/ s. Era chiaro quindi che, sebbene si fosse riusciti in questo primo intento, le irrilevanti velocità già su questo modesto spessore e la criticità nel mantenimento dinamico del processo. autorizzavano a pensare che non si sarebbe potuto andare al di là di 1 mm di spessore. Si è tentato di aumentare in qualche modo la A% del processo visto che non si poteva operare su nient'altro. Alla luce di quano provato sperimentalmente da l. Ursu, C. Nistor, K.P. Vijayakumar e e S. Engel [32-35]. si è cercato di provocare in tempo reale, sotto la diretta influenza del fascio laser, un processo di ossidazione superficiale del rame durante l'irradiazione del fascio stesso. Si riporta di seguito in sintesi quanto già rilevato sperimentalmente da l. Ursu ed altri [32, 33], a proposito della formazione superficiale ossido-metallo e conseguente variazione dell'assorbimento con l'aumentare della temperatura. Il tutto può essere riassunto in quanto segue: a) alla temperatura ordinaria e in presenza di aria secca il rame rimane pressocché inalterato; b) la velocità di ossidazione sotto l'azione della radiazione laser a COz è circa due ordini di grandezza più grande di quella ottenibile con sorgenti diverse dal laser; c) sotto l'azione di un riscaldamento moderato a T < 300 oc e per un tempo di irradiazione t < 1800 s. un layer uniforme di spessore ~ ~m. consistente di Cu20 soltanto cresce sulla superficie del metallo. In questo stadio di ossidazione non si verifica sperimentalmente alcun cambiamento dell'assorbimento, in piena concordanza con i risultati teorici del calcolo della variazione di A% alla luce dei fenomeni di interferenza nei sistemi ossido-metallo; d) all'aumentare della temperatura del campione T C, il processo di ossidazione avanza, il layer di ossido è modificato e appaiono ambedue gli ossidi CuO e Cu20. Si nota un ingrandimento dimensionale dei singoli grani di ossido (CuO e Cu20) che diventa più consistente con l'avanzare del processo di ossidazione. Tutto ciò causa un aumento de Il' assorbi mento superficiale della radiazione laser che, provocando un UJiteriore incremento della temperatura superficiale fa avanzare ulteri ormente il processo di ossidazione, e a questo punto il ciclo si ripete; e) appena la T si avvicina alla temperatura di fusione (stadio di ossidazione avanzato) lo strato di ossido cresce rapidamente. non è più uniforme. anzi cresce a strati sovrapposti. Questo ossido appare discontinuo, con incavi. fiocchi. aghi di dimensioni pari c.irca ad 1/4 di ), [35]. La dimensione media di tal estrato compl essivo è di circa 3 micron, molto spesso e molto poco aderente al supporto (rame). Anche l'assorbimento (A% ) 52 l LA MECCANICA ITALIANA maggio/ giugno 1985 n 190

9 cresce r apidamente e significativamente, tanto da portarsi su valori del 52-58% 1[32, 33]. Quanto appena riportato al punto c) concorda pienamente con quanto stimato numericamente all'inizio di questo lavoro e poi da noi provato sperimentalmente su campioni da 0,6 mm di spessore. Infatt i oltre a confermare l'assoluta mancanza di variazione di assorbimento e quindi velocità di taglio irrilevanti (1,6-2,5 mm/ s), si è rilevato visivamente sulla superficie la presenza di un sottilissimo strato di ossido, che per il suo colore inconfondibile (giallo-rossastro) [39]. è certament e composto soltanto di ossido rameoso Cu20. Stante a quanto riportato ai punti d) ed e) bisognava quindi cercare delle condizioni sperimentali che innalzassero la temperatura del campione quanto più velocemente possibile, in ogni caso con T> 300 C, permettendo la crescita dei due tipi di ossido. In definitiva entrare in un gioco di loop a tre variabili, che è poi la chiave vinc ente del processo di taglio al laser del rame. Muovendosi in tale ottica si è raggiunto l'obiettivo con l'uso di opportuni parametri sperimentali. Infatti i campioni di rame DHP utilizzati (di spessore 0,2-4,0 mm). sprovvisti di un qualunque rivestimento superficiale, sono stati tagliati con velocità di esecuzione che variano da 50 mm/ s a 1,8 mm/ / s. con riferimento rispettivamen- OSSIDO V (mm/s} ~EMPERATUR~ lo o Lar ghezza di t aglio (b) (rnic r on) Spessor e (m m } Fig. 3 - Andamento della velocità critica di taglio e della larghezza (b) di quest'ultimo in funzione dello spessore del laminat o di rame DHP ad un livello di pot>enza laser di 2 kw te ag li spessori 0,2 mm e 4,0 mm (tabella 4). ASSORBIMENTO Nella stessa tabella sono riportate anche le larghezze di taglio che variano da un minimo di micron ad un massimo di micron, a seconda dello spessore considerato. l valori delle velocità e le misure di larghezza sono stati poi graficati in figura 3. Un'analisi attenta dei dati in tabella 4 e figura 3 mostra che: 53 l LA MECCANICA ITALIANA maggio/ giugno 1985 n 190

10 .. Fig. 4 - Aspetto e caratteristiche del t aglio a l aser di un laminato di rame DHP da 4 mm di spessor e. x 2,5 - i va lori delle velocità sono aumentati di un fattore dieci rispetto a quelli stimati e sperimentalmente provati nei primi esperimenti. Infatti, ad esempio, lo spessore di 0,6 mm che prima si tagliava stentatamente a velocità 1,6-2,5 mm/ / s. ora con la nuova tecnica si riesce a tagliarlo senza alcuna difficoltà a velocità di mm/ s. Dalla stessa figura 3 si può rilevare che (anche se non provato sperimentalmente) lo spessore di un millimetro dovrebbe tagliarsi a velocità di circa 18 mm/s; la legge di tipo sperimentale: velocità spessore = costante a potenza costante, già rilevata e sperimentata su moltissimi acciai al carbonio ed inossidabili [36-38], nel caso del rame e per queste prime sperimentazioni sembra non essere più rispettata; infatti il prodotto V x b assume dei valori pari a 1 O (per spessore di 0,2 mm) e pari a 7,2 (per spessore di 4,0 mm); - lo spessore massimo tagliato (4 mm). a velocità di 1,6-1,8 mm/ s è di gran lunga superiore alle più rosee aspettative, dato che, numeri camente prima e sperimentalmente dopo si era accertato che era Fig. 5 - L:ar ghezza del taglio a laser di un laminato di rame DHP da 4 mm di spessore. x6 x18 Fig. 6 - Sezione micrografioa di un t aglio a laser di un laminato di rame DHP di spessore 2,5 mm. 54 j LA MECCANICA ITALIANA maggio/ giugno 1985 n 190

11 possibile tagliare fino ad un 1 mm di spessore a velocità stimate intorno a 0,3-2 mm/ s. Inoltre la constatazione visiva dell'esistenza lungo i bordi e le facce interne dei tagli di strati di ossido di colore nero e nero-grigiastro [39], diverso dall'altro precedentemente rilevato (giallo-rossastro) [39], sicuramente autorizza a pensare che sia prevalentemente ossido rameico CuO misto ad ossido rameoso Cu20. Anche se può apparire irrilevante, durante la fase di raffreddamento successiva al taglio, è stato ampiamente notato il facile autodistacco dello strato di ossido dal supporto (rame) in pieno accordo con quanto rilevato da l. Ursu, punto e). Quanto appena citato conferma i dati sperimentali già trovati da altri [32, 33], e si può così affermare di aver innescato il meccanismo di loop (temperatura-assorbimentoossido) prima accennato. Anche se in questa fase non è stato possibile effettuare misure di assorbimento, il tutto fa pensare, per via indiretta, che effettivamente la A % durante i l processo di taglio passi da valori iniziali di 1,4-1,7% a valori intorno al % come rilevato sperimentalmente da l. Ursu [32, 33]. Nelle figure 4 e 5 sono riportati l'aspetto e la larghezza di taglio di un laminato da 2,5 mm. Di seguito la figura 7 illustra gli aspetti e le caratteristiche dei tagli relativi a spessori di 4,0-3,0-2,0 m m. Infine le figure 8-13 mostrano le sezioni micrografiche a più basso ingrandimento (75 x) e a maggiore ingrandimento (500 x) dei bordi di taglio di laminati di spessore 2,0-3,0-4,00 mm. Come si può rilevare dalle medesime figure (figure 8-13) in prossimità del bordo di taglio -- - ~ l ',,," 'f ',. l ' j ',~ 1 ~ ;,,,.,' u,,,. t,. '., 't '.,... l ~r /.,H,,. ' j.l'l J '.,,.. \,, A l o ' ' l l ( 'l ' ' l ' ' ' ' '/ \ : ' '( ' Il k, l.l J l l ' l ' ~ --~,.. - ~ ) \ \.:;'\~ \' ~ 1 11,. :\. \.,\ 1\ 'f; 1. :;1~! 1.'.t'# IJ j 1 \1: \, 1 Ili.,\ \ ~ '.,',\ \ ~ h, t ' ' 1 t'l~'.,,.. -- l... 1 j l ~ l l 'l': : l }. \ l ~ ~ l 'l~ \ ' 11 l ' l,1 l l ' Fig. 7 - Aspetti e caratteristiche dei tagli a laser di laminati di rame DHP di spessore 4,0 mm (in alto), 3,0 mm (al centro) e 2,0 mm (in basso). si nota una zona ca ratterizzata da ingrossamento della dimensione del grano cristallino, prodottasi ovviamente per effetto dell'apporto termico da parte del fascio laser. Dal confronto delle micrografie eseguite su tutti gli spessori uti- 1 izzati (figure 9, 11 13) si è constatato come l'ampiezza della suddetta zona si ingrandisca con l'aumentare dello spessore del campione e così pure aumenta la dimensione del grano cristallino. Inoltre l'esame dei bordi di taglio indica la presenza di un residuo di mat eriale fuso che il getto del gas di assistenza non è riuscito ad espellere completamente. x3 In conclusione, alla luce dei risultati ottenuti (buona qualità dei bordi di taglio, assenza di bave, bassissima rugosità, assenza di microcricche) il taglio al laser di laminati di rame è ora possibile con una sorgente a C02 ed è oltremodo un processo con velocità di esecuzione abbastanza significative. Conclusioni In conclusione si può affermare che, nonostante i pessimistici risultati riportati in letteratura [ 1, 2, 8, 9, 10, 12-31], ora è possibile tagliare laminati di rame con sorgenti laser a co2. t importante evidenziare che i risultati ottenuti vanno al di là di ogni aspettativa sia in merito alle velocità di esecuzione sia rispetto agli spessori tagliati. È stato individuato il meccanismo che presiede e regola il processo 55 l LA MECCANICA ITALIANA maggio/ giugno 1985 n 190

12 ;: ~ ~., '.(i r!~ ~ A. x 75 Fig. 8 Sezione micrografica del bordo di tagl io a laser di un laminato di r<ame DHP da 2 mm dì spessore. x500 Fig. 9 Sezione micrograflca a mag-giore ingrandimento di una parte del bordo di taglio di fig. 8. x 75 Fig. 10 Sezione mìcrografica del bordo di taglio a laser dì un laminato di rame DHP da 3 mm di spessore. x 500 Fig. 11 Sezione micrografica a maggiore ingrandimento di una parte del bordo di taglio di fig. 10. x 75 Fig. 12 Sezione mlcrografica del bordo di taglio a laser di un laminato di rame DHP <da 4 mm dì spessore. x 500 Fig. 13 Sezione micrografica a maggiore ingrandimento di una parte del bordo di taglio di fig l LA MECCANICA ITALIANA maggio/giugno 1985 no 190

13 di taglio, ovvero è stato identificato il loop a tre variabili (temperatura- ossido- assorbimento) come causa innescante del processo. Una prima analisi dei risultati conseguiti ha messo in evidenza che il processo di taglio del rame non può essere assimilabile a quello d eli 'acciaio, tanto che i formalismi matematici sviluppati per questi ultimi sono risultati inadatti per il rame. Sono perciò necessarie ulteriori indagini di ricerca che permettono infine di approfondire gli studi fin qui condotti. Bibliografia [1 ] S.S. Charschan: Laser In lndustry" Von Nostrand, [ 2] W.W. Duley: Laser Processing and Analysis of Materials " - Plenum Press, [3] G. Daurelio, L. Cento, C. Esposito: Saldatura a laser C0 2 da 2 kw di Acciai al Carbonio ed Inossidabili Centro Laser, [ 4] Schede Meroeologiche CITRE (Cen tro Italiano Promozione Rame) - Allegato 1. [5] Schede Tecniche sul rame e sue leghe - CISAR, Milano, [6].. Tabelle sui dati del rame e sue leghe edite da CIDEC (Conseil lnternational pour le Development du Cuivre) Ginevra, [7) C.J. Smithells:.. Metals Reference Book.. - Butterworths, vol. Il [8] H.S. Carslaw. J.C. Jaeger: " Conduction of Heat in Solids - Clarendon Press [9] W.W. Duley: " C0 2 Laser Effects and Applications " - Plenum Press, [10] L/A (Laser lnstitute of America}: Basic of Laser Materia! Processing " Electrico-Optical System Design, novembre [11] R.C. Weast, M.J. Astle: CRC Hand book of Chemistry and Physics - CRC Press (12) C.N.R.S. (Centre de Documentation Scientifique et T echnique). Parigi (Francia). [13] Ascatopics: Literature A lerting Services lnstitute for Scientific lnformation (ISI). Philadelphia (USA). [ 14) H. Koebner:.. Industriai Application of Lasers Wi ley, [ 15) E.A. Metzbower: "Proceedings ICALEO 1983". Sponsored by LJA (Laser lnstitute of America). Materia! Processing, vol. 38. [16] N. Rykalin, A. Uglov. A. J<.okora:.. Laser Machining and Welding. Pergamon Press, [17] J.F. Ready: " Effects of High-Power Las er Radiation " Academic Press, [ 18 ) J.F. Ready: Applicazioni industriali del Laser" Tecniche Nuove [ 19) E. Metzbower: Source Book on Ap plications of the Laser in Met alworking " ASM, [20) W.V. Smith, P. Sorokin: Il Laser Boringhieri [21) S. Leinwo/1: Las er e Maser Celi, [22] J.F. Ready: Laser in Modern In dustry SME (Society of Manufacturing Engineers), [23] L/M-1: 1st lnt. Conference on La sers in Manufacturing,.. Brighton, [24) LIM-2: 2nd lnt. Conference on Lasers in Manufacturing Birmingham, [25) ASM: Metals Handbook, vol. 6 Welding, Brazing and Soldering " 9' ed., [26] Rivista Lasers and Applications Anni , vol (27] Rivista Las er ocus " - Anni , vol [28] Rivista " Optics and Laser in Engi neering Anni , vol [ 29] Rivista Journal of Current Laser Abstracts". Anni , vol (30) Rivista Optics and Laser Technology" Anni , vol [31] Rivista Laser and Applìcations, 1985 Designers Handbook and Product Directory" pagg (lndex by Subject to Laser and Application, 1984). [32) l. Ursu, L.C. Nistor e altri:.. Continuous wave laser oxidation of Copper " Centrai l nstitu~e ot Physics (Bucarest) e lnstitut e of Ge neral Physics (Mosca). [33) l. Ursu, L.C. Nistor e altri: Early oxidation stage of Copper during CW C0 2 laser irradiation " Appl. Phys. Lett.. pagg , gennaio [34) K.P. Vijayakumar, C. Purushothaman: An Optical Study of Thermal Effects in Copper Fil ms ". Thin Solid Films, 112 (1984), pagg [35) S. Engel: Basic ot Laser Heat Treating " Laser in Manufacturing Conference, novembre [36] C. Esposito, G. Daurelio: Taglio di acciai al carbonio e inossidabili con laser a C0 2 da 500 W C.W. " Centro Laser, [37) G. Daurelio, M. Lepore: Taglio contornato, a geometria complessa. di acciai con un laser polarizzato circolarmente Centro Laser, [38) C. Esposito, G. Daurelio: " Tuning of a par.ametric model for the laser cutting of steels " Optics and Lasers in Engineering, 2 (3). pagg ' [39) G. Bruni: Chimica generale e inorganica Tamburini, l LA MECCANICA ITALIANA maggio/giugno 1985 n 190

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2%

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2% Cr > 10,5% C < 1,2% Cos è l acciaio inossidabile? Lega ferrosa con contenuti di cromo 10,5% e di carbonio 1,2% necessari per costituire, a contatto dell ossigeno dell aria o dell acqua, uno strato superficiale

Dettagli

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI:

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: La cella solare è un spositivo per la trasformazione energia luminosa in energia elettrica. L applicazione più nota questi tipi spositivi

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Se il flusso termico specifico fornito dalla resistenza elettrica è

Se il flusso termico specifico fornito dalla resistenza elettrica è Transitorio termico per un Ferro da stiro (esercizio 5.9 di Fundamentals of Heat and Mass Transfer, F.P. Incropera, D.P. Dewitt, T.L. Bergman, A.S. Lavine, 6th Edition, Wiley, 2007. La piastra di un ferro

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Gli acciai inox e la resistenza alla corrosione

Gli acciai inox e la resistenza alla corrosione materiali Gli inossidabili sono leghe ferrose che riescono a unire le proprietà meccaniche, tipiche degli acciai, alle caratteristiche intrinseche dei materiali nobili quali, tipicamente, le notevoli doti

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A'

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' S C H E R M I M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' Gli schermi magnetici hanno la funzione di proteggere oggetti sensibili dall'aggressione magnetica esterna. Questi schermi possono essere suddivisi

Dettagli

12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE

12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE 12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE 12.1 Introduzione Una seconda modalità di trasmissione del calore, detta convezione termica, ha luogo quando almeno uno dei due corpi che si scambiano calore è un

Dettagli

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI La classificazione e la designazione degli acciai sono regolamentate da norme europee valide in tutte le nazioni aderenti al Comitato Europeo di Normazione (CEN).

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Il vantaggio della velocità. SpeedPulse, SpeedArc, SpeedUp. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività.

Il vantaggio della velocità. SpeedPulse, SpeedArc, SpeedUp. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività. Il vantaggio della velocità SpeedPulse, SpeedArc,. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività. Perche velocità = Produttività Fin da quando esiste l'umanità, le persone si sforzano

Dettagli

Procedimenti di saldatura elettrica

Procedimenti di saldatura elettrica Procedimenti di saldatura elettrica SALDATURA AD ELETTRODO Raddrizzatori a regolazione meccanica Sono le macchine più semplici ed economiche per saldare. Ricevono in ingresso un voltaggio in corrente alternata

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

SAFAP 2012, Napoli 14-15 giugno ISBN 978-88-7484-230-8

SAFAP 2012, Napoli 14-15 giugno ISBN 978-88-7484-230-8 Valutazione della Minimum Pressurizing Temperature (MPT) per reattori di elevato spessore realizzati in acciai bassolegati al Cr-Mo, in esercizio in condizioni di hydrogen charging Sommario G. L. Cosso*,

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

Collettori solari termici

Collettori solari termici Collettori solari termici 1 VELUX Collettori solari. Quello che cerchi. massima durabilità, facile installazione Estetica e integrazione A fferenza degli altri collettori solari termici presenti sul mercato,

Dettagli

Essi possono contenere, oltre al cromo (12% 30%) e al nichel (0% 35%), anche altri componenti chimici a seconda delle specifiche esigenze.

Essi possono contenere, oltre al cromo (12% 30%) e al nichel (0% 35%), anche altri componenti chimici a seconda delle specifiche esigenze. Gli acciai inossidabili sono leghe FERRO-CROMO o FERRO-CROMO-NICHEL, di varia composizione, la cui principale caratteristica è la resistenza alla corrosione. Essi possono contenere, oltre al cromo (12%

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN)

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) SUPERCONDUTTIVITÀ A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) Il fenomeno della superconduttività è stato osservato per la prima volta nel 1911 dal fisico olandese Heike Kamerlingh Onnes dell'università de

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1.

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1. Correnti Vaganti Introduzione Correnti Vaganti Una struttura metallica in un mezzo avente conducibilità ionica, quale ad esempio acqua, terreno o calcestruzzo, nel quale sia presente un campo elettrico

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

CARATTERISTICHE DI UNA CANDELA GLOW PLUG

CARATTERISTICHE DI UNA CANDELA GLOW PLUG CARATTERISTICHE DI UNA CANDELA GLOW PLUG CENNI STORICI Nell anno 1946, l ingegnere americano Ray Arden, un vero pioniere della progettazione dei micromotori ed indiscusso genio in materia, ideò e perfezionò

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica ESERCIZIO N 1 La temperatura in una palestra è di 18 C mentre all esterno il termometro segna la temperatura di 5 C. Quanto vale la differenza

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Sistema solare termico

Sistema solare termico Sistema solare termico 1 VELUX Collettori solari VELUX. Quello che cerchi. Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Sempre più

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa Trasmissione del suono attraverso una parete Prof. ng. Cesare offa W t W i scoltatore W r orgente W a La frazione di energia trasmessa dalla parete è data dal fattore di trasmissione t=w t /W i. Più spesso

Dettagli

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri:

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri: LO SPETTRO Se si fa passare un fascio luminoso prima attraverso una fenditura e poi attraverso un prisma si ottiene la scomposizione della luce nei colori semplici, cioè otteniamo lo spettro della luce.

Dettagli

Esercitazione IX - Calorimetria

Esercitazione IX - Calorimetria Esercitazione IX - Calorimetria Esercizio 1 Un blocco di rame di massa m Cu = 5g si trova a una temperatura iniziale T i = 25 C. Al blocco viene fornito un calore Q = 120J. Determinare la temperatura finale

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione Corso di energetica degli edifici 1 Impianti di climatizzazione 2 Obiettivo di un impianto di climatizzazione destinato agli usi civili è quello di mantenere e realizzare, nel corso di tutto l anno ed

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

Guarnizioni per oleodinamica e pneumatica

Guarnizioni per oleodinamica e pneumatica Raschiatori NBR/FPM DAS, DP6, DP, DP, DRS, DWR Guarnizioni a labbro NBR/FPM /, /M, /M, M, H, C Bonded seal NBR-metallo Guarnizioni a pacco in goa-tela TO, TG, TEO Guarnizioni per pistoni in poliuretano,

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount

Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount Bollettino tecnico Gennaio 2013 00813-0102-4952, Rev. DC Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount Design non intrusivo per una misura di temperatura facile e veloce in applicazioni su tubazioni Sensori

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Come detto precedentemente la legge di ohm lega la tensione e la corrente con un altro parametro detto "resistenza". Di seguito sono presenti

Dettagli

DI MISURAZIONE CON CMM. di Gianfranco Costelli. stagionali di ± 1 C, a cui si sovrappongono oscillazioni giornaliere di ± 1 C.

DI MISURAZIONE CON CMM. di Gianfranco Costelli. stagionali di ± 1 C, a cui si sovrappongono oscillazioni giornaliere di ± 1 C. P R O B I N G ARTICOLO SELEZIONATO DA PROBING N 10 Notiziario semestrale di tecnica ed informazione dell Associazione CMM Club Italia STIMA DELL INCERTEZZA DI UN PROCESSO DI MISURAZIONE CON CMM di Gianfranco

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli