INSIGHTS. Periodico di Clifford Chance in Italia. Rischio penale. Voluntary disclosure. Made in Italy

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INSIGHTS. Periodico di Clifford Chance in Italia. Rischio penale. Voluntary disclosure. Made in Italy"

Transcript

1 Gennaio 2015 n 1 Made in Italy Intervista a Maurizio Tamagnini sui settori più appetibili per gli investitori Rischio penale Indagini interne e rapporti con l Autorità Giudiziaria Voluntary disclosure Ultima chiamata per le disponibilità riservate all estero?

2 INDICE Settori: Made in Italy 4 Incontro con Maurizio Tamagnini, Amministratore Delegato di Fondo Strategico Italiano, società con 4,4 miliardi di euro di fondi per investimenti di capitali di rischio in aziende, con azionisti Cassa Depositi e Prestiti e Banca d Italia. Tema centrale i possibili sviluppi del mercato degli investimenti nel Made in Italy nei prossimi anni. Tendenze: le indagini interne 10 Nell ultimo decennio, la grande crescita dei mercati è stata turbata da una impressionante onda anomala : improvvisi fallimenti di realtà societarie che apparivano solide e affidabili, nuovi scandali finanziari, crisi dei mercati, rischio default di alcuni Paesi dell euro-zona ed espansione della criminalizzazione. 14 Legal tweets 15 Getting personal La voluntary disclosure 16 Profilo Alberta Figari 18 In agenda anni di... Clifford Chance in Italia INSIGHTS n. 1 gennaio 2015 Editore: Studio Legale Associato Direttore Responsabile: Micol Scabbia Redazione: Clifford Chance Impaginazione: MilanoForward.com Crediti fotografici: Shutterstock.com, Wikipedia, MilanoForward.com Tiratura: 700 copie Stampa: Ancora Srl Reg. Trib. Numero 409 del 19 dicembre 2014 La pubblicazione Insights viene inviata ad una lista selezionata di nominativi. In caso non voglia più riceverla, La invitiamo a mandare una mail con i Suoi dati a 2

3 Numero 1 Gennaio 2015 Giuseppe De Palma Con grande piacere vi presento il primo numero di Insights, la pubblicazione che abbiamo voluto lanciare per celebrare i primi 20 anni di attività di Clifford Chance in Italia. Siamo orgogliosi di questo traguardo e desiderosi di continuare la nostra storia di successo. Cosa non è Insights. Non è una rivista di stampo tecnico. Non vogliamo trattare questioni giuridiche, né proporvi semplici aggiornamenti normativi. Insights vuole essere un nuovo canale di comunicazione, uno strumento per approfondire la conoscenza del mutevole mercato in cui operiamo e per comprendere meglio le sfide che ci attendono e le opportunità che si presenteranno. Vogliamo condividere con voi la visione di investitori e managers protagonisti della vita economica del nostro Paese che hanno il beneficio di una prospettiva privilegiata. Vogliamo sensibilizzarvi su novità e trends che consideriamo importanti per il vostro lavoro e darvi un nostro contributo di idee su temi che riteniamo di grande attualità o che richiedano di fare un po di chiarezza. Vogliamo pubblicare Insights con cadenza quadrimestrale. Ciascun numero conterrà rubriche ricorrenti e, con formati diversi, tratterà temi di interesse e curiosità. In questo primo numero presentiamo, tra l altro, il ruolo del Fondo Strategico Italiano e la visione del suo Amministratore Delegato Maurizio Tamagnini, cui vanno i nostri sentiti ringraziamenti. Vi parliamo anche di rischi e di investigazioni interne, che sono temi di grande attualità per qualunque persona impegnata nella gestione di società ed imprese. Vi saluto ringraziando tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questo numero. Mi auguro che le pagine che seguono riflettano la passione con la quale abbiamo lavorato per lanciare questa iniziativa. Spero che Insights raccolga il vostro gradimento e vi invito a farmi avere commenti, idee e suggerimenti utili a renderla una lettura sempre interessante e piacevole. Un cordiale saluto Giuseppe De Palma Managing Partner, Clifford Chance Italy 3

4 Settori MADE IN ITALY Turismo e agroalimentare. Potrebbero essere le chiavi di volta per superare la crisi. A patto di riuscire a consolidare e rendere più efficienti le aziende che in quei settori operano. E a candidarsi a fare da polo aggregatore è il Fondo Strategico Italiano (FSI), il nostro fondo sovrano, porta di ingresso per gli investitori esteri in Italia. Lo scorso 2 luglio un decreto del Mef ha ampliato l operatività del Fondo inserendo nuovi settori tra quelli di rilevante interesse nazionale racconta l Amministratore Delegato di FSI Maurizio Tamagnini all avvocato Claudio Cerabolini di Clifford Chance, che lo ha incontrato a Milano a fine luglio Tra questi vi sono il settore turistico-alberghiero e l agroalimentare. Entrambi sono considerati fondamentali per la nostra economia, e questa inclusione è anche un riconoscimento del fatto che la maggior parte delle aziende di quei comparti ha un fatturato sotto i 300 milioni, che è il nostro limite di investimento per settori diversi da quelli che il nostro statuto considera strategici. 4

5 Numero 1 Gennaio 2015 In effetti, nel turismo e nell agroalimentare, il frazionamento dimensionale e proprietario ha ostacolato l afflusso di capitali, fatta eccezione per alcune acquisizioni di alberghi di lusso e per alcuni investimenti di player industriali. Quale potrebbe essere la strada per catalizzare investimenti importanti? E voi potete funzionare da polo di consolidamento? È qualcosa che auspichiamo ed è una nostra priorità. Crediamo che agroalimentare e turismo siano due settori importantissimi, tanto che già a dicembre 2013 il Fondo aveva annunciato un piano per il turismo che includa la possibilità di lanciare un veicolo di investimenti in immobili alberghieri promosso da Cassa depositi e prestiti e, in maniera indipendente, in aziende di gestione alberghiera. Una separazione importante che consentirebbe la nascita di catene alberghiere che la coincidenza tra proprietà e gestione finora ha impedito. È il tentativo di creazione di una ricettività che sia ben ideata per le esigenze dei turisti che non vengono solo da Paesi vicini ma anche dall estremo Oriente o dal Sudamerica. Ed è un processo che avrà un impatto rilevante in termini di indotto, nuovi posti di lavoro e benessere sociale per il territorio. Penso che come conseguenza crescerebbe il numero di aziende che si occupano in modo strutturato e specializzato della promozione di beni culturali, dei settori dell accoglienza con servizi che vanno dal momento in cui il turista arriva sul nostro territorio al momento in cui se ne va. Questo vale anche per l alimentare, per cui il turismo funzionerebbe da volano: più riusciamo ad attrarre visitatori più questi hanno la possibilità di conoscere e acquistare prodotti del Made in Italy agricolo, in cui crediamo moltissimo. E lo dimostra, per esempio, il tentativo che abbiamo fatto la scorsa primavera di acquisire l azienda Deoleo, che negli anni era diventata di proprietà spagnola e che è il maggior produttore globale di olii extravergine di oliva di alta qualità a marchio Bertolli, Carapelli e Sasso. Ad aggiudicarsela è stato il fondo di private equity statunitense CVC Capital Partners. Ma ricordiamo questo evento, anche se non ci ha visti protagonisti, appunto a testimonianza del nostro interesse nel settore agroalimentare. Investire in Italia è talvolta considerato difficile a causa della complessità normativa e regolamentare e di vincoli spesso eccessivi. Sulla base della vostra esperienza di fundraiser in ambito internazionale, cosa spaventa un investitore estero riguardo all Italia? Cosa è più difficilmente comprensibile del nostro Paese visto dall esterno? Io credo che l investitore straniero che si affaccia all Italia abbia una serie di stereotipi che in buona parte possono essere eliminati e alleviati. Faccio l esempio del Qatar, che ha iniziato a guardare al Paese con l intenzione di conoscerne innanzitutto le dinamiche e poi, quando è riuscito a familiarizzare, ha fatto una serie di operazioni importanti: dall acquisizione in Costa Smeralda nel settore degli alberghi da parte di Qatar Holding, che successivamente ha investito anche nell edilizia di Porta Nuova a Milano, a Valentino che è stata acquisita per 700 milioni di euro da Mayhoola for Investments, società dello sceicco Hamad bin Khalifa Al Thani. Il fatto di avere un partner locale e per di più istituzionale qui in Italia ha fatto sì che i qatarioti fossero facilitati, si sentissero garantiti e mettessero il nostro Paese su un gradino più alto di considerazione, riuscendo a valutare le nostre aziende per quello che sono: attraenti. In effetti gli investitori esteri interessati al Made in Italy sono 5

6 Maurizio Tamagnini Da settembre 2011 Amministratore Delegato di Fondo Strategico Italiano, società con 4,4 miliardi di euro di fondi per investimenti di capitali di rischio in aziende ( FSI ), con azionisti Cassa Depositi e Prestiti (che possiede una partecipazione dell 80%) e Banca d Italia (che possiede una partecipazione del 20%). Presidente del Consiglio di Sorveglianza di STMicroelectronics N.V., azienda leader nel settore dei semiconduttori quotata alla Borsa di Milano, New York e Parigi. Presidente della joint venture tra Fondo Strategico Italiano e Qatar Holding (IQ Made in Italy Investment Company) con dotazione di capitale di 2 miliardi di euro per investimenti nei settori Alimentare e Distribuzione, Moda e Articoli di Lusso, Arredamento e Design, Tempo Libero, Turismo e Lifestyle. Membro di: - Industrial Compact, task force di esperti del Ministero dello Sviluppo Economico Italiano; - Comitato Esecutivo del Business Forum Italia-Cina; - Business Forum Italia-Francia; - International Advisory Board del RDIF. Ha maturato 24 anni di esperienza nel settore finanziario nelle aree di finanza straordinaria, private equity, debito ed equity, lavorando a Milano, Londra e New York. Fino al 2011 Responsabile Sud Europa della divisione Corporate e Investment Banking di Bank of America Merrill Lynch e membro del Comitato Esecutivo di Bank of America Merrill Lynch per l area EMEA. Laurea in Economia Monetaria Internazionale conseguita presso l Università Bocconi di Milano. Studi di specializzazione presso Rensselaer Polytechnic Institute Troy, New York, USA. Membro del Comitato Organizzatore dei Campionati del Mondo di Pallavolo Femminile Milano riconducibili ad alcune aree geografiche precise. L Europa, con in testa Francia, Germania e Regno Unito se si considera la sede legale dei fondi di private equity compratori; il mondo arabo, con esperienze come quelle appena citate e l investimento di Etihad in Alitalia; infine, la Cina, che ha acquisito il 40% di Ansaldo Energia, in un operazione guidata da FSI, e l acquisizione del 35% di Cdp Reti da parte di State Grid Corporation of China. La tendenza è questa. Direi che dopo alcuni anni di flessione degli investimenti esteri in Italia dovuti alla profonda crisi del debito del Sud Europa e alle criticità dell economia domestica che cresce negativamente o in misura minore rispetto agli altri Paesi, a partire dalla metà del 2013 siamo tornati a registrare un forte interesse per le aziende del nostro Paese. Che infatti si stanno anche riaffacciando in Borsa dopo anni di stasi pressoché totale. 6

7 Numero 1 Gennaio 2015 In questo ambito gli obiettivi del Fondo Strategico sono essenzialmente due: il primo è investire in aziende con potenziale di crescita importante in settori con un rilevante impatto sull indotto in Italia ma con capacità di sviluppo anche nei mercati esteri. Il secondo è quello di poter fungere da catalizzatore per investitori istituzionali seri di lungo periodo nelle nostre aziende. Non ci sorprende questo ritorno degli investitori sul mercato italiano perché l Italia è il secondo Paese manifatturiero della Comunità Europea, ha una grande quantità di aziende appetibili per investitori che cercano opportunità di crescita dimensionale. L incidenza delle aziende con un fatturato inferiore al miliardo di euro è maggiore in Italia rispetto a Francia e Germania. Questa evidenza, combinata con la frequente leadership delle imprese italiane nella nicchia in cui operano e con il fatto di possedere valutazioni comparativamente convenienti dal punto di vista storico e anche in relazione a mercati europei e statunitensi, crea in sé delle opportunità estremamente interessanti. Le imprese italiane sono però anche caratterizzate da una prevalenza di strutture proprietarie molto chiuse nelle famiglie che difficilmente sono disposte a cedere quote. Come si supera questo modello culturale che è tipico italiano? È vero, l 80% delle aziende italiane sono possedute da famiglie alla seconda o terza generazione, ma anche questa è un opportunità a mio avviso: l apertura del capitale è l unica via per mutare da realtà moderatamente piccole e moderatamente valutate, pur se eccellenti nella propria nicchia, e per garantire continuità nell ambito del passaggio generazionale. Aggiungo anche che le aziende italiane si sono finanziate nell ultimo ventennio prevalentemente tramite debito bancario, in misura dell 80%: sostanzialmente più alta rispetto a Francia, Germania e Stati Uniti. E buona parte di questo debito bancario è debito bancario a breve che andrà sostituito con strutture di capitale più Case study: ANSALDO La società target Ansaldo Energia è un azienda leader nel suo settore che è la produzione delle turbine a gas e in cui sono presenti cinque operatori: oltre alla genovese, General Electric, Siemens, Alstom Power e Mitsubishi Electric. Tra l altro la francese Alstom Power è stata di recente acquisita da General Electric dopo aver rifiutato l offerta di Siemens e Mitsubishi Electric. E dunque è in atto un processo estremo di consolidamento. L intervento di FSI Il Fondo Strategico ha identificato in questa azienda una realtà di rilevanza nazionale dotata di tecnologia e management adatti a fare il salto dimensionale e con indotto di rilievo. Ansaldo Energia genera un fatturato pari ad euro 1,2 miliardi e occupa addetti. Si è trattato fin da principio per FSI di un operazione inconsueta, cioè non avvenuta in minoranza. Il Fondo ha acquisito immediatamente circa l 85% della società, per poi identificare un processo di selezione di un partner industriale che potesse portare tecnologia e mercati. Nel frattempo l afflusso di capitale fresco ha consentito all azienda di prendere tempo e di rifinanziare il debito. E infine il partner è stato individuato: buona parte della crescita del settore nelle turbine a gas è in Asia che conta per metà del mercato e per questo la scelta è ricaduta su Shanghai Electric che è uno dei maggior operatori del mercato asiatico con una quota del 30% del mercato cinese. Nel dettaglio, FSI ha ceduto a Shanghai Electric il 40% di Ansaldo Energia per 400 milioni di euro e contestualmente sono state costituite due joint venture in Cina per la produzione di turbine a gas destinate ai mercati asiatici e la costituzione di un centro di ricerca e sviluppo a Shanghai, entrambe sinergiche con lo stabilimento di Genova. I centri di ricerca di Genova e Shanghai cooperano inoltre per lo sviluppo di una nuova tecnologia di turbina a gas. Il closing dell operazione è atteso entro fine 2014 a seguito di approvazioni governative e antitrust. Risultati e sviluppi ottenuti L accordo potrà rappresentare un importante riferimento per le relazioni industriali dei due Paesi. Ad Ansaldo Energia consentirà di accedere ai mercati asiatici: oltre all intesa strategica con Shanghai Electric, è stato infatti siglato un accordo di collaborazione tecnologica con la coreana Doosan Heavy Industries & Construction: si tratta di un progetto di Ricerca & Sviluppo per la progettazione di una nuova turbina a gas destinata ai Paesi con rete elettrica a frequenza 60 hertz (Nord America, Brasile, Arabia Saudita, Corea). Grazie a questo accordo, Ansaldo Energia raggiungerà nei prossimi 7 anni il 100% dei mercati delle turbine a gas, con importanti ricadute positive sul centro di Ricerca & Sviluppo di Genova con l assunzione di 100 ingegneri, di cui 35 nel primo anno. Infine, Ansaldo Nucleare ha acquisito la britannica Nuclear Engineering Services nel settore dell ingegneria nucleare e ha posto in essere le condizioni per implementare una strategia industriale che possa portarla a essere più presente sui mercati esteri, alla quotazione nel medio termine e all indipendenza finanziaria. 7

8 a lungo termine o con capitale di rischio. In questo contesto il Fondo Strategico si pone come un catalizzatore di questi investitori e nella sua breve vita di due anni e mezzo ha agito da punto di entrata di investitori esteri che magari non conoscono i dettagli del nostro Paese e non hanno la struttura per fare investimenti diretti da soli, oltre che da garanzia vista la sua natura istituzionale e i suoi obiettivi di fare investimenti di capitale di rischio con co-investitori a termini di mercato in aziende stabilmente equilibrate dal punto di vista finanziario, buone prospettive di crescita e piani industriali solidi e importanti. Investiamo in minoranza e dunque non come socio gestore come molti investitori, soprattutto i fondi sovrani, prediligono. E il sistema funziona? Da quando siamo nati a inizio 2012 è stato aperto direttamente il capitale alla Banca d Italia che del Fondo possiede il 20%, mentre il rimanente 80% è proprietà della Cdp, ci siamo dotati di un piano di comunicazione e di documentazione di supporto per le interlocuzioni con fondi sovrani e investitori di lungo periodo e anche Clifford Chance ci ha fornito il suo contributo nella preparazione dell Information Memorandum: grazie a questo impianto siamo riusciti ad attrarre in strutture di investimento alcuni dei principali investitori globali. Parlo del fondo sovrano del Kuwait, la Kuwait Investment Authority (KIA) che ha investito 352 milioni di euro impegnandosi ad un investimento complessivo di 500 milioni di euro in FSI Investimenti, un azienda di co-investimento posseduta al 77% dal Fondo Strategico Italiano. E di Qatar Holding che con FSI ha costituito IQ Made in Italy Investment Company, una joint venture di investimento da due miliardi che si pone l obiettivo appunto di focalizzarsi sui settori di punta, di nuovo, alimentare, turismo, lusso, arredamento e design. Abbiamo avuto la possibilità di testare nel concreto queste significative occasioni di investimento in aziende che hanno progetti importanti, leadership di tecnologie di prodotto e di mercato e sono guidate da imprenditori coraggiosi che vogliono continuare a crescere. Abbiamo accumulato una pipeline di opportunità significative: una quindicina di settori sono stati messi in priorità per possibili analisi in quanto li riteniamo importanti in termini di possibilità di investimento e di possibile impatto sull indotto del nostro Paese. Il Comitato Investimenti ha autorizzato oltre 35 opportunità, 18 sono state le offerte presentate, 7 sono state concluse e fanno parte del nostro portafoglio attuale. Il Made in Italy è senz altro uno dei settori preferiti dagli investitori esteri. Si è visto tuttavia un crescente interesse anche per comparti come la meccanica e la tecnologia per le infrastrutture. Quali saranno i settori Non ci sorprende questo ritorno degli investitori sul mercato italiano perché l Italia è il secondo Paese industriale della Comunità europea 8

9 Numero 1 Gennaio 2015 più appetibili per gli investitori che valuteranno investimenti in Italia nel prossimo futuro? Oltre a quelli già citati del turismo e dell alimentare, direi i servizi pubblici e le infrastrutture fisiche e tecnologiche, anche questi ultimi in generale molto frammentati. Si tratta di ambiti in cui abbiamo già concluso alcune operazioni: nelle infrastrutture tecnologiche abbiamo investito 200 milioni di euro, con l opzione di stanziare ulteriori 300 milioni, in Metroweb, la società proprietaria della fibra ottica di Milano, acquisendo una quota del 46,2%, accanto a F2i che mantiene la maggioranza. Con l obiettivo di replicare la rete di Metroweb nelle principali 30 città italiane. Nell ambito dei servizi pubblici abbiamo invece completato un investimento nel Gruppo Hera, multi-utility bolognese, con un commitment di 112 milioni di euro in aumento di capitale che sono stati usati per il consolidamento di AcegasAsp in Friuli e nel Veneto e dell Amga Multiservizi di Udine. Abbiamo fatto molto lavoro nell analizzare e portare a compimento operazioni nel settore della meccanica dove l Italia è molto forte e nell analizzare operazioni di Made in Italy classici e auspichiamo che, con il partner qatariota, proprio nei settori dell alimentare e del turismo avremo a breve il primo investimento. Indipendentemente dal settore, la selezione delle aziende è molto importante: guardiamo innanzitutto a target con forte vocazione all export. Vocazione all export delle società target: quali altre caratteristiche deve avere un azienda per essere appetibile? Gli investimenti sono selezionati sulla base delle indicazioni di quanto incluso nel Decreto e nello Statuto e sulla base di criteri di investimento di cui il Fondo si è dotato nell ambito del suo sistema normativo interno. Si tratta di criteri guidati essenzialmente dalla meritocrazia degli investimenti stessi nei singoli settori: attrattività del piano industriale, bontà della strategia, volontà di fare un salto in termini di crescita dimensionale. Ed è fondamentale la nostra valutazione in termini di impatto sull indotto. Questo è un altro punto molto interessante: le aziende che piacciono devono guardare al mondo, ma devono saper creare ricchezza dentro i confini nazionali. Possiamo esplicitare meglio questo concetto, facendo anche ricorso a qualche esempio? Si tratta esattamente di questo: individuare la produzione italiana che si trasforma in fatturato estero. Un esempio è sicuramente quello dell ultima operazione condotta nel 2013: l investimento per 151 milioni (pari al 49,5% della società) in Valvitalia, tra i principali produttori mondiali di valvole e componenti per il controllo dei flussi per l Oil & Gas. Valvitalia produce circa l 80% in Italia ed esporta più dell 85%. Questo si traduce in mille dipendenti diretti, e un indotto di 230 milioni di fatturato, con duemila persone coinvolte e 70 milioni di euro in retribuzioni. E anche la più recente operazione condotta su Ansaldo Energia ha simili caratteristiche: l azienda genovese ha circa il 70% della produzione in Italia e oltre il 93% di fatturato all estero. Il nostro modello di investimento si esplicita nel tempo perché gli investimenti hanno una serie di sequenzialità che il caso Ansaldo ben rappresenta (vedi box). Ancora, abbiamo investito nel pharma con Kedrion che opera nel settore dei plasmaderivati è che è passata, anche grazie al nostro investimento, dall avere un 60% di fatturato in Italia e un 40% all estero, con una ripartizione inversa di circa il 30% contro il 70%. Il processo di selezione delle società da valorizzare è chiaro, così come l identikit del candidato allo shopping. Una battuta finale sul fronte di chi fa da intermediario-investitore: come funziona il Fondo Strategico, quali sono le sue caratteristiche e come si svolge il processo di investimento? Innanzitutto, noi siamo una SpA e non un fondo di private equity con una logica di breve periodo. Investiamo con un orizzonte temporale di lungo termine, nel ruolo di azionista di minoranza con una governance attiva. Non vogliamo creare situazioni di discontinuità con il socio e l obiettivo finale è di uscire dall investimento promuovendo una quotazione in Borsa. Ovviamente dopo aver creato le condizioni per cui l azienda sia sostenibile e abbia accesso al capitale. Per funzionare il Fondo Strategico si è dotato di una governance di mercato. Un Cda di cinque membri di cui due indipendenti, che è molto snello ed è l organo deliberativo; un Comitato di investimento composto da professionisti di investimento in capitale di rischio ma anche di esperti industriali e infine un Comitato Strategico con fino a sette membri che hanno forti esperienze in settori complementari tra loro e rappresentanti le varie aree geografiche mondiali, per esempio il professor Alberto Sangiovanni-Vicentelli che è un esperto di tecnologia, vive a San Francisco e insegna a Berkeley, un manager come Walter de Silva, responsabile del design di Volkswagen e residente in Germania, Luca Garavoglia, il Presidente del Gruppo Davide Campari che ha una forte conoscenza nella distribuzione alimentare e Andrea Guerra, AD di Luxottica dal 2004 al 2014 e profondo conoscitore dei brand e dei beni durevoli. Una squadra davvero vincente. n Claudio Cerabolini, che ha intervistato Maurizio Tamagnini, è socio di Clifford Chance a Milano e responsabile del gruppo Private Equity dal Ha recentemente assistito FSI in relazione all investimento di Kuwait Investment Authority per 500 milioni di euro e alla joint venture con Qatar Holding, che ha l obiettivo di focalizzarsi in società italiane operanti nel settore Made in Italy. T: E: 9

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio 1 L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio L esperienza del Gruppo Cariparma FriulAdria Roma, 5 Maggio 2010 Carlo PIANA Responsabile Direzione Centrale

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Fondi Demetra Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Agenda 1.1 Lo scenario di riferimento 1.2 La Società di Gestione 1.3 La Governance della SGR 1.4 Il Fondo Demetra Demetra: dea greca del

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Al via i primi investimenti: Metroweb e Kedrion. CONFERENZA STAMPA - Milano, 28 maggio 2012

Al via i primi investimenti: Metroweb e Kedrion. CONFERENZA STAMPA - Milano, 28 maggio 2012 Al via i primi investimenti: Metroweb e Kedrion CONFERENZA STAMPA - Milano, 28 maggio 2012 1 Indice Investimenti approvati dal CDA pag. 3 Profilo di FSI pag. 5 Mercato di riferimento pag. 9 APPENDICE:

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO TopLegal Roma, 23 settembre 2010 Il progetto Nel mese di dicembre 2009, su iniziativa

Dettagli

Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA. Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO

Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA. Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO FINALITA E OBIETTIVI Supportare gli investimenti delle Piccole e Medie imprese

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Verona 25 Novembre 2010 Le principali tappe del progetto Il Progetto del Fondo Italiano di Investimento (FII) è nato nel mese di dicembre 2009, su iniziativa del Ministero

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

Audizione CDP su strategie nuovi vertici società controllate dallo Stato

Audizione CDP su strategie nuovi vertici società controllate dallo Stato Audizione CDP su strategie nuovi vertici società controllate dallo Stato Pres. Prof. Franco Bassanini - A.D. Dott. Giovanni Gorno Tempini SENATO - COMMISSIONE INDUSTRIA 22 ottobre 2014 Missione CDP in

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

a supporto dell economia

a supporto dell economia a supporto dell economia Camera dei deputati Commissione X (Attività produttive, commercio e turismo) Roma, 15 gennaio 2015 INDICE Overview di CDP Finanziamenti alle imprese Internazionalizzazione ed export

Dettagli

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR PERCHÉ INVESTIRE NEL PRIVATE EQUITY DEDICATO ALLE PMI ITALIANE NEL 2012 / 2013?

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

Dal Canada in Europa, così si potrebbe

Dal Canada in Europa, così si potrebbe DA OVEST TRASFORMARE i MOMENTI in RICORDI Dal Canada in Europa, così si potrebbe sintetizzare il recente percorso della Società canadese Fairmont hotels & resorts che conduce 81 alberghi per 33mila camere

Dettagli

CARTELLA STAMPA. Ottobre 2013. Chi Siamo La Storia Obiettivi integrazione industriale L Offerta di ADVAM Partners SGR Management Contatti

CARTELLA STAMPA. Ottobre 2013. Chi Siamo La Storia Obiettivi integrazione industriale L Offerta di ADVAM Partners SGR Management Contatti CARTELLA STAMPA Ottobre 2013 IR Top Consulting Media Relations & Financial Communication Via C. Cantù, 1 Milano Domenico Gentile, Antonio Buozzi Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 d.gentile@irtop.com ufficiostampa@irtop.com

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

EXOR: nuova organizzazione

EXOR: nuova organizzazione Torino, 11 febbraio 2011 COMUNICATO STAMPA EXOR: nuova organizzazione John Elkann nominato Presidente e Amministratore Delegato Tobias Brown nominato Chief Investment Officer con responsabilità su tutte

Dettagli

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017 Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL OGGI (1/2) First Capital è un operatore italiano specializzato in Private Investment in Public Equity (

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO

FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Documento di sintesi del progetto Roma, 16 dicembre 2009 Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Indice L obiettivo

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre 2015.

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre 2015. Milano, 13 maggio TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre. Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre

Dettagli

Q U A L I T Y M A K E S D I F F E R E N C E

Q U A L I T Y M A K E S D I F F E R E N C E Q U A L I T Y M A K E S D I F F E R E N C E CONCEPT Italia: culla del design e della creatività Bellezza, tradizione, arte, storia e cultura fanno dello stile italiano un sinonimo di eccellenza, da sempre

Dettagli

law firm of the year Chambers Europe Awards

law firm of the year Chambers Europe Awards Oltre 360 avvocati 4 volte Law Firm of the Year agli IFLR Awards nell ultimo decennio (2011, 2010, 2006, 2004) 9 sedi, 5 in Italia e 4 all estero law firm of the year Chambers Europe Awards for excellence

Dettagli

Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC

Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC Franco Bertoletti, Dottore

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Milano 15 Novembre 2010 Le principali p tappe del progetto Il Progetto del Fondo Italiano di Investimento (FII) è nato nel mese di dicembre 2009, su iniziativa del Ministero

Dettagli

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi 2 Pure Performance La nostra Cultura Alfa Laval è un azienda focalizzata sul cliente e quindi sul prodotto con una forte cultura

Dettagli

Ripresa debole ed incerta > Domanda interna depressa

Ripresa debole ed incerta > Domanda interna depressa Finanziare l economia in tempo di crisi: il ruolo degli investitori di lungo periodo Giovanni Gorno Tempini Amministratore delegato, Cassa depositi e prestiti Convegno AIAF - L'Italia fuori dalla crisi

Dettagli

Cassa depositi e prestiti

Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti Il Gruppo Cassa depositi e prestiti opera a sostegno della crescita del Paese ed impiega le sue risorse, prevalentemente raccolte attraverso il Risparmio Postale (Buoni fruttiferi

Dettagli

ELITE. Thinking long term

ELITE. Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE valorizza il presente e prepara al futuro. Per aiutare le imprese a realizzare i loro progetti abbiamo creato ELITE, una piattaforma unica di servizi

Dettagli

I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE

I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE Confindustria Palermo I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE intervento di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Palermo, 6 febbraio 2008 1 I FONDI CHIUSI: CARATTERISTICHE,

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

Destinazione Italia. Come attrarre i Fondi Sovrani. Milano, 22 novembre 2013

Destinazione Italia. Come attrarre i Fondi Sovrani. Milano, 22 novembre 2013 Destinazione Italia Come attrarre i Fondi Sovrani Milano, 22 novembre 2013 Quali sono le fonti dell Equity per l Italia? Attrattività Congiuntura Operazioni di M&A cross-border IPO Private Equity Fondi

Dettagli

Il Gruppo Consultinvest

Il Gruppo Consultinvest Il Gruppo Consultinvest viene fondato nel 1988 per iniziativa di operatori qualificati del settore finanziario e di imprenditori modenesi attualmente presenti attivamente nella compagine sociale. Nel 2001

Dettagli

WHIRLPOOL SOTTOSCRIVE ACCORDI PER L ACQUISIZIONE DELLA PARTECIPAZIONE DI MAGGIORANZA IN INDESIT

WHIRLPOOL SOTTOSCRIVE ACCORDI PER L ACQUISIZIONE DELLA PARTECIPAZIONE DI MAGGIORANZA IN INDESIT Contatto: Whirlpool Corporation Media: 269/923-7405 oppure Media@Whirlpool.com Financial: Chirs Conley, 269/923-2641 Investor_Relations@Whirlpool.com Contatto: Fineldo S.p.A. Via della Scrofa, 64 Roma,

Dettagli

Newsletter per gli Azionisti Sintesi 2013

Newsletter per gli Azionisti Sintesi 2013 Newsletter per gli Azionisti Sintesi 2013 Gentili Azionisti, vi inviamo la newsletter interamente dedicata agli investitori privati di DeA Capital, relativa ai risultati del 2013. Vi ricordiamo che siamo

Dettagli

126.000 aziende hanno in corso una procedura concorsuale 12 regioni su 20 hanno subito una pesante dinamica recessiva

126.000 aziende hanno in corso una procedura concorsuale 12 regioni su 20 hanno subito una pesante dinamica recessiva È POSSIBILE TROVARE UN ORIZZONTE ALTERNATIVO Nonostante alcuni segnali di ripresa registrati negli ultimi mesi, la situazione macroeconomica del Paese stenta a migliorare e le imprese italiane hanno difficoltà

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti Milano, 12 novembre 2014 TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti Approvato dal Consiglio di Amministrazione il

Dettagli

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre (bozza non corretta) Accesso al credito: il ruolo di Cassa depositi e prestiti. Gli strumenti di sostegno alle PMI ed alle Pubbliche Amministrazioni" GIOVEDI' 14 GIUGNO 2012 FERMO (Sala dei Ritratti -

Dettagli

Titolo della presentazione

Titolo della presentazione Titolo della presentazione Antonio Valente L INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA. LA SCELTA DEL MERCATO ESTERO ADATTO AL PROPRIO CORE BUSINESS LE STRATEGIE DI SVILUPPO SUL TERRITORIO INDICE Abstract Analisi

Dettagli

Linee Guida del Piano Strategico 2016-2019 Conferenza Stampa

Linee Guida del Piano Strategico 2016-2019 Conferenza Stampa Linee Guida del Piano Strategico 2016-2019 Conferenza Stampa Milano, 30 marzo 2016 ore 11,30 Mittel oggi IL GRUPPO MITTEL CONFERMA UNA FORTE SOLIDITÀ PATRIMONIALE REGISTRANDO UN PATRIMONIO NETTO DI CA.

Dettagli

Giuseppe Campanella: da Fondamenta SGR a Futura Invest spa

Giuseppe Campanella: da Fondamenta SGR a Futura Invest spa Giuseppe Campanella: da Fondamenta SGR a Futura Invest spa stampa chiudi 12 Luglio 2010 Scritto da: Redazione L azionista di Fondamenta SGR ha scambiato il 51% delle azioni di Fondamenta SGR con il 7,7%

Dettagli

I nostri numeri. In attività dal 2010 3.500. Circa 20.000. + di 14.000. + di 13.000. + di 150 dipendenti 150 installatori. + di 600 Collaboratori

I nostri numeri. In attività dal 2010 3.500. Circa 20.000. + di 14.000. + di 13.000. + di 150 dipendenti 150 installatori. + di 600 Collaboratori MEDIAK I T I nostri numeri + di 150 dipendenti 150 installatori In attività dal 2010 1000 Impianti termodinamici installati nel 2013 +150% rispetto al 2012 3.500 Impianti fotovoltaici installati nel 2013

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP All.5 BPW Italy FEDERAZIONE ITALIANA DONNE ARTI PROFESSIONI AFFARI FIDAPA - BPW ITALY INTERNATIONAL FEDERATION OF BUSINESS AND PROFESSIONAL WOMEN Via Piemonte, 32 00187 Roma Tel 06 4817459 Fax 06 4817385

Dettagli

Confindustria Genova

Confindustria Genova Confindustria Genova La levadel Private Equity nelleacquisizionie nelle cessioni: minoranze e maggioranze Genova, 14 maggio 2015 Raffaele de Courten 1 ARGOMENTI TRATTATI Cosa fanno gli operatori di Private

Dettagli

Comunicato Stampa BRUNELLO CUCINELLI: il C.d.A. esamina i Ricavi Netti Preliminari della gestione del primo semestre 2014.

Comunicato Stampa BRUNELLO CUCINELLI: il C.d.A. esamina i Ricavi Netti Preliminari della gestione del primo semestre 2014. Comunicato Stampa BRUNELLO CUCINELLI: il C.d.A. esamina i Ricavi Netti Preliminari della gestione del primo semestre 2014. Ricavi netti 1 a 175,8 milioni di Euro, in crescita dell 11,6% (a cambi correnti

Dettagli

CESSIONI E ACQUISIZIONI DI AZIENDE

CESSIONI E ACQUISIZIONI DI AZIENDE CESSIONI E ACQUISIZIONI DI AZIENDE 2 Cessioni e Acquisizioni di Aziende nei settori della Moda e del Lusso Cessioni e Acquisizioni di Aziende nei settori della Moda e del Lusso 3 Cessioni e Acquisizioni

Dettagli

GLI ACCORDI CON BORSA ITALIANA E AIFI. Banca Impresa: Il Capitale delle Imprese Roma, 5 maggio 2010

GLI ACCORDI CON BORSA ITALIANA E AIFI. Banca Impresa: Il Capitale delle Imprese Roma, 5 maggio 2010 GLI ACCORDI CON BORSA ITALIANA E AIFI Banca Impresa: Il Capitale delle Imprese Roma, 5 maggio 2010 PRINCIPALI CONTENUTI 1. Quadro della situazione attuale in Italia 2. Accordo ABI-BIT Punti principali

Dettagli

TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria.

TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria. Milano, 14 maggio TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria. Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

MUZINICH ITALIAN PRIVATE DEBT

MUZINICH ITALIAN PRIVATE DEBT Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Valeria Lattuada MUZINICH ITALIAN PRIVATE DEBT Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Muzinich & Co. è una società di asset management istituzionale

Dettagli

Il Ruolo di CDP nella valorizzazione degli asset degli Enti Territoriali

Il Ruolo di CDP nella valorizzazione degli asset degli Enti Territoriali Il Ruolo di CDP nella valorizzazione degli asset degli Enti Territoriali Giovanni Gorno Tempini Roma, 25 ottobre 2012 L operatività di CDP Ruolo di CDP CDP opera a sostegno della crescita del sistema economico

Dettagli

FSI: investimenti 2013, progetti 2014. CONFERENZA STAMPA Milano, 16 dicembre 2013

FSI: investimenti 2013, progetti 2014. CONFERENZA STAMPA Milano, 16 dicembre 2013 FSI: investimenti 2013, progetti 2014 CONFERENZA STAMPA Milano, 16 dicembre 2013 1 Profilo di FSI 2013: nuovi investimenti 2013: l accordo con il Fondo sovrano Russo 2014: due nuovi progetti settoriali

Dettagli

Intervento del Dott. Lanfranco Massari Presidente Federcultura Turismo e Sport - Confcooperative

Intervento del Dott. Lanfranco Massari Presidente Federcultura Turismo e Sport - Confcooperative 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano - Pescara Intervento del Dott. Lanfranco Massari Presidente Federcultura Turismo e Sport - Confcooperative III CONFERENZA ITALIANA PER IL TURISMO 30 settembre 1

Dettagli

Un approccio aggregante agli investimenti seed in start-up del travel e-commerce. Documento per Fondo Italiano Milano, Gennaio 2015

Un approccio aggregante agli investimenti seed in start-up del travel e-commerce. Documento per Fondo Italiano Milano, Gennaio 2015 Un approccio aggregante agli investimenti seed in start-up del travel e-commerce Documento per Fondo Italiano Milano, Gennaio 2015 0 I proponenti hanno un esperienza comune e competenze complementari Andrea

Dettagli

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 La promozione del sistema industriale italiano all'estero: migliorare efficacia ed efficienza. Le azioni. Grazie dottor

Dettagli

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013 Sant Elpidio a Mare, 14 maggio TOD S S.p.A. Forte crescita dei ricavi all estero (Cina: +55,4%, Americhe: +31%). Italia: -26,7%. Solida crescita nei DOS (+16,8%). Confermata l ottima redditività del Gruppo,

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

Road show imprese per crescere

Road show imprese per crescere Road show imprese per crescere Il nuovo rapporto tra banca e cliente per evolvere Napoli, 27 aprile 2016 Finanza d Impresa e M&A Indice 1 Finanza d Impresa e cliente corporate: una collaborazione win-win

Dettagli

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI. Lecco, 23 marzo 2011

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI. Lecco, 23 marzo 2011 AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI Lecco, 23 marzo 2011 Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Agenda Il mercato

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*) Turnaround Tecniche Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl di Massimo Lazzari (*) In questo sesto contributo verranno pubblicati i risultati di un osservatorio

Dettagli

I professionisti. In Italia e nel mondo.

I professionisti. In Italia e nel mondo. Lo studio. Lo Studio Legale Arnaldi Caimmi & Associati è composto da esperti professionisti che hanno maturato competenze in diverse aree di attività, sia in ambito giudiziale che stragiudiziale. Professionisti

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

Management Game 2011

Management Game 2011 Management Game 2011 La Mobilé Inc 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini che ha sede negli Stati Uniti che si è concentrata sulla produzione di telefonini

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013 Milano, 13 novembre 2013 TOD S S.p.A. Solida crescita dei ricavi all estero (Greater China: +28%, Americhe: +14%). Confermata l ottima redditività del Gruppo (margine Ebitda: 26,5%). Aumentate le disponibilità

Dettagli

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A.

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Disclaimer Il presente documento è stato elaborato unicamente al fine di fornire generiche

Dettagli

Studio sui compensi dei consigli di amministrazione delle società del FTSE MIB Anno 2011

Studio sui compensi dei consigli di amministrazione delle società del FTSE MIB Anno 2011 Studio sui compensi dei consigli di amministrazione delle società del FTSE MIB Anno 2011 Responsabile dello studio Guido Cutillo Country Head of Talent and Organization Consulting Hanno contribuito allo

Dettagli

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA Purtroppo, però, rimaniamo ancora poco attrattivi =================== Nel 2014 gli Ide (Investimenti diretti esteri) in entrata nel nostro paese ammontavano

Dettagli

Newsletter per gli Azionisti 1 trimestre 2012

Newsletter per gli Azionisti 1 trimestre 2012 Newsletter per gli Azionisti 1 trimestre 2012 Gentili Azionisti, vi inviamo la newsletter interamente dedicata agli investitori privati di DeA Capital, relativa al primo trimestre 2012. Vi ricordiamo che

Dettagli

dall idea alla startup

dall idea alla startup dall idea alla startup Vademecum sul mondo del Venture Capital IL VENTURE CAPITAL Il venture capital è l attività di investimento in capitale di rischio effettuata da operatori professionali e finalizzata

Dettagli

TO SUPPORT THE INTERNATIONAL EXPANSION, EPIPOLI GROUP EVALUATE THE IPO AT LONDON STOCK EXCHANGE AT AIM. 10 febbraio 2006 1/5

TO SUPPORT THE INTERNATIONAL EXPANSION, EPIPOLI GROUP EVALUATE THE IPO AT LONDON STOCK EXCHANGE AT AIM. 10 febbraio 2006 1/5 10 febbraio 2006 1/5 3 febbraio 2006 2/5 19 gennaio 2006 3/5 19 gennaio 2006 4/5 Nel 2006 lo sprint del segmento All Stars LUCA PAGNI Raccontano che al primo incontro con gli investitori internazionali

Dettagli

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA IN 11 PAESI DEL MONDO

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA IN 11 PAESI DEL MONDO L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA IN 11 PAESI DEL MONDO (ricerca di mercato condotta da GPF e ISPO) 15 dicembre 2005 Mezzogiorno d Italia 2004 1/18 SCOPO DELL INDAGINE Analizzare presso la Business Community

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE La strutturazione di un fondo di private equity e l attività di fund raising I veicoli azionisti sottoscrittori SGR Fondo Struttura italiana gestore fondo General Partner

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3%

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Milano, 11 novembre 2015 TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli

Comunicato Stampa BRUNELLO CUCINELLI: il C.d.A. esamina i Ricavi Netti Preliminari della gestione del primo semestre 2015

Comunicato Stampa BRUNELLO CUCINELLI: il C.d.A. esamina i Ricavi Netti Preliminari della gestione del primo semestre 2015 Comunicato Stampa BRUNELLO CUCINELLI: il C.d.A. esamina i Ricavi Netti Preliminari della gestione del primo semestre 2015 Ricavi netti 1 a 200,3 milioni di Euro, +13,9% a cambi correnti rispetto al 30

Dettagli

Il presente comunicato è reso anche ai sensi dell art. 71 bis del Regolamento di attuazione del Decreto Legislativo n. 58 del 1998.

Il presente comunicato è reso anche ai sensi dell art. 71 bis del Regolamento di attuazione del Decreto Legislativo n. 58 del 1998. COMUNICATO STAMPA DEA CAPITAL ENTRA NEL SETTORE DELL ALTERNATIVE ASSET MANAGEMENT ATTRAVERSO L ACQUISIZIONE DI UNA PARTECIPAZIONE DEL 44,4% IN IDEA ALTERNATIVE INVESTMENTS SOTTOSCRITTO UN COMMITMENT FINO

Dettagli

DUBAI. Economia. Sviluppo Immobiliare

DUBAI. Economia. Sviluppo Immobiliare DUBAI 2013 DUBAI Economia Dubai oggi è un importante centro che basa la propria economia sul commercio marittimo (grazie ai suoi due Porti), sul turismo (con oltre 60 milioni di turisti all anno), sul

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Sostegno al sistema produttivo

Cassa depositi e prestiti. Sostegno al sistema produttivo Cassa depositi e prestiti Sostegno al sistema produttivo CDP a sostegno del sistema produttivo e dello sviluppo delle infrastrutture Cassa depositi e prestiti è un operatore chiave a sostegno del sistema

Dettagli

PRIVATE EQUITY, CONFIDI E BANCHE: OPPORTUNITA E SERVIZI PER LE PMI

PRIVATE EQUITY, CONFIDI E BANCHE: OPPORTUNITA E SERVIZI PER LE PMI PRIVATE EQUITY, CONFIDI E BANCHE: OPPORTUNITA E SERVIZI PER LE PMI Milano 6 maggio 2011 L investitore istituzionale per tipologia di investimento a profilo di rischio ha difficoltà ad investire in PMI

Dettagli

Fiat Industrial S.p.A. Assemblea Straordinaria degli Azionisti

Fiat Industrial S.p.A. Assemblea Straordinaria degli Azionisti Fiat Industrial S.p.A. Assemblea Straordinaria degli Azionisti Intervento del Presidente, Sergio Marchionne Centro Congressi Lingotto, 9 luglio 2013 h 16:30 Signori Azionisti, prima di passare alla discussione

Dettagli

SLACC Le aree di interesse

SLACC Le aree di interesse Lo studio. SLACC Lo Studio Legale Arnaldi Caimmi & Associati è composto da esperti professionisti che hanno maturato competenze in diverse aree di attività, sia in ambito giudiziale che stragiudiziale.

Dettagli

Il Fondo Italiano d Investimento per le PMI e le ipotesi di agevolazioni del mercato

Il Fondo Italiano d Investimento per le PMI e le ipotesi di agevolazioni del mercato Il Fondo Italiano d Investimento per le PMI e le ipotesi di agevolazioni del mercato Andrea Montanino Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Indice L obiettivo Lo strumento: creazione

Dettagli

+39 02 414931 +39 02 65594203. Community consulenza nella comunicazione Brunswick +39 02 89404231 + 39 02 92 88 62 04/203

+39 02 414931 +39 02 65594203. Community consulenza nella comunicazione Brunswick +39 02 89404231 + 39 02 92 88 62 04/203 Capgemini Contacts: Merrill Lynch Contacts: Raffaella Poggio Martina Corak raffaella.poggio@capgemini.com martina_corak@ml.com +39 02 414931 +39 02 65594203 Community consulenza nella comunicazione Brunswick

Dettagli

BORSA, M&A ED ALIMENTARE: L ANALISI DI KPMG CORPORATE FINANCE GLI INGREDIENTI DELLA CRESCITA: AGGREGAZIONI ED APERTURA AL CAPITALE DI RISCHIO.

BORSA, M&A ED ALIMENTARE: L ANALISI DI KPMG CORPORATE FINANCE GLI INGREDIENTI DELLA CRESCITA: AGGREGAZIONI ED APERTURA AL CAPITALE DI RISCHIO. ABCD kéïë BORSA, M&A ED ALIMENTARE: L ANALISI DI KPMG CORPORATE FINANCE GLI INGREDIENTI DELLA CRESCITA: AGGREGAZIONI ED APERTURA AL CAPITALE DI RISCHIO. I dati KPMG confermano che la crescita dimensionale

Dettagli

TOD S S.p.A. i ricavi del Gruppo nel 2014 sono pari a 965,6 milioni di Euro, allineati all anno precedente; +4,5% nel quarto trimestre.

TOD S S.p.A. i ricavi del Gruppo nel 2014 sono pari a 965,6 milioni di Euro, allineati all anno precedente; +4,5% nel quarto trimestre. Sant Elpidio a Mare, 22 gennaio 2015 TOD S S.p.A. i ricavi del Gruppo nel sono pari a 965,6 milioni di Euro, allineati all anno precedente; +4,5% nel quarto trimestre. Approvati dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015.

COMUNICATO STAMPA. Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015. COMUNICATO STAMPA Massimo Zanetti Beverage Group: il C.d.A. approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015. Fatturato consolidato a Euro 450,5 milioni, in crescita del 29,0% rispetto allo

Dettagli

ABC DEGLI INVESTIMENTI. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC DEGLI INVESTIMENTI. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC DEGLI INVESTIMENTI Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity International Specializzazione e indipendenza Fidelity International è una società

Dettagli