STUDIO B.6.72 B/9 ATTIVITÀ DI RILEVAMENTO PER IL MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI PRODOTTI DALLA COSTRUZIONE DELLE OPERE ALLE BOCCHE LAGUNARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDIO B.6.72 B/9 ATTIVITÀ DI RILEVAMENTO PER IL MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI PRODOTTI DALLA COSTRUZIONE DELLE OPERE ALLE BOCCHE LAGUNARI"

Transcript

1 Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia Palazzo Franchetti S. Marco Venezia Tel Fax Progetto STUDIO B.6.72 B/9 ATTIVITÀ DI RILEVAMENTO PER IL MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI PRODOTTI DALLA COSTRUZIONE DELLE OPERE ALLE BOCCHE LAGUNARI Contratto Thetis-CORILA n Documento MACROATTIVITÀ: AVIFAUNA II RAPPORTO DI VALUTAZIONE PERIODO DI RIFERIMENTO: DA SETTEMBRE A DICEMBRE 2013 Versione 1.0 Emissione 15 Gennaio 2014 Redazione Verifica Verifica Approvazione Dott.ssa Francesca Coccon Prof. Natale Emilio Baldaccini Prof.ssa Patrizia Torricelli Ing. Pierpaolo Campostrini

2 Indice 1. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ SVOLTE Introduzione Attività di rilevamento: rilievi standardizzati in campo per il monitoraggio degli effetti sull avifauna Metodi statistici RISULTATI DEI RILIEVI STANDARDIZZATI IN CAMPO PER IL MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI SULL AVIFAUNA Descrizione delle comunità ornitiche Punta Sabbioni San Nicolò Alberoni Santa Maria del Mare Ca Roman San Felice Bacan di Sant Erasmo Descrizione delle comunità ornitiche dei quattro siti costieri: Punta Sabbioni, San Nicolò, Alberoni e Ca Roman Confronto tra indici di dissimilarità, indici di abbondanza e diversità in specie Descrizione della comunità ornitica del Bacan di Sant Erasmo Monitoraggio limicoli e sterne in laguna Rilievi standardizzati in campo Risultati DISCUSSIONE E CONCLUSIONI RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI ALLEGATI AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.2 di 41

3 1. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ SVOLTE 1.1 Introduzione In linea con gli obiettivi del Disciplinare Tecnico, nel mese di aprile 2005 è stato avviato un piano di monitoraggio atto a valutare gli effetti prodotti dai cantieri per le opere da realizzare alle bocche lagunari sull avifauna presente nelle aree interessate dai lavori o ad essi limitrofe. Ciò, tenuto conto dell alta valenza ecosistemica del sito in cui si opera, la laguna di Venezia, e della presenza - in ogni fase del ciclo biologico dell avifauna (nidificazione, svernamento e migrazione ) - di specie di elevato interesse conservazionistico, elencate negli allegati di Convenzioni internazionali per la protezione degli uccelli (Convenzione Ramsar), nonché nell allegato I della Direttiva Uccelli CEE. La laguna di Venezia, identificata come IBA 064 Laguna Veneta [Gariboldi et al., 2000], rientra tra le aree di interesse comunitario per la protezione degli habitat e dell avifauna, come sito Natura 2000 (Rif: Schede Natura Siti di Importanza Comunitaria e Zone di Protezione Speciale D.G.R. n. 448 e n.449 del e Interpretation Manual Of European Union Habitats EUR 25 October 2003). Le indagini pianificate hanno previsto il monitoraggio di sette siti in particolare: Punta Sabbioni, San Nicolò, Alberoni, Santa Maria del Mare, Ca Roman, San Felice e Bacan di Sant Erasmo. Tali aree sono state selezionate in quanto rientrano, ai sensi della direttiva 92/43/CEE, in zone SIC, Siti di Importanza Comunitaria, (Penisola del Cavallino: biotopi litoranei, codice IT ; Lidi di Venezia: biotopi litoranei, codice IT ; Laguna superiore di Venezia IT ) e sono in continuità territoriale con la ZPS, Zona di Protezione Speciale, IT Laguna di Venezia (D.G.R. n. 441 del ) che, ai sensi della Direttiva 79/409/CEE, accorpa ed amplia le preesistenti ZPS IT Valli della Laguna superiore di Venezia, IT Valle Perini e foce del Fiume Dese, IT Laguna Viva medio inferiore di Venezia, IT Casse di colmata B D/E, e IT Valli e Barene della Laguna medio inferiore di Venezia, per un totale di ettari. Le attività di rilevamento condotte ed i dati raccolti, oltre a fornire indicazioni sull eventuale esistenza di fenomeni di disturbo prodotti dai cantieri sull avifauna, hanno permesso di caratterizzare le comunità ornitiche registrate nei siti in esame, descriverne l evolversi temporale e documentare eventuali variazioni nell uso degli habitat in essi presenti. Il presente rapporto espone i risultati del secondo quadrimestre del nono anno di monitoraggio, come prosecuzione dello studio iniziato nel 2005 (Studio B.6.72 B/1). Si segnala che, a partire dalla redazione del I Rapporto di Valutazione B/9, relativo al periodo maggio-agosto 2013, e al fine dell elaborazione del report di cui all oggetto, si è provveduto ad effettuare una revisione totale dei dati di monitoraggio fino ad ora registrati. Pertanto qualche grafico all interno della relazione potrebbe aver subìto qualche leggera modifica non sostanziale. Ciò nonostante, è importante sottolineare che i risultati sinora ottenuti non sono stati in alcun modo inficiati. 1.2 Attività di rilevamento: rilievi standardizzati in campo per il monitoraggio degli effetti sull avifauna Come precedentemente riportato nel testo, in questo rapporto si riportano i risultati delle analisi effettuate sui rilevamenti relativi al secondo quadrimestre del nono anno di monitoraggio: da settembre a dicembre AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.3 di 41

4 Nell area del Bacan di Sant Erasmo sono stati svolti censimenti quindicinali, tenendo presente la sua funzione di area di foraggiamento e di roost d alta marea. Per quanto riguarda le aree di Punta Sabbioni, Alberoni e Ca Roman, nel periodo oggetto di studio sono stati effettuati rilevamenti mensili per transetti al fine di ottenere una descrizione della comunità ornitica svernante. Relativamente alle aree di San Nicolò, Santa Maria del Mare e San Felice, sono stati effettuati censimenti mensili per punti d ascolto (a San Nicolò oltre ai punti d ascolto viene effettuato un transetto lungo la battigia). Infine, per quanto riguarda la copertura dell area lagunare il monitoraggio ha previsto il rilievo mensile della frequenza di limicoli e sterne presenti nei bacini nord e sud della laguna soggetta a marea. 1.2 Metodi statistici Le metodologie statistiche utilizzate sono rimaste invariate dagli anni passati; per una descrizione dei metodi di elaborazione dei dati si veda il Rapporto Finale, Studio B.6.72 B/4. Relativamente ai siti di San Nicolò, Santa Maria del Mare e San Felice è stato possibile effettuare alcune delle analisi statistiche previste per gli altri tre siti costieri, grazie all aumentata dimensione del dataset disponibile. Tuttavia, la limitata estensione dell area SIC permette di rilevare solo 2 punti di ascolto (e 1 solo transetto costiero nel caso di San Nicolò), di conseguenza è bene sottolineare che l area e lo sforzo di campionamento sono inferiori e quindi non paragonabili rispetto agli altri siti. Si ricorda che per effettuate il confronto coi i dati del passato verrà considerato lo Studio B.6.72 B/1 come stato zero, in mancanza di un riferimento antecedente l inizio dei cantieri. Il test ANOSIM ha permesso di valutare le differenze tra le comunità residenti nei tre siti di Punta Sabbioni, Alberoni e Ca Roman, utilizzando i dati ottenuti dai transetti. Per una più agevole lettura dei risultati si tenga presente che il risultato del test statistico (R) riflette l effettiva differenza tra i gruppi considerati (nel presente caso i tre siti) contrastando le differenze al loro interno (nel presente caso i diversi habitat presenti). Il valore di R ricade normalmente tra -1 e 1 ma più usualmente tra 0 e 1. Nel presente caso di studio se R=1 i siti sono composti da ambienti e comunità uniche e sostanzialmente differenti tra loro, mentre se R=0 le caratteristiche dei siti e la composizione delle comunità sono mediamente statisticamente uguali. Per Global R si intende il risultato del test statistico per tutte la variabili considerate (siti, periodo ecc.) mentre con R si riporta il risultato del test per singola variabile; ad entrambi i valori si associa il valore della significatività del test (P). È stata inoltre operata un analisi per la distinzione delle similarità (SIMPER) in cui viene identificato il contributo di ogni specie alla similarità media all interno di ogni sito. Sono state identificate le specie chiave che contribuiscono al 90% della similarità interna dei siti e, parallelamente, le specie che contribuiscono alla dissimilarità tra i siti. Le analisi SIMPER ed ANOSIM sono state effettuate utilizzando il software PRIMER versione Relativamente alle analisi di confronto, sono stati applicati il test di Shapiro per la verifica dell assunto di normalità congiunta dei dati (distribuzione gaussiana o normale) ed il test di Bartlett per la verifica dell assunto di omoschedasticità (varianze statisticamente omogenee). A seconda della distribuzione dei dati, si è provveduto ad applicare test parametrici (ANOVA) o non parametrici (Kruskall-Wallis per il confronto tra più gruppi, Mann-Whitney-Wilcoxon o test T per il confronto tra due gruppi, Friedman laddove i dati non fossero né normali né omoschedastici, Welch per dati normali ma non omoschedastici). Per quanto riguarda i test di correlazione tra i gruppi, è stato applicato il test di Pearson ai dati parametrici mentre il test di Spearman o Kendall ai dati non AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.4 di 41

5 parametrici. Il livello di significatività è stato settato a 0,05 per tutte le analisi svolte. Tali analisi sono state effettuate utilizzando il software R versione 2.15 (R Development Core, 2012). AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.5 di 41

6 2. RISULTATI DEI RILIEVI STANDARDIZZATI IN CAMPO PER IL MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI SULL AVIFAUNA 2.1 Descrizione delle comunità ornitiche I 4 mesi di campionamento (settembre-dicembre 2013) hanno permesso di descrivere le caratteristiche e le modalità di frequentazione dei sette siti (Punta Sabbioni, San Nicolò, Alberoni, Santa Maria del Mare, Ca Roman, San Felice e Bacan di Sant Erasmo) da parte delle specie ornitiche durante il periodo tardo autunnale-invernale. I valori di ricchezza in specie rilevati (biodiversità specifica = numero di specie rilevabili in ciascun sito indipendentemente dall abbondanza o dalla frequenza di osservazione delle specie stesse) si attestano su livelli accettabili, in linea con quanto ci si possa aspettare dalla specificità dei siti oggetto di studio (Tabella 1). I dati indicati per i periodi aprile aprile 2013 e le relative elaborazioni sono riportati in dettaglio nei Rapporti Finali degli Studi B.6.72 B/1, B/2, B/3, B/4, B/5, B/6 e B/7 e B/8. Come già effettuato per i precedenti anni di monitoraggio ed al fine di confrontare i risultati ottenuti, per ciascuno dei siti sono di seguito riportate le descrizioni delle comunità ornitiche caratterizzanti le aree e le check-list 1 relative (allegato Avifauna-II_Rapporto_Valutazione_B9.xls). Per l elaborazione delle check-list sono stati utilizzati i dati provenienti dai rilievi per transetti relativamente ai siti di Punta Sabbioni, Alberoni e Ca Roman, per punti di ascolto nei siti di San Nicolò, Santa Maria del Mare e San Felice, e per conteggi completi al Bacan di Sant Erasmo. 1 A differenza degli altri siti, a San Nicolò, Santa Maria del Mare e San Felice le check-list relative ai periodi d indagine sono formulate sulla base delle osservazioni effettuate durante i campionamenti per punti d ascolto, in quanto coprono una buona percentuale della superficie dell area indagata e si svolgono durante tutto l anno. AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.6 di 41

7 Tabella 1 - Riassunto dei totali di specie osservate nei sette siti monitorati (le frecce indicano l aumento (<) o la diminuzione (>) del numero di specie da un anno al successivo). Totale specie nell anno (maggio-aprile) Tot specie nel periodo settembre-dicembre Variazione N specie nel periodo settembre-dicembre vs vs vs vs vs vs vs Punta Sabbioni > < > < > < < < San Nicolò* > > > < > Alberoni > < < > > > < < Santa Maria del Mare** > > = > Ca Roman *** > < > > > < > < San Felice > = > > Bacan di Sant Erasmo **** 37 (38) 30 (33) 29 (30) 29 (31) 23 (23) 29 (33) 28 (37) 29 (34) (18) > > < > < > < < * Per maggiore completezza, per il sito di San Nicolò sono stati integrati i dati del transetto e dei punti d ascolto, quindi i valori possono differire da quanto riportato in precedenza per i soli punti d ascolto. ** I dati relativi alle presenze a Santa Maria del Mare fanno riferimento ai risultati dell Integrazione allo Studio B.6.72 B/3: Cavidotti di attraversamento per linee elettriche 1a fase - trivellazione orizzontale teleguidata. *** L uscita per il monitoraggio dell avifauna del giorno 29 Aprile 2008 è valida come campionamento per il mese di Maggio **** Fuori dalle parentesi le specie avvistate di giorno, in parentesi il totale dei conteggi diurni + serali, le frecce si riferiscono solo ai conteggi diurni. 12 vs 13 AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.7 di 41

8 2.1.1 Punta Sabbioni Nel periodo considerato, a differenza degli anni precedenti, non sono stati contattati Sparviere, Accipiter nisus, Gheppio, Falco tinnunculus, Balestruccio, Delichon urbica, Codirosso, Phoenicurus phoenicurus, Stiaccino, Saxicola rubetra, Canapino maggiore, Hippolais icterina, e Cinciarella, Parus caeruleus. Continua a mancare inoltre lo Zigolo muciatto, Emberiza cia, assente a Punta Sabbioni dal Registrati invece: Gavina, Larus canus (la cui presenza non veniva osservata dal dicembre 2008), Gabbiano comune, Chroicocephalus ridibundus, Gabbiano corallino, Larus melanocephalus, Spioncello, Anthus spinoletta, e Tordo sassello, Turdus iliacus (dopo la loro assenza negli ultimi due anni di monitoraggio), Tortora dal collare, Streptopelia decaocto, e Rondine, Hirundo rustica (dopo la loro assenza nel 2012). Infine, nel mese di ottobre 2013 è stata registrata a Punta Sabbioni, per la prima volta dall inizio del monitoraggio, la presenza di Airone guardabuoi, Bubulcus ibis. Per il calcolo degli indici di similarità/dissimilarità sono stati utilizzati i dati relativi ai campionamenti mensili per transetto (tre transetti per sito) effettuati nel periodo settembredicembre Durante detto periodo (4 campionamenti a transetto) è stata rilevata per Punta Sabbioni una similarità media del 42,48% rispetto ad Alberoni e Ca Roman (superiore rispetto al valore registrato nello stesso periodo nel 2012). Le specie caratterizzanti Punta Sabbioni e costituenti oltre il 50% dell intera comunità ornitica sono risultate essere: Merlo, Turdus merula (15,91%), Verdone, Carduelis chloris (13,09%), Pettirosso, Erithacus rubecula (11,54%), Fringuello, Fringilla coelebs (7,26%) e Capinera, Sylvia atricapilla (6,26%). Per quanto concerne la porzione dissimile della comunità, si veda oltre (punto a) San Nicolò A differenza degli anni precedenti, nel periodo settembre-dicembre 2013 non sono stati contattati Sparviere, Accipiter nisus, Allodola, Alauda arvensis, e Codirosso spazzacamino, Phoenicurus ochruros. Per la prima volta in questo periodo dall inizio del monitoraggio è stata registrata la presenza di Piovanello tridattilo, Calidris alba, osservato a San Nicolò nel mese di novembre 2013, Codirosso, Phoenicurus phoenicurus, osservato a dicembre, e Bigiarella, Sylvia curruca, avvistata a settembre. Contattato anche Occhiocotto, Sylvia melanocephala, la cui presenza non era stata registrata negli ultimi due anni di monitoraggio (2011, 2012). Similmente al 2011 e 2012, non è stata osservata la presenza di Averla piccola, Lanius collurio, (specie in allegato I della Dir. Uccelli) osservata invece nel 2009 e Alberoni Nel periodo settembre-dicembre 2013, a differenza del 2012, non è stato contattato lo Spioncello, Anthus spinoletta, mentre è stato avvistato il Codibugnolo, Aegithalos caudatus. Da segnalare la ricomparsa di Porciglione, Rallus aquaticus (specie in allegato I della Dir. Uccelli) dopo due anni di mancata osservazione (2011, 2012). Contattato per la prima volta in questo periodo dall inizio del monitoraggio il Piro-piro piccolo, Actitis hypoleucos, osservato nel mese di ottobre Rilevata anche la presenza di Fratino, Charadrius alexandrinus (specie in allegato I della Dir. Uccelli), riavvistato a novembre 2013 dopo alcuni anni di assenza (l ultima osservazione di fratino nel periodo oggetto di studio risale al settembre 2008). Importante segnalare la presenza di Calandro, Anthus campestris (specie in allegato I della Dir. Uccelli), osservato per la prima volta dall inizio del monitoraggio, nel periodo oggetto di studio, a settembre Per il calcolo degli indici di similarità/dissimilarità sono stati utilizzati i dati relativi ai campionamenti mensili per transetto (tre transetti per sito) effettuati nel periodo settembre- AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.8 di 41

9 dicembre Durante detto periodo (4 campionamenti a transetto) è stata registrata per Alberoni una similarità media del 33,97% rispetto a Punta Sabbioni e Ca Roman (superiore rispetto al 2012). Le specie caratterizzanti il sito degli Alberoni sono Gazza, Pica pica (23,70%), Pettirosso, Erithacus rubecula (14,96%) e Colombaccio, Columba palumbus (12,30%). Per quanto concerne la porzione dissimile della comunità, si veda oltre (punto a) Santa Maria del Mare Nel periodo settembre-dicembre 2013, a differenza del 2012, non sono stati censiti: Cormorano, Phalacrocorax carbo, Fischione, Anas Penelope (specie in allegato I della Dir. Uccelli), quest ultimo registrato per la prima volta dall inizio del monitoraggio nel mese di settembre 2012, Picchio rosso maggiore, Dendrocopos major, Spioncello, Anthus spinoletta, Capinera, Sylvia atricapilla, Regolo, Regulus regulus, Verdone, Carduelis chloris, Lucherino, Carduelis spinus, Cardellino, Carduelis carduelis, e Culbianco, Oenanthe oenanthe, quest ultimo avvistato per la prima volta nel settembre Contattati invece nel periodo target Airone cenerino, Ardea cinerea, e Beccapesci, Sterna sandvicensis (in allegato I della Dir. Uccelli) Ca Roman Nel periodo settembre-dicembre 2013, a differenza del 2012, non sono stati contattati Prispolone, Anthus trivialis, Tordela, Turdus viscivorus (specie in allegato I della Dir. Uccelli), Codibugnolo, Aegithalos caudatus, e Lucherino, Carduelis spinus, mentre è stata registrata la presenza di Garzetta, Egretta garzetta (la cui presenza non era stata rilevata nel 2011 e 2012), Gheppio, Falco tinnunculus, Martin pescatore, Alcedo atthis (specie in allegato I della Dir. Uccelli), avvistato ad ottobre 2013, e Picchio rosso maggiore, Dendrocopos major, il cui ultimo avvistamento risale al dicembre Censiti anche Spioncello, Anthus spinoletta, prima d ora mai osservato nel periodo oggetto di studio, Chiurlo maggiore, Numenius arquata (specie in allegato I della Dir. Uccelli), e Migliarino di palude, Emberiza schoeniclus, queste ultime due specie registrate, per la prima volta dall inizio del monitoraggio, rispettivamente nei mesi di settembre e novembre Per il calcolo degli indici di similarità/dissimilarità sono stati utilizzati i dati relativi ai campionamenti mensili per transetto (tre transetti per sito) effettuati nel periodo settembredicembre Durante detto periodo (4 campionamenti a transetto) è stata registrata per Ca Roman una similarità media del 38,14% rispetto ad Alberoni e Punta Sabbioni (superiore rispetto al 2012). Le specie caratterizzanti Ca Roman e costituenti oltre il 50% della comunità totale sono: Gazza, Pica pica (22,31%), Merlo, Turdus merula (15,71%) e Pettirosso, Erithacus rubecula (15,25%). Per quanto concerne la porzione dissimile della comunità, si veda oltre (punto a) San Felice Nel periodo settembre-dicembre 2013 sono state contattate Poiana, Buteo buteo, la cui presenza a San Felice non veniva rilevata da ottobre 2009, Rondine, Hirundo rustica, dopo la sua assenza nel 2012, e Passera d Italia, Passer italiae, il cui ultimo avvistamento risale al settembre A differenza del 2012, non sono stati registrati nel periodo target: Capinera, Sylvia atricapilla, Regolo, Regulus regulus, Cinciarella, Parus caeruleus, Verdone, Carduelis chloris, Verzellino, Serinus serinus, e Cardellino, Carduelis carduelis. AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.9 di 41

10 2.1.7 Bacan di Sant Erasmo Nel periodo settembre-dicembre 2013, presso il Bacan di Sant Erasmo sono state censite 20 specie acquatiche. A differenza del 2012, nel periodo oggetto di studio non è stata registrata la presenza di Smergo maggiore, Mergus menganser, Svasso maggiore, Podiceps cristatus, Svasso piccolo, Podiceps nigricollis, Marangone dal ciuffo, Phalacrocorax aristotelis (specie in allegato I della Dir. Uccelli) e Airone bianco maggiore, Casmerodius albus. Nel 2013 sono stati invece contattati Fratino, Charadrius alexandrinus, e Gambecchio, Calidris minuta, dopo la loro assenza negli ultimi due anni di monitoraggio (2011, 2012), e Corriere grosso, Charadrius hiaticula, la cui ultima osservazione al Bacan di Sant Erasmo risale al settembre Da segnalare inoltre nel 2013 l avvistamento di Piropiro boschereccio, Tringa glareola (specie in allegato I della Dir. Uccelli), contattato per la prima volta in questo periodo dall inizio del monitoraggio, Piro-piro piccolo, Actitis hypoleucos, e Fraticello, Sternula albifrons (specie in allegato I della Dir. Uccelli), la cui presenza non veniva rilevata al Bacan dal settembre Nuova segnalazione per il periodo oggetto di studio riguarda la Pittima minore, Limosa lapponica (specie in allegato I della Dir. Uccelli), mai contattata prima d ora. Al fine di confrontare la composizione della comunità ornitica registrata al Bacan di Sant Erasmo dall inizio delle attività di monitoraggio (2005) ad oggi, e di valutarne le eventuali differenze, sono state applicate le analisi ANOSIM e SIMPER ai dati dei campionamenti quindicinali effettuati nel periodo settembre-dicembre nei diversi anni di studio ( ). Il risultato del test ANOSIM indica una differenza significativa in termini di percentuali di composizione nella comunità ornitica rilevata al Bacan di Sant Erasmo nel corso dei nove anni di monitoraggio (Global R=0.19, P=0.007, P<0.05). I risultati dell analisi SIMPER hanno evidenziato per l anno 2013 una similarità media del 51,36% con gli anni di studio precedenti. Le specie che contribuiscono a tale valore sono: Piovanello pancianera, Calidris alpina (28,90%), Chiurlo maggiore, Numenius arquata (16,95%), e Gabbiano reale, Larus michahellis (11,62%). Le specie le cui abbondanze medie differiscono maggiormente nel confronto tra i nove anni di monitoraggio sono risultate essere: Piovanello pancianera, Calidris alpina, Pivieressa, Pluvialis squatarola e Fratino, Charadrius alexandrinus. Il trend di presenza delle suddette specie nel periodo settembre-dicembre dal 2005 al 2013 è riportato in Figura 1. Il grafico mostra una drastica riduzione delle presenze nel corso del terzo anno di monitoraggio (2007), indicando poi un segnale di ripresa a partire dal 2008 seppur con abbondanze medie significativamente inferiori rispetto a quelle registrate nei primi due anni di monitoraggio (2005, 2006). Ciò nonostante, nel 2013 si nota un aumento di tutte e tre le specie target rispetto al precedente anno di studio (2012). AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.10 di 41

11 Figura 1. Presenze di Piovanello pancianera, Calidris alpina (ascissa sinistra, Calal), Fratino, Charadrius alexandrinus (ascissa destra, Chaal), e Pivieressa, Pluvialis squatarola (ascissa destra, Plusq), registrate al Bacan di Sant Erasmo durante i rilevamenti effettuati nel periodo settembre-dicembre dal 2005 al Le linee tratteggiate nere verticali separano i risultati degli anni di monitoraggio. AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.11 di 41

12 2.2 Descrizione delle comunità ornitiche dei quattro siti costieri: Punta Sabbioni, San Nicolò, Alberoni e Ca Roman Confronto tra indici di dissimilarità, indici di abbondanza e diversità in specie a) Indici di dissimilarità tra le comunità dei tre siti costieri di Punta Sabbioni, Alberoni e Ca Roman Le analisi effettuate sulla stessa matrice di dati con SIMPER hanno permesso di evidenziare gli elementi di dissimilarità tra le comunità ornitiche presenti nei siti di Ca Roman, Alberoni e Punta Sabbioni. I risultati ottenuti da tali analisi sono mostrati in tabella 2 in cui viene riportato il valore di dissimilarità medio tra i siti (in percentuale) e l elenco delle specie che, con la loro abbondanza, contribuiscono maggiormente a differenziarne le comunità. Nel complesso, in termini di composizione di comunità, non si notano sostanziali differenze rispetto allo stesso periodo degli anni di studio precedenti ( ). Tuttavia, i dati numerici calcolati ben evidenziano come i differenti siti, nel periodo autunnale/invernale, ospitino comunità ornitiche simili ma con abbondanze relative differenti. Tabella 2. Elementi di dissimilarità tra i tre siti mediando le differenze tra gli ambienti. Le specie elencate sono quelle che, con la loro abbondanza, contribuiscono maggiormente alla differenziazione tra i tre siti. Periodo settembre-dicembre 2013 Alberoni vs Ca Roman Columba palumbus, Turdus merula, Regulus regulus, Erithacus rubecula, Larus michahellis, Fringilla coelebs, Pica pica, Phylloscopus collybita, Turdus philomelos, Troglodytes troglodytes Alb vs CR - Av. Diss. 65,44% Alberoni vs Punta Sabbioni Carduelis chloris, Columba palumbus, Fringilla coelebs, Erithacus rubecula, Turdus merula, Sylvia atricapilla, Pica pica, Regulus regulus, Sturnus vulgaris, Parus major, Phylloscopus collybita, Garrulus glandarius Alb vs PS - Av. Diss. 72,72% Ca Roman vs Punta Carduelis chloris, Columba palumbus, Erithacus rubecula, Fringilla Sabbioni coelebs, Pica pica, Sylvia atricapilla, Turdus merula, Parus major, Regulus regulus, Phylloscopus collybita, Larus michahellis, Garrulus glandarius CR vs PS - Av. Diss. 74,04% b) Indice di Shannon modificato (M) In Figura 2 sono riportati gli andamenti dell indice di Shannon modificato M calcolato sul totale dei campionamenti effettuati nel periodo settembre-dicembre 2013 per i tre siti costieri di Punta Sabbioni, Alberoni e Ca Roman; in ogni sito è stato condotto un campionamento al mese. I test preliminari di verifica dell assunto di normalità congiunta e di omoschedasticità dei dati hanno accettato l ipotesi (Shapiro-Wilk test, W = 0.908, P oss. = 0.204, P oss. > 0.05; Bartlett test, X 2 2 = 1.668, P oss. = 0.434, P oss. > 0.05), pertanto per il confronto tra i gruppi è stato utilizzato il test parametrico ANOVA. L analisi effettuata ha evidenziato una differenza statisticamente significativa tra gli andamenti dell indice di Shannon M nei tre siti (ANOVA, F 2,9 =20.772, P oss. = , P oss. < 0.05). Dal grafico in Figura 2 si nota infatti come per Punta Sabbioni, nel periodo oggetto di studio (settembre-dicembre 2013), vi sia un valore più alto dell indice e dunque un maggior grado di biodiversità, mentre valori più bassi dell indice sono stati rilevati nell area di Ca Roman ed Alberoni. Per un confronto visivo, in Figura 6 è riportato il trend dell indice di Shannon M AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.12 di 41

13 calcolato nei tre siti costieri maggiori per il periodo settembre-dicembre, dall inizio delle attività di monitoraggio (2005) ad oggi. Figura 2. Andamento dell Indice di Shannon modificato (M) calcolato per i tre siti costieri di Punta Sabbioni (cerchio), Alberoni (quadrato) e Ca Roman (triangolo) per il periodo settembre-dicembre In Figura 3 si osserva l andamento dell indice di Shannon M calcolato per i tre siti minori di San Nicolò, Santa Maria del Mare e San Felice. Anche in questo caso, i dati sono risultati essere normali (Shapiro-Wilk test, W = 0.949, P oss. = 0.623, P oss. > 0.05) e omoschedastici (Bartlett test, X 2 2= 2.597, P oss. = 0.272, P oss. > 0.05), pertanto è stato applicato l ANOVA test per il confronto tra i gruppi. Il test non ha rivelato alcuna differenza statisticamente significativa tra gli andamenti dell indice nei tre siti minori (ANOVA, F 2,9 = 0.630, P oss. = 0.554, P oss. > 0.05). Figura 3. Andamento dell indice di Shannon modificato (M) calcolato per i tre siti costieri minori San Nicolò (triangolo), Santa Maria del Mare (quadrato) e San Felice (cerchio) per il periodo settembre-dicembre AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.13 di 41

14 I grafici in Figura 4 e 5 riportano, per un confronto visivo, l andamento dell indice di Shannon modificato calcolato sull intero periodo di monitoraggio: da aprile 2005 a dicembre 2013 per Punta Sabbioni, Alberoni e Ca Roman e da settembre 2007 per San Nicolò, Santa Maria del Mare e San Felice. Per quanto riguarda il grafico in Figura 5, si registra una maggior variabilità per il sito di San Nicolò mentre gli altri due siti risultano più stabili. AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.14 di 41

15 Figura 4. Andamento dell Indice di Shannon modificato (M) calcolato sull intero periodo di monitoraggio (aprile 2005 dicembre 2013) per i tre siti costieri di Punta Sabbioni (rosso), Alberoni (blu) e Ca Roman (verde). Le linee tratteggiate nere verticali separano i risultati degli anni di monitoraggio. AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.15 di 41

16 Figura 5. Andamento dell indice di Shannon modificato (M) calcolato per i tre siti costieri minori San Nicolò (verde), Santa Maria del Mare (azzurro) e San Felice (arancio) calcolato a partire da settembre 2007, inizio del monitoraggio per il sito di Santa Maria del Mare. Le linee tratteggiate nere separano i risultati degli anni di monitoraggio. AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.16 di 41

17 Figura 6. Mediana e range interquartile dell andamento dell Indice di Shannon modificato (M) calcolato per i tre siti costieri di Punta Sabbioni (rosso), Alberoni (blu) e Ca Roman (verde) nel periodo settembre-dicembre, dall inizio del monitoraggio (2005) ad oggi. Le linee tratteggiate nere separano i risultati degli anni di monitoraggio. AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.17 di 41

18 Per i tre siti di Punta Sabbioni, Alberoni e Ca Roman è stata effettuata un analisi di confronto tra i valori dell indice M calcolati per il periodo settembre-dicembre nei nove anni di monitoraggio ( ) al fine di valutare se vi fossero differenze statisticamente significative. Per quanto riguarda Punta Sabbioni e Alberoni, l analisi preliminare di verifica di normalità congiunta dei dati e di omoschedasticità ha rivelato l assenza dei due assunti (Punta Sabbioni: Shapiro-Wilk test, W=0.190, P oss. = 5.922e-16, P oss. <0.05; Bartlett test, X 2 2= , P oss. < 2.2e-16, P oss. < 0.05; Alberoni: Shapiro-Wilk test, W = 0.939, P oss. = 0.007, P oss. <0.05; Bartlett test, X 2 8 = , P oss. = 0.020, P oss. <0.05); pertanto, per il confronto dell andamento dell indice nei vari anni di studio, è stato applicato il test non parametrico di Friedman. In entrambi i casi, il test ha rivelato una differenza significativa nel trend dell indice (Punta Sabbioni: Friedman test, X 2 8= , P oss. = 0.033, P oss. <0.05; Alberoni: X 2 8= , P oss. = , P oss. <0.05), indicando delle variazioni nella biodiversità registrata in questi siti dall inizio delle attività di monitoraggio ad oggi. Relativamente a Ca Roman, i dati sono risultati congiuntamente normali ma non omoschedastici (Shapiro-Wilk test, W = 0.967, P oss. = 0.134, P oss. >0.05; Bartlett test, X 2 8 = , P oss. = 0.004, P oss. <0.05), pertanto per il confronto tra i gruppi è stato applicato il test di Welch. Anche in questo caso, il risultato del test ha evidenziato una differenza statisticamente significativa dell indice M tra gli anni di studio (Welch test, F 8,15 = 6.892, P oss. = , P oss. <0.05). Il grafico in figura 4 mostra tali variazioni nella biodiversità nel corso dei nove anni di monitoraggio. Dal grafico si nota come i picchi negativi dell indice di Shannon M siano strettamente legati al periodo di svernamento e, in minor misura, al periodo di migrazione primaverile. I picchi negativi più evidenti sono stati rilevati a Punta Sabbioni nel 2007, 2009 e 2010, mentre a Ca Roman nel 2005 e Causalità prossima di tali picchi risiede nel disequilibrio dell abbondanza relativa delle specie censite. Per quanto concerne Punta Sabbioni, la brusca riduzione dell indice di diversità è stata determinata dalla cospicua presenza di Piovanello pancianera, Calidris alpina, divenuto numericamente dominante rispetto alle altre specie durante il periodo di svernamento. Relativamente a Ca Roman, il responsabile della riduzione dell indice M nei primi due anni di monitoraggio è risultato essere il Gabbiano reale, Larus michahellis. Tali picchi negativi non sono registrati negli ultimi quattro anni di monitoraggio ( ), a dimostrazione del fatto che l incidenza quantitativa delle diverse specie è più o meno simile e che dunque non vi sono specie particolarmente dominanti su altre. È stato altresì effettuato un confronto dei valori dell indice M tra l anno 2013 ed il I dati relativi agli anni in esame sono risultati essere normali in tutti tre i siti (Shapiro-Wilk test, in tutti i casi P oss. >0.05). Il T-test applicato ai dati non ha rivelato alcuna differenza significativa tra i due anni considerati per quanto concerne Punta Sabbioni (T-test, t = , df = 3, P oss. = 0.460, P oss. >0.05) che risulta dunque stabile, a differenza di quanto riscontrato ad Alberoni e a Ca Roman (Alberoni: T-test, t = 3.191, df = 3, P oss. = 0.049, P oss. <0.05; Ca Roman: T-test, t = , df = 3, P oss. = , P oss. <0.05), in cui si osserva un andamento dell indice di Shannon in diminuzione (Figura 6). 2.3 Descrizione della comunità ornitica del Bacan di Sant Erasmo Da segnalare l aumentata presenza di limicoli, tra cui il Piovanello pancianera, Calidris alpina, nel periodo oggetto di studio (settembre-dicembre 2013), che registrano abbondanze totali superiori agli ultimi quattro anni di monitoraggio (2009, 2010, 2011 e 2012), indicando quindi una certa tendenza alla ripresa (Figura 1). Ciò nonostante, il numero di presenze effettive registrate al Bacan di Sant Erasmo durante il periodo di migrazione e svernamento 2013 risulta ancora significativamente inferiore rispetto ai contingenti registrati negli inverni precedenti (2005, 2006). L andamento dell indice di Shannon modificato calcolato per il periodo settembre-dicembre, nei nove anni di monitoraggio ( ), è stato analizzato al fine di valutare se vi fossero differenze significative nei valori dell indice registrati. L analisi preliminare di verifica della normalità AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.18 di 41

19 congiunta dei dati e di omoschedasticità ha rivelato l assenza dei due assunti (Shapiro-Wilk test, W= 0.557, P oss. = 1.666e-13, P oss. <0.05; Bartlett test, X 2 8 = , P oss. < 2.2e-16, P oss. <0.05), pertanto è stato applicato il test non parametrico di Friedman per il confronto dell andamento dell indice tra gli anni di studio. Il risultato del test ha evidenziato una differenza statisticamente significativa nel trend dell indice dall inizio delle attività di monitoraggio ad oggi (Friedman test, X 2 8= , P oss. = 0.013, P oss. <0.05) indicando delle variazioni nella biodiversità rilevata. Più in dettaglio, è stata riscontrata una differenza significativa tra i valori dell indice M registrati nel 2013 (Studio B.6.72 B/9) e quelli rilevati nel 2005 (Studio B.6.72 B/1) (Wilcoxon test, W =12, P oss. = 0.037, P oss. <0.05), mentre non è stata rilevata alcuna differenza significativa nei valori dell indice tra il 2012 e il 2013 (Wilcoxon test, W = 26, P oss. = 0.573, P oss. >0.05). In figura 7 è riportato l andamento dell indice di Shannon modificato M, calcolato per il periodo settembre-dicembre 2013, in cui si nota un picco negativo nel mese di dicembre. Tale picco è determinato dalla cospicua presenza di Piovanello pancianera, Calidris alpina. Per un confronto visivo, in Figura 8 è riportato il grafico con l andamento dell indice di Shannon modificato M calcolato sull intero periodo di monitoraggio (aprile dicembre 2013). Figura 7. Andamento dell Indice di Shannon modificato, M, calcolato per il periodo settembre-dicembre 2013 nella comunità ornitica del Bacan di Sant Erasmo. AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.19 di 41

20 Figura 8. Andamento dell Indice di Shannon modificato M, nella comunità ornitica del Bacan di Sant Erasmo dall inizio delle attività di monitoraggio (aprile 2005) ad oggi. Le linee nere tratteggiate separano i risultati degli anni di monitoraggio. AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.20 di 41

21 In tabella 3 è riportata l abbondanza delle specie registrate al Bacan di Sant Erasmo nel periodo settembre-dicembre, dall inizio del monitoraggio ad oggi, ed i grafici in Figura 9 e 10 ne riportano l andamento. È stata quindi effettuata un analisi di confronto relativa alle presenze ornitiche registrate al Bacan nel periodo settembre-dicembre nei nove anni di monitoraggio, al fine di valutare se vi fossero differenze statisticamente significative. I dati sono risultati essere non normali ne omoschedastici (Shapiro-Wilk test, W= 0.669, P oss. = 9.662e-08, P oss. <0.05; Bartlett test, X 2 8 = , P oss. = 3.319e-05, P oss. < 0.05) pertanto, per il confronto tra i gruppi, è stato applicato il test non parametrico di Friedman. I risultati del test hanno evidenziato una differenza significativa tra le abbondanze registrate al Bacan nel periodo oggetto di studio (settembre-dicembre) dall inizio del monitoraggio ad oggi (Friedman test, X 2 8= , P oss. = 0.022, P oss. <0.05). Tuttavia, effettuando un confronto delle abbondanze registrate tra il 2008 e il 2013, non è stata rilevata alcuna differenza statisticamente significativa (Friedman test, X 2 5= 3.285, P oss. = 0.656, P oss. >0.05); dai grafici si nota infatti un trend negativo dal 2005 al 2007, con segnali di ripresa nel 2008 e successiva tendenza alla stabilizzazione. Tabella 3. Numero di esemplari totali rilevati nei mesi di riferimento (settembre dicembre) nei nove anni di monitoraggio. Gli individui registrati presso la lunata della bocca di porto del Lido sono riportati in tabella separatamente. Il monitoraggio della lunata ha preso avvio nell ottobre Anno Settembre Ottobre Novembre Dicembre lunata lunata lunata AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.21 di 41

22 Figura 9. Andamento delle presenze totali registrate al Bacan di Sant Erasmo nel periodo settembredicembre dall inizio delle attività di monitoraggio (aprile 2005). Per le analisi, non sono state prese in considerazione le presenze registrate presso la lunata della bocca di porto del Lido. Figura 10. Mediana e range interquartile delle abbondanze totali rilevate al Bacan di Sant Erasmo nel periodo settembre-dicembre dei nove anni di monitoraggio. Per le analisi, non sono state prese in considerazione le presenze registrate presso la lunata della bocca di porto del Lido. Come riportato in tabella 3, negli ultimi anni si è osservato uno spostamento del Piovanello pancianera, Calidris alpina, dallo scanno sabbioso del Bacan di Sant Erasmo dapprima verso il litorale di Punta Sabbioni (Rapporto Finale Studio B.6.72 B/5 e B/6) e, in seguito alla sua costruzione, verso la lunata prospiciente la bocca di porto del Lido (Figura 11). Sulla lunata non sono ancora terminati i lavori di consolidamento ma gli animali sembrano non essere disturbati dalla presenza di ruspe in azione, presenti a pochi metri di distanza. Il monitoraggio della lunata è iniziato nell ottobre 2011 dopo l osservazione di alcuni individui in volo sulla struttura. Tuttavia, non è possibile affermare con esattezza da quando (dal 2010 in poi) i Piovanelli pancianera abbiano cominciato ad utilizzare tale struttura come roost. AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.22 di 41

23 Figura 11. Presenze di Calidris alpina registrate rispettivamente presso la lunata della bocca di porto del Lido e presso il Bacan di Sant Erasmo. Per l analisi di confronto delle presenze sono stati utilizzati i dati provenienti dai monitoraggi condotti nelle date indicate nel grafico. L estensione del monitoraggio alla lunata è iniziata nell ottobre AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.23 di 41

24 2.4 Monitoraggio dei limicoli svernanti in laguna Rilievi standardizzati in campo Nel periodo settembre-dicembre 2013 sono state effettuate 8 uscite (4 in laguna nord e 4 in laguna sud) in corrispondenza dei picchi di marea. Sono stati percorsi i principali canali della laguna soggetta a marea in zone con velme e barene con l obiettivo di rintracciate le posizioni di stormi, con particolare attenzione a roost e aree di alimentazione. Durante i campionamenti viene sempre effettuato lo stesso percorso e vengono quindi visitati tutti i posatoi già individuati nelle uscite precedenti. Qualora venissero osservati limicoli in aree non frequentate durante le uscite precedenti, queste ultime vengono aggiunte alla lista dei posatoi individuati durante il monitoraggio. Per convenzione si considera laguna nord la porzione di bacino a nord della città di Venezia e laguna sud la porzione di bacino a sud della stessa Risultati Durante il rilevamento tardo autunnale-invernale del 2013 sono stati confermati i posatoi già individuati in laguna nord e sud durante gli anni di studio precedenti (Studio B.6.72 B/4, B/5, B/6, B/7, B/8). Tali posatoi sono comunque riconducibili alle macro aree ospitanti barene naturali, e in alcuni casi artificiali, presenti nei due sottobacini lagunari. Nelle figure 12 e 13 sono riportate le abbondanze di limicoli registrate nei due sottobacini lagunari nel periodo settembre-dicembre 2013 e nei precedenti anni di monitoraggio, mentre negli allegati A8-A11 sono riportati su mappa i dettagli degli avvistamenti nei quattro mesi oggetto di studio. Dal grafico in Figura 12, si osserva in laguna nord un evidente picco di presenze nel mese di novembre, similmente a quanto riscontrato nei precedenti anni di studio (Studio B.6.72 B/4, B/5, B/6, B/7) e contrariamente a quanto registrato nel 2012 (II Rapporto di Valutazione B/8), in cui invece era stato rilevato un calo delle presenze di limicoli in questo mese. Per quanto riguarda la laguna sud (Figura 13) è stato registrato un picco di presenze nel mese di novembre, seppur con contingenti inferiori rispetto al 2012 (Studio B.6.72 B/8). Tuttavia, a differenza del 2012 in cui era stata rilevata una contrazione delle presenze nel mese di dicembre, nel 2013 il numero di effettivi registrati in questo mese si è mantenuto su valori piuttosto elevati (circa individui). Per comodità di lettura, le specie osservate per mese e sottobacino lagunare, con le relative abbondanze, sono riportate in tabella 9 dell allegato Avifauna-II_Rapporto_Valutazione_B9.xls. AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.24 di 41

25 Figure 12 e 13. Abbondanze di limicoli rilevati in laguna nord e sud nel periodo settembre-dicembre nei diversi anni di monitoraggio. Il trend per l anno 2013, in entrambi i sottobacini lagunari, è rappresentato dalla linea azzurra. AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.25 di 41

26 3. DISCUSSIONE E CONCLUSIONI Le check-list compilate sulla base dei dati raccolti ed una prima analisi descrittiva confermano a pieno l importanza di tutte le aree litoranee quali siti di sosta migratoria soprattutto per numerose specie di passeriformi, oltre che dello scanno sabbioso del Bacan e le zone a velma e barena della laguna soggetta a marea come siti di sosta e alimentazione per gli uccelli di ripa. La presenza durante il periodo tardo autunnale-invernale di specie elencate negli allegati di Convenzioni internazionali per la protezione degli uccelli, nonché nell allegato I della Direttiva Uccelli CEE, conferma ulteriormente la valenza di tutte le aree in esame, classificate infatti come aree di interesse comunitario (ZPS e SIC). In particolare: Relativamente ai siti costieri maggiori di Punta Sabbioni, Alberoni e Ca Roman, monitorati sin dal 2005, l indice di Shannon M calcolato per il periodo settembre-dicembre 2013 evidenzia valori di diversità superiori a Punta Sabbioni, mentre ad Alberoni e a Ca Roman sono stati registrati valori inferiori. Il confronto dell andamento dell indice di Shannon tra il 2012 e il 2013 non ha rivelato alcuna differenza significativa per quanto riguarda Punta Sabbioni, che sembra essersi dunque stabilizzato su valori di biodiversità più elevati rispetto agli altri siti. Situazione diversa per Alberoni e Ca Roman per i quali è stato osservato un trend dell indice in diminuzione nel 2013 e dunque un calo di biodiversità rispetto al Tuttavia è importante ricordare che, considerando il numero di specie censite nel periodo target, si è osservato un aumento della ricchezza specifica in tutti tre i siti in esame (Tabella 1 e Checklist in allegato Avifauna-II_Rapporto_Valutazione_B9). Per quanto riguarda i siti costieri per cui il monitoraggio è iniziato successivamente (San Nicolò, Santa Maria del Mare, San Felice) si osserva una grande variabilità interannuale, da imputare alle ridotte dimensioni dei siti, che comporta un instabilità intrinseca a cui possono concorrere fattori di varia natura, sia biotici che abiotici. L indice di Shannon M calcolato per il periodo settembre-dicembre 2013 ha evidenziato valori di biodiversità più elevati a San Felice, con picco nel mese di ottobre, similmente a quanto riscontrato nel 2012 (II Rapporto di Valutazione B/8). Ciò nonostante, non è stata rilevata alcuna differenza significativa nel trend dell indice calcolato per i tre siti. Tra le specie d interesse conservazionistico (presenti in allegato I della Direttiva Uccelli CEE), sono da evidenziare alcune importanti segnalazioni. Per quanto riguarda il sito degli Alberoni, risulta di particolare rilievo l avvistamento di Porciglione, Rallus aquaticus, dopo due anni di mancato contatto; ricontattato anche Fratino, Charadrius alexandrinus, dopo alcuni anni di assenza, e Calandro, Anthus campestris, osservato per la prima volta dall inizio del monitoraggio nel periodo oggetto di studio. Per quanto concerne Santa Maria del Mare, risulta d interesse il contatto di Beccapesci, Sterna sandvicensis, la cui presenza non era stata registrata nel Relativamente a Ca Roman, di particolare rilievo sono gli avvistamenti di Martin pescatore, Alcedo atthis, e Chiurlo maggiore, Numenius arquata, quest ultima specie mai registrata prima d ora in questo sito. Infine, riguardo al Bacan di Sant Erasmo di grande importanza risultano gli avvistamenti di Fratino, Charadrius alexandrinus, dopo due anni di mancata osservazione nel periodo oggetto di studio, Piro-piro boschereccio, Tringa glareola, contattato per la prima volta in questo periodo dall inizio del monitoraggio, Fraticello, Sternula albifrons, la cui presenza non veniva rilevata al Bacan dal settembre 2008, e Pittima minore, Limosa lapponica, mai contattata al Bacan prima d ora. Relativamente al Bacan di Sant Erasmo, si segnala per il periodo oggetto di studio (settembredicembre 2013) un aumento dei limicoli, tra cui Piovanello pancianera, Calidris alpina, Fratino, AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.26 di 41

27 Charadrius alexandrinus, e Pivieressa, Pluvialis squatarola, rispetto ai contingenti registrati nello stesso periodo gli ultimi quattro anni di monitoraggio (2009, 2010, 2011 e 2012), indicando quindi una tendenza alla ripresa. Inoltre, nonostante il numero di presenze totali rilevate al Bacan durante il periodo di migrazione e svernamento 2013 risulti ancora significativamente inferiore rispetto agli inverni precedenti (2005, 2006), è stata registrata una tendenza alla stabilizzazione a partire dal Infine, anche nel 2013, così come nel 2012 e 2011, è stato riscontrato un elevato numero di individui di Calidris alpina presso la lunata della bocca di porto di Lido che continua quindi a mantenere il ruolo di roost d alta marea, facendo pensare che stia sostituendo in questa funzione lo scanno sabbioso del Bacan nonché l arenile di Punta Sabbioni. L estensione del monitoraggio dei limicoli a tutta la laguna di Venezia ed il confronto con le osservazioni effettuate negli anni precedenti consente di caratterizzare in modo più approfondito le popolazioni di queste specie e soprattutto di rilevarne la distribuzione ed abbondanza relativa nei principali posatoi di alta marea. Nel periodo considerato, si è osservato in laguna nord un evidente picco di presenze nel mese di novembre, similmente a quanto riscontrato nei precedenti anni di studio (Studio B.6.72 B/4, B/5, B/6, B/7) e contrariamente a quanto registrato nel 2012, in cui invece era stato rilevato un calo delle presenze di limicoli in questo mese; l andamento quantitativo delle presenze registrato nel sottobacino settentrionale nel 2013 risulta dunque più elevato rispetto a quello registrato nel Per quanto concerne la laguna sud è stato registrato un trend pressoché simile a quello rilevato in laguna nord, con un picco a novembre e contingenti piuttosto elevati anche nel mese di dicembre. Tra le concause responsabili delle fluttuazioni rilevate nelle comunità ornitiche proprie dei diversi siti, non si deve escludere la presenza del disturbo antropico diffuso oltre alla presenza delle attività di cantiere. Tuttavia, dalle analisi effettuate emerge una generale situazione di stabilità delle comunità ornitiche presenti nei siti costieri e dunque nelle aree SIC delle bocche di porto. Inoltre, per quanto concerne l area vasta lagunare, i dati finora acquisiti non dimostrano alcuna particolare fenomenologia, se non l istaurarsi ed il consolidamento di un nuovo posatoio d alta marea presso la lunata della bocca di porto di Lido, anche durante la sua costruzione in presenza di mezzi di cantiere. Quanto emerso dalla relazione va a confermare l importanza delle aree di studio, consentendo altresì di effettuare, per ciascun sito in esame, nuove segnalazioni di specie che si aggiungono alle checklist stilate in precedenza. AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.27 di 41

28 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI Ass. Faunisti Veneti, Atlante degli uccelli nidificanti in Provincia di Venezia, pp Provincia di Venezia Associazione Faunisti Veneti, Padova Ass. Faunisti Veneti, Rapporto ornitologico per la regione Veneto. Anni 1999, 2000, Boll. Mus. civ. St. Nat. Venezia, 53 (2002): Ass. Faunisti Veneti, 2003a - Rapporto ornitologico per la regione Veneto. Anno Boll. Mus. civ. St. Nat. Venezia, 54 (2003): Ass. Faunisti Veneti, 2004a - Rapporto ornitologico per la regione Veneto. Anno Boll. Mus. civ. St. Nat. Venezia, 55 (2004): Ass. Faunisti Veneti, 2004b - Atlante faunistico della Provincia di Venezia, pp Provincia di Venezia Associazione Faunisti Veneti, Castrocielo (FR) Begon M., Harper J. L., Townsend C. R., Ecologia, individui, popolazioni, comunità, pag.853. Zanichelli, Bologna. Bibby C.J., Burges N.D., Hill D.A., Mustoe S Bird Census Techniques, pp Academic Press, UK. Buckland S.T., Magurran A.E., Green R.E., and Fewater R.M., Monitoring change in biodiversity through composite indices. Philosophical Transactions of the Royal Society B 360: Cherubini G., Baccetti N., Serra L Muta ed incremento premigratorio del peso nel Fraticello, Sterna albifrons. Avocetta 19:70 Clarke K.R. and Warwick R.M., Change in Marine Communities: an approach to statistical analysis and interpretation, pp144. Plymouth Marine Laboratory, Plymouth, UK. Dinetti M., Le comunità di uccelli come indicatrici biologiche. Naturalista sicil. X2: Fraisse F., Cockrem JF Corticosterone and fear behaviour in white and brown caged laying hens. British Poultry Science 47[2]: Gariboldi A., Rizzi V., Casale F., 2000 Aree importanti per l avifauna in Italia LIPU pp 528. Guerzoni S., Tagliapietra D. (eds.), 2006 Atlante della laguna. Marsilio Venezia, pp Marsilio, Venezia. Interpretation Manual Of European Union Habitats EUR 25 October 2003 Magistrato alle Acque di Venezia - CORILA, Studio B.6.72 B/1. Attività di rilevamento per il monitoraggio degli effetti prodotti dalla costruzione delle opere alle bocche lagunari. Area: Ecosistemi di pregio. Macroattività: Avifauna. Rapporto Variabilità Attesa. Prodotto dal Concessionario, Consorzio Venezia Nuova. Magistrato alle Acque di Venezia - CORILA, Studio B.6.72 B/1. Attività di rilevamento per il monitoraggio degli effetti prodotti dalla costruzione delle opere alle bocche lagunari. Area: Ecosistemi di pregio. Macroattività: Avifauna. Rapporto di Pianificazione Operativa. Prodotto dal Concessionario, Consorzio Venezia Nuova. Magistrato alle Acque di Venezia - CORILA, Studio B.6.72 B/1. Attività di rilevamento per il monitoraggio degli effetti prodotti dalla costruzione delle opere alle bocche lagunari. Area: Ecosistemi di pregio. Macroattività: Avifauna. Rapporto Finale. Prodotto dal Concessionario, Consorzio Venezia Nuova. AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.28 di 41

29 Magistrato alle Acque di Venezia - CORILA, Studio B.6.72 B/2. Attività di rilevamento per il monitoraggio degli effetti prodotti dalla costruzione delle opere alle bocche lagunari. Area: Ecosistemi di pregio. Macroattività: Avifauna. Rapporto Finale. Prodotto dal Concessionario, Consorzio Venezia Nuova. Magistrato alle Acque di Venezia - CORILA, 2008a. Studio B.6.72 B/3. Attività di rilevamento per il monitoraggio degli effetti prodotti dalla costruzione delle opere alle bocche lagunari. Area: Ecosistemi di pregio. Macroattività: Avifauna. Rapporto Finale. Prodotto dal Concessionario, Consorzio Venezia Nuova. Magistrato alle Acque di Venezia - CORILA, 2008b. Integrazione alle attività di rilevamento per il monitoraggio degli effetti prodotti dalla costruzione delle opere alle bocche lagunari in riferimento alla nuova attività: cavidotti di attraversamento per linee elettriche 1^ fase Trivellazione orizzontale teleguidata. Macroattività: Avifauna. Rapporto Finale. Prodotto dal Concessionario, Consorzio Venezia Nuova. Magistrato alle Acque di Venezia - CORILA, Studio B.6.72 B/4. Attività di rilevamento per il monitoraggio degli effetti prodotti dalla costruzione delle opere alle bocche lagunari. Area: Ecosistemi di pregio. Macroattività: Avifauna. Rapporto Finale. Prodotto dal Concessionario, Consorzio Venezia Nuova. Magistrato alle Acque di Venezia - CORILA, Studio B.6.72 B/5. Attività di rilevamento per il monitoraggio degli effetti prodotti dalla costruzione delle opere alle bocche lagunari. Area: Ecosistemi di pregio. Macroattività: Avifauna. Rapporto Finale. Consorzio Venezia Nuova Esecutore CORILA. Magistrato alle Acque di Venezia- CORILA, Studio B.6.72 B/6. Attività di rilevamento per il monitoraggio degli effetti prodotti dalla costruzione delle opere alle bocche lagunari. Area: Ecosistemi di pregio. Macroattività: Avifauna. Rapporto Finale. Prodotto dal Concessionario, Consorzio Venezia Nuova. Magistrato alle Acque di Venezia- CORILA, Studio B.6.72 B/7. Attività di rilevamento per il monitoraggio degli effetti prodotti dalla costruzione delle opere alle bocche lagunari. Area: Ecosistemi di pregio. Macroattività: Avifauna. Rapporto Finale. Prodotto dal Concessionario, Consorzio Venezia Nuova. Magistrato alle Acque di Venezia- CORILA, 2013a. Studio B.6.72 B/8. Attività di rilevamento per il monitoraggio degli effetti prodotti dalla costruzione delle opere alle bocche lagunari. Area: Ecosistemi di pregio. Macroattività: Avifauna. Rapporto Finale. Prodotto dal Concessionario, Consorzio Venezia Nuova. Magistrato alle Acque di Venezia- CORILA, 2013b. Studio B.6.72 B/9. Attività di rilevamento per il monitoraggio degli effetti prodotti dalla costruzione delle opere alle bocche lagunari. Area: Ecosistemi di pregio. Macroattività: Avifauna. Censimento di laridi e sternidi nidificanti e censimento di altre specie di interesse conservazionistico. I Rapporto di Valutazione. Prodotto dal Concessionario, Consorzio Venezia Nuova. Magurran A.E., Measuring Biological Diversity, pp 256. Blackwell Publishing, Oxford, UK. Mostl E., Palme R Hormones as indicators of stress. Domestic Animal Endocrinology 23: Odum E. P., Basi di ecologia, pag Piccin, Padova. O Dwyer TW, Buttemer WA, Priddel DM Investigator disturbance does not influence chick growth or survivorship in the threatened Gould s Petrel Pterodroma leucoptera. Ibis 148[2]: AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.29 di 41

30 Partecke J., Schwabl I., Gwinner E Stress and the city: Urbanization and its effects on the stress physiology in European Blackbirds. Ecology 87[8]: Primer 5, ver Copyright 2001 PRIMER-E Ltd. R Development Core, T. (2012). R: A language and environment for statistical computing. from Regione Veneto, 2003 Schede natura Siti di Importanza Comunitaria e Zone di Protezione Speciale D.G.R. n. 448 e n.449 del Romero LM, Romero RC Corticosterone responses in wild birds: The importance of rapid initial sampling. Condor 104[1]: Serra L., Panzarin F., Cherubini G., Cester D., and Baccetti N The lagoon of Venice: a premigratory crossroads for the Little terns Sterna albifrons. Avocetta 16: Silverin B Stress responses in birds. Poultry and Avian Biology Reviews 9[4]: Sutherland J.W., Newton I., Green R.E Bird ecology and conservation, pag. 386.Oxford University Press, UK. Tavecchia G., Baccetti N., Serra, L L analisi dei dati di cattura e ricattura. Applicazione allo studio del sistema adriatico di migrazione di muta del Fraticello Sterna albifrons. Atti del VIII Convegno Nazionale degli Inanellatori Italiani, Montesilvano Pescara, Gennaio Valle R., D Este A Un triennio di osservazioni ornitologiche nell area del Porto del Lido (Venezia) con note sulla biologia riproduttiva del Fratino Charadrius alexandrinus e della Ballerina bianca Motacilla alba. Lavori Soc. Ven. Sc. Nat. Vol 17: AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.30 di 41

31 ALLEGATI A1 Cartografia dei transetti e dei punti d ascolto effettuati presso Punta Sabbioni. I transetti sono segnati in rosso, i punti d ascolto in giallo. AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.31 di 41

32 A2 Cartografia dei transetti e dei punti d ascolto effettuati presso San Nicolò. I transetti sono segnati in rosso, i punti d ascolto in giallo. AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.32 di 41

33 A3 Cartografia dei transetti e dei punti d ascolto effettuati presso Alberoni. I transetti sono segnati in rosso, i punti d ascolto in giallo. AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.33 di 41

34 A4 Cartografia dei punti d ascolto effettuati presso Santa Maria del Mare. I punti d ascolto sono segnati in giallo. AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.34 di 41

35 A5 Cartografia dei transetti e dei punti d ascolto effettuati presso Ca Roman. I transetti sono segnati in rosso, i punti d ascolto in giallo. AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.35 di 41

36 A6 Cartografia dei punti d ascolto effettuati presso San Felice. I punti d ascolto sono segnati in giallo. AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.36 di 41

37 A7 Cartografia del Bacan di S.Erasmo (tutta l area). AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.37 di 41

38 A8 - Abbondanza e distribuzione di limicoli presso i posatoi di alta marea nel mese di settembre In verde sono rappresentate le barene naturali, in blu le barene artificiali. AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.38 di 41

39 A9 - Abbondanza e distribuzione di limicoli presso i posatoi di alta marea nel mese di ottobre In verde sono rappresentate le barene naturali, in blu le barene artificiali. AVIFAUNA-II RAPPORTO VALUTAZIONE B/9 Pag.39 di 41

gennaio DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER MAR GIO VEN SAB DOM LUN

gennaio DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER MAR GIO VEN SAB DOM LUN gennaio Fratino (charadrius alexandrinus) Piro piro piccolo (actitis hypoleucos) Piviere dorato (pluvialis apricaria) Ragno minatore (segestria florentina) 0 FEBBRAIO Codirosso spazzacamino (phoenicurus

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

L Avifauna dell Orto Botanico di Brera

L Avifauna dell Orto Botanico di Brera L Avifauna dell Orto Botanico di Brera 1 Censimento dell Avifauna presente all Orto Botanico Braidense, Milano 7 Novembre 1997 Ottobre 1998 a cura di ANTONIO PERUZ Una coppia di Cinciallegra Parus major

Dettagli

Or.Me. Associazione per l Ornitologia e la Gestione Ambientale

Or.Me. Associazione per l Ornitologia e la Gestione Ambientale Or.Me. Associazione per l Ornitologia e la Gestione Ambientale in collaborazione con: Conversano Primo campo di osservazione dell avifauna migratoria nelle Isole Tremiti Ottobre Novembre 213 Report Finale

Dettagli

AVIFAUNA. 1. Elenco faunistico generale

AVIFAUNA. 1. Elenco faunistico generale AVIFAUNA 1. Elenco faunistico generale A tutt'oggi non risulta l'esistenza di studi specifici e mirati sull'avifauna del Parco del Nera. Pertanto l'elenco è stato redatto, limitandosi alle specie nidificanti,

Dettagli

Novembre 2011. A cura di: Dr. Alberto Sorace

Novembre 2011. A cura di: Dr. Alberto Sorace Individuazione di habitat e specie di importanza comunitaria, con particolare riferimento alla Classe degli Uccelli, presenti nei circoli di golf italiani (Relazione finale del primo anno di attività)

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SULLA FAUNA PRESENTE NELL OASI PROTETTA ATC 3 SAN COLOMBANO

RELAZIONE TECNICA SULLA FAUNA PRESENTE NELL OASI PROTETTA ATC 3 SAN COLOMBANO RELAZIONE TECNICA SULLA FAUNA PRESENTE NELL OASI PROTETTA ATC 3 SAN COLOMBANO L'ambiente: L'Oasi di San Colombano è situata nel parco collinare del Comune di San Colombano a 40 km. da Milano. Nonostante

Dettagli

Soc. Ven. Sc. Nat. - Lavori - Vol. 2, pp. 50-55, Venezia, 15 Gennaio 1977 ALBERTO AZZOLINI (*) SULL'AVIFAUNA DI ALCUNE CAVE DELL'ENTROTERRA VENEZIANO

Soc. Ven. Sc. Nat. - Lavori - Vol. 2, pp. 50-55, Venezia, 15 Gennaio 1977 ALBERTO AZZOLINI (*) SULL'AVIFAUNA DI ALCUNE CAVE DELL'ENTROTERRA VENEZIANO Soc. Ven. Sc. Nat. - Lavori - Vol. 2, pp. 50-55, Venezia, 15 Gennaio 1977 ALBERTO AZZOLINI (*) SULL'AVIFAUNA DI ALCUNE CAVE DELL'ENTROTERRA VENEZIANO Abstract About the Birds Observed in some Quarries

Dettagli

I monitoraggi a medio e lungo termine condotti da AsOER: specie, aree e metodi

I monitoraggi a medio e lungo termine condotti da AsOER: specie, aree e metodi I monitoraggi a medio e lungo termine condotti da AsOER: specie, aree e metodi Roberto Tinarelli 29.03.2014 - I monitoraggi a medio e lungo termine condotti da AsOER: specie, aree e metodi Un Associazione

Dettagli

SCHEDA SIC FIUME ROIA. Codice: IT1315720 Provincia: Imperia Comuni: Ventimiglia Superficie: 134 ha Altitudine: 0 40 m.

SCHEDA SIC FIUME ROIA. Codice: IT1315720 Provincia: Imperia Comuni: Ventimiglia Superficie: 134 ha Altitudine: 0 40 m. SCHEDA SIC FIUME ROIA Codice: IT1315720 Provincia: Imperia Comuni: Ventimiglia Superficie: 134 ha Altitudine: 0 40 m. Il sito Fiume Roia comprende il tratto terminale del fiume Roia compreso tra l area

Dettagli

L Atlante degli Uccelli nidificanti nella Riserva naturale del Lago di Vico

L Atlante degli Uccelli nidificanti nella Riserva naturale del Lago di Vico Giornata Romana di Ornitologia Metodi, strumenti e approcci nell ornitologia di base e applicata Roma, Università degli Studi Roma Tre 24 Novembre 2012 L Atlante degli Uccelli nidificanti nella Riserva

Dettagli

MONITORAGGIO DEGLI UCCELLI NIDIFICANTI, SVERNANTI E MIGRATORI NELL AREA DEL M. N. DI MONTECASSINO

MONITORAGGIO DEGLI UCCELLI NIDIFICANTI, SVERNANTI E MIGRATORI NELL AREA DEL M. N. DI MONTECASSINO MONITORAGGIO DEGLI UCCELLI NIDIFICANTI, SVERNANTI E MIGRATORI NELL AREA DEL M. N. DI MONTECASSINO Indagine conoscitiva A CURA DI dott. SILVIO G. d ALESSIO e dott. MASSIMO SACCHI ASSOCIAZIONE CIBELE ONLUS

Dettagli

Il calendario delle nidificazioni in Toscana a cura di E. Arcamone, C. Brondi, A Moretti e L. Puglisi (28 marzo 2015)

Il calendario delle nidificazioni in Toscana a cura di E. Arcamone, C. Brondi, A Moretti e L. Puglisi (28 marzo 2015) Il calendario delle nidificazioni in Toscana a cura di E. Arcamone, C. Brondi, A Moretti e L. Puglisi (28 marzo 2015) A distanza di quattro anni dalla prima stesura del calendario delle nidificazioni in

Dettagli

5) La Comunità Europea ci chiede di agire nell ambito della. Gestione Adattativa

5) La Comunità Europea ci chiede di agire nell ambito della. Gestione Adattativa 5) La Comunità Europea ci chiede di agire nell ambito della Gestione Adattativa ovvero che l efficacia delle azioni di gestione venga misurata grazie ai dati raccolti durante il monitoraggio. La sfida

Dettagli

Avifauna delle aree protette del Nord Milanese

Avifauna delle aree protette del Nord Milanese a cura di Fabio Casale, Valentina Bergero, Giuseppe Bogliani, G. Matteo Crovetto, Riccardo Falco, Sofia Montorfano, Mattia Brambilla 30/06/2012 Fondazione Lombardia per l Ambiente Largo 10 Luglio 1976,

Dettagli

PROGETTO MONITORAGGIO TURDIDI IN UMBRIA

PROGETTO MONITORAGGIO TURDIDI IN UMBRIA PROGETTO MONITORAGGIO TURDIDI IN UMBRIA Inanellamento scientifico all'isola Polvese sul Trasimeno RELAZIONE CONCLUSIVA 2 ANNO DI MONITORAGGIO - FEBBRAIO 200 Pag. INDICE Introduzione pag. 0 Materiali e

Dettagli

SULL'AVIFAUNA DELLA CITTA' DI MESTRE E DELLA SUA CONTERMINAZIONE SUB-URBANA

SULL'AVIFAUNA DELLA CITTA' DI MESTRE E DELLA SUA CONTERMINAZIONE SUB-URBANA Lavori - Soc. Ven. Sc. Nat. - Vol. 7, pp. 91-98, Venezia, 15 Gennaio 1982 MASSIMO SEMENZATO* - GIANNI ARE** SULL'AVIFAUNA DELLA CITTA' DI MESTRE E DELLA SUA CONTERMINAZIONE SUB-URBANA Abstract Records

Dettagli

REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO. Decreto del Presidente

REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO. Decreto del Presidente REGIONE LAZIO Dipartimento Direzione Regionale DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO AGRICOLTURA Decreto del Presidente DECRETO N. T00276 DEL 7 AGOSTO 2012 Oggetto: Stagione venatoria 2012/2013. Esercizio

Dettagli

Paolo Roccaforte, Giovanni Sirna, Mauro Bon (*)

Paolo Roccaforte, Giovanni Sirna, Mauro Bon (*) Boll. Mus. civ. St. nat. Venezia, 43 (1992) 1994 221 Paolo Roccaforte, Giovanni Sirna, Mauro Bon (*) IL BOSCO DI CARPENEDO (VENEZIA) - 6 OSSERVAZIONI SULL'AVIFAUNA DI UN LEMBO RELITTO DI FORESTA PLANIZIALE

Dettagli

AIRONE BIANCO MAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore, svernante, nidificante.

AIRONE BIANCO MAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore, svernante, nidificante. AIRONE BIANCOMAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. Più grande degli altri ardeidi bianchi (dimensioni del cenerino) ha un caratteristico sopracciglio verdastro AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore,

Dettagli

OSSERVAZIONI DURANTE UN CICLO ANNUALE SULL'AVIFAUNA DELLA/GARZAIA DI VALENZA (AL)*

OSSERVAZIONI DURANTE UN CICLO ANNUALE SULL'AVIFAUNA DELLA/GARZAIA DI VALENZA (AL)* RV. PEM. ST. NAT. 4, 1983: 111-125 CLAUDO PULCHER OSSERVAZON DURANTE UN CCLO ANNUALE SULL'AVFAUNA DELLA/GARZAA D VALENZA (AL)* NTRODUZONE L'istituzione della Riserva Naturale della Garzaia di Valenza,

Dettagli

RELAZIONE ORNITOLOGICA 2015 DELLA RISERVA NATURALE TORBIERE DEL SEBINO

RELAZIONE ORNITOLOGICA 2015 DELLA RISERVA NATURALE TORBIERE DEL SEBINO RELAZIONE ORNITOLOGICA 2015 DELLA RISERVA NATURALE TORBIERE DEL SEBINO A cura di Paolo Trotti & Federico De Pascalis GRA (Gruppo Ricerche Avifauna) Tarabuso (D. Vezzoli) INDICE INTRODUZIONE CHECK-LIST

Dettagli

Stazione di inanellamento e ricerca sui migratori Laghetto degli Alfieri (Lago di Fondi - LT)

Stazione di inanellamento e ricerca sui migratori Laghetto degli Alfieri (Lago di Fondi - LT) Parco Regionale dei Monti Ausoni e Lago di Fondi Associazione Cibele Onlus Stazione di inanellamento e ricerca sui migratori Laghetto degli Alfieri (Lago di Fondi - LT) Relazione sulla campagna di inanellamento

Dettagli

Allegato tecnico B DCE n. 20/2011. Progetto Esecutivo WP2 - Attività 2. 28 marzo 2011

Allegato tecnico B DCE n. 20/2011. Progetto Esecutivo WP2 - Attività 2. 28 marzo 2011 Allegato B alla Delibera di Comitato Esecutivo n. 21 del 04/04/2011 Capitolato tecnico - Allegato tecnico B DCE n. 20/2011 Monitoraggio delle popolazioni di uccelli nidificanti, svernanti e migratrici

Dettagli

Monitoraggio dell Avifauna Acquatica Svernante nella Riserva Naturale Saline

Monitoraggio dell Avifauna Acquatica Svernante nella Riserva Naturale Saline Monitoraggio dell Avifauna Acquatica Svernante nella Riserva Naturale Saline di Tarquinia (Vt) Relazione a cura di: dott. Jacopo G. Cecere Sommario 1. Cenni sull area di studio... 3 2. Materiali e metodi...

Dettagli

sensi della Direttiva 43/92/CEE Habitat e della Direttiva 409/79/CEE Uccelli.

sensi della Direttiva 43/92/CEE Habitat e della Direttiva 409/79/CEE Uccelli. La Sacca di Goro: Quadro conoscitivo e proposte preliminari di gestione della laguna compresa nel SIC Sacca di Goro, Po di Goro, Valle Dindona, Foce del Po di Volano Andrea Noferini, Maira Passerella,

Dettagli

Anthus STUDIO SULL AVIFAUNA MIGRATORIA IN SARDEGNA

Anthus STUDIO SULL AVIFAUNA MIGRATORIA IN SARDEGNA STUDIO SULL AVIFAUNA MIGRATORIA IN SARDEGNA Aprile 2012 Coordinamento Sergio Nissardi biologo snc Carla Zucca naturalista snc Relazione di Sergio Nissardi biologo snc Carla Zucca naturalista snc Attività

Dettagli

Gli uccelli. di Maurizio Sighele e Marco Morbioli

Gli uccelli. di Maurizio Sighele e Marco Morbioli Gli uccelli di Maurizio Sighele e Marco Morbioli Nella terminologia ornitologica e ancor più in quella del birdwatcher, per check-list si intende un elenco di specie. La check-list dell avifauna del comune

Dettagli

1) Laguna di Grado: Oasi delle Barancole Banco D Orio (GO e UD).

1) Laguna di Grado: Oasi delle Barancole Banco D Orio (GO e UD). Analisi e pianificazioni speciali: Proposta per la istituzione di aree di tutela faunistica (Oasi di protezione della flora e della fauna di cui alla LN 157/92), eventualmente da identificare con Riserve

Dettagli

Ambienti urbanizzati

Ambienti urbanizzati Ambienti urbanizzati Tortora dal collare orientale (Streptopelia decaocto) Colorazione rosata sul dorso e sul ventre; collarino nero sul collo. Si riproduce su piccoli alberi ma anche su strutture costruite

Dettagli

6 ANALISI DELLA DINAMICA - SPECIE DI INTERESSE CONSERVAZIONISTICO

6 ANALISI DELLA DINAMICA - SPECIE DI INTERESSE CONSERVAZIONISTICO 6 ANALISI DELLA DINAMICA - SPECIE DI INTERESSE CONSERVAZIONISTICO Le specie più a rischio non sono oggetto di monitoraggi organici, in mancanza di fondi destinati a questo scopo; gli studi attivati sono

Dettagli

FLAVIO MONTI Parco Regionale della Maremma, via del Bersagliere 7/9, 58010 Alberese GR, Italia cheb.rep@tiscali.it

FLAVIO MONTI Parco Regionale della Maremma, via del Bersagliere 7/9, 58010 Alberese GR, Italia cheb.rep@tiscali.it Atti del Museo di Storia Naturale della Maremma, 23: 49-55 (30 novembre 2012) ISSN 1126-0882 COMPOSIZIONE E RICCHEZZA SPECIFICA DELL AVIFAUNA ACQUATICA DELLA FOCE DEL FIUME OMBRONE (TOSCANA, GR) WATERBIRDS

Dettagli

Una sosta per il Piviere tortolino (Charadrius morinellus)

Una sosta per il Piviere tortolino (Charadrius morinellus) Ente di gestione delle aree protette delle Alpi Cozie Una sosta per il Piviere tortolino (Charadrius morinellus) Giuseppe Roux Poignant Gianfranco Ribetto Domenico Rosselli RELAZIONE FINALE DEL PRIMO ANNO

Dettagli

lista avvistamenti Darsena

lista avvistamenti Darsena LegaItalianaProtezioneUccelli AssociazioneperlaconservazionedellaNatura listaavvistamentidarsena 1 LegaItalianaProtezioneUccelli AssociazioneperlaconservazionedellaNatura Premessa: Questalista fruttodiosservazionideisocidilipumilano

Dettagli

Gli uccelli acquatici svernanti nella laguna di Venezia nel periodo 1993-2007: analisi delle dinamiche temporali e spaziali

Gli uccelli acquatici svernanti nella laguna di Venezia nel periodo 1993-2007: analisi delle dinamiche temporali e spaziali vocetta 33: 87-99 (2009) Gli uccelli acquatici svernanti nella laguna di Venezia nel periodo 1993-2007: analisi delle dinamiche temporali e spaziali Francesco carton, Mauro Bon ssociazione Faunisti Veneti,

Dettagli

CENSIMENTO DEGLI UCCELLI ACQUATICI SVERNANTI IN PROVINCIA DI ROVIGO ANNI 2007 E 2008

CENSIMENTO DEGLI UCCELLI ACQUATICI SVERNANTI IN PROVINCIA DI ROVIGO ANNI 2007 E 2008 CENSIMENTO DEGLI UCCELLI ACQUATICI SVERNANTI IN PROVINCIA DI ROVIGO ANNI 27 E 28 A cura di: Emiliano Verza, Danilo Trombin, Alessandra Cadore Ass. Cult. Nat. Sagittaria SEDE LEGALE Via G. Galilei, 7 451

Dettagli

UCCELLI. 2.3.1 - Descrizione delle specie potenzialmente indicatrici di qualità ambientale. Uccelli

UCCELLI. 2.3.1 - Descrizione delle specie potenzialmente indicatrici di qualità ambientale. Uccelli UCCELLI 2.3.1 - Descrizione delle specie potenzialmente indicatrici di qualità ambientale Nella fase iniziale d organizzazione della ricerca erano state considerate 38 specie potenzialmente indicatrici

Dettagli

Corsi di formazione sulla conservazione e gestione della fauna selvatica

Corsi di formazione sulla conservazione e gestione della fauna selvatica Corsi di formazione sulla conservazione e gestione della fauna selvatica CORSO PER OPERATORI ADDETTI ALLA VALUTAZIONE DEI DANNI ARRECATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE PRODUZIONI AGRICOLE E RELATIVA PREVENZIONE

Dettagli

Birdwatching Days. 15, 16 e 17 maggio. Parco del Delta del Po Emilia-Romagna

Birdwatching Days. 15, 16 e 17 maggio. Parco del Delta del Po Emilia-Romagna Birdwatching Days 15, 16 e 17 maggio Parco del Delta del Po Emilia-Romagna Un weekend speciale dedicato al birdwatching in cui verranno organizzate escursioni speciali in barca, a piedi e in bici alla

Dettagli

STRUTTURA DEL PIANO DI MONITORAGGIO DEI LAVORI PREVISTI DAL PROGRAMMA DI INTERVENTI PRIORITARI DI RECUPERO E RIEQUILIBRIO DEL LITORALE - D.C.

STRUTTURA DEL PIANO DI MONITORAGGIO DEI LAVORI PREVISTI DAL PROGRAMMA DI INTERVENTI PRIORITARI DI RECUPERO E RIEQUILIBRIO DEL LITORALE - D.C. STRUTTURA DEL PIANO DI MONITORAGGIO DEI LAVORI PREVISTI DAL PROGRAMMA DI INTERVENTI PRIORITARI DI RECUPERO E RIEQUILIBRIO DEL LITORALE - D.C.R. 47/2003 - PROGETTO N 20 FOCE DEL FIUME OMBRONE PER CONTRASTARE

Dettagli

A cura di: Direzione Ambiente e Sicurezza del Territorio Osservatorio Naturalistico della Laguna

A cura di: Direzione Ambiente e Sicurezza del Territorio Osservatorio Naturalistico della Laguna L ambiente delle bocche di porto della Laguna di Venezia: caratteristiche ambientali salienti e analisi degli effetti/impatti in relazione ai lavori di realizzazione del sistema Mo.S.E. A cura di: Direzione

Dettagli

CONOSCI LA RISERVA NATURALE REGIONALE SENTINA

CONOSCI LA RISERVA NATURALE REGIONALE SENTINA CONOSCI LA RISERVA NATURALE REGIONALE SENTINA Quaderno del birdwatching di: Data del rilevamento: / / Ora (inizio rilevamento) : (fine rilevamento) : Descrizione area rilevamento: Località Provincia Condizioni

Dettagli

Regione Umbria Servizio Sistemi naturalistici e zootecnia Sezione Aree protette e progettazione integrata

Regione Umbria Servizio Sistemi naturalistici e zootecnia Sezione Aree protette e progettazione integrata Regione Umbria Servizio Sistemi naturalistici e zootecnia Sezione Aree protette e progettazione integrata PARCO REGIONALE DEL FIUME NERA Aspetti faunistici Uccelli PSR Umbria 2007-2013 Misura 323 - azione

Dettagli

CAPITOLO 3 L avifauna nidificante e migratrice

CAPITOLO 3 L avifauna nidificante e migratrice Quaderni del Padule di Fucecchio n. 1 (2001): 121-171 2001 Centro di Ricerca, Documentazione e Promozione del Padule di Fucecchio CAPITOLO 3 L avifauna nidificante e migratrice MICHELE A. GIUNTI 1, LINDA

Dettagli

Zone costiere Natura 2000 - le sfide da affrontare per la loro gestione in Friuli Venezia Giulia

Zone costiere Natura 2000 - le sfide da affrontare per la loro gestione in Friuli Venezia Giulia Zone costiere Natura 2000 - le sfide da affrontare per la loro gestione in Friuli Venezia Giulia Stefano Sponza Dipartimento di Matematica e Geoscienze, Università degli studi di Trieste sponza@units.it

Dettagli

PROGETTO ALPI. La migrazione postriproduttiva attraverso le Alpi italiane

PROGETTO ALPI. La migrazione postriproduttiva attraverso le Alpi italiane PROGETTO ALPI La migrazione postriproduttiva attraverso le Alpi italiane Resoconto sull attività di campo 2005 Incontro annuale 23.6.2006 Museo di Storia Naturale di Verona A cura di Osvaldo Negra, Alessandra

Dettagli

Rosario Mascara (1) L AVIFAUNA DEGLI INVASI ARTIFICIALI DI CIMIA, COMUNELLI E DISUERI (CALTANISSETTA, SICILIA) aggiornamento

Rosario Mascara (1) L AVIFAUNA DEGLI INVASI ARTIFICIALI DI CIMIA, COMUNELLI E DISUERI (CALTANISSETTA, SICILIA) aggiornamento U.D.I. XXXIX: 18-24 (2014) Rosario Mascara (1) L AVIFAUNA DEGLI INVASI ARTIFICIALI DI CIMIA, COMUNELLI E DISUERI (CALTANISSETTA, SICILIA) aggiornamento Riassunto Questo nuovo aggiornamento ha accertato

Dettagli

La Cassinazza - Diario di un naturalista

La Cassinazza - Diario di un naturalista OSSERVAZIONI ALLA CASSINAZZA REPORT 2014 I due mesi di Gennaio e Febbraio sono stati esageratamente piovosi, ma mai freddi, come anche era stata la prima parte dell inverno, alla fine del 2013. Ciò ha

Dettagli

CHECK-LIST DEGLI UCCELLI DELLE SORGENTI DEL SILE (PARCO NATURALE REGIONALE DEL FIUME SILE) di Paolo Roccaforte

CHECK-LIST DEGLI UCCELLI DELLE SORGENTI DEL SILE (PARCO NATURALE REGIONALE DEL FIUME SILE) di Paolo Roccaforte CHECK-LIST DEGLI UCCELLI DELLE SORGETI DEL SILE (PARCO ATURALE REGIOALE DEL FIUME SILE) i Paolo Roccaforte Introuzione La lista riportata elenca le specie ornitiche rilevate nell'area elle Sorgenti el

Dettagli

La comunità ornitica del bosco planiziale di Palo Laziale (Roma) 30 anni dopo (1982-2012)

La comunità ornitica del bosco planiziale di Palo Laziale (Roma) 30 anni dopo (1982-2012) La comunità ornitica del bosco planiziale di Palo Laziale (Roma) 30 anni dopo (1982-2012) La comunità ornitica del bosco planiziale di Palo Laziale (Roma) 30 anni dopo (1982-2012) Immagine tratta da Google

Dettagli

MORUS PROGETTO UCCELLI MARINI

MORUS PROGETTO UCCELLI MARINI MORUS PROGETTO UCCELLI MARINI BOLLETTINO N 7 1/2012 Berta maggiore Calonectris diomedea e Gabbiani reali Larus michahellis. Versilia, maggio 2012 (Alessio Quaglierini) 1 Citazione dei dati Si consigliano

Dettagli

PROGETTO LIFE+ Trans Insubria Bionet - TIB

PROGETTO LIFE+ Trans Insubria Bionet - TIB Trans Insubria Bionet - TIB Relazione attività Ottobre 2013 Monitoraggio dell'avifauna A cura di Severino Vitulano Indice 1 - Premessa... 4 2 - Metodi... 5 2.1 Action e.2.5 - Monitoraggio delle specie

Dettagli

La conservazione dell ambiente naturale nella Regione Lombardia: le garzaie e le aree protette della bassa pianura

La conservazione dell ambiente naturale nella Regione Lombardia: le garzaie e le aree protette della bassa pianura La conservazione dell ambiente naturale nella Regione Lombardia: le garzaie e le aree protette della bassa pianura A cura di U. Bressan, L. Canova, M. Fasola. Regione Lombardia Università di Pavia INTRODUZIONE

Dettagli

SULLA ROTTA DELLE MIGRAZIONI L OASI DEI VARICONI a cura di ALESSIO USAI

SULLA ROTTA DELLE MIGRAZIONI L OASI DEI VARICONI a cura di ALESSIO USAI SULLA ROTTA DELLE MIGRAZIONI L OASI DEI VARICONI a cura di ALESSIO USAI Lembo ancora testimone di quella antica palude che caratterizzava il litorale domizio, la cui estensione era dall area a nord di

Dettagli

Studio del popolamento ornitico Dott. Fabio Scarfò. Sommario

Studio del popolamento ornitico Dott. Fabio Scarfò. Sommario Studio del popolamento ornitico Dott. Fabio Scarfò Sommario Studio dell ornitofauna... 4 Obiettivi... 4 Metodi... 4 Risultati... 8 Check list... 8 Elenco specie nidificanti... 15 Elenco delle specie svernanti

Dettagli

La migrazione autunnale.

La migrazione autunnale. a cura di Paolo Vasca - Facendo riferimento a quello che accade in altre nazioni europee (soprattutto del nord Europa), dove questa è divenuta una consuetudine, durante il periodo invernale possiamo aiutare

Dettagli

INTERNATIONAL WETLAND CENSUS - CENSIMENTO UCCELLI ACQUATICI SVERNANTI RELAZIONE FINALE GENNAIO 2009. aprile 2009

INTERNATIONAL WETLAND CENSUS - CENSIMENTO UCCELLI ACQUATICI SVERNANTI RELAZIONE FINALE GENNAIO 2009. aprile 2009 INTERNATIONAL WETLAND CENSUS - CENSIMENTO UCCELLI ACQUATICI SVERNANTI GENNAIO 2009 RELAZIONE FINALE aprile 2009 D R. LORENZO M AFFEZZOLI VIALE PIAVE, 7-46100 MANTOVA International Wetland Census - Censimento

Dettagli

C.R.A.S. CENTRO RECUPERO ANIMALI SELVATICI. Via Alpi 25 12010 Bernezzo (CN) Tel /Fax 017182305 Cell. 3285325296 C.F. 96068440047

C.R.A.S. CENTRO RECUPERO ANIMALI SELVATICI. Via Alpi 25 12010 Bernezzo (CN) Tel /Fax 017182305 Cell. 3285325296 C.F. 96068440047 C.R.A.S. CENTRO RECUPERO ANIMALI SELVATICI Via Alpi 25 12010 Bernezzo (CN) Tel /Fax 017182305 Cell. 3285325296 C.F. 96068440047 www.centrorecuperoselvatici.it e-mail: info@centrorecuperoselvatici.it Relazione

Dettagli

ATLANTE DEGLI UCCELLI SVERNANTI NELLA CITTÀ DI BRESCIA 2006-2011

ATLANTE DEGLI UCCELLI SVERNANTI NELLA CITTÀ DI BRESCIA 2006-2011 «NATURA BRESCIANA» Ann. Mus. Civ. Sc. Nat. Brescia, 2015, 39: 171-230 ATLANTE DEGLI UCCELLI SVERNANTI NELLA CITTÀ DI BRESCIA 2006-2011 1, Emanuele Forlani 1, Paolo Trotti 1, Pierandrea Brichetti 1 Parole

Dettagli

AZIONE A.2 MONITORAGGIO EX ANTE LO STATO DI CONSERVAZIONE DELLE AREE E DELLE SPECIE SOGGETTE ALLE AZIONI DEL PROGETTO

AZIONE A.2 MONITORAGGIO EX ANTE LO STATO DI CONSERVAZIONE DELLE AREE E DELLE SPECIE SOGGETTE ALLE AZIONI DEL PROGETTO Azioni Azioni: A: AZIONI PREPARATORIE AZIONE A.1 G.A.P. Il General Action Plan ha l obiettivo di delineare le strategie e gli obiettivi comuni per la conservazione degli habitat e delle specie per la fruizione

Dettagli

Provincia di Firenze

Provincia di Firenze Provincia di Firenze DIREZIONE AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA Via G.S. Mercadante, 42 50144 FIRENZE Tavole di riconoscimento della fauna omeoterma ai fini del conseguimento dell abilitazione all esercizio

Dettagli

CENTRO RECUPERO AVIFAUNA SELVATICA DÌ TRENTO Provincia Autonoma di Trento - Servizio Foreste e Fauna. LIPU. Lega Italiana Protezione Uccelli.

CENTRO RECUPERO AVIFAUNA SELVATICA DÌ TRENTO Provincia Autonoma di Trento - Servizio Foreste e Fauna. LIPU. Lega Italiana Protezione Uccelli. CENTRO RECUPERO AVIFAUNA SELVATICA DÌ TRENTO Provincia Autonoma di Trento - Servizio Foreste e Fauna. LIPU. Lega Italiana Protezione Uccelli. CENTRO RECUPERO AVIFAUNA SELVATICA DI SAN ROCCO (TN) RELAZIONE

Dettagli

Federazione Italiana della Caccia Ufficio Avifauna Migratoria

Federazione Italiana della Caccia Ufficio Avifauna Migratoria Federazione Italiana della Caccia Ufficio Avifauna Migratoria Dott. Michele Sorrenti Milano, 14 novembre 2010 SITUAZIONE DEMOGRAFICA DELLA POPOLAZIONE DI STORNO (Sturnus vulgaris) IN EUROPA E ITALIA IN

Dettagli

Relazione vegetazionale e inquadramento faunistico

Relazione vegetazionale e inquadramento faunistico committente: Consorzio di Bonifica della Romagna Occidentale - Lugo (RA) codice CIG: progetto: invaso interaziendale Ghiroli (prog. 886/E) in comune di Castel Bolognese (RA) CONSORZIO IRRIGUO BIANCANIGO

Dettagli

Sommario. Figura 1 Premio Beato G. Tavelli.

Sommario. Figura 1 Premio Beato G. Tavelli. Sommario Il Giardino delle Capinere... 4 Il CRAS Centro Recupero Animali Selvatici... 5 ORE LAVORATIVE... 6 GLI ANIMALI ARRIVATI E LIBERATI... 6 L Oasi Isola Bianca... 8 LA VITA SULL ISOLA... 9 L Educazione

Dettagli

Sommario. Figura 1 Una giovane Civetta un attimo prima d essere liberata.

Sommario. Figura 1 Una giovane Civetta un attimo prima d essere liberata. Sommario Il Giardino delle Capinere... 4 Il CRAS - Centro Recupero Animali Selvatici... 5 GLI ANIMALI ARRIVATI E LIBERATI... 7 L Oasi Isola Bianca... 9 I PROBLEMI... 10 LA VITA SULL ISOLA... 11 L Educazione

Dettagli

L AVIFAUNA DEL PARCO URBANO DI SAN GIULIANO (MESTRE, PROVINCIA DI VENEZIA): AGGIORNAMENTO AL 31/8/2010

L AVIFAUNA DEL PARCO URBANO DI SAN GIULIANO (MESTRE, PROVINCIA DI VENEZIA): AGGIORNAMENTO AL 31/8/2010 Emanuele Stival L AVIFAUNA DEL PARCO URBANO DI SAN GIULIANO (MESTRE, PROVINCIA DI VENEZIA): AGGIORNAMENTO AL 31/8/2010 Riassunto. Vengono riportati i risultati di un indagine avifaunistica pluriennale

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ANTONIO ALUIGI VIA MARCONI 165-16011 ARENZANO (Genova), Italia Telefono 0108590300 Fax 0108590064

Dettagli

LA FORESTA E LA BIODIVERSITÀ URBANA

LA FORESTA E LA BIODIVERSITÀ URBANA LA FORESTA E LA BIODIVERSITÀ URBANA Marco Dinetti Responsabile nazionale Ecologia urbana Lipu Direttore scientifico Ecologia Urbana robin.marco@tiscalinet.it www.ecologia-urbana.com LA FORESTA E LA BIODIVERSITÁ

Dettagli

Atlante nazionale degli uccelli nidificanti

Atlante nazionale degli uccelli nidificanti Atlante nazionale degli uccelli nidificanti Avanzamento in Toscana Stagione 2014 A cura di Emiliano Arcamone, Marco Franchini & Luca Puglisi Con F Barbagli, G Battaglia, E Bosi, L Colligiani, A Franceschi,

Dettagli

STUDIO PRELIMINARE DELL AVIFAUNA DEL PARCO NATURA NEL COMUNE DI CESANO BOSCONE

STUDIO PRELIMINARE DELL AVIFAUNA DEL PARCO NATURA NEL COMUNE DI CESANO BOSCONE STUDIO PRELIMINARE DELL AVIFAUNA DEL PARCO NATURA NEL COMUNE DI CESANO BOSCONE Stefano Aguzzi & Giovanni Gottardi GRUPPO ORNITOLOGICO LOMBARDO Comune di Cesano Boscone [Digitare il testo] Comune di Cesano

Dettagli

Studio delle Migrazioni e Inanellamento degli Uccelli

Studio delle Migrazioni e Inanellamento degli Uccelli 18 18 maggio 2008 C.R.A.S. Vanzago Studio delle Migrazioni e Inanellamento degli Uccelli Ruolo dei Centri di Recupero Guido Romagnoli * Stazione Ornitologica Lago BOSCACCIO Al volo Dalla cura Temi trattati:

Dettagli

Raccomandata R.R.: Lanciano, 5 Dicembre 2009. Osservazioni presentate da Ing. Danilo D Orsogna per conto proprio

Raccomandata R.R.: Lanciano, 5 Dicembre 2009. Osservazioni presentate da Ing. Danilo D Orsogna per conto proprio Ing. Danilo D'Orsogna Via del Mare 196 66034 Lanciano CH tel: 0872-712049 danilo.dorsogna@gmail.com Raccomandata R.R.: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale

Dettagli

Progetto Volo Libero

Progetto Volo Libero Campagna nazionale per il recupero di aree a forte degrado ambientale e sociale Progetto Volo Libero Oasi dei Variconi In collaborazione con Come si arriva In automobile Da Napoli bisogna prendere la tangenziale

Dettagli

PROBLEMI DI CONSERVAZIONE DELLE SPECIE CACCIABILI, UTILIZZATE COME RICHIAMI. Marco Gustin - Responsabile Specie Ricerca LIPU

PROBLEMI DI CONSERVAZIONE DELLE SPECIE CACCIABILI, UTILIZZATE COME RICHIAMI. Marco Gustin - Responsabile Specie Ricerca LIPU PROBLEMI DI CONSERVAZIONE DELLE SPECIE CACCIABILI, UTILIZZATE COME RICHIAMI Marco Gustin - Responsabile Specie Ricerca LIPU QUALE LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO SUI RICHIAMI VIVI? La legislazione Nazionale

Dettagli

RELAZIONE SULL'AVIFAUNA DELLA CAVA RONCHI DI MONTANARO

RELAZIONE SULL'AVIFAUNA DELLA CAVA RONCHI DI MONTANARO RELAZIONE SULL'AVIFAUNA DELLA CAVA RONCHI DI MONTANARO aggiornata al 31 Dicembre 2010 a cura di Giacomo Assandri e Paolo Marotto (EBN Italia e Gruppo Piemontese Studi Ornitologici) GLI UCCELLI DI INTERESSE

Dettagli

Sommario. Figura 1. Alcuni dei volontari impegnati in una delle domeniche aperte.

Sommario. Figura 1. Alcuni dei volontari impegnati in una delle domeniche aperte. Sommario Il Giardino delle Capinere... 4 CRAS Centro Recupero Animali Selvatici... 5 ORE LAVORATIVE... 5 ANIMALI ARRIVATI E LIBERATI... 6 Oasi Isola Bianca... 9 LA VITA SULL ISOLA... 9 Educazione ambientale...

Dettagli

L avifauna delle zone umide italiane. di Giuseppe Borziello

L avifauna delle zone umide italiane. di Giuseppe Borziello L avifauna delle zone umide italiane di Giuseppe Borziello Club Alpino Italiano Aggiornamento Accompagnatori di Escursionismo VFG Cittadella, 27 novembre 2010 1 Fotografie di: Giuseppe Borziello Antonio

Dettagli

Gli uccelli delle Foppe Radaelli

Gli uccelli delle Foppe Radaelli RegioneLombardia Parco Adda Nord Gli uccelli delle Foppe Radaelli Guida pratica all osservazione dell avifauna dell Oasi WWF Le Foppe di Trezzo sull Adda con il patrocinio del "Le Foppe" di Trezzo sull'adda

Dettagli

E DEGLI DELL UNIVERSITA DI GENOVA COMITATO DIRETTIVO. Prof. ATTILIO ARILLO

E DEGLI DELL UNIVERSITA DI GENOVA COMITATO DIRETTIVO. Prof. ATTILIO ARILLO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA ATLANTE ORNITOLOGICO DELLA CITTÀ DI GENOVA (1996-2000) A cura di: ENRICO BORGO, LORIS GALLI, CARLO GALUPPO, NATALE MARANINI, SILVIO SPANÒ. E DEGLI DELL UNIVERSITA DI GENOVA

Dettagli

ADEGUAMENTO VIA ACQUEA DI ACCESSO ALLA STAZIONE MARITTIMA DI VENEZIA E RIQUALIFICAZIONE DELLE AREE LIMITROFE AL CANALE CONTORTA S.

ADEGUAMENTO VIA ACQUEA DI ACCESSO ALLA STAZIONE MARITTIMA DI VENEZIA E RIQUALIFICAZIONE DELLE AREE LIMITROFE AL CANALE CONTORTA S. ADEGUAMENTO VIA ACQUEA DI ACCESSO ALLA STAZIONE MARITTIMA DI VENEZIA E RIQUALIFICAZIONE DELLE AREE LIMITROFE AL CANALE CONTORTA S.ANGELO Ing. Nicola Torricella Direttore Tecnico Venezia, 30/4/2015 ADEGUAMENTO

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

CHECK-LIST DEL LAGO DI CONZA. a cura di Claudio Mancuso

CHECK-LIST DEL LAGO DI CONZA. a cura di Claudio Mancuso CHECK-LIST DEL LAGO DI CONZA a cura di Claudio Mancuso La sistematica e la nomenclatura sono quelle adottate in Brichetti e Massa, 1998 (Check-list degli Uccelli italiani aggiornata a tutto il 1997. Rivista

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DELLA ZPS IT20B0501 - VIADANA, PORTIOLO, SAN BENEDETTO PO E OSTIGLIA

PIANO DI GESTIONE DELLA ZPS IT20B0501 - VIADANA, PORTIOLO, SAN BENEDETTO PO E OSTIGLIA pag. I pag. II STUDIO DI INCIDENZA L'Art.1 della L.R. 1 febbraio 2010, che modifica il Testo unico delle leggi regionali in materia di agricoltura, foreste, pesca e sviluppo rurale, L.R. 31/2008, introduce

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE ANNO 2006 SULL ATTIVITA DEL C.R.A.S. DI CUNEO

RELAZIONE ANNUALE ANNO 2006 SULL ATTIVITA DEL C.R.A.S. DI CUNEO C.R.A.S. CENTRO RECUPERO ANIMALI SELVATICI DI CUNEO C.F. 96068440047 Autorizzazione Provincia di Cuneo N 395 del 18/05/2001 Idoneità Min. Amb. animali pericolosi Lex 150/92 N SNC/99/2D/12772 Iscritta al

Dettagli

BIODIVERSAMENTE 23-24 ottobre 2010 nella Riserva Naturale Oasi WWF Padule Orti Bottagone (Piombino LI)

BIODIVERSAMENTE 23-24 ottobre 2010 nella Riserva Naturale Oasi WWF Padule Orti Bottagone (Piombino LI) Beccamoschino foto Carlo Torchio Archivio WWF BIODIVERSAMENTE 23-24 ottobre 2010 nella Riserva Naturale Oasi WWF Padule Orti Bottagone (Piombino LI) La due giorni dedicata alla scoperta della Biodiversità

Dettagli

UN FIUME DI ALI L AVIFAUNA DEL BASSO CORSO DEL FIUME MISA (2006-2010) A cura di: Mauro Mencarelli, Michela Risveglia, Francesca Morici, Niki Morganti

UN FIUME DI ALI L AVIFAUNA DEL BASSO CORSO DEL FIUME MISA (2006-2010) A cura di: Mauro Mencarelli, Michela Risveglia, Francesca Morici, Niki Morganti UN FIUME DI ALI L AVIFAUNA DEL BASSO CORSO DEL FIUME MISA (2006-2010) A cura di: Mauro Mencarelli, Michela Risveglia, Francesca Morici, Niki Morganti Citazione raccomandata: Mencarelli M., Risveglia M.,

Dettagli

Uccelli comuni in Italia. Gli andamenti di popolazione dal 2000 al 2010

Uccelli comuni in Italia. Gli andamenti di popolazione dal 2000 al 2010 Uccelli comuni in Italia Gli andamenti di popolazione dal 2000 al 2010 Documento realizzato dal Ministero per le politiche agricole alimentari e forestali nell ambito delle attività della Rete Rurale Nazionale.

Dettagli

Nidificazioni di fratino Charadrius alexandrinus e fraticello Sternula albifrons sul litorale dell isola di Pellestrina - Venezia

Nidificazioni di fratino Charadrius alexandrinus e fraticello Sternula albifrons sul litorale dell isola di Pellestrina - Venezia Alesandro Sartori * Nidificazioni di fratino Charadrius alexandrinus e fraticello Sternula albifrons sul litorale dell isola di Pellestrina - Venezia Key words: Kentish Plover, Little Tern, breeding, Pellestrina

Dettagli

RIUNIONE 19 NOVEMBRE 2006 PADERNELLO (BORGO S. GIACOMO, BS) Associazione Amici del Castello di Padernello. A cura di Arturo Gargioni

RIUNIONE 19 NOVEMBRE 2006 PADERNELLO (BORGO S. GIACOMO, BS) Associazione Amici del Castello di Padernello. A cura di Arturo Gargioni RIUNIONE 19 NOVEMBRE 2006 PADERNELLO (BORGO S. GIACOMO, BS) Associazione Amici del Castello di Padernello A cura di Arturo Gargioni Anche quest anno siamo stati ospiti degli "Amici del Castello di Padernello"

Dettagli

I progetti LIFE Natura italiani nella gestione degli ecosistemi di transizione

I progetti LIFE Natura italiani nella gestione degli ecosistemi di transizione I progetti LIFE Natura italiani nella gestione degli ecosistemi di transizione Daniela Zaghi Comunità Ambiente Tra gli ambienti di transizione, la direttiva Habitat individua le Lagune costiere (habitat

Dettagli

Un anello è per sempre...

Un anello è per sempre... Un anello è per sempre... Quindici anni di inanellamento a scopo scientifico degli uccelli selvatici a Molentargius Sergio Nissardi & Carla Zucca L inanellamento... Consiste nel marcare gli uccelli con

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITA D INANELLAMENTO NELL OSSERVATORIO ORNITOLOGICO DI AROSIO (CO)

RESOCONTO DELL ATTIVITA D INANELLAMENTO NELL OSSERVATORIO ORNITOLOGICO DI AROSIO (CO) FONDAZIONE EUROPEA IL NIBBIO - FEIN in collaborazione con GRUPPO INANELLAMENTO LIMICOLI ONLUS (G.I.L., Napoli) RESOCONTO DELL ATTIVITA D INANELLAMENTO NELL OSSERVATORIO ORNITOLOGICO DI AROSIO (CO) 1 gennaio

Dettagli

Breeding bird community of the Montagne della Duchessa (Latium, central Italy)

Breeding bird community of the Montagne della Duchessa (Latium, central Italy) Avocetta 3: 8 (05) Breeding bird community of the Montagne della Duchessa (Latium, central taly) Massimo Brunelli *, Michele Cento, Emiliano De Santis, Enzo Savo, Alberto Sorace Stazione Romana Osservazione

Dettagli

Sommario. Figura 1. Gli occhi di fuoco di un gufo comune in attesa d essere liberato.

Sommario. Figura 1. Gli occhi di fuoco di un gufo comune in attesa d essere liberato. Sommario Il Giardino delle Capinere... 3 CRAS Centro Recupero Animali Selvatici... 4 ORE LAVORATIVE... 4 ANIMALI ARRIVATI E LIBERATI... 5 Oasi Isola Bianca... 8 LA VITA SULL ISOLA... 8 Educazione ambientale...

Dettagli

Lista alfabetica (latino-italiano) Fauna regionale

Lista alfabetica (latino-italiano) Fauna regionale Lista alfabetica (latino-italiano) Fauna regionale Il Museo di storia naturale della città di Ginevra accoglie ogni anno più di 200'000 persone, una parte di queste, sono di lingua italiana. Sperando di

Dettagli

Il birdwatching nel Parco Delta del Po

Il birdwatching nel Parco Delta del Po Il birdwatching nel Parco Delta del Po Massimiliano Costa U.O. Parchi e Zone Umide Provincia di Ravenna Gli Uccelli rappresentano la più importante risorsa naturalistica del Parco del Delta del Po 328

Dettagli

Nell ambito della redazione del Piano Faunistico Venatorio commissionato dalla Regione Marche alla società Hystrix, è stata redatta la check-

Nell ambito della redazione del Piano Faunistico Venatorio commissionato dalla Regione Marche alla società Hystrix, è stata redatta la check- Riv. ital. Orn., Milano, 73 (1): 25-45, 30-IX-2003 PAOLO GIACCHINI(*) CHECK-LIST DEGLI UCCELLI DELLE MARCHE Riassunto Viene presentata la lista degli uccelli della Regione Marche aggiornando la check-list

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome Cittadinanza Data e luogo di nascita Esperienza professionale Lavoro o posizione ricoperti Principali attività e responsabilità Italiana

Dettagli