Serie di Studi Scientifici Rapporti di Ricerca ISSN Richard Connolly Tatiana Dolgopyatova Riccardo Fiorentini Silvana Malle

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Serie di Studi Scientifici Rapporti di Ricerca ISSN 2384-9177 Richard Connolly Tatiana Dolgopyatova Riccardo Fiorentini Silvana Malle"

Transcript

1 Serie di Studi Scientifici Rapporti di Ricerca ISSN Richard Connolly Tatiana Dolgopyatova Riccardo Fiorentini Silvana Malle Rapporto realizzato in collaborazione con il Centro Studi Internazionali, Università di Verona Polo Scientifico Didattico Studi sull impresa Vicenza - Rapporto n 1 marzo 2012 I

2 Viale Margherita 87, Vicenza

3 Polo Scientifico Didattico Studi sull impresa Vicenza - Rapporto n 1 marzo 2012 Russia e Europa dell Est Progetti e prospettive di crescita Indice 1. Silvana Malle: Introduzione, presentazione dei contenuti del Rapporto e cenni sugli sviluppi economici correnti nella Federazione Russa Richard Connolly: Emerging Europe after the crisis: the challenge of structural transformation... 8 Sommario in italiano Tatiana Dolgopyatova: Sommario in italiano Riccardo Fiorentini: I mutamenti nella composizione del commercio estero di Vicenza con la Russia e i principali paesi dell Europa Centro Orientale tra il 1999 e il

4 1. Introduzione, presentazione dei contenuti del Rapporto e cenni sugli sviluppi economici correnti nella Federazione Russa Silvana Malle Le relazioni pubblicate in questo rapporto sono state inizialmente presentate nel seminario internazionale tenuto a Vicenza il 15 Aprile 2011 nell ambito del progetto Apertura economica con l estero e allargamento degli sbocchi di mercato in relazione all economia vicentina e alle prospettive di sviluppo di alcune economie emergenti nell area Europea e del Mediterraneo finanziato dal Polo Scientifico Didattico Studi sull Impresa di Vicenza e tengono conto degli interventi dei partecipanti nonché di alcuni sviluppi economici immediatamente successivi. Nel seminario sono stati presentati due maggiori rapporti, uno specifico sulla Russia e l altro sull economie dell est europeo inclusa la Russia con le quali l interscambio delle imprese vicentine non è ancora molto significativo ma che potrebbe aumentare progressivamente, data la fase di catching up con le economie di mercato più avanzate che queste economie stanno attraversando e, nelle più importanti, l avvio di una ripresa economica post-crisi che si preannuncia comparativamente più accentuata. E interessante notare che nel vicentino, durante la crisi e la conseguente caduta del commercio internazionale, mentre le importazioni si sono ridotte di due terzi circa, le esportazioni si sono dimezzate consentendo una crescita del saldo positivo dell interscambio con la Russia. Questi sviluppi fanno sperare che in breve-medio periodo anche i volumi dello scambio riprendano a crescere. Fatta questa premessa, è importante anche notare che le conclusioni della relazione del Prof. Richard Connolly dimostrano che, mentre queste economie non hanno subito gli sviluppi peggiori delle crisi bancarie e sistemiche, hanno tuttavia sofferto i contraccolpi di una recessione estremamente severa sia per la loro forte esposizione finanziaria, sia perché nella fase pre-crisi la crescita è dipesa in gran parte dall indebitamento con l estero. Meno hanno contato sulla crisi gli effetti della politica (deficit) di bilancio. Per riprendere il processo di convergenza con i livelli di reddito dell Unione Europea questi paesi dovranno riprendere il processo di trasformazione economica e strutturale non ancora completato e impegnarsi in una politica socialmente costosa di controllo del consumo interno e rapida crescita delle esportazioni nei settori della manifattura a più elevato contenuto tecnologico. La necessità di politiche di Prof. Emerito, Direttore del Centro Studi Internazionali, Dipartimento di Scienze Economiche Università di Verona, 1

5 cambiamento strutturale è sottolineata anche dalla Prof.ssa Dolgopyatova in relazione agli sviluppi della Federazione Russa che, mentre nella fase precedente alla crisi ha beneficiato di alti prezzi delle materie prime e degli idrocarburi in particolare, ha bisogno di sottrarsi al ricatto degli effetti di shock sulla crescita dovuto all improvvisa e imprevedibile variazione dei prezzi internazionali per avviare un processo di modernizzazione sostenuto e diffuso. Mentre sono positive l apertura della Russia agli investimenti diretti dall estero e la minore ossessione per il controllo dei settori cosiddetti strategici, la relazione nota giustamente che questo di per sé non basta a migliorare l ambiente economico e favorire l insediamento di lungo periodo di investimenti stranieri. La mia introduzione al seminario per la parte che concerne l economia Russa di cui mi occupo e della quale ero stata incaricata di analizzare gli sviluppi economici durante il mio mandato con l OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e Sviluppo Economico) - grazie al quale i contatti di cooperazione con le agenzie governative tra il 1994 e il 2005 sono stati utili anche a valutare gli sviluppi della Russia post-sovietica, per così dire, dall interno - propone alcuni argomenti di dibattito. Le domande che molti operatori si pongono sono le seguenti: dove sta la Russia oggi, cioè all indomani della crisi finanziaria internazionale, un terremoto di cui ancora sentiamo i sussulti e soffriamo le conseguenze recessive? Come si colloca la Russia nel panorama economico internazionale? Quali sono le prospettive e i modelli di sviluppo attuali? Di cosa si discute negli ambienti economici governativi e non? Su questi temi propongo di seguito alcune considerazioni affrontate in parte anche nelle relazioni pubblicate in questo rapporto. La presentazione che segue si avvale anche della conoscenza e analisi di avvenimenti e sviluppi avvenuti dopo la conclusione del seminario e in vista dei tempi di pubblicazione. Primo. La Russia ha affrontato bene la crisi economica con misure di politica monetaria e fiscale adeguate, contribuendo a frenare la recessione grazie ad un consistente stimolo fiscale finanziato dagli accantonamenti precedenti sulle entrate da vendita dei carburanti. Nonostante ciò, ha subito un forte crollo della produzione, stimato nel 2009 a - 7.8% del PIL rispetto al La ripresa nel 2010 è stata più modesta rispetto al tasso di crescita del PIL previsto inizialmente al 4.5-5%, e cioè intorno al 3.8%. Per il 2011 le stime della crescita sono rimaste modeste con un tasso del PIL previsto inizialmente attorno al %. E però, soprattutto, grazie al favorevole andamento dei prezzi del petrolio dovuto in gran parte ad inattese circostanze e turbolenze politiche internazionali e alle ricadute negative dello tsunami giapponese sulle politiche energetiche nucleari, che il tasso di crescita previsto per la Russia si è confermato (4.3% secondo le stime preliminari dell Ufficio Statistico Russia) Benché di tutto rispetto, in particolare se confrontato con l andamento dell economia mondiale, questo tasso resta, tuttavia inferiore alle aspettative del Fondo Monetario Internazionale che proiettavano la crescita nel 2011 al 4.8, mentre esperti indipendenti (ad es. Uralsib) arrivavano fino al 5%. 2

6 Secondo. La Russia è ancora prigioniera di un sistema economico basato sulle risorse naturali di cui subisce gli shock di prezzo nel bene e nel male. Questo aspetto dell economia russa non è solo un fatto di struttura essendo il paese ricco di risorse naturali ed energetiche, ma anche di scelta politica. La Russia non è ancora membro dell Organizzazione del Commercio Mondiale (WTO), un organizzazione di cui si possono discutere meriti e prospettive, ma che certamente favorisce l aumento della competitività internazionale e dei benefici che ne derivano quando i paesi membri si impegnino a realizzare i requisiti di afferenza, sostanzialmente relativi all adozione e attivazione di pratiche istituzionali avanzate e trasparenti. Per venti anni dalla disintegrazione dell URSS ad oggi la competitività in Russia ha fatto pochi progressi, impedendo ad una grande parte dell industria parte della quale era alquanto sviluppata nel precedente regime di mettersi alla pari tecnologicamente non solo con l industria delle maggiore potenze industriali, ma anche con quelle di altri grandi paesi emergenti (Cina, Brasile, Turchia). Gli impianti industriali sono per la maggior parte obsoleti, la ricerca e sviluppo (R&S) sia di prodotto che di processo è minima e persino insoddisfacente rispetto a quella di altre economie emergenti. Secondo il premio Nobel russo Alferov la Russia è adesso arretrata rispetto ad altri grandi paesi in tutti i settori in cui primeggiava nel secolo scorso, incluso quello spaziale. Terzo. Proprio queste caratteristiche così drammaticamente evidenziate dalla crisi prima e dalla scarsa ripresa, dopo, hanno indotto le autorità ad accelerare un processo di modernizzazione dell economia sul quale si è aperto un grande dibattito. Questo processo è stato promosso da Putin con la preparazione della Strategia 2020 i cui lavori sono iniziati nel 2006 e terminati con l approvazione per legge nel Novembre ed è stato sintetizzato da Medvedev in quattro parametri di sviluppo (innovazione, istituzioni, investimenti, infrastrutture) alla vigilia della sua elezione a presidente della Federazione Russa nel Marzo Ideato prima della crisi finanziaria internazionale ed in un periodo di forte crescita economica (circa 7% medio annuo dal 2000 alla metà del 2008), il processo di modernizzazione avrebbe dovuto scaglionarsi in una decina d anni mediante una serie di riforme in ambito macroeconomico e strutturale. La crisi ha apportato al processo di modernizzazione ideato in una fase di forte crescita economica, esigenze di rapidità, immediata efficacia e riallocazione delle risorse che rischiano di scontrarsi con una società e assetti produttivi in gran parte inerti rispetto alle sfide mondiali, con poteri economici interessati al mantenimento dello status quo, e con una burocrazia largamente invadente e impreparata alla sfide di società tecnologicamente avanzate. L enfasi attuale sulla necessità di rapidi miglioramenti tecnologici si basa sulla convinzione che l innovazione tecnologica sia non solo il motore di una ripresa più robusta, ma anche di una crescita sostenibile e di una migliore qualità dello sviluppo. Ma si basa anche su scelte selettive piuttosto che su processi di svecchiamento istituzionale orizzontali, cioè territorialmente omogenei. Nei pressi di Mosca è sorto nel 2010 Skolkovo, un area di sviluppo tecnologico che sarà dotata di istituzioni particolari, di una burocrazia più agile e di ricercatori i cui progetti innovativi dovrebbero essere approvati da un gruppo ristretto 3

7 di esperti nazionali ed internazionali e finanziati in gran parte dallo stato, ma anche da contributi privati, cioè di enti/individui interessati ai risultati della ricerca. Una rappresentanza di Skolkovo è stata insediata recentemente nella Silicon Valley in California. Quarto. L innovazione tecnologica avrà bisogno di contributi dall estero, know how, capacità manageriale, e investimenti. Mentre l originale Strategia 2020 (successivamente sottoposta a periodiche revisioni fino alla riedizione finale che deve essere ancora approvata dal governo) era largamente improntata all autosufficienza nel promuovere la modernizzazione dell economia, le politiche attuali sembrano più aperte all apporto non solo di capitale straniero, ma anche di strutture produttive e gestionali, nonché di linee di ricerca competitive a livello internazionale. In particolare è privilegiata l industria militare. Naturalmente le autorità si aspettano che emergano anche strutture produttive e imprese russe capaci di creare propri prodotti o processi e immetterli nel mercato. Ma questo dovrebbe succedere grazie ad un tessuto di rapporti con l estero più aperto e meno sospettoso che non nel passato. Le autorità hanno quindi promosso politiche di trasformazione delle (oscure) entità statali in società per azioni tra le quali ROSNANO (gestione di nanotecnologie) ha avviato per prima la trasformazione in società commerciale, nell intento di attirare anche investitori interessati; misure di privatizzazione (con vendita di pacchetti azionari cospicui) sia di banche che di imprese che già suscitano l interesse di investitori stranieri e politiche di attrazione di investimenti diretti in particolare in zone di investimento speciali, ma possibilmente anche in settori produttivi finora chiusi all investimento dall estero, come i cosiddetti settori strategici il cui numero è stato ridotto da Medvedev. Sono state approvate misure dirette a scuotere e rinverdire la dirigenza politica delle imprese di stato che dovrebbero portare se non alla spoliticizzazione almeno ad un ringiovanimento dei quadri dirigenti. Alle alte cariche governative è stato proibito di occupare anche posizioni di direzione di società/imprese. Quinto. La costituzione di zone economiche speciali (ZES) il cui numero tende ad aumentare attualmente ne esistono 24 (4 parchi tecnologici, 4 distretti industriali produttivi, 13 zone turistiche e 3 porti) - è stata attualmente devoluta all autorità dei governi provinciali facendo seguito all abolizione dell Agenzia Federale per le ZES nell Ottobre del Questo, da una parte, rende la costituzione di queste zone che sono favorite sotto l aspetto fiscale, burocratico e di sicurezza, più flessibile e, possibilmente più competitiva. Dall altra, però, rischiano di mancare gli apporti finanziari centrali e le strutture/istituzioni che solo il governo federale potrebbe garantire - già nel 2011 l apporto del governo federale alla creazione di infrastrutture è diminuito del 27%. È, comunque, interesse delle imprese che intendono costituire proprie succursali in Russia sapere che dovranno attivarsi direttamente nei confronti dei governi locali e convincerli a rendere loro la strada più facile, cioè esercitare pressioni affinché siano poste in condizioni di competizione comparativamente più attraenti. La creazione di figure specifiche quali i plenipotenziari presidenziali per gli investimenti in ogni regione 4

8 dovrebbe contribuire a facilitare l erogazione rapida e appropriata di documenti e servizi agli investitori grazie al monitoraggio delle pratiche locali e alla capacità/responsabilità di riferire direttamente alla Presidenza della Federazione l esistenza di operazioni e pratiche scorrette. Mentre è difficile credere che queste nuove autorità riescano ad impedire fenomeni di corruzione - endemica nel paese è possibile che contribuiscano, tuttavia ad incentivare gli operatori locali ad una maggiore efficienza e omologazione delle procedure burocratiche ai livelli comparativamente più avanzati. Sesto. Uno sviluppo recente sul quale è importante richiamare l attenzione è la costituzione di un Unione Doganale tra la Russia, il Kazakhstan e la Bielorussia che formalmente è stata approvata nel 2010 e a partire dalla quale la Russia punta a ricreare uno spazio economico comune simile allo spazio economico dell Unione Sovietica. Malgrado vi sia ancora un certo numero di regole e di eccezioni alla regola da approvare tra i tre paesi e siano già sorte dispute su alcune tariffe, indubbiamente questa iniziativa, benché perseguita dal governo forse o soprattutto per ragioni geopolitiche, offre maggiori opportunità di mercato alle imprese operanti nel territorio russo e un trampolino per esplorare insediamenti di succursali in aree economiche finora trascurate. Si dà per scontato, persino nel recente manifesto politico di Putin, che l ambiente economico sia più favorevole alle imprese straniere in Kazakhstan che non in Russia, e, come notato dalla Prof. Dolgopyatova in questo seminario, alcune imprese russe cominciano già a delocalizzarsi in questo paese. La Russia cerca di agganciare anche l Ucraina in uno spazio economico/doganale comune, o almeno di costituire con la repubblica limitrofa un area autonoma di libero scambio. Mentre, sotto alcuni punti di vista, sforzi in questa direzione sono comprensibili esiste ancora una comunità di linguaggio e culturale tra i paesi dell ex-unione Sovietica e, in alcuni settori anche una mutua dipendenza produttiva lo sforzo di perseguire la ricostituzione di uno spazio economico comune tra questi paesi si scontra con la necessità di modernizzare rapidamente la Federazione Russa che richiederebbe invece una cooperazione economica più intensa con le economie più avanzate sia europee che asiatiche o di oltre oceano. E possibile che l entrata della Russia nel WTO finalmente concordata a metà Dicembre 2011 la cui ratificazione dovrebbe avvenire nella seconda metà del 2012 favorisca un ri-orientamento della Russia verso le economie dell OCSE della quale il paese dovrebbe diventare membro successivamente e in tempi brevi. E anche possibile che la maggiore integrazione nell economia mondiale, che queste nuove memberships dovrebbero garantire, sia di stimolo all attuazione di politiche di cooperazione internazionale più solide e mirate ad un comune progresso sociale, economico e tecnologico. In ogni caso la Russia si troverà a dover scegliere tra strade diverse e c è da augurarsi che sappia scegliere bene. Settimo. Il contesto politico sarà cruciale alle nuove scelte che il paese dovrà fare. Dopo l annuncio, in parte inatteso, il 24 Settembre 2011 da parte di Medvedev che Putin si sarebbe nuovamente candidato al mandato presidenziale, Putin è stato effettivamente eletto il 4 Marzo Mentre il nuovo mandato di Putin è stato visto da gran parte della 5

9 stampa internazionale con preoccupazione e nel paese a seguito delle elezioni dei deputati della Duma nel Dicembre 2011 e delle accuse di manipolazione dei voti e dei risultati in elezioni anche successive si sono succedute manifestazioni di dissenso aperto contro le autorità al potere, occorre notare, primo, che una leadership alternativa a quella di Putin non è emersa, e, secondo, che in questo nuovo contesto il programma politico di Putin può cambiare e cercare di adattarsi alle nuove domande che emergono dai ceti urbani e più istruiti aprendosi a misure di liberalizzazione che comportano sia la privatizzazione di grandi imprese, sia una maggiore decentralizzazione. E una fase delicata nella quale lo sforzo di stabilizzazione sociale ed economica perseguito finora dovrebbe coniugarsi con una maggiore apertura alla modernizzazione dello stato da sempre differita a tempi migliori. E mia convinzione che questo sia possibile. Per concludere. La crisi finanziaria è stata salutare per la Russia. Ne ha messo in luce le debolezze strutturali, creando nel contempo la necessità e il desiderio di superarle con un grande sforzo di modernizzazione. A differenza del decennio precedente questo sforzo non intende basarsi soltanto sulle proprie forze e su un eccessivo spirito di sfida - ma piuttosto sulla collaborazione con altre economie, imprese e risorse intellettuali. Questa maggiore apertura all estero potrebbe costituire la premessa di rapporti di cooperazione più salutari e duraturi con l estero con beneficio per tutti. Tassi di crescita robusti previsti per il e finalmente la caduta dell inflazione che troppo a lungo ha marcato il percorso di crescita russo sono segnali positivi (Tavola 1). In paragone all andamento incerto e periglioso dell economia mondiale (Tavola 2), l economia russa sembra dimostrare una capacità di ripresa sostenuta anche grazie al miglioramento dell ambiente economico nel senso di maggiore trasparenza e competitività qualora siano introdotte le riforme economiche liberalizzatrici promesse. I manifesti elettorali di Putin pubblicati dalla stampa russa sembrano indicare l avvio di un nuovo approccio alla crescita economica in cui viene dato maggior peso alle riforme strutturali e maggiore attenzione per la riforma della giustizia in direzione della formazione e collocamento nelle sedi più importanti di giudici competenti ed imparziali e di una maggiore autonomia delle regioni in campo economico. La struttura del potere in Russia è ancora molto corporativa, dipendente dall eredità del passato e ancorata ad interessi economici che ben si sposano con rendite di posizione. Occorreranno molti sforzi per modernizzare non solo la produzione ma questa struttura di potere. E augurabile che spinte in questa direzione vengano anche dagli operatori economici esteri che hanno tutto l interesse a creare rapporti economici e commerciali basati sulla fiducia reciproca, sul rispetto dei contratti e sull efficienza. 6

10 Bibliografia S. Malle, The Present Challenges to Russia: Modernisation and Diversification, Working Paper Series, Dipartimento di Scienze Economiche, 10 October 2011, WP 16/2011 S. Malle The Policy Challenges of Russia s Post-Crisis Economy, Post-Soviet Affairs 2012 (forthcoming) Pubblicazioni del Ministero dello Sviluppo Economico Russo dal sito Pubblicazioni del Fondo Monetario Internazionale dal sito Pubblicazioni dell Organization for Economic Cooperation and Development dal sito Tavola 1: Proiezioni economiche del Ministero lo Sviluppo Economico MSE Russia. Indicatori di base. Variazione rispetto all anno precedente. 21 Settembre 2011 Indicatori economici Prezzo del petrolio degli Urali/$ per barile Inflazione, % Dicembre/Dicembre 6,5 7, ,5-5,5 4-5 Tasso di cambio medio, rublo/$ USA 28,4* 28,7 29,4 30,5 Crescita del PIL % 4,1 3,7 4,0 4,6 Crescita della produzione industriale % 4,8 3,4 3,9 4,2 Crescita degli investimenti fissi % 6,0 7,8 7,1 7,2 Crescita dei redditi reali della popolazione % 1,5 5,0 4,8 5,3 Crescita del Commercio al dettaglio % 3,6 5,1 5,8 6.3 Esportazioni di merci, miliardi di $ USA 527,5 533,1 535,9 565,3 Importazioni di merci, miliardi di $ USA 340,0 397,4 444,6 486,1 *Dati per il 2011 stimati dal MSE al 10 Aprile 2011 Fonte: MSE, 21 Settembre 2011, in Tavola 2: Proiezioni WEO (World Economic Outlook) del Fondo Monetario Internazionale, Settembre 2011 PIL reale (% anno su anno) FMI WEO (Settembre 11, 2011) Differenza con proiezioni Giugno Economia mondiale Advanced Economies United States Euro area Economie emergenti Prezzi al consumo (% fine del periodo) FMI WEO (Settembre 11, 2011) Differenza con proiezioni Giugno Economie avanzate Economie emergenti Commercio mondiale (% anno su anno) FMI WEO (Settembre, 2011) Differenza don proiezioni Giugno 2011) Volume di beni e servizi Totale Fonte :. NB : Proiezioni successive a quelle di settembre, sembrano più ottimiste sia sulla crescita della economia mondiale proiettata al 4,5% nel 2012, sia sull inflazione che appare più contenuta nelle economie avanzate e nelle economie emergenti. La forte variazione delle proiezioni da un mese all altro, tuttavia, suggerisce che la volatilità finanziaria che è preda anche di larghi movimenti speculativi non consente l elaborazione di dati più affidabili. 7

11 2. EMERGING EUROPE AFTER THE CRISIS: THE CHALLENGE OF STRUCTURAL TRANSFORMATION Richard Connolly Introduction The recent global economic crisis saw the ex-socialist new member states of the European Union (EU) - henceforth emerging Europe - suffer a more severe reversal of pre-crisis output trends than any other region of the world economy. After experiencing a decade-long boom that saw the economies of the region, on average, make considerable steps towards convergence with the per capita income levels of the EU, nearly all economies suffered sharp and deep recessions. The purpose of this paper is to: (1) explain why the region suffered such a severe recession as a result of the crisis; (2) to describe the subdued nature of the recovery in the immediate post-crisis period; and (3) to examine what progress the countries of the region have made in structural transformation over the past two decades. It is argued that rapid structural transformation is required if the countries of the region are to successfully overcome the challenges that now face them. The argument is organised as follows. Section I considers the pre-crisis performance of the economies of emerging Europe, suggesting that the first decade of the twenty first century saw the region move from an export-oriented growth model to a model based on growth in domestic investment and consumption. This was followed by a comparatively severe recession as a result of the global economic crisis. Section II describes the growth reversal experienced during the crisis, and offers a brief explanation of why the region performed so badly. Section III examines the strength of the recovery across the region. Section IV switches attention to the issue of structural transformation in emerging Europe, arguing that the results of the past two decades are not as positive as trade statistics might at first suggest. Section I: Pre-crisis economic performance across emerging Europe Following the collapse of socialism between , the economies of emerging Europe underwent, with varying levels of success, a process of economic transition. Essentially, this involved a shift from economic systems characterized by central Lecturer in Political Economy, Centre for Russian and East European Studies, School of Government and Society, University of Birmingham. 8

12 direction (planning) of economic activity and public ownership of all significant areas of the economy, to systems in which the market is the primary mechanism for allocating resources within an economy. After a slowdown in growth rates across the socialist region from the early 1970s onwards, it was hoped that economic transition would help the economies of the region achieve faster rates of growth and, ultimately, income convergence with the advanced economies of the West. This was not the first time that the region had been engaged in a collective push towards leaving the economic periphery of the world economy, but it was the first time that Western-style market and political institutions were adopted with such wholesale enthusiasm (Berend 1996, Berend, 2010). While success in building fully functioning market economies has been heterogeneous, it is probably accurate to suggest that all of the economies of the region now enjoy historically unprecedented economic freedom. Central planning is a thing of the past, with private ownership dominant across most of the region (EBRD 2010). Prior to the onset of the global economic crisis, this success in undergoing economic transition helped propel the countries of the region towards convergence in per capita income levels with the richer countries of the European Union (EU). As Table 1 illustrates, the countries of central and eastern Europe and the Baltic region (CEB) enjoyed the most success, with the average per capita income for this group rising from over a third of the EU-15 average in 1995 to well over half of the EU-15 average by Within this group, the most spectacular progress was made by the ex-soviet Baltic states, where per capita income levels had begun to approach those of their larger, richer central and eastern European neighbours that had enjoyed much more favourable initial conditions at the onset of transition. This process of convergence was based on a development model in which domestic demand became increasingly prominent as the primary driver of growth across the region. Since 2000, only the CEE economies have seen net exports make a positive contribution to GDP growth, with all countries of the region registering increasingly strong growth in domestic demand until Fast growth in domestic demand - especially in areas previously neglected under socialism, such as in services, retail trade, and residential construction - was considered a natural part of transition: on the one hand, structural transformation required significant growth in investment, while on the other, consumption grew after years of suppression under planned economies. Thus, although growth in non-tradable sectors was accompanied by rapid growth in tradable sectors, it was rarely enough to ensure that net exports made a positive contribution to growth across the region. Instead, fast rates of growth in domestic consumption and investment outstripped the supply of domestic savings, leading to widening current account deficits in nearly all countries that were not natural resource exporters. 9

13 Table 1: Pre-crisis income growth, convergence, and crisis performance average 2009 Sum of Q and Q Growth reversal Central Eastern Europe and Baltic Czech Republic n.d Estonia Hungary Latvia Lithuania Poland Slovakia Slovenia South Eastern Europe Albania Bosnia and Herzegovina n.d -8.1 n.d Bulgaria Croatia Macedonia Montenegro n.d n.d n.d Romania Serbia n.d CIS and Mongolia Armenia Azerbaijan Belarus Georgia Kazakhstan Kyrgyzstan Moldova Mongolia Russia Tajikistan Turkmenistan n.d Ukraine Uzbekistan Unweighted regional averages Annual rate of GDP growth (per cent) Output declines Per capita GDP, PPP (EU-average = 100) Central Eastern Europe and Baltic South Eastern Europe CIS Advanced Economies n.d European Union n.d Developing Asia n.d ASEAN n.d Latin America and the Caribbean n.d Middle East and North Africa n.d Source: IMF World Economic Outlook Database (October, 2010); quarterly GDP data are taken from EBRD (2010) It was the liberalization of capital accounts in the 1990s and beyond that laid the foundations for these rapid rates of growth in domestic consumption and investment 10

Economia Finanziaria e Monetaria

Economia Finanziaria e Monetaria Economia Finanziaria e Monetaria Lezione 10 Dimensione internazionale: aree valutarie ottimali; tassi di cambio e squilibri esterni; aspetti macro delle crisi finanziarie (modelli di 1 a, 2 a e 3 a generazione)

Dettagli

Le migrazioni internazionali delle professioni altamente qualificate

Le migrazioni internazionali delle professioni altamente qualificate Le migrazioni internazionali delle professioni altamente qualificate Antonietta Pagano Roma 23 novembre 2010 Percorso delle lezioni Introduzione al fenomeno delle migrazioni qualificate Definizione di

Dettagli

IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS

IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS I tumori in Italia Rapporto AIRTUM 1 TUMORI INFANTILI -1 ANNI IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI

Dettagli

Parte 1 - La questione energetica. Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione. Gilio Cambi

Parte 1 - La questione energetica. Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione. Gilio Cambi Parte 1 - La questione energetica Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione Gilio Cambi INFN Bologna & Dipartimento di Fisica Università di Bologna Pesaro, 23 e 30 Maggio 2012

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Divergenze P. Gautry, capo economista

Divergenze P. Gautry, capo economista 2015 Divergenze P. Gautry, capo economista Union Bancaire Privée, UBP SA Rue du Rhône 96-98 CP 1320 1211 Ginevra 1, Svizzera Tel. +4158 819 21 11 Fax +4158 819 22 00 ubp@ubp.com www.ubp.com La crescita

Dettagli

Risposta ABI al Consultation Paper del CESR sulla trasparenza dei mercati non azionari

Risposta ABI al Consultation Paper del CESR sulla trasparenza dei mercati non azionari Risposta ABI al Consultation Paper del CESR sulla trasparenza dei mercati non azionari POSITION PAPER 8 giugno 2007 1. Premessa L Associazione Bancaria Italiana (di seguito ABI), che con oltre 800 banche

Dettagli

Trend e cicli economici nell'economia mondiale: le opportunità per il 2016

Trend e cicli economici nell'economia mondiale: le opportunità per il 2016 Trend e cicli economici nell'economia mondiale: le opportunità per il 2016 Professor Lucrezia Reichlin London Business School Mondohedge Roma 26 novembre 2015 Disclaimer Previsioni FMI 10 GDP, constant

Dettagli

L ITALIA NELL ECONOMIA- MONDO DEL XXI SECOLO. Giuseppe Marotta Università di Modena e Reggio Emilia e Cefin Modena 24/03/2011

L ITALIA NELL ECONOMIA- MONDO DEL XXI SECOLO. Giuseppe Marotta Università di Modena e Reggio Emilia e Cefin Modena 24/03/2011 L ITALIA NELL ECONOMIA- MONDO DEL XXI SECOLO Giuseppe Marotta Università di Modena e Reggio Emilia e Cefin Modena 24/03/2011 Marotta - Modena 24/03/2011 2 Dai BRIC agli STIM ai GGG: nuovi acronimi per

Dettagli

E-Business Consulting S.r.l.

E-Business Consulting S.r.l. e Rovigo S.r.l. Chi siamo Scenario Chi siamo Missione Plus Offerti Mercato Missionedi riferimento Posizionamento Metodologia Operativa Strategia Comunicazione Digitale Servizi Esempidi consulenza Clienti

Dettagli

Combinazioni serie IL-MIL + MOT

Combinazioni serie IL-MIL + MOT Combinazioni tra riduttori serie IL-MIL e MOT Combined series IL-MIL + MOT reduction units Combinazioni serie IL-MIL + MOT Sono disponibili varie combinazioni tra riduttori a vite senza fine con limitatore

Dettagli

Il credito bancario alle imprese e la crisi: un analisi dei divari territoriali

Il credito bancario alle imprese e la crisi: un analisi dei divari territoriali Il credito bancario alle imprese e la crisi: un analisi dei divari territoriali Alessio D Ignazio Banca d Italia, Dipartimento di Economia e Statistica Regioni e sistema creditizio, ISSiRFA - CNR Roma,

Dettagli

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso PIANO DI STUDI Laurea in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari (DM 270/04) L-33 Bachelor degree in Italian and in English (2 curricula in English) 1) CURRICULUM: Economia internazionale

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO BRASILIANO

IL QUADRO MACROECONOMICO BRASILIANO IL QUADRO MACROECONOMICO BRASILIANO a cura di Giorgio Trebeschi Il Brasile, una storia di successo!!! Iperinflazione vinta Accelerazione della crescita Riduzione della povertà Migliore distribuzione del

Dettagli

Famiglie di tabelle fatti

Famiglie di tabelle fatti aprile 2012 1 Finora ci siamo concentrati soprattutto sulla costruzione di semplici schemi dimensionali costituiti da una singola tabella fatti circondata da un insieme di tabelle dimensione In realtà,

Dettagli

L esperienza di UniCredit nei Balcani. Fabio Fornaroli, Responsabile CEE CIB Corporate Sales

L esperienza di UniCredit nei Balcani. Fabio Fornaroli, Responsabile CEE CIB Corporate Sales L esperienza di UniCredit nei Balcani Fabio Fornaroli, Responsabile CEE CIB Corporate Sales Bari, 22 Febbraio 2012 AGENDA Le economie dei Balcani Le opportunità Il supporto di UniCredit 2 La presenza delle

Dettagli

Prof. Gustavo Piga EBRD International Master in Public Procurement Management, Director University of Rome Tor Vergata www.gustavopiga.

Prof. Gustavo Piga EBRD International Master in Public Procurement Management, Director University of Rome Tor Vergata www.gustavopiga. Appaltipubblicie professionalità. Il Master BERS-Tor Vergata Public Procurement in EBRD Projects September 26 th 2012 Chamber of Commerce of Trieste Trieste, Italy Prof. Gustavo Piga EBRD International

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA EDUCAZIONE FINANZIARIA

L IMPORTANZA DELLA EDUCAZIONE FINANZIARIA L IMPORTANZA DELLA EDUCAZIONE FINANZIARIA La Sicurezza Economica nell Età Anziana: Strumenti, Attori, Rischi e Possibili Garanzie. Courmayeur, 20 settembre 2008 Annamaria Lusardi Dartmouth College, NBER,

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

Le energie rinnovabili in Italia tra Stato e Mercato

Le energie rinnovabili in Italia tra Stato e Mercato Le energie rinnovabili in Italia tra Stato e Mercato The Adam Smith Society Massimo Orlandi Amministratore Delegato Sorgenia Roma, 22 gennaio 28 Sorgenia: Il primo operatore privato italiano nel settore

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

Prospettive 2015 - Divergenze

Prospettive 2015 - Divergenze NOVEMBRE 2014 Prospettive 2015 - Divergenze Jean-Sylvain Perrig, CIO Union Bancaire Privée, UBP SA Rue du Rhône 96-98 CP 1320 1211 Ginevra 1, Svizzera Tel. +4158 819 21 11 Fax +4158 819 22 00 ubp@ubp.com

Dettagli

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate PMI e Rating: un nuovo standard di comunicazione Milano, 11 Giugno 2014 CRIF Credit Rating Definizioni Rating Emittente: l opinione

Dettagli

Dexia Crediop SpA. Italian Subsovereign Debt and Debt Management Perspectives. FABIO VITTORINI Responsabile delle Politiche Commerciali

Dexia Crediop SpA. Italian Subsovereign Debt and Debt Management Perspectives. FABIO VITTORINI Responsabile delle Politiche Commerciali Dexia Crediop SpA Italian Subsovereign Debt and Debt Management Perspectives FABIO VITTORINI Responsabile delle Politiche Commerciali 11 91 316 municipalities in the EU in 2008 80% of municipalities in

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

L'impatto della crisi economica (e dell austerità) sul mercato del lavoro e sulla situazione sociale. Un confronto europeo.

L'impatto della crisi economica (e dell austerità) sul mercato del lavoro e sulla situazione sociale. Un confronto europeo. Senato della Repubblica, S.Com. Pol. sociali, 1 Aprile 2015 L'impatto della crisi economica (e dell austerità) sul mercato del lavoro e sulla situazione sociale. Un confronto europeo. Pasquale Tridico

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

Asset Management Bond per residenti in Italia

Asset Management Bond per residenti in Italia Asset Management Bond per residenti in Italia Agosto 2013 1 SEB Life International SEB Life International (SEB LI www.seb.ie) società irlandese interamente controllata da SEB Trygg Liv Holding AB, parte

Dettagli

Le sofferenze del credito in Italia Convegno IPE La gestione delle sofferenze bancarie. Napoli, 10 Dicembre 2015

Le sofferenze del credito in Italia Convegno IPE La gestione delle sofferenze bancarie. Napoli, 10 Dicembre 2015 Le sofferenze del credito in Italia Convegno IPE La gestione delle sofferenze bancarie Napoli, 10 Dicembre 2015 Crescita delle sofferenze con importanti impatti su sistema bancario, investimenti e PIL

Dettagli

Robert Cull e María Soledad Martínez Pería

Robert Cull e María Soledad Martínez Pería UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTÀ DI ECONOMIA GIORGIO FUÀ Corso di Laurea Magistrale in Scienze Economiche e Finanziarie FOREIGN BANK PARTICIPATION AND CRISIS IN DEVELOPING COUNTRIES Robert Cull

Dettagli

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement ITALIAN Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement Female 1: Ormai manca poco al parto e devo pensare alla mia situazione economica. Ho sentito dire che il governo non sovvenziona più il Baby Bonus.

Dettagli

management industry in Italy

management industry in Italy Financial advice and the future of the asset management industry in Italy Giovanni Siciliano Tutela del Risparmiatore e modelli di Governance nell Asset Management Milano, 20 gennaio 2014 OUTLINE I. Trends

Dettagli

Dinamica negoziazioni su prodotti stranieri

Dinamica negoziazioni su prodotti stranieri Interactive Brokers presenta Dinamica negoziazioni su prodotti stranieri Alessandro Bartoli, Interactive Brokers Il webinar inizia alle 18:00 CET webinars@interactivebrokers.com www.ibkr.com/webinars Member

Dettagli

L internazionalizzazione del Renminbi

L internazionalizzazione del Renminbi L internazionalizzazione del Renminbi L internazionalizzazione del Renminbi Fonti: Eunews, Financial Times, Wall street Italia Uno sguardo ai giornali Il mercato valutario in Italia Interscambio commerciale

Dettagli

Interactive Brokers. Rendiconti in dettaglio: P/L e Forex. Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch.

Interactive Brokers. Rendiconti in dettaglio: P/L e Forex. Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch. Interactive Brokers presenta: Rendiconti in dettaglio: P/L e Forex Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch webinars@interactivebrokers.com www.ibkr.com/webinars Member SIPC

Dettagli

GstarCAD 2010 Features

GstarCAD 2010 Features GstarCAD 2010 Features Unrivaled Compatibility with AutoCAD-Without data loss&re-learning cost Support AutoCAD R2.5~2010 GstarCAD 2010 uses the latest ODA library and can open AutoCAD R2.5~2010 DWG file.

Dettagli

ITALY IN THE GLOBAL OUTLOOK L ITALIA NEL QUADRO GLOBALE

ITALY IN THE GLOBAL OUTLOOK L ITALIA NEL QUADRO GLOBALE Session/Sessione ITALY IN THE GLOBAL OUTLOOK L ITALIA NEL QUADRO GLOBALE ELECTRONIC POLL RESULTS RISULTATI DEL TELEVOTO INTELLIGENCE ON THE WORLD, EUROPE, AND ITALY LO SCENARIO DI OGGI E DI DOMANI PER

Dettagli

Verso il summit di Parigi: L aspettativa di una conclusione virtuosa

Verso il summit di Parigi: L aspettativa di una conclusione virtuosa Verso il summit di Parigi: L aspettativa di una conclusione virtuosa Carlo Carraro Università Ca Foscari Venezia Vice Presidente IPCC Gruppo III FEEM and CMCC Parigi Clima 2015: Tre proposte innovative

Dettagli

Interactive Brokers presents

Interactive Brokers presents Interactive Brokers presents Il programma Stock Yield Enhancement Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch Il webinar inizia alle 18:00 CET webinars@interactivebrokers.com

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

World Bank Group. International Finance Corporation

World Bank Group. International Finance Corporation World Bank Group International Bank for Reconstruction and International Association International Finance Corporation Mutilateral Investment Guarantee Agency International Center for the Settlement of

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map KAZAKISTAN Capitale Astana Popolazione (milioni) 17,23 41/100 71/100 83/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 243,56 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA e&p GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA Linfomi: linfomi di Hodgkin e linfomi non Hodgkin Lymphomas: Hodgkin and non-hodgkin Lymphomas Massimo Federico, 1 Ettore M. S. Conti (

Dettagli

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy.

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Dai vita ad un nuovo Futuro. Create a New Future. Tampieri Alfredo - 1934 Dal 1928 sosteniamo l ambiente con passione. Amore e rispetto per il territorio. Una

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

Seminario di studi Mercato del Lavoro, disoccupazione e riforme strutturali

Seminario di studi Mercato del Lavoro, disoccupazione e riforme strutturali Seminario di studi Mercato del Lavoro, disoccupazione e riforme strutturali Giornata di studio in onire di Fabio Neri, Trieste 11 Novembre 2016 Elsa Fornero, Reforming labor markets: Reflections of an

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli

Crisi e dintorni: Ripartiamo dalle analisi empiriche

Crisi e dintorni: Ripartiamo dalle analisi empiriche 1 / 22 Crisi e dintorni: Ripartiamo dalle analisi empiriche Marco Grazzi LEM, Scuola Superiore Sant Anna, Pisa Sant Anna Science Cafè Pisa 18 Giugno 2009 2 / 22 Crisi: le differenze di oggi rispetto al

Dettagli

Bilancio 2012 Financial Statements 2012

Bilancio 2012 Financial Statements 2012 Bilancio Financial Statements IT La struttura di Medici con l Africa CUAMM è giuridicamente integrata all interno della Fondazione Opera San Francesco Saverio. Il bilancio, pur essendo unico, si compone

Dettagli

Le nostre strategie. Patrizio Bianchi. Università di Ferrara e Regione Emilia Romagna Bologna 14 dicembre 2012

Le nostre strategie. Patrizio Bianchi. Università di Ferrara e Regione Emilia Romagna Bologna 14 dicembre 2012 Le nostre strategie Patrizio Bianchi Università di Ferrara e Regione Emilia Romagna Bologna 14 dicembre 2012 Il cambiamento recenti approcci di politica industriale Due esempi, uno voluto ed uno non voluto

Dettagli

INVESTMENT REFORM INDEX 2006

INVESTMENT REFORM INDEX 2006 INVESTMENT REFORM INDEX 2006 Prof.ssa Giorgia Giovannetti Ice - Area Studi, ricerche e statistiche Università di Firenze Albania, Bosnia Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Macedonia, Moldavia, Montenegro,

Dettagli

La nuova direttiva sull'efficienza energetica. Paolo Bertoldi

La nuova direttiva sull'efficienza energetica. Paolo Bertoldi La nuova direttiva sull'efficienza energetica Paolo Bertoldi L utilizzo dell energia è una fonte importante di emissioni Parte dei gas ad effetto serra 2008 Agricoltura 10% Industria 8% Rifiuti 3% Energia

Dettagli

PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA

PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA di Tommaso Di Nardo Sommario: 1. La pressione fiscale in Italia dal 1980 al 2014. 2. Pressione tributaria diretta e indiretta. 3. La pressione fiscale in Europa.

Dettagli

Dr Mila Milani. Comparatives and Superlatives

Dr Mila Milani. Comparatives and Superlatives Dr Mila Milani Comparatives and Superlatives Comparatives are particular forms of some adjectives and adverbs, used when making a comparison between two elements: Learning Spanish is easier than learning

Dettagli

Corso di laurea in Scienze internazionali e diplomatiche. corso di POLITICA ECONOMICA SAVERIA CAPELLARI

Corso di laurea in Scienze internazionali e diplomatiche. corso di POLITICA ECONOMICA SAVERIA CAPELLARI Corso di laurea in Scienze internazionali e diplomatiche corso di POLITICA ECONOMICA SAVERIA CAPELLARI Obiettivi, pilastri della politica monetaria della BCE e modello di lungo periodo Inflazione e tasso

Dettagli

Le iniziative in corso per una politica di promozione della cantieristica europea

Le iniziative in corso per una politica di promozione della cantieristica europea Le iniziative in corso per una politica di promozione della cantieristica europea Genova Port&ShippingTech 30 novembre 2012 ing. Vincenzo Zezza (PhD) Divisione IX politiche industriali dei settori automotive,

Dettagli

Breve guida alla banca dati sugli Investimenti Diretti all Estero (IDE)

Breve guida alla banca dati sugli Investimenti Diretti all Estero (IDE) Breve guida alla banca dati sugli Investimenti Diretti all Estero (IDE) is a Research Project on European Union policies, economic and trade integration processes and WTO negotiations financed by the Italian

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

Participatory Budgeting in Regione Lazio

Participatory Budgeting in Regione Lazio Participatory Budgeting in Regione Lazio Participation The Government of Regione Lazio believes that the Participatory Budgeting it is not just an exercise to share information with local communities and

Dettagli

Solutions in motion.

Solutions in motion. Solutions in motion. Solutions in motion. SIPRO SIPRO presente sul mercato da quasi trent anni si colloca quale leader italiano nella progettazione e produzione di soluzioni per il motion control. Porsi

Dettagli

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle FACOLTÀ DI INGEGNERIA RELAZIONE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One

Dettagli

Luxury Market Vision. Le opportunità esistenti per le aziende italiane del lusso nei mercati emergenti. www.pwc.com/it. Giugno 2013.

Luxury Market Vision. Le opportunità esistenti per le aziende italiane del lusso nei mercati emergenti. www.pwc.com/it. Giugno 2013. www.pwc.com.it Giugno 2013 Luxury Market Vision Le opportunità esistenti per le aziende italiane del lusso nei mercati emergenti Giugno 2013 www.pwc.com/it I mercati emergenti guidano lo sviluppo del mercato

Dettagli

Forum PA Dal Cloud per la PA alla PA in Cloud Giancarlo Capitani Roma, 10 maggio 2011

Forum PA Dal Cloud per la PA alla PA in Cloud Giancarlo Capitani Roma, 10 maggio 2011 Forum PA Dal Cloud per la PA alla PA in Cloud Giancarlo Capitani L iniziativa IBM - NetConsulting Next step Evento presentazione/ discussione Modello e White Paper Modelli di implementazione White Paper

Dettagli

Politica economica: Lezione 10

Politica economica: Lezione 10 Politica economica: Lezione 10 II canale: M - Z Crediti: 9 Corsi di laurea: Nuovo Ordinamento (DM. 270) Vecchio ordinamento (DM. 590) Politica Economica - Luca Salvatici 1 Carbon markets The Clean Development

Dettagli

Andrea-Cornelia Riedel

Andrea-Cornelia Riedel EUROSTUDENT III La dimensione sociale nel processo di Bologna Il contributo di EUROSTUDENT, il suo ruolo e le prossime tappe HIS, EUROSTUDENT-coordinamento 12 Novembre 2008 Roma, Italia 1 L Indice 1. La

Dettagli

sfasamento tra politiche UE e USA Giovanni Ferri Libera Università Maria Ss. Assunta (LUMSA) Roma g.ferri@lumsa.it

sfasamento tra politiche UE e USA Giovanni Ferri Libera Università Maria Ss. Assunta (LUMSA) Roma g.ferri@lumsa.it Scenari globali li (lungo periodo) e sfasamento tra politiche UE e USA Giovanni Ferri Libera Università Maria Ss. Assunta (LUMSA) Roma g.ferri@lumsa.it Discussione Risk Outlook Consob Roma, 24-2-2014 2

Dettagli

Il Turismo nell area Euro-Adriatica

Il Turismo nell area Euro-Adriatica Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e dello Ionio Il Turismo nell area Euro-Adriatica In collaborazione con: 1 Il mercato del turismo europeo Fonte: WTO, 2006 2 I numeri dell Euroregione Adriatica

Dettagli

Roberto Fanfani PROFESSORE ORDINARIO DI POLITICA ECONUMICA ED ECONOMIA AGRARIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

Roberto Fanfani PROFESSORE ORDINARIO DI POLITICA ECONUMICA ED ECONOMIA AGRARIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Il Divulgatore N.1-2/ 2003 Il censimento dell'agricoltura Dati e tendenze della realtà bolognese Ristrutturazioni in corso A livello regionale Bologna vanta un primato in termini di superficie destinata

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

Outline Che Cosa è la globalizzazione? Flussi commerciali Flussi di capitali Flussi di persone. La globalizzazione

Outline Che Cosa è la globalizzazione? Flussi commerciali Flussi di capitali Flussi di persone. La globalizzazione Andrea F. Presbitero E-mail: a.presbitero@univpm.it Pagina web: www.dea.unian.it/presbitero/ Dipartimento di Economia Università Politecnica delle Marche Corso di Economia dello Sviluppo 1 Che Cosa è la

Dettagli

GCE. Edexcel GCE Italian(9330) Summer 2006. Mark Scheme (Results)

GCE. Edexcel GCE Italian(9330) Summer 2006. Mark Scheme (Results) GCE Edexcel GCE Italian(9330) Summer 006 Mark Scheme (Results) Unit Reading and Writing Question Answer Testo.. B B C - A 4 Testo. a. passione che passione b. attrae c. sicuramemte d. favorito ha favorito

Dettagli

Giornata degli Imprenditori e dei Manager Camera di Commercio di Parma

Giornata degli Imprenditori e dei Manager Camera di Commercio di Parma Giornata degli Imprenditori e dei Manager Camera di Commercio di Parma 19 Aprile 2008 Traghettare una multiutilities verso Piazza Affari Il contesto delle multiutilities in Italia Le multiutilities e la

Dettagli

Minieolico 2013. Lares Energy. Chi siamo. Minieolico. Lares Energy per il Minieolico. La Tecnologia. Vantaggi di un impianto Minieolico.

Minieolico 2013. Lares Energy. Chi siamo. Minieolico. Lares Energy per il Minieolico. La Tecnologia. Vantaggi di un impianto Minieolico. L A R E S E N E R G Y Minieolico 2013 Lares Energy Chi siamo Minieolico Lares Energy per il Minieolico La Tecnologia Vantaggi di un impianto Minieolico Contact DISCLAIMER This document may include the

Dettagli

CODI/21 PIANOFORTE II // CODI/21 PIANO II

CODI/21 PIANOFORTE II // CODI/21 PIANO II MASTER di II livello - PIANOFORTE // 2nd level Master - PIANO ACCESSO: possesso del diploma accademico di II livello o titolo corrispondente DURATA: 2 ANNI NUMERO ESAMI: 8 (escluso l esame di ammissione)

Dettagli

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.12437 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifiche al Manuale delle Corporate Actions - Amendment to the Corporate Action -

Dettagli

CREATING A NEW WAY OF WORKING

CREATING A NEW WAY OF WORKING 2014 IBM Corporation CREATING A NEW WAY OF WORKING L intelligenza collaborativa nella social organization Alessandro Chinnici Digital Enterprise Social Business Consultant IBM alessandro_chinnici@it.ibm.com

Dettagli

Fare clic per modificare gli stili del testo dello schema Secondo livello Terzo livello Quarto livello Quinto livello.

Fare clic per modificare gli stili del testo dello schema Secondo livello Terzo livello Quarto livello Quinto livello. 2008 Q1 results 2008 Q1 - Highlights [change vs 2007 Q1] y-1 exchange rate Sales: 756 M (+0.6%) Operating income: 46 M (+1.2%) Operating margin: 6.1% Vs 6.1% Net Financial Indebtedness: 498 M Vs 542 M

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Tesi di Laurea Analisi statistica di propagazione di campo elettromagnetico in ambiente urbano. Relatori:

Dettagli

From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE. Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info

From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE. Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info HEALTH FOR ALL HEALTH FOR SOME HEALTH FOR SOME UNIVERSAL HEALTH COVERAGE World

Dettagli

Oggi, 7 novembre 2013, la BCE ha deciso di tagliare i tassi di riferimento di 25 bp, ossia li ha portati allo 0,25%.

Oggi, 7 novembre 2013, la BCE ha deciso di tagliare i tassi di riferimento di 25 bp, ossia li ha portati allo 0,25%. Oggi, 7 novembre 2013, la BCE ha deciso di tagliare i tassi di riferimento di 25 bp, ossia li ha portati allo 0,25%. Questa decisione ha colto abbastanza di sorpresa il mercato, non era nelle stime/previsioni:

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 18 febbraio 2014 Filiera della carta 2014 - Alessandro Nova 1 La Filiera della

Dettagli

Dalla CRISI ECONOMICA DEL alla CRISI DEL DEBITO SOVRANO Massimo Del Gatto (Università d Annunzio DEc, CRENoS)

Dalla CRISI ECONOMICA DEL alla CRISI DEL DEBITO SOVRANO Massimo Del Gatto (Università d Annunzio DEc, CRENoS) Dalla CRISI ECONOMICA DEL 2007-2008 alla CRISI DEL DEBITO SOVRANO Massimo Del Gatto (Università d Annunzio DEc, CRENoS) Massimo Del Gatto - «G.d'Annunzio» University and CRENoS 1 Tasso di crescita del

Dettagli

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano I lipidi nella alimentazione del bambino Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano ! I lipidi del latte materno: composizione e significato - acidi grassi -

Dettagli

Il supporto di Finest all internazionalizzazione delle imprese del triveneto in Serbia

Il supporto di Finest all internazionalizzazione delle imprese del triveneto in Serbia Alessandra Camposampiero Vicepresidente Finest FINEST: assistenza a tutto campo per il successo del business all estero Il supporto di Finest all internazionalizzazione delle imprese del triveneto in Serbia

Dettagli

L assicurazione per i rischi creditizi

L assicurazione per i rischi creditizi L assicurazione per i rischi creditizi Marco Castiglione Partnership Channel Manager Euler Hermes Italia Un Gruppo leader presente in 5 Continenti e in oltre 50 Paesi Dati 2012 Società del Gruppo Allianz

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Febbraio 2009 FLEXICURITY. Pasquale Tridico Facoltà di Economia, Roma tre. tridico@uniroma3.it

Febbraio 2009 FLEXICURITY. Pasquale Tridico Facoltà di Economia, Roma tre. tridico@uniroma3.it Febbraio 2009 FLEXICURITY Pasquale Tridico Facoltà di Economia, Roma tre tridico@uniroma3.it Il modello Flexicurity Danese Il mercato del lavoro danese è flessibile quanto quello Britannico, Allo stesso

Dettagli

Antonio Cesarano. Ufficio Market Strategy

Antonio Cesarano. Ufficio Market Strategy Antonio Cesarano Scenario macro/mercati in un mondo sommerso di liquidità Maggio 2015 1 LA MAPPA ECONOMICA DEL MONDO 2 2015/16: IL MONDO TORNA A CRESCERE CON BASSA INFLAZIONE La commissione europea, ha

Dettagli

New, Classic & Old, History, Concept car, Meeting Day, Lifestyle, for fans and members in the world

New, Classic & Old, History, Concept car, Meeting Day, Lifestyle, for fans and members in the world MercedesRoadster.IT New, Classic & Old, History, Concept car, Meeting Day, Lifestyle, for fans and members in the world Newspaper supplement Emmegi Magazine Independent unaffiliated / funded by Daimler

Dettagli

Incontro di Orientamento 5 maggio 2015. Laurea Magistrale Economia, Mercati e Management 2015/2016

Incontro di Orientamento 5 maggio 2015. Laurea Magistrale Economia, Mercati e Management 2015/2016 Incontro di Orientamento 5 maggio 2015 Laurea Magistrale Economia, Mercati e Management 2015/2016 Novità : 4 nuovi curricula LM 2015/16 Novità: 2 curricula in lingua inglese; Informazioni sul primo anno;

Dettagli

Rassegna Stampa 21-23.07.2012

Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rubrica Stefano Micossi Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Pag. 28 il Sole 24 Ore 21/07/2012 LEASING, IL CONTRATTO "LIBERO" COMPLICA LADEDUCIBILITA' 3 14

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

Pentair ensures that all of its pumps (see Annex) affected by the above mentioned Regulation meet the 0,1 MEI rating.

Pentair ensures that all of its pumps (see Annex) affected by the above mentioned Regulation meet the 0,1 MEI rating. DIRECTIVE 29/125/EC - REGULATION EU 547/212 Pentair informs you about the new requirements set by Directive 29/125/EC and its Regulation EU 547/212 regarding pumps for water. Here below you find a brief

Dettagli

AVVISO n.4065. 18 Marzo 2015 MOT - DomesticMOT. Mittente del comunicato : Cassa depositi e prestiti S.p.A. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.4065. 18 Marzo 2015 MOT - DomesticMOT. Mittente del comunicato : Cassa depositi e prestiti S.p.A. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.4065 18 Marzo 2015 MOT - DomesticMOT Mittente del comunicato : Cassa depositi e prestiti S.p.A. Societa' oggetto dell'avviso : Cassa depositi e prestiti S.p.A. Oggetto : Comunicato stampa Testo

Dettagli

Investor Group Presentation

Investor Group Presentation Investor Group Presentation Lugano September 19th, 2014 «La prima parte del viaggio - Fact Sheet 2008-2014» (1/2) L acquisizione di DataService a metà 2007 guidata da Tamburi Investment Partner è origine

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

Crisi economica e suicidi in Italia. Una nota

Crisi economica e suicidi in Italia. Una nota Crisi economica e suicidi in Italia. Una nota Vittorio Daniele Università Magna Graecia di Catanzaro Campus S. Venuta 881 Catanzaro Italia La presente nota è stata pubblicata su: Economia e politica. http://www.economiaepolitica.it,

Dettagli