IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA"

Transcript

1 IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA L obiettivo della Copia dal Vero è la trasposizione grafica di ciò che vediamo nella Realtà Tridimensionale (la natura morta), nella Realtà Bidimensionale (il foglio di carta). INTRODUZIONE Immagina che i movimenti del braccio teso, e della matita che impugni, costruisce intorno al tuo campo visivo uno schermo concavo sul quale, come sullo schermo di un computer, hai riportata l immagine della Realtà Tridimensionale: lo schermo è concavo perchè curvo è il movimento a compasso del braccio. Ora immagina la matita come se fosse calamitata di piatto sopra il concavo dello schermo, ovvero lo schermo impedisce alla punta della matita di andare oltre. In altre parole, per riportare fedelmente la Realtà Tridimensionale nella Realtà Bidimensionale, tutte le misure e le inclinazioni devono essere prese e riportate utilizzando solo le coordinate spaziali dell altezza, della larghezza e delle inclinazioni; le inclinazioni non sono le diagonali cioè la terza coordinata spaziale della tridimensionalità. Questo, insieme alla precisione delle misurazioni, è il solo segreto da capire ed applicare per il successo nella Copia dal Vero. 1

2 PRENDERE VISIVAMENTE LE MISURE e INCLINAZIONI Visivamente (Fig. 1): è l azione sincronizzata di mira, tra l occhio, il braccio teso e la matita impugnata dalla mano. un solo occhio perché l altro è chiuso! 1 alto Est Ovest Nord 4 sinistra 3 destra 0 1 Trim. 2 Trim. 3 Trim. 4 Trim. Fig. 1 2 basso 1) NOVANTAGRADI!: ovvero come và impugnata la matita Quando si prendono visivamente (Fig. 1) le misure, la matita va impugnata tra il palmo e le dita, con il pollice libero di muoversi sull asta della matita (Fig. 2). Gli errori di riporto delle misure o delle inclinazione sono dovuti all errata inclinazione della matita rispetto al braccio. VERIFICA: prendete la misura di una data altezza-larghezza, ora confrontatela con la misura ottenuta con il polso flesso: è diversa! Ma anche un braccio che, in continuazione, si avvicina e si allontana dalla spalla, e perciò modifichi la distanza dall oggetto ritratto, è motivo di errore. VERIFICA: prendete la misura di una data altezza-larghezza, ora confrontatela con la misura ottenuta con il braccio flesso: è diversa! 2

3 90 IMPUGNARE Per prendere le misure Fig. 2 2) Quando (Capitolo terzo: la Prospettiva, punto 3 C, pag.7) si prendono visivamente le inclinazioni, la matita và tenuta, come se la pizzicaste, tra la punta del pollice, dell indice e del medio: E FONDAMENTALE che il polso, nell andare all oggetto e nel ritornare al foglio, non venga ruotato e che la matita sia impugnata come nella Fig. 3. Ciò che deve essere piegato-spostata è il gomito e la spalla. Questo consente di appoggiare di piatto (come atterra un elicottero) la matita sul foglio. Appoggiare di testa la matita sul foglio è un errore che si paga, per l effetto pendolo, con la perdita dell inclinazione appena acquisita. Fig PIZZICARE Per prendere le inclinazioni VERIFICA: prendete la misura di una data inclinazione, ora confrontatela con la misura ottenuta con il polso flesso: è diversa! 3

4 Realtà Tridimensionale 1 alto CAPITOLO PRIMO: UNA BOTTIGLIA Rettangolo Rigido Realtà Bidimensionale 1 alto Foglio di carta Punto Zero (O) 4 sinistra 3 destra 4 sinistra 3 destra Mediana orizzontale 2 basso Mediana Verticale o asse di simmetria 2 basso Individua quali sono le nove misure da riportare nel Rettangolo Rigido Fig. 4 Fig. 5 1) IL RETTANGOLO RIGIDO: ovvero come centrare la bottiglia nel foglio (Fig. 4 e 5) Dividere il foglio in quattro parti uguali; linea verticale (su cui vanno le altezze) e linea orizzontale (su cui vanno le larghezze). L incrocio delle due linee determina il punto Zero (O). Individuare visivamente i Quattro Punti di Orientamento: alto- basso, destra-sinistra. Con la matita, posta verticalmente, si prende visivamente (Fig. 1) la misura dal punto più alto della bottiglia (imboccatura) al punto più basso (base). La misura ottenuta (altezza) va riportata, partendo dal punto (O), sulla mediana verticale; ora va fatta la scelta della Scala con cui realizzare la copia. (Quando la misura ottenuta con la matita, viene riportata sulla mediana verticale, partendo dal punto (O), senza moltiplicarla o dividerla abbiamo il rapporto di Scala 1:1. Ovvero raddoppiandola avremo il rapporto di Scala 2:1, triplicandola avremo il rapporto di Scala 3:1; la Scala scelta và mantenuta per tutte le misure che si prenderanno successivamente: TUTTE!!!!) Poi, con la matita posta orizzontalmente, si prende visivamente la misura da il punto più a destra al punto più a sinistra. La misura ottenuta (larghezza) va riportata, partendo dal punto (O), sulla mediana orizzontale nella Scala scelta precedentemente. Dopo aver riportato sulla mediana verticale i punti 1, 2 (alto/basso) e i punti 3, 4 (destra/sinistra) da questi si tracciano due linee orizzontali parallele e due linee verticali parallele. Viene così a formarsi 4

5 il Rettangolo Rigido che centrerà la bottiglia nel foglio e nel quale dovrà essere inscritta perfettamente la bottiglia (come un guanto calza la mano). E chiamato Rettangolo Rigido perché ha la funzione di misuratore definitivo delle dimensioni di un solo oggetto. 1B) Come fare la Verifica prima di continuare il disegno? Tracciato il Rettangolo Rigido bisogna fare la verifica di quanto fatto fino ad ora utilizzando il Sistema Proporzionale: quante volte la misura più piccola sta dentro la misura più grande?; nella Realtà Bidimensionale prendo, con la matita, la misura della larghezza del Rettangolo Rigido (la misura più piccola) e conto quante volte sta nella sua altezza (R.B. ad occhio); poi misuro con il righello le due dimensioni, altezza/larghezza del R.R. e confronto numericamente il rapporto (R.B. cm): (es: 25x 5cm: il 5 sta 5 volte nel 25 cm); poi nella Realtà Tridimensionale prendo visivamente la misura della larghezza della bottiglia e conto-riporto quante volte sta nell altezza della bottiglia (R.T. ad occhio). La misura ottenuta va confrontata con quelle precedenti: minime discrepanze non vanno considerate errori a cui porre rimedio. 1C) Disegno della bottiglia Poi, sulla mediana verticale, che divide in due parti uguali la bottiglia, si riportano visivamente, in Scala, le misure che determinano le zone poste verticalmente nella bottiglia: il collo, i fianchi ecc.. Poi sulla mediana orizzontale superiore del Rettangolo Rigido si riportano visivamente in Scala le misure che determinano le zone poste orizzontalmente nella bottiglia: l imboccatura, il collo, le spalle ecc.. Ora si procede a costruire (raccordare) con il di-segno le informazioni ottenute con il riporto in Scala delle varie misure. Nella Fig. 4, ad esempio, avete solo nove misure da riportare sul foglio. Vi ricordo che la bottiglia presenta almeno due cerchi in prospettiva (base e bocca). Per i cerchi si procede come per la bottiglia; i Rettangoli Rigidi dei cerchi della bottiglia vanno collocati dentro il Rettangolo Rigido della bottiglia. 5

6 Realtà Tridimensionale CAPITOLO SECONDO: DUE BOTTIGLIE Fig. 6 Fig. 7 Realtà Bidimensionale alto 1 Rettangolo Elastico alto Rettangolo Rigido sinistra 4 destra 3 sinistra destra basso 2 basso Rettangolo Rigido 2 A) IL RETTANGOLO ELASTICO: ovvero come centrare le bottiglie nel foglio e disegnarle (Fig. 6 e 7) Quando la composizione, come nella Fig. 6 non presenta le caratteristiche di simmetria viste per la singola bottiglia, bisogna individuare i Quattro Punti di Orientamento (alto-basso, destra-sinistra) del Rettangolo Elastico: questi si ricavano muovendo visivamente la matita, posta in orizzontale, dall alto verso il basso, fino a che incontri, il punto posto più in alto (1 ); dal basso verso l alto per il punto più basso (2 ); muovendo visivamente la matita, posta in verticale, da destra verso sinistra per il punto a destra (3 ); da sinistra verso destra per il punto a sinistra (4 ). Memorizzati i quattro punti sulla composizione, si prende visivamente (altezza) la misura, in verticale, tra il punto più in alto (della composizione non di un singolo oggetto) e il punto in basso (della composizione, non di un singolo oggetto) e si riporta in Scala sulla mediana verticale; si prende visivamente (larghezza) la misura, in orizzontale, tra il punto a destra e il punto a sinistra e si riporta in Scala sulla mediana orizzontale. Dai punti (1, 2 ) ottenuti sulla mediana verticale si tracciano due linee orizzontali parallele. Dai punti ottenuti (3, 4 ) sulla mediana orizzontale si tracciano due linee verticali parallele: viene così a formarsi il Rettangolo Elastico. 6

7 2 B ) Come ottenere i due Rettangoli Rigidi ( Fig. 6 e 7). Disegnato il Rettangolo Elastico si procede alla realizzazione del Primo Rettangolo Rigido, ovvero da quello posto in primo piano, ovvero l oggetto con il punto basso della composizione (la casa si costruisce partendo dal basso). Il Secondo Rettangolo Rigido non và realizzato partendo dal lato opposto del Rettangolo Elastico, ma partendo e prendendo le misure dal primo Rettangolo Rigido ricavato (la casa si costruisce mattone su mattone). Ho definito il Rettangolo Elastico, con il termine Elastico, perché la modalità con cui viene ricavato non consente una trasposizione particolarmente precisa delle misure. Quindi il Rettangolo Elastico ha la funzione di centrare le bottiglie nel foglio nonché mostrare l ingombro della composizione, piuttosto che quella di misurarla con precisione, che invece è la funzione del Rettangolo Rigido. Non può esistere un Rettangolo Rigido per più oggetti diversi, a meno che siano posti in asse e simmetrici, come in un totem. PASSAGGI in SINTESI (per la-le bottiglia-e) A) Dividere il foglio in quattro parti uguali ( per centrare nel foglio la composizione). B) Individuare visivamente i Quattro Punti di Orientamento (alto-basso, destra-sinistra). C) Prendere visivamente le misure dell altezza-larghezza della composizione e riportarle, in scala (devi deciderla tu) partendo dal punto 0, sulla verticale-orizzontale: linea verticale (su cui vanno le altezze), linea orizzontale (su cui vanno le larghezze). D) Disegnare il Rettangolo Elastico. E) Verificare la correttezza dimensionale del Rettangolo Elastico con il sistema proporzionale (quante volte la misura più piccola sta dentro quella più grande?); la prima misurazione nella Realtà Bidimensionale, poi nella Realtà Tridimensionale. Le due misure ottenute sono simili? Bene, altrimenti ripetere le misurazioni. F) Disegnare i Rettangoli-o Rigidi-o. G) Verificare la correttezza dimensionale del Rettangolo Rigido con il sistema proporzionale (quante volte la misura più piccola sta dentro quella più grande?); la prima misurazione nella Realtà Bidimensionale, poi nella Realtà Tridimensionale. Le due misure ottenute sono elastica-mente simili? Bene, altrimenti ripetere le misurazioni. H) Misurare le altre parti che compongono l oggetto e riportarle in scala dentro il Rettangolo Rigido. I) Le linee curve vanno soprattutto viste, piuttosto che misurate. L asse di simmetria vi consente di verificare la simmetria delle linee curve CAPITOLO TERZO: PIANO DEL TAVOLO (La Prospettiva) PASSAGGI in SINTESI (per il tavolo) A) Dividere il foglio in quattro parti uguali; per centrare nel foglio la composizione. B) Individuare visivamente i Quattro Punti di Orientamento (alto-basso, destra-sinistra) il punto più alto e più basso (altezza); il punto più a destra e più a sinistra (larghezza) e riportarle, in scala (devi deciderla tu), partendo dal punto 0, sulla verticale-orizzontale. C) Disegnare il Rettangolo Elastico. D) Verificare la correttezza dimensionale del Rettangolo Elastico con il sistema proporzionale (quante volte la misura più piccola sta dentro quella più grande?); la prima misurazione nella Realtà Bidimensionale, poi nella Realtà Tridimensionale. Le due misure ottenute sono simili? Bene, altrimenti ripetere le misurazioni. 7

8 E) Prendere fisicamente-visivamente, le misure per l individuazione del punto più basso, in primo piano,che deve essere collocato sul lato orizzontale basso del Rettangolo Elastico. F) Prendere visivamente l inclinazione (lato del tavolo) che va dal 1 spigolo al 2 spigolo e disegnarla sul foglio (nel caso di una prospettiva CENTRALE non avrete uno spigolo ma tutto un lato che corrisponde al punto basso ); prendere visivamente la misura del lato del tavolo e riportarla in scala. Prendere visivamente l inclinazione che va dal 2 spigolo al 3 spigolo e disegnarla sul foglio; prendere visivamente la misura del lato del tavolo e riportarla in scala. Prendere visivamente l inclinazione che va dal 3 spigolo al 4 spigolo e disegnarla sul foglio; prendere visivamente la misura del lato del tavolo e riportarla in scala. Prendere visivamente l inclinazione che va dal 1 spigolo al 4 spigolo e disegnarla sul foglio; prendere visivamente la misura del lato del tavolo e riportarla in scala (inutile dire che dovrebbe coincidere). N.B. E altamente improbabile che il 2, 3 e 4 spigolo del tavolo vadano a coincidere sopra tre lati del Rettangolo Elastico; questo potrebbe significare che non avete misurato i lati del tavolo ma avete solo riportato le inclinazioni e che queste si sono fermate sui lati del Rettangolo Elastico. 3 A) Ricavate il Rettangolo Elastico del piano del tavolo come descritto nel punto (3). In questo caso i Quattro Punti di Orientamento del Rettangolo Elastico sono gli spigoli del tavolo. LO RIPETO: state lavorando con il Rettangolo Elastico che ha la funzione di mostrare l ingombro della composizione, non quella di misurarla con precisione. Il disegno (Fig. 10) esemplifica tale concetto. PRENDERE VISIVAMENTE-FISICAMENTE LE MISURE un solo occhio perché l altro è chiuso! visivamente-fisicamente Fig. 9 8

9 3 B) Come trovare sul Rettangolo Elastico il Primo Spigolo del tavolo. Impugnare (Fig. 2 ), la matita ed appoggiarla visivamente in orizzontale sul punto basso del tavolo. Con l altra mano impugnate la matita posta in verticale ed appoggiate fisicamente la matita al corpo della matita posta in orizzontale: misurare visivamente la distanza dalla matita posta in orizzontale allo spigolo del tavolo (Fig. 9 ). Riportare, da sinistra (oppure da destra), in scala sulla linea orizzontale bassa del Rettangolo Elastico, la misura ricavata. Avremo così ottenuto il primo spigolo (il punto più basso) in primo piano. Come nel caso del secondo Rettangolo Rigido, della seconda bottiglia, gli altri tre spigoli del tavolo non si ricavano nello stesso modo del primo spigolo, ma partendo appunto da esso. Fig. 10 Rettangolo Elastico: serve per centrare la composizione ed è indicativo degli ingombri della composizione. 3 spigolo 4 spigolo 2 spigolo 1 Primo Spigolo (punto più basso): è il punto di partenza per il riporto delle successive inclinazioni e misure (la casa si costruisce partendo dal basso). 3 C) Come riportare sul foglio le quattro inclinazioni e i tre spigoli. 9

10 Pizzicate la matita, ( Fig. 3) ruotate il polso (a destra/sinistra), ponete visivamente la matita sopra il Primo Spigolo, in primo piano, del tavolo. Dopodichè ruotate il polso fino a sovrapporre visivamente la matita sul lato, destro o sinistro, del tavolo. Stringete bene con le dita della mano la matita: questo farà si che il polso si irrigidisca. Ciò che deve muoversi, ruotando, è il polso e non le dita della mano, poiché le dita della mano non possono ruotare ma flettersi e nel flettere portano a flettere anche il polso spostando in diagonale la matita ovvero nello spazio tridimensionale: il movimento del polso deve essere come quello del tergicristallo (rileggi l INTRODUZIONE). Si riporta visivamente, con la matita l inclinazione, sul foglio e con l altra matita si traccia l inclinazione ottenuta: poi si prende visivamente la misura del lato, da spigolo a spigolo, e la si riporta in Scala sul lato disegnato. Avremo così ottenuto anche la posizione del 2 spigolo. Si procederà nello stesso modo con il riporto dei tre lati e dei due spigoli del tavolo mancanti. Tutte le inclinazioni vanno prima riportate/disegnate e poi misurate, mai cercare di riportare contemporaneamente inclinazioni e misure! LO RIPETO: E FONDAMENTALE che il braccio, nell andare all oggetto e nel ritornare al foglio, resti sempre teso e che la matita sia impugnata a NOVANTAGRADI come nella Fig. 3. Questo consente di appoggiare di piatto (come atterra un elicottero) la matita sul foglio così come di piatto (due dimensioni) avete preso inclinazioni e misure: appoggiare di punta o di testa la matita sul foglio è un errore che si paga con la perdita dell inclinazione appena acquisita. ERRORI FONDAMENTALI: 1, l errata inclinazione, non a NOVANTAGRADI, della matita rispetto al braccio; 2, il braccio che, in continuazione, si avvicina/allontana dalla spalla, ovvero un braccio non TESO; 3, appoggiare di punta la matita sul foglio e non di PIATTO; 4, la flessione del polso flette anche le dita, spostando in diagonale la matita, ovvero nello spazio tridimensionale. N.B. Vi svelo il Segreto della Copia dal Vero. Forse lo avete già intuito, ma la trasposizione grafica di ciò che vediamo nella Realtà Tridimensionale (la natura morta), nella Realtà Bidimensionale (il foglio di carta), la si ottiene, paradossalmente, proprio nel sacrificare la terza dimensione: tutte le misure sono prese NON sfondando, NON entrando nella porta (il prendere le misure/inclinazioni con il polso/dita flesso-e) della terza dimensione, ma per l appunto nel sacrificarla; tutte le misure/inclinazioni devono essere prese come se l immagine della Realtà Tridimensionale fosse stampata sopra un vetro, e sopra questo vetro noi muoviamo, come il tergicristallo, come atterra l elicottero di PIATTO la matita/listello. Prof. Giovanni Bordogna Buona Mimesi 10

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

PERCORSO RETTIFICATO

PERCORSO RETTIFICATO Il percorso rettificato serve per effettuare un rilievo topografico di una zona rapidamente, basandosi su un disegno schematico da tracciarsi man mano si cammina, ciò consiste, come dice il nome, nel raddrizzare

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) SETTIMA CHIACCHIERATA L ORIENTAMENTO (terza parte) Acquisire dimestichezza con bussola e cartina topografica, significa

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

Tecniche grafiche per il disegno a mano libera il segno espressivo

Tecniche grafiche per il disegno a mano libera il segno espressivo Tecniche grafiche per il disegno a mano libera il segno espressivo Tecnica a tratto o di solo contorno textures e trattamenti di campo chiaroscuro acquerello Alcuni suggerimenti utili.. Una corretta postura

Dettagli

LE FORME GEOMETRICHE...TANTE SCATOLE...

LE FORME GEOMETRICHE...TANTE SCATOLE... LE FORME GEOMETRICHE...TANTE SCATOLE... INSEGNANTI: SIMONA MINNUCCI MICHELA BASTIANI ANNO SCOLASTICO 2011-2012 CLASSE: SECONDA TEMPI: GENNAIO-GIUGNO OBIETTIVO FORMATIVO ESPLORARE LA REALTÀ ATTRAVERSO ESPERIENZE

Dettagli

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche Parte Sesta Trasformazioni isometriche In questa sezione di programma di matematica parliamo della geometria delle trasformazioni che studia le figure geometriche soggette a movimenti. Tali movimenti,

Dettagli

GEOMETRIA DELLE MASSE

GEOMETRIA DELLE MASSE 1 DISPENSA N 2 GEOMETRIA DELLE MASSE Si prende in considerazione un sistema piano, ossia giacente nel pian x-y. Un insieme di masse posizionato nel piano X-Y, rappresentato da punti individuati dalle loro

Dettagli

DISEGNO DI MACCHINE APPUNTI DELLE LEZIONI

DISEGNO DI MACCHINE APPUNTI DELLE LEZIONI DISEGNO DI MACCHINE APPUNTI DELLE LEZIONI Lezione 3: Proiezioni Ortogonali con il metodo europeo Francesca Campana Le proiezioni ortogonali Le proiezioni ortogonali descrivono bi-dimensionalmente un oggetto

Dettagli

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica 11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica a cura di Gian Piero Benente Le competenze necessarie al docente di tecnologia e informatica della scuola elementare e della

Dettagli

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA Introduzione: Per limitare i danni provocati alla colonna vertebrale durante l'attività sportiva e garantire una postura corretta nello sviluppo della stessa, è necessario

Dettagli

Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani.

Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani. Dottor Giuseppe Internullo Specialista in Ortopedia e Traumatologia Specialista in Chirurgia della Mano e Microchirurgia Ortopedica Università di Modena. Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani.

Dettagli

COM È FATTA UNA MERIDIANA

COM È FATTA UNA MERIDIANA COM È FATTA UNA MERIDIANA L orologio solare a cui noi comunemente diamo il nome di meridiana, in realtà dovrebbe essere chiamato quadrante; infatti è così che si definisce il piano su cui si disegnano

Dettagli

Il punto di stazione. Corso di orientamento e Cenni di topografia Dario Tommasi IW0QNL

Il punto di stazione. Corso di orientamento e Cenni di topografia Dario Tommasi IW0QNL Il punto di stazione Abbiamo visto tanti modi per usare la bussola, abbiamo visto come trovare un punto sulla carta e come darne le coordinate, come seguire un percorso, ma la cosa più importante è sapere

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Specifico per il tiro con la pistola ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il Lezione 5:10 Marzo 2003 SPAZIO E GEOMETRIA VERBALE (a cura di Elisabetta Contardo e Elisabetta Pronsati) Esercitazione su F5.1 P: sarebbe ottimale a livello di scuola dell obbligo, fornire dei concetti

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale L Osservatorio di Melquiades Presenta OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale Il Sole, le ombre e il tempo Domande guida: 1. E possibile l osservazione diretta del Sole? 2. Come è possibile determinare

Dettagli

TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011)

TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011) TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011) D1. Nella tabella che vedi sono riportati i dati relativi alla distribuzione di alunni e insegnanti nella scuola secondaria di primo grado

Dettagli

Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7.

Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7. Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7. lunedì datti lo sprint martedì RINVIGORISCITI mercoledì tonificati

Dettagli

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE PROFILO TOPOGRAFICO Il profilo topografico, detto anche profilo altimetrico, è l intersezione di un piano verticale con la superficie topografica. Si tratta quindi di

Dettagli

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Capittol lo 2 Visualizzazione 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Nel primo capitolo sono state analizzate le diverse componenti della finestra di Word 2000: barra del titolo, barra dei menu,

Dettagli

Misurazioni. Materiale occorrente per prendere correttamente le misure 1) METRO DA SARTORIA 2) 1 CORDINO

Misurazioni. Materiale occorrente per prendere correttamente le misure 1) METRO DA SARTORIA 2) 1 CORDINO Misurazioni Come potete notare questo formulario contiene 21 misurazioni ed e' MOLTO IMPORTANTE prendere con estrema accuratezza ognuna di esse. Le misure vanno prese esclusivamente svestiti (con la sola

Dettagli

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE Creare un Prototipo Che cos è un prototipo Se pensiamo agli oggetti che usiamo e di cui ci serviamo abitualmente,ci accorgiamo che per la maggioranza dei casi

Dettagli

Sistemi di forze: calcolo grafico

Sistemi di forze: calcolo grafico UNTÀ D3 Sistemi di forze: calcolo grafico TEOA Uso del CAD nei procedimenti grafici 2 appresentazione grafica dei vettori 3 Poligono delle forze 4 Poligono delle successive risultanti 5 Poligono funicolare

Dettagli

I quesiti di Matematica per la classe di concorso A059

I quesiti di Matematica per la classe di concorso A059 I quesiti di Matematica per la classe di concorso A059 Prof. Michelangelo Di Stasio Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei di Piedimonte Matese (CE) michelangelodistasio@tin.it SOMMARIO Si propone la

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE 1 LIGHT PAINTING dipingere con la luce Il LIGHT PAINTING è una tecnica fotografica che permette di realizzare scatti ricercati e suggestivi attraverso l

Dettagli

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi 2012 Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi Una raccolta di esercizi specifici per chi pratica ciclismo a tutti i livelli dall'agonista al semplice cicloturista De Servi Giuseppe STUDIO BIOMEC

Dettagli

ANDREA FARALLI 2 C IL BARICENTRO

ANDREA FARALLI 2 C IL BARICENTRO ANDREA FARALLI 2 C IL BARICENTRO Domenica dieci febbraio siamo andati al laboratorio di fisica della nostra scuola per fare accoglienza ai ragazzi di terza media. Questa accoglienza consisteva nell illustrare

Dettagli

LA GRAFICA E LA GEOMETRIA OPERATIVA

LA GRAFICA E LA GEOMETRIA OPERATIVA LA GRAFICA E LA GEOMETRIA OPERATIVA La geometria operativa, contrariamente a quella descrittiva basata sulle regole per la rappresentazione delle forme geometriche, prende in considerazione lo spazio racchiuso

Dettagli

Geogebra. Numero lati: Numero angoli: Numero diagonali:

Geogebra. Numero lati: Numero angoli: Numero diagonali: TRIANGOLI Geogebra IL TRIANGOLO 1. Fai clic sull icona Ic2 e nel menu a discesa scegli Nuovo punto : fai clic all interno della zona geometria e individua il punto A. Fai di nuovo clic per individuare

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA La RACHIALGIA, nome scientifico del mal di schiena, si colloca tra le patologie più diffuse, colpendo in modo democratico persone di tutte le età, di tutte le categorie professionali e di tutte le tipologie.

Dettagli

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO ARGOMENTO INTERDISCIPLINARE: TECNOLOGIA-SCIENZE-GEOGRAFIA Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO................................. Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Lezione 1: Cosa significa confrontare due lunghezze? Attività n 1 DOMANDA N 1 : Nel vostro gruppo qual è la matita più lunga? DOMANDA N

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

Usando il pendolo reversibile di Kater

Usando il pendolo reversibile di Kater Usando il pendolo reversibile di Kater Scopo dell esperienza è la misurazione dell accelerazione di gravità g attraverso il periodo di oscillazione di un pendolo reversibile L accelerazione di gravità

Dettagli

Come è l intensità della luce quando ti allontani dalla sorgente luminosa?

Come è l intensità della luce quando ti allontani dalla sorgente luminosa? Ciao! Ti ricordi quale era il problema allora? Riprendiamolo brevemente. La posizione reale di una stella può essere diversa da quello che ti sembra, ma quelle che vediamo più deboli sono veramente tali?

Dettagli

IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI

IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI Alcune proprietà della deformata dei portali Si esaminano nel seguito alcune proprietà della deformata dei portali. Queste proprietà permettono

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA Il progetto sulla Terza Dimensione Queste attività si

Dettagli

Il programma CONFELMOD CAD creazione e modifica

Il programma CONFELMOD CAD creazione e modifica CREAZIONE DEI PEZZI DEL MODELLO Dopo aver fatto la lista di tutti i componenti nella scheda modello si passa alla creazione dei pezzi. Si seleziona il modello e si clicca su Apri Modello 1 Con questa operazione

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA

LA MACCHINA FOTOGRAFICA D LA MACCHINA FOTOGRAFICA Parti essenziali Per poter usare la macchina fotografica, è bene vedere quali sono le sue parti essenziali e capire le loro principali funzioni. a) OBIETTIVO: è quella lente,

Dettagli

di Luca Paci, icartoon@jesicentro.it Apple Distinguished Educator, coordinatore TIC ISC Jesi Centro e Project Manager di icartoon

di Luca Paci, icartoon@jesicentro.it Apple Distinguished Educator, coordinatore TIC ISC Jesi Centro e Project Manager di icartoon PASSO PASSO 2 Come realizzare la tua seconda animazione in icartoon: una piccola guida per realizzare il secondo progetto creando tu sfondi e personaggi. di Luca Paci, icartoon@jesicentro.it Apple Distinguished

Dettagli

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line LA PROSPETTIVA Indice Indice... 1 -Cenni sulla prospettiva e rispetto delle proporzioni.... 2 Amici del Presepe

Dettagli

icartoon manuale d uso

icartoon manuale d uso icartoon manuale d uso icartoon ti consente di creare animazioni anche complesse e di esportarle. Quello che esporti da icartoon è basato su QuickTime che è uno standard per il multimedia: può quindi essere

Dettagli

Q4 Ripercorriamo dunque i casi fondamentali esaminati nei precedenti paragrafi relativi al calcolo analitico dei volumi.

Q4 Ripercorriamo dunque i casi fondamentali esaminati nei precedenti paragrafi relativi al calcolo analitico dei volumi. 4. Rappresentazione grafica dei volumi Il problema del calcolo dei volumi, oltre alla soluzione analitica proposta nei paragrafi 3 e 4, può essere anche sviluppato per via grafica con una semplice ed elegante

Dettagli

QUOTATURA. Introduzione

QUOTATURA. Introduzione QUOTATURA 182 Introduzione Per quotatura si intende l insieme delle norme che permettono l indicazione esplicita delle dimensioni(lineari ed angolari) dell oggetto rappresentato. Poiché a ciascun disegno

Dettagli

Appunti sul galleggiamento

Appunti sul galleggiamento Appunti sul galleggiamento Prof.sa Enrica Giordano Corso di Didattica della fisica 1B a.a. 2006/7 Ad uso esclusivo degli studenti frequentanti, non diffondere senza l autorizzazione della professoressa

Dettagli

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 Posizione preparatoria 2 : con entrambi i piedi ravvicinati parallelamente, ergersi con naturalezza mantenendo ferma la {posizione di} attenti; ambedue

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof.

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

Appunti sull orientamento con carta e bussola

Appunti sull orientamento con carta e bussola Appunti sull orientamento con carta e bussola Indice Materiale necessario... 2 Orientiamo la carta topografica con l'aiuto della bussola... 2 Azimut... 2 La definizione di Azimut... 2 Come misurare l azimut...

Dettagli

N. 4 I ludi geometrici di Leonardo da Vinci Un gioco per avvicinarsi al concetto di area franco ghione, daniele pasquazi

N. 4 I ludi geometrici di Leonardo da Vinci Un gioco per avvicinarsi al concetto di area franco ghione, daniele pasquazi N. 4 I ludi geometrici di Leonardo da Vinci Un gioco per avvicinarsi al concetto di area franco ghione, daniele pasquazi Tra i molteplici interessi scientifici di Leonardo non dobbiamo dimenticare la matematica.

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 3 e 4

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 3 e 4 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 3 e 4 Domanda 1 Nel modello di domanda e offerta l equilibrio si verifica quando: A) Tutti i compratori

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009

Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 INTRODUZIONE Il bagher è un fondamentale di base nella pallavolo, cioè concorre con varianti diverse a formare i fondamentali complessi della ricezione

Dettagli

Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE. Operare con i numeri

Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE. Operare con i numeri COMPETENZA CHIAVE MATEMATICA Fonte di legittimazione Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE L alunno utilizza il calcolo scritto e mentale con i numeri

Dettagli

TEST FINALE Corso di Grafologia-Affinità di coppia

TEST FINALE Corso di Grafologia-Affinità di coppia TEST FINALE Corso di Grafologia-Affinità di coppia NOTA BENE: le risposte corrette sono riportate al termine del documento 1) Quali sono i dati fondamentali che lo scrivente deve fornire al grafologo per

Dettagli

Conoscere la sfera. Ines Marazzani N.R.D. Bologna

Conoscere la sfera. Ines Marazzani N.R.D. Bologna Conoscere la sfera Ines Marazzani N.R.D. Bologna Questo articolo è stato oggetto di pubblicazione in Marazzani I. (2003). Costruire e conoscere la sfera. La Vita Scolastica. 11, 42-45. Introduzione I bambini

Dettagli

Capitolo 11. Il disegno in 3D

Capitolo 11. Il disegno in 3D Capitolo 11 Il disegno in 3D o 11.1 Uso delle coordinate nello spazio o 11.2 Creazione di oggetti in 3D o 11.3 Uso dei piani di disegno in 3D (UCS) o 11.4 Creazione delle finestre di vista o 11.5 Definizione

Dettagli

Guida alla terapia con Gloreha

Guida alla terapia con Gloreha Guida alla terapia con Gloreha Introduzione Questo documento vuole essere un supporto per tutti coloro che desiderano effettuare riabilitazione con Gloreha a casa propria. Non è un manuale d uso tecnico

Dettagli

Distinguere grandezze, unità di misura, strumenti di misura.

Distinguere grandezze, unità di misura, strumenti di misura. L A 145 ATTIVITÀ 1 Distinguere grandezze, unità di misura, strumenti di misura. Il tuo libro di scienze; strumenti di misura e non di misura forniti dal tuo insegnante. Osserva il tuo libro di scienze

Dettagli

MISURIAMO LA BICI. La vita è come la bicicletta; se vuoi stare in equilibrio devi muoverti Albert Einstein

MISURIAMO LA BICI. La vita è come la bicicletta; se vuoi stare in equilibrio devi muoverti Albert Einstein MISURIAMO LA BICI La vita è come la bicicletta; se vuoi stare in equilibrio devi muoverti Albert Einstein Fareste mai una lunga passeggiata con un paio di scarpe strette??? QUALSIASI SIA L UTILIZZO CHE

Dettagli

Scienze Motorie e Sportive

Scienze Motorie e Sportive Scienze Motorie e Sportive GLOSSARIO DEI MOVIMENTI GINNASTICI E SPORTIVI (Testo e disegni di Stelvio Beraldo) DOCENTE: prof Pieraldo Carta CLASSI: 1^A, 1^B, 2^B A.S. 2013-2014 1 Atteggiamenti POSIZIONI

Dettagli

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia

Dettagli

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE Esercizio nr. 1) Piegate il busto in avanti in modo che sia parallelo al pavimento ed appoggiatevi con il braccio sano ad uno sgabello o ad un tavolino.

Dettagli

Modellare una copertura a falde

Modellare una copertura a falde 4 Modellare una copertura a falde Costruire un tetto a falde partendo dalla posizione dei muri. Utilizzeremo sia strumenti di creazione sia strumenti di deformazione dei solidi. Introduzione In questo

Dettagli

Ogni primino sa che...

Ogni primino sa che... Ogni primino sa che... A cura della équipe di matematica 25 giugno 2015 Competenze in ingresso Tradizionalmente, nei primi giorni di scuola, gli studenti delle classi prime del Pascal sostengono una prova

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELL OMBREGGIAMENTO DI SUPERFICI TRASPARENTI SU PARETE VERTICALE

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELL OMBREGGIAMENTO DI SUPERFICI TRASPARENTI SU PARETE VERTICALE ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELL OMBREGGIAMENTO DI SUPERFICI TRASPARENTI SU PARETE VERTICALE Per ogni superficie trasparente presente sulle facciate degli edifici è possibile costruire una maschera

Dettagli

Parte Prima: 1. Allineamento del Cannocchiale Polare 2. Determinazione dell Indice del Meridiano 3. Stazionamento del Telescopio

Parte Prima: 1. Allineamento del Cannocchiale Polare 2. Determinazione dell Indice del Meridiano 3. Stazionamento del Telescopio 1 Star Party Parco Faunistico del Monte Amiata Conferenza Ottimizzare il Telescopio di Carlo Martinelli 1 Parte Prima: 1. Allineamento del Cannocchiale Polare 2. Determinazione dell Indice del Meridiano

Dettagli

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna.

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna. Glossario dei movimenti ginnastici e sportivi Terminologia riferita alle posizioni e ai movimenti del corpo 1) Capo: a) flessione in avanti; b) inclinazione indietro con iperestensione del rachide cervicale;

Dettagli

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica 224 Tonzig Fondamenti di Meccanica classica ). Quando il signor Rossi si sposta verso A, la tavola si sposta in direzione opposta in modo che il CM del sistema resti immobile (come richiesto dal fatto

Dettagli

Studio grafico analitico delle funzioni reali a variabile reale y = f(x)

Studio grafico analitico delle funzioni reali a variabile reale y = f(x) Studio grafico analitico delle funzioni reali a variabile reale y = f() 1 Ecco i passi utili allo studio di una funzione reale: Determinare il dominio della funzione Ricercare l eventuale intersezione

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

In realtà la vera domanda e : Come posso fare ad ottenere tutte quelle rivoluzioni?, ma la risposta ad entrambe le domande e la stessa.

In realtà la vera domanda e : Come posso fare ad ottenere tutte quelle rivoluzioni?, ma la risposta ad entrambe le domande e la stessa. Nella quarta parte di questi quattro articoli, andrò a rispondere alla domanda che mi viene posta più frequentemente: Come fanno i Professionisti ad ottenere tutte quelle rivoluzioni? In realtà la vera

Dettagli

MODELLAZIONE SOLIDA. Scheda Solidi. Disegno di un parallelepipedo

MODELLAZIONE SOLIDA. Scheda Solidi. Disegno di un parallelepipedo MODELLAZIONE SOLIDA Cliccando con il tasto destro sulla barra grigia in alto attiviamo la scheda dei Solidi > Gruppo di schede > Solidi. Tale scheda si compone di diversi gruppi: il gruppo di Modellazione

Dettagli

INVALSI. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

INVALSI. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca X MATEMATICA_COP_Layout 1 15/03/11 08:51 Pagina 2 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione

Dettagli

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley Giochi tradizionali adatti alla pallavolo ASINO Si può giocare in un numero imprecisato di bambini che si mettono in cerchio; si tira la palla a colui che lo precede e così via. Quando si sbaglia (la palla

Dettagli

LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE

LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE Ergonomia / Videoterminali / Utilizzo sicuro dei VDT LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE Introduzione Gli aspetti posturali connessi al lavoro al VDT sulla salute dei lavoratori sono stati studiati da molti

Dettagli

Titolo: IL QUADERNINO DEI RETICOLI

Titolo: IL QUADERNINO DEI RETICOLI Titolo: IL QUADERNINO DEI RETICOLI Autore: giulianamassaro@gmail.com Descrittori: geografia, tecnologia, Motivazione e contesto di applicazione La rappresentazione dello spazio: strumenti e strategie Le

Dettagli

Papermodel PM-21 Mazinger Z vol.1 manga/oav version

Papermodel PM-21 Mazinger Z vol.1 manga/oav version 1 Per costruire questo modello, è necessario stampare su cartoncino formato A4 bianco, il relativo file, che avete scaricato assieme a queste istruzioni dal sito http://raggiogamma.altervista.org Tagliate

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

Corso avanzato di massaggio antistress

Corso avanzato di massaggio antistress Corso avanzato di massaggio antistress Massaggio parte anteriore del corpo, delle mani e del viso 21 novembre 2009 www.cmosteopatica.it Massaggio parte anteriore, Pagina 1 Massaggio parte anteriore Il

Dettagli

1 Gli effetti della forza di Coriolis

1 Gli effetti della forza di Coriolis LA FORZA DI CORIOLIS di Giulio Mazzolini 2012 1 Gli effetti della forza di Coriolis È un effetto noto che i venti nell emisfero nord deviano sempre verso destra, invece nell emisfero sud deviano sempre

Dettagli

Come ricavarsi l ossatura di una nave antica (Parte 2) Clayton Johnson (traduzione di Enzo De Sanctis)

Come ricavarsi l ossatura di una nave antica (Parte 2) Clayton Johnson (traduzione di Enzo De Sanctis) La prima cosa da fare quando affronterete il disegno della struttura, se non l aveste già affrontata durante le vostre ricerche, è quello di stabilire lo spessore delle ordinate, dall interno dello scafo

Dettagli

la squadratura del foglio Copia.notebook September 21, 2012

la squadratura del foglio Copia.notebook September 21, 2012 la squadratura del foglio cancellare il cerchio di costruzione e lasciare tutti i punti individuati per ricavare la squadratura del foglio e la sua divisione in 4 parti uguali 1 la squadratura del foglio

Dettagli

Unità di apprendimento ad alta comprensibilità Matematica Elementare. La Simmetria. Canovi Giuliana Uldini Renata

Unità di apprendimento ad alta comprensibilità Matematica Elementare. La Simmetria. Canovi Giuliana Uldini Renata Unità di apprendimento ad alta comprensibilità Matematica Elementare La Simmetria Canovi Giuliana Uldini Renata Indicazioni per l insegnante L unità didattica prevede l osservazione diretta della realtà

Dettagli

I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA

I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA per lavoratori La formazione vincente. Il CFRM, Centro Formazione e Ricerca Macchine del Gruppo Merlo, è la prima struttura in Italia ed una delle prime in Europa specializzata

Dettagli

Esercizi per collo, spalle e braccia.

Esercizi per collo, spalle e braccia. DA FARE IN CASA - Esercizi pratici per mantenersi in forma. Esercizi per collo, spalle e braccia. 1 - Muscoli spalle e braccia Sdraiati sulla schiena, sollevare un leggero peso sulla testa e flettendo

Dettagli

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley I giochi tradizionali adatti alla pallavolo e Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley ricerca e composizione di: Rosario Ravalli docente regionale allenatori FIPAV Foggia Questo piccolo

Dettagli

CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA

CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA LA CARTA TOPOGRAFICA 88. La carta topografica è una rappresentazione grafica di una parte più o meno ampia della superficie terrestre in una determinata scala.

Dettagli

SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11

SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11 SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11 Rapporto tecnico sulle caratteristiche delle prove INVALSI 2011 Scuola secondaria di secondo grado classe II MATEMATICA Domanda D1 item a D1. Nella tabella che

Dettagli

2.2.4 Distanze di sicurezza UNI EN ISO 13857:2008, UNI EN 349:1994

2.2.4 Distanze di sicurezza UNI EN ISO 13857:2008, UNI EN 349:1994 2.2.4 Distanze di sicurezza UNI EN ISO 13857:2008, UNI EN 349:1994 2.2.4.1 Descrizione L uso delle distanze di sicurezza rappresenta un modo per garantire l integrità fisica dei lavoratori in presenza

Dettagli

Sezione Aurea: una guida per gli artisti La bellezza delle proporzioni per pittori, fotografi e grafici

Sezione Aurea: una guida per gli artisti La bellezza delle proporzioni per pittori, fotografi e grafici Sezione Aurea: una guida per gli artisti La bellezza delle proporzioni per pittori, fotografi e grafici C'è un rapporto matematico che si trova comunemente in natura, il rapporto di 1-1,618 cui sono stati

Dettagli