Corso di Econometria B Prof. Luca Stanca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Econometria B Prof. Luca Stanca"

Transcript

1 Corso di Econometria B Prof. Luca Stanca o Marco Bianchi 2647 Gianluca Capuano Alessandro Nella 57994

2 La dinamica degli investimenti pubblici e privati in Italia dal 196 al 22 La nostra relazione si propone di studiare la dinamica degli investimenti in Italia dal 196 al 22. Gli investimenti privati, sebbene rappresentino una quota relativamente modesta del PIL, intorno al 18%, hanno un impatto rilevante sulla domanda aggregata. Le oscillazioni degli investimenti sono infatti più marcate di quelle dei consumi. Inoltre la dinamica degli investimenti incide anche sull offerta aggregata di lungo periodo. Ci proponiamo di analizzare il fenomeno sia attraverso un modello ARIMA, sia attraverso un modello VAR che include oltre alla funzione di investimento privato anche la funzione di investimento pubblico in infrastrutture ed il tasso di interesse reale. Includiamo nell analisi la funzione di investimento pubblico per studiare gli effetti di quest ultimo sugli investimenti privati. In base all ipotesi neoclassica di investimento, gli investimenti pubblici in infrastrutture aumentano la produttività del capitale privato così da indurre le imprese ad aumentare il loro stock di capitale (effetto crowding in). Infine consideriamo anche l effetto del tasso di interesse reale come suggerito dalla teoria Keynesiana e gli eventuali effetti di spiazzamento (crowding out). 1. Introduzione La dinamica degli investimenti pubblici e privati a partire dai primi anni 8 subisce un significativo incremento dovuto all accresciuta spesa pubblica e ad una politica monetaria accomodante. Agli inizi degli anni 9 il deficit pubblico italiano aveva raggiunto livelli preoccupanti, il fabbisogno pubblico veniva finanziato in parte facendo ricorso alle anticipazioni operate dalla Banca d Italia sul c/c di Tesoreria ed in parte grazie all intervento della banca centrale sul mercato secondario dei titoli di Stato. Tra gli effetti di questa manovra si è registrato un incremento della base monetaria che ha aggravato le difficoltà sul mercato dei cambi. L Italia partecipava allo Sistema Monetario Europeo che prevedeva bande di oscillazioni del tasso di cambio del 6% fino al 199, anno in cui si è passati alla banda ristretta del 2,25%. Lo SME prevedeva inoltre un intervento coordinato delle banche centrali in caso di allontanamento dalla parità centrale del tasso di cambio. L impossibilità di sostenere il cambio ha costretto l Italia ad uscire dallo SME. Per fronteggiare il deficit di bilancio sono state necessarie drastiche misure di politica economica. Tra i provvedimenti adottati, vi è stato anche il taglio degli investimenti pubblici. Per analizzare la dinamica degli investimenti utilizzeremo delle serie storiche annuali dal 196 al 22.

3 Inv. Pubblico (GIN) GDP 2. I Dati Inv. Privato (PIN) Tasso d interesse (ILT) Deflatore (DGD)

4 Denominazione delle serie storiche in esame: IT GOVERNMENT INVESTMENT IN REAL TERMS GIN IT GROSS DOMESTIC PRODUCT IN REAL TERMS AT MARKET PRICES GDP IT PRIVATE FIXED INVESTMENT EXCL.STOCKBUILDING IN REAL TERMS PIN IT INTEREST RATE, LONG-TERM ILT IT IMPLICIT PRICE DEFLATOR OF THE GROSS DOMESTIC PRODUCT DGD 3. L investimento privato Da una prima analisi dei dati degli investimenti privati (PIN) in livelli, si nota un andamento crescente conseguente all aumento delle dimensioni dell economia italiana. La serie storica risulta pertanto non stazionaria PIN Per renderla stazionaria è stato sufficiente differenziarla rispetto ai logaritmi. ADF Test Statistic % Critical Value* % Critical Value % Critical Value Analizzando il correlogramma della serie così ottenuta si nota la presenza di autocorrelazione significativa sino al terzo ritardo e di correlazione parziale significativo sino a secondo ritardo.

5 Per analizzare la dinamica del fenomeno identifichiamo un modello ARMA(2,3). Il correlogramma dei residui non presente valori significativi dell autocorrelazione e della correlazione parziale.

6 Il modello che descrive l andamento degli investimenti privati in Italia è dunque un A- RIMA(2,1,3) Estimation Command: ===================== LS DLOG(PIN) C AR(1) AR(2) MA(1) MA(2) MA(3) Estimation Equation: ===================== DLOG(PIN) = C(1) + [AR(1)=C(2),AR(2)=C(3),MA(1)=C(4),MA(2)=C(5),MA(3)=C(6),BACKCAST =1963] Substituted Coefficients: ===================== DLOG(PIN) = [AR(1)= ,AR(2)= ,MA(1)= ,MA(2)= ,MA(3)= ,BACKCAST=1963] Ottenuto il modello ne testiamo l efficacia previsionale. Restringiamo il campione per la stima dal 196 al Con il modello così ottenuto, che continua a soddisfare il controllo diagnostico, stimiamo i valori per gli anni dal 2 al 22 ed otteniamo delle previsioni soddisfacenti PIN PINF +

7 4. L investimento pubblico Analizzando l andamento degli investimenti pubblici (GIN) notiamo un andamento crescente e abbastanza regolare sino al Dal 1992, a seguito della modifica della politica economica necessaria a contrastare il crescente deficit pubblico, si verifica un crollo degli investimenti pubblici che tornano a risalire solo nel L entità dello shock del 1992 e il radicale e duraturo cambiamento della politica economica italiana ci inducono a pensare ad un break strutturale GIN Differenziando la serie in esame otteniamo una serie stazionaria con un margine di confidenza prossimo all 1% del test ADF. Non otteniamo un margine dell 1% come per la serie degli investimenti privati per effetto dello shock del ADF Test Statistic % Critical Value* % Critical Value % Critical Value Analizzando il correlogramma della serie così ottenuta si nota la presenza di autocorrelazione e di correlazione parziale significative rispettivamente fino al terzo ed al secondo ritardo.

8 Stimiamo dunque un modello ARMA(2,3). Analizzando il correlogramma dei residui, notiamo residui parzialmente correlati al 13 ritardo. Proviamo dunque a modificare il modello considerando un ARIMA(2,1,2); infatti, con modelli misti la funzione di correlazione parziale può portare a sovrastimare il numero dei ritardi. Il correlogramma dei residui non presenta valori significativi dell autocorrelazione e della correlazione parziale.

9 Il modello che descrive l andamento degli investimenti pubblici in Italia è dunque un ARIMA(2,1,2). Estimation Command: ===================== LS DLOG(GIN) C AR(1) AR(2) MA(1) MA(2) Estimation Equation: ===================== DLOG(GIN) = C(1) + [AR(1)=C(2),AR(2)=C(3),MA(1)=C(4),MA(2)=C(5),BACKCAST=1963] Substituted Coefficients: ===================== DLOG(GIN) = [AR(1)= ,AR(2)= ,MA(1)= ,MA(2)= ,BACKCAST=1963] Con il modello così ottenuto verifichiamo l efficacia previsionale. Stimiamo il campione dal 196 al Il modello risultante continua a soddisfare il controllo diagnostico. Calcoliamo le previsioni per gli anni dal 2 al 22 ed otteniamo dei valori che rispecchiano l andamento reale del fenomeno.

10 GIN GINF 5. Il modello VAR Per un analisi più approfondita della dinamica degli investimenti privati, abbiamo deciso di ricorrere ad un modello VAR. Il modello VAR offre numerosi vantaggi rispetto ai modelli strutturali per gli investimenti pubblici e privati; come evidenziato da Chirinko (1993) in un ampia review dei modelli d investimento, l analisi empirica dei dati non ha portato ad identificare un modello strutturale robusto per la funzione di investimento privato. Il problema è ancora più accentuato per gli investimenti pubblici, dove la letteratura sia teorica che empirica è più limitata. Un modello VAR quindi consente di studiare la dinamica dei fenomeni in esame senza la necessità di formulare un preciso modello strutturale. Inoltre il modello VAR riconosce esplicitamente l endogenità dell investimento pubblico a differenza della maggior parte dei modelli strutturali che lo considerano esogeno. In presenza di un incremento della spesa pubblica per investimenti dovremmo aspettarci nell immediato una riduzione degli investimenti privati per via dell effetto Keynesiano di spiazzamento. L entità dell effetto dipende tra l altro anche dall apertura o meno dell economia ai mercati internazionali dei capitali e dal fatto di comportarsi o meno come price taker all interno di essi. Secondo Aschauer (1989b), che ha analizzato l economia americana con un modello strutturale, all effetto crowding out segue un effetto crowding in. Infatti gli investimenti pubblici se produttivi, dovrebbero aumentare la produttività del capitale privato così da indurre i privati ad aumentare la loro quota di investimento.

11 Voss (22) ha studiato lo stesso fenomeno per l economia USA e per quella canadese attraverso un modello VAR ottenendo risultatiti opposti, non si verifica alcun effetto crowding in, mentre l effetto crowding out è più marcato nel caso degli Stati Uniti. Costruiamo quindi un modello VAR che contiene oltre alla funzione di investimento privato anche il tasso di interesse reale. Per studiare il fenomeno dobbiamo innanzi tutto rendere stazionarie le serie degli investimenti privati e pubblici, le differenziamo entrambe rispetto ai logaritmi e le moltiplichiamo per 1 per facilitarne l analisi DPINPER

12 DGINPER ottenendo delle serie stazionarie con un intervallo di confidenza dell 1% REALE

13 Per il tasso di interesse reale, abbiamo calcolato la differenza tra quello nominale e la variazione percentuale del deflatore del PIL, approssimata mediante i logaritmi. La serie così ottenuta risulta non stazionaria, anche in questo caso, ricorrendo alle differenze prime si ottiene una serie stazionaria DREALE Andiamo quindi a stimare il modello così costruito per cercare il numero ottimale di ritardi. Ritardi Akaike Information Criterion Non è possibile stimare il modello oltre i 9 ritardi data la numerosità del campione. L indice di Akaike assume valore minimo in corrispondenza di 9 ritardi, anche gli altri test diagnostici ci inducono a considerare 9 ritardi. Stimiamo il modello: Sample(adjusted): Included observations: 32 after adjusting endpoints

14 Standard errors & t-statistics in parentheses DGINPER DPINPER DREALE DGINPER(-1) (.3642) (.3396) (.2337) (3.6526) ( ) ( ) DGINPER(-2) (.57192) (.63285) (.4362) (.4542) ( ) ( ) DGINPER(-3) (.3921) (.43178) (.29761) ( ) ( ) ( ) DGINPER(-4) (.24153) (.26727) (.18421) (.33745) ( ) (1.184) DGINPER(-5) (.24145) (.26718) (.18415) (.67259) ( ) (.92162) DGINPER(-6) (.14648) (.1629) (.11172) (3.246) (2.8836) (.9783) DGINPER(-7) (.13957) (.15444) (.1645) ( ) (.91768) ( ) DGINPER(-8) (.16847) (.18642) (.12849) ( ) ( ) ( ) DGINPER(-9) (.1437) (.159) (.1959) (3.284) (1.589) ( ) DPINPER(-1) (.2959) (.32155) (.22163) (.79859) (-.9569) ( ) DPINPER(-2) (.37232) (.41199) (.28396) ( ) ( ) ( ) DPINPER(-3) (.42567) (.4711) (.32465) ( ) ( ) (.42341) DPINPER(-4) (.24468) (.2774) (.18661)

15 (2.3393) (.47294) (.39397) DPINPER(-5) (.2593) (.28662) (.19755) ( ) ( ) ( ) DPINPER(-6) (.49389) (.54651) (.37668) ( ) ( ) (-.211) DPINPER(-7) (.26418) (.29232) (.2148) (.48385) (-.7991) (-1.119) DPINPER(-8) (.32321) (.35765) (.24651) ( ) ( ) ( ) DPINPER(-9) (.3288) (.36383) (.2577) (-.4879) ( ) (-.6723) DREALE(-1) (.64444) (.7139) (.4915) ( ) ( ) ( ) DREALE(-2) (.57791) (.63948) (.4476) (.6371) (1.217) ( ) DREALE(-3) (.84747) (.93775) (.64635) ( ) ( ) (.6113) DREALE(-4) (.6317) (.66743) (.463) (-.4426) (.7464) ( ) DREALE(-5) (1.9229) (1.2865) (.8337) ( ) ( ) (.39865) DREALE(-6) (.54752) (.6585) (.41759) ( ) ( ) ( ) DREALE(-7) (.75842) (.83922) (.57843) (-.4913) ( ) (.56199) DREALE(-8) (.4981) (.5516) (.37982)

16 (.5827) (2.4745) ( ) DREALE(-9) (.47721) (.5285) (.36396) ( ) ( ) (.22461) C (3.72) ( ) ( ) ( ) (3.9738) ( ) R-squared Adj. R-squared Sum sq. resids S.E. equation Log likelihood Akaike AIC Schwarz SC Mean dependent S.D. dependent Determinant Residual Covariance.3651 Log Likelihood Akaike Information Criteria Schwarz Criteria Stimato il modello, ad una prima analisi delle t-statistics dei coefficienti notiamo valori significati per i coefficienti che legano le variabili ai propri ritardi, come era logico attendersi dai modelli ARIMA stimati in precedenza. Con il modello così ottenuto analizziamo le risposte agli impulsi; per ordinare le variabili utilizziamo la matrice delle correlazioni, DREALE DGINPER DPINPER DREALE DGINPER DPINPER che ci porta ad ordinarle nel seguente modo: DGINPER, DREALE, DPINPER L ordinamento peraltro coincide con quello suggerito dalla teoria economica

17 Response to One S.D. Innovations ± 2 S.E. 3 Response of DGINPER to DGINPER 3 Response of DGINPER to DPINPER 3 Response of DGINPER to DREALE Response of DPINPER to DGINPER 2 Response of DPINPER to DPINPER 2 Response of DPINPER to DREALE Response of DREALE to DGINPER 1.5 Response of DREALE to DPINPER 1.5 Response of DREALE to DREALE Analizziamo ora individualmente le risposte ad impulso più interessanti DPINPER a DGINPER: si verifica un effetto crowding in limitato che tende ad esaurirsi rapidamente per dar luogo ad un effetto crowding out. Entrambi gli effetti si estinguono dopo il sesto ritardo DPINPER a DREALE: gli investimenti privati rispondono in modo molto negativo ad un aumento del tasso di interesse, tuttavia, a partire dal quarto ritardo si nota un leggero incremento. Una possibile spiegazione del fenomeno è che a seguito di una riduzione degli investimenti, lo stock di capitale si riduce fino ad un punto in cui è necessario reintegrarlo. DGINPER a DREALE: in corrispondenza di un aumento del tasso d interesse si verifica una pesante riduzione degli investimenti pubblici. Si può ipotizzare che a causa dell alto tasso d indebitamento dell Italia, maggiori tassi d interesse comportano maggiore spesa per gli stessi e la necessità di tagliare la spesa pubblica per contenere il deficit di bilancio. DGINPER a DGINPER: in presenza di uno shock positivo, per quattro anni i valori degli investimenti pubblici si mantengono sopra la media

18 DPINPER a DPINPER: si verifica un effetto simile al precedente, anche se più limitato in ampiezza e durata Analizzando la scomposizione delle varianze notiamo che la variabilità delle tre variabili in esame è prevalentemente endogena Variance Decomposition Percent DGINPER variance due to DGINPER 1 Percent DGINPER variance due to DPINPER 1 Percent DGINPER variance due to DREALE Percent DPINPER variance due to DGINPER 7 Percent DPINPER variance due to DPINPER 7 Percent DPINPER variance due to DREALE Percent DREALE variance due to DGINPER 8 Percent DREALE variance due to DPINPER 8 Percent DREALE variance due to DREALE Eseguiamo il test di causalità di Granger, Null Hypothesis: Obs F-Statistic Probability DGINPER does not Granger Cause DPINPER DPINPER does not Granger Cause DGINPER DREALE does not Granger Cause DPINPER DPINPER does not Granger Cause DREALE DREALE does not Granger Cause DGINPER DGINPER does not Granger Cause DREALE che indica la presenza di causalità alla Granger tra DREALE e DPINPER. Non possiamo invece respingere l ipotesi nulla secondo la quale DGINPER non causa DPINPER Il modello VAR presentato sembra quindi respingere l ipotesi di crowding in causata dall investimento pubblico.

19 6. Conclusioni Il modello presentato esclude la presenza di un effetto crowding in duraturo nel caso dell Italia. Tale conclusione coincide con quella di Voss (22) ottenuta per gli Stati Uniti e il Canada e contrasta con quella di Aschauer (1989b) che mediante un modello strutturale riscontra un significativo effetto di crowding in per gli Stati Uniti. Tra i possibili fattori che possono influenzare gli effetti degli investimenti pubblici su quelli privati bisogna considerare anche la qualità dei primi. Si può ipotizzare per esempio che la mancanza dell effetto crowding in per l Italia dipenda da investimenti pubblici non sempre ottimali sotto il profilo della produttività. Un ulteriore elemento importante che potrebbe determinare la dinamica degli investimenti privati sono le aspettative degli imprenditori. Purtroppo non è stato possibile reperire dei dati idonei per questo tipo di analisi, gli unici dati disponibili hanno periodicità trimestrale e partono dal 1988.

20 Riferimenti Aschauer, D.A., 1989a. Is public expenditure productive? J. Monetary Econ. 23, Aschauer, D.A., 1989b. Does public capital crowd out private capital? J. Monetary E- con. 24, Chirinko, R.S., Business fixed investment spending: a critical survey of modelling strategies, empirical results, and policy implications. J. Econ. Lit. 31, Voss, G.M., 22. Public and private investment in the United States and Canada. Economic Modelling 19,

ECONOMETRIA B A.A. 2002/2003 (Prof. Luca Stanca) Commercio internazionale e tasso di cambio

ECONOMETRIA B A.A. 2002/2003 (Prof. Luca Stanca) Commercio internazionale e tasso di cambio ECONOMETRIA B A.A. 2002/2003 (Prof. Luca Stanca) Commercio internazionale e tasso di cambio Crivellaro Alessandro matr.583179 De Vera Vicent Gregorio Erasmus Martin Medel Asuncion Erasmus Rorato Silvia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Scienze Statistiche

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Scienze Statistiche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Scienze Statistiche CORSO DI LAUREA IN STATISTICA ECONOMIA E FINANZA TESI: BORSA E CICLO ECONOMICO: UNA VERIFICA EMPIRICA PER IL CASO STATUNITENSE Relatore:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA ECONOMIA E FINANZA. Tesi di laurea

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA ECONOMIA E FINANZA. Tesi di laurea UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA ECONOMIA E FINANZA Tesi di laurea Impatto della parte sistematica della politica monetaria europea sul cambio

Dettagli

Modello di regressione lineare

Modello di regressione lineare Modello di regressione lineare a cura di Giordano dott. Enrico enrico.giordano@meliorbanca.com Nel presente lavoro viene descritto in modo dettagliato (attraverso anche un impatto visivo), l analisi di

Dettagli

LEZIONE 6. Il modello keynesiano

LEZIONE 6. Il modello keynesiano LEZIONE 6 IL MODELLO REDDITO SPESA Il modello keynesiano La GD segna l origine della teoria macroeconomica moderna Il modello classico e i relativi precetti di politica economica si dimostrano incapaci

Dettagli

LA POLITICA ECONOMICA. La teoria normativa

LA POLITICA ECONOMICA. La teoria normativa LA POLITICA ECONOMICA La teoria normativa 1 Questioni affrontate a) Le autorità di politica economica devono intervenire nell economia, oppure dovrebbero limitare al minimo i propri interventi e lasciare

Dettagli

Microeconometria (Silvia Tiezzi) 01 aprile2011 Esercitazione

Microeconometria (Silvia Tiezzi) 01 aprile2011 Esercitazione Microeconometria (Silvia Tiezzi) 01 aprile2011 Esercitazione Esercizio 1 Si consideri il seguente modello ad effetti fissi con variabili binarie: + 1 2 a) supponete che N=3. Si mostri che i regressori

Dettagli

2. STYLE ANALYSIS DEI FONDI COMUNI D INVESTIMENTO. pag.10 2.1 Introduzione pag.10 2.2 Metodologia pag.11

2. STYLE ANALYSIS DEI FONDI COMUNI D INVESTIMENTO. pag.10 2.1 Introduzione pag.10 2.2 Metodologia pag.11 INDICE: SOMMARIO 1. I FONDI COMUNI D INVESTIMENTO pag.5 1.1 Definizione e caratteristiche di un fondo comune d investimento pag.5 1.2 La struttura di un fondo comune d investimento..pag.6 1.3 Classificazione

Dettagli

Note introduttive Il software econometrico Easy Reg è scaricabile gratuitamente da internet (http://econ.la.psu.edu/~hbierens/easyreg.

Note introduttive Il software econometrico Easy Reg è scaricabile gratuitamente da internet (http://econ.la.psu.edu/~hbierens/easyreg. Note introduttive Il software econometrico Easy Reg è scaricabile gratuitamente da internet (http://econ.la.psu.edu/~hbierens/easyreg.htm) Per importare i dati in Easy Reg bisogna: 1. Cambiare le impostazioni

Dettagli

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA Matilde Vassalli e-mail vassalli@eco.unibs.it 1 OBIETTIVO E SCHEMA DELLA LEZIONE Comprendere il ruolo della moneta e della politica monetaria in una economia aperta.

Dettagli

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano La gestione e la ristrutturazione del debito 1 Evoluzione nella gestione del debito: Dalla semplice amministrazione del rimborso del debito, stabilendo piano ammortamento, quote capitale, interessi passivi,

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 27 Il modello IS LM

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 27 Il modello IS LM UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 27 Il modello IS LM Prof. Gianmaria Martini La funzione di investimento In via preliminare abbiamo ipotizzato che gli

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 17 Settembre 2010 L ECONOMIA ITALIANA HA GIA SUPERATO UN PUNTO DI MASSIMO CICLICO? I dati diffusi dall Istat lo scorso venerdì suscitano qualche preoccupazione sulle prospettive

Dettagli

Recenti risultati sulla trasmissione della politica monetaria nell area dell euro

Recenti risultati sulla trasmissione della politica monetaria nell area dell euro Recenti risultati sulla trasmissione della politica monetaria nell area dell euro Questo articolo, basato su recenti ricerche svolte dall Eurosistema, fornisce una panoramica degli ultimi risultati riguardanti

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 4

Economia monetaria e creditizia. Slide 4 Economia monetaria e creditizia Slide 4 Le teorie diverse che spiegano come di determina la domanda di moneta possono essere ricondotte alle due funzioni di mezzo di pagamento e di riserva di valore la

Dettagli

Modello di pricing per opzioni

Modello di pricing per opzioni SCUOLA ENRICO MATTEI Master MEDEA - Anno Accademico 2003 2004 PROJECT ENIFIN Modello di pricing per opzioni Allievi: Loreto Avendaño Chiara Lo Prete Pedro Nobre Manuel Pianazzi Massimo Stolzuoli Abstract

Dettagli

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione Indice ix Prefazione Capitolo 1 1 Che cos è la macroeconomia? 1 1.1. Di cosa si occupa la macroeconomia? 3 1.2. E quella definizione? 4 1.3. La differenza tra macroeconomia e microeconomia 5 1.4. Perché

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

Esercitazione Statistica Computazionale B Modelli di regressione lineare semplice Verifica di ipotesi - Analisi della varianza

Esercitazione Statistica Computazionale B Modelli di regressione lineare semplice Verifica di ipotesi - Analisi della varianza Esercitazione Statistica Computazionale B Modelli di regressione lineare semplice Verifica di ipotesi - Analisi della varianza 3 maggio 2005 Esercizio 1 Consideriamo l esempio del libro di testo Annette

Dettagli

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Lezione 1 Lezione 1 Economia Politica - Macroeconomia 1 Semplificazioni della macro Il livello di aggregazione è molto più spinto

Dettagli

La politica fiscale e la sostenibilità del debito pubblico

La politica fiscale e la sostenibilità del debito pubblico La politica fiscale e la sostenibilità del debito pubblico Dibattito politica fiscale nel medio/lungo periodo Gli effetti di una politica fiscale espansiva con aumento della spesa pubblica dipendono da

Dettagli

MISURARE IL COSTO DELLA VITA. Harcourt Brace & Company

MISURARE IL COSTO DELLA VITA. Harcourt Brace & Company MISURARE IL COSTO DELLA VITA Indice dei prezzi al consumo L indice dei prezzi al consumo (IPC) è una misura del costo complessivo dei beni e dei servizi acquistati dal consumatore tipo. Viene utilizzato

Dettagli

Applicazione reale dell AMP Forecast del Mercato IT

Applicazione reale dell AMP Forecast del Mercato IT Variabili considerate (PIL a prezzi costanti) Applicazione reale dell AMP Forecast del Mercato IT TotMerCon (Totale Mercato Consumatori) TotDevCon (Totale Device Consumatori). Analisi delle variabili La

Dettagli

La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti

La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti La contabilità nazionale in un economia aperta La bilancia dei pagamenti Bibliografia di base: capitolo 2 ("La contabilità nazionale e la bilancia dei

Dettagli

Capitolo 6. Il modello IS - LM

Capitolo 6. Il modello IS - LM Capitolo 6 187 Il modello IS - LM Fino ad ora abbiamo considerato separatamente il mercato delle merci e il mercato della moneta, a questo punto dobbiamo prendere in considerazione i collegamenti esistenti

Dettagli

Il valore economico del Volontariato in provincia di Bergamo 1

Il valore economico del Volontariato in provincia di Bergamo 1 Il valore economico del Volontariato in provincia di Bergamo 1 Premessa La valutazione economica del volontariato richiede una precisa definizione del fenomeno e una chiara identificazione dell unità di

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

Approfondimenti La dinamica nel modello Is-Lm

Approfondimenti La dinamica nel modello Is-Lm Approfondimenti La dinamica nel modello Is-Lm 1. Aggiungiamo la dinamica Negli approfondimenti dedicati al mercato dei beni abbiamo aggiunto considerazioni dinamiche alla nostra descrizione del mercato

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario AREA FINANZA DISPENSA FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Strumenti

Dettagli

Prezzi vischiosi e domanda aggregata

Prezzi vischiosi e domanda aggregata Prezzi vischiosi e domanda aggregata Ciò che rende differente il lungo periodo dal breve è il comportamento dei prezzi. Nel lungo periodo i prezzi sono flessibili, nel breve sono vischiosi. Il fatto che

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Economia degli Intermediari Finanziari 29 aprile 2009 A.A. 2008-2009 Agenda 1. Il calcolo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA SCHEDA N. 5: REGRESSIONE LINEARE

STATISTICA DESCRITTIVA SCHEDA N. 5: REGRESSIONE LINEARE STATISTICA DESCRITTIVA SCHEDA N. : REGRESSIONE LINEARE Nella Scheda precedente abbiamo visto che il coefficiente di correlazione fra due variabili quantitative X e Y fornisce informazioni sull esistenza

Dettagli

Valutazione d azienda: aspetti applicativi. Docente: Prof. Massimo Mariani

Valutazione d azienda: aspetti applicativi. Docente: Prof. Massimo Mariani Docente: Prof. Massimo Mariani 1 METODI FINANZIARI - Durata del periodo di previsione analitica La scelta della durata del periodo di previsione analitica è principalmente legata a: Settore aziendale di

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 158 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

La valutazione dei titoli azionari mediante il Residual Income Model. Piacenza, 9 giugno 2008

La valutazione dei titoli azionari mediante il Residual Income Model. Piacenza, 9 giugno 2008 La valutazione dei titoli azionari mediante il Residual Income Model Piacenza, 9 giugno 2008 Breve bibliografia Il Residual Income Model (RIM), talvolta indicato come EBO dalle iniziali dei tre autori

Dettagli

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Determinare la liquidità bancaria se (come avviene con la BCE) la domanda di base monetaria delle famiglie è sempre soddisfatta dalla BC (H

Dettagli

CONOSCERE PER COMPETERE. CAPITALE UMANO, TECNOLOGIA E SVILUPPO ECONOMICO

CONOSCERE PER COMPETERE. CAPITALE UMANO, TECNOLOGIA E SVILUPPO ECONOMICO CONOSCERE PER COMPETERE. CAPITALE UMANO, TECNOLOGIA E SVILUPPO ECONOMICO Sommario: 1. Introduzione 2. Le politiche per la competitività 3. Conoscenza e capitale: ricerca e produttività 4. Conoscenza, istruzione

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Volontariato e criminalità in Italia: un analisi sui dati provinciali

Volontariato e criminalità in Italia: un analisi sui dati provinciali Volontariato e criminalità in Italia: un analisi sui dati provinciali Andrea Lasagni 1 (Università di Parma) 1. Introduzione Un numero crescente di studi in letteratura ha considerato il contributo economico

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Questioni di Economia e Finanza

Questioni di Economia e Finanza Questioni di Economia e Finanza (Occasional Papers) Tra il dire e il fare: il divario tra giudizi degli imprenditori e andamenti della produzione nell industria di Antonio M. Conti e Concetta Rondinelli

Dettagli

Lezione 10 Il metodo dei multipli.

Lezione 10 Il metodo dei multipli. Lezione 10 Il metodo dei multipli. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri 1 Il metodo dei multipli L obiettivo della valutazione basata sui multipli di mercato (valutazione relativa) è la stima

Dettagli

Low cost carriers and foreign tourism inflows: a cointegrated VAR analysis for Italy

Low cost carriers and foreign tourism inflows: a cointegrated VAR analysis for Italy Low cost carriers and foreign tourism inflows: a cointegrated VAR analysis for Italy Valter Di Giacinto Andrea Migliardi Roma, 22.6.2012 Outline della presentazione Obiettivo del lavoro: analizzare le

Dettagli

Temi di Economia e Finanza

Temi di Economia e Finanza Temi di Economia e Finanza Finanziamenti Bancari al Settore Produttivo: Credit Crunch o Extra-Credito? A cura di Daniele Di Giulio Novembre 2009 - Numero 1 - Sintesi Centro Studi e Ricerche I TEMI DI ECONOMIA

Dettagli

Produzione e crescita

Produzione e crescita Produzione e crescita Il Pil reale pro-capite è una buona misura del benessere di un economia. Quali sono le determinanti della crescita di lungo periodo del Pil reale. I confronti internazionali evidenziano

Dettagli

INDICATORI ECONOMICI E ANALISI STRATEGICA

INDICATORI ECONOMICI E ANALISI STRATEGICA Specializzazione Tecnico del Commercio Estero INDICATORI ECONOMICI E ANALISI STRATEGICA Nicoletta d Ovidio Classe 5 Ctga Un azienda per internazionalizzarsi deve prendere in considerazione diversi fattori:

Dettagli

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito Capitolo 13 Banca Centrale, moneta e credito La moneta: cosa sappiamo già (cap. 5) La moneta è un bene comunemente accettato come mezzo di scambio e pagamento. Deve avere come caratteristiche: facile trasferibilità,

Dettagli

Note metodologiche e modelli utilizzati per il forecast di latte e derivati in Italia per l anno 2003.

Note metodologiche e modelli utilizzati per il forecast di latte e derivati in Italia per l anno 2003. NOTA METODOLOGICA NEWSLETTER ISMEA LATTE E DERIVATI OTTOBRE 2003 Note metodologiche e modelli utilizzati per il forecast di latte e derivati in Italia per l anno 2003. Consulente Esterno Dott. Dario Buono

Dettagli

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale.

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale. DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA PARTE I: I FONDAMENTI DELLA MACRO 1) Dopo aver spiegato la distinzione tra micro e macro economia, lo studente definisca e spieghi il concetto di Prodotto Interno

Dettagli

Modelli statistici per l analisi dei dati e la valutazione d efficacia Il caso del Comune di Perugia

Modelli statistici per l analisi dei dati e la valutazione d efficacia Il caso del Comune di Perugia Modelli statistici per l analisi dei dati e la valutazione d efficacia Il caso del Comune di Perugia Alessandra Pelliccia Matteo Cataldi Matteo Filippo Donadi 0 AGENDA Fonti Descrizione dei dati Variabili

Dettagli

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta 1-08-2015 Numero 15-11 NOTA DAL CSC Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta Tra il e il gli investimenti fissi lordi si sono contratti

Dettagli

Lezione 7 (BAG cap. 5)

Lezione 7 (BAG cap. 5) Lezione 7 (BAG cap. 5) I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia 1. Il mercato dei beni e la curva IS L equilibrio sul mercato

Dettagli

CONFRONTO TRA TECNICHE DI PREVISIONE: Processi regressivi e reti neurali artificiali

CONFRONTO TRA TECNICHE DI PREVISIONE: Processi regressivi e reti neurali artificiali Paolo Mezzera Ottobre 2003 CONFRONTO TRA TECNICHE DI PREVISIONE: Processi regressivi e reti neurali artificiali Questo lavoro ha lo scopo di confrontare previsioni ottenute mediante processi regressivi

Dettagli

IL MODELLO ECONOMETRICO ITEM

IL MODELLO ECONOMETRICO ITEM IL MODELLO ECONOMETRICO ITEM 1 UTILIZZO DEL MODELLO Previsioni/proiezioni di medio periodo condizionate a ipotesi sulle variabili esogene (e.g. quadro internazionale, quadro di finanza pubblica) Analisi

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 167 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

La Politica Economica e i Tassi di Cambio

La Politica Economica e i Tassi di Cambio La Politica Economica e i Tassi di Cambio In questa lezione: Studiamo la politica economica con cambi fissi e flessibili. 267 Risparmio, investimento e disavanzo commerciale Partendo dalla condizione di

Dettagli

La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti

La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti La contabilità nazionale in un economia aperta La bilancia dei pagamenti Bibliografia di base: capitolo 2 ("La contabilità nazionale e la bilancia dei

Dettagli

La regressione lineare multipla

La regressione lineare multipla 13 La regressione lineare multipla Introduzione 2 13.1 Il modello di regressione multipla 2 13.2 L analisi dei residui nel modello di regressione multipla 9 13.3 Il test per la verifica della significatività

Dettagli

PRODUZIONE, TASSO DI INTERESSE E TASSO DI CAMBIO

PRODUZIONE, TASSO DI INTERESSE E TASSO DI CAMBIO 1 PRODUZION, TASSO DI INTRSS TASSO DI CAMBIO L QUILIBRIO DL MRCATO DI BNI L equilibrio nel mercato dei beni sarà dato dalla seguente equazione: Y C Y T I Y r G IM Y X Y ( ) (, ) (, ) (, ) ( ) (, ) (, )/

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

5(3257'211(48(67,21$5,$8726200,1,675$7,

5(3257'211(48(67,21$5,$8726200,1,675$7, 5(3257'211(48(67,21$5,$8726200,1,675$7, La distribuzione dei questionari è stata progettata in una serie di luoghi che abbiamo definito ad alta frequentazione femminile, come le scuole, gli ambulatori

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo La legge del prezzo unico La parità del potere d acquisto (PPP) Un modello sui tassi di cambio di lungo periodo basato sulla PPP Problemi relativi

Dettagli

ECONOMIA POLITICA I (prof. G.Garofalo) Prova del 30/09/2011

ECONOMIA POLITICA I (prof. G.Garofalo) Prova del 30/09/2011 ECONOMIA POLITICA I (prof. G.Garofalo) Prova del 30/09/2011 1. Le funzioni dell investimento e del consumo sono, rispettivamente: I = 70 310 r C = 60 + 0,8 Y Rappresentarle entrambe. Mostrare nello stesso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA DIFFERENZE DI COMPORTAMENTO TRA E FED, UNA VERIFICA EMPIRICA CON REGOLA

Dettagli

LEZIONI DI STATISTCA APPLICATA. Parte 2. Statistica inferenziale. Variabili continue per continue. Alessandro Valbonesi. SARRF di Scienze ambientali

LEZIONI DI STATISTCA APPLICATA. Parte 2. Statistica inferenziale. Variabili continue per continue. Alessandro Valbonesi. SARRF di Scienze ambientali LEZIONI DI STATISTCA APPLICATA Parte 2 Statistica inferenziale Variabili continue per continue Alessandro Valbonesi SARRF di Scienze ambientali Anno accademico 2010-11 CAPITOLO 7 - RELAZIONI TRA DUE O

Dettagli

APPUNTI di ECONOMIA MONETARIA Giancarlo Bertocco* Corso di Laurea Triennale Anno Accademico 2010-11

APPUNTI di ECONOMIA MONETARIA Giancarlo Bertocco* Corso di Laurea Triennale Anno Accademico 2010-11 APPUNTI di ECONOMIA MONETARIA Giancarlo Bertocco* Corso di Laurea Triennale Anno Accademico 2010-11 *Questo testo è stato realizzato sulla base degli appunti presi durante le lezioni tenute nell anno accademico

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

BILANCI DELLE FAMIGLIE

BILANCI DELLE FAMIGLIE Il bilancio della famiglia Marzo 2010 BILANCI DELLE FAMIGLIE Marzo 2010 Introduzione Lo studio pone l accento sull analisi dei bilanci delle famiglie negli ultimi anni, che sono prese come fulcro e che

Dettagli

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Marianna Belloc 1 Approccio NATREX L approccio NATREX, dovuto a Stein (1990, 1999) e basato, come il precedente, su agenti intertemporalmente

Dettagli

Analisi dei margini: componenti e rischi

Analisi dei margini: componenti e rischi Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei margini: componenti e rischi Capitolo 7 Indice degli argomenti 1. Principali componenti del reddito operativo 2. Tipici fattori

Dettagli

L ECONOMIA APERTA CHAPTER 5. The Open Economy

L ECONOMIA APERTA CHAPTER 5. The Open Economy L ECONOMIA APERTA 0 COSA IMPAREREMO: La contabilità nazionale in economia aperta Il saldo commerciale e i flussi internazionali di capitale Il tasso di cambio nominale e reale. Importazioniedesportazioni

Dettagli

Regressione Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011

Regressione Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011 Regressione Esempio Un azienda manifatturiera vuole analizzare il legame che intercorre tra il volume produttivo X per uno dei propri stabilimenti e il corrispondente costo mensile Y di produzione. Volume

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di dottorato in medicina molecolare. a.a. 2002 2003. Corso di Statistica Medica. Inferenza sulle medie

Università del Piemonte Orientale. Corso di dottorato in medicina molecolare. a.a. 2002 2003. Corso di Statistica Medica. Inferenza sulle medie Università del Piemonte Orientale Corso di dottorato in medicina molecolare aa 2002 2003 Corso di Statistica Medica Inferenza sulle medie Statistica U Test z Test t campioni indipendenti con uguale varianza

Dettagli

PROF. MATTIA LETTIERI

PROF. MATTIA LETTIERI LA POLITICA MONETARIA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 GLI OBIETTIVI DELLA POLITICA MONETARIA ----------------------------------------------------------------- 3 2 I MECCANISMI DI TRASMISSIONE DELLA POLITICA

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Innovazione, competitività e crescita SCHEMA DELLA LEZIONE Cosa si intende per competitività?

Dettagli

I criteri di valutazione degli immobili, con particolare. riferimento alla stima dei fabbricati

I criteri di valutazione degli immobili, con particolare. riferimento alla stima dei fabbricati I criteri di valutazione degli immobili, con particolare riferimento alla stima dei fabbricati (a cura Dott. Umberto Fruttero) Come si è avuto già modo di esporre in altri interventi, la valutazione dell

Dettagli

Capitolo 12 La regressione lineare semplice

Capitolo 12 La regressione lineare semplice Levine, Krehbiel, Berenson Statistica II ed. 2006 Apogeo Capitolo 12 La regressione lineare semplice Insegnamento: Statistica Corso di Laurea Triennale in Economia Facoltà di Economia, Università di Ferrara

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

crediti commerciali * giorni clienti + magazzino* giorni magazzino - debiti commerciali * giorni fornitori = fabbisogno * durata

crediti commerciali * giorni clienti + magazzino* giorni magazzino - debiti commerciali * giorni fornitori = fabbisogno * durata Approfondimento 1.1w 1. Congiuntura e ciclo finanziario delle imprese Per meglio comprendere la relazione tra ciclo congiunturale e dinamica finanziaria delle imprese - la quale a sua volta si riflette

Dettagli

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione Domande di ripasso 1. La moneta ha tre funzioni: riserva di valore, unità di conto e mezzo di scambio. In quanto riserva di valore, la moneta rappresenta un modo per

Dettagli

1. Introduzione. 1.1 Cos è l econometria?

1. Introduzione. 1.1 Cos è l econometria? 1. Introduzione 1.1 Cos è l econometria? L econometria si occupa dello studio quantitativo delle relazioni economiche. Rappresenta lo strumento per interpretare la realtà alla luce della teoria economica,

Dettagli

RISK MANAGEMENT: MAPPATURA E VALUTAZIONE DEI RISCHI AZIENDALI. UN COSTO O UN OPPORTUNITA?

RISK MANAGEMENT: MAPPATURA E VALUTAZIONE DEI RISCHI AZIENDALI. UN COSTO O UN OPPORTUNITA? Crenca & Associati CORPORATE CONSULTING SERVICES RISK MANAGEMENT: MAPPATURA E VALUTAZIONE DEI RISCHI AZIENDALI. UN COSTO O UN OPPORTUNITA? Ufficio Studi Milano, 3 aprile 2008 Introduzione al Risk Management

Dettagli

La politica fiscale nelle teorie macroeconomiche

La politica fiscale nelle teorie macroeconomiche La politica fiscale nelle teorie macroeconomiche I classici e la tradizione keynesiana La nascita della moderna macroeconomia può essere ricondotta agli anni 30 e in particolare alla pubblicazione della

Dettagli

THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES

THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES Giovanni Dell Ariccia, Enrica Detragiache, Raghuram Rajan ECONOMIA MONETARIA INTERNAZIONALE Anno Accademico 2009/2010 Alessandro Paci Valentina Peruzzi Mariangela Scorrano

Dettagli

Histogram of C1 Normal

Histogram of C1 Normal Soluzioni domande ed esercizi Fondamenti di Affidabilità Capitolo 2. La vita di un cambio ad ingranaggi può essere fortemente influenzata nelle fasi iniziali della sua vita da problemi derivanti principalmente

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

Investimenti Diretti Esteri

Investimenti Diretti Esteri Investimenti Diretti Esteri Daniele Mantegazzi IRE, Università della Svizzera Italiana 14 novembre 2013 Daniele Mantegazzi Economia Internazionale 14 novembre 2013 1 / 24 Contenuti e struttura della lezione

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky

Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky Alessandro Brusadelli, Giacomo Andreoletti Introduzione Obiettivo: Dimostrare che contesti che implicano l uso di razionalità procedurale

Dettagli