INSIGHTS. Periodico di Clifford Chance in Italia. Rischio penale. Voluntary disclosure. Made in Italy

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INSIGHTS. Periodico di Clifford Chance in Italia. Rischio penale. Voluntary disclosure. Made in Italy"

Transcript

1 Gennaio 2015 n 1 Made in Italy Intervista a Maurizio Tamagnini sui settori più appetibili per gli investitori Rischio penale Indagini interne e rapporti con l Autorità Giudiziaria Voluntary disclosure Ultima chiamata per le disponibilità riservate all estero?

2 INDICE Settori: Made in Italy 4 Incontro con Maurizio Tamagnini, Amministratore Delegato di Fondo Strategico Italiano, società con 4,4 miliardi di euro di fondi per investimenti di capitali di rischio in aziende, con azionisti Cassa Depositi e Prestiti e Banca d Italia. Tema centrale i possibili sviluppi del mercato degli investimenti nel Made in Italy nei prossimi anni. Tendenze: le indagini interne 10 Nell ultimo decennio, la grande crescita dei mercati è stata turbata da una impressionante onda anomala : improvvisi fallimenti di realtà societarie che apparivano solide e affidabili, nuovi scandali finanziari, crisi dei mercati, rischio default di alcuni Paesi dell euro-zona ed espansione della criminalizzazione. 14 Legal tweets 15 Getting personal La voluntary disclosure 16 Profilo Alberta Figari 18 In agenda anni di... Clifford Chance in Italia INSIGHTS n. 1 gennaio 2015 Editore: Studio Legale Associato Direttore Responsabile: Micol Scabbia Redazione: Clifford Chance Impaginazione: MilanoForward.com Crediti fotografici: Shutterstock.com, Wikipedia, MilanoForward.com Tiratura: 700 copie Stampa: Ancora Srl Reg. Trib. Numero 409 del 19 dicembre 2014 La pubblicazione Insights viene inviata ad una lista selezionata di nominativi. In caso non voglia più riceverla, La invitiamo a mandare una mail con i Suoi dati a 2

3 Numero 1 Gennaio 2015 Giuseppe De Palma Con grande piacere vi presento il primo numero di Insights, la pubblicazione che abbiamo voluto lanciare per celebrare i primi 20 anni di attività di Clifford Chance in Italia. Siamo orgogliosi di questo traguardo e desiderosi di continuare la nostra storia di successo. Cosa non è Insights. Non è una rivista di stampo tecnico. Non vogliamo trattare questioni giuridiche, né proporvi semplici aggiornamenti normativi. Insights vuole essere un nuovo canale di comunicazione, uno strumento per approfondire la conoscenza del mutevole mercato in cui operiamo e per comprendere meglio le sfide che ci attendono e le opportunità che si presenteranno. Vogliamo condividere con voi la visione di investitori e managers protagonisti della vita economica del nostro Paese che hanno il beneficio di una prospettiva privilegiata. Vogliamo sensibilizzarvi su novità e trends che consideriamo importanti per il vostro lavoro e darvi un nostro contributo di idee su temi che riteniamo di grande attualità o che richiedano di fare un po di chiarezza. Vogliamo pubblicare Insights con cadenza quadrimestrale. Ciascun numero conterrà rubriche ricorrenti e, con formati diversi, tratterà temi di interesse e curiosità. In questo primo numero presentiamo, tra l altro, il ruolo del Fondo Strategico Italiano e la visione del suo Amministratore Delegato Maurizio Tamagnini, cui vanno i nostri sentiti ringraziamenti. Vi parliamo anche di rischi e di investigazioni interne, che sono temi di grande attualità per qualunque persona impegnata nella gestione di società ed imprese. Vi saluto ringraziando tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questo numero. Mi auguro che le pagine che seguono riflettano la passione con la quale abbiamo lavorato per lanciare questa iniziativa. Spero che Insights raccolga il vostro gradimento e vi invito a farmi avere commenti, idee e suggerimenti utili a renderla una lettura sempre interessante e piacevole. Un cordiale saluto Giuseppe De Palma Managing Partner, Clifford Chance Italy 3

4 Settori MADE IN ITALY Turismo e agroalimentare. Potrebbero essere le chiavi di volta per superare la crisi. A patto di riuscire a consolidare e rendere più efficienti le aziende che in quei settori operano. E a candidarsi a fare da polo aggregatore è il Fondo Strategico Italiano (FSI), il nostro fondo sovrano, porta di ingresso per gli investitori esteri in Italia. Lo scorso 2 luglio un decreto del Mef ha ampliato l operatività del Fondo inserendo nuovi settori tra quelli di rilevante interesse nazionale racconta l Amministratore Delegato di FSI Maurizio Tamagnini all avvocato Claudio Cerabolini di Clifford Chance, che lo ha incontrato a Milano a fine luglio Tra questi vi sono il settore turistico-alberghiero e l agroalimentare. Entrambi sono considerati fondamentali per la nostra economia, e questa inclusione è anche un riconoscimento del fatto che la maggior parte delle aziende di quei comparti ha un fatturato sotto i 300 milioni, che è il nostro limite di investimento per settori diversi da quelli che il nostro statuto considera strategici. 4

5 Numero 1 Gennaio 2015 In effetti, nel turismo e nell agroalimentare, il frazionamento dimensionale e proprietario ha ostacolato l afflusso di capitali, fatta eccezione per alcune acquisizioni di alberghi di lusso e per alcuni investimenti di player industriali. Quale potrebbe essere la strada per catalizzare investimenti importanti? E voi potete funzionare da polo di consolidamento? È qualcosa che auspichiamo ed è una nostra priorità. Crediamo che agroalimentare e turismo siano due settori importantissimi, tanto che già a dicembre 2013 il Fondo aveva annunciato un piano per il turismo che includa la possibilità di lanciare un veicolo di investimenti in immobili alberghieri promosso da Cassa depositi e prestiti e, in maniera indipendente, in aziende di gestione alberghiera. Una separazione importante che consentirebbe la nascita di catene alberghiere che la coincidenza tra proprietà e gestione finora ha impedito. È il tentativo di creazione di una ricettività che sia ben ideata per le esigenze dei turisti che non vengono solo da Paesi vicini ma anche dall estremo Oriente o dal Sudamerica. Ed è un processo che avrà un impatto rilevante in termini di indotto, nuovi posti di lavoro e benessere sociale per il territorio. Penso che come conseguenza crescerebbe il numero di aziende che si occupano in modo strutturato e specializzato della promozione di beni culturali, dei settori dell accoglienza con servizi che vanno dal momento in cui il turista arriva sul nostro territorio al momento in cui se ne va. Questo vale anche per l alimentare, per cui il turismo funzionerebbe da volano: più riusciamo ad attrarre visitatori più questi hanno la possibilità di conoscere e acquistare prodotti del Made in Italy agricolo, in cui crediamo moltissimo. E lo dimostra, per esempio, il tentativo che abbiamo fatto la scorsa primavera di acquisire l azienda Deoleo, che negli anni era diventata di proprietà spagnola e che è il maggior produttore globale di olii extravergine di oliva di alta qualità a marchio Bertolli, Carapelli e Sasso. Ad aggiudicarsela è stato il fondo di private equity statunitense CVC Capital Partners. Ma ricordiamo questo evento, anche se non ci ha visti protagonisti, appunto a testimonianza del nostro interesse nel settore agroalimentare. Investire in Italia è talvolta considerato difficile a causa della complessità normativa e regolamentare e di vincoli spesso eccessivi. Sulla base della vostra esperienza di fundraiser in ambito internazionale, cosa spaventa un investitore estero riguardo all Italia? Cosa è più difficilmente comprensibile del nostro Paese visto dall esterno? Io credo che l investitore straniero che si affaccia all Italia abbia una serie di stereotipi che in buona parte possono essere eliminati e alleviati. Faccio l esempio del Qatar, che ha iniziato a guardare al Paese con l intenzione di conoscerne innanzitutto le dinamiche e poi, quando è riuscito a familiarizzare, ha fatto una serie di operazioni importanti: dall acquisizione in Costa Smeralda nel settore degli alberghi da parte di Qatar Holding, che successivamente ha investito anche nell edilizia di Porta Nuova a Milano, a Valentino che è stata acquisita per 700 milioni di euro da Mayhoola for Investments, società dello sceicco Hamad bin Khalifa Al Thani. Il fatto di avere un partner locale e per di più istituzionale qui in Italia ha fatto sì che i qatarioti fossero facilitati, si sentissero garantiti e mettessero il nostro Paese su un gradino più alto di considerazione, riuscendo a valutare le nostre aziende per quello che sono: attraenti. In effetti gli investitori esteri interessati al Made in Italy sono 5

6 Maurizio Tamagnini Da settembre 2011 Amministratore Delegato di Fondo Strategico Italiano, società con 4,4 miliardi di euro di fondi per investimenti di capitali di rischio in aziende ( FSI ), con azionisti Cassa Depositi e Prestiti (che possiede una partecipazione dell 80%) e Banca d Italia (che possiede una partecipazione del 20%). Presidente del Consiglio di Sorveglianza di STMicroelectronics N.V., azienda leader nel settore dei semiconduttori quotata alla Borsa di Milano, New York e Parigi. Presidente della joint venture tra Fondo Strategico Italiano e Qatar Holding (IQ Made in Italy Investment Company) con dotazione di capitale di 2 miliardi di euro per investimenti nei settori Alimentare e Distribuzione, Moda e Articoli di Lusso, Arredamento e Design, Tempo Libero, Turismo e Lifestyle. Membro di: - Industrial Compact, task force di esperti del Ministero dello Sviluppo Economico Italiano; - Comitato Esecutivo del Business Forum Italia-Cina; - Business Forum Italia-Francia; - International Advisory Board del RDIF. Ha maturato 24 anni di esperienza nel settore finanziario nelle aree di finanza straordinaria, private equity, debito ed equity, lavorando a Milano, Londra e New York. Fino al 2011 Responsabile Sud Europa della divisione Corporate e Investment Banking di Bank of America Merrill Lynch e membro del Comitato Esecutivo di Bank of America Merrill Lynch per l area EMEA. Laurea in Economia Monetaria Internazionale conseguita presso l Università Bocconi di Milano. Studi di specializzazione presso Rensselaer Polytechnic Institute Troy, New York, USA. Membro del Comitato Organizzatore dei Campionati del Mondo di Pallavolo Femminile Milano riconducibili ad alcune aree geografiche precise. L Europa, con in testa Francia, Germania e Regno Unito se si considera la sede legale dei fondi di private equity compratori; il mondo arabo, con esperienze come quelle appena citate e l investimento di Etihad in Alitalia; infine, la Cina, che ha acquisito il 40% di Ansaldo Energia, in un operazione guidata da FSI, e l acquisizione del 35% di Cdp Reti da parte di State Grid Corporation of China. La tendenza è questa. Direi che dopo alcuni anni di flessione degli investimenti esteri in Italia dovuti alla profonda crisi del debito del Sud Europa e alle criticità dell economia domestica che cresce negativamente o in misura minore rispetto agli altri Paesi, a partire dalla metà del 2013 siamo tornati a registrare un forte interesse per le aziende del nostro Paese. Che infatti si stanno anche riaffacciando in Borsa dopo anni di stasi pressoché totale. 6

7 Numero 1 Gennaio 2015 In questo ambito gli obiettivi del Fondo Strategico sono essenzialmente due: il primo è investire in aziende con potenziale di crescita importante in settori con un rilevante impatto sull indotto in Italia ma con capacità di sviluppo anche nei mercati esteri. Il secondo è quello di poter fungere da catalizzatore per investitori istituzionali seri di lungo periodo nelle nostre aziende. Non ci sorprende questo ritorno degli investitori sul mercato italiano perché l Italia è il secondo Paese manifatturiero della Comunità Europea, ha una grande quantità di aziende appetibili per investitori che cercano opportunità di crescita dimensionale. L incidenza delle aziende con un fatturato inferiore al miliardo di euro è maggiore in Italia rispetto a Francia e Germania. Questa evidenza, combinata con la frequente leadership delle imprese italiane nella nicchia in cui operano e con il fatto di possedere valutazioni comparativamente convenienti dal punto di vista storico e anche in relazione a mercati europei e statunitensi, crea in sé delle opportunità estremamente interessanti. Le imprese italiane sono però anche caratterizzate da una prevalenza di strutture proprietarie molto chiuse nelle famiglie che difficilmente sono disposte a cedere quote. Come si supera questo modello culturale che è tipico italiano? È vero, l 80% delle aziende italiane sono possedute da famiglie alla seconda o terza generazione, ma anche questa è un opportunità a mio avviso: l apertura del capitale è l unica via per mutare da realtà moderatamente piccole e moderatamente valutate, pur se eccellenti nella propria nicchia, e per garantire continuità nell ambito del passaggio generazionale. Aggiungo anche che le aziende italiane si sono finanziate nell ultimo ventennio prevalentemente tramite debito bancario, in misura dell 80%: sostanzialmente più alta rispetto a Francia, Germania e Stati Uniti. E buona parte di questo debito bancario è debito bancario a breve che andrà sostituito con strutture di capitale più Case study: ANSALDO La società target Ansaldo Energia è un azienda leader nel suo settore che è la produzione delle turbine a gas e in cui sono presenti cinque operatori: oltre alla genovese, General Electric, Siemens, Alstom Power e Mitsubishi Electric. Tra l altro la francese Alstom Power è stata di recente acquisita da General Electric dopo aver rifiutato l offerta di Siemens e Mitsubishi Electric. E dunque è in atto un processo estremo di consolidamento. L intervento di FSI Il Fondo Strategico ha identificato in questa azienda una realtà di rilevanza nazionale dotata di tecnologia e management adatti a fare il salto dimensionale e con indotto di rilievo. Ansaldo Energia genera un fatturato pari ad euro 1,2 miliardi e occupa addetti. Si è trattato fin da principio per FSI di un operazione inconsueta, cioè non avvenuta in minoranza. Il Fondo ha acquisito immediatamente circa l 85% della società, per poi identificare un processo di selezione di un partner industriale che potesse portare tecnologia e mercati. Nel frattempo l afflusso di capitale fresco ha consentito all azienda di prendere tempo e di rifinanziare il debito. E infine il partner è stato individuato: buona parte della crescita del settore nelle turbine a gas è in Asia che conta per metà del mercato e per questo la scelta è ricaduta su Shanghai Electric che è uno dei maggior operatori del mercato asiatico con una quota del 30% del mercato cinese. Nel dettaglio, FSI ha ceduto a Shanghai Electric il 40% di Ansaldo Energia per 400 milioni di euro e contestualmente sono state costituite due joint venture in Cina per la produzione di turbine a gas destinate ai mercati asiatici e la costituzione di un centro di ricerca e sviluppo a Shanghai, entrambe sinergiche con lo stabilimento di Genova. I centri di ricerca di Genova e Shanghai cooperano inoltre per lo sviluppo di una nuova tecnologia di turbina a gas. Il closing dell operazione è atteso entro fine 2014 a seguito di approvazioni governative e antitrust. Risultati e sviluppi ottenuti L accordo potrà rappresentare un importante riferimento per le relazioni industriali dei due Paesi. Ad Ansaldo Energia consentirà di accedere ai mercati asiatici: oltre all intesa strategica con Shanghai Electric, è stato infatti siglato un accordo di collaborazione tecnologica con la coreana Doosan Heavy Industries & Construction: si tratta di un progetto di Ricerca & Sviluppo per la progettazione di una nuova turbina a gas destinata ai Paesi con rete elettrica a frequenza 60 hertz (Nord America, Brasile, Arabia Saudita, Corea). Grazie a questo accordo, Ansaldo Energia raggiungerà nei prossimi 7 anni il 100% dei mercati delle turbine a gas, con importanti ricadute positive sul centro di Ricerca & Sviluppo di Genova con l assunzione di 100 ingegneri, di cui 35 nel primo anno. Infine, Ansaldo Nucleare ha acquisito la britannica Nuclear Engineering Services nel settore dell ingegneria nucleare e ha posto in essere le condizioni per implementare una strategia industriale che possa portarla a essere più presente sui mercati esteri, alla quotazione nel medio termine e all indipendenza finanziaria. 7

8 a lungo termine o con capitale di rischio. In questo contesto il Fondo Strategico si pone come un catalizzatore di questi investitori e nella sua breve vita di due anni e mezzo ha agito da punto di entrata di investitori esteri che magari non conoscono i dettagli del nostro Paese e non hanno la struttura per fare investimenti diretti da soli, oltre che da garanzia vista la sua natura istituzionale e i suoi obiettivi di fare investimenti di capitale di rischio con co-investitori a termini di mercato in aziende stabilmente equilibrate dal punto di vista finanziario, buone prospettive di crescita e piani industriali solidi e importanti. Investiamo in minoranza e dunque non come socio gestore come molti investitori, soprattutto i fondi sovrani, prediligono. E il sistema funziona? Da quando siamo nati a inizio 2012 è stato aperto direttamente il capitale alla Banca d Italia che del Fondo possiede il 20%, mentre il rimanente 80% è proprietà della Cdp, ci siamo dotati di un piano di comunicazione e di documentazione di supporto per le interlocuzioni con fondi sovrani e investitori di lungo periodo e anche Clifford Chance ci ha fornito il suo contributo nella preparazione dell Information Memorandum: grazie a questo impianto siamo riusciti ad attrarre in strutture di investimento alcuni dei principali investitori globali. Parlo del fondo sovrano del Kuwait, la Kuwait Investment Authority (KIA) che ha investito 352 milioni di euro impegnandosi ad un investimento complessivo di 500 milioni di euro in FSI Investimenti, un azienda di co-investimento posseduta al 77% dal Fondo Strategico Italiano. E di Qatar Holding che con FSI ha costituito IQ Made in Italy Investment Company, una joint venture di investimento da due miliardi che si pone l obiettivo appunto di focalizzarsi sui settori di punta, di nuovo, alimentare, turismo, lusso, arredamento e design. Abbiamo avuto la possibilità di testare nel concreto queste significative occasioni di investimento in aziende che hanno progetti importanti, leadership di tecnologie di prodotto e di mercato e sono guidate da imprenditori coraggiosi che vogliono continuare a crescere. Abbiamo accumulato una pipeline di opportunità significative: una quindicina di settori sono stati messi in priorità per possibili analisi in quanto li riteniamo importanti in termini di possibilità di investimento e di possibile impatto sull indotto del nostro Paese. Il Comitato Investimenti ha autorizzato oltre 35 opportunità, 18 sono state le offerte presentate, 7 sono state concluse e fanno parte del nostro portafoglio attuale. Il Made in Italy è senz altro uno dei settori preferiti dagli investitori esteri. Si è visto tuttavia un crescente interesse anche per comparti come la meccanica e la tecnologia per le infrastrutture. Quali saranno i settori Non ci sorprende questo ritorno degli investitori sul mercato italiano perché l Italia è il secondo Paese industriale della Comunità europea 8

9 Numero 1 Gennaio 2015 più appetibili per gli investitori che valuteranno investimenti in Italia nel prossimo futuro? Oltre a quelli già citati del turismo e dell alimentare, direi i servizi pubblici e le infrastrutture fisiche e tecnologiche, anche questi ultimi in generale molto frammentati. Si tratta di ambiti in cui abbiamo già concluso alcune operazioni: nelle infrastrutture tecnologiche abbiamo investito 200 milioni di euro, con l opzione di stanziare ulteriori 300 milioni, in Metroweb, la società proprietaria della fibra ottica di Milano, acquisendo una quota del 46,2%, accanto a F2i che mantiene la maggioranza. Con l obiettivo di replicare la rete di Metroweb nelle principali 30 città italiane. Nell ambito dei servizi pubblici abbiamo invece completato un investimento nel Gruppo Hera, multi-utility bolognese, con un commitment di 112 milioni di euro in aumento di capitale che sono stati usati per il consolidamento di AcegasAsp in Friuli e nel Veneto e dell Amga Multiservizi di Udine. Abbiamo fatto molto lavoro nell analizzare e portare a compimento operazioni nel settore della meccanica dove l Italia è molto forte e nell analizzare operazioni di Made in Italy classici e auspichiamo che, con il partner qatariota, proprio nei settori dell alimentare e del turismo avremo a breve il primo investimento. Indipendentemente dal settore, la selezione delle aziende è molto importante: guardiamo innanzitutto a target con forte vocazione all export. Vocazione all export delle società target: quali altre caratteristiche deve avere un azienda per essere appetibile? Gli investimenti sono selezionati sulla base delle indicazioni di quanto incluso nel Decreto e nello Statuto e sulla base di criteri di investimento di cui il Fondo si è dotato nell ambito del suo sistema normativo interno. Si tratta di criteri guidati essenzialmente dalla meritocrazia degli investimenti stessi nei singoli settori: attrattività del piano industriale, bontà della strategia, volontà di fare un salto in termini di crescita dimensionale. Ed è fondamentale la nostra valutazione in termini di impatto sull indotto. Questo è un altro punto molto interessante: le aziende che piacciono devono guardare al mondo, ma devono saper creare ricchezza dentro i confini nazionali. Possiamo esplicitare meglio questo concetto, facendo anche ricorso a qualche esempio? Si tratta esattamente di questo: individuare la produzione italiana che si trasforma in fatturato estero. Un esempio è sicuramente quello dell ultima operazione condotta nel 2013: l investimento per 151 milioni (pari al 49,5% della società) in Valvitalia, tra i principali produttori mondiali di valvole e componenti per il controllo dei flussi per l Oil & Gas. Valvitalia produce circa l 80% in Italia ed esporta più dell 85%. Questo si traduce in mille dipendenti diretti, e un indotto di 230 milioni di fatturato, con duemila persone coinvolte e 70 milioni di euro in retribuzioni. E anche la più recente operazione condotta su Ansaldo Energia ha simili caratteristiche: l azienda genovese ha circa il 70% della produzione in Italia e oltre il 93% di fatturato all estero. Il nostro modello di investimento si esplicita nel tempo perché gli investimenti hanno una serie di sequenzialità che il caso Ansaldo ben rappresenta (vedi box). Ancora, abbiamo investito nel pharma con Kedrion che opera nel settore dei plasmaderivati è che è passata, anche grazie al nostro investimento, dall avere un 60% di fatturato in Italia e un 40% all estero, con una ripartizione inversa di circa il 30% contro il 70%. Il processo di selezione delle società da valorizzare è chiaro, così come l identikit del candidato allo shopping. Una battuta finale sul fronte di chi fa da intermediario-investitore: come funziona il Fondo Strategico, quali sono le sue caratteristiche e come si svolge il processo di investimento? Innanzitutto, noi siamo una SpA e non un fondo di private equity con una logica di breve periodo. Investiamo con un orizzonte temporale di lungo termine, nel ruolo di azionista di minoranza con una governance attiva. Non vogliamo creare situazioni di discontinuità con il socio e l obiettivo finale è di uscire dall investimento promuovendo una quotazione in Borsa. Ovviamente dopo aver creato le condizioni per cui l azienda sia sostenibile e abbia accesso al capitale. Per funzionare il Fondo Strategico si è dotato di una governance di mercato. Un Cda di cinque membri di cui due indipendenti, che è molto snello ed è l organo deliberativo; un Comitato di investimento composto da professionisti di investimento in capitale di rischio ma anche di esperti industriali e infine un Comitato Strategico con fino a sette membri che hanno forti esperienze in settori complementari tra loro e rappresentanti le varie aree geografiche mondiali, per esempio il professor Alberto Sangiovanni-Vicentelli che è un esperto di tecnologia, vive a San Francisco e insegna a Berkeley, un manager come Walter de Silva, responsabile del design di Volkswagen e residente in Germania, Luca Garavoglia, il Presidente del Gruppo Davide Campari che ha una forte conoscenza nella distribuzione alimentare e Andrea Guerra, AD di Luxottica dal 2004 al 2014 e profondo conoscitore dei brand e dei beni durevoli. Una squadra davvero vincente. n Claudio Cerabolini, che ha intervistato Maurizio Tamagnini, è socio di Clifford Chance a Milano e responsabile del gruppo Private Equity dal Ha recentemente assistito FSI in relazione all investimento di Kuwait Investment Authority per 500 milioni di euro e alla joint venture con Qatar Holding, che ha l obiettivo di focalizzarsi in società italiane operanti nel settore Made in Italy. T: E: 9

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO CHI SIAMO Sagitter One é la compagnia specializzata nel fornire soluzioni all avanguardia nel mercato dell ospitalità, della promozione agroalimentare, del marketing territoriale e dell organizzazione

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Società e Servizi di IR Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Noi Siamo una società indipendente di consulenza specializzata in Investor Relations e Comunicazione d Impresa. Siamo una giovane realtà,

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY 25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY Milano, ATAHOTELS Via Don Luigi Sturzo, 45 LA GESTIONE DEI PROGETTI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL FUTURO. I SUOI RIFLESSI NEI

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli