Azioni: analisi dei carichi, combinazioni, esempi applicativi Gianni Bartoli

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Azioni: analisi dei carichi, combinazioni, esempi applicativi Gianni Bartoli"

Transcript

1 Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale CORSO DI AGGIORNAMENTO NORME TECNICHE DM 14/01/2008 Gianni Bartoli DICeA - Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Firenze Arezzo, 5 giugno 2009 Vita nominale, classi d uso e periodo di riferimento

2 Vita nominale, classi d uso e periodo di riferimento Azioni di progetto Rispetto alle normative precedenti, ed in particolare al DM 96, si osserva l introduzione di due nuovi concetti (quello di vita nominale e di classe d uso), nonché la valutazione di un valore del periodo di riferimento in funzione della classe d uso dell edificio che interviene nella definizione dell azione sismica di progetto. Vita nominale della struttura (V N ) TIPI DI COSTRUZIONE Opere provvisorie Opere provvisionali Strutture in fase costruttiva Opere ordinarie, ponti, opere infrastrutturali e dighe di dimensioni contenute o di importanza normale Grandi opere, ponti, opere infrastrutturali e dighe di grandi dimensioni o di importanza strategica Vita Nominale V N (in anni) Vita nominale, classi d uso e periodo di riferimento Classe d uso Classe I: Classe II: Classe III: Classe IV: Costruzioni con presenza solo occasionale di persone, edifici agricoli. Costruzioni il cui uso preveda normali affollamenti, senza contenuti pericolosi per l ambiente e senza funzioni pubbliche e sociali essenziali. Industrie con attività non pericolose per l ambiente. Ponti, opere infrastrutturali, reti viarie non ricadenti in Classe d uso III o in Classe d uso IV, reti ferroviarie la cui interruzione non provochi situazioni di emergenza. Dighe il cui collasso non provochi conseguenze rilevanti. Costruzioni il cui uso preveda affollamenti significativi. Industrie con attività pericolose per l ambiente. Reti viarie extraurbane non ricadenti in Classe d uso IV. Ponti e reti ferroviarie la cui interruzione provochi situazioni di emergenza. Dighe rilevanti per le conseguenze di un loro eventuale collasso. Costruzioni con funzioni pubbliche o strategiche importanti, anche con riferimento alla gestione della protezione civile in caso di calamità. Industrie con attività particolarmente pericolose per l ambiente. Reti viarie di tipo A o B, di cui al D.M. 5 novembre 2001, n. 6792, Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade, e di tipo C quando appartenenti ad itinerari di collegamento tra capoluoghi di provincia non altresì serviti da strade di tipo A o B. Ponti e reti ferroviarie di importanza critica per il mantenimento delle vie di comunicazione, particolarmente dopo un evento sismico. Dighe connesse al funzionamento di acquedotti e a impianti di produzione di energia elettrica.

3 Vita nominale, classi d uso e periodo di riferimento Classe d uso La classe d uso interviene nella definizione del periodo di riferimento V R necessario alla valutazione delle azioni sismiche: per ciascun tipo di costruzione il periodo di riferimento si ricava moltiplicandone la vita nominale V N per il coefficiente d uso C U, secondo la Tabella 2.4.II, utilizzando comunque sempre un valore minimo per V R pari a 35 anni. Periodo di riferimento per l azione sismica V R = V N C U OSSERVAZIONE: è scomparso il concetto di coefficiente di protezione sismica ; la maggiore protezione per strutture importanti si ottiene progettandole (o verificandole) per terremoti con periodo di ritorno maggiori, quindi di intensità più elevata Vita nominale, classi d uso e periodo di riferimento Tensioni ammissibili È possibile ricorrere ancora al metodo delle Tensioni Ammissibili soltanto in alcuni (pochi) casi. La vita nominale della struttura e la classe d uso intervengono nella definizione delle situazioni nelle quali è possibile fare ricorso al metodo delle Tensioni Ammissibili: infatti per le costruzioni di tipo 1 e 2 e Classe d uso I e II, limitatamente a siti ricadenti in Zona sismica 4, è ammesso il metodo di verifica alle tensioni ammissibili. OSSERVAZIONE: in più parti delle NTC 2008 e della relativa Circolare si fa riferimento alle zone sismiche, che tuttavia non sembrano definite in nessuna delle parti dei documenti citati; sarà necessaria quindi una successiva interpretazione delle prescrizioni. Le zone sismiche, come da OPCM 3274 e segg., erano delimitate da: zona 1: a g = 0,35 g zona 2: a g = 0,25 g zona 3: a g = 0,15 g zona 4: a g = 5 g

4 Vita nominale, classi d uso e periodo di riferimento Le zone sismiche L unica osservazione in proposito si trova (per ora) in un documento del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (allegato al voto n. 36 del ): Azioni sulle costruzioni

5 Azioni sulle costruzioni Azioni sulle costruzioni Classificazione in base al modo di esplicarsi DIRETTE INDIRETTE DEGRADO (forze concentrate, carichi distribuiti, fissi o mobili) (spostamenti impressi, variazioni di temperatura e di umidità, ritiro, precompressione, cedimenti di vincolo, etc.) endogeno (alterazioni naturali dei materiali) esogeno (alterazioni dei materiali a seguito di agenti esterni) Classificazione secondo la risposta strutturale STATICHE PSEUDO STATICHE DINAMICHE azioni che non producono accelerazioni significative nella struttura o in alcune delle parti della struttura azioni dinamiche rappresentabili mediante un azione statica equivalente azioni che causano accelerazioni significative nella struttura o in alcuni dei suoi componenti Azioni sulle costruzioni Azioni sulle costruzioni Classificazione secondo la variazione di intensità nel tempo PERMANENTI (G) azioni che agiscono per tutta la vita nominale della costruzione, la cui variazione di intensità nel tempo è così piccola e lenta da poterle considerare con sufficiente approssimazione costanti nel tempo peso proprio di tutti gli elementi strutturali (G 1 ) (peso proprio del terreno; forze indotte dal terreno [esclusi gli effetti di carichi variabili applicati al terreno]; forze risultanti dalla pressione dell acqua [quando si configurino costanti nel tempo]) peso proprio di tutti gli elementi non strutturali (G ) 2 spostamenti e deformazioni imposti (previsti dal progetto e realizzati all atto della costruzione) pretensione e precompressione (P) ritiro e viscosità spostamenti differenziali

6 Azioni sulle costruzioni Azioni sulle costruzioni Classificazione secondo la variazione di intensità nel tempo VARIABILI (Q) azioni sulla struttura o sull elemento strutturale con valori istantanei che possono risultare sensibilmente diversi fra loro nel tempo di lunga durata (agiscono con un intensità significativa, anche non continuativamente, per un tempo non trascurabile rispetto alla vita nominale della struttura) di breve durata (agiscono per un periodo di tempo breve rispetto alla vita nominale della struttura) ECCEZIONALI (A) azioni che si verificano solo eccezionalmente nel corso della vita nominale della struttura incendi esplosioni urti ed impatti SISMICHE (E) azioni derivanti dai terremoti Applicazioni ad un caso studio

7 Applicazioni ad un caso studio Esempio di applicazione: edificio di civile abitazione composto da cinque piani fuori terra, situato nella zona di Firenze (rielaborazione della pianta di uno dei blocchi che costituisce un edificio a schiera esistente) Principali caratteristiche: Applicazioni ad un caso studio cinque piani fuori terra, copertura piana telai trasversali a due campate solai disposti in direzione longitudinale telai esterni (fili 1 e 6): travi ricalate, di dimensioni 30 x 45 telai intermedi (fili 2 e 5): travi in spessore di solaio di dimensioni 50 x 22 telai contigui al vano scale (fili 3 e 4): travi ricalate di dimensione 30 x 45 scala realizzata con soletta a ginocchio pilastri (17 per piano), con una dimensione costante in pianta di 30 cm e l altra variabile con l altezza cordoli in direzione longitudinale, di altezza pari a 22 cm e larghezza pari a 50 cm

8 Applicazioni ad un caso studio Pianta strutturale Pianta strutturale modificata inserimento di due setti per correggere la risposta sismica dell edificio Applicazioni ad un caso studio Sezione trasversale

9 Analisi dei carichi Analisi dei carichi Solaio Solaio in laterocemento di altezza di 22 cm ( cm). Nelle NTC non ci sono limitazioni sullo spessore minimo dei solai; la Circolare (Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 C.S.LL.PP., Istruzioni per l applicazione delle «Nuove norme tecniche per le costruzioni» di cui al decreto ministeriale 14 gennaio 2008, G.U. n. 47 del 26 febbraio 2009 Suppl. Ordinario n. 27) riporta che: C4.1.9 Norme ulteriori per i solai... il progettista (...) deve verificare che: 1) le deformazioni risultino compatibili con le condizioni di esercizio del solaio e degli elementi costruttivi ed impiantistici ad esso collegati; 2) vi sia, in base alle resistenze meccaniche dei materiali, un rapporto adeguato tra la sezione delle armature di acciaio, la larghezza delle nervature in conglomerato cementizio, il loro interasse e lo spessore della soletta di completamento in modo che sia assicurata la rigidezza nel piano e che sia evitato il pericolo di effetti secondari indesiderati.

10 Analisi dei carichi Solaio Relativamente al controllo della compatibilità delle deformazioni, si può fare riferimento a quanto riportato nella Circolare al p.to C Verifica di deformabilità, in cui si forniscono dei valori di snellezza limite (rapporto tra luce ed altezza) al di sotto dei quali è possibile omettere la verifica delle inflessioni: Campate intermedie di travi o piastre mono o bidirezionali Piastre non nervate sostenute da pilastri (snellezza relativa alla luce maggiore) Mensole Sistema strutturale Travi semplicemente appoggiate, piastre incernierate mono o bidirezionali Campate terminali di travi continue o piastre continue monodirezionali o bidirezionali continue sul lato maggiore K 1,0 1,2 0,4 Calcestruzzo molto sollecitato ρ=% Calcestruzzo poco sollecitato ρ=0,5% Tabella C4.1.I Valori di K e snellezze limite per elementi inflessi in c.a. in assenza di compressione assiale Analisi dei carichi Solaio Sistema strutturale Travi semplicemente appoggiate, piastre incernierate mono o bidirezionali K 1,0 Calcestruzzo molto sollecitato ρ=% 14 Calcestruzzo poco sollecitato ρ=0,5% 20 campata esterna (luce 3.40 m): 340 h = cm 26 Campate terminali di travi continue o piastre continue monodirezionali o bidirezionali continue sul lato maggiore Campate intermedie di travi o piastre mono o bidirezionali Piastre non nervate sostenute da pilastri (snellezza relativa alla luce maggiore) Mensole 1,2 0, campata interna (luce max 4.00 m): 400 h = cm 30 Tabella C4.1.I Valori di K e snellezze limite per elementi inflessi in c.a. in assenza di compressione assiale Osservazione: la prescrizione riguardo le altezze minime degli elementi strutturali per evitare la verifica di deformazione è sostanzialmente la stessa di quella contenuta nell EC2 (EN _Settembre 2005, punto 7.4), salvo il fatto che gli stessi limiti sono riportati in termini di altezza utile d anziché di altezza del solaio h (l EC2 è quindi più restrittivo)

11 Analisi dei carichi Solaio SOLAIO: CARICHI PERMANENTI soletta ,00 kn/m 2 travetti 2 (0,10 0,18 25) 0,90 kn/m 2 laterizio 2 (0,40 0,18 8) 1,15 kn/m 2 Peso Proprio solaio (g 1 ) 3,05 kn/m 2 intonaco ,36 kn/m 2 massetto ,60 kn/m 2 pavimento in ceramica (2 cm) 0,40 kn/m 2 incidenza tramezzi (g 2k ) 1,20 kn/m 2 Carichi Permanenti (g 1 o g 2 ) 2,56 kn/m 2 g 1 + g 2 5,61 kn/m 2 Analisi dei carichi Solaio: incidenza tramezzi Per il calcolo dell incidenza dei tramezzi, le NTC forniscono un criterio un po diverso dai DM precedenti (ad esempio, nella circolare del DM si prevedeva di utilizzare, per tramezzature di peso inferiore a 0 kn/m 2, un carico equivalente a mq pari a volte il peso della tramezzatura). Nelle NTC, al punto (Elementi divisori interni) viene infatti riportato che, nel calcolo degli orizzontamenti degli edifici per abitazioni e uffici, il peso proprio di elementi divisori interni può essere ragguagliato ad un carico permanente portato uniformemente distribuito g 2k, purché vengano adottate le misure costruttive atte ad assicurare una adeguata ripartizione del carico.

12 Analisi dei carichi Solaio: incidenza tramezzi Il carico uniformemente distribuito g 2k definito dipende dal peso proprio per unità di lunghezza G 2k delle partizioni nel modo seguente: - per elementi divisori con G 2k 1,00 kn/m: g 2k = 0,40 kn/m 2 ; - per elementi divisori con 1,00 < G 2k 2,00 kn/m: g 2k = 0,80 kn/m 2 ; - per elementi divisori con 2,00 < G 2k 3,00 kn/m: g 2k = 1,20 kn/m 2 ; - per elementi divisori con 3,00 < G 2k 4,00 kn/m: g 2k = 1,60 kn/m 2 ; - per elementi divisori con 4,00 < G 2k 5,00 kn/m: g 2k = 2,00 kn/m 2. Nota: il fatto di riferirsi ad un peso per unità di lunghezza appare a prima vista un po strano, non mettendo in conto qual é l effettiva incidenza sulla superficie dei tramezzi presenti. Probabilmente è frutto di una stima su incidenze standard per unità di superficie: i rapporti tra g 2k e G 2k portano ad uno sviluppo dei tramezzi equivalente a 0,4 m/m 2, che rappresenta effettivamente un incidenza media (nel caso studio si ha un incidenza pari a circa 0,3 m/m 2, escludendo le pareti esterne). Analisi dei carichi Solaio: incidenza tramezzi Nel caso in esame, considerando tramezzature di 10 cm (1 cm di intonaco + 8 cm di mattoni forati + 1 cm di intonaco), ed un altezza di circa 3.00 m, si ha un peso a ml pari a laterizio 8 8 0,64 kn/m 2 intonaco ,36 kn/m 2 Peso Proprio tramezzi 1,00 kn/m 2 G 2k (h=3 m) 1,00 3 3,00 kn/m per cui si può considerare un valore di carico equivalente a mq pari a g 2k = 1,20 kn/m 2.

13 Analisi dei carichi Solaio di copertura SOLAIO DI COPERTURA: CARICHI PERMANENTI soletta ,00 kn/m 2 travetti 2 (0,10 0,18 25) 0,90 kn/m 2 laterizio 2 (0,40 0,18 8) 1,15 kn/m 2 Peso Proprio solaio (g 1 ) 3,05 kn/m 2 intonaco ,36 kn/m 2 massetto kn/m 2 pavimentazione e guaina 0,50 kn/m 2 Carichi Permanenti (g 1 o g 2 ) 2,24 kn/m 2 g 1 + g 2 5,29 kn/m 2 Analisi dei carichi Scala La scala è rappresentata da una soletta a ginocchio, di spessore 12 cm, con gradini di dimensioni a p pari a 30 16,5. L analisi dei carichi in questo caso fornisce: SCALA: CARICHI PERMANENTI soletta 0, ,00 kn/m 2 gradini (0,165/2) 25 2,06 kn/m 2 Peso Proprio Scala (g 1 ) 5,06 kn/m 2 intonaco ,36 kn/m 2 pavimento in marmo (2,5 cm) 0,66 kn/m 2 Carichi Permanenti (g 1 o g 2 ) 1,02 kn/m 2 g 1 + g 2 6,08 kn/m 2

14 Analisi dei carichi Carichi variabili I valori da assumere per i carichi variabili sono riportati in Tabella 3.1.II. Le categorie sono state indicate con lettere maiuscole anziché con numeri come era nei precedenti decreti. Analisi dei carichi Carichi variabili Nel caso in esame (categoria A, ambienti ad uso residenziale), rispetto al DM appare l assenza della dicitura e relativi terrazzi a livello praticabili, sostituita dalla frase ad esclusione delle aree suscettibili di affollamento. Questa aggiunta lascia intendere di dover assumere, anche per i terrazzi a livello praticabili, un carico distribuito relativo alla categoria C2, ossia 4,00 kn/m 2.

15 Analisi dei carichi Carichi variabili gli elementi evidenziati sono diversi da quelli riportati nel DM 96 Analisi dei carichi Carico neve Rispetto al DM sono state modificate le zone in cui è stata suddivisa l Italia, modificando allo stesso tempo le espressioni per il carico neve al suolo q sk.

16 Analisi dei carichi Carico neve Nel caso, ad esempio, della provincia di Firenze, si ha un nuovo carico al suolo definito, in funzione dell altezza s.l.m., dalle espressioni: q sk = 1,00 kn/m 2 a s 200 m q sk = 0,85 [1 + (a s /481) 2 ] kn/m 2 a s > 200 m che fornisce valori leggermente diversi rispetto a quelli riportati nel precedente DM. Carico neve al suolo (zona II, in kn/m 2 ) DM 96 NTC Nota: le modifiche al valore del carico di riferimento sono in parte dovute al passaggio ad un periodo di ritorno di 50 anni (nei precedenti DM si erano considerati i carichi neve relativi a periodi di ritorno di 200 anni) quota [m] Analisi dei carichi Carico neve Nell espressione del carico neve si ha l aggiunta di due nuovi coefficienti rispetto ai precedenti DM; infatti il carico provocato dalla neve sulle coperture viene valutato mediante l espressione: dove: q s μ i q sk C E C t q s = μ i q sk C E C t è il carico neve sulla copertura; è il coefficiente di forma della copertura; è il valore caratteristico di riferimento del carico neve al suolo [kn/m 2 ], fornito per un periodo di ritorno di 50 anni; è il coefficiente di esposizione; è il coefficiente termico.

17 Analisi dei carichi Carico neve C E il coefficiente di esposizione C E viene utilizzato per modificare il valore del carico neve in copertura in funzione delle caratteristiche specifiche dell area in cui sorge l opera (solitamente, C E = 1) C t il coefficiente termico C t può essere utilizzato per tener conto della riduzione del carico neve a causa dello scioglimento della stessa, causata dalla perdita di calore della costruzione. Tale coefficiente tiene conto delle proprietà di isolamento termico del materiale utilizzato in copertura. In assenza di uno specifico e documentato studio, deve essere utilizzato C t = 1 Analisi dei carichi Carico neve I coefficienti di forma sono stati semplificati (ma sostanzialmente sono rimasti in linea con i precedenti); per le coperture a falda semplice, come quella utilizzata nella struttura esaminata, viene contemplata una unica condizione di carico, definita attraverso il coefficiente di forma μ 1.

18 Analisi dei carichi Carico neve Nel caso in esame, si ha quindi: q sk = 1,00 kn/m 2 a s < 200 m μ 1 = 0,80 α < 30 C E = 1,00 C t = 1,00 q 4 = μ 1 q sk C E C t = 1,00 0,80 1,00 1,00 = 0,80 kn/m 2 Analisi dei carichi Carico neve Per coperture a una falda si considera una sola condizione di carico (nel DM precedente era contemplato anche il carico su metà copertura). Per coperture a due falde si utilizza un solo coefficiente μ 1, al contrario del DM precedente in cui si utilizzavano tre diversi coefficienti di forma (μ 1, μ 1* e μ 2 ).

19 Analisi dei carichi Carico neve (circolare) Caso (i) µ 1(α1) µ 1(α2) µ 1(α1) µ 1(α2) µ2 Caso (ii) µ 1(α1) µ 2(α) α = (α 1 + α 2 )/2 µ 1(α2) µ µ1 α 1 α 2 α 1 α α Caso(I): caso di neve depositata in assenza di vento Caso (II): caso di neve depositata in presenza di vento Angolo di inclinazione della falda α 0 α < α < 60 α 60 μ 1 0,8 0,8(60 - α)/30 μ 2 0,8 + 0,8 α/30 1,6 -- Nota: μ 2 corrisponde al μ 3 del DM 96 Analisi dei carichi Carico neve (circolare) Caso (i) 0,8 Caso (ii) 0,5µ3 l s /4 l s/4 l s/4 l s /4 µ3 60 β h l s b Coperture cilindriche I valori dei coefficienti di forma sono dati dalle espressioni seguenti: per β > 60 μ 3 = 0 per β 60 μ 3 = 0, h/b, con μ 3 2,0.

20 Analisi dei carichi Carico Vento Nel caso dell edificio in esame, non è stato utilizzato il carico da vento (la verifica più stringente con carichi orizzontali si ottiene in condizioni sismiche). Comunque, nelle NTC 2008 non ci sono differenze sostanziali rispetto al DM96. Le differenze riguardano: variazioni (in diminuzione) della crescita della velocità del vento con la quota; variazione dell espressione adottata per la legge di dipendenza della velocità media dal periodo di ritorno (Circolare); incremento dei coefficienti di pressione per le tettoie (Circolare); incremento del coefficiente di pressione per la determinazione delle pressioni massime locali (Circolare). Analisi dei carichi Carico Vento Il panorama è destinato comunque a modificarsi dalla pubblicazione della versione finale (dopo il periodo di inchiesta pubblica) delle CNR-DT 207/2008 Istruzioni per la valutazione delle azioni e degli effetti del vento sulle costruzioni che costituisce un documento in accordo con NTC 2008 e (sostanzialmente) con EC1 maggio 2009?

21 Analisi dei carichi Riepilogo carichi Pesi propri solaio (piani intermedi) g 1 = 3,05 kn/m 2 solaio (copertura) g 1 = 3,05 kn/m 2 scale g 1 = 5,06 kn/m 2 Carichi permanenti solaio (piani intermedi) g 1 g 2 = 2,56 kn/m 2 solaio (copertura) g 1 g 2 = 2,24 kn/m 2 scale g 1 g 2 = 1,02 kn/m 2 Carichi variabili solaio q 1 = 2,00 kn/m 2 terrazzi e scale q 2 = 4,00 kn/m 2 copertura non praticabile q 3 = 0,50 kn/m 2 neve q 4 = 0,80 kn/m 2 Analisi dei carichi Riepilogo carichi Sebbene non riportato esplicitamente nelle NTC, si ritiene di utilizzare l indicazione presente nella circolare relativa al precedente DM 96, nella quale si precisava che i sovraccarichi riportati nel paragrafo relativo ai sovraccarichi variabili non vanno cumulati, sulle medesime superfici, con quelli relativi alla neve. Di conseguenza, dal momento che il carico q 4 risulta più gravoso del carico q 3, nella valutazione delle azioni sulla copertura e trasmesse al resto dell edificio si considererà il solo carico variabile dovuto alla neve.

22 Combinazione delle azioni Combinazione delle azioni Combinazione delle azioni nelle verifiche agli stati limite La combinazione fondamentale impiegata per gli stati limite ultimi (SLU) assume la forma generale γ G1 G 1 + γ G2 G 2 + γ P P + γ Q1 Q k1 + γ Q2 ψ 02 Q k2 + γ Q3 ψ 03 Q k3 + in cui: G 1 peso proprio di tutti gli elementi strutturali; peso proprio del terreno, quando pertinente; forze indotte dal terreno (esclusi gli effetti di carichi variabili applicati al terreno); forze risultanti dalla pressione dell acqua (quando si configurino costanti nel tempo); G 2 peso proprio di tutti gli elementi non strutturali; P pretensione e precompressione; Q kj azioni variabili della combinazione, con Q k1 azione variabile dominante e Q k2, Q k3, azioni variabili che possono agire contemporaneamente a quella dominante.

23 Combinazione delle azioni Combinazione delle azioni nelle verifiche agli stati limite Si distinguono tre diversi casi e due diversi approcci: - lo stato limite di equilibrio come corpo rigido: EQU - lo stato limite di resistenza della struttura compresi gli elementi di fondazione: STR - lo stato limite di resistenza del terreno: GEO In STR e GEO sono utilizzabili due tipi di approccio: Approccio 1: 1 si impiegano due diverse combinazioni di gruppi di coefficienti parziali, rispettivamente definiti per le azioni (A), per la resistenza dei materiali (M) e, eventualmente, per la resistenza globale del sistema (R). Nella Combinazione 1 dell Approccio 1, per le azioni si impiegano i coefficienti γ F riportati nella colonna A1 della Tabella 2.6.I. Nella Combinazione 2 dell Approccio 1, si impiegano invece i coefficienti γ F riportati nella colonna A2. Approccio 2: 2 si impiega un unica combinazione dei gruppi di coefficienti parziali definiti per le Azioni (A), per la resistenza dei materiali (M) e, eventualmente, per la resistenza globale (R). In tale approccio, per le azioni si impiegano i coefficienti γ F riportati nella colonna A1. Combinazione delle azioni Combinazione delle azioni nelle verifiche agli stati limite

24 Combinazione delle azioni Combinazione delle azioni nelle verifiche agli stati limite cap (parte geotecnica) E d R d E E X F ; ;a k d = γf k d γm E X E F ; ;a con k d = γe k d γ E =γf γm R 1 R X F ; ;a k d = γf k d γr γm Effetto delle azioni e resistenza sono espresse in funzione delle azioni di progetto γ F F k, dei parametri di progetto X k /γ M e della geometria di progetto a d. L effetto delle azioni può anche essere valutato direttamente come E d =E k γ E. Nella formulazione della resistenza R d, compare esplicitamente un coefficiente γ R che opera direttamente sulla resistenza del sistema. Combinazione delle azioni Combinazione delle azioni nelle verifiche agli stati limite cap (parte geotecnica) E R d d La verifica della suddetta condizione deve essere effettuata impiegando diverse combinazioni di gruppi di coefficienti parziali, rispettivamente definiti per le azioni (A1 e A2), per i parametri geotecnici (M1 e M2) e per le resistenze (R1, R2 e R3). I diversi gruppi di coefficienti di sicurezza parziali sono scelti nell ambito di due approcci progettuali distinti e alternativi. Nel primo approccio progettuale (Approccio 1) 1 sono previste due diverse combinazioni di gruppi di coefficienti: la prima combinazione è generalmente più severa nei confronti del dimensionamento strutturale delle opere a contatto con il terreno, mentre la seconda combinazione è generalmente più severa nei riguardi del dimensionamento geotecnico. Nel secondo approccio progettuale (Approccio 2) 2 è prevista un unica combinazione di gruppi di coefficienti, da adottare sia nelle verifiche strutturali sia nelle verifiche geotecniche.

25 Combinazione delle azioni Combinazione delle azioni nelle verifiche agli stati limite Esempio: verifica allo SLU di fondazioni superficiali ( ) E d Rd (6.2.1) Le verifiche devono essere effettuate almeno nei confronti dei seguenti stati limite: SLU di tipo geotecnico (GEO) - collasso per carico limite dell insieme fondazione-terreno - collasso per scorrimento sul piano di posa - stabilità globale (da fare, se necessario, con comb. 2 di approccio 1) SLU di tipo strutturale (STR) - raggiungimento della resistenza negli elementi strutturali, accertando che la condizione (6.2.1) sia soddisfatta per ogni stato limite considerato. Combinazione delle azioni Combinazione delle azioni nelle verifiche agli stati limite Esempio: verifica allo SLU di fondazioni superficiali ( ) La verifiche devono essere effettuate tenendo conto dei valori dei coefficienti parziali riportati nelle Tab. 6.2.I, 6.2.II e 6.4.I, seguendo almeno uno dei due approcci: Approccio 1: 1 - Combinazione 1: - Combinazione 2: (A1+M1+R1) (A2+M2+R2) Approccio 2: 2 (A1+M1+R3)

26 Combinazione delle azioni Combinazione delle azioni nelle verifiche agli stati limite A differenza di quanto riportato in normative precedenti, si osserva: l introduzione di coefficienti parziali differenziati per carichi permanenti dovuti ai pesi strutturali e per i carichi permanenti portati, a meno che questi ultimi non siano compiutamente definiti; l introduzione di più combinazioni agli SLU, anche se in realtà la combinazione maggiormente significativa per il dimensionamento della struttura (eventualmente escludendo le fondazioni) è rappresentata dalla combinazione STR-A1, analoga a quella considerata in normative precedenti. Combinazione delle azioni Combinazione delle azioni nelle verifiche agli stati limite C è una differenza sostanziale tra la combinazione EQU e le combinazioni STR e GEO. Nella prima (EQU) la parte favorevole di una stessa azione è moltiplicata per 0,9 e quella sfavorevole per 1,1; nelle altre due (STR e GEO) si utilizza lo stesso coefficiente di combinazione per l insieme delle azioni che derivano da una stessa sorgente, il cui effetto complessivo può essere favorevole o sfavorevole. In questo secondo caso, ad esempio, per il peso proprio si assumerà sempre lo stesso coefficiente (1,0 se favorevole, se sfavorevole) su tutta la struttura, mentre coefficienti parziali diversi potranno essere utilizzati per altri carichi permanenti derivanti da sorgenti diverse.

27 Combinazione delle azioni Combinazione delle azioni nelle verifiche agli stati limite Agli stati limite ultimi sono associate altre due combinazioni: Combinazione sismica, impiegata per gli stati limite ultimi e di esercizio connessi all azione sismica E: E + G 1 + G 2 + P + ψ 21 Q k1 + ψ 22 Q k2 + Combinazione eccezionale, impiegata per gli stati limite ultimi connessi alle azioni eccezionali di progetto A d : G 1 + G 2 + P + A d + ψ 21 Q k1 + ψ 22 Q k Combinazione delle azioni Combinazione delle azioni nelle verifiche agli stati limite Negli stati limite di esercizio (SLE) si adottano di norma le combinazioni: Combinazione caratteristica (rara), generalmente impiegata per gli stati limite di esercizio (SLE) irreversibili (valida anche nelle verifiche alle tensioni ammissibili): G 1 + G 2 + P + Q k1 + ψ 02 Q k2 + ψ 03 Q k3 + Combinazione frequente, generalmente impiegata per gli stati limite di esercizio (SLE) reversibili: G 1 + G 2 +P+ ψ 11 Q k1 + ψ 22 Q k2 + ψ 23 Q k3 + Combinazione quasi permanente (SLE), generalmente impiegata per gli effetti a lungo termine: G 1 + G 2 + P + ψ 21 Q k1 + ψ 22 Q k2 + ψ 23 Q k3 +

28 Combinazione delle azioni Combinazione delle azioni nelle verifiche agli stati limite I valori dei coefficienti di combinazione sono leggermente diversi da quelli riportati nel DM 96 NTC 2008 DM 96 Categoria B Uffici Categoria H Coperture Vento Neve (a quota 1000 m s.l.m.) 0,5 0,2 0,7 0,2 Neve (a quota > 1000 m s.l.m.) Variazioni termiche Categoria/Azione variabile Categoria A Ambienti ad uso residenziale Categoria C Ambienti suscettibili di affollamento 0,7 0,7 0,6 0,7 0,6 0,3 Categoria D Ambienti ad uso commerciale Categoria E Biblioteche, archivi, magazzini e ambienti ad uso industriale Categoria F Rimesse e parcheggi (per autoveicoli di peso 30 kn) Categoria G Rimesse e parcheggi (per autoveicoli di peso > 30 kn) ψ 0j 0,7 0,7 0,7 1,0 0,7 0,7 0,6 0,7 0,6 ψ 1j 0,5 0,5 0,7 0,9 0,7 0,5 0,2 0,5 0,5 ψ 2j 0,3 0,3 0,6 0,8 0,6 0,3 0,2 ψ 0j 0,7 / 0,7 / / ψ 1j 0,5 / 0,7 / / ψ 2j 0,2 / 0,6 / / Combinazione delle azioni Combinazione delle azioni nel caso in esame Nel calcolo dell edificio analizzato si è proceduto, per il calcolo delle sollecitazioni allo SLU, all utilizzo dell approccio 2, 2 ossia impiegando un unica combinazione dei gruppi di coefficienti parziali per gli stati limiti STR e GEO, adottando i coefficienti parziali riportati nella colonna A1 della tabella 2.6.I. Le azioni permanenti sulla struttura sono state divise in quattro condizioni di carico: PP1a: pesi propri elementi strutturali modellati (calcolati dal programma) PP1b: pesi propri elementi strutturali (ad es. solai) PP2a: carichi permanenti (pavimenti,intonaci, etc.) PP2b: peso delle facciate I primi due carichi sono del tipo G 1, mentre gli altri due devono essere classificati (tipo G 1 o G 2 ).

29 Combinazione delle azioni Combinazione delle azioni nel caso in esame Volendo interpretare alla lettera le prescrizioni normative, TUTTI i carichi permanenti non strutturali non compiutamente definiti dovrebbero essere considerati alla stregua dei carichi accidentali, essendo per questi sempre possibile il coefficiente di combinazione γ G2 = 0. In fase di progetto, molto spesso tali carichi non sono del tutto compiutamente definiti, essendo legati a scelte che vengono effettuate (o modificate) anche dopo il deposito degli elaborati strutturali [ad esempio, la scelta definitiva di un pavimento o dello spessore di un massetto viene spesso effettuata in una fase successiva al deposito del progetto strutturale]. Tuttavia, ipotizzare che in una struttura possano essere presenti contemporaneamente zone in cui si hanno i carichi permanenti non strutturali ed i carichi accidentali, accanto a zone in cui entrambi siano assenti appare troppo conservativa (nell intenzione degli estensori della norma, risulta evidente la volontà di ricondurre ai carichi non strutturali soltanto quelli effettivamente incerti, assimilando invece ai carichi strutturali anche gli altri carichi permanenti definiti con sufficiente certezza). Combinazione delle azioni Combinazione delle azioni nel caso in esame Nell esempio si è proceduto con un doppio schema di calcolo: Comb_1: tutti i carichi non strutturali sono stati classificati come carichi di tipo G 2, ossia sono stati ritenuti come non compiutamente definiti, utilizzando il coefficiente di combinazione per tenere conto della loro possibile incertezza ma non prevedendo il caso con coefficiente di combinazione nulla Comb_2: soltanto il carico equivalente alle tramezzature è stato classificato come carichi di tipo G 2 (non compiutamente definito), utilizzando il coefficiente di combinazione e prevedendo anche il caso con coefficiente di combinazione nulla (distribuzione uguale agli accidentali)

30 Combinazione delle azioni Combinazione delle azioni nel caso in esame Le azioni variabili nella struttura sono state suddivise in: Q1a: carichi accidentali sui solai Q1b: carichi accidentali sulla scala e sui balconi Q2: carichi accidentali sulla copertura (carico neve) I carichi Q1a e Q1b sono stati considerati simultanei, quindi appartenenti alla stessa sorgente. Tutti i carichi (ad eccezione di PP1a, calcolato direttamente dal programma di calcolo) sono stati applicati direttamente alle travi della struttura, moltiplicando il carico per unità di superficie per l area di influenza relativa. Combinazione delle azioni Combinazione delle azioni nel caso in esame Limitatamente ai carichi accidentali, questi sono stati ulteriormente suddivisi in due condizioni (contrassegnate da un indice 1 e 2), per caratterizzare la possibile distribuzione a scacchiera dei carichi, in modo da massimizzare i momenti positivi. Quindi, ad esempio per il carico Q1a, si hanno le due condizioni: Q1a_1: scacchiera destra Q1a_2: scacchiera sinistra e analogamente per gli altri. La somma delle condizioni Q1a_1 e Q1a_2 fornisce evidentemente il carico completo sulla struttura esaminata.

31 Combinazione delle azioni Combinazione delle azioni nel caso in esame Q1a_1 Q1a_2 Combinazione delle azioni Combinazione delle azioni nel caso in esame: Comb_1 Le combinazioni sono divise in due gruppi: nel primo si sono considerate le azioni sui solai intermedi dell edificio come azioni di base della combinazione; nel secondo gruppo, l azione di base è stata considerata l azione sulla copertura (ossia il carico neve). PP1a PP1b PP2a PP2b Q1a_1 Q1a_2 Q1b_1 Q1b_2 Q2_1 Q2_2 SLU_STR-1 0,75 SLU_STR-2 0,75 SLU_STR-3 0,75 0,75 SLU_STR-1_cop 1,05 1,05 SLU_STR-2_cop 1,05 1,05 SLU_STR-3_cop 1,05 1,05 1,05 1,05 Combinazioni di carico agli SLU (1,05 = x 0,7; 0,75 = x 0,5) Nota: i carichi di tipo G 2 sono stati ritenuti come compiutamente definiti (non è stato previsto il caso con coefficiente di combinazione nulla) ma si è utilizzato il coefficiente per tenere conto della loro possibile incertezza

32 Combinazione delle azioni Combinazione delle azioni nel caso in esame: Comb_2 Un percorso alternativo, ma che conduce di fatto agli stessi risultati, potrebbe essere il seguente. Si considerano tutti i carichi permanenti non strutturali come compiutamente definiti (e in quanto tali si adottano coefficienti di combinazione analoghi a quelli dei pesi propri strutturali) ad eccezione delle tramezzature, le quali possono effettivamente subire variazioni in corso d opera in maniera non direttamente controllabile dal progettista. Soltanto per quest ultimo contributo si utilizzano i coefficienti di combinazione collegati ai pesi propri non strutturali non compiutamente definiti (e quindi γ F = ), contemplando la possibilità che tali carichi possano contemporaneamente essere o meno presenti nell edificio. Di fatto, anche per questi, si considera di conseguenza una disposizione a scacchiera analoga a quella adottata per i carichi accidentali. Combinazione delle azioni Combinazione delle azioni nel caso in esame: Comb_2 In questo secondo caso la tabella di combinazione risulta la seguente, in cui: PP1a: pesi propri elementi strutturali modellati (calcolati dal programma) PP1b: pesi propri elementi strutturali (ad es. solai) e non strutturali compiutamente definiti (massetti, pavimenti,intonaci, facciate) PP2_1: scacchiera destra per carichi permanenti non compiutamente definiti (tramezzature) PP2_2: scacchiera sinistra per carichi permanenti non compiutamente definiti (tramezzature) PP1a PP1b PP2_1 PP2_2 Q1a_1 Q1a_2 Q1b_1 Q1b_2 Q2_1 Q2_2 SLU_STR-1 0,75 SLU_STR-2 0,75 SLU_STR-3 0,75 0,75 SLU_STR-1_cop 1,05 1,05 SLU_STR-2_cop 1,05 1,05 SLU_STR-3_cop 1,05 1,05 1,05 1,05

33 Combinazione delle azioni Combinazione delle azioni nel caso in esame M = -79,0 M = -76,2 M = -74,6 M = -72,0 M = +45,6 M = +44,8 Comb_1 Comb_2 Momenti flettenti (knm sulle travi del telaio 6): variazioni delle sollecitazioni nell ordine di ±5% Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Gianni Bartoli DICeA - Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Firenze

4 Azioni sulle costruzioni

4 Azioni sulle costruzioni 4 Azioni sulle costruzioni Classificazione delle azioni 1/2 Si definisce azione ogni causa o insieme di cause capace di indurre stati limite in una struttura. Si definisce sollecitazione ogni effetto interno

Dettagli

Lezione. Tecnica delle Costruzioni

Lezione. Tecnica delle Costruzioni Lezione Tecnica delle Costruzioni 1 Azioni sulle costruzioni Classificazione Un modello completo di una azione descrive diverse proprietà di una azione: intensità posizione direzione durata interazione

Dettagli

2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI

2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI Le opere e le componenti strutturali devono essere progettate, eseguite, collaudate e soggette a manutenzione in modo tale da consentirne la prevista

Dettagli

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio prof. Renato Giannini LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio (arch. Lorena Sguerri) PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO Norme per il predimensionamento

Dettagli

AZIONI SULLE COSTRUZIONI, CARICHI VENTO, NEVE. Maurizio Orlando

AZIONI SULLE COSTRUZIONI, CARICHI VENTO, NEVE. Maurizio Orlando AZIONI SULLE COSTRUZIONI, CARICHI PERMANENTI, CARICHI VARIABILI DI ESERCIZIO, VENTO, NEVE Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale - Università degli Studi di Firenze www.dicea.unifi.it/maurizio.orlando

Dettagli

PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO

PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO prof. Gianmarco de Felice, arch. Lorena Sguerri PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO Norme per il predimensionamento Analisi dei carichi permanenti Sovraccarichi variabili Combinazioni di

Dettagli

CALCOLI ESECUTIVI DELLE STRUTTURE

CALCOLI ESECUTIVI DELLE STRUTTURE OGGETTO LOCALITA' OPERE DI BONIFICA COPERTURA IN CEMENTO AMIANTO CAPANNONE AUTORIMESSA E OFFICINA Località "Palombare", Via Del Commercio 27 Ancona PROGETTISTA Dott. Ing. LUCA MOSCA ELABORATO PROGETTO

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

Analisi dei carichi NNT 2008

Analisi dei carichi NNT 2008 Analisi dei carichi NNT 2008 2/25 Caso di studio Il caso di studio è rappresentato da un edificio di 2 piani, con altezza di interpiano pari a 3m, destinato a civile abitazione. 4.6m 5.2m 5.4m 1.5m 5.0m

Dettagli

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio 1 Cenni introduttivi ed Analisi dei carichi.... 2 1.1 Descrizione Tipologica...2 1.2 Schematizzazione strutturale...4 1.3 Analisi

Dettagli

SOLAI SOLAI RIFERIMENTO NORMATIVA D.M. 14.02.1992 CAPITOLO 7 Art.7.0 CLASSIFICAZIONE SOLAI PIENI IN C.A. o C.A.P. PER QUESTO TIPO DI STRUTTURE VALGONO TOTALMENTE LE INDICAZIONI STRUTTURALI E DI CALCOLO

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile Solaio Dott. Ing. Simone Beccarini Email: sbeccarini@hotmail.it INDICE: Il solaio: generalità Tipologie di solai Il solaio latero-cementizio:

Dettagli

Combinazione dei carichi

Combinazione dei carichi Combinazione dei carichi Un passo fondamentale del progetto di un opera civile è sicuramente l analisi delle forze agenti su essa che sono necessarie per l individuazione delle corrette sollecitazioni

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. NORMATIVA... 8 3. MATERIALI... 8 4. DEFINIZIONE DEI CARICHI... 9 5. CRITERI DI VERIFICA... 9

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. NORMATIVA... 8 3. MATERIALI... 8 4. DEFINIZIONE DEI CARICHI... 9 5. CRITERI DI VERIFICA... 9 R4M engineering INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 1.1. CHIUSURA DEL FORO SCALA A CHIOCCIOLA ESISTENTE... 4 1.2. CHIUSURA CAVEDI IMPIANTISTICI ESISTENTI... 5 1.3. AMPLIAMENTO DELLA VASCA... 6 1.4. ORDITURA PORTANTE

Dettagli

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE...

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... INDICE GENERALE PREMESSA... 1 OGGETTO... 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI... 2.2 STATI LIMITE... 2.2.1 Stati Limite Ultimi (SLU)... 2.2.2 Stati Limite di Esercizio (SLE)...

Dettagli

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 2/6 INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 5 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI TRAVE... 9 6 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI

Dettagli

1 RELAZIONE TECNICA GENERALE... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO... 1

1 RELAZIONE TECNICA GENERALE... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO... 1 Sommario 1 RELAZIONE TECNICA GENERALE.... 1 1.1 PREMESSA.... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO.... 1 1.3 VITA NOMINALE, CLASSE D USO, PERIODO DI RIFERIMENTO.... 1 1.4 METODO DI VERIFICA.... 1 2 RELAZIONE

Dettagli

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI 1.1 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI travi secondarie

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE

Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE RELAZIONE DI CALCOLO OPERE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO NORMALE, IN MURATURA PORTANTE ED IN FERRO (ai sensi dell'art. 4 della

Dettagli

SETTI O PARETI IN C.A.

SETTI O PARETI IN C.A. SETTI O PARETI IN C.A. Parete Pareti accoppiate SETTI O PARETI IN C.A. Na 20% Fh i i h i Na/M tot >=0.2 SETTI O PARETI IN C.A. IL FATTORE DI STRUTTURA VERIFICHE SETTI O PARETI IN C.A. SOLLECITAZIONI -FLESSIONE

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO. ing. Francesco Monni

IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO. ing. Francesco Monni IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO ing. Francesco Monni Le norme che regolano gli interventi su costruzioni esistenti in muratura (anche di carattere storico e monumentale)

Dettagli

ASPETTI DELLA PROGETTAZIONE STRUTTURALE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

ASPETTI DELLA PROGETTAZIONE STRUTTURALE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ASPETTI DELLA PROGETTAZIONE STRUTTURALE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Pescara 13 Aprile 2011 Relatore Dott. Ing. Maria Angelucci Fattori che influenzano la progettazione strutturale Caratteristiche del pannello

Dettagli

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio COPERTINA Prototipo di Relazione geotecnica di esempio GENERALITA RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI (NTC 2008 CAP. 6 e CIRCOLARE 617/2009 punto C6.2.2.5) OGGETTO COMUNE: Progetto di una struttura in

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente:

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente: Sono illustrati con la presente i risultati dei calcoli che riguardano il progetto della scala in c.a da realizzarsi nel rifugio Cima Bossola in località Marciana NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

Verifica di sicurezza di un capannone industriale in acciaio

Verifica di sicurezza di un capannone industriale in acciaio Verifica di sicurezza di un capannone industriale in acciaio 1 Elementi strutturali Travi principali reticolari (capriate); travi secondarie (arcarecci); pilastri; controventi di falda; controventi longitudinali

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per l ambiente, le reti, la qualità urbana Servizio Lavori Pubblici

REGIONE PUGLIA Area Politiche per l ambiente, le reti, la qualità urbana Servizio Lavori Pubblici REGIONE PUGLIA Area Politiche per l ambiente, le reti, la qualità urbana AOO_064_06/07/2010-0063622 CIRCOLARE ESPLICATIVA da pubblicarsi sul B.U.R.P. e sul sito internet www.regione.puglia.it area tematica

Dettagli

Le piastre Precompresse

Le piastre Precompresse Corso di Progetto di Strutture POTENZA, a.a. 2012 2013 Le piastre Precompresse Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/ PIASTRE

Dettagli

Esempi Relazione di Calcolo

Esempi Relazione di Calcolo Esempi Relazione di Calcolo Introduzione Introduzione L ergonomia e la facilità di utilizzo di 3Muri permettono un agevole input e grande facilità di interpretazione dei risultati. La relazione di calcolo

Dettagli

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni GENERALITA COMUNE DI PREDOSA Provincia di Alessandria CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO ZONA SISMICA: Zona 3 ai sensi dell OPCM 3274/2003 NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008

Dettagli

I metodi di calcolo previsti dalle NTC 08 Parte 1

I metodi di calcolo previsti dalle NTC 08 Parte 1 I metodi di calcolo previsti dalle NTC 08 Parte 1 3 Indice Parte I Schema generale 4 1 Richiamo... normativa 8 Parte II Tipologie di analisi 10 4 1 Enter the help project title here Schema generale Premessa

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI

DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI SOMMARIO 2 GENERALITA 3 3 DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI 3 4 PERICOLOSITA SISMICA 4 5 CARATTERIZZAZIONE FISICO-MECCANICA DEL TERRENO 4 6 MODELLI GEOTECNICI DI SOTTOSUOLO 5 7 VERIFICHE DELLA SICUREZZA E DELLE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA Lo scrivente Ufficio Lavori Pubblici è stato incaricato dall Amministrazione Comunale della progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva dei lavori di ristrutturazione

Dettagli

2.1. PRINCIPI FONDAMENTALI

2.1. PRINCIPI FONDAMENTALI 1. Introduzione La nuova edizione delle norme tecniche per le costruzioni revisiona in varie parti il testo preesistente, introducendo alcune innovazioni concettuali e confermando una serie di scelte di

Dettagli

Normative sismiche italiane

Normative sismiche italiane pag. 98 Normative sismiche italiane 1783 norme dopo il terremoto della Calabria: muratura intelaiata, limitazione di altezza. Edifici esistenti: riduzione di altezza 1908 norme sismiche locali dopo il

Dettagli

Fondazioni a platea e su cordolo

Fondazioni a platea e su cordolo Fondazioni a platea e su cordolo Fondazione a platea massiccia Una volta normalmente impiegata per svariate tipologie di edifici, oggi la fondazione a platea massiccia viene quasi esclusivamente adottata

Dettagli

1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO...

1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO... Sommario 1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA.... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO.... 1 1.3 VITA NOMINALE, CLASSE D USO, PERIODO DI RIFERIMENTO....

Dettagli

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO...

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... 3 5 I CRITERI DEL PROGETTO STRUTTURALE... 4 6 LE FASI REALIZZATIVE...

Dettagli

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI Le lastre Ytong, sono elementi armati autoportanti che permettono di realizzare solai e tetti di edifici residenziali, con una velocità di posa insuperabile rispetto

Dettagli

LAVORI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO E DI EFFICIENZA ENERGETICA PROGETTO ESECUTIVO. Sez III Art. 33 DPR 5 Ottobre 2010 N. 207 e s.m.i.

LAVORI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO E DI EFFICIENZA ENERGETICA PROGETTO ESECUTIVO. Sez III Art. 33 DPR 5 Ottobre 2010 N. 207 e s.m.i. Ingegnere BIAGIO D AMATO E03b Via I.Lodato, 9 84025 Eboli (SA) tel 339.2183301 fax 0828.330614 biagiodamato@tiscali.it LAVORI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO E DI EFFICIENZA ENERGETICA Liceo Scientifico Statale

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA PORTANTE 1 - ZONE NON SISMICHE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE

EDIFICI IN MURATURA PORTANTE 1 - ZONE NON SISMICHE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE EDIFICI IN MURATURA PORTANTE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE 1 - ZONE NON SISMICHE Riferimenti: D.M. LLPP 20.11.1987 Il calcolo strutturale degli edifici in muratura portante, secondo

Dettagli

MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano. piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO

MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano. piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO DIRETTORE TECNICO ARCH. STEFANO PEDULLA R4M engineering ELABORATO

Dettagli

Verifica di stabilità di un opera di difesa di tipo verticale composto con struttura a cassone cellulare

Verifica di stabilità di un opera di difesa di tipo verticale composto con struttura a cassone cellulare Esercitazione 6 Verifica di stabilità di un opera di difesa di tipo verticale composto con struttura a cassone cellulare Si esegua la verifica di stabilità allo scorrimento nella sola fase di cresta dell

Dettagli

6. Analisi statica lineare: esempio di calcolo

6. Analisi statica lineare: esempio di calcolo 6. Analisi statica lineare: esempio di calcolo Si supponga di volere determinare lo schema di carico per il calcolo all SLV delle sollecitazioni in direzione del telaio riportato nella Pfigura 1, con ordinata

Dettagli

CAPI P T I O T L O O 1. OGGETTO

CAPI P T I O T L O O 1. OGGETTO CAPITOLO 1. OGGETTO 2 CAPITOLO 1 1. OGGETTO Le presenti Norme tecniche per le costruzioni definiscono i principi per il progetto, l esecuzione e il collaudo delle costruzioni, nei riguardi delle prestazioni

Dettagli

CALCOLO DEL NUOVO PONTE

CALCOLO DEL NUOVO PONTE CALCOLO DEL NUOVO PONTE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI I materiali utilizzati sono: - Calcestruzzo Rck450 = 2500 Kg/m 3 Resistenza di esercizio a flessione: f cd = 0,44*45 = 19,8 N/mm 2 = 198 Kg/cm 2 -

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture Decreto Ministeriale 14 gennaio 2008 «Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni» (Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

Ministero delle Infrastrutture Decreto Ministeriale 14 gennaio 2008 «Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni» (Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale Ministero delle Infrastrutture Decreto Ministeriale 14 gennaio 2008 «Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni» (Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 4 febbraio 2008, n. 29) INDICE GENERALE PREMESSA...

Dettagli

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO PREMESSA DELLO STUDIO ESEGUITO L edificio oggetto d intervento (fig.1) è situato nel Comune di Vittoria in Provincia di Ragusa. Si tratta di un edificio esistente con struttura portante mista, telai in

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto.

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. Il progetto prevede: la realizzazione di un nuovo intervento strutturale:

Dettagli

Progetto agli stati limite di un edificio con struttura mista, muratura e c.a.

Progetto agli stati limite di un edificio con struttura mista, muratura e c.a. Progetto agli stati limite di un edificio con struttura mista, muratura e c.a. 1 Caso studio Si vogliono eseguire degli interventi di ristrutturazione di un edificio esistente adibito a civile abitazione

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7.

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Università di Pisa DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Danneggiamento e riparazione di elementi strutturali

Dettagli

MANUALE STRUTTURE DI MONTAGGIO SU TETTO

MANUALE STRUTTURE DI MONTAGGIO SU TETTO MANUALE STRUTTURE DI MONTAGGIO SU TETTO REV 01-05/2014 INDICE 1 Premessa 1.1 Avvertenze 1.2 Norme tecniche di riferimento 1.3 Caratteristiche dei materiali 1.4 Caratteristiche tecniche dei profili maggiormente

Dettagli

Le caratteristiche geometriche e fisico-meccaniche delle varie tipologie di solai secondo la nuova normativa (D.M. 14/01/2008)

Le caratteristiche geometriche e fisico-meccaniche delle varie tipologie di solai secondo la nuova normativa (D.M. 14/01/2008) LE CARATTERISTICHE GEOMETRICHE E FISICO-MECCANICHE DELLE VARIE TIPOLOGIE DI SOLAI SECONDO LA NUOVA NORMATIVA (D.M. 14/01/2008) Vincenzo Bacco Il passaggio da norme tecniche di concezione prescrittiva (di

Dettagli

Giacomo Sacco CARICHI E SOVRACCARICHI

Giacomo Sacco CARICHI E SOVRACCARICHI Giacomo Sacco CARICHI E SOVRACCARICHI 1 Se g 1 è il peso proprio (carico permanente strutturale) e g 2 il carico permanente non strutturale e q il carico variabile, il carico sulla struttura si calcola:

Dettagli

Il Metodo Semi Probabilistico agli Stati Limite. La Filosofia Progettuale in Zona Sismica

Il Metodo Semi Probabilistico agli Stati Limite. La Filosofia Progettuale in Zona Sismica -C.d.L. in Ingegneria g Edile - Corso di Tecnica delle Costruzioni a.a. - 2009-2010 Prof. Ing. L.Cavaleri Il Metodo Semi Probabilistico agli Stati Limite La Definizione delle Azioni Sismiche La Filosofia

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE PROVE SPERIMENTALI SU PIGNATTE IN PSE RELAZIONE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE PROVE SPERIMENTALI SU PIGNATTE IN PSE RELAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE PROVE SPERIMENTALI SU PIGNATTE IN PSE RELAZIONE Il Responsabile Scientifico Dott. Ing. Fausto Mistretta Il

Dettagli

Le azioni sulle costruzioni. Modelli e normativa

Le azioni sulle costruzioni. Modelli e normativa Le azioni sulle costruzioni Modelli e normativa Classificazione delle azioni Classifica per tipo di azione: Forze (Peso, pressione del vento, spinta della terra o di un liquido, ecc.) Spostamenti impressi

Dettagli

CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA

CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA FABBRICATO SEMINTERRATO ESISTENTE Committente: CRA-PLF Unità di ricerca per le produzioni legnose fuori foresta Oggetto: Verifica di idoneità statica delle strutture portanti

Dettagli

ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAVE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN)

ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAVE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN) ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN) SALA C SALA A SALA B Ing. FRANCESCO POTENZA Ing. UBERTO DI SABATINO 1 1. PREESSA La presente relazione illustra i risultati

Dettagli

RELAZIONE STRUTTURALE

RELAZIONE STRUTTURALE RELAZIONE STRUTTURALE DESCRIZIONE DELL OPERA. Si prevede di realizzare una passerella pedonale in acciaio per l accesso secondario alla grotta. La struttura è costituita da due travi parallele in acciaio

Dettagli

TECNICA DELLE COSTRUZIONI: PROGETTO DI STRUTTURE LE FONDAZIONI

TECNICA DELLE COSTRUZIONI: PROGETTO DI STRUTTURE LE FONDAZIONI LE FONDAZIONI Generalità sulle fondazioni Fondazioni dirette Plinti isolati Trave rovescia Esecutivi di strutture di fondazione Generalità Le opere di fondazione hanno il compito di trasferire le sollecitazioni

Dettagli

Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3

Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3 1 Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3 1) CARATTERISTICHE DEL CODICE Titolo programma : CAP3 - Travi precompresse ad armatura pretesa, Metodo agli stati limite. Autore : ing.

Dettagli

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI 1.0 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DEI PALI Il dimensionamento dei pali viene eseguito tenendo conto dei criteri appresso riportati. a) Inizialmente vengono determinati i carichi

Dettagli

LEZIONE 2. MATERIALI E CARICHI DELLA COSTRUZIONE Parte I. I carichi agenti. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A.

LEZIONE 2. MATERIALI E CARICHI DELLA COSTRUZIONE Parte I. I carichi agenti. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. 2007-2008 Facoltà di Architettura Università degli Studi di Genova LEZIONE 2 MATERIALI E CARICHI DELLA COSTRUZIONE Parte I. I carichi agenti TIPI

Dettagli

Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania

Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania Il controllo della progettazione: i compiti del collaudatore. Forum della Tecnica delle

Dettagli

VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO "A"

VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO A VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO "A" 1 VERIFICA PIASTRA FONDALE...3 VERIFICA RESTANTI OPERE IN C.A...9 VERIFICHE SLE...11 2 VERIFICA PIASTRA FONDALE Verifica a flessione Stati limiti La piastra fondale presenta

Dettagli

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA SOLETTA SU LAMIERA GRECATA (Revisione 3-01-006) Fig. 1 I solai composti in acciaio-calcestruzzo sono costituiti da una lamiera grecata di acciaio su cui viene eseguito un getto di calcestruzzo normale

Dettagli

ANALISI DI UNA STRUTTURA IN MURATURA ESISTENTE

ANALISI DI UNA STRUTTURA IN MURATURA ESISTENTE ANALISI DI UNA STRUTTURA IN MURATURA ESISTENTE si esamina una struttura esistente, individuando carenze sugli spessori della muratura con snellezza e pressoflessione trasversale (statica e sismica) non

Dettagli

Analisi sismica di edifici in muratura e misti

Analisi sismica di edifici in muratura e misti Analisi sismica di edifici in muratura e misti Parte 3 1 1. Verifiche meccanismi locali 2. Interventi locali (cerchiature, catene, rinforzo solai) 3. Collegamento 3Muri Axis VM per calcolo fondazioni ed

Dettagli

Committente : Provincia Regionale di Ragusa Località : Porto di Pozzallo (RG) Opera : Realizzazione della stazione passeggeri nel porto di Pozzallo

Committente : Provincia Regionale di Ragusa Località : Porto di Pozzallo (RG) Opera : Realizzazione della stazione passeggeri nel porto di Pozzallo Committente : Provincia Regionale di Ragusa Località : Porto di Pozzallo (RG) Opera : Realizzazione della stazione passeggeri nel porto di Pozzallo RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA SOMMARIO 1 DESCRIZIONE

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 14. FONDAZIONI SUPERFICIALI. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 14. FONDAZIONI SUPERFICIALI. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 14. FONDAZIONI SUPERFICIALI INDICE DELLA SEZIONE GENERALITÀ METODI PER IL CALCOLO DEL CARICO LIMITE METODI PER IL CALCOLO DEI CEDIMENTI INTERAZIONE TERRENO STRUTTURA DEFINIZIONE (NTC 2008) GENERALITÀ

Dettagli

Strutture in acciao, legno, e laterocementizie

Strutture in acciao, legno, e laterocementizie Strutture in acciao, legno, e laterocementizie Marc Antonio Liotta Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica Strutture in acciaio Materiale isotropo Fe360: σ adm =1600kg/cm 2 Solaio tipo in acciaio-cls

Dettagli

Normative di riferimento

Normative di riferimento Aztec Informatica CARL 9.0 Relazione di calcolo 1 RELAZIONE DI CALCOLO GEOTECNICO Normative di riferimento - Legge nr. 1086 del 05/11/1971. Norme per la disciplina delle opere in conglomerato cementizio,

Dettagli

Scheda tecnica USM TK 0060

Scheda tecnica USM TK 0060 Scheda tecnica USM TK 0060 Classe d esecuzione per opere di metalcostruzione secondo SN EN 1090-2 Edizione 4-2015 Sommario 1 Introduzione 2 Limiti 3 Classe d esecuzione 3.1 Classe d esecuzione EXC 1 3.2

Dettagli

- Accidentali: per edifici scolastici: 300 Kg/mq

- Accidentali: per edifici scolastici: 300 Kg/mq I PREMESSA La presente relazione riporta i calcoli e le verifiche relativi alle nuove strutture in progetto. Sono previste opere in acciaio (scale di sicurezza esterne, spazi calmi, passerelle) e in c.a.

Dettagli

RELAZIONE CALCOLI STATICI PALO DI ILLUMINAZIONE

RELAZIONE CALCOLI STATICI PALO DI ILLUMINAZIONE RELAZIONE CALCOLI STATICI PALO DI ILLUMINAZIONE 1 DESCRIZIONE GENERALE DELL OPERA Le verifiche di seguito riportate riguardano un palo a sbraccio in acciaio di sezione tubolare variabile, di altezza complessiva,

Dettagli

Verifica di una struttura esistente

Verifica di una struttura esistente Il metodo agli Stati Limite per la verifica delle strutture in c.a. Giovanni A. Plizzari Università di Bergamo Paolo Riva Università di Brescia Corso Pandini Bergamo, 14-15 Novembre, 2003 Verifica di una

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO 1 LEZIONE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO ARGOMENTI 1. Introduzione Presentazione del corso 2.

Dettagli

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3 INDICE 1. Premesse pag. 2 2. Regime normativo pag. 3 3. Plinto di fondazione torre faro pag. 4 3.1 Sollecitazione massime di calcolo pag. 4 3.2 Determinazione massimi sforzi sui pali pag. 4 3.3 Dimensionamento

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Tecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Tecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 IL PROGETTO STRUTTURALE...2 3.1 I criteri di progettazione...2 3.2 L organismo strutturale...3 3.3 Le strutture di fondazione...3

Dettagli

Procedure per la progettazione!

Procedure per la progettazione! Procedure per la progettazione! A. Prodotto in vetro prodotto per costruzioni (vetro piano, stratificato, temprato, ecc.) requisiti e conformità normativa proprietà e caratteristiche è marchio CE B. Elemento

Dettagli

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi ANDILWall è un programma di calcolo per la progettazione e verifica sismica

Dettagli

PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012

PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012 Cognome e nome PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012 Si ricorda al candidato di rispondere alle domande di Idraulica, Scienza delle costruzioni e Tecnica delle

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

www.lavoripubblici.it

www.lavoripubblici.it Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici ****** Istruzioni per l applicazione delle Norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008 16 INTRODUZIONE Il Decreto Ministeriale 14 gennaio 2008,

Dettagli

Progetto delle armature longitudinali del solaio

Progetto delle armature longitudinali del solaio prof. Renato Giannini Progetto delle armature longitudinali del solaio (arch. Lorena Sguerri) orrezioni del diagramma di momento flettente Prescrizioni di normativa specifiche per il solaio Progetto delle

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO

GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO Corso sulle Norme Tecniche per le costruzioni in zona sismica (Ordinanza PCM 3274/2003, DGR Basilicata 2000/2003) POTENZA, 2004 GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO Prof. Ing. Angelo MASI DiSGG, Università di

Dettagli

Solaio. Analisi di solai in laterocemento. La definizione del solaio. Newsoft Centro Metropolis, Rende 0984 463798 463884 www.newsoft-eng.

Solaio. Analisi di solai in laterocemento. La definizione del solaio. Newsoft Centro Metropolis, Rende 0984 463798 463884 www.newsoft-eng. Newsoft SOLAIO Scheda Tecnica Solaio Analisi di solai in laterocemento Solaio è un programma per la progettazione di solai continui in latero-cemento a nervature parallele, gettate in opera o realizzate

Dettagli

2. TEORIA DEI CARICHI ECCEZIONALI

2. TEORIA DEI CARICHI ECCEZIONALI . TEORIA DEI CARICHI ECCEZIONAI Si vuole costruire un modello di ponte di riferimento e un modello di carico eccezionale che consenta una verifica automatica della possibilità di passaggio del carico su

Dettagli

INDICE. 1. Premesse e schema di calcolo della struttura pag. 2. 2. Regime normativo pag. 5

INDICE. 1. Premesse e schema di calcolo della struttura pag. 2. 2. Regime normativo pag. 5 INDICE 1. Premesse e schema di calcolo della struttura pag. 2 2. Regime normativo pag. 5 3. Vita nominale, classi d uso e periodo di riferimento pag. 6 4. Determinazione dell azione sismica secondo pag.

Dettagli

INDICE. 2 Quadro normativo di riferimento 4. 3 Caratterizzazione sismica del sito 5

INDICE. 2 Quadro normativo di riferimento 4. 3 Caratterizzazione sismica del sito 5 RELAZIONE SISMICA INDICE 1 Introduzione 3 Quadro normativo di riferimento 4 3 Caratterizzazione sismica del sito 5 3.1 Valutazione pericolosità sismica 5 3. Valutazione tempo di ritorno Tr 6 3..1 Periodo

Dettagli