PROPERTY REPORT INVESTIMENTI IN ITALIA H2 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROPERTY REPORT INVESTIMENTI IN ITALIA H2 2010"

Transcript

1 PROPERTY REPORT INVESTIMENTI IN ITALIA H2 2010

2 2 CRESCITA ECONOMICA ANCORA LIMITATA Dopo due anni di recessione, il 2010 ha mostrato delle variazioni positive del PIL in quasi tutti i principali paesi industrializzati. Tuttavia, la crescita è stata limitata, particolarmente per quanto riguarda l area Euro (il cui PIL è stimato in crescita solo dell 1,8% nel 2010 e dell 1,7% nel 2011). In questo contesto l economia italiana è stata caratterizzata da una ripresa ulteriormente rallentata se confrontata a quella degli altri grandi paesi europei. L Italia presenta, da un lato, un settore privato che continua a registrare un andamento negativo, sostanzialmente a causa della lenta ripresa delle esportazioni che tra il 2008 ed il 2009 sono diminuite di oltre il 22% e nel 2010 sono state stimate in crescita solo dell 8% circa. Mentre dall altro lato, il settore pubblico deve fronteggiare l elevato livello del debito pubblico (stimato a fine 2010 vicino al 120% del PIL). Non a caso, durante il 2010 il tema della finanza pubblica e dell elevato debito pubblico è stato al centro del dibattito tra gli economisti in Italia, così come è successo anche in molti altri stati europei. Infatti, sull area Euro hanno preoccupato molto i problemi finanziari di alcuni paesi, come Grecia ed Irlanda, che durante la crisi del hanno mostrato un rapido aumento del rapporto tra il debito pubblico e PIL. L attenzione, oltre che su questi paesi, si è poi concentrata su tutti quei paesi che presentano un alto livello di debito pubblico, Italia inclusa Tali apprensioni hanno così avuto ripercussioni sulle scelte di politica economica di tutti i paesi europei e, conseguentemente, sulle loro prospettive di crescita. Inoltre, questa situazione ha avuto conseguenze anche sui mercati finanziari. Pertanto, durante tutto il 2010 è andato allargandosi il gap tra i rendimenti dei titoli obbligazionari statali a lungo termine nei diversi Paesi dell area Euro. Il differenziale tra i rendimenti dei bund tedeschi e quelli dei paesi con situazioni finanziarie più preoccupanti si sono fortemente ampliati. L incremento del differenziale tra i rendimenti delle obbligazioni tedesche e quello delle obbligazioni italiane è stato inferiore a quanto registrato nei paesi PIGS, ma comunque rilevante, passando dai 27 bps di fine 2007 ai 130 bps di fine Questo significa che gli investitori considerano il livello di rischio in questi paesi più alto rispetto al passato e ciò ha avuto importanti conseguenze anche sul settore privato (le borse dei paesi periferici hanno accusato forti perdite nel 2010), incluso il mercato immobiliare. In Italia, tuttavia, la tradizionale propensione al risparmio delle famiglie ha permesso loro di fronteggiare la crisi senza ridurre in modo netto i consumi. Secondo un recente studio della Banca d Italia, esse sono le meno indebitate se confrontate con quelle degli altri paesi del G8. Inoltre, il valore delle ricchezze possedute dalle famiglie italiane ha subito una riduzione durante la crisi finanziaria inferiore a quanto successo in molti altri paesi industrializzati, grazie alla prevalenza dell investimento in beni immobiliari o in titoli obbligazionari (che hanno registrato perdite di valori contenute), rispetto ai titoli azionari (che hanno invece subito forti perdite di valore). Queste scelte di investimento a basso rischio hanno mantenuto stabile, su un livello piuttosto alto, la ricchezza delle famiglie italiane. Conseguentemente, la domanda interna nel 2010 ha rappresentato il maggiore contributo alla crescita del PIL, nonostante la disoccupazione abbia continuato a crescere (passando dal 7,8% nel 2009 all 8,4% nel 2010), toccando livelli molto alti soprattutto tra i giovani di età compresa tra i 15 ed i 24 anni, per i quali il tasso di disoccupazione è vicino al 30%. Tuttavia la domanda interna sembra non essere sufficiente a far ripartire in modo sostenuto l economia italiana. Nel 2011 è infatti prevista un ulteriore riduzione dei posti di lavoro e una crescita del PIL ancora debole (sempre vicino al +1%).

3 3 INVESTIMENTI SEMPRE PIÙ CONCENTRATI SU UFFICI E COMMERCIALE Gli investimenti immobiliari diretti in Italia nel 2010 sono stati di circa 4 mld, raggiungendo così la stessa cifra del Il mercato degli investimenti non ha dunque mostrato, nel suo complesso, dei chiari segni di ripresa dalla crisi finanziaria ed economica del , continuando a mostrare volumi di compravendita ben inferiori a quelli registrati nei periodi di massimo del mercato ( ). Permane infatti una certa distanza tra l offerta e la domanda che permette ai valori immobiliari di mantenersi, almeno sulla carta, piuttosto stabili. Questo ha però causato allo stesso tempo una forte riduzione dell attività di compravendita. Da un lato, infatti, la domanda degli investitori interessati all immobiliare italiano è molto concentrata su immobili a reddito situati nei mercati primari. Dall altro lato i potenziali venditori sono poco inclini a vendere gli immobili a reddito, particolarmente se l offerta è inferiore al costo storico. Il difficile incontro di queste due posizioni si è tradotto negli ultimi due anni in una riduzione del 45% del volume investito. Inoltre, alcuni investitori hanno limitato fortemente il loro raggio d azione concentrandosi quasi esclusivamente sugli investimenti in immobili ad uso terziario e commerciale. La quota sul totale degli investimenti in magazzini per la logistica, complessi industriali, alberghi e altre tipologie di immobili (case per studenti, case di cura ) è progressivamente diminuita dal 2007 ad oggi (passando dal 30% circa, a meno del 20%). È andata altresì riducendosi anche la quota di investimenti in immobili ad uso terziario al di fuori delle due città principali, Milano e Roma. Nel 2010, meno del 10% degli investimenti in uffici hanno fatto riferimento all acquisizione di immobili situati in altre città italiane. Complessivamente gli investimenti in uffici sono stati il 10% in meno dello scorso anno. Gli investimenti in immobili commerciali sono invece stati più elevati nel 2010 rispetto al 2009, passando da 1,2 mld a 1,5 mld. È evidente insomma che l incertezza economica sulle prospettive di crescita dell Italia ha avuto un effetto negativo per gli investimenti in immobili ad uso terziario o industriale, mentre la solidità della ricchezza media delle famiglie italiane ha avuto un effetto positivo per il compimento degli investimenti in immobili ad uso commerciale. Ciò nonostante gli immobili ad uso terziario continuano a presentare rendimenti più bassi rispetto ai centri commerciali (la principale tipologia di immobili ad uso commerciale in quanto a volume investito). I rendimenti prime sono infatti pari al 5,3% per gli uffici e 120 bps più alti per i centri commerciali. Il 2010 è stato un anno di stabilità per i rendimenti prime di uffici e centri commerciali che sono stati ritoccati al ribasso l ultima volta durante la fine del Nello stesso periodo anche i rendimenti prime di immobili ad uso industriale o logistico avevano cominciato ad abbassarsi e hanno continuato con questa tendenza nel 2010 con un ulteriore riduzione di 25 bps nel È infine interessante notare come sia in atto una lenta e graduale riduzione della media dei rendimenti di tutte le operazioni registrate nei diversi settori. Seppur sia doveroso ricordare che con un volume investito così basso tale media potrebbe non essere rappresentativa di tutto il mercato, questo segnale sembrerebbe significare che vi è una maggiore fiducia sulle prospettive del mercato immobiliare italiano rispetto al Visto anche l aumento dei rendimenti privi di rischio (cioè delle obbligazioni statali) il premio di rischio dell immobiliare si è, in media, ridotto. Tuttavia è difficile possa ridursi ancora e quindi, in assenza di un ritorno alla normalità dei rendimenti dei titoli di stato, è difficile che i rendimenti immobiliari possano scendere ulteriormente nel breve termine.

4 4 CONTINUA IL FOCUS SU INVESTIMENTI CORE Gli investimenti in uffici a Milano nel 2010 sono stati di poco al di sotto di 1 mld. Questo livello rappresenta una riduzione del 15% circa rispetto al 2009 e del 40% circa rispetto agli anni di massimo ( ). Il mercato appare dunque ancora debole, anche se lentamente in ripresa da quando lo scoppio della crisi finanziaria ha posto forti limiti alle potenzialità di indebitamento per investimenti immobiliari. Se si esclude dal volume investito nel 2009 l ammontare di un unica operazione eccezionale per dimensione e raramente ripetibile ( 300 mln del Maciachini Center), si può infatti notare che il volume degli investimenti è, lentamente e gradualmente, cresciuto dal 2008 ad oggi. L interesse degli investitori, tuttavia, continua ad essere molto concentrato su immobili di tipo core (interamente affittati), con particolare riferimento a quelli situati nel CBD o in zone ben collegate al centro della città dai mezzi pubblici. Gli investimenti nel CBD sono infatti aumentati sia in volume ( 400 mln nel 2010, rispetto a 300 mln nel 2009) sia come quota rispetto al totale investito in città (passando dal 25% circa degli ultimi anni ad oltre il 40% nel 2010). Sono state ben sei le transazioni sopra ai 40 mln chiuse nel 2010 nel CBD di Milano. Tra queste, le più significative sono state le compravendite degli immobili in Piazza Cordusio 1 e 2 e dell immobile situato in Corso Garibaldi 99. Tutte queste operazioni hanno avuto sul lato del compratore un fondo immobiliare italiano riservato ad investitori qualificati. Questa tipologia di investitore si è confermata come il principale operatore sul mercato milanese degli investimenti in immobili ad uso terziario. Infatti, nonostante gli investimenti dei fondi immobiliari italiani si siano ridotti gradualmente tra il 2007 ed il 2010 (da 500 mln a 400 mln circa), tale riduzione non è lontanamente comparabile con la riduzione dell attività di investimento registrata per altre tipologie di investitori dopo lo scoppio della crisi finanziaria. Le società immobiliari quotate e i REITs, che avevano praticamente azzerato gli acquisti di uffici a Milano nel 2008 e nel 2009, sono timidamente tornati sul mercato nel 2010 con qualche operazione dal volume complessivo di circa 80 mln (erano quasi 600 mln nel 2007). Inoltre, anche i fondi aperti tedeschi e altri fondi immobiliari stranieri sono stati protagonisti di pochissime operazioni, mentre nel 2007 erano uno degli operatori più importanti in questo comparto (oltre 500 mln investiti nel 2007). Per quanto riguarda l andamento dei rendimenti prime, nel CBD di Milano essi sono stati stabili per tutto il 2010 al 5,3%. Alcuni investimenti effettuati nel 2010 in CBD avrebbero infatti un rendimento che, secondo le nostre stime, può arrivare a quel livello una volta che i canoni di locazione saranno a regime. Grazie all interesse mostrato dagli investitori per gli immobili situati nel CBD non è tuttavia da escludere una riduzione dei rendimenti prime in questa zona della città nel corso del 2011, sempre che non si assista ad un ulteriore aumento dei tassi di interesse. Nel semi centro della città i rendimenti prime sono invece diminuiti gradualmente nel corso del 2010, per un totale di 50 bps. Questa riduzione sembra essere dovuta soprattutto all interesse riscontrato per gli immobili nella zona Stazione Centrale Garibaldi, dove si inizia a beneficiare positivamente dello sviluppo della rete TAV e dei nuovi sviluppi immobiliari (con particolare riferimento a quelli in Garibaldi Repubblica che saranno completati nel 2012). Infine, anche in periferia i rendimenti prime sono diminuiti di 50 bps, ma esclusivamente per immobili di recente costruzione e solo se ben collegati al centro. Il gap tra i rendimenti prime delle varie zone di Milano si va così riducendo, mentre continua ad essere ampio il gap tra i rendimenti di immobili core e quelli di immobili sfitti o da ristrutturare.

5 5 MERCATO DEGLI INVESTIMENTI IN UFFICI STABILE Nel 2010, il mercato degli investimenti in immobili ad uso terziario a Roma si è mantenuto sostanzialmente stabile, rispetto al 2009, in termini di volumi investiti. Allo stesso modo le principali caratteristiche del mercato sono state le stesse del 2009: preferenza degli investitori per gli immobili core (interamente affittati) e situati in centro storico, oppure nella zona EUR (circa il 90% degli investimenti in uffici hanno riguardato immobili situati in queste due grandi aree). Il mercato è comunque ancora debole rispetto al recente passato, seppur abbia mostrato negli ultimi mesi del 2010 alcuni segni di ripresa. Lo scorso anno sono stati infatti conclusi investimenti per un totale di circa 670 mln. Questo volume rappresenta quasi un dimezzamento del mercato rispetto al massimo registrato dal mercato nel 2007, ma anche una riduzione di circa il 10% rispetto ad anni non di picco, come ad esempio il Tuttavia, a fronte di un primo semestre con poche operazioni concluse, nel finale dell anno il mercato è stato più vivace con diverse operazioni, anche di grande taglio (superiori ai 50 mln), portate a termine. Nel secondo semestre del 2010 alcuni fondi immobiliari italiani sono tornati sul mercato (nel 2009 erano stati particolarmente poco presenti) con alcuni grandi investimenti in immobili ad uso ufficio a Roma. Il più rilevante è stato l acquisto da parte di un fondo gestito da Generali Sgr del nuovo Ministero della Salute in zona EUR per 120 mln circa. È inoltre interessante notare come questo immobile sia stato ceduto da un fondo aperto tedesco: questi operatori (insieme ad altri veicoli stranieri e alle società immobiliari quotate), che fino a qualche anno fa erano tra i più importanti investitori sul mercato romano, hanno subito pesanti conseguenze a causa della crisi finanziaria e si ritrovano oggi più frequentemente sul lato dei venditori piuttosto che su quello degli investitori. Infine, rimane elevata la porzione di investimenti effettuati da operatori non specializzati nel settore immobiliare, quali investitori privati, società riconducibili al settore pubblico e società operanti in svariati settori che acquistano direttamente la sede dei loro uffici. La forte diversificazione dal lato degli acquirenti e l alto peso che hanno gli operatori non specializzati nel settore immobiliare rende difficoltosa l analisi della tendenza dei rendimenti per gli investimenti in immobili ad uso terziario a Roma. Infatti, investitori privati o società che acquistano la propria sede hanno strategie e obiettivi differenti che li portano ad acquistare immobili a valori solitamente più elevati (quindi con rendimenti più contenuti), rispetto a quanto farebbe un investitore istituzionale quale un fondo immobiliare o un REIT. Per quanto riguarda gli investitori istituzionali, il rendimento prime è stato stabile al 6% nel secondo semestre del 2010 nelle zone centrali di Roma. Nella zona dell EUR, a riprova di un incremento dell interesse per gli immobili in questa zona soprattutto da parte dei fondi immobiliari italiani, il rendimento prime è stato in lieve contrazione (dal 7% al 6,9%). È tuttavia rilevante notare come la differenza tra i rendimenti nelle due principali zone uffici di Roma sia oggi molto più elevato rispetto a qualche anno fa: a fine 2010 la differenza era di 90 bps, mentre fino al 2007 era abitualmente inferiore ai 50 bps. Ciò non fa escludere un ulteriore riduzione dei rendimenti prime nella zona EUR.

6 6 INVESTIMENTI IN CRESCITA PER IL COMMERCIALE NEL 2010 Gli investimenti in immobili ad uso commerciale sono stati oltre 1,5 mld nel 2010, in aumento dunque rispetto l anno precedente, ma ancora ben al di sotto del livello massimo raggiunto nel periodo Questo è tuttavia un buon risultato per il settore commerciale, considerando che il mercato è caratterizzato nel suo complesso da un basso valore del volume investito. Tra i vari tipi di prodotti, i centri commerciali sono stati nel 2010, come d abitudine, quelli capaci di attrarre un più alto livello di investimento, nonostante il numero di transazioni sia stato relativamente basso. Il taglio degli investimenti in centri commerciali è stato infatti piuttosto elevato: la più grande operazione di investimento immobiliare registrata in Italia nel 2010 è stata infatti quella del centro commerciale Porta di Roma ( 440 mln) e oltre a questa sono state effettuate un operazione superiore ai 100 mln ed altre tre da 50 mln circa. Nel 2010 è stato poi particolarmente alto il livello di investimento in strutture di tipo Cash & Carry grazie ad un operazione di sale & leaseback tra Metro e un fondo immobiliare riservato ad investitori qualificati gestito da BNP Paribas REIM Sgr. In termini di distribuzione geografica, è stato particolarmente alto, rispetto al recente passato e considerando il momento negativo della congiuntura economica, il livello di investimenti in immobili commerciali nel Sud Italia nel Tre grandi centri commerciali situati a Cagliari, Palermo e Lecce sono stati infatti acquistati da operatori internazionali. Nonostante il Sud Italia presenti dei fondamentali economici nettamente peggiori del Centro e del Nord Italia, la carenza di grandi strutture commerciali ha reso appetibili questi investimenti. Notevole anche il livello di investimento nel Centro Italia, grazie soprattutto alla capacità di attrarre grandi investitori stranieri nel mercato della capitale. Porta di Roma, acquisito da un consorzio composto da Allianz e Corio, è infatti il terzo centro commerciale di grandi dimensioni a Roma che viene comprato da investitori stranieri negli ultimi cinque anni. Le altre due transazioni erano state il centro commerciale Roma Est acquisito per 400 mln circa da ING e GIC (società di investimento del governo di Singapore) e del nuovo centro commerciale Euroma2 acquistato per oltre 350 mln da un fondo tedesco gestito da DEGI. Generalmente, gli investitori stranieri hanno sempre giocato un ruolo fondamentale nel mercato degli investimenti commerciali in Italia. Mentre gli investimenti di operatori stranieri in tutto il mercato immobiliare erano, al loro massimo (tra il 2006 e il 2008), intorno al 40% di tutti gli investimenti, per gli investimenti commerciali questa cifra era vicina al 70%. Oggi che, a livello globale, sono diminuiti gli investimenti cross-border, gli investimenti degli stranieri nel mercato immobiliare italiano sono il 30% del totale, ma se si considera solo gli investimenti in immobili ad uso commerciale la quota degli investimenti stranieri sale al 45% del totale. Inoltre, è importante notare che nel 2010 gli investimenti commerciali di operatori stranieri sono cresciuti anche in valore assoluto rispetto al 2009, passando da 550 mln a quasi 700 mln. Il settore commerciale è generalmente apprezzato dagli investitori per la sua stabilità (particolarmente in un periodo di incertezze come quello attuale). Tuttavia, grazie alla ricchezza delle famiglie e al basso livello della disoccupazione rispetto a tanti paesi industrializzati, l Italia offre un ulteriore garanzia di stabilità per gli investimenti in immobili ad uso commerciale.

7 7 GLI INVESTIMENTI IN EUROPA SONO SALITI DEL 43% Nei cinque principali paesi europei (Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Spagna), il volume degli investimenti ha raggiunto i 77 mld, confermando che il 2010 è stato l anno della ripresa. Nel corso del quarto trimestre è stato registrato il 33% del totale annuale, il volume trimestrale più elevato degli ultimi tre anni. Tuttavia, rispetto al 2005, il volume degli investimenti del 2010 rimane inferiore ancora del 40%. Guardando in dettaglio ai cinque paesi, delle differenze importanti appaiono. La Germania ha distanziato gli altri quattro paesi grazie a un totale di 20 mld, in aumento del 85% rispetto al In Francia, Regno Unito e Spagna, il volume degli investimenti è cresciuto di circa il 40%, mentre l Italia è rimasta stabile. Il mercato degli investimenti ha continuato ad avere una doppia andatura. La forte competizione per acquistare le poche proprietà prime disponibili è stato il principale motore della crescita del volume degli investimenti. Inoltre, si è registrato un aumento importante delle grandi transazioni (superiori ai 100 mln), in particolare in Francia, Germania e Regno Unito. Infatti, gli investitori sono rimasti focalizzati su prodotti prime, mostrando poco interesse per quelli secondari e più rischiosi. La fiducia dei consumatori europei è aumentata durante il 2010 e ha raggiunto i livelli del 2008, riflettendo un sentimento di ottimismo. La quota sul totale degli investimenti in immobili ad uso commerciale è cresciuta significativamente negli ultimi due anni, a discapito degli uffici e della logistica. Con un totale di 26 mld investiti nel 2010 (+55% rispetto al 2009), la quota del commerciale è passata dal 32% al 34%. Infatti, un numero sempre maggiore di transazioni commerciali prime sono state registrate nel 2010, con una particolare attenzione degli investitori sui grandi centri commerciali regionali. Come per il settore degli uffici, la domanda per i prodotti commerciali è rimasta concentrate sui mercati primari, con poco interesse per quelli secondari. Pertanto, considerando l offerta limitata di questi prodotti, i volumi non sono attesi significativamente in crescita nel prossimo anno. Inoltre, in seguito alle misure fiscali di austerità adottate dai Governi in Europa, ai tassi di disoccupazione elevati e alle previsioni di crescita dell inflazione, le vendite nel settore commerciale dovrebbero diminuire nel Il differenziale tra i tassi di rendimento prime e dei titoli di stato a dieci anni è cresciuto nel terzo trimestre del 2010 fino a una media di 250 bps nei cinque paesi europei, per poi chiudere l anno a 184 bps. A livello generale, i tassi di rendimento prime hanno raggiunto il livello più basso alla fine del 2010 ed ulteriori ribassi potrebbero essere osservati nel corso del I rendimenti dei titoli di stato potrebbero infatti calare di altri 30 bps nella prima metà del 2011, ma non è tuttavia da escludere che possano tornare a crescere nella seconda metà dell anno. Nonostante le previsioni di crescita dei rendimenti dei titoli di stato, questo periodo di transizione permetterà agli investitori di valutare l impatto delle misure di austerità sulla crescita dei canoni. Il 2010 è stato l anno della svolta per il mercato degli investimenti nei principali mercati europei. Tuttavia, le previsioni economiche di crescita per 2011 stanno spingendo le società e gli investitori a restare prudenti. I mercati con una buona situazione economica continueranno ad attrarre l interesse degli investitori, anche se il sentiero per una ripresa completa rimane lungo.

8 8 KEY FIGURES

9 9 CONTATTI UFFICI IN ITALIA MILANO Corso Italia, 15/A Milano Tel: Fax: ROMA Via delle Tre Madonne, Roma Tel: Fax: RESEARCH Simone Roberti Head of Research Tel: Nicola Franceschini Analista Valentina Puleio Analista LINEE DI BUSINESS & SERVIZI Cesare Ferrero Country Manager PROPERTY DEVELOPMENT Cesare Ferrero Amministratore Delegato ADVISORY Roberto Nicosia Amministratore Delegato PROPERTY MANAGEMENT ITALY Vincenzo Noviello Amministratore Delegato INVESTMENT MANAGEMENT ITALY Michele Cibrario Amministratore Delegato Ivano Ilardo Direttore Generale CLIENT SOLUTIONS Giuseppe Rago Head of Client Solutions Foto in copertina: rendering della futura sede di Siemens a Milano

10

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano 2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano Domenico Siniscalco 2.1 Premessa L Italia è un paese di grandi risparmiatori. Comunque la si misuri in rapporto al reddito disponibile

Dettagli

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014).

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014). COMUNICATO STAMPA ADRIATIC SEA FORUM: al via oggi a Dubrovnik la seconda edizione di Adriatic Sea Forum cruise, ferry, sail & yacht, evento internazionale itinerante dedicato ai settori del turismo via

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Luglio 2014 L Osservatorio congiunturale sull industria delle costruzioni è curato dalla

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercato FX Termini Legali Svizzera: aggiornamenti - Arnaud Masset Difficoltà del Canada e bassi

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Consulenza Finanziaria Indipendente

Consulenza Finanziaria Indipendente Consulenza Finanziaria Indipendente Investire per il lungo periodo GROUP Via Traversa Pistoiese 83-59100 Prato Tel: +39 0574 613447 email: info@kcapitalgroup.com www.kcapitalgroup.com L industria del risparmio

Dettagli

IMMOBILIARE DINAMICO. Offerta al pubblico e ammissione alle negoziazioni di quote del fondo comune di investimento immobiliare chiuso

IMMOBILIARE DINAMICO. Offerta al pubblico e ammissione alle negoziazioni di quote del fondo comune di investimento immobiliare chiuso INVESTMENT MANAGEMENT Offerta al pubblico e ammissione alle negoziazioni di quote del fondo comune di investimento immobiliare chiuso IMMOBILIARE DINAMICO 2013 www.reim.bnpparibas.it BNP Paribas REIM SGR

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo.

Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo. Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo. Reiner Gfeller. Responsabile Asset Management. Allianz Suisse Immobiliare SA. La Allianz Suisse Immobiliare SA collabora dal 2011 con Livit. L azienda

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 150 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO Risultati degli esami approfonditi ai sensi del regolamento

Dettagli

4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari

4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari 4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari Marco Liera Il semestre del silenzio-assenso sul TFR (ossia la prima metà del 2007) doveva rappresentare un occasione non solo

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli