Processo di taglio a laser C02 di laminati di rame Stato dell'arte e nuove possibilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Processo di taglio a laser C02 di laminati di rame Stato dell'arte e nuove possibilità"

Transcript

1 Estratto dalla Rivista LA MECCANICA ITALIANA n Processo di taglio a laser C02 di laminati di rame Stato dell'arte e nuove possibilità G. DAURELIO Centro Laser, BARI Sommario In questo lavoro si sono esaminate le varie problematiche connesse al taglio di laminati di rame con l'utilizzo di un laser a CO,z. Nella prima parte della ricerca sono stati individuati i vari parametri termofisici che regolano la dinamica del processo e di questi si è cercato di stimare numericamente, anche se in maniera approssimata, il peso di ciascuno di essi. Si è potuto così definire i valori di assorbimento superficiale del rame a temperatura ambiente e vicino alla fusione, l'ordine di grande zza della potenza laser necessaria a provocare un graduale innal- Lavoro presentato al " Convegno delle unità operative del Progetto Finalizzato Laser di potenza del C.N.R. cjo Centro Direzionale Alfa Romeo - Arese (MI), 16 april e zamento della temperatura del campione da T,mb. a T di fusione. Si è anche stimato l'ordine di grandezza del valore di velocità a cui un laminato di un certo spessore si può tagliare. Quindi, l'analisi di tutte queste problematiche, connesse alla dinamica del processo e dello stato dell'arte [1, 2, 8, 9, 10, 12-31] confermerebbe la validità della corrente tesi sulla impossibilità e criticità del taglio con.un laser a CO, del rame. Nella seconda parte sono stati poi riportati i risultati sperimentali relativi alle prime prove, in assoluto, di taglio di laminati di rame di spessore 0,2-4,0 mm con un laser a CO ~ da 2 kw. Questi primi interessanti risultati sono $fati conseguiti grazie alla possibilità di far crescere sotto l'irradiazione del fascio laser strati sovrapposti di ossido rameico CuO, misto ad una piccola percentuale di ossido rameoso Cu 40, che permettono di realizzare il taglio. Si è visto così che in sola presenza di ossido rameoso l'assorbimento percentuale della radiazione a 10,6 micron non subisce incrementi, mentre, allorché le condizioni sperimentali lo permettono, la crescita di ossido rameico porta il valore di assorbimento intorno al 52-58% permettendo di innescare un processo di loop a tre variabili (temperatura-ossido-assorbimento) che è risultato la chiave vincente del processo di taglio. Le velocità di esecuzione sono risultate significative e varie sezioni micrografiche eseguite sui campioni hanno mostrato che la qualità dei tagli è abbastanza buona. 45 i LA MECCANICA ITALIANA maggio/giugno 1985 no 190

2 Stato dell'arte e dinamica del processo Nel corso di vari anni di sperimentazione e di applicazioni industriali del laser a co ~. sempre più crescente è stata la quantità e diversità dei material i metallici e non che sono stati tagliati con lasers a co ~ di potenza diversa. L'applicabilità o meno della macchina laser. in prima istanza. è stata sempre valutata dalla possibilità da parte del materiale di assorbire superficialmente la radiazione a 10,6 micron del laser a CO ~. Detto processo di assorbimento da parte dei metalli avviene essenzialmente in due stadi: - ne l primo stadio del processo si instaura un accoppiamento del fascio laser con la superficie del metallo, e ciò accade quando la radiazione laser è assorbita da elettroni liberi di conduzione e/o da vibrazioni reti col ari. convertendo la stessa in calore tramite processi di coll isione. Questo accoppiamento si instaura per profondità di alcune decine di micron e dipende principalmente dalla potenza incidente e dal materiale in esame come anche dalla rugosità della superficie, da eventuali difetti superficiali, da incrementi di temperatura del campione e da un sottile layer di materiale vaporizzato in superficie [ 1]; - nel secondo stadio, la radiazione laser. che è stata convertita in calore alla superficie del metallo, è trasferita tramite un normale processo di conduzione attraverso i l rimanente spessore del materiale. Alla luce di quanto detto innanzi, le difficoltà da superare per tagliare il rame con il laser sono da addebitare sia alla creazione del primo stadio (thermal coupling) che al mantenimento dinamico dello stesso (secondo stadio). A proposito del primo stadio del processo, questo come è logico aspettarsi. è regolato in modo preponderante dall'assorbimento di radiazione infrarossa da parte del metallo. Così per valutare teoricamente o sperimentalmente l'effetto di riscaldamento della radiazione laser su un materiale, è necessario conoscere quanto della radiazione incidente è stato assorbito e quanto riflesso. Poiché la maggior parte dei metalli sono opachi alle radiazioni infrarosse, è sufficiente eseguire misure di riflettività R).. (T) in quanto da esse si può risalire alla emissività o assorbimento A).. (T) secondo la: A,. (T) = 1 - R>. (T) (1) o ' ~ Al dove ), è la lunghezza d'onda della radiazione incidente e T in oc è la temperatura del campione. Per i metalli, nell'infrarosso per À > 2 IJ.m [1, 2, 3], A>JT) può essere ca lcolato dai valori della resistività elettrica del materiale in funzione della temperatura R(TJ. secondo la formula seguente: Al%= 1,12VR (2) con R espressa in micro-ohm cm, che altro non è che la formula esposta da Duley [2], calcolata solo al primo termine, essendo gli altri di peso trascurabile: A >. % (T) = 1,12 [R (1 +a.. T)] 'N - 6,29 [R (1 +a T)] ,4 [R (1 +a T)rN (3) Naturalmente entrambe le formule sopra dette sono valide pur TEIWPERArURE focj Fig. 1 An(Jamento dell 'emissività a 10,6 micron (Laser e C0 2 ) per vari metalli in fun zione della temperatura degli stessi (W.W. Duley: Laser Processing and Analysis of Materials. Plenum Press, 1984). 46 l LA MECCANICA ITALIANA maggio/giugno 1985 nn 190

3 ché siano rispettate le seguenti condizioni: - il range di temperatura può essere anche ampio ma sempre al di sotto (anche di poco) della temperatura di fusione; - non vi siano layer superficiali; - non partecipino altri processi (ad esempio processi esotermici di ossidazione del metallo) che apportino ulteriori contributi energetici al processo. Così dalla formula (2). inserendo valori di R(T) per acciai al carbonio. acciai inox e rame per temperature ambienti (20 C) e temperature prossime alla fusione [3-7] si sono calcolati i rispettivi A % che sono risultati: l, 2. l, l l, o 0,9 0,8 Acciai al C 3,8-4, ,7 +-~-+--~~~~--+-~-+--~ o T ( c) Acciai inox Rame 8-9 1,4-1, ,6-3,7 Fig. 2 - Andamento della diffusività termica del rame al variare della temperatura dello stesso. Come si evidenzia dai valor i appena riportati e dalla figura 1, l'assorbimento del rame sia a temperatura ambiente sia vicino al la fu sione è molto basso; così che uti- 1 izzando un laser a CO" da 2 kw di potenza, la potenza effettiva assorbita è di w (a 20 C) e di W (:::T,), valori questi molto modesti rispetto a quelli degli acciai [acciai al C: W (a 20 oc), W (:::T,); acciai inox: W (a 20 C), W ( ~ Ttl] {3]. Quindi già da questi primi ca lcoli è evidente come raggiungere la fusione del rame diviene abbastanza problematico. Esaminiamo ora l'instaurarsi del secondo stadio del processo di assorbimento partendo sempre dalla T ambiente. l W, trasferiti al materiale entro uno spessore di qualche decina di micron, convertiti in calore, tenderebbero ad essere trasferiti nella rimanenza dello spessore tramite un processo di conduzione. Prendendo in considerazione ora la conducibilità termica del rame, si nota che assume dei valori molto alti a temperatura ambiente (K = = 3,9 W/cm C) a confronto sempre con quelli degli acciai (al C: K = 0,75 W/cm C; inox: K = = 0,15 W/cm C) (3]; tipicamente il rame ha dei valori di conducibilità cinque volte più alti rispetto agli acciai al C e ben ventisei volte rispetto agli acciai inox. Analogo discorso è evidentemente valido anche per la diffusività termica (figura 2). Immaginando di voler fondere un ipotetico cilindro con diametro di 300 micron e di altezza 1 mm, si può calcolare quanta energia occorra per raggiungere la fusione [ 1 0]: dove: 0 = p V (Cr; tlt~ o - H xa+htj (4) p è la densità, in g/ cm' ; V il volume del cilindro, in cm"; Cp il calore specifico (calore necessario per portare il materiale dalla temperatura ambiente a quella di fusione) in cal/ g. C; t!. T il salto termico ( ) in oc; Hr ca lore latente di fusione. in cal/g. 47 j LA MECCANICA ITAI 'ANA maggio/ giugno 1985 n 190

4 Or"' = 8,96 7, (0, ) ~ ~ 0,0946 cal ~ 0,3965 J (5) Se si suppone di fornire questa quantità di calore nell'unità di tempo, per fondere il cilindro occorrono quindi ~ 0,4 W. Alla luce della [2], si è stimato che la A % del rame varia tra 1,4-1,7% a T ambiente; cosicché assumendo un valore medio di 1,5% si può calcolare quanta potenza laser deve essere fornita affinché il materiale assorba i 0,4 W sopra accennati : Potenza laser incidente = Q 0, ~ -- A % 1, ~ 26,7 w (6) Come, ovviamente, si può arguire con un fascio laser di 26,7 W di potenza non si riesce mai a portare a fusione il volume di materiale considerato, a causa delle grosse perdite termiche che sono insite nel processo stesso. Dovendo quindi procedere ad una stima molto approssimata di queste perdite, si può calcolare ad esempio la quantità di calore Q' che fluisce nell'unità di tempo [8] attraverso le due superfici S di un cilindro con diametro di 300 micron (pari allo spot focale) ed una altezza di 1 mm (spessore del materiale): Q' dove: K K(T~-L o ) S t d (J) (7) è la conducibilità termica nel f:..t considerato, in W/ mm cc; T1 > T,o sono le temperature rispettive del le due superfici, in cc; t d tempo in secondi; distanza tra le due piastre (due dischi da 300 micron di diamet ro), in mm. Poiché l'equazione (7) è valida in regime stazionario, supponiamo per il momento di operare in tale stadio e calcoliamo il flusso di calore che fluisce attraverso le stesse due piastre con f:..t = = cc: o :o.~.o = o, ,071 ~ 27,5 J (8) dove il va lore di K è stato mediato tra i valori a T"'"'' e a T vicino a fusione [9]. Poiché nel riscaldamento a laser non si opera in regime stazionario, si può immaginare che la superficie, dove impingue il fascio laser, lentamente si porti dalla T ambientale verso la T 1 (1083 C) e analogamente avvenga per la superficie inferiore. Tutto ciò fa sì che nella (7) man mano che il f:..t tenda a zero, anche i l valore di Q' faccia altrettanto. Se le quantità di calore 0; 11 ~~ 20 e o,... (5) le forniamo ne ll'unità di tempo si perviene alla deduzione che inizialmente la potenza necessaria assorbita dal materiale è di 27,5 W ed in un secondo stadio è solo di 0,4 W. Convertendo questi valori in potenza laser incidente, si ha: P 10~s-2o = ~ 27,5 1,5 A % 100 ~ 1833 w (9) Or" P'"" = ~ A % 0,4 =TG. 1oo ~ 11.1 w c1o) dove l'ultima A % è stata valutata a temperatura di fusione. Se si considera che il calore non viene trasmesso soltanto verso il basso ma anche in tutte le altre direzioni (direttrici del cilindro) [ 1, 9], si intuisce come effettivamente i pochi watt assorbiti dal materiale a temperatura ambiente (~30 W per potenza laser di 2 kw) servano inizialmente a bilanciare nel punto di impatto fascio-materia le perdite termiche, che sicuramente sono più alte di quelle stimate ( ~ 27, 5 W) ed in tutti i casi ad iniziare un processo di lento e graduale innalzamento della temperatura del campione; ciò conduce ad un incremento di A % e ad un abbassamento dei valori di K, f:..t e della Q' necessaria per portare a fusione l 'intero volume del ci lindretto in questione. In conclusione quindi affinché si inneschi il primo stadio del processo di assorbimento è necessario che i l fascio laser fornisca una energia d eli 'ordine di grandezza dei 2000 Jj s. Si vuole ora stimare, anche se in misura approssimativa, l'ordine di grandezza della velocità di taglio del laminato di rame di spessore 1 mm. Trascurando momentaneamente il fronte di ca lore che avanza sulla superficie e che precede il fascio, e quindi i gradienti termici conseguenti, si può pervenire a stimare la velocità alla quale può essere tagliato il materiale traslato sotto il fascio nell'unità di tempo. Considerando un fattore di accostamento dei cilindretti affiancati pari a zero, si può ipotizzare che 48 l LA MECCANICA ITALIANA maggio/ giugno 1985 n 190

5 Quali t~ Designazione e denominazione del tipo Definizione Composizione chimica, Cu {+Ag) o Bi (mi n) {max) (ma.x) 1- in peso Pb {max) p Settori di applicazione o ~ :;:C ~ ~.,Q,.,. 0.<! 00 "' :s E 2 "' : a;.... o 2 :2 =a Il.. E a; ~ o c: c., " 00 "'Oi.. "'.. "' E o a; -o Cu-ETP UNI Rame elettrolitico ossidulato Cu-FRTP UNI l Rame ossidulato affinato termicamente Cu-FRHC Rame ossidulato, a!fin!!_ nato termicamente ad el!_ vata purezza e condut~ vi l~ Cu-DLP UNI Rame disossidato al fosforo a basso tenore di fosforo residuo Cu-DHP UNI Rame disossidato al fosforo ad alto tenore di fosforo residuo Cu-OF Rame elettrolitico, ese!! te da ossigeno, ad alta conduttività Rame ad alta c ondutli vj_ tìl ottenuto p e r fusione di catodi Rame affinato per via termica senza particolari controlli del tenore di impurità Rame affinato per via termica di alta p u rezza e conduttività Rame disossidato con fosforo, contenente un basso tenore di fosforo residuo Rame disossidato con fosforo, contenente un alto tenore di fosforo residuo Rame elettrolitico, o:se.!! te da ossigeno, ad alta 99,95 conduttività 99,90 0,04 o, ,85 0,002 99,93 99,90 0,001 99,85 0,001 0, 005 TABELLA 1 - Definizione. composizione chimica e settori di appl icazione di alcuni tipi di rame raffinato 0,01 o, 01 o, 01-0,05 max da 0, 005 a 0, 012 da 0,013 a 0,050 Per semilavor!!_ ti ad usi elettrj_ ci, chimici, mee_ c ani ci, archite_l tonici Per semilavor!!_ ti destinati ad usi archiletlof!i ci, chimici, me,!;_ canici, e non aventi esigenze di conduttività elettrica e levata Per semilavorati destinati ad usi edili, architettonici, mccc~ nici 1 chimici ed elettrici, dotati di buona lavor!!_ bilità plastica, buona salda bili tà e resistenza al l 'infragilimento da i dro"eno Per semilavorati destinati ad usi edili, archi tett.q_ nici, meccanici, chimici, non!. venti esigenze di conduttività elettrica elevata, e dotati di buona saldabili_ tà, buona lav.q_ rabi lità plastica e resistenza al l 'infragilimento da idro11:eno Per applicazioni particolari: Radar, Anodi per tubi elettr.q_ nic:i, guide d'o!! da, Avvolgime!!_ ti di rotori e motori speciali, accoppiamenti rame - vetro nei tubi elettronici Legenda delle designazioni: Cu ETP (Eiectrolitical Tough Pitch Copper) Cu-FRTP (Fire Refined Tough Pitch Copper) Cu-FRHC (Fire Refined Tough Pitch High Conductive Copper) Cu-DLP {Deoxidized Low Phosphorus Copper) Cu-DHP Cu-OF Cu-IACS (Deoxidized High Phosphorus Copper) (Oxigen Free Copper) (lnternational Annealed Copper Standard) 49 l LA MECCANICA ITALIANA maggio/giugno 1985 n 190

6 Caratterlstich.. fi~lche Cu-ETP Cu-FRTP Cu-DLP Cu-DHP Cu-FRHC Cu-OF Cu-IACS - Den ltà a 20 C g/cm 3 8, 9 8,9 8,94 8, 94 8,92 8, 94 8,89 - Coc:Hiciente cù dilatazione termica lineare (25"C + loo"c) c 0,000011>8 o, ,000011>8 0, o, >8 o >8 - - Calore &pecifico a 20"C, cal/g c 0,0921 0,0921 0,0921 0,0921 o, , Conduttivilh termica a 20" C, cal/cm 1 c 0,948 o, 80 - o, 90 0,80-0,93 o, 70-0,87 0, 948 0, Conduttivith elettrica a 2o c m/ohm mm '7 IACS l 00 - l l Resistivitls elettrica a 20"C microhm cm (min.) l, 69 1, 82 1,75 1, 92 l, 69 1, 1>9 {max. ) ,04 2,30 3, 19 l, 72 l, 72 l, Temperatura di fusiont: T! ( C) Temperatura di vaporizzazione Tv ("C) Diffusi vi t1s a 2o c (cm2/s) (min. ) l, lb 0,98 0, 97 o, 85 (max..) l, 10 l, 13 l, 06 l, 15 l, 15 - Assorbimento a 20 c 1,45 l. 51 l, 48 l, 55 l, 45 1,45 A f. a lo, 6 micron 1,41> l, 4b 1,60 l, 70 2,00 1, 41> l, 41> - Riflettività a 2o c 98,5 98,5 98,5 R~~ a lo, b micron 98,1> 98,1> 98,1> 98, b 98,4 98,3 98,0 TABELLA 2 - Caratteristiche fisiche di alcuni tipi di rame la velocità di taglio sia dell'ordine di circa 300 micron/ s ~ 0.3 mm/ s qualora siano a disposizione i ~ 2000 W calcolati in base alla (9). Naturalmente allorché il pezzo inizia a scorrere a questa velocità sotto il fascio, poiché i tlt sono più bassi (in relazione al fronte di calore superficiale che precede il fascio e all'aumentata temperatura di tutto il pezzo) i valori di O' diminuiscono passando dal valore di circa 27,5 J/ s a 0,39 J/ s mentre la A % assume valori vicini al 3,6% ; cioè per fondere un analogo cilindretto affiancato al primo è richiesta meno energia. Dalla [10] si deduce che, appena il processo è avviato la potenza laser richiesta è molto più bassa. ma poiché si sta operando a potenza laser costante, ciò conduce a dire che il processo di taglio, iniziato ad una velocità di 0,3 mm/ s. dopo un primo istante (di innesco processo) può procedere ad una velocità più alta; in tutti i casi, alla luce delle altre perdite termiche non considerate e quindi dell'effetto di volano termico della massa circostante il cilindretto, non può essere che dell'ordine di circa 2 mm/ s al massimo, come di seguito stimato: P"'" ~ 72 W = 72 J/s A %~ 3,6% P mnie ta ~ 11 W = 11 J/ s V ~ 2 mm/ s 50 l LA MECCANICA ITALIANA maggio/ giugno 1985 no 190

7 Cioè in definitiva lo spessore di 1 mm si stima che possa essere tagliato a velocità comprese tra 0,3-2 mmjs. Inoltre, è necessario considerare, ai fini del mantenimento dinamico del processo di taglio, che mentre negli acciai al C (inox) la formazione di ossidi di ferro (ferro e cromo), con le corrispondenti reazioni esotermiche, apportano notevoli quantità di energia (/1H2~ ::::::: ::::::: kcal/g mole) sott ofor kcal/g mole) sotto forma di calore di formazione [7, 11], nel caso del rame i possibilì ossidi CuO e cu~o apportano debolissimi incrementi di energia I1H 2~ (37-40 kcal/g mole). Pertanto, a conclusione di tutto quanto scritto sinora, scaturiscono evidenti le grandi difficoltà insite nel processo di taglio a laser di laminati di rame; tanto che a tutt'oggi accurate ricerche bibliografiche [ 1, 2, 8, 9, 10, 12-31] portano a considerare il rame come metallo impossibilitato ad essere tagliato con tecnologia a laser. Risultati sperimenta-li Negli esperimenti sono stati usati laminati di rame di spessore 0,2-4 mm, di tipo Cu-DHP (Deoxydised High Phosphorous Copper) con tenori di Cu 99,85-99,99% e tenori di fosforo residuo di 0,013-0,050%_ (tabelle 1-3). La scelta di questo tipo di rame è stata dettata da varie esigenze quali: - enorme uso che se ne fa in numerosi settori di applicazioni industriali (tabella 1 ); - valori di conducibilità termica più bassa (0,70-0,87 cal/cm s C) rispetto agli altri tipi di rame (Cu ETP, Cu-FRTP; Cu-DLP, Cu-FRHC, Cu-OF) (tabella 2); - resistività elettrica a 20 oc più alta (1,92-3,19 micro-ohm cm) sempre rispetto ad altri tipi di rame (tabella 2); - assorbimento A% a 20 oc più alto (1,55-2,00%). come conseguenza del precedente punto (tabella 2). Questa scelta ha fatto ipotizzare un più facile innesco del primo stadio di assorbimento della radiazione, secondo quanto già detto prima. È stata utilizzata una sorgente a flusso assiale veloce da 2 kw di potenza C.W. emettente un fascio a struttura modale preponderante TEMoo. Lo spot focale risultante da una accurata focalizzazione è risultato di circa 300 micron, permettendo così di ottenere densità di energia di circa 2,8 MW/cm 2 Prove iniziali condotte con parametri macchina, ugelli, potenze (0,5-1,0-2 kw) e gas differenti su uno Caratteristiche tecnologiche Cu-ETP Cu-FRTP Cu-DLP Cu-DHP Temperatura di ricattura, c Lavorabilità plastica a caldo Lavorabilità plastica a freddo buona ottima Indice di lavorabilità all'utensile (ottone secco = 100) 20 Attitudine ai metodi di giunzione: Brasatur-a dolce Brasatura forte ottima buona buona buona buona ottima ottima ottima ottima ottima ottima buona ottima ottima Saldatura ossiacetilenica sconsigliabile sconsigliabile discreta buona Saldatura ad arco in gas inerte discreta discreta buona ottima Saldatura ad arco con elettrodo rivestito sconsigliabile sconsigl iabile sconsigli abile sconsigliabile Saldatura ad arco con elettrodo di grafite discreta discreta discreta buona ' Saldatura -a resistenza: per punti e continua sconsigliabile sconsigliabile sconsigliabile discreta Saldatura a resistenz-a: di testa buona buona buona buona T A BELLA 3 - Caratteristiche tecnologiche di alcuni tipi di rame 51 i LA MECCANICA ITALIANA maggio/ giugno 1985 n 190

8 Metallo: RAME DHP Velocità Larghe zza Spessore di di (mm) taglio taglio (mm/s) (micron m) o, ; , o, , 3 + 8, , 5 + 3, ,6+1, TABELLA 4 - Valori sperimentali delle velocità critiche di tagli e delle lunghezze degli stessi in funzione dello spessore del laminato di rame DHP. Sorgente impegnata: Laser BOC a C0 2 da 2 kw spessore di 0,6 mm non hanno dato esiti favorevoli. tranne a confermare tutto quanto scritto precedentemente. Infatti solo con va lori appropriati di potenza. di densità di energia e con un rigoroso controllo della posizione relativa del fuoco rispetto alla superficie, si è potuto tagliare detto spessore a velocità tra 1,6-2,5 m m/ s. Era chiaro quindi che, sebbene si fosse riusciti in questo primo intento, le irrilevanti velocità già su questo modesto spessore e la criticità nel mantenimento dinamico del processo. autorizzavano a pensare che non si sarebbe potuto andare al di là di 1 mm di spessore. Si è tentato di aumentare in qualche modo la A% del processo visto che non si poteva operare su nient'altro. Alla luce di quano provato sperimentalmente da l. Ursu, C. Nistor, K.P. Vijayakumar e e S. Engel [32-35]. si è cercato di provocare in tempo reale, sotto la diretta influenza del fascio laser, un processo di ossidazione superficiale del rame durante l'irradiazione del fascio stesso. Si riporta di seguito in sintesi quanto già rilevato sperimentalmente da l. Ursu ed altri [32, 33], a proposito della formazione superficiale ossido-metallo e conseguente variazione dell'assorbimento con l'aumentare della temperatura. Il tutto può essere riassunto in quanto segue: a) alla temperatura ordinaria e in presenza di aria secca il rame rimane pressocché inalterato; b) la velocità di ossidazione sotto l'azione della radiazione laser a COz è circa due ordini di grandezza più grande di quella ottenibile con sorgenti diverse dal laser; c) sotto l'azione di un riscaldamento moderato a T < 300 oc e per un tempo di irradiazione t < 1800 s. un layer uniforme di spessore ~ ~m. consistente di Cu20 soltanto cresce sulla superficie del metallo. In questo stadio di ossidazione non si verifica sperimentalmente alcun cambiamento dell'assorbimento, in piena concordanza con i risultati teorici del calcolo della variazione di A% alla luce dei fenomeni di interferenza nei sistemi ossido-metallo; d) all'aumentare della temperatura del campione T C, il processo di ossidazione avanza, il layer di ossido è modificato e appaiono ambedue gli ossidi CuO e Cu20. Si nota un ingrandimento dimensionale dei singoli grani di ossido (CuO e Cu20) che diventa più consistente con l'avanzare del processo di ossidazione. Tutto ciò causa un aumento de Il' assorbi mento superficiale della radiazione laser che, provocando un UJiteriore incremento della temperatura superficiale fa avanzare ulteri ormente il processo di ossidazione, e a questo punto il ciclo si ripete; e) appena la T si avvicina alla temperatura di fusione (stadio di ossidazione avanzato) lo strato di ossido cresce rapidamente. non è più uniforme. anzi cresce a strati sovrapposti. Questo ossido appare discontinuo, con incavi. fiocchi. aghi di dimensioni pari c.irca ad 1/4 di ), [35]. La dimensione media di tal estrato compl essivo è di circa 3 micron, molto spesso e molto poco aderente al supporto (rame). Anche l'assorbimento (A% ) 52 l LA MECCANICA ITALIANA maggio/ giugno 1985 n 190

9 cresce r apidamente e significativamente, tanto da portarsi su valori del 52-58% 1[32, 33]. Quanto appena riportato al punto c) concorda pienamente con quanto stimato numericamente all'inizio di questo lavoro e poi da noi provato sperimentalmente su campioni da 0,6 mm di spessore. Infatt i oltre a confermare l'assoluta mancanza di variazione di assorbimento e quindi velocità di taglio irrilevanti (1,6-2,5 mm/ s), si è rilevato visivamente sulla superficie la presenza di un sottilissimo strato di ossido, che per il suo colore inconfondibile (giallo-rossastro) [39]. è certament e composto soltanto di ossido rameoso Cu20. Stante a quanto riportato ai punti d) ed e) bisognava quindi cercare delle condizioni sperimentali che innalzassero la temperatura del campione quanto più velocemente possibile, in ogni caso con T> 300 C, permettendo la crescita dei due tipi di ossido. In definitiva entrare in un gioco di loop a tre variabili, che è poi la chiave vinc ente del processo di taglio al laser del rame. Muovendosi in tale ottica si è raggiunto l'obiettivo con l'uso di opportuni parametri sperimentali. Infatti i campioni di rame DHP utilizzati (di spessore 0,2-4,0 mm). sprovvisti di un qualunque rivestimento superficiale, sono stati tagliati con velocità di esecuzione che variano da 50 mm/ s a 1,8 mm/ / s. con riferimento rispettivamen- OSSIDO V (mm/s} ~EMPERATUR~ lo o Lar ghezza di t aglio (b) (rnic r on) Spessor e (m m } Fig. 3 - Andamento della velocità critica di taglio e della larghezza (b) di quest'ultimo in funzione dello spessore del laminat o di rame DHP ad un livello di pot>enza laser di 2 kw te ag li spessori 0,2 mm e 4,0 mm (tabella 4). ASSORBIMENTO Nella stessa tabella sono riportate anche le larghezze di taglio che variano da un minimo di micron ad un massimo di micron, a seconda dello spessore considerato. l valori delle velocità e le misure di larghezza sono stati poi graficati in figura 3. Un'analisi attenta dei dati in tabella 4 e figura 3 mostra che: 53 l LA MECCANICA ITALIANA maggio/ giugno 1985 n 190

10 .. Fig. 4 - Aspetto e caratteristiche del t aglio a l aser di un laminato di rame DHP da 4 mm di spessor e. x 2,5 - i va lori delle velocità sono aumentati di un fattore dieci rispetto a quelli stimati e sperimentalmente provati nei primi esperimenti. Infatti, ad esempio, lo spessore di 0,6 mm che prima si tagliava stentatamente a velocità 1,6-2,5 mm/ / s. ora con la nuova tecnica si riesce a tagliarlo senza alcuna difficoltà a velocità di mm/ s. Dalla stessa figura 3 si può rilevare che (anche se non provato sperimentalmente) lo spessore di un millimetro dovrebbe tagliarsi a velocità di circa 18 mm/s; la legge di tipo sperimentale: velocità spessore = costante a potenza costante, già rilevata e sperimentata su moltissimi acciai al carbonio ed inossidabili [36-38], nel caso del rame e per queste prime sperimentazioni sembra non essere più rispettata; infatti il prodotto V x b assume dei valori pari a 1 O (per spessore di 0,2 mm) e pari a 7,2 (per spessore di 4,0 mm); - lo spessore massimo tagliato (4 mm). a velocità di 1,6-1,8 mm/ s è di gran lunga superiore alle più rosee aspettative, dato che, numeri camente prima e sperimentalmente dopo si era accertato che era Fig. 5 - L:ar ghezza del taglio a laser di un laminato di rame DHP da 4 mm di spessore. x6 x18 Fig. 6 - Sezione micrografioa di un t aglio a laser di un laminato di rame DHP di spessore 2,5 mm. 54 j LA MECCANICA ITALIANA maggio/ giugno 1985 n 190

11 possibile tagliare fino ad un 1 mm di spessore a velocità stimate intorno a 0,3-2 mm/ s. Inoltre la constatazione visiva dell'esistenza lungo i bordi e le facce interne dei tagli di strati di ossido di colore nero e nero-grigiastro [39], diverso dall'altro precedentemente rilevato (giallo-rossastro) [39], sicuramente autorizza a pensare che sia prevalentemente ossido rameico CuO misto ad ossido rameoso Cu20. Anche se può apparire irrilevante, durante la fase di raffreddamento successiva al taglio, è stato ampiamente notato il facile autodistacco dello strato di ossido dal supporto (rame) in pieno accordo con quanto rilevato da l. Ursu, punto e). Quanto appena citato conferma i dati sperimentali già trovati da altri [32, 33], e si può così affermare di aver innescato il meccanismo di loop (temperatura-assorbimentoossido) prima accennato. Anche se in questa fase non è stato possibile effettuare misure di assorbimento, il tutto fa pensare, per via indiretta, che effettivamente la A % durante i l processo di taglio passi da valori iniziali di 1,4-1,7% a valori intorno al % come rilevato sperimentalmente da l. Ursu [32, 33]. Nelle figure 4 e 5 sono riportati l'aspetto e la larghezza di taglio di un laminato da 2,5 mm. Di seguito la figura 7 illustra gli aspetti e le caratteristiche dei tagli relativi a spessori di 4,0-3,0-2,0 m m. Infine le figure 8-13 mostrano le sezioni micrografiche a più basso ingrandimento (75 x) e a maggiore ingrandimento (500 x) dei bordi di taglio di laminati di spessore 2,0-3,0-4,00 mm. Come si può rilevare dalle medesime figure (figure 8-13) in prossimità del bordo di taglio -- - ~ l ',,," 'f ',. l ' j ',~ 1 ~ ;,,,.,' u,,,. t,. '., 't '.,... l ~r /.,H,,. ' j.l'l J '.,,.. \,, A l o ' ' l l ( 'l ' ' l ' ' ' ' '/ \ : ' '( ' Il k, l.l J l l ' l ' ~ --~,.. - ~ ) \ \.:;'\~ \' ~ 1 11,. :\. \.,\ 1\ 'f; 1. :;1~! 1.'.t'# IJ j 1 \1: \, 1 Ili.,\ \ ~ '.,',\ \ ~ h, t ' ' 1 t'l~'.,,.. -- l... 1 j l ~ l l 'l': : l }. \ l ~ ~ l 'l~ \ ' 11 l ' l,1 l l ' Fig. 7 - Aspetti e caratteristiche dei tagli a laser di laminati di rame DHP di spessore 4,0 mm (in alto), 3,0 mm (al centro) e 2,0 mm (in basso). si nota una zona ca ratterizzata da ingrossamento della dimensione del grano cristallino, prodottasi ovviamente per effetto dell'apporto termico da parte del fascio laser. Dal confronto delle micrografie eseguite su tutti gli spessori uti- 1 izzati (figure 9, 11 13) si è constatato come l'ampiezza della suddetta zona si ingrandisca con l'aumentare dello spessore del campione e così pure aumenta la dimensione del grano cristallino. Inoltre l'esame dei bordi di taglio indica la presenza di un residuo di mat eriale fuso che il getto del gas di assistenza non è riuscito ad espellere completamente. x3 In conclusione, alla luce dei risultati ottenuti (buona qualità dei bordi di taglio, assenza di bave, bassissima rugosità, assenza di microcricche) il taglio al laser di laminati di rame è ora possibile con una sorgente a C02 ed è oltremodo un processo con velocità di esecuzione abbastanza significative. Conclusioni In conclusione si può affermare che, nonostante i pessimistici risultati riportati in letteratura [ 1, 2, 8, 9, 10, 12-31], ora è possibile tagliare laminati di rame con sorgenti laser a co2. t importante evidenziare che i risultati ottenuti vanno al di là di ogni aspettativa sia in merito alle velocità di esecuzione sia rispetto agli spessori tagliati. È stato individuato il meccanismo che presiede e regola il processo 55 l LA MECCANICA ITALIANA maggio/ giugno 1985 n 190

12 ;: ~ ~., '.(i r!~ ~ A. x 75 Fig. 8 Sezione micrografica del bordo di tagl io a laser di un laminato di r<ame DHP da 2 mm dì spessore. x500 Fig. 9 Sezione micrograflca a mag-giore ingrandimento di una parte del bordo di taglio di fig. 8. x 75 Fig. 10 Sezione mìcrografica del bordo di taglio a laser dì un laminato di rame DHP da 3 mm di spessore. x 500 Fig. 11 Sezione micrografica a maggiore ingrandimento di una parte del bordo di taglio di fig. 10. x 75 Fig. 12 Sezione mlcrografica del bordo di taglio a laser di un laminato di rame DHP <da 4 mm dì spessore. x 500 Fig. 13 Sezione micrografica a maggiore ingrandimento di una parte del bordo di taglio di fig l LA MECCANICA ITALIANA maggio/giugno 1985 no 190

13 di taglio, ovvero è stato identificato il loop a tre variabili (temperatura- ossido- assorbimento) come causa innescante del processo. Una prima analisi dei risultati conseguiti ha messo in evidenza che il processo di taglio del rame non può essere assimilabile a quello d eli 'acciaio, tanto che i formalismi matematici sviluppati per questi ultimi sono risultati inadatti per il rame. Sono perciò necessarie ulteriori indagini di ricerca che permettono infine di approfondire gli studi fin qui condotti. Bibliografia [1 ] S.S. Charschan: Laser In lndustry" Von Nostrand, [ 2] W.W. Duley: Laser Processing and Analysis of Materials " - Plenum Press, [3] G. Daurelio, L. Cento, C. Esposito: Saldatura a laser C0 2 da 2 kw di Acciai al Carbonio ed Inossidabili Centro Laser, [ 4] Schede Meroeologiche CITRE (Cen tro Italiano Promozione Rame) - Allegato 1. [5] Schede Tecniche sul rame e sue leghe - CISAR, Milano, [6].. Tabelle sui dati del rame e sue leghe edite da CIDEC (Conseil lnternational pour le Development du Cuivre) Ginevra, [7) C.J. Smithells:.. Metals Reference Book.. - Butterworths, vol. Il [8] H.S. Carslaw. J.C. Jaeger: " Conduction of Heat in Solids - Clarendon Press [9] W.W. Duley: " C0 2 Laser Effects and Applications " - Plenum Press, [10] L/A (Laser lnstitute of America}: Basic of Laser Materia! Processing " Electrico-Optical System Design, novembre [11] R.C. Weast, M.J. Astle: CRC Hand book of Chemistry and Physics - CRC Press (12) C.N.R.S. (Centre de Documentation Scientifique et T echnique). Parigi (Francia). [13] Ascatopics: Literature A lerting Services lnstitute for Scientific lnformation (ISI). Philadelphia (USA). [ 14) H. Koebner:.. Industriai Application of Lasers Wi ley, [ 15) E.A. Metzbower: "Proceedings ICALEO 1983". Sponsored by LJA (Laser lnstitute of America). Materia! Processing, vol. 38. [16] N. Rykalin, A. Uglov. A. J<.okora:.. Laser Machining and Welding. Pergamon Press, [17] J.F. Ready: " Effects of High-Power Las er Radiation " Academic Press, [ 18 ) J.F. Ready: Applicazioni industriali del Laser" Tecniche Nuove [ 19) E. Metzbower: Source Book on Ap plications of the Laser in Met alworking " ASM, [20) W.V. Smith, P. Sorokin: Il Laser Boringhieri [21) S. Leinwo/1: Las er e Maser Celi, [22] J.F. Ready: Laser in Modern In dustry SME (Society of Manufacturing Engineers), [23] L/M-1: 1st lnt. Conference on La sers in Manufacturing,.. Brighton, [24) LIM-2: 2nd lnt. Conference on Lasers in Manufacturing Birmingham, [25) ASM: Metals Handbook, vol. 6 Welding, Brazing and Soldering " 9' ed., [26] Rivista Lasers and Applications Anni , vol (27] Rivista Las er ocus " - Anni , vol [28] Rivista " Optics and Laser in Engi neering Anni , vol [ 29] Rivista Journal of Current Laser Abstracts". Anni , vol (30) Rivista Optics and Laser Technology" Anni , vol [31] Rivista Laser and Applìcations, 1985 Designers Handbook and Product Directory" pagg (lndex by Subject to Laser and Application, 1984). [32) l. Ursu, L.C. Nistor e altri:.. Continuous wave laser oxidation of Copper " Centrai l nstitu~e ot Physics (Bucarest) e lnstitut e of Ge neral Physics (Mosca). [33) l. Ursu, L.C. Nistor e altri: Early oxidation stage of Copper during CW C0 2 laser irradiation " Appl. Phys. Lett.. pagg , gennaio [34) K.P. Vijayakumar, C. Purushothaman: An Optical Study of Thermal Effects in Copper Fil ms ". Thin Solid Films, 112 (1984), pagg [35) S. Engel: Basic ot Laser Heat Treating " Laser in Manufacturing Conference, novembre [36] C. Esposito, G. Daurelio: Taglio di acciai al carbonio e inossidabili con laser a C0 2 da 500 W C.W. " Centro Laser, [37) G. Daurelio, M. Lepore: Taglio contornato, a geometria complessa. di acciai con un laser polarizzato circolarmente Centro Laser, [38) C. Esposito, G. Daurelio: " Tuning of a par.ametric model for the laser cutting of steels " Optics and Lasers in Engineering, 2 (3). pagg ' [39) G. Bruni: Chimica generale e inorganica Tamburini, l LA MECCANICA ITALIANA maggio/giugno 1985 n 190

Tecnologie di saldatura per fusione

Tecnologie di saldatura per fusione La saldatura laser Tecnologie di saldatura per fusione saldatura ad arco (MIG, TIG, SAW, Plasma ecc.) saldatura a gas (ossiacetilenica, ossidrica ecc.) saldatura ad elettroscoria saldatura alluminotermica

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica ( ING/IND16) CF 8. Saldature. Sistemi di Produzione/ Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica ( ING/IND16) CF 8. Saldature. Sistemi di Produzione/ Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia ( ING/IND16) CF 8 Saldature Saldatura: Processo di unione permanente di due componenti meccanici. Variabili principali: Lega da saldare Spessore delle parti Posizione di saldatura Produzione

Dettagli

Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) "CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO"

Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) "CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO" In questi ultimi anni, sono stati fatti molti studi riguardanti la corrosione del titanio, a testimonianza del crescente

Dettagli

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO La fabbricazione degli elementi meccanici seguita dalla loro unione sono i principali compiti dell industria produttiva. Essenzialmente l assemblaggio consiste nel collegare degli

Dettagli

SALDATURA AD ARCO SOMMERSO

SALDATURA AD ARCO SOMMERSO SALDATURA SALDATURA AD ARCO SOMMERSO La saldatura ad arco sommerso (SAW - Submerged Arc Welding nella terminologia AWS) è un saldatura ad arco a filo continuo sotto protezione di scoria. Il fatto che l

Dettagli

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI 1 LA CORROSIONE Fenomeno elettrochimico che si può manifestare quando un metallo o una lega metallica

Dettagli

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche antimetallurgia) che si manifesta spontaneamente se: G

Dettagli

Collettori solari. 1. Elementi di un collettore a piastra

Collettori solari. 1. Elementi di un collettore a piastra Collettori solari Nel documento Energia solare abbiamo esposto quegli aspetti della radiazione solare che riguardano l energia solare e la sua intensità. In questo documento saranno trattati gli aspetti

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

13.1 (a) La quantità di calore dissipata dal resistore in un intervallo di tempo di 24 h è

13.1 (a) La quantità di calore dissipata dal resistore in un intervallo di tempo di 24 h è 1 RISOLUZIONI cap.13 13.1 (a) La quantità di calore dissipata dal resistore in un intervallo di tempo di 24 h è (b) Il flusso termico è 13.2 (a) Il flusso termico sulla superficie del cocomero è (b) La

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO METALLI FERROSI I metalli ferrosi sono i metalli e le leghe metalliche che contengono ferro. Le leghe ferrose più importanti sono l acciaio e la ghisa. ACCIAIO: lega metallica costituita da ferro e carbonio,

Dettagli

METODOLOGIA DI REALIZZAZIONE DI UN PORTAMOZZO: DALLA FUSIONE IN GRAVITA ALLA FUSIONE IN BASSA PRESSIONE

METODOLOGIA DI REALIZZAZIONE DI UN PORTAMOZZO: DALLA FUSIONE IN GRAVITA ALLA FUSIONE IN BASSA PRESSIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTA DI INGEGNERIA MECCANICA METODOLOGIA DI REALIZZAZIONE DI UN PORTAMOZZO: DALLA FUSIONE IN GRAVITA ALLA FUSIONE IN BASSA PRESSIONE Sommario Obiettivo Il progetto

Dettagli

LEZIONE 6. PROGETTO DI COSTRUZIONI IN ACCIAIO Progetto di giunzioni saldate. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A.

LEZIONE 6. PROGETTO DI COSTRUZIONI IN ACCIAIO Progetto di giunzioni saldate. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. 2007-2008 Facoltà di Architettura Università degli Studi di Genova LEZIONE 6 PROGETTO DI COSTRUZIONI IN ACCIAIO Progetto di giunzioni saldate ASPETTI

Dettagli

LEZIONE 5-6 ENERGIA TERMICA, TRASPORTO DEL CALORE (CONDUZIONE, CONVEZIONE) ESERCITAZIONI 2

LEZIONE 5-6 ENERGIA TERMICA, TRASPORTO DEL CALORE (CONDUZIONE, CONVEZIONE) ESERCITAZIONI 2 LEZIONE 5-6 ENERGIA TERMICA, TRASPORTO DEL CALORE (CONDUZIONE, CONVEZIONE) ESERCITAZIONI 2 Esercizio 11 Una pentola contiene 2 kg di acqua ad una temperatura iniziale di 17 C. Si vuole portare l'acqua

Dettagli

Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi

Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi Gli strumenti per la misura di temperatura negli impianti industriali sono soggetti

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Filtri per la saldatura e tecniche connesse requisiti di trasmissione e utilizzazioni raccomandate

Filtri per la saldatura e tecniche connesse requisiti di trasmissione e utilizzazioni raccomandate allegato 3 - protezione personale degli occhi Allegato 3 (*) Si riportano di seguito le appendici delle norme UNI EN 169 (1993), UNI EN 170 (1993) e UNI EN 171 (1993) Protezione personale degli occhi (*)

Dettagli

Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it

Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Calorimetria: soluzioni Problema di: Calorimetria - Q0001 Problema di: Calorimetria - Q0002 Scheda 8 Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Testo [Q0001] Quanta

Dettagli

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI Si suddividono in : proprietà chimico-strutturali strutturali; proprietà fisiche; proprietà meccaniche; proprietà tecnologiche. Le proprietà chimico-strutturali riguardano

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10 SCHEMA per la certificazione dei tubi di acciaio per il convogliamento di acqua e di altri liquidi acquosi, di cui alla norma UNI EN 10224 - Ed. Marzo 2006 Il presente documento è stato approvato dalla

Dettagli

Alcune proprietà dell aria

Alcune proprietà dell aria SCIENZE La Terra L aria, come già sai, è composta sostanzialmente di gas, ed è invisibile, tanto che normalmente non ci accorgiamo della sua presenza e finiamo per considerarla qualcosa di astratto. Ma

Dettagli

TRASMISSIONE DEL CALORE. Conduzione in regime stazionario

TRASMISSIONE DEL CALORE. Conduzione in regime stazionario TRASMISSIONE DEL CALORE Conduzione in regime stazionario 35 ESERCIZIO TDC-KS40 Calcolare la resistenza e la potenza termica che attraversano una parete (6 m 3 m) di mattoni comuni (conducibilità termica

Dettagli

Alluminio e sue leghe

Alluminio e sue leghe Alluminio e sue leghe Proprietà dell alluminio puro Basso peso specifico Elevata conducibilità eletrica Buona resistenza alla corrosione Scarse caratteristiche meccaniche L alligazione dell alluminio ne

Dettagli

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA Competenze in esito al quinquennio (dall Allegato C del Regolamento) 1. Individuare le proprietà

Dettagli

Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano Prove tecnologiche

Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano Prove tecnologiche Prove tecnologiche PROVE TECNOLOGICHE Le prove tecnologiche vengono eseguite allo scopo di determinare l'attitudine dei materiali a subire determinati processi necessari a realizzare un certo prodotto.

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Guida rapida al servizio conto terzi di taglio laser 2D

Guida rapida al servizio conto terzi di taglio laser 2D Guida rapida al servizio conto terzi di taglio laser 2D 1. IMPIANTO DI TAGLIO LASER - Macchina base: Trumpf Trumatic TC L 3030S, con sistema di cambio pallet automatico - Sorgente laser: Laser a CO 2 con

Dettagli

L ACCIAIO INOX IN EDILIZIA: UN MATERIALE DA COSTRUZIONE CHE,IN PIU, RESISTE ALLA CORROSIONE. F. Capelli V. Boneschi Centro Inox, Milano

L ACCIAIO INOX IN EDILIZIA: UN MATERIALE DA COSTRUZIONE CHE,IN PIU, RESISTE ALLA CORROSIONE. F. Capelli V. Boneschi Centro Inox, Milano Articolo pubblicato su Lamiera n.12, dicembre 2000 L ACCIAIO INOX IN EDILIZIA: UN MATERIALE DA COSTRUZIONE CHE,IN PIU, RESISTE ALLA CORROSIONE F. Capelli V. Boneschi Centro Inox, Milano Premessa: dalla

Dettagli

MATERIALI. Introduzione

MATERIALI. Introduzione MATERIALI 398 Introduzione Gli acciai sono leghe metalliche costituite da ferro e carbonio, con tenore di carbonio (in massa) non superiore al 2%. Attenzione: la normazione sugli acciai è in fase di armonizzazione

Dettagli

Elettroerosione Macchina per elettroerosione

Elettroerosione Macchina per elettroerosione Elettroerosione 1 Macchina per elettroerosione 2 Politecnico di Torino 1 Il processo di elettroerosione Viene generato un campo elettrico tra elettrodo e pezzo Si forma un canale ionizzato tra elettrodo

Dettagli

Dispense di Esercitazioni Pratiche classe 1D A.S.2009/10

Dispense di Esercitazioni Pratiche classe 1D A.S.2009/10 I s t i t u t o P r o f e s s i o n a l e d i S t a t o p e r l I n d u s t r i a e l A r t i g i a n a t o CAVOUR-MARCONI Loc. Piscille Via Assisana, 40/d-06154 PERUGIA Tel. 075/5838322 Fax 075/32371

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI I MATERIALI La tecnologia è quella scienza che studia: i materiali la loro composizione le loro caratteristiche le lavorazioni necessarie e le trasformazioni che possono subire e il loro impiego. I materiali

Dettagli

COMPOUND SERIE G. P r o d o t t i S e m i l a v o r a t i i n P T F E. rel. 3

COMPOUND SERIE G. P r o d o t t i S e m i l a v o r a t i i n P T F E. rel. 3 COMPOUND SERIE G P r o d o t t i S e m i l a v o r a t i i n P T F E 1 GUIDA ALLA SCELTA DEL COMPOUND G PIÙ IDONEO 1.1 GUIDA ALLA SCELTA DEL COMPOUND G PIÙ IDONEO GUARNIFLON, oltre al PTFE vergine, dispone

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI IMPORTANZA DI ESEGUIRE IL TRATTAMENTO TERMICO NEL MOMENTO OPPORTUNO DEL PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PEZZO

TRATTAMENTI TERMICI IMPORTANZA DI ESEGUIRE IL TRATTAMENTO TERMICO NEL MOMENTO OPPORTUNO DEL PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PEZZO TRATTAMENTI TERMICI IL TRATTAMENTO TERMICO CONSISTE IN UN CICLO TERMICO CHE SERVE A MODIFICARE LA STRUTTURA DEL MATERIALE PER LA VARIAZIONE DELLE SUE CARATTERISTICHE MECCANICHE: RESISTENZA DEFORMABILITA

Dettagli

Saldatura MIG/MAG. Linee generali del procedimento

Saldatura MIG/MAG. Linee generali del procedimento Page 1 of 5 Saldatura MIG/MAG Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. La saldatura MIG (Metal-arc Inert Gas) o MAG (Metal-arc Active Gas) (l'unica differenza fra le due è il gas che viene usato per la protezione

Dettagli

TEORIA DEI CAMPI MODULATI

TEORIA DEI CAMPI MODULATI TEORIA DEI CAMPI MODULATI di Alessandro Dattilo Vincenzo Iorio La teoria del "campi modulati" rappresenta un passo avanti nella direzione della comprensione del meccanismo con il quale, un fenomeno elettromagnetico

Dettagli

Schema generale laminazioni

Schema generale laminazioni Laminazione Processo di riduzione dell altezza o cambio di sezione di un pezzo attraverso la pressione applicata tramite due rulli rotanti. La laminazione rappresenta il 90% dei processi di lavorazione

Dettagli

Spettroscopia atomica

Spettroscopia atomica Spettroscopia atomica La spettroscopia atomica è una tecnica di indagine qualitativa e quantitativa, in cui una sostanza viene decomposta negli atomi che la costituiscono tramite una fiamma, un fornetto

Dettagli

Oggetto: VERIFICA TERMICA DEL DISSIPATORE

Oggetto: VERIFICA TERMICA DEL DISSIPATORE Report fotovoltaico issue 2 Di: VINCENZO CASCIOLI Data: 11 Settembre 2008 Oggetto: VERIFICA TERMICA DEL DISSIPATORE Verifica termica del dissipatore 1 INDICE 1. PREMESSA 4 2. MODELLO SOLIDO 5 2.1 Scheda

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

PROPRIETÀ DEI MATERIALI

PROPRIETÀ DEI MATERIALI ESERCITAZIONE 1 PROPRIETÀ DEI MATERIALI SONO LE GRANDEZZE IL CUI VALORE DESCRIVE IL COMPORTAMENTO DEL MATERIALE IN PRESENZA DELLE DIVERSE SOLLECITAZIONI E CONDIZIONI DI SERVIZIO COSTITUISCONO L ELEMENTO

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata SALDATURA

Università di Roma Tor Vergata SALDATURA SALDATURA La saldatura è un tipo di giunzione che consente di unire permanentemente parti solide, realizzando la continuità del materiale. Materiale d apporto Materiale base Materiale base = Materiale

Dettagli

1.3.8.3 Termogravimetro (TG)

1.3.8.3 Termogravimetro (TG) 1.3.8.3 Termogravimetro (TG) Il termogravimetro è un particolare strumento che tramite un'analisi termogravimetrica misura la variazione percentuale di peso di un materiale, quando esso viene riscaldato,

Dettagli

Lezione. Tecnica delle Costruzioni

Lezione. Tecnica delle Costruzioni Lezione Tecnica delle Costruzioni Collegamenti saldati Procedimenti di saldatura Sorgente termica che produce alta temperatura in modo localizzato Fusione del materiale base più il materiale di apporto

Dettagli

Brasatura a induzione

Brasatura a induzione Brasatura a induzione Il processo di giunzione più produttivo. Perché la brasatura è migliore Per molti, la brasatura è soltanto una tecnologia di giunzione dei materiali. Tuttavia, effettuata correttamente,

Dettagli

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI)

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI) LEGHE METALLICHE LA GHISA E L ACCIAIO Prof.ssa Silvia Recchia Le leghe sono delle DISPERSIONI DI UN SOLIDO IN UN ALTRO SOLIDO SOLVENTE: metallo base (metallo presente in maggiore quantità) SOLUTO: alligante

Dettagli

Leghe di rame maggiormente utilizzate. Leghe di rame basso-legato maggiormente utilizzate. Rame

Leghe di rame maggiormente utilizzate. Leghe di rame basso-legato maggiormente utilizzate. Rame Il rame è un metallo conosciuto ed utilizzato da tempi antichissimi, ancor prima dell età del ferro. È di colore rosa salmone rosso mattone, molto duttile e malleabile, è un ottimo conduttore di calore

Dettagli

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2 Approfondimento Analisi dei fumi La regolazione della combustione basata su regole pratiche pecca evidentemente di precisione anche se presenta l indubbio vantaggio dell immediatezza di esecuzione; una

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore La materia è un sistema fisico a molti corpi Gran numero di molecole (N A =6,02 10 23 ) interagenti tra loro Descrizione mediante grandezze macroscopiche (valori medi su un gran numero

Dettagli

I materiali. I materiali. Introduzione al corso. Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza. Le prove meccaniche distruttive

I materiali. I materiali. Introduzione al corso. Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza. Le prove meccaniche distruttive I materiali I materiali Introduzione al corso Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza Le prove meccaniche distruttive La meccanica dei materiali 2 2006 Politecnico di Torino 1 Obiettivi

Dettagli

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Corso di formazione ed aggiornamento professionale per Energy Managers-Trenitalia BOLOGNA 15-16 Giugno 2011 METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Ing. Nino Di Franco ENEA-UTEE-IND IL CONTROLLO DELLA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE (Lauree di primo livello D.M. 509/99 e D.M. 270/04 e Diploma Universitario) SEZIONE B - Prima

Dettagli

TERMOCOPPIE PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO

TERMOCOPPIE PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO TERMOCOPPIE La termocoppia è costituita da un circuito elettrico formato da due conduttori metallici di differente materiale saldati insieme alle loro estremità. In presenza

Dettagli

Materiali, Sviluppo, Soluzioni. Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro

Materiali, Sviluppo, Soluzioni. Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro Materiali, Sviluppo, Soluzioni Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro H.C. Starck, Molibdeno Materiali come il molibdeno e il tungsteno, sono vitali per le applicazioni di fusione, omogeneizzazione

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 110120-R-2630

RAPPORTO DI PROVA 110120-R-2630 RAPPORTO DI PROVA 110120-R-2630 DETERMINAZIONE SPERIMENTALE DELLA CONDUCIBILITA TERMICA (NORMA UNI EN 1745) DI VERNICE TERMORIFLETTENTE, DELLA DITTA LUDOVICI GIOVANNI E FIGLI S.R.L., STABILIMENTO DI BARISCIANO

Dettagli

Prevenzione della Corrosione

Prevenzione della Corrosione DL MK1 BANCO DI LAVORO PER LA PROTEZIONE CATODICA La Protezione Catodica è una tecnica di controllo della corrosione di una superficie metallica facendola funzionare come il catodo di una cella elettrochimica.

Dettagli

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO 1. QUADRO NORMATIVO La scelta dei componenti di frontiera tra ambiente esterno ed interno o tra ambienti interni contigui è determinata dalla necessità

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

ST1 Un serbatoio contenente azoto liquido saturo a pressione ambiente (temperatura di saturazione -196 C) ha forma sferica ed è realizzato con due gusci metallici concentrici di spessore trascurabile e

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

P R E M I O B O N A C I N I 1 9 9 9 I classificato. Liceo Scientifico G.Galilei - Trieste. Lavoro eseguito dagli studenti:

P R E M I O B O N A C I N I 1 9 9 9 I classificato. Liceo Scientifico G.Galilei - Trieste. Lavoro eseguito dagli studenti: P R E M I O B O N A C I N I 1 9 9 9 I classificato Liceo Scientifico G.Galilei - Trieste Lavoro eseguito dagli studenti: Sergio Andri Maria Diodato Riccardo Penco Damiano Vittor Heather Walker della classe

Dettagli

Tecnologia di taglio laser: stato dell arte, trend e sviluppi futuri. Pierandrea Bello (Salvagnini Italia S.p.A.)

Tecnologia di taglio laser: stato dell arte, trend e sviluppi futuri. Pierandrea Bello (Salvagnini Italia S.p.A.) Tecnologia di taglio laser: stato dell arte, trend e sviluppi futuri Pierandrea Bello (Salvagnini Italia S.p.A.) Agenda Salvagnini e il laser Il mercato dei sistemi laser Il principio di funzionamento

Dettagli

G i u s e p p e D a u r e l i o

G i u s e p p e D a u r e l i o CONVEGNO La saldatura Laser da processo avanzato a tecnologia diffusa: una scommessa vinta? Bologna, 21 Giugno 2012 LA SALDATURA LASER DA PROCESSO AVANZATO A TECNOLOGIA DIFFUSA : UNA SCOMMESSA VINTA? Daurelio

Dettagli

DRASTICITA DI TEMPRA DEI GAS E DEI LIQUIDI A CONFRONTO. Elio Gianotti Trattamenti Termici Ferioli e Gianotti SpA Rivoli To

DRASTICITA DI TEMPRA DEI GAS E DEI LIQUIDI A CONFRONTO. Elio Gianotti Trattamenti Termici Ferioli e Gianotti SpA Rivoli To DRASTICITA DI TEMPRA DEI GAS E DEI LIQUIDI A CONFRONTO Elio Gianotti Trattamenti Termici Ferioli e Gianotti SpA Rivoli To INTRODUZIONE La gamma dei gas e dei liquidi di tempra commercialmente disponibili

Dettagli

Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio

Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio Manuele Dabalà Dip. Ingegneria Industriale Università di Padova Introduzione Cos è l acciaio? Norma UNI EN 10020/01 Materiale il cui tenore

Dettagli

DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO

DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO Funzioni PROGETTAZIONE Specifiche Materie prime / Componenti PRODUZIONE Prodotto DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO Progettazione del componente: materiale macro geometria micro geometria

Dettagli

Ing. Vitti Antonio. L efficienza del camino: due problemi, due soluzioni.

Ing. Vitti Antonio. L efficienza del camino: due problemi, due soluzioni. Ing. Vitti Antonio L efficienza del camino: due problemi, due soluzioni. New York, Settembre 2005 1 I problema: Il camino non controllato raffredda la casa. Si consideri la seguente sistuazione: -Casa

Dettagli

Pacchetto Termodinamica

Pacchetto Termodinamica La Scienza del millennio Il kit è realizzato in modo tale da permettere agli insegnanti di poter eseguire una serie di semplici ma efficaci esperienze atte ad introdurre vari argomenti di Termodinamica.

Dettagli

STOCCAGGIO DI IDROGENO NEI SOLIDI ATTIVITA DI RICERCA PRESSO IL POLITECNICO DI TORINO

STOCCAGGIO DI IDROGENO NEI SOLIDI ATTIVITA DI RICERCA PRESSO IL POLITECNICO DI TORINO STOCCAGGIO DI IDROGENO NEI SOLIDI ATTIVITA DI RICERCA PRESSO IL POLITECNICO DI TORINO A. TAGLIAFERROT LAQ In.Te.S.E. Politecnico di Torino SOMMARIO Il problema Le possibili tecnologie Il contributo del

Dettagli

Come proteggere il dispersore dalla corrosione

Come proteggere il dispersore dalla corrosione Come proteggere il dispersore dalla corrosione Pubblicato il: 15/12/2003 Aggiornato al: 15/12/2003 di Gianluigi Saveri Dal punto di vista chimico fisico i metalli e le leghe, nelle normali condizioni ambientali,

Dettagli

TERMOGRAFIA. FLIR Systems

TERMOGRAFIA. FLIR Systems TERMOGRAFIA Un controllo ad infrarossi dedicato all impianto elettrico consente di identificare le anomalie causate dall azione tra corrente e resistenza. La presenza di un punto caldo all interno di un

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

MATERIALI SINTERIZZATI

MATERIALI SINTERIZZATI MATERIALI SINTERIZZATI Sono ottenuti con la cosiddetta Metallurgia delle polveri, che consiste nella compattazione e trasformazione di materiali ridotti in polvere in un composto indivisibile. Sono utilizzati

Dettagli

Classificazione acciai

Classificazione acciai Leghe ferrose Classificazione acciai Acciai al Carbonio: Fe + C (%C da 0,06% a 2,06 %) High Strengh Low Alloy (HSLA): contengono 0.2% di C, 1.5% Mn e piccoli tenori di Si, Cu, V, Nb), sono prodotti con

Dettagli

A.S. 2012/13 Materia: Tecnologie meccaniche di prodotto e processo

A.S. 2012/13 Materia: Tecnologie meccaniche di prodotto e processo ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. NATTA - G.V. DEAMBROSIS LICEO SCIENTIFICO : OPZIONE SCIENZE APPLICATE ISTITUTO TECNICO Settore Tecnologico: INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - INDIRIZZO MECCANICA,

Dettagli

Utilizzo degli Alimentatori a Corrente Costante nelle Applicazioni Industriali

Utilizzo degli Alimentatori a Corrente Costante nelle Applicazioni Industriali Utilizzo degli Alimentatori a Corrente Costante nelle Applicazioni Industriali September, 2012 Nel vasto mondo degli alimentatori possiamo identificare due principali categorie: a Tensione Costante ed

Dettagli

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche FONDAMENTI DI TECNOLOGIE CHIMICHE PER L'INDUSTRIA E PER L'AMBIENTE (modulo

Dettagli

INVOLUCRO TRASPARENTE

INVOLUCRO TRASPARENTE INVOLUCRO TRASPARENTE SUPERFICI VETRATE Tra i diversi componenti dell involucro edilizio, le finestre svolgono le funzioni più complesse, con aspetti spesso contrastanti tra loro. Devono contribuire a

Dettagli

IMPIANTO AUTOMATICO PER LA SALDATURA DI ESTRUSI DI ALLUMINIO PER APPLICAZIONI NAVALI.

IMPIANTO AUTOMATICO PER LA SALDATURA DI ESTRUSI DI ALLUMINIO PER APPLICAZIONI NAVALI. IMPIANTO AUTOMATICO PER LA SALDATURA DI ESTRUSI DI ALLUMINIO PER APPLICAZIONI NAVALI. Tube Tech Machinery Marcello Filippini Il settore dei trasporti, specialmente i trasporti passeggeri con treni e navi,

Dettagli

A cura di: Grillo Sergio. Foto 1 Forni continui di saldobrasatura acciai inox

A cura di: Grillo Sergio. Foto 1 Forni continui di saldobrasatura acciai inox Relazione sui principi fondamentali della saldobrasatura dei componenti in acciaio inossidabile in atmosfera controllata di azoto e idrogeno in forni continui A cura di: Grillo Sergio Foto 1 Forni continui

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI DEGLI ACCIAI

TRATTAMENTI TERMICI DEGLI ACCIAI 1. TEMPRA La tempra diretta: TRATTAMENTI TERMICI DEGLI ACCIAI - Aumenta la durezza degli acciai - Conferisce agli acciai la struttura denominata MARTENSITE (soluzione solida interstiziale sovrassatura

Dettagli

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia Solubilizzazione Cementazione Nitrurazione Tempra di soluzione ed invecchiamento Coltre bianca cementato Nitrurazione 550 C x

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

Lavorabilità definizioni

Lavorabilità definizioni Calcestruzzo fresco Lavorabilità definizioni attitudine di un calcestruzzo ad essere impastato, trasportato, posto in opera, compattato e rifinito senza che si verifichino segregazioni caratteristica che

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 110120-R-1419

RAPPORTO DI PROVA 110120-R-1419 RAPPORTO DI PROVA 110120-R-1419 DETERMINAZIONE SPERIMENTALE DELLA CONDUCIBILITA TERMICA (NORMA UNI EN 1745) DI VERNICI TERMICHE DELLA DITTA ATRIA S. r. l. Sperimentazione eseguita LUOGO E DATA DI EMISSIONE:

Dettagli

SPETTROSCOPIA ATOMICA

SPETTROSCOPIA ATOMICA SPETTROSCOPIA ATOMICA Corso di laurea in Tecnologie Alimentari La spettroscopia atomica studia l assorbimento, l emissione o la fluorescenza di atomi o di ioni metallici. Le regioni dello spettro interessate

Dettagli

LINEE GUIDA PREDISPOSIZIONE DEL MATERIALE ALLA ZINCATURA A CALDO

LINEE GUIDA PREDISPOSIZIONE DEL MATERIALE ALLA ZINCATURA A CALDO LINEE GUIDA PREDISPOSIZIONE DEL MATERIALE ALLA ZINCATURA A CALDO Lorenzo Del Carlo S.p.A. con socio unico - Via Provinciale Lucchese, 148-51010 UZZANO (PT) Tel. 0572/44711 Fax 0572/447124 info@lorenzodelcarlo.it

Dettagli

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 1 Introduzione 1 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 2 1.1.1 Precisione nelle trasformazioni 5 1.2 Attributi geometrici dei

Dettagli

Leghe d oro per la produzione di catene saldate al laser

Leghe d oro per la produzione di catene saldate al laser Leghe d oro per la produzione di catene saldate al laser 1. Abstract Fra le tecniche di saldatura delle catene prodotte a macchina l utilizzo del laser sta assumendo sempre maggiore importanza in questi

Dettagli

Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea

Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea Le resistenze liminari Rsi e Rse si calcolano, noti i coefficienti conduttivi (liminari) (o anche adduttanza) hi e he, dal loro reciproco. (tabella secondo

Dettagli

CONTROLLO DEL COEFFICIENTE DI TRASFERIMENTO DEL CARBONIO (BETA) E RIDUZIONE DEI COSTI DEI TRATTAMENTI TERMICI.

CONTROLLO DEL COEFFICIENTE DI TRASFERIMENTO DEL CARBONIO (BETA) E RIDUZIONE DEI COSTI DEI TRATTAMENTI TERMICI. CONTROLLO DEL COEFFICIENTE DI TRASFERIMENTO DEL CARBONIO (BETA) E RIDUZIONE DEI COSTI DEI TRATTAMENTI TERMICI. Karl-Michael Winter, Jens Baumann, Process Electronic GmbH, Heiningen (Germania) Sommario

Dettagli

14. LA TRASMISSIONE GLOBALE DEL CALORE

14. LA TRASMISSIONE GLOBALE DEL CALORE 4. LA TRASMISSIONE GLOBALE DEL CALORE Quando la trasmissione del calore coinvolge tutte e tre le modalità finora viste si parla di 'trasmissione globale' del calore. Si tratterà in particolare nel seguito

Dettagli

Caratteristiche tecniche delle strip led

Caratteristiche tecniche delle strip led Caratteristiche tecniche delle strip led Di Giorgio Alboni www.ledpoint.it Versione 1.1 del 04-09-2011 Introduzione Lo scopo di questo documento è quello di fornire ai rivenditori e agli installatori le

Dettagli

Il Solare Termodinamico per la Produzione di Energia Elettrica e Calore a Media Temperatura

Il Solare Termodinamico per la Produzione di Energia Elettrica e Calore a Media Temperatura Efficienza Energetica, il forziere nascosto dell industria sarda Il Solare Termodinamico per la Produzione di Energia Elettrica e Calore a Media Temperatura Prof. Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Tecniche di produzione del Silicio. Silicio monocristallino: Processo Czochralski e metodo del floating zone

Tecniche di produzione del Silicio. Silicio monocristallino: Processo Czochralski e metodo del floating zone Tecniche di produzione del Silicio Silicio monocristallino: Processo Czochralski e metodo del floating zone Processo Czochralski Il processo consiste nel sollevamento verticale a bassissima velocità di

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI

Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI ARGOMENTI TRATTATI: Oggetti materiali e tecnologie Classificazione dei materiali Proprietà dei materiali Proprietà chimico/fisico Proprietà

Dettagli

Tecniche e metodologie diagnostiche non-invasive. Termografia IR. Cristiano Riminesi

Tecniche e metodologie diagnostiche non-invasive. Termografia IR. Cristiano Riminesi Tecniche e metodologie diagnostiche non-invasive Termografia IR Cristiano Riminesi Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto per la Conservazione e Valorizzazione dei Beni Culturali Firenze Pag. 2 di

Dettagli