EGITTO. A cura di: Ambasciata d'italia - EGITTO. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EGITTO. A cura di: Ambasciata d'italia - EGITTO. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it"

Transcript

1 A cura di: Ambasciata d'italia - Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese Con la collaborazione di: Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane - ICE Camere di Commercio italiane allâ estero

2 INDICE PERCHE' Perchè Dati generali Dove investire Cosa vendere OUTLOOK POLITICO Politica interna Relazioni internazionali OUTLOOK ECONOMICO Quadro macroeconomico Politica economica Indicatori macroeconomici Tasso di cambio Bilancia commerciale Saldi e riserve internazionali Investimenti - Stock Investimenti - Flussi Materie prime Barriere tariffarie e non tariffarie COMPETITIVITA' E BUSINESS ENVIRONMENT Indici di Global Competitiveness e Libertà Economica Indici di Apertura al commercio internazionale Fattori maggiormente problematici per fare business Business Cost Indice Doing Business ACCESSO AL CREDITO RISCHI Accesso al credito Rischi politici Rischi economici Rischi operativi RAPPORTI CON L'ITALIA Overview Scambi commerciali Investimenti con l'italia - Stock Investimenti con l'italia - Flussi Flussi turistici

3 PERCHE' PERCHÈ Vicinanza geografica, complementarieta' dei sistemi produttivi italiano ed egiziano Sviluppo della piccola e media industria egiziana sul modello italiano. Agevolazioni agli investimenti stranieri. Importanza del mercato interno. Posizione centrale in ambito regionale. Basso costo della manodopera Basso costo dell'energia e sussidi. Vicinanza geografica, complementarieta' dei sistemi produttivi italiano ed egiziano Giocano a favore della presenza dell'imprenditoria italiana in Egitto la vicinanza geografica e la complementarieta' dei rispettivi sistemi produttivi. Gli stretti rapporti culturali ed economici, oltre ai bassi costi delle materie prime ed alla discreta qualificazione della manodopera in alcuni segmenti del mercato del lavoro egiziano sono motivi che rendono l'egitto un Paese dove il Sistema Italia ha sempre incontrato e continua a trovare un terreno fertile per operare. Sviluppo della piccola e media industria egiziana sul modello italiano. Agevolazioni agli investimenti stranieri. L'Egitto vede nello sviluppo della PMI un fattore importante per la propria crescita e, in tale contesto, l'italia e' vista come un partner di riferimento. Al fine di attrarre investimenti e di sviluppare imprenditorialita' le Autorita' hanno istituito numerose Zone Franche, Zone Industriali, Zone Economiche Speciali e Zone Industriali Qualificate (ex Legge sugli investimenti n.8/1997) gestite dalla General Authority for Investment and Free Zones (GAFI). Tali zone sono state create per dare agli investitori maggiori incentivi, garanzie ed esenzioni. Importanza del mercato interno. Posizione centrale in ambito regionale. africani (COMESA). L'Egitto, con una popolazione di circa 90 milioni di abitanti e con tassi di crescita decisamente sostenuti, rappresenta un importante mercato di sbocco per le esportazioni italiane. L'Egitto rappresenta inoltre un Paese chiave per l'accesso all'area mediorientale ed africana, essendo uno dei più importanti membri dell'area del libero scambio tra paesi Basso costo della manodopera Nonostante nelle ultimi mesi vi siano stati degli aggiustamenti al rialzo, il costo della manodopera in Egitto è notevolmente più basso rispetto all'italia ed è compreso tra i 100 e i 300 $ al mese. Dal punto di vista qualitativo, il livello della manodopera egiziana non raggiunge la specializzazione dei paesi industrializzati, ma è certamente superiore a quello dei paesi dell'area mediorientale, potendo contare su una buona base di manodopera relativamente formata. Basso costo dell'energia e sussidi. settori ad alto consumo energetico. Malgrado le misure annunciate dal Governo di progressiva riduzione dei sussidi energetici (per uso domestico, benzina, a scopo industriale), i prezzi dell'energia in Egitto sono ancora molto competitivi, e rendono vantaggioso l'investimento straniero specie- ma non solo- in Ultimo aggiornamento: 19/02/2013 DATI GENERALI Forma di stato Repubblica Presidenziale Superficie kmq Lingua Araba Religione Islamica Sunnita (90%) - Copta (10%) Moneta Lira egiziana Ultimo aggiornamento: 19/02/2013 1

4 DOVE INVESTIRE Prodotti tessili Prodotti alimentari Costruzioni Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici Servizi di informazione e comunicazione Prodotti tessili Il settore e' particolarmente promettente, soprattutto per quanto riguarda le produzioni di tessuti per camicerie di alta qualita', che ha registrato importanti investimenti da parte di societa' italiane (Cotonificio Albini e Filmar). Prodotti alimentari Rosso. Con la crescita del potere di acquisto della popolazione l'acquisto di prodotti ago-alimentari italiani e' in aumento, soprattutto nelle localita' turistiche del Mar Costruzioni Il settore delle costruzioni, che e' uno dei piu' fiorenti dell'economia, malgrado lo scoppio della rivoluzione, si e' mantenuto stabile, non registrrando flessioni particolari per quanto riguarda i prezzi degli immobili. Il settore offre particolari opportunita' nel comparto dell'architettura d'interni, dove il design italiano e' particolarmente apprezzato. Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici Il settore e' particolarmente promettente Servizi di informazione e comunicazione Il settore delle comunicazioni e dell'informazione presenta ampi margini di sviluppo nel prossimo futuro. Ultimo aggiornamento: 08/03/2013 2

5 COSA VENDERE Macchinari e apparecchiature Mobili Prodotti chimici Prodotti della metallurgia Articoli in gomma e materie plastiche Macchinari e apparecchiature I macchinari industriali costituiscono una delle piu' importanti voci del nostro export in Egitto. Mobili Il settore dell'arredamento, soprattutto per quanto riguarda i progetti turistici, costituisce un'ottima opportunita' per le imprese italiane. Prodotti chimici I prodotti chimici, organici ed inorganici, pur rappresentando soltanto una quota del 3,06% dell'export italiano, costituiscono un settore particolarmente promettente. Prodotti della metallurgia L'Egitto rappresneta un potenziale mercato di sbocco per il sistema produttivo italiano dfel settore metallurgico. Articoli in gomma e materie plastiche Il settore degli articoli in materie plastiche rappresenta un importante settore di sbocco per le esportazioni italiane. Ultimo aggiornamento: 08/03/2013 3

6 OUTLOOK POLITICO POLITICA INTERNA A quattro anni dalla Rivoluzione del 2011, il Paese non ha ancora raggiunto un assetto politico stabile e consolidato ed e attualmente retto da un architettura istituzionale transitoria (assente il Parlamento, è il Presidente Abdel Fattah El Sisi ad esercitare il potere legislativo, mentre l esecutivo è affidato ad un governo misto di tecnici e personalità politiche legate alla Presidenza, guidato dall ex Ministro dell Housing e membro del Partito Nazionale Democratico di Mubarak, Ibrahim Mahleb). Tale circostanza unita alla concentrazione degli sforzi delle autorità sui temi cogenti della sicurezza e della lotta contro il terrorismo sembra in questa fase affievolire l incisività dell azione del governo e l efficacia dei poteri pubblici, specie nella gestione dell economia (ancor più di prima controllata e gestita dall apparato militare). In tale contesto, dopo la rimozione del Presidente islamista Morsi nel luglio 2013, sull onda delle grandi manifestazioni di piazza anti- Fratelli Musulmani e del rinnovato ruolo centrale assunto dai Militari, l Egitto ha avviato un percorso di legittimazione dei nuovi equilibri politici (Road Map) suddiviso in tre tappe. La prima si è conclusa il gennaio del 2014, con l approvazione della nuova Costituzione. Successivamente, ha avuto luogo, nel giugno del 2014, l elezione del Presidente della Repubblica (con la vittoria dell ex Ministro della Difesa ed eroe della rivoluzione del 30 giugno 2013, Abdel Fattah El Sisi, con oltre il 96% dei consensi). Le elezioni parlamentari, terzo e ultimo step della Road Map, dovevano tenersi a alla fine di marzo di quest anno, ma sono state rinviate (ad una data da definirsi) a seguito della dichiarazione di incostituzionalita pronunciata dalla Suprema Corte nei confronti della normativa elettorale. Le autorità di governo, a beneficio dell opinione pubblica sia interna che internazionale, continuano a sottolineare che il completamento della Road Map, conferendo legittimità popolare ed elettorale ai nuovi assetti di potere, potrà ricondurre il Paese ad una maggiore stabilità, condizione necessaria (ma non sufficiente) per avviare un processo di ricostruzione dell economia e di riequilibrio delle disuguaglianze sociali che negli ultimi anni si sono ulteriormente aggravate. L assetto politico attuale e ancora segnato da forte polarizzazione, mobilitazione permanente (anche nelle università), mancata inclusione delle principali istanze islamiste (a cominciare dall ex forza politica maggioritaria, i Fratelli Musulmani, dichiarata "organizzazione terroristica" e di fatto annientata politicamente) e timori di una progressiva compressione degli spazi di azione per la società civile (pesanti conseguenze dell applicazione della restrittiva legge sul diritto di manifestare e, in tale contesto, intensificata repressione ai danni di attivisti e movimenti per i diritti umani). Ultimo aggiornamento: 24/03/2015 RELAZIONI INTERNAZIONALI La politica estera egiziana, a seguito dei recenti cambiamenti occorsi nel Paese, pur nel solco di molte direttrici tradizionali, presenta alcuni aspetti di novita. Da un lato, il Paese rimane, infatti, il baricentro dei delicati equilibri regionali, avendo recuperato rapidamente il terreno perduto e il ruolo di leadership che aveva sempre ricoperto. Il rispetto del Trattato di Camp David con Israele (di cui Washington e garante) continua ad essere uno dei pilastri di questa politica estera e rappresenta uno degli aspetti piu' evidenti della sua continuita'. Dall'altra parte, pero, il nuovo Egitto appare molto piu' dinamico ed aperto verso nuove direttrici rispetto a quanto invece e' stato nell'immediato passato. L'Egitto ha, in primo luogo, dichiarato un rinnovato interesse "africano", continente dove intenderebbe svolgere un ruolo di leadership piu definito e presente rispetto. Per il momento, tuttavia, questo nuovo slancio nei confronti dei dossiers continentali non ha trovato rilevanti nuove manifestazioni concrete e si e espressa solo verso alcune circoscritte questioni anch esse di lunga tradizione nell azione diplomatica egiziana- come, ad esempio, con la rinnovata attenzione nei confronti della questione dello sfruttamento delle risorse del bacino del Nilo. Va inoltre evidenziato come la diplomazia egiziana rivolga, in maniera sempre piu decisa, il proprio sguardo verso i Paesi del Gulf Cooperation Council, in particolare l Arabia Saudita, il Kuwait e gli Emirati Arabi. Essi, insieme all Oman, hanno, in occasione della Conferenza per la promozione degli investimenti di Sharm el Sheikh del marzo 2015, deciso di finanziare la strategia economica del presidente egiziano Sisi con ulteriori 12,5 miliardi di dollari di aiuti allo sviluppo. Per quanto riguarda gli investimenti privati, le aziende di questi paesi puntano soprattutto ai settori dell edilizia, del turismo e dell estrazione energetica. Il rapporto con i Paesi dell UE rimane ottimo e, tra questi, quello bilaterale con l Italia in virtu dei consolidati e tradizionali rapporti commerciali e finanziari tra i due Paesi. L'Italia continua ad essere percepita come un vero e proprio ponte verso l Europa, dato questo che permette anche dal punto di vista economico e commerciale - all Italia di posizionarsi tra i primi partner economici dell Egitto (il primo in assoluto tra i Paesi UE). Ultimo aggiornamento: 24/03/2015 4

7 OUTLOOK ECONOMICO QUADRO MACROECONOMICO Nel primo trimestre dell anno fiscale 2014/2015 la crescita del PIL sul periodo corrispondente del 2013/2014 è risultata pari al 6,8 per cento in virtù di una ulteriore accelerazione dei consumi finali e di una ripresa degli investimenti; pressoché nullo il contributo fornito dalla domanda estera a causa di una decisa contrazione delle esportazioni che hanno bilanciato il forte aumento delle importazioni di beni e servizi. La buona ripresa dell attività manifatturiera e del turismo risentono dei livelli eccezionalmente bassi che si erano registrati nell estate del 2013: con riferimento al turismo va osservato che i primi dati sul semestre luglio-dicembre 2014 segnalano un aumento degli afflussi di valuta estera (da 1,9 a 4 mld) che lasciano intravedere una ripresa dell intero settore. Proprio il turismo, tra le principali fonti di occupazione, potrà aiutare il Paese a riassorbire l ingente disoccupazione che, ufficialmente, si è attestata, nel 2014, al 13,4 per cento. Nei primi sette mesi dell anno fiscale in corso, il deficit pubblico continua a mostrare un andamento preoccupante, essendo aumentato del 30 per cento rispetto allo stesso periodo del 2013: a destare le maggiori preoccupazioni, la debole performance delle entrate tributarie (in particolare quelle derivanti dalle imposte sul reddito) nonostante la ripresa dell attività economica; dal lato delle uscite, il monte salari per i dipendenti pubblici è aumentato del 17 per cento e gli interessi sul debito sono cresciuti del 9 per cento mentre la spesa per sussidi e per le prestazioni sociali (stando ai dati solo parziali) sarebbero diminuiti in modo marcato (del 30 per cento). L obiettivo del Governo di arrivare a un rapporto deficit/pil del 10 per cento a fine anno appare irrealizzabile a meno di una robusta iniezione di liquidità (a titolo di donazioni) proveniente dai Paesi del Golfo. Tuttavia, un sostanziale aiuto potrà giungere dalla riduzione della spesa per sussidi energetici grazie sia alle misure intraprese nel luglio 2014 (con aumenti dei prezzi al consumo del carburante fino al 78 per cento per la benzina a 80 ottani) sia alla favorevole congiuntura internazionale dei prezzi delle materie prime. L accumulazione continua di deficit del settore pubblico ha fatto sì che, nell anno fiscale che si è chiuso a giugno 2014, il debito pubblico consolidato (domestico) sfiorasse l 83 per cento del PIL, in aumento di due punti sull anno precedente. L altra principale fonte di squilibrio macroeconomico per l Egitto deriva dalla sua posizione nei conti con l estero: le partite correnti sono in strutturale deficit in virtù di un cronico disavanzo della bilancia commerciale (che nel 2014 è ammontato a circa il 12 per cento del PIL) e dei problemi che il settore turistico ha incontrato negli ultimi anni. Nell anno fiscale 2013/2014 i trasferimenti dai Paesi del Gulf Cooperation Council hanno in buona parte ripianato il deficit di parte corrente che, in loro assenza, sarebbe ammontato al 5,1 per cento del PIL. La Banca centrale, pur continuando a mantenere un crawling peg nei confronti del dollaro statunitense, ha avviato, a partire dallo scorso dicembre, una graduale svalutazione del cambio della Lira egiziana nei confronti del dollaro che, in termini nominali, è valsa il 6 per cento. Ultimo aggiornamento: 24/03/2015 POLITICA ECONOMICA La strategia di politica economica, spiegata con enfasi durante la Egypt Economic Development Conference di Sharm del marzo 2015, si fonda su tre cardini: il consolidamento fiscale; la creazione di un quadro normativo più favorevole agli investimenti e, in generale, all attività d impresa; il lancio dei nuovi progetti di sviluppo, soprattutto nel campo dell energia e delle infrastrutture. Il consolidamento fiscale, iniziato nel luglio 2014, pone al centro del suo sforzo la graduale rimozione del costoso sistema di sussidi (in particolare quelli energetici) che, nell anno fiscale 2013/2014, pesava per l 8 per cento sul PIL e per il 23 per cento sulla spesa pubblica complessiva. Secondo quanto affermato in più occasioni dal Governo, il sistema verrà eliminato in un orizzonte di cinque anni, mentre la previsione contenuta nel budget per l anno in corso dovrebbe essere corretta al ribasso di un ulteriore 25 per cento grazie al prezzo del petrolio più basso. La riforma e la riqualificazione della spesa pubblica incontrano alcuni ostacoli: da una parte la spesa per gli stipendi nel pubblico impiego non è in linea con gli obiettivi di contenimento di questa voce rilevante della spesa; inoltre, la spesa per interessi (non direttamente controllabile dal Governo) continua ad assorbire circa un quarto della spesa pubblica e rappresenta il 9 per cento del PIL, livelli in entrambi i casi incompatibili con un operazione di risanamento delle finanze pubbliche. Ai problemi della spesa pubblica va poi aggiunto che l amministrazione fiscale (nel suo complesso) fa fatica ad ampliare la base impositiva e ad aumentare il gettito fiscale. La combinazione di rigidità della spesa pubblica e amministrazione fiscale poco efficiente rende molto tortuoso il percorso di rientro dall elevato deficit. Le riforme strutturali mirano soprattutto a migliorare le condizioni per l offerta: in questo senso, la nuova normativa sugli investimenti, quella sulle feed-in tariffs nel settore delle energie rinnovabili, la legge sulla microfinanza vanno nella direzione di una maggiore attenzione all ambiente in cui le imprese operano. Gli effetti di queste riforme non possono che essere valutati in un orizzonte di medio periodo ma, insieme all efficientamento della pubblica amministrazione, costituiscono una condizione necessaria per una ripresa duratura dell attività economica. I progetti di sviluppo e i grandi investimenti infrastrutturali rispondono a una duplice esigenza: innalzare il potenziale di crescita dell economia egiziana e assorbire parte della disoccupazione con il fine ultimo di ridurre l elevato tasso di povertà. La somma mobilitata nel corso della Conferenza di Sharm ammonta a 73 miliardi di dollari circa, stanziata a vario titolo. Ferme restando le difficoltà di mobilitare l intero importo, rileva a fini di politica economica la volontà di migliorare settori strategici quali quello dell oil & gas, della generazione di elettricità, dell edilizia abitativa. Ultimo aggiornamento: 24/03/2015 5

8 6

9 INDICATORI MACROECONOMICI PIL Nominale (mln ) Variazione del PIL reale (%) 1,8 2,2 2,1 Popolazione (mln) 82,5 84,1 82,1 PIL pro-capite a parita di potere d'acquisto ($) Disoccupazione (%) 12 12,7 13,2 Debito pubblico (% PIL) 84, ,7 Inflazione (%) 10 7,1 9,5 Variazione del volume delle importazioni di beni e servizi (%) -5 7,1 2,5 Fonte: Elaborazioni su dati EIU e FMI. Ultimo aggiornamento: 25/03/2015 TASSO DI CAMBIO Controlla il cambio giornaliero sul sito di Banca d'italia 7

10 BILANCIA COMMERCIALE EXPORT Export Previsioni di crescita 2015 Previsioni di crescita 2016 Totale mln. 26 mln. nd mln. nd % nd % 8

11 IMPORT Import Previsioni di crescita 2015 Previsioni di crescita 2016 Totale nd mln. 55 mln. nd mln. nd % nd % 9

12 SALDI E RISERVE INTERNAZIONALI Saldo commerciale (Exp. - Imp.) (mln. ) Saldo dei Servizi (mln. ) 8,4 9,9 9,8 Saldo dei Redditi (mln. ) -4,5-4,6-4,5 Saldo dei Trasferimenti correnti (mln. ) 10,9 15,3 15,7 Saldo delle partite correnti (mln. ) -5,5-6,1-5,3 Riserve internazionali (mln. ) 12,7 11,6 16,1 Fonte: Elaborazioni Addetto Finanziario Ambasciata d'italia su dati EIU. Ultimo aggiornamento: 14/04/

13 INVESTIMENTI - STOCK STOCK DI INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI DEL PAESE: (OUTWARD) Stock di investimenti diretti esteri del paese: (Outward) Previsioni 2014 Previsioni 2015 Totale (% PIL) 2,6 % % % nd % nd % Totale (mln e var. %) mln. mln. mln. nd % nd % 11

14 STOCK DI INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI NEL PAESE: (INWARD) Stock di investimenti diretti esteri nel paese: (Inward) Previsioni 2014 Previsioni 2015 Totale (% PIL) 38,6 % % % nd % nd % Totale (mln e var. %) mln. mln. mln. nd % nd % 12

15 INVESTIMENTI - FLUSSI FLUSSI DI INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI IN USCITA DAL PAESE: (OUTWARD) Flussi di investimenti diretti esteri in uscita dal paese: (Outward) Previsioni 2014 Previsioni 2015 Totale (% PIL) 2,2 % % % nd % nd % Totale (mln e var. %) mln. mln. mln. nd % nd % 13

16 FLUSSI DI INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI IN INGRESSO NEL PAESE: (INWARD) Flussi di investimenti diretti esteri in ingresso nel paese: (Inward) Previsioni 2014 Previsioni 2015 Totale (% PIL) 4,2 % % % nd % nd % Totale (mln e var. %) mln. mln. mln. nd % nd % 14

17 MATERIE PRIME MATERIE PRIME Materia Unità Gas naturale miliardi di metri cubi Petrolio barili/giorno

18 BARRIERE TARIFFARIE E NON TARIFFARIE Market Access Database della Commissione Europea 16

19 COMPETITIVITA' E BUSINESS ENVIRONMENT INDICI DI GLOBAL COMPETITIVENESS E LIBERTÀ ECONOMICA Val (0-100) Pos. 144 paesi Val (0-100) Pos. 148 paesi Val (0-100) Pos. 144 paesi GCI 3, , ,6 119 Sub indici Requisiti di base (40 %) 3, , ,7 121 Istituzioni (25%) 3,6 96 3, ,4 100 Infrastrutture (25%) 3,6 83 3,3 98 3,2 100 Ambiente macroeconomico (25%) 3, , Salute e Istruzione Primaria (25%) 5,3 94 5, ,4 97 Fattori stimolatori dell'efficienza (50 %) 3, , ,6 106 Alta Istruzione e Formazione professionale (17%) 3, , ,3 111 Efficienza del mercato dei beni (17%) 3, , Efficienza del mercato del lavoro (17%) 3, ,1 140 Sviluppo del mercato finanziario (17%) 3, , ,2 125 Diffusione delle tecnologie (17%) 3,4 91 3, ,2 95 Dimensione del mercato (17%) 4,8 29 4,8 29 4,8 29 Fattori di innovazione e sofisticazione (10 %) 3,3 96 3, ,2 113 Sviluppo del tessuto produttivo (50%) 3,8 83 3,8 84 3,7 95 Innovazione (50%) 2, , ,7 124 Fonte: Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati World Economic Forum Global Competitiveness Index. Note: La percentuale tra parentesi indica il peso della voce nella composizione dell indice / sub indice. Ultimo aggiornamento: 17/11/2014 Val (0-100) Pos. 184 paesi Val (0-100) Pos. 184 paesi Val (0-100) Pos. 186 paesi Indice di Liberta Economica 57, , ,9 135 Ultimo aggiornamento: 17/11/

20 INDICI DI APERTURA AL COMMERCIO INTERNAZIONALE Val (0-7) Pos. 132 paesi Val (0-7) Pos. 132 paesi ETI 3,9 76 3,8 90 Sub indici Accesso al mercato (25%) 3, ,5 113 Accesso al mercato interno ed esterno (100%) 3, ,5 113 Amministrazione doganale (25%) ,9 76 Efficienza dell'amministrazione doganale (33%) 3,8 80 3,9 80 Efficienza delle procedure di import e export (33%) 5,1 40 4,9 55 Trasparenza dell'amministrazione di frontiera (33%) ,8 94 Infrastrutture di trasporto e di comunicazione (25%) 3,7 62 3,9 60 Disponibilita e qualita delle infrastrutture di trasporto (33%) 4,3 58 4,5 55 Disponibilita e qualita dei servizi di trasporto (33%) 3,8 61 3,9 51 Disponibilita ed utilizzo dell'ict (33%) 2,9 74 3,4 81 Contesto business (25%) 4,4 61 3,8 93 Regolamentazione (50%) ,8 58 Sicurezza (50%) 4,9 65 3,9 104 Fonte: Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati World Economic Forum Enabling Trade Index. Note: La percentuale tra parentesi indica il peso della voce nella composizione dell indice / sub indice. Ultimo aggiornamento: 07/02/ Valore (%) Valore (%) Peso % del commercio sul PIL 36,4 36,3 Fonte: Elaborazione Ambasciata d'italia su dati EIU. Ultimo aggiornamento: 07/02/

21 FATTORI MAGGIORMENTE PROBLEMATICI PER FARE BUSINESS 2012 / / / 2015 Accesso al finanziamento 5,6 7,8 10,2 Aliquote fiscali 4,6 4,2 3,9 Burocrazia statale inefficiente 5,3 1,9 2,7 Scarsa salute pubblica 0,9 0,3 0,9 Corruzione 6,3 7,5 7,7 Crimine e Furti 9,7 9,3 4,3 Scarsa etica del lavoro della forza lavoro locale 4,3 5,4 5,4 Forza lavoro non adeguatamente istruita 5,3 6,4 5,4 Inadeguatezza dell'offerta di infrastrutture 2,5 4,5 5,5 Inflazione 3 3,7 3,2 Instabilita delle politiche 17 22,9 21 Instabilita del governo/colpi di stato 17,4 14,7 12,5 Normative del lavoro restrittive 6,5 2,1 4,1 Normative fiscali 5,4 2,5 3,1 Regolamenti sulla valuta estera 3,8 5,7 8,4 Insufficiente capacita di innovare 1,2 1,7 Fonte: Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati World Economic Forum - Global Competitiveness Report Note: I fattori sono selezionati sulla base delle risposte degli imprenditori intervistati per la compilazione del Rapporto citato in Fonte. Tra una lista di 15 fattori, gli intervistati dovevano indicare i 5 fattori maggiormente problematici ( da 1: maggiormente problematico, a 5). I valori mostrati in tavola rappresentano le risposte pesate secondo la loro posizione nel ranking complessivo. Ultimo aggiornamento: 19/10/

22 BUSINESS COST Remunerazione totale media per Capi Funzione/Capi Divisione di una multinazionale o Chief Executive in organizzazioni medio-grandi. Remunerazione totale media per manager al di sotto dei Capi Funzione nelle multinazionali, o che riportano al CEO nelle organizzazioni medio-grandi, o Chief Executive in organizzazioni piccole. Remunerazione totale media per personale vendite senior con competenze gestionali o regionali. Remunerazione totale media per posizioni di supervisione e junior management con predominanza della responsabilita di staff. Remunerazione totale media per account manager e staff vendite senza competenze gestionali o regionali. Remunerazione totale media per personale impiegatizio, amministrativo e di segreteria senza o con ridotte responsabilita di supervisione. Remunerazione totale media per operai, receptionist, centralinisti e dattilografi supervisionati da posizioni senior. Affitto per ufficio centrale in uno dei principali distretti industriali. Prezzo medio per m2 per anno. Affitto di un deposito. Prezzo medio per m2 per anno. Elettricita per uso industriale/intenso con consumo annuo di 2000MWh o più. Prezzo per KwH. Unita per anno , , ,74 per anno , , ,4 per anno , , ,91 per anno , , ,53 per anno , , ,78 per anno 7.352, , ,04 per anno 3.689, , ,02 per m2 per anno per m2 per anno 452,58 258,67 373,6 63,36 60,35 32,69 per kwh 0,08 0,03 0,04 Acqua per uso industriale /commerciale. per m3 0,04 0,05 0,07 Sottoscrizione telefonica standard mensile per uso commerciale di una linea telefonica. per linea/mese 3,27 3,37 3,46 Aliquota fiscale corporate media. % IVA o equivalente. Media o tasso prevalente applicato su beni e servizi. % Aliquota fiscale massima su persona fisica. % Fonte: Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati EIU. Ultimo aggiornamento: 12/02/

23 INDICE DOING BUSINESS Val (0-7) Pos. 185 paesi Val (0-7) Pos. 189 paesi Val (0-7) Pos. 189 paesi Posizione nel ranking complessivo Avvio Attivita (Posizione nel ranking) Procedure - numero (25%) Tempo - giorni (25%) Costo - % reddito procapite (25%) 10,2 9,7 9,2 Permessi di costruzione (Posizione nel ranking) Procedure - numero (33,3%) Tempo - giorni (33,3%) Costo - % reddito procapite (33,3%) 135 2,2 1,9 Accesso all'elettricita (Posizione nel ranking) Procedure - numero (33,3%) Tempo - giorni (33,3%) Costo - % reddito procapite (33,3%) ,4 304,6 Registrazione della proprieta (Posizione nel ranking) Procedure - numero (33,3%) Tempo - giorni (33,3%) Costo - % valore della proprieta (33,3%) 0,7 0,7 0,7 Accesso al credito (Posizione nel ranking) Indice di completezza delle informazioni sul credito (0 min - 6 max) (37,5%) Indice di forza dei diritti legali (0 min - 10 max) (62,5%) Protezione degli investitori (Posizione nel ranking) Indice di disclosure (0 min - 10 max) (33,3%) Indice di responsabilita dell'amministratore (0 min - 10 max) (33,3%) Indice dei poteri dello shareholder in caso di azione giudiziaria (0 min - 10 max) (33,3%) Tasse (Posizione nel ranking) Pagamenti annuali - numero (33,3%) Tempo - ore annuali per gestire le attivita connesse ai pagamenti (33,3%) Tassazione dei profitti (33,3%) 42,6 13,2 16,7 Procedure di commercio (Posizione nel ranking) Documenti per esportare - numero (33,3%) Documenti per importare - numero (33,3%) Tempo per la preparazione dei documenti neccessari per esportare - giorni (33,3%) Tempo per la preparazione dei documenti neccessari per importare - giorni (33,3%) Costi per esportare un container da 20 piedi - (33,3%) Costi per importare un container da 20 piedi - (33,3%) Rispetto dei contratti (Posizione nel ranking) Risolvere una controversia - giorni (33,3%) Costi - % del risarcimento (33,3%) 26,2 26,2 26,2 Procedure - numero (33,3%) Soluzione delle insolvenze (Posizione nel ranking) Tempo - anni 4,2 2,5 2,5 Costo - % del valore della proprieta del debitore Fonte: Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati Banca Mondiale, indice Doing Business. Note: I dati riportati sono quelli pubblicati nell anno di riferimento. Per ogni aspetto metodologico, consultare Ultimo aggiornamento: 30/11/

24 ACCESSO AL CREDITO ACCESSO AL CREDITO Il sistema finanziario egiziano è essenzialmente bancocentrico. Il sistema risulta contraddistinto da una presenza ancora rilevante del settore pubblico, che controlla i due principali istituti (National Bank of Egypt e Banque Misr), nonché la Banque du Caire. Il sistema risulta molto concentrato relativamente ai Paesi della regione MENA: le prime due banche pubbliche, unitamente alla Commercial International Bank (prima banca privata) intermediano circa il 60 per cento dei fondi. L'erogazione di prestiti risulta rivolta prevalentemente verso il settore pubblico e le imprese di maggiori dimensioni, mentre risultano penalizzate le piccole e medie imprese, per le quali l'accesso al credito resta certamente più problematico. Nonostante la solidità patrimoniale manifestata dal sistema bancario anche nelle fasi più acute della recente crisi economica, la capacità del sistema bancario di aumentare l offerta di credito rimane contenuta, anche perché le politiche di erogazione del credito attuate dalle banche restano contraddistinte da un elevato grado di avversione al rischio e penalizzano i prenditori sprovvisti di garanzie reali. Ultimo aggiornamento: 24/03/

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due

Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due decenni più tardi, nel 2001, solo lo 0,98 per cento della popolazione del pianeta risiede ancora nel nostro Paese. La perdita

Dettagli

IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015

IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015 IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015 1 INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2. Analisi del

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

La Banca europea per gli investimenti in sintesi

La Banca europea per gli investimenti in sintesi La Banca europea per gli investimenti in sintesi Come banca dell Unione europea (UE), forniamo finanziamenti e consulenza per progetti d investimento validi e sostenibili situati in Europa e nei Paesi

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE PIANO STRATEGICO INTERCOMUNALE DELL ENERGIA comuni di: Beura Cardezza Pallanzeno Piedimulera Pieve Vergonte Villadossola Vogogna ANALISI DEI CONSUMI E DELLE EMISSIONI CAIRE

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI 934 QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI R. Brunetta per Il Giornale 14 giugno 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà -

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli