R E P U B B L I C A I T A L I A N A UNIONE RENO GALLIERA. (Provincia di Bologna) - * - CONVENZIONE TRA L UNIONE RENO GALLIERA, I COMUNI DI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "R E P U B B L I C A I T A L I A N A UNIONE RENO GALLIERA. (Provincia di Bologna) - * - CONVENZIONE TRA L UNIONE RENO GALLIERA, I COMUNI DI"

Transcript

1 Esente da bollo ai sensi Art. 16 tab. B D.P.R. n 642/ R E P U B B L I C A I T A L I A N A UNIONE RENO GALLIERA (Provincia di Bologna) - * - Rep. n CONVENZIONE TRA L UNIONE RENO GALLIERA, I COMUNI DI ARGELATO E SAN GIORGIO DI PIANO PER LA GESTIONE E LA DELEGA ALL UNIONE RENO GALLIERA DEL COORDINAMENTO PEDAGOGICO DEI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA, PER LA REALIZZAZIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI, DEI PROGETTI DI QUALIFICAZIONE DELL'OFFERTA EDUCATIVA SCUOLA DELL'INFANZIA (3-5) E DEL PROGETTO DI SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA 0/6 ANNI. L'anno duemilaquindici, addì del mese di con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA L UNIONE RENO GALLIERA : costituita con atto Rep: 26055/10744 in data 9 giugno 2008 e rappresentata dal Presidente pro-tempore Sindaco Sig. Sergio Maccagnani, nato a Cento (FE) il , domiciliato per la carica presso la sede dell Unione, via Fariselli n San Giorgio di Piano - il quale agisce in nome e 1

2 per conto dell'ente che rappresenta in esecuzione della delibera di Consiglio dell Unione n. del (P.IVA CF: ), E Il Comune di ARGELATO: rappresentato dal Sindaco Sig. Claudia Muzic, nata a Bentivoglio ( Bo ) il 14/12/1982, domiciliata per la carica presso la sede comunale, il quale agisce in nome e per conto dell'ente che rappresenta ed in esecuzione della delibera di Consiglio Comunale n... del (C.F ); Il Comune di SAN GIORGIO DI PIANO: rappresentato dal Sindaco Sig. Paolo Crescimbeni, nato a Bentivoglio (BO), il 25/06/1967, domiciliato per la carica presso la sede comunale, il quale agisce in nome e per conto dell'ente che rappresenta ed in esecuzione della delibera di Consiglio Comunale n... del (C.F ); PREMESSO CHE l art. 13, 2 comma del Testo Unico delle leggi sull ordinamento degli Enti Locali, approvato con D.lg n. 267, prevede espressamente forme di cooperazione con altri Comuni e con la Città Metropolitana per l esercizio, in ambiti territoriali adeguati, di funzioni proprie; l art. 30 del Testo Unico di cui sopra prevede tra l altro la stipulazione di convenzioni di tipo facoltativo che possono avere ad oggetto funzioni e servizi determinati; La Legge regionale 30 giugno 2003 n. 12 Norme per l uguaglianza delle opportunità al sapere, per ognuno e per tutto 2

3 l arco della vita attraverso il rafforzamento dell istruzione e della formazione professionale, anche in integrazione tra loro attribuisce ai Comuni un ruolo di qualificazione della scuola dell infanzia e la promozione della continuità educativa orizzontale tra le scuole dell'infanzia e verticale con i servizi educativi per la prima infanzia e con il primo ciclo dell'istruzione, volta a garantire il diritto dei bambini a percorsi che rispettino le fasi del loro sviluppo, specialmente nel momento dell'ingresso nella scuola dell'infanzia e nella scuola primaria; la legge regionale 8 agosto 2001 n. 26 Diritto allo studio e all apprendimento per tutta la vita. Abrogazione della legge regionale 25 maggio 1999 n. 10 attribuisce ai Comuni funzioni inerenti il diritto allo studio sul territorio di propria competenza; conseguentemente a quanto sopra, la Regione si è impegnata a sostenere finanziariamente progetti di qualificazione, promossi e gestiti dai Comuni, prevalentemente in forma associata; con delibera n. 519/2014, la Giunta Provinciale di Bologna ha definito il Programma provinciale degli interventi per la qualificazione e il miglioramento delle scuole dell infanzia del sistema nazionale d istruzione e degli enti locali, nonché per le azioni di miglioramento della proposta educativa e del relativo contesto e per gli interventi di rilevanza regionale (l.r. n.26/2001 e l.r. 12/2003) - progetti 3-5, esercizio finanziario 2014; con determinazione dirigenziale n. 449/2015, la Città Metropolitana di Bologna - Settore Servizi alla Persona e alla Comunita' ha 3

4 assegnato i finanziamenti relativi agli interventi per la qualificazione e il miglioramento delle scuole dell infanzia progetti 3-5, valutando ammissibile e finanziabile il progetto Fare rete per le scuole. Dalla manipolazione ai software, dalla riflessione sui bisogni alle prime pratiche scientifiche, passando per la condivisione di obiettivi, linguaggi, premesse e vissuti. per Euro ,75, vincolati per le attività di qualificazione delle scuole dell infanzia e in particolare per la continuità didattica con le scuole elementari, presentato dall Unione Reno Galliera, in qualità di capofila del coordinamento composto da tutti i Comuni dell Unione stessa; Che la Regione Emilia Romagna, in stretta collaborazione con gli Enti Locali, sta svolgendo da anni un opera di promozione sul territorio regionale, tesa alla qualificazione dei servizi per la prima infanzia e alla formazione del personale in essi impegnato e ciò anche in ottemperanza a quanto disposto dalla L.R. 1/2000, Norme in materia di servizi educativi per la prima infanzia così come modificato dalla L.R. 14 aprile 2004, n.8 e dalla L.R. 22 giugno 2012 n.6, per cui il coordinamento pedagogico rappresenta lo strumento atto a garantire il raccordo tra i servizi per la prima infanzia all interno del sistema educativo territoriale secondo principi di coerenza e continuità degli interventi sul piano educativo, e di omogeneità sul piano organizzativo e gestionale. Concorre inoltre sul piano tecnico alla definizione degli indirizzi e dei criteri di sviluppo e di qualificazione del sistema dei servizi per l infanzia; 4

5 Che gli Enti e i soggetti gestori promuovono altresì la formazione permanente degli operatori attraverso iniziative di aggiornamento annuale; Che la dotazione dei coordinatori pedagogici deve essere definita considerando prioritariamente il numero dei servizi funzionanti nel territorio; la L.328/2000 all art. 19, individua nel Piano di Zona lo strumento di programmazione del sistema integrato dei servizi e degli interventi sociali; il Programma attuativo annuale 2015 del Piano di Zona per la salute ed il benessere sociale del Distretto Pianura Est, approvato con specifico verbale del Comitato di Distretto il 23 Luglio 2015 e con Delibera della Giunta dell'unione n. 66 del , comprende anche il progetto Sostegno alla genitorialità 0/6 anni, volto a promuovere interventi di sostegno alle competenze genitoriali ed alle competenze educative degli adulti di riferimento, gestito dal coordinamento pedagogico dell Unione stessa; Riconosciuta l opportunità e la convenienza di attivare, tramite apposita convenzione, una forma di cooperazione che preveda il coordinamento e la delega a un ente capofila delle funzioni inerenti le procedure amministrative, che si rendono necessarie al fine di realizzare i progetti di cui sopra. Che i Comuni di Bentivoglio, Castello d Argile, Castel Maggiore, Pieve di Cento e San Pietro in Casale hanno conferito i servizi alla persona all Unione Reno Galliera a partire dal 1^ luglio

6 e Galliera dal 1^ gennaio 2015; Tutto ciò premesso si conviene quanto segue: TRA L UNIONE RENO GALLIERA : costituita con atto Rep. n 26055/10744 in data 9 giugno 2008 e rappresentata dal Presidente pro-tempore Sindaco Sig. Sergio Maccagnani, nato a Cento (FE) il , domiciliato per la carica presso la sede dell Unione, via Fariselli n San Giorgio di Piano - il quale agisce in nome e per conto dell'ente che rappresenta in esecuzione della delibera di Consiglio dell Unione n. del (P.IVA CF: ), E Il Comune di ARGELATO: rappresentato dal Sindaco Sig. Claudia Muzic, nata a Bentivoglio ( Bo ) il 14/12/1982, domiciliata per la carica presso la sede comunale, il quale agisce in nome e per conto dell'ente che rappresenta ed in esecuzione della delibera di Consiglio Comunale n... del (C.F ); Il Comune di SAN GIORGIO DI PIANO: rappresentato dal Sindaco Sig. Paolo Crescimbeni, nato a Bentivoglio (BO), il 25/06/1967, domiciliato per la carica presso la sede comunale, il quale agisce in nome e per conto dell'ente che rappresenta ed in esecuzione della delibera di Consiglio Comunale n... del (C.F ); ART. 1 - FINI DELLA CONVENZIONE 6

7 La premessa narrativa fa parte integrante della presente convenzione, che si pone come obiettivi quelli come sopra specificati. ART. 2- METODOLOGIA DI LAVORO A) L Unione Reno Galliera - Area Servizi alla Persona assume il ruolo di capofila per tutte le attività e i progetti e nella fattispecie: o Coordinamento pedagogico e attività di formazione degli operatori scolastici; o Progetto 3-5; o il progetto Sostegno alla genitorialità 0/6 anni. Al fine di perseguire la realizzazione degli obiettivi e per il coordinamento delle singole funzioni, l Ente capofila si impegna: a costituire per ogni progetto un Comitato tecnico operativo, che sarà composto dai referenti tecnici individuati dagli Enti con il compito di rilevare i bisogni e formulare una proposta progettuale; alla gestione dei fondi sulla base della proposta del gruppo di lavoro, ivi compresa l assunzione degli impegni di spesa necessari per la realizzazione del progetto e l adozione dei relativi provvedimenti di liquidazione, secondo le modalità fissate dal Regolamento di contabilità dell Ente delegato; alla redazione dei progetti per il Coordinamento pedagogico e del progetto di qualificazione dell offerta formativa - 3/5 e la presentazione alla Città Metropolitana, nei tempi stabiliti; 7

8 l accertamento dei contributi della Città Metropolitana, del Comune di Argelato, del Comune di San Giorgio di Piano, e degli istituti scolastici, alla programmazione delle spese relative all attivazione dei progetti per gli otto Comuni dell Unione; alla convocazione dei gruppi tecnici previsti dai progetti. ART. 3- GESTIONE AMMINISTRATIVA-FINANZIARIA DELLE PROCEDURE PER LA REALIZZAZIONE DEI PROGETTI. Con apposita deliberazione, i Comuni di Argelato e San Giorgio di Piano delegano all Unione Reno Galliera la gestione amministrativa delle procedure inerenti la realizzazione dei progetti in oggetto. L Unione Reno Galliera introita i contributi erogati dalla Città metropolitana, la quota di compartecipazione dei Comuni, delle istituzioni scolastiche e provvede alla gestione dei progetti sulla base della proposta del Comitato Tecnico, e alla presentazione dei rendiconti finali. Per il progetto di qualificazione dell offerta formativa 3/5: La quota a carico dei Comuni di Argelato e San Giorgio di Piano, pari al 15% del costo complessivo del progetto, è commisurata, alla quota ripartita per Comune dalla Città Metropolitana di Bologna; La quota a carico delle istituzioni scolastiche, pari al 5%, è rapportata al numero di sezioni di scuola dell Infanzia ed 8

9 elementare per quelle statali, mentre per le scuole private che hanno aderito al progetto è stata definita una quota fissa. Per il coordinamento pedagogico e la formazione degli operatori: La quota a carico dei Comuni di Argelato e San Giorgio di Piano è commisurata alla realizzazione del progetto concordato per lo svolgimento dell attività di coordinamento dei servizi, detratto il contributo erogato dalla Città Metropolitana, rapportato ai servizi gestiti; La quota della formazione degli operatori è stabilita in base al numero dei partecipanti. Il Comune di Argelato e di San Giorgio di Piano dovranno far pervenire all Unione Reno Galliera, entro il mese di dicembre 2015, l atto di delega, divenuta o dichiarata esecutiva e la determinazione che autorizza la spesa. Per il progetto Sostegno alla genitorialità 0/6 anni l Ufficio di Piano metterà a disposizione dell Unione Reno Galliera - Area Servizi alla Persona le risorse annuali per la realizzazione delle attività. ART. 4 - PERSONALE Gli obiettivi previsti nella presente convenzione saranno realizzati avvalendosi anche dell opera di professionisti esperti nel settore, oltre che delle risorse umane degli enti convenzionati. ART.5 - DURATA 9

10 La presente convenzione ha validità per gli anni scolastici 2015/2016 e 2016/2017. Letto, confermato e sottoscritto: Il Presidente dell Unione Reno Galliera Sergio Maccagnani ; Il Sindaco del Comune di Argelato Claudia Muzic ; Il Sindaco del Comune di San Giorgio di Piano Paolo Crescimbeni ; 10

Prot. N 27741 del 31.12.2013 REP. N 21 del 31.12.2013

Prot. N 27741 del 31.12.2013 REP. N 21 del 31.12.2013 CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO ALL UNIONE RENO GALLIERA DELL UFFICIO DI PIANO DEL DISTRETTO PIANURA EST PER LA GESTIONE E REALIZZAZIONE DEI PROGETTI E DELLE FUNZIONI SOCIO- SANITARIE AD ESSO ATTRIBUITE.

Dettagli

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA DELIBERA GIUNTA COMUNALE N. 63 del 30/09/2015 APPROVAZIONE CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI ARGELATO E "ONG ASSOCIAZIONE ITALIANA AMICI DI RAOUL FOLLEREAU - AIFO" RELATIVA

Dettagli

CONVENZIONE TRA L AZIENDA USL BOLOGNA NORD ED I COMUNI AD ESSA AFFERENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DELEGATE

CONVENZIONE TRA L AZIENDA USL BOLOGNA NORD ED I COMUNI AD ESSA AFFERENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DELEGATE CONVENZIONE TRA L AZIENDA USL BOLOGNA NORD ED I COMUNI AD ESSA AFFERENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DELEGATE Ai sensi e per gli effetti: degli artt. 7 e 22 della L.R. 12.05.1995,

Dettagli

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007, PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2007 DEL DISTRETTO DI CESENA VALLE SAVIO E DEI PROGRAMMI PROVINCIALI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO PIANURA EST

DISTRETTO SOCIO SANITARIO PIANURA EST DISTRETTO SOCIO SANITARIO PIANURA EST Provincia di Bologna CONVENZIONE TRA L UNIONE RENO GALLIERA ED I COMUNI DI ARGELATO, BARICELLA, BUDRIO, CASTENASO, GRANAROLO DELL EMILIA, MALALBERGO, MINERBIO, MOLINELLA,

Dettagli

C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 43 DEL 22/07/2015

C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 43 DEL 22/07/2015 C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 43 DEL 22/07/2015 OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE CON FONDAZIONE ASILO INFANTILE

Dettagli

TRA. La Provincia di Piacenza, rappresentata dal Vicepresidente - Assessore alla Sicurezza Maurizio Parma

TRA. La Provincia di Piacenza, rappresentata dal Vicepresidente - Assessore alla Sicurezza Maurizio Parma ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO "Osservatorio Legalità e Sicurezza." IN ATTUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PREVISTI DALL'ARTICOLO 3, LEGGE REGIONALE N. 3/2011 TRA La Regione Emilia-Romagna,

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO. Provincia di Bologna REP. 16308 CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DI FUNZIONI

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO. Provincia di Bologna REP. 16308 CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DI FUNZIONI COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REP. 16308 CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DI FUNZIONI URBANISTICHE E L lstituzione DI UN UFFICIO DI PIANO ASSOCIATO TRA I COMUNI DI ANZOLA

Dettagli

P R O V I N C I A D I NOVARA

P R O V I N C I A D I NOVARA P R O V I N C I A D I NOVARA SETTORE PROTEZIONE CIVILE CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DI NOVARA e CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI NOVARA CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DI NOVARA e CROCE ROSSA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI

PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI L Ufficio Scolastico Regionale per le Marche e la Regione

Dettagli

L anno duemila..., il giorno del mese di ( xx/xx/xxxx), nella sede del Comune di Lastra a Signa, con la presente scrittura privata a valere ad

L anno duemila..., il giorno del mese di ( xx/xx/xxxx), nella sede del Comune di Lastra a Signa, con la presente scrittura privata a valere ad Allegato A CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLA BANCA DATI DELLE POSIZIONI ASSICURATIVE DEI LAVORATORI ISCRITTI ALLA GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DELL INPS (EX INPDAP) TRA I COMUNI DI CALENZANO,

Dettagli

L anno Duemilaundici (2011), il giorno ( ) del mese di ( ), nella Sede di Castello di Serravalle. TRA

L anno Duemilaundici (2011), il giorno ( ) del mese di ( ), nella Sede di Castello di Serravalle. TRA REP. /2010 CONVENZIONE TRA L'UNIONE DI COMUNI VALLE DEL SAMOGGIA ED I COMUNI DI BAZZANO, CASTELLO DI SERRAVALLE, CRESPELLANO, MONTE SAN PIETRO, MONTEVEGLIO E SAVIGNO PER LA GESTIONE ASSOCIATA DI UN SERVIZIO

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA TRA I COMUNI DI DOLIANOVA, SERDIANA E SOLEMINIS. TRA

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA TRA I COMUNI DI DOLIANOVA, SERDIANA E SOLEMINIS. TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA TRA I COMUNI DI DOLIANOVA, SERDIANA E SOLEMINIS. In data presso il Comune di Dolianova, Piazza Brigata Sassari TRA Il Comune

Dettagli

I contributi statali e regionali per incentivare le Fusioni di comuni. Aggiornamento

I contributi statali e regionali per incentivare le Fusioni di comuni. Aggiornamento I contributi statali e regionali per incentivare le Fusioni di comuni. Aggiornamento novembre 2012 Studio di fattibilità per la fusione dei Comuni Comuni di Argelato, Bentivoglio, Castello d Argile, Castel

Dettagli

Programma provinciale annuale 2012 per interventi di qualificazione e di miglioramento delle scuole dell infanzia. Provincia di Ravenna

Programma provinciale annuale 2012 per interventi di qualificazione e di miglioramento delle scuole dell infanzia. Provincia di Ravenna ALLEGATO A) alla Delibera del Giunta Provinciale n. del Provincia di Ravenna Programma provinciale annuale 2012 per interventi di qualificazione e di miglioramento delle scuole dell infanzia (L.R. 8 AGOSTO

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI.SOLESINO (PD) E LE PARROCCHIE DI SANTA MARIA ASSUNTA E CUORE IMMACOLATO DI MARIA PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI.SOLESINO (PD) E LE PARROCCHIE DI SANTA MARIA ASSUNTA E CUORE IMMACOLATO DI MARIA PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI.SOLESINO (PD) E LE PARROCCHIE DI SANTA MARIA ASSUNTA E CUORE IMMACOLATO DI MARIA PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA IL COMUNE DI SOLESINO (PD), codice fiscale..., in persona

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI BOLOGNA. Seduta del 03/03/2009

GIUNTA PROVINCIALE DI BOLOGNA. Seduta del 03/03/2009 1 GIUNTA PROVINCIALE DI BOLOGNA Seduta del 03/03/2009 Presiede la Presidente Della Provincia Draghetti Beatrice Per la trattazione dell'oggetto sotto specificato sono presenti: PRESIDENTE DELLA PROVINCIA

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA PROGRAMMA ANNUALE

PROVINCIA DI PIACENZA PROGRAMMA ANNUALE ALLEGATO A PROVINCIA DI PIACENZA PROGRAMMA ANNUALE DEGLI INTERVENTI DI QUALIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA DEL SISTEMA NAZIONALE DI ISTRUZIONE (L.R. 8.8.2001 N.26 E L.R. 30.6.2003

Dettagli

PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 del Piano di Zona Accordo di programma 2005-2007 della Zona Sociale Ravenna- Cervia - Russi

PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 del Piano di Zona Accordo di programma 2005-2007 della Zona Sociale Ravenna- Cervia - Russi PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 del Piano di Zona Accordo di programma 2005-2007 della Zona Sociale Ravenna- Cervia - Russi (comprensivo del PIANO TERRITORIALE PROVINCIALE PER AZIONI DI INTEGRAZIONE SOCIALE A

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

------------------------ Comune di Città di Castello ------------------------------ Convenzione con Scuole dell Infanzia Paritarie per l Anno

------------------------ Comune di Città di Castello ------------------------------ Convenzione con Scuole dell Infanzia Paritarie per l Anno ------------------------ Comune di Città di Castello ------------------------------ Convenzione con Scuole dell Infanzia Paritarie per l Anno Scolastico 2014-2015.----------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010

PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010 PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010 All.2 Schema di Convenzione tra la Provincia di Lecco e l'azienda Sanitaria Locale di Lecco per la regolazione

Dettagli

Determinazione dirigenziale

Determinazione dirigenziale SETTORE ISTRUZIONE --- AREA A: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE SERVIZI AUSILIARI, QUALITÀ DEI SERVIZI Determinazione dirigenziale Registro Generale N. 745 del 26/10/2015 Registro del Settore N. 64 del 20/10/2015

Dettagli

COMUNE DI REGGIO NELL EMILIA SERVIZI ALLA PERSONA PROGRAMMAZIONE DEL SISTEMA DI WELFARE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

COMUNE DI REGGIO NELL EMILIA SERVIZI ALLA PERSONA PROGRAMMAZIONE DEL SISTEMA DI WELFARE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Settore: SP Proponente: 85.A Proposta: 2016/91 del 21/01/2016 Classifica: COMUNE DI REGGIO NELL EMILIA R.U.D. 35 del 22/01/2016 SERVIZI ALLA PERSONA PROGRAMMAZIONE DEL SISTEMA DI WELFARE Dirigente: DAVOLI

Dettagli

Oggetto: Progetto Compiti e Musica - a.s. 2012/2013. Impegno di spesa e liquidazione

Oggetto: Progetto Compiti e Musica - a.s. 2012/2013. Impegno di spesa e liquidazione Comune di Galliera Prov. di Bologna SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE N. 288 Registro Generale N. 109 Registro del Servizio del 03/11/2012 del 03/11/2012 Oggetto: Progetto Compiti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Comune di Casalecchio di Reno Provincia di Bologna REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 2005

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DELLE SCUOLE AUTONOME DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ASA.BO

STATUTO ASSOCIAZIONE DELLE SCUOLE AUTONOME DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ASA.BO STATUTO ASSOCIAZIONE DELLE SCUOLE AUTONOME DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ASA.BO FINALITÀ E SCOPI Art. 1 L Associazione è costituita al fine di sostenere le scuole aderenti nel raggiungimento dei fini istituzionali

Dettagli

CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE LINEA ROSA PER IL SOSTEGNO ALLE DONNE VITTIME DI VIOLENZA

CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE LINEA ROSA PER IL SOSTEGNO ALLE DONNE VITTIME DI VIOLENZA Esente da bollo ai sensi art. 8 Legge 266/91 Comune di Russi (Provincia di Ravenna) Prot. n. Rep. n. CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE LINEA ROSA PER IL SOSTEGNO ALLE DONNE VITTIME DI VIOLENZA Periodo: dal

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO Provincia di Treviso Determinazione del Dirigente del settore Servizi ai cittadini

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO Provincia di Treviso Determinazione del Dirigente del settore Servizi ai cittadini COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO Provincia di Treviso Determinazione del Dirigente del settore Servizi ai cittadini N generale 526 Data 01/09/2010 N di Protocollo: Oggetto: AFFIDAMENTO INCARICO DI COORDINATORE

Dettagli

Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo

Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo TRA Il Comune di Casatenovo (C.F. 00631280138) con sede a Casatenovo (LC), Piazza della Repubblica 7, legalmente

Dettagli

Riferimenti normativi

Riferimenti normativi CRITERI E MODALITÀ PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DIRETTAMENTE SOSTENUTE DALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI REGOLAMENTATI DA CONVENZIONE I Progetti possono essere integrativi

Dettagli

COMUNE di CUTIGLIANO Prov. di Pistoia

COMUNE di CUTIGLIANO Prov. di Pistoia COMUNE di CUTIGLIANO Prov. di Pistoia CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI CUTIGLIANO E PRO LOCO DI CUTIGLIANO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DENOMINATO CENTRO ANIMAZIONE ESTIVO. ANNO 2014 Rep. 478 L anno duemillaquattordici

Dettagli

CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI BENTIVOGLIO E LA ASSOCIAZIONE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE BENTIVOGLIO

CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI BENTIVOGLIO E LA ASSOCIAZIONE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE BENTIVOGLIO Prot. n. CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI BENTIVOGLIO E LA ASSOCIAZIONE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE BENTIVOGLIO L anno 2015, il giorno ( ) del mese di, in Bentivoglio (BO) presso la residenza comunale, P.zza

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI CAMPEGINE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI CAMPEGINE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ******************************************************* ORIGINALE N. 36 DEL 30/07/2013 OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE (Provincia di Monza e della Brianza)

COMUNE DI ALBIATE (Provincia di Monza e della Brianza) COMUNE DI ALBIATE (Provincia di Monza e della Brianza) CONVENZIONE tra Comune di Albiate e Scuola dell Infanzia parrocchiale Paritaria Giovanni XXIII di Albiate per il sostegno alle famiglie albiatesi

Dettagli

COMUNE DI NAGO-TORBOLE PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI NAGO-TORBOLE PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI NAGO-TORBOLE PROVINCIA DI TRENTO SCHEMA DI CONVENZIONE DISCIPLINANTE IL RAPPORTO TRA IL COMUNE DI NAGO-TORBOLE E SMAG SOCIETA COOPERATIVA-SCUOLA MUSICALE ALTO GARDA-SERVIZI MUSICALI ALTO GARDA

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA AREA PROGRAMMAZIONE E GESTIONE TERRITORIO COPIA DETERMINAZIONE N. 289 del 31/12/2009 OGGETTO APPROVAZIONE DISCIPLINARE D'INCARICO PER LA REDAZIONE DI

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI 1 IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL

Dettagli

SERVIZI ALLA PERSONA

SERVIZI ALLA PERSONA Argelato Bentivoglio Castello D'Argile Castel Maggiore Galliera Pieve di Cento S. Giorgio di Piano S. Pietro in Casale (Provincia di Bologna) SERVIZI ALLA PERSONA AREA STAFF AMMINISTRATIVO DETERMINAZIONE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MORDANO Provincia di Bologna Cap. 40027, Via Bacchilega n. 6 Tel. 0542/56911 Fax 56900 E-Mail: urp@mordano.provincia.bologna.it Sito Internet: www.comunemordano.it DELIBERAZIONE N. 17 DEL 12/03/2015

Dettagli

Provincia di Ravenna

Provincia di Ravenna Provincia di Ravenna N. 395 delle deliberazioni SEDUTA DEL 28/12/2012 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE L'anno duemiladodici, addì ventotto, del mese di Dicembre, alle ore 09:30, si è riunita nella

Dettagli

Comune di POGGIO RENATICO

Comune di POGGIO RENATICO Comune di OGGIO RENATICO DELIBERAZIONE N. 23 rovincia di Ferrara VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Straordinaria - Adunanza in rima convocazione - Seduta ubblica OGGETTO: CONVENZIONE

Dettagli

ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA. con protocollo 0004232 che riconoscono alla scuola

ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA. con protocollo 0004232 che riconoscono alla scuola ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA Visto il D.P.R. n. 275/1999, art. 7, che prevede la possibilità per le istituzioni Scolastiche autonome di stipulare accordi di rete per perseguire

Dettagli

valutata la richiesta di rinnovo di tale protocollo d intesa da parte del Centro Unesco di Torino, prot. n. 25214 del 20 maggio 2015 ;

valutata la richiesta di rinnovo di tale protocollo d intesa da parte del Centro Unesco di Torino, prot. n. 25214 del 20 maggio 2015 ; REGIONE PIEMONTE BU32 13/08/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 6 luglio 2015, n. 35-1688 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa annuale tra la Regione Piemonte, l'ufficio Scolastico regionale

Dettagli

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA I.P.I.A. Andrea BRUSTOLON ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO Via San Lorenzo, 19-32100 BELLUNO Scuola Capofila ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA PREMESSO

Dettagli

CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI MEDICINA E LA SEZIONE PRIMAVERA ANNESSA ALLA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI VILLA FONTANA. L anno..il giorno..del.

CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI MEDICINA E LA SEZIONE PRIMAVERA ANNESSA ALLA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI VILLA FONTANA. L anno..il giorno..del. CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI MEDICINA E LA SEZIONE PRIMAVERA ANNESSA ALLA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI VILLA FONTANA L anno..il giorno..del mese di.. fra 1) la Dott.ssa Bruna Cimatti, nata a Medicina

Dettagli

DECRETO N. 10824 Del 03/12/2015

DECRETO N. 10824 Del 03/12/2015 DECRETO N. 10824 Del 03/12/2015 Identificativo Atto n. 1188 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto PROSECUZIONE DELLA SPERIMENTAZIONE DELLE PER L ANNO SCOLASTICO. IMPEGNO E CONTESTUALE

Dettagli

Città Metropolitana di Genova DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE POLITICHE FORMATIVE E DEL LAVORO SERVIZIO ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE

Città Metropolitana di Genova DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE POLITICHE FORMATIVE E DEL LAVORO SERVIZIO ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE Città Metropolitana di Genova DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE POLITICHE FORMATIVE E DEL LAVORO SERVIZIO ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE Prot. Generale N. 0015740 / 2015 Atto N. 759 OGGETTO:

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

AREA SERVIZI ALLA PERSONA

AREA SERVIZI ALLA PERSONA AREA SERVIZI ALLA PERSONA Settore Sociale Direttore PEG ANNO 1 UNIONE RENO GALLIERA : UNIONE RENO GALLIERA : DIRETTORE Centro di costo: SETTORE SOCIALE OBIETTIVI PERMANENTI : Gestione delle attività amministrative

Dettagli

COMUNE DI SORISOLE. (Provincia di Bergamo) VOLONTARIATO RUOTAMICA ONLUS PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO

COMUNE DI SORISOLE. (Provincia di Bergamo) VOLONTARIATO RUOTAMICA ONLUS PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO COMUNE DI SORISOLE (Provincia di Bergamo) CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SORISOLE E L ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO RUOTAMICA ONLUS PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO DELLE PERSONE ANZIANE E DEI SOGGETTI DIVERSAMENTE

Dettagli

Settore Contenzioso Cultura Pubblica

Settore Contenzioso Cultura Pubblica COMUNE DI PARABITA (Provincia di Lecce) CONVENZIONE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE Rep. N. L anno, il giorno del mese di, in Parabita Palazzo Comunale, TRA il Comune di Parabita, C.F. 81001530757, rappresentato

Dettagli

ACCORDO DI RETE SICURSCUOLAVERONA

ACCORDO DI RETE SICURSCUOLAVERONA ACCORDO DI RETE SICURSCUOLAVERONA PREMESSO CHE l art. 7 del D.P.R. 8 marzo 1999, n. 275 prevede la facoltà per le istituzioni scolastiche di promuovere accordi di rete per il raggiungimento delle proprie

Dettagli

L.R. 26 Giugno 1980, n. 88

L.R. 26 Giugno 1980, n. 88 L.R. 26 Giugno 1980, n. 88 Norme in materia di opere e lavori pubblici (1). TITOLO I OPERE INCLUSE NEI PROGRAMMI REGIONALI Capo I PROGRAMMAZIONE Art. 1 (Ambito di applicazione della legge) I programmi

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA ALLEGATO A PROVINCIA DI PIACENZA PER IL CONSOLIDAMENTO E LA QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI DA 0 A 3 ANNI ANN0 2014 Servizio Istruzione e Programmazione socio-educativa PREMESSA ll Programma

Dettagli

%* -- ÈSENTE DALL IMPOSTA DI BOLLO E DALL IMPOSTA DI REGISTRO AI SENSI 1 - DELL ART. 8 COMMA DELLA LEGGE QUADRO SUL VOLONTARIATO N. 266/91.

%* -- ÈSENTE DALL IMPOSTA DI BOLLO E DALL IMPOSTA DI REGISTRO AI SENSI 1 - DELL ART. 8 COMMA DELLA LEGGE QUADRO SUL VOLONTARIATO N. 266/91. COMUNE Dl SAN GIOVANNI IN PERSICETO CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO E L ASSOCIAZIONE AUSER VOLONTARIATO DI BOLOGNA PER LO SVOLGIMENTO DI ATTI VITA DI PUBBLICA UTILITA. Provincia

Dettagli

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto:

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto: PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA PROVINCIA DI RIMINI, L AZIENDA USL, DELEGATA ALLA GESTIONE DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI MINORI, E GLI ENTI AUTORIZZATI PER L ATTIVITA RELATIVA ALL ADOZIONE INTERNAZIONALE Approvato

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

ATTUAZIONE ANNUALITÀ 2014 PIANO DI FORMAZIONE MUSICALE ANNO 2014

ATTUAZIONE ANNUALITÀ 2014 PIANO DI FORMAZIONE MUSICALE ANNO 2014 Allegato n. 3 AVVISO PROGETTO REGIONALE PROMOZIONE DELLA CULTURA MUSICALE: EDUCAZIONE E FORMAZIONE DI BASE ALLA MUSICA E AL CANTO CORALE, AI SENSI DELLA L.R. N. 21/2010 - TESTO UNICO DELLA CULTURA 2012-2015

Dettagli

VISTI. gli articoli 1, 2, 4, 5, 8, 9 della Legge 381/91 e l articolo 11 della Legge Regionale 21/2003 PREMESSO

VISTI. gli articoli 1, 2, 4, 5, 8, 9 della Legge 381/91 e l articolo 11 della Legge Regionale 21/2003 PREMESSO SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CREMONA E LA SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE L ARCA AI SENSI DELL ART. 5, COMMA 1, DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 1991, N. 381 (ESENTE DA BOLLO AI SENSI D.L. 4.12.1997 N. 460

Dettagli

COMUNE DI BERLINGO. Provincia di Brescia. Convenzione tra Comune di Berlingo e Ente Morale Cristoforo

COMUNE DI BERLINGO. Provincia di Brescia. Convenzione tra Comune di Berlingo e Ente Morale Cristoforo Repertorio n... del... COMUNE DI BERLINGO Provincia di Brescia Convenzione tra Comune di Berlingo e Ente Morale Cristoforo Tempini per la realizzazione e gestione del nuovo complesso scolastico da adibire

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO (Facchini Giuseppe) IL SEGRETARIO COMUNALE (dott. Claudio Urhaler)

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO (Facchini Giuseppe) IL SEGRETARIO COMUNALE (dott. Claudio Urhaler) Allegato alla delibera del Consiglio Comunale avente per oggetto: Scioglimento del Consorzio per il servizio di vigilanza boschiva tra i Comuni di Panchià, Predazzo e Ziano di Fiemme con approvazione convenzione

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Destinatari

Art. 1 Finalità. Art. 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Destinatari Allegato al decreto del direttore centrale 6 agosto 2012 n. 1087/ISTR Bando per il finanziamento delle Sezioni Primavera anno scolastico 2012/2013 Art. 1 Finalità 1. Il presente bando viene emanato al

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASTENASO (Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Adottato con delibera consiliare n. 92 del 20/12/01 INDICE : art. 1 Finalità art.2 Obiettivi comunali

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA AREA PROGRAMMAZIONE E GESTIONE TERRITORIO COPIA DETERMINAZIONE N. 101 del 17/09/2012 OGGETTO AFFIDAMENTO INCARICO PER LA REDAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI. OGGETTO: Schema Protocollo di Intesa fra Società della Salute e Dipartimento di Prevenzione Azienda USL 4 di Prato

ASSEMBLEA DEI SOCI. OGGETTO: Schema Protocollo di Intesa fra Società della Salute e Dipartimento di Prevenzione Azienda USL 4 di Prato ASSEMBLEA DEI SOCI Deliberazione n. 5 del 20.02.2012 OGGETTO: Schema Protocollo di Intesa fra Società della Salute e Dipartimento di Prevenzione Azienda USL 4 di Prato Allegato parte integrante Schema

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE IN ATTUAZIONE DELL ART. 25 DELLA L.R

PROGRAMMA PROVINCIALE IN ATTUAZIONE DELL ART. 25 DELLA L.R Allegato A alla Deliberazione di G.P. n 271 del 11-11-2008 PROGRAMMA PROVINCIALE IN ATTUAZIONE DELL ART. 25 DELLA L.R. 12/03 INTERVENTI PER IL RAFFORZAMENTO DELL AUTONOMIA DELLE SCUOLE E PER L ARRICCHIMENTO

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLA FUNZIONE DI POLIZIA MUNICIPALE AMMINISTRATIVA LOCALE

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLA FUNZIONE DI POLIZIA MUNICIPALE AMMINISTRATIVA LOCALE CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLA FUNZIONE DI POLIZIA MUNICIPALE AMMINISTRATIVA LOCALE TRA Il Comune di Sospiro qui rappresentato dal Sindaco Abruzzi Paolo autorizzato alla sottoscrizione del

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI VIGODARZERE E GLI ENTI MORALI PARROCCHIE DI SALETTO, TAVO, TERRAGLIONE E

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI VIGODARZERE E GLI ENTI MORALI PARROCCHIE DI SALETTO, TAVO, TERRAGLIONE E N. 200 S. 1 del 27.02.2014 CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI VIGODARZERE E GLI ENTI MORALI PARROCCHIE DI SALETTO, TAVO, TERRAGLIONE E VIGODARZERE PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA - TRIENNIO

Dettagli

Comune di Castel Maggiore

Comune di Castel Maggiore Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N.37/2007 Repertorio CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE E FIDIMPRESA BOLOGNA PER LA EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI

Dettagli

Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e per l attribuzione di vantaggi economici di qualunque

Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e per l attribuzione di vantaggi economici di qualunque Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e per l attribuzione di vantaggi economici di qualunque genere. INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 - Natura degli interventi

Dettagli

D.P.R. n. 119 del 22 giugno 2009

D.P.R. n. 119 del 22 giugno 2009 D.P.R. n. 119 del 22 giugno 2009 1 di 8 D.P.R. n. 119 del 22 giugno 2009 Regolamento recante disposizioni per la definizione dei criteri e dei parametri per la determinazione della consistenza complessiva

Dettagli

Regolamento Concessione di contributi, patrocini, sovvenzioni e altri benefici ad Associazioni, Enti pubblici e privati e ad altri Soggetti diversi.

Regolamento Concessione di contributi, patrocini, sovvenzioni e altri benefici ad Associazioni, Enti pubblici e privati e ad altri Soggetti diversi. Regolamento Concessione di contributi, patrocini, sovvenzioni e altri benefici ad Associazioni, Enti pubblici e privati e ad altri Soggetti diversi. Approvato con Delibera del Consiglio dell Unione n.

Dettagli

SERVIZI ALLA PERSONA

SERVIZI ALLA PERSONA Argelato Bentivoglio Castello D'Argile Castel Maggiore Galliera Pieve di Cento S. Giorgio di Piano S. Pietro in Casale (Provincia di Bologna) SERVIZI ALLA PERSONA UFFICIO DI PIANO DETERMINAZIONE SPER /

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (L.R. 14/4/2003, N. 7 D.P.G.R. 18/10/2004, nn. 7R e 8R) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina, nel rispetto dei principi fondamentali

Dettagli

COMUNE DI BIBBIANO Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI BIBBIANO Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI BIBBIANO Provincia di Reggio Emilia DETERMINAZIONE N. 90 DEL 05 SETTEMBRE 2014 SERVIZIO 4 / SCUOLA, CULTURA, SICUREZZA SOCIALE UFFICIO SCUOLA OGGETTO: INTERVENTI A SOSTEGNO DI ALUNNI DISABILI

Dettagli

COMUNE DI SINNAI (PROVINCIA DI CAGLIARI)

COMUNE DI SINNAI (PROVINCIA DI CAGLIARI) COMUNE DI SINNAI (PROVINCIA DI CAGLIARI) CONVENZIONE SCUOLE DELL INFANZIA (art. 2, comma 2, L.R. 25.6.1984, n 31) CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SINNAI E LA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA LE GIOVANI MARMOTTE

Dettagli

Preambolo ART. 1. O G G E T T O

Preambolo ART. 1. O G G E T T O REGIONE: EMILIA ROMAGNA LEGGE REGIONALE 8 APRILE 1994, n.15 (G.U. n. 025 SERIE SPECIALE N. 3 del 25/06/1994 - BU n. 032 del 11/04/1994) RIORGANIZZAZIONE DELLA MOBILITÀ URBANA E MIGLIORAMENTO DELLA ACCESSIBILITÀ

Dettagli

SEDUTA DEL 07 FEBBRAIO 2006

SEDUTA DEL 07 FEBBRAIO 2006 SEDUTA DEL 07 FEBBRAIO 2006 N. 43 R.V. OGGETTO: FUNZIONI IN MATERIA DI CACCIA. CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DI BRESCIA E L ASSOCIAZIONE EKOCLUB INTERNATIONAL ONLUS PER LA REALIZZAZIONE DI UN CICLO DI MOSTRE

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DIRIGENTE - E.F. 2009 (art.

CONTRATTO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DIRIGENTE - E.F. 2009 (art. CONTRATTO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DIRIGENTE - E.F. 2009 (art. 21 CCNL Area V) Il giorno 7 del mese di dicembre dell anno 2010, presso la Direzione

Dettagli

COMUNITA' MONTANA DELL'APPENNINO FAENTINO BRISIGHELLA **************************

COMUNITA' MONTANA DELL'APPENNINO FAENTINO BRISIGHELLA ************************** COMUNITA' MONTANA DELL'APPENNINO FAENTINO BRISIGHELLA ************************** CONVENZIONE FRA I COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME E LA COMUNITA MONTANA DELL'APPENNINO FAENTINO PER

Dettagli

FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE. TITOLO I Norme Generali. Articolo 1-Premessa Generale

FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE. TITOLO I Norme Generali. Articolo 1-Premessa Generale FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE TITOLO I Norme Generali Articolo 1-Premessa Generale Il presente Regolamento è adottato dal CdA della FONDAZIONE Calabria Roma Europa, nei

Dettagli

COMUNE DI ALBAREDO D ADIGE PROVINCIA DI VERONA

COMUNE DI ALBAREDO D ADIGE PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI ALBAREDO D ADIGE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI DIVERSI AD ENTI, ASSOCIAZIONI ED ALTRE FORME ASSOCIATIVE Il Sindaco MENEGAZZI Paolo Silvio L Assessore

Dettagli

UNIONE RENO GALLIERA. (Provincia di Bologna) CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE A.P.S.- A.S.D. PROGETTO DANZA D.E.F. PER

UNIONE RENO GALLIERA. (Provincia di Bologna) CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE A.P.S.- A.S.D. PROGETTO DANZA D.E.F. PER UNIONE RENO GALLIERA (Provincia di Bologna) CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE A.P.S.- A.S.D. PROGETTO DANZA D.E.F. PER LA CONCESSIONE D USO NON ESCLUSIVO A TITOLO ONEROSO DI LOCALI DI PROPRIETA DELL AMMINISTRAZIONE

Dettagli

======================================================================= COMUNE DI CAMUGNANO

======================================================================= COMUNE DI CAMUGNANO ======================================================================= COMUNE DI CAMUGNANO SETTORE 1 FINANZIARIO - AMMINISTRATIVO - SERVIZI ALLA PERSONA ======================================================================

Dettagli

COMUNITA DELLA VALLE DI SOLE PROVINCIA DI TRENTO

COMUNITA DELLA VALLE DI SOLE PROVINCIA DI TRENTO L145-0002497-19/12/2014 A - Allegato Utente 2 (A02) COMUNITA DELLA VALLE DI SOLE PROVINCIA DI TRENTO REP. n. /PR. del. SCHEMA DI CONVENZIONE DEL SERVIZIO DI APPLICAZIONE DELLA TARIFFA DI CUI AL D.P.R.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE NEI SERVIZI PER L'INFANZIA E SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE NEI SERVIZI PER L'INFANZIA E SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE NEI SERVIZI PER L'INFANZIA E SCOLASTICI Articolo 1 - Premessa I servizi rivolti all'infanzia e scolastici sono erogati dal Comune che individua in tale ambito

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Prot. n. 560 Bari, 25 gennaio 2012 Il Dirigente : Anna Cammalleri BANDO per la selezione di proposte progettuali per attività di ricerca azione in rete verticale tra istituti di istruzione secondaria di

Dettagli

PROVINCIA DI PARMA BOZZA 1 CONVENZIONE

PROVINCIA DI PARMA BOZZA 1 CONVENZIONE PROVINCIA DI PARMA BOZZA 1 CONVENZIONE Oggetto: soccorso, recupero, rieducazione e reinserimento in natura di specie di fauna selvatica autoctona, sia protette che soggette a prelievo venatorio, rinvenute

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Allegato A SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Il giorno., dell anno. alle ore., presso la sede

Dettagli

Giusta delibera n. 302 del 18/11/2010

Giusta delibera n. 302 del 18/11/2010 Comune di Trapani Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance - Modifiche di raccordo ad alcuni articoli del Regolamento istituito dall' O.I.V.

Dettagli

CAPO I. Interventi regionali per il diritto allo studio. Art. 1

CAPO I. Interventi regionali per il diritto allo studio. Art. 1 Legge regionale 26 maggio 1980, n. 10 Norme regionali in materia di diritto allo studio. 1 Quando le disposizioni della presente legge menzionano un Assessorato, la menzione si intende riferita alla Direzione

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014)

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Comune di Argelato Comune di Bentivoglio Comune di Castel Maggiore Comune di Castello d Argile Comune

Dettagli

SCHEMA DI ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO MASTER IN GESTIONE E RIUTILIZZO DI BENI E AZIENDE CONFISCATE ALLA MAFIE.

SCHEMA DI ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO MASTER IN GESTIONE E RIUTILIZZO DI BENI E AZIENDE CONFISCATE ALLA MAFIE. SCHEMA DI ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO MASTER IN GESTIONE E RIUTILIZZO DI BENI E AZIENDE CONFISCATE ALLA MAFIE. PIO LA TORRE - III EDIZIONE IN ATTUAZIONE DEGLI OBIETTIVI

Dettagli

CITTA DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna

CITTA DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna CITTA DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna N. di prot: 30125 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE N 54 del 19/12/2012 OGGETTO: PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL COMUNE DI SAN PIETRO IN

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO TERRITORIALE

SISTEMA INTEGRATO TERRITORIALE DISTRETTO PIANURA EST SISTEMA INTEGRATO TERRITORIALE SOCIALE, SOCIO-SANITARIO E SANITARIO Convenzione fra i Comuni e l'azienda Usl di Bologna Distretto di Committenza e Garanzia I Comuni del Distretto

Dettagli

SCHEMA DI ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO AUT AUT III FESTIVAL REGIONALE CONTRO LE MAFIE.. TRA

SCHEMA DI ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO AUT AUT III FESTIVAL REGIONALE CONTRO LE MAFIE.. TRA SCHEMA DI ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO AUT AUT III FESTIVAL REGIONALE CONTRO LE MAFIE.. TRA La Regione Emilia Romagna, C.F. 80062590379, rappresentata dal Vicepresidente

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA L'anno duemilasette, addì 6 del mese di luglio TRA la Regione Puglia, di seguito indicata come Regione, con sede in Bari, Via Caduti di Tutte le Guerre 15 (C.F. ), rappresentata dagli

Dettagli