Guida critica. del cittadino alla. Banca Europea. per gli Investimenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida critica. del cittadino alla. Banca Europea. per gli Investimenti"

Transcript

1 Banca Europea del cittadino alla Guida critica per gli Investimenti

2 Questa pubblicazione è stata realizzata da: Counter Balance: Riformare la Banca Europea per gli Investimenti una coalizione di associazioni ambientaliste e di ONG di sviluppo. La campagna Counter Balance è promossa da: CEE Bankwatch Network (Europa Centrale ed Orientale), Both ENDS (Olanda), Bretton Woods Project (Inghilterra), Campagna per la Riforma della Banca Mondiale (Italia), Les Amis de la Terre (Francia), Urgewald (Germania), Weed (Germania). Ringraziamenti Si ringrazia Korinna Horta del Environmental Defense Fund e tutti i membri della campagna Counter Balance per il loro contributo alla realizzazione di questa guida. Edizione Italiana A cura di Caterina Amicucci Traduzioni di Irene Forcella Grafica Piotr Tabor Stampa Grafokon, Prague Stampato su carta riciclata. Questo documento è stato prodotto con il contributo economico dell Unione Europea. I contenuti del documento sono esclusiva responsabilità di CEE Bankwatch Network e non sono riconducibili in alcun modo alle posizioni ufficiali dell UE.

3 SOMMARIO ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI UNA BANCA COME NESSUN ALTRA? INTRODUZIONE 1.1. Introduzione alla Banca Europea per gli Investimenti (BEI) 1.2. Conosciamoci meglio La campagna Counter Balance 2. LA BEI NEL QUADRO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO EUROPEE 2.1. Gli obblighi della BEI nel quadro della normativa UE 2.2. Gli obblighi della BEI nell ambito della politica di sviluppo europea 3. PERCHÉ LA BEI HA BISOGNO DI ESSERE RIFORMATA 3.1. Deficit democratico A chi risponde la BEI e quali interessi tutela? 3.2. Dove finiscono i vostri 50 miliardi di euro? 3.3. Sussidi alle grandi imprese come aiutare i ricchi ad arricchirsi ancora 3.4. Progetti dannosi E questo sarebbe sviluppo? 4. RIFORMARE LA BEI 4.1. Necessità di un approccio basato sullo sviluppo sostenibile 4.2. Riforma della BEI: l approccio basato sui diritti umani 4.3. Riforma della BEI: l approccio basato sull ambiente 5. BREVE GUIDA PRATICA PER CONTATTARE LA BEI 5.1. Consultazione del sito internet della BEI dove cercare i progetti finanziati dalla BEI, i dati ed altre informazioni utili 5.2. Come richiedere informazioni mettete alla prova la BEI 5.3. Come presentare un ricorso alla/sulla BEI: 5.4. Come si denuncia una frode o un episodio di corruzione? 5.5. Uffici della BEI

4 Elenco delle Abbreviazioni ACP ALA ECO CONT DG EC ECOFIN CGE VIA BEI FIE EMAC ELM EO PAB PE UE FI IFI SFF PMI RTE WCD Africa, Caraibi e Pacifico Asia and Latin America / Asia ed America Latina Europa Centro-Orientale Committee on Budgetary Control / Commissione per il Controllo dei Bilanci Direzione Generale della Commissione Europea Commissione Europea Consiglio Affari Economici e Finanziari Corte di Giustizia Europea Valutazione di Impatto Ambientale Banca Europea di Investimenti Fondo di Investimento Europeo Economic and Monetary Affairs Committee / Commissione del Parlamento europeo per gli Affari economici e monetari External Lending Mandate / Mandato di Finanziamento Esterno European Ombudsman / Mediatore Europeo Piano di attività della Banca (PAB) Parlamento Europeo Unione Europea Foreign Investment / Investimento Estero Istituzioni Finanziarie Internazionali Structured Finance Facility / Meccanismo di Finanziamento Strutturato Piccole e Medie Imprese Reti Transeuropee dei trasporti e dell energia World Commission on Dams / Commissione Mondiale sulle Dighe 4

5 Una Banca come nessun altra? E la più grande Istituzione Finananziaria del mondo, oltre che uno dei maggiori erogatori di finanziamenti allo sviluppo nei paesi del Sud del mondo. E un istituzione dell Unione Europea, ma è quasi sconosciuta agli euro-politici ed al pubblico, oltre che praticamente fuori dal controllo di altre istituzioni europee. Opera seguendo un ideologia anacronistica di crescita del bilancio e di sostegno ad enormi società private occidentali, che ricorda gli aspetti peggiori della Banca Mondiale di trent anni fa. Benvenuti alla Banca Europea per gli Investimenti. E abbastanza singolare, date le dimensioni ed il tipo delle sue operazioni, che la BEI sia sempre riuscita a tenere un basso profilo con i politici, il pubblico e la società civile. Questo è forse dovuto al fatto che, fino ad ora, le sue operazioni non hanno destato grande attenzione trattandosi soprattutto di progetti infrastrutturali negli stati e nelle regioni più indigenti dell Unione Europea. Questa situazione sta però cambiando ed un numero sempre maggiore di operazioni della BEI si svolgono fuori dall Unione dove, all assenza di standard operativi vincolanti, si aggiunge la non applicabilità della legislazione UE che regolano la BEI in Europa. In pratica, la BEI sta diventando un importante attore della politica di sviluppo dell UE senza avere l esperienza, la capacità o i criteri operativi che un istituzione del genere richiederebbe. Questa guida è pensata per tutti coloro che sono preoccupati per questa situazione. La prima parte espone le informazioni principali sulla BEI: chi la possiede, da dove viene il denaro, come opera e cosa fa. La seconda parte approfondisce cosa dovrebbe fare: gli obblighi della BEI rispetto alla legislazione europea, oltre che gli obiettivi di sviluppo ed i trattati UE. Infine, la guida si conclude con un breve sguardo ad altri settori che la BEI deve necessariamente iniziare a considerare. Il tema della critica e dell alternativa attraversa la guida come un filo rosso. Nella terza parte, si analizza fino a che punto ed a chi la BEI sia (o non sia) tenuta a rendere conto del suo operato in quanto istituzione comunitaria all interno dello spazio democratico europeo. Successivamente, si analizzano le regioni, i settori e gli interessi che traggono maggior vantaggio dal sostegno della BEI e ci si interroga sulla possibilità che La BEI al sud - negli interessi di chi? questo sia effettivamente l uso più adeguato delle risorse pubbliche. La quarta parte, invece, presenta delle alternative, ossia argomentazioni relative ai diritti umani, all ambiente ed allo sviluppo sostenibile per un diverso orientamento dell operato della Banca Europea per gli Investimenti nei paesi del sud del mondo. Infine, la quinta parte, fornisce una breve guida pratica su come comportarsi con la BEI rivolta alle persone direttamente coinvolte dai progetti sostenuti dalla Banca ed, in generale, a tutti coloro che sono interessati alla questione. Questa sezione fornisce informazioni su come contattare la BEI in merito ad una serie di argomenti, tra cui la divulgazione di informazioni, la presentazione di ricorsi o l eventuale denuncia di episodi di corruzione. In base alla Convenzione di Aarhus, la BEI ha l obbligo di provvedere ad informare il vasto pubblico sulla natura delle sue attività, per cui noi invitiamo tutte le parti interessate a cogliere queste opportunità e ad interrogare la banca sulle sue operazioni Questa guida è una pubblicazione realizzata da Counter Balance: Riformare la Banca Europea per gli Investimenti, una campagna di recente costituzione che riunisce un gruppo di ONG ambientaliste e di sviluppo, accomunate dalla preoccupazione per gli impatti sociali e ambientali delle operazioni della BEI. Intendiamo sollecitare la BEI a rispettare i propri obblighi nei confronti delle politiche di sviluppo dell UE, dei cittadini europei e delle comunità che subiscono perdite a causa delle sue operazioni, ed accogliamo con piacere qualsiasi proposta di collaborazione da parte di chi condivide i nostri obiettivi. Janneke Bruil 5

6 1. Introduzione 1.1 Introduzione alla Banca Europea per gli Investimenti Creata nel 1958 dal Trattato di Roma, che istituì la Comunità Economica Europea (in seguito denominata Unione Europea), la Banca Europea per gli Investimenti è la banca ufficiale della Comunità Europea. Con oltre 53 miliardi di euro di finanziamenti approvati nel 2006, la BEI è anche la principale istituzione finanziaria pubblica al mondo. La BEI ha la sua sede principale in Lussemburgo e, negli ultimi anni, ha aperto un crescente numero di uffici regionali. In quanto istituzione dell Unione Europea, la missione dichiarata della BEI è di perseguire gli obiettivi dell Unione concedendo finanziamenti a lungo termine per validi progetti di investimento. Da ciò si desume che le politiche di erogazione di prestiti della BEI dovrebbero essere guidate da almeno due principi di base. Il primo dovrebbe essere il rispetto degli obiettivi dell Unione, focalizzati in misura sempre maggiore sulla promozione dello sviluppo sostenibile all interno e fuori del territorio europeo. Il secondo è il principio di addizionalità, secondo il quale la BEI dovrebbe usare le proprie risorse per concedere crediti a progetti che, seppure finanziariamente e socialmente validi, comportano dei rischi che non li rendono interessanti ad istituti finanziari di natura commerciale. In altre parole, dovrebbe rendere possibile la realizzazione di buoni progetti che altrimenti non potrebbero essere realizzati. Suddivisione del capitale della BEI al 1 gennaio 2007 Importo (EUR) % Germania Francia Italia Gran Bretagna Spagna Belgio Paesi Bassi Svezia Danimarca Austria Polonia Finlandia Grecia Portogallo Repubblica Ceca Ungheria Irlanda Romania Repubblica Slovacca Slovenia Bulgaria Lituania Lussemburgo Cipro Lettonia Estonia Malta DE FR IT GB ES BE NL SE DK AT PL FI GR PT CZ HU IE RO SK SI BG LT LU CY LV EE MT Total Fonte: sito BEI 6

7 Come dimostrerà questa guida, la BEI viene costantemente meno ad entrambi questi obblighi. La BEI è finanziata dai suoi azionisti, i 27 Stati Membri dell Unione Europea, che sottoscrivono il capitale della BEI, versando il proprio contributo in maniera proporzionale al loro peso economico all interno dell Unione. I contributi diretti degli Stati Membri, che ammontano a circa 8 miliardi di euro, sono certamente notevoli, ma la maggior parte del sostegno pubblico di cui si avvale la BEI proviene da capitale sottoscritto (circa 160 miliardi di euro) a garanzia dei suoi investimenti. Dato che la BEI è proprietà degli Stati Membri dell Unione, che contribuiscono al suo capitale e lo garantiscono, la BEI è considerata un partner finanziario molto solido e gode del merito di credito AAA dalle agenzie di rating (Moody s/standard and Poor s/fitch). Questo le permette di operare sui mercati finanziari, vendendo titoli obbligazionari, da cui proviene la maggior parte della sua liquidità. Organi direttivi e struttura decisionale Gli organi direttivi e decisionali della BEI sono i seguenti: Il Consiglio dei Governatori Composto da ministri degli stati membri (di solito ministri delle Finanze, dell Economia o del Tesoro), il Consiglio definisce l indirizzo della politica creditizia, decide su aumenti di capitale ed autorizza le attività della BEI fuori dall UE. La presenza di ministri come governatori è uno dei motivi principali per cui la BEI riesce ad operare nel modo in cui opera attualmente. Infatti, lo status di Ministri dei governatori della banca legittima politicamente le operazioni e le procedure di erogazione dei prestiti della banca, ma non assicura nessun tipo di impegno ad apportare importanti e necessari cambiamenti. 7

8 Consiglio di Amministrazione Nominato dal Consiglio dei Governatori, il CdA approva le operazioni di assunzione e di erogazione di prestiti, autorizza la concessione di crediti e garanzie e propone cambiamenti nella politica creditizia della BEI al Consiglio dei Governatori. Il CdA è formato da 28 membri di cui uno nominato da ciascun stato membro ed uno dalla Commissione Europea e 18 supplenti che sono tutti nominati dal Consiglio dei Governatori e che di solito restano in carica per cinque anni. Il CdA svolge un ruolo fondamentale nell approvazione dei progetti, pur non essendo un organo residente e pur riunendosi solo dieci volte all anno per esaminare circa 300 progetti. Questo significa che la maggior parte dei progetti non sono sottoposti all accurata valutazione che meriterebbero, visto che hanno importanti conseguenze sulle comunità coinvolte e sull ambiente. Il CdA non è formato da membri a tempo pieno, ma da funzionari che di solito mantengono il loro incarico all interno dei loro rispettivi ministeri, dove si occupano per lo più di questioni nazionali. Il Comitato Direttivo organo composto da otto Vice Presidenti, sotto la direzione del Presidente (attualmente il belga Philippe Maystadt), è l organo esecutivo a tempo pieno della BEI che controlla le attività ordinarie della Banca. I membri del Comitato sono nominati per un periodo di sei anni e la loro nomina può essere rinnovata per un secondo mandato, conferendo loro un influenza a lungo termine su politiche ed orientamenti. Il Comitato Direttivo riveste un ruolo estremamente influente all interno della BEI, in quanto consiglia l adozione di decisioni ai membri del CdA, soprattutto in materia di assunzione ed erogazione di prestiti. Il Comitato dei Revisori è l organo della BEI che verifica la corretta esecuzione delle operazioni e la contabilità. La BEI Una strana creatura La Banca Europea per gli Investimenti è una bestia davvero strana: è una banca pubblica che tende a comportarsi come un istituto di credito privato. Gode dei benefici del sostegno pubblico e di una sua personalità ed autonomia giuridica all interno della Comunità Europea, senza l onere di dovere rendere conto delle proprie azioni o di dover rispettare standard operativi obbligatori. La BEI eroga prestiti soprattutto a partire dalla liquidità raccolta attraverso l emissione di bond sui mercati finanziari che, congiuntamente ai fondi propri (ossia i versamenti di capitale e le riserve), costituiscono le risorse proprie della banca. Gli obblighi della BEI verso l Unione Europea non sono mai stati debitamente chiariti. La BEI, che è sempre stata giustamente trattata come un istituzione UE, è soggetta alla normativa europea. E tenuta giuridicamente ad agire nei limiti di quanto disposto dal Trattato della Comunità Europea e dal suo statuto, oltre ad avere l obbligo di aderire agli scopi ed agli obiettivi di sviluppo dell Unione. Tuttavia, seppure la BEI dovrebbe operare esclusivamente entro il quadro delle politiche e delle leggi europee, vi è una certa confusione sul modo esatto in cui essa possa essere ricondotta alla normativa europea e su come essa debba rispondere del mancato rispetto di tali leggi, politiche e regolamenti. Un altro problema è rappresentato dal fatto che la BEI è l unica tra le maggiori istituzioni finanziarie internazionali (IFI) che finanziano progetti di sviluppo nel Sud del Mondo a non essere vincolata a nessuno standard ambientale e sociale per i progetti che sostiene. Ciò comporta una serie di problemi e, come la mancanza di responsabilità e trasparenza pubblica sulle proprie decisioni, limiti considerevoli nel mitigare i danni agli ecosistemi ed alle economie locali, difficoltà per le popolazioni coinvolte ad essere ricompensate delle loro perdite, ed assoluta prevalenza di criteri econometrici nei processi decisionali. La BEI è di fatto un istituzione attualmente strutturata per erogare prestiti sulla base di un ideologia semplicistica di crescita di profitti, per cui essa non possiede la capacità né l inclinazione a prendere in considerazione conseguenze ambientali e sociali di più ampia portata. 8

9 Le procedure di acquisizione ed erogazione prestiti della BEI La BEI dispone di vari meccanismi finanziari: Prestiti individuali erogati per sostenere dei progetti concreti sia nel settore pubblico che in quello privato (fra i soggetti privati sono comprese le banche). Prestiti globali linee di credito destinate a degli intermediari (banche, società di leasing o istituzioni finanziarie) i quali, a loro volta, erogano prestiti ad autorità locali o a Piccole e Medie Imprese per nuovi progetti di investimento, il cui valore non superi i 25 milioni di euro. Le domande di piccolo prestito sono inoltrate direttamente alle banche o istituzi oni finanziarie intermediarie che operano a livello nazionale, regionale, o locale. Partecipazioni a capitale di rischio attività concentrate all interno del Fondo Europeo per gli Investimenti che, con la BEI, forma il Gruppo BEI. La BEI si avvale anche di una serie di strumenti di prestito specializzati: Meccanismo di Finanziamento Strutturato: finanzia progetti ad alto rischio ed eroga finanziamenti con capitale di rischio e concessioni di garanzie a favore di programmi infrastrut turali su larga scala. Meccanismo di finanziamento con ripartizione dei rischi: creato congiuntamente con la Commissione Europea, mira ad espandere le basi della BEI per erogare finanziamenti ad alto rischio per progetti innovativi nei settori della tecnologia e della ricerca. Carbon Credit Fund: creati in collaborazione con altre istituzionii come la BERS e la Banca Mondiale per promuovere il mercato dei crediti delle emissioni di CO2 nei paesi in transizione e per stimolare le partecipazioni del settore privato. L assemble generale della BEI del 2004 osservata da un contribuente Le priorità della BEI La BEI si pone sei obiettivi prioritari all interno dell Unione e nei paesi candidati all adesione 1, dichiarati nel Piano Operativo Aziendale. Coesione e convergenza Sostegno alle piccole e medie imprese (PMI) Sostenibilità ambientale Attuazione dell Iniziativa Innovazione 2010 (i2i) Sviluppo di Reti Transeuropee di trasporto e per l energia (RTE) Energia sostenibile, competitiva e sicura Bankwatch / R. Cyglicki 1. Al momento della pubblicazione della guida, essi sono la Croazia, la Turchia e la Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia 9

10 La BEI fuori dall Unione Europea All esterno dell Unione, i prestiti della BEI sono guidati dalle politiche UE sulla cooperazione allo sviluppo (cfr. Capitolo 2). Nel 2006, il totale dei prestiti erogati fuori dalla UE ammontava a 5,9 miliardi di euro. Il finanziamento esterno della BEI è regolato dai mandati dell UE, in particolare: La Pre-adesione, secondo il nuovo mandato di finanziamento esterno, che coinvolge i paesi candidati e potenzialmente candidati nella Regione di allargamento Il Vicinato Europeo, secondo il nuovo mandato di finanziamento esterno, che coinvolge i Paesi del vicinato mediterraneo, la Russia ed i Vicini Orientali Sviluppo nell ambito dell Accordo di Cotonou, che coinvolge i paesi dell Africa, Caraibi e Pacifico (ACP) e la Repubblica del Sudafrica La Cooperazione Economica, secondo il nuovo mandato di finanziamento esterno, che coinvolge i paesi di Asia ed America Latina (ALA) Gli obiettivi del mandato di finanziamento esterno della BEI si concentrano soprattutto sullo sviluppo del settore privato e delle infrastrutture, sul sostegno della presenza dell UE attraverso l Investimento Diretto Estero ed il trasferimento di know-how, sulla protezione ed i miglioramenti ambientali e su una crescente attenzione alla sicurezza energetica. 10

11 1.2 Conosciamoci meglio La campagna Counter Balance Counter Balance: Riformare la Banca Europea per gli Investimenti è una coalizione di recente costituzione che raggruppa organizzazioni non governative di sviluppo e ambientaliste. I gruppi coinvolti nella campagna hanno una lunga esperienza nell ambito della finanza per lo sviluppo, il lavoro di advocacy nei confronti delle istituzioni finanziarie internazionali (IFI) e sul monitoraggio dell impatto di grandi progetti infrastrutturali. Le ONG coinvolte, in modo particolare il CEE Bankwatch Network, da svariati anni muovono critiche al coinvolgimento della BEI in progetti dal discutibile impatto sociale ed ambientale. Counter Balance si oppone all ideologia del libero mercato e porta avanti la missione di rendere la Banca Europea per gli Investimenti un istituzione di sviluppo trasparente e democratica, in grado di tutelare i beni comuni e gli interessi dei cittadini dell UE e dei paesi del Sud del mondo coinvolti nei suoi progetti. Counter Balance si propone, inoltre, di dare voce alle persone direttamente interessate dalle operazioni della banca ed auspica un cambiamento sostanziale nella BEI affinché essa diventi promotrice degli interessi pubblici ed uno strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio e di lotta al cambiamento climatico. Vogliamo che la BEI agisca da istituzione trasparente assumendosi una reale responsabilità pubblica, erogando prestiti in maniera responsabile ed apportando valore aggiunto, piuttosto che fornire sovvenzioni pubbliche ad aziende private. Inoltre, vogliamo agire in solidarietà con le popolazioni danneggiate dalle operazioni della banca, collaborando a far sentire più forte la loro voce. A tal fine, intendiamo sensibilizzare i vari settori della società civile sull impatto delle operazioni BEI fuori dell Unione Europea e sull impatto delle attività della BEI in campo ambientale, sociale e dei diritti umani. Counter Balance è una campagna promossa da: Europa Centrale ed Orientale: Central and Eastern Europe Bankwatch Network (CEE Bankwatch) Francia: Les Amis de la Terre Germania: Urgewald e WEED Italia: Campagna per la Riforma della Banca Mondiale (CRBM-Mani Tese) Olanda: BothEnds Regno Unito: Bretton Woods Project e coopera con gruppi in Africa, America Latina ed Asia. La BEI è la sola IFI a trovarsi all interno di un quadro istituzionale democratico essendo interamente di proprietà dei 27 stati membri dell Unione Europea. I mandati attraverso cui opera trattano questioni di interesse collettivo compresa la riduzione della povertà, prevista dall Accordo di Cotonou, la sostenibilità ambientale e lo sviluppo delle infrastrutture (nonostante questi argomenti spesso siano relegati in secondo piano rispetto all attenzione che la BEI rivolge allo sviluppo del settore privato ed alla sicurezza energetica). La BEI può quindi trarre giovamento da pressioni esercitate da una pluralità di soggetti interessati, comunità direttamente coinvolte e popolazioni che esercitano i loro diritti democratici e di cittadinanza. La nostra campagna intende costruttivamente questa pressione ed orientarla affinché si attui una riforma efficace e necessaria della banca. Sollecitiamo i gruppi che hanno esperienza di lavoro con, per conto di o vicino alla Banca Europea per gli Investimenti, oltre chi è interessato dalle operazioni della BEI fuori dell UE (organizzazioni ambientaliste, di sviluppo e di tutela dei diritti umani) ad unirsi alla nostra campagna. Siamo a disposizione per qualsiasi richiesta di sostegno relativa a progetti finanziati dalla BEI da parte di gruppi, in particolare quelli provenienti dal sud del mondo, che desiderano assistenza nel rivolgersi a questa istituzione. 11

12 2. La BEI nel quadro delle politiche di sviluppo europee 2.1. Gli obblighi della BEI nel quadro della normativa UE La Banca Europea per gli Investimenti gode di uno statuto legale stranamente ambiguo. La BEI viene istituita nel 1957 con il Trattato di Roma, ma formalmente non è un istituzione comunitaria, come quelle elencate all Articolo 7 del Trattato; non è indicata come istituzione con compiti legislativi o esecutivi, né tantomeno definisce politiche. La BEI viene fondata come organo finanziario indipendente, con una propria personalità giuridica e struttura amministrativa, in modo da funzionare efficacemente come istituzione finanziaria. Bankwatch / M. Michon Questa indipendenza implica che la BEI gode di una notevole autonomia legale. La BEI cerca regolarmente di applicare gran parte della normativa UE in modo quanto più sporadico e vago possibile, al punto che la Commissione Europea, ha portato la BEI davanti alla Corte di Giustizia Europea (CGE). La CGE ha decretato, contrariamente a quanto sostenuto dalla BEI, che chiaramente [la BEI] è stata concepita per contribuire alla realizzazione degli obiettivi della Comunità Europea e. [che quindi] ha travalicato il margine di autonomia organizzativa propria. (Sentenza CGE, Commissione Europea contro Banca Europea per gli Investimenti, 2003) Per quanto la CGE abbia insistentemente ribadito alla BEI la necessità di ascoltare le altre istituzioni UE, allo stesso tempo non ha voluto riconoscere ai cittadini nessuna forma di controllo sulla BEI. Infatti, quando un gruppo di cittadini francesi citò la BEI per aver finanziato una tangenziale attorno alla città di Lione, la Corte decretò che essi dovevano esporre le loro rimostranze al loro governo piuttosto che alla BEI. Solo le decisioni adottate dalle varie autorità francesi sono suscettibili di incidere sulla situazione giuridica dei ricorrenti, (Sentenza CGE, Etienne Tête e altri contro Banca Europea per gli Investimenti, 1993). In altre parole, la BEI ha poca, se non nessuna, responsabilità legale nei confronti di coloro che sono colpiti dalle sue decisioni; essi devono così rivolgersi agli stati membri, i quali sono spesso riluttanti o addirittura non in grado di contrastare la BEI. La questione della mancanza di responsabilità legale sta peggiorando con il crescere del volume di prestiti della banca. La BEI fu fondata con un compito specifico: contribuire allo sviluppo equilibrato e senza scosse del mercato comune, nell interesse della Comunità, facendo appello ai mercati dei capitali e alle proprie risorse. Al momento della sua creazione, si prevedeva di promuovere il cosiddetto sviluppo senza scosse nelle regioni meno sviluppate dell Unione Europea, ossia gli Stati Membri e le regioni più povere. Tuttavia, con il tempo, il mandato della BEI si è man mano esteso fino a comprendere l Africa (dal 1975), l Europa orientale (dal 1989), e l America latina ed Asia (dal 1993). Oggi, la BEI ha superato il volume totale della Banca Mondiale diventando il maggiore finanziatore pubblico al mondo, i cui prestiti ogni anno si aggirano intorno ai 45 miliardi di euro. Nel 2006, i progetti finanziati fuori dall UE, in particolare nei paesi in via di sviluppo, ammontavano a 5,9 miliardi di Euro. In nessuno di questi territori extra UE la BEI è vincolata dalla legislazione europea. Considerato il notevole allargamento del campo di intervento della BEI, è utile chiedersi se i poteri e le responsabilità conferitile per statuto e dal Trattato di Roma del 1957, siano ancora attuali o se forse sia giunto il momento di una radicale revisione. Per alcuni aspetti, le cose stanno migliorando. Un cambiamento più significativo è rappresentato dalla ratifica della Convenzione di Aarhus. La Convenzione di Aarhus, 12

13 sancisce il diritto dei cittadini ad accedere all informazione, partecipare ai processi decisionali ed accedere alla giustizia in materia ambientale. La convenzione, è applicata per mezzo di un regolamento comunitario nel 2006 ed è ancora necessario verificare come essa cambi l approccio della BEI verso le proprie decisioni politiche e progettuali. Tuttavia, l aspetto interessante della Convenzione di Aarhus è che prevede un ruolo pro-attivo per le istituzioni che la ratificano: la BEI e le imprese che da essa ricevono denaro devono diffondere informazioni sui progetti ed impegnarsi attivamente nel coinvolgere le persone e le comunità interessate. Mancanze in tal senso renderebbero indubbiamente la BEI passibile di essere oggetto di ricorsi in giudizio. Dato il suo ostinato impegno nel mantenere un basso profilo, la BEI si trova di fronte a un dilemma: parlare alla gente o rischiare di finire in tribunale Gli obblighi della BEI nell ambito della politica di sviluppo europea Se non è chiaro cosa la BEI abbia l obbligo di fare secondo la legislazione europea, proviamo a capire cosa dovrebbe fare in base alla politica di sviluppo dell Unione Europea. La BEI insiste molto sul fatto che è soprattutto una banca e che le sue competenze sono innanzi tutto di natura finanziaria. Tuttavia, per via dei prestiti erogati nei paesi in via di sviluppo, la BEI svolge un ruolo sempre più importante per la politica di sviluppo dell Unione, ruolo che a volte contesta ed altre volte riconosce. La BEI ammette che la sua missione è di promuovere gli obiettivi dell Unione Europea ed è noto che gli obiettivi UE nel Sud del Mondo sono fortemente legati agli impegni assunti nel quadro dell aiuto pubblico allo sviluppo e per il raggiungimento degli Obiettivi del Millennio. Per esempio, la Dichiarazione sulla Politica di sviluppo della Comunità Europea recita che alla politica di sviluppo della Comunità è sotteso il principio di sviluppo umano e sociale sostenibile, equo e partecipativo. L obiettivo primario della politica di sviluppo della Comunità deve essere la riduzione ed infine l eliminazione della povertà. R. Cyglicki 13

14 Questi principi sono anche esplicitamente contenuti nei due accordi principali sulla base dei quali la BEI eroga prestiti fuori dall Europa. Nei paesi dell Africa, dei Caraibi e del Pacifico (ACP), la BEI opera secondo quanto ratificato dall Accordo di Cotonou, i cui obiettivi ufficiali includono la riduzione della povertà nel contesto dello sviluppo sostenibile. (nel sito della BEI si legge: la Banca Europea per gli Investimenti è da circa anni un partner dello sviluppo nella maggior parte dei paesi ACP. ). Allo stesso modo, sulla base del suo nuovo mandato esterno (External Lending Mandate, ELM) secondo cui opera in Europa orientale, Asia ed America Latina (ALA), Le operazioni finanziarie della BEI devono essere coerenti con le politiche esterne dell UE e garantirne il sostegno, anche per quanto riguarda specifici obiettivi regionali. (Il mandato della BEI cita anche la protezione dell ambiente e la alquanto sinistra sicurezza energetica degli stati membri come obiettivi da perseguire.) Quindi, se è abbastanza chiaro che la BEI è tenuta ad erogare prestiti in conformità con gli obiettivi di sviluppo dell UE, la domanda principale è: ma la Banca promuove effettivamente lo sviluppo? Sviluppo sostenibile o no? E persegue la lotta alla povertà nel sud del mondo attraverso i suoi investimenti? La risposta, secondo noi, è no. Negli ultimi anni, la BEI è stata coinvolta in alcuni dei progetti infrastrutturali più distruttivi del pianeta. L oleodotto Ciad- Camerun, il Lesotho Highlands Water Project 2, la diga Nam Theun II ed il West African Gas Pipeline 3 (vedi box 2 e 3 per ulteriori informazioni), rappresentano solo alcuni dei controversi progetti realizzati grazie a prestiti della BEI. Questi progetti hanno portato a massicci spostamenti di sfollati, all impoverimento delle popolazioni locali, hanno prodotto enormi danni ambientali e vantaggi minimi per i paesi e le 2. Il Lesotho Highlands Water Project ha inizio negli anni Ottanta per trasferire acqua dal fiume Senqu, che nasce negli altipiani del Lesotho, in Sudafrica, nella regione di Guateng, e produrre energia elettrica per il Lesotho. 3. Il consorzio costruttore di questo gasdotto è capeggiato dalla Chevron Texaco e vede la partecipazione, tramite la Shell Nigeria, anche dell AGIP. Il progetto consisterà in un gasdotto lungo 690 km per il trasporto di gas dalla Nigeria fino in Ghana, attraverso il Togo e il Benin, allo scopo di sviluppare il settore energetico di questi tre paesi, ma in particolare aumentare il potenziale di produzione energetica in Ghana. comunità locali, considerato che la maggior parte dei profitti è andata alle grandi imprese occidentali che hanno realizzato i progetti. Questa situazione è in procinto di peggiorare. I nuovi mandati esterni conferiti dal Consiglio Europeo nel dicembre del 2006, prevedono un incremento della capacità di prestito della BEI, che è autorizzata a concedere prestiti fuori dall UE fino a 27,8 miliardi di euro con la garanzia del bilancio UE a fronte dei 20,7 miliardi dei precedenti mandati. Questa munificenza riguarderà entrambi i mandati esterni della BEI: al notevole aumento del 53 per cento previsto per i prestiti nei paesi ALA corrisponde un aumento di quasi il doppio per i fondi disponibili per i paesi ACP. Intanto, l elenco dei progetti controversi, già finanziati dalla BEI o in procinto di essere finanziati, si allunga ulteriormente: c è, per esempio, la miniera di rame Tenke Fungurume nella Repubblica Democratica del Congo, dove i lavoratori sono recentemente insorti e per la quale la concessione di sfruttamento minerario è stata firmata durante la guerra civile e per questo diverse altre IFI hanno negato il sostegno finanziario; gli impianti idroelettrici di Gilgel Gibe in Etiopia, oggetto di un inchiesta della magistratura; la miniera di rame di Mopani nello Zambia, che ha recentemente avvelenato 800 persone inquinando le falde acquifere e violando costantemente le clausole ambientali. Perché allora la BEI è così propensa a sostenere progetti come questi, che comportano enormi danni sociali ed ambientali e sembrano evidentemente non rispettare gli impegni di sviluppo? Una parte del problema è nella struttura della BEI: le principali decisioni della banca vengono prese da un Consiglio di Amministrazione non residente, composto da funzionari provenienti dai ministeri delle finanze degli stati membri che si incontrano una decina di volte all anno, per esaminare una media di circa 30 progetti ogni seduta. Questo processo sbrigativo comporta che, una volta che un progetto riesce ad insinuarsi nella lista sottoposta al vaglio della BEI, ha praticamente la garanzia di riceverne il sostegno. I progetti sono sottoposti alla BEI principalmente dagli stati membri (e dalla Commissione Europea), il che spesso porta ad una politica guidata da favori reciproci tra gli stati. 14

15 Peter Sinkamba La BEI, che ha dipendenti, rispetto agli oltre impiegati della Banca Mondiale, non ha neanche la capacità e l esperienza per analizzare i progetti secondo una prospettiva di sviluppo. I progetti sono esaminati quasi esclusivamente da economisti o ingegneri, con il sostegno di una piccola unità di valutazione per lo sviluppo sostenibile, la quale non è in grado di seguire tutti i progetti e di solito è emarginata nella fase di pianificazione e di valutazione. Il tasso di rendimento ed altri parametri econometrici rappresentano i criteri principali nel processo di selezione dei progetti. Uno degli scarichi della miniera di rame Mopani in Zambia Tuttavia, il problema è soprattutto di natura ideologica. La BEI si richiama ad un ideologia anacronistica di crescita dei profitti, che parafrasando le sue parole può essere guidata solo dal settore privato. Questa convinzione ha portato ad un evidente tendenza a finanziare progetti su larga scala realizzati da grandi aziende. Più dell 80% del Fondo Investimenti, il fondo principale per i progetti nell area ACP, è destinato al settore privato, che spesso richiede il denaro più come assicurazione contro i rischi politici che per il reale finanziamento del progetto. Per esempio il progetto della miniera di Tenke nella Repubblica Democratica del Congo, è stato proposto dal Freeport McMoran, il più grande conglomerato minerario al mondo. Risulta pertanto difficile capire perché, una società privata così grande (con un trascorso di errori in campo sociale ed ambientale), meriti delle sovvenzioni di denaro pubblico dalla BEI o tantomeno cosa ne ricavi la collettività in cambio di questo denaro. Le grandi società non sono nemiche dello sviluppo per definizione ma l esperienza insegna che, non dovendo render conto a nessuno, cercano di massimizzare i profitti a spese delle comunità locali e dell ambiente e che tendono ad accentuare le tendenze all instabilità politica e all autoritarismo. L ideologia della crescita economica non tiene conto delle conseguenze sociali nelle società organizzate; contrariamente a quanto afferma un noto aforisma economico americano, la crescita economica non è come un alta marea che solleva tutte le barche, ma un sistema che arricchisce alcune classi e settori, mentre produce effetti limitati se non addirittura negativi sugli altri. Ciò spesso rischia di causare polarizzazioni sociali e conflitti, oltre al declino di industrie che richiedono investimenti a lungo termine, non potendo reggere il confronto con le coorporation occidentali che rappresentano vere e proprie macchine da soldi. Quindi, cosa dovrebbe sostenere la BEI? Le analisi più innovative sullo sviluppo si concentrano sugli effetti distributivi della crescita economica chi ci guadagna e chi ci perde e come assicurare che, sia i profitti che i costi, siano ripartiti più equamente tra diversi gruppi sociali. Questa visione presuppone una maggiore partecipazione ai progetti, ed il coinvolgimento delle comunità direttamente interessate nelle fasi di pianificazione ed esecuzione, in modo che i progetti stessi possano arrecare beneficio alle popolazioni locali ed avere una più alta probabilità di successo. Infine, uno sviluppo a lungo termine ha bisogno di industrie che producano un buon valore aggiunto, sviluppino competenze e promuovano autonomia - praticamente il contrario del modello basato sulla estrazione di materie prime per l esportazione e sull esclusivo impiego di manodopera locale non qualificata spesso sostenuto dalla BEI. 15

16 3. Perché la BEI ha bisogno di essere riformata 3.1. Deficit democratico - A chi risponde la BEI e quali interessi tutela? Esaminando più attentamente il modo in cui la BEI agisce nella pratica, viene da domandarsi: a chi risponde la BEI e attraverso quali meccanismi? Alla Commissione Europea, al Parlamento Europeo, al Consiglio Europeo, al Mediatore Europeo, ai governi nazionali interessati, oppure ai comuni cittadini? Come si possono analizzare le operazioni di prestito della BEI ed influire su di esse? E chi tutela le comunità danneggiate dai progetti? E difficile trovare una risposta certa a tutte queste domande, dato che la BEI è organizzata in modo tale che il controllo di gestione e l identificazione di responsabilità precise risultino molto difficili. Cooperazione con le istituzioni UE La BEI gestisce la cooperazione con le istituzioni UE soprattutto attraverso i) l ufficio di Bruxelles sotto l autorità del Segretariato Generale della BEI responsabile di mediare con le istituzioni UE su questioni politiche; ii) il Dipartimento di sostegno alla politica strategica, presso la Direzione Generale dei Progetti della BEI, che ha sede in Lussemburgo, con il compito di fare da collegamento tecnico con le istituzioni UE. Il ruolo della Commissione Europea L attuale organizzazione delle istituzioni limita il controllo delle attività della BEI da parte della Commissione Europea. La BEI afferma di collaborare con la Commissione anche attraverso la presenza di un rappresentante permanente di quest ultima all interno del Consiglio di Amministrazione della Banca. I meccanismi precisi per garantire che questo rappresentante esprima preoccupazioni per conto della Commissione ed, il modo in cui la Commissione definisce i suoi pareri, resta sconosciuto al vasto pubblico. La Commissione può anche esaminare i prestiti concessi dalla BEI ai progetti, con una procedura interna la consultazione interservizi in cui la BEI fornisce informazioni alla Commissione attraverso le diverse Direzioni Generali (DG), che hanno facoltà di controllare i progetti ed esprimere dei pareri a riguardo. I dati provenienti dalle varie DG sono coordinati dalla DG Affari Economici e Finanziari (ECOFIN). Tuttavia, tale pratica si rivela abbastanza inefficiente, in quanto i rappresentanti della Commissione raramente esprimono delle preoccupazioni. Questo per diversi motivi, tra cui la limitata disponibilità di personale dedicato al controllo della BEI, la scarsa di quantità e qualità delle informazioni fornite dalla BEI sui progetti e le brevi scadenze fissate per esprimere commenti. Infine, seppure la BEI affermi spesso che il suo collegamento con la Commissione equivale ad un autorizzazione ai propri investimenti, la Commissione in realtà esprime un semplice parere di conformità, in cui si segnala soltanto l opinione della Commissione sul rispetto delle procedure. La Commissione svolge un ruolo minore all interno del ciclo dei progetti della BEI, senza alcun potere di veto ed un progetto può proseguire il suo percorso verso il finanziamento nonostante eventuali preoccupazioni espresse dalla Commissione. 16

17 Il ruolo del Consiglio Europeo La BEI partecipa alle riunioni del Consiglio dell ECOFIN, mettendo a disposizione la propria esperienza su questioni economiche. Il Consiglio richiede spesso alla BEI di attuare nuove iniziative europee attraverso la fornitura di adeguati strumenti finanziari. In linea di principio, il Consiglio Europeo può presentare delle proposte alla BEI, ma questo non gli garantisce in alcun modo alcun controllo sulla banca. I membri dell ECOFIN sono anche membri del Consiglio dei Governatori della BEI, che dovrebbe teoricamente assicurare una coerenza tra le politiche dell Unione e gli obiettivi della BEI. Il ruolo del Parlamento Europeo La cooperazione tra il Parlamento Europeo (PE) e la BEI è minima. Il Parlamento esamina le attività della BEI esclusivamente su sua iniziativa e produce una relazione basata sul Rapporto Annuale della BEI. Di solito, la relazione del PE si vota nella prima metà del secondo anno successivo alla pubblicazione della Relazione della BEI (es: nella prima metà del 2008 si vota la Relazione 2006). A partire da questa relazione annuale, la Commissione parlamentare per i Problemi Economici e Monetari (EMAC) e, più recentemente, la Commissione per il Controllo di Bilancio (CONT), fornisce commenti e raccomandazioni sulle conseguenze delle operazioni di prestito della BEI 4 oltre che sulle sue operazioni e sul suo rendimento. Le relazioni del PE sono spesso critiche nei confronti della BEI: esse invocano una maggiore integrazione tra la Commissione e la BEI ed una maggiore trasparenza sulle operazioni di prestito. In esse, si invita anche la BEI ad instaurare un maggiore e migliore dialogo con le organizzazioni della società civile e a controllare l uso che viene fatto dei prestiti globali. Tuttavia, queste raccomandazioni non sono vincolanti ed è difficile valutare quanta considerazione venga loro accordata dalla BEI. Infatti, nonostante molte di queste raccomandazioni siano state ribadite più volte nelle relazioni annuali del PE, la BEI continua a non applicarle. 4. Le relazioni annuali della BEI sono disponibili sul suo sito internet in tre lingue: inglese, francese e tedesco. Il ruolo dei governi nazionali I governi nazionali hanno un influenza limitata sulle decisioni della BEI. Il Consiglio dei Governatori è composto da ministri degli Stati Membri ed ha il compito di stabilire gli orientamenti della politica della BEI. Tuttavia, essi si riuniscono solo una volta l anno, che evidentemente non basta per controllare le attività della BEI. La BEI ha sempre mantenuto un basso profilo politico nei sistemi nazionali degli stati membri. L accesso a denaro a buon mercato garantito dalla BEI e la sua costante riluttanza a condividere informazioni sulle proprie operazioni di prestito perfino con i suoi stessi azionisti, hanno fatto sì che gli Stati Membri non abbiano quasi mai esercitato sulla Banca la pressione che avevano la facoltà di usare. Ciononostante, questa situazione sta lentamente cambiando, man mano che il raggio d azione della BEI si estende e che essa diventa più conosciuta. I governi nazionali richiedono sempre più frequentemente alla BEI di fornire maggiori elementi sul rispetto del principio di addizionalità e dell idoneità dei progetti sostenuti a ricevere denaro pubblico. La società civile e le popolazioni direttamente interessate dai progetti Acesso all informazione Nella sua prima Politica di accesso all infomazione approvata nel 2006 a seguito di una consultazione pubblica, la BEI afferma di rispondere ai cittadini dell Unione attraverso gli Stati Membri. Ciò costituisce un certo progresso, considerato che nel 1998 il Direttore della Comunicazione della BEI affermò che la BEI rispondeva solo al mercato. Sicuramente questa politica rende più chiaro il quadro istituzionale della BEI ed i sui rapporti con la Corte di Giustizia Europea, la Corte dei Conti Europea, l Ufficio Europeo per la Lotta Antifrode ed il Mediatore Europeo. Questo documento, inoltre, prevede la divulgazione di informazioni sulle politiche, le strategie e le operazioni di assunzione ed erogazione prestiti della BEI. Queste disposizioni sono però fortemente limitate da alcune restrizioni alla divulgazione, soprattutto per quanto riguarda le informazioni che continuano ad essere considerate commercialmente confidenziali. La BEI deve inoltre ottemperare alle disposizioni della Convenzione di Aarhus, 17

18 che prevede il diritto di accesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali e l accesso alla giustizia in materia ambientale nei riguardi di istituzioni ed enti dell Unione Europea. 5 In pratica, ottenere informazioni rilevanti dalla BEI e soprattutto ottenerle in tempi utili prima dell approvazione del finanziamento di alcuni progetti, è ancora abbastanza difficile. L esperienza dimostra che è difficile capire quali siano i piani della BEI e quindi esprimere eventuali preoccupazioni. In alcuni casi, i progetti che appaiono sul sito internet della BEI vi sono pubblicati solo dopo la loro approvazione. Inoltre il problema delle consultazioni pubbliche resta tutt ora irrisolto, la BEI non ha nessuna procedura o strumento per garantire un efficace confronto con le comunità interessate dai suoi progetti e continua a basarsi esclusivamente sull azione dei promotori degli stessi progetti. Il ruolo del Mediatore Europeo è stato rafforzato negli anni, seppure non ci sia ancora un stato un vero cambiamento per le popolazioni danneggiate dai progetti. Nonostante il Mediatore conduca delle indagini quando è contattato da singoli individui, le sue decisioni non sono vincolanti per la BEI. Il mandato del Mediatore è soprattutto di trattare casi all interno dell Unione, il che non conferisce alcun diritto di presentare ricorsi ad individui e comunità danneggiati dai progetti finanziati in paesi terzi. Tuttavia, il Mediatore ha recentemente annunciato che, potrà occuparsi di casi al fuori del territorio UE per motivi di cattiva amministrazione, ossia il mancato rispetto da parte di un istituzione delle proprie leggi e delle proprie politiche. Come ciò possa effettivamente avvenire in pratica è ancora da verificare. I cittadini danneggiati ed il Mediatore Europeo La BEI continua a finanziare progetti in paesi, dove i cittadini interessati dalle sue operazioni godono di una limitata libertà di espressione e di limitati diritti politici che non permettono loro di esprimere pubblicamente le loro preoccupazioni o l eventuale dissenso. Possono essere annoverati fra questi progetti: il progetto minerario di Tenke Fungurume, i progetti idroelettrici di Gilgel Gibe in Etiopia, l oleodotto ed il gasdotto tra il Ciad ed il Camerun e la diga di Nam Theun II in Laos. 5. Per ulteriori informazioni, consultare il documento della BEI, Access to environmental information (Accesso alle informazioni in materia ambientale) ed il comunicato stampa EIB applies the Aarhus Regulation on public access to environmental information (La BEI applica le disposizioni della Convenzione di Aarhus sull accesso del pubblico alle informazioni) del

19 3.2.Dove finiscono i vostri 50 miliardi di euro? La BEI concede diversi tipi di prestito prestiti individuali, che finanziano progetti e programmi specifici (oltre i 25 milioni di euro); prestiti intermediati (o globali), linee di credito erogate a banche ed istituzioni finanziarie per sostenere piccole e medie imprese; meccanismi di finanziamento strutturato per prestiti di primo grado e garanzie per progetti, soprattutto di natura infrastrutturale, ad alto margine di rischio. Riguardo i prestiti individuali, la BEI finanzia progetti in molti settori. In teoria, essi dovrebbero ottemperare agli obiettivi fissati dalla BEI al fine di contribuire agli obiettivi economici e politici dell Unione ed ai mandati che l Unione conferisce alla BEI per i paesi terzi, al fine di sostenere le proprie politiche di sviluppo e cooperazione nei paesi partner. In linea di massima, l interpretazione di questi obiettivi tende ad essere abbastanza vaga ed indefinita, concedendo così alla BEI un ampio spazio di manovra riguardo cosa finanziare. Dove finanzia effettivamente la BEI La fetta principale del portfolio della BEI è destinata agli stati membri della UE: circa l 87 % nel 2006.I prestiti erogati a paesi extra UE ed ai cosiddetti Paesi partner sono relativamente modesti rispetto al volume complessivo, ma in costante crescita (oltre 5,9 miliardi di euro nel 2006) rendendo la BEI uno dei maggiori finanziatori pubblici che opera nel Sud del mondo. La BEI eroga prestiti in diversi settori: la parte più cospicua è destinata al settore finanziario, di cui il 50% è costituito dai prestiti globali, seguiti da prestiti per progetti su larga scala nei settori di trasporti, energia, industria e telecomunicazioni. (figura 1). Solo una piccola percentuale dei prestiti BEI concessi negli ultimi 10 anni è stata destinata a progetti riguardanti istruzione, salute ed agricoltura. Figura 1. Statistiche sui finanziamenti della BEI suddivisi per settore Sviluppo Urbano 3% Trasporti 28% Telecomunicazioni 5% 1% Agricoltura 0% 1% Istruzione 3% Energia 10% Ambiente 5% Settore finanziario 30% non definito Agricoltura Ricostruzione dei danni Istruzione Energia Ambiente Settore finanziario Salute Industria Infrastrutture Varie Servizi postali Telecomunicazioni Trasporti Sviluppo Urbano Servizi postali 1% Salute 2% Infrastrutture 2% Industria 8% Se si esaminano i diversi settori finanziati dalla BEI, viene da chiedersi se essa effettivamente persegua i propri obiettivi e le proprie politiche e perfino se i finanziamenti concessi a paesi al di fuori dell Unione concorrano al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo UE. 19

20 La BEI ed il settore minerario: Uno dei settori in cui la BEI si dimostra più attiva è quello minerario (che secondo la classificazione per le statistiche BEI, figura sotto la voce prestiti per il Settore industriale), in particolare nei paesi ACP. Nonostante la BEI affermi che il settore minerario contribuisce allo sviluppo, in realtà i prestiti erogati in questo campo vanno soprattutto a vantaggio di grandi multinazionali che estraggono sistematicamente le risorse naturali africane per esportarle verso l Europa, gli Stati Uniti o i paesi emergenti (come la Cina, che produce enormi quantità di manufatti prodotti a partire dalle materie prime importate per poi riesportare tali prodotti verso i paesi ricchi). Inoltre, il contributo apportato dal settore minerario alla diminuzione della povertà ed allo sviluppo economico è estremamente discutibile (box 1 sull argomento) Per esempio, le condizioni del contratto per la miniera di rame Mopani in Zambia, finanziata dalla BEI, prevedono che al governo zambiano spetti solamente lo 0,6% dei ricavi. Mentre i ricchi paesi del Nord restano i principali beneficiari delle operazioni minerarie, i paesi che ospitano tali operazioni devono subire le pesanti conseguenze sociali ed ambientali derivanti da estrazioni su larga scala: sfollati interni, disboscamento, inquinamento idrico ed atmosferico, corruzione, violazioni di diritti umani, conflitti, ecc. Tra il 2000 ed il 2006, oltre l 80% dei finanziamenti della BEI in Zambia è stato destinato a progetti in campo minerario, di cui 188 milioni di euro sono stati investiti in progetti su rame e cobalto. E questo nonostante la UE finanzi in Zambia un Programma di Diversificazione del Settore Minerario per estrarre altri materiali diversi dal rame ed il cobalto 6 6. Per ulteriori informazioni sulle operazioni di prestito della BEI nel settore minerario, si può consultare la relazione European Investment Bank: six years financing the plundering of Africa, Novembre 2007, pubblicata da Friends of the Earth France. La relazione è disponibile on-line La BEI ed i prestiti nel settore energetico: Uno delle attuali priorità della BEI è finanziare progetti nel settore energetico, prestando un attenzione particolare ad aumentare i fondi per energie sostenibili, competitive e sicure. Nonostante gli impegni assunti nella promozione delle energie rinnovabili, la BEI sta aumentando i prestiti finalizzati a progetti nel settore dei combustibili fossili (Figura 2), finanziando la costruzione di oleodotti e gasdotti in regioni caratterizzate da instabilità politica, alti tassi di povertà, basso rispetto dei diritti umani ed alti livelli di corruzione. Tra i progetti controversi nel settore energetico sostenuti dalla BEI ricordiamo l oleodotto Ciad-Camerun, il West African Gas Pipeline un gasdotto che trasporta gas dal delta del Niger e gli oleodotti in Mozambico ed in Egitto. Anche se è necessario riconoscere una crescente consapevolezza della BEI sulla necessità di investire nel settore delle energie rinnovabili, nel periodo , i prestiti accordati ai settori petrolifero e gas sono stati QUATTRO VOLTE SUPERIORI rispetto a quelli stanziati per le energie rinnovabili. Nello stesso periodo, su un totale di 23,7 miliardi di euro investiti nel settore energetico, 11,3 miliardi di euro sono andati a finanziare combustibili fossili, mentre alle energie rinnovabili è stata destinata solo una cifra che va dai 3 ai 3,6 miliardi di euro, a seconda se si consideri o no l energia idroelettrica un energia rinnovabile. Non è possibile invece quantificare gli investimenti per l efficienza energetica, tranne che per uno o due progetti specifici, dato che sono inclusi in altri progetti. Figura 2: Investimenti BEI in campo energetico 35% 3% 13% 2% 2% 3% 42% Gas Carbone Energia idroelettrica Energia rinnovabile Petrolio Distribuzione elettrica Altri 20

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Cos è la Banca europea per gli investimenti?

Cos è la Banca europea per gli investimenti? Cos è la Banca europea per gli investimenti? La BEI è la banca dell Unione europea. Come principale mutuatario e finanziatore multilaterale, eroghiamo finanziamenti e consulenze tecniche per progetti d

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

La Banca europea per gli investimenti in sintesi

La Banca europea per gli investimenti in sintesi La Banca europea per gli investimenti in sintesi Come banca dell Unione europea (UE), forniamo finanziamenti e consulenza per progetti d investimento validi e sostenibili situati in Europa e nei Paesi

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.3.2015 COM(2015) 145 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO Relazione sull'applicazione del regolamento (UE) n. 211/2011 riguardante l'iniziativa

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici

Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici Libro verde Occupazione affari sociali Commissione europea Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA Il presente documento contiene le principali misure concrete a breve-medio termine proposte dalla Commissione per contribuire a stabilizzare

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA,

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, IL REGNO DI DANIMARCA, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA,

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE

1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE 1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE Per secoli l Europa è stata teatro di conflitti, tensioni e divisioni, ma dopo gli orrori della seconda Guerra Mondiale il continente ha visto risorgere

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA

LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA la mobilità nella formazione dei docenti in europa LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA MIUR Direzione Generale per gli Affari Internazionali Eurydice Direzione Generale per gli Affari Internazionali

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO

I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO SCHEDA INFORMATIVA I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA I DIRITTI FONDAMENTALI E LA DIRETTIVA SULL ORARIO DI LAVORO 01

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria A cura di NE Nomisma Energia Srl Responsabile di Ricerca: Davide Tabarelli (Presidente), Carlo Bevilacqua Ariosti

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

L Europa in 12 lezioni. di Pascal Fontaine

L Europa in 12 lezioni. di Pascal Fontaine L Europa in 12 lezioni di Pascal Fontaine Potete trovare questo opuscolo e altre chiare e brevi spiegazioni sull Unione europea sul sito ec.europa.eu/publications/ Commissione europea Direzione generale

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere.

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere. 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Bonifici provenienti dall

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28.11.214 COM(214) 94 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO Relazione

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Evola. Evolution in Logistics.

Evola. Evolution in Logistics. Evola. Evolution in Logistics. Viaggiamo nel tempo per farvi arrivare bene. Siamo a vostra disposizione ed operiamo per voi dal 1993, inizialmente specializzati nel mercato italiano e successivamente come

Dettagli

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO n n u u m e r r o m o n o g r a nf i u c m o e r o m Sistemi scolastici europei Sistemi 2012 Sistemi di valutazione scolastici europei Sistemi sc dellõ istruzione in Europa2012 ALCUNI PAESI A CONFRONTO

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 25.06.2008 SEC(2008) 2193 DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE CODICE EUROPEO DI BUONE PRATICHE PER FACILITARE L ACCESSO DELLE PMI AGLI

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli