EPATITE B: cause, conseguenze e prevenzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EPATITE B: cause, conseguenze e prevenzione"

Transcript

1 EPATITE B: cause, conseguenze e prevenzione Commissione Federale per le Vaccinazioni Ufficio Federale della Sanità Pubblica SEVHep (Swiss Experts in Viral Hepatitis)

2 LA VACCINAZIONE CONTRO L'EPATITE, UN INVESTIMENTO NELL'INTERESSE DELLA NOSTRA SALUTE L epatite B è una malattia che passa spesso inosservata, almeno fino alla comparsa delle prime complicanze. Forse voi non sapete che in Svizzera, prima della vaccinazione, l epatite B era responsabile di infezioni all anno e che persone qui residenti sono portatrici del virus dell epatite B, e quindi contagiose, senza nemmeno saperlo. Forse non sapete nemmeno che esiste un vaccino efficace contro l epatite B che viene utilizzato da oltre 25 anni nel mondo intero per proteggere più di 550 milioni di bambini e di adulti. I programmi di vaccinazione contro l epatite B sviluppati in tutto il mondo si sono dimostrati ampiamente validi: la vaccinazione riduce di oltre il 95% il rischio di divenire portatori cronici del virus dell epatite B o di contrarre una cirrosi o un cancro del fegato a causa di questa malattia. È infatti dal 1997 che l Ufficio Federale della Sanità Pubblica raccomanda a tutti i giovani di vaccinarsi contro l epatite B al più tardi nell età compresa tra gli 11 e i 15 anni, poiché in Svizzera il rischio di contrarre la malattia tra i 15 e i 35 anni è elevatissimo. Come pediatra specializzata in malattie infettive, conosco le complicanze dell epatite B e 2 considero questa vaccinazione estremamente importante. Sono anche consapevole che prendere la decisione di vaccinarsi è sempre un po difficile, soprattutto se non si conosce bene la malattia che il vaccino consentirebbe di evitare o se si temono i suoi effetti secondari. Per esempio, avete forse sentito dire che la vaccinazione contro l epatite B può provocare una malattia grave come la sclerosi multipla? È importante sapere che ciò non è possibile e che sono stati effettuati numerosi studi per accertarsi che la vaccinazione contro l epatite B non aumenta il rischio di contrarre una malattia cronica, ivi compresa la sclerosi multipla. Prima di fare una scelta importante per la propria salute, bisogna informarsi. Questa brochure vi aiuterà a farlo. Se dopo la lettura avrete altri dubbi, parlatene con il vostro medico che risponderà volentieri alle vostre domande. Prof. C.A. Siegrist Presidente della Commissione Federale per le Vaccinazioni Dipartimento di Pediatria Ospedale Cantonale Universitario di Ginevra

3 COS È L EPATITE? La parola epatite significa infiammazione del fegato. L infiammazione del fegato è provocata sia da sostanze tossiche, sia e si tratta della maggioranza dei casi da virus. Nel momento in cui i virus introdotti nel sangue raggiungono il fegato, penetrano nelle sue cellule (gli epatociti) e qui si moltiplicano. Il sistema che garantisce la difesa dell organismo attacca quindi i virus distruggendo le cellule infette. È questo che provoca l infiammazione del fegato. Il segno più conosciuto della presenza di una infiammazione acuta è l itterizia o ittero. La pelle, le mucose e la parte bianca dell occhio si colorano di giallo, le urine sono di colore bruno scuro, le feci si scoloriscono. Tuttavia, accade spesso che questi tipici sintomi non siano visibili e ciò spiega il motivo per cui l epatite può non venire diagnosticata e le persone colpite possono ignorare di avere contratto un epatite B acuta. A oggi sono stati identificati cinque virus che provocano un infezione mirata e l infiammazione del fegato. I virus dell epatite si distinguono gli uni dagli altri in base alle modalità di trasmissione e alla rispettiva aggressività. I principali virus dell epatite che, a oggi, sono stati identificati solo nell uomo, sono stati designati dalle lettere A, B, C, D ed E. 3

4 QUALI SONO I VIRUS RESPONSABILI DELL EPATITE? 4 FORME DI EPATITE SENZA EVOLUZIONE CRONICA I virus dell epatite A ed E sono responsabili di un infiammazione acuta del fegato che, in linea generale, guarisce spontaneamente entro 6 mesi. Il decesso, comunque raro, colpisce prevalentemente gli adulti di età superiore ai 40 anni e, se l epatite è di tipo E, anche le donne in gravidanza. L infezione si trasmette attraverso l acqua o alimenti infetti. In oltre il 40% delle epatiti A, i malati sono stati infettati durante viaggi in Paesi dalle condizioni igieniche insufficienti, come per esempio i Paesi dell Europa dell Est, l Asia, l Oceania, l Africa, l America Centrale e l America del Sud. In Svizzera il rischio di contaminazione è minimo. L epatite E è rara e l infezione si verifica quasi esclusivamente durante un soggiorno all estero. FORME DI EPATITE A EVOLUZIONE CRONICA I virus dell epatite B, C e D provocano un epatite acuta che può evolvere in un infiammazione cronica del fegato. Il fegato viene dunque progressivamente distrutto, si atrofizza (il suo volume diminuisce), si instaura una cirrosi e talvolta addirittura un cancro del fegato. Alcuni farmaci permettono a una parte dei malati portatori di un epatite B, C o D di guarire. In casi particolarmente gravi, solo il trapianto del fegato può evitare il decesso, ovviamente a condizione di trovare un donatore compatibile. I virus dell epatite B, C e D si trasmettono attraverso il sangue. È sufficiente che una quantità minima di sangue infetto venga a contatto diretto con la circolazione sanguigna di un altro soggetto perché questi ne sia infettato. Il virus dell epatite B è altamente infettivo; si trasmette anche attraverso i liquidi e le secrezioni corporee, o spesso attraverso il contatto sessuale non protetto, dal momento che il virus è presente nello sperma e nelle secrezioni vaginali. Quando una donna in gravidanza è portatrice del virus dell epatite B, il rischio che il neonato sia infettato a sua volta è estremamente elevato. L epatite C evolve verso un infiammazione cronica del fegato in 4 soggetti su 5. Generalmente, i malati scoprono di essere affetti da un infiammazione al fegato solo qualche anno più tardi, quando ormai l organo è fortemente danneggiato (cirrosi epatica). Il virus dell epatite D è raro in Svizzera e può svilupparsi nel fegato solo nel caso in cui il soggetto sia stato infettato anche dal virus dell epatite B.

5 I VIRUS DELL EPATITE DALLA A ALLA E FORME DI EPATITE SENZA EVOLUZIONE CRONICA FORME DI EPATITE A EVOLUZIONE CRONICA Tipo A E B C D Scoperta nel Vie di trasmissione Orale (ingestione di cibo e bevande) Orale (ingestione di cibo e bevande) Liquidi e secrezioni corporee, contatto sessuale o attraverso il sangue Contatto attraverso il sangue Contatto attraverso il sangue, solo in presenza di epatite B Sintomi dell epatite acuta Bambini in tenera età spesso privi di sintomi. Adulti: stanchezza, perdita dell appetito, nausea, febbre, vomito, ittero Stanchezza, perdita dell appetito, nausea, febbre, vomito, ittero Sintomi rilevati solo in un terzo dei soggetti infettati: stanchezza, perdita dell appetito, nausea, febbre, vomito, ittero Epatite acuta generalmente priva di sintomi Epatite acuta a evoluzione spesso particolarmente grave Postumi a lungo termine L epatite A acuta dura fino a 6 mesi; non diventa cronica L epatite E acuta non diventa cronica L epatite B acuta non guarisce sempre e può diventare cronica: il malato è portatore del virus e a rischio di cirrosi e di cancro al fegato L epatite C acuta spesso non guarisce e diventa cronica: il malato è portatore del virus e rischia una cirrosi e un cancro al fegato L epatite D può aggravare l evoluzione dell epatite B Trattamento dell epatite cronica Attraverso l interferone alfa pegilato o un antivirale; vedi pag. 11 Attraverso l interferone alfa pegilato combinato alla ribavirina Trattamento dell epatite B Vaccinazione Possibile dal Da praticare prima di un viaggio all estero Non possibile Possibile dal 1981; vedi pag. 12 Non possibile Protezione vaccinale indiretta attraverso il vaccino anti-epatite B 5

6 L EPATITE B IN SVIZZERA: ANCORA TROPPO FREQUENTE Nonostante sia disponibile da tempo un vaccino molto efficace, ogni anno nel nostro Paese vengono infettate numerose persone dal virus dell epatite B. Tra il 1989 e il 1994 sono stati dichiarati ogni anno all Ufficio Federale della Sanità Pubblica 450 casi di epatite B acuta. Tra il 1995 e il 1999, il numero ufficiale di casi di epatite B dichiarati è diminuito (354 casi nel 1995 contro i 200 del 1999), soprattutto grazie alla diminuzione dei casi tra i tossicomani, in conseguenza delle misure adottate in Svizzera per contenere l epidemia di AIDS (distribuzione di siringhe monouso, raccomandazioni circa l uso del preservativo, ecc.). Tuttavia, non tutti i casi di infezione vengono dichiarati e, inoltre, i sintomi della malattia (sintomi che il medico riconosce come quelli tipici dell epatite) compaiono solamente in una persona su tre. Il numero effettivo dei soggetti infettati è dunque superiore a quello dei casi dichiarati ufficialmente: nel 1997, quando è stata raccomandata la vaccinazione generalizzata degli adolescenti, le nuove infezioni sono state stimate in all anno. In Svizzera il rischio di contaminazione è particolarmente elevato tra i giovani e gli adolescenti. L 80% delle infezioni colpiscono infatti soggetti di età compresa tra i 15 e i 40 anni. In Svizzera tutte le donne in gravidanza vengono sottoposte a un esame del sangue che determina se sono portatrici o meno del virus: in caso affermativo, i neonati vengono vaccinati poco dopo la nascita e ricevono delle immunoglobuline specifiche anti-epatite B che li proteggeranno in attesa che il vaccino agisca. Nei Paesi in cui l epatite B è molto diffusa (Africa, Asia, alcuni Paesi dell America del Sud, dell Oceania e dell Europa dell Est), la situazione è completamente differente poiché la contaminazione dal virus dell epatite B avviene essenzialmente all atto della nascita o durante la prima infanzia. Prima del 1997, l epatite B acuta 6

7 in Svizzera era responsabile di ricoveri ospedalieri all anno e dai 6 ai 10 decessi causati da una sorta di collasso acuto del fegato (la cosiddetta epatite fulminante ). Circa un soggetto su dieci che abbia contratto un epatite di tipo B diventa portatore cronico del virus. L evoluzione cronica è poi ancora più diffusa tra i lattanti o nei bambini in tenera età. Si stima che siano i portatori del virus in Svizzera. Queste persone possono infettarne altre lungo il corso della loro vita, rimanendo loro stesse esposte al rischio di complicanze gravi che potrebbero minacciarne addirittura l esistenza. È per questa ragione che un portatore di virus su quattro è colpito dall infiammazione cronica progressiva del fegato che negli anni evolverà nell atrofia (diminuzione del volume) tipica della cirrosi epatica e in seguito, in alcuni casi, perfino in un cancro. Prima del 1997, queste complicanze gravi erano all origine di ricoveri ospedalieri e di circa decessi annuali in Svizzera, ma di oltre un milione nel resto del mondo. Dopo che il vaccino è stato offerto a tutti gli adolescenti svizzeri (1998), il numero complessivo delle nuove infezioni dichiarate è ulteriormente diminuito. Benché dal 2000 siano ancora dichiarati ufficialmente dai 100 ai 150 casi ogni anno, la diminuzione è stata dell 84% tra il 1999 e il 2002 per quanto riguarda i giovani di età compresa tra i 15 e i 19 anni, ovvero coloro che hanno beneficiato della priorità nell offerta di vaccinazione tra gli 11 e i 15 anni. Il rischio d infezione per i soggetti non vaccinati non si è altrettanto ridotto poiché non è ancora diminuito il numero delle persone portatrici croniche del virus: un soggetto su residenti in Svizzera rischia di trasmettere l infezione, talvolta senza nemmeno saperlo. 7

8 QUALI SONO LE VIE DI TRASMISSIONE CONOSCIUTE? Il virus dell epatite B si trasmette attraverso tutti i liquidi e le secrezioni biologiche, o più spesso attraverso il contatto sessuale e il sangue. Come regola generale, l epatite B è considerata una malattia infettiva altamente contagiosa. È significativo sapere che una parte dei soggetti infettati dal virus dell epatite B non avevano adottato un comportamento a rischio nel momento del contagio. L infezione non riguarda dunque solamente i gruppi a rischio. FREQUENTI VIE DI TRASMISSIONE: Contatto sessuale, il/la partner è infettato/a dal virus dell epatite B. Contatto ravvicinato e prolungato con una persona infettata (persona appartenente al proprio nucleo familiare, asili nidi e scuole materne, istituti di ricovero psichiatrici, ecc.). Al momento della nascita, se la madre è portatrice del virus. Tossicodipendenza, il/la tossicomane utilizza siringhe o aghi non sterili. Utilizzo di materiale sanitario non sterilizzato in Paesi con scarse risorse. 8

9 ALTRE VIE DI TRASMISSIONE POSSIBILI: Tatuaggi o piercing effettuati con materiali non sterilizzati. Puntura accidentale del personale sanitario attraverso un ago infetto o ferita accidentale provocata da un bisturi infetto; contatto dei liquidi o delle secrezioni corporee con le mucose o escoriazioni della pelle. Utilizzo dello spazzolino da denti o del rasoio di una persona infetta. NON ESISTE ALCUN RISCHIO DI TRASMISSIONE NEI SEGUENTI CASI: Quando il sangue di un portatore del virus viene a contatto con una superficie epidermica intatta (non escoriata): il virus dell epatite B non può penetrare attraverso la cute integra. Mangiando e bevendo (mentre invece questa modalità di trasmissione è prioritaria nell infezione da virus delle epatiti di tipo A ed E). IL RISCHIO DI TRASMISSIONE IN SVIZZERA È MINIMO NEI SEGUENTI CASI: Durante una seduta di emodialisi (depurazione del sangue in pazienti con insufficienza renale). Durante una trasfusione sanguigna o un trattamento con derivati del sangue, per esempio nel caso degli emofiliaci. Nel caso di un trapianto d organo. Effettivamente, in Svizzera le donazioni di sangue e di organi sono oggetto di rigorosi controlli che impediscono il contagio con il virus dell epatite B. Tuttavia, il rischio di trasmissione virale in seguito a una trasfusione (per esempio, in caso di un incidente) persiste in quei Paesi che non hanno la possibilità di effettuare controlli altrettanto rigorosi. 9

10 QUALI SONO I SINTOMI DELL'EPATITE B? Spesso una epatite B acuta non causa sintomi, o comunque solamente quelli che possono ricordare un influenza (perdita d appetito e problemi di digestione, nausea, vomito, stanchezza, febbre). La malattia può tuttavia durare parecchi mesi e costituire una seria minaccia per la vita. Solo una persona su tre presenta i sintomi caratteristici di un infiammazione acuta del fegato: ittero che provoca la colorazione giallastra della pelle e della parte bianca dell occhio, urine di colore bruno scuro, feci scolorite. Se il sistema di difesa dell organismo si rivela efficace, l epatite guarisce e il fegato non subirà conseguenze. Il paziente sarà quindi protetto per sempre da questa malattia. Attraverso un esame del sangue è possibile riconoscere la presenza degli anticorpi responsabili della protezione dell organismo contro una reinfezione dal virus dell epatite B. In una persona su dieci, l epatite B acuta non guarisce, ma diventa un infezione cronica. Nei lattanti e nei bambini in tenera età, le infezioni croniche sono ancora più frequenti. L 80% dei portatori cronici del virus ha l impressione di essere in buona salute benché il loro fegato sia infiammato; costoro possono quindi contaminare altri soggetti, per esempio quelli con cui sono a più stretto contatto. L infiammazione grave del fegato si estende negli anni in un portatore cronico su quattro. I sintomi dell infiammazione cronica del fegato (epatite cronica) si prestano a varie interpretazioni: malessere, perdita dell appetito, stanchezza. Per formulare una diagnosi certa, il medico deve far effettuare specifici esami del sangue e prescrivere una biopsia, cioè il prelievo tramite un ago di un frammento di tessuto epatico. 10

11 QUALI SONO LE POSSIBILITÀ DI TRATTAMENTO? Fatta eccezione per alcuni casi particolari, il trattamento dell epatite acuta di tipo B non è indicato, tenuto conto del fatto che la maggioranza dei pazienti guarisce spontaneamente. L efficacia dei prodotti definiti epatoprotettori (protettori del fegato) non è dimostrata. Ciò significa che chiunque sia infettato deve attendere pazientemente che il sistema di difesa dell organismo sconfigga il virus con le proprie forze. Fino a quando l individuo non sarà guarito, i liquidi e le secrezioni naturali del corpo sangue, sperma, secrezioni vaginali, saliva sono contagiosi. Nel caso di una epatite B cronica, quando il virus si propaga e i parametri di alcuni enzimi del fegato (le cosiddette transaminasi ) sono elevati, viene preso in considerazione il trattamento con l interferone alfa pegilato. Questo viene somministrato attraverso delle iniezioni settimanali e il trattamento può avere degli effetti indesiderati. Inizialmente, la maggior parte dei pazienti soffre di una specie di stato influenzale che generalmente regredisce dopo qualche giorno. Il trattamento ha una durata di dodici mesi. In circa il 40% dei pazienti, la propagazione del virus viene così arrestata e l infiammazione del fegato regredisce. A seconda dei casi possono ugualmente essere utilizzati dei farmaci attivi contro il virus (come gli antivirali lamivudina e adefovir). 11

12 UNA PREVENZIONE EFFICACE GRAZIE AL VACCINO Il modo migliore per non soffrire di una epatite di tipo B è non contrarla. L uso del preservativo durante i rapporti sessuali a rischio è fondamentale, ma non è sufficiente per garantire una protezione totale. La vaccinazione contro l epatite B è dunque la misura più affidabile per proteggersi da questa malattia. Dal 1981, disponiamo di un vaccino anti-epatite B molto efficace. Due o tre iniezioni di questo vaccino (in base all età e al vaccino scelto) proteggono il 98% dei soggetti vaccinati contro un infezione dal virus per parecchie decine di anni, forse anche per tutta la vita. 12 QUAL È L AZIONE DEL VACCINO? È possibile stimolare il nostro sistema di difesa a fabbricare degli anticorpi che ci proteggano dal virus. Questi anticorpi sono prodotti quando ci viene iniettata, sotto forma di vaccino, una proteina definita antigene di superficie dell epatite B. Come si capisce dal nome, questa sostanza si trova naturalmente sulla superficie del virus dell epatite B. Viene prodotta dalla ricombinazione genetica del lievito,un metodo sicuro che esclude qualsiasi rischio di contaminazione accidentale. COME VIENE PRATICATA LA VACCINAZIONE? La vaccinazione anti-epatite B può essere eseguita in qualsiasi studio medico. Per assicurarsi una protezione sufficiente è generalmente necessario sottoporsi a tre iniezioni in sei mesi. Negli adolescenti di età compresa tra gli 11 e i 15 anni, a seconda del tipo di vaccino impiegato, possono essere sufficienti due iniezioni con un intervallo di 6 mesi. Negli adolescenti e negli adulti l iniezione viene fatta nei muscoli del braccio, mentre nei bambini viene praticata nella coscia. Negli individui ad alto rischio di infezione, il medico potrà controllare il buon esito della vaccinazione attraverso un apposito esame del sangue. Questo controllo non è necessario per i giovani in buona salute che non fanno parte delle categorie a elevato rischio d esposizione all epatite B. In Svizzera sono attualmente disponibili diversi vaccini anti-epatite B tre vaccini semplici, un vaccino che protegge anche contro l epatite A e dei vaccini combinati (per i lattanti) che proteggono anche contro la difterite, il tetano, la pertosse, la poliomielite e la meningite da Haemophilus influenzae B.

13 LA VACCINAZIONE COMPORTA EFFETTI INDESIDERATI? La vaccinazione contro l epatite B è generalmente ben tollerata. Tuttavia, può verificarsi una reazione circoscritta nel punto dell iniezione (arrossamento, dolore, gonfiore) in circa un paziente su dieci. Reazioni come nevralgia, stanchezza o febbre sono ancora più rare. Tutte le possibili reazioni scompaiono in 1-3 giorni. La reazione allergica grave a un componente del vaccino è estremamente rara (1-2 persone su un milione) e oltre 550 milioni di persone sono state vaccinate in tutto il mondo senza complicazione alcuna. Durante i giorni o le settimane seguenti alla vaccinazione si sono talvolta verificati alcuni problemi di carattere sanitario, che hanno fatto temere che il vaccino ne fosse stata la causa. Per esempio, quando in Francia sono state vaccinate 20 milioni di persone (un terzo della popolazione totale) tra il 1994 e il 1996, i problemi di salute abituali si sono naturalmente continuati a verificare. Migliaia di persone hanno avuto un incidente stradale, hanno sofferto di una malattia benigna o grave appena prima o successivamente alla vaccinazione. Quando si verifica una malattia grave di natura immunitaria nelle settimane seguenti alla vaccinazione, è fondamentale accertarsi se questa possa derivare dalla vaccinazione cui ci si è sottoposti. A tale proposito sono state condotte parecchie ricerche in numerosi Paesi (Francia, Inghilterra, Canada, Stati Uniti) per accertarsi che la vaccinazione contro l epatite B non aumentasse il rischio di malattie croniche come la sclerosi multipla. Sono stati condotti oltre una dozzina di studi e nessuno di questi ha dimostrato un legame tra la vaccinazione contro l epatite di tipo B e la sclerosi multipla. Le autorità sanitarie mondiali (comprese quelle francesi) hanno quindi concluso che la vaccinazione contro l epatite B consente di proteggersi contro una malattia grave e talvolta mortale, senza tuttavia aumentare il rischio di malattie croniche come la sclerosi multipla. A oggi, oltre 550 milioni di persone in tutto il mondo sono già state vaccinate contro l epatite B. Non sono stati segnalati altri effetti indesiderati gravi in seguito alla vaccinazione. La vaccinazione può dunque essere considerata sicura e ben tollerata. Sfortunatamente, il vaccino protegge solo dall epatite di tipo B. Una persona vaccinata può dunque essere colpita da un altra malattia anche immediatamente dopo il vaccino, come d altra parte accade a tutti i soggetti non vaccinati. 13

14 CHI DOVREBBE FARSI VACCINARE IN SVIZZERA? 14 Le seguenti categorie di persone dovrebbero farsi vaccinare contro l epatite B: 1. TUTTI GLI ADOLESCENTI DI ETA COMPRESA TRA GLI 11 E I 15 ANNI La vaccinazione contro l epatite B è raccomandata al più tardi nell età compresa tra gli 11 e i 15 anni. Infatti l 80% delle nuove infezioni si verificano tra i 15 e i 40 anni. Tuttavia la vaccinazione contro l epatite B può essere effettuata in qualsiasi età preadolescenziale: alla nascita (indispensabile in caso di infezione della madre), nei lattanti (attraverso una vaccinazione combinata con gli altri vaccini previsti in questa fascia d età), o con una vaccinazione combinata contro l epatite B e quella di tipo A per tutti coloro che viaggiano in zone in cui il rischio di contrarre quest ultima sia particolarmente elevato. 2. BAMBINI E ADULTI APPARTENENTI A GRUPPI AD ALTO RISCHIO La vaccinazione contro l epatite B è necessaria nei bambini e negli adulti che sono a rischio più elevato di esposizione alla malattia o delle sue complicanze: Individui a contatto ravvicinato con pazienti infettati o con i liquidi e le secrezioni corporee di questi (personale sanitario). Individui che vivono a stretto contatto con un soggetto portatore di epatite B. Minorati mentali ed equipe di sostegno all interno di istituti specializzati. Tossicodipendenti. Assistenti sociali, poliziotti e guardie penitenziarie che abbiano contatti stretti e frequenti con i tossicodipendenti. Persone che hanno numerosi partner sessuali. Prostitute. Pazienti che si servono dei servizi di emodialisi. Emofiliaci. Pazienti cui sia stata diagnosticata una malattia cronica del fegato (per esempio, l epatite di tipo C). Pazienti con deficit immunitari. Persone che viaggiano in Paesi in cui l epatite B è particolarmente diffusa. L epatite B è particolarmente diffusa in Africa, in Asia e Oceania, oltre a essere presente nell Europa dell Est, nel bacino del Mediterraneo e nell America del Sud. I viaggiatori dovrebbero farsi vaccinare specie se prevedono di stabilire dei contatti stretti con la popolazione locale (attività presso servizi sanitari locali, progetti di aiuto allo sviluppo, contatti sessuali), e nel caso in cui intendano dedicarsi ad attività di svago rischiose o se soggiorneranno a lungo e ripetutamente nelle zone citate. Individui originari dei suddetti Paesi che soggiornano in Svizzera. Neonati di madri portatrici del virus dell epatite B (che saranno vaccinati e al contempo protetti attraverso immunoglobuline specifiche antiepatite B).

15 C è il rischio di contagio quando un membro della famiglia ha contratto l epatite B? Sì, il rischio di contagio è tanto più elevato quanto più ravvicinato è il contatto fisico con la persona affetta. Tutti i componenti della famiglia dovrebbero essere sottoposti a un apposito test e farsi vaccinare nel caso in cui non abbiano ancora contratto l infezione. È vero che il vaccino protegge anche contro l AIDS? No, non esiste ancora un vaccino contro l AIDS. È questo il motivo per cui è assolutamente necessario evitare di ferirsi con una siringa che sia già stata utilizzata e servirsi sempre del preservativo durante i rapporti sessuali a rischio, anche se ci si è già vaccinati contro l epatite B. Ci sono controindicazioni alla vaccinazione contro l epatite B? Tutte le persone che godono di buona salute possono farsi vaccinare. Nel caso di malattie benigne in corso, è sufficiente posticipare la vaccinazione di 1-2 settimane. L allergia grave a una delle sostanze contenute nel vaccino o la comparsa di una reazione allergica grave in seguito a una dose dello stesso rappresentano delle controindicazioni a effettuare e/o a continuare la vaccinazione. Una malattia cronica anche grave può non costituire una controindicazione alla vaccinazione. Se vi preoccupa un problema particolare, parlatene con il vostro medico.? AVETE DELLE DOMANDE? Se la vaccinazione contro l epatite B è stata effettuata durante l infanzia, è poi necessario un richiamo nel periodo adolescenziale o in età adulta? No, allo stato attuale delle nostre conoscenze, in seguito a una vaccinazione completa, a qualsiasi età essa sia stata praticata, non è necessario alcun richiamo. Tutti i portatori dell epatite B si rendono conto di essere infettati? No. Numerosi portatori acuti e cronici non sanno nemmeno di essere infettati dal virus e possono contaminare altre persone. La diagnosi certa è possibile solamente con uno specifico esame del sangue. Quanto tempo è necessario per assistere alla comparsa dei primi sintomi di un infezione? I sintomi dell epatite B acuta si manifestano da 6 settimane fino a qualche mese dopo il contagio. Tuttavia, si verifica spesso che la malattia venga identificata qualche anno più tardi a causa di complicanze dell epatite cronica di tipo B (cirrosi epatica, eventualmente cancro al fegato). È possibile essere infettati con un tatuaggio o un piercing? Sì. I piercing e i tatuaggi dovrebbero essere fatti solo con materiale rigorosamente sterile. Qualsiasi contatto con il sangue o con oggetti già utilizzati deve essere evitato ed è comunque prudente vaccinarsi contro l epatite B nel caso in cui si abbia l intenzione di sottoporsi a tatuaggi o piercing. 15

16 Commissione Federale per le Vaccinazioni Ufficio Federale della Sanità Pubblica 2006 c/0 Divisions of Gastroenterology and Hepatology and of Clinical Pathology Progetto e Realizzazione: FBCommunication - Modena (Italy) University Hospital 24 rue Micheli-du-Crest 1211 Genève 14 Switzerland tel Fax

Epatite. cause conseguenze e prevenzione

Epatite. cause conseguenze e prevenzione Epatite cause conseguenze e prevenzione L importante in breve sull epatite Cos è l epatite e quali sono le conseguenze di questa malattia? L epatite è una infiammazione del fegato provocata dal virus dell

Dettagli

sintomi,decorso coinfezioni

sintomi,decorso coinfezioni 2007 L epatite è un infiammazione del fegato; se è causata da un virus l epatite può essere trasmessa da una persona all altra.invece l epatite non è contagiosa se ha origine da abuso di alcool o medicamenti,

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

Che cosa è la infezione da HIV?

Che cosa è la infezione da HIV? Che cosa è l HIV? L HIV - human immunodeficiency virus è un virus che progressivamente distrugge le difese del nostro corpo contro le infezioni e alcuni tumori Che cosa è la infezione da HIV? L infezione

Dettagli

L epatite B rappresenta un grave problema sanitario. E la

L epatite B rappresenta un grave problema sanitario. E la Epatite Cronica B, malattia sommersa Un virus spesso sottovalutato L Istituto Superiore di Sanità stima che in Italia vi siano non meno di 900mila individui cronicamente infettati da HBV, i cosiddetti

Dettagli

Generalmente le epatiti sono causate da sostanze tossiche per il fegato, come alcol, farmaci o alcune sostanze chimiche; talvolta sono la conseguenza

Generalmente le epatiti sono causate da sostanze tossiche per il fegato, come alcol, farmaci o alcune sostanze chimiche; talvolta sono la conseguenza Generalmente le epatiti sono causate da sostanze tossiche per il fegato, come alcol, farmaci o alcune sostanze chimiche; talvolta sono la conseguenza di malattie particolari, come le malattie autoimmuni

Dettagli

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016)

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) L influenza è un infezione respiratoria provocata da un virus. È molto contagiosa, perché si trasmette facilmente attraverso

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

CONOSCIAMOLA. L infezione con il virus dell epatite C (HCV = Hepatitis C Virus):

CONOSCIAMOLA. L infezione con il virus dell epatite C (HCV = Hepatitis C Virus): SENZA LA EPATITE CONOSCIAMOLA L infezione con il virus dell epatite C (HCV = Hepatitis C Virus): Colpisce principalmente il fegato infiammandolo (epatite) ma, in alcuni casi, anche altre parti del corpo

Dettagli

Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale

Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Versione: 09.10.2013 Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale 1. Cos è il sistema immunitario?

Dettagli

MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS)

MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS) MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS) COSA SONO? Sono malattie provocate da virus, batteri, parassiti o funghi; l infezione viene trasmessa attraverso i rapporti sessuali con persone malate o portatrici

Dettagli

EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E

EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E EPATITE B Il virus dell epatite B (Hbv) è un virus a Dna Resiste nell ambiente, ma è sensibile ai disinfettanti comuni (ipoclorito di sodio) EPATITE

Dettagli

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano Clementina, 82 anni VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: Martino COSA È NECESSARIO Giancarla CONOSCERE Milena Ivano Vaccinazione antinfluenzale cosa è necessario conoscere. 2 La vaccinazione antinfluenzale è il

Dettagli

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HBV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Modalità e vie di trasmissione... 2 Patogenesi... 3 Clinica... 4 Diagnosi...

Dettagli

ADOLESCENZA DROG HE E AIDS

ADOLESCENZA DROG HE E AIDS P rogramma Regionale sulle Dipendenze n 05 Anno 2009 ADOLESCENZA DROG HE E AIDS Programma Regionale sulle Dipendenze - Regione Veneto TEEN s PAPER n 05 - Anno 2009 A cura di: Dipartimento delle Dipendenze

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE CONSIGLI SULLA PREVENZIONE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE

MINISTERO DELLA SALUTE CONSIGLI SULLA PREVENZIONE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE Le epatiti virali MINISTERO DELLA SALUTE DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE UFFICIO III - MALATTIE INFETTIVE E PROFILASSI INTERNAZIONALE CONSIGLI SULLA PREVENZIONE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE una raccolta

Dettagli

MINISTERO DELLA SANITÀ

MINISTERO DELLA SANITÀ Le epatiti virali MINISTERO DELLA SANITÀ DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE MALATTIE INFETTIVE E PROFILASSI INTERNAZIONALE CONSIGLI SULLA PREVENZIONE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE una raccolta di schede informative

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009 CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA Modena 29 giugno 2009 CENNI DI EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DELLE PRINCIPALI INFEZIONI TRASMISSIBILI PER VIA PARENTERALE Epatite B Epatite

Dettagli

TEST HCV. EPATITE VIRALE C conoscila per proteggerti

TEST HCV. EPATITE VIRALE C conoscila per proteggerti 2016 TEST HCV EPATITE VIRALE C conoscila per proteggerti EPATITE VIRALE C conoscila per proteggerti EPATITE C Il termine epatite significa infiammazione del fegato, e può essere dovuta a cause diverse:

Dettagli

Dr. Giuliana Battistini Servizio Igiene Pubblica AUSL Parma

Dr. Giuliana Battistini Servizio Igiene Pubblica AUSL Parma Tattoo e piercing La protezione dell operatore Parma 18 marzo 2013 Dr. Giuliana Battistini Servizio Igiene Pubblica AUSL Parma Tutti i pazienti possono essere portatori di microorganismi trasmissibili

Dettagli

se la conosci, la previeni!

se la conosci, la previeni! EPATITE se la conosci, la previeni! HEALTHY FOUNDATION HEALTHY FOUNDATION Epatiti, cosa sono? 2 L epatite, o meglio le epatiti sono tra le malattie infettive più comuni e gravi del mondo. Si tratta di

Dettagli

E asintomatica nel 70-80% delle persone. Guarisce spontaneamente solo nel 15-25% dei casi, altrimenti diventa cronica.

E asintomatica nel 70-80% delle persone. Guarisce spontaneamente solo nel 15-25% dei casi, altrimenti diventa cronica. SENZA LA EPATITE CONOSCIAMOLA L infezione con il virus dell epatite C (HCV = Hepatitis C Virus): Colpisce principalmente il fegato infiammandolo (epatite) ma, in alcuni casi, anche altre parti del corpo

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

Capitolo 6 infezione da hiv e aids sindrome da immunodeficienza acquisita SIDA acquired immune defi- ciency syndrome AIDS hiv

Capitolo 6 infezione da hiv e aids sindrome da immunodeficienza acquisita SIDA acquired immune defi- ciency syndrome AIDS hiv Infezione da HIV e AIDS Capitolo 6 La sindrome da immunodeficienza acquisita (SIDA) o acquired immune deficiency syndrome (AIDS) è una malattia del sistema immunitario umano causata dal virus dell immunodeficienza

Dettagli

Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C!

Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C! Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C! L Epatite C può essere trasmessa attraverso: L uso comune di aghi e siringhe L uso comune di filtri, cucchiai e acqua al momento del consumo di droghe

Dettagli

Proteggiamoci insieme!

Proteggiamoci insieme! Influenza stagionale. Proteggiamoci insieme! Informazioni importanti per Lei e per la sua famiglia. www.vaccinarsicontrolinfluenza.ch www.ufsp.admin.ch B C Cos è l influenza stagionale e quali sono i sintomi

Dettagli

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti.

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Vaccinazioni Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Difterite Tetano Polio Encefalite da zecche Febbre gialla Febbre tifoide Epatite

Dettagli

Il nome AIDS deriva dalle iniziali di Sindrome da Immuno-Deficienza Acquisita, nella sua dizione inglese ( Acquired Immuno-Deficiency Syndrome).

Il nome AIDS deriva dalle iniziali di Sindrome da Immuno-Deficienza Acquisita, nella sua dizione inglese ( Acquired Immuno-Deficiency Syndrome). IL VIRUS HIV L AIDS Il nome AIDS deriva dalle iniziali di Sindrome da Immuno-Deficienza Acquisita, nella sua dizione inglese ( Acquired Immuno-Deficiency Syndrome). L Aids è causato dal virus Hiv (Virus

Dettagli

L infezione con l HIV, l epatite B e l epatite C non sono solo pericolosi per la Vostra

L infezione con l HIV, l epatite B e l epatite C non sono solo pericolosi per la Vostra Cara coppia L infezione con l HIV, l epatite B e l epatite C non sono solo pericolosi per la Vostra salute, ma possono anche nuocere alla salute del Vostro partner o del Vostro bambino. In occasione delle

Dettagli

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi LA MENINGITE La meningite è una infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale (le meningi). La malattia generalmente è di origine infettiva e può essere virale o batterica.

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

Che cos è l AIDS. Il virus H.I.V. è la causa dell immunodeficienza acquisita

Che cos è l AIDS. Il virus H.I.V. è la causa dell immunodeficienza acquisita HIV e AIDS Che cos è l AIDS L A.I.D.S. o S.I.D.A. è una sindrome da immunodeficienza acquisita. E una malattia del sistema immunitario che ne limita e riduce le funzioni. Le persone colpite sono più suscettibili

Dettagli

Proteggiamoci insieme!

Proteggiamoci insieme! Influenza stagionale. Proteggiamoci insieme! Informazioni importanti per Lei e per la sua famiglia. www.vaccinarsicontrolinfluenza.ch www.ufsp.admin.ch B C Cos è l influenza stagionale e quali sono i sintomi

Dettagli

I Papillomavirus sono tutti uguali?

I Papillomavirus sono tutti uguali? Cos è il Papillomavirus? Il Papillomavirus è un microscopico nemico della tua salute. Attento, però, a non sottovalutare la pericolosità di questo microrganismo lungo solo 55 milionesimi di millimetro.

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei STORIA DELL IDENTIFICAZIONE DEI VIRUS CHE CAUSANO EPATITE 1 Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi generica di epatite, pur essendo distinti due tipi sul piano epidemiologico. 1970. Blumberg

Dettagli

Quando e come informare i genitori

Quando e come informare i genitori Quando e come informare i genitori Obiettivi dell informazione Aumentare le conoscenze Modificare le false convinzioni Rispondere alle domande poste Aumentare la capacità di gestione autonoma delle diverse

Dettagli

Dott. Vincenzo Pezzullo

Dott. Vincenzo Pezzullo Dott. Vincenzo Pezzullo Epatiti croniche ad eziologia virale Pozzuoli 1 ottobre 2011 HBV marcatori Antigeni Anticorpi HBsAg HBsAb o anti-hbs HBcAg HBcAb o anti-hbc IgM e IgG HBeAg HBeAb o anti-hbe HBV

Dettagli

GOT AST, GPT ALT, FOSFATASI);

GOT AST, GPT ALT, FOSFATASI); SENZA LA EPATITE CONOSCIAMOLA Il virus dell epatite C (HCV = Hepatitis C Virus) è un agente infettivo che attacca principalmente il fegato determinando un infiammazione epatica (epatite). Un volta nell

Dettagli

Proteggiamoci insieme!

Proteggiamoci insieme! Influenza stagionale. Proteggiamoci insieme! Informazioni importanti per Lei e per la sua famiglia. www.uniticontrolinfluenza.ch www.bag.admin.ch B C Cos è l influenza stagionale e quali sono i sintomi

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

Malattie da virus a trasmissione parenterale

Malattie da virus a trasmissione parenterale Malattie da virus a trasmissione parenterale Epatite B Eziologia Il virus dell epatite B appartiene alla famiglia Hepadnaviridae, genere Orthohepadnavirus. HBV è una particella sferica di 42 nm di diametro.

Dettagli

Zika virus: domande a risposte

Zika virus: domande a risposte Zika virus: domande a risposte 1. LA MALATTIA Che cos è la malattia da Zika virus? Zika è una malattia causata dal virus Zika che appartiene alla famiglia dei Flaviviridae. Non è un nuovo virus. E stato

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

IMPFDIENST. Opuscolo informativo per genitori e allievi

IMPFDIENST. Opuscolo informativo per genitori e allievi IMPFDIENST Opuscolo informativo per genitori e allievi Servizio polmonare Argovia Gentili genitori Cari allievi e allieve Il servizio vaccinazioni, in collaborazione con i medici scolastici e il servizio

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA MEDICINA GENERALE CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA I CRITERI PER LA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

L epidemia di HIV/AIDS nel mondo

L epidemia di HIV/AIDS nel mondo 08/02/2011 L epidemia di HIV/AIDS nel mondo Gennaio 2011 Dipartimento di HIV/AIDS - OMS Dr. Antonio Gerbase L'infezione e la trasmissione 1 L'infezione, la malattia HIV (virus dell'immunodeficienza umana)

Dettagli

Infezioni da HCV nella donna in gravidanza e nel bambino

Infezioni da HCV nella donna in gravidanza e nel bambino Infezioni da HCV nella donna in gravidanza e nel bambino Le infezioni da virus dell'epatite C, Trento 14 ottobre 2011 U.O. di Pediatria ospedale Valli del Noce EPATITE C HCV: GENOTIPI CLASSIFICAZIONE Simmonds

Dettagli

Epatiti virali. Capitolo 8

Epatiti virali. Capitolo 8 Epatiti virali Capitolo 8 L epatite virale è un infiammazione del fegato causata da virus. Ad oggi i principali virus dell epatite conosciuti sono: virus epatite A (HAV), virus epatite B (HBV), virus epatite

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 -

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2012- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Il controllo reale della diffusione delle

Dettagli

PREVENZIONE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI ASP RAGUSA - SERT VITTORIA DOTT.SSA M. CAPUZZELLO DOTT.SSA D. DI STEFANO

PREVENZIONE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI ASP RAGUSA - SERT VITTORIA DOTT.SSA M. CAPUZZELLO DOTT.SSA D. DI STEFANO PREVENZIONE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI ASP RAGUSA - SERT VITTORIA DOTT.SSA M. CAPUZZELLO DOTT.SSA D. DI STEFANO Cosa sono le MST? Le malattie sessualmente trasmissibili, dette anche malattie veneree,

Dettagli

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS Un emergenza da non dimenticare A livello globale, l epidemia di HIV-AIDS pare essersi stabilizzata. Il tasso di nuove infezioni è in costante diminuzione dalla

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

Malattie sessualmente trasmesse

Malattie sessualmente trasmesse Malattie sessualmente trasmesse Che cosa sono le malattie sessualmente trasmesse? Le malattie sessualmente trasmesse (MST) sono infezioni che si possono contrarre attraverso i rapporti sessuali. Sono causate

Dettagli

Vaccinazione per prevenire il cancro del collo dell'utero: risposte alle principali domande

Vaccinazione per prevenire il cancro del collo dell'utero: risposte alle principali domande Vaccinazione per prevenire il cancro del collo dell'utero: risposte alle principali domande Nel novembre 2006 è stato omologato in Svizzera un nuovo vaccino che può proteggere le donne dal cancro del collo

Dettagli

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A L AIDS MARTINA ZAMINATO CLASSE 3 A ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AIDS e HIV: sintomi - cause - test - trasmissione Introduzione AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) sta per sindrome da immunodeficienza

Dettagli

Influenza suina A/H1N1v Raccomandazioni alle persone con fibrosi cistica

Influenza suina A/H1N1v Raccomandazioni alle persone con fibrosi cistica Influenza suina A/H1N1v Raccomandazioni alle persone con fibrosi cistica Informazioni generali La nuova influenza A(H1N1) è un infezione virale acuta dell'apparato respiratorio con sintomi fondamentalmente

Dettagli

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LO SCREENING Uno dei principali obiettivi della medicina è diagnosticare una malattia il

Dettagli

La gestione di un caso di morbillo

La gestione di un caso di morbillo La gestione di un caso di morbillo Eziologia del morbillo L agente causale è un paramyxovirus (virus ad RNA) Il virus è rapidamente inattivato dal calore e dalla luce L uomo è l unico ospite Patogenesi

Dettagli

Storia naturale dell epatite C

Storia naturale dell epatite C Storia naturale dell epatite C Infezione acuta: 75% anitterica/asintomatica. Alta percentuale di cronicizzazione. Decorso fulminante molto raro. Infezione cronica: portatori silenti; malattia non progressiva

Dettagli

NOME: Citomegalovirus PATOLOGIA PROVOCATA. GENERE:Cytomegalovirus DECORSO CLINICO DELLA MALATTIA SOTTOFAMIGLIA: HERPESVIRUS UMANO TERAPIA

NOME: Citomegalovirus PATOLOGIA PROVOCATA. GENERE:Cytomegalovirus DECORSO CLINICO DELLA MALATTIA SOTTOFAMIGLIA: HERPESVIRUS UMANO TERAPIA Citomegalovirus NOME: Citomegalovirus PATOLOGIA PROVOCATA GENERE:Cytomegalovirus SOTTOFAMIGLIA: HERPESVIRUS UMANO DECORSO CLINICO DELLA MALATTIA TERAPIA DIMENSIONI: 25-35 MICRON DIAGNOSI SIMMETRIA: ICOSAEDRICA

Dettagli

Pediatria Preventiva e Sociale

Pediatria Preventiva e Sociale Che cos è la meningite? La meningite è un infiammazione delle membrane che ricoprono il cervello e il midollo spinale, che può essere causata da virus o batteri. Le forme virali sono solitamente più lievi

Dettagli

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Materiale elaborato con la supervisione della dott.ssa Barbara Ricciardi dai partecipanti al corso di formazione per volontari Comunicare

Dettagli

INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Epidemiologia

INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Epidemiologia INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Infezione primaria: Quasi sempre asintomatica Talora sindrome mononucleosica Riattivazione Nel soggetto normale Nei pazienti trapiantati Nei pazienti con infezione da HIV Infezione

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

INFORMARE, TUTELARE, PREVENIRE

INFORMARE, TUTELARE, PREVENIRE TUMORE DELLA CERVICE, LESIONI PRE-CANCEROSE e INFEZIONI DA PAPILLOMAVIRUS Perché, come, chi? INFORMARE, TUTELARE, PREVENIRE www.wacc-network.org PERCHÉ PREVENIRE IL CANCRO Tube di Falloppio Ovaio Che cos

Dettagli

Le epatiti virali DEFINIZIONE VIRUS DELLE EPATITI. Corso di Igiene Curriculum Biologia Sanitaria

Le epatiti virali DEFINIZIONE VIRUS DELLE EPATITI. Corso di Igiene Curriculum Biologia Sanitaria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO Corso di Igiene Curriculum Biologia Sanitaria Le epatiti virali Prof. P. Cavallo 1 DEFINIZIONE Con il termine epatiti virali si intendono una serie di forme infettive

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Giornata informativa per acconciatori, estetisti, tatuatori Sanremo 30 Novembre 2015. Introduzione. Dr. Marco Mela

Giornata informativa per acconciatori, estetisti, tatuatori Sanremo 30 Novembre 2015. Introduzione. Dr. Marco Mela Giornata informativa per acconciatori, estetisti, tatuatori Sanremo 30 Novembre 2015 Introduzione Dr. Marco Mela Obiettivo Sanità Pubblica Prevenzione primaria: Ridurre la frequenza di nuovi casi di malattia

Dettagli

non solo Pap test il vaccino contro il Papillomavirus un opportunità in più per la prevenzione del tumore del collo dell' utero COSA CHIEDERSI...

non solo Pap test il vaccino contro il Papillomavirus un opportunità in più per la prevenzione del tumore del collo dell' utero COSA CHIEDERSI... COSA CHIEDERSI... non solo Pap test il vaccino contro il Papillomavirus un opportunità in più per la prevenzione del tumore del collo dell' utero REGIONE LAZIO COS'E' IL COLLO DELL'UTERO E' la parte dell'utero

Dettagli

Introduzione. Origine e diffusione

Introduzione. Origine e diffusione Aids Introduzione La Sindrome da Immunodeficienza Acquisita (da cui l'acronimo SIDA in francese, in spagnolo e italiano) o Acquired Immune Deficiency Syndrome (AIDS in inglese, utilizzato comunque anche

Dettagli

LAZIOSANITÀ - AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Cos'è e come affrontarla? Regione Lazio

LAZIOSANITÀ - AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Cos'è e come affrontarla? Regione Lazio LAZIOSANITÀ - AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Meningite Cos'è e come affrontarla? Regione Lazio L'obiettivo di questo opuscolo è di fornire informazioni semplici ai cittadini su alcune malattie infettive, su

Dettagli

PROGETTO DI PREVENZIONE HIV-AIDS/MTS

PROGETTO DI PREVENZIONE HIV-AIDS/MTS PROGETTO DI PREVENZIONE HIV-AIDS/MTS in 2 parole... HIV = virus che causa l infezione Human Immunodeficiency Virus AIDS = Malattia in atto Acquired Immuno Deficency Syndrome 2 SIEROPOSITIVO SIGNIFICA AVERE

Dettagli

FAQ Influenza stagionale

FAQ Influenza stagionale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 17.09.2013 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

La vaccinazione contro il papillomavirus

La vaccinazione contro il papillomavirus Conegliano, 9 maggio 2013 La vaccinazione contro il papillomavirus Dott.ssa Ester Chermaz Responsabile U.O. Profilassi delle Malattie Infettive Servizio Igiene e Sanità Pubblica ULSS 7 Pieve di Soligo

Dettagli

HPV papillomavirus umani

HPV papillomavirus umani HPV papillomavirus umani Oltre 100 tipi, alcuni dei quali responsabili del cancro del collo dell utero : l importanza del vaccino Quali lesioni sono provocate dagli HPV? Le infezioni da HPV sono estremamente

Dettagli

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

4USA IL PRESERVATIVO 4SE HAI AVUTO RAPPORTI NON PROTETTI FAI IL TEST HIV

4USA IL PRESERVATIVO 4SE HAI AVUTO RAPPORTI NON PROTETTI FAI IL TEST HIV 4USA IL PRESERVATIVO 4SE HAI AVUTO RAPPORTI NON PROTETTI FAI IL TEST HIV conosci 1/2 Ho 21 anni, sono una ragazza carina Con l ultimo ragazzo è durata tre mesi e, ahimè, ci sono stati rapporti non protetti...ora

Dettagli

Epatite A. La conosciamo veramente?

Epatite A. La conosciamo veramente? Epatite A. La conosciamo veramente? u... Oggi l'epatite A è la malattia preveni bile tramite vaccino più comune tra i wl.ggi.lori... Ess. è 100 volle più fre' quenle del Ilfo e 1000 volle più fre quente

Dettagli

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI Prof. Tarcisio Niglio Anno Accademico 2012-2013 Corso Triennale in Scienze Infermieristiche III anno 2 semestre LE VACCINAZIONI Troverete copia gratis di queste diapositive nel sito internet: www.tarcisio.net

Dettagli

Igiene e prevenzione delle malattie infettive

Igiene e prevenzione delle malattie infettive CROCE ROSSA ITALIANA Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Igiene e prevenzione delle malattie infettive A cura di Vds Davide Bolognin Istruttore PSTI Obiettivi : Identificare i principali

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE DOVRESTI SAPERE SUL CANCRO ALLA PROSTATA

TUTTO QUELLO CHE DOVRESTI SAPERE SUL CANCRO ALLA PROSTATA TUTTO QUELLO CHE DOVRESTI SAPERE SUL CANCRO ALLA PROSTATA CHE COS È IL CANCRO ALLA PROSTATA? Il cancro alla prostata compare quando delle cellule anomale si sviluppano nella prostata. Queste cellule anomale

Dettagli

VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO. Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma

VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO. Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma TETANO - Anatossina - Tempi 0, 1, 6 mesi - Richiami ogni 10 anni dopo almeno

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore

Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore Ref. 123 / 2009 Reparto di Medicina della Riproduzione Servicio de Medicina de la Reproducción Gran Vía Carlos III 71-75 08028 Barcelona Tel.

Dettagli

EPATITI: UN EMERGENZA SOMMERSA

EPATITI: UN EMERGENZA SOMMERSA epatitisummit2010 EPATITI: UN EMERGENZA SOMMERSA Executive Summary e Proposta di intervento Con il patrocinio di: EPATITI: UN EMERGENZA SOMMERSA Executive Summary Si stima che in Italia vivano circa 2

Dettagli

Rosacea. Nemica per la pelle. Domande e risposte sulla rosacea

Rosacea. Nemica per la pelle. Domande e risposte sulla rosacea Rosacea Nemica per la pelle Domande e risposte sulla rosacea CHE COS È LA ROSACEA? La rosacea è un infiammazione cronica della cute del volto che può manifestarsi in diverse forme più o meno acute con

Dettagli

La speranza, una grande speranza, era che il declino

La speranza, una grande speranza, era che il declino Epatite Cronica B, malattia sommersa Intervista a Mario Rizzetto L Epatite Cronica B può causare cicatrici e sovvertimento nella struttura epatica, portando a cirrosi e tumore epatico La speranza, una

Dettagli

dott. Giovanni Garozzo

dott. Giovanni Garozzo Le epatiti virali 3 Cara donatrice e caro donatore, tra gli esami che obbligatoriamente vengono eseguiti in occasione della iscrizione all AVIS e in occasione di ogni donazione vi è la ricerca e degli

Dettagli

USA IL PRESERVATIVO SE HAI AVUTO RAPPORTI NON PROTETTI FAI IL TEST HIV

USA IL PRESERVATIVO SE HAI AVUTO RAPPORTI NON PROTETTI FAI IL TEST HIV USA IL PRESERVATIVO SE HAI AVUTO RAPPORTI NON PROTETTI FAI IL TEST HIV CONOSCI 1/2 Ho 21 anni, sono una ragazza carina Con l ultimo ragazzo è durata tre mesi e, ahimè, ci sono stati rapporti non protetti...ora

Dettagli

IL VIRUS HIV e L AIDS

IL VIRUS HIV e L AIDS IL VIRUS HIV e L AIDS Il nome AIDS deriva dalle iniziali di Sindrome da Immuno-Deficienza Acquisita, nella sua dizione inglese ( Acquired Immuno-Deficiency Syndrome). L Aids è causato dal virus Hiv (Virus

Dettagli

Igiene ed autoprotezione

Igiene ed autoprotezione Igiene ed autoprotezione Alessio Riitano Istruttore PSTI Croce Rossa Italiana Recapiti: E-mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.net Creative Commons BY-NC-SA Riepilogo Il nostro organismo

Dettagli

Asl Provincia di Milano 1. Programma di prevenzione del carcinoma della cervice uterina, due strumenti efficaci:

Asl Provincia di Milano 1. Programma di prevenzione del carcinoma della cervice uterina, due strumenti efficaci: Asl Provincia di Milano 1 Programma di prevenzione del carcinoma della cervice uterina, due strumenti efficaci: il pap test e la vaccinazione contro il papillomavirus umano (hpv) RISPOSTE AI QUESITI RICORRENTI

Dettagli

E una sfida continua quella contro il virus dell Epatite B.

E una sfida continua quella contro il virus dell Epatite B. Epatite Cronica B, malattia sommersa Intervista a Antonio Craxì Ci sono poi, e questo è un elemento dominante, farmaci che sopprimono la replicazione virale con grande rapidità ed efficacia e senza effetti

Dettagli

Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità.

Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità. Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità. Le vaccinazioni prioritarie che sono evidenziate in grassetto dovrebbero prevedere dei programmi organici ed efficaci di offerta attiva. 13 19 (*)

Dettagli

Test di laboratorio nelle malattie epatiche e pancreatiche

Test di laboratorio nelle malattie epatiche e pancreatiche Parte 3a. Epatiti Test di laboratorio nelle malattie epatiche e pancreatiche Fiumicino, 16 aprile 2016 www.cos.it/mediter Dr. Ugo Montanari Epatiti: tests diagnostici - 1 Indicazioni cliniche Tipo di richiesta

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

Prevenzione e controllo dell influenza, raccomandazioni per la stagione 2012-2013. Fonte: Ministero della salute

Prevenzione e controllo dell influenza, raccomandazioni per la stagione 2012-2013. Fonte: Ministero della salute Prevenzione e controllo dell influenza, raccomandazioni per la stagione 2012-2013 Fonte: Ministero della salute Vaccinazione influenzale al via da metà ottobre, con l obiettivo di vaccinare il 95 per cento

Dettagli