Procedendo con ordine si distinguono:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Procedendo con ordine si distinguono:"

Transcript

1 L'OBIETTIVO L'obiettivo è, sicuramente, la parte più importante della macchina fotografica in quanto solo con una buona ottica si ottengono buoni risultati, per questo motivo l'argomento verra trattato in modo dettagliato. Un obiettivo, nell'ambito della disciplina ottica, è un sistema di lenti, singole o multiple, che permette la proiezione di un'immagine luminosa su una superficie. La sua funzione è quella di catturare la luce emessa da un qualunque oggetto e proiettarla tutta sullo stesso punto della superficie. La caratteristica principale di un obiettivo è la lunghezza focale, ossia la distanza compresa tra l immagine nitida prodotta e la lente quando è a fuoco un soggetto all infinito. Tale dimenzione viene espressa in millimetri e indica la distanza ottica fra il piano di proiezione e il centro ottico dell'obiettivo. Questo parametro, insieme alle dimensioni del piano di proiezione, definisce l'angolo di campo, ovvero l angolo tra la lente d entrata dell obiettivo e l area delimitata dal formato. La misura è comunemente indicata in gradi ed è in relazione alla diagonale del formato. La profondità di campo è lo spazio posto davanti e dietro il piano di messa a fuoco entro il quale il soggetto appare sufficientemente nitido, è possibile controllare la sua ampiezza grazie all uso del diaframma: più il diaframma è aperto minore sarà l ampiezza della profondità di campo; più il diaframma è chiuso più la profondità di campo sarà ampia. Per ogni impostazione dell'obiettivo, c'è un'unica distanza a cui gli oggetti appaiono perfettamente a fuoco; la nitidezza diminuisce gradualmente in avanti (verso il fotografo) e indietro (in direzione opposta al fotograso). La profondità di campo, d'attronde, è importante perché consente al fotografo di comunicare efficacemente le proprie idee visive e di sottolineare la separazione tra diversi elementi dell'immagine. La grande famiglia degli obbiettivi si può dividere in cinque categorie principali: l'obiettivo normale, il teleobiettivo, il grandangolare, l'obiettivo speciale e lo zoom. La grande famiglia degli obbiettivi si può dividere in cinque categorie principali: l'obiettivo normale, il teleobiettivo, il grandangolare, l'obiettivo speciale e lo zoom.

2 L'obiettivo normale ha un angolo di inquadratura di circa 46, di solito si tratta di un 50 mm ed il suo compito è realizzare inquadrature che restituiscano un'immagine della realtà senza particolari ingrandimenti o modifiche. Il teleobiettivo ha una lunghezza focale superiore ai 70 mm o maggiore, è formato da un gruppo di lenti anteriore convergente e da un gruppo posteriore divergente che hanno la funzione di ridurne l'ingombro. In questi l'angolo di inquadratura diminuisce in modo proporzionale con l'aumento della lunghezza focale. Il teleobiettivo ha la funzione fondamentale di ingrandire il soggetto dell'inquadratura, per questo viene usato nel caso in cui si desideri isolare maggiormente il soggetto a fuoco dallo sfondo sfocato. Questa caratteristica viene chiamata compressione prospettica dei piani della scena e viene sfruttata dai fotografi per aumentare l'espressività del soggetto. Il grandangolare ha una lunghezza focale inferiore ai 35mm, ciò consente un angolo di campo molto vasto ottenendo cosi un aumento delle distanza tra i vari piani della scena e aumentando la profondità di campo nitido disponibile. Inoltre, offre una prospettiva che porta ad aumentare la proporzione dei soggetti in primo piano facendoli apparire, molto più grandi di quelli in secondo piano. Il grandangolo al contrario dei teleobiettivi esercita un effetto di riduzione della scena tanto più forte quanto più è corta la focale dell'obiettivo usato. Gli obiettivi speciali hanno un uso specialistico, i più comuni sono: obiettivi macro e supermacro, decentrabili tilt & shift, fish-eye, catadiottrici, ottiche super luminose e obiettivi stabilizzati. Procedendo con ordine si distinguono: Macro e supermacro: progettati per fotografare a distanza ravvicinata, realizzati per fornire la massima nitidezza riprendendo soggetti a breve distanza, con la capacità di correggere al massimo la distorsione ottica al fine di ottenere elevati ingrandimenti o ingrandimenti estremi (nel caso dei supermacro), sono molto usati per la fotografia degli insetti. Decentrabili shift: lenti montate su un meccanismo che permette all'obiettivo di alzarsi o abbassarsi rispetto alla normale posizione di scatto evitando così le distorsioni prospettiche, viene molto usato nell'architettura per evitare il fenomeno delle linee cadenti. Decentrabile tilt: lenti montate su un meccanismo che gli permette di inclinare (basculante) l'obiettivo verso l'alto o verso il basso espandendo la profondità di campo nitido. Fish-eye: obiettivo usato per la fotografia astronomica capace di generare un'immagine con una prospettiva sferica, è un superangolare che riesce ad abbracciare una prospettiva di 180 o fino a 220 anche se con copiose

3 distorsioni. Catadiottrici: obiettivo che usa un sistema di specchi convessi che gli permette di ottenere grandi lunghezze focali (500, 1000 mm)con piccole dimensioni, anche questo nasce per l'astronomia ma il prezzo abbastanza contenuto ne ha permesso l'utilizzo anche in altri settori, tuttavia le immagini realizate risultano caratterizate da una scarsa nitidezza. Ottiche super luminose: si considerano luminosi quegli obiettivi che hanno una massima apertura fra 1,4 e 2. Essenziale in condizione di luce molto scarsa, vengono anche usate per fotografare soggetti che non consentono tempi di posa molto lunghi, per la grandezza delle lenti sono esposte al rischio di riflessi parassiti. Obiettivi stabilizzati: si usano per risolvere il problema del mosso che si presenta con ottiche di lunga focale. Consente l'uso di teleobiettivi anche senza ricorrere al treppiede. Lo zoom è un ottica a focale variabile, ha la possibilità di variare la posizione reciproca delle lenti mantenendo costante la messa a fuoco effettuata. L'obiettivo normale ha un angolo di inquadratura di circa 46, di solito si tratta di un 50 mm ed il suo compito è realizzare inquadrature che restituiscano un'immagine della realtà senza particolari ingrandimenti o modifiche. Il teleobiettivo ha una lunghezza focale superiore ai 70 mm, è formato da un gruppo di lenti anteriore convergente e da un gruppo posteriore divergente che hanno la funzione di ridurne l'ingombro. In questi l'angolo di inquadratura diminuisce in modo proporzionale con l'aumento della lunghezza focale. Il teleobiettivo ha la funzione fondamentale di ingrandire il soggetto dell'inquadratura, per questo viene usato nel caso in cui si desideri isolare maggiormente il soggetto a fuoco dallo sfondo sfocato. Questa caratteristica viene chiamata compressione prospettica dei piani della scena e viene sfruttata dai fotografi per aumentare l'espressività del soggetto. Il grandangolare ha una lunghezza focale inferiore ai 35mm, ciò consente un angolo di campo molto vasto ottenendo cosi un aumento delle distanza tra i vari piani della scena e aumentando la profondità di campo nitido disponibile. Inoltre, offre una prospettiva che porta ad aumentare la proporzione dei soggetti in primo piano facendoli apparire, molto più grandi di quelli in secondo piano. Il grandangolo al contrario dei teleobiettivi esercita un effetto di riduzione della scena tanto più forte quanto più è corta la focale dell'obiettivo usato.

4 Gli obiettivi speciali hanno un uso specialistico, i più comuni sono: obiettivi macro e supermacro, decentrabili tilt & shift, fish-eye, catadiottrici, ottiche super luminose e obiettivi stabilizzati. Procedendo con ordine si distinguono: Macro e supermacro: progettati per fotografare a distanza ravvicinata, realizzati per fornire la massima nitidezza riprendendo soggetti a breve distanza, con la capacità di correggere al massimo la distorsione ottica al fine di ottenere elevati ingrandimenti o ingrandimenti estremi (nel caso dei supermacro), sono molto usati per la fotografia degli insetti. Decentrabili shift: lenti montate su un meccanismo che permette all'obiettivo di alzarsi o abbassarsi rispetto alla normale posizione di scatto evitando così le distorsioni prospettiche, viene molto usato nell'architettura per evitare il fenomeno delle linee cadenti. Decentrabile tilt: lenti montate su un meccanismo che gli permette di inclinare (basculante) l'obiettivo verso l'alto o verso il basso espandendo la profondità di campo nitido. Fish-eye: obiettivo usato per la fotografia astronomica capace di generare un'immagine con una prospettiva sferica, è un superangolare che riesce ad abbracciare una prospettiva di 180 o fino a 220 anche se con copiose distorsioni. Catadiottrici: obiettivo che usa un sistema di specchi convessi che gli permette di ottenere grandi lunghezze focali (500, 1000 mm)con piccole dimensioni, anche questo nasce per l'astronomia ma il prezzo abbastanza contenuto ne ha permesso l'utilizzo anche in altri settori, tuttavia le immagini realizate risultano caratterizate da una scarsa nitidezza. Ottiche super luminose: si considerano luminosi quegli obiettivi che hanno una massima apertura fra 1,4 e 2. Essenziale in condizione di luce molto scarsa, vengono anche usate per fotografare soggetti che non consentono tempi di posa molto lunghi, per la grandezza delle lenti sono esposte al rischio di riflessi parassiti. Obiettivi stabilizzati: si usano per risolvere il problema del mosso che si presenta con ottiche di lunga focale. Consente l'uso di teleobiettivi anche senza ricorrere al treppiede. Lo zoom è un ottica a focale variabile, ha la possibilità di variare la posizione reciproca delle lenti mantenendo costante la messa a fuoco effettuata.

5 LA PROFONDITA' DI CAMPO In termini ottici, un obiettivo non può mettere a fuoco contemporaneamente oggetti a distanze diverse. Una volta messo a fuoco un oggetto ad una certa distanza, tutti gli altri oggetti al di qua ed al di là dell'oggetto a fuoco saranno più o meno "sfocati". Tuttavia entro certi limiti l'occhio ne accetta l'immagine come nitida. La zona entro la quale, per certe condizioni di ripresa, gli oggetti vengono riprodotti come accettabilmente nitidi, si chiama profondità di campo. Con un obiettivo da 75mm messo a fuoco su un oggetto a 4 m e chiuso a f/, gli oggetti riprodotti in maniera "nitida" si troveranno tra 3 e 6 metri. L'esempio suggerisce che la profondità di campo dipende da tre fattori: la lunghezza focale dell'obiettivo (in teoria la marca dell'obiettivo è irrilevante); la distanza sulla quale l'obiettivo viene regolato; il diaframma. In particolare la profondità di campo aumenta: con l'inverso della lunghezza focale; un 28mm avrà, a parità di diaframma, una profondità di campo maggiore di un 50mm, e quella di quest'ultimo sarà maggiore di quella di un 200mm; con la distanza di messa a fuoco; se regoliamo lo stesso 75 mm su 7 metri mantenendo f/, gli oggetti riprodotti in maniera nitida si troveranno tra 4 e 20 metri; con il valore numerico del diaframma; con l'obiettivo regolato su 7 metri ma con f/16 invece di f/, la profondità di campo si estende tra 3,5m e l'infinito. Quando la combinazione di tutti i fattori elencati fa sì che la profondità di campo si estenda fino all'infinito, la distanza sulla quale è regolato l'obiettivo viene detta "distanza iperfocale". Nel caso indicato, 7m è la distanza iperfocale di un 75 mm a f/16, mentre a f/22 la distanza iperfocale dello stesso obiettivo sarà 5m. Tutto questo ci dice solo fino a dove verranno rappresentati in maniera nitida i punti al di là della distanza iperfocale. Cosa succede dei punti al di qua? Verrano rappresentati in maniera nitida i punti tra la distanza iperfocale e la sua metà, cioè a f/ i punti tra 7 e 3.5 metri; a f/22 i punti tra 5 e 2.5 metri. In sintesi, per un obiettivo di lunghezza focale 75 mm: a f/16 la distanza iperfocale è di 7m. Se l'obiettivo è messo a fuoco su questa distanza la profondità di campo si estenderà dall'infinito a 7:2 = 3,5m a f/22 la distanza iperfocale è di 5m. Se l'obiettivo è messo a fuoco su questa distanza la profondità di campo si estenderà dall'infinito a 5:2 = 2,5m

6 Forzando un po il concetto di definizione di distanza (una distanza è pur sempre una lunghezza) può essere utile visualizzare la distanza iperfocale come un punto, a partire dal quale si estende nei due sensi una zona di nitidezza: da un lato fino all'infinito, dall'altro fino alla metà della distanza iperfocale stessa. A cosa serve la distanza iperfocale? Ad avere contemporaneamente "a fuoco", cioè nitidi, sia il primo piano che lo sfondo di un'immagine, o, in altre parole, per avere la massima estensione della profondità di campo per ogni valore di diaframma. Ma per questo, non basta chiudere il diaframma? No, è la combinazione dell'uno con l'altra che garantisce il risultato desiderato: se scegliamo 7m come distanza di messa a fuoco di un 75mm, questa sarà "iperfocale", cioè darà nitidezza fino all'infinito, a f/16, ma non sarà iperfocale a f/ o f/8. Viceversa, se per qualsiasi ragione scegliamo di lavorare a f/16 e vogliamo la massima estensione della profondità di campo dobbiamo mettere a fuoco su 7m, non su 6 o su 9. Possiamo sperimentare facilmente quanto detto sopra, avendo davanti un obiettivo, preferibilmente un 50 mm, in modo che gli esempi che seguono possano essere facilmente ripetuti. Senza dimenticare però, che la profondità di campo è una caratteristica basata su una tolleranza soggettiva della nitidezza e diversi fabbricanti possono adottare scale diverse. Così uno Zeiss Distagon 50 mm per medio formato, un vecchio Canon 50 mm f/1,8 ed uno zoom Canon mm regolato su 50mm rivelano visibili differenze. Occorre che l'obiettivo abbia incisa sul barilotto una serie di coppie di numeri indicanti le aperture del diaframma, che va per l'appunto sotto il nome di "scala delle profondità di campo", come per es *

7 Per ogni coppia, uno dei due valori corrisponde al limite inferiore della profondità di campo, il secondo al limite superiore. Il segno * è la tacca di riferimento per la messa a fuoco. Da sola, la scala delle profondità di campo è assolutamente inutile: essa va utilizzata insieme alla ghiera delle distanze. La scala delle profondità di campo è fissa, la ghiera delle distanze è ovviamente mobile in funzione della distanza su cui si mette a fuoco. Esempio N 1 Mettiamo a fuoco il nostro 50mm su 2m, e supponiamo di lavorare a f/. Le distanze sotto i due numeri sulla scala delle profondità di campo sono all'incirca 1,5m e 3,5m, distanze che delimitano appunto la zona di nitidezza. 1, 5m Esempio N I ,2m 3,5 m Mettiamo ora a fuoco all'infinito: sotto uno dei due troveremo ± 4.5, sotto l'altro non troveremo nulla, dato che cade al di fuori della scala delle distanze I , infinito 5m Il limite minimo della profondità di campo è 4,5m, quello massimo è l'infinito (più in là dell'infinito non si può andare) Esempio N 3 Spostiamo quindi il segno di infinito sotto questo "vuoto". L'obiettivo sarà ora a fuoco su 4.5 m, e sotto l'altro troveremo all'incirca 2.2 m I , infini 4,5m 2m to Il limite minimo della profondità di campo è 2,2m, quello massimo è ancora l'infinito, mentre 4,5m rappresenta la distanza iperfocale per un 50 mm a f/. Questo illustra la relazione tra distanza iperfocale e massima profondità di campo. Continuando in maniera analoga potremmo osservare come a f/8 la d.i. è ± 6 m, il limite massimo della profondità di campo è sempre l'infinito ma il limite minimo si è allontanato a 3 m; al contrario a f/16 la d.i. è di ± 3 m il limite minimo si è avvicinato ad 1,5m, il che non rappresenta nulla di nuovo: com'è noto a diaframmi più chiusi

8 corrisponde una maggiore profondità di campo. Detto questo, come si trova la distanza iperfocale? si sceglie il valore di diaframma da utilizzare; si pone il simbolo di infinito che si trova sulla scala delle distanze sotto uno dei valori del diaframma scelto sulla scala delle profondità di campo. Quale? Non c'è scelta, il simbolo di infinito può muoversi solo entro la tacca di messa a fuoco e metà della scala di profondità di campo; a questo punto l'obiettivo si trova automaticamente regolato sulla distanza iperfocale; il limite minimo della profondità di campo sarà automaticamente impostato sotto l'altro valore del diaframma scelto sulla scala delle profondità di campo, e sarà uguale alla metà della distanza iperfocale. Se per esempio vogliamo ottenere una zona nitida da 1,5 a 3,5 metri, che diaframma dobbiamo utilizzare? Risposta: muovere la ghiera di messa a fuoco finchè i due valori 1.5 e 3.5 (le distanze) non si trovano rispettivamente in corrispondenza di una coppia di valori di diaframma indicati sulla scala delle profondità di campo (esempio N 1 letto al contrario). Questo avverrà per i valori di f/ che è quindi il diaframma da adottare. L'obiettivo è automaticamente a fuoco su 2 metri. Lo stesso vale se vogliamo una zona nitida tra 3 m e l'infinito. Portiamo le distanze 3 metri ed il simbolo di infinito a coincidere con una coppia di valori del diaframma. Questo avverrà per f/8, che è il diaframma da adottare. L'obiettivo sarà automaticamente a fuoco su 6m. Se l'obiettivo non ha la scala delle profondità di campo sarà necessario affidarsi all'esperienza, oppure si può ricorrere a delle formule, ma questo è un altro discorso.

Lunghezza ocale. Donato Di Bello

Lunghezza ocale. Donato Di Bello F Lunghezza ocale Donato Di Bello Cinepresa, telecamera, macchina fotografica: tre strumenti tecnologici che utilizziamo per registrare la realtà intorno a noi o per trasformare in immagini la nostra fantasia.

Dettagli

Corso base di fotografia

Corso base di fotografia Corso base di fotografia Tecnica fotografica Elementi di base per l'utilizzo della macchina fotografica, Come si impugna una reflex Impugnatura verticale Impugnatura con teleobbiettivo Reflex e Bridge:

Dettagli

www.andreatorinesi.it

www.andreatorinesi.it La lunghezza focale Lunghezza focale Si definisce lunghezza focale la distanza tra il centro ottico dell'obiettivo (a infinito ) e il piano su cui si forma l'immagine (nel caso del digitale, il sensore).

Dettagli

REFLEX IN MODALITA' MANUALE

REFLEX IN MODALITA' MANUALE REFLEX IN MODALITA' MANUALE Perchè una macchina fotografica si chiama Reflex? Una macchina fotografica reflex sfrutta un meccanismo a specchio riflettente che permette al fotografo di vedere direttamente

Dettagli

Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu)

Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu) Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Dipartimento DArTe A.A. 2015-2016 - Corso di Laurea Magistrale in Architettura Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu) condotto

Dettagli

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053 Guida Tecnica Obiettivi - 1 - Cos è un Obiettivo Un obiettivo è un insieme di una o più lenti che rifrangono la luce sull elemento sensibile, permettendo di focalizzare l immagine da riprendere sul sensore

Dettagli

Corso di fotografia di base 2012. Lezione 1 Attrezzatura fotografica

Corso di fotografia di base 2012. Lezione 1 Attrezzatura fotografica Corso di fotografia di base 2012 Lezione 1 Attrezzatura fotografica Fotocamere Tutte le fotocamere funzionano sostanzialmente alla stessa maniera. Il funzionamento richiede una scatola (oscura) con un

Dettagli

Indice degli argomenti

Indice degli argomenti Indice degli argomenti Gli argomenti affrontati in questo seminario sono i seguenti: concetti di base la macchina fotografica l'esposizione l'obiettivo lo scatto la composizione il flash (o lampeggiatore)

Dettagli

La lente singola rimane ancora in uso nelle macchine più economiche e, entro certi limiti, dà dei risultati accettabili.

La lente singola rimane ancora in uso nelle macchine più economiche e, entro certi limiti, dà dei risultati accettabili. O.Welles usa in "Quarto potere" in modo magistrale la Profondità di Campo, in questo modo evita gli stacchi e un oggetto inquadrato riesce a mettere a ''fuoco'' anche ciò che c'è dietro - stesso uso magistrale

Dettagli

LA FOTOGRAFIA. Le nozioni fondamentali: Cenni storici, l esposizione, le macchine fotografiche, gli obiettivi. Guido Borghi

LA FOTOGRAFIA. Le nozioni fondamentali: Cenni storici, l esposizione, le macchine fotografiche, gli obiettivi. Guido Borghi LA FOTOGRAFIA 1 Le nozioni fondamentali: Cenni storici, l esposizione, le macchine fotografiche, gli obiettivi. UN PO DI STORIA... La camera oscura viene inventata nell antichità, viene anche utilizzata

Dettagli

Traduzioni & Corsi di Lingue Udine. Via Cussignacco 27/4. P. IVA: 02159420302 tel/fax: 0432-229621 scuola@jmi.it

Traduzioni & Corsi di Lingue Udine. Via Cussignacco 27/4. P. IVA: 02159420302 tel/fax: 0432-229621 scuola@jmi.it APPUNTI PRIMO INCONTRO Sono passati quasi duecento anni dall invenzione dei primi strumenti in grado di registrare immagini ma si può dire che la fotocamera è costituita dagli stessi elementi basilari

Dettagli

OBIETTIVI. Obiettivi - 1/97

OBIETTIVI. Obiettivi - 1/97 OBIETTIVI Sommario Ottica degli obiettivi... 3 Sistemi di messa a fuoco interna e posteriore... 7 Combinazioni di lenti... 10 Esempi di combinazioni di lenti... 11 Angolo di campo... 15 Cerchio di copertura...

Dettagli

Come è fatta una reflex

Come è fatta una reflex Come è fatta una reflex Per essere un fotografo consapevole iniziamo a conoscere e a familiarizzare con la propria attrezzatura: per migliorare le proprie capacità fotografiche bisogna sapere perché e

Dettagli

Fotografia Digitale: Glossario

Fotografia Digitale: Glossario GLOSSARIO BATTESIMI di BONIN GIOVANNI Fotografia Digitale: Glossario Sono numerose le sigle e i termini che si posso trovare nella fotografia digitale: ecco la spiegazione di alcuni tra i più importanti.

Dettagli

per ottenere la fotografia, bisogna esporre alla luce per un certo tempo una pellicola o un sensore elettronico sensibile alla luce

per ottenere la fotografia, bisogna esporre alla luce per un certo tempo una pellicola o un sensore elettronico sensibile alla luce CORSO BASE DI FOTOGRAFIA Tempi / Diaframma la fotografia è luce per ottenere la fotografia, bisogna esporre alla luce per un certo tempo una pellicola o un sensore elettronico sensibile alla luce I valori

Dettagli

Orietta Bay - Sestri Levante 2011

Orietta Bay - Sestri Levante 2011 Per -corso Orietta Bay - Sestri Levante 2011 Per -corso Fotografare è saper cogliere l essenza delle cose e degli avvenimenti e Scriverli con la luce La macchina fotografica Il cuore originario della

Dettagli

Corso Base di Fotografia

Corso Base di Fotografia 01 OBIETTIVO e LUCE L elemento più importante di una macchina fotografica è rappresentato dall OBIETTIVO definito l occhio di ogni macchina fotografica : - è l obiettivo a permettere di vedere il soggetto

Dettagli

Basi di ottica. n 1. a b. n 2. figura 1 - riflessione. figura 2 - rifrazione. tabella 1. rifrazione n. vuoto 1

Basi di ottica. n 1. a b. n 2. figura 1 - riflessione. figura 2 - rifrazione. tabella 1. rifrazione n. vuoto 1 Basi di ottica L'ottica geometrica: riflessione e rifrazione Il comportamento dei raggi di luce viene descritto dalla cosiddetta ottica geometrica. L'ottica geometrica è solo una approssimazione del comportamento

Dettagli

Guida di SpyderLENSCAL

Guida di SpyderLENSCAL Guida di SpyderLENSCAL L effetto Spyder Complimenti! Lo strumento acquistato fornisce prestazioni superiori per la misurazione e la regolazione della messa a fuoco della macchina fotografica e delle varie

Dettagli

Ingrandimento totale =Ingrandimento obiettivo x Ingrandimento oculare

Ingrandimento totale =Ingrandimento obiettivo x Ingrandimento oculare Il mondo del molto piccolo si può osservare anche utilizzando un microscopio ottico. Esistono dei limiti?? Carl Zeiss (1816-1888) Ingrandimento totale =Ingrandimento obiettivo x Ingrandimento oculare Il

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA

LA MACCHINA FOTOGRAFICA D LA MACCHINA FOTOGRAFICA Parti essenziali Per poter usare la macchina fotografica, è bene vedere quali sono le sue parti essenziali e capire le loro principali funzioni. a) OBIETTIVO: è quella lente,

Dettagli

SCUOLA DI FOTOGRAFIA La profondità di campo Cos'è la profondità di campo?

SCUOLA DI FOTOGRAFIA La profondità di campo Cos'è la profondità di campo? SCUOLA DI FOTOGRAFIA La profondità di campo Negli scorsi articoli abbiamo parlato a lungo della composizione come arbitrio creativo del fotografo e come parte fondamentale del messaggio artistico dello

Dettagli

2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA

2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA 2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA www.rifredimmagine.it ESPOSIZIONE : TEMPI E DIAFRAMMI Marco Fantechi Tempi e diaframmi L esposizione è la quantità di luce necessaria a registrare un immagine sulla pellicola

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio Ottica geometrica Sommario 1) Cos è la luce

Dettagli

Corso di Laurea in Ottica e Optometria Laboratorio di Ottica Geometrica

Corso di Laurea in Ottica e Optometria Laboratorio di Ottica Geometrica Corso di Laurea in Ottica e Optometria Laboratorio di Ottica Geometrica Richiami teorici Equazione della lente sottile in approssimazione parassiale: p + q = () f dove: p = distanza oggetto-lente q = distanza

Dettagli

PON C1 L invisibile intorno a noi

PON C1 L invisibile intorno a noi Scuola Secondaria di I Grado MICHELANGELO - Bari PON C1 L invisibile intorno a noi Prof.ssa Anna Maria D Orazio Il MICROSCOPIO e uno strumento che consente di osservare oggetti di dimensioni tali da non

Dettagli

Vista anteriore. Vista posteriore. www.hasselblad.it

Vista anteriore. Vista posteriore. www.hasselblad.it L'HTS 1.5 è un rivoluzionario adattatore inclinabile e spostabile grazie al quale i fotografi Hasselblad potranno compiere un deciso salto di qualità. Progettato per gli obiettivi HCD 28 mm, HC 35 mm,

Dettagli

! ISO/ASA 25 50 100 200 400 800 1600 3200

! ISO/ASA 25 50 100 200 400 800 1600 3200 Rolleiflex T (Type 1)" Capire l esposizione Una breve guida di Massimiliano Marradi mmarradi.it Prima di tutto occorre scegliere il modo in cui valutare l esposizione. Se valutativa, quindi a vista, useremo

Dettagli

L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO).

L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO). L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO). Quando premiamo il pulsante di scatto sulla nostra macchina fotografica,

Dettagli

PRO E CONTRO IL MOLTIPLICATORE DI FOCALE

PRO E CONTRO IL MOLTIPLICATORE DI FOCALE ACCESSORI PRO E CONTRO IL MOLTIPLICATORE DI FOCALE Il moltiplicatore di focale costituisce una soluzione molto economica per espandere le potenzialità del proprio sistema fotografico: esaminiamone vantaggi

Dettagli

LA VIDEOCAMERA DIGITALE DI QUALITA BROADCAST

LA VIDEOCAMERA DIGITALE DI QUALITA BROADCAST LA VIDEOCAMERA DIGITALE DI QUALITA BROADCAST Canon XL1s: nata per soddisfare gli utenti più esigenti Canon è alla continua ricerca di sistemi in grado di offrire una qualità d immagine superiore. Da questa

Dettagli

Lenti, Cannocchiali e Telescopi

Lenti, Cannocchiali e Telescopi tradizione e rivoluzione nell insegnamento delle scienze Istruzioni dettagliate per gli esperimenti mostrati nel video Lenti, Cannocchiali e Telescopi prodotto da Reinventore con il contributo del MIUR

Dettagli

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE 1 LIGHT PAINTING dipingere con la luce Il LIGHT PAINTING è una tecnica fotografica che permette di realizzare scatti ricercati e suggestivi attraverso l

Dettagli

Costruirsi un cannocchiale galileiano

Costruirsi un cannocchiale galileiano Costruirsi un cannocchiale galileiano I. INFORMAZIONI PRELIMINARI - IL PRINCIPIO OTTICO Un cannocchiale galileiano impiega due sole lenti. La lente obbiettiva è convergente (piano-convessa), la lente oculare

Dettagli

1 Introduzione 1. Ottica Geometrica

1 Introduzione 1. Ottica Geometrica 1 Introduzione 1 1 Introduzione Ottica Geometrica 1.1 Estratto Lo scopo di questa esperienza è quello di apprendere come la luce interagisce con elementi ottici quali le lenti, e come, in sequito alla

Dettagli

TECNOLOGIA DEGLI OBIETTIVI Ogni fotografo esprime la sua sensibilità con le immagini. Sigma lo aiuta con la tecnologia.

TECNOLOGIA DEGLI OBIETTIVI Ogni fotografo esprime la sua sensibilità con le immagini. Sigma lo aiuta con la tecnologia. TECNOLOGIA DEGLI OBIETTIVI Ogni fotografo esprime la sua sensibilità con le immagini. Sigma lo aiuta con la tecnologia. Sigma migliora continuamente la tecnologia ottica, per sfruttare al massimo le possibilità

Dettagli

28/05/2009. La luce e le sue illusioni ottiche

28/05/2009. La luce e le sue illusioni ottiche La luce e le sue illusioni ottiche Cosa si intende per raggio luminoso? Immagina di osservare ad una distanza abbastanza elevata una sorgente di luce... il fronte d onda potrà esser approssimato ad un

Dettagli

Piccola Guida alla Fotografia parte 6a Gli errori più comuni

Piccola Guida alla Fotografia parte 6a Gli errori più comuni Piccola Guida alla Fotografia parte 6a Gli errori più comuni Dopo aver visto negli altri capitoli le linee principali per fotografare correttamente i nostri modelli, cercherò di mostrare ora cosa non si

Dettagli

Il diaframma ottimale

Il diaframma ottimale 18996_INT@36-41:x 22/04/09 15:22 Pagina 36 TECNOLOGIA L apertura di condiziona la qualità di una fotografia, sia come nitidezza sia come profondità di campo nitido. Vediamo come ricercarne il valore ottimale

Dettagli

CORSO FOTOGRAFICO DI BASE!

CORSO FOTOGRAFICO DI BASE! CORSO FOTOGRAFICO DI BASE La macchina fotografica, gli obiettivi e l esposizione Corso Fotografico di Base - La macchina fotografica, gli obiettivi e l esposizione" 1 CORSO FOTOGRAFICO DI BASE Premessa

Dettagli

GLI OBIETTIVI FORMAZIONE DELL'IMMAGINE E LUNGHEZZA FOCALE

GLI OBIETTIVI FORMAZIONE DELL'IMMAGINE E LUNGHEZZA FOCALE GLI OBIETTIVI C'è qualcosa di magico nell'immagine formata da un obiettivo. Qualunque serio fotografo ha soggezione di questo evento miracoloso, che si avvicina alla perfezione. Un buon obiettivo è la

Dettagli

Due eccezionali obiettivi Zeiss

Due eccezionali obiettivi Zeiss centro Test MTF studi Progresso FOTOGRAFICO Due eccezionali obiettivi Zeiss Il test di questi due obiettivi Zeiss Distagon mm f/ ZF. e Distagon mm f/. ZF. ci offre la possibilità di approfondire i pro

Dettagli

La fotografia del Cielo. Strumentazione e tecniche per catturare emozioni

La fotografia del Cielo. Strumentazione e tecniche per catturare emozioni La fotografia del Cielo Strumentazione e tecniche per catturare emozioni Gli strumenti di ripresa digitali webcam CCD Alcuni concetti base Il cielo notturno e gli oggetti che lo popolano hanno solitamente

Dettagli

EF24mm f/1.4l II USM ITA. Istruzioni

EF24mm f/1.4l II USM ITA. Istruzioni EF24mm f/1.4l II USM ITA Istruzioni Vi ringraziamo per aver acquistato un prodotto Canon. L'obiettivo Canon EF24mm f/1,4l II USM è un obiettivo a grandangolo dalle elevate prestazioni, progettato per le

Dettagli

Il concetto di stop in fotografia

Il concetto di stop in fotografia Il concetto di stop in fotografia Stop. Non vi è conversazione tra fotografi in cui questa parola non sia pronunciata diverse volte. Coloro che non conoscono il gergo fotografico restano piuttosto perplessi

Dettagli

Consigli per l acquisto del primo strumento

Consigli per l acquisto del primo strumento Consigli per l acquisto del primo strumento 1. CONOSCIAMO IL CIELO E POI ACQUISTIAMO Sembra ovvio ma spesso non si ci pensa. Il telescopio, come anche il binocolo, è un potente mezzo di osservazione, che

Dettagli

Corso di Fotografia seconda lezione. Docente: Gianluca Bocci

Corso di Fotografia seconda lezione. Docente: Gianluca Bocci Corso di Fotografia seconda lezione Docente: Gianluca Bocci Elementi costitutivi di una fotografia: Soggetto Inquadratura Momento Esposizione Messa a fuoco 2 Soggetto: determina il genere ed in un certo

Dettagli

Guida alle tecnologie per telecamere. Fattori da considerare nella scelta di telecamere di videosorveglianza

Guida alle tecnologie per telecamere. Fattori da considerare nella scelta di telecamere di videosorveglianza Guida alle tecnologie per telecamere Fattori da considerare nella scelta di telecamere di videosorveglianza Introduzione Investire in un sistema di videosorveglianza di buona qualità è una mossa intelligente.

Dettagli

Corso Base di Fotografia

Corso Base di Fotografia Corso Base di Fotografia 3 Lezione FOTOGRAFIATOTALE La macchina fotografica Componenti principali di una macchina fotografica 1. Il pulsante di scatto serve a comandare l'apertura dell'otturatore e permettere

Dettagli

A ognuno il suo: l attrezzatura digitale

A ognuno il suo: l attrezzatura digitale A ognuno il suo: l attrezzatura digitale Senti, mi devo comprare una macchina fotografica, visto che sei un fotografo, cosa mi consigli? Credi che mi basteranno 10 megapixel? Quello della scelta dell attrezzatura

Dettagli

Gli obiettivi catadiottrici

Gli obiettivi catadiottrici Obiettivi Gli obiettivi catadiottrici specchio delle mie brame Riscopriamo l obiettivo catadiottrico, un teleobiettivo di focale 500mm leggero e compatto. Fotografia naturalistica, sportiva, ma anche ritratti

Dettagli

Fare foto eccezionali è facilissimo! Obiettivi Image Stabilizer (stabilizzatore d'immagine) per risultati ottimali

Fare foto eccezionali è facilissimo! Obiettivi Image Stabilizer (stabilizzatore d'immagine) per risultati ottimali Fare foto eccezionali è facilissimo! Obiettivi Image Stabilizer (stabilizzatore d'immagine) per risultati ottimali Troppe foto mosse? La soluzione è a portata di mano: obiettivi stabilizzati Canon IS*!

Dettagli

Dalla camera obscura. alla fotocamera reflex

Dalla camera obscura. alla fotocamera reflex Dalla camera obscura alla fotocamera reflex LA FOTOGRAFIA Si fa risalire al francese Joseph Niepce (1765-1833) il primo risultato fotografico concreto. Egli infatti riuscì a registrare su tavole sensibilizzate

Dettagli

Contents. Articles. References. Article Licenses. Fotografia 1 Contributi 6

Contents. Articles. References. Article Licenses. Fotografia 1 Contributi 6 Fotografia PDF generated using the open source mwlib toolkit. See http://code.pediapress.com/ for more information. PDF generated at: Wed, 30 May 2012 22:42:05 UTC Contents Articles Fotografia 1 Contributi

Dettagli

Panorama Maker 3. di Gerardo Bonomo

Panorama Maker 3. di Gerardo Bonomo Panorama Maker 3 di Gerardo Bonomo Panorama Maker 3 Pagina 1 PREMESSA Un sogno fotografico difficilmente realizzabile con la pellicola è quello della fotografia panoramica. Usando la pellicola è necessario

Dettagli

Una immagine Vale più Di mille parole. Crowdknitting Store. Come ottenere foto di grande impatto E vendere di più

Una immagine Vale più Di mille parole. Crowdknitting Store. Come ottenere foto di grande impatto E vendere di più Una immagine Vale più Di mille parole Crowdknitting Store Come ottenere foto di grande impatto E vendere di più migliora le tue foto. Aumenta le vendite. Immagini chiare, nitide e fedeli al prodotto aiutano

Dettagli

Zoom luminosi per Full Frame: Tamron e Sony

Zoom luminosi per Full Frame: Tamron e Sony centro Test MTF studi Progresso FOTOGRAFICO Zoom luminosi per Full Frame: Tamron e Sony Il Tamron SP -mm f/. Di è nuovissimo, mentre il Sony -mm f/. SAM è un poco più datato; entrambi sono obiettivi per

Dettagli

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo Luce e acqua La fotografia subacquea Ora cercheremo di comprendere come la luce, elemento fondamentale per la fotografia, si comporta in ambiente acquoso e quali sono le sue differenze con il comportamento

Dettagli

La parola microscopio è stata coniata dai membri dell Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche Galileo Galilei

La parola microscopio è stata coniata dai membri dell Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche Galileo Galilei La parola microscopio è stata coniata dai membri dell Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche Galileo Galilei La microscopia ottica è una tecnica di osservazione capace di produrre immagini ingrandite

Dettagli

L ambiente grafico e le viste

L ambiente grafico e le viste 1 In questo Tutorial impareremo a conoscere l ambiente grafico di Cinema 4D e a muoverci tra le varie viste dello stesso All apertura di Cinema 4D apparirà la seguente interfaccia Pag. 1 Clicchiamo nella

Dettagli

Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu)

Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu) Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Dipartimento DArTe A.A. 2015-2016 - Corso di Laurea Magistrale in Architettura Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu) condotto

Dettagli

Analisi video intelligente

Analisi video intelligente Analisi video intelligente (versione 1.4) pag. 1 di 17 INDICE 1. PRESENTAZIONE ANALISI VIDEO... 3 2. PROSPETTIVA... 4 3. AREE DI INTERESSE... 6 4. PARAMETRI BASE... 7 5. PEOPLE DETECTOR... 10 6. PERCORSI...

Dettagli

Il riduttore di focale utilizzato è il riduttore-correttore Celestron f/ 6.3.

Il riduttore di focale utilizzato è il riduttore-correttore Celestron f/ 6.3. LE FOCALI DEL C8 Di Giovanni Falcicchia Settembre 2010 Premessa (a cura del Telescope Doctor). Il Celestron C8 è uno Schmidt-Cassegrain, ovvero un telescopio composto da uno specchio primario concavo sferico

Dettagli

Consideriamo in primo luogo un diaframma posto davanti al sistema ottico.

Consideriamo in primo luogo un diaframma posto davanti al sistema ottico. O5. Diaframmi In qualunque sistema ottico esistono limitazioni al fascio di raggi accettati dal sistema, che implicano conseguenze per la luminositaç del sistema e per il campo visibile. Le limitazioni

Dettagli

DISPENSA DI FOTOGRAFIA

DISPENSA DI FOTOGRAFIA DISPENSA DI FOTOGRAFIA Prima parte: tecnica. A cura di: Andrea Romano INDICE PRIMA PARTE INDICE PRIMA PARTE...2 1 MACCHINE FOTOGRAFICHE...4 1.1 TIPI DI MACCHINA FOTOGRAFICA...4 1.1.1 Compatte...4 1.1.2

Dettagli

Ottica geometrica. L ottica geometrica tratta i. propagazione in linea retta e dei. rifrazione della luce.

Ottica geometrica. L ottica geometrica tratta i. propagazione in linea retta e dei. rifrazione della luce. Ottica geometrica L ottica geometrica tratta i fenomeni che si possono descrivere per mezzo della propagazione in linea retta e dei fenomeni di riflessione e la rifrazione della luce. L ottica geometrica

Dettagli

Una raccolta di foto di esempio SB-900

Una raccolta di foto di esempio SB-900 Una raccolta di foto di esempio SB-900 Questo opuscolo presenta tecniche, foto di esempio e una panoramica delle funzioni di ripresa flash possibili quando si utilizza un SB-900. It Scelta dello schema

Dettagli

Corso Fotografia digitale 2008 Seconda lezione: tecnica e caratteri della ripresa analogica e digitale

Corso Fotografia digitale 2008 Seconda lezione: tecnica e caratteri della ripresa analogica e digitale Seconda lezione: tecnica e caratteri della ripresa analogica e digitale Luigi Bernardi Pavia, 17 maggio 2008 1 Schema lezione 2 1. La luce e il soggetto 2. Automatico, scene, controllo manuale di diaframma

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT Formazione in area grafica e Motion Graphics Fotografia digitale / Fotoritocco con Adobe Photoshop/ Tecniche per il Video digitale / Video-editing con Adobe Premiere / Creare DVD in casa con Adobe Encore

Dettagli

DISEGNO dell ARCHITETTURA II

DISEGNO dell ARCHITETTURA II 1 DISEGNO dell ARCHITETTURA II Raddrizzamento fotografico Le diapositive costituiscono unicamente una base per lo sviluppo della lezione e, come tali, non sostituiscono in alcun modo i testi consigliati.

Dettagli

Sistema theremino Theremino Spectrometer Tecnologia

Sistema theremino Theremino Spectrometer Tecnologia Sistema theremino Theremino Spectrometer Tecnologia Sistema theremino - Theremino Spectrometer Technology - 15 agosto 2014 - Pagina 1 Principio di funzionamento Ponendo una telecamera digitale con un reticolo

Dettagli

IL FORO STENOPEICO. di Gino Mazzanobile

IL FORO STENOPEICO. di Gino Mazzanobile TECNICA DI RIPRESA LA FOTOGRAFIA SENZA OBIETTIVO IL FORO STENOPEICO Incredibile ma vero: un semplice forellino piccolo e molto preciso può sostituire l obiettivo fotografico. I tempi di posa richiesti

Dettagli

Ottiche Phase One Panoramica. Pronte per 100MP. e oltre. what the world s best photography is made of

Ottiche Phase One Panoramica. Pronte per 100MP. e oltre. what the world s best photography is made of Ottiche Phase One Panoramica Pronte per 100MP e oltre what the world s best photography is made of Ottiche Phase One Introduzione Ottiche Phase One Ottiche per Otturatore a Tendina La gamma di ottiche

Dettagli

LA VISIONE STEREOSCOPICA

LA VISIONE STEREOSCOPICA LA VISIONE STEREOSCOPICA ELABORAZIONE DELLE IMMAGINI Università degli Studi dell Insubria A.A. 2004/2005 Sinardi Matteo Zappino Massimo Indice Introduzione Cenni storici L'occhio umano La stereopsi Stereogrammi

Dettagli

Scelta degli obiettivi. Serie M22. Serie M12D. Serie D12D

Scelta degli obiettivi. Serie M22. Serie M12D. Serie D12D Scelta degli obiettivi La maggior parte dei modelli delle telecamere MOBOTIX può essere dotata di varie combinazioni di obiettivi, in base alle esigenze specifiche. Serie M22 Si possono scegliere tutti

Dettagli

Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica

Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica Università degli Studi di Palermo Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica Progetto Lauree Scientifiche Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica Antonio Maggio

Dettagli

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto.

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto. Il telescopio, è lo strumento ottico impiegato in astronomia, per osservare e studiare gli oggetti celesti. È generalmente separato in due componenti principali: una parte ottica (costituita dal tubo delle

Dettagli

Corso di fotografia digitale e cultura dell'immagine artistica

Corso di fotografia digitale e cultura dell'immagine artistica Corso di fotografia digitale e cultura dell'immagine artistica Un iniziativa: Fotosmart e Formazionefotografica Docenti: Angelo Moretti (prima parte e cultura dell'immagine artistica) Andrea Michelsanti

Dettagli

Tesina: Applicazioni dell analisi di Fourier per il trattamento di segnali in due dimensioni

Tesina: Applicazioni dell analisi di Fourier per il trattamento di segnali in due dimensioni Manuela Di Mauro Ingegneria per l ambiente ed il territorio Matr 32311 Laboratorio sull analisi di Fourier Tesina: Applicazioni dell analisi di Fourier per il trattamento di segnali in due dimensioni Introduzione:

Dettagli

Le nozioni fondamentali degli obiettivi intercambiabili

Le nozioni fondamentali degli obiettivi intercambiabili Le nozioni fondamentali degli obiettivi intercambiabili 121 Relazione tra l'obiettivo e la struttura della fotocamera SLR Figura 1 1. Controllare il soggetto utilizzando il mirino. 2. Lo specchio si solleva

Dettagli

Fotografia digitale all infrarosso Seconda parte

Fotografia digitale all infrarosso Seconda parte Canon Rebel XT modificata permanentemente per foto IR. Stitched panorama, 260Mpixel Fotografia digitale all infrarosso Seconda parte Marco Annaratone Claudio Ruscello RLp3hoto@res3onantlink.com Email:

Dettagli

COME SCEGLIERE IL PROPRIO APPARECCHIO FOTOGRAFICO

COME SCEGLIERE IL PROPRIO APPARECCHIO FOTOGRAFICO COME SCEGLIERE IL PROPRIO APPARECCHIO FOTOGRAFICO 2 1 COME SCEGLIERE IL PROPRIO APPARECCHIO FOTOGRAFICO Uno dei momenti più difficili per chi si avvicina alla fotografia è quello della scelta della propria

Dettagli

Lo spessimetro ( a cura di Elena Pizzinini)

Lo spessimetro ( a cura di Elena Pizzinini) Lo spessimetro ( a cura di Elena Pizzinini) 1) Che cos è? Lo spessivetro è uno strumento (brevettato dalla ditta Saint Gobain) dal funzionamento piuttosto semplice che permette di misurare lo spessore

Dettagli

1.Visione_01 Ottica geometrica. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona

1.Visione_01 Ottica geometrica. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona 1.Visione_01 Ottica geometrica Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona Obiettivi Principi di refrazione delle lenti, indice di refrazione

Dettagli

Il ritratto, come fotografare un volto

Il ritratto, come fotografare un volto Il ritratto, come fotografare un volto Amo fotografare le persone, e sono convinto che dietro ogni fotografia di un volto si possa nascondere una storia un infinità di sfumature e di colori che si leggono

Dettagli

L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX. domenica 22 marzo 15

L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX. domenica 22 marzo 15 L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX Parleremo di : Caratteristiche dell 0biettivo Il Diaframma e le sue funzioni L otturatore e le sue caratteristiche L esposizione La coppia tempo diaframma l esposimetro

Dettagli

Come fare foto panoramiche. Tutorial a cura di Roberto Gonella

Come fare foto panoramiche. Tutorial a cura di Roberto Gonella Come fare foto panoramiche Tutorial a cura di Roberto Gonella 1 Sommario Scattare le foto... 2 Montare le foto in sequenza... 5 Generare il panorama navigabile... 8 Tramite questo testo esemplificativo,

Dettagli

Sezione Aurea: una guida per gli artisti La bellezza delle proporzioni per pittori, fotografi e grafici

Sezione Aurea: una guida per gli artisti La bellezza delle proporzioni per pittori, fotografi e grafici Sezione Aurea: una guida per gli artisti La bellezza delle proporzioni per pittori, fotografi e grafici C'è un rapporto matematico che si trova comunemente in natura, il rapporto di 1-1,618 cui sono stati

Dettagli

Cenni di Macrofotografia

Cenni di Macrofotografia Cenni di Macrofotografia Definiamo il termine MACROFOTOGRAFIA Per comprendere il termine «Macrofotografia», bisogna necessariamente introdurre il concetto di «rapporto di riproduzione» o semplicemente

Dettagli

Nuovi Obiettivi Asferici TVCC 2004

Nuovi Obiettivi Asferici TVCC 2004 Nuovi Obiettivi Asferici TVCC 2004 Tecnologia delle Lenti Asferiche Quando la luce bianca, composta da una miscela di colori, entra in una lente, l indice di rifrazione visto dalle singole componenti cromatiche

Dettagli

Tutorial: Come fotografare la via lattea

Tutorial: Come fotografare la via lattea Tutorial: Come fotografare la via lattea Chi mi segue da tempo saprà certamente che durante i miei viaggi e le mie escursioni ho dedicato molto tempo nella fotografia di paesaggio e sempre più spesso dedico

Dettagli

MICROSCOPIA OTTICA: INGRANDIMENTO E MICROSCOPIO OTTICO

MICROSCOPIA OTTICA: INGRANDIMENTO E MICROSCOPIO OTTICO MICROSCOPIA OTTICA: INGRANDIMENTO E MICROSCOPIO OTTICO La microscopia ottica è una tecnica di osservazione capace di produrre immagini ingrandite di oggetti o di particolari di essi, troppo piccoli per

Dettagli

Descrizione generale della tecnologia usata

Descrizione generale della tecnologia usata Descrizione generale della tecnologia usata Introduzione alla tecnica della fotografia interattiva a 360 Con il nostro servizio si possono creare immagini a 360 x 360, dando la sensazione al visitatore

Dettagli

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA CORSO BASE DI FOTOGRAFIA Corso base di fotografia Programma: -1 lezione: macchina fotografica www.rifredimmagine.it La macchina fotografica REFLEX Perchè scegliere la Reflex Possibilità Possibilitàdidiaccedere

Dettagli

Adobe Lens Profile Creator: profili di correzione lente per Jumbo MBS e Nikkor 24mm PC

Adobe Lens Profile Creator: profili di correzione lente per Jumbo MBS e Nikkor 24mm PC Adobe Lens Profile Creator: profili di correzione lente per Jumbo MBS e Nikkor 24mm PC Introduzione Da circa un anno e mezzo Adobe ha introdotto - in Camera Raw e Lightroom - una tecnologia che permette

Dettagli

NOTE DI FOTOGRAFIA DIGITALE IN ODONTOIATRIA

NOTE DI FOTOGRAFIA DIGITALE IN ODONTOIATRIA NOTE DI FOTOGRAFIA DIGITALE IN ODONTOIATRIA A CURA DI MASSIMO NUVINA CESARE ROBELLO Revisione 11.2007 Tutte le regolazioni e le impostazioni che seguono sono da intendersi per una macchina fotografica

Dettagli

Laboratorio per il corso Scienza dei Materiali II

Laboratorio per il corso Scienza dei Materiali II UNIVERSITÀ DI CAMERINO Corso di Laurea Triennale in Fisica Indirizzo Tecnologie per l Innovazione Laboratorio per il corso Scienza dei Materiali II a.a. 2009-2010 Docente: E-mail: Euro Sampaolesi eurosampaoesi@alice.it

Dettagli

Specifiche del design

Specifiche del design Specifiche del design biettivo Angolo di visualizzazione (orizzontale verticale diagonale) EF mm f/, Fisheye EF mm f/,l USM EF mm f/, USM 9 EF mm f/,l USM EF mm f/, EF mm f/, USM EF mm f/, EF mm f/,l USM

Dettagli

Interazione & Multimedia 1

Interazione & Multimedia 1 Il nostro viaggio nell image processing deve iniziare con lo studio di come l occhio umano percepisce una immagine e come la elabora. Ci interessa capire quali sono i limiti della visione umana al fine

Dettagli

Mini Corso di Fotografia

Mini Corso di Fotografia Le dispense del Mini Corso di Fotografia LA SECONDA LEZIONE: Gli obiettivi Vignettatura, fuoco e aberrazioni Il diaframma L otturatore e i tempi di esposizione La sensibilità ISO Esporre correttamente

Dettagli