CORPORATE BONDS: ratio ed aspetti valutativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORPORATE BONDS: ratio ed aspetti valutativi"

Transcript

1 ALETTI GESTIELLE SGR GRUPPO BANCO POPOLARE DI VERONA E NOVARA MARKET FORUM Milano, 5 giugno 2003 Verona, 2 luglio 2004 CORPORATE BONDS: ratio ed aspetti valutativi Fabrizio Biondo, CFA - Responsabile Area Prodotti a Spread - 2 Page 1

2 CORPORATE BOND: ratio ed aspetti valutativi 1. IL MERCATO CORPORATE EUROPEO: il comparto Investment Grade (IG) e High Yield (HY) 1.1 Caratteristiche, evoluzione e confronto con il mercato americano 2. LA DISINTERMEDIAZIONE: la dinamica del rapporto tra prestiti bancari ed obbligazioni societarie 2.1 I vantaggi dei corporate bond dal punto di vista dell emittente 2.2 I punti di forza residuali del prestito bancario tradizionale 2.3 La disintermediazione: : gli altri canali utilizzati 3 CORPORATE BOND: ratio ed aspetti valutativi 3. LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO DELL EMITTENTE: 3.1 La valutazione della banca collocatrice 3.2 La valutazione dell investitore: analisi finanziaria 3.3 La valutazione dell investitore: analisi non finanziaria 3.4 La valutazione dell investitore: analisi strutturale 4. IL RUOLO DEI FONDI: 4.1 Diversificazione e Frazionamento 4.2 Lo stile di gestione sul mercato IG 4.3 Lo stile di gestione sul mercato HY 4 Page 2

3 IL MERCATO CORPORATE EUROPEO: caratteristiche ed evoluzione INVESTMENT GRADE Numero di Emissioni Market value (Mld Eur/ Usd) Scadenza Media Duration Media Rendimento Medio Spread to govts Spreads to swap Qualità HIGH YIELD Numero di Emissioni Market value (Mld Eur/ Usd) Scadenza Media Duration Media Rendimento Medio Spread to govts Spreads to swap Qualità 1998 EUR AA USD 1, USD NA 1998 EUR NA B NA A USD NA B EUR A EUR B A USD B1 LA DISINTERMEDIAZIONE: la dinamica del rapporto tra prestiti bancari ed obbligazioni societarie I VANTAGGI DEI CORPORATE BOND DAL PUNTO DI VISTA DELL EMITTENTE: Diversificazione delle fonti di finanziamento Scadenze target e profilo bullet Assenza di test ratio Ridotti covenant operativi Frequente assenza di seniority. Subordinazione strutturale e/o contrattuale LBO/MBO Pubblicità propedeutica alla quotazione Dividendi straordinari e shareholder loans. Altre (tasso fisso, convertibilità, ecc.) 6 Page 3

4 LA DISINTERMEDIAZIONE: la dinamica del rapporto tra prestiti bancari ed obbligazioni societarie I PUNTI DI FORZA RESIDUALI DEL PRESTITO BANCARIO TRADIZIONALE: Unico canale di finanziamento disponibile alle imprese di piccola dimensione Eclettismo polifunzionale: S/T loan WORKING K FACILITY Riservatezza Profilo amortising Aspetti relazionali e Inside Debt Commitment form Bridge loan Term Loan IMPLIED PUT OPTION INTERIM FINANCING CF PATTERN FRIENDLY Flessibilità: rinegoziazione dei covenant e sollecitazione del consenso Costi: rendimenti e rating 7 LA DISINTERMEDIAZIONE: gli altri canali utilizzati COMMERCIAL PAPER (CP): gli intermediari vengono by-passati. Negli Stati Uniti, il mercato in cui vengono massicciamente utilizzate, hanno una scadenza massima di 9 mesi, e la maggior parte di esse ha una scadenza uguale o inferiore ai 60 gg. Vengono quasi sempre emesse da società di grande o grandissima dimensione e supportate da esse attraverso la creazione di una backup credit line con una banca; di conseguenza il rischio di fallimento è minimo. Tagliando l intermediario, le società hanno la possibilità di prendere a prestito a tassi che possono essere tra l 1% e l 1.5% inferiori al Prime Rate; anche tenendo in considerazione la commissione del dealer e il costo della backup line, le CP consentono un risparmio significativo. 8 Page 4

5 LA DISINTERMEDIAZIONE: gli altri canali utilizzati MEDIUM TERM NOTES (MTNs): come nel caso dei bond, si tratta di strumenti a m/l termine (durata minima 270 gg e massima 30 anni). Allo stesso però, come le CP, non sono sottoscritte ma vendute in modo regolare agli investitori, tramite dealers oppure direttamente (es. via website). Il loro più grande pregio dal punto di vista dell emittente è la flessibilità: una società può dire al dealer l ammontare di risorse che vuole prendere a prestito in una data settimana, le scadenze che può offrire e i rendimenti massimi che è disposta a pagare; il dealer dovrà trovare i compratori. 9 LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO DELL EMITTENTE: la valutazione della banca collocatrice Il primo contatto tra il potenziale emittente e la futura banca collocatrice può assumere svariate forme in relazione alla natura del rapporto preesistente e alla frequenza con cui l emittente accede al mercato obbligazionario. Si distinguono tre momenti principali: Management Presentation Mandato Due diligence 10 Page 5

6 Management Presentation: successiva al primo contatto tra l emittente e la banca potenziale collocatrice, ha una durata di 1-2 giorni. Il mgmt descrive il business dalla A alla Z agli analisti della banca, i quali utilizzano un approccio metodologico molto simile a quello utilizzato poi dall asset manager in fase di valutazione di una nuova emissione. Mandato: conclusa con successo l analisi precedente, il mandato viene preso dalla banca alle condizioni richieste dall emittente, talvolta anche in competizione con altre banche. Due diligence: contemporanea alla stesura del prospetto, include, tra le altre cose, un analisi dettagliata degli ultimi tre esercizi. La durata è in genere di 4-6 settimane e i meeting avvengono sempre alla presenza di bankers e legali. 11 LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO DELL EMITTENTE: la valutazione dell investitore La valutazione del rischio di credito da parte dell investitore abbraccia tre livelli di analisi: ANALISI FINANZIARIA: RICONOSCIMENTO DEI RICAVI VALUTAZIONE DELLA CAPACITA DI GENERARE CASSA ANALISI DI BILANCIO LE MINE VAGANTI ANALISI NON FINANZIARIA: VALUTAZIONE DEL BUSINESS RISK ANALISI STRUTTURALE: SUBORDINAZIONE STRUTTURALE, CONTRATTUALE, TEMPORALE COVENANTS SITUAZIONI DISTRESSED FALLEN ANGELS 12 Page 6

7 L ANALISI FINANZIARIA I financial statement presentano delle chiare limitazioni. Il livello di trasparenza fornito agli investitori rende veramente difficile (se non impossibile) identificare irregolarità contabili o frodi con assoluta certezza. Tuttavia, è possibile prendere degli accorgimenti utili ad identificare i problemi prima che le situazioni diventino critiche. I due principali sono: Gli investitori devono confrontare i metodi e le politiche contabili adottate dalla società emittente con quelli del settore industriale di appartenenza. Nonostante i tentavi di standardizzazione dei GAAP, il mgmt ha sempre ampia discrezionalità in alcune aree chiave: riconoscimento dei ricavi, principi di consolidamento, periodi di ammortamento, metodi di valutazione, ecc. I metodi adottati dalla società sono descritti nelle note al bilancio consolidato. Gli investitori devono conoscere il sistema retributivo del management, che può essere per es. basato sul fatturato, sull EBITDA, ecc. In molte frodi contabili si è scoperto che proprio il desiderio sfrenato del mgmt di centrare i target oggetto del sistema incentivante ha portato all adozione di metodi contabili inappropriati. La disclosure del sistema incentivante è spesso non obbligatoria, quindi gli investitori devono interrogare il mgmt. 13 L ANALISI FINANZIARIA: il riconoscimento dei ricavi Il riconoscimento dei ricavi è l area in cui il management dispone della maggiore manovrabilità ed è quindi fortemente soggetto a MANIPOLAZIONI: Presentazione impropria (il fatturato viene presentato al lordo di possibili passività o riduzioni; es. right of return oppure buyback agreements); Sfasamento temporale (quando il riconoscimento viene accelerato: le entrate vengono riconosciute prima di essere effettivamente guadagnate). 14 Page 7

8 L ANALISI FINANZIARIA: il riconoscimento dei ricavi Esempi di manipolazioni: CHANNEL STUFFING CONTRACT ACCOUNTING REVENUES/EXPENSES MATCHING CAPACITY SWAPS GROSS VS NET PRESENTATION INABILITY OF CUSTOMER TO PAY INTRAGROUP O NON-RECURRING SALES SALES WITH RIGHT OF RETURN VENDOR REBATES 15 L ANALISI FINANZIARIA: la capacità di generare cassa La misura più comunemente usata come proxy del flusso di cassa operativo è l EBITDA (earnings before interest, tax, depreciation and amortisation). L EBITDA è solo un benchmark e va utilizzato con grandissima cautela, solo per confrontare aziende appartenenti allo stesso settore e con periodicità simile dell annuncio utili. Va sempre ricordato che: NON E L EBITDA A PAGARE GLI INTERESSI E A RIMBORSARE IL DEBITO. Warren Buffet : Among those who talk about EBITDA and those who don t, there are more frauds among those who do. Either they re trying to con you, or they re conning themselves. 16 Page 8

9 L ANALISI FINANZIARIA: la capacità di generare cassa Le principali CRITICHE: MANIPOLABILITA (capitalizzazione o riclassificazione delle spese operative come straordinarie) TIMING DELLE ENTRATE (contract accounting) EBITDA CONTROLLATO VS EBITDA PROPRORZIONALE WORKING CAPITAL RESTRICTED GROUPS CAPEX 17 L ANALISI FINANZIARIA: la capacità di generare cassa L attuale prassi del mercato di concentrarsi sull EBITDA è pericolosamente fuorviante perché l EBITDA è troppo facilmente soggetto a manipolazioni. Viceversa è molto più corretto combinare FREE CASH FLOW e ANALISI DELLA LIQUIDITA per misurare la cassa disponibile per servire il debito e mantenere la società in piena efficienza operativa. La generazione di cassa va poi valutata in chiave prospettica e non storica. 18 Page 9

10 L ANALISI FINANZIARIA: la capacità di generare cassa La LIQUIDITA ( headroom ) è definita come la somma tra il cash balance e le linee di credito inutilizzate (talvolta disarmate dai covenant). Una società che non genera cassa ma ha una considerevole liquidità può comprare tempo dal mercato. FONTI ALTERNATIVE DI LIQUIDITA DI CUI L INVESTITORE DEVE VALUTARE IL POTENZIALE O LA FATTIBILITA : WOKING K SQUEEZE EQUITY O TERM DEBT ASSET DISPOSALS 19 L ANALISI FINANZIARIA: la capacità di generare cassa Net income (before dividends) + Depreciation + Amortisation +/- Other non cash items = GROSS CF -Cash dividends = RETAINED CF +/- Working K = OPERATING CASH FLOW +/- Net capex +/- Other investing activities = FREE CF +/- Financing = CASH GENERATED FFONTE: CITIGROUP 20 Page 10

11 L ANALISI FINANZIARIA: l analisi di bilancio Il BILANCIO è solo una fotografia in un momento temporale definito ed è fortemente soggetto a manipolazioni. Non dovrebbe essere una sorpresa che molte date di pubblicazione dei bilanci siano fissate in corrispondenza dei livelli minimi di debito dell anno per ragioni stagionali. In questo senso si spiega il trend recente verso la reportistica trimestrale, che fornisce una guida migliore ai conti aziendali. Il BILANCIO viene utilizzato per analizzare il debito e il working capital: LEVERAGE RATIOS: DEBT/EBITDA (TIMES); (DEBT + CAP. OP. LEASES)/EBITDAR; DEBT/CFO; DEBT/FCF BOOK LEVERAGE: DEBT/BOOK CAPITAL (GEARING); (DEBT + CAP. OP LEASES)/ DEBT/MKT CAP; DEBT/EV WORKING K RATIOS: ASSET TURNOVER; A/R DAYS ON HAND; A/R TURNOVER; INVENTORY DAYS ON HAND; INVENTORY TURNOVER; A/P DAYS ON HAND. Dei buoni ratio che la società è efficiente nella gestione dei suoi fabbisogni e flussi di cassa e viceversa. I ratio vanno valutati nel contesto del settore di riferimento e rispetto ai best in class 21 L ANALISI FINANZIARIA: le mine vaganti Date le forti manipolazioni cui è potenzialmente soggetto il bilancio, in teoria la cosa migliore sarebbe leggere prima le NOTE. Le mine vaganti possono nascondersi in 5 aree: OFF-BALANCE SHEET FINANCING LIABILITIES NASCOSTE STRUTTURE SOCIETARIE COMPLESSE PASSIVITA AMBIENTALI RELATED PARTY TRANSACTIONS 22 Page 11

12 L ANALISI FINANZIARIA: le mine vaganti OFF-BALANCE SHEET FINANCING: si tratta di CF obligations che non sono riportate in bilancio ma che possono impattare la posizione finanziaria dell azienda. Esempi: OPERATING LEASES E SALE/LEASE BACK THROUGH-PUT AGREEMENTS E TAKE-OR-PAY CONTRACTS JOINT VENTURE NON CONSOLIDATE ABS CON RICORSO PROJECT FINANCING DERIVATI FINANZIARI 23 L ANALISI FINANZIARIA: le mine vaganti LIABILITIES NASCOSTE: potenziali passività future di cui la società non può stimare in modo ragionevole l ammontare o il timing. Esempi: PENSION LIABILITIES CONTINGENT LIABILITIES LEGAL OBLIGATIONS GUARANTEE AND WARRANTY COSTS 24 Page 12

13 L ANALISI FINANZIARIA: le mine vaganti STRUTTURE SOCIETARIE COMPLESSE: sono normalmente finalizzate a minimizzare le tasse pagate ottimizzando gli accordi tra Paesi relativi alla doppia tassazione, al fine di evitare withholding taxes o restrizioni nel pagamento dei dividendi nella definizione di acquisizioni o nella creazione di veicoli finanziari. La maggior parte degli analisti non avrà mai né il tempo né le conoscenze per comprendere a pieno le strutture complesse. In Europa è normale trovare veicoli finanziari basati in Olanda o Lussemburgo. 25 L ANALISI FINANZIARIA: le mine vaganti Va invece prestata particolare attenzione in caso di veicoli finanziari basati nei seguenti Paesi: ISOLE CAYMAN ANGUILLA ARUBA BAHAMS ANTILLE OLANDESI SVIZZERA SAN KITTS & NEVIS ISOLE VERGINI 26 Page 13

14 L ANALISI FINANZIARIA: le mine vaganti PASSIVITA AMBIENTALI: sono incluse solo raramente nel bilancio perché difficilmente quantificabili; sono descritte di solito nelle note. Esempio: asbesto RELATED PARTY TRANSACTIONS : gli investitori devono interrogarsi circa l esistenza di prestiti o transazioni con i fondatori, i top managers o gli azionisti importanti e valutare se sono in grado di impattare la qualità del credito 27 L ANALISI NON FINANZIARIA: la valutazione del business risk Questo livello di analisi copre tutti gli aspetti intangibili associati con il business risk. E di fondamentale importanza in quanto spesso i rischi non-finanziari sono il fattore determinante nella spiegazione di fenomeni di deterioramento della qualità del credito. Gli aspetti cruciali da indagare sono: USO DEI FONDI (es. ristrutturazioni, buy-out, leveraged recap, public to private, acquisizioni, rifinanziamenti, espansione) QUALITA DEL MANAGEMENT (es. esperienza, capacità, visione, struttura, impegno, retribuzione) EQUITY SPONSOR (per i deal HY; es. exit strategy, track-record, esperienza nel settore, esperienza nelle situazioni di stress, rappresentanza nel board, trattamento degli investitori HY in passato) 28 Page 14

15 L ANALISI NON FINANZIARIA: la valutazione del business risk SETTORE INDUSTRIALE (es. stabilità dei CF, livello di ciclicalità, livello di stagionalità, barriere all entrata, barriere all uscita, concentrazione clienti e fornitori, fase del ciclo, ecc.) RISORSE INTERNE (es. le 6S di McKinsey: struttura, strategia, sistemi, staff, skills, stile) ANALISI ESTERNA (es. la tecnica LEPEST per la identificazione delle minacce imminenti: legali, economiche, politiche, ambientali, sociali, tecnologiche) ANALISI POSIZIONAMENTO COMPETITIVO PORTER) (es. il modello di 29 L ANALISI STRUTTURALE: la subordinazione I due precedenti livelli di analisi devono aiutare ad identificare la probabilità di fallimento di una società. L analisi strutturale serve invece a determinare il valore di recupero, ciò che l investitore può sperare di recuperare in caso di fallimento; questo perché nelle situazioni distressed il prezzo di un bond riflette la sua posizione nella capital structure. La subordinazione si riferisce proprio a tale posizione. Esistono 3 tipi di subordinazione: CONTRATTUALE STRUTTURALE TEMPORALE 30 Page 15

16 L ANALISI STRUTTURALE: la subordinazione CONTRATTUALE: un contratto legale in cui la parte subordinata riconosce che verrà pagata dopo i creditori senior; è tipica negli Stati Uniti. STRUTTURALE: le obbligazioni sono collocate in una holding. Gli obbligazionisti diventano in questo modo la fonte dei fondi utilizzati dalla holding per iniettare capitale azionario nella/e società operativa/e e di conseguenza si trovano ad avere diritti molto limitati in qualsiasi evento di insolvenza. Questa forma di sub. Può essere ridotta dalle cd upstream guarantees, cioè da una garanzia dell operativa stessa che assicuri ai bond un ranking pari passu con gli altri unsecured creditors. E tipica in Europa, a causa della incertezza sulla capacità di far valere la subordinazione contrattuale: le banche allora insistono per la strutturale. 31 L ANALISI STRUTTURALE: la subordinazione TEMPORALE: è determinata dalla diversa scadenza dei titoli. E una ragione per un INIZIALE steepening delle curva del credito quando la qualità del credito si deteriora. Due titoli possono essere pari passu nella cap. structure ma avere diverse scadenze. In caso di titoli IG le agenzie di rating sono solite ridurre il rating di un bond subordinato di 1 credit notch, 2 invece nel caso di HY. 32 Page 16

17 L ANALISI STRUTTURALE: la subordinazione INTERESSI SUBORDINATI INTERESSI SENIOR HOLDING COMPANY DIVIDENDI INTERESSI OPERATING COMPANY FATTORI DI POTENZIALE COMPENSAZIONE: UPSTREAM GUARANTEES O INTERCOMPANY LOANS FATTORI POTENZIALMENTE AGGRAVANTI: CASH WATERFALLS (subordinazione strutturale + esistenza di restricted groups cash intrappolato ai livelli + bassi; es. AES DRAX) e RISTRUTTURAZIONE IN GIURISDIZIONI MULTIPLE. 33 L ANALISI STRUTTURALE: i bond covenant In termini molto semplicistici il pacchetto dei covenant di una emissione obbligazionaria o di una linea di credito può essere considerato come una sorta di polizza assicurativa: BOND COVENANTS: Nel caso di un bond, un covenant può essere definito come la promessa da parte di un emittente, contenuta nell offering circular, nel prospetto o nell indenture (il contratto), di commettere o meno certe azioni sotto certe circostanze. I bond covenant sono definiti in modo tale da proteggere gli investitori contro gli event risk, assicurare cioè che il management non agisca contro i loro interessi nel caso di eventi societari o modifiche al bilancio. 34 Page 17

18 L ANALISI STRUTTURALE: i bond covenant Nel caso in cui un covenant sia violato, si verifica un evento tecnico di default: l investitore in questo caso ha l opzione di chiedere il rimborso delle obbligazioni ad un prezzo vantaggioso, normalmente alla pari. E il trustee che se ne occupa. Vanno ricordate 3 cose importanti: Il livello di standardizzazione dei bond covenant è molto basso, soprattutto nel settore IG, e spesso essi sono fatti su misura per uno specifico emittente; La generosità dei covenant dipende spesso dalla situazione del mercato al momento dell emissione: covenant più stringenti sono richiesti normalmente in credit bear market e viceversa; L importanza e la complessità dei bond covenant package aumentano al decrescere delle qualità del credito (differenza tra IG e HY). 35 L ANALISI STRUTTURALE: i bond covenant COVENANT INVESTMENT GRADE NEGATIVE PLEDGE REDEMPTION CROSS DEFAULT FINANCIAL COVENANTS SALE AND LEASE BACK CHANGE OF CONTROL 36 Page 18

19 L ANALISI STRUTTURALE: i bond covenant COVENANT HIGH YIELD LIMITATION ON ADDITIONAL INDEBTNESS LIMITATION ON RESTRICTED PAYMENTS LIMITATION ON LIENS LIMITATION ON TRANSACTIONS WITH AFFILIATES LIMITATION ON DIVIDENDS DISPOSAL OF PROCEEDS OF ASSET SALES MERGER, CONSOLIDATION, TRANSFER OF ASSETS CHANGE OF CONTROL 37 L ANALISI STRUTTURALE: i bond covenant Dato il maggiore rischio implicito, i bond HY hanno un set di covenant più ampio. Questi covenant sono detti incurrence covenants : impediscono infatti alla società di fare cose che potrebbero peggiorare in modo significativo la posizione dei bondholder. Talvolta però questi covenant sono indeboliti dalla presenza di carve-outs (eccezioni). E poi importante ricordare che tutti i bond covenant sono covenant operativi e non test ratio: non ci sono specifici livelli di mantenimento di indicatori finanziari violati i quali scatta il default. I bond covenant a volte possono essere rimossi tramite pagamento di una cash consent fee ( consent soliticitation ). 38 Page 19

20 L ANALISI STRUTTURALE: i bank covenant BANK COVENANTS: Sono fissati dai prestatori senior allo scopo di avere segnali anticipatori in merito a qualsiasi scostamento dal business plan. Il problema principale è che questi covenant rappresentano generalmente informazioni private, malgrado gli obbligazionisti stiano sempre più richiedendo che siano resi pubblici. Di solito, la prima volta che i bondholders vengono a conoscenza della violazione di un covenant è nel report trimestrale o semiannuale o anche peggio. La ragione per questa mancanza di disclosure è che i bank covenant sono normalmente fissati ad una percentuale (10-15%) al di sotto delle previsioni del management e quindi renderli pubblici significa rendere pubbliche tali previsioni con tutti i connessi rischi di litigation associati alla pubblicazione di dati previsionali. 39 L ANALISI STRUTTURALE: i bank covenant Le violazioni possono essere temporanee (non gravi), provocare ristrutturazioni nel profilo di ammortamento del debito (gravi) o incapacità di pagare gli interessi (gravissime). Se le banche sono preoccupate circa la solvibilità dell azienda possono trasferire la loro partecipazione nel prestito a qualcun altro (richiede l approvazione dell azienda stessa). Il rischio per i bondholders è se questo avviene a beneficio di distressed investors o, peggio, vulture funds. Tipici covenant bancari sono: EBITDA/SENIOR INTEREST E EBITDA/TOTAL CASH INTEREST SENIOR DEBT/EBITDA E TOTAL DEBT/EBITDA FIXED CHARGE COVERAGE: (Ebitda cpx - wkg k)/ (interest + principal) CAPEX LIMITATION (legata al business plan) NET WORTH (tipico in Europa; UK e US si concentrano più sui CF) 40 Page 20

21 L ANALISI STRUTTURALE: le situazioni distressed Esistono vari criteri per determinare se un credito è soltanto stressed o è invece distressed. I criteri quantitativi (spread sopra i 1000 punti base, prezzo sotto i 50, ecc.) sono più immediati ma anche più superficiali. Un esempio di criterio qualitativo è invece l approccio seguito da Citigroup, in base al quale maggiore è il numero di caratteristiche distressed che una società ha, e maggiore è il rischio che le obbligazioni da essa emesse non vengano comprate dagli investitori HY e entrino direttamente a far parte del mondo distressed. La comunità distressed non segue gli indici e quindi compra un credito solo se ritiene che esista una elevata probabilità di guadagno; di conseguenza il tipico punto di entrata per un investitore distressed è intorno al valore di recupero stimato per le obbligazioni in un evento di ristrutturazione o liquidazione. 41 L ANALISI STRUTTURALE: le situazioni distressed PARAMETRI DI ANALISI (CITIGROUP) CARATT. DISTRESSED (CITIGROUP) LIQUIDITA CAPITAL STRUCTURE FONDAMENTALI MANAGEMENT Crisi di liquidità immediata, no accesso al mercato dei capitali + scadenze ravvicinate Inappropriata. Elevato debito bancario Pesante downturn e no prospettive di recupero in vista Scarsa trasparenza 42 Page 21

22 L ANALISI STRUTTURALE: le situazioni distressed In uno scenario di default occorre cercare di stabilire quanto gli investitori potranno recuperare e in Europa questo è particolarmente difficile a causa delle pochissime informazioni disponibili sui recovery rates passati. Un default può avvenire per 2 ragioni: BUSINESS MODEL NON SOSTENIBILE STRUTTURA FINANZIARIA INADEGUATA 43 L ANALISI STRUTTURALE: le situazioni distressed BUSINESS MODEL NON SOSTENIBILE: in questo caso la metodologia valutativa appropriata dovrebbe utilizzare una formula break-up, in quanto la cosa migliore da fare è liquidare l azienda. Le liquidazioni richiedono molto tempo e quindi il valore calcolato in quest analisi viene di solito scontato ad un tasso di ritorno ritenuto accettabile (es. 25%) lungo un determinato periodo di tempo (es. 18 mesi). Per esempio Citigroup utilizza la seguente formula: [(80% * A/R) + (50% * INV) + (33% * PP&E) + cash trade creditors total senior debt)]/bond principal STRUTTURA FINANZIARIA INADEGUATA: dato che il business model è sostenibile, si utilizza la going corcern valuation oppure la sustanaible debt level valuation 44 Page 22

23 L ANALISI STRUTTURALE: le situazioni distressed GOING CORCERN VALUATION Questo approccio viene utilizzato nelle situazioni in cui il business sottostante è soddisfacente ma l ammontare di indebitamento è troppo elevato per essere servito in modo costante dai CF generati. Il debito eccede l EV dell azienda e quindi il valore dell equity è zero. Si parte calcolando l EV applicando un multiplo settoriale all EBITDA aziendale, una stima rozza del PV dei CF aziendali futuri, e poi si stima il valore di recupero in questo modo: [(EBITDA * multiplo settoriale) debito senior]/bond principal Anche in questo caso si usa un fattore di sconto (es. 25%) 45 L ANALISI STRUTTURALE: le situazioni distressed SUSTAINABLE DEBT VALUATION L obiettivo è quello di determinare quale percentuale del debito nominale rappresenta un ammontare appropriato, supportabile dai CF aziendali. Si può partire da un indicatore di indebitamento medio per il settore (es. NET DEBT/EBITDA) oppure per la categoria di rating desiderata: [(EBITDA sostenibile * multiplo debt/ebitda) principal] debito senior / bond 46 Page 23

24 L ANALISI STRUTTURALE: gli angeli caduti L analisi dei crediti IG si focalizza sulle rating actions e sul conseguente impatto a carico degli spread. Quando un bond esce dallo status investment grade, gli investitori HY hanno almeno fino a fine mese per decidere se comprarlo e possono anche decidere di non comprarlo. In questo caso è probabile che i primi compratori siano gli investitori distressed. Essi compreranno quando pensano che il rischio di perdite sia minimizzato, al cosiddetto punto di entrata zero risk, individuato in base ad una valutazione a prezzi scontati del business e alla posizione dei bond nella struttura finanziaria. 47 L ANALISI STRUTTURALE: gli angeli caduti Esempio (25% discount rate): Milioni di euro Somma delle parti Debito sostenibile 5x DCF Media Enterprise Value EV scontato (EV*0.6) Obbligaz. senior (2.500) (2.500) (2.500) Debito bancario (1.000) (1.000) (1.000) Disponibile Bond senior Disponibile Bond subordinati Valore bond senior Valore bond sub Valore equity Page 24

25 DIVERSIFICAZIONE E FRAZIONAMENTO: IL MERCATO INVESTMENT GRADE I vantaggi teorici della diversificazione sono noti a tutti. Oggi il mercato corporate investment grade europeo, rappresentato per capitalizzazione limitatamente al tasso fisso con scadenza superiore ad 1 anno e all universo dotato di rating, ha un controvalore complessivo intorno ai 900 miliardi di euro. Il benchmark di Gestielle Corporate Bond contiene al momento 1315 emissioni obbligazionarie, relative a 391 gruppi societari. Una totale riproduzione del benchmark in portafoglio è esclusa, non solo perché la gestione attiva è un mandato esplicito, ma soprattutto perché tale riproduzione è operativamente impossibile ed economicamente inefficiente. Ciononostante Gestielle Corporate Bond ha realizzato un ottimo livello di replicabilità facendo leva su 125 emissioni circa, espressione di 85 gruppi societari. 49 DIVERSIFICAZIONE E FRAZIONAMENTO: IL MERCATO INVESTMENT GRADE L esposizione massima ad un singolo gruppo societario è oggi intorno al 4.5% del portafoglio, quella media intorno allo 0.95%. Se si escludono i primi dieci gruppi presenti in portafoglio, che costituiscono il 28% circa, l esposizione media dei restanti 75 ammonta attualmente allo 0.68%. Tale numero rappresenta quindi la perdita che in media potrebbe avvenire a carico del Fondo in caso di repentino fallimento di uno dei gruppi presenti, ovviamente nell ipotesi limite di un tasso di recupero pari a 0. Con un tasso di recupero pari al 25% la perdita media scenderebbe a mezzo punto circa. Nella malaugurata ipotesi che a fallire fosse il primo gruppo societario presente in portafoglio, con un tale tasso di recupero la perdita sarebbe pari al 3% circa. I primi 10 gruppi presenti in portafoglio hanno uno standing creditizio medio nettamente superiore alla media del resto del mercato (AA1 contro A1), e sono oggetto di un monitoraggio più stretto. 50 Page 25

26 I NUMERI DI GESTIELLE CORPORATE BOND 88% % % % MA CROSETTORI MICROSETTORI GRUPPI SOCIETA RI N.EMISSIONI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Ge s tie lle Corporate Bond Be nchm ark % Track ing 51 DIVERSIFICAZIONE E FRAZIONAMENTO: IL MERCATO HY Oggi il mercato corporate high yield europeo, rappresentato per capitalizzazione limitatamente al tasso fisso con scadenza superiore ad 1 anno e all universo dotato di rating, ha un controvalore complessivo intorno a circa 66 miliardi di euro. Il benchmark di Gestielle High Risk contiene al momento 164 emissioni obbligazionarie, relative a 108 gruppi societari. L elevata concentrazione del mercato (il peso medio di ciascun gruppo societario è pari allo 0.74% contro lo 0,20% circa del mercato HG; il peso massimo di un singolo gruppo nel benchmark arriva fino al 8% contro il 2.25% circa) e la notevole rischiosità implicita rendono necessaria una riproduzione più fedele del benchmark. Gestielle High Risk investe attualmente in 91 emissioni HY, espressione di 74 gruppi societari. 52 Page 26

27 DIVERSIFICAZIONE E FRAZIONAMENTO: IL MERCATO HY L esposizione massima a ciascun gruppo oggi è pari al 7% circa, quella media è pari a circa l 1%. Se si escludono i primi 10 gruppi presenti in portafoglio, l esposizione media scende allo 0.62%. Anche in questo caso si possono trarre conclusioni relative alla massima perdita realizzabile in caso di un repentino fallimento societario. In ambienti di forte avversione al rischio, sia il numero dei gruppi societari che quello dei titoli impiegati tendono ad aumentare, il secondo perché i movimenti nella curva di un emittente possono assumere proporzioni notevoli. In generale, poi, il mercato HY presenta una tale articolazione interna in termini di gradi di subordinazione legale e strutturale e clausole contrattuali associate alle singole emissioni, che diventa cruciale l uso di più titoli di uno stesso emittente per arrivare al grado di esposizione desiderata. 53 I NUMERI DI GESTIELLE HIGH RISK % 86% 69% % MA CROSETTORI MICROSETTORI GRUPPI SOCIETA RI N. EMISSIONI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Gestielle High Risk Benchmark % Tracking 54 Page 27

G.Forestieri (a cura di) Corporate and Investment Banking Quarta Edizione EGEA 2008 Capitolo 8

G.Forestieri (a cura di) Corporate and Investment Banking Quarta Edizione EGEA 2008 Capitolo 8 LEZIONE 4 Obbligazioni e prestiti sindacati Letture Obbligatorie: G.Forestieri (a cura di) Corporate and Investment Banking Quarta Edizione EGEA 2008 Capitolo 8 Materiali di approfondimento (non obbligatori):

Dettagli

G.Forestieri (a cura di) Corporate and Investment Banking Quarta Edizione EGEA 2008 Capitolo 8

G.Forestieri (a cura di) Corporate and Investment Banking Quarta Edizione EGEA 2008 Capitolo 8 Obbligazioni e prestiti sindacati Letture Obbligatorie: G.Forestieri (a cura di) Corporate and Investment Banking Quarta Edizione EGEA 2008 Capitolo 8 Materiali di approfondimento (non obbligatori): C.M.

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. Acquisition & Mezzanino

Gestione Finanziaria delle Imprese. Acquisition & Mezzanino GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE L acquisition finance e il debito mezzanino L acquisition finance Sostegno finanziario alle operazione di acquisizione di aziende da parte di investitori finanziari o

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.06.03 POLITICA FINANZIARIA E RATING

Dettagli

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI AIFI Imprese e finanza: idee per la ripresa a confronto Confindustria Genova Club Finanza 2015 Il mercato dei fondi di private debt Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI Genova,

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII Prefazione, di Tancredi Bianchi Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XIII XVII Parte prima Il mercato, le istituzioni e gli strumenti di valutazione 1 Il sistema finanziario e

Dettagli

Caso pratico di redazione di un piano di risanamento

Caso pratico di redazione di un piano di risanamento S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CONVEGNO: DIAGNOSI E SOLUZIONI PER LA CONTINUITA D IMPRESA Caso pratico di redazione di un piano di risanamento GIANNICOLA ROCCA 21 Luglio 2012 - Sala Falck

Dettagli

Solvency II: punto di vista dell industria assicurativa alla luce dell attuale contesto finanziario

Solvency II: punto di vista dell industria assicurativa alla luce dell attuale contesto finanziario Solvency II: punto di vista dell industria assicurativa alla luce dell attuale contesto finanziario Dott. Bettina Corves Wunderer CFO Allianz SpA Milano, 17 Maggio 2012 Agenda 1. Il ruolo dell industria

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Emerging Market Corporate Debt: rischio o opportunità? Lugano fund forum, 26 novembre Relatore: Andrea Praderio

Emerging Market Corporate Debt: rischio o opportunità? Lugano fund forum, 26 novembre Relatore: Andrea Praderio Emerging Market Corporate Debt: rischio o opportunità? Lugano fund forum, 26 novembre Relatore: Andrea Praderio Via Calprino 18, 6900 Paradiso www.compass-am.com Novembre 2013 - Pagina 1 Indice 1. Fondamentali

Dettagli

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate MiniBond e Rischi di Credito Mario Bottero MiniBond Specialist Milano, 11 Giugno 2014 Analisi e valutazione del rischio di credito

Dettagli

Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico"

Portafoglio Invesco a cedola Profilo dinamico Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico" Questo documento è riservato per i Clienti Professionali/Investitori Qualificati e/o Soggetti Collocatori in Italia e non per i clienti finali. È vietata

Dettagli

Gli investimenti alternativi: situazioni e prospettive

Gli investimenti alternativi: situazioni e prospettive S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli investimenti alternativi: situazioni e prospettive Stefano Bestetti, director Hedge Invest Sgr 26 settembre 2013, Milano Investimenti

Dettagli

Il finanziamento delle aziende BMAS Capitolo 12

Il finanziamento delle aziende BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Il finanziamento delle aziende BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Caratteri generali del finanziamento delle aziende Azioni ordinarie Altre categorie

Dettagli

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012 La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo 17 Maggio 2012 DEFINIZIONE DELL UNIVERSO INVESTIBILE UNIVERSO INVESTIBILE AZIONARIO OBBLIGAZIONARIO L acquisto di una azione o simil strumento

Dettagli

Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione:

Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione: Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione: Il passaggio dalla crisi finanziaria al Nuovo contesto regolamentare Milan, 7 giugno 2010 GENERALI INVESTMENTS Generali

Dettagli

AI SOCI DELLA SEZIONE LOMBARDIA

AI SOCI DELLA SEZIONE LOMBARDIA AI SOCI DELLA SEZIONE LOMBARDIA Milano, 22 marzo 2011 MT/dg Caro Socio, un gruppo di ricercatori dell area Finanza dell Università di Ferrara (facoltà d economia) in collaborazione con il Master CFO ANDAF-UNIFE

Dettagli

LE MOSSE GIUSTE PER UNA STRATEGIA VINCENTE

LE MOSSE GIUSTE PER UNA STRATEGIA VINCENTE LE MOSSE GIUSTE PER UNA STRATEGIA VINCENTE Sulla SCACCHIERA DEGLI INVESTIMENTI, i titoli obbligazionari e quelli azionari sono il re e la regina; sono le Asset Class nobili, gli investimenti per eccellenza

Dettagli

23. Fondi del personale

23. Fondi del personale 23. Fondi del personale La voce comprende: 382 PIRELLI & C. S.p.A. MILANO Fondi pensione: - finanziati 157.368 118.234 - non finanziati 88.752 88.050 TFR (società italiane) 56.783 74.559 Piani di assistenza

Dettagli

Bisogno di investimento del risparmio

Bisogno di investimento del risparmio Bisogno di investimento del risparmio Domanda e Offerta di strumenti di investimento del risparmio Bisogno di investimento Strumenti bancari (contratti bilaterali) depositi tempo; PcT; CD Strumenti di

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

Il Nuovo Mercato incontra i Partners Dai nuovi progetti di business alla quotazione. Le problematiche organizzative e manageriali

Il Nuovo Mercato incontra i Partners Dai nuovi progetti di business alla quotazione. Le problematiche organizzative e manageriali Il Nuovo Mercato incontra i Partners Dai nuovi progetti di business alla quotazione Le problematiche organizzative e manageriali Milano, 30 maggio 2001 Agenda Sessione I INTRODUZIONE 3 Sessione II MANAGEMENT

Dettagli

OIV - Best Practices - 22 settembre 2014

OIV - Best Practices - 22 settembre 2014 OIV - Best Practices - 22 settembre 2014 Mario Massari Università L. Bocconi - Milano Il saggio privo di rischio ed il rischio paese 1 Cosa è il Risk Free Rate (RFR)? Il RFR può essere usato per differenti

Dettagli

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Chi siamo Consulenza di Investimento ADB Analisi Dati Borsa mette a disposizione dei suoi Clienti il know-how

Dettagli

1. Descrizione della fusione del comparto di Compam Fund: Europe Dynamic 0/100 nel comparto di Diaman SICAV Mathematics

1. Descrizione della fusione del comparto di Compam Fund: Europe Dynamic 0/100 nel comparto di Diaman SICAV Mathematics CompAM FUND Società d'investimento a Capitale Variabile (SICAV) Sede legale: 4, boulevard Royal, L-2449 Luxembourg Registro delle imprese lussemburghese N B92095 COMUNICAZIONE AGLI AZIONISTI I. COMPARTO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Tassi di interesse Per ciascuna divisa, sono regolarmente quotati diversi

Dettagli

INVESTIMENTI INFRASTRUTTURALI: UNA ASSET CLASS ATTRAENTE PER I FONDI PENSIONE.

INVESTIMENTI INFRASTRUTTURALI: UNA ASSET CLASS ATTRAENTE PER I FONDI PENSIONE. INVESTIMENTI INFRASTRUTTURALI: UNA ASSET CLASS ATTRAENTE PER I FONDI PENSIONE. www.quercusfunds.com Strettamente Privato e Confidenziale CONSIDERAZIONI DI ASSET ALLOCATION Gli Endowment Funds In US ci

Dettagli

Indice. Una considerazione conclusiva. Universo investibile Rappresentazione sintetica del processo Livelli valutativi. Solidità Rischio insolvenza

Indice. Una considerazione conclusiva. Universo investibile Rappresentazione sintetica del processo Livelli valutativi. Solidità Rischio insolvenza EUREGIO MINIBOND Indice PensPlan Invest SGR Key terms del Fondo Attuali investitori Portafoglio del Fondo Breakdown del portafoglio Indici economico finanziari degli emittenti in portafoglio Processo di

Dettagli

La gestione attiva nei mercati obbligazionari: Conviction è la parola chiave

La gestione attiva nei mercati obbligazionari: Conviction è la parola chiave Active Marzo Management 2015 La gestione attiva nei mercati obbligazionari: Conviction è la parola chiave Mauro Vittorangeli CIO Conviction Fixed Income e Senior Portfolio Manager Le politiche monetarie

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

AD USO ESCLUSIVO DEGLI INVESTITORI PROFESSIONALI E DEGLI INTERMEDIARI PENSPLAN SICAV LUX

AD USO ESCLUSIVO DEGLI INVESTITORI PROFESSIONALI E DEGLI INTERMEDIARI PENSPLAN SICAV LUX AD USO ESCLUSIVO DEGLI INVESTITORI PROFESSIONALI E DEGLI INTERMEDIARI PENSPLAN SICAV LUX PENSPLAN INVEST SGR La Società è stata costituita nel 2001 a Bolzano, nell ambito del progetto PensPlan, promosso

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati e non armonizzati

Dettagli

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali COMUNICATO STAMPA CERVED INFORMATION SOLUTIONS: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO FIRMATO CONTRATTO DI FINANZIAMENTO FORWARD START DI EURO 660 MILIONI PER RIFINANZIARE A

Dettagli

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO MPI PERCORSO FUNZIONALE CREDIO DISPENSA DEI DOCENI MAERIALI INEGRAIVI A SUPPORO DELLE LEZIONI CURAORE: C. ZARA LA GESIONE DEL RISCHIO DI ASSO DI INERESSE Questo materiale è a disposizione esclusiva degli

Dettagli

Roma, 15 Dicembre 2010

Roma, 15 Dicembre 2010 Il private Equity nello shipping (Fabrizio Vettosi) Roma, 15 Dicembre 2010 Il debito shipping è sceso in modo considerevole Le Banche, al fine di minimizzare il rischio, preferiscono gestire l attuale

Dettagli

Come e perché investire nei Minibond

Come e perché investire nei Minibond Come e perché investire nei Minibond 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Il mercato dei capitali in ITALIA 180% Capitalizzazione mercato azionario (%PIL) 35,0% Incidenza dei prestiti

Dettagli

L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione

L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione Contenuti 1. Asset liability management: il contesto e le evoluzioni 2. L approccio di Generali

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO Agenzie di Rating: società indipendenti che esprimono giudizi (rating) relativi al merito creditizio degli strumenti finanziari di natura

Dettagli

Base Target High Dividend Scheda Sintetica - Informazioni specifiche

Base Target High Dividend Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 8 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali caratteristiche del fondo interno. INFORMAZIONI

Dettagli

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Centrobanca Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Università Commerciale L. Bocconi Milano, 14 Giugno 2012 Massimo Capuano Amministratore Delegato, Centrobanca Executive Summary Il Project

Dettagli

Le fonti di finanziamento nel project financing

Le fonti di finanziamento nel project financing Le fonti di finanziamento nel project financing Giuseppe G. Santorsola Università Parthenope Aspetti generali La Finanza di Progetto nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta

Dettagli

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QD. Il fondo interno è un fondo obbligazionario flessibile.

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QD. Il fondo interno è un fondo obbligazionario flessibile. Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating 18 Dicembre 2014 1 di 10 SOMMARIO 1. MOTIVAZIONE... 3 1.1. Consultazione... 4 1.2. Definizioni... 4 2. SCALE DI VALUTAZIONE...

Dettagli

Sella Capital Management Società di Gestione del Risparmio

Sella Capital Management Società di Gestione del Risparmio Sella Capital Management Società di Gestione del Risparmio Presentazione per la Clientela Qualificata/Istituzionale 1 MOL FIL/ L F DOFL 2 ID/ L F D Sella Capital Management SGR (SCM) è una società di gestione

Dettagli

Valutazione d azienda: Rating, Corporate Risk & Capital Management. Stefano Palladini

Valutazione d azienda: Rating, Corporate Risk & Capital Management. Stefano Palladini Valutazione d azienda: Rating, Corporate Risk & Capital Management Stefano Palladini 18 novembre 2014 Capital Management Rating Assessment Innovazioni Applicazioni Rating Esterni Corporate Banking Aziende

Dettagli

Angela Gemma Giada Pivotto Luca Rossi Sigrid Rauch Vanessa Dedola CORSO DI ANALISI DEGLI EQUILIBRI GESTIONALI DELLA BANCA PROJECT WORK

Angela Gemma Giada Pivotto Luca Rossi Sigrid Rauch Vanessa Dedola CORSO DI ANALISI DEGLI EQUILIBRI GESTIONALI DELLA BANCA PROJECT WORK * Angela Gemma Giada Pivotto Luca Rossi Sigrid Rauch Vanessa Dedola CORSO DI ANALISI DEGLI EQUILIBRI GESTIONALI DELLA BANCA PROJECT WORK 1) PARTE INTRODUTTIVA equity research cosa è, scopo metodi per l'equity

Dettagli

Sistema PRIMA. Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA

Sistema PRIMA. Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA Sistema PRIMA Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA Fondi Linea Mercati OICVM: Anima Fix Euro Anima Fix Obbligazionario

Dettagli

FINANZIA ENERGIA. I progetti di investimento con il project finance

FINANZIA ENERGIA. I progetti di investimento con il project finance FINANZIA ENERGIA I progetti di investimento con il project finance Erba, 3 dicembre 2009 2 Brady Italia Mariano Kihlgren, amm. delegato Giuseppe Michelucci, partner 3 Brady Italia Brady Italia opera da

Dettagli

Private Equity: Management and investment opportunity. Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007

Private Equity: Management and investment opportunity. Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007 Private Equity: Management and investment opportunity Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007 Obiettivo Realizzare un ritorno sul capitale significativamente maggiore rispetto ad altri strumenti: 25-30% IRR

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari della UE e l attività del FEI

Gli Strumenti Finanziari della UE e l attività del FEI Gli Strumenti Finanziari della UE e l attività del FEI Credito al Credito 25 Novembre 2015 InnovFin (ex-rsi) Portafoglio di finanziamenti a PMI & Small Mid-Caps Innovative Rischio ritenuto dall IF Minimo

Dettagli

Comunicazione per l investitore

Comunicazione per l investitore JPMORGAN FUNDS 16 SETTEMBRE 2015 Comunicazione per l investitore Gentile Investitore, con la presente desideriamo informarla in merito ad alcune modifiche sostanziali apportate a JPMorgan Funds - Global

Dettagli

Base Target 04/2022 Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 8

Base Target 04/2022 Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 8 Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 8 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Banca europea per gli investimenti

Banca europea per gli investimenti Banca europea per gli investimenti La banca dell UE Gli strumenti BEI per sostenere la crescita delle imprese innovative Marguerite Mc Mahon Roma, 27.11.2014 La banca dell UE Partner finanziario naturale

Dettagli

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QS. Data di istituzione e inizio operatività del fondo interno: 15/03/2014

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QS. Data di istituzione e inizio operatività del fondo interno: 15/03/2014 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Metodologia Rating di emissione

Metodologia Rating di emissione Metodologia Rating di emissione giugno 2014 SOMMARIO IL RATING - DEFINIZIONI...3 CERVED GROUP RATING... 3 IL RATING di emissione... 3 LA SCALA DI RATING...3 METODOLOGIA DI RATING DI EMISSIONE...5 Ambito

Dettagli

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QF

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QF Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

Supplemento. Goldman Sachs Funds II SICAV

Supplemento. Goldman Sachs Funds II SICAV 0714 Supplemento Lo scopo del presente Supplemento è fornire una descrizione più dettagliata dei Comparti Obbligazionari del Fondo che risultano gestiti dalla Società di Gestione, dal Consulente dell Investimento

Dettagli

Obbligazioni e prestiti sindacati

Obbligazioni e prestiti sindacati Obbligazioni e prestiti sindacati Letture Obbligatorie: G.Forestieri (a cura di) Corporate and Investment Banking Quarta Edizione EGEA 2008 Capitolo 8 Fonti di finanziamento delle imprese Le fonti di finanziamento

Dettagli

MUZINICH ITALIAN PRIVATE DEBT

MUZINICH ITALIAN PRIVATE DEBT Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Valeria Lattuada MUZINICH ITALIAN PRIVATE DEBT Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Muzinich & Co. è una società di asset management istituzionale

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Data xx/xx/xxxx. Cliente: ESEMPIO/09/03/1. Piano di Intervento

Data xx/xx/xxxx. Cliente: ESEMPIO/09/03/1. Piano di Intervento Data xx/xx/xxxx Piano di Intervento Cliente: ESEMPIO/09/03/1 Gentile CLIENTE, Il presente elaborato è stato redatto sulla base di quanto emerso durante i nostri precedenti incontri e costituisce uno strumento

Dettagli

NOVARA AQUILONE SICAV Société d Investissement à Capital Variable 26, boulevard Royal, L-2449 Luxembourg R.C.S. Luxembourg B-63 851 (la Società )

NOVARA AQUILONE SICAV Société d Investissement à Capital Variable 26, boulevard Royal, L-2449 Luxembourg R.C.S. Luxembourg B-63 851 (la Società ) NOVARA AQUILONE SICAV Société d Investissement à Capital Variable 26, boulevard Royal, L-2449 Luxembourg R.C.S. Luxembourg B-63 851 (la Società ) Avviso agli Azionisti di Novara Aquilone Sicav Lussemburgo,

Dettagli

La piattaforma MiniBond di BPVi

La piattaforma MiniBond di BPVi La piattaforma MiniBond di BPVi Una nuova opportunità di finanziamento per le PMI Italiane Ottobre 2014 2 MiniBond QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO La riforma introdotta dal decreto legge n. 83/2012, convertito

Dettagli

Workshop Gli investitori incontrano le imprese. --- Gabriele Casati ANTARES AZ I. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 ANTARES AZ I

Workshop Gli investitori incontrano le imprese. --- Gabriele Casati ANTARES AZ I. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 ANTARES AZ I Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Gabriele Casati Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Antares AZ I è un fondo d investimento mobiliare chiuso riservato a Investitori Qualificati

Dettagli

Analisi dei finanziamenti

Analisi dei finanziamenti Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei finanziamenti Capitolo 9 Indice degli argomenti 1. Analisi dei finanziamenti: l approccio dinamico 2. Analisi dei finanziamenti:

Dettagli

CORPORATE & INVESTMENT BANKING PROF. MARCO GIORGINO E PROF. GIANCARLO GIUDICI

CORPORATE & INVESTMENT BANKING PROF. MARCO GIORGINO E PROF. GIANCARLO GIUDICI CORPORATE & INVESTMENT BANKING PROF. MARCO GIORGINO E PROF. GIANCARLO GIUDICI 4 appello del 1 Ottobre 2014 Tempo max: 2h N O T E Si ricorda che durante la prova scritta non sono consultabili appunti o

Dettagli

28 ottobre 2011. Alberto Luraschi Portfolio Manager Global Strategies & Total Return

28 ottobre 2011. Alberto Luraschi Portfolio Manager Global Strategies & Total Return GESTIONE DI PORTAFOGLI E RISCHIO: IL RUOLO DEGLI ETF. 28 ottobre 2011 Alberto Luraschi Portfolio Manager Global Strategies & Total Return Dai prodotti benchmarked Profili di mercato ai prodotti flessibili

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

PricewaterhouseCoopers

PricewaterhouseCoopers Cenni introduttivi alla due diligence contabile e finanziaria Alessandro Genovesi, Federica Capuzzo Assistant Managers PwC Transactions Venezia, 20 maggio 2009 *connectedthinking La nostra organizzazione

Dettagli

Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com

Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com .. Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com 3i chi siamo Scala internazionale e elevata reputazione Fondata nel 1946, è leader

Dettagli

Investi con Me - Obbligazionario Flessibile Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7

Investi con Me - Obbligazionario Flessibile Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

spa-etf.com a 4 Triton Square, Regent s Place, London, NW1 3HG, UK +44 (0)20 7396 3270 f +44 (0)20 7396 3201

spa-etf.com a 4 Triton Square, Regent s Place, London, NW1 3HG, UK +44 (0)20 7396 3270 f +44 (0)20 7396 3201 a 4 Triton Square, Regent s Place, London, NW1 3HG, UK t +44 (0)20 7396 3270 f +44 (0)20 7396 3201 spa-etf.com 2007 SPA ETF Europe Ltd SPA ETF Europe Ltd. is an appointed representative of London & Capital

Dettagli

DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità

DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità Sostituire il TFR: quali effetti sul lavoro e sulle imprese Come prepararsi al 2006 DAL T.F.R. AL PRIVATE EQUITY condizioni, processi, vincoli e opportunità Maggio 2006 1 TFR e Private Equity Trattamento

Dettagli

Anthilia Capital Partners SGR 05/14. Analisi di scenario Maggio. Maggio 2014 2011

Anthilia Capital Partners SGR 05/14. Analisi di scenario Maggio. Maggio 2014 2011 05/14 Anthilia Capital Partners SGR Analisi di scenario Maggio Maggio 2014 2011 Maggio 2014 Analisi di scenario Mercati 22/05/2014 2 Analisi di scenario Il nuovo Conundrum Tra le principali sorprese del

Dettagli

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE Equilibrium Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE 2 Gestioni Patrimoniali Computerizzate Grazie ai notevoli investimenti realizzati negli anni, la DANTON INVESTMENT SA può oggi vantare di possedere uno

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

GESTIONE DI UN PORTAFOGLIO OBBLIGAZIONARIO

GESTIONE DI UN PORTAFOGLIO OBBLIGAZIONARIO GESTIONE DI UN PORTAFOGLIO OBBLIGAZIONARIO Dipartimento di Economia Perugia, 22 maggio 2015 Augustum Opus SIM, founded in 2009, is an asset management company (Consob regulated) and has a registered capital

Dettagli

La struttura del capitale: analisi della decisione di finanziamento

La struttura del capitale: analisi della decisione di finanziamento CAPITOLO 7 La struttura del capitale: analisi della decisione di finanziamento 7.1 Gli strumenti finanziari 7.2 Il capitale netto 7.3 Il debito 7.4 Titoli ibridi 7.5 Scelte di finanziamento 7.6 Il processo

Dettagli

MINIBOND Il mercato dei capitali si apre alle PMI

MINIBOND Il mercato dei capitali si apre alle PMI MINIBOND Il mercato dei capitali si apre alle PMI Catania - 30 Maggio 2014 ADB Analisi Dati Borsa Consulenza di Investimento Attiva a Torino dal 1985, ADB offre alla propria selezionata Clientela servizi

Dettagli

L obiettivo in materia di ricavi per il 2014 è stato indicato in circa 93 miliardi di euro, in aumento di circa il 7% rispetto al consuntivo 2013.

L obiettivo in materia di ricavi per il 2014 è stato indicato in circa 93 miliardi di euro, in aumento di circa il 7% rispetto al consuntivo 2013. Informazioni in materia di obiettivi 2014, cash flow 2014, merito di credito, accesso alle risorse finanziarie di Chrysler Group LLC e riorganizzazione societaria richieste da Consob Con lettera del 13

Dettagli

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA 31 Elisioni intersettoriali Le elisioni intersettoriali sono relative allo storno di ricavi e costi tra società del Gruppo appartenenti a settori diversi. In particolare il saldo negativo di 15 milioni

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife,

Dettagli

Risultati di Gruppo - 2011

Risultati di Gruppo - 2011 Risultati di Gruppo - 2011 Conference Call Adolfo Bizzocchi 16 Marzo 2012 Highlights del 2011 Il Margine Finanziario è salito (+3.3% a/a) a seguito di un significativo incremento dei volumi di impiego

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE MINI BOND ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE CONTESTO DI RIFERIMENTO Nelle imprese italiane sono sovente riscontrabili bassi livelli di patrimonializzazione. Questo fenomeno porta quasi sempre a una

Dettagli

Glossario APPENDICE GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO D OFFERTA ARCA FORMULA EUROSTOXX 2015

Glossario APPENDICE GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO D OFFERTA ARCA FORMULA EUROSTOXX 2015 Glossario APPENDICE GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO D OFFERTA ARCA FORMULA EUROSTOXX 2015 Data di deposito in Consob del Glossario: 17/05/2010. Data di validità del Glossario: 01/06/2010.

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

Un new deal per il liquidity pricing

Un new deal per il liquidity pricing Un new deal per il liquidity pricing Pasquale La Ganga Banca d Italia Dipartimento di Vigilanza Bancaria e Finanziaria Ispettorato Vigilanza - Corpo ispettivo Università La Sapienza di Roma Roma, 28 febbraio

Dettagli

Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit

Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit Roberto Monachino Managing Director UBM- Area Amministrazione e Bilancio Milano, 8 aprile 2005 Il presente documento integra un illustrazione orale

Dettagli

I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Problematiche dell attività creditizia OBIETTIVI/DECISIONI: Dimensione Composizione A livello di portafoglio

Dettagli

Allianz Reddito Euro. Il punto di riferimento per investire nel mercato obbligazionario euro. Dieci validi motivi per investire

Allianz Reddito Euro. Il punto di riferimento per investire nel mercato obbligazionario euro. Dieci validi motivi per investire Allianz Reddito Euro Dieci validi motivi per investire Il punto di riferimento per investire nel mercato obbligazionario euro Il mercato obbligazionario negli ultimi anni ha registrato profonde trasformazioni:

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA GESTIONE

CARATTERISTICHE DELLA GESTIONE CARATTERISTICHE DELLA GESTIONE ALLEGATO B CODICE CONTO NUMERO MANDATO Le caratteristiche della gestione vengono definite, secondo quanto previsto dell art. 38 del Regolamento Consob 16190/07, in funzione

Dettagli

ISPL Unit Private Style

ISPL Unit Private Style Prospetto d offerta Offerta al pubblico di ISPL Unit Private Style Prodotto finanziario-assicurativo di tipo Unit Linked Si raccomanda la lettura della Parte I (Informazioni sull investimento e sulle coperture

Dettagli