IM-D104 IM-D108 IM-D116

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IM-D104 IM-D108 IM-D116"

Transcript

1 PERIFERICA VIDEO A COLORI 4/8/16 CANALI IM-D104 IM-D108 IM-D116 Manuale per l INSTALLAZIONE e l USO Manuale n Rev. - Le informazioni presenti in questo manuale sostituiscono quanto in precedenza pubblicato. Sicep si riserva il diritto di cambiare, in qualsiasi momento e senza preavviso, prezzi e caratteristiche del prodotto.

2 Indice generale 1 Introduzione Generalità Informazioni sulla normativa Note preventive prima dell utilizzo del DVR Caratteristiche funzionali del DVR Specifiche tecniche Il pannello frontale Controllo da telecomando IR Controllo del DVR da mouse USB Utilizzo della tastiera software Il pannello posteriore del DVR Struttura del menu OSD Avviamento e spegnimento del DVR La procedura di configurazione guidata La visualizzazione in tempo reale Introduzione Funzionalità della visualizzazione in tempo reale Operazioni da mouse Utilizzo dell uscita video ausiliaria Commutazione uscita video principale/ausiliaria La barra dei comandi in modalità visualizzazione in tempo reale Impostazioni della visualizzazione in tempo reale Codifica del canale zero Logout utente Controllo PTZ Impostazioni dei parametri PTZ Impostazione preset, patrol e pattern Salvare i preset Richiamare i preset Salvare i patrol Richiamare i patrol Salvare i pattern Richiamare i pattern La finestra di controllo PTZ Impostazione della registrazione e della cattura Parametri di codifica Calendario delle registrazioni Sovrascrittura delle registrazioni Registrazione su motion detection Registrazione manuale Registrazione per il periodo di vacanza Registrazione ridondata Registrazione su gruppi di HDD Protezione dei file Il playback Playback dei file registrati Playback dopo ricerca per canale Playback dopo ricerca per data ed ora Playback dopo ricerca normale Playback dopo ricerca evento Playback dopo ricerca per tag Playback dopo la ricerca sul log di sistema Funzioni ausiliarie di playback Playback frame per frame Ricerca smart Zoom digitale Il backup Backup dei file registrati Backup di video Backup di eventi Backup di clip video Configurazione degli allarmi Evento motion detection Evento variazione ingresso Uscite di allarme Attivazione manuale uscite di allarme Evento perdita video Evento oscuramento video Pag. 2

3 8.7 Evento anomalia di sistema Azioni a seguito di eventi Impostazioni di rete Configurazione delle impostazioni generali Configurazione delle impostazioni avanzate Configurazione delle impostazioni PPPoE Configurazione del DDNS Configurazione del server NTP Configurazione Configurazione del server SNMP Configurazione UPnP Configurazione comunicazione con la centrale Sicep MvsNET Configurazione del multicast Configurazione RTSP Configurazione delle porte server e HTTP Controllo del traffico di rete Rilevamento rete Test ritardo di rete e pacchetti persi Esportazione dei pacchetti di rete Controllare lo stato della rete Controllo delle statistiche di rete Gestione degli hard disk Formattazione degli hard disk Gestione dei dischi di rete Gestione gruppi di HDD Impostazione gruppi di HDD Impostazione delle proprietà dell HDD Configurazione modalità quota Controllo dello stato degli HDD Controllo delle informazioni S.M.A.R.T Rilevamento dei settori guasti Configurazione allarmi errore HDD Impostazione delle telecamere Testo OSD Zone mascherate Parametri immagine Gestione e manutenzione del DVR Visualizzazione informazioni di sistema Informazioni sul DVR Informazioni sulle telecamere Informazioni sulla registrazione Informazioni sugli allarmi Informazioni sulla rete Informazioni sugli HDD Ricerca ed esportazione del log file Importazione/esportazione del file di configurazione del DVR Aggiornamento firmware del DVR Aggiornamento per mezzo di un dispositivo di backup locale Aggiornamento con un server TFTP Ripristino delle impostazioni di fabbrica Altre configurazioni Impostazioni generali Ora legale Altre impostazioni Gestione account utente Aggiungere un nuovo utente Eliminare un utente esistente Modifica di un utente Logout/spegnimento/riavvio del DVR Appendici Glossario Risposte a domande frequenti Pag. 3

4 1 Introduzione 1.1 Generalità Grazie per l acquisto di questo prodotto. Questo manuale fa riferimento ai seguenti prodotti di videoregistrazione: IM-D104 a 4 canali video, IM-D108 a 8 canali video, IM-D116 a 16 canali video. Questo manuale, così come il software presente, non potranno essere riprodotti, memorizzati in una copia di backup o trasmessi in qualsiasi forma e/o tramite qualsiasi mezzo elettronico, meccanico, e/o di registrazione od altro, senza l'autorizzazione scritta di SICEP SpA. Il contenuto di questo manuale è fornito solo a scopo informativo, e potrà essere modificato in qualsiasi momento senza preavviso da parte di SICEP SpA. SICEP SpA non si assume alcuna responsabilità per errori di stampa o di inesattezze eventualmente presenti in questo manuale. Gli aggiornamenti saranno aggiunti con una nuova versione. SICEP SpA non fornisce nessuna garanzia, implicita o esplicita per quanto riguarda il software, inclusa senza limitazioni, la garanzia sulla commerciabilità e/o idoneità per scopi particolari: il software viene fornito nello stato in cui si trova. SICEP SpA non fornisce nessuna garanzia per quanto riguarda l'uso o il risultato dell'uso del software in termini di correttezza, di accuratezza, di affidabilità, di attualità o di altro. SICEP SpA non garantisce che le funzioni contenute nel software siano idonee a soddisfare le esigente dell utente, né garantisce una fruizione ininterrotta o immune da difetti. L'utente utilizzatore è la sola persona che si assume tutti i rischi derivanti dall'uso e dalle prestazioni del software. In nessun caso SICEP SpA sarà responsabile dei danni di qualsiasi natura (quali a titolo indicativo e non tassativo, i danni diretti, i danni indiretti, i danni per perdita di profitti o di mancato guadagno, di interruzione di servizi e/o di attività, di perdita di informazioni e similari o di altre perdite economiche) subiti dall utente e/o da terzi derivanti dall'uso o dall'impossibilità d'uso del software. SICEP SpA, relativamente al software non prodotto, ma solo commercializzato non si assume alcuna responsabilità sulla propria funzionalità e la risoluzione di eventuali bugs di questi programmi dovrà essere richiesta al produttore. 1.2 Informazioni sulla normativa Informazioni FCC Conformità FCC (USA, Canada) Questo prodotto è stato testato ed è risultato conforme ai limiti fissati per i dispositivi digitali, ai sensi della FCC Parte 15. Questi limiti sono pensati per ottenere una protezione adeguata alle interferenze quando l'apparecchio è utilizzato in un ambiente commerciale. Questo prodotto genera ed emette energia a radio frequenza e può creare interferenze alle comunicazioni radio se non installato e utilizzato in base a quanto riportato nel manuale di uso e di installazione. L'utilizzo di questo apparecchio in ambito residenziale può facilmente causare interferenze ad un apparecchio radio ricevente o televisivo, in tal caso all'utente è richiesto di prendere provvedimenti, che possono essere: 1. spostare o provare a orientare diversamente l'antenna del ricevitore; aumentare la distanza di separazione fra l'apparecchio e il ricevitore; 3. collegare l'apparecchio a una presa diversa rispetto a quella su cui è collegato il ricevitore; 4. consultare il rivenditore o un tecnico esperto in radio/tv per risolvere il problema. Condizioni FCC Questo apparecchio è conforme alla FCC Parte 15. L'utilizzo è subordinato alle due condizioni seguenti: 1. non deve creare interferenze dannose; deve accettare qualsiasi tipo di interferenza ricevuta, incluse quelle che possono creare effetti indesiderati. Informazioni CE Conformità direttive Unione Europea Questo prodotto e - se applicabile - gli accessori forniti sono marcati CE e sono conformi per quanto riguarda gli standard europei armonizzati per le Direttive Bassa Tensione 2006/95/EC ed EMC 2004/108/CE. Pag. 4

5 2002/96/CE (WEEE Direttiva): i prodotti contrassegnati da questo simbolo non devono essere smaltiti come rifiuti domestici. Per garantire uno smaltimento adeguato procedere per tramite di sistemi di raccolta differenziata. La dispersione impropria di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (AEE) o di parte di esse, può avere effetti dannosi sull ambiente e sulla salute umana. 2006/66/CE (Direttiva Batterie): questo prodotto contiene una batteria che non deve essere smaltita come rifiuto domestico indifferenziato. Nelle caratteristiche tecniche sono riportate informazioni specifiche sul tipo di batteria. La batteria è contrassegnata da questo simbolo, che può includere ulteriori lettere per indicare cadmio (Cd), piombo (Pb) o mercurio (Hg). Per garantire uno smaltimento adeguato consegnare la batteria usata al punto di raccolta differenziata più vicino. 1.3 Note preventive prima dell utilizzo del DVR Prima di utilizzare il DVR consultare i punti di seguito riportati: Assicurarsi che il DVR sia installato in un ambiente ben ventilato e non polveroso. Il DVR è concepito per il solo utilizzo all interno. Evitare il contatto con sostanze liquide. Assicurarsi della corrispondenza fra le caratteristiche ambientali e le specifiche dichiarate dal costruttore. Installare il DVR in una posizione stabile e sicura. Evitare urti dovuti a cadute che potrebbero danneggiare l elettronica del DVR. Predisporre preferibilmente l alimentazione di soccorso UPS. Prima di collegare o scollegare le unità periferiche spegnere il DVR. L utilizzo improprio delle batterie può provocare pericolo di esplosione. Sostituirle solo con altre dello stesso tipo oppure equivalenti. Fare riferimento alle istruzioni fornite dal costruttore delle batterie. Assicurarsi di aver collegato a terra il DVR tramite la vite in basso a destra sul posteriore del DVR. 1.4 Caratteristiche funzionali del DVR Generali Segnali video standard PAL/NTSC. Algoritmo di compressione H.264 con alta affidabilità. Codifica fino a risoluzione 4CIF. Ogni canale supporta il dual-stream. Configurazione indipendente per ogni canale incluse risoluzione, frame rate, bit rate, qualità immagine, ecc. La qualità degli ingressi ed uscite video è configurabile. Ogni canale supporta due codifiche di registrazione indipendenti: la codifica normale (continua) e quella su evento, ciascuna liberamente configurabile. Codifica composita dello stream per audio/video sincronizzati oppure solo per video. Tecnologia watermark. Visualizzazione locale Uscite video simultanee di tipo HDMI, VGA e CVBS. Uscite video HDMI e VGA alla risoluzione (1080P). Visualizzazione in tempo reale ad 1/4/6/8/9/16 riquadri, e visualizzazione in ciclata programmabile di più finestre. La visualizzazione in tempo reale può essere effettuata a gruppi. E supportata la commutazione manuale oppure automatica dei gruppi di visualizzazione. E possibile configurare il ritardo della ciclata. Menu di programmazione veloce per la visualizzazione in tempo reale. Il canale correntemente visualizzato può essere schermato. Supportate funzionalità quali motion detection, ed il rilevamento di oscuramento video e perdita video. Mascheramento per la privacy. Più protocolli PTZ supportati; gestione dei PTZ preset, patrol e pattern. Zoom e controllo PTZ per mezzo del trascinamento del mouse. Pag. 5

6 Gestione HDD Fino a 1 HDD SATA per il DVR 4ch e fino a 2 HDD SATA per il DVR 8ch e per il DVR 16ch ; ciascun HDD può avere capacità fino a 4TB. Si possono collegare fino a 8 dischi di rete (8 dischi NAS oppure 7 dischi NAS + 1 disco IP SAN). Gestione in gruppi degli HDD. Supporta la funzione di stand-by HDD. Proprietà degli HDD: ridondanza, sola-lettura, lettura/scrittura (R/W). Gestione quota HDD: a ciascun canale è possibile associare una quota diversa di spazio su disco. Registrazione e playback Configurazione registrazione per i giorni di vacanza. Parametri per la codifica di video in registrazione normale o su evento. Molteplici modalità di registrazione: manuale, continua (normale), allarme, motion detection, motion o allarme, motion e allarme. Fino a 8 fasce orarie per ogni giorno ciascuna con diverse modalità di registrazione. Tempi di pre-allarme e post-allarme per la registrazione su variazione ingressi di allarme e motion detection. Tempo di pre-allarme per la registrazione manuale e su calendario. Ricerca dei file registrati e delle immagini catturate a seguito di evento (ingresso di allarme/motion detection). Personalizzazione dei tag, ricerca e playback per tag. Blocco e sblocco dei file registrati. Registrazione locale ridondante. Registrazione remota su HDD di tipo NAS o IP SAN Ricerca e playback dei file registrati per numero di canale, tipo di registrazione, ora inizio, ora fine, ecc. Ricerca SMART per motion sull area selezionata sullo schermo. Zoom digitale durante il playback. Playback inverso. Supporta i comandi di tipo pause, rewind, play fast, play slow, skip forward, e skip backward durante il playback. Localizzazione trascinando il mouse. Fino a 4/8/16 canali in playback sincronizzato fino a 4CIF. Backup Esportazione su dispositivi USB quali memorie flash, HDD, masterizzatori. Esportazione dei filmati video durante il playback. Gestione e manutenzione dei dispositivi di backup. Allarmi ed anomalie Attivazione degli ingressi ed uscite di allarme sulla base del calendario. Allarmi per perdita video, motion detection, oscuramento video, segnale anomalo cioè standard video in ingresso ed in uscita non compatibili, login errato, disconnessione rete, conflitto indirizzi IP, anomalia registrazione/cattura, errore HDD, HDD pieno, ecc. Ciascun allarme può dar luogo ad una serie di azioni quali visualizzazione a pieno schermo da locale, cicalino acustico da locale, invio allarme ad una centrale remota, invio di una ed attivazione delle uscite relè. Ripristino automatico degli stati di allarme. Altre funzionalità da locale Gli utenti possono operare localmente sul DVR da mouse oppure da telecomando IR. Tre livelli di gestione utenti; l utente amministratore può creare altri account utente e definirne i limiti di operatività inclusi i limiti di accesso ai vari canali. Scrittura e ricerca nel log delle operazioni, degli allarmi, delle anomalie. Importazione ed esportazione della configurazione del dispositivo. Pag. 6

7 Funzioni di rete Scheda di rete auto adattante 10M/100M. IPv6 supportato. Sono supportati i protocolli PPPoE, DHCP, DNS, DDNS, NTP, SADP, SMTP, SNMP, UPnP, NFS ed iscsi. Protocolli TCP, UDP e RTP per unicast. Ricerca da remoto, playback, download, blocco e sblocco dei file registrati e ripristino del trasferimento interrotto dei file. Impostazione dei parametri da remoto; importazione ed esportazione della configurazione del dispositivo da remoto tramite client ivms Visualizzazione da remoto dello stato del dispositivo, log file di sistema e dello stato degli allarmi. Blocco e sblocco da remoto del pannello di controllo e del mouse. Formattazione degli HDD e aggiornamento firmware da remoto. Riavvio e spegnimento del sistema da remoto. Trasmissione trasparente del canale seriale RS-485. Invio ad un host remoto di allarmi e di anomalie Avvio/stop da remoto della registrazione. Attivazione/disattivazione da remoto delle uscite di allarme. Le immagini catturate possono essere inviate ad un server FTP. Controllo PTZ da remoto. Cattura JPEG da remoto. Canale audio bidirezionale con client remoto e broadcast audio. Web server per collegarsi alla periferica tramite un browser web remoto. Plug-in per i principali browser Microsoft Windows e Mac OS. Acceso da remoto tramite centrale Sicep MvsNET Gestione da PC remoto tramite software client ivms-4200 per sistemi Microsoft Windows e Mac OS. Fino a 256 dispositivi gestibili. NOTA: Il software ivms-4200 si trova nel cd fornito con il DVR, inoltre è scaricabile gratuitamente dal sito entrando nella sezione Support>Download>Client software. Gestione da smartphone e tablet tramite software client ivms-4500 per dispositivi con sistema operativo ios (iphone, ipad, ipod), Android, Symbian S60 V3 e V5, BlackBerry OS, Windows Mobile. NOTA: I software sopra elencati si trovano nel cd fornito con il DVR, sono inoltre reperibili sul sito entrando nella sezione Support>Download>Tools oppure si possono scaricare gratuitamente direttamente sul dispositivo mobile collegandosi al negozio virtuale di applicazioni predefinito del dispositivo (p.es. Apple Store, Google Play Store ecc.). Pag. 7

8 1.5 Specifiche tecniche Tabella 1.1: Specifiche tecniche Modello Ingresso Video/Audio Uscita Video/Audio 4 canali Compressione Video Ingressi Video Interfaccia Ingressi Video Compressione Audio Ingresso Audio Ingresso Audio Bidirezionale Uscita HDMI / VGA Uscita CVBS Risoluzione codifica Frame Rate Bit Rate Video Hard Disk Interfacce Esterne Generali 16 canali 8 canali 16 canali H canali BNC (1.0 Vpp, 75 Ω), auto adattante PAL / NTSC G canali, RCA (0 Vpp, 1 kω) 1 canale, RCA (0 Vpp, 1 kω) (usando l'ingresso audio) 1 canale, risoluzione: 1080P: /60Hz, SXGA: /60Hz, 720P: /60Hz, XGA: /60Hz 1 canale, BNC (1.0 Vpp, 75 Ω), risoluzione: PAL: , NTSC: CIF / 2CIF / CIF / QCIF 25 fps (PAL) / 30 fps (NTSC) 32 kbps ~ 3072 kbps, oppure definito dall utente (fino a 3072 kbps) Uscita Audio Bit Rate Audio Dual Stream 1 canale, RCA (lineare, 1 kω) Tipo Stream Playback Sincronizzato SATA Capacità Interfaccia Rete Interfaccia Seriale Interfacce USB Alimentazione Consumo (senza HDD o DVD-R/W) Temperatura di esercizio Umidità di esercizio Contenitore Video, Video & Audio Dimensioni (Larg Prof Alt) Peso (senza HDD o DVD-R/W) Pag. 8 8 canali 64 kbps Supportato; Sub stream: CIF / 25 fps (PAL) / 30 fps (NTSC)) 4 canali 8 canali 16 canali 1 interfaccia SATA 2 interfacce SATA 2 interfacce SATA Sino a 4TB di capacità 1 interfaccia Ethernet 10/100Mbps su RJ45 1 interfaccia RS485, half-duplex 2 porte USB 0 12 Vdc 10 W 15 W 20 W Da -10 ºC fino a +55 ºC Da 10% sino a 90% Contenitore standalone 1U Contenitore da rack 19 1U Contenitore da rack 19 1U mm mm mm 2 kg 4 kg 4 kg

9 1.6 Il pannello frontale Il pannello frontale del DVR è mostrato in Figura 1.1 Figura 1.1: Pannello frontale Tabella 1.2: Descrizione del pannello frontale Num Nome Descrizione Funzione 1 POWER Il led POWER si accende di verde quando il DVR è avviato. 2 STATUS Il led STATUS si accende di rosso quando vengono scritti oppure letti dati su HDD. 3 Tx/Rx Il led TX/RX lampeggia verde quando la connessione di rete funziona correttamente. 4 Interfaccia USB Porta USB per dispositivi addizionali quali mouse USB o memorie esterne USB. 5 Ricevitore IR Ricevitore IR per telecomando. 1.7 Controllo da telecomando IR Il DVR può venire controllato dal telecomando IR in dotazione. Nota: Per l utilizzo procurare due batterie di tipo AAA. Pag. 9

10 Figura 1.2: Telecomando IR in dotazione con il DVR Tabella 1.3: Descrizione dei pulsanti del telecomando Num Pag. 10 Nome POWER DEV Pulsanti alfanumerici 4 Pulsante EDIT 5 Pulsante A 6 Pulsante REC 7 Pulsante PLAY 8 9 Pulsante INFO Pulsante VOIP/MON 10 Pulsante MENU Descrizione Accende e spegne il DVR. Abilita e disabilita il controllo del DVR dal telecomando IR. Commuta sul canale corrispondente in visualizzazione in tempo reale oppure in modalità di controllo PTZ. Inserisce numeri e caratteri in modalità di editazione. Commuta fra canali diversi in modalità di playback giornaliero. Edita i campi di testo. Durante l editazione dei campi di testo ha la funzione di pulsante backspace per cancellare il carattere precedente il cursore. Nei campi di tipo checkbox, premere il pulsante EDIT per mettere oppure rimuovere un flag. In modalità di playback, viene usato per generare un filmato video per il backup. Commuta fra diversi modi di inserimento testo (carattere maiuscolo e minuscolo, simboli e valori numerici). Registrazione manuale, viene usato per accedere direttamente all interfaccia di registrazione manuale. In modalità di controllo PTZ, premere il pulsante REC per richiamare un preset premendo i pulsanti numerici. Viene usato per accedere direttamente all interfaccia di playback giornaliero. Riservato. Seleziona tutte le voci di una lista. In visualizzazione in tempo reale oppure in modalità di playback, viene usato per commutare fra le uscite video principale e ausiliaria. Torna indietro al menu principale (dopo il login).

11 Num 11 Nome Pulsante PREV 12 Pulsante DIRECTION/ENTER Pulsante PTZ Pulsante ESC RESERVED Pulsante F1 Bottone 17 Pulsanti Controllo PTZ Pulsante F2 18 Descrizione Commutazione fra modalità full screen e modalità multischermo. Sposta il focus fra diversi campi e diverse voci in un menu. In modalità di playback, i pulsanti Su e Giù sono usati per accelerare oppure rallentare la riproduzione del filmato registrato. I pulsanti Sinistra e Destra selezionano la registrazione relativa a 30 secondi indietro e 30 secondi avanti. In visualizzazione in tempo reale, questi pulsanti possono essere usati per ciclare su canali. Accede alla modalità di controllo PTZ. Indietro al menu precedente Premere per armare/disarmare il DVR in visualizzazione in tempo reale. Riservato. Seleziona tutte le voci all interno di una lista. In modalità di controllo PTZ, accende/spegne le luci PTZ. Regolazione dell iris, fuoco, zoom di una telecamera PTZ. Cicla le pagine di un menu. Risoluzione dei problemi connessi con l utilizzo del telecomando IR in caso di mancato funzionamento: NOTA: Assicurarsi di avere inserito le batterie nel telecomando (2 batterie tipo AAA) con la giusta polarità e di non aver ostruito il ricevitore IR sul pannello frontale del DVR. In caso di mancato funzionamento del telecomando IR seguire i passi di seguito riportati: Passi: Andare sul Menu>Configurazione sistema>generale>altre impostazioni utilizzando il mouse USB. Controllare il valore impostato nel campo DVR ID. Il valore di default è 255. Questo ID è valido per qualsiasi telecomando. Premere il pulsante DEV sul telecomando. Inserire il valore impostato sul campo DVR ID al passo Premere il pulsante ENTER sul telecomando. Se il telecomando sta funzionando correttamente ma non c è alcuna risposta dal DVR, controllare i punti seguenti: 1. Presenza delle batterie, correttamente installate con la giusta polarità. La carica delle batterie. 3. Il ricevitore IR non deve essere ostruito. 1.8 Controllo del DVR da mouse USB Utilizzare un mouse USB a 3 comandi (Pulsante sinistro/destro/rotellina) per controllare il DVR. Per usare un mouse USB: 1. Collegare il mouse USB in una porta USB del DVR. Il mouse dovrebbe venire automaticamente rilevato e non dovrebbero esserci problemi di compatibilità fra mouse e DVR. Operatività da mouse USB: Nome Pulsante Sinistro Tabella 1.4: Descrizione del controllo del DVR tramite un mouse USB Azione Descrizione Vista in tempo reale: seleziona un canale e mostra il menu Singolo click rapido. Menu: Seleziona ed entra. Vista in tempo reale: Commuta fra telecamera singola full Doppio click Pag. 11

12 Click e trascina Pulsante Destro Singolo click Rotellina Ruota in alto Ruota in basso screen e vista multipla. Controllo PTZ: comando pan e tilt. Impostazione area oscuramento video, area privacy e area motion detection. Controllo zoom digitale: seleziona un area per lo zoom. Vista in tempo reale: trascina la barra oraria. Vista in tempo reale: richiama menu di programmazione Nel menu: esci dalla pagina corrente e vai alla pagina precedente. Vista in tempo reale: seleziona la finestra precedente. Menu: seleziona la voce precedente. Vista in tempo reale: seleziona la prossima finestra. Menu: seleziona la prossima voce. 1.9 Utilizzo della tastiera software Figura 1.3: La tastiera software Di seguito la descrizione dei pulsanti della tastiera software: Tabella 1.5: Descrizione dei pulsanti della tastiera software Icona Descrizione Descrizione Modalità testo minuscolo Modalità testo maiuscolo Modalità numerica Commuta sui simboli Commuta minuscolo/maiuscolo Cancella indietro Spazio Enter Esci Pag. 12 Icona

13 1.10 Il pannello posteriore del DVR Il pannello posteriore del DVR 4 canali è mostrato in Figura 1.4, quello del DVR 8 canali in Figura 1.5, quello del DVR 16 canali in figura 1.6 Figura 1.4: Pannello posteriore del DVR a 4 canali Figura 1.5:Pannello posteriore del DVR 8 canali Figura 1.6: Pannello posteriore del DVR 16 canali Tabella 1.6: Descrizione del pannello posteriore Num Voce VIDEO IN VIDEO OUT USB 4 5 HDMI VGA AUDIO IN AUDIO OUT LAN RS V POWER GND ALARM IN ALARM OUT Descrizione Connettore BNC per ingresso video analogico. Connettore BNC per uscita video. Porta USB per dispositivi addizionali quali mouse USB o memorie esterne USB. Uscita video HDMI. Connettore DB15 per uscita VGA. Visualizza uscita video locale e menu. Connettori RCA per ingresso audio. Connettore RCA per uscita audio. Interfaccia di rete Ethernet 10/100Mbps su connettore RJ45. Connettore per dispositivo RS485. Collegare i morsetti D+ e D- ai morsetti del ricevitore PTZ. Alimentazione 12Vdc. Interruttore per accensione/spegnimento dispositivo. Terra (collegare a terra il DVR prima di avviarlo) Ingressi allarme Uscite allarme Pag. 13

14 1.11 Struttura del menu OSD La pagina principale del menu OSD è fatta come in figura. Da questa pagina cliccando sulle singole voci si accede a tutta la struttura dei sotto-menu raffigurata di seguito. Menu Playback Esportazione Rec. Manuale HDD Registrazione Telecamere Configuraz. sistema Evento Normale Registr. Manuale Generale Calendario Testo OSD Generale Info sistema Uscita Tag Evento Allarme Manuale Avanzate Codifica Immagine Rete Informazioni Log Spegnimento Rileva HDD Avanzate PTZ Allarmi Importa/ esporta Riavvio Vacanze Motion Vista Live Aggiorna FW Maschere privacy Anomalie Ripristina Default Oscuramento Utente Rileva Rete Perdita video Pag. 14 Manutenzione Spegnimento

15 1.12 Avviamento e spegnimento del DVR Obiettivo: Avviare e spegnere correttamente il DVR al fine di non compromettere la durata di vita del DVR stesso. Prima di iniziare: Verificare la corretta tensione di alimentazione, verificare il collegamento a terra tramite la vite in basso a destra sul posteriore del DVR. Avviamento del DVR: Passi: 1. Collegare il cavo di alimentazione al DVR da un lato, ed alla presa elettrica dall altro. Si consiglia vivamente l impiego di una alimentazione di soccorso di tipo UPS. Premere l interruttore POWER. Il led POWER diventerà verde ad indicare che il DVR sta iniziando l avviamento. Spegnimento del DVR: Passi: 1. Accedere al menu spegnimento: Menu>Spegnimento Figura 1.7:Il menu di spegnimento del DVR Cliccare sul pulsante Spegnimento e si aprirà la finestra seguente: Figura 1.8: Conferma spegnimento 3. Cliccare sul pulsante Si per confermare. Apparirà una pop up con il seguente messaggio: Figura 1.9: Messaggio per lo spegnimento 4. Commutare l interruttore di accensione sul retro del DVR. Riavvio del DVR Accedere al menu spegnimento Menu>Spegnimento come al passo precedente e cliccare sul pulsante Riavvio per riavviare il DVR. Pag. 15

16 2 La procedura di configurazione guidata Con le impostazioni di fabbrica attive sul DVR, la procedura di configurazione guidata viene avviata ogni volta che il DVR viene avviato. Utilizzo della procedura di configurazione guidata: 1. Selezionare la lingua desiderata per l'interfaccia. Cliccare sul pulsante Applica per salvare le impostazioni e premere Annulla per uscire dalla procedura. Figura 1:Procedura di configurazione guidata. Selezione della lingua. Mettere un flag nel campo di tipo checkbox per abilitare la procedura guidata all avviamento del dispositivo, toglierlo altrimenti. Cliccare con il mouse sul pulsante Avanti per accedere alla pagina successiva della procedura guidata Annulla per uscire. Figura 2: Abilitazione procedura guidata Pag. 16

17 3. Il sistema visualizzerà la finestra di login. 1) Inserire la password dell utente amministratore. Di default tale password è ) Per cambiare la password dell utente amministratore, mettere un flag sul campo Nuova password amministratore. Inserire e confermare la nuova password nei campi editabili. 3) Cliccare con il mouse sul pulsante Avanti per accedere alla pagina successiva della procedura guidata, su Indietro per tornare alla pagina precedente, su Annulla per uscire dalla procedura. Figura 3: Finestra di accesso 4. Il sistema visualizza la finestra di impostazione data ed ora. Impostare il fuso orario, il formato data/ora, la data di sistema e l ora di sistema. Cliccare con il mouse sul pulsante Avanti per accedere alla pagina successiva della procedura guidata, su Indietro per tornare alla pagina precedente, su Annulla per uscire dalla procedura. Figura 4: Impostazioni data ed ora Pag. 17

18 5. Impostare i parametri di rete quali il tipo della scheda di rete, l indirizzo IPv4, la sottorete IPv4, il gateway, ecc.. E possibile abilitare il DHCP per ottenere automaticamente un indirizzo IP ed altri parametri di rete direttamente dal server. Cliccare con il mouse sul pulsante Avanti per accedere alla pagina successiva della procedura guidata, su Indietro per tornare alla pagina precedente, su Annulla per uscire dalla procedura. Figura 5:Configurazione della rete 6. Per formattare un HDD selezionare il disco cliccando sulla checkbox e cliccare poi con il mouse sul pulsante Formatta. La formattazione rimuoverà tutti i dati salvati su HDD. Cliccare con il mouse sul pulsante Avanti per accedere alla pagina successiva della procedura guidata, su Indietro per tornare alla pagina precedente, su Annulla per uscire dalla procedura. Figura 6: Gestione HDD Pag. 18

19 7. Si apre la pagina delle impostazioni di registrazione. a) Selezionare la telecamera da configurare. b) Mettere un flag nel campo di tipo checkbox Inizia Rec. se si desidera iniziare a registrare. c) Selezionare la modalità di registrazione su Normale oppure su Motion. d) Cliccare con il mouse il pulsante Copia per copiare le impostazioni della registrazione della camera corrente su altre telecamere. e) Cliccare con il mouse il pulsante OK per ritornare sulla finestra di impostazione della registrazione. f) Cliccare di nuovo con il mouse il pulsante OK per completare la procedura guidata, Indietro per tornare alla pagina precedente, Annulla per uscire senza salvare le impostazioni della pagina. Figura 7: Impostazioni registrazione Pag. 19

20 3 La visualizzazione in tempo reale 3.1 Introduzione La visualizzazione in tempo reale viene attivata automaticamente dopo l avvio del DVR. Inoltre all interno delle pagine del menu, premendo più volte, a seconda della pagina in cui ci si trova, il pulsante Indietro si viene ricondotti in questa modalità. Icone della visualizzazione in tempo reale In tale modalità di visualizzazione ci sono delle icone in alto a destra sulla finestre relative a ciascun canale ad indicare lo stato del canale stesso. Tabella 3.1: Descrizione delle icone in modalità di visualizzazione in tempo reale Icona Descrizione Allarme (indica un evento attivo tipo perdita video, anomalia video, motion detection oppure ingresso di allarme) Registrazione (indica che il canale visualizzato è in corso di registrazione; la registrazione può essere stata attivata manualmente, sulla base del calendario settimanale oppure da un evento) Allarme e registrazione simultanei 3.2 Funzionalità della visualizzazione in tempo reale Alcune delle funzionalità disponibili in modalità di visualizzazione in tempo reale sono riportate di seguito. Si veda il capitolo successivo per maggiori dettagli. Singolo schermo: visualizza un singola telecamera a pieno schermo. Multi-schermo: visualizza più telecamere in multi schermo. Avvia ciclata: avvia la visualizzazione in modalità ciclata delle telecamere. Inoltre nel menu: Menu>Configurazione sistema>vista live>ritardo ciclata allarmi è possibile configurare il tempo di permanenza della visualizzazione su ogni schermata della ciclata. Playback giornaliero: avvia il playback delle registrazioni relative al giorno corrente sulla telecamera selezionata. Inizia Rec: avvia la registrazione di tipo normale oppure su motion detection per tutto il giorno su tutti i canali. Uscita ausiliaria: Il DVR monitorizza lo stato della connessione delle uscite video per definire quali sono l uscita video principale ed ausiliaria. Quando sono connesse sia l uscita video HDMI che l uscita video VGA, oppure è connessa solo una delle due, queste vengono usate come uscita video principale per il live, il playback, il controllo PTZ e registrazione. Quando sono disconnesse sia l uscita video HDMI che l uscita video VGA, ed è connessa l uscita CVBS, questa viene usata come uscita video principale per live, il playback, il controllo PTZ e registrazione e l accesso al menu OSD. Quando sono collegate sia l uscita principale che l ausiliaria e si commuta sull uscita ausiliaria non è possibile effettuare alcuna operazione sull uscita principale. 3.1 Operazioni da mouse In modalità di visualizzazione in tempo reale, utilizzare il pulsante destro del mouse per accedere al seguente menu: Figura 3.1: Menu del pulsante destro del mouse Pag. 20

21 Tabella 3.2: Operazioni da mouse in modalità di visualizzazione in tempo reale Nome Menu Singolo schermo Multi schermo Descrizione Schermo Prec Schermo Succ Avvia/arresta Ciclata Visualizzare la schermata precedente. Inizia Rec. Avviare la registrazione normale tutto il giorno oppure la registrazione su motion detection per tutti i canali. Quick Set Imposta la modalità dell uscita video su Standard, Luminoso, Gentle oppure Vivido. Playback Giornaliero Uscita Ausil Riprodurre la registrazione del canale selezionato. Accedere al menu principale del sistema. Commutare la visualizzazione a pieno schermo selezionando il numero del canale dal menu a tendina. Selezionare il layout della modalità di visualizzazione selezionandolo dal menu a tendina. Visualizzare la schermata successiva. Avvia/arresta la ciclata. Nota: Il tempo di ritardo della ciclata deve essere configurato prima di avviare la ciclata. Commuta il controllo del mouse sull uscita video ausiliaria, disabilitando il controllo sull uscita video principale. Nota: Se si commuta il controllo sull uscita video ausiliaria quando questa non è collegata si perderà il controllo da mouse; Per commutare nuovamente sull uscita video principale premere da telecomando i pulsanti VOIP/MON ed Enter. 3.2 Utilizzo dell uscita video ausiliaria Solo alcune funzioni della visualizzazione in tempo reale sull'uscita principale sono disponibili sulla uscita video ausiliaria. Queste sono: Singolo schermo: Commuta a pieno schermo sul canale selezionato del menu a tendina. Multi schermo: Commuta a pieno schermo sul formato selezionato dal menu a tendina. Schermo Prec: Visualizza la schermata precedente. Schermo Succ: Visualizza la schermata successiva. Quick Set: Imposta la modalità dell uscita video su Standard, Luminoso, Gentle oppure Vivido. Modo Uscita Menu: Imposta l uscita video principale su HDMI/VGA, CVBS Principale oppure Auto. Uscita Princ: Commuta sull uscita video principale disabilitando l operatività sull uscita video ausiliaria. Nota: Sull uscita video principale il menu non sarà disponibile durante il controllo dell uscita ausiliaria. 3.3 Commutazione uscita video principale/ausiliaria Quando l uscita HDMI/VGA è configurata come uscita video principale eseguire le seguenti operazioni per commutare sull uscita CVBS come uscita principale. Passi: 1. Usare la rotellina del mouse e effettuare un doppio click sullo schermo dell uscita HDMI/VGA. Apparirà il seguente messaggio in pop up: Figura 3.2: Commutazione uscita video principale/ ausiliaria Pag. 21

22 3. Usare la rotellina del mouse e effettuare un doppio click di nuovo sullo schermo, oppure cliccare su pulsante Annulla per annullare l operazione. Selezionare Modo Uscita Menu su CVBS Principale a partire dal menu del pulsante destro del mouse sullo schermo dell uscita CVBS. Figura 3.3: Menu del pulsante destro sull uscita video CVBS 4. Nel messaggio in pop-up, cliccare sul pulsante Si per riavviare il dispositivo e per abilitare l uscita video CVBS come uscita video principale. Nota: In alternativa è possibile selezionare l opzione Modo Uscita Menu in corrispondenza di Menu>Configurazione sistema>generale>altre impostazioni impostando su una delle opzioni: Auto, HDMI/VGA, CVBS Principale e quindi riavviare il dispositivo per commutare l uscita video principale. 3.4 La barra dei comandi in modalità visualizzazione in tempo reale Sulla finestra di visualizzazione di ciascun canale è disponibile una barra dei comandi che si attiva cliccando il pulsante destro del mouse sul riquadro. Figura 3.4: Barra dei comandi Tabella 3.3: Descrizione della barra dei comandi Icona Descrizione Abilita Rec. Manuale Controllo PTZ Icona Descrizione Playback Istantaneo Zoom Digitale Chiudi Playback Istantaneo Il playback istantaneo mostra gli ultimi 5 minuti di registrazione del canale. Pag. 22 Icona / Descrizione Accendi / Spegni Audio Impostazione Immagine

23 Zoom Digitale Lo zoom digitale ingrandisce l area selezionata a pieno schermo. Trascinare con il pulsante sinistro del mouse l area desiderata. Figura 3.5: Zoom digitale Impostazioni Immagini Questa icona permette di accedere al menu Imposta Immagine. Passi: 1. Impostare la fascia oraria per poter configurare parametri di immagine indipendenti per far fronte a diverse condizioni di luce (per esempio in condizioni diurne ed in condizioni notturne). Si possono configurare fino a due fasce orarie. Una volta configurata la prima fascia oraria (Period1) la seconda fascia oraria (Period2) è data dall intervallo escluso dalla prima fascia oraria. Selezionare la modalità dal menu a tendina in funzione delle condizioni di luce. Sono selezionabili quattro modi diversi: Standard: In condizioni generali di illuminazione (default). Interno: immagine relativamente più nitida. Luce Dim: immagine più nitida rispetto agli altri due modi. Esterno: immagine più chiara e definita. Elevato grado di contrasto e saturazione. Pag. 23

24 3. Regolare i parametri dell immagine quali la luminosità, il contrasto, la saturazione, il colore, il livello di nitidezza e il livello di correzione del rumore per mezzo di una barra che permette di aumentare o diminuire il valore di ogni voce. Figura 3.6: Impostazione immagine Nota: Il range di valore selezionabile è compreso fra per la luminosità, il contrasto, la saturazione, il colore, 0-15 per il livello di nitidezza, e 0-5 il livello di correzione del rumore. 4. Se si desidera copiare i parametri dell immagine della telecamera corrente su altre telecamere cliccare sul pulsante Copia per aprire l'apposita pagina. Nota: Cliccare sul pulsante Ripristina per ripristinare ai valori di default i parametri dell immagine. 3.3 Impostazioni della visualizzazione in tempo reale Obiettivo: Impostare la visualizzazione in tempo reale sulla base di diverse esigenze. E possibile configurare le interfacce di uscita, i ritardi delle ciclate, spegnere o accendere l audio, il numero di schermi da visualizzare, ecc. Pag. 24

25 Passi: 1. Accedere all interfaccia di configurazione della visualizzazione in tempo reale Menu>Configurazione sistema>vista live Figura 3.7: Vista live - Generale Le impostazioni disponibili su questo menu sono: Uscita Video: Definisce quale interfaccia di uscita verrà configurata. Sono configurabili due interfacce di uscita: VGA/HDMI e CVBS. Suddivisione schermo live: Definisce la modalità di visualizzazione live per l uscita selezionata sopra. Ritardo: Intervallo di tempo in secondi tra le commutazioni automatiche dei canali quando si abilita la ciclata nella visualizzazione in tempo reale. Abilita Uscita Audio: Abilita/disabilita la riproduzione audio in modalità di visualizzazione in tempo reale per l uscita video selezionata sopra. Nota: Quando le interfacce di uscita VGA/HDMI sono usate come uscita video principale e l uscita audio per l interfaccia VGA/HDMI è abilitata, allora le uscite VGA/HDMI audio ed AUDIO OUT possono venire usate per la visualizzazione in tempo reale, per la visualizzazione playback e per il canale audio bidirezionale. Quando le interfacce di uscita VGA/HDMI sono usate come uscita video principale e l uscita audio per l interfaccia VGA/HDMI è disabilitata, allora l uscita audio VGA/HDMI non supporta l audio e l uscita AUDIO OUT viene usata per il canale audio bidirezionale. Quando l interfaccia di uscita CVBS è usata come uscita video principale, l uscita audio VGA/HDMI supporta l audio dell uscita ausiliaria in modalità di visualizzazione in tempo reale mentre l uscita audio AUDIO OUT è l audio dell uscita video principale per la visualizzazione in modalità in tempo reale, in modalità playback oppure audio bidirezionale. Uscita evento: Selezionare quale delle due uscite video visualizzerà eventi video. Ritardo Ciclata Allarmi: Tempo di permanenza della segnalazione di evento allarme a monitor. Pag. 25

26 Impostazione ordine delle telecamere Figura 3.8: Vista live Ordine delle telecamere Per impostare l ordine delle telecamere: 1. Cliccare sulla pagina Vista per accedere all interfaccia di impostazione dell ordine delle telecamere. Selezionare un interfaccia di uscita e selezionare un layout di visualizzazione. 3. Cliccare su un riquadro per selezionarlo nell area a destra e effettuare un doppio click nell area di sinistra per selezionare il canale da visualizzare nel riquadro. Nota: Pag. 26 significa che il canale non verrà visualizzato. Cliccare su per avviare la visualizzazione di tutti i canali cliccare su per arrestare la visualizzazione di tutti i canali. Cliccare su oppure su per accedere alla pagina precedente o successiva. Cliccare con il mouse sul pulsante Applica per salvare le impostazioni.

27 3.4 Codifica del canale zero Obiettivo: Visualizzare da remoto più canali in tempo reale per mezzo di un unico stream al fine di diminuire la banda richiesta per centralizzare il dispositivo senza compromettere la qualità delle immagini. Passi: 1. Accedere all interfaccia di impostazione Vista Live. Menu>Configurazione sistema>vista Live Selezionare la pagina Codifica Canale Zero. Figura 3.9: Vista Live - Codifica del canale zero Mettere un flag nel campo di tipo checkbox di fianco a Abilita codifica del canale zero. Impostare i campi Frame Rate, Modalità bitrate Max e Max. Bitrate. Dopo aver impostato la codifica del canale zero, è possibile ottenere da un client remoto (browser web, ivms) tutti i canali visualizzati in un unico schermo per mezzo di un unico stream. Pag. 27

28 3.5 Logout utente Obiettivo: Uscire dall'area riservata sull'interfaccia del DVR. Dopo il log out il monitor commuta in modalità di visualizzazione in tempo reale e per effettuare alcune operazioni sarà necessario effettuare nuovamente il log in per mezzo di nome utente e password. Passi: 1. Accedere al menu Spegnimento. Menu>Spegnimento Figura 3.10: Il menu di spegnimento Cliccare sul pulsante Uscita. Nota: Dopo aver effettuato il log out dal sistema, non sarà disponibile la barra dei comandi in modalità di visualizzazione in tempo reale. Sarà necessario effettuare nuovamente il log in per mezzo di nome utente e password per renderla nuovamente disponibile. Pag. 28

29 4 Controllo PTZ 4.1 Impostazioni dei parametri PTZ Obiettivo: Impostare i parametri PTZ. La configurazione dei parametri PTZ dovrebbe venire effettuata prima di impostare la telecamera brandeggiabile. Prima di iniziare: Controllare che le telecamere brandeggiabili siano collegate correttamente sull interfaccia RS-485 del DVR. Passi: 1. Accedere all interfaccia delle impostazioni PTZ. Menu>Telecamere>PTZ>Generale Figura 4.1: PTZ - Generale 3. Selezionare nel campo Telecamera quella su cui impostare il controllo PTZ. Inserire i parametri relativi al controllo PTZ. Nota: Tutti i parametri devono essere esattamente gli stessi di quelli impostati sulla telecamera brandeggiabile. Esempio: Se il baud rate della telecamera brandeggiabile è impostato su , nel campo Baud Rate impostare il valore Nota: Se si imposta il parametro Controllo PTZ a HIKVISION, il campo Indirizzo deve essere diverso da zero Cliccare sul pulsante Copia se si vogliono copiare i parametri relativi al controllo PTZ su altre telecamere. Cliccare sul pulsante Applica per salvare ed uscire dal menu. Pag. 29

30 4.2 Impostazione preset, patrol e pattern Prima di iniziare: Assicurarsi che i preset, patrol e pattern siano supportati dal protocollo PTZ oltre che dalla telecamera brandeggiabile. 4.1 Salvare i preset Obiettivo: Salvare un preset dopo aver posizionato la telecamera brandeggiabile nella posizione corrispondente al preset da salvare. Passi: 1. Accedere all interfaccia di controllo PTZ. Menu>Telecamere>PTZ>Altre impostazioni Figura 4.2: PTZ Altre impostazioni Usare i pulsanti direzionali per spostare la camera sulla posizione in cui si vuole salvare il preset. Cliccare sull icona circolare davanti a Salva Preset. Cliccare sul numero del preset per salvarlo. Ripetere i passi 2-4 per salvare più preset. Se il numero con cui salvare il preset è superiore a 17, cliccare su [ ] e selezionare il numero desiderato. Figura 4.3: Ulteriori preset 4.2 Richiamare i preset Obiettivo: Richiamare i preset precedentemente salvati. Vi sono due modi per farlo. Pag. 30

31 Modo1: Richiamare i preset nell interfaccia di programmazione dei preset: Passi: Accedere all interfaccia di controllo PTZ. Menu>Telecamere>PTZ>Altre impostazioni Selezionare la telecamera nel menu a tendina Telecamera. Cliccare sull icona circolare davanti a Chiama preset. Figura 4.4: PTZ - Richiama preset 4. Cliccare sul numero del preset per richiamarlo. Modo2: Richiamare i preset nell interfaccia di visualizzazione in tempo reale: Passi: 1. Cliccare su l icona controllo PTZ alla finestra di controllo PTZ. sulla barra rapida in modalità di visualizzazione in tempo reale per accedere Figura 4.5: Finestra di controllo PTZ 3. Selezionare la telecamera dalla lista. Selezionare il preset nella lista. Pag. 31

32 4.3 Salvare i patrol Obiettivo: Configurare e salvare i patrol. I patrol sono delle ronde di videosorveglianza durante le quali la speed dome raggiunge diversi preset. Per ciascun preset (precedentemente programmato) è possibile specificare la velocità di posizionamento sugli stessi e il tempo di permanenza. E possibile programmare i preset seguendo i passi descritti nel Capitolo 4.1 Salvare i preset. Passi: 1. Accedere all interfaccia PTZ Control. Menu>Telecamere>PTZ>Altre impostazioni Selezionare il numero del patrol. 3. Selezionare il campo sotto il riquadro delle opzioni del patrol per aggiungere un preset al patrol. Figura 4.6: PTZ- Aggiungere un preset 4. Configurare i parametri del punto chiave quali il numero, il tempo di permanenza e la velocità di raggiungimento. Il riferimento determina l ordine di esecuzione ciclica dei vari preset durante il patrol. Il parametro Durata rappresenta il tempo di permanenza nel preset. Il parametro Velocità definisce la velocità con cui si sposterà da un preset ad un altro. Figura 4.7: Configurazione riferimenti Pag. 32

33 5. 6. Cliccare su OK per salvare il preset sul patrol. Ripetere le operazioni per aggiungere più punti chiave. 7. E anche possibile cancellare tutti i punti chiave cliccando sull icona Figura 4.8: Cancellazione preset dal patrol 4.4 Richiamare i patrol Obiettivo: Mandare in esecuzione i patrol precedentemente programmati. Vi sono due modi per farlo. Modo 1: Mandare in esecuzione i patrol nell interfaccia di programmazione PTZ: Passi: 1. Nell interfaccia di programmazione PTZ. Menu>Telecamere>PTZ>Altre impostazioni Selezionare il numero del patrol e cliccare su 3. Cliccare su per richiamare il patrol. per fermare il patrol. Pag. 33

34 Figura 4.9: Esecuzione patrol Modo 2: Mandare in esecuzione i patrol nell interfaccia di visualizzazione in tempo reale: Passi: Cliccare su l icona controllo PTZ sulla barra rapida in modalità di visualizzazione in tempo reale per accedere alla finestra di controllo PTZ. Selezionare Patrol sulla finestra di controllo PTZ. Cliccare sul patrol che si vuole richiamare. Figura 4.10: Finestra di controllo PTZ - Patrol Pag. 34

35 4.5 Salvare i pattern Obiettivo: Configurare e salvare i pattern. I pattern sono delle ronde di videosorveglianza durante le quali la speed dome ripercorre ciclicamente un percorso auto appreso. Passi: 1. Accedere all interfaccia di controllo PTZ. Menu>Telecamere>PTZ>Altre impostazioni Selezionare un numero di pattern dal menu a tendina. Figura 4.11: PTZ - Pattern Cliccare su, ed usare il mouse per trascinare la movimentazione oppure cliccare sui pulsanti direzionali sotto l immagine per muovere la speed dome. La movimentazione effettuata verrà memorizzata nel pattern Cliccare su per salvare il pattern. Ripetere i passi sopra per salvare più pattern. Pag. 35

36 4.6 Richiamare i pattern Obiettivo: Mandare in esecuzione i pattern precedentemente definiti. Vi sono due modi per farlo. Modo 1: Mandare in esecuzione i pattern nell interfaccia di programmazione PTZ Passi: 1. Accedere all interfaccia di controllo PTZ. Selezionare il numero del pattern. 3. Cliccare su, la speed dome eseguirà ciclicamente il pattern. Cliccare su per arrestare l esecuzione. Figura 4.12: PTZ - Richiamare i pattern Modo 2: Mandare in esecuzione i pattern nell interfaccia di visualizzazione in tempo reale. Passi: Cliccare su l icona controllo PTZ sulla barra rapida in modalità di visualizzazione in tempo reale per accedere alla finestra di controllo PTZ. Selezionare Pattern sulla finestra di controllo PTZ. Effettuare un doppio click sul pattern che si vuole richiamare oppure selezionare il numero del pattern e cliccare su per eseguire il pattern. Figura 4.13: Finestra di controllo PTZ - Pattern Pag. 36

37 4.3 La finestra di controllo PTZ In modalità di visualizzazione in tempo reale, premere il pulsante PTZ sul telecomando oppure cliccare su l icona controllo PTZ sulla barra rapida in modalità di visualizzazione in tempo reale per accedere alla finestra di controllo PTZ. Figura 4.14: Finestra di controllo PTZ Tabella 4.1: Descrizione delle icone della finestra di controllo PTZ Icona Descrizione Icona Descrizione Icona Descrizione Frecce e pulsante ciclata Zoom+, Fuoco+, Iris+ Zoom-, Fuoco-, Iris- Velocità movimento del PTZ Luci accese/spente Tergicristallo acceso/spento Zoom 3D Centralizzazione immagine Preset Patrol Pattern Menu Voce precedente Voce successiva Avvia pattern/patrol Arresta l esecuzione del patrol o del pattern Minimizza finestra Esci Pag. 37

38 5 Impostazione della registrazione e della cattura 5.1 Parametri di codifica Obiettivo: Configurare i parametri di codifica per definire il tipo di stream di trasmissione, la risoluzione, ecc.. Prima di iniziare: 1. Verificare che almeno un HDD sia stato installato correttamente nel DVR. In caso contrario, installare un HDD e formattarlo. (Menu>HDD>Generale) Figura 5.1: Interfaccia informazioni HDD Pag. 38

39 Cliccare con il mouse sul pulsante Avanzate per controllare la modalità di registrazione su HDD Cliccare su Avanzate per controllare il modo di archiviazione impostato su HDD. Se la modalità di registrazione su HDD è Quota, impostare la massima capacità di registrazione e la massima capacità per le immagini. Per maggiori dettagli vedere il 10.4 Configurazione modalità quota. Se la modalità di registrazione su HDD è Group, impostare il gruppo HDD. Per maggiori dettagli vedere il Capitolo 5.8 Registrazione su gruppi di HDD. Figura 5.2: HDD- Impostazioni avanzate Pag. 39

40 Passi: 1. Accedere all interfaccia di Menu>Registrazione>Codifica impostazione Registrazione per configurare i parametri di codifica: Figura 5.3: Codifica della registrazione Pag. 40 Impostare i parametri di codifica del main stream a) Selezionare Parametri Registr. per accedere alla configurazione del main stream. b) Selezionare la telecamera che si desidera configurare. c) Configurare i seguenti parametri per il Main Stream (Normale) e per il Main Stream (Evento): Tipo Stream: Imposta il tipo di stream su Video oppure su Video & Audio. Risoluzione: Impostare la risoluzione su 4CIF, 2CIF, CIF oppure su QCIF. Tipo Bit Rate: Imposta il tipo di bitrate su Variabile oppure su Costante. Qualità video: Imposta la qualità della registrazione selezionando uno dei sei livelli disponibili. Frame Rate: Imposta il frame rate della Registrazione. Max. Modalità Bit Rate: Imposta il modo del bit rate massimo su Generale oppure su Personalizzata ( kbps). Bitrate (Kbps) Max: Seleziona il massimo bitrate per la registrazione. Max. Range Bitrate Raccomandato: Viene consigliato un range di valori entro il quale impostare il bit rate massimo. d) Configurare il tempo di preallarme, di post-allarme, la permanenza su disco, la registrazione ridondante (questa opzione è disponibile solo quando la modalità di gestione degli HDD è stata impostata su Gruppo) e se si desidera registrare l ingresso audio. Pre-Rec: Tempo di preallarme che anticipa l inizio della registrazione rispetto a quanto schedulato oppure rispetto all'inizio di un allarme. Per esempio se l inizio della registrazione è stato schedulato alle ore 10:00 e c è impostato un tempo di preallarme di 5 secondi, allora il DVR inizierà la registrazione alle ore 9:59:55. Post-Rec: Tempo di post-allarme che posticipa la fine della registrazione rispetto a quanto programmato oppure rispetto alla fine di un allarme. Per esempio se la fine della registrazione è stata programmata alle ore 11:00 e c è impostato un tempo di post-allarme di 5 secondi, allora il DVR fermerà la registrazione alle ore 11:00:05. Durata (giorni): Rappresenta il massimo tempo di permanenza (in giorni) di un file di registrazione dentro l hard disk. Se la scadenza viene raggiunta, il file verrà automaticamente cancellato. Se il tempo viene posto a 0 il file non verrà cancellato, lo durata di permanenza del file su HDD sarà legata alla capacità delle stesso. Registr. Ridondata: L abilitazione della registrazione e della cattura ridondate, significa che sarà necessario disporre di un HDD ridondato. Vedere Capitolo 5.7 Registrazione ridondata.

41 Nota: L opzione registrazione ridondata è disponibile solo quando la modalità di gestione degli HDD è impostata su Gruppo. La registrazione ridondata permette di decidere se si desidera registrare i file di registrazione di ciascuna telecamera nel disco ridondato. E necessario configurare il disco ridondato nelle impostazioni HDD. Per informazioni dettagliate vedere il Capitolo Impostazione delle proprietà dell HDD. e) Registraz. Audio: Mettere un flag nel campo di tipo checkbox per registrare l audio oppure togliere il flag per registrar senza audio. Se si desidera copiare le impostazioni del main stream effettuate per la telecamera corrente su altre telecamere, cliccare sul pulsante Copia per accedere all interfaccia Copia. Selezionare le telecamere su cui si desidera copiare le impostazioni e cliccare sul pulsante OK per completare. f) Sull interfaccia Registrazione, cliccare sul pulsante Applica per salvare le impostazioni. Nota: Cliccare sul pulsante Ripristina per ripristinare le impostazioni del main stream ai parametri di default. 3. Impostazione dei parametri di codifica del sub-stream: a) Cliccare sulla pagina Substream per accedere all interfaccia di impostazione dello stream secondario. Figura 5.4: Parametri di codifica SubStream b) c) Configurare i parametri di codifica del sub stream. Fare riferimento ai passi relativi alla configurazione del main stream. Cliccare sul pulsante Applica per salvare le impostazioni. Nota: Cliccare sul pulsante Ripristina per ripristinare le impostazioni del substream ai parametri di default. d) Se si desidera copiare le impostazioni del sub stream effettuate per la telecamera corrente su altre telecamere, cliccare sul pulsante Copia per accedere all interfaccia Copia. Selezionare le telecamere su cui si desidera copiare le impostazioni e cliccare sul pulsante OK per completare. Pag. 41

42 5.2 Calendario delle registrazioni Obiettivo: Impostare il calendario delle registrazioni per ciascuna telecamera. Passi: 1. Accedere all interfaccia del calendario della registrazione. Menu>Registrazione>Calendario Configurare il calendario delle registrazioni Figura 5.5: Calendario delle registrazioni 3. Selezionare la telecamera che si vuole configurare. 4. Mettere il flag sul campo di tipo checkbox Abilita Calendario. Ci sono due modi per configurare il calendario di registrazione. Modo 1: Editare il calendario Passi: Cliccare su Modifica. Nella finestra di dialogo, selezionare il giorno relativamente al quale si vuole impostare il calendario. Per abilitare la registrazione tutto il giorno, mettere un flag sul campo di tipo checkbox. Impostare il campo Tipo scegliendo dal menu a tendina tra le opzioni Normale, Motion, Allarme, Motion o Allarme, Motion e Allarme. Nota: Per abilitare la registrazione su motion detection, sarà necessario configurare le impostazioni del motion detection. Per informazioni più dettagliate fare riferimento al Capitolo 8.1 Evento motion detection. Pag. 42

43 Figura 5.6: Impostazione del calendario 5. Se non si desidera registrare tutto il giorno, togliere il flag dal campo di tipo checkbox Tutto il giorno ed impostare i campi Data/Ora Inizio/Fine oltre che il campo Tipo. Nota: Sono ammesse fino a 8 fasce orarie per ogni giorno. Le fasce orarie di uno stesso giorno non possono sovrapporsi. Ripetere i passi sopra dal 2) al 5) per impostare i calendari di registrazione e cattura immagini per tutti gli altri giorni della settimana. Se il calendario può essere usato anche per altri giorni, cliccare su Copia. Figura 5.7: Copia calendario su altri giorni Pag. 43

44 Nota: L opzione Vacanza è disponibile dal menu a tendina Calendario dopo aver abilitato il calendario delle vacanze nel menu Vacanze. Fare riferimento al Capitolo 5.6 Registrazione per il periodo di vacanza. Figura 5.8: Impostazione vacanze 6. Cliccare su OK per salvare le impostazioni e tornare al menu precedente. Modo 2: Disegnare il calendario della registrazione Passi: 1. Cliccare con il mouse sulla destra della pagina per selezionare il tipo della registrazione scegliendo fra i bottoni Normale, Motion, Allarme, Motion o Allarme, Motion e Allarme, Nessuno. Nota: Per abilitare la registrazione su motion detection, sarà necessario configurare le impostazioni del motion detection. Per informazioni più dettagliate fare riferimento al Capitolo 8.1 Evento motion detection. Trascinare il mouse tenendo premuto il pulsante sinistro e rilasciando per disegnare le fasce orarie direttamente sopra la griglia Nota: Sono configurabili fino a 8 fasce orarie per ogni giorno della settimana. Pag. 44

45 Figura 5.9: Disegnare il calendario E possibile ripetere i passi sopra per impostare il calendario su altri canali. Se le impostazioni effettuate per una telecamera sono valide anche per gli altri canali, cliccare sul pulsante Copia per accedere all interfaccia Copia e selezionare quindi le telecamere su cui si desidera copiare le impostazioni. Cliccare su Applica nell interfaccia calendario della registrazione per salvare le impostazioni. Pag. 45

46 5.3 Sovrascrittura delle registrazioni Obiettivo: Impostare la modalità di registrazione su disco. Passi: 1. Accedere all interfaccia del calendario della registrazione. Menu>Registrazione>Avanzate Si apre la pagina seguente: Figura 5.10: Impostazione sovrascrittura registrazioni 3. Pag. 46 Mettere il flag sulla checkbox Sovrascrivi se si desidera che vengano sovrascritte le registrazioni più vecchie quando lo spazio di memorizzazione sui dischi è terminato. Togliere il flag nel caso si vogliano fermare le registrazioni al termine dello spazio disponibile. Premere Applica per salvare le impostazioni.

47 5.4 Registrazione su motion detection Obiettivo: Programmare il motion detection. In modalità di visualizzazione in tempo reale, a seguito di evento di tipo motion detection, il sistema può compiere molteplici azioni: attivazione della registrazione su più canali, visualizzazione a pieno schermo, attivazione del cicalino acustico, chiamata ad un centro di allarme, ecc. Passi: 1. Accedere all interfaccia motion detection. Menu>Telecamere>Motion Figura 5.11: Interfaccia del motion detection Pag. 47

48 Configurare il motion detection: d) Selezionare la telecamera che si vuole configurare. e) Mettere un flag sul campo Abilita Motion Detection. f) Disegnare l area sensibile del motion detection trascinando il mouse col pulsante sinistro premuto. Se si desidera impostare l area del motion a pieno schermo, cliccare sul pulsante Schermo Intero. Per cancellare tutta l area, cliccare sul pulsante Disattiva. Figura 5.12: Area sensibile del motion detector g) Cliccare sul pulsante Gestione, apparirà la seguente finestra per configurare la gestione del motion detection. Figura 5.13: Gestione del motion detector h) i) j) k) Pag. 48 Selezionare i canali che verranno registrati a seguito di motion detection. Cliccare su Applica per salvare le impostazioni. Cliccare su OK per tornare al menu precedente. Uscire dal menu Motion Detection.

49 4. Accedere all interfaccia di programmazione calendario. Menu>Registrazione>Calendario>Calendario Rec. Figura 5.14: Calendario di registrazione a) b) Mettere un flag sul campo Abilita Calendario. Cliccare sul pulsante Modifica. Figura 5.15: Modifica calendario - Motion Detection c) d) e) f) Nella finestra selezionare il giorno di cui si desidera configurare il calendario. Impostare il campo Tipo su Motion. Per configurare l abilitazione del motion detection per tutto il giorno, mettere il flag sul campo Tutto il giorno. Per configurare più fasce, togliere il flag sul campo Tutto il giorno e definire l inizio e la fine delle fasce orarie. Nota: Sono ammesse fino a 8 fasce orarie per ogni giorno. Le fasce orarie di uno stesso giorno non possono ripetersi oppure sovrapporsi. Ripetere i passi sopra 3-6 per impostare il calendario dell attivazione della registrazione su motion per tutti gli altri giorni della settimana. Se il calendario già impostato può essere usato anche per altri giorni, cliccare su Copia. Pag. 49

50 Figura 5.16: Copiare il calendario su altri giorni g) Cliccare su OK per tornare al menu precedente. Se le impostazioni effettuate per una telecamera sono valide per gli altri canali, cliccare sul pulsante Copia per accedere all interfaccia Copia e selezionare quindi le telecamere su cui si desidera copiare le impostazioni del calendario. Figura 5.17: Copiare il calendario su altre telecamere Pag. 50

51 5.5 Registrazione manuale Obiettivo: Impostare i parametri della registrazione manuale. Quando si attiva la registrazione manualmente sarà necessario interromperla manualmente se si desidera arrestarla. La registrazione manuale è prioritaria rispetto alla registrazione programmata su calendario. Passi: 1. Accedere all interfaccia di impostazione manuale. Menu>Rec. Manuale Figura 5.18: Registrazione manuale La simbologia utilizzata per indicare lo stato delle registrazioni è la seguente: : registrazione su calendario. : registrazione manuale. : registrazione disabilitata Effettuare una delle seguenti operazioni: Abilitare la registrazione manuale sulle telecamere desiderate. Con le impostazioni di default, le telecamere vengono abilitate con la registrazione su calendario indicata con il simbolo. Cliccare su sulla barra di stato per modificarlo su e cliccare di nuovo per abilitare la registrazione in manuale. E possibile abilitare la registrazione manuale per tutte le telecamere cliccando sullo stato che precede Analog per modificarlo su. Disabilitare la registrazione sulle telecamere desiderate. Cliccare sulla stato della registrazione di fianco a ciascun numero di telecamera per modificarlo da oppure ad. E possibile disabilitare la registrazione per tutte le telecamere cliccando sullo stato che precede Analog per modificarlo su. Nota: Dopo il riavvio la registrazione manuale precedentemente abilitata viene cancellata. Pag. 51

52 Avviare la registrazione continua (normale) per tutto il giorno oppure la registrazione su motion detection per tutto il giorno su tutti i canali. 1. Cliccare sul pulsante per oppure su Figura 5.20: Avvio registrazione su motion detection. Figura 5.19: Avvio registrazione normale Cliccare sul pulsante Si per abilitare la registrazione tutto il giorno in modalità normale oppure in modalità motion detection su tutte le telecamere. Nota: Dopo il riavvio questi due tipi di registrazione manuale rimangono validi comunque per tutto il giorno. 5.6 Registrazione per il periodo di vacanza Obiettivo: Impostare un piano vacanze per l anno corrente. Durante le vacanze ci potrà essere un piano di registrazione e cattura immagini diverso rispetto a quello impostato nel calendario settimanale. Passi: 1. Accedere all interfaccia di impostazione Registrazione. Menu>Registrazione Selezionare Vacanze sulla colonna di sinistra. Figura 5.21: Impostazioni delle vacanze Pag. 52

53 3. Abilitare ed editare il calendario delle vacanze. a) Cliccare sul pulsante per accedere all interfaccia di editazione. Figura 5.22: Editazione delle vacanze 4. b) Mettere un flag su Abilita. c) Selezionare la modalità dal menu a tendina. Ci sono tre diversi modi per configurare il calendario delle vacanze. d) Impostare la data di inizio e fine. e) Cliccare sul pulsante Applica per salvare le impostazioni. f) Cliccare su OK per uscire dall interfaccia di modifica. Accedere all interfaccia di impostazione del calendario della registrazione. Menu>Registrazione>Calendario a) Selezionare Calendario Rec.. b) Mettere un flag sul campo di tipo checkbox Abilita Calendario. c) Cliccare sul pulsante Modifica. d) Selezionare Vacanza nel menu a tendina Calendario. Figura 5.23: Editazione calendario vacanze e) Selezionare dal menu a tendina Tipo una delle voci possibili, Normal, Motion, Allarme, Motion o Allarme, Motion e Allarme. Pag. 53

54 f) g) Se si desidera registrare tutto il giorno, mettere il flag sul campo di tipo checkbox Tutto il giorno. Viceversa togliere il flag. Impostare inizio e fine delle fasce orarie giornaliere. Nota: Per ogni giorno si possono impostare fino a 8 fasce orarie. Le fasce orarie non si possono sovrapporre. Nella tabella oraria di un canale vengono visualizzati sia il calendario normale che il calendario vacanze. Ripetere i passi sopra da 4) fino a 7) per impostare il calendario vacanze per altri canali. Se il calendario vacanze impostato può venire usato anche per altri canali cliccare su Copia e selezionare i canali su cui si vogliono salvare le impostazioni. 5.7 Registrazione ridondata Obiettivo: Registrare i file video non solo su un HDD di tipo R/W (lettura e scrittura) ma anche su un HDD ridondato al fine di incrementare notevolmente il livello di sicurezza ed affidabilità del sistema. Nota: E necessario impostare la modalità di storage nelle impostazioni avanzate degli HDD su Gruppo HDD prima di impostare la proprietà di un HDD su Ridondanza. Per informazioni dettagliate fare riferimento al Capitolo 10.3 Gestione gruppi di HDD. In ogni caso deve essere presente almeno un HDD (oppure un HDD di rete) configurato in modalità R/W. Passi: 1. Accedere all interfaccia di informazioni degli HDD. Menu>HDD Figura 5.24: Informazioni HDD Pag. 54

55 Selezionare l HDD e cliccare su per accedere all interfaccia Impostazioni disco locale. a) Impostare la proprietà dell hard disk su Ridondanza. Figura 5.25: HDD Impostazione ridondanza b) c) Cliccare su Applica per salvare le impostazioni. Cliccare su OK per tornare al menu precedente. Pag. 55

56 3. Accedere all interfaccia di impostazione Registrazioni. Menu>Registrazione>Codifica d) Selezionare Parametri Registr. Figura 5.26: Parametri di codifica della registrazione e) f) g) Selezionare la telecamera che di desidera configurare. Mettere un flag nel campo di tipo checkbox Registr. ridondata. Cliccare su Applica per salvare le impostazioni e tornare al menu precedente. Ripetere i passi sopra da a) a d) per configurare gli altri canali. Pag. 56

57 5.8 Registrazione su gruppi di HDD Obiettivo: Raggruppare gli HDD in gruppi e per ogni telecamera decidere su quali salvare le registrazioni. Passi: 1. Accedere all interfaccia di programmazione degli HDD. Menu>HDD Figura 5.27: Informazioni HDD Selezionare Avanzate nella colonna di sinistra. Controllare se la modalità di archiviazione dell HDD è impostata su Gruppo HDD. Se così non fosse impostarla su Gruppo HDD. Per informazioni più dettagliate, vedere il Capitolo 10.3 Gestione gruppi di HDD. Selezionare Generale nella colonna di sinistra. Cliccare su per accedere all interfaccia di editazione. Configurazione del gruppo di HDD. a) Scegliere un numero di gruppo per il gruppo di HDD. b) Cliccare su Applica e quindi sul menu che appare cliccare su Si per salvare le impostazioni. c) Cliccare su OK per tornare al menu precedente. Pag. 57

58 Ripetere i passi 3)-4) sopra per configurare più gruppi di HDD. 5. Selezionare i canali di cui si vogliono salvare le registrazioni e le immagini nel gruppo di HDD. a) Selezionare Avanzate nella colonna di sinistra. Figura 5.28:Interfaccia modalità di archiviazione b) c) d) Selezionare il numero del gruppo sul menu a tendina Registra su gruppo HDD. Controllare i canali che verranno registrati su questo gruppo. Cliccare su Applica per salvare le impostazioni. Nota: Dopo aver configurato i gruppi di HDD, configurare la registrazione come spiegato nel Capitolo 5.2 Calendario delle registrazioni. Pag. 58

59 5.9 Protezione dei file Obiettivo: Proteggere i file evitandone la sovrascrittura. Possono essere bloccati oppure si può impostare la proprietà dell HDD in sola lettura. Protezione per mezzo del blocco dei file: Passi: 1. Accedere all interfaccia di Playback. Menu>Playback Figura 5.29: Playback Pag. 59

60 3. 4. Selezionare con un flag il canale che si desidera proteggere. Selezionare il tipo di registrazione, e l intervallo temporale con data ed ora di inizio e di fine. Cliccare su Ricerca per mostrare i risultati della ricerca. Figura 5.30: Playback - Risultato della ricerca Pag. 60

61 5. Proteggere i file registrati. a) Una volta individuati il file che si desidera proteggere, cliccare sull icona stato bloccato., diventerà ad indicare che il file è Nota: Non è possibile bloccare i file di registrazione che non sono stati ancora completati. b) Cliccare su in corrispondenza di un file bloccato per sbloccare il file, l icona diventerà. Figura 5.31: Messaggio di sblocco dei file Pag. 61

62 Protezione per mezzo dell impostazione dell HDD in sola lettura Nota: Per editare le proprietà degli HDD è necessario impostare il modo di gestione degli HDD su HDD. Passi: 1. Accedere all interfaccia di impostazione degli HDD. Menu>HDD Figura 5.32: Interfaccia informazioni HDD Pag. 62 Gruppo

63 Cliccare sul pulsante per editare l HDD che si desidera proteggere. Figura 5.33: HDD Generale - Editazione Impostare l HDD su Read-only. Cliccare sul pulsante OK per salvare le impostazioni e tornare al menu precedente. Nota: Non è possibile salvare alcun file su un HDD impostato in modalità read-only. Se si desidera salvare dei file su un HDD impostarlo in modalità R/W. Nota: Se c è un solo HDD ed è impostato in modalità Read-only non sarà possibile salvare alcun file. Se si imposta un HDD in modalità read-only quando è in corso il salvataggio dei file in questo HDD, I file verranno salvati sul prossimo HDD impostato in modalità R/W. Se c è un solo HDD la registrazione verrà arrestata. Pag. 63

64 6 Il playback 6.1 Playback dei file registrati Playback dopo ricerca per canale Obiettivo: Eseguire il playback dei file registrati per un determinato canale a partire dalla modalità in tempo reale. E supportata la commutazione dei canali durante il playback. Vi sono due tipi di playback che è possibile eseguire. Tipo 1: Playback istantaneo per canale: Passi: Mouse: Selezionare un canale fra quelli correntemente visualizzati in in tempo reale e cliccare sul pulsante presente nella barra dei comandi. Telecomando: premere il pulsante denominato PLAY da telecomando per riprodurre i file registrati. A partire dalla modalità in tempo reale multi schermo verranno riprodotti i file registrati relativi al canale (non mascherato) correntemente visualizzato in alto a sinistra. Nota: durante il processo di playback è possibile premere uno dei pulsanti numerici sul telecomando per commutare il playback sul canale corrispondente. Nota: Verranno riprodotti i soli file relativi alla registrazione degli ultimi cinque minuti. Figura 6.1: Interfaccia del playback istantaneo Pag. 64

65 Tipo 2: Playback giornaliero per canale 1. Accedere all interfaccia di playback giornaliero. Con il mouse aprire il menu del pulsante destro del mouse su una telecamera, cliccare su Playback Giornaliero. Viene visualizzato in modalità a pieno schermo il playback del canale su cui si è cliccato. Figura 6.2: Menu del pulsante destro del mouse Gestione del playback. La barra in fondo all interfaccia di playback viene utilizzata per controllare il processo di playback. Figura 6.3: Interfaccia playback giornaliero Pag. 65

66 Spostando il mouse sul lato destro dell interfaccia di playback appaiono una lista dei canali che si possono riprodurre ed un calendario per impostare la data di riproduzione. Mettere un flag sul canale oppure sui canali che si desidera riprodurre simultaneamente. Figura 6.4: Interfaccia playback giornaliero con la lista dei canali Le date sono evidenziate con i seguenti colori ad indicare: Nessun file registrato in questo giorno. Ci sono dei file registrati relativi a questo giorno (non il giorno corrente). Ci sono dei file registrati su evento relativi a questo giorno (non il giorno corrente). Data in cui si trova il cursore del mouse. Figura 6.5: Barra dell interfaccia di playback giornaliero Tabella 6.1: Spiegazione dettagliata della barra di playback giornaliero Puls. / Operazione Audio On / Off Puls. / Pag. 66 Avvia / Arresta clip video Aggiungi tag personalizzato Puls. Operazione Puls. Operazione 30 sec avanti 30 sec indietro Gestione tag Rallenta Pausa play/ Play/ Play singolo frame Stop Accelera Giorno precedente Giorno successivo Nascondi Esci Barra temporale Barra presenza video Aggiungi tag default / Operazione Pausa reverse play/ Reverse play/ reverse play singolo frame /

67 Nota: Barra temporale: cliccare con il mouse per spostare il puntatore in qualsiasi punto della barra oraria oppure trascinare il puntatore per visualizzare un particolare frame. Barra presenza video: Rappresenta la registrazione normale (manuale o calendario); rappresenta la registrazione su evento (motion detection); rappresenta registrazione ricercata con ricerca smart Playback dopo ricerca per data ed ora Obiettivo: Eseguire il playback dei file registrati relativi alla data ed ora specificata. Sono supportati il playback multicanale simultaneo e la commutazione dei canali. Passi: 1. Accedere all interfaccia di Playback. Menu>Playback Mettere un flag nel campo di tipo checkbox prima del canale per selezionare il canale (oppure i canali) e cliccare sul pulsante Dettaglio per visualizzare le informazioni della registrazione delle telecamere. Cliccare sul pulsante Prec. oppure sul pulsante Succ. per selezionare il giorno di cui si vogliono visualizzare le informazioni della registrazione. Figura 6.6: Informazioni della registrazione Pag. 67

68 3. 4. Cliccare sul pulsante Indietro per ritornare all interfaccia di playback. Impostare le condizioni della ricerca e cliccare sul pulsante Playback per accedere all interfaccia di playback. Figura 6.7: Ricerca video per data ed ora Pag. 68

69 Nell interfaccia di playback: La barra degli strumenti nella parte bassa dell interfaccia di playback può venire usata per controllare il processo di playback. Figura 6.8: Interfaccia di playback per data ed ora Figura 6.9: Barra degli strumenti per il playback per data ed ora Tabella 6.2: Spiegazione dettagliata della barra del playback per data e ora Puls. Operazione Puls. / Audio On / Off / Aggiungi tag default / Pausa reverse play/reverse play/ Reverse play singolo frame Ricerca Video / Operazione Avvia / Arresta clip video Aggiungi tag personalizzato Puls. Operazione Puls. Operazione 30s avanti 30s indietro Gestione Tag Rallenta Pausa play/ Play/ Play singolo frame Stop Accelera Esci Nascondi Barra di progressione Barra presenza video Nota: Barra di progressione del playback: cliccare con il mouse su un punto qualsiasi della barra di progressione oppure trascinarla per localizzare un frame in particolare. Barra presenza video: Rappresenta la registrazione normale (manuale o calendario); rappresenta la registrazione su evento (motion detection); rappresenta la registrazione ricercata con ricerca smart. Pag. 69

70 6.1.3 Playback dopo ricerca normale Obiettivo: Eseguire il playback dei file registrati ricercati sulla base del tipo di registrazione all interno di un intervallo temporale. I file trovati verranno riprodotti sequenzialmente ed è supportata la commutazione del canale. Le opzioni disponibili per il tipo di registrazione sono: Normale, Motion Detection, Manuale. Passi: 1. Accedere all interfaccia di ricerca. Menu>Playback Impostare i filtri di ricerca e premere il pulsante Ricerca per accedere all interfaccia dei risultati. Figura 6.10:Ricerca video normale Pag. 70

71 Scegliere un file registrato che si vuole riprodurre. Premere il pulsante, se c è solo un canale nei risultati della ricerca verrà visualizzata l interfaccia di playback a pieno schermo su questo canale; se vi sono più canali nei risultati di ricerca, si procede con i passi 3 e 4. Figura 6.11:Risultato della ricerca normale Pag. 71

72 3. Selezionare i canali per il playback simultaneo. Nota: I canali opzionali per il playback simultaneo sono gli stessi dei canali selezionati nei filtri di ricerca al passo 1. Il canale selezionato nel passo 2 sarà quello che verrà visualizzato nel riquadro in alto a sinistra nella schermata multi-schermo a 4, 8 e 16 riquadri durante il playback multicanale. Figura 6.12: Selezionare i canali per il playback sincronizzato Pag. 72

73 4. Interfaccia del playback sincronizzato su più canali. La barra in basso all interfaccia di Playback può venire usata per controllare il processo di playback. Figura 6.13: Interfaccia di playback a 4-canali sincronizzati La lista nascosta dei file registrati verrà visualizzata spostando il mouse sul lato destro dell interfaccia di playback. Figura 6.14: Interfaccia playback sincronizzato su 4-canali con lista canali Pag. 73

74 Figura 6.15: Barra Strumenti del playback normale Tabella 6.3: Spiegazione dettagliata della barra del playback normale Puls. Operazione Puls. / Att./Dis. Audio / Aggiungi tag default / Pausa reverse play/reverse play/ Reverse play singolo frame / Operazione Avvia/Arresta clip video Aggiungi tag personalizzato Pausa play/play/play singolo frame Puls. Operazione Puls. Operazione 30s avanti 30s indietro Gestione tag Rallenta Stop Accelera Esci File precedente File successivo Ricerca video Nascondi barra Barra di progressione Barra presenza video Nota: Barra di progressione: cliccare con il mouse su un punto della barra oppure trascinare il cursore per posizionarsi su un immagine specifica. Barra presenza video: Rappresenta la registrazione normale (manuale o calendario); rappresenta la registrazione su evento (motion detection); rappresenta registrazione ricercata con ricerca smart Pag. 74

75 6.1.4 Playback dopo ricerca evento Obiettivo: Eseguire il playback dei file registrati su diversi canali ricercati sulla base del tipo di evento (p.es. ingresso di allarme, motion detection). E supportata la commutazione del canale. Passi: Accedere all interfaccia di playback. Menu>Playback Selezionare la pagina Evento per accedere all interfaccia Evento. Scegliere un tipo di evento tra Ingresso allarme o Motion. Impostare date ed ora iniziali e finali dell intervallo di ricerca. Selezionare le telecamere su cui effettuare la ricerca. Figura 6.16: Ricerca video per motion detection Pag. 75

76 6. Cliccare sul pulsante Ricerca per accedere all interfaccia con i risultati della ricerca. E possibile configurare i tempi di pre-play e di post-play. Il tempo Pre-play fa riferimento all intervallo di tempo prima dell inizio dell evento, il tempo Post-play fa riferimento all intervallo di tempo dopo la fine dell evento. Per esempio, quando l ora di inizio e di fine di un evento sono rispettivamente 12:00:00 e 13:00:00, ed i tempi pre-play e post-play sono impostati rispettivamente su 30s e 20s, il playback dell evento sarà compreso entro l intervallo temporale compreso fra 11:59:30 e 13:00:20. Figura 6.17: Risultati della ricerca video su motion detection 7. Pag. 76 E possibile selezionare una voce dalla lista e cliccare su Dettagli per visualizzare informazioni dettagliate relative ai file registrati quali ad esempio ora inizio, ora fine, dimensioni file, ecc.

77 Figura 6.18: Dettagli eventi 8. Cliccare direttamente sul pulsante di fianco a ciascun file per accedere al playback nell interfaccia di playback. La barra degli strumenti in fondo all interfaccia di playback può venire usata per controllare la progressione del playback. Figura 6.19: Interfaccia di playback per eventi Pag. 77

78 La lista nascosta degli eventi apparirà spostando il mouse sul lato destro dell interfaccia di playback. Figura 6.20: Interfaccia di playback per eventi con lista laterale Figura 6.21: Barra strumenti del playback per evento Tabella 6.4: Spiegazione dettagliata della barra di playback per evento Puls. Operazione Puls. / Att./Dis. Audio / Aggiungi tag default / Pausa reverse play/reverse play/ Reverse play frame singolo / Operazione Avvia/Arresta clip video Aggiungi tag personalizzato Pausa play/play/play frame singolo Evento precedente Evento successivo Nascondi Barra di progressione Puls. Operazione Puls. Operazione 30s avanti 30s indietro Gestione tag Rallenta Stop Accelera Ricerca evento Barra presenza video Esci Nota: Barra di progressione: cliccare con il mouse su un punto della barra oppure trascinare il cursore per posizionarsi su un immagine specifica. Barra presenza video: Rappresenta la registrazione normale (manuale o calendario); rappresenta la registrazione su evento (motion detection); rappresenta registrazione ricercata con smart Ricerca. Pag. 78

79 6.1.5 Playback dopo ricerca per tag Obiettivo: Ricercare la registrazione sulla base dei tag memorizzati. I tag video permettono di memorizzare informazioni relative a persone o cose associandoli ad un preciso istante durante il playback. Prima di effettuare il playback per tag: 1. Accedere all interfaccia di playback. Premere il pulsante per aggiungere un tag di default. Premere il pulsante per aggiungere un tag personalizzato ed inserire il nome del tag. Nota: Sono ammessi fino a 64 tag per ciascun file video. Pag. 79

80 Gestione tag. Premere il pulsante per controllare, editare ed eliminare i tag. Figura 6.23: Interfaccia gestione tag Pag. 80

81 Passi: 1. Accedere all interfaccia di playback. Menu>Playback Selezionare la voce Tag. Selezionare il tipo del tag, l intervallo temporale e premere su Ricerca per accedere all interfaccia Risultati Ricerca. Nota: I tipi di tag disponibili sono Tutti i tipi e Parola chiave Tag. Digitare una parola chiave di ricerca se si sceglie l opzione Parola chiave Tag. Figura 6.24: Ricerca video per tag Pag. 81

82 Impostazione delle condizioni per il playback dei tag e gestione dei tag. Selezionare un tag che si desidera riprodurre; inoltre il tag può venire editato oppure cancellato. Ai tag è possibile associare dei tempi di pre-allarme e di post-allarme. Nota: I tempi di pre-allarme e di post-allarme verranno aggiunti in testa ed in coda all istante associato al tag. Figura 6.25: Risultati della ricerca video per tag Pag. 82

83 3. Playback per tag. Selezionare un tag e premere il pulsante per riprodurre la registrazione associata. Figura 6.26: Interfaccia di playback per i tag La lista nascosta dei tag verrà visualizzata spostando il mouse sul lato destro dell interfaccia di playback. Figura 6.27: Interfaccia di playback per tag con lista dei tag Pag. 83

84 Figura 6.28: Barra strumenti del playback per tag Tabella 6.5: Spiegazione dettagliata della barra di playback per tag Bottone / Operazione Att./Dis. Audio / Operazione Avvia/Arresta clip video Aggiungi tag personalizzato Bottone Operazione Bottone Operazione 30s avanti 30s indietro Gestione tag Rallenta Pausa play/play/single -frame play Arresta Accelera Tag precedente Tag successivo Ricerca tag Esci Nascondi Barra di progressione Barra presenza video Aggiungi tag default Pause reverse play/reverse play/ Singleframe reverse play / Bottone / Nota: Barra progressione playback: cliccare con il mouse su un punto della barra oppure trascinare il cursore per posizionarsi su un immagine specifica. Barra tipo video: Rappresenta la registrazione normale (manuale o calendario); rappresenta la registrazione su evento (motion detection); rappresenta la registrazione ricercata con ricerca smart. Pag. 84

85 6.1.6 Playback dopo la ricerca sul log di sistema Obiettivo: Eseguire il playback dei file registrati dopo la ricerca sul log file di sistema. Passi: 1. Accedere all interfaccia Ricerca Log. Menu>Manutenzione>Informazioni Log Figura 6.29:Interfaccia ricerca per log di sistema Pag. 85

86 Impostare l intervallo temporale per la ricerca, il tipo e premere il pulsante Ricerca. Figura 6.30: Risultato della ricerca sul log di sistema 3. Scegliere un log a cui è associato un file di registrazione e premere il pulsante playback. Nota: per accedere all interfaccia di Se non ci sono file registrati associati al log selezionato apparirà in pop-up il messaggio Nessun risultato trovato. Pag. 86

87 La barra di progressione in fondo all interfaccia di playback può venire usata per controllare il processo di playback. Figura 6.31: Interfaccia di playback per il log di sistema 6.2 Funzioni ausiliarie di playback 6.1 Playback frame per frame Obiettivo: Eseguire il playback frame per frame per controllare i dettagli delle immagine quando accadono situazioni anomale. Passi: Andare sull interfaccia di Playback e cliccare sui pulsanti e fino a quando la velocità si imposta su frame singolo. Se si desidera effettuare il reverse playback del file registrato: effettuare un click nella finestra di playback sull icona che rappresenta il reverse playback e cliccare sul pulsante e fino a quando la velocità cambia su frame singolo. E anche possibile usare il pulsante nella barra per arrestare il playback. Pag. 87

88 6.2 Ricerca smart Obiettivo: Ricercare rapidamente le immagini coinvolte da movimento, analizzare alcune aree della scena ripresa in modo dinamico e filtrare direttamente tutta la registrazione che ha comportato movimento in tali aree visualizzandola sulla barra di avanzamento del playback. Passi: 1. Andare sull interfaccia di Playback e riprodurre la registrazione di un canale. Nota: La ricerca smart è disponibile solo per il playback su canali singoli. Figura 6.32: Interfaccia di playback Pag. 88

89 Cliccare con il pulsante destro del mouse e selezionare l opzione Ricerca Smart per passare all interfaccia di selezione dell area ed alla successiva analisi. Figura 6.33: Menu del pulsante destro del mouse a partire dal playback giornaliero e dal playback normale Pag. 89

90 3. Premere il pulsante per impostare l area a pieno schermo. Dopo aver disegnato l area premere il pulsante eseguire Smart Ricerca nell area selezionata. Nota: Sono supportate più aree oppure l area a pieno schermo. Figura 6.34: Disegnare l area per la ricerca smart Risultati dell analisi intelligente: Barra presenza video: : File registrazione normale; : File registrazione su evento; : File registrazione dinamica. La lista dei file registrati verrà visualizzata spostando il mouse sul lato destro dell interfaccia di playback. Pag. 90 per

91 Figura 6.35: Risultati ricerca smart con lista video Figura 6.36: Barra degli strumenti del playback su ricerca smart Tabella 6.6: Spiegazione dettagliata della barra degli strumenti del playback su ricerca smart Puls. Operazione Puls. Operazione / Att./Dis. Audio / / Aggiungi tag default Pausa reverse play/reverse play/ Reverse play singolo frame Risultato smart precedente Avvia/Arresta clip video Aggiungi tag personalizzato Nascondi / Pausa play/play/play singolo frame Risultato smart successivo Barra di progressione Puls. Operazione Puls. Operazione 30s avanti 30s indietro Gestione tag Rallenta Stop Accelera Ricerca video Esci Barra presenza video Barra ricerca smart Nota: Barra di progressione playback: cliccare con il mouse su un punto della barra oppure trascinare il cursore per posizionarsi su un immagine specifica. Barra presenza video: Rappresenta la registrazione normale (manuale o calendario); rappresenta la registrazione su evento (motion detection); rappresenta la registrazione ricercata con ricerca smart. Pag. 91

92 6.3 Zoom digitale Passi: 1. Cliccare sul pulsante destro del mouse su un canale in corso di playback e selezionare Zoom Digitale per accedere all interfaccia Zoom Digitale. Trascinare il rettangolo rosso per selezionare l area da ingrandire fino a 16 volte. Figura 6.37: Disegnare l area per lo zoom digitale Figura 6.38: Menu del pulsante destro del mouse durante il playback Il menu del pulsante destro del mouse durante il playback: Nota: Questo menu differisce leggermente da un interfaccia di playback all altra. Tabella 6.7: Spiegazione del menu del pulsante destro del mouse sotto playback Pulsante Funzione Cambia telecamera per il playback Ritorna all interfaccia di ricerca Accedi all interfaccia di zoom digitale Ricerca smart in un area specificata Mostra / nascondi pannello di controllo Ritorna all interfaccia di playback Pag. 92

93 7 Il backup 7.1 Backup dei file registrati Backup di video Obiettivo: Eseguire il backup dei file registrati. Il backup supporta vari dispositivi quali memorie flash USB, HDD USB, masterizzatori USB. Backup con unità flash USB, HDD USB, masterizzatori USB Passi: 1. Accedere all interfaccia di esportazione. Menu>Esportazione>Normale Figura 7.1: Interfaccia di esportazione Pag. 93

94 3. Impostare le condizioni della ricerca e premere il pulsante Ricerca per accedere all interfaccia dei risultati della ricerca. Selezionare i file di cui si vuole fare il backup. Premere il pulsante per riprodurre il file corrispondente. Mettere un flag di fianco ai file dei quali si desidera il backup. Nota: La dimensione dei file correntemente selezionati viene visualizzata nell angolo in basso a sinistra della finestra. Figura 7.2: Risultati ricerca video per esportazione 4. Esportazione dei file registrati. Cliccare il pulsante Esportazione per aprire la finestra di Backup. Nota: Se il dispositivo di esportazione non viene riconosciuto: Cliccare sul pulsante Aggiorna in alto destra. Riconnettere il dispositivo. Pag. 94

95 E' possibile inoltre eseguire le seguenti operazioni: Premere il pulsante Nuova Cartella se si vuole creare una nuova cartella nel dispositivo di backup. Selezionare un file oppure una cartella nel dispositivo di backup e premere il pulsante se lo si vuole cancellare. Selezionare un file nel dispositivo di backup e premere il pulsante per riprodurlo. Nel caso in cui il supporto di backup sia una memoria di tipo USB premere il pulsante Formatta per formattare il dispositivo di backup. Nel caso in cui il supporto di backup sia un CD/DVD riscrivibile premere il pulsante Cancella se si vogliono cancellare i file attualmente presenti sul CD/DVD. Premere Backup per avviare l'esportazione. All apertura della finestra pop-up selezionare una tra le due opzioni: Video e log per esportare filmati e file di log oppure Player per esportare solo il player necessario per riprodurre i filmati. Figura 7.3: Finestra backup 5. Figura 7.4: Selezione tipo di esportazione Pag. 95

96 6. Rimanere nell interfaccia di esportazione fino a quando tutti i file selezionati vengono esportati e appare in pop up il messaggio Backup completato. Se lo spazio sulla memoria non è sufficiente a contenere il file che si desidera esportare viene visualizzata una pop-up di errore. Figura 7.5: Backup completato Pag. 96

97 7. Controllare il risultato del backup. Selezionare il file nell interfaccia Backup e premere il pulsante per riprodurlo. Figura 7.6: Controllo dei risultati dell esportazione Pag. 97

98 7.1.2 Backup di eventi Obiettivo: Eseguire il backup dei file registrati a seguito di evento su vari dispositivi quali memorie flash USB, HDD USB, masterizzatori USB. Passi: Accedere all interfaccia Backup. Menu>Esportazione>Evento Selezionare il tipo di evento che si desidera esportare, ad esempio Motion. Impostare l inizio e la fine del range temporale per i file registrati. Selezionare le telecamere per la ricerca. Figura 7.7: Ricerca eventi per il backup Pag. 98

99 5. Cliccare sul pulsante Ricerca per accedere all interfaccia con la lista degli eventi trovati. Figura 7.8: Risultato della ricerca eventi Pag. 99

100 6. Selezionare i file di registrazione da esportare. Vi sono due possibilità: Selezionare un evento dalla lista e premere il pulsante Dettagli per accedere all interfaccia con informazioni dettagliate di tutti i file registrati, per esempio l ora inizio, l ora fine, le dimensioni del file, ecc.. In tal caso selezionare i file di registrazione dalla lista e cliccare sul pulsante Backup per accedere all interfaccia Backup. Figura 7.9: Interfaccia dettagli evento Pag. 100

101 Selezionare uno o più eventi di dalla lista e cliccare sul pulsante Esporta Rap.. per accedere all interfaccia Backup. Nota: Le dimensioni dei file correntemente selezionati sono visualizzate nell angolo in basso a sinistra della finestra. Figura 7.10: Esportazione per evento usando una memoria flash USB 7. Esportare i file registrati selezionati. Cliccare sul pulsante Backup per avviare il backup. Nota: Se i dispositivi USB non vengono riconosciuti: 8. Cliccare sul pulsante Aggiorna. Riconnettere il dispositivo. E possibile formattare direttamente dal DVR il dispositivo di memoria USB. All apertura della finestra pop-up selezionare una tra le due opzioni: Video e log per esportare filmati e file di log oppure Player per esportare solo il player necessario per riprodurre i filmati. Figura 7.11: Selezione tipo di esportazione Pag. 101

102 9. Rimanere nell interfaccia di esportazione fino a quando tutti i file selezionati vengono esportati e appare in pop up il messaggio Backup completato. Figura 7.12: Backup completato 10. Controllare il risultato del backup. Selezionare il file nell interfaccia Backup e premere il pulsante per riprodurlo. Figura 7.13: Controllo del risultato dell esportazione su evento Pag. 102

103 7.1.3 Backup di clip video Obiettivo: Creare dei filmati video marcandone l inizio e la fine direttamente durante il playback ed esportarli su vari dispositivi quali memorie flash USB, HDD USB, masterizzatori USB. Passi: 1. Accedere all interfaccia di playback. Fare riferimento al Capitolo 6 Il playback Durante il playback, utilizzare i pulsanti e nella barra degli strumenti del playback per marcare l inizio e la fine di un clip video. Uscire dall interfaccia di playback dopo aver completato il filmato e sarà possibile salvare i filmati video salvati. 3. Nota: Sono supportati fino ad un massimo di 30 filmati per ogni canale. Figura 7.14: Interfaccia del playback per data e ora Pag. 103

104 4. Cliccare su Si per salvare i filmati video ed accedere all interfaccia di esportazione, oppure cliccare su No per uscire senza salvare i filmati. Figura 7.15: Messaggio richiesta di salvataggio dei clip video Pag. 104

105 5. Esportazione dei clip video. Premere il pulsante Backup per avviare il backup. Nota: Se il dispositivo USB inserito non viene riconosciuto: Cliccare sul pulsante Aggiorna. Riconnettere il dispositivo. Controllare la compatibilità. E anche possibile formattare la memoria flash USB oppure l HDD USB direttamente dal DVR. Figura 7.16: Esportazione dei filmati video usando la memoria flash USB 6. All apertura della finestra pop-up selezionare una tra le due opzioni: Video e log per esportare filmati e file di log oppure Player per esportare solo il player necessario per riprodurre i filmati. Figura 7.17: Selezione tipo di esportazione Pag. 105

106 7. Rimanere nell interfaccia di esportazione fino a quando tutti i file selezionati vengono esportati e appare in pop up il messaggio Backup completato. Figura 7.18: Backup completato Pag. 106

107 8. Controllare il risultato del backup. Selezionare il file nell interfaccia Backup e premere il pulsante per riprodurlo. Figura 7.19: Controllo del risultato dell esportazione clip video Pag. 107

108 8 Configurazione degli allarmi 8.1 Evento motion detection Passi: 1. Accedere all interfaccia Motion Detection nella pagina Gestione Telecamere e selezionare una telecamera di cui si vuole impostare il motion detection. Menu>Telecamere>Motion Figura 8.1: Interfaccia di impostazione del motion detection Pag. 108

109 1) 2) Impostazione dell area sensibile e della sensibilità. Mettere il flag su Abilita Motion Detection, utilizzare il mouse per selezionare l area sensibile e trascinare la barra della sensibilità per impostare la sensibilità. Cliccare sull icona Gestione per impostare le azioni correlate al motion detection. Figura 8.2: Impostazione dell area sensibile e della sensibilità Pag. 109

110 3. Selezionare la pagina Tlc Attivata e selezionare uno o più canali che avvieranno la registrazione o la cattura oppure che verranno visualizzati a pieno schermo sull uscita video quando l allarme motion viene attivato. Figura 8.3: Telecamera attivata su allarme motion Pag. 110

111 4. Impostazione del calendario di attivazione del motion detection. 1) Selezionare la pagina Programmazione per impostare il calendario di attivazione del motion detection del canale. 2) Scegliere un giorno della settimana e fino a otto fasce orarie all interno di uno stesso giorno. Ripetere il passi sopra per impostare i calendari di attivazione del motion di altri giorni della settimana. E anche possibile usare il pulsante Copia per copiare un calendario di attivazione su altri giorni. 3) Cliccare il pulsante OK per completare le impostazioni del calendario. Nota: Le fasce orarie non si possono ripetere o sovrapporre. Figura 8.4: Impostazione calendario di attivazione del motion detection 5. Selezionare la cartella Notifiche per impostare le restanti azioni legate all allarme motion detection sul canale, fare riferimento al Capitolo 8.8 Azioni a seguito di eventi. Pag. 111

112 6. Se si desidera impostare il motion detection per un altro canale, ripetere i 3 passi sopra oppure premere il pulsante Copia per copiare le impostazione sopra. Nota: Non è possibile copiare le impostazioni di attivazione telecamere del motion detection. Figura 8.5: Copiare le impostazioni del motion detection su un altra camera Pag. 112

113 8.2 Evento variazione ingresso Obiettivo: Rilevare la variazione di un ingresso digitale e determinare delle azioni. Passi: 1. Accedere all interfaccia Stato Allarmi per visualizzare le impostazioni correnti per gli ingressi e le uscite di allarme. Menu>Configurazione di sistema>allarmi Apparirà la finestra che mostra in due tabelle Lista Ingressi Allarme e Lista Uscite Allarme come sono attualmente impostati gli ingressi e le uscite di allarme. La tabella Lista Ingressi Allarme mostra le seguenti informazioni: No: numero dell ingresso di allarme Nome Ing Allarme: il nome assegnato all ingresso Indirizzo Tlc IP: non utilizzato in questo modello di DVR Tipo Allarme: indica lo stato dell ingresso in condizioni normali La tabella Lista Uscite Allarme mostra le seguenti informazioni: No: numero dell ingresso di allarme Nome Ing Allarme: il nome assegnato all uscita Indirizzo Tlc IP: non utilizzato in questo modello di DVR Ritardo: indica la durata di attivazione dell uscita allarme. Figura 8.6: Visualizzare lo stato degli allarmi Pag. 113

114 Accedere alla sezione Ingresso Allarme Menu>Configurazione sistema>allarmi>ingresso Allarme La finestra che si apre è quella figura 8.7. Figura 8.7: Impostare gli ingressi allarme Pag. 114 Selezionare l ingresso di allarme che si desidera impostare cliccando sul campo No. Ing. Allarme Assegnare se lo si desidera un nome all ingresso scrivendolo nel campo Nome ingr. Allarme Impostare l ingresso allarme per essere Normalmente Aperto (N.A.) o Normalmente Chiuso (N.C.) Abilitare l'ingresso mettendo un flag sulla checkbox Impostazioni Cliccare su Notifiche per aprire la finestra dove si impostano le azioni possibili sulla variazione ingresso.

115 8. Selezionare la pagina Tlc Attivata e selezionare uno o più canali che avvieranno la registrazione o la cattura oppure che verranno visualizzati a pieno schermo sull uscita video quando l allarme da variazione ingresso viene scatenato. Figura 8.8: Impostare le telecamere allarmate su variazione ingresso Pag. 115

116 9. Impostazione del calendario di funzionamento degli ingressi. 10. Selezionare la pagina Programmazione per impostare il calendario di funzionamento dell ingresso. 11. Scegliere un giorno della settimana e fino a otto fasce orarie all interno di uno stesso giorno. Ripetere il passi sopra per impostare i calendari di attivazione di altri giorni della settimana. E anche possibile usare il pulsante Copia per copiare un calendario di attivazione su altri giorni. 1 Cliccare il pulsante OK per completare le impostazioni del calendario. Nota: Le fasce orarie non si possono ripetere o sovrapporre. Figura 8.9: Impostazione calendario di attivazione degli allarmi su variazione ingresso Pag. 116

117 13. Selezionare la cartella Notifiche per impostare le restanti azioni legate all allarme su variazione ingresso. Fare riferimento al Capitolo 8.8 Azioni a seguito di eventi 14. Selezionare la voce Collegamento PTZ per associare all evento di allarme una telecamera PTZ e richiamare quindi un preset o un patrol o un pattern precedentemente impostati sulla telecamera stessa. Figura 8.10: Impostazione telecamera PTZ per allarmi su variazione ingresso 15. Se si desidera impostare l allarme su variazione ingresso per un altro canale, ripetere i 3 passi sopra oppure premere il pulsante Copia per copiare le impostazione sopra. Nota: Non è possibile copiare le impostazioni di attivazione telecamere del motion detection. Figura 8.11: Copiare le impostazioni di un ingresso sugli altri ingressi Pag. 117

118 8.3 Uscite di allarme Obiettivo: Impostare il comportamento delle uscite relè di allarme della periferica. Passi: 1. Accedere all interfaccia Uscita Allarme per impostare e le uscite di allarme. Menu>Configurazione di sistema>allarmi Figura 8.12: Configurare le uscite di allarme Selezionare l uscita che si desidera configurare Assegnare un nome all uscita riempiendo il campo Nome Ingr Allarme. Impostare il valore del campo Ritardo, tempo di permanenza dell uscita nello stato allarmato. Nota: Se si imposta il ritardo al valore Cancella Manualmente l allarme sarà fermato solo quando manualmente si andrà a commutare l uscita tramite l'interfaccia Menu>Rec. Manuale>Allarme Manuale descritta nel capitolo seguente. Pag. 118

119 5. Premere Notifiche per impostare il calendario di funzionamento per le uscite di allarme. Figura 8.13: Impostazione calendario attivazione uscite allarme 6. Cliccare sul pulsante Applica per salvare le impostazioni effettuate. Pag. 119

120 8.4 Attivazione manuale uscite di allarme Obiettivo: Pilotare lo stato di un'uscita manualmente anziché associandola ad un evento Passi: 1. Accedere all interfaccia Allarme Manuale per impostare e le uscite di allarme. Menu>Rec. Manuale>Allarme Manuale Figura 8.14: Attivazione allarme manuale 3. Selezionare una delle uscite allarme disponibili. Premere il pulsante in basso Attiva/disattiva per attivare o disattivare l'uscita selezionata. In alternativa è possibile attivare o disattivare tutte le uscite con gli appositi pulsanti Attiva tutte e Disattiva tutte. Pag. 120

121 8.5 Evento perdita video Obiettivo: Rilevare la perdita del segnale video e determinare delle correlazioni. Passi: 1. Accedere all interfaccia Perdita video nella pagina Gestione Telecamere. Menu>Telecamere>Perdita video Figura 8.15: Impostazioni interfaccia perdita video 3. Selezionare un canale che si vuole rilevare. Mettere un flag su Abilita allarme perdita video Cliccare sull icona Notifiche per impostare la gestione della perdita video. Impostare le fasce orarie di attivazione e le azioni su allarme perdita video. Fare riferimento ai passi 4 e 5 del capitolo 8.1 Evento motion detection Pag. 121

122 Figura 8.16: Impostazione calendario attivazione della perdita video 6. Cliccare sul pulsante Applica per salvare le impostazioni effettuate. Pag. 122

123 8.6 Evento oscuramento video Obiettivo: Attivare un allarme quando una telecamera viene oscurata e dare seguito ad un azione. Passi: 1. Accedere all interfaccia Oscuramento della pagina Gestione Telecamere. Menu>Telecamere>Oscuramento Figura 8.17: Interfaccia di impostazione oscuramento video 3. Selezionare un canale su cui si vuole rilevare l oscuramento video. Mettere un flag su Abilita Oscuramento. Nota: Nella configurazione di default, la rivelazione dell anomalia video è configurata a pieno schermo. Pag. 123

124 4. Spostare il cursore della sensibilità e scegliere in livello adeguato di sensibilità Cliccare sull icona Notifiche per accedere all interfaccia Notifiche. Impostare il calendario di attivazione oltre che le azioni da attuare a seguito dell evento. Fare riferimento ai passi 4) e 5) del Capitolo 8.1 Evento motion detection Per impostare il metodo di gestione dell oscuramento video per altri canali, ripetere i passi sopra oppure cliccare il pulsante Copia per copiare le impostazioni sulle altre telecamere. 7. Figura 8.18: Copiare le impostazioni dell oscuramento video Pag. 124

125 8.7 Evento anomalia di sistema Obiettivo: Descrivere le anomalia di sistema. Le anomalie di sistema fanno riferimento alle seguenti circostanze: Hard Disk Pieno: Tutti gli HDD installati sono pieni. Errore Hard Disk: Errore di scrittura su HDD oppure HDD non formattato. Rete Scollegata: Cavo di rete disconnesso. Conflitto Indirizzi IP: Conflitto di indirizzo IP nella rete. Accesso Illegale: User ID e Password non corretti. Uscita Video non corrispondente: Standard degli ingressi e delle uscite video non corrispondenti. Anomalia registrazione: Nessuno spazio per la registrazione. Passi: Accedere all interfaccia Anomalie nel menu Configurazione sistema e gestire le varie anomalie. Menu>Configurazione sistema>anomalie Fare riferimento al Capitolo 8.8 Azioni a seguito di eventi per informazioni dettagliate sulle possibili azioni. Figura 8.19: Interfaccia di impostazione delle anomalie Pag. 125

126 8.8 Azioni a seguito di eventi Obiettivo: Configurare delle azioni in seguito ad un evento oppure ad una anomalia di sistema. Tali azioni possono essere la visualizzazione delle telecamere allarmate a pieno schermo sull uscita monitor locale di allarme, l attivazione di un cicalino acustico a bordo del DVR, la notifica ad un centro di allarme per mezzo di un client software o l invio di una . Visualizzazione a pieno schermo Quando si attiva un evento (motion detection/anomalia video/perdita video) è possibile visualizzare a pieno schermo sull uscita video locale (VGA / HDMI oppure BNC) la telecamera allarmata dall evento stesso. Se più allarmi vengono attivati simultaneamente le relative telecamere allarmate verranno visualizzate a pieno schermo in modalità ciclata con un intervallo di commutazione di 10 secondi (ritardo di default). E possibile impostare un valore diverso per il ritardo di commutazione andando su Menu>Configurazione sistema>vista Live>Ritardo ciclata allarmi. La ciclata terminerà quando gli allarmi verranno ripristinati e l uscita video tornerà nella stessa modalità in tempo reale precedente all attivazione degli allarmi. Nota: Per gli allarmi di tipo motion detection e variazione ingresso, è necessario selezionare i canali che si vogliono allarmare a pieno schermo sull uscita video di allarme impostando rispettivamente Menu>Telecamere>Motion>Gestione>Tlc Attivata e Menu>Configurazione sistema>allarmi>ingresso Allarme>Notifiche>Tlc Attivata. Cicalino acustico In caso di allarme viene attivato un cicalino acustico intermittente a bordo del DVR. Notifica ad un centro di allarme Invia un segnale di allarme oppure di anomalia ad un centro di allarme remoto quando avviene un evento. Per centro di allarme remoto si può intendere: un PC con installato il client software collegato in rete su scala locale (LAN) oppure su scala geografica (WAN). la centrale Sicep MvsNET. Nota: Il segnale di allarme oppure di anomalia verrà trasmesso automaticamente dopo aver configurato il centro di allarme remoto. Fare riferimento al 9.7 Configurazione comunicazione con la centrale Sicep MvsNET per dettagli sulla configurazione del centro di allarme remoto. Invio Quando l allarme viene rilevato il DVR invia un con le informazioni dell allarme fino ad un massimo di tre destinatari. Fare riferimento al Capitolo 9.4 Configurazione per dettagli sulla configurazione per le . Pag. 126

127 9 Impostazioni di rete 9.1 Configurazione delle impostazioni generali Obiettivo: Configurare le impostazioni di rete. Le impostazioni di rete sono indispensabili per permettere al DVR di operare correttamente in rete. Passi: 1. Accedere all interfaccia delle impostazioni di rete. Menu>Configurazione sistema>rete Figura 9.1: Interfaccia delle impostazioni rete 3. Selezionare la pagina Generale. Nell interfaccia Generale è possibile configurare i seguenti parametri: Tipo NIC, DHCP, Indirizzo IPv4, Maschera IPv4, Gateway IPv4, Indirizzo IPv6, Maschera IPv6, Gateway IPv6, MTU, DNS Server. Se è disponibile un server DHCP all interno della rete a cui il DVR può collegarsi abilitare il campo DHCP per ottenere automaticamente i parametri di rete dal server DHCP. Nota: I valori ammessi per il parametro MTU sono fra 500 e Dopo aver impostato i parametri nella pagina Generale, cliccare sul pulsante Applica per salvare le impostazioni. Pag. 127

128 9.2 Configurazione delle impostazioni avanzate 9.1 Configurazione delle impostazioni PPPoE Obiettivo: Permettere l accesso al dispositivo per mezzo di una connessione di tipo Point to Point (PPPoE). Passi: 1. Accedere all interfaccia delle impostazioni di rete. Menu>Configurazione sistema>rete Selezionare la voce PPPoE per accedere all interfaccia PPPoE. Figura 9.2: Interfaccia delle impostazioni PPPoE Impostare con un flag il campo Abilita PPPoE per abilitare questa funzionalità. Compilare i campi Nome Utente e Password per l accesso PPPoE. Nota: Il nome utente e la password devono venire assegnati dall ISP (Internet Service Provider) Cliccare sul pulsante Applica per salvare e uscire dall interfaccia. Dopo aver salvato il sistema richiederà un riavvio per rendere effettive le impostazioni e la chiamata di connessione PPPoE verrà effettuata automaticamente dopo il riavvio. Andare su Menu>Manutenzione>Info Sistema>Rete per visualizzare lo stato della connessione PPPoE. Fare riferimento al Capitolo 11 Visualizzazione informazioni di sistema per vedere lo stato della connessione PPPoE. Pag. 128

129 9.2 Configurazione del DDNS Obiettivo: Impostare il DNS Dinamico (DDNS) per la risoluzione dell indirizzo dinamico. Sarà necessaria una registrazione con il vostro ISP prima di configurare il sistema per l utilizzo del DDNS. Passi: 1. Accedere all interfaccia di impostazione della rete. Menu>Configurazione sistema>rete Selezionare la cartella DDNS per accedere all interfaccia di impostazione DDNS. Figura 9.3: Interfaccia impostazione DDNS Mettere il flag nella casella DDNS per abilitare questa funzione. Selezionare Tipo DDNS. Sono selezionabili quattro tipo di server per il DNS dinamico: IPServer, DynDNS, PeanutHull, NO-IP. IPServer: Inserire Indirizzo Server per IPServer. Nota: Il campo Indirizzo Server contiene l indirizzo IP del server su cui è avviato IPServer DynDNS: 1) Inserire il Indirizzo Server per DynDNS (p.e. members.dyndns.org). 2) Nel campo Nome Dominio DVR inserire il nome del dominio registrato nel sito web di DynDNS con il quale verrà identificato il DVR nella rete. 3) Inserire Nome Utente e Password con cui si è effettuata la registrazione nel sito web di DynDNS. PeanutHull: Inserire Nome Utente e Password ottenuti nel sito web di PeanutHull. NO-IP: Inserire le informazioni dell account nei campi corrispondenti. 1) Inserire Indirizzo Server per NO-IP (p.e. dynupdate.no-ip.com). 2) Nel campo Nome Dominio DVR inserire il nome del domino registrato nel sito web di NO-IP (www.no-ip.com) con il quale verrà identificato il DVR nella rete. 3) Inserire Nome Utente e Password con cui si è effettuata la registrazione nel sito web di NO-IP. Pag. 129

130 hkddns: Per questa opzione è necessario compilare il campo Indirizzo Server ed il campo Nome Dominio DVR relativi al servizio hkddns. Gli altri campi sono di sola lettura. 1. Inserire il parametro Indirizzo Server ovvero l indirizzo del server hkddns: Inserire il parametro Nome Dominio DVR ovvero l alias con cui è stato registrato il dispositivo nel server hkddns; è anche possibile inserire direttamente il nome del dominio sul DVR per creare un nuovo alias sul server. Nota: Se viene creato un nuovo alias direttamente dal menu del DVR, questo andrà a sostituire l alias precedentemente registrato sul server. Registrazione del DVR sul server hkddns. 1. Accedere al server hkddns per mezzo della pagina web: Se non si dispone di un account già esistente cliccare su Register new user per registrare un nuovo account. Figura 9.4: Registrazione di un account su hkddns 3. Dopo la registrazione utilizzare il proprio account per effettuare il log in sul server hkddns. 4. Nell interfaccia DDNS Management System, cliccare sulla pagina Device Management sul menu laterale e a seguire su Add per registrare un dispositivo. Figura 9.5: Registrazione di un dispositivo Nota: L alias del dispositivo può contenere solo lettere minuscole dell alfabeto, numeri ed il carattere -. Inoltre l alias deve iniziare con una lettera minuscola dell alfabeto. 5. Cliccare sul pulsante Applica per salvare ed uscire dall interfaccia. Pag. 130

131 9.3 Configurazione del server NTP Obiettivo: Configurare nel DVR un server Network Time Protocol (NTP) per tenere sincronizzata l ora di sistema. Passi: 1. Accedere all interfaccia delle impostazioni di rete. Menu>Configurazione sistema>rete Selezionare la voce NTP per accedere all interfaccia NTP. Figura 9.6: Interfaccia impostazione NTP Mettere un flag su Abilita NTP per abilitare questa funzione. Configurare le seguenti impostazioni NTP: Intervallo Sincr.: Intervallo di sincronizzazione dell orario, l impostazione è in minuti. Server NTP: Indirizzo IP del server NTP. Porta NTP: Porta del server NTP. 5. Cliccare sul pulsante Applica per salvare ed uscire dell interfaccia. Nota: L intervallo di sincronizzazione può venire impostato fra 0 e minuti, l impostazione di default è 60 minuti. Se il DVR è usato in una rete pubblica è possibile usare un server NTP che ha la funzione di sincronizzazione come ad esempio National Time Center (Indirizzo IP Pubblico: ). Pag. 131

132 9.4 Configurazione Obiettivo: Configurare il DVR affinché possa inviare delle notifiche per mezzo ai destinatari prestabiliti in caso di allarme tipo motion detection, attivazione ingresso di allarme, ecc. Prima di configurare le impostazioni bisogna collegare il DVR in una rete LAN che supporti un server di posta tipo SMTP. Il DVR può essere connesso sia ad una rete intranet che ad internet in funzione dell ubicazione del server di posta che si desidera utilizzare. Passi: 1. Accedere all interfaccia delle impostazioni di rete. Menu>Configurazione sistema>rete Impostare Indirizzo IPv4, Maschera IPv4, Gateway IPv4 oltre che i server DNS nella pagina Generale. Figura 9.7: Interfaccia impostazioni di rete Pag. 132

133 3. 4. Cliccare sul pulsante Applica per salvare le impostazioni. Selezionare la pagina per accedere all interfaccia delle impostazioni . Figura 9.8:Interfaccia impostazioni Configurare le seguenti impostazioni Abilita Autenticazione Server (opzionale): Mettere un flag sulla casella per abilitare l autenticazione sul server di posta. Nome utente: Il nome utente del mittente per l'autenticazione al server SMTP. Password: La password del mittente per l'autenticazione al server SMTP. Server SMTP: L indirizzo IP oppure il nome dell host del server SMTP. Port SMTP: La porta SMTP. La porta di default utilizzata in TCP/IP è la 25. Abilita SSL (optional): Mettere un flag sulla casella per abilitare SSL se richiesto dal server SMTP. Mittente: Nome del mittente. Indirizzo Mittente: Indirizzo del mittente. Seleziona Destinatari: Impostare fino a 3 destinatari delle . Destinatario: Il nome dell utente a cui notificare l evento. Indirizzo Destinatario: L indirizzo dell utente a cui notificare l evento. Abilita immagine allegata: Mettere un flag sulla casella se si vuole inviare una con in allegato le immagini allarmate. Intervallo: Impostare l intervallo di tempo fra un invio di con in allegato un immagine ed il successivo. Cliccare sul pulsante Applica per salvare le impostazioni . Cliccare sul pulsante Test per verificare che le impostazioni effettuate siano corrette e che l invio funzioni correttamente. Apparirà un messaggio in una pop up. Pag. 133

134 9.5 Configurazione del server SNMP Obiettivo: Usare il protocollo SNMP per ricevere i parametri del dispositivo oltre che gli allarmi e le anomalie del dispositivo. Passi: 1. Accedere all interfaccia delle impostazioni di rete. Menu>Configurazione sistema>rete Selezionare la voce SNMP per accedere all interfaccia di impostazione SNMP. Figura 9.9: Interfaccia di impostazione del server SNMP Mettere un flag sulla casella Abilita SNMP per abilitare il protocollo SNMP. Configurare le impostazioni SNMP. Cliccare sul pulsante Applica per salvare ed uscire dall interfaccia. Nota: Prima di impostare SNMP, scaricare il software SNMP e configurarlo per ricevere le informazioni del dispositivo via porta SNMP. Impostando l indirizzo trap, il DVR viene abilitato all invio degli eventi di allarme e delle eccezioni al centro remoto. Pag. 134

135 9.6 Configurazione UPnP Obiettivo: Utilizzare la funzione UPnP per abilitare la connessione rapida del dispositivo attraverso un router. UPnP è un protocollo che permette di rilevare la presenza dei dispositivi senza soluzione di continuità nella rete e di stabilire servizi funzionali di rete per la condivisione di dati e per comunicazioni. Prima di iniziare: Se si vuole abilitare la funzione UPnP sul dispositivo sarà necessario abilitare la funzione UPnP anche sul router su cui il dispositivo è connesso. Quando la modalità di funzionamento della rete del dispositivo è impostata su multi-address, l indirizzo di default del dispositivo deve essere nella stessa sottorete dell indirizzo IP del router. Passi: 1. Accedere all interfaccia delle impostazioni di rete. Menu>Configurazione sistema>rete Selezionare la pagina UPnP per accedere all interfaccia UPnP. Figura 9.10: Interfaccia di impostazione UPnP 3. Mettere un flag nel campo di tipo checkbox per abilitare UPnP. 4. Impostare il campo Tipo mappato su Auto oppure su Rec. Manuale. Se si seleziona Auto, le porte possono venire automaticamente assegnate dal router. Se si seleziona Rec. Manuale., continuare con il passo successivo per editare la mappatura delle porte. Pag. 135

136 5. Cliccare su per aprire la finestra di dialogo Impostazioni porta esterna. Configurare il numero della porta esterna rispettivamente per la porta del Server, per la porta HTTP e per la porta RTSP. Nota: E possibile selezionare la porta di default oppure cambiarla in funzione delle esigenze. Nel campo Porta esterna si indica il numero della porta da mappare nel router. Figura 9.11:Finestra di impostazione della porta esterna Cliccare sul pulsante Aggiorna per ottenere lo stato corrente della mappatura delle porte. Cliccare sul pulsante Applica per salvare le impostazioni. Pag. 136

137 9.7 Configurazione comunicazione con la centrale Sicep MvsNET Per fare interagire il DVR con la centrale vi sono da effettuare alcune operazioni. Operazione 1: Configurare sul DVR un centro di allarme remoto al quale il DVR potrà inviare al loro verificarsi gli eventi di allarme e le anomalie. Passi: 1. Accedere all interfaccia delle impostazioni di rete. Menu>Configurazione sistema>rete Selezionare la voce Altre impostazioni per accedere all interfaccia Altre impostazioni. Figura 9.12:Interfaccia altre impostazioni Inserire l indirizzo della centrale MvsNET sul campo IP Centro allarmi e la porta 9016 sul campo Porta Centro Allarmi. Cliccare sul pulsante Applica per salvare ed uscire dall interfaccia. Pag. 137

138 Operazione 2: Configurare il DVR per essere interrogabile dalla centrale. Passi: 1. Verificare la presenza dell'utente mvs sulla periferica nella sezione Menu>Configurazione sistema>utente. Il DVR esce di fabbrica con un utente predefinito di livello Operatore avente nome utente mvs e password SICEP e avente abilitato nelle personalizzazioni il Controllo allarmi da remoto. NOTA: Al momento dell'installazione modificare la sola password di tale utente al fine di evitare indebiti accessi alla periferica da parte di estranei e consentire solo quelli da centrale. Figura 9.13: Interfaccia gestione utenti Pag. 138

139 Assegnare il codice della periferica nella sezione: Menu>Configurazione sistema>generale>altre impostazioni Modificare il campo Nome Dispositivo dal default #100 al valore desiderato. NOTA: Il codice della periferica deve essere sempre preceduto dal simbolo #. Figura 9.14:Interfaccia altre impostazioni Effettuate le operazioni precedenti, sulla centrale MvsNET creare una periferica video nella famiglia denominata VIDEO e modello imago e assegnare alla nuova periferica la password impostata sul DVR per l'utente mvs. La centrale infatti accede alla periferica come utente mvs. Pag. 139

140 9.8 Configurazione del multicast Obiettivo: Configurare il multicast per permettere la visione delle immagini in tempo reale a più dispositivi di rete ottimizzando però il traffico generato. Un indirizzo multicast appartiene alla classe D di indirizzi IP e pertanto è compreso fra e Si raccomanda di usare sempre indirizzi compresi fra e Passi: 1. Accedere all interfaccia Network Settings. Menu>Configurazione sistema>rete Selezionare la cartella Altre impostazioni per accedere all interfaccia Altre impostazioni. Figura 9.15:Interfaccia altre impostazioni Impostare l indirizzo IP Multicast. Quando si aggiunge un dispositivo al software client remoto, l indirizzo multicast deve essere essere uguale all indirizzo multicast del DVR. Cliccare sul pulsante Applica per salvare e per uscire dall interfaccia. Pag. 140

141 9.9 Configurazione RTSP Obiettivo: Configurare il protocollo RTSP. Il protocollo RTSP (Real Time Streaming Protocol) è un protocollo di rete concepito per l utilizzo nei sistemi di intrattenimento e di comunicazione. Passi: 1. Accedere all interfaccia delle impostazioni di rete cliccando su Selezionare la voce Altre impostazioni. Menu>Configurazione sistema>rete. Figura 9.16:Interfaccia altre impostazioni Riempire il campo testuale Porta RTSP. La porta RTSP di default è la 554 ed è comunque possibile modificarla. Cliccare su Applica per salvare ed uscire dal menu. NOTA: Nel caso vi siano più DVR all'interno della stessa rete LAN, per permettere la visualizzazione del video da un client ivms 4200 posto all'esterno della rete è necessario configurare sui DVR porte RTSP differenti (p.e. 554 per il primo DVR e 1024 per il secondo DVR). Sul router occorre reindirizzare la porta esterna sulla stessa porta interna associata all'indirizzo IP della periferica (p.e. porta esterna 554 su porta interna 554 dell'ip del primo DVR, porta esterna 1024 sulla porta interna 1024 dell'ip del secondo DVR). Pag. 141

142 9.10 Configurazione delle porte server e HTTP Obiettivo: Cambiare la porta server ed HTTP. La porta server viene usata per l accesso da parte del client remoto e da centrale remota. La porta HTTP è usata per l accesso da browser web. Passi: Accedere all interfaccia delle impostazioni di rete. Menu>Configurazione sistema>rete Selezionare la voce Altre impostazioni. Inserire una nuova Porta Server e una Porta HTTP. Figura 9.17:Interfaccia altre impostazioni Editare nei relativi campi la porta server e la porta HTTP. La porta server di default è la 8000 mentre la porta HTTP è la 80. E possibile cambiarle in funzione delle esigenze. Cliccare sul pulsante Applica per salvare ed uscire dall interfaccia. Nota: La porta server deve essere impostata nell intervallo fra 2000 e Pag. 142

143 9.3 Controllo del traffico di rete Obiettivo: Visualizzare il traffico di rete per ottenere informazioni in tempo reale del DVR quali lo stato del collegamento, MTU, traffico in invio ed in ricezione, ecc. Passi: 1. Accedere all interfaccia del traffico di rete. Menu>Manutenzione>Rileva Rete Figura 9.18: Interfaccia traffico di rete E possibile visualizzare il traffico in invio ed in ricezione nell interfaccia. I valori del traffico vengono aggiornati ogni secondo. Pag. 143

144 9.4 Rilevamento rete Obiettivo: Ottenere lo stato della connessione di rete del DVR. Le informazioni disponibili comprendono il ritardo di rete, i pacchetti persi, ecc Test ritardo di rete e pacchetti persi Passi: 1. Accedere all interfaccia Rileva Rete. Menu>Manutenzione>Rileva Rete Cliccare sul pulsante Rilevamento Rete.. Figura 9.19: Interfaccia di rilevamento rete Selezionare il campo editabile Indirizzo Destinazione e digitare l indirizzo di destinazione verso il quale fare il test. Cliccare sul pulsante Test per avviare il test del ritardo di rete e dei pacchetti persi. Il risultato del test apparirà in pop up. Se il test fallisce apparirà un messaggio di errore. Pag. 144

145 9.4.2 Esportazione dei pacchetti di rete Obiettivo: Collegare il DVR alla rete, catturare i pacchetti ed esportali su una memoria flash USB o un HDD USB o su un masterizzatore USB. Passi: Accedere all interfaccia di monitoraggio della rete. Menu>Manutenzione>Rileva Rete Cliccare sulla voce Rilevamento Rete. Selezionare il dispositivo di backup dal menu a tendina Nome Dispositivo. Nota: Cliccare sul pulsante Aggiorna se il dispositivo di backup connesso non viene visualizzato. Figura 9.20:Esportazione pacchetti di rete Cliccare sul pulsante Esportazione per avviare l esportazione. Dopo aver completato l esportazione, cliccare su OK per completare l operazione. Nota: E possibile esportare fino ad 1MB ogni volta Pag. 145

146 9.4.3 Controllare lo stato della rete Obiettivo: Controllare lo stato della rete ed impostare rapidamente i parametri. Passi: Accedere all interfaccia di monitoraggio della rete. Menu>Manutenzione>Rileva Rete Cliccare sulla voce Rilevamento Rete. Cliccare sul pulsante Stato in basso a destra nella pagina. Figura 9.21: Controllare lo stato della rete Pag. 146

147 Se la rete è in uno stato normale apparirà in pop up il seguente messaggio. Figura 9.22:Risultato del controllo dello stato della rete Pag. 147

148 Se il messaggio in pop up contiene altre informazioni al posto delle precedenti, cliccare sul pulsante Rete in basso per mostrare l interfaccia di impostazione rapida dei parametri di rete. Figura 9.23: Configurazione rapida dei parametri di rete Pag. 148

149 9.4.4 Controllo delle statistiche di rete Obiettivo: Controllare le statistiche di rete per ottenere le informazioni in tempo reale sulla banda occupata dal dispositivo. Passi: 1. Accedere all interfaccia di monitoraggio della rete. Menu>Manutenzione>Rileva Rete Cliccare sulla pagina Stato Rete. Figura 9.24:Interfaccia statistiche di rete La pagina mostra la banda occupata dalle connessioni da remoto in visualizzazione in tempo reale, la banda occupata dalle connessioni da remoto in visualizzazione playback, la banda totale occupata dalle connessioni da remoto. Cliccare sul pulsante Aggiorna per ottenere le statistiche aggiornate della banda di rete. Pag. 149

150 10 Gestione degli hard disk 10.1 Formattazione degli hard disk Obiettivo: Formattare un HDD appena installato nel DVR. Passi: 1. Accedere all interfaccia HDD. Menu>HDD>Generale Figura 10.1: Interfaccia informazioni HDD Pag. 150

151 3. Selezionare un HDD da formattare. Cliccare sul pulsante Formatta Selezionare il pulsante OK per iniziare la formattazione. Dopo che l HDD è stato formattato, lo stato dell HDD nella finestra cambierà da Non formattato a Normale. Figura 10.2:Conferma formattazione Nota: La formattazione cancellerà tutti i dati nell HDD, incluso il log file del DVR. Pag. 151

152 10.2 Gestione dei dischi di rete Obiettivo: Aggiungere al DVR dei dischi di rete tipo NAS oppure IP SAN. Passi: Figura 10.3: Interfaccia informazioni HDD 1. Accedere all interfaccia Informazioni HDD. Menu>HDD>Generale Cliccare sul pulsante Aggiungi per accedere all interfaccia Aggiungi Disco di Rete. Figura 10.4: Interfaccia per aggiungere un disco di rete Pag. 152

153 Selezionare un nome per il disco di rete dal menu a tendina Disco di Rete. Selezionare il tipo su NAS oppure su IP SAN. Configurare le impostazioni NAS oppure IP SAN. Aggiungere un disco di rete tipo NAS: 1) Selezionare il campo editabile per l indirizzo IP del disco di rete e digitarlo. 2) Selezionare il campo editabile Cartella disco di rete e digitarlo. 3) Cliccare sul pulsante OK per aggiungere il disco di rete tipo NAS configurato. Nota: Si possono aggiungere fino a 8 dischi di rete. Aggiungere un disco di rete tipo IP SAN: 1) 2) 3) 4) Selezionare il campo editabile per l indirizzo IP del disco di rete e digitarlo. Cliccare sul pulsante Ricerca per cercare i dischi di rete IP SAN disponibili. Selezionare il disco di rete IP SAN dal menu a tendina. Cliccare sul pulsante OK per aggiungere il disco di rete di tipo IP SAN. Nota: E possibile aggiungere un solo disco di tipo IP SAN. 6. Dopo aver aggiunto correttamente un disco di rete tipo NAS oppure IP SAN, tornare alla pagine Informazioni HDD. Il disco di rete aggiunto verrà visualizzato nella lista. Nota: Il nuovo disco di rete non è formattato, selezionarlo e cliccare sul pulsante Formatta per formattarlo. Figura 10.5: Formattazione di un disco di rete Pag. 153

154 10.3 Gestione gruppi di HDD Impostazione gruppi di HDD Obiettivo: Gestire più HDD nello stesso gruppo. La registrazione di canali specifici può essere effettuata in un determinato gruppo di HDD. Passi: 1. Accedere all interfaccia Modalità Archiviazione. Menu>HDD>Avanzate Impostare il parametro Modalità su Gruppo HDD: Figura 10.6: Interfaccia modalità di archiviazione Pag. 154

155 3. Cliccare sul pulsante Applica e seguire il messaggio in pop up. Figura 10.7: Messaggio di richiesta di riavvio Pag. 155

156 4. 5. Cliccare sul pulsante Si per riavviare il DVR e rendere effettive le modifiche. Dopo il riavvio del dispositivo, accedere all interfaccia informazioni HDD. Menu>HDD>Generale 6. Selezionare un HDD dalla lista e cliccare sul pulsante per accedere all interfaccia Impostazioni Disco Locale. Figura 10.8: Interfaccia impostazione HDD locale Pag. 156

157 7. Selezionare il numero del gruppo per l HDD corrente. Nota: Il numero del gruppo di default per ogni HDD è Cliccare sul pulsante OK per salvare le impostazioni. Figura 10.9: Conferma impostazioni gruppo HDD 9. Nel messaggio in pop up, cliccare sul pulsante Si per completare le impostazioni effettuate. Pag. 157

158 Impostazione delle proprietà dell HDD Obiettivo: Impostare le proprietà dell HDD su ridondanza, sola lettura oppure lettura/scrittura. Prima di impostare la proprietà dell HDD, impostare il modo di memorizzazione su Gruppo, si veda il capitolo precedente. Un HDD può venire impostato in sola lettura per prevenire la sovrascrittura di file importanti quando l HDD si riempie. Quando un HDD viene impostato su ridondanza, la registrazione avviene simultaneamente sia sul disco ridondato che sul disco riscrivibile per garantire un elevato standard di sicurezza. Passi: 1. Accedere all interfaccia Informazioni HDD. Menu>HDD>Generale Figura 10.10: Informazioni HDD Pag. 158

159 Selezionare l HDD dalla lista e cliccare sul pulsante per accedere all interfaccia Impostazioni Disco Locale. Figura 10.11:Interfaccia impostazione HDD Impostare la proprietà dell'hdd su lettura/scrittura, solo lettura oppure ridondanza. Cliccare sul pulsante OK per salvare le impostazioni ed uscire dall interfaccia. Nella pagine Informazioni HDD, la proprietà appena impostata verrà visualizzata nella lista. Nota: Nel DVR devono essere installati almeno due dischi di cui almeno uno impostato in lettura/scrittura se si desidera impostare la proprietà di un disco su ridondanza. Pag. 159

160 10.4 Configurazione modalità quota Obiettivo Configurare ciascuna telecamera con una quota di HDD allocata per la registrazione. Passi: 1. Accedere all interfaccia Modalità Archiviazione. Menu>HDD>Avanzate Impostare il parametro Modalità su Quota. Nota: Sarà necessario riavviare il DVR per rendere effettive le modifiche. Figura 10.12: Interfaccia modalità di memorizzazione Selezionare il campo editabile Max. Capacità Rec. (GB) per impostare lo spazio in GigaByte destinato alla registrazione. E possibile copiare le impostazioni della telecamera corrente su altre telecamere. Cliccare sul pulsante Copia per accedere all interfaccia Copia. Selezionare le telecamere da configurare con le stesse impostazioni relative alla quota. E anche possibile mettere un flag sulla casella Analog per selezionare tutte le telecamere. Cliccare sul pulsante OK per completare e tornare all interfaccia Modalità Archiviazione. Cliccare sul pulsante Applica per applicare le impostazioni effettuare. Nota: Se la capacità della quota viene impostata a 0, tutte le telecamere utilizzeranno la capacità totale dell HDD per la registrazione. Pag. 160

161 10.5 Controllo dello stato degli HDD Obiettivo: Visualizzare lo stato degli HDD installati sul DVR per avere un controllo immediato in caso di guasto degli HDD. Vi sono due alternative possibili. Modo 1: Controllo stato degli HDD nell interfaccia Informazioni HDD. Passi: 1. Accedere all interfaccia Informazioni HDD. Menu>HDD>Generale Visualizzare lo stato di ciascun HDD presente nella lista. Figura 10.13: Visualizzazione dello stato degli HDD (1) Nota: Se lo stato dell HDD è Normale oppure Non Attivo, significa che sta funzionando correttamente. Se lo stato dell HDD risulta Non formattato oppure Anomalo, formattare l HDD prima di poterlo utilizzare. Sostituire l HDD se la formattazione non va a buon fine. Pag. 161

162 Modo 2: Controllo stato degli HDD nell interfaccia Info Sistema Passi: 1. Accedere all interfaccia Info Sistema. Menu>Manutenzione>Info Sistema Selezionare la voce Hard Disk per visualizzare lo stato di ciascun HDD visualizzato nella lista. Figura 10.14:Visualizzazione dello stato degli HDD (2) Pag. 162

163 10.6 Controllo delle informazioni S.M.A.R.T Obiettivo: Monitorare lo stato degli HDD. Lo standard S.M.A.R.T. (Self-Monitoring, Analysis and Reporting Technology) è un sistema di monitoraggio per gli HDD per rilevare e riportare vari indicatori di affidabilità al fine di anticipare eventuali guasti sugli HDD. Passi: Entrare nell interfaccia delle impostazioni S.M.A.R.T. Menu>HDD>Rileva HDD. Se si desidera usare gli HDD anche in caso di segnalazione anomalia S.M.A.R.T. nell HDD stesso, mettere il flag nel campo di tipo checkbox di fianco alla voce Continua ad usare il disco quando non riesce l azione S.M.A.R.T. Selezionare l HDD per visualizzare la lista di informazioni S.M.A.R.T. Sono disponibili tre modalità di self-test di tipo S.M.A.R.T: Test Breve, Test Espanso e Test trasmissione. Selezionare la modalità di self-test e cliccare sul pulsante per avviare il test. Figura 10.15: Interfaccia delle impostazioni S.M.A.R.T. Pag. 163

164 10.7 Rilevamento dei settori guasti Obiettivo: Rilevare i settori guasti dell HDD. Questi possono causare rallentamenti al sistema in fase di lettura o di scrittura nell HDD stesso. E possibile rilevare i settori guasti nell HDD al fine di poter intervenire in modo tempestivo. Passi: 1. Accedere all interfaccia Rilevamento settori danneggiati. Menu>HDD>Rileva HDD>Rilevamento settori danneggiati Figura 10.16: Rilevamento settori guasti Pag. 164

165 Selezionare un HDD e cliccare su Rileva per avviare il rilevamento. Figura 10.17: Rilevamento settori guasti Cliccare su Pausa per mettere in pausa il rilevamento e cliccare su Ripristina per riavviare il rilevamento. Se ci sono degli errori relativi agli HDD, cliccare su Info Errore per visualizzare le informazioni. Pag. 165

166 10.8 Configurazione allarmi errore HDD Obiettivo: Configurare gli allarmi errore HDD corrispondente agli stati dell HDD Non Formattato o Anomalo. Passi: 1. Entrare nell interfaccia delle anomalie. Menu>Configurazione sistema>anomalie Impostare il campo Tipo Anomalia su Errore HDD. Selezionare una o più azioni da eseguire al verificarsi dell anomalia: Avviso sonoro, Invia PC Remoto, Invia . Fare riferimento al Capitolo 8.8 Azioni a seguito di eventi. Figura 10.18: Configurazione tipo di allarme 3. Cliccare sul pulsante Applica per salvare le impostazioni. Pag. 166

167 11 Impostazione delle telecamere 11.1 Testo OSD Obiettivo: Configurare l'osd per ciascuna telecamera, incluse data ed ora, nome telecamera, ecc. Passi: 1. Accedere all interfaccia Configurazione OSD. Menu>Telecamere>Testo OSD Selezionare nel campo Telecamera quella che si desidera configurare. 3. Editare il campo Nome Tlc nella casella di testo. 4. Selezionare con un flag i campi Visualizza Nome, Mostra Data Ora e Mostra Settimana se si desidera visualizzarli. Mostra Settimana abilita la visualizzazione del giorno della settimana. 5. Selezionare i parametri Formato Data, Formato Ora, Visualizza OSD. Figura 11.1: Interfaccia di configurazione del testo OSD 6. E possibile usare il mouse per trascinare in corrispondenza della posizione desiderata la casella del testo nell immagine di anteprima. 7. Copiare le impostazioni su altre telecamere 1) Se si desidera copiare le impostazioni OSD della telecamera corrente su un altra telecamera, cliccare sul pulsante Copia per accedere all interfaccia Copia. 2) Selezionare le telecamere su cui si desidera impostare le stesse impostazioni OSD. Per selezionare tutte le telecamere, mettere un flag sulla casella Analog. Pag. 167

168 3) 8. Cliccare sul pulsante OK per completare e per tornare sull interfaccia di configurazione OSD. Cliccare sul pulsante Applica per applicare le nuove impostazioni. Nota: Cliccare sul pulsante Ripristina per ripristinare le impostazioni OSD ai parametri di default Zone mascherate Obiettivo: Configurare fino a 4 zone mascherate per nascondere obiettivi sensibili ai fini della privacy. Passi: Accedere all interfaccia Impostazione Maschere di Privacy. Menu>Telecamere>Maschere Privacy Selezionare la telecamera su cui impostare le zone di privacy. Mettere un flag sulla casella Abilita Maschere Privacy per abilitare questa funzione. Figura 11.2: Interfaccia di impostazione delle zone di privacy 4. Tenere premuto il pulsante sinistro del mouse e trascinare per creare un riquadro da inibire nella finestra di anteprima. Le diverse zone inibite verranno bordate con colori diversi. Nota: Sono configurabili fino a 4 zone di privacy ed per ciascuna è possibile regolarne la posizione e le dimensioni. Pag. 168

169 5. Le zone di privacy configurate sulla finestra possono venire cancellate cliccando sui pulsanti corrispondenti Cancella Zona 1-4 che si trovano sul lato destro della finestra. Cliccare su Clear All per cancellare tutte le zone. Figura 11.3: Impostazione delle aree per le zone mascherate Cliccare sul pulsante Copia per aprire la finestra che permette di copiare le impostazioni delle zone di mascherate della telecamera corrente su altre telecamere. Cliccare sul pulsante Applica per salvare le impostazioni. Nota: Cliccare sul pulsante Ripristina per ripristinare le impostazioni privacy ai parametri di default Parametri immagine Obiettivo: Configurare per ogni telecamera i parametri relativi all'immagine acquisita quali luminosità, contrasto, saturazione, colore ecc. Passi: 1. Accedere all interfaccia Imposta Immagine. Menu>Telecamere>Immagine Selezionare la telecamera su cui impostare i parametri dell immagine. 3. Se lo si desidera è possibile impostare due fasce orarie per associare due configurazioni indipendenti e così far fronte a due diverse condizioni di luce, per esempio in condizioni notturne ed in condizioni diurne. Dopo aver configurato la durata della prima fascia denominata Period 1, la seconda fascia Period 2 viene automaticamente indicata come Other Time. Pag. 169

170 Figura 11.4:Interfaccia di impostazione delle immagini Per ognuna delle due eventuali fasce selezionare dal menu a tendina le impostazioni da usare per le diverse condizioni di luce. Ci sono 4 modalità predefinite selezionabili: Standard: condizioni generali (default). Interno: immagine più nitida. Luce Dim: immagine più nitida rispetto alle altre tre. Esterno: immagine più chiara e definita. Alto livello di saturazione e contrasto. Regolare i parametri dell immagine quali luminosità, contrasto, saturazione, colore, nitidezza, riduzione del rumore (denoising) spostando il cursore nella barra relativa. Nota: Quando si seleziona una delle quattro modalità sono disponibili i valori di default associati ma si possono comunque regolare i valori di luminosità contrasto e saturazione nel range 0~255, la nitidezza nel range 0~15 e il denoising nel range 0~ E possibile cliccare sul pulsante Copia per aprire la finestra che permette di copiare le impostazioni immagine della telecamera corrente su altre telecamere. Cliccare sul pulsante Applica per salvare le impostazioni. Nota: default. Pag. 170 Cliccare sul pulsante Ripristina per ripristinare le impostazioni dei parametri video ai parametri di

171 12 Gestione e manutenzione del DVR 11 Visualizzazione informazioni di sistema 11.1 Informazioni sul DVR Passi: 1. Accedere all interfaccia Info Dispositivo. Menu>Manutenzione>Info sistema Sono visualizzati il nome dispositivo, il modello, il numero seriale, la versione firmware e la versione della codifica. Figura 11: Interfaccia informazioni dispositivo Pag. 171

172 11.2 Informazioni sulle telecamere Passi: 1. Accedere all interfaccia Info Sistema. Menu>Manutenzione>Info Sistema Cliccare sul pulsante Telecamera per visualizzare lo stato di ciascuna telecamera. Figura 12:Interfaccia informazioni delle telecamere Pag. 172

173 11.3 Informazioni sulla registrazione Passi: 1. Accedere all interfaccia Info Sistema. Menu>Manutenzione>Info Sistema Cliccare sul pulsante Registrazione per visualizzare lo stato di registrazione ed i parametri di codifica per ogni telecamera. Figura 13:Interfaccia delle informazioni della registrazione Pag. 173

174 11.4 Informazioni sugli allarmi Passi: 1. Accedere all interfaccia Info Sistema. Menu>Manutenzione>Info Sistema Cliccare nella pagina Allarme per visualizzare le informazioni sullo stato degli ingressi e delle uscite digitali del DVR Figura 14: Stato degli ingressi e delle uscite di allarme Pag. 174

175 11.5 Informazioni sulla rete Passi: 1. Accedere all interfaccia Info Sistema. Menu>Manutenzione>Info Sistema Cliccare nella pagina Rete per visualizzare le informazioni di rete. Figura 15:Interfaccia delle informazioni di rete Pag. 175

176 11.6 Informazioni sugli HDD Passi: 1. Accedere all interfaccia Info Sistema. Menu>Manutenzione>Info Sistema Cliccare sul pulsante Hard Disk per visualizzare lo stato degli HDD installati nel DVR, capacità, spazio libero, proprietà, tipo, gruppo. Figura 16: Interfaccia delle informazioni degli HDD Pag. 176

177 12 Ricerca ed esportazione del log file Obiettivo: Visualizzare le operazioni effettuate sul DVR, gli allarmi, le anomalie. Le informazioni del DVR vengono memorizzate nel log file che può venire esportato e visualizzato in qualsiasi momento. Passi: 1. Accedere all interfaccia Ricerca Log. Menu>Manutenzione>Informazioni Log Figura 17: Interfaccia di ricerca del log file Pag. 177

178 3. 4. Impostare le condizioni di ricerca quali data/ora inizio, data/ora fine, filtro principale e filtro secondario. Cliccare sul pulsante Ricerca per avviare la ricerca nel log file. Le voci corrispondenti al criterio di ricerca verranno visualizzate nella lista di seguito. Nota: Possono venire visualizzati fino a 2000 voci del log file contemporaneamente. Figura 18: Risultati di ricerca sul log file Pag. 178

179 5. Cliccare sul sul pulsante di ciascuna voce del log per selezionarla oppure effettuare un doppio click per visualizzare i dettagli della voce del log. Cliccare sul pulsante per visualizzare la registrazione video correlata alla voce del log se disponibile. Figura 19:Dettagli log Pag. 179

180 6. Se si desidera esportare il log file, selezionare un evento e cliccare sul pulsante Backup per accedere all interfaccia Backup. In alternativa è possibile esportare anche l intero log file con i passi che seguono. a) Accedere all interfaccia Esporta Log. Menu>Manutenzione>Informazioni Log>Esporta Log Figura 110:Esportazione del log file b) Pag. 180 Mettere un flag nel campo di tipo checkbox accedere all interfaccia di esportazione. per selezionare l HDD e cliccare sul pulsante Backup per

181 Figura 111:Esportazione del log file Selezionare il dispositivo di backup dal menu a tendina Nome Dispositivo. Cliccare sul pulsante Backup per esportare il log file sul dispositivo di backup selezionato. Cliccare sul pulsante Nuova Cartella per creare una nuova cartella nel dispositivo di backup, oppure cliccare sul pulsante Formatta per formattare il dispositivo di backup prima di esportare il log file. Nota: Collegare il dispositivo di backup al DVR prima di effettuare la procedura di esportazione del log file. Il risultato dell esportazione del log file sarà un file che verrà nominato con data e ora di esportazione: per esempio: logBack.txt. Pag. 181

182 13 Importazione/esportazione del file di configurazione del DVR Obiettivo: Esportare il file di configurazione del DVR su un dispositivo di backup. Successivamente il file di configurazione può venire importato su più DVR se si desidera configurarli tutti con gli stessi parametri. Passi: 1. Accedere all interfaccia Importa/Esporta File Config. Menu>Manutenzione>Importa/Esporta Figura 112:Importazione/esportazione del file di configurazione 3. Cliccare sul pulsante Esportazione per esportare il file di configurazione sul dispositivo di backup selezionato. Per importare il file di configurazione, selezionare il file dal dispositivo di backup e cliccare sul pulsante Importa. Dopo aver completato correttamente il processo di importazione, il DVR si riavvierà per rendere effettive le modifiche della configurazione. Pag. 182

183 14 Aggiornamento firmware del DVR Obiettivo: Aggiornare il firmware del DVR per mezzo di un dispositivo di backup locale oppure per mezzo di un server FTP remoto Aggiornamento per mezzo di un dispositivo di backup locale Passi: Collegare al DVR un dispositivo di backup locale in cui è stato copiato il file di aggiornamento del firmware. Accedere all interfaccia Aggiorna da locale. Menu>Manutenzione>Aggiorna FW Cliccare sul pulsante Aggiorna da locale per accedere all interfaccia di aggiornamento da locale. Figura 113:Interfaccia di aggiornamento da locale Selezionare il file di aggiornamento dal dispositivo di backup. Cliccare sul pulsante Aggiorna FW per avviare l aggiornamento. Dopo aver completato l aggiornamento, il DVR si riavvierà per caricare il nuovo firmware. Pag. 183

184 14.2 Aggiornamento con un server TFTP Prima di iniziare: Configurare il PC con il server TFTP installato e il DVR nella stessa rete locale (LAN). Avviare il software TFTP sul PC e copiare il firmware nella cartella radice del TFTP. Passi: 1. Accedere all interfaccia Aggiorna FW. Menu>Manutenzione>Aggiorna FW Cliccare sul pulsante FTP per accedere all interfaccia di aggiornamento via FTP. Figura 114:Interfaccia di aggiornamento via FTP Inserire l indirizzo IP del server FTP nel campo editabile. Cliccare sul pulsante Aggiorna FW per avviare l aggiornamento. Dopo aver completato l aggiornamento, riavviare il DVR per caricare il nuovo firmware. Nota: E' possibile effettuare un aggiornamento FW anche dal software client ivms-4200 installato su un PC remoto Pag. 184

185 15 Ripristino delle impostazioni di fabbrica Passi: 1. Accedere all interfaccia Default. Menu>Manutenzione>Ripristina Default Figura 115:Ripristino alle impostazioni di fabbrica Cliccare sul pulsante OK per ripristinare le impostazioni di fabbrica. Nota: Ad eccezione dei soli parametri di rete (indirizzo IP, subnet mask, gateway, MTU, modo funzionamento scheda di rete, default route e porta server), tutti gli altri parametri del DVR verranno ripristinati sulle impostazioni di fabbrica. Pag. 185

186 13 Altre configurazioni 13.1 Impostazioni generali Obiettivo: Configurare lo standard dell uscita video BNC, la risoluzione dell uscita video VGA/HDMI, la velocità del puntatore del mouse, ecc. Passi: 1. Accedere all interfaccia Generale. Menu>Configurazione sistema>generale Selezionare la cartella Generale. Figura 13.1: Interfaccia impostazioni generali 3. Configurare le seguenti impostazioni: Lingua: Impostare la lingua. La lingua di sistema di default è Italiano. Standard uscita CVBS: Selezionare lo standard dell uscita video CVBS su NTSC oppure su PAL. Deve essere lo stesso standard degli ingressi video. Risoluzione: Selezionare la risoluzione dell uscita VGA/HDMI rendendola corrispondente alla risoluzione supportata dal monitor. 4. Fuso Orario: Impostare il fuso orario. Formato Data: Impostare il formato della data. Data Sistema: Impostare la data di sistema. Ora Sistema: Impostare l ora di sistema. Velocità puntatore mouse: Impostare la velocità del puntatore del mouse; sono configurabili fino a 4 livelli. Abilita procedura guidata: Abilita/disabilita la procedura guidata quando il DVR si avvia. Abilita autenticazione ID: Abilita/disabilita la richiesta di login all utente da locale. Cliccare sul pulsante Applica per salvare le impostazioni. Pag. 186

187 13.2 Ora legale Passi: 1. Accedere all interfaccia delle impostazioni generali. Menu>Configurazione sistema>generale Scegliere la voce Ora Legale. Figura 13.2: Interfaccia impostazioni ora legale 3. Mettere un flag nel campo di tipo checkbox Regolazione automatica ora solare/legale. In alternativa mettere un flag nel campo di tipo checkbox Abilita ora legale, ed impostare le date di inizio e di fine del periodo in cui vige l ora legale. Pag. 187

188 13.3 Altre impostazioni Passi: 1. Accedere all interfaccia impostazioni generali. Menu>Configurazione sistema>generale Cliccare sul pulsante Altre impostazioni. Figura 13.3:Interfaccia altre impostazioni 3. Configurare le seguenti impostazioni: Nome dispositivo: Editare il nome del DVR. Nota: Nel caso di collegamento della periferica alla centrale Sicep MvsNET in questo campo, oltre all'eventuale nome del dispositivo, va inserito il codice della periferica impostato sulla centrale preceduto dal simbolo #. Esempio: DVR Sicep #5055 No. Dispositivo: Numero seriale per il telecomando del DVR. E possibile impostare un parametro compreso fra 1 e 255. Il valore di default è 255. Non modificare tale valore a meno che non si voglia far funzionare il DVR con telecomandi diversi da quello fornito a corredo della periferica. Luminosità uscita CVBS: Regolare la luminosità dell uscita video muovendo il cursore. Operazione scaduta: Impostare il tempo di inattività per l uscita dal menu. Ad esempio, se il parametro è impostato su 5 minuti, il sistema uscirà automaticamente dalla pagina corrente del menu dopo 5 minuti di inattività. Modo Uscita Menu: Impostare la modalità dell uscita video principale su Auto, HDMI/VGA oppure su CVBS. Nota: Quando si seleziona Auto, il dispositivo rileva automaticamente all avviamento del dispositivo se è connessa l uscita HDMI/VGA oppure l uscita CVBS. Nel caso in cui entrambe siano connesse l uscita HDMI/VGA è la principale e l uscita CVBS è la secondaria. Dopo aver cambiato la modalità dell uscita video, riavviare il dispositivo per rendere effettive le impostazioni effettuate. 4. Cliccare sul pulsante Applica per salvare le impostazioni. Pag. 188

189 13.4 Gestione account utente Obiettivo: Aggiungere, rimuovere, modificare i permessi di accesso al DVR. Di default il DVR è configurato con un utente di livello amministratore ed un utente di livello operatore. L utente amministratore ha nome utente admin e per password L utente operatore necessario per la comunicazione con la centrale MvsNET ha nome utente mvs e per password SICEP. Solo l utente amministratore ha i permessi per aggiungere, cancellare nuovi utenti oltre che configurare i privilegi di accesso al sistema da locale oppure da remoto. Può esservi solo un utente amministratore. Modificare i dati di default degli utenti (nome utente e password) per evitare indebiti accessi alla periferica. NOTA: La centrale MvsNET accede alla periferica come utente mvs, quindi nel caso la si voglia collegare al DVR non eliminarlo dalla lista utenti Aggiungere un nuovo utente Passi: 1. Accedere all interfaccia Gestione Utenti. Menu>Configurazione sistema>utente Figura 13.4: Interfaccia gestione utenti Pag. 189

190 Cliccare sul pulsante Aggiungi per accedere all interfaccia Aggiungi Utente. Figura 13.5: Menu per aggiungere un nuovo utente 3. Inserire le informazioni di un nuovo utente, incluso Nome utente, Password, Conferma, Livello ed Indirizzo MAC utente. Livello: Impostare il livello dell utente su Operatore oppure su Ospite. Diversi livelli di utente hanno diversi privilegi di accesso. Operatore: Di default l utente Operatore ha il permesso di effettuare le seguenti operazioni: ricerche su log locale e da remoto playback locale e remoto accedere alla sezione di manutenzione utilizzare l audio bidirezionale da remoto. esportazioni di video ed eventi modificare la registrazione manuale da locale e remoto. controllo PTZ locale e remoto visualizzare video in tempo reale in locale e remoto. Non può configurare nessuna impostazione Ospite: Di default l utente Ospite ha il permesso di effettuare le seguenti operazioni: ricerche su log locale e da remoto. playback da locale e da remoto accedere alla sezione di manutenzione. Non può configurare nessuna impostazione né visualizzare il video in tempo reale da remoto ma solo da locale. Indirizzo MAC utente: E l indirizzo MAC del PC remoto che fa il log in nel DVR. Se è configurato ed abilitato è permesso solo al PC con quell indirizzo MAC di accedere al DVR da remoto. Pag. 190

191 4. Cliccare sul pulsante OK per salvare le impostazioni e tornare sull interfaccia Gestione Utenti. Il nuovo utente aggiunto verrà visualizzato nella lista. Figura 13.6: Lista degli utenti nell interfaccia gestione utenti Pag. 191

192 5. Selezionare l utente dalla lista e cliccare sul pulsante per accedere all interfaccia Permessi dove è possibile personalizzare le impostazioni di default dell utente. Figura 13.7: Interfaccia di impostazione dei permessi di un utente 6. Impostare secondo le proprie necessità i permessi operativi dell utente relativi alla configurazione da locale, alla configurazione da remoto ed alla configurazione delle telecamere. Configurazione Locale Ricerca su log da locale: ricerca e visualizzazione del log file e delle informazioni di sistema del DVR. Impostazione dei parametri da locale: configurazione parametri, ripristino parametri di default ed importazione / esportazione del file di configurazione da locale. Operazioni avanzate da locale: gestione HDD (formattazione HDD, impostazione proprietà HDD), aggiornamento firmware di sistema, ripristino uscite relè da locale. Spegnimento/Riavvio da locale: spegnimento e riavvio del DVR da locale. Configurazione Remota Ricerca su log da remoto: ricerca e visualizzazione da remoto del log file e delle informazioni di sistema del DVR. Impostazione dei parametri da remoto: configurazione parametri da remoto, ripristino parametri di fabbrica ed importazione / esportazione file di configurazione. Controllo porta seriale da remoto: configurazione da remoto delle impostazioni della porta seriale RS-485. Controllo uscita video da remoto: configurazione delle impostazioni per l uscita video Gestione audio bidirezionale da remoto: canale audio bidirezionale fra client remoto e DVR. Controllo allarmi da remoto: notifica degli allarmi e delle anomalie su un client remoto e controllo dell uscita relè. Operazioni avanzate da remoto: gestione HDD da remoto (formattazione HDD, impostazione proprietà HDD), aggiornamento firmware di sistema, ripristino uscite relè. Spegnimento/riavvio da remoto: spegnimento e riavvio del DVR da remoto. Pag. 192

193 Configurazione Telecamere Vista live da remoto: visualizza da remoto il live delle telecamere selezionate. Operazioni manuali da locale: avvia/arresta da locale la registrazione e la cattura immagini manuali della telecamere selezionate e attiva/disattiva le uscite relè delle telecamere selezionate. Operazioni manuali da remoto: avvia/arresta da remoto la registrazione manuale, la cattura immagini e attiva/disattiva le uscite relè della telecamere selezionate. Playback da locale: playback da locale dei file registrati delle telecamere selezionate. Playback da remoto: playback da remoto dei file registrati delle telecamere selezionate. Controllo PTZ da locale: controllo PTZ da locale delle telecamere selezionate. Controllo PTZ da remoto: controllo PTZ da remoto delle telecamere selezionate. Backup video locale: esportazione da locale dei file registrati delle telecamere selezionate. Nota: E necessario selezionare le telecamere nell interfaccia Gestione TLC per la configurazione dei permessi. 7. Cliccare sul pulsante OK per salvare le impostazioni ed uscire dall interfaccia. Nota: Solo l utente admin ha il permesso di ripristinare il DVR ai parametri di fabbrica Eliminare un utente esistente Passi: 1. Accedere all interfaccia Gestione Utenti. Menu>Configurazione sistema>utente Selezionare l utente che si desidera cancellare dalla lista. Figura 13.8: Cancellare un utente 3. Cliccare sul pulsante per cancellare un utente selezionato. Pag. 193

194 Modifica di un utente Passi: 1. Accedere all interfaccia Gestione Utenti. Menu>Configurazione sistema>utente Figura 13.9:Editazione di un utente Pag. 194

195 Selezionare nella lista l utente che di desidera editare. 3. Cliccare sul pulsante per accedere all interfaccia Modifica Utente. Figura 13.10: Interfaccia di modifica di un utente Editare le informazioni dell utente quali nome utente, password, livello e indirizzo MAC. Cliccare sul pulsante OK per salvare le impostazioni ed uscire dal menu Logout/spegnimento/riavvio del DVR Passi: 1. Accedere all interfaccia Spegnimento. Menu>Spegnimento Figura 13.11: Menu spegnimento Cliccare sul pulsante Uscita per effettuare il log out dell utente. Cliccare sul pulsante Spegnimento per spegnere il DVR. Cliccare sul pulsante Riavvio per riavviare il DVR. Nota: Dopo aver effettuato il log out dal DVR è necessario inserire nell interfaccia di log in il nome utente e la password se si desidera operare di nuovo sul menu del DVR. Pag. 195

DVR serie DS-7200-SH/SV. Guida Rapida d Uso e di Installazione. Versione 2.2.1

DVR serie DS-7200-SH/SV. Guida Rapida d Uso e di Installazione. Versione 2.2.1 DVR serie DS-7200-SH/SV Guida Rapida d Uso e di Installazione Versione 2.2.1 UD.6L0202B0039A01 Grazie per aver scelto HIKVISION. Questa Guida fa riferimento ai seguenti Modelli di DVR: DS-7204HVI-SH, DS-7208HVI-SH,

Dettagli

VISTA PANNELLO POSTERIORE

VISTA PANNELLO POSTERIORE DVR 16 INGRESSI H264-WEB-USB Videoregistratore digitale real-time dotato del nuovo formato di compressione H.264. Dispone di sedici ingressi video e quattro audio, interfaccia Ethernet (10-100 Base-T),

Dettagli

DVR e HVR serie DS-9100/9000/8100/8000HFI-ST. Guida Rapida d Uso e di Installazione. Versione 2.1.0

DVR e HVR serie DS-9100/9000/8100/8000HFI-ST. Guida Rapida d Uso e di Installazione. Versione 2.1.0 DVR e HVR serie DS-9100/9000/8100/8000HFI-ST Guida Rapida d Uso e di Installazione Versione 2.1.0 Grazie per aver scelto HIKVISION. Questa Guida fa riferimento ai seguenti Modello di DVR: DS-9104HFI-ST,

Dettagli

DVR serie DS-72xx. Guida Rapida d Uso ed Installazione. Versione 1.2.2

DVR serie DS-72xx. Guida Rapida d Uso ed Installazione. Versione 1.2.2 Guida Rapida d Uso ed Installazione Versione 1.2.2 Guida Rapida d Uso e di Installazione per i DVR serie DS72xx 1 Verifica degli Accessori Installazione degli HDD Verificare che tutti gli accessori siano

Dettagli

Serie DVR Ibrido MANUALE D USO Versione 1.0.2

Serie DVR Ibrido MANUALE D USO Versione 1.0.2 Serie DVR Ibrido MANUALE D USO Versione 1.0.2 SOMMARIO C A P I T O L O 1... 5 Introduzione... 5 Caratteristiche principali del prodotto... 6 Schema di collegamento del prodotto... 9 Funzionamento del DVR...

Dettagli

DVR H.264 RealTime. Videoregistratori Digitali. Caratteristiche principali

DVR H.264 RealTime. Videoregistratori Digitali. Caratteristiche principali Videoregistratori Digitali 28/10/2010- G184/4/I Caratteristiche principali 4/8/16 canali video per 4 canali audio RealTime Risoluzione massima fino a 704 x 576 Compressione H.264 Interfaccia di rete 10/100

Dettagli

VIDEO SERVER GV-VS02

VIDEO SERVER GV-VS02 VIDEO SERVER GV-VS02 Il Video Server GV-VS02 è un convertitore a 2 canali audio/video che consente di trasformare qualsiasi telecamera analogica tradizionale in una telecamera di rete compatibile con sistemi

Dettagli

G-DVR 4 I/8 I/16 I Manuale Utente G-DVR 4I / 8I / 16I. DVR serie IBRIDO. Manuale Utente

G-DVR 4 I/8 I/16 I Manuale Utente G-DVR 4I / 8I / 16I. DVR serie IBRIDO. Manuale Utente G-DVR 4I / 8I / 16I DVR serie IBRIDO Manuale Utente CAPITOLO 1 - Introduzione Indice Panoramica generale 1 Caratteristiche del Vostro DVR 1 Layout del DVR e delle Periferiche 3 Utilizzo del DVR da Pannello

Dettagli

Wizard Home & Wizard Base Guida Rapida

Wizard Home & Wizard Base Guida Rapida Wizard Home & Wizard Base Guida Rapida NORME GENERALI DI SICUREZZA Sicurezza delle persone Leggere e seguire le istruzioni - Tutte le istruzioni per la sicurezza e per l'operatività devono essere lette

Dettagli

SISTEMI PER LA VIDEO- REGISTRAZIONE DIGITALE

SISTEMI PER LA VIDEO- REGISTRAZIONE DIGITALE SISTEMI PER LA VIDEO- REGISTRAZIONE DIGITALE edition 02 Sistemi per la Videoregistrazione Digitale I DVR stand alone sono la moderna soluzione per l immagazzinamento delle video riprese, essi rappresentano

Dettagli

HVR AHD Serie 75.AHD40xx/75.AHD60xx 04/08/16CH. Manuale rapido prima installazione

HVR AHD Serie 75.AHD40xx/75.AHD60xx 04/08/16CH. Manuale rapido prima installazione HVR AHD Serie 75.AHD40xx/75.AHD60xx 04/08/16CH Manuale rapido prima installazione Il Manuale completo è disponibile in formato PDF all'interno del CD in dotazione o scaricabile dall'area "Download" del

Dettagli

Videoregistratori Serie DX

Videoregistratori Serie DX Pagina:1 DVR per telecamere AHD, analogiche, IP Manuale programma CMS Come installare e utilizzare il programma client per i DVR Pagina:2 Contenuto del manuale In questo manuale viene descritto come installare

Dettagli

Rev. 2.0. Serie DVR MANUALE D INSTALLAZIONE. Manuale d'installazione

Rev. 2.0. Serie DVR MANUALE D INSTALLAZIONE. Manuale d'installazione Rev. 2.0 Serie DVR MANUALE D INSTALLAZIONE i Sommario Introduzione...1 1 Pannelli e controlli...2 1.1 Pannello frontale...2 1.2 Pannello posteriore...4 1.3 Esempio di connessione...5 1.4 Connessione ingressi

Dettagli

VIDEOREGISTRATORE DIGITALE VR3004

VIDEOREGISTRATORE DIGITALE VR3004 VIDEOREGISTRATORE DIGITALE VR3004 4 canali stand-alone Page 1 Indice: 1. Caratteristiche 2. L apparecchio a. Fronte b. Retro c. Telecomando 3. Installazione a. Installazione dell hard disk b. Collegamento

Dettagli

Manuale DVR 8016 Full Slim. DVR 8016 Full Slim. Distribuito da Skynet Italia s.r.l. Pag. 1

Manuale DVR 8016 Full Slim. DVR 8016 Full Slim. Distribuito da Skynet Italia s.r.l. Pag. 1 DVR 8016 Full Slim Distribuito da Skynet Italia s.r.l. Pag. 1 Vi ringraziamo per aver scelto la nostra nuova linea di DVR! Questo manuale è stato creato per essere un sicuro strumento di riferimento sia

Dettagli

Videoregistratori ETVision

Videoregistratori ETVision Guida Rapida Videoregistratori ETVision Guida di riferimento per i modelli: DARKxxLIGHT, DARKxxHYBRID, DARKxxHYBRID-PRO, DARK16NVR, NVR/DVR da RACK INDICE 1. Collegamenti-Uscite pag.3 2. Panoramica del

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

DVR H.264 D1 Real Time

DVR H.264 D1 Real Time Videoregistratori Digitali 12/02/2014- G236/2/I Caratteristiche principali 8/16 canali video per 4 canali audio RealTime a risoluzione D1 Risoluzione massima fino a 704 x 576, compressione H.264 Interfaccia

Dettagli

Listino Prodotti 2014.. 05 Videoregistratori Digitali 960H. 19 Dispositivi HD. 39 Dispositivi Speciali. 44

Listino Prodotti 2014.. 05 Videoregistratori Digitali 960H. 19 Dispositivi HD. 39 Dispositivi Speciali. 44 Listino Prodotti 2014. 05 Videoregistratori Digitali 960H. 19 Dispositivi HD. 39 Dispositivi Speciali. 44 2 Videoregistratori Digitali 960 H DVR 4 / 8 / 16 / 32 Ch. Video H.264 4 5 Videoregistratori 960H

Dettagli

Belcom Security Systems S.r.l. Manuale Utente BTR eneo. MANUALE BTR SERIE 30xx / 31xx

Belcom Security Systems S.r.l. Manuale Utente BTR eneo. MANUALE BTR SERIE 30xx / 31xx MANUALE BTR SERIE 30xx / 31xx 1 1 Impostazioni iniziali 1.1 Pannello frontale Belcom Security Systems S.r.l. Manuale Utente BTR eneo 1) LED di controllo funzionalità: Hard disk pieno Registrazione attiva

Dettagli

DVR e QUAD DVR-VENEZIA

DVR e QUAD DVR-VENEZIA DVR e QUAD DVR-VENEZIA Caratteristiche principali - Real Esaplex (Registrazione, Live, Playback, Controllo, Backup e Connessione remota) - Connessione immediata con telefonino/pda senza bisogno di software

Dettagli

Guida di inizio rapida

Guida di inizio rapida IN3 IN4 HDMI esata Guida di inizio rapida MODELLO KIT SDS-P3042 / P4042 / P4082/ P5082 / P5102 / P5122 MODELLO DVR SDR-3102 / 4102 / 5102 SISTEMA SICUREZZA SAMSUNG ALL-IN-ONE Grazie per aver acquistato

Dettagli

Serie DVR VENEZIA DVR. Caratteristiche principali. Altre caratteristiche

Serie DVR VENEZIA DVR. Caratteristiche principali. Altre caratteristiche DVR Serie DVR VENEZIA Caratteristiche principali - Real Esaplex (Registrazione, Live, Play, Control, Backup, Connessione remota) - Connessione immediata tramite telefono cellulare/ PDA senza utilizzare

Dettagli

DVR H.264 Lite. Videoregistratori Digitali serie DRH-Lite. Caratteristiche principali

DVR H.264 Lite. Videoregistratori Digitali serie DRH-Lite. Caratteristiche principali Videoregistratori Digitali serie DRH-Lite 12/02/2014- G200/3/I Caratteristiche principali 4/8/16 canali video per 1/4/4 canali audio Registrazione real-time @CIF Risoluzione massima fino a 704 x 576 Compressione

Dettagli

DVR e QUAD Serie DVR-MILANO

DVR e QUAD Serie DVR-MILANO DVR e QUAD Serie DVR-MILANO Caratteristiche principali - Real Esaplex (Registrazione, Live, Playback, Controllo, Backup e Connessione remota) - Connessione immediata con telefonino/pda senza bisogno di

Dettagli

DVR SYSTEM SN 8 CANALI VIDEO H.264

DVR SYSTEM SN 8 CANALI VIDEO H.264 Mod. 1093 DS1093-058 DVR SYSTEM SN 8 CANALI VIDEO H.264 Sch. 1093/048SN DVR SYSTEM SN 16 CANALI VIDEO H.264 Sch. 1093/049SN MANUALE D USO INDICE 1 Informazioni generali... 5 1.1 Descrizione prodotto...

Dettagli

DVR ibridi Serie 6000

DVR ibridi Serie 6000 DVR ibridi Serie 6000 Guida veloce ART. 37/755 ART. 37/760 ART. 37/780 ELCART DISTRIBUTION S.p.A. Via Michelangelo Buonarroti, 46-20093 Cologno Monzese (Milano) Italy Tel. +39 02 25117300 - Fax +39 02

Dettagli

Popup Menu : Cliccare il tasto destro del mouse per farlo apparire. Scegliere come visualizzare le telecamere. Es. Gruppi di 4ch o 9ch

Popup Menu : Cliccare il tasto destro del mouse per farlo apparire. Scegliere come visualizzare le telecamere. Es. Gruppi di 4ch o 9ch 1. Menu Popup Menu : Cliccare il tasto destro del mouse per farlo apparire Menu Principale Multi-Canale Accede al menu principale Scegliere come visualizzare le telecamere Es. Gruppi di 4ch o 9ch Modalità

Dettagli

DVR Icatch serie X11Z: ICDVR-411ZW_811ZW; ICDVR-411ZWS_811ZWS; ICDVR-411ZAN_811ZAN_611ZAN 411ZAN_811ZAN_611ZAN; ICHDD916. DVR Icatch serie X11ZS-J: ICDVR-411ZS-J_811ZS-J_611ZS J_611ZS-J. DVR Icatch serie

Dettagli

MIRRORING DEGLI HARD-DISK

MIRRORING DEGLI HARD-DISK Videoregistratori Digitali serie DRH-DVD 12/02/2014- G185/5/I Caratteristiche principali 4/8/16 canali video per 4 canali audio MIRRORING DEGLI HARD-DISK per modelli 8 e 16 canali RealTime Risoluzione

Dettagli

DVR DVR FIRENZE 16. Caratteristiche principali. Altre caratteristiche

DVR DVR FIRENZE 16. Caratteristiche principali. Altre caratteristiche DVR DVR FIRENZE 16 Caratteristiche principali Con il DVR FIRENZE 16 Fracarro propone una soluzione altamente professionale capace di registrare in tempo reale 16 telecamere (400 fps) su dischi sia interni

Dettagli

Manuale d uso DVR4S. Videoregistratore Digitale. VER. 1.2 ottobre 2005 - 1 -

Manuale d uso DVR4S. Videoregistratore Digitale. VER. 1.2 ottobre 2005 - 1 - DVR4S Videoregistratore Digitale Il contenuto del presente documento pu VER. 1.2 ottobre 2005 ò essere soggetto a cambiamenti senza preavviso. - 1 - Indice 1. Introduzione 1.1 Presentazione del dispositivo

Dettagli

SOFTWARE DI GESTIONE PSS

SOFTWARE DI GESTIONE PSS Rev. 1.0 SOFTWARE DI GESTIONE PSS Prima di utilizzare questo dispositivo, si prega di leggere attentamente questo manuale e di conservarlo per future consultazioni. Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta S.

Dettagli

Software centralizzazione per DVR

Software centralizzazione per DVR Software centralizzazione per DVR Manuale installazione ed uso 2 INTRODUZIONE Il PSS (Pro Surveillance System) è un software per PC utilizzato per gestire DVR e/o telecamere serie VKD. Tramite esso è possibile

Dettagli

PRX-MP404 PRX-MP409 manuale d uso

PRX-MP404 PRX-MP409 manuale d uso www.protexitalia.it PRX-MP404 PRX-MP409 manuale d uso videoregistratori digitali MPEG-4 Digital Video Recorder 1 PRX-MP404 PRX-MP409 ELENCO FUNZIONI Indice......2 Capitolo 1: Generalità DVR...4 Capitolo

Dettagli

Registratore H.264 D1 in Tempo Reale

Registratore H.264 D1 in Tempo Reale Registratore H.264 D1 in Tempo Reale Caratteristiche principali Registrazione in tempo reale di tutti gli ingressi in H.264 D1 Triplo steaming per registrare, e Telefonia mobile (JPEG, QCIF) Supporto CMS

Dettagli

Videoregistratore digitale

Videoregistratore digitale BPT Spa a Socio Unico Centro direzionale e Sede legale Via Cornia, 1/b 33079 Sesto al Reghena (PN) - Italia http://www.bpt.it mailto:info@bpt.it XDVA04CVR Videoregistratore digitale Manuale di installazione

Dettagli

MT-EVR4 DVR 4 CANALI. Manuale di installazione e programmazione

MT-EVR4 DVR 4 CANALI. Manuale di installazione e programmazione MT-EVR4 DVR 4 CANALI Manuale di installazione e programmazione 1. IMPORTANTI ISTRUZIONI 1) Leggi attentamente questo manuale 2) Conserva questo manuale 3) Segui attentamente tutte le istruzioni qui riportate

Dettagli

DVR Lite H.264 100fps 4 canali

DVR Lite H.264 100fps 4 canali DVR Lite H.264 100fps 4 canali DVR Embedded DR4H-Lite 17/01/2011- G185/2/I Caratteristiche principali Sistema FAN-LESS 4 canali video per 1 canale audio Fino a 100 fps in registrazione Risoluzione massima

Dettagli

DVR 4/8/16 CH AHD 720P. Manuale di installazione rapida LCTVR2004AHD LCTVR2008AHD LCTVR2016AHD

DVR 4/8/16 CH AHD 720P. Manuale di installazione rapida LCTVR2004AHD LCTVR2008AHD LCTVR2016AHD DVR 4/8/16 CH AHD 720P Manuale di installazione rapida LCTVR2004AHD LCTVR2008AHD LCTVR2016AHD ver1.0 Manuale di installazione Specifiche Tecniche Modello LCTVR2004AHD LCTVR2008AHD LCTVR2016AHD Sistema

Dettagli

DVR HA-8160 H264 Manuale Utente Vers. 1.0 Marzo 2010

DVR HA-8160 H264 Manuale Utente Vers. 1.0 Marzo 2010 DVR HA-8160 H264 Manuale Utente Vers. 1.0 Marzo 2010 1 Indice 1. Specifiche 3 2. Installazione 5 3. Installazione del DVR 5 4. Funzionamento 6 5. Impostazioni Display 8 6. Impostazioni Menu Principale

Dettagli

LCTVR2004D1 FULL D1 VIDEOREGISTRATORE DIGITALE. Manuale di installazione rapida

LCTVR2004D1 FULL D1 VIDEOREGISTRATORE DIGITALE. Manuale di installazione rapida VIDEOREGISTRATORE DIGITALE FULL D1 Manuale di installazione rapida In linea con le normative sulla privacy vigenti e pubblicate dal GARANTE DELLA PRIVACY su http://www.garanteprivacy.it LCT1238/ver1.0

Dettagli

LCTVR1008MD FULL D1 & FULL CIF. Manuale di installazione rapida VIDEOREGISTRATORE DIGITALE. Manuale di installazione rapida. Manuale d installazione

LCTVR1008MD FULL D1 & FULL CIF. Manuale di installazione rapida VIDEOREGISTRATORE DIGITALE. Manuale di installazione rapida. Manuale d installazione Manuale di installazione rapida VIDEOREGISTRATORE DIGITALE FULL D1 & FULL CIF LCTVR1008MD Manuale di installazione rapida www.realprotection.it 1 NORME GENERALI DI SICUREZZA Sicurezza delle persone Leggere

Dettagli

Guida rapida DVR HD Parte prima: Operazioni di base Parte due: Controllo remoto

Guida rapida DVR HD Parte prima: Operazioni di base Parte due: Controllo remoto Guida rapida DVR HD Parte prima: Operazioni di base... 2 1. Installazione di base... 2 2. Avvio... 2 3. Spegnimento... 2 4. Accesso... 2 5. Anteprima... 3 6. Configurazione registrazione... 3 7. Riproduzione...

Dettagli

Guida Introduzione Prodotto

Guida Introduzione Prodotto GE Security DVSR xu Seconda Generazione con Funzionalità Estese. Informazioni Prodotto Descrizione Prodotto: Codice Prodotto: DVSR xu è la seconda generazione di Videoregistratore digitale streaming con

Dettagli

Videoregistratori Serie DX

Videoregistratori Serie DX Pagina:1 DVR per telecamere AHD, analogiche, IP Manuale APP mobile Come installare e utilizzare l App per dispositivi mobili Pagina:2 Contenuto del manuale In questo manuale viene descritto come installare

Dettagli

Guida Introduzione Prodotto

Guida Introduzione Prodotto GE Security SymSuite VideoRegistratori SymSafe e SymSafe Pro Informazioni Prodotto Descrizione Prodotto: Nuova Linea di Videoregistratori Digitali Serie Hybrid Codice Prodotto: Differenti Codici a seconda

Dettagli

Accensione del DVR. Collegare il cavo di alimentazione al DVR per accendere l unità. L unità richiederà circa 60 secondi per l avvio.

Accensione del DVR. Collegare il cavo di alimentazione al DVR per accendere l unità. L unità richiederà circa 60 secondi per l avvio. Videoregistratore digitale art. MDVR825B/MDVR808B/49816 Pannello posteriore del DVR Pannello posteriore del DVR a 16 ingressi Ingressi video Terminali video passanti Porta RS485 Ingressi/Uscite di allarme

Dettagli

FULL D1. In linea con le normative sulla privacy vigenti e pubblicate dal GARANTE DELLA PRIVACY su http://www.garanteprivacy.it

FULL D1. In linea con le normative sulla privacy vigenti e pubblicate dal GARANTE DELLA PRIVACY su http://www.garanteprivacy.it FULL D1 Manuale di installazione rapida In linea con le normative sulla privacy vigenti e pubblicate dal GARANTE DELLA PRIVACY su http://www.garanteprivacy.it www.realprotection.it 1 NORME GENERALI DI

Dettagli

Manuale rapido prima installazione con configurazione Plug and Play

Manuale rapido prima installazione con configurazione Plug and Play FAC-SIMILE NVR Serie 75.IPN50xx 04/08/16 Manuale rapido prima installazione con configurazione Plug and Play Il Manuale completo è disponibile in formato PDF all'interno del CD in dotazione o scaricabile

Dettagli

Videoregistratori Serie DH

Videoregistratori Serie DH Pagina:1 DVR per telecamere analogiche, 960H, HD-SDI Manuale programma ViewCam Come installare e utilizzare l App per dispositivi mobili Pagina:2 Contenuto del manuale In questo manuale viene descritto

Dettagli

DVR G-DVR4H/8H/16H Videoregistratore Digitale 4/8/16 ingressi. Guida all Installazione Manuale Utente

DVR G-DVR4H/8H/16H Videoregistratore Digitale 4/8/16 ingressi. Guida all Installazione Manuale Utente DVR G-DVR4H/8H/16H Videoregistratore Digitale 4/8/16 ingressi Guida all Installazione Manuale Utente Indice Installazione... 4 Verifica del Contenuto... 4 Pre-Installazione del DVR... 4 Installazione

Dettagli

Video Registratore Digitale. G-Digirec 4S. Manuale Utente

Video Registratore Digitale. G-Digirec 4S. Manuale Utente Video Registratore Digitale G-Digirec 4S Manuale Utente INDICE Introduzione... 1 Introduzione al Videoregistratore Digitale (DVR)... 1 Pannello frontale... 2 Pannello posteriore... 3 Installazione del

Dettagli

Guida Introduzione Prodotto

Guida Introduzione Prodotto GE Security Truvision TVR10 VideoRegistratore Digitale in Tempo Reale. Informazioni Prodotto Descrizione Prodotto: Videoregistratore Digitale a 4 ingressi della serie Truvision TVR10 con compressione H264

Dettagli

DVR serie DS-72xx-ST MANUALE UTENTE. Manuale Utente dei DVR serie DS-72XX 1

DVR serie DS-72xx-ST MANUALE UTENTE. Manuale Utente dei DVR serie DS-72XX 1 DVR serie DS-72xx-ST MANUALE UTENTE Manuale Utente dei DVR serie DS-72XX 1 Hikvision Network Digital Video Recorder User Guide Copyright 2010, Hikvision, Ltd. All rights reserved. This document may not

Dettagli

EASY VISION - VIDEOREGISTRATORI IBRIDI

EASY VISION - VIDEOREGISTRATORI IBRIDI EASY VISION - VIDEOREGISTRATORI IBRIDI EASY VISION SICEP arrichisce la gamma dei prodotti dedicati alla videosorveglianza presentando la serie EasyVision, un videoregistratore a 4 ingressi video, con sistema

Dettagli

MANUALE D'USO. NAVIGATOR Primi Passi

MANUALE D'USO. NAVIGATOR Primi Passi NAVIGATOR Primi Passi Guida con i Primi Passi per conoscere il software NAVIGATOR per la visualizzazione, registrazione e centralizzazione degli impianti IP Megapixel Professionali. Versione: 1.0.0.72

Dettagli

Novità! Data sheet DVR DVR TRI SMART4. Caratteristiche principali. Altre caratteristiche

Novità! Data sheet DVR DVR TRI SMART4. Caratteristiche principali. Altre caratteristiche DVR DVR TRI SMART4 Novità! Nuovo DVR Fracarro SERIE TRI, soluzione economica, compatta e performante a 4 canali con tecnologia AHD analogica e IP. Come sempre, la gamma dei DVR Fracarro si caratterizza

Dettagli

Server e Gateway VSoIP Pro

Server e Gateway VSoIP Pro IP video Server e Gateway VSoIP Pro Software VSoIP Server 3.2 14/12/2012- G215/2/I Caratteristiche principali VSoIP 3.2 Suite è il sistema di gestione video GANZ per reti Ethernet basato su una reale topologia

Dettagli

DVR - HVR - NVR ALL IN ONE

DVR - HVR - NVR ALL IN ONE DVR - HVR - NVR ALL IN ONE HA1104H, HA1108D, HA1116C, HA1116D DVR IBRIDO DVR ibrido a 16,8,4 canali, H.264, 960H, D1 e IP HA1104H: 4 canali full 960H HA1108D: 8 canali full 960H HA1116C: 16 canali (2 canali

Dettagli

Videoregistratore Digitale 4 Canali 25 ips @ D1

Videoregistratore Digitale 4 Canali 25 ips @ D1 BUDDY DVR by Videoregistratore Digitale 4 Canali 25 ips @ D1 Guida Rapida di Installazione ITA V. 1.0-201311 1 SOMMARIO Guida Rapida di Installazione 1. Log-In al DVR Introduzione alle principali funzioni...3

Dettagli

TELECAMERA IP DA ESTERNO con IR (cod. CP391 )

TELECAMERA IP DA ESTERNO con IR (cod. CP391 ) MANUALE UTENTE CP391 TELECAMERA IP DA ESTERNO con IR (cod. CP391 ) 1. Installazione 1.1 Collegamento Prima di effettuare qualsiasi operazione assicurarsi che tutti i dispositivi siano scollegati dall alimentazione.

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI SAN TAMMARO (CE() ARCHITETTURA DI RETE TAV 1 GENERALE

PROGETTO DI IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI SAN TAMMARO (CE() ARCHITETTURA DI RETE TAV 1 GENERALE PROGETTO DI IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI SAN TAMMARO (CE() ARCHITETTURA DI RETE TAV 1 GENERALE TAV 2 ACQUEDOTTO N. 1 IR Camera 3 MP sensore CMOS ½.8 SONY Exmor progressiv scan. Risoluzione:

Dettagli

Manuale di programmazione per videoregistratori digitali serie SMXXX. Prefazione

Manuale di programmazione per videoregistratori digitali serie SMXXX. Prefazione Prefazione Grazie per aver scelto il nostro prodotto. Per una migliore comprensione, si raccomanda di leggere le istruzioni e le informazioni di sicurezza prima di utilizzare il prodotto. Preavviso: Questo

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Manuale d'utilizzo valido per i modelli Sputnik Eco: 740-00001 4ch 740-00002 8ch

Manuale d'utilizzo valido per i modelli Sputnik Eco: 740-00001 4ch 740-00002 8ch Manuale d'utilizzo valido per i modelli Sputnik Eco: 740-00001 4ch 740-00002 8ch 1 AVVERTENZE Le immagini e i prodotti descritti nel manuale possono subire variazioni senza preavviso. Si prega di fare

Dettagli

VIDEOREGISTRATORE DIGITALE HRVR2708HDSDI. HD-SDI ibrido FULL HD & FULL D1. Manuale di installazione rapido

VIDEOREGISTRATORE DIGITALE HRVR2708HDSDI. HD-SDI ibrido FULL HD & FULL D1. Manuale di installazione rapido VIDEOREGISTRATORE DIGITALE HD-SDI ibrido FULL HD & FULL D1 Manuale di installazione rapido HR1260/ver.1.0 NORME GENERALI DI SICUREZZA Sicurezza delle persone Leggere e seguire le istruzioni Tutte le istruzioni

Dettagli

LCTVR1032MD VIDEOREGISTRATORE DIGITALE. 32 canali FULL WD1 / 960 H. Manuale rapido di installazione

LCTVR1032MD VIDEOREGISTRATORE DIGITALE. 32 canali FULL WD1 / 960 H. Manuale rapido di installazione VIDEOREGISTRATORE DIGITALE 32 canali FULL WD1 / 960 H Manuale rapido di installazione In linea con le normative sulla privacy vigenti e pubblicate dal GARANTE DELLA PRIVACY su http://www.garanteprivacy.it

Dettagli

MANUALE DVR 4 CANALI

MANUALE DVR 4 CANALI MANUALE DVR 4 CANALI SATA HDD SUPPORTATI Attenzione E qui fornita la lista degli hard disk compatibili col DVR Marca Maxtor Seagate HITACHI WD 250GB 250GB 250GB Dimensione/ Modello STM3250310AS ST3250824AS

Dettagli

Videoregistratori Serie DH

Videoregistratori Serie DH Pagina:1 DVR per telecamere analogiche, 960H, HD-SDI Manuale programma Viewclient Come installare e utilizzare il programma client per i DVR Pagina:2 Contenuto del manuale In questo manuale viene descritto

Dettagli

Manuale Utente Video Registratore Digitale DVR 8 CH

Manuale Utente Video Registratore Digitale DVR 8 CH Indice Indice...2 Attenzione...1 Caratteristiche principali...2 Funzionamento...2 Riproduzione...2 Registrazione...2 Rete...2 Audio...2 BackUp...2 Generale...3 Contenuto della confezione...4 Contenuto...4

Dettagli

DVR Lite 100fps 4 canali

DVR Lite 100fps 4 canali DVR Lite 100fps 4 canali DVR Embedded DR4N-Lite 30/08/2010- G164/46/I Caratteristiche principali Sistema FAN-LESS 4 canali video per 4 canali audio Fino a 100 fps in registrazione Risoluzione massima fino

Dettagli

GRA-D4416A. TVCC > DVR Analogici > DVR Standalone. DVR 960H 16 Ingressi, H.264. 16 Canali video D1 T / Registrazione fino a 400f

GRA-D4416A. TVCC > DVR Analogici > DVR Standalone. DVR 960H 16 Ingressi, H.264. 16 Canali video D1 T / Registrazione fino a 400f DVR 960H 16 Ingressi, H.264 16 Canali video D1 T / Registrazione fino a 400f 4 spot monitor indipendenti Allarme di Tamper Supporto Coaxitron (telemetria su coassiale) per setup telecamera Servizio DDNS

Dettagli

H. 264 EMBEDDED DVR + ALARM HOST VIDEOSKY MANUALE UTENTE

H. 264 EMBEDDED DVR + ALARM HOST VIDEOSKY MANUALE UTENTE H. 264 EMBEDDED DVR + ALARM HOST VIDEOSKY MANUALE UTENTE Sommario Introduzione... 3 Funzionalità... 3 Funzionalità di base... 3 Funzionalità di compressione... 3 Funzionalità di memorizzazione e backup...

Dettagli

Novità! Data sheet DVR DVR SERIE TRI. Caratteristiche principali. Altre caratteristiche

Novità! Data sheet DVR DVR SERIE TRI. Caratteristiche principali. Altre caratteristiche DVR DVR SERIE TRI Novità! Fracarro lancia la nuova SERIE DVR TRI, soluzione compatta e performante che estende la gamma dei DVR da 4 a 16 dai canali analogici, alla tecnologia AHD e IP. Come sempre, la

Dettagli

LCTVR2504D1 LCTVR2508D1 LCTVR2516D1

LCTVR2504D1 LCTVR2508D1 LCTVR2516D1 Sorveglianza remota tramite cellulare Apple iphone Windows Mobile Android Blackberry Symbian OS LCTVR2504D1 LCTVR2508D1 LCTVR2516D1 LCT1127/Ver1.0 1 Sorveglianza remota tramite Telefono Cellulare Compatibilità

Dettagli

TVV4004M Manuale d uso ed installazione

TVV4004M Manuale d uso ed installazione Manuale d uso ed installazione Indice 1 Introduzione 4 1.1 Contenuto della confezione......4 1.2 Specifiche tecniche....5 2 Installazione 6 2.1 Collegamenti telecamere.....6 3 Programmazione.... 6 3.1

Dettagli

DVR5104 DVR5108 DVR5116. DVR 4/8/16 canali. Manuale Installazione ed uso

DVR5104 DVR5108 DVR5116. DVR 4/8/16 canali. Manuale Installazione ed uso DVR5104 DVR5108 DVR5116 DVR 4/8/16 canali Manuale Installazione ed uso 2.1 ESEMPIO DI CONNESSIONE Qui di seguito riportiamo un esempio tipico di connessione: 2.2 UTILIZZO TRAMITE MOUSE Click su tasto sinistro

Dettagli

Server E-Map. Installazione del Server E-Map. Finestra del Server E-Map

Server E-Map. Installazione del Server E-Map. Finestra del Server E-Map Manuale d uso per i programmi VS Server E-Map Con E-Map Server, si possono creare mappe elettroniche per le telecamere ed i dispositivi I/O collegati a GV-Video Server. Usando il browser web, si possono

Dettagli

Rev. 1.0. Serie DVR MANUALE DI PROGRAMMAZIONE. Manuale di programmazione

Rev. 1.0. Serie DVR MANUALE DI PROGRAMMAZIONE. Manuale di programmazione Rev. 1.0 Serie DVR MANUALE DI PROGRAMMAZIONE Manuale di programmazione i MANUALE DI PROGRAMMAZIONE ii Manuale di programmazione Sommario 3 Navigazione menù principale...3 3.1 Login...3 3.2 Logout...3 3.3

Dettagli

ivms-4200 Client Software Guida Rapida

ivms-4200 Client Software Guida Rapida ivms-4200 Client Software Guida Rapida Informazioni Le informazioni contenute in questo documento sono soggette a modifiche senza preavviso e non costituiscono alcun impegno da parte di Hikvision. Hikvision

Dettagli

Il software gratuito GMS-Lite consente il collegamento a max. 10 DVR per un totale di 36 telecamere visualizzate.

Il software gratuito GMS-Lite consente il collegamento a max. 10 DVR per un totale di 36 telecamere visualizzate. Software freeware per DVR ZR-DHC Software per reti Ethernet GMS-Lite 0/0/009- G//I Caratteristiche principali Il software gratuito GMS-Lite consente il collegamento a max. 0 DVR per un totale di telecamere

Dettagli

Videoregistratori Digitali GAMS LIBRA EV

Videoregistratori Digitali GAMS LIBRA EV activity detector e da ingressi digitali. LIBRA EV, la nuova generazione Entry Level di videoregistratori digitali GAMS Made in Italy., Evoluzione nelle prestazioni, nelle caratteristiche, nella robustezza

Dettagli

WEBTX 01/02/04 / TIP5012 Manuale Installazione & Programmazione

WEBTX 01/02/04 / TIP5012 Manuale Installazione & Programmazione WEBTX 01/02/04 / TIP5012 Manuale Installazione & Programmazione SICURIT Alarmitalia S.p.a. Via Gadames 91 - MILANO (Italy) Tel. (02) 38070.1 (ISDN) Fax (02) 3088067 http://www.sicurit.it E-mail: info@sicurit.it

Dettagli

Server e Gateway VSoIP Pro

Server e Gateway VSoIP Pro IP video Server e Gateway VSoIP Pro Software VSoIP Server 3.1 15/06/2012- G215/1/I Caratteristiche principali VSoIP 3.1 Suite è il sistema di gestione video GANZ per reti Ethernet basato su una reale topologia

Dettagli

DVR ICATCH/NEXTMATE serie X11 411L/NMDH149 411S/NMDH245 411_811_611/NMDH 504_8_16 411A_811A_611A Note tecniche sulle versioni

DVR ICATCH/NEXTMATE serie X11 411L/NMDH149 411S/NMDH245 411_811_611/NMDH 504_8_16 411A_811A_611A Note tecniche sulle versioni DVR ICATCH/NEXTMATE serie X11 411L/NMDH149 411S/NMDH245 411_811_611/NMDH 504_8_16 411A_811A_611A Note tecniche sulle versioni Note tecniche sulla versione 1.0.3b97 Eliminato problema: alcuni modelli di

Dettagli

DVR H.264 960H Real Time

DVR H.264 960H Real Time Videoregistratori Digitali serie DR-FX 03/10/2014- G296/3/I Caratteristiche principali Disponibili nelle versioni a 4, 8 o 16 canali Compressione H.264 efficiente Registrazione ad alta risoluzione, fino

Dettagli

PR-V404L - Videoregistratore digitale H264-4 ingressi -

PR-V404L - Videoregistratore digitale H264-4 ingressi - MANUALE DI INSTALLAZIONE Rev. 1.0 PR-V404L - Videoregistratore digitale H264-4 ingressi - INDICE CONTENUTO DELLA CONFEZIONE OPERAZIONI PRELIMINARI Installazione del disco fisso Areazione Selezione del

Dettagli

DVR 4 CANALI (cod. CP478)

DVR 4 CANALI (cod. CP478) DVR 4 CANALI (cod. CP478) MANUALE UTENTE Videoregistratore digitale real-time dotato del nuovo formato di compressione H.264, quattro canali con frame rate di 100 IPS, interfaccia Ethernet e visione tramite

Dettagli

LocationFree Player. Guida all impostazione e all utilizzo del sistema PSP (PlayStation Portable) 2-671-880-71(1)

LocationFree Player. Guida all impostazione e all utilizzo del sistema PSP (PlayStation Portable) 2-671-880-71(1) 2-671-880-71(1) LocationFree Player Guida all impostazione e all utilizzo del sistema PSP (PlayStation Portable) Questo manuale contiene le istruzioni per configurare l Unità Base LocationFree per l uso

Dettagli

Sistemi di Video Sorveglianza

Sistemi di Video Sorveglianza Sistemi di Video Sorveglianza WEB Based Technology Il sistema di video-sorveglianza è basato su un sistema di visualizzazione-registrazione costituito da un Camera Server e da una o più telecamere Digitali

Dettagli

Sorveglianza remota tramite cellulare LCTVR2304SE. Apple iphone Windows Mobile Android Blackberry Symbian OS

Sorveglianza remota tramite cellulare LCTVR2304SE. Apple iphone Windows Mobile Android Blackberry Symbian OS Sorveglianza remota tramite cellulare LCTVR2304SE Apple iphone Windows Mobile Android Blackberry Symbian OS LCT1024/Ver1.0 1 Sorveglianza remota tramite Telefono Cellulare Compatibilità La serie Di DVR

Dettagli

TVCC VIDEOREGISTRATORI DIGITALI SERIE DG90, DG100 E DG200. Linea seriale RS-485 per il controllo remoto da tastiera.

TVCC VIDEOREGISTRATORI DIGITALI SERIE DG90, DG100 E DG200. Linea seriale RS-485 per il controllo remoto da tastiera. VIDEO REGISTRATORI DIGITALI SERIE DG VIDEOREGISTRATORI DIGITALI SERIE DG90, DG100 E DG200 Caratteristiche Alta qualità di compressione MPEG-4, 5-10 volte più veloce ed efficace rispetto la compressione

Dettagli

Manuale Operativo P2P Web

Manuale Operativo P2P Web Manuale Operativo P2P Web Menu Capitolo 1 Configurazione dispositivo... Errore. Il segnalibro non è definito. 1.1 Configurazione funzione P2P dispositivo... 2 Capitolo 2 Operazioni P2P Web... Errore. Il

Dettagli

NVR 4/8/12/16 telecamere

NVR 4/8/12/16 telecamere IP video NVR 4/8/12/16 telecamere KNR 13/12/2012 B075/1/I Caratteristiche principali All in one Firmware già installato, nessuna installazione di software necessaria Upgrade freeware Unico Varietà di hardware

Dettagli

ATVDVR4TUL-INT. 1.[Porte USB] 2.[Ricevitore IR & LED] DEVICE Connessione con il PC per aggiornamento Firmware. HOST Esportazione video su flash pen

ATVDVR4TUL-INT. 1.[Porte USB] 2.[Ricevitore IR & LED] DEVICE Connessione con il PC per aggiornamento Firmware. HOST Esportazione video su flash pen EDINTEC S.R.L. Viale Umbria, 24 20090 Pieve Emanuele (MI) Tel. 02 91988336 ATVDVR4TUL-INT www.gladiusnet.it - sales@gladiusnet.it E MODELLO COM MONITOR DA 7" 1.[Porte USB] DEVICE Connessione con il PC

Dettagli

Libra EV. videoregistrazione digitale. Principali caratteristiche. Videoregistratori Digitali GAMS

Libra EV. videoregistrazione digitale. Principali caratteristiche. Videoregistratori Digitali GAMS LIBRA EV, la nuova generazione Entry Level di videoregistratori digitali GAMS Made in Italy., Evoluzione nelle prestazioni, nelle caratteristiche, nella robustezza e nella semplicità d uso., Evoluzione

Dettagli