NUMERI E SUCCESSIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUMERI E SUCCESSIONI"

Transcript

1 NUMERI E SUCCESSIONI Giovanni Maria Troianiello 1 Notazioni insiemistiche. Numeri naturali, interi, razionali Notazioni insiemistiche Si sa cosa s intende quando si parla di insieme (o famiglia, o classe) S e si dice che x è un suo elemento (o punto), in simboli x S o S x. Se ci si sente di indicare con x, y,... gli elementi che costituiscono S si scrive S = {x, y,... }; se gli elementi di S sono tutti quelli caratterizzati da una certa proprietà P si scrive S = {x x soddisfa P}. Se S è privo di elementi si tratta dell insieme vuoto, indicato con. Sia T un altro insieme. L insieme che ha per elementi quelli di S e quelli di T è l unione di S e T, o se si preferisce di T ed S, indicata con S T o T S. L insieme costituito dagli elementi di S che stanno anche in T il che è come dire dagli elementi di T che stanno anche in S è l intersezione di S e T, o se si preferisce di T ed S, indicata con S T o T S; quando è l insieme vuoto diciamo che S e T sono disgiunti. L insieme costituito dagli elementi di S che non stanno in T è la differenza insiemistica di S e T in quest ordine indicata con S\T : si noti che essa coincide con S\(S T ). Esercizio 1.1 Quali sono le coppie di insiemi S e T tali che S \ T = T \ S? L insieme costituito da un elemento x di S ed un elemento u di T, presi senza tener conto dell ordine, è {x, u} = {u, x}. Se però stabiliamo che l elemento di S dev essere preso prima di 1

2 quello di T otteniamo la coppia ordinata (x, u). Il prodotto cartesiano S T è l insieme delle coppie ordinate (x, u) che soddisfano la proprietà P di avere x in S e u in T : S T = {(x, u) x S, u T }. Se S = T utilizziamo il simbolo di potenza S 2 = S S. Il passaggio ai prodotti cartesiani di k insiemi ed alle potenze k esime di un insieme, k > 2, si fa senza difficoltà. Quando l insieme T è costituito tutto di punti che stanno in S diciamo che si tratta di un sottoinsieme di S e scriviamo T S o S T ; se in aggiunta a ciò specifichiamo che esistono elementi di S non appartenenti ad S, cioè S \ T, diciamo che T è un sottoinsieme proprio di S e scriviamo T S o S T. Si noti che nelle nostre notazioni si distingue tra un elemento x di S ed il sottoinsieme di S il cui unico elemento è x: x S mentre {x} S. Numeri naturali, interi, razionali I numeri naturali sono 1, 2, 3,... e il loro insieme è indicato con N. Di ogni insieme S che possa essere posto in corrispondenza biunivoca con {1, 2,..., n} per un opportuno valore di n N diciamo che è finito (e che ha esattamente n elementi). Un insieme non vuoto che non è finito viene chiamato infinito. Un insieme infinito che può essere posto in corrispondenza biunivoca con N è detto numerabile. (Per il momento stiamo dando per noto il concetto di corrispondenza biunivoca cosı come, tra un attimo, quello di applicazione. Ci torneremo sopra all inizio del prossimo capitolo.) L insieme Z dei numeri interi è costituito dai naturali 1, 2, 3,..., dai loro opposti 1, 2, 3,... e dallo 0. I simboli usati più comunemente per indicare generici numeri interi, o in particolare naturali, sono m, n, p, q. Cosı, un generico numero pari o dispari n si può scrivere, rispettivamente, come n = 2m o n = 2m 1 con m N. Quando si ha a che fare coi numeri interi tutti hanno, o devono avere, familiarità con l addizione e la sottrazione, cosı come con le disuguaglianze in senso stretto o in senso largo. Esercizio 1.2 Dire quali delle disuguaglianze sono vere: 3 3, 3 < 4, 3 4. A partire da N definiamo l importantissima nozione di successione a valori in un qualche fissato insieme A. Si tratta di un applicazione N A, che possiamo indicare con {a 1, a 2, a 3,... }, con {a n } n N o più semplicemente {a n }, con {a N }, con {a k }, eccetera. Generalizzando, si possono far variare gli indici a partire da un qualunque p Z invece che da 1. Utilizzeremo anche notazioni come {a n } A. Gli a n sono i termini della successione. La successioni più semplici a cui si possa pensare sono quelle costanti: si fissa un elemento a di A e si pone a n = a per ogni valore di n N. Subito dopo nella scala della semplicità viene la successione dei naturali, cioè a n = n per ogni valore di n N. Bisogna fare attenzione a distinguere tra la successione {a n } ed il sottoinsieme di A costituito dai valori da essa assunti, cioè {α A α = a n per qualche n N}. 2

3 Ad esempio le due successioni a n = ( 1) n e b n = ( 1) n+1, a valori in A = R o se vogliamo in A = Z, differiscono termine a termine, ma l insieme dei valori assunti sia dall una che dall altra è { 1, 1}. Esercizio 1.3 Sia {a n } la successione ottenuta dalla successione {n} dei naturali scambiando il primo termine col secondo, il terzo col quarto, e cosı via. (i) Scrivere la legge di formazione della successione appena descritta qualitativamente, cioè determinare il valore di a n in corrispondenza al generico n N. (ii) Confrontare tra di loro {n}, {a n } e gli insiemi dei valori rispettivamente assunti. I numeri razionali sono i rapporti m/n, m n o mn 1, dove tanto m che n sono interi e inoltre attenzione n è necessariamente diverso da 0: né qui né mai altrove ha senso scrivere 0 a denominatore, o parlare di inverso di un qualunque numero senza specificare, o controllare, che sia diverso da 0! L insieme dei razionali è indicato con Q. Due razionali m/n e p/q sono uguali se si verifica che m = p e contemporaneamente n = q. Ma non solo: se ad esempio moltiplichiamo per 23 sia il numeratore che il denominatore di 3/2 otteniamo ( 69)/( 46), ancora uguale a 2/3. Formalizziamo questa regola di identificazione scrivendo m n = p q mq = np. Da qui segue fra l altro che m/n = ( m)/( n), per cui nello studio dei razionali potremo limitarci, ogni volta che ci farà comodo, ai rapporti m/n con n in N invece che in Z \ {0}. Per intenderci, 5 27 = 5 ( 27) = 5 27, e fra le tre scritture la più comoda è la terza. In Q si definiscono un addizione, una moltiplicazione ed un ordinamento nel modo seguente: dati comunque m, p Z e n, q N, (1.1) (1.2) m n + p q mq + np =, nq m n p q = m p n q = mp nq, (1.3) m n p q mq np. I razionali con denominatori uguali ad 1 hanno dunque le stesse proprietà algebriche degli interi, coi quali li identifichiamo scrivendo m al posto di m/1. Dalla (1.1) segue che l opposto m/n di m/n è ( m)/n: ad esempio, ( 5)/27 è l opposto (5/27) di 5/27. Dalla (1.2) si deduce che, se m non è nullo, n/m è l inverso di m/n. L equivalenza nella (1.3) dipende in maniera essenziale dal segno positivo dei denominatori n e q, che infatti non sono stati genericamente presi in Z \ {0}. Esercizio 1.4 Trovare dei valori di n per i qual è senz altro vero che (1/3) n <

4 2 Sviluppi decimali Uno sviluppo (o allineamento) decimale è individuato da tre elementi, che sono nell ordine: un segno che vale + oppure (e nel primo caso viene omesso a meno che non non sia preceduto da un altro sviluppo decimale), un intero 0 che scriviamo prima della virgola, ed infine i termini di una successione a valori nell insieme delle cifre {0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9} che scriviamo dopo la virgola. A seconda che il segno sia + o lo sviluppo si chiama positivo o negativo; lo sviluppo nullo è quello fatto tutto di zeri. Ecco qualche esempio: 52, ; 43, 568; 0, = 0, ; 31, = 31, Si tratta di sviluppi positivi, ad eccezione del secondo che è negativo. Lo sviluppo del terzo numero è periodico, con 07 come periodo (secondo una terminologia criticabile ma comoda), e questo è espresso senza ambiguità dalla notazione del secondo membro, mentre quella del primo lo suggerisce appena. Quello che si intende è che nella successione delle cifre dopo la virgola si trova 0 se il posto è pari, dal quarto in poi, e invece 7 se il posto è dispari, dal quinto in poi. Anche il quarto sviluppo è periodico, stavolta di periodo 64302, solo che stavolta la descrizione puramente verbale sarebbe fastidiosamente sovraccarica. Anche il secondo sviluppo può essere interpretato come periodico, ma il suo periodo è 0 e non si corre nessun rischio di ambiguità ad ometterlo: 43, 568 = 43, = 43, Infine, la scrittura 52, può tranquillamente essere completata in uno tra infiniti modi per farne uno sviluppo periodico, anche di periodo 0, ma può anche, altrettanto tranquillamente, denotare uno degli infiniti sviluppi decimali che non ammettono nessun periodo. L algoritmo elementare della divisione di un numero naturale m per un numero natu-rale n associa loro, in maniera univoca, uno sviluppo decimale periodico. Il motivo è che ad ogni passaggio l algoritmo fa comparire un resto positivo o nullo, necessariamente minore di n, che quando non è nullo va moltiplicato per 10 e diviso per n. Indichiamo il primo di questi resti con ϱ 1, il secondo (quando ϱ 1 non è nullo) con ϱ 2, e cosı via. Dopo un numero di passaggi non superiore a n 1 otteniamo un resto ϱ k che, se non è lo zero, coincide con uno dei valori già comparsi in precedenza. Di nuovo lo moltiplichiamo per 10, poi lo dividiamo per n, e il ciclo ricomincia. Possiamo dunque identificare ai numeri razionali positivi quei decimali periodici positivi che si scrivono come risultati delle divisioni tra numeri naturali, e per passare ai negativi basta prendere il segno meno davanti agli uni e agli altri. Quando il periodo è 0, ad esempio parliamo di frazioni decimali. 43, 568 = , Esempio 2.1 Dividiamo 435 per 165. Otteniamo innanzitutto 2 col resto di 105 = ϱ 1, e dunque = = Dividiamo 1050 per 165: otteniamo 6 col resto di 60 = ϱ 2, per cui = e quindi = 2,

5 Dividiamo 600 per 165: otteniamo 3 col resto, un altra volta, di 105 = ϱ 1, per cui = A questo punto già sappiamo che e quindi = 2, = 2, Il discorso si inverte, però con un distinguo: ogni sviluppo decimale positivo periodico, purché di periodo diverso da 9, è il risultato della divisione di due numeri naturali. Esercizio 2.1 A quale numero razionale m/n va identificato 0, 3 7 2? Il ragionamento che si utilizza nella risoluzione dell Esercizio 2.1 può essere generalizzato per mostrare che ogni sviluppo decimale positivo periodico di periodo diverso da 9 si scrive come somma (2.1) p 10 h + q 10 k (10 l 1) per un opportuna scelta di p, q, h, k interi e di l intero positivo. Esercizio 2.2 Scrivere 36, sotto la forma (2.1) esplicitando h, k, l. Abbiamo cosı visto che l algoritmo della divisione di un naturale m per un naturale n permette di porre in corrispondenza biunivoca, quindi di identificare tra loro, i numeri razionali e gli sviluppi decimali periodici di periodo diverso da 9. Però lo stesso algoritmo non può mai condurre ad una rappresentazione decimale di periodo 9. Se questo accadesse, infatti, a partire da un certo resto ϱ h il divisore n starebbe 9 volte nel numero 10ϱ h con resto ϱ h+1, poi 9 volte nel numero 10ϱ h+1 con resto ϱ h+2 e cosı via fino a stare (per un valore di k h non superiore ad n 1) 9 volte nel numero 10ϱ k 1 con resto ϱ k = ϱ h. Come dire: fino a 10ϱ h = 9n + ϱ h+1, 10 2 ϱ h = 90n + 10ϱ h+1 = 90n + 9n + ϱ h+2 = 99n + ϱ h+2 10 k h ϱ h = n + ϱ k = n + ϱ h (dove è la scrittura posizionale del numero 9 10 k h ), ovvero ϱ h = [10 k h 1]ϱ h = n, cioè ϱ h = n e quindi un assurdo perché tutti i resti nella divisione per n devono essere numeri interi (positivi o nulli) minori di n. E se provassimo a trasferire agli sviluppi di periodo 9 il procedimento seguito nella risoluzione dell Esercizio 2.2? Ebbene, l unico razionale a cui per esempio potrebbe essere identificato 0, 37 9 è 38/100; però la divisione di 38 per 100 dà come sviluppo decimale del risultato 0, 38 e non 0, Certo, viene in mente di interpretare 0, 37 9, anche se non è stato ottenuto con l algoritmo della divisione, come un altra scrittura della frazione decimale 0, 38, e di questo daremo una piena giustificazione quando torneremo sull argomento nell Osservazione 6.1. Per il momento tuttavia è meglio evitare una doppia notazione decimale che creerebbe vari fastidi. 5

6 3 I reali Passiamo all insieme R dei numeri reali, di solito indicati genericamente da simboli come x, y, z oppure a, b, c oppure u, v, w, che identifichiamo con gli sviluppi decimali, sia periodici purché di periodo diverso da 9 che non periodici. Questi ultimi, cioè i reali che non sono razionali, vengono chiamati irrazionali. Gli unici numeri reali che possiamo scrivere, e con cui possiamo fare i conti sia noi che (meglio di noi) calcolatrici e calcolatori, sono i razionali: non possiamo certo scrivere per esteso uno sviluppo decimale x che non sia periodico. Però possiamo sempre fissare un intero n 0 e introdurre l arrotondamento (netto) di x all ordine n, cioè la frazione decimale x (n) ottenuta sostituendo con 0 ogni cifra dopo la virgola dall (n + 1) esima in poi. Ad esempio, se x = 3, il suo arrotondamento all ordine 3 è x (3) = 3, 793, quello all ordine 8 è x (8) = 3, Al variare di n gli arrotondamenti n esimi costituiscono una successione (a valori in Q o, se vogliamo entrare più in dettaglio, nel sottoinsieme di Q costituito dalle frazioni decimali). Essi costituiscono un po i prototipi della nostra idea di approssimazione numerica: conoscere x (n) significa né più né meno che conoscere x fino all n esima cifra, e quindi con un margine di errore tanto più ristretto quanto più elevato è n. Quando si dice che x può essere almeno approssimativamente calcolato si vuol dire che in linea di principio si dispone di una regola per scrivere x (n) con n comunque fissato. Impossibile qui fare a meno di pensare a π, che per il momento ci accontentiamo di considerare definito come l area del cerchio di raggio 1. L irrazionalità di π è nota da non molto tempo (1761, Lambert). In compenso le più antiche tracce a noi pervenute del suo calcolo approssimato, esatto fino al primo ordine, risalgono al secondo millennio prima dell era volgare (Babilonia, Egitto). Celeberrimo poi il calcolo di Archimede, esatto fino al second ordine: π (2) = 3, 14. Saltiamo avanti nel tempo. Non possiamo certo trascrivere l arrotondamento π (1, ) ottenuto da Kanada, Ushio e Kuroda nel Dicembre 2002; accontentiamoci di segnalare l arrotondamento π (9) = 3, noto già a Viète nel Le disuguaglianze tra numeri reali si riconducono, per definizione, a quelle tra frazioni decimali e quindi, alla fin fine, tra numeri interi. Infatti diciamo che x è minore di y e scriviamo x < y se esiste un intero n 0 tale che (3.1) x (n) < y (n) ; quando questo non succede scriviamo x y. Ad esempio, x = 4, e y = 5, verificano x < y (qui n = 0), cosı come anche x = 13, e y = 13, (qui n = 6). È facile vedere che quando x e y sono razionali la disuguaglianza x < y vale nel senso dell ordinamento dato a Q nella Sezione 1 se e solo se essa vale nel senso dell ordinamento, detto lessicale, che abbiamo appena dato ad R. Tenendo conto che valgono le disuguaglianze x (n) x < x (n) + 10 n oppure x (n) 10 n < x x (n) a seconda che x sia positivo o negativo (ma quelle in senso stretto anche indipendentemente dal segno di x), possiamo dire che l n esimo termine x (n) approssima x con un errore inferiore a 10 n. Dalla (3.1) segue che x (N) < y (N) e quindi x (N) + 10 N y (N) 6

7 per ogni N n. Anzi esiste senz altro un valore di N n tale che l ultima cifra di x (N) non è un 9, e quindi (3.2) x (N) + 10 N < y (N) : si prendano, ad esempio, x = 27, e y = 27, 35 con n = 2 ed N = 6. Se y 0, e quindi y (N) y, la (3.2) implica x < x (N) + 10 N < y. Se y < 0 si ripete il ragionamento precedente sostituendo x con y ed y con x, poi si torna indietro. In conclusione, abbiamo dimostrato la fondamentale proprietà detta di densità di Q in R: Teorema 3.1 Dati comunque x ed y in R con x < y esiste r in Q tale che x < r < y. Più in là (Esercizio 8.3) daremo un altra dimostrazione del Teorema 3.1. La proprietà archimedea dei reali si formula cosı: dato un qualunque numero reale x esiste un numero naturale N tale che x < N. Basta infatti prendere, ad esempio, N = 1 se x 0 e N = x (0) + 1 altrimenti. Nel seguito ci farà comodo utilizzare con qualche disinvoltura i simboli di infinito = + e e di meno infinito. Scriveremo ( ) = ; inoltre x < se x R (nel qual caso potremo anche dire che x è finito, facendo bene attenzione a non confondere questa accezione del termine con quella introdotta nella Sezione 1 per gli insiemi) oppure x = ; infine x > se x <. Il modulo, o valore assoluto, di x R è indicato con x ed è definito cosı: x = x se x 0, x = x se x 0. Dunque x = x è sempre positivo o nullo, ed è nullo se e solo se x = 0; inoltre le disuguaglianze x < b e x b, dove b è un reale positivo o nullo, sono rispettivamente equivalenti alle disuguaglianze b < x < b e b x b. Ecco una lista di termini e notazioni di uso frequente. Siano a, b R. Se a b indichiamo con [a, b] l insieme dei reali x tali che a x b. Se a < b indichiamo con [a, b[ l insieme dei reali x tali che a x < b, con ]a, b] l insieme dei reali x tali che a < x b e con ]a, b[ l insieme dei reali x tali che a < x < b. Indichiamo poi con ], a] ( ], a[) l insieme dei reali a (< a) e con [a, [ (]a, [) l insieme dei reali a (> a). Tutti questi sono degli intervalli, di estremo sinistro a (numero reale o a seconda dei casi) ed estremo destro b (numero reale o a seconda dei casi); gli [a, b], ], b] e [a, [, con < a < b <, nonché ], [, sono intervalli chiusi; gli ]a, b[ (e qui a < b ) sono aperti (e quindi ], [, cioè R, è sia chiuso che aperto); gli [a, b[ e gli ]a, b] sono, rispettivamente, semiaperti a destra e a sinistra. Un punto di R è interno ad S R se è contenuto in un intervallo aperto contenuto in S. Se tutti i punti di S sono interni ad S diciamo che S è un aperto; diciamo che S è un chiuso se è il complementare di un aperto. Un aperto che contiene c R è un intorno di c. Sia S R. Se esiste L R (l R) tale che L x (l x) per ogni x S diciamo che S è limitato superiormente (inferiormente), e che L è un suo maggiorante (che l è un suo minorante). Diciamo che S è limitato se è tanto superiormente che inferiormente limitato, e questo si può riformulare dicendo che esiste un numero reale L > 0 tale che x L per ogni x S. Esercizio 3.1 Far vedere che R è tanto superiormente che inferiormente illimitato. Esercizio 3.2 (i) Come si esprime la richiesta che un numero reale L non sia un maggiorante di S? (ii) Come si esprime con gli L la richiesta che S sia illimitato (cioè, non sia limitato) superiormente? 7

8 Diciamo che una successione reale è (il)limitata, inferiormente (il)limitata o superiormente (il)limitata a seconda che sia tale l insieme S dei valori da essa assunti. Supponiamo che S non solo sia limitato superiormente (limitato inferiormente), ma in più contenga un elemento M (un elemento m) tale che M x (tale che m x) per ogni x S. Diciamo allora che M è il massimo max S (che m è il minimo min S) di S. Esercizio 3.3 Dimostrare che [0, 1[ è privo di massimo. 4 Le quattro operazioni in R Come si eseguono le quattro operazioni in R? In altri termini: dati due numeri reali x e y, quanto valgono i numeri reali x + y, x y = x + ( y), xy, x/y = x(1/y) (quest ultimo, s intende, con y 0)? Quando sia x che y sono in particolare dei numeri razionali non c è nessun problema: li scriviamo come quozienti di interi (con denominatori 0), e procediamo con le regole viste nella Sezione 1. Ma se anche uno soltanto di essi è irrazionale questa strada ci è preclusa. Tuttavia, siccome i numeri razionali x (n) e y (n) approssimano rispettivamente x e y, dobbiamo aspettarci che i risultati delle quattro operazioni relative ad x (n) e y (n) approssimino i corrispondenti risultati relativi ad x e y; in particolare, nella divisione per un numero reale y 0 si tiene presente che dev essere y (n) 0 per ogni valore n sufficientemente grande, diciamo n n 0, e quindi l inverso 1/y, o y 1, di y è approssimato dalla successione {1/y (n) } degli inversi degli y (n) con n n 0. Ma allora: visto che dobbiamo sempre e comunque ricondurci ad eseguire i nostri calcoli sui numeri razionali, e che anzi sono essi gli unici che possiamo compiutamente conoscere, perché preoccuparci di un entità metafisica come sono i numeri irrazionali? Una risposta immediata è che i razionali non ci bastano se vogliamo essere in grado di attribuire una misura perlomeno alle cose del mondo che ci sono più familiari, come, in un quadrato di lato 1, la diagonale. Ebbene, la lunghezza c di quest ultima deve verificare c 2 = 2 in conseguenza del Teorema di Pitagora, e non esiste nessun numero razionale c con questa proprietà. Vediamo perché. Esempio 4.1 Supponiamo che esista un numero razionale c = m/n, dove m, n N, tale che c 2 = 2. Possiamo sempre ricondurci ad m ed n primi tra di loro, dal momento che se non fossero tali già in partenza dovremmo solo dividerli per ogni loro fattor comune. In particolare escludiamo che m ed n possano essere tutti e due pari. Ora, m 2 n 2 = 2 m2 = 2n 2, e questo significa che m 2 è pari. Dunque è pari anche m (altrimenti il suo quadrato sarebbe dispari), ovvero m = 2p per un p N. Ne segue che m 2 = 4p 2 = 2n 2, cioè n 2 = 2p 2. Quindi n 2 è pari, e ciò significa che anche n, come m, è pari. Ma questo era stato escluso. Abbiamo cosı mostrato che l avere assunto l esistenza di un razionale di quadrato uguale a 2 porta ad una contraddizione, e quindi che un tale razionale non può esistere. Parlando delle quattro operazioni in R abbiamo sorvolato su un punto delicato, che è come, preliminarmente, esse si definiscono. Vien fatto di rispondere che si definiscono attraverso la maniera in cui si eseguono: in altri termini, i risultati delle quattro operazioni relativi ad x e y sono 8

9 definiti come quei numeri che vengono approssimati dai corrispondenti risultati relativi ad x (n) e y (n). Ebbene, questa risposta è sostanzialmente corretta, ma andrebbe appoggiata su argomentazioni abbastanza sottili che rimandiamo in appendice (Sezione 20). Grazie ad esse si potrebbe poi dimostrare con le approssimazioni che si trasferisce da Q ad R la proprietà di essere un campo totalmente ordinato. Accettiamo questo risultato: indicando con x, y, z numeri reali, abbiamo x + y = y + x, (x + y) + z = x + (y + z), xy = yx, (xy)z = x(yz), x + 0 = x, x + ( x) = 0, x0 = 0, x1 = x, xx 1 = 1 per x 0, (x + y)z = xz + yz, x y = x + z y + z, x y = xz bz per z 0. Alla prima riga troviamo la commutatività e l associatività dell addizione; alla seconda quelle della moltiplicazione; alla quinta la distributività dell addizione rispetto alla moltiplicazione. Altre proprietà delle operazioni sui reali si deducono facilmente dalle precedenti. Ad esempio, quando un prodotto è 0 almeno uno dei fattori dev essere 0. Se, infatti, xy = 0 con x 0 basta applicare le proprietà di campo (per la precisione, l associatività della moltiplicazione e l esistenza di x 1 ) per ottenere y = x 1 xy = 0. Da qui si deduce poi il seguente rafforzamento dell ultima riga (relativo all unico caso non banale): (4.1) x < y = xz < yz per z > 0. Infatti basta tener conto che dev essere xz yz e che (distributività) xz = yz equivale ad (x y)z = 0, cosa impossibile nel caso presente. E cosı via. Osservazione 4.1 Adesso che disponiamo della divisione in R possiamo riformulare la proprietà archimedea cosı: dati comunque due numeri reali positivi a e b esiste un numero naturale N tale che (N > a/b e quindi) Nb > a. Ciò significa tra l altro che, preso comunque un segmento di lunghezza b (non importa quanto piccola purché positiva) come unità di misura lineare, possiamo servircene per misurare la lunghezza a di ogni altro segmento (non importa quanto grande purché finita). Esercizio 4.1 Trovare l insieme dei reali x tali che 1 x < 3. Esercizio 4.2 Caratterizzare le coppie di numeri reali non nulli x e y che verificano x < y ma non verificano 1/x > 1/y. Lo svolgimento del prossimo esercizio potrebbe utilmente appoggiarsi su uno studio grafico. 9

10 Esercizio 4.3 Determinare l insieme dei reali x tali che 1 3x x + 7. Le potenze x k sono definite quando x R esattamente come quando x Q. Se y è il valore di x k diciamo che x è una radice k esima di y. Esiste un numero irrazionale di quadrato uguale a 2, cioè una radice quadrata di 2? Sı: ci torneremo su tra breve. Importantissima è l identità (4.2) 1 + x x n = 1 xn+1 1 x, valida per ogni x R diverso da 1 e per ogni n N. Esercizio 4.4 Dimostrare la (4.2). Si vede subito che il modulo della somma verifica la disuguaglianza triangolare (4.3) x + y x + y per x, y R. Infatti sommando membro a membro le disuguaglianze si ottengono le disuguaglianze che si riassumono nella (4.3). La (4.3) è equivalente alla x x x e y y y ( x + y ) x + y x + y, x y x y per x, y R. 10

11 SOLUZIONI DEGLI ESERCIZI Esercizio 1.1 Quali sono le coppie di insiemi S e T tali che S \ T = T \ S? Svolgimento. Tutte e sole quelle con S = T e quindi con S \ T = T \ S =. Esercizio 1.2 Dire quali delle disuguaglianze sono vere: Svolgimento. Tutte e tre. 3 3, 3 < 4, 3 4. Esercizio 1.3 Sia {b n } la successione ottenuta dalla successione {a n } dei naturali scambiando il primo termine col secondo, il terzo col quarto, e cosı via. (i) Scrivere la legge di formazione della successione appena descritta qualitativamente, cioè determinare il valore di b n in corrispondenza al generico n N. (ii) Confrontare tra di loro {a n }, {b n } e gli insiemi dei valori rispettivamente assunti. Svolgimento. (i) Due modi: o a n = n + 1 se n è dispari, a n = n 1 se n è pari, oppure a 2m 1 = 2m, a 2m = 2m 1. (ii) Per ogni n si ha a n n, ma l insieme dei valori assunti sia dall una che dall altra successione è N. Esercizio 1.4 Trovare dei valori di n per i qual è senz altro vero che (1/3) n < Svolgimento. La disuguaglianza in questione equivale alla 3 n > 10 57, e siccome 3 3 > 10 basta prendere n = Esercizio 2.1 A quale numero razionale m/n va identificato 0, 3 7 2? Svolgimento. Trattando il decimale 0, con le regole di calcolo che valgono per i razionali constatiamo che 372, è uguale sia al prodotto , che alla somma , Questo significa 10 3 m n = m n e quindi Ne segue (10 3 1) m n = 372. m n = Esercizio 2.2 Scrivere 36, sotto la forma (2.1) esplicitando h, k, l. Svolgimento. 36, = 36, 106 0, =

12 Dunque h = k = 3, l = 4. Esercizio 3.1 Far vedere che R è tanto superiormente che inferiormente illimitato. Svolgimento. Se un numero reale L > 0 verificasse L x per ogni x R verificherebbe anche L n per ogni n N, e dalla proprietà archimedea segue che questo è impossibile. Esercizio 3.2 (i) Come si esprime la richiesta che un numero reale L non sia un maggiorante di S? (ii) Come si esprime con gli L la richiesta che S sia illimitato (cioè, non sia limitato) superiormente? Svolgimento. (i) Esiste un x S (dipendente da L) tale che x > L. (ii) S è illimitato superiormente se, dato comunque un numero reale L, questo non è un maggiorante di S, cioè esiste un x S (dipendente da L) tale che x > L. Esercizio 3.3 Dimostrare che [0, 1[ è privo di massimo. Svolgimento. Un qualunque x [0, 1[ non può verificare x x per ogni x [0, 1[ perché verifica x < x per ogni x ]x, 1[ [0, 1[. Esercizio 4.1 Trovare l insieme dei reali x tali che 1 x < 3. Svolgimento. Innanzitutto dobbiamo imporre x 0 perché il primo membro abbia senso. A questo punto dobbiamo distinguere tra x > 0 ed x < 0. Quando x > 0 possiamo applicare la (4.1) moltiplicando prima per x e poi per 1/3, ottenendo cosı x > 1/3. Ma non basta: non dobbiamo dimenticare di occuparci degli x < 0, che verificano tutti la disuguaglianza richiesta. La risposta è dunque ], 0[ ]1/3, [. Esercizio 4.2 Caratterizzare le coppie di numeri reali non nulli x e y che verificano x < y ma non verificano 1/x > 1/y. Svolgimento. È necessario e sufficiente che x < 0 < y. Esercizio 4.3 Determinare l insieme dei reali x tali che 1 3x x + 7. Svolgimento. I punti x = 1/3 ed x = 7 sono quelli dove si annullano, rispettivamente, gli argomenti dei moduli del primo e del secondo membro. Per x 1/3 bisogna imporre la disuguaglianza 3x 1 x + 7 ovvero x 4; l intersezione dei due intervalli [1/3, [ e ], 4] è [1/3, 4]. Per 7 < x < 1/3 va richiesto che 1 3x x + 7 ovvero x 3/2; l intersezione dei due intervalli ] 7, 1/3[ e [ 3/2, [ è [ 3/2, 1/3[. Infine per x 7 la disuguaglianza diventa 1 3x x 7 ovvero x 4; 12

13 l intersezione dei due intervalli ], 7] e [4, [ è l insieme vuoto. In conclusione, la disuguaglianza in questione è soddisfatta se e solo se 3/2 x 4. Esercizio 4.4 Dimostrare la (4.2). Svolgimento. Grazie alla distributività risulta (1 x)(1 + x x n ) = 1 + x x n x(1 + x x n ) = 1 + x x n (x 2 + x x n+1 ) = 1 x n+1, e l uguaglianza tra il primo e l ultimo membro è effettivamente la (4.2). 13

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 2. Insiemi numerici A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 INSIEMI NUMERICI rappresentano la base su cui la matematica si è sviluppata costituiscono le tappe

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni 2 PARAGRAFI TRATTATI 1)La funzione esponenziale 2) grafici della funzione esponenziale 3) proprietá delle potenze 4) i logaritmi 5) grafici della funzione logaritmica 6) principali proprietá dei logaritmi

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

L espressione torna invece sempre vera (quindi la soluzione originale) se cambiamo contemporaneamente il verso: 1 < 0.

L espressione torna invece sempre vera (quindi la soluzione originale) se cambiamo contemporaneamente il verso: 1 < 0. EQUAZIONI E DISEQUAZIONI Le uguaglianze fra espressioni numeriche si chiamano equazioni. Cercare le soluzioni dell equazione vuol dire cercare quelle combinazioni delle lettere che vi compaiono che la

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Algebra e Geometria. Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2)

Algebra e Geometria. Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2) Algebra e Geometria Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2) Traccia delle lezioni che saranno svolte nell anno accademico 2012/13 I seguenti appunti

Dettagli

5. La teoria astratta della misura.

5. La teoria astratta della misura. 5. La teoria astratta della misura. 5.1. σ-algebre. 5.1.1. σ-algebre e loro proprietà. Sia Ω un insieme non vuoto. Indichiamo con P(Ω la famiglia di tutti i sottoinsiemi di Ω. Inoltre, per ogni insieme

Dettagli

SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI

SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI I numeri relativi sono l insieme dei numeri negativi (preceduti dal segno -) numeri positivi (il segno + è spesso omesso) lo zero. Valore assoluto di un numero relativo

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Successioni e serie numeriche Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0 Rappresentazione dei numeri I numeri che siamo abituati ad utilizzare sono espressi utilizzando il sistema di numerazione decimale, che si chiama così perché utilizza 0 cifre (0,,2,3,4,5,6,7,8,9). Si dice

Dettagli

Corso di Calcolo Numerico

Corso di Calcolo Numerico Corso di Calcolo Numerico Dott.ssa M.C. De Bonis Università degli Studi della Basilicata, Potenza Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Sistemi di Numerazione Sistema decimale La

Dettagli

Insiemi con un operazione

Insiemi con un operazione Capitolo 3 Insiemi con un operazione 3.1 Gruppoidi, semigruppi, monoidi Definizione 309 Un operazione binaria su un insieme G è una funzione: f : G G G Quindi, un operazione binaria f su un insieme G è

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari Serie numeriche Definizioni e proprietà elementari Sia { } una successione, definita per ogni numero naturale n n. Per ogni n n, consideriamo la somma s n degli elementi della successione di posto d s

Dettagli

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari Capitolo 6 Funzioni 6. Concetto di funzione e definizioni preliminari Definizione 6. Dati due insiemi non vuoti D e C, si dice applicazione o funzione una qualsiasi legge (relazione) che associa ad ogni

Dettagli

Funzione Una relazione fra due insiemi A e B è una funzione se a ogni elemento di A si associa uno e un solo elemento

Funzione Una relazione fra due insiemi A e B è una funzione se a ogni elemento di A si associa uno e un solo elemento TERIA CAPITL 9. ESPNENZIALI E LGARITMI. LE FUNZINI Non si ha una funzione se anche a un solo elemento di A non è associato un elemento di B, oppure ne sono associati più di uno. DEFINIZINE Funzione Una

Dettagli

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

Scheda I. 3 La non possibilità di duplicare il cubo con riga e compasso.

Scheda I. 3 La non possibilità di duplicare il cubo con riga e compasso. Scheda I. La non possibilità di duplicare il cubo con riga e compasso. Dopo Menecmo, Archita, Eratostene molti altri, sfidando gli dei hanno trovato interessante dedicare il loro tempo per trovare una

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Capitolo 9 Esponenziali e logaritmi... Capitolo 0 Funzioni circolari 0. Descrizione di fenomeni periodici Tra le funzioni elementari ne esistono due atte a descrivere fenomeni che si ripetono periodicamente

Dettagli

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ;

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; Primo anno Secondo anno Terzo anno Primo anno MATEMATICA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; legge

Dettagli

I sistemi di numerazione

I sistemi di numerazione I sistemi di numerazione 01-INFORMAZIONE E SUA RAPPRESENTAZIONE Sia dato un insieme finito di caratteri distinti, che chiameremo alfabeto. Utilizzando anche ripetutamente caratteri di un alfabeto, si possono

Dettagli

G. Pareschi GENERALITÀ SULLE FUNZIONI. CARDINALITÀ

G. Pareschi GENERALITÀ SULLE FUNZIONI. CARDINALITÀ G. Pareschi GENERALITÀ SULLE FUNZIONI. CARDINALITÀ 1. Definizione di funzione Definizione 1.1. Siano X e Y due insiemi. Una funzione f da X a Y è un sottoinsieme del prodotto cartesiano: f X Y, tale che

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

Matematica 3. Dipartimento di Matematica. ITIS V.Volterra San Donà di Piave. Versione [2015-16]

Matematica 3. Dipartimento di Matematica. ITIS V.Volterra San Donà di Piave. Versione [2015-16] Matematica 3 Dipartimento di Matematica ITIS V.Volterra San Donà di Piave Versione [05-6] Indice I Numeri e Funzioni Numeri 3. Premessa............................................. 3. Tipi di numeri..........................................

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE Il limite di una funzione è uno dei concetti fondamentali dell'analisi matematica. Tramite questo concetto viene formalizzata la nozione di funzione continua e

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8. Cognome:... Nome:... Matricola:...

Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8. Cognome:... Nome:... Matricola:... Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8 Cognome:................ Nome:................ Matricola:................ (Dare una dimostrazione esauriente di tutte le

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara Funzioni Lorenzo Pareschi Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara http://utenti.unife.it/lorenzo.pareschi/ lorenzo.pareschi@unife.it Lorenzo Pareschi (Univ. Ferrara)

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA

CURRICOLO MATEMATICA 1 CURRICOLO MATEMATICA Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 2 NUMERI Raggruppare, ordinare, contare, misurare oggetti, grandezze ed eventi direttamente esperibili. Utilizzare calendari settimanali

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE COSA SONO LE FUNZIONI Dati due sottoinsiemi A e B non vuoti di R, una FUNZIONE da A a B è una relazione che associa ad ogni numero reale

Dettagli

I Polinomi. Michele Buizza. L'insieme dei numeri interi lo indicheremo con Z. è domenica = non vado a scuola. signica se e solo se.

I Polinomi. Michele Buizza. L'insieme dei numeri interi lo indicheremo con Z. è domenica = non vado a scuola. signica se e solo se. I Polinomi Michele Buizza 1 Insiemi In questa prima sezione ricordiamo la simbologia che useremo in questa breve dispensa. Iniziamo innanzitutto a ricordare i simboli usati per i principali insiemi numerici.

Dettagli

I L R A P P O RT O F R A G R A N D E Z Z E

I L R A P P O RT O F R A G R A N D E Z Z E I L R A P P O RT O F R A G R A N D E Z Z E lorenzo pantieri Giugno 2007 indice 1 Congruenza fra segmenti 1 2 Somma fra lunghezze 1 3 Multiplo e sottomultiplo di una lunghezza 2 4 Relazione di ordine (stretto)

Dettagli

TEORIA DEI NUMERI SUCCESSIONI

TEORIA DEI NUMERI SUCCESSIONI Liceo Scientifico G. Salvemini Corso di preparazione per la gara provinciale delle OLIMPIADI DELLA MATEMATICA INTRO TEORIA DEI NUMERI SUCCESSIONI NUMERI INTERI QUESITO Un quesito (facile) sulle cifre:

Dettagli

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E ESERCIZI DI PREPARAZIONE E CONSOLIDAMENTO PER I FUTURI STUDENTI DEL PRIMO LEVI si campa anche senza sapere che cos è un equazione, senza sapere suonare uno strumento musicale, senza conoscere il nome del

Dettagli

Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta

Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta Anche se spesso si afferma che il sistema binario, o in base 2, fu inventato in

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA 1) Operare con i numeri nel calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali. Per riconoscere e risolvere problemi di vario genere, individuando

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Alessandro Pellegrini

Alessandro Pellegrini Esercitazione sulle Rappresentazioni Numeriche Esistono 1 tipi di persone al mondo: quelli che conoscono il codice binario e quelli che non lo conoscono Alessandro Pellegrini Cosa studiare prima Conversione

Dettagli

4 Dispense di Matematica per il biennio dell Istituto I.S.I.S. Gaetano Filangieri di Frattamaggiore EQUAZIONI FRATTE E SISTEMI DI EQUAZIONI

4 Dispense di Matematica per il biennio dell Istituto I.S.I.S. Gaetano Filangieri di Frattamaggiore EQUAZIONI FRATTE E SISTEMI DI EQUAZIONI 119 4 Dispense di Matematica per il biennio dell Istituto I.S.I.S. Gaetano Filangieri di Frattamaggiore EQUAZIONI FRATTE E SISTEMI DI EQUAZIONI Indice degli Argomenti: TEMA N. 1 : INSIEMI NUMERICI E CALCOLO

Dettagli

Sistemi di Numerazione

Sistemi di Numerazione Fondamenti di Informatica per Meccanici Energetici - Biomedici 1 Sistemi di Numerazione Sistemi di Numerazione I sistemi di numerazione sono abitualmente posizionali. Gli elementi costitutivi di un sistema

Dettagli

LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE

LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE La sequenza costituisce un esempio di SUCCESSIONE. Ecco un altro esempio di successione: Una successione è dunque una sequenza infinita di numeri reali (ma potrebbe

Dettagli

Questionario per casa 6 Febbraio 2012

Questionario per casa 6 Febbraio 2012 1 Il numero 4 2004 + 2 4008 è uguale a a) 4 4012 b) 4 4008 c) 4 2004 d) 2 4009 e) 2 2012 Questionario per casa 6 Febbraio 2012 2 La statura media dei 20 studenti di una certa classe è 163,5 cm. Se ciascuno

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

CORSO BIELLA CONCETTI FONDAMENTALI DI ARITMETICA, ALGEBRA E GEOMETRIA PER LA SCUOLA DELL OBBLIGO MARTEDI 19/02/2013 TEMA

CORSO BIELLA CONCETTI FONDAMENTALI DI ARITMETICA, ALGEBRA E GEOMETRIA PER LA SCUOLA DELL OBBLIGO MARTEDI 19/02/2013 TEMA CORSO BIELLA CONCETTI FONDAMENTALI DI ARITMETICA, ALGEBRA E GEOMETRIA PER LA SCUOLA DELL OBBLIGO MARTEDI 19/02/201 TEMA OPERAZIONI CON I NUMERI E LORO PROPRIETA. NASCONO LE STRUTTURE ALGEBRICHE. 1 TESTO

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA Indice Introduzione Il sistema decimale Il sistema binario Conversione di un numero da base 10 a base 2 e viceversa Conversione in altri sistemi di numerazione

Dettagli

SPAZI METRICI. Uno spazio metrico X con metrica d si indica con il simbolo (X, d). METRICI 1

SPAZI METRICI. Uno spazio metrico X con metrica d si indica con il simbolo (X, d). METRICI 1 SPAZI METRICI Nel piano R 2 o nello spazio R 3 la distanza fra due punti è la lunghezza, o norma euclidea, del vettore differenza di questi due punti. Se p = (x, y, z) è un vettore in coordinate ortonormali,

Dettagli

2 Progetto e realizzazione di funzioni ricorsive

2 Progetto e realizzazione di funzioni ricorsive 2 Progetto e realizzazione di funzioni ricorsive Il procedimento costruttivo dato dal teorema di ricorsione suggerisce due fatti importanti. Una buona definizione ricorsiva deve essere tale da garantire

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Rette e curve, piani e superfici

Rette e curve, piani e superfici Rette e curve piani e superfici ) dicembre 2 Scopo di questo articolo è solo quello di proporre uno schema riepilogativo che metta in luce le caratteristiche essenziali delle equazioni di rette e curve

Dettagli

Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni

Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni Alberto Pinto Corso di Matematica - NUCT 1 Insiemi 1.1 Generalità Diamo la definizione di insieme secondo Georg Cantor, matematico

Dettagli

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765 COMPLEMENTO A 10 DI UN NUMERO DECIMALE Sia dato un numero N 10 in base 10 di n cifre. Il complemento a 10 di tale numero (N ) si ottiene sottraendo il numero stesso a 10 n. ESEMPIO 1: eseguire il complemento

Dettagli

Anno 3. Funzioni: dominio, codominio e campo di esistenza

Anno 3. Funzioni: dominio, codominio e campo di esistenza Anno 3 Funzioni: dominio, codominio e campo di esistenza 1 Introduzione In questa lezione parleremo delle funzioni. Ne daremo una definizione e impareremo a studiarne il dominio in relazione alle diverse

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

Le equazioni. Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete.

Le equazioni. Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. Le equazioni Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. Definizione e caratteristiche Chiamiamo equazione l uguaglianza tra due espressioni algebriche,

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 05 La rappresentazione dell informazione Carla Limongelli Ottobre 2011 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ La rappresentazione

Dettagli

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Francesco Bottacin Padova, 24 febbraio 2012 Capitolo 1 Algebra Lineare 1.1 Spazi e sottospazi vettoriali Esercizio 1.1. Sia U il sottospazio di R 4 generato dai

Dettagli

Codifica binaria e algebra di Boole

Codifica binaria e algebra di Boole Codifica binaria e algebra di Boole Corso di Programmazione A.A. 2008/09 G. Cibinetto Contenuti della lezione Codifica binaria dell informazione Numeri naturali, interi, frazionari, in virgola mobile Base

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 2 Rappresentazione delle informazioni: numeri e caratteri 1 Codice La relazione che associa ad ogni successione ben formata di simboli di

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

STRUMENTI DI MISURA: GENERALITÁ

STRUMENTI DI MISURA: GENERALITÁ STRUMENTI DI MISURA: GENERALITÁ Sono dispositivi che ci forniscono il valore delle grandezze Sono di 2 tipi ANALOGICO: se il valore delle misure si legge su una scala graduata (c è continuità nell indicazione)

Dettagli

2.1 Definizione di applicazione lineare. Siano V e W due spazi vettoriali su R. Un applicazione

2.1 Definizione di applicazione lineare. Siano V e W due spazi vettoriali su R. Un applicazione Capitolo 2 MATRICI Fra tutte le applicazioni su uno spazio vettoriale interessa esaminare quelle che mantengono la struttura di spazio vettoriale e che, per questo, vengono dette lineari La loro importanza

Dettagli

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica a.a. 2006/2007 Docente Ing. Andrea Ghedi Lezione 2 IL PIANO CARTESIANO 1 Il piano cartesiano In un piano

Dettagli

MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA

MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA CAMPO DI ESPERIENZA: LA CONOSCENZA DEL MONDO (ordine, misura, spazio, tempo, natura) È l'ambito relativo all'esplorazione, scoperta e prima sistematizzazione delle conoscenze

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

u 1 u k che rappresenta formalmente la somma degli infiniti numeri (14.1), ordinati al crescere del loro indice. I numeri u k

u 1 u k che rappresenta formalmente la somma degli infiniti numeri (14.1), ordinati al crescere del loro indice. I numeri u k Capitolo 4 Serie numeriche 4. Serie convergenti, divergenti, indeterminate Data una successione di numeri reali si chiama serie ad essa relativa il simbolo u +... + u +... u, u 2,..., u,..., (4.) oppure

Dettagli

Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado

Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado. Risposta A). Il triangolo ABC ha la stessa altezza del triangolo AOB ma base di lunghezza doppia (il diametro

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 CURRICOLO DI MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 CURRICOLO DI MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

Pre Test 2008... Matematica

Pre Test 2008... Matematica Pre Test 2008... Matematica INSIEMI NUMERICI Gli insiemi numerici (di numeri) sono: numeri naturali N: insieme dei numeri interi e positivi {1; 2; 3; 4;...} numeri interi relativi Z: insieme dei numeri

Dettagli

ESERCITAZIONI PROPEDEUTICHE DI MATEMATICA. A. Concetti e proprietà di base del sistema dei numeri della matematica ( ) + 64 7 10 :5

ESERCITAZIONI PROPEDEUTICHE DI MATEMATICA. A. Concetti e proprietà di base del sistema dei numeri della matematica ( ) + 64 7 10 :5 ESERCITAZIONI PROPEDEUTICHE DI MATEMATICA PER IL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Ana Millán Gasca Luigi Regoliosi La lettura e lo studio del libro Pensare in matematica da parte degli

Dettagli

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive.

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Lezione 6 Prerequisiti: L'insieme dei numeri interi. Lezione 5. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Questa è la prima lezione dedicata all'anello

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni reali di variabile reale Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA BANCARIA FINANZIARIA ED ASSICURATIVA (Classe 7) Corso di Matematica per l Economia (Prof. F. Eugeni) TEST DI INGRESSO Teramo, ottobre 00 SEZIONE

Dettagli

LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI

LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI ISTITUTO TECNICO E LICEO SCIENTIFICO TECNOLOGICO ANGIOY LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI Prof. G. Ciaschetti DATI E INFORMAZIONI Sappiamo che il computer è una macchina stupida, capace di eseguire

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE IL SISTEMA DECIMALE

SISTEMI DI NUMERAZIONE IL SISTEMA DECIMALE SISTEMI DI NUMERAZIONE IL SISTEMA DECIMALE La base del sistema decimale è 10 I simboli del sistema decimale sono: 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Il sistema di numerazione decimale è un sistema posizionale. L aggettivo

Dettagli