LA RIDUZIONE DEGLI INVESTIMENTI FORMATIVI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE IN ITALIA. UN ANALISI DEL TREND NEL PERIODO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA RIDUZIONE DEGLI INVESTIMENTI FORMATIVI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE IN ITALIA. UN ANALISI DEL TREND NEL PERIODO 2000-2005"

Transcript

1 LA RIDUZIONE DEGLI INVESTIMENTI FORMATIVI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE IN ITALIA. UN ANALISI DEL TREND NEL PERIODO di Roberto Angotti*, Antonella Bernardini* Premessa Nell articolo si intende mettere in evidenza come negli ultimi anni, e in particolare nel periodo , sia cresciuto in Italia il divario tra le grandi imprese e le Piccole e medie imprese rispetto alla capacità di investire in formazione. Tale evidenza si manifesta soprattutto nei settori manifatturieri, quelli oggi più esposti alla concorrenza internazionale. A tal fine, sono stati analizzati i dati più recenti provenienti da diverse fonti, fra cui le indagini campionarie realizzate dall ISFOL. 1. Il ritardo delle imprese italiane nel contesto internazionale La crescita lenta e poco dinamica che ha caratterizzato lo scenario economico europeo in questi ultimi anni richiede da parte del sistema produttivo un forte impegno in ricerca, innovazione e sviluppo del capitale umano. Su questi temi le imprese italiane scontano un forte ritardo, ancor più marcato nel caso della formazione continua, un fenomeno che mentre all estero si è sviluppato rapidamente nel nostro Paese è rimasto, nel corso degli anni, strutturalmente sottodimensionato e con grandi potenzialità inespresse. Nelle graduatorie europee sugli investimenti delle imprese in ricerca e sviluppo e sul loro impegno in attività formative, l Italia è molto distanziata dai paesi del Nord Europa 1. L Indagine CVTS2 di Eurostat mostra per l Italia un valore molto basso dell incidenza delle imprese formatrici, pari al 23,9%, a fronte di una media europea del 62%. Rispetto a * ISFOL, Area Politiche e offerte per la Formazione Continua. 1 Cfr. Bassanini A. et alii, Workplace Training in Europe, 2005 Osservatorio ISFOL n

2 questo indicatore l Italia occupa la terzultima posizione nell Ue-15 e non migliora di molto se consideriamo l Ue In Italia nel , la quota di unità locali provinciali (ULP) impegnate in attività di formazione non supera il 20% e i dipendenti coinvolti nei corsi promossi dalle imprese sono stati il 19,3% del totale. 2. Il trend generale L andamento complessivo negli ultimi cinque anni (fig. 1), mette in evidenza due tendenze apparentemente contraddittorie: l incidenza delle unità locali che fanno formazione, registrata nel primo triennio, mostra una buona crescita, passando dal 18,9% nel 2000 al 24,7% nel 2002; tale crescita è quasi del tutto compromessa nel biennio successivo, in cui si assiste ad un calo di circa 5 punti percentuali, facendo ritornare la situazione quasi ai livelli di cinque anni prima; la percentuale di dipendenti formati, seppur in misura contenuta, cresce in modo costante, con un buon andamento soprattutto fra il 2001 e il Il trend degli investimenti in formazione da parte delle imprese è complessivamente crescente, passando da 895 milioni di euro nel 2000 a milioni di euro nel Tuttavia, come vedremo più avanti, la crescita è interamente imputabile alle grandi imprese. 2 Si fa riferimento ai dati dell Indagine CVTS2, relativi al 1999, sulla formazione continua nelle imprese con 10 e più addetti (Eurostat, 2002, Continuing Vocational Training Survey. Data 1999, Luxembourg, Office for Official Pubblications of the European Communities; Istat, 2002, a cura di G. Perani, La formazione del personale nelle imprese italiane. Anno 1999, Statistiche in Breve, 1 agosto, Roma; Isfol, 2003, Rapporto Monografie, La domanda di formazione continua in Italia. Caratteristiche, comportamenti e atteggiamenti di lavoratori e imprese, Roma; in part. cfr. pp ). 3 Unioncamere-MLPS, 2005, Sistema informativo Excelsior. Sintesi dei principali risultati, Roma. Il sistema Excelsior rileva informazioni sui fabbisogni professionali previsti dalle imprese private (unità locali provinciali, con almeno un dipendente) nell anno successivo alla rilevazione e sulla formazione continua realizzata nell anno in corso. Osservatorio ISFOL n

3 Fig. 1 - Unità locali provinciali che hanno realizzato attività di formazione e dipendenti formati negli anni (valori percentuali) 30 Imprese Dipendenti 25 24,7 22, ,9 17,5 13,9 13,8 17,3 19,2 20,0 19, Fonte: elaborazioni ISFOL-Area Politiche e offerte per la Formazione Continua su dati Unioncamere-Ministero del Lavoro, S. I. Excelsior In generale, la propensione alla formazione è correlata positivamente alla dimensione d impresa cresce infatti al crescere dell organico aziendale -, con un divario che nel 2004 raggiunge quasi i 60 punti percentuali: dal 17,1% delle micro-imprese al 76,1% delle imprese con più di 500 dipendenti (tab. 1). 3. Polarizzazione dei comportamenti formativi per tipologia d impresa Fino al 2002, l incremento della propensione formativa si era manifestato, in modo uniforme, in tutte le classi dimensionali d impresa. Nel 2003, anno in cui si comincia a manifestare un andamento negativo, la diminuzione della quota di ULP formatrici si concentra in modo rilevante soprattutto tra le piccole e medie imprese, a fronte di una sostanziale tenuta sia delle micro-unità che delle imprese di maggiore dimensione. Negli ultimi due anni si assiste all avvio di un processo che sembra condurre alla creazione di due poli: da una parte le grandi imprese, che mantengono una buona performance, dall altra le Pmi, che tendono ad avvicinarsi sempre di più ai comportamenti delle micro-imprese (fig. 2). Osservatorio ISFOL n

4 Fig. 2 - Unità locali provinciali che hanno realizzato attività di formazione negli anni , per dimensione dell organico aziendale (valori percentuali) Dip Dip Dip. >= 250 Dip Fonte: elaborazioni ISFOL-Area Politiche e offerte per la Formazione Continua su dati Unioncamere-Ministero del Lavoro, S. I. Excelsior La figura 3 conferma l esistenza di un vero e proprio dualismo fra le grandi imprese e le unità di dimensione minore, che si manifesta in misura ancora più accentuata rispetto alla quota di dipendenti formati. Se quindi consideriamo l andamento dei tre principali indicatori (incidenza delle imprese formatrici, partecipazione dei dipendenti e importo della spesa in formazione), isolando il contributo delle grandi imprese da quello delle altre imprese (Pmi e micro) notiamo come il trend generale della formazione continua nel quinquennio sia significativamente influenzato dall andamento specifico delle grandi imprese. Fig. 3 Dipendenti formati nelle ULP negli anni , per dimensione dell organico aziendale (valori percentuali) Dip Dip Dip. >= 250 Dip Fonte: elaborazioni ISFOL-Area Politiche e offerte per la Formazione Continua su dati Unioncamere-Ministero del Lavoro, S. I. Excelsior Osservatorio ISFOL n

5 Tuttavia, la crescita nel segmento delle grandi imprese, mostrata dal trend nel quinquennio, sembra essere speculare rispetto al decremento verificatosi fra le Pmi. Focalizzando l attenzione sugli ultimi tre anni, periodo in cui si verifica l inversione di tendenza, si nota come il maggior calo si concentra soprattutto tra le imprese dei settori industriali. La variabile territoriale sembra essere invece meno rilevante: solo nelle regioni del Nord-Ovest la riduzione appare più contenuta; tuttavia rimane consistente il divario fra il Sud e le altre aree del Paese (tab. 1). Tab. 1 - Unità locali provinciali che hanno realizzato attività di formazione negli anni , per macrosettore di attività, classe dimensionale e ripartizione geografica (valori percentuali) Totale 24,7 22,4 20,0 Industria 22,7 19,7 16,6 Servizi 26,1 24,3 22,3 1 9 Dipendenti 19,8 17,3 17, Dipendenti 45,3 37,8 26, Dipendenti 54,6 52,7 37,1 >= 250 Dipendenti 63,6 72,2 * Nord-Ovest 24,8 23,0 21,5 Nord-Est 28,1 25,6 22,7 Centro 24,2 21,6 19,0 Sud e Isole 22,0 19,6 16,7 * dip.= 61,4%; 500 dip. e oltre = 76,1%. Fonte: Unioncamere-Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior Una maggiore disaggregazione territoriale relativa al 2004 (fig. 4) mostra un buon livello di omogeneità all interno delle aree geografiche, fatta eccezione per il Sud, in cui alla buona performance delle imprese operanti nelle regioni del versante adriatico si contrappone un basso contributo da parte delle imprese calabresi e siciliane, mentre nel Nord-Est si conferma il buon andamento degli anni scorsi nelle imprese del Friuli Venezia Giulia. Osservatorio ISFOL n

6 Fig. 4 - Unità provinciali che hanno realizzato, internamente o esternamente, corsi di formazione, per regione (2004, %) 20,5 21,4 21,8 21,8 23,4 22, ,3 17,8 18,8 20,5 19,5 19, ,3 16,1 16, ,9 ULP formatrici incidenza percentuale 22 a 27,3 (4) 19,5 a 22 (6) 17,8 a 19,5 (5) 14,9 a 17,8 (5) 15,3 Fonte: elaborazioni ISFOL-Area Politiche e offerte per la Formazione Continua su dati Unioncamere-Ministero del Lavoro, S. I. Excelsior La disaggregazione settoriale relativa al 2004 mostra che nell industria la maggior presenza di ULP formatrici si concentra nel settore della produzione di energia, gas e acqua, delle industrie chimiche e petrolifere e delle industrie elettriche, elettroniche, ottiche e medicali. Nei servizi, i settori trainanti sono quelli della sanità e dei servizi privati, del credito e delle assicurazioni, degli altri servizi alle persone e dell informatica e telecomunicazioni (tab. 2). Tuttavia, è proprio in alcuni di questi settori che si registra una maggiore variazione negativa nel periodo Questa variazione, pari in media a -4,7 punti percentuali, presenta un elevata variabilità sia a livello settoriale che per dimensione d impresa. 4. Il trend negativo nelle Piccole e medie imprese Come già osservato, sono soprattutto le piccole e medie imprese a determinare il segno negativo della variazione di ULP formatrici tra il 2002 e il 2004, con valori pari a -19% nel Osservatorio ISFOL n

7 segmento dipendenti e a -17,5% in quello dipendenti (tab. 2), riduzione particolarmente preoccupante in quanto avvenuta quasi interamente nell ultimo anno ( : -1,9%; : -15,6% - fig. 5). Fig. 5 Variazione percentuale fra gli anni delle unità locali provinciali che hanno svolto attività di formazione per classi dimensionali 10 8, M e d i a 1-9 add e oltre e oltre -0,2-2,3-2,4-2,5-1,9-0, ,5-6,5-11, ,6 variazione nelle grandi imprese (classi dip. e 500 dip. e oltre) Variazione % Variazione % Fonte: elaborazione ISFOL su dati Unioncamere-MLPS Sistema Informativo Excelsior La tabella 2 mostra, inoltre, come quasi tutti i settori industriali registrano una variazione negativa, soprattutto fra le industrie chimiche e petrolifere (-15%), le industrie estrattive (- 14,8%), le industrie elettriche, elettroniche, ottiche e medicali (-14,3%). Analizzando l andamento settoriale all interno delle due classi dimensionali di Pmi, osserviamo una maggiore difficoltà per le ULP industriali con dipendenti, in particolare nei settori della estrazione di minerali, dell industria alimentare, dell industria dei beni per la casa, del tempo libero e altre manifatture e della produzione di energia, gas e acqua. Il comportamento delle Pmi in questi settori può probabilmente essere spiegato da una combinazione di fattori macroeconomici, che hanno colpito particolarmente le piccole e medie imprese manifatturiere maggiormente esposte alla concorrenza internazionale - come ben evidenziato dall Indagine congiunturale Confapi-Unicredit Banca d impresa sulle Pmi Osservatorio ISFOL n

8 industriali 4 -, e di altri fattori, fra cui una maggiore difficoltà gestionale nella pianificazione dei fabbisogni formativi interni rispetto alle grandi imprese. Tab. 2 Unità locali provinciali che hanno realizzato attività di formazione nel 2004 e variazione percentuale fra gli anni , per settore di attività economica (confronto tra PMI e media generale) SETTORI dip variazione dip. media dip. dip. media Totale 26,4 37,1 20,0-19,0-17,5-4,7 Industria 22,4 33,9 16,6-19,0-22,9-6,1 Estrazione di minerali 21,5 31,1 16,9-25,5-42,9-14,8 Industrie alimentari, delle bevande e del tabacco 22,4 23,8 12,3-37,8-40,8-8,8 Industrie tessili, dell'abbigliamento e calzature 10,7 20,3 8,9-16,9-23,9-6,0 Industrie del legno e del mobile 17,8 28,3 10,1-17,8-23,3-6,8 Industrie della carta, della stampa ed editoria 20,8 35,1 16,9-14,3-21,6-2,9 Industrie chimiche e petrolifere 29,3 45,8 34,3-34,3-17,3-15,0 Industrie della gomma e delle materie plastiche 25,9 42,6 19,8-16,6-14,6-11,8 Industrie dei minerali non metalliferi 18,8 28,5 14,5-25,2-17,3-7,9 Industrie dei metalli 24,7 38,3 16,6-16,8-19,7-7,1 Industrie meccaniche e dei mezzi di trasporto 26,1 40,2 25,1-24,2-23,0-13,3 Industrie elettriche, elettroniche, ottiche e medicali 29,0 43,9 28,1-25,1-20,0-14,3 Ind. beni per la casa, tempo libero e altre manifatturiere 12,6 21,8 8,2-14,2-32,9-5,6 Produzione e distribuzione di energia, gas e acqua 20,8 35,9 43,1-44,7-31,9-5,2 Costruzioni 28,3 29,0 17,3-13,1-24,6-2,3 Servizi 31,1 39,7 22,3-19,2-12,8-3,8 Commercio al dettaglio 23,4 30,5 17,3-22,7-16,6-0,4 Commercio e riparazione di autoveicoli e motocicli 45,4 46,3 21,4-5,4 14,0-1,1 Commercio all'ingrosso 25,8 40,9 17,8-30,7-17,4-8,5 Alberghi, ristoranti e servizi turistici 23,8 27,9 12,7-10,0-22,1-0,9 Trasporti e attività postali 23,3 28,5 18,6-11,9-13,3-0,1 Informatica e telecomunicazioni 46,5 55,0 34,2-8,4-0,7-5,5 Servizi avanzati alle imprese 42,0 50,0 30,0-15,6-15,5-2,6 4 L indagine congiunturale Confapi-Unicredit Banca d impresa sulle Pmi industriali mostra le grandi difficoltà che il settore manifatturiero attraversa in questi anni a causa della profonda ristrutturazione del tessuto produttivo. Ad essere particolarmente colpiti sono settori tradizionali come il calzaturiero e il tessile-abbigliamento, sotto attacco da parte dei nuovi attori asiatici. Al peggioramento degli indicatori aziendali (ordini e saldi scendono nel 2005 rispettivamente da 4,7% a -3,3% in Europa e da 5,6% a -5,9% in Italia) corrisponde un generale affievolirsi del tradizionale ottimismo degli imprenditori che caratterizzava le attese per il futuro. Cfr. Confapi-Unicredit Banca d impresa, , Laboratorio PMI. Indagine congiunturale, (I e II semestre 2004; I e II semestre 2005). Osservatorio ISFOL n

9 Credito, assicurazioni e servizi finanziari 41,6 64,8 38,5-20,9-3,6 1,3 Servizi operativi alle imprese e alle persone 27,3 31,7 20,6-17,4-17,2-0,6 Istruzione e servizi formativi privati 47,1 43,5 33,9-22,5-6,2-5,7 Sanità e servizi sanitari privati 50,2 49,4 43,5-15,6-17,8-7,6 Altri servizi alle persone 29,2 31,8 38,5-32,2-28,5-1,2 Studi professionali 39,3 38,5 20,7 7,5-4,4-7,7 Fonte: elaborazioni ISFOL-Area Politiche e offerte per la Formazione Continua su dati Unioncamere-Ministero del Lavoro, S. I. Excelsior 5. Gli investimenti formativi e il finanziamento pubblico L andamento degli investimenti in formazione da parte delle imprese, mostrato in figura 6, conferma l ipotesi precedentemente avanzata attraverso l analisi delle figure 1-3, per cui al dinamismo delle grandi imprese corrisponde una situazione stagnante di Pmi e microimprese. Fig. 6 - Spesa complessiva sostenuta per la formazione dalle ULP negli anni , per dimensione dell organico aziendale (migliaia di Euro) micro-imprese pmi grandi imprese Fonte: elaborazioni ISFOL-Area Politiche e offerte per la Formazione Continua su dati Unioncamere-Ministero del Lavoro, S. I. Excelsior Complessivamente nel 2004 la spesa per formazione da parte delle imprese ha raggiunto l importo di 1.603,5 milioni di Euro, di cui il 56% è concentrata sulle unità con oltre 250 dipendenti, il 27% sulle Pmi e il restante 17% sulle micro-imprese. Il divario fra le grandi imprese e le piccole raggiunge i 39 punti percentuali. Osservatorio ISFOL n

10 L'incidenza del finanziamento pubblico sulla spesa per la formazione continua è pari al 6,5%, valore in forte diminuzione rispetto agli anni precedenti e dimezzato rispetto al Interessante risulta la percentuale di finanziamento pubblico intercettata dalle grandi imprese nel 2002, pari al 17,9%, che potrebbe aver prodotto negli anni successivi effetti di tipo aggiuntivo o comunque un effetto di sollecitazione agli investimenti privati in formazione (tab. 3). Tab. 3 - Spesa complessiva sostenuta per la formazione negli anni (in migliaia di euro), percentuale di fondi pubblici, per classe dimensionale Totale Dip Dip Dip >= 250 Dip di cui % fondi pubblici: Totale 12,9 9,7 12,5 8,4 6,5 1-9 Dip. 10,0 6,2 4,7 7,3 3, Dip. 17,2 13,8 9,1 8,8 8, Dip. 16,4 13,7 14,0 6,6 8,2 >= 250 Dip. 11,1 8,6 17,9 8,8 * * dip.= 6,9%; 500 dip. e oltre = 6,4%. Fonte: Unioncamere-Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior Dalla seconda Indagine campionaria su "Le politiche di formazione delle Grandi Imprese in Italia"5 (ISFOL-Area Politiche e offerte per la formazione continua) emerge come le grandi imprese sembrano possedere un buon livello di consapevolezza dell utilità dello strumento di finanziamento pubblico, e ciò consente loro di raggiungere obiettivi formativi di qualità: l utilizzo del sostegno pubblico è finalizzato non soltanto all aggiornamento obbligatorio e alla formazione di tipo manutentivo ma anche a promuovere sviluppo e competitività e per accrescere le competenze tecniche operative nei processi produttivi, capacità manageriali e caratteristiche dei prodotti. 5 L Indagine campionaria ISFOL su Le politiche di formazione delle Grandi Imprese in Italia, realizzata dall Area Politiche e offerte per la Formazione continua, è inserita nel Piano Statistico Nazionale del SISTAN (ISF-00021). I dati riportati in questa sede fanno riferimento alla rilevazione effettuata nel I risultati finali dell indagine sono in corso di pubblicazione presso la collana dei Libri del FSE dell Isfol. Alcuni primi risultati dell indagine sono stati anticipati in ISFOL (2004), Rapporto 2004, e in MLPS (2004), Rapporto 2004 sulla formazione continua in Italia. Osservatorio ISFOL n

11 Nella maggior parte dei casi, le imprese che utilizzano il finanziamento pubblico mostrano, a parità di altri fattori, una maggiore capacità di coinvolgimento dei propri dipendenti in attività di formazione rispetto alle altre imprese. Inoltre l utilizzo dei finanziamenti pubblici tende a divenire ricorsivo per gli anni successivi. Le difficoltà nell ottenere un finanziamento pubblico da parte delle piccole imprese sembrano derivare principalmente dalla carenza di informazione ma spesso anche da un atteggiamento passivo dell impresa nel rapporto con la Pubblica Amministrazione (ISFOL, Indagine sulla Formazione Continua nelle PMI). Nel Centro-Nord la principale fonte di finanziamento pubblico utilizzata dalle Pmi per la realizzazione di corsi interni di formazione è stato il Fondo Sociale Europeo: il 45% delle imprese che hanno dichiarato di aver fatto ricorso al sostegno pubblico utilizza prevalentemente il Fse, mentre il 29% ricorre alla legge 236/93. Limitando l analisi al rapporto fra utilizzo del Fse e della legge 236, si nota come il Fse sia stato maggiormente utilizzato dalle imprese più grandi, e nei settori dei servizi e della manifattura (fig. 7). Fig. 7 - Fonti di finanziamento utilizzate dalle Pmi per realizzare corsi interni, per macrosettore e dimensione aziendale (Centro-Nord, 2003, %) 90,0 80,0 72,9 78,4 70,0 67,6 60,0 53,0 58,6 54,9 60,4 53,9 50,0 47,0 42,3 45,1 40,0 32,4 35,9 30,0 24,4 20,0 10,0 0, Manifattura Costruzioni Commercio Servizi Dipendenti in classi Settore Fondo sociale Europeo Legge nazionale 236/93 Nota: il totale può essere superiore a 100 in quanto un'impresa può aver utilizzato entrambe le fonti di finanziamento. Fonte: Indagine sulla Formazione Continua nelle PMI 2004 [ISFOL, Area Politiche e offerte per la formazione continua] Osservatorio ISFOL n

12 La tabella che segue mostra l associazione esistente tra il canale di finanziamento utilizzato per la formazione e il livello di inquadramento dei lavoratori formati. In generale, i dati mostrano la tendenza, da parte delle imprese, ad utilizzare il sostegno pubblico (in particolare il Fse) per formare i dipendenti con qualifiche professionali medio-alte. In media, le imprese che organizzano corsi interni formano il 51,4% del proprio organico. Il tasso di copertura dei formati non varia di molto nelle imprese che ricevono finanziamenti pubblici. Quella che varia è la platea di lavoratori raggiunti dagli interventi formativi: mentre la percentuale di operai e lavoratori generici formati dalle imprese è, in media, pari al 50,6%, quando l impresa utilizza il Fondo Sociale Europeo tale percentuale si abbatte di quasi 20 punti. Il contrario avviene nel caso delle qualifiche impiegatizie e dirigenziali. Viceversa, il finanziamento ex lege 236 è utilizzato per raggiungere un numero più elevato di lavoratori inquadrati ai livelli più bassi, rispetto a dirigenti e quadri superiori (tab. 4). Tab. 4 - Incidenza dei dipendenti formati per livello d inquadramento e fonte di finanziamento nelle Pmi (Centro-Nord, 2003, %) Media dipendenti formati Dirigenti e quadri superiori Quadri intermedi/tecnici Impiegati/lavoratori qualificati Operai/lavoratori generici Totale 51,4 39,2 53,1 52,9 50,6 Finanziamento FSE 52,8 59,5 71,2 71,0 30,9 Finanziamento Legge 236/93 53,6 29,1 78,2 65,5 36,4 Fonte: Indagine sulla Formazione Continua nelle PMI 2004 [ISFOL, Area Politiche e offerte per la formazione continua] Dal punto di vista territoriale, nel quinquennio la spesa in formazione è maggiore nel Nord Ovest, in coerenza con i più alti tassi di copertura dei dipendenti, con una percentuale di finanziamento pubblico pressoché omogenea fra le varie aree territoriali (tab. 5). Tab. 5 - Spesa complessiva per la formazione negli anni (in migliaia di euro), percentuale di fondi pubblici, per ripartizione territoriale Totale Nord-Ovest Nord-Est Centro Sud e Isole di cui % fondi pubblici: 12,9 9,7 12,5 8,4 6,5 Nord-Ovest 11,0 7,3 12,0 10,8 6,3 Nord-Est 14,3 12,1 12,4 7,6 7,2 Centro 10,9 8,8 12,4 5,5 5,6 Sud e Isole 17,2 12,4 13,6 7,6 7,1 Osservatorio ISFOL n

13 Fonte: Unioncamere-Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior Nel 2004, l analisi della percentuale di fondi pubblici relativi alla spesa complessiva sostenuta per la formazione mostra un elevata variabilità, sia per classe dimensionale che per area territoriale. Ad aver fatto maggiore ricorso al finanziamento pubblico rispetto alla media sono proprio le Pmi, ossia il segmento dimensionale di impresa che ha mostrato una minore propensione formativa; in particolar modo questa evidenza si nota tra le imprese del Mezzogiorno (soprattutto in Campania, Basilicata e Calabria), mentre è molto bassa nelle regioni del Centro (in particolare nel Lazio). Solo nel Nord Est le micro-imprese mostrano una maggiore capacità di intercettare il finanziamento pubblico (come in Friuli e in Veneto) a differenza di quanto avviene nelle altre regioni (soprattutto Lazio, Molise, Campania, Calabria e Sicilia) (tab. 6). Tab. 6 - Spesa complessiva sostenuta per la formazione realizzata nell'anno 2004 (in migliaia di Euro) e % di fondi pubblici per classe dimensionale e per area geografica 1-9 Dipendenti Dipendenti Dipendenti Dipendenti >= 500 Dipendenti Totale Nord-Ovest Nord-Est Centro Sud e Isole Totale di cui % fondi pubblici: Nord-Ovest Nord-Est Centro Sud e Isole Totale 1-9 Dipendenti 2,9 5,6 2,8 2,5 3, Dipendenti 8,6 8,2 8,5 9,6 8, Dipendenti 6,2 7,5 4,8 18,1 8, Dipendenti 6,0 11,6 4,0 7,9 6,9 >= 500 Dipendenti 6,9 6,6 6,3 5,6 6,4 Totale 6,3 7,2 5,6 7,1 6,5 Fonte: Unioncamere-Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior Gli investimenti più rilevanti sono concentrati nelle grandi imprese dei settori dell industria meccanica e dei mezzi di trasporto, dell informatica e telecomunicazioni, trasporti e attività postali, credito e assicurazioni. Osservatorio ISFOL n

14 I settori con la maggiore percentuale di finanziamento pubblico, istruzione e servizi formativi, industrie tessili, trasporti e attività postali, sanità, industrie del legno e del mobile. Fra le Pmi emergono anche altri settori quali: industria dei minerali non metalliferi, della plastica, alberghi e ristoranti, altri servizi alle persone. 6. La partecipazione dei dipendenti alle attività formative Negli ultimi cinque anni la quota di dipendenti formati nelle ULP è cresciuta dal 13,9% del 2000 al 19,3% del Tuttavia, seppure complessivamente in crescita, sono ancora meno di due milioni i lavoratori che hanno usufruito di un opportunità formativa offerta dalle imprese. La distribuzione di tali opportunità è però fortemente disomogenea tra le diverse dimensioni di impresa: sono soprattutto le grandi imprese a coinvolgere una quota maggiore di lavoratori. Anche il settore di attività economica è una variabile discriminante: le imprese del terziario formano una quota maggiore dei propri lavoratori e questo è, probabilmente, un ulteriore elemento che contribuisce a spiegare l incremento della partecipazione dei lavoratori a fronte di una riduzione delle imprese formatrici; infatti, come già illustrato, la riduzione si registra soprattutto tra quelle industriali (tab. 7). Tab. 7 - Percentuale di dipendenti formati negli anni per macro settore di attività, classe dimensionale e ripartizione geografica (valori percentuali) Totale 17,3 19,2 19,3 Industria 14,5 16,0 15,6 Servizi 20,2 22,1 22,7 1-9 Dipendenti 11,0 9,7 11, Dipendenti 12,9 11,3 11, Dipendenti 17,1 18,0 15,3 >= 250 Dipendenti 28,8 37,6 * Nord-Ovest 18,7 20,5 21,0 Nord-Est 17,4 18,9 18,4 Centro 17,3 19,0 19,3 Sud e Isole 14,8 16,7 17,4 * dip.= 29,5%; 500 dip. e oltre = 39,4%. Fonte: Unioncamere-Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior Osservatorio ISFOL n

15 All interno dell impresa, la variabile che maggiormente determina la probabilità di accesso alle attività formative è, come noto, il livello di inquadramento professionale del lavoratore 6. La tabella 8 mostra come la percentuale di operai formati sia di molto inferiore rispetto a quella dei dirigenti e degli impiegati e nel corso degli anni il training divide sia ulteriormente aumentato. Tab. 8 - Percentuale di dipendenti formati negli anni , per posizione nella professione Anno Dirigenti Impiegati Operai media ,7 19,3 10,7 13, ,0 20,2 10,1 13, ,5 24,9 13,0 17, ,5 28,5 13,0 19, ,2 27,9 13, Fonte: Unioncamere-Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior Per quanto riguarda le modalità di organizzazione e gestione della formazione, la maggior parte delle imprese sembra preferire i corsi esterni per aggiornare e formare i propri dipendenti (66,9%), in particolare tra le micro-imprese (69,5%). Le grandi imprese mostrano una maggiore internalizzazione della formazione; infatti la modalità maggiormente utilizzata è quella dei corsi interni, seguita dall affiancamento (tab. 9). Tab. 9 - Unità locali provinciali che hanno realizzato, nel corso del 2004, attività di formazione e aggiornamento professionale per classe dimensionale e per tipologia di formazione (%) Corsi interni Corsi esterni Affiancamento Altro Unità provinciali formatrici (%) 1-9 Dipendenti 31,4 69,5 23,3 7,2 17, Dipendenti 50,2 56,7 24,9 6,4 26, Dipendenti 65,3 57,9 43,0 14,2 37, Dipendenti 82,1 74,3 77,1 46,9 61,4 >= 500 Dipendenti 93,8 79,2 84,6 55,0 76,1 TOTALE 41,0 66,9 28,9 10,6 20,0 *Il totale è superiore a 100 perchè sono ammesse risposte multiple Fonte: Unioncamere - Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior 6 Il fenomeno per cui fruisce della formazione soprattutto chi ha una formazione iniziale più elevata (Unioncamere, Rapporto Excelsior Alcune tendenze evolutive del mercato del lavoro in Italia, Roma, 2005) ed occupa una posizione professionale più alta emerge da diverse indagini. I dati più aggiornati per l Italia sono relativi alla rilevazione 2005 dell Indagine campionaria Isfol Atteggiamenti e comportamenti dei lavoratori verso la formazione continua. Osservatorio ISFOL n

16 L approfondimento sulle Pmi realizzato con l Indagine su La formazione continua nelle PMI 7 (ISFOL-Area Politiche e offerte per la formazione continua) mette in evidenza un dato ulteriore: il ricorso molto diffuso a pratiche di formazione meno strutturate da parte delle Pmi rispetto alle grandi imprese, è dovuto in parte alla molteplicità degli approcci formativi adottati in questo segmento d impresa. All interno delle Pmi, l adozione di un approccio più o meno strutturato varia, inoltre, in relazione alle caratteristiche del capitale umano disponibile in azienda, le quali spesso influenzano non solo la scelta della tipologia formativa, ma anche gli strumenti e gli approcci adottati, oltre che i contenuti dell attività formativa 8. Tuttavia, l indagine evidenzia come l attività di formazione più strutturata, ossia quella realizzata attraverso corsi interni, presenti la capacità di coinvolgere in formazione un numero superiore di dipendenti, rispetto ad altre modalità. Attraverso i corsi interni, le Pmi del Centro-Nord hanno coinvolto oltre la metà dei lavoratori delle imprese che hanno organizzato formazione. Tali lavoratori rappresentano il 25% del totale dei dipendenti delle imprese del Centro-Nord (tab. 10). Tab Dipendenti formati per tipologia di formazione (Centro-Nord, 2003, domanda a risposta multipla) Tipologia di formazione Dipendenti formati nelle Pmi formatrici Dipendenti formati nelle Pmi Corsi di formazione a gestione interna 51,4 25,1 Corsi di formazione a gestione esterna 18,2 8,3 Rotazioni delle mansioni, affiancamento nel lavoro e/o periodi di addestramento pratico 26,8 14,6 Iniziative formative a distanza 15,6 0,6 Stages e tirocini formativi 13,7 0,7 Gruppi di miglioramento o gruppi di autoformazione 40,4 9,7 Convegni seminari, mostre e fiere 17,1 8,5 Fonte: Indagine sulla Formazione Continua nelle PMI 2004 [ISFOL, Area Politiche e offerte per la formazione continua] 7 L Indagine campionaria ISFOL su La formazione continua nelle Piccole e medie imprese. Comportamenti, atteggiamenti, ruolo del territorio, realizzata dall Area Politiche e offerte per la Formazione continua, è inserita nel Piano Statistico Nazionale del SISTAN (ISF-00022). I dati riportati in questa sede fanno riferimento alla rilevazione effettuata nel 2004 nelle regioni del Centro-Nord. I campioni sono stati selezionati a partire dall'archivio ASIA di ISTAT e sono rappresentativi a livello regionale. La rilevazione è stata condotta nel periodo giugno-luglio 2004, con tecnica CATI. I risultati finali dell indagine sono in corso di pubblicazione presso la collana dei Libri del FSE dell Isfol. Alcuni primi risultati descrittivi dell indagine sono stati anticipati in ISFOL (2004), Rapporto 2004, e in MLPS (2004), Rapporto 2004 sulla formazione continua in Italia. 8 Cfr. Isfol, 2005, Rapporto 2005, La formazione continua, pp Osservatorio ISFOL n

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

La diffusione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nell agroindustria calabrese

La diffusione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nell agroindustria calabrese La diffusione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nell agroindustria calabrese Rapporto di ricerca a cura dell'osservatorio ICT Calabria Luglio 2013 Il Rapporto è realizzato dall Osservatorio

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

Osservatorio nazionale distretti italiani

Osservatorio nazionale distretti italiani Osservatorio nazionale distretti italiani Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani- Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali 4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali di Maurizio Gambuzza e Maurizio Rasera * La conclusione del 2011 ha portato con sé molte delusioni. La sua prima metà aveva fatto sperare

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Dieci anni di scuola calabrese

Dieci anni di scuola calabrese REGIONE CALABRIA Dipartimento Istruzione, Università, Alta Formazione, Innovazione e Ricerca Osservatorio Regionale sull Istruzione e il Diritto allo Studio Dieci anni di scuola calabrese Luglio 2009 REGIONE

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Il presente rapporto è frutto di un lavoro di ricerca dello Staff SSRMdL di Italia Lavoro, coordinato da Maurizio Sorcioni,

Dettagli

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Primo Rapporto ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA 10. RIFIUTI CAPITOLO 10 RIFIUTI Autori: Letteria ADELLA 1, Gabriella ARAGONA 1, Patrizia D ALESSANDRO 1, Valeria FRITTELLONI 1, Cristina FRIZZA 1, Andrea Massimiliano LANZ 1, Rosanna LARAIA 1, Irma LUPICA

Dettagli

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio Working Paper A s s o c i a z i o n e p e r g l i S t u d i I n t e r n a z i o n a l i e C o m p a r a t i s u l D i r i t t o d e l l a v o r o e s u l l e R e l a z i o n i i n d u s t r i a l i Tirocini

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Il presente Rapporto è stato realizzato da un gruppo di ricerca congiunto

Dettagli

MONITORAGGIO SULL APPRENDISTATO. XIV Rapporto

MONITORAGGIO SULL APPRENDISTATO. XIV Rapporto MONITORAGGIO SULL APPRENDISTATO XIV Rapporto Dicembre 2013 I capitoli 1, 2 e 4 sono stati realizzati dall ISFOL, con il coordinamento di Sandra D Agostino e Silvia Vaccaro. Sono autori dei testi: Arianna

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

LE IMPRESE ARTIGIANE ITALIANE NEL CORSO DELLA CRISI: UNA PRIMA ANALISI DELL EVOLUZIONE STRUTTURALE DAL PUNTO DI VISTA SETTORIALE E TERRITORIALE

LE IMPRESE ARTIGIANE ITALIANE NEL CORSO DELLA CRISI: UNA PRIMA ANALISI DELL EVOLUZIONE STRUTTURALE DAL PUNTO DI VISTA SETTORIALE E TERRITORIALE 64 Quaderni di ricerca sull artigianato 65 - Sennet R. (2008), L uomo artigiano, Feltrinelli, Milano. - Sennet R. (2012), Insieme. Rituali, piaceri, politiche della collaborazione, Feltrinelli, Milano.

Dettagli

INDICE. Presentazione 3

INDICE. Presentazione 3 L APPRENDISTATO NEI TRASPORTI DELLA PROVINCIA DI ROMA L IMPATTO E LE POTENZIALITÀ DI UNA POLITICA ATTIVA DEL LAVORO, TRA DINAMICHE DI SVILUPPO E MUTAMENTI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DELLE IMPRESE Roma, Dicembre

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VARESE. Rapporto sull economia della provincia di Varese

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VARESE. Rapporto sull economia della provincia di Varese CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VARESE Rapporto sull economia della provincia di Varese Ricerca condotta dalla Università Carlo Cattaneo LIUC LA STRUTTURA DEL MERCATO DEL LAVORO

Dettagli

I diplomati ECDL nel mondo del lavoro (indagine AICA 2008 )

I diplomati ECDL nel mondo del lavoro (indagine AICA 2008 ) 1 I diplomati ECDL nel mondo del lavoro (indagine AICA 2008 ) 1. Introduzione L offerta di tecnologie innovative, e gli investimenti in nuovi servizi e prodotti digitali, possono essere in gran parte disattesi

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008 CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA IL SISTEMA CONFAPI Costituita nel 1947, Confapi è cresciuta insieme alla PMI italiana ed è oggi uno dei protagonisti della vita economica

Dettagli

TERZO RAPPORTO SULL ECONOMIA DEL MARE

TERZO RAPPORTO SULL ECONOMIA DEL MARE TERZO RAPPORTO SULL ECONOMIA DEL MARE Con il contributo tecnico-scientifico di: TERZO RAPPORTO SULL ECONOMIA DEL MARE Il presente Rapporto, realizzato da SI.Camera per Unioncamere (coordinatore Amedeo

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

AREA PROFESSIONALE FINANZIARI, CREDITIZI, ASSICURATIVI. pag. 1

AREA PROFESSIONALE FINANZIARI, CREDITIZI, ASSICURATIVI. pag. 1 Regione Siciliana Assessorato regionale al Lavoro Previdenza Sociale, Formazione Professionale ed Emigrazione REPERTORIO REGIONALE DEI PROFILI PROFESSIONALI E FORMATIVI AREA PROFESSIONALE PROMOZIONE ED

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei.

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Alessia Amighini (Università del Piemonte Orientale) Versione preliminare Intervento al convegno Innovare per

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli