CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A"

Transcript

1 CGIL CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A cura di: Staff Formazione Ufficio Vertenze Confederale CGIL LIGURIA Versione integrale 1

2 2

3 LE LEGGI DELLO STATO ED I CONTRATTI DI LAVORO DETTANO LE NORME CHE DISCIPLINANO IL SISTEMA RETRIBUTIVO Articolo 36 della Costituzione Articolo 2099 del Codice Civile 3

4 L art. 36 della Costituzione Sancisce il principio della retribuzione proporzionata, equa e sufficiente, OVVERO: Proporzionata alla quantità di lavoro Equa rispetto alla qualifica, ai disagi, ai turni Sufficiente alle esigenze di una vita dignitosa del lavoratore e della sua famiglia In quanto diritto costituzionale, è obbligatoria, irrinunciabile e continuativa anche in caso di crisi aziendale DEVE ESSERE DETERMINATA ALL ATTO DELL ASSUNZIONE 4

5 Il Codice Civile, art stabilisce... La retribuzione può essere stabilita a tempo o a cottimo e deve essere corrisposta, nella misura determinata dalla contrattazione collettiva, con le norme e nei termini in uso nel luogo in cui il lavoro viene eseguito. 5

6 LA BUSTA PAGA È il prospetto di quanto il lavoratore ha percepito e di quanto ha versato agli enti previdenziali, sotto forma di contributi, allo stato per imposte sui redditi di lavoro. SANCISCE L ESISTENZA L DI UN RAPPORTO CON: Il datore di lavoro attraverso la retribuzione Gli enti previdenziali attraverso i contributi versati Lo stato attraverso le imposte pagate 6

7 Funzione della busta paga (l. n 4 del 5 gennaio 1953) Al momento del pagamento il datore di lavoro deve consegnare la busta paga, contenente gli elementi che compongono la retribuzione, che ha valore legale (clicca qui per approfondimenti) 7

8 Le informazioni contenute nella busta paga La legge non prescrive un particolare modello di busta paga. Tuttavia, debbono essere contenute le seguenti informazioni distintamente specificate: Denominazione dell azienda, ente ecc. Nome e cognome del lavoratore Data d assunzione Qualifica ed inquadramento Periodo di paga alla quale la retribuzione si riferisce Importo dei singoli elementi che concorrono a formularla (paga base, anzianità, contingenza e/o indennità integrativa speciale ecc.) Trattenute di legge (previdenziali e fiscali) e di contratto 8

9 STRUTTURA DELLA BUSTA PAGA NELLA PRIMA PARTE vengono elencati i dati relativi all azienda, all amministrazione o all ente, i dati anagrafici del lavoratore, la data d assunzione, la qualifica e gli elementi fissi della retribuzione, le varie voci che compongono la retribuzione del mese considerato (così da formare la retribuzione ordinaria mensile) 9

10 STRUTTURA DELLA BUSTA PAGA NELLA SECONDA PARTE, vengono descritte nel dettaglio le ore o i giorni effettuati di attività lavorativa, le ferie godute, i giorni di malattia o infortunio, assegni ad personam, superminimi, incentivi ecc. la cui somma determinerà l effettivo stipendio lordo 10

11 STRUTTURA DELLA BUSTA PAGA NELLA TERZA PARTE SONO CONTENUTE: Le trattenute previdenziali e fiscali (INPS, INPDAP, IRPEF ecc.) resta la retribuzione netta. 11

12 COMPOSIZIONE DELLA RETRIBUZIONE A) DIRETTA: Voci strettamente legate alla prestazione lavorativa del mese. B) INDIRETTA Retribuzione corrisposta in assenza di prestazioni di lavoro. C) DIFFERITA Compensi versati con periodicità superiore al mese o a fine rapporto 12

13 RETRIBUZIONE DIRETTA ELEMENTI FISSI: Stipendio base o minimo contrattuale Indennità di contingenza o integrativa speciale (se non assorbita) Scatti d anzianità Indennità ad personam Superminimi individuali E.D.R. 31/07/92 ecc. ELEMENTI VARIABILI O ACCESSORI: Lavoro supplementare o eccedente Straordinario giornaliero, notturno, festivo Produttività Turnazioni Reperibilità Indennità di trasferta Indennità varie (cassa, nocività, IVC ecc.) 13

14 RETRIBUZIONE INDIRETTA Permessi per gravi motivi familiari Malattia Infortunio Maternità Cassa integrazione guadagni Ferie Festività Tredicesima Eventuali gratifiche Permessi retribuiti Congedo matrimoniale (per approfondimenti sulla retribuzione in caso di assenze clicca qui 14

15 RETRIBUZIONE DIFFERITA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO PREMIO DI FEDELTÀ PREMIO DI ANZIANITÀ 15

16 QUANDO DEVE ESSERE CORRISPOSTA LA RETRIBUZIONE? Di norma la retribuzione deve essere corrisposta entro la fine del mese di paga, eventuali scadenze diverse sono disciplinate dal contratto di lavoro. La retribuzione se mensilizzata, prende il nome di STIPENDIO, di SALARIO se è in relazione alle ore prestate. 16

17 PER CALCOLARE LA RETRIBUZIONE ORARIA GIORNALIERA MENSILE BISOGNA CONOSCERE I DIVISORI (concordati nei singoli c.c.n.l.) (concordati nei singoli c.c.n.l.) Orari Giornalieri Mensili 17

18 DETERMINAZIONE DELLA PAGA GIORNALIERA ED ORARIA La paga giornaliera si ottiene dividendo l importo mensile per il divisore convenzionale giornaliero La paga oraria si ottiene dividendo l importo mensile per il divisore convenzionale orario (Esempio: 156 per il pubblico impiego, 173 per i metalmeccanici) 18

19 SCALA MOBILE IL 30 NOVEMBRE 1991 HA CESSATO DI ESISTERE perché CONFINDUSTRIA HA DISDETTO L ACCORDO IL 31 LUGLIO 1992 L ACCORDO INTERCONFEDERALE HA STABILITO L EROGAZIONE DI UN Elemento Distinto dalla Retribuzione DI VENTIMILA LIRE ( 10,33) PER 13 MENSILITÀ A COPERTURA DELL INFLAZIONE 1992/1993 Va conteggiata su: TFR, preavviso, malattia, infortunio e maternità, CIGO e congedo matrimoniale 19

20 AUMENTI PERIODICI D ANZIANITÀ Quota retributiva collegata all anzianità aziendale, compensa la maggiore professionalità acquisita nel tempo e la fedeltà aziendale; dapprima introdotta per i soli impiegati, in seguito estesa a tutte le categorie, infine unificata per livelli con la parificazione operai/impiegati. Ogni C.C.N.L. definisce il numero massimo di scatti, la loro biennalità o triennalità, il loro importo in cifra fissa o in % della paga professionale con decorrenza dal 1 giorno del mese successivo al compimento del biennio. 20

21 1) LE MAGGIORAZIONI PER: Lavoro straordinario; Notturno; Festivo, eventualmente disagiato, ecc; vengono calcolate in % della retribuzione normale (quella corrisposta quale compenso per la prestazione resa durante l orario normale di lavoro, fatte salve diverse disposizioni contrattuali). 21

22 2) Seguito maggiorazioni I C.C.N.L. limitano il massimo di ore di straordinario a cui poter ricorrere; Per legge si considera lavoro notturno quello prestato, per almeno 7 ore consecutive, che includa l intervallo tra la mezzanotte e le 5.00 del mattino. Si considera lavoro festivo quello effettuato, di norma, nelle domeniche o nelle altre festività di calendario. 22

23 INDENNITÀ I c.c.n.l. stabiliscono le indennità, in aggiunta alla normale retribuzione, per i lavoratori che operano in lavorazioni nocive, disagiate o pericolose o comunque particolari; Tali indennità sono erogate esclusivamente per le ore o le giornate di lavoro prestate nelle condizioni definite dai rispettivi c.c.n.l. 23

24 INDENNITÀ Trasferta, diaria, rimborsi spese; Trasferimento; Reperibilità; Provvigioni, maneggio denaro; Trasporto; Vacanza contrattuale (I.V.C.); Sostitutiva della mensa; Lavorazione nociva, disagiata, pericolosa. 24

25 RICORDIAMOCI CHE Dette indennità hanno riflessi sugli altri istituti contrattuali, solo se ciò è espressamente previsto dal CCNL. Le maggiorazioni sono soggette sia ai contributi assicurativi e previdenziali sia fiscali. 25

26 Sono escluse da contributi: erogazioni liberali in occasione di festività e ricorrenze, se non superiori nel periodo d imposta a 258,22 Le indennità di trasferta forfettarie fuori dal territorio comunale e fino a 46,48 euro/giorno. 26

27 gli importi sostitutivi.. L indennità sostitutiva di mensa è esclusa dalla retribuzione imponibile fino a euro 5,29 al giorno solo se corrisposta agli addetti a cantieri edili, ad altra struttura lavorativa a carattere temporaneo o a unità produttive ubicate in zone prive di strutture o servizi di ristorazione. 27

28 Qualora le retribuzione erogata non superi i valori minimi giornalieri o orari stabiliti dalla legge, le ritenute vanno calcolate su tali minimi. Art.1 L.389/89; art.2 L.549/95 28

29 Superminimo individuale Il datore di lavoro può attribuire ai singoli dipendenti una retribuzione superiore ai minimi sindacali mediante la corresponsione di superminimi individuali. Superminimi e aumenti di merito sono aggiuntivi alla retribuzione e vanno calcolati su tutti gli istituti retributivi. Salvo esplicite esclusioni. 29

30 SUPERMINIMO ASSORBIBILE E NON Il superminimo individuale concordato tra datore di lavoro e dipendente, ovvero a titolo di liberalità, è sempre da intendersi assorbibile se non diversamente specificato. N.B. la specifica s intende in forma scritta 30

31 CONTRIBUTI PREVIDENZIALI I contributi di previdenza ed assistenza sociali sono calcolati in % della retribuzione lorda (base imponibile) formata da tutto ciò che il lavoratore riceve dal datore di lavoro in denaro o in natura, al lordo di qualsiasi ritenuta (legge 163/91) con esclusione di: Assegni familiari/indennità di maternità Permessi per donatori di sangue Indennità per infortunio e malattia Indennità di trasferta (41,48 euro/giorno) C.I.G. ecc: 31

32 TRATTENUTE PREVIDENZIALI Sono quote di retribuzione che il datore di lavoro, trattiene dalla busta paga per conto degli enti previdenziali Il datore di lavoro è tenuto a versare ai suddetti enti, oltre alle quote a carico del lavoratore, anche quelle a suo carico 32

33 Quali sono le trattenute? FPLD a carico dipendente 9.19% Se la retribuzione mensile supera euro (valore per l anno 2006) si aggiunge: 1,00% CIG straordinaria 0,30% 33

34 Contributo per la Cassa Integrazione Straordinaria È dovuto solo dai lavoratori di aziende che rientrano nell ambito di applicazione della CIGS (aziende industriali con più di 15 dipendenti). Il contributo è pari allo 0,30 % della retribuzione imponibile. 34

35 Determinazione del reddito di lavoro dipendente Art.48 del TUIR : Costituisce reddito tutto ciò che il dipendente riceve (somme e valori in genere), a qualunque titolo, in relazione al rapporto di lavoro compreso quindi: le indennità di integrazione salariale (la CIGO e la CIGS), le indennità di malattia, di infortunio e di maternità, comunque erogate. 35

36 REDDITO IMPONIBILE Ai fini del calcolo delle ritenute fiscali, le retribuzioni debbono essere depurate dei contributi previdenziali ed assistenziali obbligatori: Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti, CIGS. 36

37 Non concorrono a formare il reddito imponibile I contributi per assistenza sanitaria versati dal datore di lavoro e/o dal lavoratore ad enti e casse aventi esclusivamente fine assistenziale sino ad un importo complessivamente non superiore a per il 2006 e per il 2007 (DLGS. 41/2000 comma 2 lettera a) I contributi ai fondi pensione versati dal lavoratore e dal datore di lavoro sono deducibili fino ad un massimo di 5164,57. 37

38 IMPONIBILE FISCALE Si ottiene sottraendo dalle retribuzione lorda mensile le trattenute previdenziali. Esempio: stipendio mensile lordo 2000,00 contrib. previd. (9,19%) 183,80 Imponibile IRPEF 1816,20 38

39 LE RITENUTE FISCALI Le ritenute fiscali sono una quota di retribuzione che il lavoratore versa allo stato a titolo di Imposta del Reddito sulle Persone Fisiche (IRPEF) Tale trattenuta effettuata dal datore di lavoro in qualità di sostituto d imposta, viene trasferita allo stato con versamenti mensili; con la retribuzione di dicembre viene effettuato l eventuale conguaglio 39

40 LE RITENUTE FISCALI Reddito imponibile è la somma sulla quale si calcolano le trattenute fiscali lorde, applicando le aliquote relative agli scaglioni di reddito. Detrazioni sono le somme che, sottratte dalle trattenute lorde, danno come risultato l imposta netta da pagare. 40

41 Le aliquote per l anno l 2007 (escluse le addizionali) Fino a ,00 23% Da ,00 e fino a ,00 27% Da ,00 e fino a ,00 38% Da ,00 e fino a ,00 41% Oltre % 41

42 Calcoliamo l imposta lorda con un reddito mensile imponibile di euro imponibile aliquota Im posta lorda 1250,00 23% 287, % 152,87 440,37 Totale 42

43 IRPEF NETTA Dall imposta lorda, precedentemente calcolata, occorre sottrarre tutte le possibili detrazioni da lavoro dipendente e per carichi familiari. Sottraendo dall imponibile l imposta così calcolata, si ottiene il reddito netto, al quale si somma l eventuale assegno al nucleo familiare che è sempre definito al netto dell imposta. Per approfondimenti sulle detrazioni clicca qui 43

44 ADDIZIONALI L addizionale comunale si paga in relazione al domicilio fiscale del d 1/1/07 Genova 0,47% Imperia 0,50% La Spezia 0,40% Savona 0,33%, calcolata sul conguaglio reddito anno 06, si paga in 11 rate Da marzo 2007 si aggiungono 9 rate di acconto pari al 30% Addizionale regionale Fino a ,90% ,25% Da ,40% L addizionale, al momento, viene applicata sull intero reddito e non progressivamente sui diversi scaglioni 44

45 CONGUAGLIO ANNUALE Si tratta del conguaglio tra l imposta dovuta sugli importi percepiti e dell ammontare delle quote trattenute durante l anno Analogamente verranno conguagliate anche le detrazioni operate e quelle spettanti eventualmente non concesse Eventuali differenze d imposta verranno trattenute o rimborsate 45

46 Le detrazioni per lavoro dipendente spettano fino a concorrenza dell imposta lorda relativa all ammontare del reddito complessivo al fine di evitare che l importo delle detrazioni superi quello dell imposta. 46

47 ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE Ricordando che l assegno familiare è aggiuntivo alla retribuzione netta, ovvero non è tassabile, forniamo alcune tabelle esemplificative in relazione ai componenti del nucleo familiare ed al relativo reddito annuo: Per approfondimenti clicca qui oppure vai al sito: tab11af.htm 47

48 (TFR) TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO O LIQUIDAZIONE Spetta al lavoratore alla cessazione del rapporto di lavoro per: Dimissioni, licenziamento, in caso di morte, alla scadenza del contratto di lavoro a tempo determinato. Annualmente viene accantonata una cifra pari alla retribuzione annua diviso 13,5. Ogni 31 dicembre la somma delle cifre accantonate viene rivalutata al 75% degli indici ISTAT del costo della vita, più un coefficiente fisso dell 1,5% N.B. entro il 30 giugno 2007, i lavoratori dovranno optare per il mantenimento del TFR o il suo utilizzo ai fini della previdenza integrativa. 48

49 ANTICIPO DEL T.F.R. Il lavoratore con almeno 8 anni di anzianità aziendale ha diritto (per una sola volta nello stesso rapporto di lavoro)all anticipazione fino al 70% del TFR accantonato, per spese sanitarie o acquisto della prima casa, per sé o per i figli, per l istruzione. Le richieste di anticipo sono soddisfatte dall azienda entro il doppio limite, del 10% degli aventi diritto, in ogni caso entro il 4% del totale dei dipendenti. Analoghe anticipazioni oltre che per il TFR pregresso, sono previste nei fondi previdenziali integrativi. 49

50 50

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione Come leggere la Busta Paga G.I. G.I. Formazione Formazione La Busta Paga Cos è A Cosa Serve Come è Composta COS E La Busta Paga è il prospetto che indica la retribuzione che il lavoratore percepisce per

Dettagli

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella Corso: 2^ Operatore dei servizi all impresa Materia: Tecnica ed Economia Aziendale LA BUSTA PAGA ANNO FORMATIVO 2012/2013 La busta

Dettagli

Indice. 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE ANALISI DELLA RETRIBUZIONE DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3 1 Definizione di cedolino paga

Dettagli

Tuccio Rag. Emanuele

Tuccio Rag. Emanuele Commercialista Consulente del Lavoro Revisore Contabile Via Verga, 16 GELA (CL) Tel. 0933-911496 e-mail: emtucci@gmail.com CORSO DI FORMAZIONE ENNA BASSA 31-05-2011 Con il patrocinio di FEMCA CISL SICILIA

Dettagli

A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga

A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga * aggiornato al 20 luglio 2009 CHE COS È è un documento obbligatorio

Dettagli

Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga.

Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga. Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga. Obbligo della retribuzione globale di fatto. Come abbiamo detto, la tredicesima si calcola sulla base della retribuzione

Dettagli

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale IL METODO DEL COSTO STANDARD di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale Il datore di lavoro ha necessità di conoscere in via preventiva quale sarà il costo del personale che occupa

Dettagli

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro * aggiornato al 19.05.2011 CHE COS È è un documento obbligatorio che

Dettagli

IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA

IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA IL CALCOLO DELLA BUSTA PAGA REQUISITI DELLA BUSTA PAGA Corrispettività: deve trattarsi di importi che trovano causa diretta ed indiretta nel rapporto di lavoro; Onerosità: la prestazione di lavoro subordinato

Dettagli

La busta paga Gli elementi indispensabili per il riconoscimento sono Gli elementi retributivi contrattuali sono

La busta paga Gli elementi indispensabili per il riconoscimento sono Gli elementi retributivi contrattuali sono La busta paga La legge prevede che la busta paga deve contenere tutti gli elementi utili perché diventi comprensibile e identificabile per il lavoratore interessato. Gli elementi indispensabili per il

Dettagli

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA 1 COS È LA BUSTA PAGA è un documento obbligatorio (Legge 5 gennaio 1953, n. 4) che indica la retribuzione, le ritenute fiscali e previdenziali che il lavoratore

Dettagli

Come leggere la busta paga

Come leggere la busta paga Come leggere la busta paga Indice Che cosa è pag. 3 A cosa serve pag. 4 La struttura della busta paga pag. 5 Intestazione (dati ditta dati anagrafici e contrattuali lavoratore) pag. 6 Corpo della Busta

Dettagli

LE TREDICESIME DEL 2009 * * * effetto degli ammortizzatori sociali attivati dalle aziende a seguito della crisi mondiale.

LE TREDICESIME DEL 2009 * * * effetto degli ammortizzatori sociali attivati dalle aziende a seguito della crisi mondiale. Roma, 21 dicembre 2009 LE TREDICESIME DEL 2009 * * * Nelle famiglie stanno per arrivare le tredicesime, un flusso di danaro che sempre di più verrà utilizzato per soddisfare bisogni primari a discapito

Dettagli

SOMMARIO PRESENTAZIONE GLI AUTORI

SOMMARIO PRESENTAZIONE GLI AUTORI PRESENTAZIONE SOMMARIO GLI AUTORI Capitolo 1 - IL TFR DEFINIZIONE DI TFR Indennità di anzianità Trattamento di Fine Rapporto BENEFICIARI ANTICIPAZIONI 1. Limiti numerici al numero dei richiedenti 2. Limitazioni

Dettagli

6. CONTABILITA GENERALE

6. CONTABILITA GENERALE 6. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI GESTIONE SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 1 E. Scritture relative al lavoro dipendente Definizione Il lavoro rappresenta un fattore della produzione che contabilmente

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro CHE COS È E' un documento obbligatorio che indica la retribuzione,

Dettagli

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO Come leggere la Busta Paga ANNO 2016 Le GUIDE della Fondazione Studi A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 6 II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 14 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 E. Scritture relative

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

Guida alla lettura della busta paga

Guida alla lettura della busta paga Guida alla lettura della busta paga La busta paga è un documento che deve essere obbligatoriamente consegnato dal datore di lavoro al lavoratore dipendente al fine di certificare la retribuzione e le ritenute

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE

II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE CONTABILITA GENERALE 19 II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 29 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 E. Scritture relative

Dettagli

Il Trattamento di Fine Rapporto

Il Trattamento di Fine Rapporto Il Trattamento di Fine Rapporto Principi generali La Tassazione 1 Nozione di T.f.r. Riferimenti normativi Soggetti beneficiari Base imponibile Retribuzione Utile Periodi Utili Accantonamento Rivalutazione

Dettagli

LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE

LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE A cura del GRUPPO SULLE PROBLEMATICHE DEL LAVORO dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Torino, Ivrea e Pinerolo Relatore dottoressa Luisella

Dettagli

La retribuzione globale annua di cui al presente articolo viene erogata in 14 (quattordici) mensilità

La retribuzione globale annua di cui al presente articolo viene erogata in 14 (quattordici) mensilità TITOLO XXX Trattamento economico Articolo 7 NORMALE RETRIBUZIONE La normale retribuzione del lavoratore è costituita dalle voci sotto indicate alle lettere a), b), c) e d), nonché da tutti gli altri elementi

Dettagli

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Piergiorgio Mondini 17-18-19 febbraio 2015 Addizionali

Dettagli

Fatti i conti in... BUSTA PAGA

Fatti i conti in... BUSTA PAGA DIRITTO LAVORO Fatti i conti in... BUSTA PAGA I risultati dell indagine condotta da Jobadvisor qualche mese fa e pubblicati nell edizione di ottobre indicano che per la grande maggioranza dei neolaureati

Dettagli

N E W S L E T T E R Area Risorse Umane

N E W S L E T T E R Area Risorse Umane N E W S L E T T E R Area Risorse Umane SPECIALE BUSTA PAGA CHIARA Numero 10-29 ottobre 2002 Questo numero speciale della N E W S L E T T E R tratta un tema molto tecnico e da addetti ai lavori, ma che

Dettagli

COME LEGGERE LA BUSTA PAGA

COME LEGGERE LA BUSTA PAGA COME LEGGERE LA BUSTA PAGA Vediamo come si legge in pratica una busta paga, come individuare gli elementi della retribuzione, i vari tipi di trattenute, il loro calcolo e la loro interpretazione fino a

Dettagli

OGGETTO: Modello 770/2005 Semplificato Istruzioni per la compilazione.

OGGETTO: Modello 770/2005 Semplificato Istruzioni per la compilazione. DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE Roma, 4-7-2005 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali e per loro tramite: - Alle Amministrazioni Statali - Agli Enti con Personale Iscritto alle Casse CPDEL,

Dettagli

Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82)

Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82) R.S.U. Siae Microelettronica Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82) La materia in questione é regolata da leggi e dal contratto

Dettagli

COME SI LEGGE IL CEDOLINO DELLO STIPENDIO. ProfessionistiScuola.it

COME SI LEGGE IL CEDOLINO DELLO STIPENDIO. ProfessionistiScuola.it COME SI LEGGE IL CEDOLINO DELLO STIPENDIO Numero Partita = è il numero identificativo di Partita di Spesa Fissa del dipendente. È importante indicare tale numero identificativo ogni volta che si debba

Dettagli

ELENCO MEMORIE PER CUD 2014

ELENCO MEMORIE PER CUD 2014 ELENCO MEMORIE PER CUD 2014 MEMORIE NUMERICHE 1 Redditi lavoro dipendente e assimilati (Cas. 1) 2 Assegni periodici corrisposti dal coniuge (Cas. 5) 3-18 Caselle da 11 a 26 19 Altri datori - Imponibile

Dettagli

Legge finanziaria per il 2005: novità fiscali in materia di IRPEF

Legge finanziaria per il 2005: novità fiscali in materia di IRPEF di Pietro Ghigini docente di Economia aziendale Legge finanziaria per il 2005: novità fiscali in materia di IRPEF Premessa Approvata sul filo di lana, evitando per un soffio che i lavori parlamentari scivolassero

Dettagli

Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione

Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione di assegni per il nucleo familiare al personale dipendente

Dettagli

Gli emolumenti del personale della scuola

Gli emolumenti del personale della scuola Gli emolumenti del personale della scuola Di salvatore buonandi La retribuzione complessiva dei dipendenti della scuola è costituita da indennità di varia natura, di cui alcune concorrono con lo stipendio

Dettagli

Vademecum. Guida alla lettura della busta paga PRATICA LAVORO 2/2011 - INSERTO. Riferimenti normativi e nozione. Soggetti interessati.

Vademecum. Guida alla lettura della busta paga PRATICA LAVORO 2/2011 - INSERTO. Riferimenti normativi e nozione. Soggetti interessati. Guida alla lettura della busta paga Riferimenti normativi e nozione R.D.L. 10 settembre 1923, n. 1955 R.D.L. 28 agosto 1924, n. 1422 (*) L. 5 gennaio 1953, n. 4, art. 1 D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797, artt.

Dettagli

ELEMENTI DI PAGHE E CONTRIBUTI Formazione continua individuale

ELEMENTI DI PAGHE E CONTRIBUTI Formazione continua individuale ELEMENTI DI PAGHE E CONTRIBUTI Formazione continua individuale Durata: 60 ore Inizio corso: da definire Sede: Corso Raffaello 17/D - Torino Docente: dottore consulente del lavoro con esperienza consolidata

Dettagli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli Ecco qui di seguito, una sintesi della normativa generale che regola le operazioni relative al conguaglio di fine anno.

Dettagli

CASSA EDILE DI MUTUALITA E DI ASSISTENZA DI NOVARA FASCICOLO TABELLE

CASSA EDILE DI MUTUALITA E DI ASSISTENZA DI NOVARA FASCICOLO TABELLE CASSA EDILE DI MUTUALITA E DI ASSISTENZA DI NOVARA FASCICOLO TABELLE Percentuali contributive - Percentuali accantonamento Coefficienti malattia e infortunio IN VIGORE DAL MESE DI DICEMBRE 2012 2 TABELLE

Dettagli

Gli elementi della retribuzione

Gli elementi della retribuzione Gli elementi della retribuzione Che cosa è la retribuzione netta Con questa lezione entriamo nel vivo della compilazione della busta paga, dopo aver appreso le nozioni preliminari necessarie alla comprensione

Dettagli

LA RETRIBUZIONE IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE

LA RETRIBUZIONE IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE LA RETRIBUZIONE PREVIDENZIALE E FISCALE Esempi pratici a cura di Alessandra Gerbaldi xx 1 SCHEDA SINTETICA DEGLI IMPONIBILI PREVIDENZIALI E FISCALI Di seguito si riporta una scheda sintetica (Esempio A),

Dettagli

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE a1 a2 a3 a4 a5 a6 a7 A Retribuzione: Paga base Indennità contingenza Scatti anzianità Sperminimo individuale Lavoro straordinario Altri elementi imponibili ai fini

Dettagli

FATTORE LAVORO LAVORO DIPENDENTE LAVORO DIPENDENTE. ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE. Lezione 21

FATTORE LAVORO LAVORO DIPENDENTE LAVORO DIPENDENTE. ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE. Lezione 21 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE Anno Accademico 2011 2012 Lezione 21 FATTORE LAVORO Fonti che regolano il rapporto

Dettagli

IMPARARE A LEGGERE LA BUSTA PAGA FILCTEM CGIL VENEZIA FEDERAZIONE ITALIANA LAVORATORI CHIMICI TESSILI ENERGIA MANIFATTURE

IMPARARE A LEGGERE LA BUSTA PAGA FILCTEM CGIL VENEZIA FEDERAZIONE ITALIANA LAVORATORI CHIMICI TESSILI ENERGIA MANIFATTURE IMPARARE A LEGGERE LA BUSTA PAGA FILCTEM CGIL VENEZIA FEDERAZIONE ITALIANA LAVORATORI CHIMICI TESSILI ENERGIA MANIFATTURE INDICE 3 Capitolo 1 Cos è la busta paga A cosa serve la busta paga Struttura della

Dettagli

Filctem Michelin: Formazione Sindacale. La Busta Paga. di Guarino Antonino nino.guarino@alice.it

Filctem Michelin: Formazione Sindacale. La Busta Paga. di Guarino Antonino nino.guarino@alice.it 1 La Busta Paga di Guarino Antonino nino.guarino@alice.it Indice: Che Legge La Regola? Quali Informazioni Contiene? 2 Cos è La Busta Paga? Le Voci Economiche Elementi Fissi e Variabili A Cosa Serve? Contributi

Dettagli

Trattamento Economico del personale tecnico amministrativo e calcolo dello stipendio mensile

Trattamento Economico del personale tecnico amministrativo e calcolo dello stipendio mensile Strumento utile alla lettura del Cedolino Stipendi Trattamento Economico Fonti normative Le fonti normative che regolano il trattamento economico del personale in servizio presso le Università si differenziano

Dettagli

Il personale dipendente

Il personale dipendente Il personale dipendente Tra i fattori della produzione di una azienda vanno ricompresi i costi sostenuti per le prestazioni lavorative di soggetti dipendenti e di lavoratori autonomi. Il costo del lavoro

Dettagli

SE VUOI ASSUMERE UNA ASSISTENTE FAMILIARE PER TE O PER UN FAMILIARE.

SE VUOI ASSUMERE UNA ASSISTENTE FAMILIARE PER TE O PER UN FAMILIARE. IMPEGNATIVA DEL NUOVO DATORE DI LAVORO SE VUOI ASSUMERE UNA ASSISTENTE FAMILIARE PER TE O PER UN FAMILIARE. per mancato perfezionamento procedura di regolarizzazione Il Commissariato del governo per la

Dettagli

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI A cura di Alessandra Gerbaldi 1 LA BUSTA PAGA NEL CASO DI LAVORO STRAORDINARIO Di seguito si ipotizza il caso di un lavoratore, dipendente di azienda che applica

Dettagli

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 SINTESI CCNL LAVORO DOMESTICO decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 Indice della Sintesi Contrattuale Artt.

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO 02 2015

NEWSLETTER LAVORO 02 2015 AVVOCATI COMMERCIALISTI CONSULENTI del LAVORO NEWSLETTER LAVORO 02 2015 Normativa lavoro 1. Jobs Act: approvazione decreto contratto tutele crescenti e novità in via di approvazione 2. Stabilizzazione

Dettagli

LEGGERE LA BUSTA PAGA

LEGGERE LA BUSTA PAGA LEGGERE LA BUSTA PAGA Maria Elisa Caldera Consulente del Lavoro Iscritta al n 839 dell'ordine Provinciale di Brescia info@calderaconsulenzalavoro.it Programma di Lavoro Busta paga: Cos'è A cosa serve Le

Dettagli

Il Calcolo dei contributi:

Il Calcolo dei contributi: Il Calcolo dei contributi: Tabella di calcolo dei contributi La La utile al calcolo del TFR La quota di TFR da versare al Fondo Cometa La tredicesima e la quattordicesima mensilità Il caso di cassa integrazione

Dettagli

LA BUSTA PAGA MA INSOMMA QUANTO PRENDO AL MESE? Manualetto per poter leggere la propria busta paga a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia

LA BUSTA PAGA MA INSOMMA QUANTO PRENDO AL MESE? Manualetto per poter leggere la propria busta paga a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia LA BUSTA PAGA MA INSOMMA QUANTO PRENDO AL MESE? Manualetto per poter leggere la propria busta paga a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia A cura dei delegati FIOM CGIL Aprilia Gennaio 2013 1 Sommario

Dettagli

Paghe e Contributi. Corsi. Padova. Corso Base. Corso Avanzato. Paghe e Contributi. Paghe e Contributi

Paghe e Contributi. Corsi. Padova. Corso Base. Corso Avanzato. Paghe e Contributi. Paghe e Contributi Corsi Centro Paghe...al Servizio del Professionista Corso Base Corso Avanzato Corso Base Paghe e contributi >> Costituzione del rapporto di lavoro e retribuzione Malattia, maternità, infortunio e adempimenti

Dettagli

FASCICOLO TABELLE SOCIETA DI LAVORO INTERINALE

FASCICOLO TABELLE SOCIETA DI LAVORO INTERINALE CASSA EDILE DI MUTUALITA E DI ASSISTENZA DI NOVARA FASCICOLO TABELLE SOCIETA DI LAVORO INTERINALE Percentuali contributive - Percentuali accantonamento Coefficienti malattia e infortunio IN VIGORE DAL

Dettagli

GRAFICA ED EDITORIA (INDUSTRIA)

GRAFICA ED EDITORIA (INDUSTRIA) GRAFICA ED EDITORIA (INDUSTRIA) G Data: Decorrenza: 28 MARZO 2008 1 ipotesi di accordo 30 maggio 2011 11 Scadenza normativa: Scadenza economica: 31 marzo 2013 31 marzo 2013 Parti firmatarie Associazione

Dettagli

Da tale definizione si evince come i caratteri peculiari del suddetto rapporto siano i tre seguenti:

Da tale definizione si evince come i caratteri peculiari del suddetto rapporto siano i tre seguenti: LA GESTIONE E L AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE di Giuliana Airaghi Masina Destinatari: alunni classi IV IGEA IV IPSC Obiettivi: conoscere il diverso significato di lavoro subordi nato e lavoro autonomo

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

Conoscere la busta paga Solo alcune informazioni utili

Conoscere la busta paga Solo alcune informazioni utili Conoscere la busta paga Solo alcune informazioni utili La busta paga La busta paga è il prospetto che indica la somma che il lavoratore percepisce come compenso per un determinato periodo di lavoro. Essa

Dettagli

COS E LA BUSTA PAGA? è il prospetto che indica la retribuzione che il lavoratore percepisce per un determinato periodo di lavoro

COS E LA BUSTA PAGA? è il prospetto che indica la retribuzione che il lavoratore percepisce per un determinato periodo di lavoro La Busta Paga Meridiana Fly Dopo i cambiamenti degli ultimi anni, riteniamo opportuno riepilogare le voci della nostra retribuzione ed abbiamo deciso di creare questo documento per dare uno strumento utile

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Trattenute contributive

Trattenute contributive 14 RETRIBUZIONE DAL LORDO AL NETTO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre SEZIONE 2 Trattenute contributive a. Determinazione della retribuzione imponibile art. 2115 c.c.; art. 47 RDL 1827/35; art. 12 L. 153/69

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

CCNL LAVORATORI DOMESTICI CON DECORRENZA DAL 1 LUGLIO 2013 AL 31 DICEMBRE

CCNL LAVORATORI DOMESTICI CON DECORRENZA DAL 1 LUGLIO 2013 AL 31 DICEMBRE Indice IL CONTRATTO DI LAVORO - LE CATEGORIE - I CONTRIBUTI INPS - IL PERIODO DI PROVA - LA TREDICESIMA MENSILITÀ I GIORNI FESTIVI - GLI SCATTI DI ANZIANITÀ - LE FERIE - VITTO E ALLOGGIO - L ORARIO DI

Dettagli

Prof. Luigi Trojano. Esci

Prof. Luigi Trojano. Esci 1 LE FORME DI RETRIBUZIONE GLI ELEMENTI DELLA RETRIBUZIONE IL SISTEMA DELLE ASSICURAZIONI SOCIALI GESTIONI INPS MOBILITA CONTRIBUTI INPS E RILEVAZIONE ASSEGNI FAMILIARI RAPPORTI CON L INAILL INAIL: CONGUAGLIO

Dettagli

DETASSAZIONE E INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA DEL LAVORO

DETASSAZIONE E INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA DEL LAVORO DETASSAZIONE E INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA DEL LAVORO 1. QUADRO RMATIVO...2 1.1 Contenuti del D.L. n. 93/08...2 1.2 Contenuti del D.L. n. 185/08... 2 1.3 Contenuti della L. n. 191/09...3 1.4 Contenuti

Dettagli

Tema d esame ATTRAVERSO IL BILANCIO ATTIVITÀ DIDATTICHE. di Luisa VENINI

Tema d esame ATTRAVERSO IL BILANCIO ATTIVITÀ DIDATTICHE. di Luisa VENINI Tema d esame ATTIVITÀ DIDATTICHE REDDITO, PATRIMONIO E ATTRAVERSO IL BILANCIO LORO RAPPRESENTAZIONE di Luisa VENINI MATERIE AZIENDALI (classe 5 IP Tecnico servizi sociali) Tecnica amministrativa Il candidato,

Dettagli

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Integrazione malattia Durante l assenza del lavoratore l impresa, entro i limiti della conservazione del posto di cui all art. 27 del C.C.N.L in

Dettagli

Circolare Informativa n 1/2014. Scadenze CCNL DICEMBRE 2013

Circolare Informativa n 1/2014. Scadenze CCNL DICEMBRE 2013 Circolare Informativa n 1/2014 Scadenze CCNL DICEMBRE 2013 Pagina 1 di 12 INDICE 1) Alimentari PMI pag. 3 2) Area Alimentazione e panificazione pag.6 3) Autorimesse e noleggio automezzi pag.8 4) Carta

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Il Corso. Tfr: retribuzione utile, rivalutazione e anticipazione Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro. Lezione 4 - Trattamento di fine rapporto

Il Corso. Tfr: retribuzione utile, rivalutazione e anticipazione Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro. Lezione 4 - Trattamento di fine rapporto Lezione 4 - Trattamento di fine rapporto Il Corso Tfr: retribuzione utile, rivalutazione e anticipazione Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro Disciplina Duplice natura Beneficiari La legge n. 297/1982

Dettagli

ALLEGATO 1 IPOST PARTE C

ALLEGATO 1 IPOST PARTE C ALLEGATO 1 PARTE C Dati previdenziali IPOST I dati previdenziali devono essere certificati dalla Società Poste Italiane S.p.A., dalle società ad essa collegate e dall IPOST per il personale iscritto al

Dettagli

INDICE. Sezione Prima - INTRODUZIONE. Sezione Seconda - NOVITÀ DEL MODELLO CUD 2014

INDICE. Sezione Prima - INTRODUZIONE. Sezione Seconda - NOVITÀ DEL MODELLO CUD 2014 INDICE Sezione Prima - INTRODUZIONE Introduzione... pag. 14 Lo schema del CUD 2014 - Certificazione Unica Dipendenti...» 14 Termini di consegna al dipendente...» 15 Il trattamento dei dati personali...»

Dettagli

Elementi Costitutivi della Retribuzione

Elementi Costitutivi della Retribuzione Elementi Costitutivi della Retribuzione Nel porsi la domanda: "sono ben ricompensato?" un lavoratore deve prendere in considerazione molti aspetti, non solo la retribuzione. Deve prendere in conto, come

Dettagli

CALCOLO DEL TFR SCHEMA DI SINTESI. Continua ad applicarsi la precedente normativa, in vigore fino al 31.12.2000.

CALCOLO DEL TFR SCHEMA DI SINTESI. Continua ad applicarsi la precedente normativa, in vigore fino al 31.12.2000. SOMMARIO ESEMPI SCHEMA DI SINTESI DISCIPLINA FISCALE FAC-SIMILE DI BUSTA PAGA NUOVA DETRAZIONE D IMPOSTA SUL TFR CALCOLO DEL TFR Art. 17 D.P.R. 22.12.1986, n. 917 - Art. 11 D. Lgs. 18.02.2000, n. 47 -

Dettagli

Testata cedolino -Anagrafica azienda -Anagrafica dipendente -Qualifica e livello. Corpo cedolino(parte1) -Assenza, Malattia -Assegni nucleo familiare

Testata cedolino -Anagrafica azienda -Anagrafica dipendente -Qualifica e livello. Corpo cedolino(parte1) -Assenza, Malattia -Assegni nucleo familiare Testata cedolino -Anagrafica azienda -Anagrafica dipendente -Qualifica e livello Corpo cedolino(parte1) -Assenza, Malattia -Assegni nucleo familiare -TFR Corpo cedolino(parte2) -Area previdenziale -Ferie

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli

IL TFR COS È, COME SI UTILIZZA, E ALTRO. Manualetto a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia. A cura dei delegati FIOM CGIL Aprilia.

IL TFR COS È, COME SI UTILIZZA, E ALTRO. Manualetto a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia. A cura dei delegati FIOM CGIL Aprilia. IL TFR COS È, COME SI UTILIZZA, E ALTRO Manualetto a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia A cura dei delegati FIOM CGIL Aprilia Agosto 2010 1 Sommario 1. Un po di storia... 3 2. La normativa attuale

Dettagli

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013 Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20124 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

La busta paga: questa sconosciuta

La busta paga: questa sconosciuta La busta paga: questa sconosciuta Elementi contrattuali, fiscali e previdenziali. Giorgio Cavallero La retribuzione netta si ottiene: a) retribuzione lorda b) contributi previdenziali/assistenziali obbligatori

Dettagli

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro PROGRAMMA CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro 1. Collocamento ordinario 2. Collocamento obbligatorio 3. Adempimenti collegati

Dettagli

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE CORRISPOSTI NEL 2008...pag. 19. REDDITI ASSIMILATI A QUELLI DI LAVORO DIPENDENTE...pag. 24

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE CORRISPOSTI NEL 2008...pag. 19. REDDITI ASSIMILATI A QUELLI DI LAVORO DIPENDENTE...pag. 24 INDICE Sezione Prima - INTRODUZIONE INTRODUZIONE...pag. 14 Lo schema del CUD 2009 - Certificazione Unica Dipendenti...» 14 Termini di consegna al dipendente...» 15 Il trattamento dei dati personali...»

Dettagli

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015 Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Soggetti interessati Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. Unico PF 2015) i contribuenti

Dettagli

www.inca.it INCA - CGIL Legge 122/2010 Effetti previdenziali sulla disciplina del Fondo Elettrici 24/11/2010 a cura del Patronato INCA CGIL

www.inca.it INCA - CGIL Legge 122/2010 Effetti previdenziali sulla disciplina del Fondo Elettrici 24/11/2010 a cura del Patronato INCA CGIL INCA - CGIL Legge 122/2010 Effetti previdenziali sulla disciplina del Fondo Elettrici 1 Decreto Legislativo n 562/96 (articolo 2, comma 22, legge n 335/95) Armonizzazione delle Norme Previdenziali Fondo

Dettagli

QUANTO MI COSTA LA COLF

QUANTO MI COSTA LA COLF Quanto mi costa la colf? NEWS QUANTO MI COSTA LA COLF Chi decide di assumere una colf (o una badante) deve sostenere una serie di costi, che vanno dal corrispettivo della prestazione (con eventuali indennità

Dettagli

BUSTA PAGA. PERSONALE DIPENDENTE Dirigenti

BUSTA PAGA. PERSONALE DIPENDENTE Dirigenti BUSTA PAGA PERSONALE DIPENDENTE Dirigenti CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO DEL PERSONALE MEDICO/VETERINARIO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE BIENNIO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 2008-2009 RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

Trattamento di Fine Rapporto

Trattamento di Fine Rapporto (aggiornamento dicembre 09) Trattamento di Fine Rapporto Edizione novembre 2010 Pagina 1 (aggiornamento novembre 2010) INDICE 1 NOZIONI GENERALI pag. 3 2 TFR E FONDI PENSIONE pag. 3 3 TRATTAMENTO FISCALE

Dettagli

Corso di formazione in PAGHE E CONTRIBUTI

Corso di formazione in PAGHE E CONTRIBUTI Corso di formazione in PAGHE E CONTRIBUTI Obiettivi Obiettivo principale del corso è creare un operatore autonomo nella scelta e nella gestione delle varie tipologie di contratti e soprattutto con una

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 4 I SISTEMI DI CALCOLO DELLA PENSIONE RETRIBUTIVO E CONTRIBUTIVO.

Dettagli

ALIQUOTE CONTRIBUTIVE IN VIGORE. - CONTRIBUTI OPERAI Pag. 2 Precisazioni contributi operai Pag. 3

ALIQUOTE CONTRIBUTIVE IN VIGORE. - CONTRIBUTI OPERAI Pag. 2 Precisazioni contributi operai Pag. 3 CASSA EDILE BRESCIA VIA DEI MILLE 18 25122 BRESCIA TEL. 030 289061 FAX 030 3756321 / 030 5030823 www.cassaedilebrescia.it ALIQUOTE CONTRIBUTIVE IN VIGORE - CONTRIBUTI OPERAI Pag. 2 Precisazioni contributi

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

Questo istituto è frutto di una legge, che lascia alla contrattazione collettiva la facoltà di indicare le voci retributive da prendere in

Questo istituto è frutto di una legge, che lascia alla contrattazione collettiva la facoltà di indicare le voci retributive da prendere in Il TFR TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Che cos è? Il Trattamento di Fine Rapporto (la cosiddetta liquidazione ) è una somma aggiuntiva che viene corrisposta dal datore di lavoro al proprio dipendente al termine

Dettagli

Sommario Detassazione Per il 2009 premiata l innovazione e la produttività, restano esclusi gli straordinari Il decreto anticrisi Voci detassabili

Sommario Detassazione Per il 2009 premiata l innovazione e la produttività, restano esclusi gli straordinari Il decreto anticrisi Voci detassabili Sommario Detassazione 3 Per il 2009 premiata l innovazione e la produttività, restano esclusi gli 3 straordinari Il decreto anticrisi 4 Voci detassabili 4 Cosa dice la norma 5 Come deve procedere il lavoratore

Dettagli

FORMAZIONE - week end CORSO BASE PAGHE E CONTRIBUTI

FORMAZIONE - week end CORSO BASE PAGHE E CONTRIBUTI FORMAZIONE - week end ROMA 2011 Calendario didattico: sabato 05/marzo - domenica 06/marzo sabato 12/marzo - domenica 13/marzo sabato 19/marzo - domenica 20/marzo sabato 26/marzo - domenica 27/marzo Docenti:

Dettagli

SOMMARIO BUSTA PAGA IN PRATICA

SOMMARIO BUSTA PAGA IN PRATICA SOMMARIO 1. Rapporto di lavoro subordinato pag. 1 Definizione» 1 Elementi del lavoro subordinato» 2 Periodo di prova» 2 Cessazione del rapporto di lavoro» 3 Dimissioni» 3 Licenziamento» 4 Risoluzione consensuale»

Dettagli

LA RETRIBUZIONE: CALCOLO E DESTINAZIONE DEL TFR Cap. IV-4B

LA RETRIBUZIONE: CALCOLO E DESTINAZIONE DEL TFR Cap. IV-4B International Association of Lions and Leo Clubs Distretto 108-Ia1 IL LAVORO E L IMPRESA LA RETRIBUZIONE: CALCOLO E DESTINAZIONE DEL TFR Cap. IV-4B illustrazione di Gianni Chiostri Comitato Assise Italo

Dettagli

Guida alla retribuzione

Guida alla retribuzione Guida alla retribuzione A cura della dott.ssa Valentina Paoli La retribuzione costituisce l'obbligazione fondamentale che il datore di lavoro ha nei confronti del/la lavoratore/trice. L'art. 36 della Costituzione

Dettagli

IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO

IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO Introduzione al mondo del lavoro di cura L inquadramento (Minimi contrattuali in vigore PER L ANNO 2011) LIVELLO TABELLA A CONVIVENTI TABELLA B CONVIVENTI PART-TIME TABELLA

Dettagli