Sinonimia, plurisemia e sinestesia nella cucina camerunense

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sinonimia, plurisemia e sinestesia nella cucina camerunense"

Transcript

1 Monica Dal Pos - Università di Venezia Ca Foscari SUMMARY Nutrition has proved to be a particularly favourable field of research as a source of anthropological data and for appreciating the richness of ethnolinguistic diversity. This article aims to present some of the linguistic phenomena observed during the field research into street food in Bonanjo, an area in the center of Douala, the economic capital of Cameroon. The Enthnolinguistic material regarding the culinary aspects has been gathered in urban context where different languages and dialects are used in the social communication. This refers primarily to Cameroonian-French, Douala, Ewondo and Eton. The first phenomenon observed is an extension of the synonymous range; in simple terms, there is a great variety of synonyms used to describe the same type of food or key ingredient. The second occurrence reported is an inclination towards the use of synesthesia, for example expressions concerning trade and business commerce. The third phenomenon is polysemy, illustrated by a small sample of linguistic expressions. A number of proverbs and idiomatic expressions in Ewondo, the context used and semantic field of reference were grammatically analyses. The final section of the article illustrates Ewondo s terminology used in the context of taste perception and the synesthesiae which appeared in the linguistic images. In questo articolo, vorrei tornare sui temi linguistici esplorati durante la mia ricerca etnografica sull alimentazione di strada in ambito urbano a Douala 1, dove la comunicazione sociale è profondamente segnata dal plurilinguismo: il francese e l inglese, il tedesco, lo spagnolo e l arabo, le lingue autoctone quali il douala, l idioma della medesima città, il bamileke, l ewondo, il bassa, il bakoko, infine il franco camerunense e il pidgin anglo-camerunese. Questa situazione di plurilinguismo si è costituita tramite frizioni, pressioni e contaminazioni che hanno messo in relazione gli 1 Questo saggio è, infatti, basato sul materiale etnografico raccolto sul campo nel corso negli anni e finalizzato rispettivamente alla tesi triennale, Manger sur la route. L alimentazione di strada a Bonanjo (Douala, Camerun) e alla tesi specialistica, Manger en route. La ristorazione di strada a Bonanjo (Douala, Camerun), condotte sotto la supervisione del Prof. Giovanni Dore e discusse presso l Università Ca Foscari di Venezia (a.a e a.a ). Colgo, altresì, l occasione per ringraziare la Prof.ssa Ilaria Micheli, i cui preziosi suggerimenti e considerazioni hanno arricchito il capitolo, La Torre di Babele a tavola, da cui è tratto questo saggio.

2 Monica Dal Pos Zona di intercomprensione della lingua ewondo. Fonte: Essono, 2000: 12. idiomi locali e quelli di imposizione coloniale all interno di specifici rapporti storici e culturali. Naturalmente le lingue di prestigio sia straniere che locali esercitano una sollecitazione maggiore, ceden-do molti più vocaboli di quanti non ne assumano; tuttavia, il contesto cittadino fa sì che il flusso non sia solamente unidirezionale, pur rimanendo asimmetrico. L area gastronomica si rivela una dimensione particolarmente privilegiata per intercettare i movimenti linguistici e culturali intercorsi nel tempo, che si rivelano mediante i calchi, le perifrasi, le variazioni ortografiche e fonetiche ed i prestiti quali vere e proprie spie del linguaggio gastronomico. L uso di bâton de manioc in luogo di miondo o bobolo e ebobolo è un esempio di perifrasi, così come la diversità morfologica tra il francese e gli idiomi locali, che formano il plurale attraverso i prefissi me- (ewondo) e ma-; mi- (bassa, douala), comporta la france-sizzazione dei prestiti: perciò miondo in francese diventa singolare le miondo in luogo di les miondos, mentre al plurale makala si traduce con beignet al singolare. Il primo fenomeno che propongo di osservare è la tendenza all ampliamento dello spettro sinonimico. Sul campo ho potuto rilevare una grande varietà di sinonimi nelle lingue locali, che si differenziano l uno dall altro per differenza ortografica e fonetica e che sono usati per indicare il medesimo alimento o l ingrediente di base. Bobolo ed ebobolo sono le varianti in lingua ewondo di un accompagnamento, a base di manioca molto diffuso nella cucina camerunense; kpem, kpwem e kwem sono, invece, rispettivamente le denominazioni usate in lingua ewondo, boulou e bassa per indicare le foglie di una pianta verde, impiegate nella preparazione della medesima pietanza. Nella tabella 2 sottostante riporto ulteriori etichette linguistiche di piante le cui parti - grani, foglie e frutti - hanno impiego in cucina. 2 Tutte le voci riportate nella tabella, fatta eccezione per kpem, le cui varianti sono state raccolte dalla sottoscritta sul campo, sono state trascritte conformandomi agli Autori. In proposito, essi precisano le convenzioni adottate in relazione alla lingua francese: u=ou; g=gu; j=dj; s=ss; e, aggiungono che si leggono tutte le lettere (Tongo and Ekwalla, 2003: 121). 54

3 Area di diffusione della lingua ewondo. Fonte: Essono, 2000: 9. La lingua ewondo e lingue confinanti. Fonte: Essono, 2000: 9. Tabella: terminologia delle piante Nome scientifico Tetrapleura tetrapleura Amaranthus hybridus Aframomum exscapum Vernonia amygdalina Douala Esese Bakoko (Bkk) Bassa (Bas) Sasas (Bas) Beti (Bet) Boulou (Bou) Ewondo (Ewo) Akwa, kowa (Bou) Akpwa (Ewo) Ewole Poga (Bas) Folong (Ewo) Mbongolo Mbongo (Bas) Mwonlo (Bet) Bamileke Dschang 3 (Ds) Bangante (Bgt) Ndjansang Esesang (Bou) Djansent (Bgt) Kwem (Bas) Kpwem (Bou) Kpem (Ewo) Ocimum basilicum Masepu Masep (Bas) Masep (Ewo) Il secondo fenomeno è la propensione alla sinestesia evidenziata dalle espressioni il cui contesto d uso è il commercio, e per la precisione il petit commerce, e il mercato, ovvero il marché inteso come andamento degli affari. Se, infatti, al termine della giornata Virgine aveva constatato che le vendite erano andate male esclamava: «Le marché était dur aujourd hui» e la sua collega Jeannette replicava: «C est ndʒindʒa 4». Le marché est dure, il mercato è duro ; le marché est caillou, il mercato è come la pietra ; e le marché est sec, il mercato è secco sono espressioni nelle quali si fa riferimento - direttamente o ricorrendo a una metafora - ad una delle 3 Le piccole città di Dschang e Bangangte si trovano rispettivamente nella regione del Sud Ouest e in quella dell Ouest. Esse sono abitate prevalentemente da popolazioni bamiléké, che parlano varietà dialettali della medesima lingua. 4 Il termine è presente con grafie alternative: jinja, tsindza, nje nia e djijia nel ricettario Les trésors de la cuisine camerounaise (p. 24), di Mun a Yous, pseudonimo di Luise A. Wonje Dika-Kingue. 55

4 Monica Dal Pos qualità relative alla consistenza delle cose, ossia alla durezza, nonché ad una delle quattro qualità elementari, il secco. Nell ambiente ristorativo la durezza e la secchezza sono attribuzioni richiamate per riferirsi al cattivo andamento delle vendite. Tuttavia, sul campo, l espressione che ha maggiormente attirato la mia attenzione è stata, appunto, le marché est ndʒindʒa: un modo di dire acquisito anche dal linguaggio pubblicitario. Durante il mio ultimo soggiorno ho visto, infatti, un cartellone pubblicitario che riportava questa locuzione: il che significa che si tratta di una frase idiomatica comprensibile da tutti i parlanti. Le marché est ndʒindʒa avrebbe come riferimento fisico lo zenzero e, forse, il gusto amaro e pungente che lo contraddistingue: lo stesso amaro provato da un operatrice che constata il penoso andamento delle vendite e che, quindi, prova una pungente tristezza, osservando una scarsa affluenza della clientela. Dunque, si tratterebbe di una trasposizione dalla sfera dei sensi al contesto commerciale e alla esperienza emotiva per assegnargli una valutazione negativa. La polisemia è il terzo fenomeno linguistico venuto alla luce attraverso un piccolo campione di espressione linguistiche, che ora esaminerò nei dettagli. Múndʒámòtó e múándʒámòtó, due lemmi in lingua douala 5, mi sono giunti all orecchio come un gioco di parole nel corso di una piacevole e proficua chiacchierata con i miei collaboratori. 6 Múndʒámòtó è un composto sintagmatico che indica il possesso ed è formato da due sintagmi. Il primo, múndʒa, vuol dire sposa. Il sostantivo è seguito sempre dal genitivo, mediante il quale si esprime il complemento di specificazione, oppure da un pronome personale possessivo: múanʒ'am, la mia sposa 7. Il secondo, moto, indica l essere umano, la persona senza specificazioni di genere. Dunque, il sintagma vuol dire la donna di un altro. Mwándʒámòtó è un unità sintagmatica qualificativa, anch essa formata da due sintagmi, che si riferisce al pesce di piccola taglia che a Douala viene consumato fritto. È la cosiddetta frittura. Il primo termine, mwándʒá, è riportato nel vocabolario Duala-Français nella forma senza /a/, la quale è identica a sposa, múndʒa 8 con il significato di fiume e mare. Nel dizionario troviamo anche il termine munʒánʒe 9, che, secondo Helmlinger, si riferisce ad alcune specie di pesci appartenenti alla famiglia degli Scomberesocidi. La classificazione, per i cui dettagli si rinvia alla lettura della nota relativa al termine in questione, solleva tuttavia ulteriori dubbi sulla reale valenza 5 La Lingua douala conta all incirca parlanti ed è diffusa nel Sud Ouest e nella zona sud occidentale del Paese, in particolare nella regione del Littoral, il cui capoluogo è Douala: l area di diffusione di questi lemmi dovrebbe, quindi, coincidere con quest area. 6 Si tratta di Jeannette, che gestisce un piccolo ristorante situato lungo una tranquilla stradina che si trova nella zona centrale di Bonanjo. Dopo aver servito l ultimo cliente, Jeannette pranzava all unico tavolo all aperto del ristorante, all ombra di una grande albero di mango. Io le facevo spesso compagnia e talvolta si univa a noi anche Thomas, la cui agenzia si trova accanto al locale di Jeannette dove consuma i pasti e al quale talvolta fornisce dell acqua. È stato nel corso di una di quelle allegre e proficue chiacchierate che udito questo gioco di parole. I miei interlocutori mi dissero che erano in lingua douala, ma non entrano in dettagli semantici, forse in seguito alla mia espressione aggrottata. Poi chiesi ulteriori ragguagli a Solange e al mio amico Desiré, che è parla douala ed ha un livello di istruzione medio-alto. Egli è stato contatto solo in questa occasione. 7 Helmlinger, 1972: 172. Si segnala che il vocabolario riporta mújna, mentre nel testo la consonante palatale /j/ è stata sostituita con la consonante postalveolare /ʒ/ per rispettare la trascrizione fonetica. 8 Helmlinger, 1972: Helmlinger, Si segnala che anche per questo termine si è provveduto alla sostituzione della consonante palatale /j/ con la postalveolare /ʒ/ per le stesse ragioni. Nel vocabolario, alla voce munʒánʒe, mi (2), leggiamo: poisson de la famille des scombrésocidés: aiguillette ou orphie (tylosurus). Il dizionario Zanichelli, Francese- Italiano traduce la parola aiguillette con striscia sottile di filetto impiegata nel contesto culinario e orphie con aguglia: evidente che un lemma comune non può essere classificato scientificamente, perciò munʒánʒe non appartengono alla famiglia degli Scomberesocidi, che afferiscono all ordine dei Beloniformi, così come l aguglia. 56

5 semantica da attribuire al vocabolo múándʒá. Stando, infatti, alle regole che normano la formazione di una parola composta, alle voci del vocabolario, nonché a quelle degli informatori, che mi hanno ribadito che l unità sintagmatica si riferisce al pesce usato per cuocere la frittura, l espressione non dovrebbe essere múnʒánʒémòtò, al posto di mwándʒámòtò? Per cercare di sciogliere questo groviglio linguistico ho consultato Desiré, un amico douala, il quale ha confermato quanto detto da Solange 10 : ossia che múndʒá e mwándʒámoto significano, rispettivamente, sposa e frittura. Désiré ha sottolineato anche la distanza semantica delle due parole, múndʒá e mwándʒámòtò, provocata dall enfatizzazione della /a/; e ha specificato che moto non voleva dire solo persona, ma anche gruppo, tribù e famiglia. Queste espressioni, il cui significato si fonda sul gioco vocalico, si prestano anche ad essere usate per far un po arrabbiare i pescivendoli, chiedendo loro: «Je voudrais des múndʒámòtò», vorrei la donna d altri al posto di: «Je voudrais des mwándʒámòtò», ovvero vorrei del pesce da frittura. Se per le due espressioni appena analizzate conosciamo almeno la lingua di appartenenza, l origine linguistica dell espressione manger ndʒiɔ rimane sconosciuta: si potrebbe ipotizzare che si tratti di una locuzione pidgin. Ad ogni modo, per il momento, maggiori informazioni relative al significato e al contesto d uso ci giungono nell esegesi di Solange: Solange: «[ ]. Escroquerie, donc on t a donné quelque chose, tu n as pas payé. Peut-être, un monsieur me vois là, comme je passe, il dit: Vien prendre le poisson. Je mange son poisson: peut-être il croyait qu on part à la maison, bon je refuse, donc je mangeais son poisson ndʒiɔ: j ai escroqué. [ ]. Parce que, ici même les taximen qui vont te porter sans payer. Arrivée à la destination tu lui donne l argent. Il dit: No, laisse l argent. Peut-être il s attende quelque chose, alors toi, tu dits: «Ah laisse-moi! J ai pris ton taxi ndʒiɔ eh! Je m en vais». [ ]. Bon tu habites la maison administrative, tu ne payes pas l eau, tu ne payes pas le courent, on peut dire: «Tu as le courant ndʒiɔ, tu as l eau ndʒiɔ». Ce n est pas seulement pour manger. [ ]. La fille répond à l homme: Une boisson comme ça, ce que tu as donné, c est ça que tu fais le chantage; que tu m as donné la boisson, pour que je viens chez toi? Ah, j ai bu ta boisson ndʒiɔ. Alor le monsieur lui répond: C est comme ça que tu vas mourir ndʒiɔ! C est le théâtre à la télé, qui s appelait Voyage de nuit, donc promenade de nuit, comme on dit Yaoundé by night, Douala by night. Dalle espressioni evidenziate nella nota di campo, risulta che il termine ndʒiɔ è adottato in molteplici contesti, che vanno dal cibo alla morte, passando per i mezzi di trasporto e le fonti energetiche, per denotare una forma di insolvenza fraudolenta, compiuta da un cittadino, che si sottrae alle leggi di mercato non pagando i beni e i servizi erogati. Perciò avoir l eau ndʒiɔ, le courant e le taxi ndʒiɔ, equivalgono a consumare a scrocco l acqua, la luce, il taxi, ecc. La locuzione è altresì usata quando, disattendendo alla prassi del dare, ricevere e contraccambiare, il ricevente non contraccambia il donatore con il dono che egli si aspetta. Per esempio, una signora ha mangiato e bevuto a scrocco, ovvero ndʒiɔ, qualora lei disattenda le aspettative del suo donatore. 10 Solange è il nome della mia principale collaboratrice. 57

6 Monica Dal Pos La sinonima, la sinsteticità e la plurisemia, indicati con gli esempi precedenti, mi impongono ora di analizzare meglio il significato delle locuzioni, prevalentemente in lingua ewondo, diffuse in ambito culinario. In particolare, presenterò gli exempla, le espressioni proverbiali ed idiomatiche nonché le sentenze con valore paradigmatico, che prendono a riferimento gli ingredienti, i cibi e le pietanze, al fine di comprendere a quale campo semantico alludono e il loro contesto d uso. 11 Bidi binə akuma yduk [edúg] 12 Bidi [Il cibo, sost. plu. cl.8 ]: bi [PS, cl.8, plu.] 13 + di [RN] 14 // binə 15 [è, V 1 3 per. plu]: bi [PV, cl.8, plu.] + nə [RV del verbo essere] 16 // akuma [la ricchezza, sost. plu. cl. 5] // yduk [del gabinetto, compl. di spec.]. Il cibo è la ricchezza del gabinetto. Bidi binə biem yduk Bidi [Il cibo, sost. plu. cl.8] // binə [è, V 1 3 per, plu.] // biem [la cosa, sost.] // yduk [ del gabinetto, comp. di spec.]. Il cibo è la cosa del gabinetto. 11 Preciso che, il materiale presentato è ibrido dal punto di vista dei generi, poiché il criterio adottato non era improntato sulla selezione, ma sul tema e il contesto d uso. Inoltre, puntualizzo che, dal punto di vista metodologico una parte del materiale era stato raccolto spontaneamente nel corso della fase centrale della ricerca sul campo, ascoltando il filo dei discorsi e dei ricordi di Solange, quando mi rievocava la sua infanzia, e mi narrava le storie di famiglia, del villaggio paterno e dei Bianchi. In seguito, chiesi espressamente a Solange di richiamare alla mente i modi di dire in lingua ewondo, che avevano per referente il cibo, al fine di registrarli. Va precisato, però, che Solange ha sempre vissuto e lavorato in un contesto urbano francofono, anche se ha frequentato le scuole elementari a Kokodo, il villaggio paterno dove si parla eton, e per due anni quelle professionali a Buea, che è anglofona. Solange, quindi, parla francese, inglese, pidgin anglo-camerunense, il douala, l eton, e l ewondo, la lingua materna, di cui ritiene di possedere una buona competenza; minore è invece, quella dell eton. Dunque, avevo sempre nutrito il sospetto che i proverbi contenessero termini e contenuto ewondo ed eton. In effetti, un giorno Solange mi annunciò che la seconda, la terza e l ottava locuzione fra quelle riportate, appartenenti al patrimonio culturale e linguistico degli Eton, mi erano state tradotte in ewondo. In ogni caso, trattandosi di due culture d area simile, le lingue sono intercambiabili, quindi è verosimile che i proverbi siano presenti in entrambe le lingue; oppure potrebbero essere delle varianti dialettali. Citando, infatti, qualche proverbio a Amagou e a sua moglie Regine, parlanti ewondo, e a Ondobo, parlante eton, tutti comprendevano quanto andavo dicendo e osservavano delle varianti. L incompletezza dell analisi grammaticale e di quella semantica è dovuta alle difficoltà riscontrate e causate dall assenza di un nutrito campione di parlanti e di un vocabolario di lingua ewondo, dalla sola disponibilità, quale fonte di consultazione della grammatica pubblicata da Essono, professore di Linguistica. africana all università di Yaoundé, che non figura nelle bibliografie di studi linguistici, e, infine, dalla mancanza di altri casi di studio. Vedi Essono, Variante, in Essono, 2000: PS è il pronome sostantivale, il morfema in genere con un tono basso, che determina la formazione, la flessione nominale, la classe e il numero del sostantivo. 14 RN è la radice nominale, formata dalla radice /di/: mangiare. È la radice che consente la formazione di un sintagma nominale o verbale, a seconda degli elementi morfematici aggiunti. 15 Nel proverbio il verbo essere è un ausiliare usato per esprimere situazioni descrittive avente valore sostantivale, verbale, aggettivale e come apposizione nel predicato nominale. 16 In lingua ewondo, il verbo essere ha quattro radici verbali, che esprimono rispettivamente la nozione di esistenza o di identità: /bə /, essere, usato al passato e al futuro; /nə/, essere, usato al presente; /sə /, non essere nel senso di non esistere, usato alla forma negativa, solo al presente e /ngə /, essere ancora, esprime un esistenza permanente, ed è coniugato al presente continuo. Questi verbi, detti verbi di esistenza, sono irregolari, difettivi e ausiliari, caratteristiche che li contraddistinguono rispetto a tutti gli altri verbi. Come vediamo nel proverbio, il verbo essere è formato con la radice verbale /nə /, è un ausiliare usato al presente indicativo nominale, in un contesto descrittivo (Essono, 2000: 542). 58

7 Questo proverbio è emerso mentre Solange ed io disquisivamo sul significato degli alimenti che le avevo portato dall Italia, in segno di riconoscenza per la sua collaborazione. Conoscendo i costumi occidentali, Solange apprezzò il mio gesto, che ripeto ogni volta che arrivo in Camerun: nella mia valigia, infatti, c è sempre qualche prodotto gastronomico per lei. Tuttavia, la mia collaboratrice mi disse che il forno, il frigorifero e il tessuto per cucire il kaba, che le avevo totalmente o parzialmente regalato, erano gli oggetti ai quali lei attribuiva un effettivo valore, perché, durando nel tempo, racchiudono in sé anche il ricordo del donatore. E ancor più apprezzati sono i prodotti occidentali, che i Camerunensi considerano migliori per qualità, come gli indumenti e le apparecchiature tecnologiche 17, come si ricava dalle parole di Solange: Tu donnes le gâteau à maman Monique, tu veux que ça lui fasse quoi? Dit-moi: elle mange le gâteau qui sort de l Europe. C est bon, Monica veut me faire gouter les choses de l Europe, mais ce n est pas un souvenir pour elle: le gâteau ça se mange, ça part dans les ventre et ça sort. Le souvenir de maman Monique, tu lui gardes quelque chose comme ça [indica il frigorifero], qu elle va garder jusqu'à sa mort. [ ]. C est le souvenir qui est important, parce que ça dure, ça dure, ça dure. Il y a un proverbe un Beti qui dits A differenza degli oggetti, il cibo non ha il valore di un dono, perché, trasformandosi, non dura e perché nella tradizione camerunense la condivisione delle vivande è semplicemente un atto dovuto e consueto, certo gradevole, al quale però non si conferisce una speciale valenza simbolica. Bidi ntaŋan binə mbwn áyɛn, bite mbəp ádí (proverbio eton) Bidi [Il cibo, sost. plu. cl. 8] // ntaŋan [dei Bianchi, compl. di spec.] // binə [è, V 1 3 per. plu., indicativo] // mbwn [bello,buono aggettivo qualif.] // áyɛn [da vedere, V 2 3 pers. plur. infinito] // bite [ma? ] // mbəp [cattivo, agg. qualif.] // ádí [da mangiare, V 3 3 pers. plur. infinito]. Il cibo dei Bianchi è bello da vedere, ma cattivo da mangiare. Questo modo di dire sottolinea la grossolanità, che connota negativamente le popolazioni eton che vivono nei villaggi, all opposto dei cittadini ewondo. Il loro essere villageois si riflette, dunque, anche nei loro comportamenti alimentari, caratterizzati da un atteggiamento conservativo, che li induce a rifiutare le pratiche alimentari dell altro più diverso da sé, sminuendone la sostanza. Etɔn badi suaba ba:tzok ninə fromage (proverbio eton) Etɔn [Gli Etɔn, sost. plu.] // badi [mangiano, V 1 3 pers. plu, indicativo]: ba [ PV ] + di [RV del verbo mangiare] // suaba [il sapone, compl.ogg.] // ba:tzok [credendo, V 2 ] // ninə [che sia, V 3 ] // fromage [formaggio, compl.ogg.]. Gli Eton mangiano il sapone credendo che sia formaggio. 17 I telefonini o gli elettrodomestici: quest ultimi sono un bene di lusso a causa del loro costo elevato in rapporto al basso potere di acquisto della popolazione. 59

8 Monica Dal Pos Questa sentenza riassume la vicenda di un uomo Eton che si reca ad Obala, suo capoluogo di arrondissement, per vendere il raccolto del cacao. Lì incontra un amico, che gli propone di assaggiare un panino con il formaggio. Prima di procedere con la narrazione, occorre però precisare che Solange e Françoise usano l etichetta linguistica Emmenthal per riferirsi al formaggio, il cui colore è uguale al sapone di Marsiglia e la cui durezza è analoga al macabo, perciò in genere il sapone è denominato savon macabo. Torniamo al nostro signore, che al mercato compera del pane, un pezzo di sapone, che scambia per formaggio, una scatola di pomodoro concentrato, che scambia per una scatola di sardine e delle caramelle, che avrebbe seminato per far crescere l albero delle caramelle. Il suo amico lo avvisa che ciò non sarà possibile, ma lui lo accusa di non volere che egli mostri alla sua gente di essere stato in città. Giunto al villaggio farcisce i panini e li dispensa alle mogli, che si accorgono subito di mangiare un panino al savon macabo. Così è nata questa storiella, che si racconta per sottolineare la semplicità degli Eton. Wayinə waláŋ mə miyá ábum. Wayinə [Tu vuoi, V 1, 2 pers. sing.] : w [PV, 2 pers. sing. ] + a [morf. presente indicativo] + yi [ RV verbo volere] + nə [?] // waláŋ [che ti conti, V 2, 2 pers. sing.] : w [PV, 2 pers. sing.] + a [Morf. presente indicativo] + láŋ [infinito verbo contare] // mə [i miei agg. poss.] // miyá [intestini, compl. ogg.] // ábum [nel ventre, compl. di stato in luogo figurato]. Vuoi che ti conti i miei intestini nel ventre? Questa espressione idiomatica ricorre quando, come dice Solange, «Quelqu un fouille ta vie jusqu au vouloir connaitre toute ta vie, alors tu lui demandes: Tu veux compter mes intestins?. Fa riferimento ad un organo interno, e quindi nascosto, che per analogia allude alla vita intima e segreta di una persona, che non deve essere inopportunamente indagata. Onə anə óndúndu Onə [Tu sei, V 1, 2 per. sing.]: o [PV, 2 pers. sing.] + nə [ RV del verbo essere ] // anə [come] // óndúndu [il peperoncino, compl. ogg.]. Tu sei come il peperoncino. Ʋnə ane óndúnduo a ndúon [ndóan] 18 Ʋnə 19 [Tu sei, V 1, 2 per. sing.]: ʋ [PV, 2 pers. sing. ] + nə [RV del verbo essere] // anə [come] // óndúnduo [il peperoncino, compl. ogg., che si lancia?] // a ndúon [nel fuoco, compl. di luogo]. Sei come il peperoncino che si lancia (mette) nel fuoco. 18 Variante, in Essono, 2000: Al posto di /o/, pronome verbale della 2 persona singolare, affisso alla radice verbale del verbo essere nella frase tu est comme le piment: onɘ anəóndúndu, Solange prouncia una variante libera /u/, che ritengo più probabile leggere come /ʋ/. 60

9 Questo modo di dire designa una persona troppo loquace, che, sovrapponendo le sue parole a quelle del suo interlocutore, ne interrompe il discorso. È un immagine che rimanda a quella provocata dal peperoncino, che appena si mette a cuocere provoca lo starnuto del cuoco. Bidi binə ngúl yabum Bidi [Il cibo, ost. plu. cl.8] // binə [è, V 1, 3 per. plu.] // ngúl [la forza, compl. ogg.] // yabum [del ventre, com. di spec.]. Il cibo è la forza del ventre. Questa sentenza mette in rilievo l imprescindibilità dell alimentazione che permette all uomo di vivere. Ngúan 20 ya woogé e kábàt [kábad] 21 bátindi áfàlàk Ngúan [La ragazza, sost. sing] // ya woogé [ appartiene, V 1, 3 per. sing. indicativo ] // e [?] // kábàt [alla capra, compl. di term.] // bátindi [ che si attacca, V 2 3 pers. plur., ]: bá [PV, 3 pers. plur.] + tindi [RV. del verbo attacare] // áfàlàk [dietro, compl. di stato in luogo]. La ragazza nubile appartiene alla capra che si attacca dietro. Si richiama questo proverbio, quando si parla della condizione subordinata della donna, la quale è simbolicamente attaccata alla corda della dipendenza, così come la capra legata all albero, che non gode della libertà di muoversi. Bákàt ngúan nə ikomnə ndúon iyam ibidi edi, akə yam ibidi bodbəfə: bedi. (proverbio eton) Bákàt 22 [Si dice, V 1, 3 pers. plur.] // ngúan [alla ragazza, compl di term.] // nə 23 [di, congiunzione finale?] // ikomnə [accendere, V 2 ] // ndúon [il fuoco, compl.ogg.] iyam 20 Il lemma indica la ragazza pronta per il matrimonio, con riferimento al mese e alla luna. Infatti, le donne dicono, mayen ngúan, io vedo la luna, per indicare il periodo mestruale. 21 Variante, in Essono, 2000: Bá è l allocutivo della 3 pers. plur, usato per la forma impersonale si. Sottolineo che Solange usa regolarmente il morfema /bá/, presente in tutte le forme verbali per indicare la terza persona plurale, per la quale Essono indica invece il morfema bə usato dall informatrice per dire bákat in lingua eton, ovvero bə təka. Solange ha spontaneamente attirato la mia attenzione sulla diversità fonetica. Per un approfondimento sui prefissi verbali si veda Essono, 2000, cap. 20: 425 e la tabella riassuntiva a p Essono definisce il morfema nə come un complémenteur complétif finale, di solito indicato come preposizione o postposizione. Per quanto riguarda i complémenteurs è difficile capire con chiarezza quando un complémenteur è avverbio, preposizione o congiunzione, poiché un solo morfema può essere contemporaneamente tutte e tre le forme. Nel caso specifico, /nə/ sembrerebbe, quindi, assumere il valore di congiunzione finale. L Autore, però, non specifica nulla sulla posizione degli altri componenti della frase, o del periodo, nel caso in cui compaia il morfema nə. Dai nostri dati, molto limitati, sembrerebbe che la posizione sintattica di nə sia: verbo 1 di ingiunzione bákàt: bə [PV cl.2, morf. 3 pers. plur. con valore impersonale si] + á [Fo mor. presente indicativo] + kàt [RD del verbo dire, nel senso di ordinare] // ngúan [complemento di termine] //nə // ikomnə [verbo 2 di ingiunzione. Per l ingiuntivo Essono (2000: 491) indica che come pre-prefisso verbale per l ingiuntivo il tono alto, il quale è assente in questa forma verbale): i [PV 2 pers. sing. In questo caso, potrebbe trattarsi di una variante, in quanto Essono indica come PV della 2 pers. sing. /ø/, oppure del Fo, ovvero del morfema prefisso della base verbale, la cui funzione è quella di esprimere contemporaneamente il tempo e il modo del verbo, Essono, 2000: 451] + komne [BV del verbo accendere]. Ritengo doveroso precisare, che questa descrizione è da intendersi come un tentativo di 61

10 Monica Dal Pos [V 3 per preparare,] // ibidi [il cibo, compl. ogg.] // edi [che mangerà, V 4 ], akə [invece lei andrà, V 5 3 pers. sing.]: a [PV, 3 pers. sing.] + kə [RV del verbo andare, partire] // yam 24 [a preparare, verbo 6 infinito] // ibidi [il cibo, compl. ogg.] // bodbəfə: bedi [che gli altri mangeranno, verbo 7, 3 pers. plur.] Si dice alla ragazza di accendere il fuoco per preparare il cibo che mangerà, invece lei andrà a preparare il cibo che altri mangeranno. Bákàt ngúan nə ikomnə ndúon ayam ibidi edi áɲudyé ayam ibidi bodbəfə: bedi Bákàt ngúan nə ikomnə ndúon yiam ibidi edi áɲudyé (dans sa bouche) akəyam i bidi bodbəfə:bedi. Ho ritenuto opportuno riportare le tre versioni pronunciate dall informatrice e riconfermate mediante una seconda intervista. La varietà e la fissità degli incipit mi inducono a supporre che non si tratti di una forma proverbiale, bensì di una sentenza o di un apologo con sfondo morale, appartenenti alla tradizione. Di volta in volta, quindi, il narratore riporta integralmente l inizio della storia, mentre la parte centrale e quella finale sono soggette a modifiche, preservando tuttavia l insegnamento del racconto. Ma qual è l insegnamento del racconto? Solange mi ha ripetuto più volte che suo padre era solito raccontarle questa storiella quando stava per sposarsi. Secondo le norme della tradizione eton ed ewondo, infatti, il lignaggio della futura sposa perde definitivamente la sua forza riproduttiva e produttiva, perché da quel momento la donna appartiene al lignaggio del marito. Ngué yakat kinə ibɛlɛ avuan bod badi d ua mbo bákàt i bɛlɛ avuan Ngué [Il porco, sost.] // yakat [non dice, V 1 3 pers. sing.] // kinə ibɛlɛ [che ha, V 2 ] // avuan [il grasso, compl. ogg] bod badi [ma sono le persone che lo mangiano, V 3 ] // d ua mbo bákàt [coloro che dicono, V 4 ] // i bɛlɛ avuan [che esso ha il grasso, V 5 ]. Il maiale non dice che è grasso, ma sono gli altri a dire che ha il grasso. Con questo modo di dire, probabilmente composto da un proverbio e da una sua estensione commentaria, si sottintende che una persona non deve compiacersi, stimandosi, ma devono essere piuttosto gli altri ad esprimere ammirazione. Òwòndo anə keka biningá, yee! Òwòndo [L arachide, sost.] // anə [è, V 1, 3 pers. sing., indicativo]: a [PV 3 pers. sing.] + nə [è, RV verbo essere] // keka [cacao, pred. nominale] // biningá [delle donne, compl. di spec. ]: bi [ PS, cl.2 plurale] + ningá [R.N]. L arachide è il cacao delle donne. chiarire il funzionamento del morfema /nə/, poiché i dati di Essono e quelli finora in mio possesso non sono sufficienti per descrivere con chiarezza e certezza il comportamento del suddetto morfema indipendente. 24 Sembrerebbe, da quanto mi ha detto Solange, che la forma infinita dei verbi regolari inizi con la vocale /a/, per esempio a yen: guardare; a lan: leggere; e, appunto, a yam: preparare, pertanto si potrebbe supporre che in questo caso ci sia stata un elisione. 62

11 Le donne cantano questo proverbio nei campi durante il raccolto delle arachidi. Le arachidi, infatti, per le donne rappresentano la ricchezza, pur di minore valore, di quanto non sia il cacao per gli uomini, che iniziano a cercare moglie solo dopo la vendita del cacao. Ékóngo wòndò ósiki be amvié makábà Ékóngo [Il piatto di arachidi, sost.] //wòndò [di arachidi, compl. di spec.] // ósiki 25 [non può, V 1, 3 pers. sing.] //be [cuocere, V 2 ] // amvié [nella pentola, sost., compl. di stato in luogo introdotto dal morfema a] // makábà [del macabo, compl. spec.]. Il piatto di arachidi non può cuocere nella pentola del macabo. Nel caso di un matrimonio poliginico, l attuale tendenza delle co-spose che convivono nella medesima unità abitativa, incrementa l insorgenza di litigi e di dissapori, il cui grado di pericolosità è paragonato a quello del fuoco, come dice Solange: «Maintenant c est très grave, parce que tu mélanges: c est le feu. Donc, un monsieur, qui prend deux femmes dans la même maison il ya a toujours le bruit, les bagarres, peut être c est la belle-mère qui va sortir de la cuisine pour sépare; et elle va dire à son fils ékóngo wòndò ósiki be amvié makábà». La madre, dunque, ricorda al figlio che non si mettono nella stessa pentola due alimenti di qualità opposte come le arachidi, appunto, che si mangiano cotte e crude e che si cucinano in molti modi, e come il macabo che se non è ben cotto gratta la gola. Le qualità antitetiche di questi due cibi vengono associate al carattere di due spose: l una dolce e accondiscendente, l altra, invece, con un carattere aspro, perciò le due donne non dovrebbero vivere nella stessa casa. Kwem inə bidi bikõn bâdiki d ua ámos ávu Kwem [Il kwem, sost.] // inə [è, V 1 3 pers. sing.] // bidi [il cibo, sost.] bikõn [del fantasma] bâdiki 26 d ua [non lo si mangia, V 2 ] // ámos [il giorno, sost.] // ávu [del lutto, compl. di tempo]. Il kwem è il piatto del fantasma, perciò non si mangia in un giorno di lutto. 25 Prima di entrare nel dettaglio della formazione della negazione del verbo, ritengo opportuno fare luce sul significato del verbo ósiki, tradotto dall informatrice come non può. Come riportato nella nota 16 il verbo /sə /, non essere, si usa solo per costruire la frase negativa al presente indicativo. Cfr. Essono, 2000: 542. La lingua ewondo ha quattro verbi per esprimere l esistenza e la non esistenza, detti, appunto, verbi di esistenza. Essi appartengono alla coniugazione irregolare, sono effettivi ed ausiliari nonché usati solo all indicativo. Cfr. Essono, 2000: 542. Il verbo /sə /: non essere, si usa solo per costruire la frase negativa al presente indicativo. È il caso del verbo ósiki, che alla forma negativa significa non potere nel senso di non esistere, di essere privo di senso. Normalmente, in ewondo la frase negativa all indicativo si forma inserendo il morfema /á/ tra il PV e il Fo, ma per i verbi di esistenza o difettivi al presente puntuale il morfema /à/ è sostituito dalla variante ø, come sottolineato da Essono, 2000: 450. Ósiki: ó [morfema ø ] + si [BV del verbo sə, che significa non essere, usato solo alla forma negativa del presente. Cfr. Essono, 2000: 542] + ki [suffisso della negazione, mentre Essono, 2000: 449]. 26 Rispetto alla negazione della forma verbale descritta nella nota precedente, in questa caso abbiamo la forma piena della negazione con l infisso /á/ tra il pronome e il morfema aspettuale /à/ e il suffisso /ki/ riportato da Solange, mentre Essono, 2000: 449, riporta /kig/, attaccato alla radice lessicale del verbo /di/. La forma completa si presenta come bâdiki: bə [PV cl. 2, mor. 3 per. plu. con valore impersonale si ] + á [ suffisso della negazione posto dopo il PV, il pronome] + à [Fo, morfema prefisso alla BV per indicare il tempo presente e il modo indicativo] + di [BV del verbo mangiare] + ki [suffisso della negazione]. Da ciò si ricava che la negazione verbale in ewondo è data da un morfema discontinuo, ovvero /á/ + /ki/, che appaiono come due morfemi e, invece, sono due parti dello stesso morfema funzionale. 63

12 Monica Dal Pos Secondo questo adagio, in un giorno di lutto non si mangia il kwem, il cibo dello spirito dei defunti, e ci si astiene dallo svolgimento delle attività, quali il lavoro dei campi, per evitare di incontrare gli spiriti degli antenati, che si aggirano nei dintorni per accogliere lo spirito del defunto fra loro. Ora, mi soffermerò sulla terminologia ewondo legata all orizzonte sensoriale del gusto e sulle sinestesie in lingua ewondo, che affiorano nelle immagini linguistiche ad esse: un approfondimento che testimonia quanto ho appena scritto. 27 Prima di entrare nei dettagli della questione, analizzando i singoli termini inerenti i gusti primari e quelli secondari, premetto che il palato della mia collaboratrice nel concreto si dimostra sensibile alle differenze di gusto dolce, salato, insipido, acido e amaro, mentre sembra non fare distinzione tra il gusto e il sapore. Fatta questa breve premessa, ora analizzo una ad una le etichette pertinenti ai gusti primari e a quelli secondari avvalendomi delle schematizzazioni. I gusti primari Niɛp (di gusto buono, piacevole) > Izezak ( dolce, zuccherato) > Ivuvue (insipido) > Anku (salato) > Zan > (acido) Aiol ( amaro) > Abé ( di cattivo gusto). Niɛp: esprime apprezzamento per il gusto del cibo in generale, bidi niɛp. Izeza: gusto dolce e zuccherato. Lo zucchero è troppo dolce, amb izezak. Si dice dolce del mango troppo maturo, dɔh izezak; della bouillie de mais, kurkurá izezak; della carne, tirin izezak, e del peperoncino. Rispetto ai referenti della percezione occidentale del gusto dolce, nella cultura ewondo l espressione izezak si usa per parlare dei cibi dotati di un sapore particolarmente buono e gustoso come la carne, il pesce, soprattutto la testa, e il peperoncino, come precisa Solange: «Sucré d une autre façon de dire, comme pour dire que c est bon». Per sinestesia anche il piacere sessuale è zuccherato, c est sucré. Solange ha definito il peperoncino dapprima come dolce, in seguito come piccante: mi chiedo, pertanto, se la piccantezza del peperoncino corrisponda ad una reale percezione del gusto presente nell ambito delle sensazioni elaborate dalla cultura ewondo; o se, piuttosto, essa non sia stata indotta dalle mie affermazioni. In effetti, la mia collaboratrice per qualificare il peperoncino prima ha usato un verbo e un aggettivo legati alla temperatura, ça chauffe, il est chaud, ovvero scalda, infiamma, è caldo ; poi ha detto che era dolce; infine si è riferita alla sfera tattile, per dire che il peperoncino pizzica la lingua: «Óndúndu aian, donc ça pique dans la langue». Serbando ancora vivo il ricordo dell affermazione mattutina che Solange aveva fatto nei miei confronti, alzando il tono di voce: «Tu est devenue comme le piment qu on lance dans la feu?», le dico che noi diciamo peperino di una 27 Chiarisco che quanto affermato in questa sezione è il risultato del materiale basato esclusivamente sulla collaborazione di Solange. In un primo momento i dati sono stati raccolti colloquiando; in un secondo momento, invece, ho registrato la prova e la controprova, facendole assaggiare dei prodotti camerunensi e dei prodotti europei, quali l avocado maturo, il mango mediamente maturo e acerbo, il cous cous di manioca, il ndole, il kenkeliba, il succo di limone, il peperoncino locale, la zolletta di zucchero raffinato, la mozzarella di bufula, l Emmenthal e il San Paulin - formaggio francese mediamente grasso a pasta fissa e non stagionato, consigliatomi dal commesso camerunense del supermercato in assenza del Brie. 64

13 persona particolarmente briosa ed energica e le chiedo a che cosa rinvii l immagine da lei evocata. In proposito, ho già spiegato che questa immagine rimanda ad una persona che non lascia parlare il suo interlocutore. Bam: morfema impiegato per indicare il gusto della mozzarella di bufala: «C est bon: anabam» e per sottolineare la bontà della carne, tirǝnbam. Dunque, bam sembrerebbe assomigliare a izezak, in quanto entrambi indicano che un cibo è buono da mangiare. La diversità terminologica, però, induce ad ipotizzare che bam denoti l intensità. In tal caso, esso sarebbe più vicino ad avue, perciò indicherebbe un gusto delicato, mentre izezak enfatizzerebbe un gusto molto saporito. Infine, bam si usa anche per far notare la bellezza fuori dal comune di una ragazza in minganabam. Anku: l aggettivo sembra indicare gli alimenti trattati e conditi con la giusta quantità di sale. Per esempio, ugualmente ad altri piatti, il kwem si può cucinare senza, oppure con il sale, e in questo caso è detto kwem anku. Tale accezione non ha valenza negativa: dire che una pietanza è salata non significa affermare che ha un sapore sgradevole; al contrario, è salato nel senso di gustoso. Tale ipotesi sembrerebbe confermata anche dal fatto che, solitamente, il salato è rafforzato con l aggiunta di carne e pesce affumicati: alimenti, come si è visto, che conferiscono quel particolare e gradito odore e gusto, qualificato come zin. Ivuvue: è il gusto insipido o insapore del kwem e dello zom privi di sale, ivuvue kwem, zomavue, e dell avocado al giusto punto di maturazione, fia:vuvue. Anche in questo caso, appaiono delle sinestesie. L acqua dolce è insapore, nel senso di dolce e quieta così come lo è una musica soave, in contrapposizione ad una musica rumorosa e cacofonica, detta bidun, ovvero rumore. La stessa metafora è utilizzata per indicare il carattere calmo e pacato di una persona ivuvue mɔd. Zan: il mango immaturo è acido, dɔh inezan; anche il limone e l aceto hanno un gusto acido. Aiol: il gusto amaro è caratteristico dell avocado acerbo, fia:naiol; del ndole, quando le foglie non sono state lavate bene, per togliere loro l amaro, ndolenaiol. Si dice, quindi, aiol di un gusto cattivo, ma non pericoloso. La tisana di kenkeliba è, invece, ambǝiol, troppo amara, disgustosa, imbevibile. Amb: questo morfema compare come preffisso in amb izezak, per indicare l eccessiva dolcezza dello zucchero; in kenkeliba ambǝiol per sottolineare l eccessiva amarezza della tisana, al punto da essere disgustosa. Il morfema che in questi esempi ha un valore avverbiale, ha il significato di una qualità in eccesso, sia in senso positivo sia in quello negativo. Abé: le parole introduttive di Solange ci aiutano a chiarire il significato di questo morfema: «Aiol, ça décrit c est qui est amère, mais pour généraliser on dit abé, on utilise ça pour tout». Abé significa cattivo, nel senso che un cibo non mangiabile come l avocado marcio, la cui buccia ha già le macchie nere e che perciò è fia:abé; abé per un evento doloroso, come un funerale, oppure per indicare la pericolosità di una riviera. 65

14 Monica Dal Pos I gusti secondari Ikɛs (acerbo) > Aʒie (maturo) > Ibual (fermentato, marcio) Ikɛs: si dice di un mango acerbo: dɔhinesan ikɛs. Aʒie: si usa per qualificare sia l albero di mango che produce di frutti, sia il frutto mango, dɔhaʒie; nonché per segnalare il giusto punto di maturazione della prune (safou), percepibile dal colore della buccia, bambesaʒie. Aʒie si riferisce, quindi, alla consistenza, mentre izezak definisce il gusto. Aʒie, però, non viene usato per qualificare il corpo femminile: perciò, non si dice che una donna ha un corpo acerbo. Tuttavia, le fasi relative allo sviluppo corporeo femminile e alle sue funzioni vengono nominate. Riguardo all età matura della donna, è opportuno sottolineare un incoerenza inerente la sua individuazione e quella dell etichetta linguistica corrispondente, deducibile dalle parole di Solange, la cui età oscilla fra i 47 e 49 anni: Oui, comme: je suis mûre déjà. Mais, pour nous pas quarante ans, eh! Il faut qu elle soit déjà une grand-mère, même soixante ans: on appelle ça, izila; izil minga, c'est-à-dire une femme mure; guan minga, une femme jeune. [ ]. Ah, c est ça que je dis, que vulgairement on dit une femme mûre, c'est-à-dire une femme aʒie, mais on dit izil minga. C est trois phase: guan minga, une jeune fille; izil minga, comme moi et toi, mamans ; grand-mère, onom minga. Ibual: l aggettivo implica il legame tra la consistenza e la reazione olfattiva. Solange ha espresso la sensazione mediante l uso del verbo sentire in lingua francese per denotare, appunto, l odore dei cibi fermentati: come la farina di manioca, ibual lombo, il cui odore è molto sgradevole; e dei formaggi Emmenthal e San Paulin, poco graditi al palato della mia informatrice, perché hanno un gusto particolarmente amaro, ibual fromage; al contrario del gusto della mozzarella di bufala: «C est bon, anabam». Ibual indica anche un frutto quando è avariato, per esempio il mango, ibual dɔh. Per quanto concerne i gusti primari, essi sembrerebbero manifestarsi come un continuum sensoriale, al cui centro c è ivuvue, il gusto neutro, il non sapore, e i cui estremi sarebbero occupati da abé e niɛp rispettivamente come vertice negativo e vertice positivo. Il primo, che denota un gusto particolarmente sgradevole e ripugnante, è usato anche per riferirsi ad ambiti esterni all alimentazione mediante sinestesie: il che avvalora l ipotesi secondo cui esso sarebbe, appunto, il vertice negativo. La collocazione come vertice positivo di niɛp rimane più controversa, a causa dell incompletezza della descrizione; tuttavia, gli indizi in nostro possesso, avvalorerebbero l ipotesi che niɛp sia la controparte positiva di abé. Rispetto ai gusti primari, quelli secondari non rivelano rimandi esterni al gusto; ma analogamente ai gusti primari, anche per i secondari si è ipotizzato un continuum, poiché, molto probabilmente, essi si riferiscono alla consistenza, la quale si pone in un stadio intermedio tra la sfera del gusto e quella del tatto. Comunque, permangono delle incertezze, per esempio, sui significati sensoriali e percettivi di ibual, abé e aiol. Detto altrimenti: qual è il termine che si riferisce a qualcosa di disgustoso e quale indica invece quanto è dannoso per la salute? Per il momento sui quesiti riguardanti il gusto continua ad aleggiare l ombra dell incertezza; nell analisi grammaticale e semantica delle espressioni proverbiali ed 66

15 idiomatiche si ravvisa, invece, qualche incompletezza dovuta alle difficoltà riscontrate e causate dall assenza di un nutrito campione di parlanti e di un vocabolario di lingua ewondo e dalla sola disponibilità, quale fonte di consultazione, della grammatica pubblicata da Essono; e, infine, dalla mancanza di altri casi di studio. L esiguità dei dati non mi ha, altresì, consentito di accertare l origine linguistica del lemma ndʒindʒa e della locuzione manger ndʒiɔ. Il materiale proposto vuole essere indicatore di fenomeni ben definiti, tuttavia esso non consente per ora di rispondere a quesiti sorti successivamente, le cui risposte dovrebbe figurare tra gli obiettivi scientifici di futuri progetti di ricerca. Bibliografia BEYALA Calixte (2005) Gli onori perduti. Milano: Feltrinelli. CARDONA Giorgio Raimondo (1985) La foresta di piume. Manuale di etnoscienza. Roma-Bari: Laterza. CANET Colette (1997) L alimentation de rue en Afrique, Aliments dans les villes. Roma: FAO. CHASTENET Monique, FAUVELLE-AYMAR Françoise-Xavier, and Dominique JUHÉ-BEAULATON (eds.) (2002) Cuisine et société en Afrique. Histoire, saveurs, savoir-faire. Paris: Karthala. DORE Giovanni (2006) Per un repertorio degli stili alimentari nell altipiano etiopico. Note su commensalità, divisione, spartizione e gerarchie sociali, Ethnorêma 2: DOUGLAS Mary (1985) Antropologia e simbolismo: religione, cibo, e denaro nella vita sociale. Bologna: Il Mulino. ESSONO Jean-J. Marie (2000) L Ewondo, langue bantu du Cameroun. Phonologie- Morphologie-Syntaxe. Yaoundé: Presse de l Université Catholique d Afrique Centrale. HEINE Bernd, and Derek NURSE (2004) Les Langues africaines. Paris: Karthala. HELMLINGER Paul (1972) Dictionnaire Duala-Français. Suivi d un lexique Français- Duala. Paris: Edition Klincksieck. HARRIS Marvin (1990) Buono da mangiare. Enigmi del gusto e consuetudini alimentari. Torino: Einaudi. MONTANARI Massimo (2002) Il mondo in cucina. Storia, identità, scambi. Bari: Laterza. MONTANARI Massimo (2006) Il cibo come cultura. Bari: Laterza. MUN A YOUS (1999) Les trésors de la cuisine camerounaise. Paris: Grou Radenez Et Associes. SEPPILLI Tullio (1994) Per un antropologia dell alimentazione: determinazioni, funzioni e significati psico-culturali della risposta sociale a un bisogno biologico, La Ricerca Folklorica 30: Brescia: Grafo Edizioni. SÉRAPHINE Gilles (2000) Vivre à Douala. L imaginaire et l action dans une ville africaine en crise. Paris-Montrèal: L Harmattan. TONGO, Etonde, and Malobe EKWALLA (2003) Nos plantes qui soignent. Douala: Centre Spirituel de Rencontre. 67

DALLA MORFOLOGIA ALLA SINTASSI

DALLA MORFOLOGIA ALLA SINTASSI DALLA MORFOLOGIA ALLA SINTASSI MORFOLOGIA = STUDIO DELLA FORMAZIONE DELLA LINGUA. SINTASSI = STUDIO DEI RAPPORTI CHE LE PAROLE HANNO TRA LORO, DEI LORO RUOLI ALL INTERNO DELLA FRASE LA MORFOLOGIA GUARDA

Dettagli

L uso del territorio nella vita quotidiana: alimentazione e tradizioni

L uso del territorio nella vita quotidiana: alimentazione e tradizioni L uso del territorio nella vita quotidiana: alimentazione e tradizioni Cercare le origini Qualunque sia l attività umana studiata il medesimo errore aspetta al varco i ricercatori di origini : confondere

Dettagli

Francese per principianti : PRESENTARSI : La famiglia Toussaud

Francese per principianti : PRESENTARSI : La famiglia Toussaud 1 Francese per principianti : PRESENTARSI : La famiglia Toussaud Vogliamo cominciare proprio ora a leggere e parlare francese conoscendo la famiglia Toussaud, la quale vive in Francia. La famiglia Toussaud

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

LEZIONE 3 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 3 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI Nella lezione scorsa, Gabriella Stellutti ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano, dal punto di vista dell apprendente. In questa lezione abbiamo ricevuto la Prof.ssa Roberta Ferroni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE Le linee programmatiche del Dipartimento, sulla base della tassonomia specificata nel Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Straniere (1996)

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA

ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA SCUOLA PRIMARIA C. POERIO A.S. 2015-2016 PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUA INGLESE LINGUA INGLESE CLASSE PRIMA ASCOLTARE E PARLARE Competenze Ascoltare attivamente. Comprendere

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014 Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati Lezione del 27 novembre 2014 Finora si è parlato dell uso del dialetto da parte degli italiani Ma come si pongono di fronte ai dialetti gli stranieri che

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

La ricetta. della cucina. fatta in casa. di Châteauform

La ricetta. della cucina. fatta in casa. di Châteauform La ricetta della cucina fatta in casa di Châteauform La cucina fatta in casa di Châteauform Châteauform compie 16 anni - come vola il tempo! Se c è un settore in cui è bene che il tempo non passi in fretta,

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE IL TESSITORE VIA DEI BOLDU, 32 36015 SCHIO (VI) CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE. Anno Scolastico 2012/2013

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE IL TESSITORE VIA DEI BOLDU, 32 36015 SCHIO (VI) CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE. Anno Scolastico 2012/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE IL TESSITORE VIA DEI BOLDU, 32 36015 SCHIO (VI) CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE Anno Scolastico 2012/2013 CORSO DI INGLESE PER ADULTI Insegnanti: Brazzale Maria Lucia ed un

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Giugno 2010 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia.

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia. FRANCESE FINE CLASSE TERZA PRIMARIA L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del

Dettagli

Il bosco delle sensazioni

Il bosco delle sensazioni Programmazione sezione prima SCUOLA DELL'INFANZIA "VILLA FLAMINIA" A.S. 2015 /2016 Il bosco delle sensazioni INSEGNANTI Maela Avvisati Oriana Riina Tina Iavarone Dimmi e io dimentico Mostrami e io ricordo

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Progettazione annuale

Progettazione annuale Scuola dell Infanzia PORRANEO Paritaria di ispirazione Salesiana dal 1899 Progettazione annuale Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE MARILU E I 5 SENSI Alla scoperta dei cinque sensi: Gustare

Dettagli

NELLA FORMA ATTIVA IL SOGGETTO COMPIE L AZIONE ESPRESSA DAL VERBO. Angela intervista Laura

NELLA FORMA ATTIVA IL SOGGETTO COMPIE L AZIONE ESPRESSA DAL VERBO. Angela intervista Laura NELLA FORMA ATTIVA IL SOGGETTO COMPIE L AZIONE ESPRESSA DAL VERBO Angela intervista Laura chi compie l azione azione compiuta oggetto su cui passa l azione NELLA FORMA PASSIVA, INVECE, IL SOGGETTO SUBISCE

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

Articolazione delle prove. - comprensione locale del testo. - comprensione globale del testo. -competenza lessicale

Articolazione delle prove. - comprensione locale del testo. - comprensione globale del testo. -competenza lessicale Articolazione delle prove 1. La competenza TESTUALE 2. La competenza GRAMMA TICALE 3. La competenza LESSICALE - coesione testuale - coerenza testuale - inferenze - registro a. morfologia verbale, b. sistema

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

Nome e cognome : DICEMBRE 2012. Punti: / 120 p. Tempo : max 65mn Punteggio:

Nome e cognome : DICEMBRE 2012. Punti: / 120 p. Tempo : max 65mn Punteggio: Nome e cognome : DICEMBRE 2012 Punti: / 120 p Tempo : max 65mn Punteggio: A VOCABOLARIO: U4 U5 U6 1 TRADUCI IN ITALIANO [!!! ortografia!!! ] [ attenti : 1 errore e non hai più i punti della domanda] [

Dettagli

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe a comprendere testi di vario tipo. Colori Oggetti di uso comune Animali domestici Numeri (-0) Identificare la corrispondenza parole/immagini e viceversa di : colorioggetti-animali-numeri

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

attraverso l'ascolto attento della spiegazione in classe che ci chiarira' le caratteristiche generali dell'argomento in questione (ascolto globale)

attraverso l'ascolto attento della spiegazione in classe che ci chiarira' le caratteristiche generali dell'argomento in questione (ascolto globale) NOTE SUL METODO DI STUDIO a cura di Valeria Calcagno prima fase Quando ci si accinge a studiare un nuovo argomento è necessario avere prima di tutto un'idea generale di esso. come? attraverso l'ascolto

Dettagli

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori PROGETTAZIONE DIDATTICA a/s 2013-2014 Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori Breve viaggio attorno al cibo e oltre Percorso di scoperta ed interazione tra il cibo e le qualità che gli alimenti nascondono:

Dettagli

Traguardi di competenza Obiettivi linguistici e comunicativi. Obiettivi culturali. Scuola Infanzia

Traguardi di competenza Obiettivi linguistici e comunicativi. Obiettivi culturali. Scuola Infanzia Scuola Infanzia Traguardi di competenza Obiettivi linguistici e comunicativi. Obiettivi culturali. Obiettivi: Potenziare l ascolto, la comprensione e la produzione in lingua friulana. Potenziare le capacità

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura Quando ascolta,

Dettagli

Vediamone una alla volta.

Vediamone una alla volta. SESSUALITÀ: SI APRE UN MONDO! Non lasciarti ingannare anche tu. SESSUALITÀ È TUTTA LA PERSONA UMANA. Secondo il modello proposto da Fabio Veglia 1, l esperienza della sessualità umana si organizza intorno

Dettagli

CLASSI I SERVIZI COMMERCIALI E DELLA PUBBLICITA, TECNICO TURISTICO DOCENTI: ASEGLIO, BREWER, DELLACA, MANTELLI, PRADOTTO.

CLASSI I SERVIZI COMMERCIALI E DELLA PUBBLICITA, TECNICO TURISTICO DOCENTI: ASEGLIO, BREWER, DELLACA, MANTELLI, PRADOTTO. MATERIA INGLESE CLASSI I SERVIZI COMMERCIALI E DELLA PUBBLICITA, TECNICO TURISTICO DOCENTI: ASEGLIO, BREWER, DELLACA, MANTELLI, PRADOTTO. CODICE N 1 DENOMINAZIONE Grammatica della frase e del testo Funzioni

Dettagli

Per informazioni: contattare l agente Licosa di zona. Oppure: banchedati@licosa.com. il Sansoni Francese. il Sabatini Coletti. il Sansoni Tedesco

Per informazioni: contattare l agente Licosa di zona. Oppure: banchedati@licosa.com. il Sansoni Francese. il Sabatini Coletti. il Sansoni Tedesco il Sabatini Coletti versione professionale 190.000 lemmi e accezioni 39.300 locuzioni 1580 polirematiche 45.400 sinonimi 83.000 etimologie e date della prima attestazione Divisione in sillabe e pronuncia

Dettagli

COLLOQUIO EFFICACE URBINO 3-12-2010. Antonella Scalognini A.A.2010/2011. www.mastercounselingurb.it

COLLOQUIO EFFICACE URBINO 3-12-2010. Antonella Scalognini A.A.2010/2011. www.mastercounselingurb.it COLLOQUIO EFFICACE URBINO 3-12-2010 Tipologie di rispecchiamento Il rispecchiamento può avvenire: -a livello non verbale, quando si riproducono la posizione, i gesti, i movimenti, la respirazione, l espressione

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA UDITIVO PROF. EDORDO ARSLAN Indice 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

LINGUA FRANCESE - CURRICOLO

LINGUA FRANCESE - CURRICOLO LINGUA FRANCESE - CURRICOLO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA Comunicazione nelle lingue straniere: Comprendere espressioni di uso frequente. Pronunciare un repertorio di parole e frasi di uso comune. Conoscere

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE LINGUA ITALIANA. 2 Livello

ALFABETIZZAZIONE LINGUA ITALIANA. 2 Livello ALFABETIZZAZIONE LINGUA ITALIANA 2 Livello UD 30.2 Anno primo Alfabetizzazione italiana II 1 Competenze usare forme linguistiche di base per gestire dialoghi semplici e interagire in situazioni interpersonali

Dettagli

PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010

PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010 PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010 Alla scoperta dei cinque sensi: gustare con gli occhi, vedere con le mani,ascoltare gli odori. Un viaggio nel mondo della percezione Vedo il mondo, se tu mi parli

Dettagli

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

Le lingue dei segni: luoghi comuni

Le lingue dei segni: luoghi comuni Le lingue dei segni: luoghi comuni La modalità visivo-gestuale non può sostituire in modo completo quella acustico-vocale (le lingue parlate e quelle segnate sviluppano le stesse aree cerebrali) La lingua

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

IIS D ORIA - UFC INDICE DELLE UFC

IIS D ORIA - UFC INDICE DELLE UFC INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Grammatica della frase e del testo 2 Grammatica della frase e del testo 3 Grammatica della frase e del testo 4 INTRODUZIONE AL MONDO PROFESSIONALE (SOLO PER LA CLASSE

Dettagli

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39 Parte I Premesse teoriche per un uso consapevole della lingua 1 Dal latino all italiano Come leggere i messaggi pubblicitari 1 La comunicazione 2 1 Cos è la comunicazione: significante, significato, segno

Dettagli

Lezione 0 Gli oggetti della classe

Lezione 0 Gli oggetti della classe Di seguito proponiamo la lista degli esercizi interattivi per ogni lezione di Chiaro! A2 - libro dello studente al fine di renderne più facile l uso sia per gli studenti che per gli insegnanti. È infatti

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Insegnare italiano L2: la sintassi

Insegnare italiano L2: la sintassi L apprendimento dell italiano L2 Insegnare italiano L2: la sintassi Cecilia Andorno Una domanda preliminare, anzi due Che cosa bisogna insegnare? ovvero: 1. Che cosa c è da imparare? 2. Che cosa sa (già)

Dettagli

IL GUSTO QUARTA UNITA. 1 parte

IL GUSTO QUARTA UNITA. 1 parte QUARTA UNITA IL GUSTO 1 parte Spesso il senso del GUSTO viene poco sviluppato a scuola, scarse sono infatti le proposte reperibili in riferimento ad attività che coinvolgano attivamente gli alunni. Diventa

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Sessualità coniugale e metodi naturali

Sessualità coniugale e metodi naturali INER-Italia Istituto per l Educazione alla Sessualità e alla Fertilità Sessualità coniugale e metodi naturali Corso di preparazione per animatori di fidanzati e giovani coppie di sposi INER BS www.fecunditas.it

Dettagli

Pistoia Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali, Turistici e Socio-Sanitari

Pistoia Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali, Turistici e Socio-Sanitari ASSE DEI LINGUAGGI Tecnico servizi socio-sanitari 1 ANNO PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE ITALIANO Anno Competenze (1) Abilità/Capacità/ Saper fare (2) Conoscenze/ Saperi (3) Moduli (4) 1 Padroneggiare gli

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA 1 RICEZIONE ORALE 1. Familiarizzare coi primi suoni della lingua inglese 2. Comprendere semplici espressioni di uso quotidiano, pronunciate chiaramente. 3. Comprendere,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

L origine del riso. Tratto da La fata della luna di F.Lazzarato Edizioni Mondadori)

L origine del riso. Tratto da La fata della luna di F.Lazzarato Edizioni Mondadori) L origine del riso 1 C erano al tempo degli dei, due giovani sposi che si volevano molto bene. La loro 2 vita era felice e facile perché la terra era così fertile che bastava allungare una 3 mano per raccogliere

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO CLASSI TERZA E QUARTA Competenza 1. Interagire e comunicare oralmente in contesti di diversa natura. Al termine del II biennio ( 3^ e 4^ Scuola Primaria)

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Educazione di genere: impossibile non farla

Educazione di genere: impossibile non farla Educazione di genere: impossibile non farla Inizia prima della nascita Riguarda loro, ma innanzitutto noi Riguarda la soggettività individuale ma anche la struttura sociale E la struttura sociale a sua

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti PER LA SCUOLA DELL INFANZIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 IL SE E L ALTRO - Gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie

Dettagli

PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA DELL INFANZIA VIA T. M. FUSCO a.s.2011/2012 Premessa Nel periodo della Scuola dell infanzia i bambini acquisiscono e strutturano atteggiamenti e modelli comportamentali

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI BRESCIA

CUSTOMER SATISFACTION SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI BRESCIA Comune di BRESCIA CUSTOMER SATISFACTION SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI BRESCIA Indagine condotta su bambini, ragazzi e genitori delle Scuole Primarie Maggio 2015 L indagine in forma

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Pablo sesso: m Data di nascita Paese di provenienza Brasile Nome dell'interprete

Dettagli

Vademecum per insegnare l'italiano come L2. Badia Polesine

Vademecum per insegnare l'italiano come L2. Badia Polesine Vademecum per insegnare l'italiano come L2 Badia Polesine Quali sono gli aspetti della presenza di alunni migranti che ti creano problemi professionali? Cosa ti piace fare? Leggere Mangiare cibi sconosciuti

Dettagli

- 1 reference coded [1,94% Coverage]

<Documents\bo_min_3_F_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,94% Coverage] - 1 reference coded [1,94% Coverage] Reference 1-1,94% Coverage Spesso andiamo al cinese, prendiamo il cibo da asporto, è raro che andiamo fuori a mangiare, anzi quando

Dettagli

Nella stesura del percorso di scienze per la classe seconda ho desiderato

Nella stesura del percorso di scienze per la classe seconda ho desiderato LA LINGUA E I DENTI dall albero al corpo umano in seconda primaria di Silvia Bonati* Può iniziare il percorso di conoscenza del corpo umano nella classe seconda della scuola primaria. Un percorso che,

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

GIOCARE CON GUSTO INSEGNANTI:

GIOCARE CON GUSTO INSEGNANTI: GIOCARE CON GUSTO INSEGNANTI: Borgoni Valter Zanotti Daniela Sacchetti Cristina Sartori Alessandra Mochi Valentina (sostegno) Spagnoli Elisa (religione) Lazzari Maria Grazia (assistente per l integrazione)

Dettagli

TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO A2 (Elementare 3)

TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO A2 (Elementare 3) Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO A2 (Elementare 3) 1. Completa il testo con gli articoli e le desinenze dei nomi e degli aggettivi. Le tendenze alimentari italiane. Quali sono le mode alimentari

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Modello formativo interculturale e autobiografico. A cura di Ambra Gasparetto

Modello formativo interculturale e autobiografico. A cura di Ambra Gasparetto Modello formativo interculturale e autobiografico A cura di Ambra Gasparetto Attività interculturale Livello cognitivo Informazione - conoscenza Livello affettivo Rappresentazioni reciproche ed emozioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI EDOLO CURRICOLO DI LINGUA INGLESE - SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA. Conoscere alcuni vocaboli in inglese di uso comune.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI EDOLO CURRICOLO DI LINGUA INGLESE - SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA. Conoscere alcuni vocaboli in inglese di uso comune. ISTITUTO COMPRENSIVO DI EDOLO CURRICOLO DI LINGUA INGLESE - SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA NUCLEO FONDANTE COMPETENZE ATTESE CONOSCENZE E ABILITA' AMBIENTE DI APPRENDIMENTO (Quadro Comune Riferimento Europeo)

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME

Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME OBIETTIVI 1. Acquisizione di competenza linguistica in vari campi del sapere 2. Oggettivazione e formalizzazione delle strutture linguistiche,

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Dai 3 anni Bene In parte No Comprende semplici consegne e risponde utilizzando prevalentemente codici extralinguistici

Dai 3 anni Bene In parte No Comprende semplici consegne e risponde utilizzando prevalentemente codici extralinguistici 1. Comunicare oralmente:comprensione e produzione Dai 3 anni Bene In parte No Comprende semplici consegne e risponde utilizzando prevalentemente codici extralinguistici Risponde fisicamente a semplici

Dettagli

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV...

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV... TEST D INGRESSO DI ITALIANO Cognome...Nome...Classe IV... PUNTEGGIO FINALE.../50 VOTO ORTOGRAFIA Scegli l'alternativa corretta tra quelle proposte, barrando la lettera corrispondente. (1 punto in meno

Dettagli

1 modulo. CREAZIONE DI POESIE tra metafore e similitudini

1 modulo. CREAZIONE DI POESIE tra metafore e similitudini 1 modulo CREAZIONE DI POESIE tra metafore e similitudini Con questo primo modulo si vuole intraprendere un percorso di individuazione di immagini e comportamenti diffusi fra i bambini riguardo alle figure

Dettagli

LINGUA SPAGNOLA. Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado:

LINGUA SPAGNOLA. Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado: LINGUA SPAGNOLA Le indicazioni nazionali per il curricolo del primo grado di istruzione hanno individuato nuovi traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Abitudini alimentari e salute: combattere l obesità infantile con il cibo.

Abitudini alimentari e salute: combattere l obesità infantile con il cibo. Abitudini alimentari e salute: combattere l obesità infantile con il cibo. 13 marzo 2012 Mauro D Aveni Ufficio Qualità Coldiretti Torino «Gli alimenti sani non sono tutti uguali: imparare a riconoscerne

Dettagli

CHE LETTORI SONO GLI STUDENTI ITALIANI? nei risultati delle indagini nazionali ed internazionali

CHE LETTORI SONO GLI STUDENTI ITALIANI? nei risultati delle indagini nazionali ed internazionali CHE LETTORI SONO GLI STUDENTI ITALIANI? nei risultati delle indagini nazionali ed internazionali INVALSI scuola primaria 2009 IEA-PIRLS (ICONA) 2006 INVALSI Prova Nazionale secondaria di 1 grado 2009 OCSE-PISA

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO IV CIRCOLO. Scuola dell Infanzia A. Meoni SCOPRO I SENSI

ISTITUTO AUTONOMO IV CIRCOLO. Scuola dell Infanzia A. Meoni SCOPRO I SENSI ISTITUTO AUTONOMO IV CIRCOLO Scuola dell Infanzia A. Meoni SCOPRO I SENSI I bambini della scuola dell infanzia Meoni sono stati protagonisti, nel corrente anno scolastico, del percorso Scopro i sensi al

Dettagli

Raffaele Marino SUONANDO LA TRADIZIONE PETINESE

Raffaele Marino SUONANDO LA TRADIZIONE PETINESE Raffaele Marino SUONANDO LA TRADIZIONE PETINESE A una persona speciale che mi ha dato lo sprint e la fantasia di scrivere. E a mia nonna che mi ha concesso di visionare le sue ricette. Prefazione Vita

Dettagli

PIANO DI LAVORO LINGUA STRANIERA: INGLESE SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA MANASSEI - ROMA

PIANO DI LAVORO LINGUA STRANIERA: INGLESE SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA MANASSEI - ROMA PIANO DI LAVORO LINGUA STRANIERA: INGLESE SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA MANASSEI - ROMA A.S. 2012-2013 CLASSE PRIMA Obiettivo generale: Ascoltare e comprendere semplici messaggi Distinguere

Dettagli

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE CURRICOLO DI LINGUA INGLESE 1^ e 2^ anno RICEZIONE ORALE Comprendere espressioni di uso quotidiano finalizzate alla soddisfazione di bisogni elementari Gestire semplici scambi comunicativi Comprendere

Dettagli

Essere "con" - Essere "per" Omelia nella festa degli anniversari di matrimonio e solennità della SS. Trinità, maggio 2008

Essere con - Essere per Omelia nella festa degli anniversari di matrimonio e solennità della SS. Trinità, maggio 2008 Essere "con" - Essere "per" Omelia nella festa degli anniversari di matrimonio e solennità della SS. Trinità, maggio 2008 Bellissima la coincidenza odierna, qui al Suffragio, che celebra insieme la festa

Dettagli

FARE GRAMMATICA CON IL MODELLO VALENZIALE

FARE GRAMMATICA CON IL MODELLO VALENZIALE INTERVENTO CONVEGNO CIDI 10 MAGGIO 2015 PATRIZIA GUIGGI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO FARE GRAMMATICA CON IL MODELLO VALENZIALE UNO STRUMENTO DI LAVORO PER INSEGNARE E APPRENDERE LA LINGUA IPOTESI Riflessione

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli