CIG Comitato Italiano Gas. Incidenti da gas: I dati e l assicurazione in favore dei clienti finali civili Ing. Michele Ronchi Direttore Generale CIG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CIG Comitato Italiano Gas. Incidenti da gas: I dati e l assicurazione in favore dei clienti finali civili Ing. Michele Ronchi Direttore Generale CIG"

Transcript

1 Ente federato all UNI Ente dotato di Personalità Giuridica CIG Comitato Italiano Gas Incidenti da gas: I dati e l assicurazione in favore dei clienti finali civili Ing. Michele Ronchi Direttore Generale CIG H2O ACCADUEO 2014 Bologna 22 Ottobre 2014

2 Chi siamo Fondazione: 6 Dicembre 1953 Status: Associazione no-profit di primo livello, dotata di «Personalità Giuridica» Parte del Sistema UNI: Ente Federato all UNI (dal 1960) Opera su delega dell UNI per la produzione della normativa tecnica per il settore del gas e rappresenta l UNI in CEN ed ISO.

3 I Membri del CIG Fondatori ANIGAS ANIMA ASSOGASLIQUIDI ASSOTERMICA CECED Italia Eni S.p.A Divisione Gas & Power FEDERUTILITY IMQ S.p.A. Snam Rete Gas S.p.A. Di Diritto Effettivi MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DEL LAVORO MINISTERO DELLA SALUTE UNI CNCU CONSULTA NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI APCE ASSISTAL ASSOGAS INNOVHUB SSC

4 Il CIG - Settori Settori di attività: - Settore 1 - Supply and Trading of natural gas. - Settore 2 Re-gassification of liquefied natural gas. - Settore 3 Transportation of natural gas. - Settore 4 Storage of natural gas. - Settore 5 - Distribution of natural gas. - Settore 6 LPG (all sector of activities). - Settore 7 Measurement of natural gas. - Settore 8 Manufacturing of domestic appliances for cooking and for the professional catering. - Settore 9 Manufacturing of user devices for heating and for the production of sanitary hot water. - Settore 10 Manufacturing of components for gas supply. - Settore 11 Flues.

5 Il CIG «Sistema» UNI Enti Federati Cti Thermotecnic Cuna Automobile Cig Gas Unsider Iron and Metals Unichim Chemicals Uninfo Informatic Uniplast Plastics

6 Il CIG: Stakeholders Enti Locali AEEG UNI Altri Ministeri CEN ISO CIG UE IGU Soci del CIG Marcogaz DLMS Operatori del settore gas

7 Il CIG - Missione Missione: Realizzare studi su problemi tecnici e scientifici; Produrre le Norme Tecniche e documenti similari; Supportare Autorità, Istituzioni, Operatori del settore gas e altri Stakeholders Contesto: Gas combustibili, GPL e LNG: produzione, processing, stoccaggio, trasporto, distribuzione e misura; Odorizzazione del gas naturale e del GPL in bombole; Sicurezza, istallazione e funzionamento di impianti e apparecchi per la distribuzione e l utilizzazione e relativi sistemi di misura, regolazione, controllo e sicurezza; Trasporto, distribuzione e utilizzazione del gas per usi domestici, autotrazione e industriali.

8 Il CIG Attività Istituzionali - 1 Produzione di documenti tecnici (su delega UNI) Delega rinnovata nel no deadlines; Unico Ente nazionale per il settore del gas; Unico Ente nazionale per rappresentare UNI in CEM e ISO per il settore del gas. Supporto ad AEEGSI (MoU tra CIG e AEEG) MoU firmato a gennaio 2008, rinnovato nel 2010 e nel Validità tre anni, rinnovabile. Targets chiaramente definiti. Possibilità di contributi economici. Assicurazione in favore dei Clienti Finali Civili del gas per incidenti da gas (su mandato di AEEGSI) Mandato rinnovato da AEEGSI nel 2013 per la quinta volta. 5 contratto firmato nel dicembre 2013, per il periodo Obblighi puntuali in capo al CIG e alla Compagnia di Assicurazione. Finanziamento: prelievo in bolletta di 26 cent di euro all anno per ogni punto di riconsegna del gas a livello domestico.

9 Il CIG Attività Istituzionali - 2 Statistica Nazionale sugli incidenti e le emergenze da gas e attività correlate Ex Delibera AEEGSI 168/04 e Linee Guida sulla Distribuzione. Statistiche in produzione dal MoU con VVFF Ministero dell Interno Vigili del Fuoco. CIG in ETPS dal Obblighi CIG: fornire informazioni e education sulla sicurezza. Forum UNI-CIG sulla sicurezza nel settore del gas. Attività per la sicurezza e la prevenzione Legge 1083/71, D.M. 37/08 Delibere AEEGSI 40/04 e 574/13 Obbligo a produrre Norme Tecniche e Linee Guida.

10 Il CIG Altre attività di supporto Education and Training Limitati agli obblighi istituzionali Pubblicità ed education sulla sicurezza Comunicazione on line In cooperazione con gli Stakeholders. Pubblicazioni e Comunicazione Sulla normazione e pre-normazione Manuali illustrati e Linee Guida Materiali di supporto In collaborazione con UNI

11 L elaborazione della statistica degli incidenti e delle emergenze da gas combustibili: è una delle azioni che il CIG conduce in conformità ai propri impegni istituzionali; è utile per monitorare l impatto di leggi, dispositivi regolamentari e norme tecniche, in materia di sicurezza; è uno strumento efficace per fornire raccomandazioni utili e pratiche sulle misure da adottare, in ottica di prevenzione, agli operatori del postcontatore e ai clienti finali.

12 Le Fonti CIG Distributore Centro operativo VV.FF. Rassegna stampa

13 Gas distribuito a mezzo reti: i consumi e le utenze Consumi (mld mc) Utenze (milioni)

14 Il Trend al ribasso dei consumi CONTINUA IL CALO DEI CONSUMI DI GAS CANALIZZATO Perdurano gli effetti della recessione economica! Le condizioni climatiche hanno inciso sul calo dei consumi

15 Dati incidenti anno 2013

16 Manifestazione degli Incidenti Con esplosione / incendio / scoppio Senza esplosione / incendio / scoppio

17 Gas canalizzato - INCIDENTI Serie Storica Totale incidenti N. Incidenti Mortali

18 OTTIMISMO? Ottimismo? Non troppo.. se proviamo a porre in relazione le riduzioni registrate nel 2013 per gli incidenti totali, 159 con i consumi registrati si ha un indicatore di 5,6 incidenti per miliardi di metri cubi di gas consumato. Dato peggiore rispetto al 5,4 del 2008 anno nel quali gli incidenti erano 175, ma i consumi più elevati.

19 Incidenti volontari nel 2013 SUICIDI

20 Gas canalizzato: Cause degli incidenti CAUSE NUMERO INCIDENTI N. % Uso scorretto o errata manovra ,4 Impianto evacuazione prodotti combustione non idoneo ,2 Impianto evacuazione prodotti combustione mancante ,9 Insufficiente aerazione / ventilazione locale Foro di ventilazione mancante ,6 Malfunzionamento dell'apparecchio ,6 Materiali difettosi ,6 Compresenza di apparecchi e/o camini ,8 Cause esterne o intervento di terzi ,7 Disattenzione ,1 Carenza di manutenzione ,8 Installazione irregolare ,8 Non accertata ,6 Altro ,9 TOTALE

21 Principali cause degli incidenti L impianto di evacuazione non idoneo o mancante è stato la causa del 27% degli INCIDENTI e il 33% dei DECESSI 121 (su 368) sono le persone rimaste INFORTUNATE Un impianto di evacuazione p.d.c. non idoneo, non rispetta le leggi e le norme tecniche che disciplinano la materia Ogni parte d impianto deve essere realizzata (compresa l installazione degli apparecchi) in conformità alle norme (UNI 7129, 7131,...)

22 Le intossicazioni da monossido di carbonio Il problema delle intossicazioni da monossido di carbonio non è solo italiano; è un argomento di preoccupazione a livello europeo, che sta inducendo a riflessioni più profonde per individuare le migliori «Best practices», per prevenire tali eventi con maggiore efficacia.

23 La manutenzione non è un optional La carenza di manutenzione è stata la causa del 14% degli INCIDENTI e del 42 % dei DECESSI Irregolarità degli impianti è stata la causa del 7% degli INCIDENTI e del 11% dei DECESSI La manutenzione di «tutte» le parti dell impianto deve essere effettuata solo ed esclusivamente da personale «abilitato» rispettando le norme tecniche che disciplinano la materia Importanti novità per la qualificazione del personale. RICORDA: CHI DISATTENDE LA LEGGE È PUNIBILE PENALMENTE

24 Fare i compiti a casa: la Normazione Da diversi anni il Comitato Italiano Gas CIG ha evidenziato che quanto poteva esser fatto in materia di intervento tecnico e normativo per la prevenzione degli incidenti è stato fatto. Le norme di installazione sono state riviste ed affinate, gli apparecchi da molto tempo non presentano difettosità all origine, molta cura è stata dedicata all introduzione di materiali innovativi.

25 Fare i compiti a casa: AEEGSI Deliberazione AEEG n. 40/14. Titolo I: Art. 2; Obblighi di accertamento L intervento dell AEEG con la delibera 40/04, recentemente revisionata (rif.40/2014/r/gas) ha introdotto nel settore dell impiantistica post contatore i controlli documentali sulla documentazione dell impianto. Questa serie di sforzi virtuosi, si interrompe però in vista del traguardo; continua a mancare un sistema di controllo sul campo degli impianti. E una mancanza rilevante che ha una precisa valenza nell ampio contesto della sicurezza, ma non solo. Il CIG ha fatto spesso notare tale carenza alle istituzioni responsabili e continuerà a farlo..

26 GPL: I consumi e le utenze Consumi (milioni di tonn.) Utenze (milioni)

27 GPL: I consumi Pure per il GPL continua la flessione nei consumi anche se più contenuta nel MA E REALE? IL RICORSO AL RIEMPIMENTO ABUSIVO DELLE BOMBOLE OLTRE A ESSERE PERICOLOSO, E PREGIUDIZIEVOLE PER TUTTE LE AZIONI DI GESTIONE, CONTROLLO E SICUREZZA!

28 GPL - INCIDENTI Serie Storica Totale incidenti N. Incidenti Mortali

29 Dati incidenti GPL Anno 2013 MESE INC. TOTALI INC. MORTALI INFORTUNATI DECEDUTI GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE TOTALE

30 GPL: Cause degli incidenti CAUSE NUMERO INCIDENTI N. % Uso scorretto o errata manovra ,3 Impianto evacuazione prodotti combustione non idoneo Impianto evacuazione prodotti combustione mancante Insufficiente aerazione / ventilazione locale , , ,7 Foro di ventilazione mancante ,9 Malfunzionamento dell'apparecchio ,5 Materiali difettosi ,8 Bombole difettose ,7 Compresenza di apparecchi e/o camini Cause esterne o intervento di terzi , ,8 Disattenzione Carenza di manutenzione ,6 Installazione irregolare Non accertata ,8 Altro TOTALE

31 GPL: cause degli incidenti L USO SCORRETTO E/O L ERRATA MANOVRA sono state le cause del 27% degli incidenti e del 20% dei decessi LA CARENZA DI MANUTENZIONE E/O L INSTALLAZIONE IRREGOLARE è stata la causa del 24% degli incidenti e del 20% dei decessi LA DISATTENZIONE è stata la causa del 10% degli incidenti e del 7% dei decessi

32 GPL: cause degli incidenti LA QUASI TOTALITA DEGLI INCIDENTI DIPENDE DALLE AZIONI POTENZIALMENTE PERICOLOSE MESSE IN ATTO DA CHI UTILIZZA LA BOMBOLA SIA QUOTIDIANAMENTE CHE OCCASIONALMENTE: Il riempimento abusivo; Il collegamento non corretto della bombola agli apparecchi; La mancata osservanza delle norme tecniche d installazione; Il posizionamento delle bombole in ambienti non idonei; Disattenzione e superficialità negli utilizzi

33 Le parole d ordine del CIG Come al solito, le parole d ordine del CIG rimangono: controllare, incentivare e comunicare, qualificare. Quest anno l argomento qualificare merita la precedenza sugli altri in ragione delle novità finalmente in arrivo.

34 Cronistoria dell assicurazione 1992: MICA e Snam sottoscrivono un accordo di programma che prevede l attivazione della copertura assicurativa : Polizze annuali sottoscritte da Snam. 1995: Istituzione di AEEGSI. 1996: AEEGSI attribuisce al CIG il compito di raccogliere le informazioni sugli incidenti e di predisporre la relativa statistica annuale. 2003: AEEGSI attribuisce al CIG il compito di sottoscrivere la polizza per il periodo : CIG effettua cinque gare a evidenza pubblica che consentono di aggiudicare la polizza a diverse Compagnie di Assicurazione. 2010: la copertura assicurativa viene allineata all anno solare (vs. termico). 2013: CIG aggiudica con il supporto del Broker AON a UnipolSai Assicurazioni SpA la polizza per il periodo

35 Polizze sottoscritte dal CIG POLIZZE SOTTOSCRITTE DAL CIG ex MANDATI AEEG (al 31 dicembre 2013) Prog. Denominazione Convenzionale della Polizza Mandato da AEEG a CIG Numero della Polizza Periodo di Validità Compagnia Titolare della Polizza dal al 1 1a Polizza UGF/AURORA Deliberazione 152/ ott set-07 UGF/AURORA 2 2a Polizza UGF/AURORA Deliberazione 62/ ott set-10 UGF/AURORA 3 4 1a Polizza INA/ASSITALIA 2a Polizza INA/ASSITALIA Deliberazione 62/ (RCT+Incendi) (Infortuni) 01-ott set-10 INA/ASSITALI A Deliberazione 79/ ott dic-13 INA/ASSITALI A 5 Polizza UNIPOLSAI SpA Deliberazione 191/13 65/ (RCT) 44/ (Incendio) 77/ (Infortuni) 01-gen dic-16 UNIPOLSAI SpA

36 Architettura istituzionale e contrattuale Stakeholders Processo di Consultazione DCO 103/13 AEEGSI CIG/Broker Delibera 191/13 Allegato Tecnico - Prescrizioni SOCIETA Contraente, che stipula il contratto di assicurazione in nome proprio e nell interesse degli Assicurati, in virtù della Delibera di AEEGSI n. 191/13 L impresa assicuratrice con la quale il Contraente sottoscrive la polizza, individuata mediante gara a evidenza pubblica UTENTI Persona fisica o giuridica titolare di un contratto di fornitura di gas sottoscritto con un fornitore

37 Chi ha diritto al risarcimento/indennizzo? UTILIZZATORI Persone fisiche che utilizzano il gas sull utenza indipendentemente dallo scopo e dalla frequenza di tale utilizzo, siano esse o meno proprietari e/o Utenti UTENZA SINISTRO ASSICURATI Insieme dell impianto di utenza e del contratto di fornitura Il verificarsi del fatto dannoso per il quale è prestata l assicurazione : incendio, esplosione e/o scoppio delle tubazioni a valle del punto contrattuale di consegna e/o degli apparecchi di utilizzazione, nonché da difettosa combustione e/o esalazioni gassose, incluso il monossido di carbonio. DANNEGGIATI (TERZI) I soggetti il cui interesse è protetto dall assicurazione (cfr. nel seguito) L Assicurato ha diritto a un INDENNIZZO I soggetti nei confronti dei quali la Società è tenuta a risarcire il danno subito Il terzo danneggiato ha diritto a un RISARCIMENTO

38 INFORTUNI (SEZ. C ): la Società si obbliga a indennizzare gli Assicurati per gli eventuali Infortuni conseguenti al sinistro. Definizione di Infortunio: evento dovuto a causa fortuita violenta ed esterna, che produce lesioni corporali obiettivamente constatabili, le quali abbiano per conseguenza la morte o una invalidità permanente. Quali danni sono coperti dalla polizza? ASSICURATI I soggetti il cui interesse è protetto dall assicurazione (cfr. nel seguito) L Assicurato ha diritto a un INDENNIZZO DANNEGGIATI (TERZI) I soggetti nei confronti dei quali la Società è tenuta a risarcire il danno subito Il terzo danneggiato ha diritto a un RISARCIMENTO INCENDIO (SEZ. B ): la Società si obbliga a indennizzare gli Assicurati esclusivamente per i danni cagionati agli immobili o porzione degli stessi riferibili all utenza ove ha avuto origine il sinistro e alle cose di proprietà dell Utente o dell Utilizzatore che si trovino nell ambito degli stessi. E RISARCITO IL COSTO DI RICOSTRUZIONE A NUOVO (IMMOBILI) E/O IL COSTO DI RIMPIAZZO (COSE), comprese le spese di demolizione, sgombero e trasporto a discarica dei residui del sinistro.

39 Quali danni sono coperti dalla polizza? ASSICURATI I soggetti il cui interesse è protetto dall assicurazione (cfr. nel seguito) L Assicurato ha diritto a un INDENNIZZO DANNEGGIATI (TERZI) I soggetti nei confronti dei quali la Società è tenuta a risarcire il danno subito Il terzo danneggiato ha diritto a un RISARCIMENTO RCT (SEZ. A ): La Società si obbliga a tenere indenne l Assicurato di quanto questi sia tenuto a pagare, quale civilmente responsabile ai sensi di legge, a titolo di risarcimento di danni cagionati a terzi per: - morte - lesioni personali - danneggiamenti a immobili e/o cose in relazione alla proprietà e/o possesso e/o uso di un impianto di Utenza. Inoltre la polizza garantisce sia agli Assicurati sia ai Danneggiati il rimborso delle spese per alloggio sostitutivo e una diaria giornaliera per inabilità temporanea

40 I diritti dei danneggiati In caso di sinistro, gli Assicurati e i Danneggiati Terzi, hanno i seguenti DIRITTI: i. di percepire un Indennizzo (Assicurati) o un Risarcimento (Danneggiati Terzi) per i danni subiti, nei limiti dei Massimali di polizza; ii. iii. iv. di usufruire del rimborso spese per alloggio sostitutivo, del rimborso delle spese mediche e della diaria per inabilità temporanea; di veder liquidato quanto dovuto entro 45 giorni dal ricevimento da parte della Compagnia di Assicurazione della denuncia di sinistro inoltrata dall Assicurato/Danneggiato al CIG, previa possibilità di accertamento materiale del danno e, per la sezione infortuni, dalla stabilizzazione dei postumi invalidanti; di ricorrere alle procedure accelerate previste per la definizione extragiudiziale dei contenziosi sulla quantificazione dei danni subiti;

41 Cosa si deve fare in caso di sinistro? COSA DEVE FARE COLUI CHE HA PROVOCATO IL SINISTRO (ASSICURATO)? a) Tutte le denunce di SINISTRO devono essere intestate a UnipolSai (la Società) e inoltrate dall ASSICURATO e/o dal DANNEGGIATO al CIG (la Contraente) direttamente o tramite il proprio Fornitore o altra persona fisica o giuridica che ne abbia facoltà; b) Sarà cura del CIG provvedere alla trasmissione delle denunce alla Società e a informare l Assicurato e/o il Danneggiato in merito ai suoi obblighi e diritti riconducibili alla presente polizza; c) l UnipolSai, entro quindici giorni dalla ricezione della denuncia da parte del CIG, provvede a riscontrare la singola denuncia al CIG e all ASSICURATO, fornendo il relativo numero di sinistro e i riferimenti del perito incaricato; d) l UnipolSai procede all accertamento materiale mediante elaborazione di una propria perizia e favorisce l attuazione delle clausole della polizza mirate alla determinazione stragiudiziale del profilo del quantum del danno indennizzabile (Assicurati) o risarcibile (Danneggiati terzi) e) I diritti dei terzi e gli obblighi della Società nei loro confronti sono regolati dal Codice Civile.

42 Elementi qualificanti della polizza Copertura di tutte le utenze domestiche e «sociali» a prescindere dai consumi. Assicurazione diretta per «Incendio» e «Infortuni». Assicurazione per Responsabilità civile verso Terzi (RCT). Anche in caso di dolo o colpa grave e suicidio/tentato suicidio. Incluse le intossicazioni da monossido di carbonio. Massimali adeguati alla copertura di rischio evento catastrofale. Applicazione Primo Rischio Assoluto. Copertura automatica e compilazione (guidata) del Modulo Denuncia Sinistro da parte del danneggiato. Procedure di arbitraggio pro-utenti. Costo unitario irrisorio per l utente. Supporto del CIG ai danneggiati. Conforme al Codice di Consumo. Pagamento premio differito rispetto alla copertura. Penali a carico della CdA e clausola profit-sharing. Rendicontazioni di CdA e Contraente.

43 Miglioramenti apportati alla polizza in vigore dall Ampliata la categoria delle utenze servite a tutte le utenze di servizio pubblico a prescindere dai consumi (ex TIVG AEEGSI). Aumento dei massimali Incendio e Infortuni. Riconosciuto il rimborso spese mediche e diaria giornaliera per inabilità temporanea. Rimborso dei costi di alloggio sostitutivo. Clausola di profit-sharing Contraente-Società. Semplificazione procedure.

44 Massimali per sinistro Sezione Caso Massimali Sezione A Sezione B Sezione C Responsabilità Civile verso Terzi (RCT) Incendio Infortuni danni a persone e/o beni immobili e/o cose anche se appartenenti a più persone : danni a immobili o porzione degli stessi : danni a cose : costi alloggio sostitutivo : morte o invalidità totale permanente per assicurato per rimborso spese mediche 250/die : per assicurato a decrescere diaria inabilità temporanea

45 Quanto costa e chi paga 21,6 milioni di utenze servite (al ); Premio unitario annuale: a base d asta: 0,75 euro/utente aggiudicato: 0,6375 euro/utente Costo per l utente finale: prelievo annuale in bolletta: 0,25 euro/utente Versamenti del venditore a Società di trasp./distr.: versamento annuale unitario: 0,65 euro/utente Le Società di trasp./distr. versano il dovuto a CCSE. CCSE trasferisce il premio a CIG su richiesta documentata. CIG versa il premio alla Compagnia di Assicurazione.

46 Quanto costa e chi paga SINTESI GESTIONE POLIZZE SOTTOSCRITTE DAL CIG ex MANDATI AEGG (al ) Prog. Denominazione Convenzionale della Polizza Periodo di Validità Totale Sinistri di cui Chiusi Totale Pagato (Euro) Totale Riservato (Euro) Totale Pagato+Riservato (Euro) dal al 1 1a Polizza UGF/AURORA 01-ott set a Polizza UGF/Aurora 01-ott set a Polizza INA/ASSITALIA 01-ott set TOTALE polizze 1, 2 e a Polizza INA/ASSITALIA 01-ott dic Nuova Polizza UNIPOLSAI 01-gen dic-16 TOTALE

47 I compiti del CIG Ex Delibera : Stipula il contratto mediante procedura ad evidenza pubblica; comunica all Autorità e alla CCSE, l importo dei premi, per l anno in corso; raccoglie le denunce di sinistro e le inoltra alla compagnia di assicurazione; attiva un numero verde e un indirizzo mail per fornire informazioni; pubblica nel proprio sito internet: il contratto di assicurazione, il modulo per la denuncia di sinistro, il numero verde e l indirizzo di posta elettronica; vigila sulla corretta attuazione da parte delle compagnie di assicurazione delle disposizioni contrattuali; trasmette all Autorità un rendiconto quadrimestrale e un rendiconto annuale; gestisce i rapporti con le compagnie di assicurazione e con i clienti interessati per i sinistri ancora aperti relativi al periodo Ex Determina : struttura articolata e contenuti dei rendiconti quadrimestrali e annuali.

48 Grazie per la Vostra cortese attenzione!

H2O-CH4: i maggiori esperti italiani e internazionali a Bologna nella più importante rassegna italiana del settore

H2O-CH4: i maggiori esperti italiani e internazionali a Bologna nella più importante rassegna italiana del settore Save the dates! Quartiere Fieristico Bologna, 22-24 Ottobre 2014 Bologna, 1 ottobre 2014 H2O-CH4: i maggiori esperti italiani e internazionali a Bologna nella più importante rassegna italiana del settore

Dettagli

ADOZIONE DI DISPOSIZIONI PER L ASSICURAZIONE DEI CLIENTI FINALI CIVILI DEL GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI GASDOTTI LOCALI In ottemperanza alle

ADOZIONE DI DISPOSIZIONI PER L ASSICURAZIONE DEI CLIENTI FINALI CIVILI DEL GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI GASDOTTI LOCALI In ottemperanza alle ADOZIONE DI DISPOSIZIONI PER L ASSICURAZIONE DEI CLIENTI FINALI CIVILI DEL GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI GASDOTTI LOCALI In ottemperanza alle disposizioni della deliberazione dell Autorità per l Energia Elettrica

Dettagli

Il/La sottoscritto/a o La Società (Cognome e Nome o Ragione Sociale) Via N. CAP Città ( ) Tel. Cell. e-mail

Il/La sottoscritto/a o La Società (Cognome e Nome o Ragione Sociale) Via N. CAP Città ( ) Tel. Cell. e-mail MODULO DA UTILIZZARE PER NISTRI AVVENUTI DAL 1 OTTOBRE 2009 ASCURAZIONE DEI CLIENTI FINALI CIVILI DEL GAS - Ex Delibere AEEG 62/07 e 79/10 POLIZZE INA ASTALIA nn. 33000067591/33000067511 (30.09.2009-30.09.2010)

Dettagli

Impresa di distribuzione e installatori Obiettivo comune SICUREZZA Grosseto 5 novembre 2011

Impresa di distribuzione e installatori Obiettivo comune SICUREZZA Grosseto 5 novembre 2011 Impresa di distribuzione e installatori Obiettivo comune SICUREZZA Grosseto 5 novembre 2011 DI COSA PARLEREMO Cenni sulla normativa e legislazione vigente in tema di rapporti tra distributore e installatore;

Dettagli

Testo coordinato con le integrazioni apportate dalla deliberazione 31 ottobre 2013, 473/2013/R/gas

Testo coordinato con le integrazioni apportate dalla deliberazione 31 ottobre 2013, 473/2013/R/gas Testo coordinato con le integrazioni apportate dalla deliberazione 31 ottobre 2013, 473/2013/R/gas Disposizioni per l assicurazione dei clienti finali contro i rischi derivanti dall uso del gas distribuito

Dettagli

FREQUENTLY ASKED QUESTIONS (FAQs) DOMANDE RICORRENTI

FREQUENTLY ASKED QUESTIONS (FAQs) DOMANDE RICORRENTI FREQUENTLY ASKED QUESTIONS (FAQs) DOMANDE RICORRENTI 1. COSA E LA POLIZZA DI ASSICURAZIONE IN FAVORE DEI CLIENTI FINALI CIVILI DEL GAS? I clienti finali del gas (gas naturale o gas diversi da gas naturale)

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 9 MAGGIO 2013 191/2013/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEI CLIENTI FINALI DEL GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI GASDOTTI LOCALI E DI RETI DI TRASPORTO, PER IL PERIODO 1 GENNAIO

Dettagli

Convegno : Piano sicurezza gas

Convegno : Piano sicurezza gas Convegno : Piano sicurezza gas Impianti alimentati a gas -La sicurezza passa (anche) per la qualificazione e i controlli - Francesco Castorina C I G Roma 26 giugno 2012 Statistica incidenti da gas I dati;

Dettagli

Allegato 1 Disposizioni per l'assicurazione dei clienti finali civili del gas distribuito a mezzo di gasdotti locali e di reti di trasporto

Allegato 1 Disposizioni per l'assicurazione dei clienti finali civili del gas distribuito a mezzo di gasdotti locali e di reti di trasporto Allegato 1 Disposizioni per l'assicurazione dei clienti finali civili del gas distribuito a mezzo di gasdotti locali e di reti di trasporto Articolo 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento

Dettagli

Sezione 1 - Informazioni generali sul sinistro denunciato 1.1

Sezione 1 - Informazioni generali sul sinistro denunciato 1.1 ASCURAZIONE DEI CLIENTI FINALI CIVILI DEL GAS Ex Delibera AEEG 9/0/R/GAS del 9 maggio 0 POLIZZA UNIPOL ASCURAZIONI S.P.A. nn. /0 (RCT), /0 (Incendio), /000 (Infortuni) Validità: dalle ore 00.00 del gennaio

Dettagli

Nota Informativa CIG Ex Articolo 3.2-f dell Allegato 1 alla Delibera AEEG 79/10

Nota Informativa CIG Ex Articolo 3.2-f dell Allegato 1 alla Delibera AEEG 79/10 Ente Federato all UNI Ente dotato di Personalità Giuridica Assicurazione dei Clienti Finali Civili di Gas Nota Informativa CIG Ex Articolo 3.2-f dell Allegato 1 alla Delibera AEEG 79/10 San Donato Milanese,

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 9 MAGGIO 2013 191/2013/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEI CLIENTI FINALI DEL GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI GASDOTTI LOCALI E DI RETI DI TRASPORTO, PER IL PERIODO 1 GENNAIO

Dettagli

CIG Comitato Italiano Gas

CIG Comitato Italiano Gas Contratta dallo Spett.le CIG Comitato Italiano Gas codice fiscale n. 80067510158 20122 MILANO Via Larga 2 decorrenza h 0:00 01/01/2014 scadenza h 24:00 31/12/2016 frazionamento annuale scadenza 1 rata

Dettagli

RINNOVO DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE DEI CLIENTI FINALI CIVILI DEL GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI GASDOTTI LOCALI E DI RETI DI TRASPORTO

RINNOVO DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE DEI CLIENTI FINALI CIVILI DEL GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI GASDOTTI LOCALI E DI RETI DI TRASPORTO DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 103/2013/R/GAS RINNOVO DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE DEI CLIENTI FINALI CIVILI DEL GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI GASDOTTI LOCALI E DI RETI DI TRASPORTO Documento

Dettagli

E TEMPO DI ACCENDERE LA CALDAIA: LE ISTRUZIONI PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI A GAS

E TEMPO DI ACCENDERE LA CALDAIA: LE ISTRUZIONI PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI A GAS Dalla metà di ottobre ripartono I riscaldamenti: i consigli del CIG, Ente federato UNI E TEMPO DI ACCENDERE LA CALDAIA: LE ISTRUZIONI PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI A GAS In caso di incidente esiste un'assicurazione

Dettagli

CONVENZIONE TRA CENTRO UNIVERSITARIO SPORTIVO ITALIANO C.U.S.I. CARIGE ASSICURAZIONI S.p.A.

CONVENZIONE TRA CENTRO UNIVERSITARIO SPORTIVO ITALIANO C.U.S.I. CARIGE ASSICURAZIONI S.p.A. CONVENZIONE TRA CENTRO UNIVERSITARIO SPORTIVO ITALIANO C.U.S.I. E CARIGE ASSICURAZIONI S.p.A. TRA CUSI CENTRO UNIVERSITARIO SPORTIVO ITALIANO con sede in Roma 00195 Via A. Brofferio,7 di seguito denominato

Dettagli

aggiorna le disposizioni per gli accertamenti documentali sugli impianti di utenza NUOVI (di nuova installazione);

aggiorna le disposizioni per gli accertamenti documentali sugli impianti di utenza NUOVI (di nuova installazione); FEBBRAIO 2014 Il 6 febbraio 2014 l Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (AEEG) ha emanato e pubblicato sul proprio sito la Delibera n. 40/2014/R/gas, Disposizioni in materia di accertamenti della

Dettagli

DELL AUTORITÀ DEI SERVIZI GAS

DELL AUTORITÀ DEI SERVIZI GAS LA REGOLAZIONE DELL AUTORITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA DEI SERVIZI GAS Giorgio Cisvento Direzione Consumatori e Qualità del Servizio 14 giugno 2011, Milano (*) Quanto contenuto nella presentazione rappresenta

Dettagli

LA GESTIONE DEGLI INCIDENTI DA GAS COMBUSTIBILE SULL'IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE

LA GESTIONE DEGLI INCIDENTI DA GAS COMBUSTIBILE SULL'IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE LA GESTIONE DEGLI INCIDENTI DA GAS COMBUSTIBILE SULL'IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE II UNI Ente Nazionale Italiano di Unificazione Via Battistotti Sassi 11/b - 20133 Milano Tel. 02 70024.1 Fax. 02 70105993

Dettagli

Delibera 40-2014. Modifiche ed Innovazioni

Delibera 40-2014. Modifiche ed Innovazioni Delibera 40-2014 Modifiche ed Innovazioni Campo di applicazione: Il presente regolamento si applica agli impianti di utenza alimentati a gas per mezzo di reti canalizzate per uso non tecnologico ai sensi

Dettagli

Disposizioni in materia di accertamenti della sicurezza degli impianti di utenza a gas

Disposizioni in materia di accertamenti della sicurezza degli impianti di utenza a gas Disposizioni in materia di accertamenti della sicurezza degli impianti di utenza a gas In vigore dal 1 luglio 2014 1 Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente regolamento,

Dettagli

POLIZZA COLLETTIVA INFORTUNI e MALATTIA

POLIZZA COLLETTIVA INFORTUNI e MALATTIA POLIZZA COLLETTIVA INFORTUNI e MALATTIA NOTA INFORMATIVA PER I CONTRATTI DI ASSICURAZIONE INFORTUNI E MALATTIA Nota Informativa Mod. 5002002140/S ed. 2011-03 Ultimo aggiornamento 01/03/2011 Ai sensi dell

Dettagli

Assicurazione Auto. Diritti del consumatore. Campagna di informazione in tema di RC Auto e Conciliazione

Assicurazione Auto. Diritti del consumatore. Campagna di informazione in tema di RC Auto e Conciliazione Assicurazione Auto Diritti del consumatore Campagna di informazione in tema di RC Auto e Conciliazione GLOSSARIETTO ANIA: è l'associazione che rappresenta le imprese di assicurazione operanti in Italia.

Dettagli

LA COMPILAZIONE E LA VERIFICA DELL ALLEGATO I/40

LA COMPILAZIONE E LA VERIFICA DELL ALLEGATO I/40 Delibera 40/14 La modulistica per gli installatori LA COMPILAZIONE E LA VERIFICA DELL ALLEGATO I/40 Moreno Barbani Responsabile Emilia Romagna Bologna, 9 settembre 2014 Linee Guida CIG n. 11. Accertamenti

Dettagli

L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Nella riunione del 25 maggio 2010. Visti:

L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Nella riunione del 25 maggio 2010. Visti: Delibera ARG/gas 79/10 Disposizioni per l estensione dell'assicurazione dei clienti finali civili del gas distribuito a mezzo di gasdotti locali e di reti di trasporto fino al 31 dicembre 2013 L'AUTORITÀ

Dettagli

le Assicurazioni PER le Sezioni del Cai

le Assicurazioni PER le Sezioni del Cai le Assicurazioni PER le Sezioni del Cai Giancarlo SPAGNA le assicurazioni garantite dalla comune appartenenza al nostro Sodalizio coperture attive automaticamente infortuni soci soccorso alpino soci responsabilità

Dettagli

Contratto di assicurazione sui beni ed il patrimonio dell Impresa. Il presente Fascicolo Informativo, contenente

Contratto di assicurazione sui beni ed il patrimonio dell Impresa. Il presente Fascicolo Informativo, contenente TUA IMPRESA Fascicolo Informativo Modello: FASIMP 5 ed. 05/2011 Copertina Tua Assicurazioni S.p.A. Gruppo Cattolica Assicurazioni Contratto di assicurazione sui beni ed il patrimonio dell Impresa. Il presente

Dettagli

CONVENZIONE TRA FITETREC-ANTE. CARIGE ASSICURAZIONI S.p.A.

CONVENZIONE TRA FITETREC-ANTE. CARIGE ASSICURAZIONI S.p.A. CONVENZIONE TRA FITETREC-ANTE E CARIGE ASSICURAZIONI S.p.A. Convenzione FITETREC-ANTE - pag. 1 di pag. 33 TRA FITETREC-ANTE Federazione Italiana Turismo Equestre e Tecniche di Ricognizione Equestre Competitiva

Dettagli

Inabilità temporanea totale al lavoro dell assicurato

Inabilità temporanea totale al lavoro dell assicurato UD4 UD4 Lesione degli interessi e protezione del credito L interesse comune di di portare a termine il il rimborso dei canoni di di leasing può subire una lesione nel caso in in cui l utilizzatore non

Dettagli

UDI. La responsabilità civile. chi è terzo e chi non lo è, forme assicurative della responsabilità civile (RC) verso terzi

UDI. La responsabilità civile. chi è terzo e chi non lo è, forme assicurative della responsabilità civile (RC) verso terzi La responsabilità civile Responsabilità civile verso terzi chi è terzo e chi non lo è, forme assicurative della responsabilità civile (RC) verso terzi Responsabilità civile verso i prestatori d opera (RCO)

Dettagli

Ente Federato all UNI Ente dotato di personalità giuridica CODICE ETICO. del Comitato Italiano Gas - CIG. Pag. 1/12

Ente Federato all UNI Ente dotato di personalità giuridica CODICE ETICO. del Comitato Italiano Gas - CIG. Pag. 1/12 CODICE ETICO del Comitato Italiano Gas - CIG Pag. 1/12 Codice Etico CIG 1. Premessa 3 2. I princìpi ispiratori del Codice 5 3. Doveri del CIG e del suo personale 6 4. Doveri dei Soci e dei loro Rappresentanti

Dettagli

Motivo del reclamo (barrare la voce che interessa) Descrizione dell accaduto e motivo del reclamo

Motivo del reclamo (barrare la voce che interessa) Descrizione dell accaduto e motivo del reclamo Via Ammiraglio Gravina 2/e 90139 PALERMO Fax 091 7435463 Call Center: 800 773399 Modulo Reclami (da spedire, inoltrare presso i Punti Clienti o via Fax). E possibile anche effettuare telefonicamente il

Dettagli

SUORE FRANCESCANE ELISABETTINE LE ASSICURAZIONI. Padova 1-41. 4 luglio 09

SUORE FRANCESCANE ELISABETTINE LE ASSICURAZIONI. Padova 1-41. 4 luglio 09 SUORE FRANCESCANE ELISABETTINE LE ASSICURAZIONI Padova 1-41 4 luglio 09 LE NOSTRE POLIZZE ASSICURATIVE Sono gestite da Janua B. & A. Broker S.p.A. AXA Convezione pronta diaria LE POLIZZE gestite da Janua

Dettagli

Delibera n.40/2014 AEEGSI

Delibera n.40/2014 AEEGSI Fare clic per modificare stile Delibera n.40/2014 AEEGSI Novità e adempimenti per installatori e progettisti 1 di 85 26 «Convegno CNA Installazione e impianti» Ore 17,45: «Le procedure e la documentazione

Dettagli

ASSICURAZIONE A FAVORE DEI CLIENTI FINALI CIVILI DEL GAS FORNITO A MEZZO DI RETE URBANA

ASSICURAZIONE A FAVORE DEI CLIENTI FINALI CIVILI DEL GAS FORNITO A MEZZO DI RETE URBANA ASSICURAZIONE A FAVORE DEI CLIENTI FINALI CIVILI DEL GAS FORNITO A MEZZO DI RETE URBANA Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti di cui all articolo 2, comma 12, lettere c) ed

Dettagli

CARTA DELSERVIZIO PER LA VENDITA DEL GAS

CARTA DELSERVIZIO PER LA VENDITA DEL GAS PREMESSA La carta del servizio per la vendita del gas di Loro F.lli S.p.a. recepisce quanto previsto dall Autorità per l energia Elettrica e il Gas attraverso la deliberazione n. 168/04 ove vengono definiti

Dettagli

Il Comitato Italiano Gas CIG, si riserva di adire le vie legali nei confronti di chi non rispetterà le precedenti condizioni.

Il Comitato Italiano Gas CIG, si riserva di adire le vie legali nei confronti di chi non rispetterà le precedenti condizioni. NOTA PER GLI UTILIZZATORI DELLE PRESENTI LINEE GUIDA Le presenti linee guida, costituiscono un documento tecnico d indirizzo e consultazione, propedeutico ad una corretta attuazione della deliberazione

Dettagli

SERVIZIO DI VENDITA GAS NATURALE COPIA PER IL CLIENTE

SERVIZIO DI VENDITA GAS NATURALE COPIA PER IL CLIENTE SERVIZIO DI VENDITA GAS NATURALE COPIA PER IL CLIENTE CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA Premesso che: - Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas (AEEG) è l ente che regola, tramite proprie deliberazioni,

Dettagli

Coperture assicurative

Coperture assicurative Coperture assicurative Ogni fornitore e/o sub concessionario (di seguito denominato soggetto ) deve stipulare un adeguata copertura assicurativa a garanzia di tutti i danni arrecati a persone e/o cose

Dettagli

AVAL ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO ACLI LOMBARDIA

AVAL ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO ACLI LOMBARDIA VADEMECUM Guida pratica per la gestione delle polizze di assicurazione stipulate da AVAL ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO ACLI LOMBARDIA tramite l Ufficio Janua Broker S.p.A. Via G. Parini, 7 20121 Milano Tel.

Dettagli

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Provincia di GENOVA

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Provincia di GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE 1128 del 29/05/2014 OGGETTO: AGGIUDICAZIONE PER L AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA DI GAS METANO PER TUTTE LE UTENZE A CARICO DEL COMUNE DI SESTRI LEVANTE PER IL PERIODO DAL 01/09/2014

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 6 FEBBRAIO 2014 40/2014/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ACCERTAMENTI DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO Nella riunione

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE DERIVANTE DALLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI A MOTORE E NATANTI

CAPITOLATO SPECIALE PER LA POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE DERIVANTE DALLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI A MOTORE E NATANTI CAPITOLATO SPECIALE PER LA POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE DERIVANTE DALLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI A MOTORE E NATANTI CONTRAENTE: COMUNE DI BIBBIENA ASSICURAZIONE NELLA FORMA LIBRO MATRICOLA 1 SEZ. 1

Dettagli

ATTIVAZIONE O RIATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DEL GAS COMBUSTIBILE

ATTIVAZIONE O RIATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DEL GAS COMBUSTIBILE ATTIVAZIONE O RIATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DEL GAS COMBUSTIBILE INDICAZIONI PER CLIENTI FINALI ED INSTALLATORI L'attivazione o riattivazione della fornitura del gas combustibile è svolta esclusivamente

Dettagli

La norma UNI 11522: Installazione di rivelatori di gas e monossido di carbonio

La norma UNI 11522: Installazione di rivelatori di gas e monossido di carbonio La norma UNI 11522: Installazione di rivelatori di gas e monossido di carbonio Fabio Pedrazzi - ANIE Bologna, 23/10/2014 LO SVILUPPO DELLA NORMA 11522 Il CIG ha dato corso allo sviluppo di una Norma sulla

Dettagli

Del. 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica e per il GAS

Del. 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica e per il GAS Del. 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica e per il GAS Adozione del regolamento delle attività di accertamento della sicurezza degli impianti di utenza a gas Compilazione dei documenti previsti

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c)

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c) TIPO DI LAVORO Installazione, rifacimento, trasformazione, ampliamento di impianto dotato o anche non dotato di canna fumaria collettiva ramificata (Per frigorifero ad adsorbimento alimentato a gas vedere

Dettagli

Essenziale. Nota Informativa. Aviva Italia S.p.A. Gruppo Aviva

Essenziale. Nota Informativa. Aviva Italia S.p.A. Gruppo Aviva Essenziale Nota Informativa Aviva Italia S.p.A. Gruppo Aviva NOTA INFORMATIVA La presente Nota Informativa è redatta secondo lo schema predisposto dall ISVAP ma il suo contenuto non è soggetto alla preventiva

Dettagli

SINTESI POLIZZE ASSICURATIVE

SINTESI POLIZZE ASSICURATIVE SINTESI POLIZZE ASSICURATIVE Le due convenzioni assicurative relative al ramo infortuni (polizza n 2043312043) e al ramo RCT (polizza n 2043322043), stipulate tra C.S.I. e Società Cattolica Assicurazioni

Dettagli

L ATTIVITÀ DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI LA SITUAZIONE VENEZIANA

L ATTIVITÀ DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI LA SITUAZIONE VENEZIANA VENEZIA, 17 dicembre 2007 ATENEO VENETO TAVOLA ROTONDA CANNE FUMARIE NEI CENTRI STORICI: PROBLEMATICHE, NORMATIVE E IMPATTO AMBIENTALE L ATTIVITÀ DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI LA SITUAZIONE VENEZIANA

Dettagli

PRESTAZIONI AL PUNTO DI RICONSEGNA - DECORRENZA 01/11/2014. ACCERTAMENTO DOCUMENTALE (Deliberazione n. 40/14 s.m.i. A.E.E.G.S.I.)

PRESTAZIONI AL PUNTO DI RICONSEGNA - DECORRENZA 01/11/2014. ACCERTAMENTO DOCUMENTALE (Deliberazione n. 40/14 s.m.i. A.E.E.G.S.I.) PRESTAZIONI AL PUNTO DI RICONSEGNA - DECORRENZA 01/11/2014 Il presente elenco prezzi disciplina le prestazioni accessorie al servizio principale di distribuzione e misura del gas naturale, nelle reti gestite

Dettagli

COMUNE DI ACQUI TERME Provincia di Alessandria

COMUNE DI ACQUI TERME Provincia di Alessandria COMUNE DI ACQUI TERME Provincia di Alessandria ALLEGATO A1.4 AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE NEL TERRITORIO COMUNALE DI ACQUI TERME CAPITOLATO TECNICO DI GESTIONE

Dettagli

NOTA INFORMATIVA. Contratto di Assicurazione infortuni e malattia/ad Personam

NOTA INFORMATIVA. Contratto di Assicurazione infortuni e malattia/ad Personam Contratto di Assicurazione infortuni e malattia/ad Personam Ad Personam/Mod. X0403.0 Edizione 2/2009 Assicurazione infortuni e malattia/ad Personam La presente Nota Informativa è redatta secondo lo schema

Dettagli

esistenti: un requisito fondamentale ed una grande opportunità

esistenti: un requisito fondamentale ed una grande opportunità La sicurezza degli impianti i gas esistenti: un requisito fondamentale ed una grande opportunità Alberto Montanini vice Presidente Assotermica Club della Meccanica Sala della Mercede, Roma 26 giugno 2012

Dettagli

SINTESI POLIZZE ASSICURATIVE

SINTESI POLIZZE ASSICURATIVE SINTESI POLIZZE ASSICURATIVE Le due convenzioni assicurative relative al ramo infortuni (polizza n 2043312043) ed al ramo RCT (polizza n 2043322043), stipulate tra C.S.I e Società Cattolica Assicurazioni

Dettagli

GAS PIU DISTRIBUZIONE S.R.L. SEDE OPERATIVA DI ROZZANO PREZZIARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE e OPZIONALI AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE 1 INDICE pag. 2 PREMESSA pag. 4 PRESTAZIONJI TECNICHE

Dettagli

mini guida L assicurazione nei contratti profilati

mini guida L assicurazione nei contratti profilati mini guida L assicurazione nei contratti profilati Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del L ASSICURAZIONE NEI CONTRATTI PROFILATI Al momento della sottoscrizione del un

Dettagli

L ASSICURAZIONE del C.N.S.F-C.A.R.TUR (Condensato della Polizza) ASSICURAZIONE RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI (RCT) E COLLABORATORI (RCO)

L ASSICURAZIONE del C.N.S.F-C.A.R.TUR (Condensato della Polizza) ASSICURAZIONE RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI (RCT) E COLLABORATORI (RCO) L ASSICURAZIONE del C.N.S.F-C.A.R.TUR (Condensato della Polizza) Il C.N.S.Fiamma ha stipulato per i suoi tesserati alcune convenzioni assicurative per i rischi infortuni ramo 05 Codice 353 (polizze n 15016

Dettagli

Agente intermediario che agisce in nome o per conto di una o più imprese di assicurazione

Agente intermediario che agisce in nome o per conto di una o più imprese di assicurazione GLOSSARIO DEI TERMINI ASSICURATIVI Agente intermediario che agisce in nome o per conto di una o più imprese di assicurazione Aspettativa periodo di tempo che intercorre tra la data di stipulazione della

Dettagli

ESTRATTO CONDIZIONI DAL 1 GENNAIO 2014 POLIZZA COPERTURA ASSICURATIVA DEI RISCHI DI PERDITE OCCULTE DI ACQUA POTABILE

ESTRATTO CONDIZIONI DAL 1 GENNAIO 2014 POLIZZA COPERTURA ASSICURATIVA DEI RISCHI DI PERDITE OCCULTE DI ACQUA POTABILE ASPEM S.p.A. Servizio Acquedotto AXA Agenzia Sviluppo & Trading ESTRATTO CONDIZIONI DAL 1 GENNAIO 2014 POLIZZA COPERTURA ASSICURATIVA DEI RISCHI DI PERDITE OCCULTE DI ACQUA POTABILE CONTRAENTE: ASPEM S.p.A.

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

Il Comitato Italiano Gas CIG, si riserva di adire le vie legali nei confronti di chi non rispetterà le precedenti condizioni.

Il Comitato Italiano Gas CIG, si riserva di adire le vie legali nei confronti di chi non rispetterà le precedenti condizioni. NOTA PER GLI UTILIZZATORI DELLE PRESENTI LINEE GUIDA Le presenti linee guida, costituiscono un documento tecnico d indirizzo e consultazione, propedeutico ad una corretta attuazione della deliberazione

Dettagli

17a - Assicurazioni Polizza Infortuni Soci

17a - Assicurazioni Polizza Infortuni Soci Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 17a - Assicurazioni Polizza Infortuni Soci INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca della

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 6 FEBBRAIO 2014 40/2014/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ACCERTAMENTI DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO Nella riunione

Dettagli

PRODOTTI e SERVIZI ASSICURATIVI

PRODOTTI e SERVIZI ASSICURATIVI Allegato 3 Convenzione Nazionale CISL - UGF PRODOTTI e SERVIZI ASSICURATIVI Condizioni riservate alle Strutture Sindacali (Nazionali, Regionali, Territoriali e di Categoria) e alle Società ed Enti di loro

Dettagli

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DM del 22/01/08 n. 37 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ATTIVITA DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI Art. 1 - IMPIANTI SOGGETTI ALL APPLICAZIONE

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: Sistemi di Rivelazione GAS in ambiente domestico. Tecnologie Normativa di riferimento Installazione.

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: Sistemi di Rivelazione GAS in ambiente domestico. Tecnologie Normativa di riferimento Installazione. Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: Sistemi di Rivelazione GAS in ambiente domestico Tecnologie Normativa di riferimento Installazione Enrico Zaccaria Membro Sgr. Rivelatori di gas ANIE CSI Associazione Componenti

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 6 FEBBRAIO 2014 40/2014/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ACCERTAMENTI DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO Nella riunione

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA DELLE POLIZZE DANNI OFFERTE

VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA DELLE POLIZZE DANNI OFFERTE VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA DELLE POLIZZE DANNI OFFERTE (Art. 52 Regolamento Isvap 5/2006) Informazioni richieste al potenziale Contraente Gentile Contraente, il seguente questionario, a valere, oltre

Dettagli

COMUNICATO ATTIVITA 2015

COMUNICATO ATTIVITA 2015 Circolare n. 1 / Attività 2015 COMUNICATO ATTIVITA 2015 Preliminarmente si specifica che l IBAN su cui effettuare i versamenti rimane invariato: BANCA POPOLARE di NOVARA Milano Agenzia 7 c/c intestato

Dettagli

ASPM SORESINA SERVIZI

ASPM SORESINA SERVIZI ELENCO PRESTAZIONI Il documento descrive le prestazioni tecniche eseguibili dal Distributore su specifica richiesta del Venditore. Le richieste devono essere formalizzate con la compilazione dell apposita

Dettagli

FIBA/CISL ANNO 2014 RESPONSABILITA' CIVILE VERSO TERZI - R.C. CAPOFAMIGLIA DEFINIZIONI: - pag. 1 -

FIBA/CISL ANNO 2014 RESPONSABILITA' CIVILE VERSO TERZI - R.C. CAPOFAMIGLIA DEFINIZIONI: - pag. 1 - FIBA/CISL ANNO 2014 RESPONSABILITA' CIVILE VERSO TERZI - R.C. CAPOFAMIGLIA DEFINIZIONI: - pag. 1 - Nel testo che segue, si intendono: - per Assicurazione: il contratto di assicurazione; - per Polizza:

Dettagli

Riepilogo Copertura Infortuni. Bocconi Sport Team Società Sportiva Dilettantistica

Riepilogo Copertura Infortuni. Bocconi Sport Team Società Sportiva Dilettantistica Riepilogo Copertura Infortuni Bocconi Sport Team Società Sportiva Dilettantistica Indice INFORTUNI... 2 Oggetto della copertura... 3 Capitali assicurati... 3 Principali garanzie... 4 Principali esclusioni...

Dettagli

Contratto di assicurazione sui beni ed il patrimonio dell Impresa. Il presente Fascicolo Informativo, contenente

Contratto di assicurazione sui beni ed il patrimonio dell Impresa. Il presente Fascicolo Informativo, contenente TUA IMPRESA Fascicolo Informativo Modello: FASIMP 5 ed. 05/2011 Copertina Tua Assicurazioni S.p.A. Gruppo Cattolica Assicurazioni Contratto di assicurazione sui beni ed il patrimonio dell Impresa. Il presente

Dettagli

LE POLIZZE DI ASSICURAZIONE

LE POLIZZE DI ASSICURAZIONE LE POLIZZE DI ASSICURAZIONE Indicazioni generali RELAZIONE La polizza RCA La polizza incendio La polizza furto La polizza infortunio La polizza in caso di appalti d. Nino Gulli Arcidiocesi di Agrigento

Dettagli

Banca dati: strumento di conoscenza

Banca dati: strumento di conoscenza Giorgio Alocci, Natalia Restuccia, Luciano Buonpane Banca dati: strumento Analisi degli eventi incidentali coinvolgenti il GPL nell ultimo triennio dalla banca dati degli interventi dei Vigili del Fuoco

Dettagli

Sindacato Autonomo Bancari di Mantova e provincia Segreteria Provinciale Via Imre Nagy numero 5 8 località Borgochiesanuova - 46100 Mantova Telefono

Sindacato Autonomo Bancari di Mantova e provincia Segreteria Provinciale Via Imre Nagy numero 5 8 località Borgochiesanuova - 46100 Mantova Telefono Sindacato Autonomo Bancari di Mantova e provincia Segreteria Provinciale Via Imre Nagy numero 5 8 località Borgochiesanuova - 46100 Mantova Telefono 0376-366221 - 324660 Fax 0376-365287 E-mail sab.mn@fabi.it

Dettagli

ALLEGATO 8 CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE

ALLEGATO 8 CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE ALLEGATO 8 CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE Allegato 8 Condizioni di assicurazione Pag. 1 di 5 ALLEGATO 8 CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE Responsabilità civile terzi, prodotti, servizi e forniture Oggetto dell

Dettagli

GAS PIU DISTRIBUZIONE S.R.L. SEDE OPERATIVA DI ROZZANO PREZZIARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE e OPZIONALI AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE 1 INDICE pag. 2 PREMESSA pag. 3 PRESTAZIONJI TECNICHE

Dettagli

Sindacato Autonomo Bancari di Mantova e provincia Segreteria Provinciale Via Imre Nagy numero 5 8 località Borgochiesanuova - 46100 Mantova Telefono

Sindacato Autonomo Bancari di Mantova e provincia Segreteria Provinciale Via Imre Nagy numero 5 8 località Borgochiesanuova - 46100 Mantova Telefono Sindacato Autonomo Bancari di Mantova e provincia Segreteria Provinciale Via Imre Nagy numero 5 8 località Borgochiesanuova - 46100 Mantova Telefono 0376-366221 - 324660 Fax 0376-365287 E-mail sab.mn@fabi.it

Dettagli

ALLEGATO 7 Polizza assicurativa

ALLEGATO 7 Polizza assicurativa ALLEGATO 7 Polizza assicurativa allegato_7.doc Pag. 1/5 ALLEGATO 7 CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE Responsabilità civile terzi, prodotti, servizi e forniture Oggetto dell assicurazione Assicurati sono l Assuntore

Dettagli

ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90.

ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90. GLOSSARIO ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90. FATTORE DI RISCHIO CONNESSO La Legge 5 marzo 1990, n 46 (pubblicata sulla G.U. n 59) del 12.3.1990

Dettagli

Deliberazione 6 febbraio 2014, n. 40/2014/R/gas Disposizioni in materia di accertamenti della sicurezza degli impianti di utenza a gas.

Deliberazione 6 febbraio 2014, n. 40/2014/R/gas Disposizioni in materia di accertamenti della sicurezza degli impianti di utenza a gas. Deliberazione 6 febbraio 2014, n. 40/2014/R/gas Disposizioni in materia di accertamenti della sicurezza degli impianti di utenza a gas. Emanata da: Autorità per l energia elettrica e il gas ed il sistema

Dettagli

Direzione Generale Ufficio Organizzazione e metodi CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO.

Direzione Generale Ufficio Organizzazione e metodi CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO. ART. 1 - OGGETTO DELL APPALTO L Amministrazione Comunale di Collegno intende affidare l incarico del servizio

Dettagli

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO DISTRIBUTORE GAS LOCALE : COMUNE DI SCERNI (CH) Sede Legale e Operativa: Via IV Novembre

Dettagli

GLOSSARIO Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

GLOSSARIO Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale GLOSSARIO Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di energia elettrica (alimentati in Bassa tensione) e di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) per rendere più comprensibili i termini

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DELL IMPIANTO ALLA REGOLA D ARTE ( D.M. 37 DEL 22 GENNAIO 2008)

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DELL IMPIANTO ALLA REGOLA D ARTE ( D.M. 37 DEL 22 GENNAIO 2008) Il sottoscritto titolare/legale rappresentante dell impresa (rag. sociale) Operante nel settore Con sede nel comune di: (prov. ) Via nr. P.IVA: Cod. Fisc. Tel. Fax E-mail Iscritta nel registro delle imprese

Dettagli

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero Dal 1 gennaio 2003, i clienti possono liberamente scegliere da quale fornitore

Dettagli

CONTRAENTE: COMUNE DI ARZACHENA via Firenze 2-07021 Arzachena DURATA: TRE ANNI DECORRENZA: ORE 24:00 DEL 31 DICEMBRE 2015

CONTRAENTE: COMUNE DI ARZACHENA via Firenze 2-07021 Arzachena DURATA: TRE ANNI DECORRENZA: ORE 24:00 DEL 31 DICEMBRE 2015 COMUNE DI ARZACHENA Provincia di Olbia - Tempio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO POLIZZA TRIENNALE RC AUTO PER I VEICOLI COMUNALI 2016-2018 LIBRO MATRICOLA CONTRAENTE: COMUNE DI ARZACHENA via Firenze 2-07021

Dettagli

Evoluzione normativa. La corretta installazione e nuovi materiali negli impianti a gas per uso domestico

Evoluzione normativa. La corretta installazione e nuovi materiali negli impianti a gas per uso domestico Evoluzione normativa. La corretta installazione e nuovi materiali negli impianti a gas per uso domestico Ilos Gatto Area Product Manager Sud Europa Viega Meeting di Montegrotto Terme Argomenti 1. UNI 7129

Dettagli

GUIDEpratiche LE PAROLE DELL ASSICURAZIONE COME ORIENTARSI NEL MONDO DELLE POLIZZE AUTO L INFORMAZIONE SEMPRE A PORTATA DI MANO

GUIDEpratiche LE PAROLE DELL ASSICURAZIONE COME ORIENTARSI NEL MONDO DELLE POLIZZE AUTO L INFORMAZIONE SEMPRE A PORTATA DI MANO GUIDEpratiche L INFORMAZIONE SEMPRE A PORTATA DI MANO LE PAROLE DELL ASSICURAZIONE COME ORIENTARSI NEL MONDO DELLE POLIZZE AUTO UN UTILE GLOSSARIO PER LA POLIZZA AUTO COME ORIENTARSI NEL MONDO DELLE ASSICURAZIONI

Dettagli

Azienda Ospedaliera Brotzu. Servizio Provveditorato Ospedale di rilievo nazionale e alta. Piazzale Ricchi 1, 09134 Cagliari

Azienda Ospedaliera Brotzu. Servizio Provveditorato Ospedale di rilievo nazionale e alta. Piazzale Ricchi 1, 09134 Cagliari Dipartimento Amministrativo Capitolato Speciale d appalto Procedura Aperta per la fornitura di G.P.L. da riscaldamento con comodato d uso gratuito del serbatoio, per i corpi separati dell Azienda Ospedaliera

Dettagli

NOTA: Il presente documento è un estratto del documento originale impostato su carta intestata CIG Comitato italiano Gas reperibile sul portale CIG

NOTA: Il presente documento è un estratto del documento originale impostato su carta intestata CIG Comitato italiano Gas reperibile sul portale CIG Pagina 1 di 5 NOTA: Il presente documento è un estratto del documento originale impostato su carta intestata CIG Comitato italiano Gas reperibile sul portale CIG Programma corsi di formazione per qualificazione/certificazione

Dettagli

NORME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI (Adempimenti ai sensi dell art. 6, L. 05.03.1990 n. 46, e dell art. 4, D.P.R. 06.12.1991 n.

NORME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI (Adempimenti ai sensi dell art. 6, L. 05.03.1990 n. 46, e dell art. 4, D.P.R. 06.12.1991 n. ALLEGATO 7 BIS ALLA RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE O DENUNCIA INIZIO ATTIVITA DICHIARAZIONE PER ADEMPIMENTI LEGGE N. 46/90 ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI SAN MARTI DI VENEZZE (RO)

Dettagli

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Ph.D. Ing. Michele Damiano Vivacqua responsabilità Codice civile art. 2050 Chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di un'attività pericolosa,

Dettagli

C.L.I.R. S.p.A. BANDO DI GARA

C.L.I.R. S.p.A. BANDO DI GARA BANDO DI GARA Procedura aperta ai sensi degli artt. 55 e 82 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i. per l affidamento della fornitura di gasolio per autotrazione. Importo presunto, puramente indicativo, della fornitura

Dettagli

ALLEGATO N 2 a) al PIANO ASSICURATIVO TUTTI I RISCHI DELL ARCIDIOCESI AMBROSIANA

ALLEGATO N 2 a) al PIANO ASSICURATIVO TUTTI I RISCHI DELL ARCIDIOCESI AMBROSIANA ALLEGATO N 2 a) al PIANO ASSICURATIVO TUTTI I RISCHI DELL ARCIDIOCESI AMBROSIANA ESTRATTO DEL PIANO ASSICURATIVO TUTTI I RISCHI DELL ARCIDIOCESI AMBROSIANA PER L ASSICURAZIONE DEGLI ENTI ECCLESIASTICI

Dettagli

Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai.

Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai. Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai. 1 No fai da te Il fai da te sull impianto del gas combustibile è vietato. Tutte le operazioni di manutenzione, ordinaria e

Dettagli

UDF Il ramo auto Il contratto Il proprietario del veicolo Le garanzie: responsabilità civile auto (RCA) Le garanzie corpi veicoli terrestri (CVT)

UDF Il ramo auto Il contratto Il proprietario del veicolo Le garanzie: responsabilità civile auto (RCA) Le garanzie corpi veicoli terrestri (CVT) Il ramo auto Il contratto la struttura e le particolarità del contratto auto Il proprietario del veicolo individuare chi è l assicurato; il caso del leasing Le garanzie: responsabilità civile auto (RCA)

Dettagli