ACCESSO SCARICO-CARICO IMPIANTO SELEZIONE E RECUPERO CORIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ACCESSO SCARICO-CARICO IMPIANTO SELEZIONE E RECUPERO CORIANO"

Transcript

1 Argomento: PAG. 1 DI 13 ACCESSO SCARICO-CARICO IMPIANTO SELEZIONE E RECUPERO CORIANO Impianto Coriano (3) Accettazione Rifiuti (2) CAMPO DI APPLICAZIONE Rev. Sintetico modifiche 0 Approvazione Stato Funzione Firma Creato Redatto Verifica 1 Approvato Sicurezza Qualità Sicurezza e Ambiente Impianto Coriano Selezione e Recupero Enrico Cangiotti Nicoletta Lorenzi Saro Veneziano Federica Ravaioli Il Sistema QSA prevede la gestione di firma elettronica tramite password per il rilascio dei documenti attraverso Sistema Informatico.

2 PAG. 2 DI 13 INDICE 1 GENERALITÀ SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE DOCUMENTI DI RIFERIMENTO RESPONSABILITÀ E ATTRIBUZIONI ORARI E TIPOLOGIE DI CONFERIMENTO E CARICAMENTO ACCESSO AUTOMEZZI IN IMPIANTO E PRATICHE ACCETTAZIONE MODALITÀ OPERATIVE CONFERIMENTO RIFIUTI PROCEDURA DI SCARICO DEL RIFIUTO (ECCETTO BILICI CON VASCA) PROCEDURA DI SCARICO DEL RIFIUTO BILICI CON VASCA MODALITÀ DI CONTROLLO PROCESSO DI SCARICO CONTROLLI SUL CONFERIMENTO MODALITÀ OPERATIVE CARICO RIFIUTI E PRODOTTI CARICO LEGNO CARICO BALLE E VETRO ANOMALIE/MALFUNZIONAMENTI PLANIMETRIA AREE DI CARICO PLANIMETRIA AREE DI SCARICO... 13

3 PAG. 3 DI 13 1 GENERALITÀ 1.1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo del presente documento è descrivere le modalità operative e le responsabilità per la gestione degli accessi per le operazioni di scarico e carico presso l impianto di Selezione e Recupero gestito da HERAmbiente e sito in via Raibano, Coriano (RN). 1.2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Autorizzazione Integrata Ambientale rilasciata dagli Enti Competenti; Piano emergenza interno; Procedura gestione emergenze; P.0065 Modalità di accesso e comportamento presso gli impianti di Herambiente; IO.0007 Controlli amministrativi in fase di accettazione rifiuti; M.0465 Check List di Controllo Conferitori; P.0056 Regolamento per il conferimento rifiuti in orario extralavorativo. 1.3 RESPONSABILITÀ E ATTRIBUZIONI Sono responsabili dell'applicazione del presente documento: Responsabile Unità operativa/capo Impianto per: verifica il rispetto dell applicazione della presente istruzione operativa; decisione delle azioni da intraprendere in caso di anomalia. Gruista/palista/mulettista per: operazioni di movimentazione materiale; controllo e supervisione sulle attività di carico e scarico. Addetto Accettazione Rifiuti per: effettuazione dei controlli amministrativi in ingresso/uscita. Tecnico gestionale impianto/capo Turno per: controllo delle modalità di comportamento durante il carico e lo scarico; gestione delle anomalie e registrazione. Coordinatore scarichi per: Coordinare i flussi dei mezzi in ingresso e comunicare al gruista/palista/mulettista l arrivo di un mezzo nell area di scarico dedicata. 1.4 ORARI E TIPOLOGIE DI CONFERIMENTO E CARICAMENTO Gli orari in cui è possibile conferire rifiuti speciali sono: Da lunedì a Sabato, ; Domenica e festivi infrasettimanali: chiuso Gli orari in cui è possibile conferire rifiuti urbani sono: Da lunedì al Venerdì, ; Il Sabato, ; Domenica e festivi infrasettimanali: chiuso I conferimenti in orario extra-lavorativo devono essere preventivamente concordati ed eseguiti secondo quanto previsto nella P.0056 Regolamento per il conferimento rifiuti in orario extralavorativo

4 Si possono avere le seguenti tipologie di conferimento: Conferimento Vetro; Conferimento Plastica; Conferimento Carta; Conferimento Cartone; Conferimento Multimateriale; Conferimento Ingombranti/altri rifiuti; Conferimento Legno. PAG. 4 DI 13 Prima di effettuare il conferimento occorre espletare i controlli amministrativi di ammissibilità in Ufficio Accettazione. Per quanto riguarda invece i carichi, questi avvengono secondo la seguente tabella (vedi planimetria al paragrafo 6): Prodotto Legno Carta/Cartone Plastica/barattolame/lattine Altre tipologie di plastiche (ad es. film in PE) Pneumatici Sovvallo da smaltire Materiali ferrosi Rifiuti speciali prodotti dall impianto/mtz Vetro

5 2 ACCESSO AUTOMEZZI IN IMPIANTO E PRATICHE ACCETTAZIONE RISCHI DA CONSIDERARE PAG. 5 DI 13 SCIVOLAMENTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI INVESTIMENTO CALZATURE DI SICUREZZA ELMETTO DI PROTEZIONE INDUMENTI AD ALTA VISIBILITÀ MISURE DI TUTELA COLLETTIVE PROTEZIONE VIE RESPIRATORIE SEGNALETICA DI SICUREZZA E EMERGENZA RICETRASMITTENTE ATTIVITÀ SEGNALETICA DI DIVIETO 1. Accedere all impianto a passo d uomo 2. Verificare che sussistano le condizioni per la sosta in pesa 3. Raggiungere la pesa, spegnere il mezzo e posizionarlo in sosta mettendolo in sicurezza secondo quanto indicato dal manuale di uso e manutenzione 4. Indossati i DPI suindicati, presentarsi in accettazione pesa per le pratiche amministrative di accettazione e le verifiche preliminari 5. Verificare il peso del mezzo 6. Effettuare le verifiche previste dalla IO.0007 Controlli amministrativi in fase di Accettazione Rifiuti. In caso venissero riscontrati problemi durante i controlli in Accettazione, procedere secondo quanto stabilito nella IO.0007 al relativo paragrafo. 7. Se è già presente un altro mezzo che sta scaricando la stessa tipologia di materiale attendere il termine dello scarico prima di accettare un secondo mezzo. 8. Consegnare al conducente la scheda controllo e valutazione rifiuti in entrata (Scheda controllo e valutazione rifiuti in entrata speciali o scheda controllo e valutazione rifiuti in entrata urbani) 9. Comunica al coordinatore scarichi la presenza di mezzi in attesa di scarico 10. Si interfaccia tramite radio con gli addetti allo scarico, e indirizza il conducente nell area di scarico prestabilità. 11. Seguire il percorso (secondo quanto definito nelle planimetrie allegate) che dalla pesa porta alle zone di scarico procedendo a passo d uomo NOTE: VIETATO FUMARE PREPOSTI CONDUCENTE ADDETTO ACCETTAZIONE RIFIUTI COORDINATORE SCARICHI CONDUCENTE - È vietato l ingresso all impianto ai mezzi in caso di sovraccarico. Qualora gli autisti rilevino il peso del mezzo in sovraccarico direttamente in Accettazione, dovranno fermare il mezzo e avvertire il proprio Responsabile che, in accordo con il Capo Impianto, stabilirà le modalità di scarico. In attesa di ricevere istruzioni dal proprio responsabile, è stata predisposta un area di sosta.

6 PAG. 6 DI 13 3 MODALITÀ OPERATIVE CONFERIMENTO RIFIUTI 3.1 PROCEDURA DI SCARICO DEL RIFIUTO (ECCETTO BILICI CON VASCA) In fase di scarico è responsabilità del conducente assicurare la stabilità del mezzo secondo quanto previsto dal manuale d uso del mezzo e dalle proprie procedure aziendali. In particolare, per i mezzi con sistema di scarico per ribaltamento, durante lo scarico il conducente dovrà avere cura di utilizzare i piedini (o rullo) stabilizzatori posteriori. Il conferitore, constatato e preso conoscenza della metodologia di scarico del rifiuto, è responsabile della congruità dei propri automezzi alle zone di scarico. RISCHI DA CONSIDERARE SCIVOLAMENTO INVESTIMENTO CADUTA DALL ALTO INCENDIO CHIMICO BIOLOGICO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI CALZATURE DI SICUREZZA ELMETTO DI PROTEZIONE INDUMENTI AD ALTA VISIBILITÀ PROTEZIONE VIE RESPIRATORIE MISURE DI TUTELA COLLETTIVE SEGNALETICA DI SICUREZZA E EMERGENZA SEGNALETICA DI DIVIETO VIETATO FUMARE ATTIVITÀ PREPOSTI 1. Eseguite le attività del paragrafo 2 recarsi nella zona di scarico prevista per la tipologia di materiale (si veda planimetria paragrafo 7) 2. Può accedere alla zona di scarico solo un automezzo per volta. In caso di più automezzi, questi non saranno accettati e rimarranno in attesa nel piazzale antistante la pesa mantenendo il motore spento. CONDUCENTE 3. Posizionare l automezzo in prossimità dell area di scarico solo dopo aver avuto il consenso dall operatore addetto allo scarico. 4. Durante lo scarico, controllare sempre che le condizioni di sicurezza permangano e, se cosi non fosse, interrompere immediatamente le operazioni contattando il personale di conduzione. 5. Consegnare al personale presente allo scarico la scheda controllo e valutazione rifiuti in entrata 6. Sospendere le operazioni di movimentazione materiale, se interferenti con l area di scarico, e riprendere solamente DOPO che il conferente si è allontanato 7. Assicurarsi che gli altri mezzi di conduzione non stiano operando vicino alla zona individuata per lo scarico OPERATORE MEZZI DITTA 8. Assicurarsi che lo scarico avvenga al massimo con un automezzo per volta per area di TERZA / conferimento ADDETTO 9. Per i rifiuti in entrata urbani l operatore mezzi ditta terza controlla il rifiuto, compila la scheda HERAMBIENTE controllo e valutazione rifiuti in entrata e la riconsegna al conducente. 10. Per i rifiuti in entrata speciali l addetto HERAmbiente effettua il controllo il rifiuto, compila la scheda controllo e valutazione rifiuti in entrata speciali e la riconsegna al conducente. 11. Terminato il conferimento recarsi a passo d uomo presso la pesa e in Ufficio Accettazione per effettuare la chiusura delle pratiche amministrative. In caso la pesa sia occupata, attendere il CONDUCENTE proprio turno nelle zone di fermata automezzo (si veda planimetria) OBBLIGHI - avvicinarsi alla zona lentamente e rimanere sul mezzo durante lo scarico con la cintura di sicurezza. Nel caso in cui i comandi siano esterni, è possibile scendere accertandosi che non ci siano mezzi in transito nelle vicinanze - in caso di ribaltabile, servirsi del rullo stabilizzatore o dei piedini - è responsabilità del conferitore posizionare in fase di scarico il mezzo in sicurezza adottando tutte le precauzioni previste dal manuale d uso e/o dalle proprie procedure aziendali, al fine di assicurare che sia perfettamente fermo e stabile - durante le operazioni di preparazione e scarico, gli autisti dei mezzi sono tenuti a interrompere qualsiasi manovra in caso di vicinanza di persone a piedi o in caso non siano assicurate le condizioni di sicurezza DIVIETI - fare manovre violente (ripartenze/arresti), con lo scopo di favorire lo scivolamento del carico

7 PAG. 7 DI 13 - vietato scendere dal proprio mezzo per attività non strettamente legate alle operazioni di conferimento - a scarico avvenuto, è vietata la pulizia della parte posteriore del mezzo rimanendo sotto la cuffia/portello aperto - compiere attività di manutenzione, rifornimento, ripristini sul proprio mezzo o altre attività non strettamente connesse all attività di scarico del mezzo, se non preventivamente autorizzati dal responsabile impianto 3.2 PROCEDURA DI SCARICO DEL RIFIUTO BILICI CON VASCA In fase di scarico è responsabilità del conducente assicurare la stabilità del mezzo secondo quanto previsto dal manuale d uso del mezzo e dalle proprie procedure aziendali. In particolare, per i mezzi con sistema di scarico per ribaltamento, durante lo scarico il conducente dovrà avere cura di utilizzare i piedini (o rullo) stabilizzatori posteriori. Il conferitore, constatato e preso conoscenza della metodologia di scarico del rifiuto, è responsabile della congruità dei propri automezzi alle zone di scarico. RISCHI DA CONSIDERARE SCIVOLAMENTO INVESTIMENTO CADUTA DALL ALTO INCENDIO CHIMICO BIOLOGICO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI CALZATURE DI SICUREZZA ELMETTO DI PROTEZIONE INDUMENTI AD ALTA VISIBILITÀ PROTEZIONE VIE RESPIRATORIE MISURE DI TUTELA COLLETTIVE SEGNALETICA DI SICUREZZA E EMERGENZA SEGNALETICA DI DIVIETO VIETATO FUMARE ATTIVITÀ PREPOSTI 1. Eseguite le attività del paragrafo 2 recarsi nella zona di scarico prevista per la tipologia di materiale (si veda planimetria paragrafo 7) 2. Attendere che tutti i mezzi coinvolti nella fase di scarico, abbiano terminato il conferimento e terminato le pratiche di chiusura. 3. Verificare che non siano presenti mezzi atti al carico delle balle. 4. Quando l area è sgombra, può accedere alla zona di scarico. Durante l attesa rimanere nel CONDUCENTE piazzale antistante la pesa mantenendo il motore spento. 5. Posizionare l automezzo in prossimità dell area di scarico solo dopo aver avuto il consenso dall operatore addetto allo scarico. 6. Durante lo scarico, controllare sempre che le condizioni di sicurezza permangano e, se cosi non fosse, interrompere immediatamente le operazioni contattando il personale di conduzione. 7. Consegnare al personale presente allo scarico la scheda controllo e valutazione rifiuti in entrata 8. Verificare l assenza di mezzi conferitori nelle aree limitrofe. 9. Verificare l assenza di mezzi adibiti al carico delle balle. 10. Sospendere le operazioni di movimentazione materiale, se interferenti con l area di scarico, e riprendere solamente DOPO che il conferente si è allontanato. OPERATORE 11. Assicurarsi che gli altri mezzi di conduzione non stiano operando vicino alla zona individuata MEZZI DITTA per lo scarico. TERZA / 12. Delimitare l area di scarico ed evitare che vi sia personale a terra durante le fasi di scarico. ADDETTO 13. Per i rifiuti in entrata urbani l operatore mezzi ditta terza controlla il rifiuto, compila la scheda HERAMBIENTE controllo e valutazione rifiuti in entrata e la riconsegna al conducente. 14. Per i rifiuti in entrata speciali l addetto HERAmbiente effettua il controllo il rifiuto, compila la scheda controllo e valutazione rifiuti in entrata speciali e la riconsegna al conducente. 15. Terminato il conferimento recarsi a passo d uomo presso la pesa e in Ufficio Accettazione per effettuare la chiusura delle pratiche amministrative. In caso la pesa sia occupata, attendere il CONDUCENTE proprio turno nelle zone di fermata automezzo (si veda planimetria) OBBLIGHI - avvicinarsi alla zona lentamente e rimanere sul mezzo durante lo scarico con la cintura di sicurezza. Nel caso in cui i comandi siano esterni, è possibile scendere accertandosi che non ci siano mezzi in transito nelle vicinanze - in caso di ribaltabile, servirsi del rullo stabilizzatore o dei piedini

8 PAG. 8 DI 13 - è responsabilità del conferitore posizionare in fase di scarico il mezzo in sicurezza adottando tutte le precauzioni previste dal manuale d uso e/o dalle proprie procedure aziendali, al fine di assicurare che sia perfettamente fermo e stabile - durante le operazioni di preparazione e scarico, gli autisti dei mezzi sono tenuti a interrompere qualsiasi manovra in caso di vicinanza di persone a piedi o in caso non siano assicurate le condizioni di sicurezza DIVIETI - fare manovre violente (ripartenze/arresti), con lo scopo di favorire lo scivolamento del carico - vietato scendere dal proprio mezzo per attività non strettamente legate alle operazioni di conferimento - a scarico avvenuto, è vietata la pulizia della parte posteriore del mezzo rimanendo sotto la cuffia/portello aperto - compiere attività di manutenzione, rifornimento, ripristini sul proprio mezzo o altre attività non strettamente connesse all attività di scarico del mezzo, se non preventivamente autorizzati dal responsabile impianto 3.3 MODALITÀ DI CONTROLLO PROCESSO DI SCARICO CONTROLLI SUL CONFERIMENTO L operatore presente in fase di scarico deve verificare, ad ogni scarico, le modalità di scarico e la tipologia del materiale conferito, almeno 2 volte al turno. Le verifiche eseguite sono descritte nel modulo M.0465 Check List di Controllo Conferitori, che funge anche da modulo di registrazione.

9 PAG. 9 DI 13 4 MODALITÀ OPERATIVE CARICO RIFIUTI E PRODOTTI 4.1 CARICO LEGNO In fase di carico è responsabilità del conducente assicurare la stabilità del mezzo secondo quanto previsto dal manuale d uso del mezzo e dalle proprie procedure aziendali. Per il carico del legno il mezzo deve posizionarsi nella zona adiacente allo stoccaggio. Il conducente, constatato e preso conoscenza della metodologia di carico, è responsabile della congruità dei propri automezzi allo svolgimento dell attività. RISCHI DA CONSIDERARE SCIVOLAMENTO INVESTIMENTO CHIMICO PERICOLO MEZZI IN MOVIMENTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI INCENDIO BIOLOGICO CALZATURE DI SICUREZZA ELMETTO DI PROTEZIONE INDUMENTI AD ALTA VISIBILITÀ MISURE DI TUTELA COLLETTIVE PROTEZIONE VIE RESPIRATORIE SEGNALETICA DI SICUREZZA E EMERGENZA SEGNALETICA DI DIVIETO VIETATO FUMARE ATTIVITÀ PREPOSTI 1. Eseguite le attività di accettazione del paragrafo 2 attendere l indicazione del Tecnico Gestionale Impianto/Capo Turno per recarsi nella zona di carico a passo d uomo 2. Disporsi in prossimità dello stoccaggio in corrispondenza della zona indicata dal gruista e spegnere il motore. 3. Indossati i DPI, scendere dal mezzo e predisporlo al carico secondo quanto previsto dalle procedure aziendali e dal libretto di uso dell automezzo. Alla discesa dal mezzo sincerarsi che CONDUCENTE nell area non vi siano macchine operatrici in movimento e comunicarlo precedentemente al gruista. 4. Durante il carico, rimanere all interno della cabina di guida e controllare sempre che le condizioni di sicurezza permangano e, se cosi non fosse, comunicare la situazione anomala al palista. 5. Non movimentare la macchina operatrice fino a quando il mezzo da caricare è in movimento e non sono state terminate le operazioni di predisposizione del mezzo al caricamento. GRUISTA 6. Inizio delle operazioni di caricamento. 7. Terminato il caricamento recarsi verso la pesa per la pesata di uscita. 8. Recarsi in Ufficio Accettazione per effettuare la chiusura delle pratiche amministrative. In caso CONDUCENTE la pesa sia occupata, attendere il proprio turno nelle zone di fermata automezzo. OBBLIGHI - avvicinarsi alla zona lentamente - durante le operazioni di preparazione e carico gli autisti dei mezzi sono tenuti a interrompere qualsiasi manovra in caso di vicinanza di persone a piedi o in caso non siano assicurate le condizioni di sicurezza - in caso di discesa dal mezzo indossare i DPI previsti e accertarsi che non ci siano mezzi in transito nelle vicinanze; - Rimanere dentro la propria cabina di guida con la cintura di sicurezza durante le operazioni di carico; - sono consentite a terra esclusivamente le operazioni strettamente necessarie al carico stesso. DIVIETI - compiere attività di manutenzione, rifornimento, ripristini sul proprio mezzo o altre attività non strettamente connesse all attività di scarico del mezzo, se non preventivamente autorizzati dal responsabile impianto - fumare, mangiare; - allontanarsi a piedi dal proprio mezzo; - eseguire attività in quota senza l utilizzo di idonei dispositivi anticaduta.

10 4.2 CARICO BALLE E VETRO SISTEMA GESTIONE PAG. 10 DI 13 In fase di carico è responsabilità del conducente assicurare la stabilità del mezzo secondo quanto previsto dal manuale d uso del mezzo e dalle proprie procedure aziendali. Per il carico delle balle il mezzo deve disporsi nelle zone indicate in planimetria al paragrafo 6. Il conducente, constatato e preso conoscenza della metodologia di carico, è responsabile della congruità dei propri automezzi allo svolgimento dell attività. RISCHI DA CONSIDERARE SCIVOLAMENTO INVESTIMENTO PERICOLO MEZZI IN MOVIMENTO INCENDIO CHIMICO BIOLOGICO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI CALZATURE DI SICUREZZA ELMETTO DI PROTEZIONE INDUMENTI AD ALTA VISIBILITÀ PROTEZIONE VIE RESPIRATORIE MISURE DI TUTELA COLLETTIVE SEGNALETICA DI SICUREZZA E EMERGENZA SEGNALETICA DI DIVIETO VIETATO FUMARE ATTIVITÀ PREPOSTI 1. Eseguite le attività di accettazione del paragrafo 2 attendere l indicazione del Tecnico Gestionale Impianto/Capo Turno per recarsi nella zona di carico a passo d uomo 2. Disporsi in prossimità della zona di carico manovrando il mezzo in modo da caricare agevolmente il mezzo senza bloccare la viabilità dell impianto. CONDUCENTE 3. Predisporre il proprio mezzo al carico del prodotto secondo quanto previsto dalle procedure aziendali e dal libretto di uso dell automezzo. In caso di discesa da mezzo sincerarsi che nell area non vi siano macchine operatrici in movimento 4. Non movimentare la macchina operatrice fino a quando il mezzo da caricare è in movimento e non sono state terminate le operazioni di predisposizione del mezzo al caricamento. MULETTISTA 5. Inizio delle operazioni di caricamento 6. Terminato il caricamento recarsi verso la pesa per la pesata di uscita. 7. Recarsi in Ufficio Accettazione per effettuare la chiusura delle pratiche amministrative. In caso la CONDUCENTE pesa sia occupata, attendere il proprio turno nelle zone di fermata automezzo. OBBLIGHI - avvicinarsi alla zona lentamente - durante le operazioni di preparazione e carico gli autisti dei mezzi sono tenuti a interrompere qualsiasi manovra in caso di vicinanza di persone a piedi o in caso non siano assicurate le condizioni di sicurezza - in caso di discesa dal mezzo indossare i DPI previsti e accertarsi che non ci siano mezzi in transito nelle vicinanze; - Rimanere dentro la propria cabina di guida con la cintura di sicurezza durante le operazioni di carico; - sono consentite a terra esclusivamente le operazioni strettamente necessarie al carico stesso. - Nel caso in cui si verifichino delle anomalie segnalare come da 5. DIVIETI - compiere attività di manutenzione, rifornimento, ripristini sul proprio mezzo o altre attività non strettamente connesse all attività di scarico del mezzo, se non preventivamente autorizzati dal responsabile impianto - fumare, mangiare; - allontanarsi a piedi dal proprio mezzo; - eseguire attività in quota senza l utilizzo di idonei dispositivi anticaduta.

11 PAG. 11 DI 13 5 ANOMALIE/MALFUNZIONAMENTI Si riportano di seguito i comportamenti da tenere in caso di anomalie/ malfunzionamenti Descrizione Anomalie nello scarico del rifiuto (es mancato o incompleto scivolamento del rifiuto, ecc ) Imbrattamento del suolo Emergenze nelle vicinanze dell automezzo Avaria del mezzo Sversamento liquidi inquinanti da automezzi Modalità intervento Il conducente deve avvisare immediatamente il proprio responsabile e il personale di conduzione e attenersi alle disposizioni da questi impartite In caso di sversamenti, il conducente avvisa immediatamente il personale di conduzione e si attiene alle disposizioni da questo impartite. Il conducente, prima del carico e dello scarico, è tenuto a comunicare al personale di conduzione eventuali condizioni anomale rilevate all arrivo (es. sversamenti causati dal precedente carico/scarico). In difetto di tale segnalazione, sarà ritenuto egli stesso responsabile di tale anomalia. Nel caso si verifichi un emergenza nei pressi dell automezzo o in un altra area dello stabilimento, seguire quanto previsto nel piano di emergenza e dalle istruzioni impartite dal personale addetto all emergenza. In caso di avaria, attuare tutte le attività previste dal codice della strada per evitare incidenti (triangolo, lampeggiatori, ecc ), dopodiché contattare immediatamente il personale di conduzione. In caso di sversamento, anche di piccole quantità, di liquidi inquinanti da automezzi (carburante, olio motore e/o idraulico, ecc.), è fatto obbligo di dare comunicazione al personale di impianto che si adopererà come da procedura per affrontare l emergenza Il mancato rispetto di una o più delle disposizioni riportate nella presente istruzione da parte del trasportatore comporta i seguenti provvedimenti che saranno adottati dai gestori impianto Herambiente, in funzione della gravità delle mancanze riscontrate: segnalazione di anomalia che non pregiudica l ammissione del mezzo all area di carico ma che comporta comunque una comunicazione specifica al servizio commerciale di Herambiente S.p.A al fine di una successiva notifica al produttore e/o alla ditta di trasporto; allontanamento del mezzo senza che sia effettuato il carico del rifiuto con comunicazione al servizio commerciale di Herambiente S.p.A. al fine di una successiva notifica al produttore e/o alla ditta di trasporto; interdizione permanente al carico per il singolo mezzo e/o trasportatore per gravissime inadempienze tecniche e/o comportamentali.

12 6 PLANIMETRIA AREE DI CARICO SISTEMA GESTIONE PAG. 12 DI 13

13 7 PLANIMETRIA AREE DI SCARICO SISTEMA GESTIONE PAG. 13 DI 13

ACCESSO, SCARICO, CARICO E ALLONTANAMENTO RIFIUTI E MATERALI COMPOSTAGGIO OZZANO

ACCESSO, SCARICO, CARICO E ALLONTANAMENTO RIFIUTI E MATERALI COMPOSTAGGIO OZZANO Argomento: PAG. 1 DI 17 ACCESSO, SCARICO, CARICO E ALLONTANAMENTO RIFIUTI E MATERALI COMPOSTAGGIO OZZANO CAMPO DI APPLICAZIONE Impianto di Ozzano dell Emilia (4) Accettazione Rifiuti (2) Rev. Sintetico

Dettagli

ACCESSO, SCARICO E MOVIMENTAZIONE RIFIUTI DISCARICA DI ZOCCA

ACCESSO, SCARICO E MOVIMENTAZIONE RIFIUTI DISCARICA DI ZOCCA Argomento: PAG. 1 DI 8 ACCESSO, SCARICO E MOVIMENTAZIONE RIFIUTI DISCARICA DI ZOCCA Discarica Non Pericolosi Zocca (4) CAMPO DI APPLICAZIONE Rev. Sintetico modifiche 0 Approvazione Stato Funzione Firma

Dettagli

ACCESSO, CARICO, SCARICO E MOVIMENTAZIONE RIFIUTI DISCARICA TRE MONTI IMOLA

ACCESSO, CARICO, SCARICO E MOVIMENTAZIONE RIFIUTI DISCARICA TRE MONTI IMOLA Argomento: PAG. 1 DI 22 ACCESSO, CARICO, SCARICO E MOVIMENTAZIONE RIFIUTI DISCARICA TRE MONTI IMOLA CAMPO DI APPLICAZIONE Rev. Sintetico modifiche 1 aggiornamento della procedura con inserimento del carico

Dettagli

Regolamento di accesso. Fisicompost S.r.l. Via Vialba 78 - Novate Milanese (Mi)

Regolamento di accesso. Fisicompost S.r.l. Via Vialba 78 - Novate Milanese (Mi) Regolamento di accesso Fisicompost S.r.l. Via Vialba 78 - Novate Milanese (Mi) 1 di 7 Responsabilità E responsabilità della funzione di Accettazione documenti e di Accettazione materiali / rifiuti, applicare

Dettagli

ACCESSO, SCARICO E MOVIMENTAZIONE RIFIUTI IN DISCARICA PRESSO IL COMPARTO DI RAVENNA

ACCESSO, SCARICO E MOVIMENTAZIONE RIFIUTI IN DISCARICA PRESSO IL COMPARTO DI RAVENNA Argomento: PAG. 1 DI 13 ACCESSO, SCARICO E MOVIMENTAZIONE RIFIUTI IN DISCARICA PRESSO IL COMPARTO DI RAVENNA Discarica Non Pericolosi Ravenna (4) CAMPO DI APPLICAZIONE Rev. Sintetico modifiche 0 Approvazione

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO DEPURATORE DI BASSANO DEL GRAPPA

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO DEPURATORE DI BASSANO DEL GRAPPA Reg. n. 05 REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO DEPURATORE DI BASSANO DEL GRAPPA (Art. 26 D.Lgs. 81/08) In relazione alle disposizioni previste dall art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 comma 1, il quale prevede

Dettagli

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE IO_11_Regole comportamentali per Fornitori Gentile Fornitore, Eco-recuperi srl ha stabilito una propria politica per la Qualità, la Sicurezza e l Ambiente (disponibile sul sito http://www.ecorecuperi.it/it/918-qualita.htm

Dettagli

DISPOSIZIONI SPECIFICHE DA OSSERVARE PER LO SCARICO/CARICO NELL AREA DEGLI STABILIMENTI SEV SRL

DISPOSIZIONI SPECIFICHE DA OSSERVARE PER LO SCARICO/CARICO NELL AREA DEGLI STABILIMENTI SEV SRL File IO-13M-03.doc Pag 1 di 8 DISPOSIZIONI SPECIFICHE DA OSSERVARE PER LO SCARICO/CARICO NELL AREA DEGLI STABILIMENTI SEV SRL SOMMARIO 1 0.1 Generalità 1 1.1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 1 1.2 D.P.I OBBLIGATORI

Dettagli

DOCUMENTO UNICO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI. FORNITURA REAGENTI CHIMICI DI PROCESSO. Premessa... 2. Dati del Committente...

DOCUMENTO UNICO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI. FORNITURA REAGENTI CHIMICI DI PROCESSO. Premessa... 2. Dati del Committente... DOCUMENTO UNICO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI. FORNITURA REAGENTI CHIMICI DI PROCESSO Indice Premessa... 2 Dati del Committente... 3 Dati dell Appaltatore... 4 Rischi specifici e norme generali

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO POLO RIFIUTI BASSANO DEL GRAPPA

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO POLO RIFIUTI BASSANO DEL GRAPPA Reg. n. 6 REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO POLO RIFIUTI BASSANO DEL GRAPPA Art. 26 D.Lgs. 81/08 In relazione alle disposizioni previste dall art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 comma 1, il quale prevede che

Dettagli

GESTIONE ACCESSO RIFIUTI COMPARTO VOLTANA

GESTIONE ACCESSO RIFIUTI COMPARTO VOLTANA Argomento: PAG. 1 DI 5 GESTIONE ACCESSO RIFIUTI COMPARTO VOLTANA Impianto Voltana (4) Discarica Non Pericolosi Voltana (4) Accettazione Rifiuti (3) Stazione di Trasferimento Voltana (4) CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A.

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti in Applicazione a quanto previsto dall Art.28 del D.Lgs. 81/08 tra ATAF S.p.A e Azienda Affidataria per il servizio

Dettagli

7IS14-G ACCESSO AI SITI DI SIENAMBIENTE FORNITORI

7IS14-G ACCESSO AI SITI DI SIENAMBIENTE FORNITORI 7IS14-G ACCESSO AI SITI DI SIENAMBIENTE FORNITORI Rev Data Motivo della revisione A 20/02/2004 Emissione G 15/6/2015 Esplicitazione comportamenti idonei par.3.3 Preparato da SPP - Approvato da SM Distribuzione

Dettagli

Mezzo utilizzato: autogrù

Mezzo utilizzato: autogrù Procedure per la movimentazione delle billette nelle fasi di scarico dai mezzi di trasporto e per l alimentazione delle linee di forgiatura/stampaggio. La lavorazione riferita alla movimentazione dei fasci

Dettagli

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI Allegato A CRITERI DI ACCETTAZIONE E CONTROLLO DEI RIFIUTI IN INGRESSO pag.1/9 1. Premessa La presente procedura descrive le modalità

Dettagli

NORME COMPORMENTALI IN AREA TECNOPARCO VALBASENTO PER AUTISTI CHE TRASPORTANO ACQUA DEMINERALIZZATA O FANGHI BIOLOGICI

NORME COMPORMENTALI IN AREA TECNOPARCO VALBASENTO PER AUTISTI CHE TRASPORTANO ACQUA DEMINERALIZZATA O FANGHI BIOLOGICI NORME COMPORMENTALI IN AREA TECNOPARCO VALBASENTO PER AUTISTI CHE TRASPORTANO ACQUA DEMINERALIZZATA O FANGHI BIOLOGICI Pag. 1 di 13 1.0 PREMESSA INDICE 2.0 NORME COMPORTAMENTALI GENERALI 3.0 PITTOGRAMMI

Dettagli

GESTIONE PIATTAFORMA ECOLOGICA

GESTIONE PIATTAFORMA ECOLOGICA Argomento: PAG. 1 DI 12 GESTIONE PIATTAFORMA ECOLOGICA Piattaforma Ecologica Forli' (4) CAMPO DI APPLICAZIONE Documenti di riferimento: M.295 Carico Rifiuti in Uscita Rev. Sintetico modifiche 2 Revisione

Dettagli

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL Terminal Crociere - Piazzale dei Marmi 57123 Livorno (LI) Italia Tel. (+39) 0586 20.29.01 Fax (+39) 0586 89.22.09 info@portolivorno2000.it Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società

Dettagli

DUVRI. Per ciascun lotto, i costi della sicurezza, non soggetti a ribasso sono quantificati in 35,00

DUVRI. Per ciascun lotto, i costi della sicurezza, non soggetti a ribasso sono quantificati in 35,00 PROCEDURA, IN ECONOMIA, PER LA SOTTOSCRIZIONE DI ACCORDI QUADRO PER L ACQUISIZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA ALLE ATTIVITÁ DI VIGILANZA DELL UFFICIO METROLOGIA LEGALE DELLA CCIAA DI VERONA Lotto 1: CIG

Dettagli

Gestione Centri di Raccolta Comunali in gestione a GEA SpA Protocollo operativo

Gestione Centri di Raccolta Comunali in gestione a GEA SpA Protocollo operativo Pagina 1 di 9 Gestione Centri di Raccolta Comunali in gestione a GEA SpA Protocollo operativo REVISIONI N Data Modifiche rispetto alla precedente revisione 00 30/09/2011 Prima edizione. 01 26/05/2014 Integrazione

Dettagli

SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE RSK002 Rev. 4 FOGLIO 2 di 11 PREMESSA La presente RSK 002 viene fornita al Conferitore all atto della stipula del contratto ed è suo onere trasferire le informazioni ivi contenute ai trasportatori da lui

Dettagli

GESTIONE PIATTAFORMA ECOLOGICA

GESTIONE PIATTAFORMA ECOLOGICA Argomento: PAG. 1 DI 13 GESTIONE PIATTAFORMA ECOLOGICA Piattaforma Ecologica Forli' (4) CAMPO DI APPLICAZIONE Documenti di riferimento: M.295 Carico Rifiuti in Uscita Rev. Sintetico modifiche 3 Revisione

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Servizio di Prevenzione e Protezione Via Celso Ulpiani (ex palazzo CEDAM) 70125 BARI (Italia) Tel. +39.080.5712425-6 Fax +39.080.5712427 Università degli Studi di Bari Aldo MORO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE

Dettagli

Ingresso, scarico ed uscita conferitori rifiuti

Ingresso, scarico ed uscita conferitori rifiuti 1. Scopo Scopo della procedura è di stabilire delle linee guida per una corretta gestione degli automezzi conferenti rifiuti in ingresso al sito. 2. Campo di applicazione La presente procedura è rivolta

Dettagli

ACCESSO A CdR E STE GESTITI DA SEI TOSCANA

ACCESSO A CdR E STE GESTITI DA SEI TOSCANA ACCESSO A CdR E STE GESTITI DA SEI TOSCANA INDICE 1 CENTRI DI RACCOLTA... 2 1.1 MODALITÀ PER L ACCESSO E IL CONFERIMENTO DI RIFIUTI AI CDR... 2 1.1.1 Utenze non domestiche... 2 1.1.2 Distributori/installatori/centri

Dettagli

ACCESSO in IN SICUREZZA AI CANTIERI SITUAZIONI di IN SICUREZZA NEI CANTIERI ACCESSO in IN SICUREZZA AI CANTIERI

ACCESSO in IN SICUREZZA AI CANTIERI SITUAZIONI di IN SICUREZZA NEI CANTIERI ACCESSO in IN SICUREZZA AI CANTIERI ACCESSO in SICUREZZA AI CANTIERI ACCESSO in IN SICUREZZA AI CANTIERI ACCESSO in IN SICUREZZA AI CANTIERI SITUAZIONI di IN SICUREZZA NEI CANTIERI ACCESSO in IN SICUREZZA AI CANTIERI SITUAZIONI di IN SICUREZZA

Dettagli

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA DATA 16/10/20006 1 / 7 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE 1.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al. (art. 26 comma 3 D.Lgs. 8/8) di 5 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 8/8 Allegato al contratto di appalto relativo al Servizio di accompagnamento su scuolabus

Dettagli

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO 1 di 5 DATA.. Referente di Commessa RdC Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione RSPP Direttore Lavori DL Direttore Operativo DO Ispettore di Cantiere IC Assistente lavori AL Collaudatore

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. (art. 26 comma 3 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. (art. 26 comma 3 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) SERVIZIO DI MANUTENZIONE HARDWARE E SOFTWARE DEL SISTEMA INFORMATIVO DELL ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I.

Dettagli

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI)

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) Ente committente: La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI Art. 26 D.Lgs. 81/2008 Fornitura di generi alimentari per

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER RIDURRE LE INTERFERENZE ART. 26 D.LGS. 81/2008 (CONTRATTO DI APPALTO O CONTRATTO D'OPERA) SOMMARIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER RIDURRE LE INTERFERENZE ART. 26 D.LGS. 81/2008 (CONTRATTO DI APPALTO O CONTRATTO D'OPERA) SOMMARIO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER RIDURRE LE INTERFERENZE (CONTRATTO DI APPALTO O CONTRATTO D'OPERA) SOMMARIO 1. IDENTIFICAZIONE DEL CONTRATTO... 1 2. DOCUMENTAZIONE ATTESTANTE L IDONEITÀ TECNICO-PROFESSIONALE

Dettagli

Gestione Centri di Raccolta Comunali in gestione a GEA SpA Protocollo operativo

Gestione Centri di Raccolta Comunali in gestione a GEA SpA Protocollo operativo Pagina 1 di 9 Gestione Centri di Raccolta Comunali in gestione a GEA SpA Protocollo operativo REVISIONI N Data Modifiche rispetto alla precedente revisione 00 30/09/2011 Prima edizione. 01 Integrazione

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (L.123/07 - art. 26 del D.Lgs. 81/08) STAZIONE APPALTANTE:

Dettagli

Incendio presso la sede di Latinafiori

Incendio presso la sede di Latinafiori Pagina 1/5 CAMPO DI APPLICAZIONE Tutto il personale presente nella sede di Latinafiori, compresi visitatori, ditte esterne, collaboratori; Coordinatore della squadra di emergenza (o suo sostituto); Componenti

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Introduzione Nelle varie fasi lavorative, si è visto come ricorra spesso l utilizzo di ausili per la movimentazione meccanica dei carichi,

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI SASSUOLO

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI SASSUOLO PAG. 1 DI 5 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI SASSUOLO APPENDICE A1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELL IMPIANTO DI TRASFERIMENTO RIFIUTI INDICE 1 RISCHI LEGATI ALL AMBIENTE

Dettagli

Lista di controllo Carico e scarico di container e cassoni

Lista di controllo Carico e scarico di container e cassoni Sicurezza realizzabile Lista di controllo Carico e scarico di container e cassoni Conoscete i pericoli collegati alle attività di carico e scarico di cassoni, container per rifiuti e press container? Questa

Dettagli

Informazioni specifiche area esterna

Informazioni specifiche area esterna ALLEGATO 5 al Capitolato Speciale d Appalto Servizio di Ristorazione Scolastica Fiesole il. Spett.le... (denominazione e indirizzo ditta / Impresa incaricata di eseguire il lavoro in appalto) OGGETTO :

Dettagli

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO ISOLA ECOLOGICA

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO ISOLA ECOLOGICA REGOLAMENTO ISOLA ECOLOGICA Adottato con deliberazione di Giunta Comunale n. 144 del 30.05.2002 ad oggetto Approvazione del Regolamento per l utilizzo dell Isola Ecologica, esecutiva ai sensi di legge,

Dettagli

Comune di Talmassons MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEI RIFIUTI URBANI

Comune di Talmassons MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEI RIFIUTI URBANI Comune di Talmassons MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEI RIFIUTI URBANI Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 184 del 25.11.2010 Art. 1 NORME GENERALI

Dettagli

Urti contro persone da movimenti scoordinati o involontari degli addetti dell aggiudicatario a dette operazioni

Urti contro persone da movimenti scoordinati o involontari degli addetti dell aggiudicatario a dette operazioni ATTIVITÁ DELL AGGIUDICATARIO SVOLTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO E LORO PERTINENZE RISCHI INDOTTI SUL PERSONALE DELL APPALTANTE O SU TERZI CONTROMISURE SPECIFICHE DA ADOTTARE DA PARTE DEL PERSONALE DELLA DITTA

Dettagli

A.M.I.U. GENOVA s.p.a.

A.M.I.U. GENOVA s.p.a. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. (art. 7, c.3, D.Lgs 626/94, come modificato dall art. 3, c 1, lett. A della L.123/07, art. 26 Testo Unico sulla sicurezza 81/08) RIFERIMENTO

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO File SE34010902 Informativa per i visitatori e norme di comportamento Data 20.05.14 Lariana Depur SpA Pag. 1 di 7 Contenuto 1. Scopo 2. Politica Aziendale 3. Modalità della visita e responsabilità 4. Responsabilità

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art.26 D.Lgs. 81/2008)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art.26 D.Lgs. 81/2008) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art.26 D.Lgs. 81/2008) FORNITURA DI N 1 TURBO COMPRESSORE PER EROGAZIONE ARIA A VASCHE DI OSSIDAZIONE PRESSO IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI CAORLE VIA

Dettagli

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O 1 di 5 S O M M A R I O 1 OBBLIGHI DITTA AGGIUDICATARIA... 2 1.1 GENERALITÀ... 2 1.2 OBBLIGHI IN FASE DI GARA... 2 1.3 OBBLIGHI DOPO L AGGIUDICAZIONE... 3 2 RISCHI INTERFERENTI... 4 3 FORMAZIONE OBBLIGATORIA...

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI SU SEV srl

INFORMAZIONI GENERALI SU SEV srl INFORMAZIONI GENERALI SU SEV srl Ragione Sociale Sede Legale Sedi Operative Legale rappresentante RSPP (Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione) RLS (Rappresentante dei Lavoratori per la

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA Approvato con deliberazione C.C. n. 7 del 15.02.2007 Art. 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento ha per oggetto

Dettagli

L uso dei carrelli elevatori

L uso dei carrelli elevatori L uso dei carrelli elevatori I rischi diretti ed indiretti nelle operazione di carico-scarico e movimentazione di materiale attraverso l impiego di carrelli elevatori Il Muletto I carrelli elevatori sono

Dettagli

COMUNE DI GARLASCO Provincia di Pavia AREA TERRITORIO - UFFICIO ECOLOGIA

COMUNE DI GARLASCO Provincia di Pavia AREA TERRITORIO - UFFICIO ECOLOGIA COMUNE DI GARLASCO Provincia di Pavia AREA TERRITORIO - UFFICIO ECOLOGIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA Approvato con deliberazione di C.C. n. 28 del 22.05.2003 Art. 1 FINALITA

Dettagli

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08).

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). ALLEGATO 4 al Capitolato DISCIPLINARE SICUREZZA STAMPANTI 1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). Oggetto: attività di noleggio

Dettagli

CARRELLI ELEVATORI. Schede di controllo per un corretto uso in sicurezza

CARRELLI ELEVATORI. Schede di controllo per un corretto uso in sicurezza CARRELLI ELEVATORI Schede di controllo per un corretto uso in sicurezza SOMMARIO 1. Scheda Appalto 2. Scheda Carrello Elevatore 3. Scheda carrellista 4. Scheda vie di circolazione Schede di controllo elaborate

Dettagli

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI(DUVRI) E INFORMATIVA IN MERITO AI RISCHI SPECIFICI PER LE FASI DI ALLESTIMENTO E DISALLESTIMENTO

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: UTILIZZO TRANSPALLET ELETTRICI E MANUALI (CARRELLI ELEVATORI CON TIMONE)

GESTIONE IN SICUREZZA: UTILIZZO TRANSPALLET ELETTRICI E MANUALI (CARRELLI ELEVATORI CON TIMONE) Pag. 1/5 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI(DUVRI) E INFORMATIVA IN MERITO AI RISCHI SPECIFICI PER LE FASI DI ALLESTIMENTO E DISALLESTIMENTO

Dettagli

Norme per imprese esterne

Norme per imprese esterne LIVELLO: 2 PROCEDURE AZIENDALI Documento n. 97.530.PRO Oggetto: Norme per imprese esterne Pag. 1 di 8 Redatto da: P. Venuto Controllato da: P.Perazzo Approvato da: A Bertilotti Norme per imprese esterne

Dettagli

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI CERRO AL LAMBRO (Provincia di Milano) UFFICIO TECNICO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO (art. 26

Dettagli

COSA SI INTENDE PER PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE

COSA SI INTENDE PER PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE COSA SI INTENDE PER PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE Definizione tecnica Piattaforma di Lavoro Mobile Elevabile (PLE): Macchina mobile destinata a movimentare una o più persone alle posizioni di

Dettagli

Le Macchine di cantiere

Le Macchine di cantiere Cosa fare, cosa evitare Le Macchine di cantiere A.S.L.E ChièA A.S.L.E L A.S.L.E., Associazione per la Sicurezza dei Lavoratori in Edilizia, nasce da un accordo fra organizzazioni sindacali ed associazioni

Dettagli

Disciplina per il funzionamento e l utilizzo della nuova Stazione Ecologica Attrezzata

Disciplina per il funzionamento e l utilizzo della nuova Stazione Ecologica Attrezzata Allegato A) Delibera Giunta Comunale n. 79 del 03.07.2009 Comune di Castelvetro Piacentino Provincia di Piacenza Disciplina per il funzionamento e l utilizzo della nuova Stazione Ecologica Attrezzata Approvato

Dettagli

COMUNE DI RUDA Provincia di Udine * * *

COMUNE DI RUDA Provincia di Udine * * * COMUNE DI RUDA Provincia di Udine * * * Allegato 9 Documento unico di valutazione dei rischi derivanti da attività affidate ad imprese appaltatrici o a lavoratori autonomi, ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Dettagli

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO (art. 26 del d.lgs. n. 81/2008 - Sicurezza e salute nel luogo di lavoro)

Dettagli

VADEMECUM PER LA SICUREZZA DEI VOLONTARI. 6 aprile 2013. VADEMECUM_sicurezza_volontari.doc Rev. del 26/03/2013

VADEMECUM PER LA SICUREZZA DEI VOLONTARI. 6 aprile 2013. VADEMECUM_sicurezza_volontari.doc Rev. del 26/03/2013 6 aprile 2013 VADEMECUM PER LA SICUREZZA DEI VOLONTARI a cura di: Provincia di Torino - Servizio Pianificazione Risorse Idriche e Legambiente Piemonte e Valle d Aosta Ogni sito di intervento presenta differenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO PRESSO IL CENTRO REGIONALE TRATTAMENTO RIFIUTI DI BRISSOGNE

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO PRESSO IL CENTRO REGIONALE TRATTAMENTO RIFIUTI DI BRISSOGNE Indice Art. 1 - Orario di funzionamento del centro e di apertura per gli utenti... - 2 - Art. 2 - Conferimento... - 2 - Art. 3 Controllo dei conferimenti di cui al punto precedente.... - 7 - Art. 4 Pesatura...

Dettagli

Scheda tecnica servizio di accompagnamento al trasporto

Scheda tecnica servizio di accompagnamento al trasporto SCHEDA TECNICA N. 4 SERVIZIO DI ASSISTENZA AL TRASPORTO SCOLASTICO PER GLI ALUNNI DELLE SCUOLE DELL INFANZIA, DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO, NONCHE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI 1 Scheda

Dettagli

DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA (fase preliminare) Art. 26, comma 3, D.Lgs. 81/2008

DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA (fase preliminare) Art. 26, comma 3, D.Lgs. 81/2008 DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA (fase preliminare) Art. 26, comma 3, D.Lgs. 81/2008 Oggetto MANUTENZIONE COMPLETA DEGLI IMPIANTI ELEVATORI INSTALLATI NEGLI EDIFICI DELLA

Dettagli

NORME COMPORTAMENTALI IN AREA TECNOPARCO VALBASENTO PER GLI AUTISTI DI AUTOBOTTI DI RIFIUTI LIQUIDI DA TRATTARE

NORME COMPORTAMENTALI IN AREA TECNOPARCO VALBASENTO PER GLI AUTISTI DI AUTOBOTTI DI RIFIUTI LIQUIDI DA TRATTARE NORME COMPORTAMENTALI IN AREA TECNOPARCO VALBASENTO PER GLI AUTISTI DI AUTOBOTTI DI RIFIUTI LIQUIDI DA TRATTARE Pag. 1 di 27 1.0 PREMESSA INDICE 2.0 NORME COMPORTAMENTALI GENERALI 3.0 PITTOGRAMMI RAPPRESENTATIVI

Dettagli

ALLEGATO 1) AL DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E SERVIZI ACCESSORI CIG: 6662047F16

ALLEGATO 1) AL DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E SERVIZI ACCESSORI CIG: 6662047F16 ALLEGATI AL DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA PER L APPALTO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E SERVIZI ACCESSORI ALLEGATO 1) AL DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE

Dettagli

P.O. 01 Accettazione rifiuti

P.O. 01 Accettazione rifiuti Accettazione dei rifiuti (Piano gestione rifiuti ai sensi della DGR X/2031 del 01/07/2014) ELENCO DELLE REVISIONI REV. N Descrizione Revisioni DATA Preparato RI Verificato RQ Approvato PRE 0 PRIMA EMISSIONE

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO SS 309 ROMEA KM 2,6 - RAVENNA

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO SS 309 ROMEA KM 2,6 - RAVENNA PAG. 1 DI 6 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO SS 309 ROMEA KM 2,6 - RAVENNA APPENDICE B5 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DI PRODUZIONE CDR E DELL IMPIANTO

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA COMUNE DI SIENA Allegato B DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA (ai sensi dell art. 26, comma 3 del D.lgs 81/2008)

Dettagli

ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI

ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI Gestore: Fratelli Lupoli srl P.IVA e C.F.: 01231150598 Sede Legale

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO PROCEDURA DI SICUREZZA PER INDICE 1 Scopo 2 Campo di applicazione e funzioni coinvolte 3 Contenuti 4 Attività e responsabilità ALLEGATI 1 Scheda informativa di sicurezza 2 Modulo di verifica di idoneità

Dettagli

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I 1. A N A G R A F I C A D E L L O P E R A S O G G E T T I C O I N V O L T I G E S T I O N E D E L P S C 1.1 CARATTERISTICHE DELL OPERA 1. Le caratteristiche dell opera da eseguire sono state trattate nel

Dettagli

Bando di gara pubblicato sulla GUCE/S 23-033365-2009-IT del 4.02.2009 e sulla GURI V Serie Speciale n.16 del 6.02.2009. 1 di 9

Bando di gara pubblicato sulla GUCE/S 23-033365-2009-IT del 4.02.2009 e sulla GURI V Serie Speciale n.16 del 6.02.2009. 1 di 9 (art. 7, c. 3, del D. Lgs 626/94, come modificato dall art. 3, c. 1, lett. a della L. 123/07) Regione Calabria riferito alla Gara a procedura aperta per. Bando di gara pubblicato sulla GUCE/S 23-033365-2009-IT

Dettagli

A PREMESSA...3 ACCETTAZIONE RIFIUTO...4 C GESTIONE DEL PROCESSO...8 D GESTIONE DEI RIFIUTI...10 GESTIONE ACQUE REFLUE...11

A PREMESSA...3 ACCETTAZIONE RIFIUTO...4 C GESTIONE DEL PROCESSO...8 D GESTIONE DEI RIFIUTI...10 GESTIONE ACQUE REFLUE...11 SOMMAR I O A PREMESSA...3 B ACCETTAZIONE RIFIUTO...4 B.1 OMOLOGA RIFIUTI... 4 B.2 ACCETTAZIONE... 4 B.2.1 Controllo amministrativo sui rifiuti fase di Scarico... 5 B.2.2 Accesso all impianto per il conferimento

Dettagli

COMUNE DI LONGARE. Provincia di Vicenza Area Lavori Pubblici Gestione e Manutenzione Patrimonio Ambiente

COMUNE DI LONGARE. Provincia di Vicenza Area Lavori Pubblici Gestione e Manutenzione Patrimonio Ambiente Provincia di Vicenza Area Lavori Pubblici Gestione e Manutenzione Patrimonio Ambiente Via G. Marconi 26 36023 Longare(VI) cod. fisc. 00415090240 tel. 0444/555444 fax 0444/953441 SERVIZIO DI MANUTENZIONE

Dettagli

Il nuovo codice della sicurezza nei cantieri

Il nuovo codice della sicurezza nei cantieri Il nuovo codice della sicurezza nei cantieri Indice della modulistica presente nel CD-Rom SICUREZZA 1. Documento di valutazione dei rischi Come calcolare il rischio Valutazione del rischio/figure professionali

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Affidamento di servizi didattico/educativi e di integrazione scolastica: Accompagnamento sugli scuolabus Centri

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D INTERFERENZA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D INTERFERENZA DOCUENTO UNICO DI VAUTAZIONE DEI RISCHI D INTERFERENZA AGGIORNAENTO aggio 2009 D. gs. 81/2008, art. 26, comma 3 DIREZIONE - VIA S. EUPIO, 168 RIESSA 1 - VIA DE PEBISCITO, 747 RIESSA 2 - V STRADA ZONA IND.E

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13.03.2003 con deliberazione n 9 2 CAPITOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

7IS12- Accesso ai siti di Siena Ambiente clienti 7IS03 - Gestione accessi ai siti di Siena Ambiente

7IS12- Accesso ai siti di Siena Ambiente clienti 7IS03 - Gestione accessi ai siti di Siena Ambiente IMPIANTO DI TERMOUTILIZZAZIONE Loc. Pian dei Foci Comune di POGGIBONSI RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Integrazioni di cui alle note dell Amministrazione Provinciale di Siena Prot. 100963

Dettagli

In data.. TRA PREMESSO

In data.. TRA PREMESSO i.e.s. CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI URBANI, SPECIALI NON PERICOLOSI E PERICOLOSI AI SENSI DEL D.LGS. 03/04/2006 N.152 ARTICOLO 188 COMMA 2 LETTERA C). In data.. TRA AnconAmbiente S.p.A.

Dettagli

IL2301 TERMOVALORIZZATORE MONTALE DESCRIZIONE DELL ATTIVITÀ DEL REPARTO ACCETTAZIONE

IL2301 TERMOVALORIZZATORE MONTALE DESCRIZIONE DELL ATTIVITÀ DEL REPARTO ACCETTAZIONE SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO QUALITA' E AMBIENTE IL2301 TERMOVALORIZZATORE MONTALE DESCRIZIONE DELL ATTIVITÀ DEL REPARTO REDATTA/MODIFICATA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA DA: Marco Cavalli Elisa Stefani

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA RELATIVA ALL ACCESSO ALL IMPIANTO BHS AREA SEGREGATA

PROCEDURA DI SICUREZZA RELATIVA ALL ACCESSO ALL IMPIANTO BHS AREA SEGREGATA N pagina 1 PROCEDURA DI SICUREZZA RELATIVA ALL ACCESSO ALL IMPIANTO BHS AREA SEGREGATA N pagina 2 1. INDICE 2. SCOPO...3 3. APPLICABILITA'...3 4. RIFERIMENTI...3 5. RESPONSABILITA'...3 6. DEFINIZIONI...3

Dettagli

Utilizzo di carrello elevatore con timone (transpallet)

Utilizzo di carrello elevatore con timone (transpallet) Pag. 1/8 Utilizzo di carrello elevatore con timone File Redazione Stefania Bertoldo, Francesca Longhi, Orestina Princivalle, Andrea Alducci, Giovanna Baldin, Paolo Feltrin, Roberto Fiorenza, Patrizia Raisi,

Dettagli

COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma)

COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma) COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma) APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA PER LE SCUOLE PUBBLICHE DELL INFANZIA, ELEMENTARI E MEDIE NEL TERRITORIO DEL COMUNE

Dettagli

7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO

7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO 7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO L ascensore da cantiere, proprio per la sua caratteristica di uso temporaneo presenta, a differenza di altre apparecchiature installate permanentemente in

Dettagli

EDISU PIEMONTE Servizio di Prevenzione e Protezione

EDISU PIEMONTE Servizio di Prevenzione e Protezione EDISU PIEMONTE Servizio di Prevenzione e Protezione Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze redatto in relazione alle attività comprese nell appalto Servizio Ristorazione (art. 26, comma

Dettagli

Società Aeroporto Toscano Galileo Galilei S.p.A DUVRI

Società Aeroporto Toscano Galileo Galilei S.p.A DUVRI Società Aeroporto Toscano Galileo Galilei S.p.A DUVRI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE E RELATIVE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE RIGUARDANTI L ATTIVITA DI ASSISTENZA PASSEGGERI A RIDOTTA MOBILITÀ

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI TORINO

IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI TORINO IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI TORINO Documento di sensibilizzazione e di informazione del personale di cantiere sulle problematiche ambientali in fase di costruzione A

Dettagli

COMUNE DI CASALE CORTE CERRO

COMUNE DI CASALE CORTE CERRO COMUNE DI CASALE CORTE CERRO (Provincia del Verbano Cusio Ossola) REGOLAMENTO COMUNALE PER CONFERIMENTO RIFIUTI INGOMBRANTI NELL ISOLA ECOLOGICA Approvato con deliberazione C.C. n. 18 del 23/04/2012 I

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DI RIFIUTI EXTRAFOGNARI PRESSO L IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI VAL DA RIO CHIOGGIA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DI RIFIUTI EXTRAFOGNARI PRESSO L IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI VAL DA RIO CHIOGGIA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DI RIFIUTI EXTRAFOGNARI PRESSO L IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI VAL DA RIO CHIOGGIA CHIOGGIA CHIOGGIA DI VAL DA RIO CHIOGGIA (VE) Redatto ai sensi del D.Lgs 152/2006

Dettagli

D.U.V.R.I. Documento di valutazione dei rischi interferenziali ai sensi dell art. 26, comma 3 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.

D.U.V.R.I. Documento di valutazione dei rischi interferenziali ai sensi dell art. 26, comma 3 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. Comune di Pistoia D.U.V.R.I. Documento di valutazione dei rischi interferenziali ai sensi dell art. 26, comma 3 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA E MISURE

Dettagli

COMUNE DI VOLTURINO PROVINCIA DI FOGGIA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNALE.

COMUNE DI VOLTURINO PROVINCIA DI FOGGIA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNALE. COMUNE DI VOLTURINO PROVINCIA DI FOGGIA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNALE. DUVRI Art. 26, comma 4, D.Lgs. 81/08 Committente: Comune di Volturino SPECIFICHE

Dettagli

ALLEGATO 2 PG 05.01 Gestione del servizio pubblico di raccolta

ALLEGATO 2 PG 05.01 Gestione del servizio pubblico di raccolta ALLEGATO 2 PG 05.01 SCOPO La presente procedura ha lo scopo di definire le modalità operative per la gestione dei servizi di raccolta pubblica pianificati da Fiemme Servizi SpA con riferimento alle singole

Dettagli

COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE

COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE PROVINCIA DI ROMA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DEL TERRITORIO COMUNALE. DUVRI Art. 26, comma 4, D.Lgs. 81/08 Committente:

Dettagli