CIG Comitato Italiano Gas. Incidenti da gas: I dati e l assicurazione in favore dei clienti finali civili Ing. Michele Ronchi Direttore Generale CIG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CIG Comitato Italiano Gas. Incidenti da gas: I dati e l assicurazione in favore dei clienti finali civili Ing. Michele Ronchi Direttore Generale CIG"

Transcript

1 Ente federato all UNI Ente dotato di Personalità Giuridica CIG Comitato Italiano Gas Incidenti da gas: I dati e l assicurazione in favore dei clienti finali civili Ing. Michele Ronchi Direttore Generale CIG H2O ACCADUEO 2014 Bologna 22 Ottobre 2014

2 Chi siamo Fondazione: 6 Dicembre 1953 Status: Associazione no-profit di primo livello, dotata di «Personalità Giuridica» Parte del Sistema UNI: Ente Federato all UNI (dal 1960) Opera su delega dell UNI per la produzione della normativa tecnica per il settore del gas e rappresenta l UNI in CEN ed ISO.

3 I Membri del CIG Fondatori ANIGAS ANIMA ASSOGASLIQUIDI ASSOTERMICA CECED Italia Eni S.p.A Divisione Gas & Power FEDERUTILITY IMQ S.p.A. Snam Rete Gas S.p.A. Di Diritto Effettivi MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DEL LAVORO MINISTERO DELLA SALUTE UNI CNCU CONSULTA NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI APCE ASSISTAL ASSOGAS INNOVHUB SSC

4 Il CIG - Settori Settori di attività: - Settore 1 - Supply and Trading of natural gas. - Settore 2 Re-gassification of liquefied natural gas. - Settore 3 Transportation of natural gas. - Settore 4 Storage of natural gas. - Settore 5 - Distribution of natural gas. - Settore 6 LPG (all sector of activities). - Settore 7 Measurement of natural gas. - Settore 8 Manufacturing of domestic appliances for cooking and for the professional catering. - Settore 9 Manufacturing of user devices for heating and for the production of sanitary hot water. - Settore 10 Manufacturing of components for gas supply. - Settore 11 Flues.

5 Il CIG «Sistema» UNI Enti Federati Cti Thermotecnic Cuna Automobile Cig Gas Unsider Iron and Metals Unichim Chemicals Uninfo Informatic Uniplast Plastics

6 Il CIG: Stakeholders Enti Locali AEEG UNI Altri Ministeri CEN ISO CIG UE IGU Soci del CIG Marcogaz DLMS Operatori del settore gas

7 Il CIG - Missione Missione: Realizzare studi su problemi tecnici e scientifici; Produrre le Norme Tecniche e documenti similari; Supportare Autorità, Istituzioni, Operatori del settore gas e altri Stakeholders Contesto: Gas combustibili, GPL e LNG: produzione, processing, stoccaggio, trasporto, distribuzione e misura; Odorizzazione del gas naturale e del GPL in bombole; Sicurezza, istallazione e funzionamento di impianti e apparecchi per la distribuzione e l utilizzazione e relativi sistemi di misura, regolazione, controllo e sicurezza; Trasporto, distribuzione e utilizzazione del gas per usi domestici, autotrazione e industriali.

8 Il CIG Attività Istituzionali - 1 Produzione di documenti tecnici (su delega UNI) Delega rinnovata nel no deadlines; Unico Ente nazionale per il settore del gas; Unico Ente nazionale per rappresentare UNI in CEM e ISO per il settore del gas. Supporto ad AEEGSI (MoU tra CIG e AEEG) MoU firmato a gennaio 2008, rinnovato nel 2010 e nel Validità tre anni, rinnovabile. Targets chiaramente definiti. Possibilità di contributi economici. Assicurazione in favore dei Clienti Finali Civili del gas per incidenti da gas (su mandato di AEEGSI) Mandato rinnovato da AEEGSI nel 2013 per la quinta volta. 5 contratto firmato nel dicembre 2013, per il periodo Obblighi puntuali in capo al CIG e alla Compagnia di Assicurazione. Finanziamento: prelievo in bolletta di 26 cent di euro all anno per ogni punto di riconsegna del gas a livello domestico.

9 Il CIG Attività Istituzionali - 2 Statistica Nazionale sugli incidenti e le emergenze da gas e attività correlate Ex Delibera AEEGSI 168/04 e Linee Guida sulla Distribuzione. Statistiche in produzione dal MoU con VVFF Ministero dell Interno Vigili del Fuoco. CIG in ETPS dal Obblighi CIG: fornire informazioni e education sulla sicurezza. Forum UNI-CIG sulla sicurezza nel settore del gas. Attività per la sicurezza e la prevenzione Legge 1083/71, D.M. 37/08 Delibere AEEGSI 40/04 e 574/13 Obbligo a produrre Norme Tecniche e Linee Guida.

10 Il CIG Altre attività di supporto Education and Training Limitati agli obblighi istituzionali Pubblicità ed education sulla sicurezza Comunicazione on line In cooperazione con gli Stakeholders. Pubblicazioni e Comunicazione Sulla normazione e pre-normazione Manuali illustrati e Linee Guida Materiali di supporto In collaborazione con UNI

11 L elaborazione della statistica degli incidenti e delle emergenze da gas combustibili: è una delle azioni che il CIG conduce in conformità ai propri impegni istituzionali; è utile per monitorare l impatto di leggi, dispositivi regolamentari e norme tecniche, in materia di sicurezza; è uno strumento efficace per fornire raccomandazioni utili e pratiche sulle misure da adottare, in ottica di prevenzione, agli operatori del postcontatore e ai clienti finali.

12 Le Fonti CIG Distributore Centro operativo VV.FF. Rassegna stampa

13 Gas distribuito a mezzo reti: i consumi e le utenze Consumi (mld mc) Utenze (milioni)

14 Il Trend al ribasso dei consumi CONTINUA IL CALO DEI CONSUMI DI GAS CANALIZZATO Perdurano gli effetti della recessione economica! Le condizioni climatiche hanno inciso sul calo dei consumi

15 Dati incidenti anno 2013

16 Manifestazione degli Incidenti Con esplosione / incendio / scoppio Senza esplosione / incendio / scoppio

17 Gas canalizzato - INCIDENTI Serie Storica Totale incidenti N. Incidenti Mortali

18 OTTIMISMO? Ottimismo? Non troppo.. se proviamo a porre in relazione le riduzioni registrate nel 2013 per gli incidenti totali, 159 con i consumi registrati si ha un indicatore di 5,6 incidenti per miliardi di metri cubi di gas consumato. Dato peggiore rispetto al 5,4 del 2008 anno nel quali gli incidenti erano 175, ma i consumi più elevati.

19 Incidenti volontari nel 2013 SUICIDI

20 Gas canalizzato: Cause degli incidenti CAUSE NUMERO INCIDENTI N. % Uso scorretto o errata manovra ,4 Impianto evacuazione prodotti combustione non idoneo ,2 Impianto evacuazione prodotti combustione mancante ,9 Insufficiente aerazione / ventilazione locale Foro di ventilazione mancante ,6 Malfunzionamento dell'apparecchio ,6 Materiali difettosi ,6 Compresenza di apparecchi e/o camini ,8 Cause esterne o intervento di terzi ,7 Disattenzione ,1 Carenza di manutenzione ,8 Installazione irregolare ,8 Non accertata ,6 Altro ,9 TOTALE

21 Principali cause degli incidenti L impianto di evacuazione non idoneo o mancante è stato la causa del 27% degli INCIDENTI e il 33% dei DECESSI 121 (su 368) sono le persone rimaste INFORTUNATE Un impianto di evacuazione p.d.c. non idoneo, non rispetta le leggi e le norme tecniche che disciplinano la materia Ogni parte d impianto deve essere realizzata (compresa l installazione degli apparecchi) in conformità alle norme (UNI 7129, 7131,...)

22 Le intossicazioni da monossido di carbonio Il problema delle intossicazioni da monossido di carbonio non è solo italiano; è un argomento di preoccupazione a livello europeo, che sta inducendo a riflessioni più profonde per individuare le migliori «Best practices», per prevenire tali eventi con maggiore efficacia.

23 La manutenzione non è un optional La carenza di manutenzione è stata la causa del 14% degli INCIDENTI e del 42 % dei DECESSI Irregolarità degli impianti è stata la causa del 7% degli INCIDENTI e del 11% dei DECESSI La manutenzione di «tutte» le parti dell impianto deve essere effettuata solo ed esclusivamente da personale «abilitato» rispettando le norme tecniche che disciplinano la materia Importanti novità per la qualificazione del personale. RICORDA: CHI DISATTENDE LA LEGGE È PUNIBILE PENALMENTE

24 Fare i compiti a casa: la Normazione Da diversi anni il Comitato Italiano Gas CIG ha evidenziato che quanto poteva esser fatto in materia di intervento tecnico e normativo per la prevenzione degli incidenti è stato fatto. Le norme di installazione sono state riviste ed affinate, gli apparecchi da molto tempo non presentano difettosità all origine, molta cura è stata dedicata all introduzione di materiali innovativi.

25 Fare i compiti a casa: AEEGSI Deliberazione AEEG n. 40/14. Titolo I: Art. 2; Obblighi di accertamento L intervento dell AEEG con la delibera 40/04, recentemente revisionata (rif.40/2014/r/gas) ha introdotto nel settore dell impiantistica post contatore i controlli documentali sulla documentazione dell impianto. Questa serie di sforzi virtuosi, si interrompe però in vista del traguardo; continua a mancare un sistema di controllo sul campo degli impianti. E una mancanza rilevante che ha una precisa valenza nell ampio contesto della sicurezza, ma non solo. Il CIG ha fatto spesso notare tale carenza alle istituzioni responsabili e continuerà a farlo..

26 GPL: I consumi e le utenze Consumi (milioni di tonn.) Utenze (milioni)

27 GPL: I consumi Pure per il GPL continua la flessione nei consumi anche se più contenuta nel MA E REALE? IL RICORSO AL RIEMPIMENTO ABUSIVO DELLE BOMBOLE OLTRE A ESSERE PERICOLOSO, E PREGIUDIZIEVOLE PER TUTTE LE AZIONI DI GESTIONE, CONTROLLO E SICUREZZA!

28 GPL - INCIDENTI Serie Storica Totale incidenti N. Incidenti Mortali

29 Dati incidenti GPL Anno 2013 MESE INC. TOTALI INC. MORTALI INFORTUNATI DECEDUTI GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE TOTALE

30 GPL: Cause degli incidenti CAUSE NUMERO INCIDENTI N. % Uso scorretto o errata manovra ,3 Impianto evacuazione prodotti combustione non idoneo Impianto evacuazione prodotti combustione mancante Insufficiente aerazione / ventilazione locale , , ,7 Foro di ventilazione mancante ,9 Malfunzionamento dell'apparecchio ,5 Materiali difettosi ,8 Bombole difettose ,7 Compresenza di apparecchi e/o camini Cause esterne o intervento di terzi , ,8 Disattenzione Carenza di manutenzione ,6 Installazione irregolare Non accertata ,8 Altro TOTALE

31 GPL: cause degli incidenti L USO SCORRETTO E/O L ERRATA MANOVRA sono state le cause del 27% degli incidenti e del 20% dei decessi LA CARENZA DI MANUTENZIONE E/O L INSTALLAZIONE IRREGOLARE è stata la causa del 24% degli incidenti e del 20% dei decessi LA DISATTENZIONE è stata la causa del 10% degli incidenti e del 7% dei decessi

32 GPL: cause degli incidenti LA QUASI TOTALITA DEGLI INCIDENTI DIPENDE DALLE AZIONI POTENZIALMENTE PERICOLOSE MESSE IN ATTO DA CHI UTILIZZA LA BOMBOLA SIA QUOTIDIANAMENTE CHE OCCASIONALMENTE: Il riempimento abusivo; Il collegamento non corretto della bombola agli apparecchi; La mancata osservanza delle norme tecniche d installazione; Il posizionamento delle bombole in ambienti non idonei; Disattenzione e superficialità negli utilizzi

33 Le parole d ordine del CIG Come al solito, le parole d ordine del CIG rimangono: controllare, incentivare e comunicare, qualificare. Quest anno l argomento qualificare merita la precedenza sugli altri in ragione delle novità finalmente in arrivo.

34 Cronistoria dell assicurazione 1992: MICA e Snam sottoscrivono un accordo di programma che prevede l attivazione della copertura assicurativa : Polizze annuali sottoscritte da Snam. 1995: Istituzione di AEEGSI. 1996: AEEGSI attribuisce al CIG il compito di raccogliere le informazioni sugli incidenti e di predisporre la relativa statistica annuale. 2003: AEEGSI attribuisce al CIG il compito di sottoscrivere la polizza per il periodo : CIG effettua cinque gare a evidenza pubblica che consentono di aggiudicare la polizza a diverse Compagnie di Assicurazione. 2010: la copertura assicurativa viene allineata all anno solare (vs. termico). 2013: CIG aggiudica con il supporto del Broker AON a UnipolSai Assicurazioni SpA la polizza per il periodo

35 Polizze sottoscritte dal CIG POLIZZE SOTTOSCRITTE DAL CIG ex MANDATI AEEG (al 31 dicembre 2013) Prog. Denominazione Convenzionale della Polizza Mandato da AEEG a CIG Numero della Polizza Periodo di Validità Compagnia Titolare della Polizza dal al 1 1a Polizza UGF/AURORA Deliberazione 152/ ott set-07 UGF/AURORA 2 2a Polizza UGF/AURORA Deliberazione 62/ ott set-10 UGF/AURORA 3 4 1a Polizza INA/ASSITALIA 2a Polizza INA/ASSITALIA Deliberazione 62/ (RCT+Incendi) (Infortuni) 01-ott set-10 INA/ASSITALI A Deliberazione 79/ ott dic-13 INA/ASSITALI A 5 Polizza UNIPOLSAI SpA Deliberazione 191/13 65/ (RCT) 44/ (Incendio) 77/ (Infortuni) 01-gen dic-16 UNIPOLSAI SpA

36 Architettura istituzionale e contrattuale Stakeholders Processo di Consultazione DCO 103/13 AEEGSI CIG/Broker Delibera 191/13 Allegato Tecnico - Prescrizioni SOCIETA Contraente, che stipula il contratto di assicurazione in nome proprio e nell interesse degli Assicurati, in virtù della Delibera di AEEGSI n. 191/13 L impresa assicuratrice con la quale il Contraente sottoscrive la polizza, individuata mediante gara a evidenza pubblica UTENTI Persona fisica o giuridica titolare di un contratto di fornitura di gas sottoscritto con un fornitore

37 Chi ha diritto al risarcimento/indennizzo? UTILIZZATORI Persone fisiche che utilizzano il gas sull utenza indipendentemente dallo scopo e dalla frequenza di tale utilizzo, siano esse o meno proprietari e/o Utenti UTENZA SINISTRO ASSICURATI Insieme dell impianto di utenza e del contratto di fornitura Il verificarsi del fatto dannoso per il quale è prestata l assicurazione : incendio, esplosione e/o scoppio delle tubazioni a valle del punto contrattuale di consegna e/o degli apparecchi di utilizzazione, nonché da difettosa combustione e/o esalazioni gassose, incluso il monossido di carbonio. DANNEGGIATI (TERZI) I soggetti il cui interesse è protetto dall assicurazione (cfr. nel seguito) L Assicurato ha diritto a un INDENNIZZO I soggetti nei confronti dei quali la Società è tenuta a risarcire il danno subito Il terzo danneggiato ha diritto a un RISARCIMENTO

38 INFORTUNI (SEZ. C ): la Società si obbliga a indennizzare gli Assicurati per gli eventuali Infortuni conseguenti al sinistro. Definizione di Infortunio: evento dovuto a causa fortuita violenta ed esterna, che produce lesioni corporali obiettivamente constatabili, le quali abbiano per conseguenza la morte o una invalidità permanente. Quali danni sono coperti dalla polizza? ASSICURATI I soggetti il cui interesse è protetto dall assicurazione (cfr. nel seguito) L Assicurato ha diritto a un INDENNIZZO DANNEGGIATI (TERZI) I soggetti nei confronti dei quali la Società è tenuta a risarcire il danno subito Il terzo danneggiato ha diritto a un RISARCIMENTO INCENDIO (SEZ. B ): la Società si obbliga a indennizzare gli Assicurati esclusivamente per i danni cagionati agli immobili o porzione degli stessi riferibili all utenza ove ha avuto origine il sinistro e alle cose di proprietà dell Utente o dell Utilizzatore che si trovino nell ambito degli stessi. E RISARCITO IL COSTO DI RICOSTRUZIONE A NUOVO (IMMOBILI) E/O IL COSTO DI RIMPIAZZO (COSE), comprese le spese di demolizione, sgombero e trasporto a discarica dei residui del sinistro.

39 Quali danni sono coperti dalla polizza? ASSICURATI I soggetti il cui interesse è protetto dall assicurazione (cfr. nel seguito) L Assicurato ha diritto a un INDENNIZZO DANNEGGIATI (TERZI) I soggetti nei confronti dei quali la Società è tenuta a risarcire il danno subito Il terzo danneggiato ha diritto a un RISARCIMENTO RCT (SEZ. A ): La Società si obbliga a tenere indenne l Assicurato di quanto questi sia tenuto a pagare, quale civilmente responsabile ai sensi di legge, a titolo di risarcimento di danni cagionati a terzi per: - morte - lesioni personali - danneggiamenti a immobili e/o cose in relazione alla proprietà e/o possesso e/o uso di un impianto di Utenza. Inoltre la polizza garantisce sia agli Assicurati sia ai Danneggiati il rimborso delle spese per alloggio sostitutivo e una diaria giornaliera per inabilità temporanea

40 I diritti dei danneggiati In caso di sinistro, gli Assicurati e i Danneggiati Terzi, hanno i seguenti DIRITTI: i. di percepire un Indennizzo (Assicurati) o un Risarcimento (Danneggiati Terzi) per i danni subiti, nei limiti dei Massimali di polizza; ii. iii. iv. di usufruire del rimborso spese per alloggio sostitutivo, del rimborso delle spese mediche e della diaria per inabilità temporanea; di veder liquidato quanto dovuto entro 45 giorni dal ricevimento da parte della Compagnia di Assicurazione della denuncia di sinistro inoltrata dall Assicurato/Danneggiato al CIG, previa possibilità di accertamento materiale del danno e, per la sezione infortuni, dalla stabilizzazione dei postumi invalidanti; di ricorrere alle procedure accelerate previste per la definizione extragiudiziale dei contenziosi sulla quantificazione dei danni subiti;

41 Cosa si deve fare in caso di sinistro? COSA DEVE FARE COLUI CHE HA PROVOCATO IL SINISTRO (ASSICURATO)? a) Tutte le denunce di SINISTRO devono essere intestate a UnipolSai (la Società) e inoltrate dall ASSICURATO e/o dal DANNEGGIATO al CIG (la Contraente) direttamente o tramite il proprio Fornitore o altra persona fisica o giuridica che ne abbia facoltà; b) Sarà cura del CIG provvedere alla trasmissione delle denunce alla Società e a informare l Assicurato e/o il Danneggiato in merito ai suoi obblighi e diritti riconducibili alla presente polizza; c) l UnipolSai, entro quindici giorni dalla ricezione della denuncia da parte del CIG, provvede a riscontrare la singola denuncia al CIG e all ASSICURATO, fornendo il relativo numero di sinistro e i riferimenti del perito incaricato; d) l UnipolSai procede all accertamento materiale mediante elaborazione di una propria perizia e favorisce l attuazione delle clausole della polizza mirate alla determinazione stragiudiziale del profilo del quantum del danno indennizzabile (Assicurati) o risarcibile (Danneggiati terzi) e) I diritti dei terzi e gli obblighi della Società nei loro confronti sono regolati dal Codice Civile.

42 Elementi qualificanti della polizza Copertura di tutte le utenze domestiche e «sociali» a prescindere dai consumi. Assicurazione diretta per «Incendio» e «Infortuni». Assicurazione per Responsabilità civile verso Terzi (RCT). Anche in caso di dolo o colpa grave e suicidio/tentato suicidio. Incluse le intossicazioni da monossido di carbonio. Massimali adeguati alla copertura di rischio evento catastrofale. Applicazione Primo Rischio Assoluto. Copertura automatica e compilazione (guidata) del Modulo Denuncia Sinistro da parte del danneggiato. Procedure di arbitraggio pro-utenti. Costo unitario irrisorio per l utente. Supporto del CIG ai danneggiati. Conforme al Codice di Consumo. Pagamento premio differito rispetto alla copertura. Penali a carico della CdA e clausola profit-sharing. Rendicontazioni di CdA e Contraente.

43 Miglioramenti apportati alla polizza in vigore dall Ampliata la categoria delle utenze servite a tutte le utenze di servizio pubblico a prescindere dai consumi (ex TIVG AEEGSI). Aumento dei massimali Incendio e Infortuni. Riconosciuto il rimborso spese mediche e diaria giornaliera per inabilità temporanea. Rimborso dei costi di alloggio sostitutivo. Clausola di profit-sharing Contraente-Società. Semplificazione procedure.

44 Massimali per sinistro Sezione Caso Massimali Sezione A Sezione B Sezione C Responsabilità Civile verso Terzi (RCT) Incendio Infortuni danni a persone e/o beni immobili e/o cose anche se appartenenti a più persone : danni a immobili o porzione degli stessi : danni a cose : costi alloggio sostitutivo : morte o invalidità totale permanente per assicurato per rimborso spese mediche 250/die : per assicurato a decrescere diaria inabilità temporanea

45 Quanto costa e chi paga 21,6 milioni di utenze servite (al ); Premio unitario annuale: a base d asta: 0,75 euro/utente aggiudicato: 0,6375 euro/utente Costo per l utente finale: prelievo annuale in bolletta: 0,25 euro/utente Versamenti del venditore a Società di trasp./distr.: versamento annuale unitario: 0,65 euro/utente Le Società di trasp./distr. versano il dovuto a CCSE. CCSE trasferisce il premio a CIG su richiesta documentata. CIG versa il premio alla Compagnia di Assicurazione.

46 Quanto costa e chi paga SINTESI GESTIONE POLIZZE SOTTOSCRITTE DAL CIG ex MANDATI AEGG (al ) Prog. Denominazione Convenzionale della Polizza Periodo di Validità Totale Sinistri di cui Chiusi Totale Pagato (Euro) Totale Riservato (Euro) Totale Pagato+Riservato (Euro) dal al 1 1a Polizza UGF/AURORA 01-ott set a Polizza UGF/Aurora 01-ott set a Polizza INA/ASSITALIA 01-ott set TOTALE polizze 1, 2 e a Polizza INA/ASSITALIA 01-ott dic Nuova Polizza UNIPOLSAI 01-gen dic-16 TOTALE

47 I compiti del CIG Ex Delibera : Stipula il contratto mediante procedura ad evidenza pubblica; comunica all Autorità e alla CCSE, l importo dei premi, per l anno in corso; raccoglie le denunce di sinistro e le inoltra alla compagnia di assicurazione; attiva un numero verde e un indirizzo mail per fornire informazioni; pubblica nel proprio sito internet: il contratto di assicurazione, il modulo per la denuncia di sinistro, il numero verde e l indirizzo di posta elettronica; vigila sulla corretta attuazione da parte delle compagnie di assicurazione delle disposizioni contrattuali; trasmette all Autorità un rendiconto quadrimestrale e un rendiconto annuale; gestisce i rapporti con le compagnie di assicurazione e con i clienti interessati per i sinistri ancora aperti relativi al periodo Ex Determina : struttura articolata e contenuti dei rendiconti quadrimestrali e annuali.

48 Grazie per la Vostra cortese attenzione!

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Stampare in modalità fronte-retro

Stampare in modalità fronte-retro CODICE DI RETE TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ALLEGATO 2 DELIBERAZIONE 6 GIUGNO 2006, N. 108/06 COME MODIFICATO DALLE DELIBERAZIONI 2 OTTOBRE 2007, N. 247/07, 14 DI- CEMBRE 2007, N. 324/07,

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Manuale CIG Vers. 2012-09 IT

Manuale CIG Vers. 2012-09 IT Informationssystem für Öffentliche Verträge Manuale CIG Vers. 2012-09 IT AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE PROVINZIA AUTONOMA DE BULSAN - SÜDTIROL Informationssystem

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Quando attenzione fa rima con conciliazione. Enel è unica anche in questo.

Quando attenzione fa rima con conciliazione. Enel è unica anche in questo. Quando attenzione fa rima con conciliazione. Enel è unica anche in questo. Guida semplice per i clienti alla Conciliazione Paritetica on-line Per risolvere le controversie in modo semplice, veloce e gratuito,

Dettagli

NOTA INFORMATIVA E CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE delle Polizze Collettive n. 5008/01 e n. 5250/02 (ed. Ottobre 2008)

NOTA INFORMATIVA E CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE delle Polizze Collettive n. 5008/01 e n. 5250/02 (ed. Ottobre 2008) NOTA INFORMATIVA E CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE delle Polizze Collettive n. 5008/01 e n. 5250/02 (ed. Ottobre 2008) N O T A I N F O R M A T I V A INFORMAZIONI RELATIVE ALLE IMPRESE Cardif Assurance Vie

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI Allegato A alla deliberazione ARG/com 104/10 versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/com

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Art. 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le seguenti definizioni:

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

Fascicolo informativo

Fascicolo informativo Polizza Auto Fascicolo informativo Contratto di Assicurazione per Autovetture Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Nota Informativa comprensiva del Glossario e le Condizioni di Assicurazione,

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

V02-2012 Maggio 2012 EDISON E LA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI

V02-2012 Maggio 2012 EDISON E LA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI V02-2012 Maggio 2012 EDISON E LA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI Edison Energia S.p.A. è Certificata ISO 9001:2008 EDISON E LA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI La Carta della Qualità dei Servizi di Edison

Dettagli

Cessazione del Servizio di tutela gas per i clienti finali non domestici (deliberazioni 280/2013/R/gas e 457/2013/R/gas)

Cessazione del Servizio di tutela gas per i clienti finali non domestici (deliberazioni 280/2013/R/gas e 457/2013/R/gas) Cessazione del Servizio di tutela gas per i clienti finali non domestici (deliberazioni 280/2013/R/gas e 457/2013/R/gas) Direzione Consumatori e Utenti Seminario online - organizzazioni PMI 5 marzo 2014

Dettagli

Creditor Protection Insurance

Creditor Protection Insurance CARDIF ASSURANCE VIE S.A. CARDIF ASSURANCES RISQUES DIVERS S.A. POLIZZE COLLETTIVE N. 5038/01 e 5343/02 Creditor Protection Insurance (data dell ultimo aggiornamento: 31.05.2012) IL PRESENTE FASCICOLO

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Prot. N 0002-2010 Data 20/12/2010 Committente: Ubicazione Descrizione: Flavio Paglierini Via Via Cesare

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS.

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. Con l interpello

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 16 GENNAIO 2013 6/2013/R/COM DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGEVOLAZIONI TARIFFARIE E RATEIZZAZIONE DEI PAGAMENTI PER LE POPOLAZIONI COLPITE DAGLI EVENTI SISMICI VERIFICATISI NEI GIORNI DEL 20

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

PROXILIA CREDIT STANDARD FASCICOLO INFORMATIVO

PROXILIA CREDIT STANDARD FASCICOLO INFORMATIVO PROXILIA CREDIT STANDARD FASCICOLO INFORMATIVO Convenzione assicurativa n. FI/12/791 Proxilia Credit Standard stipulata da Fiditalia S.p.A. per l assicurazione dei rischi: vita caso morte, invalidità permanente

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

DUAL RC professionale

DUAL RC professionale P.I. LINE - tailor made DUAL RC professionale Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale di Commercialisti, Tributaristi, Avvocati Consulenti del Lavoro, Società di Servizi (EDP)

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

CITTA DI AOSTA VILLE D AOSTE REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO

CITTA DI AOSTA VILLE D AOSTE REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO ACQUEDOTTO CITTA DI AOSTA VILLE D AOSTE REGOLAMENTO COMUNALE DELL ACQUEDOTTO CITTÀ DI AOSTA REGOLAMENTO COMUNALE DELL ACQUEDOTTO Via Parigi 196 11100 Aosta Tel. 0165.300.600 - Fax: 0165.554.961 www.comune.aosta.it

Dettagli

Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015

Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015 Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015 BARI ENERGIA Srl Via Junipero Serra, 19 - CAP 70125 Bari (BA) C.F./P.I. 07383800724 2 PRONTUARIO ENERGIA ELETTRICA & GAS 2015 PRONTUARIO ENERGIA ELETTRICA & GAS

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA AVVISO PUBBLICO E DISCIPLINARE DI GARA D APPALTO Affidamento di servizio di cui all allegato II B Art. 20 D. Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. Affidamento di n. 1 azione progettuale denominata Sportello sociale

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

VERIFICA DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE AI FINI DELLA VALIDAZIONE CODICE DEGLI APPALTI E NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO

VERIFICA DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE AI FINI DELLA VALIDAZIONE CODICE DEGLI APPALTI E NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO VERIFICA DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE AI FINI DELLA VALIDAZIONE CODICE DEGLI APPALTI E NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO RELATORE : ING. PAOLO MOLAIONI ING. PIETRO FRATINI 1) LE ORIGINI DELLA VERIFICA DEL

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Linee Guida su criteri e modalità applicative per la valutazione del valore di rimborso degli impianti di distribuzione del gas naturale 7 Aprile 2014 Indice Parte I

Dettagli

FIN+A Vita. Aviva S.p.A. Gruppo Aviva

FIN+A Vita. Aviva S.p.A. Gruppo Aviva Aviva S.p.A. Gruppo Aviva FIN+A Vita Creditor Protection a Premio Unico ed a Premio Annuo Limitato abbinata a Finanziamenti - Contratto di Assicurazione in forma Collettiva ad Adesione Facoltativa. Il

Dettagli

CARDIF ASSURANCE VIE S.A. CARDIF ASSURANCES RISQUES DIVERS S.A. POLIZZE COLLETTIVE 5043/01 e 5349/02

CARDIF ASSURANCE VIE S.A. CARDIF ASSURANCES RISQUES DIVERS S.A. POLIZZE COLLETTIVE 5043/01 e 5349/02 CARDIF ASSURANCE VIE S.A. CARDIF ASSURANCES RISQUES DIVERS S.A. POLIZZE COLLETTIVE 5043/01 e 5349/02 ALTER EGO (data dell ultimo aggiornamento: 31.12.2012) IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTIENE: -

Dettagli

Coperture Infortuni e Responsabilità civile terzi CICLISTI

Coperture Infortuni e Responsabilità civile terzi CICLISTI SDM BROKER S.r.l. Via Arbia, 70 00199 ROMA Tel. 06.97270759 06.64521565 Fax 06.97270748 Coperture Infortuni e Responsabilità civile terzi CICLISTI Polizza infortuni IAH0006453: Garanzie prestate: Morte:

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli