LA RIDUZIONE DEGLI INVESTIMENTI FORMATIVI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE IN ITALIA. UN ANALISI DEL TREND NEL PERIODO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA RIDUZIONE DEGLI INVESTIMENTI FORMATIVI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE IN ITALIA. UN ANALISI DEL TREND NEL PERIODO 2000-2005"

Transcript

1 LA RIDUZIONE DEGLI INVESTIMENTI FORMATIVI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE IN ITALIA. UN ANALISI DEL TREND NEL PERIODO di Roberto Angotti*, Antonella Bernardini* Premessa Nell articolo si intende mettere in evidenza come negli ultimi anni, e in particolare nel periodo , sia cresciuto in Italia il divario tra le grandi imprese e le Piccole e medie imprese rispetto alla capacità di investire in formazione. Tale evidenza si manifesta soprattutto nei settori manifatturieri, quelli oggi più esposti alla concorrenza internazionale. A tal fine, sono stati analizzati i dati più recenti provenienti da diverse fonti, fra cui le indagini campionarie realizzate dall ISFOL. 1. Il ritardo delle imprese italiane nel contesto internazionale La crescita lenta e poco dinamica che ha caratterizzato lo scenario economico europeo in questi ultimi anni richiede da parte del sistema produttivo un forte impegno in ricerca, innovazione e sviluppo del capitale umano. Su questi temi le imprese italiane scontano un forte ritardo, ancor più marcato nel caso della formazione continua, un fenomeno che mentre all estero si è sviluppato rapidamente nel nostro Paese è rimasto, nel corso degli anni, strutturalmente sottodimensionato e con grandi potenzialità inespresse. Nelle graduatorie europee sugli investimenti delle imprese in ricerca e sviluppo e sul loro impegno in attività formative, l Italia è molto distanziata dai paesi del Nord Europa 1. L Indagine CVTS2 di Eurostat mostra per l Italia un valore molto basso dell incidenza delle imprese formatrici, pari al 23,9%, a fronte di una media europea del 62%. Rispetto a * ISFOL, Area Politiche e offerte per la Formazione Continua. 1 Cfr. Bassanini A. et alii, Workplace Training in Europe, 2005 Osservatorio ISFOL n

2 questo indicatore l Italia occupa la terzultima posizione nell Ue-15 e non migliora di molto se consideriamo l Ue In Italia nel , la quota di unità locali provinciali (ULP) impegnate in attività di formazione non supera il 20% e i dipendenti coinvolti nei corsi promossi dalle imprese sono stati il 19,3% del totale. 2. Il trend generale L andamento complessivo negli ultimi cinque anni (fig. 1), mette in evidenza due tendenze apparentemente contraddittorie: l incidenza delle unità locali che fanno formazione, registrata nel primo triennio, mostra una buona crescita, passando dal 18,9% nel 2000 al 24,7% nel 2002; tale crescita è quasi del tutto compromessa nel biennio successivo, in cui si assiste ad un calo di circa 5 punti percentuali, facendo ritornare la situazione quasi ai livelli di cinque anni prima; la percentuale di dipendenti formati, seppur in misura contenuta, cresce in modo costante, con un buon andamento soprattutto fra il 2001 e il Il trend degli investimenti in formazione da parte delle imprese è complessivamente crescente, passando da 895 milioni di euro nel 2000 a milioni di euro nel Tuttavia, come vedremo più avanti, la crescita è interamente imputabile alle grandi imprese. 2 Si fa riferimento ai dati dell Indagine CVTS2, relativi al 1999, sulla formazione continua nelle imprese con 10 e più addetti (Eurostat, 2002, Continuing Vocational Training Survey. Data 1999, Luxembourg, Office for Official Pubblications of the European Communities; Istat, 2002, a cura di G. Perani, La formazione del personale nelle imprese italiane. Anno 1999, Statistiche in Breve, 1 agosto, Roma; Isfol, 2003, Rapporto Monografie, La domanda di formazione continua in Italia. Caratteristiche, comportamenti e atteggiamenti di lavoratori e imprese, Roma; in part. cfr. pp ). 3 Unioncamere-MLPS, 2005, Sistema informativo Excelsior. Sintesi dei principali risultati, Roma. Il sistema Excelsior rileva informazioni sui fabbisogni professionali previsti dalle imprese private (unità locali provinciali, con almeno un dipendente) nell anno successivo alla rilevazione e sulla formazione continua realizzata nell anno in corso. Osservatorio ISFOL n

3 Fig. 1 - Unità locali provinciali che hanno realizzato attività di formazione e dipendenti formati negli anni (valori percentuali) 30 Imprese Dipendenti 25 24,7 22, ,9 17,5 13,9 13,8 17,3 19,2 20,0 19, Fonte: elaborazioni ISFOL-Area Politiche e offerte per la Formazione Continua su dati Unioncamere-Ministero del Lavoro, S. I. Excelsior In generale, la propensione alla formazione è correlata positivamente alla dimensione d impresa cresce infatti al crescere dell organico aziendale -, con un divario che nel 2004 raggiunge quasi i 60 punti percentuali: dal 17,1% delle micro-imprese al 76,1% delle imprese con più di 500 dipendenti (tab. 1). 3. Polarizzazione dei comportamenti formativi per tipologia d impresa Fino al 2002, l incremento della propensione formativa si era manifestato, in modo uniforme, in tutte le classi dimensionali d impresa. Nel 2003, anno in cui si comincia a manifestare un andamento negativo, la diminuzione della quota di ULP formatrici si concentra in modo rilevante soprattutto tra le piccole e medie imprese, a fronte di una sostanziale tenuta sia delle micro-unità che delle imprese di maggiore dimensione. Negli ultimi due anni si assiste all avvio di un processo che sembra condurre alla creazione di due poli: da una parte le grandi imprese, che mantengono una buona performance, dall altra le Pmi, che tendono ad avvicinarsi sempre di più ai comportamenti delle micro-imprese (fig. 2). Osservatorio ISFOL n

4 Fig. 2 - Unità locali provinciali che hanno realizzato attività di formazione negli anni , per dimensione dell organico aziendale (valori percentuali) Dip Dip Dip. >= 250 Dip Fonte: elaborazioni ISFOL-Area Politiche e offerte per la Formazione Continua su dati Unioncamere-Ministero del Lavoro, S. I. Excelsior La figura 3 conferma l esistenza di un vero e proprio dualismo fra le grandi imprese e le unità di dimensione minore, che si manifesta in misura ancora più accentuata rispetto alla quota di dipendenti formati. Se quindi consideriamo l andamento dei tre principali indicatori (incidenza delle imprese formatrici, partecipazione dei dipendenti e importo della spesa in formazione), isolando il contributo delle grandi imprese da quello delle altre imprese (Pmi e micro) notiamo come il trend generale della formazione continua nel quinquennio sia significativamente influenzato dall andamento specifico delle grandi imprese. Fig. 3 Dipendenti formati nelle ULP negli anni , per dimensione dell organico aziendale (valori percentuali) Dip Dip Dip. >= 250 Dip Fonte: elaborazioni ISFOL-Area Politiche e offerte per la Formazione Continua su dati Unioncamere-Ministero del Lavoro, S. I. Excelsior Osservatorio ISFOL n

5 Tuttavia, la crescita nel segmento delle grandi imprese, mostrata dal trend nel quinquennio, sembra essere speculare rispetto al decremento verificatosi fra le Pmi. Focalizzando l attenzione sugli ultimi tre anni, periodo in cui si verifica l inversione di tendenza, si nota come il maggior calo si concentra soprattutto tra le imprese dei settori industriali. La variabile territoriale sembra essere invece meno rilevante: solo nelle regioni del Nord-Ovest la riduzione appare più contenuta; tuttavia rimane consistente il divario fra il Sud e le altre aree del Paese (tab. 1). Tab. 1 - Unità locali provinciali che hanno realizzato attività di formazione negli anni , per macrosettore di attività, classe dimensionale e ripartizione geografica (valori percentuali) Totale 24,7 22,4 20,0 Industria 22,7 19,7 16,6 Servizi 26,1 24,3 22,3 1 9 Dipendenti 19,8 17,3 17, Dipendenti 45,3 37,8 26, Dipendenti 54,6 52,7 37,1 >= 250 Dipendenti 63,6 72,2 * Nord-Ovest 24,8 23,0 21,5 Nord-Est 28,1 25,6 22,7 Centro 24,2 21,6 19,0 Sud e Isole 22,0 19,6 16,7 * dip.= 61,4%; 500 dip. e oltre = 76,1%. Fonte: Unioncamere-Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior Una maggiore disaggregazione territoriale relativa al 2004 (fig. 4) mostra un buon livello di omogeneità all interno delle aree geografiche, fatta eccezione per il Sud, in cui alla buona performance delle imprese operanti nelle regioni del versante adriatico si contrappone un basso contributo da parte delle imprese calabresi e siciliane, mentre nel Nord-Est si conferma il buon andamento degli anni scorsi nelle imprese del Friuli Venezia Giulia. Osservatorio ISFOL n

6 Fig. 4 - Unità provinciali che hanno realizzato, internamente o esternamente, corsi di formazione, per regione (2004, %) 20,5 21,4 21,8 21,8 23,4 22, ,3 17,8 18,8 20,5 19,5 19, ,3 16,1 16, ,9 ULP formatrici incidenza percentuale 22 a 27,3 (4) 19,5 a 22 (6) 17,8 a 19,5 (5) 14,9 a 17,8 (5) 15,3 Fonte: elaborazioni ISFOL-Area Politiche e offerte per la Formazione Continua su dati Unioncamere-Ministero del Lavoro, S. I. Excelsior La disaggregazione settoriale relativa al 2004 mostra che nell industria la maggior presenza di ULP formatrici si concentra nel settore della produzione di energia, gas e acqua, delle industrie chimiche e petrolifere e delle industrie elettriche, elettroniche, ottiche e medicali. Nei servizi, i settori trainanti sono quelli della sanità e dei servizi privati, del credito e delle assicurazioni, degli altri servizi alle persone e dell informatica e telecomunicazioni (tab. 2). Tuttavia, è proprio in alcuni di questi settori che si registra una maggiore variazione negativa nel periodo Questa variazione, pari in media a -4,7 punti percentuali, presenta un elevata variabilità sia a livello settoriale che per dimensione d impresa. 4. Il trend negativo nelle Piccole e medie imprese Come già osservato, sono soprattutto le piccole e medie imprese a determinare il segno negativo della variazione di ULP formatrici tra il 2002 e il 2004, con valori pari a -19% nel Osservatorio ISFOL n

7 segmento dipendenti e a -17,5% in quello dipendenti (tab. 2), riduzione particolarmente preoccupante in quanto avvenuta quasi interamente nell ultimo anno ( : -1,9%; : -15,6% - fig. 5). Fig. 5 Variazione percentuale fra gli anni delle unità locali provinciali che hanno svolto attività di formazione per classi dimensionali 10 8, M e d i a 1-9 add e oltre e oltre -0,2-2,3-2,4-2,5-1,9-0, ,5-6,5-11, ,6 variazione nelle grandi imprese (classi dip. e 500 dip. e oltre) Variazione % Variazione % Fonte: elaborazione ISFOL su dati Unioncamere-MLPS Sistema Informativo Excelsior La tabella 2 mostra, inoltre, come quasi tutti i settori industriali registrano una variazione negativa, soprattutto fra le industrie chimiche e petrolifere (-15%), le industrie estrattive (- 14,8%), le industrie elettriche, elettroniche, ottiche e medicali (-14,3%). Analizzando l andamento settoriale all interno delle due classi dimensionali di Pmi, osserviamo una maggiore difficoltà per le ULP industriali con dipendenti, in particolare nei settori della estrazione di minerali, dell industria alimentare, dell industria dei beni per la casa, del tempo libero e altre manifatture e della produzione di energia, gas e acqua. Il comportamento delle Pmi in questi settori può probabilmente essere spiegato da una combinazione di fattori macroeconomici, che hanno colpito particolarmente le piccole e medie imprese manifatturiere maggiormente esposte alla concorrenza internazionale - come ben evidenziato dall Indagine congiunturale Confapi-Unicredit Banca d impresa sulle Pmi Osservatorio ISFOL n

8 industriali 4 -, e di altri fattori, fra cui una maggiore difficoltà gestionale nella pianificazione dei fabbisogni formativi interni rispetto alle grandi imprese. Tab. 2 Unità locali provinciali che hanno realizzato attività di formazione nel 2004 e variazione percentuale fra gli anni , per settore di attività economica (confronto tra PMI e media generale) SETTORI dip variazione dip. media dip. dip. media Totale 26,4 37,1 20,0-19,0-17,5-4,7 Industria 22,4 33,9 16,6-19,0-22,9-6,1 Estrazione di minerali 21,5 31,1 16,9-25,5-42,9-14,8 Industrie alimentari, delle bevande e del tabacco 22,4 23,8 12,3-37,8-40,8-8,8 Industrie tessili, dell'abbigliamento e calzature 10,7 20,3 8,9-16,9-23,9-6,0 Industrie del legno e del mobile 17,8 28,3 10,1-17,8-23,3-6,8 Industrie della carta, della stampa ed editoria 20,8 35,1 16,9-14,3-21,6-2,9 Industrie chimiche e petrolifere 29,3 45,8 34,3-34,3-17,3-15,0 Industrie della gomma e delle materie plastiche 25,9 42,6 19,8-16,6-14,6-11,8 Industrie dei minerali non metalliferi 18,8 28,5 14,5-25,2-17,3-7,9 Industrie dei metalli 24,7 38,3 16,6-16,8-19,7-7,1 Industrie meccaniche e dei mezzi di trasporto 26,1 40,2 25,1-24,2-23,0-13,3 Industrie elettriche, elettroniche, ottiche e medicali 29,0 43,9 28,1-25,1-20,0-14,3 Ind. beni per la casa, tempo libero e altre manifatturiere 12,6 21,8 8,2-14,2-32,9-5,6 Produzione e distribuzione di energia, gas e acqua 20,8 35,9 43,1-44,7-31,9-5,2 Costruzioni 28,3 29,0 17,3-13,1-24,6-2,3 Servizi 31,1 39,7 22,3-19,2-12,8-3,8 Commercio al dettaglio 23,4 30,5 17,3-22,7-16,6-0,4 Commercio e riparazione di autoveicoli e motocicli 45,4 46,3 21,4-5,4 14,0-1,1 Commercio all'ingrosso 25,8 40,9 17,8-30,7-17,4-8,5 Alberghi, ristoranti e servizi turistici 23,8 27,9 12,7-10,0-22,1-0,9 Trasporti e attività postali 23,3 28,5 18,6-11,9-13,3-0,1 Informatica e telecomunicazioni 46,5 55,0 34,2-8,4-0,7-5,5 Servizi avanzati alle imprese 42,0 50,0 30,0-15,6-15,5-2,6 4 L indagine congiunturale Confapi-Unicredit Banca d impresa sulle Pmi industriali mostra le grandi difficoltà che il settore manifatturiero attraversa in questi anni a causa della profonda ristrutturazione del tessuto produttivo. Ad essere particolarmente colpiti sono settori tradizionali come il calzaturiero e il tessile-abbigliamento, sotto attacco da parte dei nuovi attori asiatici. Al peggioramento degli indicatori aziendali (ordini e saldi scendono nel 2005 rispettivamente da 4,7% a -3,3% in Europa e da 5,6% a -5,9% in Italia) corrisponde un generale affievolirsi del tradizionale ottimismo degli imprenditori che caratterizzava le attese per il futuro. Cfr. Confapi-Unicredit Banca d impresa, , Laboratorio PMI. Indagine congiunturale, (I e II semestre 2004; I e II semestre 2005). Osservatorio ISFOL n

9 Credito, assicurazioni e servizi finanziari 41,6 64,8 38,5-20,9-3,6 1,3 Servizi operativi alle imprese e alle persone 27,3 31,7 20,6-17,4-17,2-0,6 Istruzione e servizi formativi privati 47,1 43,5 33,9-22,5-6,2-5,7 Sanità e servizi sanitari privati 50,2 49,4 43,5-15,6-17,8-7,6 Altri servizi alle persone 29,2 31,8 38,5-32,2-28,5-1,2 Studi professionali 39,3 38,5 20,7 7,5-4,4-7,7 Fonte: elaborazioni ISFOL-Area Politiche e offerte per la Formazione Continua su dati Unioncamere-Ministero del Lavoro, S. I. Excelsior 5. Gli investimenti formativi e il finanziamento pubblico L andamento degli investimenti in formazione da parte delle imprese, mostrato in figura 6, conferma l ipotesi precedentemente avanzata attraverso l analisi delle figure 1-3, per cui al dinamismo delle grandi imprese corrisponde una situazione stagnante di Pmi e microimprese. Fig. 6 - Spesa complessiva sostenuta per la formazione dalle ULP negli anni , per dimensione dell organico aziendale (migliaia di Euro) micro-imprese pmi grandi imprese Fonte: elaborazioni ISFOL-Area Politiche e offerte per la Formazione Continua su dati Unioncamere-Ministero del Lavoro, S. I. Excelsior Complessivamente nel 2004 la spesa per formazione da parte delle imprese ha raggiunto l importo di 1.603,5 milioni di Euro, di cui il 56% è concentrata sulle unità con oltre 250 dipendenti, il 27% sulle Pmi e il restante 17% sulle micro-imprese. Il divario fra le grandi imprese e le piccole raggiunge i 39 punti percentuali. Osservatorio ISFOL n

10 L'incidenza del finanziamento pubblico sulla spesa per la formazione continua è pari al 6,5%, valore in forte diminuzione rispetto agli anni precedenti e dimezzato rispetto al Interessante risulta la percentuale di finanziamento pubblico intercettata dalle grandi imprese nel 2002, pari al 17,9%, che potrebbe aver prodotto negli anni successivi effetti di tipo aggiuntivo o comunque un effetto di sollecitazione agli investimenti privati in formazione (tab. 3). Tab. 3 - Spesa complessiva sostenuta per la formazione negli anni (in migliaia di euro), percentuale di fondi pubblici, per classe dimensionale Totale Dip Dip Dip >= 250 Dip di cui % fondi pubblici: Totale 12,9 9,7 12,5 8,4 6,5 1-9 Dip. 10,0 6,2 4,7 7,3 3, Dip. 17,2 13,8 9,1 8,8 8, Dip. 16,4 13,7 14,0 6,6 8,2 >= 250 Dip. 11,1 8,6 17,9 8,8 * * dip.= 6,9%; 500 dip. e oltre = 6,4%. Fonte: Unioncamere-Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior Dalla seconda Indagine campionaria su "Le politiche di formazione delle Grandi Imprese in Italia"5 (ISFOL-Area Politiche e offerte per la formazione continua) emerge come le grandi imprese sembrano possedere un buon livello di consapevolezza dell utilità dello strumento di finanziamento pubblico, e ciò consente loro di raggiungere obiettivi formativi di qualità: l utilizzo del sostegno pubblico è finalizzato non soltanto all aggiornamento obbligatorio e alla formazione di tipo manutentivo ma anche a promuovere sviluppo e competitività e per accrescere le competenze tecniche operative nei processi produttivi, capacità manageriali e caratteristiche dei prodotti. 5 L Indagine campionaria ISFOL su Le politiche di formazione delle Grandi Imprese in Italia, realizzata dall Area Politiche e offerte per la Formazione continua, è inserita nel Piano Statistico Nazionale del SISTAN (ISF-00021). I dati riportati in questa sede fanno riferimento alla rilevazione effettuata nel I risultati finali dell indagine sono in corso di pubblicazione presso la collana dei Libri del FSE dell Isfol. Alcuni primi risultati dell indagine sono stati anticipati in ISFOL (2004), Rapporto 2004, e in MLPS (2004), Rapporto 2004 sulla formazione continua in Italia. Osservatorio ISFOL n

11 Nella maggior parte dei casi, le imprese che utilizzano il finanziamento pubblico mostrano, a parità di altri fattori, una maggiore capacità di coinvolgimento dei propri dipendenti in attività di formazione rispetto alle altre imprese. Inoltre l utilizzo dei finanziamenti pubblici tende a divenire ricorsivo per gli anni successivi. Le difficoltà nell ottenere un finanziamento pubblico da parte delle piccole imprese sembrano derivare principalmente dalla carenza di informazione ma spesso anche da un atteggiamento passivo dell impresa nel rapporto con la Pubblica Amministrazione (ISFOL, Indagine sulla Formazione Continua nelle PMI). Nel Centro-Nord la principale fonte di finanziamento pubblico utilizzata dalle Pmi per la realizzazione di corsi interni di formazione è stato il Fondo Sociale Europeo: il 45% delle imprese che hanno dichiarato di aver fatto ricorso al sostegno pubblico utilizza prevalentemente il Fse, mentre il 29% ricorre alla legge 236/93. Limitando l analisi al rapporto fra utilizzo del Fse e della legge 236, si nota come il Fse sia stato maggiormente utilizzato dalle imprese più grandi, e nei settori dei servizi e della manifattura (fig. 7). Fig. 7 - Fonti di finanziamento utilizzate dalle Pmi per realizzare corsi interni, per macrosettore e dimensione aziendale (Centro-Nord, 2003, %) 90,0 80,0 72,9 78,4 70,0 67,6 60,0 53,0 58,6 54,9 60,4 53,9 50,0 47,0 42,3 45,1 40,0 32,4 35,9 30,0 24,4 20,0 10,0 0, Manifattura Costruzioni Commercio Servizi Dipendenti in classi Settore Fondo sociale Europeo Legge nazionale 236/93 Nota: il totale può essere superiore a 100 in quanto un'impresa può aver utilizzato entrambe le fonti di finanziamento. Fonte: Indagine sulla Formazione Continua nelle PMI 2004 [ISFOL, Area Politiche e offerte per la formazione continua] Osservatorio ISFOL n

12 La tabella che segue mostra l associazione esistente tra il canale di finanziamento utilizzato per la formazione e il livello di inquadramento dei lavoratori formati. In generale, i dati mostrano la tendenza, da parte delle imprese, ad utilizzare il sostegno pubblico (in particolare il Fse) per formare i dipendenti con qualifiche professionali medio-alte. In media, le imprese che organizzano corsi interni formano il 51,4% del proprio organico. Il tasso di copertura dei formati non varia di molto nelle imprese che ricevono finanziamenti pubblici. Quella che varia è la platea di lavoratori raggiunti dagli interventi formativi: mentre la percentuale di operai e lavoratori generici formati dalle imprese è, in media, pari al 50,6%, quando l impresa utilizza il Fondo Sociale Europeo tale percentuale si abbatte di quasi 20 punti. Il contrario avviene nel caso delle qualifiche impiegatizie e dirigenziali. Viceversa, il finanziamento ex lege 236 è utilizzato per raggiungere un numero più elevato di lavoratori inquadrati ai livelli più bassi, rispetto a dirigenti e quadri superiori (tab. 4). Tab. 4 - Incidenza dei dipendenti formati per livello d inquadramento e fonte di finanziamento nelle Pmi (Centro-Nord, 2003, %) Media dipendenti formati Dirigenti e quadri superiori Quadri intermedi/tecnici Impiegati/lavoratori qualificati Operai/lavoratori generici Totale 51,4 39,2 53,1 52,9 50,6 Finanziamento FSE 52,8 59,5 71,2 71,0 30,9 Finanziamento Legge 236/93 53,6 29,1 78,2 65,5 36,4 Fonte: Indagine sulla Formazione Continua nelle PMI 2004 [ISFOL, Area Politiche e offerte per la formazione continua] Dal punto di vista territoriale, nel quinquennio la spesa in formazione è maggiore nel Nord Ovest, in coerenza con i più alti tassi di copertura dei dipendenti, con una percentuale di finanziamento pubblico pressoché omogenea fra le varie aree territoriali (tab. 5). Tab. 5 - Spesa complessiva per la formazione negli anni (in migliaia di euro), percentuale di fondi pubblici, per ripartizione territoriale Totale Nord-Ovest Nord-Est Centro Sud e Isole di cui % fondi pubblici: 12,9 9,7 12,5 8,4 6,5 Nord-Ovest 11,0 7,3 12,0 10,8 6,3 Nord-Est 14,3 12,1 12,4 7,6 7,2 Centro 10,9 8,8 12,4 5,5 5,6 Sud e Isole 17,2 12,4 13,6 7,6 7,1 Osservatorio ISFOL n

13 Fonte: Unioncamere-Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior Nel 2004, l analisi della percentuale di fondi pubblici relativi alla spesa complessiva sostenuta per la formazione mostra un elevata variabilità, sia per classe dimensionale che per area territoriale. Ad aver fatto maggiore ricorso al finanziamento pubblico rispetto alla media sono proprio le Pmi, ossia il segmento dimensionale di impresa che ha mostrato una minore propensione formativa; in particolar modo questa evidenza si nota tra le imprese del Mezzogiorno (soprattutto in Campania, Basilicata e Calabria), mentre è molto bassa nelle regioni del Centro (in particolare nel Lazio). Solo nel Nord Est le micro-imprese mostrano una maggiore capacità di intercettare il finanziamento pubblico (come in Friuli e in Veneto) a differenza di quanto avviene nelle altre regioni (soprattutto Lazio, Molise, Campania, Calabria e Sicilia) (tab. 6). Tab. 6 - Spesa complessiva sostenuta per la formazione realizzata nell'anno 2004 (in migliaia di Euro) e % di fondi pubblici per classe dimensionale e per area geografica 1-9 Dipendenti Dipendenti Dipendenti Dipendenti >= 500 Dipendenti Totale Nord-Ovest Nord-Est Centro Sud e Isole Totale di cui % fondi pubblici: Nord-Ovest Nord-Est Centro Sud e Isole Totale 1-9 Dipendenti 2,9 5,6 2,8 2,5 3, Dipendenti 8,6 8,2 8,5 9,6 8, Dipendenti 6,2 7,5 4,8 18,1 8, Dipendenti 6,0 11,6 4,0 7,9 6,9 >= 500 Dipendenti 6,9 6,6 6,3 5,6 6,4 Totale 6,3 7,2 5,6 7,1 6,5 Fonte: Unioncamere-Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior Gli investimenti più rilevanti sono concentrati nelle grandi imprese dei settori dell industria meccanica e dei mezzi di trasporto, dell informatica e telecomunicazioni, trasporti e attività postali, credito e assicurazioni. Osservatorio ISFOL n

14 I settori con la maggiore percentuale di finanziamento pubblico, istruzione e servizi formativi, industrie tessili, trasporti e attività postali, sanità, industrie del legno e del mobile. Fra le Pmi emergono anche altri settori quali: industria dei minerali non metalliferi, della plastica, alberghi e ristoranti, altri servizi alle persone. 6. La partecipazione dei dipendenti alle attività formative Negli ultimi cinque anni la quota di dipendenti formati nelle ULP è cresciuta dal 13,9% del 2000 al 19,3% del Tuttavia, seppure complessivamente in crescita, sono ancora meno di due milioni i lavoratori che hanno usufruito di un opportunità formativa offerta dalle imprese. La distribuzione di tali opportunità è però fortemente disomogenea tra le diverse dimensioni di impresa: sono soprattutto le grandi imprese a coinvolgere una quota maggiore di lavoratori. Anche il settore di attività economica è una variabile discriminante: le imprese del terziario formano una quota maggiore dei propri lavoratori e questo è, probabilmente, un ulteriore elemento che contribuisce a spiegare l incremento della partecipazione dei lavoratori a fronte di una riduzione delle imprese formatrici; infatti, come già illustrato, la riduzione si registra soprattutto tra quelle industriali (tab. 7). Tab. 7 - Percentuale di dipendenti formati negli anni per macro settore di attività, classe dimensionale e ripartizione geografica (valori percentuali) Totale 17,3 19,2 19,3 Industria 14,5 16,0 15,6 Servizi 20,2 22,1 22,7 1-9 Dipendenti 11,0 9,7 11, Dipendenti 12,9 11,3 11, Dipendenti 17,1 18,0 15,3 >= 250 Dipendenti 28,8 37,6 * Nord-Ovest 18,7 20,5 21,0 Nord-Est 17,4 18,9 18,4 Centro 17,3 19,0 19,3 Sud e Isole 14,8 16,7 17,4 * dip.= 29,5%; 500 dip. e oltre = 39,4%. Fonte: Unioncamere-Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior Osservatorio ISFOL n

15 All interno dell impresa, la variabile che maggiormente determina la probabilità di accesso alle attività formative è, come noto, il livello di inquadramento professionale del lavoratore 6. La tabella 8 mostra come la percentuale di operai formati sia di molto inferiore rispetto a quella dei dirigenti e degli impiegati e nel corso degli anni il training divide sia ulteriormente aumentato. Tab. 8 - Percentuale di dipendenti formati negli anni , per posizione nella professione Anno Dirigenti Impiegati Operai media ,7 19,3 10,7 13, ,0 20,2 10,1 13, ,5 24,9 13,0 17, ,5 28,5 13,0 19, ,2 27,9 13, Fonte: Unioncamere-Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior Per quanto riguarda le modalità di organizzazione e gestione della formazione, la maggior parte delle imprese sembra preferire i corsi esterni per aggiornare e formare i propri dipendenti (66,9%), in particolare tra le micro-imprese (69,5%). Le grandi imprese mostrano una maggiore internalizzazione della formazione; infatti la modalità maggiormente utilizzata è quella dei corsi interni, seguita dall affiancamento (tab. 9). Tab. 9 - Unità locali provinciali che hanno realizzato, nel corso del 2004, attività di formazione e aggiornamento professionale per classe dimensionale e per tipologia di formazione (%) Corsi interni Corsi esterni Affiancamento Altro Unità provinciali formatrici (%) 1-9 Dipendenti 31,4 69,5 23,3 7,2 17, Dipendenti 50,2 56,7 24,9 6,4 26, Dipendenti 65,3 57,9 43,0 14,2 37, Dipendenti 82,1 74,3 77,1 46,9 61,4 >= 500 Dipendenti 93,8 79,2 84,6 55,0 76,1 TOTALE 41,0 66,9 28,9 10,6 20,0 *Il totale è superiore a 100 perchè sono ammesse risposte multiple Fonte: Unioncamere - Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior 6 Il fenomeno per cui fruisce della formazione soprattutto chi ha una formazione iniziale più elevata (Unioncamere, Rapporto Excelsior Alcune tendenze evolutive del mercato del lavoro in Italia, Roma, 2005) ed occupa una posizione professionale più alta emerge da diverse indagini. I dati più aggiornati per l Italia sono relativi alla rilevazione 2005 dell Indagine campionaria Isfol Atteggiamenti e comportamenti dei lavoratori verso la formazione continua. Osservatorio ISFOL n

16 L approfondimento sulle Pmi realizzato con l Indagine su La formazione continua nelle PMI 7 (ISFOL-Area Politiche e offerte per la formazione continua) mette in evidenza un dato ulteriore: il ricorso molto diffuso a pratiche di formazione meno strutturate da parte delle Pmi rispetto alle grandi imprese, è dovuto in parte alla molteplicità degli approcci formativi adottati in questo segmento d impresa. All interno delle Pmi, l adozione di un approccio più o meno strutturato varia, inoltre, in relazione alle caratteristiche del capitale umano disponibile in azienda, le quali spesso influenzano non solo la scelta della tipologia formativa, ma anche gli strumenti e gli approcci adottati, oltre che i contenuti dell attività formativa 8. Tuttavia, l indagine evidenzia come l attività di formazione più strutturata, ossia quella realizzata attraverso corsi interni, presenti la capacità di coinvolgere in formazione un numero superiore di dipendenti, rispetto ad altre modalità. Attraverso i corsi interni, le Pmi del Centro-Nord hanno coinvolto oltre la metà dei lavoratori delle imprese che hanno organizzato formazione. Tali lavoratori rappresentano il 25% del totale dei dipendenti delle imprese del Centro-Nord (tab. 10). Tab Dipendenti formati per tipologia di formazione (Centro-Nord, 2003, domanda a risposta multipla) Tipologia di formazione Dipendenti formati nelle Pmi formatrici Dipendenti formati nelle Pmi Corsi di formazione a gestione interna 51,4 25,1 Corsi di formazione a gestione esterna 18,2 8,3 Rotazioni delle mansioni, affiancamento nel lavoro e/o periodi di addestramento pratico 26,8 14,6 Iniziative formative a distanza 15,6 0,6 Stages e tirocini formativi 13,7 0,7 Gruppi di miglioramento o gruppi di autoformazione 40,4 9,7 Convegni seminari, mostre e fiere 17,1 8,5 Fonte: Indagine sulla Formazione Continua nelle PMI 2004 [ISFOL, Area Politiche e offerte per la formazione continua] 7 L Indagine campionaria ISFOL su La formazione continua nelle Piccole e medie imprese. Comportamenti, atteggiamenti, ruolo del territorio, realizzata dall Area Politiche e offerte per la Formazione continua, è inserita nel Piano Statistico Nazionale del SISTAN (ISF-00022). I dati riportati in questa sede fanno riferimento alla rilevazione effettuata nel 2004 nelle regioni del Centro-Nord. I campioni sono stati selezionati a partire dall'archivio ASIA di ISTAT e sono rappresentativi a livello regionale. La rilevazione è stata condotta nel periodo giugno-luglio 2004, con tecnica CATI. I risultati finali dell indagine sono in corso di pubblicazione presso la collana dei Libri del FSE dell Isfol. Alcuni primi risultati descrittivi dell indagine sono stati anticipati in ISFOL (2004), Rapporto 2004, e in MLPS (2004), Rapporto 2004 sulla formazione continua in Italia. 8 Cfr. Isfol, 2005, Rapporto 2005, La formazione continua, pp Osservatorio ISFOL n

Sistema Informativo Excelsior

Sistema Informativo Excelsior Sistema Informativo Excelsior Sintesi dei principali risultati - 2011 SOMMARIO TAVOLE STATISTICHE Appendice 1 Corrispondenza tra la classificazione di attività economica ATECO 2007 e i settori EXCELSIOR

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Flash Industria 4.2011

Flash Industria 4.2011 15 febbraio 2011 Flash Industria 4.2011 Nel quarto trimestre 2011, sulla base dell'indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato una flessione del -1,4 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno FABBISOGNI FORMATIVI E MERCATO DEL LAVORO Aprile 2008 Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno L economia provinciale All interno dell economia

Dettagli

Flash Industria 3.2011

Flash Industria 3.2011 08 novembre 2011 Flash Industria 3.2011 Nel terzo trimestre 2011, sulla base dell'indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato una crescita del +2,0 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera. Elisabetta Tondini

L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera. Elisabetta Tondini L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera Elisabetta Tondini Procede anche in Umbria il processo di terziarizzazione. Dai dati strutturali alcuni segnali di cambiamento Il percorso Sul rapporto

Dettagli

I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI PER IL 2013 Il Sistema Informativo Excelsior a supporto delle politiche del

I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI PER IL 2013 Il Sistema Informativo Excelsior a supporto delle politiche del I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI PER IL 2013 Il Sistema Informativo Excelsior a supporto delle politiche del lavoro e della formazione Conferenza stampa 23 luglio 2013

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

Il settore estrattivo in Italia

Il settore estrattivo in Italia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Sala del Consiglio 9 aprile 2013 Il settore estrattivo in Italia Analisi e valutazione delle strategie competitive per lo sviluppo sostenibile Francesca CERUTI

Dettagli

Indice. Introduzione pag. 12

Indice. Introduzione pag. 12 RAPPORTO 2006 SULLA FORMAZIONE CONTINUA Novembre 2006 Indice Introduzione pag. 12 Capitolo 1: I fenomeni 1.1 Gli investimenti delle imprese nella formazione del personale ed il contributo del finanziamento

Dettagli

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005 Alcuni spunti di interesse sul fenomeno infortunistico 2004 Aggiornamento al 15.03.2005 Roma, 28 aprile 2005 A) Infortuni sul lavoro: le tendenze in atto Circa 940.000 infortuni denunciati nel 2004: i

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

OSSERVATORIO ECONOMICO

OSSERVATORIO ECONOMICO Nell ultimo trimestre del 2013 gli indicatori di produzione (-5,8%), fatturato (-5,1%), ordinativi (-7,3%) e export (-0,4%) si riportano a valori sostanzialmente simili a quelli del secondo trimestre,

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413 ...... Osservatorio sui protesti...... G e n n a i o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo i mancati pagamenti e i gravi ritardi delle imprese... Sintesi dei risultati Nel terzo trimestre del i dati

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI COMMERCIALI IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI COMMERCIALI IN TICINO 13. Commercio STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI COMMERCIALI IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA E COSTRUZIONI 2. CHIMICA E FARMACEUTICA 3.

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Venezia, 10 novembre 2008 COMUNICATO STAMPA Indagine congiunturale di Unioncamere del Veneto sulle imprese manifatturiere III trimestre 2008 L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Trimestre negativo

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo LE ESPORTAZIONI ITALIANE A LIVELLO TERRITORIALE Nel corso dei primi nove mesi del 2015, l 80% delle regioni italiane ha conosciuto incrementi su base tendenziale delle proprie esportazioni. % 150 130 110

Dettagli

L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004

L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004 9 giugno 2005 L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

SDD ING-IND/35. Ingegneria economico-gestionale

SDD ING-IND/35. Ingegneria economico-gestionale Ingegneria economico-gestionale Il gruppo di ricerca Marco Mutinelli Renato Redondi Francesca Sgobbi Mariasole Bannò Valentina Morandi I temi di ricerca Internazionalizzazione Competenze e cambiamento

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

13. Consumi di energia elettrica

13. Consumi di energia elettrica 13. Consumi di energia elettrica Nel corso del 2005 è proseguita la crescita sostenuta dei consumi di energia elettrica a Roma, a cui si contrappone una certa stabilità nella congiuntura economica provinciale

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare Credito I trimestre 2014 A 4 CREDITO impieghi per il settore agricolo. In particolare, tutte le circoscrizioni hanno mostrato una tendenza all aumento

Dettagli

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a)

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a) Il Fondo di garanzia per le PMI (Legge 662/1996, art. 2 comma 1, lett. a) Report mensile I risultati al 3 aprile 215 1 Indice 1. Le domande presentate... 3 1.1 Le domande presentate nel periodo 1 gennaio-3

Dettagli

APPRENDISTATO, UNO STRUMENTO PER AIUTARE I GIOVANI

APPRENDISTATO, UNO STRUMENTO PER AIUTARE I GIOVANI Appunti APPRENDISTATO, UNO STRUMENTO PER AIUTARE I GIOVANI Sono 54 mila i giovani in apprendistato, pari al 15% degli occupati tra i 15 e i 9 anni d età. Nel biennio 009-010 si è registrato un calo complessivo

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

RAPPORTO TRENDER - I SEMESTRE 2008 -

RAPPORTO TRENDER - I SEMESTRE 2008 - RAPPORTO TRENDER - I SEMESTRE 2008 - L analisi congiunturale di TRENDER: indicatori di domanda fatturato totale - totale settori fatturato interno - totale settori 115 105,00 113,74 102,97 115,55 108,51

Dettagli

LA DOMANDA DI LAVORO NEL VENETO

LA DOMANDA DI LAVORO NEL VENETO Presentazione Il 2007 sarà un anno favorevole per il mercato del lavoro regionale, se si considerano i risultati dell indagine Excelsior sui fabbisogni occupazionali e professionali delle imprese. Infatti,

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico

Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico Osservatorio sindacale Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico 17 S.O.S. INDUSTRIA METALMECCANICA In caduta libera i dati dell occupazione 17 Rapporto sulle situazioni di crisi nel settore metalmeccanico

Dettagli

Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia

Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia La farmaceutica è un patrimonio manifatturiero che il Paese non può perdere La farmaceutica e il suo indotto 174 fabbriche 62.300 addetti

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011 IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI MODENA: ANDAMENTO CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA E DEGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA (CIGS E CIGO) NEL 2011 L andamento del mercato del lavoro nella provincia

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

Capitale umano Conoscenza Innovazione

Capitale umano Conoscenza Innovazione ISFOL Gruppo di ricerca «Indagini sulla domanda e sull offerta di formazione» Capitale umano Conoscenza Innovazione Il posizionamento dell Italia in Europa nei risultati delle Indagini Eurostat CVTS e

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

delle Partecipate e dei fornitori

delle Partecipate e dei fornitori ... I pagamenti della Pubblica Amministrazione,......... L u g l i o 2 0 1 4 Debito PA: miglioramenti più contenuti nel primo trimestre... Sintesi dei risultati C ontinuano nei primi tre mesi del 2014

Dettagli

Report incentivi ISI 2013

Report incentivi ISI 2013 Report incentivi ISI 2013 Il 29 maggio 2014 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 307,359 milioni di euro stanziati dall INAIL nell ambito del bando degli incentivi

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione. XV Rapporto sull apprendistato in Italia

L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione. XV Rapporto sull apprendistato in Italia L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione XV Rapporto sull apprendistato in Italia 2015 1 Il XV Rapporto di monitoraggio sull apprendistato è stato realizzato attraverso una

Dettagli

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014 Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 Osservatorio PMI 2014 -VI Edizione 1 Obiettivi Individuare le

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA RISULTATI GENERALI L andamento dell Industria di Roma e Provincia nel quarto trimestre del 2002 è risultato sostanzialmente negativo. Con riferimento al Comune, i

Dettagli

imprese della provincia di latina luglio 2013

imprese della provincia di latina luglio 2013 imprese della provincia di latina luglio 2013 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese della provincia di rapporto di ricerca secondo trimestre 2013 roma, 30 luglio 2013 (12153lq 02) agenda 1.

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL RECENTE STUDIO DELLA SVIMEZ CONFERMA NOTEVOLI DIFFERENZE TERRITORIALI ED EVIDENZIA SVANTAGGI COMPETITIVI ANCE SALERNO: CREDITO, CONFIDI A DUE VELOCITA Nel 2013 su oltre 22 miliardi

Dettagli

LE COMPETENZE CHE VALGONO UN LAVORO LE INDICAZIONI FORNITE DALLE IMPRESE ATTRAVERSO IL SISTEMA INFORMATIVO EXCELSIOR

LE COMPETENZE CHE VALGONO UN LAVORO LE INDICAZIONI FORNITE DALLE IMPRESE ATTRAVERSO IL SISTEMA INFORMATIVO EXCELSIOR Le sfide all'orizzonte 2020 e la domanda di competenze delle imprese LE COMPETENZE CHE VALGONO UN LAVORO LE INDICAZIONI FORNITE DALLE IMPRESE ATTRAVERSO IL SISTEMA INFORMATIVO EXCELSIOR Domenico Mauriello

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa

TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa Il progetto Trend: prime analisi sull efficacia dello strumento e sul patrimonio di dati acquisito Stefania Ghidorzi Cestec

Dettagli

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita A cura del Centro Studi Confindustria Toscana Qualche dato generale Gli investimenti diretti dall estero in Italia Secondo i dati dell Ufficio Italiano

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

Report incentivi ISI 2012

Report incentivi ISI 2012 Report incentivi ISI 2012 Il 18 aprile 2013 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 155 milioni di euro stanziati a fondo perduto dall INAIL nell ambito del bando degli

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

Qualità e valore del lavoro: le principali dinamiche di mercato degli ultimi anni.

Qualità e valore del lavoro: le principali dinamiche di mercato degli ultimi anni. Qualità e valore del lavoro: le principali dinamiche di mercato degli ultimi anni. Quali sono le aspettative delle imprese, come le imprese riconoscono e valorizzano la qualità dell'offerta: l'esperienza

Dettagli

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI 1 trimestre 201 Allegato Statistico Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica Maggio 201 1. Gli indicatori congiunturali Nel primo trimestre 201 le imprese

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 SIMONE CAPECCHI * Cresce ancora la domanda di credito da parte delle imprese ma si raffredda negli ultimi 2 trimestri. Al

Dettagli

Workshop Nuove informazioni statistiche per misurare la struttura e la performance delle imprese italiane

Workshop Nuove informazioni statistiche per misurare la struttura e la performance delle imprese italiane Workshop Nuove informazioni statistiche per misurare la struttura e la performance delle imprese italiane Aumento di qualità dei dati economici aggregati e nuovi indicatori sulle eterogeneità interne al

Dettagli

L attività congressuale del 2010

L attività congressuale del 2010 1 L attività congressuale del 2010 Per la città e la provincia di Firenze il turismo congressuale rappresenta uno dei segmenti di maggiore interesse, sia per la spesa media del turista congressuale che

Dettagli

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Documento di economia e finanza 2015 Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio Alleva Commissioni riunite V Commissione

Dettagli

Unione europea Fondo sociale europeo. Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI

Unione europea Fondo sociale europeo. Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI Unione europea Fondo sociale europeo Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI SISTEMA INFORMATIVO EXCELSIOR I fabbisogni occupazionali e formativi

Dettagli

di Franco Frigo, Roberto Angotti e Antonella Bernardini (ISFOL)

di Franco Frigo, Roberto Angotti e Antonella Bernardini (ISFOL) LA FORMAZIONE CONTINUA E LA PARTECIPAZIONE DEI DIPENDENTI PUBBLICI PARTE II - CAPITOLO 4 G L I I N V E S T I M E N T I I N F O R M A Z I O N E C O N T I N U A E L A P A R T E C I P A Z I O N E D E I L

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 Udine, 20 novembre 2015 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA CRISI ECONOMICA SULLE PMI ITALIANE ED ADEGUAMENTO DEGLI STUDI DI SETTORE

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA CRISI ECONOMICA SULLE PMI ITALIANE ED ADEGUAMENTO DEGLI STUDI DI SETTORE VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA CRISI ECONOMICA SULLE PMI ITALIANE ED ADEGUAMENTO DEGLI STUDI DI SETTORE 1 2 Analisi dell'andamento delle operazioni attive 2008 rispetto al 2007 206 Studi di Settore In

Dettagli

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono 13. Turismo Il turismo nel comune di Roma si conferma uno dei principali assi di sviluppo del territorio, costituendo, all interno del sistema economico e sociale, un elemento centrale di crescita, che

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

13. Consumi di energia elettrica

13. Consumi di energia elettrica 13. Consumi di energia elettrica Nell ambito dei Paesi industrializzati, e della loro tendenza a promuovere stili di sempre più orientati a comportamenti di consumo energivori, l Italia e ovviamente Roma

Dettagli

La CSR in Italia. Alcune tendenze in atto

La CSR in Italia. Alcune tendenze in atto La CSR in Italia. Alcune tendenze in atto Sodalitas Social Solution www.sodalitas.socialsolution.it Sodalitas Social Solution è l Osservatorio on line sulla Responsabilità e la Sostenibilità delle Aziende,

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014

PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014 PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014 Le previsioni occupazionali delle cooperative e delle imprese sociali nella Provincia di Bologna. Dati di consuntivo 2013 A cura di: Alessandro De Felice Ufficio Statistica

Dettagli

Il mercato del credito

Il mercato del credito Il mercato del credito 1 Gli sportelli bancari In riferimento alla distribuzione del numero di istituti bancari per sede amministrativa e del numero di sportelli per localizzazione geografica, i dati statistici

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

I SERVIZI MANTENGONO IL TREND DI CRESCITA :+0,6% NEGATIVO L ANDAMENTO DELLE VENDITE AL DETTAGLIO:-1%

I SERVIZI MANTENGONO IL TREND DI CRESCITA :+0,6% NEGATIVO L ANDAMENTO DELLE VENDITE AL DETTAGLIO:-1% Venezia, 26 dicembre 2008 COMUNICATO STAMPA Indagine congiunturale Unioncamere del Veneto sulle imprese del commercio e dei servizi III trimestre 2008 I SERVIZI MANTENGONO IL TREND DI CRESCITA :+0,6% NEGATIVO

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane 17 marzo 2004 Le esportazioni delle regioni italiane Anno 2003 Nel 2003 il valore delle esportazioni italiane ha registrato una flessione del 4 per cento rispetto al 2002. Dal punto di vista territoriale,

Dettagli

Analisi delle domande di brevetto pubblicate dallo European Patent Office nel periodo 1999-2012

Analisi delle domande di brevetto pubblicate dallo European Patent Office nel periodo 1999-2012 Analisi delle domande di brevetto pubblicate dallo European Patent Office nel periodo 1999-2012 (Contributo DINTEC al rapporto Giornata Economia 2013) 1. Il quadro nazionale Nel periodo 1999-2012 l EPO

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano La forza lavoro femminile Il mercato del lavoro in provincia di Bolzano è caratterizzato da un alto tasso di partecipazione, sia rispetto

Dettagli

La Stampa in Italia (2010 2012)

La Stampa in Italia (2010 2012) (2010 2012) Roma 5 giugno 2013 La crisi dell editoria quotidiana e periodica: la negativa congiuntura economica, l evoluzione tecnologica e i fattori di criticità strutturali L editoria quotidiana e periodica

Dettagli