PROGETTI LEZIONI DI APPROFONDIMENTO EVENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTI LEZIONI DI APPROFONDIMENTO EVENTI"

Transcript

1 PG LZ D PPFDM V ei prospetti seguenti sono illustrati, in sintesi, i PG, L LZ D PPFDM GL V da attuarsi nell a.s PG sono suddivisi in base alle aree cui afferiscono e che sono parte integrante del Curricolo d stituto elaborato dall stituto Comprensivo 2 in conformità alle ndicazioni azionali;sono altresì indicati i destinatari cui tali progetti sono indirizzati. l prospetto è seguito dalle schede in dettaglio dei singoli Progetti. D FM LGUSC-SC- SPSSV M MMC-SCFC- PG DS Progetto Continuità:alunni delle classi ponte Progetto Laboratorio teatrale: alunni cinquenni scuola dell nfanzia, alunni scuola Primaria (a pagamento) Progetto Lettura interpretata : alunni V e V Scuola Primaria Progetto d stituto o vivo qui : tutti gli alunni dell.c. Progetto ecupero: alunni della Scuola Primaria Progetto Classi perte: alunni della Scuola Secondaria di primo grado Progetto Comenius: alunni delle classi seconde della Scuola Secondaria di primo grado Progetto Diario rcobaleno delle mozioni : alunni cinquenni della Scuola dell nfanzia, alunni della Scuola Primaria e alunni delle classi prime e seconde della scuola Secondaria di primo grado Progetto atale: tutti gli alunni dell stituto Comprensivo Progetto Quotidiano in classe : alunni classi terze della Scuola Secondaria di primo grado Progetto Coro Voci Bianche : alunni Primaria Pentathlon ntegrato: alunni diversamente abili e non di tutto l stituto Gruppi Sportivi: alunni Scuola Secondaria ttività motoria: alunni Scuola dell nfanzia e della Scuola Primaria Corso tennistavolo: alunni quinta della Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado lfabetizzazione Motoria C: plessi ufano e Pantanello (qualora tale progetto non verrà presentato dal C, inizierà il progetto di Psicomotricità realizzato in forma gratuita dall ssociazione nagni basket a partire da Gennaio). Giochi Matematici: Giochi d utunno Università Bocconi (contributo delle famiglie) e Giochi Morosini: alunni Scuola Secondaria

2 CLGC Progetto ecupero: alunni della Scuola Primaria Progetto Classi perte: alunni della Scuola Secondaria di primo grado SC-GGFC-SCL Progetto d stituto o vivo qui : tutti gli alunni dell.c. Progetto Comenius: alunni delle classi seconde della Scuola Secondaria di primo grado Progetto Unplugged: alunni 1^ e 1^H e classi seconde della Scuola Secondaria di primo grado Progetto Genitori a Scuola : genitori e alunni della Scuola dell nfanzia Progetto rientamento: alunni delle classi terze della Scuola Secondaria ( a Pagamento) Progetto..: alunni, genitori, docenti dell.c. PG PSCPDGGC CP lunni Scuola Secondaria di primo grado FF FMV CP ttivazione di corsi di Lingua nglese, nformatica, Musicologia, corso di lfabetizzazione della Lingua taliana, corsi di licenza media; corsi di alfabetizzazione della Lingua taliana, di Licenza Media e sezione coreutica presso la Casa Circondariale di Paliano. utti i corsi sono previsti in orario antimeridiano e pomeridiano MPLM DLL FF FMV : PG LGUSC-SC-SPSSV M MMC - SCFC SCL CLSS C U L B L L U P P G S U C U P C L S S P C M U S P G D P G L P G Q U D C L S S P L G G C H S P V S U D S C H C S S V L S Y B S K L F B Z Z Z M G C H M S G C H D U U - B CC U P L U G G D M CQU X X X X X X X X X

3 PM 1^ PM 2^ PM 3^ PM 4^ PM 5^ SCD 1^ SCD 2^ SCD 3^ X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X 1^ 1^H X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X MPLM DLL FF FMV : LZ D PPFDM CLSS LG L CS M C B LG L : F Z LG L : PL Z PS L LGL : VS CS CCD L - PL SCU ZZ: P Z CVL SP SLU : CMU / SP SLU : DLG PC P CSU L FUU PM 1^ PM 2^ PM 3^ PM 4^ PM 5^ SCD 1^ SCD 2^ SCD 3^ X X X X X X X X X X X X X X X Sono previsti, inoltre, i seguenti V: X Giornata azionale della Sicurezza nelle scuole; pen Day nel mese di Gennaio; Lezioni concerto a cura degli alunni del corso ad indirizzo musicale; Festa dell Unita d talia nel mese di Marzo,

4 SLU CLSS Z : festa di fine anno per gli alunni delle classi terze della Scuola Secondaria di primo grado; Manifestazione finale relativa al Progetto d stituto Partecipazione ad eventi sportivi di rilevanza nazionale PG: LGUSC-SC-SPSSV PG CU SCUL DLL FZ SCUL PM SCUL SCD 1 GD DS lunni delle classi ponte MP DU CS ntero anno scolastico FL n coerenza con le ndicazioni azionali per il curricolo: Creazione di una scuola come luogo accogliente capace di ottenere la partecipazione più ampia degli alunni a un progetto educativo condiviso Valorizzazione dei momenti di passaggio tra ordini di scuola con particolare attenzione alla formazione della classe come gruppo,, alla promozione dei legami cooperativi e alla gestione dei conflitti ealizzazione di un curricolo delineato secondo un percorso educativo continuo V' Preparazione del curricolo attraverso incontri fra docenti di ogni ordine e

5 grado ttività di aggiornamento comune e di autoaggiornamento Predisposizione di iniziative di accoglienza degli alunni delle classi prime. Promozione ed organizzazione di eventi comuni: X Giornata della Sicurezza Partecipazione al concorso La via dei Presepi Visite guidate in continuità ttività comuni per la realizzazione del Progetto d stituto ealizzazioni di musical ( come da schede progetto seguenti) ttività motoria (come da schede progetto seguenti) DC utti i docenti dell stituto SPZ Spazi interni ed esterni della scuola PG CU Cantando s impara.dall antica oma all talia di oggi DS SCUL PM + SCUL SCD 1 GD Scuola secondaria di primo grado: classe H, classe Scuola primaria: classe V -VB San Giorgetto MP DU CS quadrimestre 15 ore(docente scuola secondaria) 15 ore (ciascun docente scuola primaria) CMPZ Saper usare la tecnica base del canto funzionale all analisi ed alla riproduzione di brani musicali BL iprodurre con la voce brani corali e solistici CSCZ ecnica base del canto GZZZ Gli alunni della secondaria cureranno le canzoni del musical(solisti compresi) Gli alunni della primaria cureranno la drammatizzazione e le parti corali dei brani

6 V' Preparazione della parte musicale(docente della secondaria:. Mattioli) La drammatizzazione sarà curata dalle insegnanti delle 2 classi V DC oberto Mattioli (docente scuola secondaria) Docenti curricolari delle classi quinte SPZ PD FL Le singole aule per la preparazione; palestre per le prove; SL della G per la realizzazione MUSCL: CD S MP PG CU L DLL CBL La nascita della musica DS SCUL PM + SCUL SCD 1 GD Scuola secondaria di primo grado: classe, classe F Scuola Primaria Pantanello: classe V, Scuola Primaria ufano: classe V MP DU CS quadrimestre, in orario curricolare ed extracurricolare Marzo,/prile/Maggio 20 ore ( per ciascun docente scuola secondaria) 20 ore (docenti scuola primaria) CMPZ Partecipa in modo attivo alla realizzazione di esperienze musicali e di recitazione attraverso l esecuzione e l interpretazione di brani vocali e recitati appartenenti a culture e generi diversi rticola combinazioni timbriche, ritmiche e melodiche, le esegue con la voce e il corpo Utilizza le conoscenze e le abilità relative al linguaggio visivo per produrre varie tipologie di testi visivi (espressivi narrativi, comunicativi) e rielabora in modo creativo la parte recitata e cantata Utilizza gli aspetti comunicativo-relazionali del linguaggio corporeo oltre allo specifico della corporeità,delle sue funzioni e dell consolidamento e dello aviluppo delle attività motorie Sviluppa un etica della responsabilità, che si realizza nel dovere di scegliere e agire in modo consapevole e che implicano l impegno a elaborare idee e a promuovere azioni finalizzate al miglioramento continuo del proprio contesto di vita Sperimenta comportamenti autentici di solidarietà e collaborazione, in vista di un obiettivo comune Stimola e arricchisce la creatività e il pensiero divergente

7 BL CSCZ GZZZ Matura la capacità di introspezione e la capacità di produrre le emozioni e il pensiero tramite il linguaggio verbale e i linguaggi non verbali iconosce il valore della differenza ed acquisisce atteggiamenti di dialogo e di apertura verso le culture altre sperienze di laboratorio, di educazione aal suono e alla musica, di canti di gruppo, sonorizzazione di fiabe, attività ritmico-musicale in forma ritmico libera e guidata, associazione di suoni a movimenti, andature, semplici coreografie Conoscere le tradizioni letterarie (mito, favola, fiaba) e musicali della propria e delle altre culture. Perfezionare la dizione e la modulazione espressiva della voce. Sviluppare le capacità di ascolto e di analisi dei testi sonori e musicali. Sviluppare le abilità ritmiche e melodiche. Sviluppare la coordinazione ritmico-motoria e la padronanza del movimento nello spazio scenico. Sviluppare le potenzialità mimico-gestuali del corpo. rasformare immagini e materiali ricercando soluzioni figurative originali. sperienze di laboratorio, di educazione al suono e alla musica di canti di gruppo, sonorizzazione di fiabe, attività ritmico-musicale in forma libera e guidata, associazione di suoni a movimenti, andature, semplici coreografie. lementi costitutivi l espressione grafica, pittorica,plastica. Principali forme di espressione artistica Le classi, all inizio, lavoreranno separatamente come in una suite musicale per poi unire i diversi tasselli in un unico quadro. Gli alunni saranno coinvolti in modo attivo in esercitazioni e produzioni pratiche. la drammatizzazione partirà da stimoli letterari (racconti, fiabe, miti, ecc..), musicali (canti, balletti, opere), iconici (fato, dipinti..). La ricerca dei materiali sarà orientata principalmente verso la conoscenza delle tradizioni letterarie (mito, favola, fiaba), in un ottica interculturale. Saranno esplorate diverse strategie che convergeranno nel lavoro finale. La realizzazione dei costumi, degli oggetti scenici, delle scenografie si ispireranno all essenzialità del teatro povero, con l utilizzo prevalente di materiale da recupero e materiali poveri (carta, cartoncino,.). V' Le attività si effettueranno secondo le seguenti fasi, molte delle quali si svolgeranno in modo integrato e sincronico. sercitazioni propedeutiche di carattere ludico-espressivo riguardanti la gestualità,la mimica, la voce, il suono, il ritmo, lo spazio; laborazione del testo teatrale con limatura e definizione in corso d opera; scelta dei sottofondi musicali e/o realizzazione delle parti musicali; realizzazione di movimenti ritmici e/o coreografici; realizzazione della scenografia, dei costumi e dei materiali di scena, pubblicizzazione degli spettacoli (presentazioni, locandine, inviti..) messa in scena e spettacolo finale eventuale documentazione video e/o fotografica in itinere e finale DC Docente di musica della scuola secondaria Docenti di rte e mmagine della scuola secondaria Docenti della scuola primaria delle classi interessate SPZ Le singole aule per la preparazione; palestre per le prove; SL della G per la realizzazione

8 PD FL Drammatizzazione LB L FZ PM SCUL SCD 1 GD DS lunni scuola nfanzia e scuola Primaria del plesso di ufano MP DU CS Giorni ed rari da concordare n 60 ore nell arco dell intero anno scolastico da svolgersi durante i rientri pomeridiani l corso è gratuito FL' Promozione di iniziative rivolte a sviluppare e/o consolidare la coscienza di sé attraverso l espressione del sé corporeo cquisizione di abilità di dizione V' SPZ icerca del personaggio spressione corporea Dizione Movimento scenico Clownerie aule PD FL Messa in scena di uno spettacolo teatrale

9 LB L FZ PM SCUL SCD 1 GD lunni Scuola Primaria DS previsto esperto esterno MP CS quadrimestre, una ora a settimana 4,00 euro mensili FL' vvicinare gli alunni all arte scenica e alla sua evoluzione contemporanea Sviluppare determinate tecniche espressive attraverso il gioco e la sperimentazione dei propri linguaggi espressivi. GZZZ 1 fase: formazione del gruppo di lavoro 2 fase: scelta del testo da rappresentare 3 fase: prove dello spettacolo e rappresentazione finale V' sercizi di socializzazione, di ampliamento delle proprie capacità espressive e di capacità all ascolto. ecniche recitative. Lezioni di dizione e di storia del teatro

10 SPZ Spazi della struttura scolastica PD FL Messa in scena del prodotto teatrale LU P FZ PM SCUL SCD 1 GD DS lunni Scuola Primaria classi quarte e classi quinte Docenti delle classi interessate MP ttobre Dicembre ora a settimana CS l corso è gratuito FL' mparare a gestire paure ed emozioni Pronunciare le parole in modo chiaro e asciutto con semplici tecniche di buona dizione Controllare le reazioni del proprio corpo Coinvolgere coloro che ascoltano V' mpostare, in modo nuovo, il concetto di lettura ad alta voce

11 rasformare i momenti di lettura in classe in contesti scenici semplici ed essenziali GZZZ l laboratorio è propedeutico all attività teatrale vera e propria SPZ Spazi della struttura scolastica DC F PD FL Prof. Gaetano D nofrio Documentazione mediante foto, video, articoli da mettere in mostra alla fine dell'anno scolastico QUD CLSS FZ PM SCUL SCD 1 GD lunni delle classi terze in collaborazione con l sservatorio Permanente Giovani-ditori di Firenze DS MP Dal 15 ottobre 2013 al 7 Giugno 2014 ( martedì e giovedì) FL' Stimolare gli alunni alla lettura dei diversi quotidiani Creare nelle classi momenti di discussione su tematiche di attualità che interessano l opinione pubblica e, soprattutto, riguardano i giovani. ffrire agli alunni la possibilità di informarsi e formarsi un opinione propria sui fatti che accadono nella società GZZZ docenti propongono la lettura dei quotidiani in classe V' Lettura e commento di articoli, seguiti da riflessioni personali e collettive

12 SPZ DC CD ula Professor D nofrio VV QU- Genius loci l paesaggio come bene comune FZ PM SCUL SCD 1 GD DS MV D FM MP DU MVZ alunni dei tre ordini di scuola rt. 9 della Costituzione; Convenzione uropea del paesaggio, 2000; ccordo-quadro fra il Ministero per i Beni Culturali e mbientali e il Ministero della Pubblica struzione del 20 marzo 1998; rt. 119 del Codice dei beni culturali e del paesaggio ( D.L. 22/1/2004, n. 42); rt. 21 della legge 15 marzo 1997, n.59 l progetto si snoderà attraverso uno studio pluridisciplinare che avrà durata triennale L educazione al paesaggio, partendo dal rapporto tra uomo e natura, è capace di tessere un filo conduttore che permette di rileggere il passato, vivere il presente e pensare il futuro. ssa fornisce l opportunità di affrontare numerose questioni educative che spaziano dalla relazione tra natura e cultura, alla rilettura della storia,

13 FL' all esigenza di fruizione, alla possibilità di ideare spazi di vita appropriati per arrivare alla progettazione del futuro. Promuovere la continuità tra i tre ordini di scuola nella realizzazione di un progetto unico dal quale emerge una progressione delle attività svolte da alunni di diversa fascia di età Promuovere l integrazione del curricolo con attività inerenti ad una pluralità di linguaggi diversificati (musicale, teatrale, informatico, linguistico) Promuovere la collaborazione tra scuola e territorio Promuovere la conoscenza del territorio per arrivare, attraverso la lettura dei suoi segni, ad una fruizione consapevole del patrimonio culturale a partire dal patrimonio locale per mantenere la memoria, riscoprire le identità comunitarie, progettare. Promuovere negli alunni il rispetto consapevole dell ambiente, la tutela del paesaggio come valore primario delle singole comunità la conoscenza e l esercizio di diritti e doveri, la consapevolezza del loro ruolo di cittadini di oggi e di domani GZZZ CMPZ PCS l progetto d stituto si basa sullo sviluppo di una attività di progettazione per classi/sezioni parallele; potrà prevedere una collaborazione in verticale e in orizzontale tra le varie classi. l progetto d stituto sarà oggetto di verifica in itinere per valutare la corrispondenza con quanto progettato l progetto d istituto sarà oggetto di verifica sommativa al termine delle attività tramite utilizzo di apposite schede CSC: Conosce mediante l osservazione elementi tipici (fisici, antropici, istituzionali) del proprio territorio LGG: iconosce nel proprio territorio le soluzioni date dall uomo in risposta ad alcuni bisogni (abitare, comunicare, lavorare, nutrirsi, stare insieme, curarsi) iconosce analizza aspetti del proprio territorio attraverso i linguaggi specifici delle discipline PBLMZZ: Fa ipotesi argomentate per migliorare il territorio il cui vive PG: appresenta, attraverso semplici progetti, alcune trasformazioni avvenute nel proprio territorio labora progetti di intervento e di trasformazione sul proprio territorio Paesaggio come sistema naturale: paesaggio geografico paesaggio fisico città e campagna Paesaggio come sistema in evoluzione: siti archeologici fonti storiche (iconografiche, materiali, scritte, testimonianze,) leggende, detti Proverbi Poesie, nenie,conte, Fiabe edifici storici e monumentali ricerca delle nostre origini, ricette, cibi antichi, giochi, strumenti musicali

14 Paesaggio come sistema agrario: l edilizia rurale e l assetto del territorio la cultura, l alimentazione, le tradizioni le colture,tecniche di coltivazione il paesaggio agrario tra economia ed ecologia Paesaggio come sistema antropico: flora e fauna, agricoltura, allevamento, artigianato, industria, servizi arte modi di abitare Usi e costumi: feste, tradizioni, giochi, folclore ( canti,danze,vestiti.) cologia del paesaggio Salvaguardia del territorio ematiche ambientali legate all inquinamento della Valle del Sacco Passato recente: sviluppo urbano- sviluppo industriale. Crisi ambientale icerca di una nuova identità Come intervenire? Una valle da bonificare e valorizzare utela del paesaggio Costituzione taliana e tutela del paesaggio ormativa regionale Lo statuto comunale stituzioni di controllo Le associazioni locali Sono previste: ttività di ricerca storica in luoghi deputati V' sservazione de visu della realtà; iproduzione della realtà osservata attraverso linguaggi specifici, ttività laboratoriali inerenti il campo d indagine Discussioni per l individuazione e il confronto di categorie di elementi, la loro varietà, i significati e le loro relazioni SPZ PD CLLGM C L PG aule, palestra, aule di informatica, aule attrezzate per le attività laboratoriali, uscite didattiche : prodotti realizzati e messi in mostra per il mercatino di atale che risulta una tappa intermedia del progetto in questione e collegato con il Progetto Comenius FL: documentazione mediante foto, video, articoli, libri, depliant da mettere in mostra alla fine dell anno scolastico durante la manifestazione lungo le strade di nagni ( drammatizzazioni, canti ecc) CMUS, LGL, SCUZZ, CU

15 PG CLSS P FZ PM SCUL SCD 1 GD DS lunni delle classi prime, delle classi seconde e delle classi terze della scuola secondaria di primo grado MP ovembre Maggio (in orario antimeridiano, 1 ora a settimana per ciascuna disciplina indicata: taliano, Matematica, nglese, Francese) CMPZ 1. Capacità di esprimere e interpretare concetti, pensieri, fatti e opinioni in forma sia orale che scritta 2. Capacità di esprimere e interpretare concetti, fatti e opinioni in lingua straniera sia orale che scritta 3. Capacità di usare modelli matematici di pensiero logico e di presentazione (formule, schemi, grafici) per spiegare il mondo che ci

16 circonda mediante l applicazione del metodo scientifico 4. Capacità di socializzare le proprie conoscenze utilizzando anche abilità di base nelle ecnologie dell informazione e della comunicazione (C) 5. Capacità di organizzare il proprio apprendimento attraverso una puntuale gestione del tempo e delle informazioni sia a livello individuale che di gruppo 6. Capacità di riconoscere il proprio ruolo all interno di un gruppo eterogeneo, anche con alunni provenienti da classi diverse, e rispettarne le regole al fine di una corretta convivenza civile 7. Capacità di pianificare e gestire progetti finalizzati al raggiungimento di obiettivi prefissati e in base alle proprie abilità 8. Capacità di socializzare quanto appreso attraverso una pluralità di linguaggi GZZZ gruppi saranno formati da alunni provenienti da classi parallele, aperte, per favorire la realizzazione del progetto. gruppi saranno omogenei per conoscenze e abilità ma eterogenei per provenienza; gli alunni di ciascun gruppo (recupero, consolidamento, potenziamento) saranno individuati dai Consigli di classe nel mese di ottobre e l elenco presentato entro 5 gg. al referente del progetto Classi perte. gruppi non saranno fissi ma potranno variare nel corso dell anno su indicazione dei rispettivi Consigli di classe dopo aver valutato i progressi di ogni singolo alunno. gni alunno avrà l opportunità di esprimere se stesso operando in un clima sereno e collaborativo, confrontandosi anche con docenti di altre classi. Sono previsti i seguenti tipi di intervento: ecupero: Favorire l ascolto, l attenzione, la comprensione e l esposizione. ecupero delle conoscenze, delle abilità di base e delle competenze Consolidamento: rricchimento lessicale e miglioramento del metodo di lavoro, per garantire la conservazione dell apprendimento conseguito Potenziamento: Suscitare e valorizzare interessi e capacità personali spetti fondamentali del progetto sono: concordare e condividere la programmazione concordare le verifiche e i criteri per la valutazione del lavoro svolto noltre, l efficacia del percorso sarà monitorata anche attraverso schede opportunamente elaborate. rea linguistico- espressiva (lingua italiana e lingua straniera) rea logico-matematica (teorica e pratico-operativa) CVL DC MPG Docenti di Lettere, Matematica e Lingua straniera (nglese, Francese, Spagnolo) del tempo normale (secondo orario opportunamente predisposto in funzione delle classi aperte) Docenti del CP : Lettere (Martedì, Giovedì, Venerdì) Matematica (Lunedì, martedì) nglese (Martedì, Venerdì)

17 SPZ aule CUP L MMC FZ PM SCUL SCD 1 GD DS alunni della scuola primaria: classi seconde, terze, quarte e quinte n orario extracurricolare MP DU CS 1 momento: quadrimestre 2 momento: quadrimestre(febbraio-maggio) l corso è gratuito FL' ecuperare eventuali lacune disciplinari in italiano e matematica

18 GZZZ Gli alunni saranno individuati dai docenti nei consigli di interclasse. umero alunni per gruppo: min 6 - max 10 DC MPG Docenti di italiano e matematica che avranno dichiarato la propria disponibilità SPZ aule CMUS FZ PM SCUL SCD 1 GD DS Classi seconde PD.S S FL' Promuovere lo sviluppo della conoscenza e della comprensione del valore delle diversità culturali e linguistiche Favorire nell alunno l apprendimento della lingua straniera Divenire autonomi in un ambiente globale incoraggiando lo sviluppo di abilità quali l ascolto e la comunicazione CMPZ Conoscere le tradizioni e le culture dei paesi coinvolti nel progetto Migliorare la conoscenza della lingua inglese Collaborare con ragazzi provenienti dai paesi partners

19 Comunicare attraverso una pluralità di linguaggi GZZZ Saranno coinvolte 12 mobilità individuate tra alunni delle classi seconde MBLÀ ovembre 2012 ep. Ceca Maggio 2013 Danimarca ovembre 2013 orvegia Gennaio 2014 Francia Maggio 2014 rlanda CCGLZ Saranno accolti 42 ragazzi provenienti dai paesi partners PD FL testimonianza dell esperienza saranno prodotti opuscoli, foto, video, CD V MFSZ VFC DC F DC CVL Dicembre 2012: Mercatino di atale Gennaio 2013: pen day Giugno 2013: Festa di fine anno Gennaio 2014: pen day Giugno 2014: festa di fine anno Verifica educativo-didattica da parte degli insegnanti coinvolti Verifica durante gli incontri di progetto e durante gli scambi di informazione.s Paolillo Simona.S Fiorito Milva Docenti di tutte le discipline PG D: L CBL DLL MZ FZ PM SCUL SCD 1 GD DS Scuola dell nfanzia: Cinquenni Scuola primaria:,,,v,v Scuola secondaria di primo grado: classi prime e seconde MP DU Data conclusiva del progetto inizio Maggio rario scolastico FL' accogliere, in uno strumento di lavoro, prodotti significativi degli alunni di ogni ordine e grado

20 GZZZ Suddividere le pagine del diario che possono essere modificate tra le classi/sezioni che partecipano Progettare due tipologie di diario (uno prodotto da cinquenni,,,,v primaria, l altro da alunni di V,, e secondaria) V' Disegni, filastrocche, giochi enigmistici. SPZ aule PD FL Diario dell stituto Comprensivo 2 PG L UP FZ PM SCUL SCD 1 GD DS utti gli alunni dell istituto Comprensivo MP DU Settimana dal 16 al 21 Dicembre FL' - iflettere sull importanza del atale; - Saper lavorare attorno ad un progetto comune; - ealizzare un progetto visibile come coronamento di un percorso di lavoro; - Sviluppare la creatività, la fantasia e l immaginazione.

21 GZZZ icerca- azione, lavori di gruppo e individuali, indagini, raccolta di materiali, sistemazione e organizzazione del materiale. V' llestimento del Presepe per partecipare al concorso La via dei Presepi Lezione-concerto degli alunni dell ndirizzo Musicale ealizzazioni di drammatizzazioni e musical radizionale scambio di auguri SPZ ule, teatro PD FL Mostre, canti, balli, drammatizzazioni PG C D VC BCH DS LU SC FQU L CLSS ---V-V SCUL PM SD CL S GG MP DU CS U SM D VMB GUG GU CMPZ SCL CMPD VS L LGUGG MUSCL. SVLUPP CSPVLZZ DL S, GZ, C

22 CDVS. US L MUSC CM LGUGG DSCPL SVLUPP CSPVLZZ DLL MMG S. BL PPDUC MUSCL CL CSCZ SVLUPP DLL Z, DLL PCZ, DLL MM, DLL SCLZZZ. GZZZ L CS S CL LZ FL CMP C L SG D CLSS V' SCUZ DU L.S.2013/14 DC M SCPPCC, SG PSS L C..P. SPZ PD FL UL SCLSCH SGG DMSV DL LV SVL M PHL G FZ PM SCUL SCD 1 GD DS lunni diversamente abili, alunni non disabili in numero di 28/30 partecipanti, di cui 20/22 alunni non disabili e 8 con disabilità Due gruppi: 1 per la primaria, 1 per la secondaria di 1 grado MP DU Per la preparazione: quadrimestre Gara: Maggio FL' Valorizzare la globalità della persona, il ragazzo diversamente abile come il

23 ragazzo non disabile, nell ottica della crescita fisica, motoria, intellettiva, sociale, per mezzo di un esperienza ludica GZZZ Per la gara: saranno formate due squadre con alunni scelti secondo i criteri indicati nel progetto e secondo le indicazioni dei referenti informatori special olimpics. Per la realizzazione dei lavori: intero gruppo classe V' llenamenti mirati relativi alle discipline del Pentathlon: staffetta frontale, salto in lungo, lancio vortex, corsa di resistenza, staffetta ealizzazione di una maglietta personalizzata per gli alunni partecipanti alla gara ealizzazione di un cd con testimonianze dell evento SPZ ula, palestra, spazi all aperto adiacenti le sedi scolastiche, Palazzetto dello sport DC Coordinatore, lettere, scienze motorie, arte e immagine, sostegno CS SVL FZ PM SCUL SCD 1 GD lunni della Scuola Primaria, classe prima, seconda, terza,quarta, quinta lunni della Scuola Secondaria al secondo anno di attività DS MP l corso pomeridiano, extracurricolare, terminerà a fine anno scolastico DU SS sperti esterni senza costi aggiuntivi FL' Primo approccio allo sport tennistavolo Coordinazione oculo-manuale

24 GZZZ corsi si terranno il giovedì e il venerdì dalle ore 16:30 alle ore 17:30 con possibilità di un secondo corso dalle 17:30 alle 18:30 in caso di numero di iscrizioni elevato V' Lezioni mirate all apprendimento delle regole del gioco sercizi pratici Partite di gioco SPZ PD FL Palestra San Giorgetto Saggio di fine anno scolastico GCH SPV SUDSCH-GCH DLL GVÙ- SCUL GLF-BSK3 FZ PM SCUL SCD 1 GD DS Gli alunni delle classi prime seconde e terze della scuola secondaria 1 grado MP DU ovembre-maggio FL' Promozione di iniziative rivolte a sviluppare e a consolidare negli alunni la consuetudine allo sport, considerato come fattore di formazione umana e di crescita sociale e civile.

25 Miglioramento delle capacità motorie (senso-percettive, coordinative, condizionali) cquisizione di conoscenze tecnico-sportive e tattiche V' Pallacanestro, uoto, Corsa Campestre, tletica Leggera, Basket3, Golf, Pallavolo GZZZ SPZ Sono previste attività pomeridiane presso la palestra della sede di San Magno e presso la piscina di nagni. ragazzi saranno organizzati in gruppo Palestra, piscina, spazi aperti DC Marinelli Franca, rgentino Lucia Collaboratori scolastici ssistenti amministrativi LFBZZZ M V M FZ SCUL PM SCUL SCD 1 GD lunni della scuola dell nfanzia DS MP DU CS quadrimestre, in orario curricolare Cadenza settimanale sperti esterni senza costi aggiuntivi CMPZ Vive pienamente la propria corporeità, ne percepisce il potenziale comunicativo ed espressivo Prova piacere nel movimento e sperimenta schemi posturali e motori, li applica nei

26 giochi individuali e di gruppo, anche con l uso di piccoli attrezzi iconosce il proprio corpo, le sue diverse parti e rappresenta il corpo fermo e in movimento. BL Controllare gli schemi motori di base: arrampicarsi, saltare, scivolare, rotolare, stare in equilibrio. appresentare in modo completo la figura umana in situazioni statiche e di movimento. ffinare la coordinazione oculo/manuale. CSCZ Schema corporeo, lateralità,attività di motricità fine e globale GZZZ V DC ttraverso situazioni ludiche stimolare la curiosità dei bambini nei confronti del proprio schema corporeo e guidarli nella acquisizione della capacità di orientarsi nello spazio. appresentazione dello schema corporeo ttività ludiche singole e di gruppo accompagnate da suoni, rumori, indicazioni verbali sperto esterno Docenti curricolari SPZ PD FL Le singole aule; palestra Manifestazione di fine anno MMC-SCFC-CLGC MMC SL GCH MS VLZZZ DLL CCLLZ: FZ PM SCUL SCD 1 GD DS lunni classi terze della Scuola Secondaria di primo grado MP 26 ttobre: prima prova, in stituto 11 ovembre: seconda prova, in stituto 18 Dicembre: pubblicazione elenco degli alunni invitati a partecipare alla gara finale 23 Gennaio: gara finale presso l tis Morosini-Ferentino

27 CS Senza costi aggiuntivi FL ' Coinvolgere gli studenti con scarsa motivazione ndare oltre il calcolo e le formule: la matematica è logica e creatività ducare gli alunni alla modellizzazione e indirizzarli verso l individuazione di strategie alternative ai procedimenti più standard Proporre attività che sappiano creare un clima di competizione agonistica anche in campo matematico GZZZ Somministrazione di n 2 prove all intero gruppo classe. utte le classi terze dell stituto espleteranno la prova contemporaneamente. finalisti raggiungeranno l tis- Morosini per la gara finale V' scrizione dell istituto a cura del docente referente. ttobre: espletamento della prima prova all interno dell stituto ovembre: espletamento della seconda prova all interno dell stituto La correzione delle prove è a carico dei docenti del centro Pristem Gennaio: espletamento della gara finale, da parte degli alunni finalisti, presso l tis- Morosini SPZ ule stituto ecnico ndustriale Statale Morosini - Ferentino GCH MMC GCH D UU dell UVS BCC VLZZZ DLL CCLLZ: FZ PM SCUL SCD 1 GD DS lunni classi prime, seconde e terze della Scuola Secondaria di primo grado MP CS 26 ovembre in stituto uro 4,00 per alunno che sceglie di partecipare

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Prot. N 8502/A32 Augusta lì, 18/09/2014

Prot. N 8502/A32 Augusta lì, 18/09/2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STTLE "SLVTORE TODRO" 96011 UGUST (SR) - Via Gramsci - 0931/993733-0931/511970

Dettagli