Sinonimia, plurisemia e sinestesia nella cucina camerunense

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sinonimia, plurisemia e sinestesia nella cucina camerunense"

Transcript

1 Monica Dal Pos - Università di Venezia Ca Foscari SUMMARY Nutrition has proved to be a particularly favourable field of research as a source of anthropological data and for appreciating the richness of ethnolinguistic diversity. This article aims to present some of the linguistic phenomena observed during the field research into street food in Bonanjo, an area in the center of Douala, the economic capital of Cameroon. The Enthnolinguistic material regarding the culinary aspects has been gathered in urban context where different languages and dialects are used in the social communication. This refers primarily to Cameroonian-French, Douala, Ewondo and Eton. The first phenomenon observed is an extension of the synonymous range; in simple terms, there is a great variety of synonyms used to describe the same type of food or key ingredient. The second occurrence reported is an inclination towards the use of synesthesia, for example expressions concerning trade and business commerce. The third phenomenon is polysemy, illustrated by a small sample of linguistic expressions. A number of proverbs and idiomatic expressions in Ewondo, the context used and semantic field of reference were grammatically analyses. The final section of the article illustrates Ewondo s terminology used in the context of taste perception and the synesthesiae which appeared in the linguistic images. In questo articolo, vorrei tornare sui temi linguistici esplorati durante la mia ricerca etnografica sull alimentazione di strada in ambito urbano a Douala 1, dove la comunicazione sociale è profondamente segnata dal plurilinguismo: il francese e l inglese, il tedesco, lo spagnolo e l arabo, le lingue autoctone quali il douala, l idioma della medesima città, il bamileke, l ewondo, il bassa, il bakoko, infine il franco camerunense e il pidgin anglo-camerunese. Questa situazione di plurilinguismo si è costituita tramite frizioni, pressioni e contaminazioni che hanno messo in relazione gli 1 Questo saggio è, infatti, basato sul materiale etnografico raccolto sul campo nel corso negli anni e finalizzato rispettivamente alla tesi triennale, Manger sur la route. L alimentazione di strada a Bonanjo (Douala, Camerun) e alla tesi specialistica, Manger en route. La ristorazione di strada a Bonanjo (Douala, Camerun), condotte sotto la supervisione del Prof. Giovanni Dore e discusse presso l Università Ca Foscari di Venezia (a.a e a.a ). Colgo, altresì, l occasione per ringraziare la Prof.ssa Ilaria Micheli, i cui preziosi suggerimenti e considerazioni hanno arricchito il capitolo, La Torre di Babele a tavola, da cui è tratto questo saggio.

2 Monica Dal Pos Zona di intercomprensione della lingua ewondo. Fonte: Essono, 2000: 12. idiomi locali e quelli di imposizione coloniale all interno di specifici rapporti storici e culturali. Naturalmente le lingue di prestigio sia straniere che locali esercitano una sollecitazione maggiore, ceden-do molti più vocaboli di quanti non ne assumano; tuttavia, il contesto cittadino fa sì che il flusso non sia solamente unidirezionale, pur rimanendo asimmetrico. L area gastronomica si rivela una dimensione particolarmente privilegiata per intercettare i movimenti linguistici e culturali intercorsi nel tempo, che si rivelano mediante i calchi, le perifrasi, le variazioni ortografiche e fonetiche ed i prestiti quali vere e proprie spie del linguaggio gastronomico. L uso di bâton de manioc in luogo di miondo o bobolo e ebobolo è un esempio di perifrasi, così come la diversità morfologica tra il francese e gli idiomi locali, che formano il plurale attraverso i prefissi me- (ewondo) e ma-; mi- (bassa, douala), comporta la france-sizzazione dei prestiti: perciò miondo in francese diventa singolare le miondo in luogo di les miondos, mentre al plurale makala si traduce con beignet al singolare. Il primo fenomeno che propongo di osservare è la tendenza all ampliamento dello spettro sinonimico. Sul campo ho potuto rilevare una grande varietà di sinonimi nelle lingue locali, che si differenziano l uno dall altro per differenza ortografica e fonetica e che sono usati per indicare il medesimo alimento o l ingrediente di base. Bobolo ed ebobolo sono le varianti in lingua ewondo di un accompagnamento, a base di manioca molto diffuso nella cucina camerunense; kpem, kpwem e kwem sono, invece, rispettivamente le denominazioni usate in lingua ewondo, boulou e bassa per indicare le foglie di una pianta verde, impiegate nella preparazione della medesima pietanza. Nella tabella 2 sottostante riporto ulteriori etichette linguistiche di piante le cui parti - grani, foglie e frutti - hanno impiego in cucina. 2 Tutte le voci riportate nella tabella, fatta eccezione per kpem, le cui varianti sono state raccolte dalla sottoscritta sul campo, sono state trascritte conformandomi agli Autori. In proposito, essi precisano le convenzioni adottate in relazione alla lingua francese: u=ou; g=gu; j=dj; s=ss; e, aggiungono che si leggono tutte le lettere (Tongo and Ekwalla, 2003: 121). 54

3 Area di diffusione della lingua ewondo. Fonte: Essono, 2000: 9. La lingua ewondo e lingue confinanti. Fonte: Essono, 2000: 9. Tabella: terminologia delle piante Nome scientifico Tetrapleura tetrapleura Amaranthus hybridus Aframomum exscapum Vernonia amygdalina Douala Esese Bakoko (Bkk) Bassa (Bas) Sasas (Bas) Beti (Bet) Boulou (Bou) Ewondo (Ewo) Akwa, kowa (Bou) Akpwa (Ewo) Ewole Poga (Bas) Folong (Ewo) Mbongolo Mbongo (Bas) Mwonlo (Bet) Bamileke Dschang 3 (Ds) Bangante (Bgt) Ndjansang Esesang (Bou) Djansent (Bgt) Kwem (Bas) Kpwem (Bou) Kpem (Ewo) Ocimum basilicum Masepu Masep (Bas) Masep (Ewo) Il secondo fenomeno è la propensione alla sinestesia evidenziata dalle espressioni il cui contesto d uso è il commercio, e per la precisione il petit commerce, e il mercato, ovvero il marché inteso come andamento degli affari. Se, infatti, al termine della giornata Virgine aveva constatato che le vendite erano andate male esclamava: «Le marché était dur aujourd hui» e la sua collega Jeannette replicava: «C est ndʒindʒa 4». Le marché est dure, il mercato è duro ; le marché est caillou, il mercato è come la pietra ; e le marché est sec, il mercato è secco sono espressioni nelle quali si fa riferimento - direttamente o ricorrendo a una metafora - ad una delle 3 Le piccole città di Dschang e Bangangte si trovano rispettivamente nella regione del Sud Ouest e in quella dell Ouest. Esse sono abitate prevalentemente da popolazioni bamiléké, che parlano varietà dialettali della medesima lingua. 4 Il termine è presente con grafie alternative: jinja, tsindza, nje nia e djijia nel ricettario Les trésors de la cuisine camerounaise (p. 24), di Mun a Yous, pseudonimo di Luise A. Wonje Dika-Kingue. 55

4 Monica Dal Pos qualità relative alla consistenza delle cose, ossia alla durezza, nonché ad una delle quattro qualità elementari, il secco. Nell ambiente ristorativo la durezza e la secchezza sono attribuzioni richiamate per riferirsi al cattivo andamento delle vendite. Tuttavia, sul campo, l espressione che ha maggiormente attirato la mia attenzione è stata, appunto, le marché est ndʒindʒa: un modo di dire acquisito anche dal linguaggio pubblicitario. Durante il mio ultimo soggiorno ho visto, infatti, un cartellone pubblicitario che riportava questa locuzione: il che significa che si tratta di una frase idiomatica comprensibile da tutti i parlanti. Le marché est ndʒindʒa avrebbe come riferimento fisico lo zenzero e, forse, il gusto amaro e pungente che lo contraddistingue: lo stesso amaro provato da un operatrice che constata il penoso andamento delle vendite e che, quindi, prova una pungente tristezza, osservando una scarsa affluenza della clientela. Dunque, si tratterebbe di una trasposizione dalla sfera dei sensi al contesto commerciale e alla esperienza emotiva per assegnargli una valutazione negativa. La polisemia è il terzo fenomeno linguistico venuto alla luce attraverso un piccolo campione di espressione linguistiche, che ora esaminerò nei dettagli. Múndʒámòtó e múándʒámòtó, due lemmi in lingua douala 5, mi sono giunti all orecchio come un gioco di parole nel corso di una piacevole e proficua chiacchierata con i miei collaboratori. 6 Múndʒámòtó è un composto sintagmatico che indica il possesso ed è formato da due sintagmi. Il primo, múndʒa, vuol dire sposa. Il sostantivo è seguito sempre dal genitivo, mediante il quale si esprime il complemento di specificazione, oppure da un pronome personale possessivo: múanʒ'am, la mia sposa 7. Il secondo, moto, indica l essere umano, la persona senza specificazioni di genere. Dunque, il sintagma vuol dire la donna di un altro. Mwándʒámòtó è un unità sintagmatica qualificativa, anch essa formata da due sintagmi, che si riferisce al pesce di piccola taglia che a Douala viene consumato fritto. È la cosiddetta frittura. Il primo termine, mwándʒá, è riportato nel vocabolario Duala-Français nella forma senza /a/, la quale è identica a sposa, múndʒa 8 con il significato di fiume e mare. Nel dizionario troviamo anche il termine munʒánʒe 9, che, secondo Helmlinger, si riferisce ad alcune specie di pesci appartenenti alla famiglia degli Scomberesocidi. La classificazione, per i cui dettagli si rinvia alla lettura della nota relativa al termine in questione, solleva tuttavia ulteriori dubbi sulla reale valenza 5 La Lingua douala conta all incirca parlanti ed è diffusa nel Sud Ouest e nella zona sud occidentale del Paese, in particolare nella regione del Littoral, il cui capoluogo è Douala: l area di diffusione di questi lemmi dovrebbe, quindi, coincidere con quest area. 6 Si tratta di Jeannette, che gestisce un piccolo ristorante situato lungo una tranquilla stradina che si trova nella zona centrale di Bonanjo. Dopo aver servito l ultimo cliente, Jeannette pranzava all unico tavolo all aperto del ristorante, all ombra di una grande albero di mango. Io le facevo spesso compagnia e talvolta si univa a noi anche Thomas, la cui agenzia si trova accanto al locale di Jeannette dove consuma i pasti e al quale talvolta fornisce dell acqua. È stato nel corso di una di quelle allegre e proficue chiacchierate che udito questo gioco di parole. I miei interlocutori mi dissero che erano in lingua douala, ma non entrano in dettagli semantici, forse in seguito alla mia espressione aggrottata. Poi chiesi ulteriori ragguagli a Solange e al mio amico Desiré, che è parla douala ed ha un livello di istruzione medio-alto. Egli è stato contatto solo in questa occasione. 7 Helmlinger, 1972: 172. Si segnala che il vocabolario riporta mújna, mentre nel testo la consonante palatale /j/ è stata sostituita con la consonante postalveolare /ʒ/ per rispettare la trascrizione fonetica. 8 Helmlinger, 1972: Helmlinger, Si segnala che anche per questo termine si è provveduto alla sostituzione della consonante palatale /j/ con la postalveolare /ʒ/ per le stesse ragioni. Nel vocabolario, alla voce munʒánʒe, mi (2), leggiamo: poisson de la famille des scombrésocidés: aiguillette ou orphie (tylosurus). Il dizionario Zanichelli, Francese- Italiano traduce la parola aiguillette con striscia sottile di filetto impiegata nel contesto culinario e orphie con aguglia: evidente che un lemma comune non può essere classificato scientificamente, perciò munʒánʒe non appartengono alla famiglia degli Scomberesocidi, che afferiscono all ordine dei Beloniformi, così come l aguglia. 56

5 semantica da attribuire al vocabolo múándʒá. Stando, infatti, alle regole che normano la formazione di una parola composta, alle voci del vocabolario, nonché a quelle degli informatori, che mi hanno ribadito che l unità sintagmatica si riferisce al pesce usato per cuocere la frittura, l espressione non dovrebbe essere múnʒánʒémòtò, al posto di mwándʒámòtò? Per cercare di sciogliere questo groviglio linguistico ho consultato Desiré, un amico douala, il quale ha confermato quanto detto da Solange 10 : ossia che múndʒá e mwándʒámoto significano, rispettivamente, sposa e frittura. Désiré ha sottolineato anche la distanza semantica delle due parole, múndʒá e mwándʒámòtò, provocata dall enfatizzazione della /a/; e ha specificato che moto non voleva dire solo persona, ma anche gruppo, tribù e famiglia. Queste espressioni, il cui significato si fonda sul gioco vocalico, si prestano anche ad essere usate per far un po arrabbiare i pescivendoli, chiedendo loro: «Je voudrais des múndʒámòtò», vorrei la donna d altri al posto di: «Je voudrais des mwándʒámòtò», ovvero vorrei del pesce da frittura. Se per le due espressioni appena analizzate conosciamo almeno la lingua di appartenenza, l origine linguistica dell espressione manger ndʒiɔ rimane sconosciuta: si potrebbe ipotizzare che si tratti di una locuzione pidgin. Ad ogni modo, per il momento, maggiori informazioni relative al significato e al contesto d uso ci giungono nell esegesi di Solange: Solange: «[ ]. Escroquerie, donc on t a donné quelque chose, tu n as pas payé. Peut-être, un monsieur me vois là, comme je passe, il dit: Vien prendre le poisson. Je mange son poisson: peut-être il croyait qu on part à la maison, bon je refuse, donc je mangeais son poisson ndʒiɔ: j ai escroqué. [ ]. Parce que, ici même les taximen qui vont te porter sans payer. Arrivée à la destination tu lui donne l argent. Il dit: No, laisse l argent. Peut-être il s attende quelque chose, alors toi, tu dits: «Ah laisse-moi! J ai pris ton taxi ndʒiɔ eh! Je m en vais». [ ]. Bon tu habites la maison administrative, tu ne payes pas l eau, tu ne payes pas le courent, on peut dire: «Tu as le courant ndʒiɔ, tu as l eau ndʒiɔ». Ce n est pas seulement pour manger. [ ]. La fille répond à l homme: Une boisson comme ça, ce que tu as donné, c est ça que tu fais le chantage; que tu m as donné la boisson, pour que je viens chez toi? Ah, j ai bu ta boisson ndʒiɔ. Alor le monsieur lui répond: C est comme ça que tu vas mourir ndʒiɔ! C est le théâtre à la télé, qui s appelait Voyage de nuit, donc promenade de nuit, comme on dit Yaoundé by night, Douala by night. Dalle espressioni evidenziate nella nota di campo, risulta che il termine ndʒiɔ è adottato in molteplici contesti, che vanno dal cibo alla morte, passando per i mezzi di trasporto e le fonti energetiche, per denotare una forma di insolvenza fraudolenta, compiuta da un cittadino, che si sottrae alle leggi di mercato non pagando i beni e i servizi erogati. Perciò avoir l eau ndʒiɔ, le courant e le taxi ndʒiɔ, equivalgono a consumare a scrocco l acqua, la luce, il taxi, ecc. La locuzione è altresì usata quando, disattendendo alla prassi del dare, ricevere e contraccambiare, il ricevente non contraccambia il donatore con il dono che egli si aspetta. Per esempio, una signora ha mangiato e bevuto a scrocco, ovvero ndʒiɔ, qualora lei disattenda le aspettative del suo donatore. 10 Solange è il nome della mia principale collaboratrice. 57

6 Monica Dal Pos La sinonima, la sinsteticità e la plurisemia, indicati con gli esempi precedenti, mi impongono ora di analizzare meglio il significato delle locuzioni, prevalentemente in lingua ewondo, diffuse in ambito culinario. In particolare, presenterò gli exempla, le espressioni proverbiali ed idiomatiche nonché le sentenze con valore paradigmatico, che prendono a riferimento gli ingredienti, i cibi e le pietanze, al fine di comprendere a quale campo semantico alludono e il loro contesto d uso. 11 Bidi binə akuma yduk [edúg] 12 Bidi [Il cibo, sost. plu. cl.8 ]: bi [PS, cl.8, plu.] 13 + di [RN] 14 // binə 15 [è, V 1 3 per. plu]: bi [PV, cl.8, plu.] + nə [RV del verbo essere] 16 // akuma [la ricchezza, sost. plu. cl. 5] // yduk [del gabinetto, compl. di spec.]. Il cibo è la ricchezza del gabinetto. Bidi binə biem yduk Bidi [Il cibo, sost. plu. cl.8] // binə [è, V 1 3 per, plu.] // biem [la cosa, sost.] // yduk [ del gabinetto, comp. di spec.]. Il cibo è la cosa del gabinetto. 11 Preciso che, il materiale presentato è ibrido dal punto di vista dei generi, poiché il criterio adottato non era improntato sulla selezione, ma sul tema e il contesto d uso. Inoltre, puntualizzo che, dal punto di vista metodologico una parte del materiale era stato raccolto spontaneamente nel corso della fase centrale della ricerca sul campo, ascoltando il filo dei discorsi e dei ricordi di Solange, quando mi rievocava la sua infanzia, e mi narrava le storie di famiglia, del villaggio paterno e dei Bianchi. In seguito, chiesi espressamente a Solange di richiamare alla mente i modi di dire in lingua ewondo, che avevano per referente il cibo, al fine di registrarli. Va precisato, però, che Solange ha sempre vissuto e lavorato in un contesto urbano francofono, anche se ha frequentato le scuole elementari a Kokodo, il villaggio paterno dove si parla eton, e per due anni quelle professionali a Buea, che è anglofona. Solange, quindi, parla francese, inglese, pidgin anglo-camerunense, il douala, l eton, e l ewondo, la lingua materna, di cui ritiene di possedere una buona competenza; minore è invece, quella dell eton. Dunque, avevo sempre nutrito il sospetto che i proverbi contenessero termini e contenuto ewondo ed eton. In effetti, un giorno Solange mi annunciò che la seconda, la terza e l ottava locuzione fra quelle riportate, appartenenti al patrimonio culturale e linguistico degli Eton, mi erano state tradotte in ewondo. In ogni caso, trattandosi di due culture d area simile, le lingue sono intercambiabili, quindi è verosimile che i proverbi siano presenti in entrambe le lingue; oppure potrebbero essere delle varianti dialettali. Citando, infatti, qualche proverbio a Amagou e a sua moglie Regine, parlanti ewondo, e a Ondobo, parlante eton, tutti comprendevano quanto andavo dicendo e osservavano delle varianti. L incompletezza dell analisi grammaticale e di quella semantica è dovuta alle difficoltà riscontrate e causate dall assenza di un nutrito campione di parlanti e di un vocabolario di lingua ewondo, dalla sola disponibilità, quale fonte di consultazione della grammatica pubblicata da Essono, professore di Linguistica. africana all università di Yaoundé, che non figura nelle bibliografie di studi linguistici, e, infine, dalla mancanza di altri casi di studio. Vedi Essono, Variante, in Essono, 2000: PS è il pronome sostantivale, il morfema in genere con un tono basso, che determina la formazione, la flessione nominale, la classe e il numero del sostantivo. 14 RN è la radice nominale, formata dalla radice /di/: mangiare. È la radice che consente la formazione di un sintagma nominale o verbale, a seconda degli elementi morfematici aggiunti. 15 Nel proverbio il verbo essere è un ausiliare usato per esprimere situazioni descrittive avente valore sostantivale, verbale, aggettivale e come apposizione nel predicato nominale. 16 In lingua ewondo, il verbo essere ha quattro radici verbali, che esprimono rispettivamente la nozione di esistenza o di identità: /bə /, essere, usato al passato e al futuro; /nə/, essere, usato al presente; /sə /, non essere nel senso di non esistere, usato alla forma negativa, solo al presente e /ngə /, essere ancora, esprime un esistenza permanente, ed è coniugato al presente continuo. Questi verbi, detti verbi di esistenza, sono irregolari, difettivi e ausiliari, caratteristiche che li contraddistinguono rispetto a tutti gli altri verbi. Come vediamo nel proverbio, il verbo essere è formato con la radice verbale /nə /, è un ausiliare usato al presente indicativo nominale, in un contesto descrittivo (Essono, 2000: 542). 58

7 Questo proverbio è emerso mentre Solange ed io disquisivamo sul significato degli alimenti che le avevo portato dall Italia, in segno di riconoscenza per la sua collaborazione. Conoscendo i costumi occidentali, Solange apprezzò il mio gesto, che ripeto ogni volta che arrivo in Camerun: nella mia valigia, infatti, c è sempre qualche prodotto gastronomico per lei. Tuttavia, la mia collaboratrice mi disse che il forno, il frigorifero e il tessuto per cucire il kaba, che le avevo totalmente o parzialmente regalato, erano gli oggetti ai quali lei attribuiva un effettivo valore, perché, durando nel tempo, racchiudono in sé anche il ricordo del donatore. E ancor più apprezzati sono i prodotti occidentali, che i Camerunensi considerano migliori per qualità, come gli indumenti e le apparecchiature tecnologiche 17, come si ricava dalle parole di Solange: Tu donnes le gâteau à maman Monique, tu veux que ça lui fasse quoi? Dit-moi: elle mange le gâteau qui sort de l Europe. C est bon, Monica veut me faire gouter les choses de l Europe, mais ce n est pas un souvenir pour elle: le gâteau ça se mange, ça part dans les ventre et ça sort. Le souvenir de maman Monique, tu lui gardes quelque chose comme ça [indica il frigorifero], qu elle va garder jusqu'à sa mort. [ ]. C est le souvenir qui est important, parce que ça dure, ça dure, ça dure. Il y a un proverbe un Beti qui dits A differenza degli oggetti, il cibo non ha il valore di un dono, perché, trasformandosi, non dura e perché nella tradizione camerunense la condivisione delle vivande è semplicemente un atto dovuto e consueto, certo gradevole, al quale però non si conferisce una speciale valenza simbolica. Bidi ntaŋan binə mbwn áyɛn, bite mbəp ádí (proverbio eton) Bidi [Il cibo, sost. plu. cl. 8] // ntaŋan [dei Bianchi, compl. di spec.] // binə [è, V 1 3 per. plu., indicativo] // mbwn [bello,buono aggettivo qualif.] // áyɛn [da vedere, V 2 3 pers. plur. infinito] // bite [ma? ] // mbəp [cattivo, agg. qualif.] // ádí [da mangiare, V 3 3 pers. plur. infinito]. Il cibo dei Bianchi è bello da vedere, ma cattivo da mangiare. Questo modo di dire sottolinea la grossolanità, che connota negativamente le popolazioni eton che vivono nei villaggi, all opposto dei cittadini ewondo. Il loro essere villageois si riflette, dunque, anche nei loro comportamenti alimentari, caratterizzati da un atteggiamento conservativo, che li induce a rifiutare le pratiche alimentari dell altro più diverso da sé, sminuendone la sostanza. Etɔn badi suaba ba:tzok ninə fromage (proverbio eton) Etɔn [Gli Etɔn, sost. plu.] // badi [mangiano, V 1 3 pers. plu, indicativo]: ba [ PV ] + di [RV del verbo mangiare] // suaba [il sapone, compl.ogg.] // ba:tzok [credendo, V 2 ] // ninə [che sia, V 3 ] // fromage [formaggio, compl.ogg.]. Gli Eton mangiano il sapone credendo che sia formaggio. 17 I telefonini o gli elettrodomestici: quest ultimi sono un bene di lusso a causa del loro costo elevato in rapporto al basso potere di acquisto della popolazione. 59

8 Monica Dal Pos Questa sentenza riassume la vicenda di un uomo Eton che si reca ad Obala, suo capoluogo di arrondissement, per vendere il raccolto del cacao. Lì incontra un amico, che gli propone di assaggiare un panino con il formaggio. Prima di procedere con la narrazione, occorre però precisare che Solange e Françoise usano l etichetta linguistica Emmenthal per riferirsi al formaggio, il cui colore è uguale al sapone di Marsiglia e la cui durezza è analoga al macabo, perciò in genere il sapone è denominato savon macabo. Torniamo al nostro signore, che al mercato compera del pane, un pezzo di sapone, che scambia per formaggio, una scatola di pomodoro concentrato, che scambia per una scatola di sardine e delle caramelle, che avrebbe seminato per far crescere l albero delle caramelle. Il suo amico lo avvisa che ciò non sarà possibile, ma lui lo accusa di non volere che egli mostri alla sua gente di essere stato in città. Giunto al villaggio farcisce i panini e li dispensa alle mogli, che si accorgono subito di mangiare un panino al savon macabo. Così è nata questa storiella, che si racconta per sottolineare la semplicità degli Eton. Wayinə waláŋ mə miyá ábum. Wayinə [Tu vuoi, V 1, 2 pers. sing.] : w [PV, 2 pers. sing. ] + a [morf. presente indicativo] + yi [ RV verbo volere] + nə [?] // waláŋ [che ti conti, V 2, 2 pers. sing.] : w [PV, 2 pers. sing.] + a [Morf. presente indicativo] + láŋ [infinito verbo contare] // mə [i miei agg. poss.] // miyá [intestini, compl. ogg.] // ábum [nel ventre, compl. di stato in luogo figurato]. Vuoi che ti conti i miei intestini nel ventre? Questa espressione idiomatica ricorre quando, come dice Solange, «Quelqu un fouille ta vie jusqu au vouloir connaitre toute ta vie, alors tu lui demandes: Tu veux compter mes intestins?. Fa riferimento ad un organo interno, e quindi nascosto, che per analogia allude alla vita intima e segreta di una persona, che non deve essere inopportunamente indagata. Onə anə óndúndu Onə [Tu sei, V 1, 2 per. sing.]: o [PV, 2 pers. sing.] + nə [ RV del verbo essere ] // anə [come] // óndúndu [il peperoncino, compl. ogg.]. Tu sei come il peperoncino. Ʋnə ane óndúnduo a ndúon [ndóan] 18 Ʋnə 19 [Tu sei, V 1, 2 per. sing.]: ʋ [PV, 2 pers. sing. ] + nə [RV del verbo essere] // anə [come] // óndúnduo [il peperoncino, compl. ogg., che si lancia?] // a ndúon [nel fuoco, compl. di luogo]. Sei come il peperoncino che si lancia (mette) nel fuoco. 18 Variante, in Essono, 2000: Al posto di /o/, pronome verbale della 2 persona singolare, affisso alla radice verbale del verbo essere nella frase tu est comme le piment: onɘ anəóndúndu, Solange prouncia una variante libera /u/, che ritengo più probabile leggere come /ʋ/. 60

9 Questo modo di dire designa una persona troppo loquace, che, sovrapponendo le sue parole a quelle del suo interlocutore, ne interrompe il discorso. È un immagine che rimanda a quella provocata dal peperoncino, che appena si mette a cuocere provoca lo starnuto del cuoco. Bidi binə ngúl yabum Bidi [Il cibo, ost. plu. cl.8] // binə [è, V 1, 3 per. plu.] // ngúl [la forza, compl. ogg.] // yabum [del ventre, com. di spec.]. Il cibo è la forza del ventre. Questa sentenza mette in rilievo l imprescindibilità dell alimentazione che permette all uomo di vivere. Ngúan 20 ya woogé e kábàt [kábad] 21 bátindi áfàlàk Ngúan [La ragazza, sost. sing] // ya woogé [ appartiene, V 1, 3 per. sing. indicativo ] // e [?] // kábàt [alla capra, compl. di term.] // bátindi [ che si attacca, V 2 3 pers. plur., ]: bá [PV, 3 pers. plur.] + tindi [RV. del verbo attacare] // áfàlàk [dietro, compl. di stato in luogo]. La ragazza nubile appartiene alla capra che si attacca dietro. Si richiama questo proverbio, quando si parla della condizione subordinata della donna, la quale è simbolicamente attaccata alla corda della dipendenza, così come la capra legata all albero, che non gode della libertà di muoversi. Bákàt ngúan nə ikomnə ndúon iyam ibidi edi, akə yam ibidi bodbəfə: bedi. (proverbio eton) Bákàt 22 [Si dice, V 1, 3 pers. plur.] // ngúan [alla ragazza, compl di term.] // nə 23 [di, congiunzione finale?] // ikomnə [accendere, V 2 ] // ndúon [il fuoco, compl.ogg.] iyam 20 Il lemma indica la ragazza pronta per il matrimonio, con riferimento al mese e alla luna. Infatti, le donne dicono, mayen ngúan, io vedo la luna, per indicare il periodo mestruale. 21 Variante, in Essono, 2000: Bá è l allocutivo della 3 pers. plur, usato per la forma impersonale si. Sottolineo che Solange usa regolarmente il morfema /bá/, presente in tutte le forme verbali per indicare la terza persona plurale, per la quale Essono indica invece il morfema bə usato dall informatrice per dire bákat in lingua eton, ovvero bə təka. Solange ha spontaneamente attirato la mia attenzione sulla diversità fonetica. Per un approfondimento sui prefissi verbali si veda Essono, 2000, cap. 20: 425 e la tabella riassuntiva a p Essono definisce il morfema nə come un complémenteur complétif finale, di solito indicato come preposizione o postposizione. Per quanto riguarda i complémenteurs è difficile capire con chiarezza quando un complémenteur è avverbio, preposizione o congiunzione, poiché un solo morfema può essere contemporaneamente tutte e tre le forme. Nel caso specifico, /nə/ sembrerebbe, quindi, assumere il valore di congiunzione finale. L Autore, però, non specifica nulla sulla posizione degli altri componenti della frase, o del periodo, nel caso in cui compaia il morfema nə. Dai nostri dati, molto limitati, sembrerebbe che la posizione sintattica di nə sia: verbo 1 di ingiunzione bákàt: bə [PV cl.2, morf. 3 pers. plur. con valore impersonale si] + á [Fo mor. presente indicativo] + kàt [RD del verbo dire, nel senso di ordinare] // ngúan [complemento di termine] //nə // ikomnə [verbo 2 di ingiunzione. Per l ingiuntivo Essono (2000: 491) indica che come pre-prefisso verbale per l ingiuntivo il tono alto, il quale è assente in questa forma verbale): i [PV 2 pers. sing. In questo caso, potrebbe trattarsi di una variante, in quanto Essono indica come PV della 2 pers. sing. /ø/, oppure del Fo, ovvero del morfema prefisso della base verbale, la cui funzione è quella di esprimere contemporaneamente il tempo e il modo del verbo, Essono, 2000: 451] + komne [BV del verbo accendere]. Ritengo doveroso precisare, che questa descrizione è da intendersi come un tentativo di 61

10 Monica Dal Pos [V 3 per preparare,] // ibidi [il cibo, compl. ogg.] // edi [che mangerà, V 4 ], akə [invece lei andrà, V 5 3 pers. sing.]: a [PV, 3 pers. sing.] + kə [RV del verbo andare, partire] // yam 24 [a preparare, verbo 6 infinito] // ibidi [il cibo, compl. ogg.] // bodbəfə: bedi [che gli altri mangeranno, verbo 7, 3 pers. plur.] Si dice alla ragazza di accendere il fuoco per preparare il cibo che mangerà, invece lei andrà a preparare il cibo che altri mangeranno. Bákàt ngúan nə ikomnə ndúon ayam ibidi edi áɲudyé ayam ibidi bodbəfə: bedi Bákàt ngúan nə ikomnə ndúon yiam ibidi edi áɲudyé (dans sa bouche) akəyam i bidi bodbəfə:bedi. Ho ritenuto opportuno riportare le tre versioni pronunciate dall informatrice e riconfermate mediante una seconda intervista. La varietà e la fissità degli incipit mi inducono a supporre che non si tratti di una forma proverbiale, bensì di una sentenza o di un apologo con sfondo morale, appartenenti alla tradizione. Di volta in volta, quindi, il narratore riporta integralmente l inizio della storia, mentre la parte centrale e quella finale sono soggette a modifiche, preservando tuttavia l insegnamento del racconto. Ma qual è l insegnamento del racconto? Solange mi ha ripetuto più volte che suo padre era solito raccontarle questa storiella quando stava per sposarsi. Secondo le norme della tradizione eton ed ewondo, infatti, il lignaggio della futura sposa perde definitivamente la sua forza riproduttiva e produttiva, perché da quel momento la donna appartiene al lignaggio del marito. Ngué yakat kinə ibɛlɛ avuan bod badi d ua mbo bákàt i bɛlɛ avuan Ngué [Il porco, sost.] // yakat [non dice, V 1 3 pers. sing.] // kinə ibɛlɛ [che ha, V 2 ] // avuan [il grasso, compl. ogg] bod badi [ma sono le persone che lo mangiano, V 3 ] // d ua mbo bákàt [coloro che dicono, V 4 ] // i bɛlɛ avuan [che esso ha il grasso, V 5 ]. Il maiale non dice che è grasso, ma sono gli altri a dire che ha il grasso. Con questo modo di dire, probabilmente composto da un proverbio e da una sua estensione commentaria, si sottintende che una persona non deve compiacersi, stimandosi, ma devono essere piuttosto gli altri ad esprimere ammirazione. Òwòndo anə keka biningá, yee! Òwòndo [L arachide, sost.] // anə [è, V 1, 3 pers. sing., indicativo]: a [PV 3 pers. sing.] + nə [è, RV verbo essere] // keka [cacao, pred. nominale] // biningá [delle donne, compl. di spec. ]: bi [ PS, cl.2 plurale] + ningá [R.N]. L arachide è il cacao delle donne. chiarire il funzionamento del morfema /nə/, poiché i dati di Essono e quelli finora in mio possesso non sono sufficienti per descrivere con chiarezza e certezza il comportamento del suddetto morfema indipendente. 24 Sembrerebbe, da quanto mi ha detto Solange, che la forma infinita dei verbi regolari inizi con la vocale /a/, per esempio a yen: guardare; a lan: leggere; e, appunto, a yam: preparare, pertanto si potrebbe supporre che in questo caso ci sia stata un elisione. 62

11 Le donne cantano questo proverbio nei campi durante il raccolto delle arachidi. Le arachidi, infatti, per le donne rappresentano la ricchezza, pur di minore valore, di quanto non sia il cacao per gli uomini, che iniziano a cercare moglie solo dopo la vendita del cacao. Ékóngo wòndò ósiki be amvié makábà Ékóngo [Il piatto di arachidi, sost.] //wòndò [di arachidi, compl. di spec.] // ósiki 25 [non può, V 1, 3 pers. sing.] //be [cuocere, V 2 ] // amvié [nella pentola, sost., compl. di stato in luogo introdotto dal morfema a] // makábà [del macabo, compl. spec.]. Il piatto di arachidi non può cuocere nella pentola del macabo. Nel caso di un matrimonio poliginico, l attuale tendenza delle co-spose che convivono nella medesima unità abitativa, incrementa l insorgenza di litigi e di dissapori, il cui grado di pericolosità è paragonato a quello del fuoco, come dice Solange: «Maintenant c est très grave, parce que tu mélanges: c est le feu. Donc, un monsieur, qui prend deux femmes dans la même maison il ya a toujours le bruit, les bagarres, peut être c est la belle-mère qui va sortir de la cuisine pour sépare; et elle va dire à son fils ékóngo wòndò ósiki be amvié makábà». La madre, dunque, ricorda al figlio che non si mettono nella stessa pentola due alimenti di qualità opposte come le arachidi, appunto, che si mangiano cotte e crude e che si cucinano in molti modi, e come il macabo che se non è ben cotto gratta la gola. Le qualità antitetiche di questi due cibi vengono associate al carattere di due spose: l una dolce e accondiscendente, l altra, invece, con un carattere aspro, perciò le due donne non dovrebbero vivere nella stessa casa. Kwem inə bidi bikõn bâdiki d ua ámos ávu Kwem [Il kwem, sost.] // inə [è, V 1 3 pers. sing.] // bidi [il cibo, sost.] bikõn [del fantasma] bâdiki 26 d ua [non lo si mangia, V 2 ] // ámos [il giorno, sost.] // ávu [del lutto, compl. di tempo]. Il kwem è il piatto del fantasma, perciò non si mangia in un giorno di lutto. 25 Prima di entrare nel dettaglio della formazione della negazione del verbo, ritengo opportuno fare luce sul significato del verbo ósiki, tradotto dall informatrice come non può. Come riportato nella nota 16 il verbo /sə /, non essere, si usa solo per costruire la frase negativa al presente indicativo. Cfr. Essono, 2000: 542. La lingua ewondo ha quattro verbi per esprimere l esistenza e la non esistenza, detti, appunto, verbi di esistenza. Essi appartengono alla coniugazione irregolare, sono effettivi ed ausiliari nonché usati solo all indicativo. Cfr. Essono, 2000: 542. Il verbo /sə /: non essere, si usa solo per costruire la frase negativa al presente indicativo. È il caso del verbo ósiki, che alla forma negativa significa non potere nel senso di non esistere, di essere privo di senso. Normalmente, in ewondo la frase negativa all indicativo si forma inserendo il morfema /á/ tra il PV e il Fo, ma per i verbi di esistenza o difettivi al presente puntuale il morfema /à/ è sostituito dalla variante ø, come sottolineato da Essono, 2000: 450. Ósiki: ó [morfema ø ] + si [BV del verbo sə, che significa non essere, usato solo alla forma negativa del presente. Cfr. Essono, 2000: 542] + ki [suffisso della negazione, mentre Essono, 2000: 449]. 26 Rispetto alla negazione della forma verbale descritta nella nota precedente, in questa caso abbiamo la forma piena della negazione con l infisso /á/ tra il pronome e il morfema aspettuale /à/ e il suffisso /ki/ riportato da Solange, mentre Essono, 2000: 449, riporta /kig/, attaccato alla radice lessicale del verbo /di/. La forma completa si presenta come bâdiki: bə [PV cl. 2, mor. 3 per. plu. con valore impersonale si ] + á [ suffisso della negazione posto dopo il PV, il pronome] + à [Fo, morfema prefisso alla BV per indicare il tempo presente e il modo indicativo] + di [BV del verbo mangiare] + ki [suffisso della negazione]. Da ciò si ricava che la negazione verbale in ewondo è data da un morfema discontinuo, ovvero /á/ + /ki/, che appaiono come due morfemi e, invece, sono due parti dello stesso morfema funzionale. 63

12 Monica Dal Pos Secondo questo adagio, in un giorno di lutto non si mangia il kwem, il cibo dello spirito dei defunti, e ci si astiene dallo svolgimento delle attività, quali il lavoro dei campi, per evitare di incontrare gli spiriti degli antenati, che si aggirano nei dintorni per accogliere lo spirito del defunto fra loro. Ora, mi soffermerò sulla terminologia ewondo legata all orizzonte sensoriale del gusto e sulle sinestesie in lingua ewondo, che affiorano nelle immagini linguistiche ad esse: un approfondimento che testimonia quanto ho appena scritto. 27 Prima di entrare nei dettagli della questione, analizzando i singoli termini inerenti i gusti primari e quelli secondari, premetto che il palato della mia collaboratrice nel concreto si dimostra sensibile alle differenze di gusto dolce, salato, insipido, acido e amaro, mentre sembra non fare distinzione tra il gusto e il sapore. Fatta questa breve premessa, ora analizzo una ad una le etichette pertinenti ai gusti primari e a quelli secondari avvalendomi delle schematizzazioni. I gusti primari Niɛp (di gusto buono, piacevole) > Izezak ( dolce, zuccherato) > Ivuvue (insipido) > Anku (salato) > Zan > (acido) Aiol ( amaro) > Abé ( di cattivo gusto). Niɛp: esprime apprezzamento per il gusto del cibo in generale, bidi niɛp. Izeza: gusto dolce e zuccherato. Lo zucchero è troppo dolce, amb izezak. Si dice dolce del mango troppo maturo, dɔh izezak; della bouillie de mais, kurkurá izezak; della carne, tirin izezak, e del peperoncino. Rispetto ai referenti della percezione occidentale del gusto dolce, nella cultura ewondo l espressione izezak si usa per parlare dei cibi dotati di un sapore particolarmente buono e gustoso come la carne, il pesce, soprattutto la testa, e il peperoncino, come precisa Solange: «Sucré d une autre façon de dire, comme pour dire que c est bon». Per sinestesia anche il piacere sessuale è zuccherato, c est sucré. Solange ha definito il peperoncino dapprima come dolce, in seguito come piccante: mi chiedo, pertanto, se la piccantezza del peperoncino corrisponda ad una reale percezione del gusto presente nell ambito delle sensazioni elaborate dalla cultura ewondo; o se, piuttosto, essa non sia stata indotta dalle mie affermazioni. In effetti, la mia collaboratrice per qualificare il peperoncino prima ha usato un verbo e un aggettivo legati alla temperatura, ça chauffe, il est chaud, ovvero scalda, infiamma, è caldo ; poi ha detto che era dolce; infine si è riferita alla sfera tattile, per dire che il peperoncino pizzica la lingua: «Óndúndu aian, donc ça pique dans la langue». Serbando ancora vivo il ricordo dell affermazione mattutina che Solange aveva fatto nei miei confronti, alzando il tono di voce: «Tu est devenue comme le piment qu on lance dans la feu?», le dico che noi diciamo peperino di una 27 Chiarisco che quanto affermato in questa sezione è il risultato del materiale basato esclusivamente sulla collaborazione di Solange. In un primo momento i dati sono stati raccolti colloquiando; in un secondo momento, invece, ho registrato la prova e la controprova, facendole assaggiare dei prodotti camerunensi e dei prodotti europei, quali l avocado maturo, il mango mediamente maturo e acerbo, il cous cous di manioca, il ndole, il kenkeliba, il succo di limone, il peperoncino locale, la zolletta di zucchero raffinato, la mozzarella di bufula, l Emmenthal e il San Paulin - formaggio francese mediamente grasso a pasta fissa e non stagionato, consigliatomi dal commesso camerunense del supermercato in assenza del Brie. 64

13 persona particolarmente briosa ed energica e le chiedo a che cosa rinvii l immagine da lei evocata. In proposito, ho già spiegato che questa immagine rimanda ad una persona che non lascia parlare il suo interlocutore. Bam: morfema impiegato per indicare il gusto della mozzarella di bufala: «C est bon: anabam» e per sottolineare la bontà della carne, tirǝnbam. Dunque, bam sembrerebbe assomigliare a izezak, in quanto entrambi indicano che un cibo è buono da mangiare. La diversità terminologica, però, induce ad ipotizzare che bam denoti l intensità. In tal caso, esso sarebbe più vicino ad avue, perciò indicherebbe un gusto delicato, mentre izezak enfatizzerebbe un gusto molto saporito. Infine, bam si usa anche per far notare la bellezza fuori dal comune di una ragazza in minganabam. Anku: l aggettivo sembra indicare gli alimenti trattati e conditi con la giusta quantità di sale. Per esempio, ugualmente ad altri piatti, il kwem si può cucinare senza, oppure con il sale, e in questo caso è detto kwem anku. Tale accezione non ha valenza negativa: dire che una pietanza è salata non significa affermare che ha un sapore sgradevole; al contrario, è salato nel senso di gustoso. Tale ipotesi sembrerebbe confermata anche dal fatto che, solitamente, il salato è rafforzato con l aggiunta di carne e pesce affumicati: alimenti, come si è visto, che conferiscono quel particolare e gradito odore e gusto, qualificato come zin. Ivuvue: è il gusto insipido o insapore del kwem e dello zom privi di sale, ivuvue kwem, zomavue, e dell avocado al giusto punto di maturazione, fia:vuvue. Anche in questo caso, appaiono delle sinestesie. L acqua dolce è insapore, nel senso di dolce e quieta così come lo è una musica soave, in contrapposizione ad una musica rumorosa e cacofonica, detta bidun, ovvero rumore. La stessa metafora è utilizzata per indicare il carattere calmo e pacato di una persona ivuvue mɔd. Zan: il mango immaturo è acido, dɔh inezan; anche il limone e l aceto hanno un gusto acido. Aiol: il gusto amaro è caratteristico dell avocado acerbo, fia:naiol; del ndole, quando le foglie non sono state lavate bene, per togliere loro l amaro, ndolenaiol. Si dice, quindi, aiol di un gusto cattivo, ma non pericoloso. La tisana di kenkeliba è, invece, ambǝiol, troppo amara, disgustosa, imbevibile. Amb: questo morfema compare come preffisso in amb izezak, per indicare l eccessiva dolcezza dello zucchero; in kenkeliba ambǝiol per sottolineare l eccessiva amarezza della tisana, al punto da essere disgustosa. Il morfema che in questi esempi ha un valore avverbiale, ha il significato di una qualità in eccesso, sia in senso positivo sia in quello negativo. Abé: le parole introduttive di Solange ci aiutano a chiarire il significato di questo morfema: «Aiol, ça décrit c est qui est amère, mais pour généraliser on dit abé, on utilise ça pour tout». Abé significa cattivo, nel senso che un cibo non mangiabile come l avocado marcio, la cui buccia ha già le macchie nere e che perciò è fia:abé; abé per un evento doloroso, come un funerale, oppure per indicare la pericolosità di una riviera. 65

14 Monica Dal Pos I gusti secondari Ikɛs (acerbo) > Aʒie (maturo) > Ibual (fermentato, marcio) Ikɛs: si dice di un mango acerbo: dɔhinesan ikɛs. Aʒie: si usa per qualificare sia l albero di mango che produce di frutti, sia il frutto mango, dɔhaʒie; nonché per segnalare il giusto punto di maturazione della prune (safou), percepibile dal colore della buccia, bambesaʒie. Aʒie si riferisce, quindi, alla consistenza, mentre izezak definisce il gusto. Aʒie, però, non viene usato per qualificare il corpo femminile: perciò, non si dice che una donna ha un corpo acerbo. Tuttavia, le fasi relative allo sviluppo corporeo femminile e alle sue funzioni vengono nominate. Riguardo all età matura della donna, è opportuno sottolineare un incoerenza inerente la sua individuazione e quella dell etichetta linguistica corrispondente, deducibile dalle parole di Solange, la cui età oscilla fra i 47 e 49 anni: Oui, comme: je suis mûre déjà. Mais, pour nous pas quarante ans, eh! Il faut qu elle soit déjà une grand-mère, même soixante ans: on appelle ça, izila; izil minga, c'est-à-dire une femme mure; guan minga, une femme jeune. [ ]. Ah, c est ça que je dis, que vulgairement on dit une femme mûre, c'est-à-dire une femme aʒie, mais on dit izil minga. C est trois phase: guan minga, une jeune fille; izil minga, comme moi et toi, mamans ; grand-mère, onom minga. Ibual: l aggettivo implica il legame tra la consistenza e la reazione olfattiva. Solange ha espresso la sensazione mediante l uso del verbo sentire in lingua francese per denotare, appunto, l odore dei cibi fermentati: come la farina di manioca, ibual lombo, il cui odore è molto sgradevole; e dei formaggi Emmenthal e San Paulin, poco graditi al palato della mia informatrice, perché hanno un gusto particolarmente amaro, ibual fromage; al contrario del gusto della mozzarella di bufala: «C est bon, anabam». Ibual indica anche un frutto quando è avariato, per esempio il mango, ibual dɔh. Per quanto concerne i gusti primari, essi sembrerebbero manifestarsi come un continuum sensoriale, al cui centro c è ivuvue, il gusto neutro, il non sapore, e i cui estremi sarebbero occupati da abé e niɛp rispettivamente come vertice negativo e vertice positivo. Il primo, che denota un gusto particolarmente sgradevole e ripugnante, è usato anche per riferirsi ad ambiti esterni all alimentazione mediante sinestesie: il che avvalora l ipotesi secondo cui esso sarebbe, appunto, il vertice negativo. La collocazione come vertice positivo di niɛp rimane più controversa, a causa dell incompletezza della descrizione; tuttavia, gli indizi in nostro possesso, avvalorerebbero l ipotesi che niɛp sia la controparte positiva di abé. Rispetto ai gusti primari, quelli secondari non rivelano rimandi esterni al gusto; ma analogamente ai gusti primari, anche per i secondari si è ipotizzato un continuum, poiché, molto probabilmente, essi si riferiscono alla consistenza, la quale si pone in un stadio intermedio tra la sfera del gusto e quella del tatto. Comunque, permangono delle incertezze, per esempio, sui significati sensoriali e percettivi di ibual, abé e aiol. Detto altrimenti: qual è il termine che si riferisce a qualcosa di disgustoso e quale indica invece quanto è dannoso per la salute? Per il momento sui quesiti riguardanti il gusto continua ad aleggiare l ombra dell incertezza; nell analisi grammaticale e semantica delle espressioni proverbiali ed 66

15 idiomatiche si ravvisa, invece, qualche incompletezza dovuta alle difficoltà riscontrate e causate dall assenza di un nutrito campione di parlanti e di un vocabolario di lingua ewondo e dalla sola disponibilità, quale fonte di consultazione, della grammatica pubblicata da Essono; e, infine, dalla mancanza di altri casi di studio. L esiguità dei dati non mi ha, altresì, consentito di accertare l origine linguistica del lemma ndʒindʒa e della locuzione manger ndʒiɔ. Il materiale proposto vuole essere indicatore di fenomeni ben definiti, tuttavia esso non consente per ora di rispondere a quesiti sorti successivamente, le cui risposte dovrebbe figurare tra gli obiettivi scientifici di futuri progetti di ricerca. Bibliografia BEYALA Calixte (2005) Gli onori perduti. Milano: Feltrinelli. CARDONA Giorgio Raimondo (1985) La foresta di piume. Manuale di etnoscienza. Roma-Bari: Laterza. CANET Colette (1997) L alimentation de rue en Afrique, Aliments dans les villes. Roma: FAO. CHASTENET Monique, FAUVELLE-AYMAR Françoise-Xavier, and Dominique JUHÉ-BEAULATON (eds.) (2002) Cuisine et société en Afrique. Histoire, saveurs, savoir-faire. Paris: Karthala. DORE Giovanni (2006) Per un repertorio degli stili alimentari nell altipiano etiopico. Note su commensalità, divisione, spartizione e gerarchie sociali, Ethnorêma 2: DOUGLAS Mary (1985) Antropologia e simbolismo: religione, cibo, e denaro nella vita sociale. Bologna: Il Mulino. ESSONO Jean-J. Marie (2000) L Ewondo, langue bantu du Cameroun. Phonologie- Morphologie-Syntaxe. Yaoundé: Presse de l Université Catholique d Afrique Centrale. HEINE Bernd, and Derek NURSE (2004) Les Langues africaines. Paris: Karthala. HELMLINGER Paul (1972) Dictionnaire Duala-Français. Suivi d un lexique Français- Duala. Paris: Edition Klincksieck. HARRIS Marvin (1990) Buono da mangiare. Enigmi del gusto e consuetudini alimentari. Torino: Einaudi. MONTANARI Massimo (2002) Il mondo in cucina. Storia, identità, scambi. Bari: Laterza. MONTANARI Massimo (2006) Il cibo come cultura. Bari: Laterza. MUN A YOUS (1999) Les trésors de la cuisine camerounaise. Paris: Grou Radenez Et Associes. SEPPILLI Tullio (1994) Per un antropologia dell alimentazione: determinazioni, funzioni e significati psico-culturali della risposta sociale a un bisogno biologico, La Ricerca Folklorica 30: Brescia: Grafo Edizioni. SÉRAPHINE Gilles (2000) Vivre à Douala. L imaginaire et l action dans une ville africaine en crise. Paris-Montrèal: L Harmattan. TONGO, Etonde, and Malobe EKWALLA (2003) Nos plantes qui soignent. Douala: Centre Spirituel de Rencontre. 67

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo

1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo 1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo costretti a dire no... chi vi sente capisce subito che per

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV...

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV... TEST D INGRESSO DI ITALIANO Cognome...Nome...Classe IV... PUNTEGGIO FINALE.../50 VOTO ORTOGRAFIA Scegli l'alternativa corretta tra quelle proposte, barrando la lettera corrispondente. (1 punto in meno

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto.

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto. IN CITTÀ Paula è brasiliana ed è in Italia da poco tempo. Vive in una città del Nord. La città non è molto grande ma è molto tranquilla, perché ci sono pochi abitanti. In centro ci sono molti negozi, molti

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Gioco sensoriale stagionale

Gioco sensoriale stagionale Obiettivi Conoscere la frutta e la verdura di stagione grazie all aiuto dei cinque sensi. Allenare l utilizzo isolato dei sensi Età Da 7 anni Luogo In classe Timo Ullmann/WWF Svizzera Il gioco sensoriale

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO ANALISI GRAMMATICALE E ANALISI LOGICA Analisi grammaticale: procedimento che ha la funzione di associare ad ogni parola presente all'interno di una frase la propria

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

- transitivi Gianni ha colpito Pietro Ha mangiato (la pasta)

- transitivi Gianni ha colpito Pietro Ha mangiato (la pasta) Teoria tematica Ogni predicato ha una sua struttura argomentale, richiede cioè un certo numero di argomenti che indicano i partecipanti minimalmente coinvolti nell attività/stato espressi dal verbo stesso.

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Treschietto a confronto con altre varietà"

Treschietto a confronto con altre varietà "Caratteristiche sensoriali della cipolla di Treschietto a confronto con altre varietà" di Castellari Lorena ASTRA Innovazione e Sviluppo Agenzia per la Sperimentazione Tecnologica e la Ricerca Agroambientale

Dettagli

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA Comprensione della lettura Es. 1 Leggere il testo LA SIGNORINA MONICA e rispondere alle domande Tempo previsto per lo svolgimento : 1 h Punteggio massimo:

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Ufficio delle scuole comunali Collegio degli ispettori Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Bellinzona, dicembre 2010 Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Comunicazioni

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli