Capitolo 5 INTEGRALI DOPPI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 5 INTEGRALI DOPPI"

Transcript

1 Capitolo 5 INTEGRALI DOPPI Ci proponiamo di estendere alle funzioni reali di due variabili la nozione di integrale di Riemann nel caso dei domini normali. Vedremo che, in opportune ipotesi, il calcolo di tali integrali si riconduce al calcolo successivo di due integrali di funzioni di una variabile. Per tale motivo gli integrali delle funzioni di due variabili si chiamano integrali doppi. DOMINI NORMALI Definizione 1 Siano α(x) e β(x) due funzioni reali continue nell intervallo compatto [a,b] e tali che α(x) β (x) x [a,b]. Il sottoinsieme di R 2 D = { (x,y) [a,b] x R : α (x) y β (x) } si chiama dominio normale (rispetto) all asse x definito dalle limitazioni (*) a x b α(x) y β(x) Osservazione 1 Si noti dalla teoria dell integrale di Riemann che un dominio D normale all asse x è un insieme dotato di area (insieme misurabile) e la sua area che denoteremo col simbolo m(d) è espressa dall intergale definito (vedi figura) Osservazione 2 m(d) = β(x)dx α(x)dx = (β(x) α(x))dx Si noti che un dominio D normale all asse x è effettivamente un dominio e cioè la chiusura di un aperto solo quando risulta α(x) < β(x) x [a,b]. Se α(x) = β(x) in un sottoinsieme di [a,b], D non è un dominio. Tuttavia si conviene di utilizzare il termine dominio normale all asse x per l insieme D anche quando D non è un dominio perché ciò non è una differenza nella teoria dell integrale doppio. Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 1 di 16

2 Osservazione 3 Si noti che il dominio D normale rispetto all asse x definito dalle limitazioni (*) gode della seguente proprietà. Ogni retta perpendicolare all asse x e passante per un punto dell intervallo [a,b] intercetta su D un segmento che può anche ridursi ad un punto (segmento degenere). ****************** In maniera del tutto analoga si definiscono i domini normali all asse y: Definizione 2 Siano γ(y) e δ(y) due funzioni reali continue nell intervallo compatto [c, d] e tali che γ(y) δ(y) y [c,d]. Il sottoinsieme di R 2 D = { (x, y) [c, d] x R : γ(y) x δ(y) } si chiama il dominio normale (rispetto) all asse y definito dalle limitazioni: c y d ; γ(y) x δ(y) Osservazione 4 Per i domini normali all asse y valgono, con le ovvie modifiche, le considerazioni fatte nelle osservazioni 1, 2 e 3. Definizione 3 Un dominio normale all asse x (all asse y) si dice un dominio regolare normale all asse x (all asse y) quando la sua frontiera è una curva semplice chiusa regolare a tratti. Osservazione 5 Si noti che D dominio normale all asse x definito dalle limitazioni (*) è dominio regolare normale all asse x se e solo se le funzioni α(x) e β(x) sono di classe C (1) in [a, b]. Analogamente per i domini normali all asse y. Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 2 di 16

3 INTEGRALI DOPPI SU DOMINI NORMALI Premettiamo una definizione Definizione 1 Sia D R 2 un dominio limitato (non necessariamente dominio normale) e D 1, D 2,, D n (n > 1), i domini contenuti in D. Si dice che i domini D 1, D 2, D n costituiscono una partizione o anche una decomposizione di D quando risulta: 1) D 1, D 2,, D n sono due a due domini privi di punti interni comuni. 2) D 1 D 2 D n = D. Una partizione del dominio D negli n domini D 1, D 2, D n si denota col simbolo { D 1, D 2, D n } e i domini D 1, D 2, D n si chiamano gli elementi della partizione. Osservazione 1 Si noti che in se D è un dominio decomponibile in un numero finito di domini misurabili (cioè dotati di area) i quali costituiscono una partizione di D, per la proprietà additiva della misura, risulta che D è a sua volta misurabile e m(d) = m(d 1 ) + m(d 2 ) + + m(d n ) Definizione 2 (di integrale doppio) Sia ƒ(p) = ƒ(x, y) una funzione reale limitata in D in R 2 dominio normale (all asse x, all asse y, oppure anche normale ad entrambi gli assi x, y). Per ogni partizione P = {D 1, D 2,, D n } di D in domini normali porremo: m i = inf ƒ(p); M i = sup ƒ(p) D i e considereremo le due somme integrali D i i {1,2,..n} s(p ) = Σ m i m(d i ) ; S(P ) = Σ M i m(d i ) dove m(d i ) denota la misura o anche l area del dominio normale D i i = 1,2, n. Al variare della partizione P di D in domini normali, tali somme integrali descrivono due insiemi numerici Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 3 di 16

4 A = {s(p )} ; B = {S(P )}. Si dimostra che, analogamente al caso delle funzioni di una variabile, tali insiemi numerici sono separati. Conseguentemente A e B ammettono elementi separatori. Se A e B sono anche contigui l unico elemento separatore si chiama l integrale doppio di ƒ(p) = ƒ(x,y) esteso al dominio D e si denota con uno dei simboli: Osservazione 2 ƒ(p)dxdy ; ƒ(x, y)dxdy. Analogamente al caso delle funzioni di una variabile si dimostra che se ƒ(p) = ƒ(x,y) è continua in D, ƒ(p) = ƒ(x,y) è integrabile in D. L integrale doppio gode di tutte le proprietà dell integrale. In particolare valgono le seguenti proprietà: 1) Proprietà distributiva Se ƒ, g sono funzioni integrabili nel dominio normale D e c 1 e c 2 sono costanti reali, risulta: [c 1 ƒ(x, y) + c 2 g(x, y) ]dxdy = c 1 ƒ(x, y)dxdy + c 2 g(x, y)dxdy 2) Proprietà additiva Se { D 1, D 2,, D n } è una partizione del dominio normale D in domini normali e ƒ(x,y) è una funzione integrabile in D, risulta: ƒ(x, y)dxdy = ƒ(x, y)dxdy + ƒ(x, y)dxdy ƒ(x, y)dxdy SIGNIFICATO GEOMETRICO DELL INTEGRALE DOPPIO Premettiamo che se ƒ(x,y) è una funzione continua in un dominio connesso e limitato D (non necessariamente normale) il sottoinsieme di R 3 : S = { (x, y, z) R 3 : (x, y) D e z = ƒ(x, y) } è, come vedremo, una superficie che si chiama il diagramma della funzione ƒ(x,y). L equazione z = ƒ(x,y) si chiama l equazione cartesiana del diagramma di ƒ(x,y). Definizione Sia ƒ(x, y) una funzione reale di due variabili continua e non negativa in un dominio normale D. L insieme: C = { (x, y, z) R 3 : (x, y) D e 0 z ƒ(x,y) } si chiama cilindroide di base D relativo alla funzione ƒ(x, y). Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 4 di 16

5 Osservazione Il cilindroide C è un insieme compatto di R 3 che ha per frontiera la superficie diagramma z = ƒ(x,y), il dominio normale D e i segmenti paralleli all asse z passanti per i punti della frontiera D del dominio D. Se ƒ(x,y) = h > 0 ( cioè se ƒ è costante) il cilindroide si riduce al cilindro di base D e altezza h. Premesso tutto ciò, si dimostra che il cilindroide C di base D relativo alla funzione ƒ è un solido misurabile ( cioè dotato di volume) e risulta vol. C = ƒ(x,y)dxdy Conseguentemente: se ƒ è continua e non negativa nel dominio normale D l integrale doppio di ƒ esteso a D rappresenta il volume del cilindroide C di base D relativo alla funzione ƒ. FORMULE DI RIDUZIONE DEGLI INTEGRALI DOPPI È fondamentale per le applicazioni il seguente risultato che consente di calcolare un integrale doppio mediante il calcolo successivo di due integrali semplici e cioè integrali di funzioni di una sola variabile. Teorema ( che contiene le formule di riduzione) Sia ƒ(x,y) una funzione reale continua nel dominio normale D. Se il dominio D è definito dalle limitazioni: a x b ; α(x) y β(x) e cioè è un dominio normale all asse x, vale la formula di riduzione (*) ƒ(x,y) dxdy = dx ƒ(x,y) dy se, invece, D e definito dalle limitazioni: c y d ; γ(y) x δ(y) e cioè è un dominio normale all asse y, vale la formula di riduzione (**) ƒ(x,y) dxdy = dy ƒ(x,y) dx Rimandiamo, per motivi di brevità, alla dimostrazione di questo teorema. Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 5 di 16

6 Osservazione 1 Le uguaglianze (*), (**) contenute in questo teorema si chiamano le formule di riduzione degli integrali doppi. Si noti che, se poniamo: g(x) = ƒ(x, y)dy x [a, b] allora il simbolo a secondo membro della formula (*) si interpreta nel seguente modo: dx ƒ(x,y)dy = ( ƒ(x,y)dy )dx = g(x)dx e cioè è un simbolo che compendia due integrazioni successive di funzioni di una sola variabile. La prima integrazione va eseguita rispetto ad y e conduce alla determinazione della funzione g(x), la seconda integrazione rispetto ad x della funzione g(x) conduce poi al calcolo dell integrale doppio. Un analogo ragionamento vale per la formula di riduzione (**). È evidente in conclusione, l utilità pratica delle formule di riduzione. INTEGRALI DOPPI SU DOMINI REGOLARI Premettiamo che, considerato nel piano cartesiano (O, x, y) un dominio limitato D, si dice che D è un dominio regolare quando risulta decomponibile in un numero finito D 1,D 2, D n di domini normali regolari a due a due privi di punti interni in comune. Ad esempio è un dominio regolare la corona circolare D di centro l origine O (0,0) e raggi r 1 e r 2 (vedi figura). Infatti mediante la retta di equazione x = r 1 e x = r 1, D si decompone nei quattro domini normali regolari D 1, D 2, D 3, D 4. Ciò posto, se ƒ(x,y) è una funzione continua nel dominio regolare D e se D è decomponibile nei domini normali regolari D 1, D 2,, D n, a due a due privi di punti interni in comune, si pone per definizione: ƒ(x,y)dxdy = ƒ(x,y)dxdy + ƒ(x,y)dxdy + + ƒ(x,y)dxdy Si dimostra che l integrale doppio a primo membro non dipende dalle partizioni { D 1, D 2,, D n } di D. Osservazione1 (notevole) Dalla definizione precedente si deduce che per calcolare l integrale doppio di una funzione continua in un dominio regolare D è necessario decomporre il dominio D in domini normali D 1, D 2,, D n ; calcolare con una formula di riduzione gli integrali doppi di ƒ estesi ai domini D 1, D 2,..., D n e infine sommare. Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 6 di 16

7 Nella pratica, la necessità di decomporre il dominio D in domini normali si può presentare anche quando, pur essendo D un dominio normale, almeno una delle due curve frontiera non si può esprimere mediante un unica equazione cartesiana. Osservazione2 (notevole) Si noti che se D è il dominio normale all asse x definito dalle limitazioni a x b ; α(x) y β(x) risulta: 1 dxdy = dx 1 dy = [β(x) α(x)] dx = m(d) Analogamente se D è un dominio normale all asse y. È facile a questo punto concludere che ogni dominio regolare D è numerabile (cioè è un insieme dotato di area) e risulta: m(d) = dxdy FORMULE DI GAUSS E CONSEGUENZE Ci proponiamo di dimostrare un teorema molto importante che fornisce delle formule, dette di Gauss, le quali consentono di calcolare un integrale doppio mediante un integrale curvilineo e viceversa. Teorema Se ƒ(x, y) è una funzione di classe C (1) in un dominio regolare D, valgono le seguenti formule di Gauss: dxdy = ƒ dy ; dxdy = ƒ dx ƒ x ƒ y Dimostrazione Premettiamo che, essendo un dominio regolare unione di un numero finito di domini normali, basta dimostrare il teorema per i domini normali. Per ragioni di semplicità ci limitiamo a dimostrare la prima delle formule di Gauss nel caso che D sia un dominio normale rispetto all asse y definito dalle limitazioni : c y d ; γ(y) x δ(y) Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 7 di 16

8 Osserviamo innanzitutto che in tal caso, per la formula di riduzione, risulta: (*) ƒ dxdy = dy ƒ dx = [ƒ(x, y)] dy = [ ƒ(δ(y), y) ƒ(γ(y), y) ]dy x x D altra parte, se indichiamo con +Г 1, +Г 2, +Г 3, +Г 4, gli archi di curva semplici e regolari che compongono la frontiera D del domino D orientati nel verso che lascia alla sinistra i punti interni, risulta (vedi figura): ƒ(x,y)dy = ƒ(x,y)dy + ƒ(x,y)dy + ƒ(x,y)dy + ƒ(x,y)dy Il primo e il terzo degli integrali curvilinei a secondo membro di questa uguaglianza sono nulli perché sui segmenti Г 1, Г 3 l ordinata y è costante. D altra parte Г 2, Г 4 ammettono rispettivamente le rappresentazioni parametriche: x = δ(t) y = t t [c, d] ; x = γ(t) y = t t [c, d] ; per cui, tenuto anche conto dell orientamento di tali curve, si ha: (**) ƒ(x, y)dy = ƒ(δ(t), t)dt ƒ(γ(t), t)dt = [ ƒ(δ(t), t) ƒ(γ(t), t) ]dt Confrontando (**) con (*) si ha la tesi. Una conseguenza immediata di questo teorema è il seguente risultato che lega gli integrali doppi agli integrali curvilinei delle forme differenziali lineari. Teorema di Stokes Sia Xdx + Ydy una forma differenziale lineare di classe C (1) nel dominio regolare D R 2 In tale ipotesi risulta : Xdx + Ydy = (Y x X y )dxdy Dimostrazione Dalle formule di Gauss risulta Y dxdy = Ydy ; X dxdy = Xdx x y sottraendo membro a membro queste uguaglianze e applicando la proprietà distributiva dell integrale, si ha la tesi. Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 8 di 16

9 Siamo ora in grado di dimostrare la condizione sufficiente affinché una forma differenziale lineare di classe C (1) in un aperto A ivi chiusa, sia esatta. Teorema Sia Xdx + Ydy una forma differenziale lineare di classe C (1) in un aperto A semplicemente connesso. Vale la seguente implicazione (Xdx + Ydy chiusa in A) ( Xdx + Ydy esatta in A ) Dimostrazione Sia Г una curva semplice chiusa regolare a tratti contenuta in A e D A il dominio regolare avente per frontiera la curva Г. Per il teorema di Stokes risulta Xdx + Ydy = (Y x X y )dxdy Ne segue, essendo X y = Y x in D, in forza dell ipotesi, Xdx + Ydy = 0 Dal teorema che caratterizza le forme differenziali lineari esatte mediante una proprietà dell integrale curvilineo, segue l asserto. CALCOLO DI UN INTEGRALE DOPPIO MEDIANTE LE COORDINATE POLARI Premettiamo che, se P = (x, y) è un punto del piano cartesiano (O, x, y) diverso dall origine O = (0,0), il numero ρ = distanza di P da O e il numero θ misura in radianti dell angolo formato dal segmento OP col semiasse positivo delle x (vedi figura) si chiamano le coordinate polari del punto P. Il legame tra le coordinate cartesiane (x, y) di P e le coordinate polari (ρ, θ) è espresso dalle uguaglianze x = ρ cosθ y = ρ senθ le quali si chiamano le formule del passaggio dalle coordinate polari alle coordinate cartesiane. Le formule di passaggio dalle coordinate polari alle coordinate cartesiane consentono di trasformare insiemi del piano cartesiano (O, ρ, θ) (cioè di origine O e assi ρ Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 9 di 16

10 e θ) in insiemi del piano cartesiano (O, x, y). Per tale motivo si dice che le (*) costituiscono una trasformazione di equazioni x = ρ cosθ, y = ρ senθ. Definizione Siano φ(θ) e ψ(θ) funzioni reali di classe C (1) nell intervallo [α, β] con β α 2π tali che 0 φ(θ) ψ(θ) per ogni θ [α, β]. L insieme D dei punti (x, y) le cui coordinate polari (ρ, θ) verificano le limitazioni (**) α θ β ; 0 ρ ψ(θ) si chiama il dominio polarmente normale definito (mediante le coordinate polari) dalle limitazioni (**). In particolare l insieme D dei punti (x, y) le cui coordinate polari verificano le limitazioni si chiama il vettore di equazione polare Osservazione1 α θ β ; 0 ρ ψ(θ) ρ = ψ(θ) ; θ [α, β]. Il motivo per cui il dominio D è detto polarmente normale è che ogni semiretta uscente dall origine la quale formi con l asse x un angolo θ [α, β] intercetta su D un segmento. Ciò comporta che, mediante le formule (*) D è il trasformato di un dominio T del piano (O, ρ, θ) normale rispetto all asse θ, verificante le limitazioni (**) (vedi figura). Ciò premesso, vale il seguente risultato che fornisce una formula di cambiamento delle variabili per gli integrali doppi. Teorema Sia D il dominio polarmente normale definito dalle limitazioni α θ β ; φ(θ) ρ ψ(θ) dove β α 2π e 0 φ(θ) ψ(θ) sono funzioni di classe C (1) in [α, β]. Se ƒ(x, y) è una funzione reale continua in D e se T è il dominio del piano (O, θ, ρ) di cui D è il trasformato mediante le formule (*) risulta Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 10 di 16

11 ƒ(x, y)dxdy = ƒ(ρcosθ, ρsenθ) dove il determinante (x, y) (ρ, θ) dρdθ (x, y) (ρ, θ) x x cosθ -ρsenθ = ρ θ = = ρ y y senθ ρcosθ ρ θ si chiama lo jacobiano della trasformazione di equazioni (*). Conseguentemente la formula di cambiamento delle variabili anzidetta si riscrive Osservazione ƒ(x, y)dxdy = ƒ(ρcosθ, ρsenθ) ρ dρdθ Poiché T è un dominio normale rispetto all asse θ, applicando la formula di riduzione degli integrali doppi, si ha: ƒ(x, y)dxdy = ƒ(ρcosθ, ρsenθ) ρ dρdθ = dθ ƒ(ρcosθ, ρsenθ)ρ dρ Conseguentemente le formule del passaggio alle coordinate polari sono particolarmente utili quando D è un dominio polarmente normale. In particolare se D è il vettore di equazione polare ρ = φ(θ) ; θ [α, β], si ha (***) m(d) = 1 dxdy = dθ ρ dρ = ½ φ 2 (θ)dθ e questa è la formula che fornisce l area del vettore polarmente normale. LA FORMULA DI CAMBIAMENTO DELLE VARIABILI PER GLI INTEGRALI DOPPI Il calcolo di un integrale doppio mediante il passaggio alle coordinate polari e cioè mediante la trasformazione di equazioni x = ρcosθ y = ρsenθ Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 11 di 16

12 è soltanto un caso particolare di una formula generale detta di cambiamento delle variabili per gli integrali doppi. Diamo un accenno a questa questione per non uscire dai limiti imposti dal corso compatto. Sia T un dominio regolare del piano cartesiano (O, u, v) e consideriamo la funzione vettoriale di classe C (1) in T: Φ(u,v) = ( x(u,v), y(u,v) ) (u,v) T. osserviamo che questa funzione vettoriale ad ogni punto (u,v) T fa corrispondere il punto (x,y) D con D = Φ(T), tali che (*) x = x(u,v) y = y(u,v) Per tale motivo la funzione Φ si chiama una trasformazione del dominio regolare T del piano (O, u, v) nell insieme D del piano (O, x, y). Le equazioni (*) si chiamano le equazioni della trasformazione, l insieme D = Φ(T) si chiama il trasformato del dominio T mediante la trasformazione Φ. Il determinante (x, y) x u x v (u, v) = = x u y v x v y u y u si chiama lo jacobiano della trasformazione Φ di equazioni (*). Premesso tutto ciò si dà la seguente Definizione y v Una trasformazione Φ del dominio regolare T nell insieme D di equazioni (*) si dice una trasformazione regolare quando accade che: 1. La funzione Φ : T D è biunivoca e cioè Φ è invertibile in T e inoltre ogni elemento di D è immagine mediante Φ di un unico elemento di T (x, y) 2. 0 (u, v) T (u, v) Si può dimostrare che se Φ è una trasformazione regolare di T in D allora l insieme trasformato D = Φ(T) è a sua volta un dominio regolare. Conseguentemente Φ trasforma domini regolari del piano (O, u, v) in domini regolari del piano (O, x, y). Una volta data questa definizione si dimostra il seguente Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 12 di 16

13 Teorema di cambiamento della variabile per gli integrali doppi Sia Φ la trasformazione regolare del dominio T nel dominio D, di equazioni x = x(u,v) (u, v) T y = y(u,v) e ƒ(x, y) una funzione reale continua nel dominio D. In tali ipotesi risulta: (x, y) (*) ƒ(x, y)dxdy = ƒ(x(u,v), y(u,v) ) dudv. (u, v) Osservazione La formula (*) si chiama formula di cambiamento delle variabili per gli integrali doppi e fornisce una regola di calcolo degli integrali doppi che è analoga alla regola di sostituzione per gli integrali semplici. Si dimostra che tale formula è applicabile anche quando la trasformazione Φ non è biunivoca sulla frontiera dei domini T e D (non è biunivoca tra T o e D o ) e anche quando lo jacobiano si annulla nei punti di D. Ciò può accadere, ad esempio, quando, si usano le formule di passaggio alle coordinate polari. DOMINI NORMALI DI R 3 Definizione Siano φ(x,y), ψ (x,y) due funzioni reali continue nel dominio D del piano (O, x, y) normale rispetto ad uno degli assi cartesiani x, y e tali che φ(x, y) ψ (x, y) (x, y) D. Il sottoinsieme di R 3 E = { (x, y, z) DxR : φ(x, y) z ψ(x, y) } si chiama dominio normale rispetto al piano (O, x, y) definito dalle limitazioni (*) (x, y) D ; φ(x, y) z ψ(x, y). Analogamente è possibile definire i domini di R 3 normali rispetto ai piani(o,y,z) e (O,x,z). Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 13 di 16

14 Osservazione Dalla teoria delle funzioni di due variabili si deduce che un dominio E di R 3 normale rispetto ad uno dei piani coordinati è un insieme dotato di volume (cioè misurabile). In particolare se E è il dominio normale definito dalle limitazioni (*) risulta: vol. E = [ψ(x,y) φ(x,y)] dxdy INTEGRALI TRIPLI La definizione di integrale triplo di una funzione ƒ(x, y, x) continua in E R 3 dominio normale rispetto ad uno dei piani coordinati (O, x, y), (O, y, z), (O, x, z) è del tutto analoga alla definizione di integrale doppio per cui non ce ne occupiamo. L integrale triplo di ƒ(x,y,z) esteso ad E si denota col simbolo ƒ(x,y,z)dxdydz Contrariamente a quanto avviene per gli integrali doppi, l integrale triplo non ha un significato geometrico interessante perché i sottoinsiemi di R 4 sono oggetti astratti. L unica eccezione è il caso ƒ(x,y,z) = 1 (x,y,z) E, in quanto, come vedremo in seguito, risulta analogamente al caso delle funzioni di due variabili vol E = 1dxdydz FORMULE DI RIDUZIONE Anche per gli integrali tripli si dimostrano le formule di riduzione. Per esempio sia E un dominio normale rispetto al piano (O, x, y) definito dalle limitazioni: (x,y) D; φ(x, y) z ψ(x,y) Considerata una funzione reale di tre variabili ƒ(x,y,z) continua nel dominio E si dimostra che vale la seguente formula di riduzione ƒ(x,y,z)dxdydz = dxdy ƒ(x,y,z)dz Ne segue che se D è, in particolare, un dominio normale rispetto all asse x definito dalle limitazioni a x b ; α(x) y β(x) per le formule di riduzione degli integrali doppi, risulta ancora ƒ(x,y,z)dxdydz = dx dy ƒ(x, y, z)dz e, in conclusione, il calcolo dell integrale triplo si riduce al calcolo successivo di tre integrali semplici. Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 14 di 16

15 Analogamente, se D è un dominio normale rispetto all asse y definito dalle limitazioni: c y d ; γ(y) x δ(y) risulta ƒ(x,y,z)dxdydz = dy dx ƒ(x,y,z)dz CALCOLO DEL VOLUME DI UN SOLIDO DI ROTAZIONE Dalle formule di riduzione degli integrali tripli si deduce che se E R 3 è il dominio normale rispetto al piano (O, x, y) definito dalle limitazioni : (x, y) D; φ(x, y) z ψ(x, y) Risulta: 1 dxdydz = dxdy dz = [ψ(x,y) φ(x,y)]dxdy = vol E Conseguentemente, in generale, il calcolo del volume di un solido il quale risulti essere un dominio normale di R 3 o, più in generale,decomponibile in un numero finito di domini normali di R 3 due a due privi di punti interni comuni, è un problema che riguarda la teoria degli integrali tripli. Tuttavia è possibile dimostrare, ma su ciò non possiamo soffermarci, che se E è un dominio di R 3 verificante le seguenti ipotesi: 1. E si proietta ortogonalmente sull asse x in un intervallo [a,b] ; 2. x [a,b] la sezione S(x) di E col piano perpendicolare all asse x e passante per il punto (x,0,0) è un insieme misurabile (cioè dotato di area); 3. La funzione areas(x) è continua in [a,b] ; allora risulta : vol E = [areas(x)]dx In altri termini per calcolare il volume di E basta integrare tra a e b l area della sezione piana S(x). Un caso particolare notevole di applicazione di questo risultato è quello dei solidi di rotazione. Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 15 di 16

16 Più precisamente supponiamo che E R 3 sia il solido ottenuto ruotando intorno all asse x di un angolo giro il rettangoloide del piano (O, x, y) di base l intervallo [a, b] relativo alla funzione ƒ(x) continua e non negativa in [a,b]. È facile convincersi che E è un solido di rotazione che verifica le seguenti ipotesi. 1. Si proietta ortogonalmente sull asse x in [a,b] ; 2. la sezione S(x) è il cerchio di raggio ƒ(x) la cui area è π (ƒ(x))²; 3. la funzione π (ƒ(x))² è continua in [a, b] per le ipotesi poste su ƒ. Ne segue allora che vol E = π (ƒ(x))²dx Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 16 di 16

17 Capitolo 1 FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI Ci proponiamo di studiare le funzioni reali di più variabili reali e cioè le funzioni ƒ : R k R con k > 1. Per motivi di semplicità ci riferiremo esclusivamente alle funzioni di due variabili estendendo poi i risultati ottenuti, quando è necessario alle funzioni di tre o più variabili. A tale scopo è opportuno premettere le principali proprietà topologiche dell insieme R² {(x,y) : x R e y R² }e cioè dell insieme R² visto come oggetto geometrico. È noto che R² si rappresenta geometricamente sul piano mediante un sistema di assi cartesiani ortogonali. PROPRIETÀ TOPOLOGICHE DI R² Definizione 1 Distanza: Siano P 0 = (x 0, y 0 ) e P 1 = (x 1, y 1 ) due elementi di R 2 o anche due punti di R 2. Si chiama distanza di P 1 = (x 1, y 1 ) da P 0 = (x 0, y 0 ) il numero reale non negativo: δ = La distanza fra due punti è uguale alla lunghezza del segmento di estremi P 0 e P 1. Definizione 2 Intorno: Sia P 0 = (x 0,y 0 ) un punto di R 2 e δ un numero reale positivo. Si chiama intorno (circolare) di centro P 0 = (x 0, y 0 ) e raggio δ >0 l insieme I δ (P 0 ) = I δ (x 0, y 0 ) = { (x,y) R 2 : < δ } e cioè l insieme dei punti P = (x,y) R 2 che appartengono al cerchio di centro P 0 = (x 0,y 0 ) e raggio δ privato della circonferenza (cerchio aperto). Definizione 3 Punto interno e interno di un insieme: Sia A R 2. Si dice che il punto P 0 = (x 0, y 0 ) A è interno ad A se esiste un intorno I δ (P 0 ) di centro P 0 e raggio δ tutto contenuto in A. Si chiama interno di A e si denota con il simbolo Å l insieme dei punti interni ad A. Definizione 4 Punto esterno: Sia A R 2. Si dice che il punto P 0 = (x 0, y 0 ) A è esterno ad A se esiste un intorno I δ (P 0 ) che non contiene punti di A e cioè tale che I δ (P 0 ) A =. Evidentemente P 0 è esterno ad A se è interno al complementare di A rispetto a R 2 e cioè se è interno all insieme R 2 A. Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 1 di 20

18 Definizione 5 Punto frontiera e di frontiera: Sia A R 2. Si dice che il punto P 0 = (x 0,y 0 ) R 2 è un punto frontiera di A se non è nè interno nè esterno ad A. Conseguentemente in ogni intorno di P 0 cadono sia punti di A sia punti che non appartengono ad A. L insieme dei punti frontiera si chiama frontiera di A e si denota con il simbolo A. Osservazione 1 Si noti che un punto frontiera non è tenuto ad appartenere all insieme A. Ad esempio il cerchio di centro il punto P 0 = (x 0, y 0 ) e raggio r e lo stesso cerchio privato della circonferenza (cerchio aperto) hanno entrambi per frontiera la circonferenza di centro P 0 e raggio r. Nel primo caso la frontiera appartiene al cerchio, nel secondo caso non appartiene. Definizione 6 Punto di accumulazione e insieme derivato: Sia A R 2 e P 0 = (x 0, y 0 ) R 2. Si dice che P 0 è un punto di accumulazione di A se in ogni intorno I(P 0 ) = I(x 0, y 0 ) di centro P 0 cadono infiniti punti di A diversi da P 0. L insieme dei punti di accumulazione di A si chiama il derivato di A. Definizione 7 Insieme limitato e non limitato: Un insieme A R 2 si dice limitato se è contenuto in un intorno I δ (O) di centro l origine O = (0,0). Si dice non limitato se ciò non accade. Definizione 8 Insieme aperto e chiuso: Un insieme A R 2 si dice aperto se A = Å e cioè se ogni punto di A è un punto interno ad A; si dice chiuso se il suo complementare rispetto a R 2 e cioè l insieme R 2 A è aperto. Osservazione 2 Si noti che un insieme aperto non contiene punti frontiera, mentre un insieme chiuso contiene tutti i punti frontiera. Si noti ancora che un insieme A R 2 che non sia aperto non è tenuto ad essere chiuso. Ad esempio l insieme: A = {(x,y) : x [1,2[ e y [2,3[} non è né aperto né chiuso. Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 2 di 20

19 Definizione 9 Chiusura di un insieme: Sia A R 2. Si chiama chiusura di A e si denota con il simbolo Ā, l insieme unione di A e della frontiera di A. In simboli: Ā = A U A. La chiusura Ā di A è un insieme chiuso perché contiene tutti i punti frontiera. Definizione 10 Dominio: Si chiama dominio ogni sottinsieme di R 2 che risulti essere la chiusura di un insieme aperto, e cioè anche l unione di un insieme aperto e della sua frontiera. Ad esempio un cerchio chiuso, un angolo chiuso sono domini. L insieme ottenuto come unione di un cerchio chiuso e di un segmento non è un dominio. LA DEFINIZIONE DI LIMITE La definizione di limite, già nota per le funzioni di una variabile, si estende facilmente alle funzioni di due variabili. Sia ƒ(x,y) una funzione reale definita nell insieme A R 2 e P 0 = (x 0, y 0 ) un punto di accumulazione per A. Si dice che ƒ ha limite l R in P 0 e si scrive lim ƒ (x, y) = l oppure anche lim ƒ(p) = l (x, y) (x 0,y 0 ) P P 0 quando vale la seguente proprietà detta definizione di limite. J ε (l) I δ (P 0 ) : P A I δ (P 0 ) {P 0 } f(p) J ε (l) la quale essendo J ε (l) un intervallo aperto di centro l e raggio ε e cioè J ε (l)=] l ε; l +ε [ e I δ (P 0 ) un cerchio aperto di centro P 0 e raggio δ e cioè I δ(p 0 ) = { (x,y) R 2 : ε > 0 δ > 0 : (x,y) A e 0 < < δ }, si esprime in maniera equivalente: < δ ƒ(x,y) l < ε I due casi l = + e l = - si trattano in maniera analoga. Ad esempio lim ƒ(p) = + significa che vale la proprietà: P P 0 J(+ ) I δ (P 0 ): x A I(P 0 ) {P 0 } ƒ(p) J(+ ) e cioè se: J(+ ) = ]M, + [ con M > 0. Μ > 0 δ > 0 : (x,y) A e 0 < < δ ƒ(p) > Μ. Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 3 di 20

20 Definizione di funzione continua Sia f : A R 2 R e P 0 = (x 0, y 0 ) A. Si dice che ƒ è continua in P 0 = (x 0, y 0 ) quando risulta lim ƒ (x, y) = l oppure anche lim ƒ(p) = l. (x, y) (x 0,y 0 ) P P 0 Si dice che ƒ è continua nell insieme A quando è continua in ogni punto di A. A proposito delle funzioni continue, si estende il teorema di Weiestrass nella maniera seguente. Teorema di Weiestrass Se ƒ(x,y) è una funzione continua in un insieme A chiuso e limitato (cioè compatto) allora ƒ assume in A il minimo ed il massimo e cioè esistono in A due punti (x, y) e (x, y) tali che ƒ(x, y) ƒ(x, y) ƒ(x, y) (x, y) A. Osservazione La definizione di limite, la continuità e il teorema di Weiestrass si estendono facilmente alle funzioni reali di k variabili con k > 2. Di ciò la cura al lettore. Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 4 di 20

21 DERIVATE PARZIALI Sia ƒ(x,y) una funzione reale definita in un insieme A e P 0 = (x 0, y 0 ) un punto interno ad A. In tali ipotesi esiste un intorno I r (P 0 ) di centro P 0 e raggio r tutto contenuto in A ed ha senso considerare la funzione della sola variabile x: (*) ƒ(x, y 0 ) ƒ(x 0, y 0 ) x x 0 con x ] x 0 r, x 0 + r [ {x 0 } Si chiama derivata parziale di ƒ rispetto a x nel punto P 0 e si denota con uno dei simboli ƒ x (P 0 ), ƒ(p 0 ) il limite in x 0 della funzione (*) sempre che tale limite esista e sia x finito. Riassumendo: ƒ x (P 0 ) = ƒ x (x 0, y 0 ) = ƒ(p 0 ) x lim x x 0 ƒ(x, y 0 ) ƒ(x 0, y 0 ) x x 0 Analogamente si chiama derivata parziale di ƒ rispetto a y nel punto P 0 e si denota con uno dei simboli ƒ y (P 0 ), ƒ(p 0 ) il limite in y 0 della funzione y ƒ(x 0, y) ƒ(x 0, y 0 ) y y 0 con y ] y 0 r, y 0 + r [ {y 0 } quando tale limite esiste ed è finito. In simboli: ƒ y (P 0 ) = ƒ y (x 0, y 0 ) = ƒ(p 0 ) y lim y y 0 ƒ(x 0, y) ƒ(x 0, y 0 ) y y 0 Si dice che ƒ(x,y) è derivabile nel punto P 0 =(x 0, y 0 ) quando esistono finite in P 0 entrambe le derivate parziali. Se A = Å e cioè se A è un aperto e se ƒ(x,y) è derivabile in ogni punto di A si dice che ƒ è derivabile nell insieme A. Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 5 di 20

Capitolo 1. Integrali multipli. 1.1 Integrali doppi su domini normali. Definizione 1.1.1 Si definisce dominio normale rispetto all asse

Capitolo 1. Integrali multipli. 1.1 Integrali doppi su domini normali. Definizione 1.1.1 Si definisce dominio normale rispetto all asse Contenuti 1 Integrali multipli 2 1.1 Integralidoppisudomininormali... 2 1.2 Cambiamento di variabili in un integrale doppio. 6 1.3 Formula di Gauss-Green nel piano e conseguenze. 7 1.4 Integralitripli...

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012 Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 211/212 Ricordare: una funzione lipschitziana tra spazi metrici manda insiemi limitati in insiemi limitati; se il dominio di una funzione

Dettagli

Esercizi di riepilogo Matematica II Corso di Laurea in Ottica ed Optometria

Esercizi di riepilogo Matematica II Corso di Laurea in Ottica ed Optometria Esercizi di riepilogo Matematica II Corso di Laurea in Ottica ed Optometria Esercizio 1 Testo Sia F F 1 x,y),f x,y)) ) x 1 x y + 1 x, y 1 x y + 1 y un campo vettoriale. 1. Si determini il dominio in cui

Dettagli

Calcolo integrale in più variabili

Calcolo integrale in più variabili ppunti di nalisi II Calcolo integrale in più variabili Integrali doppi Nel caso di una funzione di una variabile f : a, b] R, supponendo f continua e fx) a, b], la quantità b a fx)dx indica l area fra

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Durata della prova: 3h. 2 +y 4. tan y sin y lim = 1. (x 4 +y 2 )y 3

Durata della prova: 3h. 2 +y 4. tan y sin y lim = 1. (x 4 +y 2 )y 3 Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea in Matematica Analisi Matematica II (Gruppo ), A.A. 22/3 Prova scritta del 28 gennaio 23 Durata della prova: 3h. sercizio (8 punti). Si consideri

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Richiami su norma di un vettore e distanza, intorni sferici in R n, insiemi aperti, chiusi, limitati e illimitati.

Richiami su norma di un vettore e distanza, intorni sferici in R n, insiemi aperti, chiusi, limitati e illimitati. PROGRAMMA di Fondamenti di Analisi Matematica 2 (DEFINITIVO) A.A. 2010-2011, Paola Mannucci, Canale 2 Ingegneria gestionale, meccanica e meccatronica, Vicenza Testo Consigliato: Analisi Matematica, M.

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica- modulo Analisi Prof. B.Bacchelli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica- modulo Analisi Prof. B.Bacchelli Appunti sul corso di Complementi di Matematica- modulo Analisi Prof. B.Bacchelli 09- Integrale doppio: Riferimenti: R.Adams, Calcolo ifferenziale 2. Capitoli 5.1, 5.2, 5.4. Esercizi 5.3, 5.4 Integrale

Dettagli

Richiami sulle derivate parziali e definizione di gradiente di una funzione, sulle derivate direzionali. Regola della catena per funzioni composte.

Richiami sulle derivate parziali e definizione di gradiente di una funzione, sulle derivate direzionali. Regola della catena per funzioni composte. PROGRAMMA di Fondamenti di Analisi Matematica 2 (che sarà svolto fino al 7 gennaio 2013) A.A. 2012-2013, Paola Mannucci e Claudio Marchi, Canali 1 e 2 Ingegneria Gestionale, Meccanica-Meccatronica, Vicenza

Dettagli

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola Analisi 2 Argomenti Successioni di funzioni Definizione Convergenza puntuale Proprietà della convergenza puntuale Convergenza uniforme Continuità e limitatezza Teorema della continuità del limite Teorema

Dettagli

Programma definitivo Analisi Matematica 2 - a.a. 2005-06 Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Civile (ICI)

Programma definitivo Analisi Matematica 2 - a.a. 2005-06 Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Civile (ICI) 1 Programma definitivo Analisi Matematica 2 - a.a. 2005-06 Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Civile (ICI) Approssimazioni di Taylor BPS, Capitolo 5, pagine 256 268 Approssimazione lineare, il simbolo

Dettagli

4 Funzioni di due o più variabili reali

4 Funzioni di due o più variabili reali 4 Funzioni di due o più variabili reali Dopo aver studiato in dettaglio le funzioni di una variabile reale, affrontiamo ora alcuni aspetti della teoria delle funzioni di due o più variabili reali. La nostra

Dettagli

SPAZI METRICI. Uno spazio metrico X con metrica d si indica con il simbolo (X, d). METRICI 1

SPAZI METRICI. Uno spazio metrico X con metrica d si indica con il simbolo (X, d). METRICI 1 SPAZI METRICI Nel piano R 2 o nello spazio R 3 la distanza fra due punti è la lunghezza, o norma euclidea, del vettore differenza di questi due punti. Se p = (x, y, z) è un vettore in coordinate ortonormali,

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

Sono definite in sottoinsiemi di R n (n N), a valori in R Ci si limiterà al caso di R 2 o di R 3

Sono definite in sottoinsiemi di R n (n N), a valori in R Ci si limiterà al caso di R 2 o di R 3 1 FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI 1 1 Funzioni di più variabili Sono definite in sottoinsiemi di R n (n N), a valori in R Ci si limiterà al caso di R 2 o di R 3 Definizione 1.1 Dati D R 2 e f : D R, l insieme

Dettagli

Registro di Analisi Matematica II c.l. IIn a.a. 2006/2007 M. Furi

Registro di Analisi Matematica II c.l. IIn a.a. 2006/2007 M. Furi Registro delle lezioni di Analisi Matematica II (6 CFU) Università di Firenze - Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2006/2007 - Prof. Massimo Furi Testo di riferimento:

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

Insiemi di livello e limiti in più variabili

Insiemi di livello e limiti in più variabili Insiemi di livello e iti in più variabili Insiemi di livello Si consideri una funzione f : A R, con A R n. Un modo per poter studiare il comportamento di una funzione in più variabili potrebbe essere quello

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli

Analisi 2 - funzioni di più variabili. Andrea Minetti - andrea.minetti@gmail.com

Analisi 2 - funzioni di più variabili. Andrea Minetti - andrea.minetti@gmail.com Analisi 2 - funzioni di più variabili Andrea Minetti - andrea.minetti@gmail.com January 28, 2011 Ciao a tutti, ecco i miei riassunti, ovviamente non posso garantire la correttezza (anzi garantisco la non

Dettagli

Capitolo 16 Esercizi sugli integrali doppi

Capitolo 16 Esercizi sugli integrali doppi Capitolo 6 sercizi sugli integrali doppi Brevi richiami di teoria Sia f : [a, b] [c, d] B IR una funzione limitata e non negativa, definita sul rettangolo R = [a, b] [c, d]. Dividiamo l intervallo [a,

Dettagli

Energia potenziale L. P. Maggio 2007. 1. Campo di forze

Energia potenziale L. P. Maggio 2007. 1. Campo di forze Energia potenziale L. P. Maggio 2007 1. Campo di forze Consideriamo un punto materiale di massa m che si muove in una certa regione dello spazio. Si dice che esso è soggetto a un campo di forze, se ad

Dettagli

Cambiamento di variabili negli integrali doppi: La trasformazione in coordinate polari. esiste (evidentemente) una sola coppia ( ρ, θ) R [ 0,2π[

Cambiamento di variabili negli integrali doppi: La trasformazione in coordinate polari. esiste (evidentemente) una sola coppia ( ρ, θ) R [ 0,2π[ Cambiamento di variabili negli integrali doppi: La trasformazione in coordinate polari Osservazione: Se ( x, ) \{(0,0)} esiste (evidentemente) una sola coppia ( ρ, θ) [ 0,[ tale che x. imane in tal modo

Dettagli

1 Insiemi in R n 1 1.1 Simmetrie degli insiemi... 5

1 Insiemi in R n 1 1.1 Simmetrie degli insiemi... 5 UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 5 2 Funzioni da

Dettagli

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12 UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica 1 Massimi e minimi delle funzioni di più variabili Indice 1 Massimi e minimi liberi 1 Massimi e minimi vincolati 7 3 Soluzioni degli esercizi

Dettagli

LP. Lavoro e potenziale

LP. Lavoro e potenziale Lavoro e potenziale LP. Lavoro e potenziale Forza In questa sezione dobbiamo introdurre un nuovo concetto che assumiamo come primitivo dalla fisica: è il concetto di forza. Ci occuperemo anzitutto di una

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6 EQUAZIONI DIFFERENZIALI.. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x log t (d) x = e t x log x (e) y = y 5y+6 (f) y = ty +t t +y (g) y = y (h) xy = y (i) y y y = 0 (j) x = x (k)

Dettagli

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 1. Il dominio della funzione f(x) = log (x2 + 1)(4 x 2 ) (x 2 2x + 1) è: (a) ( 2, 2) (b) ( 2, 1) (1, 2) (c) (, 2) (2, + ) (d) [ 2, 1) (1, 2] (e) R \{1} 2. La funzione f : R R

Dettagli

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni:

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni: FUNZIONI IN PIÙ VARIABILI 1. Esercizi Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni, specificando se si tratta di un insieme aperto o chiuso: 1) f(x, ) = log(x x ) ) f(x, ) = x + 3) f(x,

Dettagli

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI In matematica, per semplificare la stesura di un testo, si fa ricorso ad un linguaggio specifico. In questo capitolo vengono fornite in maniera sintetica le nozioni

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

I appello - 24 Marzo 2006

I appello - 24 Marzo 2006 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Energetica e Gestionale A.A.2005/2006 I appello - 24 Marzo 2006 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. I.) Studiare la convergenza puntuale,

Dettagli

a) Osserviamo innanzi tutto che dev essere x > 0. Pertanto il dominio è ]0, + [. b) Poniamo t = log x. Innanzi tutto si ha:

a) Osserviamo innanzi tutto che dev essere x > 0. Pertanto il dominio è ]0, + [. b) Poniamo t = log x. Innanzi tutto si ha: ESERCIZIO - Data la funzione f (x) = (log x) 6 7(log x) 5 + 2(log x) 4, si chiede di: a) calcolare il dominio di f ; ( punto) b) studiare la positività e le intersezioni con gli assi; (3 punti) c) stabilire

Dettagli

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Versione ottobre novembre 2008 Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Contenuto 1. Applicazioni lineari 2. L insieme delle

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione:

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: Verso l'esame di Stato Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: y ln 5 6 7 8 9 0 Rappresenta il campo di esistenza determinato

Dettagli

x 2 + y2 4 = 1 x = cos(t), y = 2 sin(t), t [0, 2π] Al crescere di t l ellisse viene percorsa in senso antiorario.

x 2 + y2 4 = 1 x = cos(t), y = 2 sin(t), t [0, 2π] Al crescere di t l ellisse viene percorsa in senso antiorario. Le soluzioni del foglio 2. Esercizio Calcolare il lavoro compiuto dal campo vettoriale F = (y + 3x, 2y x) per far compiere ad una particella un giro dell ellisse 4x 2 + y 2 = 4 in senso orario... Soluzione.

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Analisi Matematica II (Fisica e Astronomia) Esercizi di ricapitolazione n. 1

Analisi Matematica II (Fisica e Astronomia) Esercizi di ricapitolazione n. 1 Analisi Matematica II (Fisica e Astronomia) Esercizi di ricapitolazione n. Università di Padova - Lauree in Fisica ed Astronomia - A.A. 8/9 venerdì 8 maggio 9 Questi esercizi sono proposti come preparazione

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2.

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2. FUNZIONI DI DUE VARIABILI 1 DOMINIO E LIMITI Domini e disequazioni in due variabili. Insiemi di livello. Elementi di topologia (insiemi aperti, chiusi, limitati, convessi, connessi per archi; punti di

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

Alcuni appunti di Analisi Matematica II - Calcolo Integrale

Alcuni appunti di Analisi Matematica II - Calcolo Integrale lcuni appunti di nalisi Matematica II - Calcolo Integrale Marco Spadini Tratti dal egistro delle lezioni di nalisi Matematica II, Corso di Laurea in Ingegneria Informatica.. 2007/2008 - Prof. Massimo Furi

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 3 Sessione straordinaria Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA È assegnata

Dettagli

3 GRAFICI DI FUNZIONI

3 GRAFICI DI FUNZIONI 3 GRAFICI DI FUNZIONI Particolari sottoinsiemi di R che noi studieremo sono i grafici di funzioni. Il grafico di una funzione f (se non è specificato il dominio di definizione) è dato da {(x, y) : x dom

Dettagli

ed é dato, per P (t) una qualsiasi parametrizzazione di cui sopra, da

ed é dato, per P (t) una qualsiasi parametrizzazione di cui sopra, da 1 Integrali su una curva regolare Sia C R N una curva regolare, ossia: (1) C é l immagine di una funzione P (t) definita in un intervallo [a, b] (qui preso chiuso e limitato), tipicamente chiuso e limitato,

Dettagli

Determinare estremo superiore ed estremo inferiore dell insieme ( 1) n A = n + 1 : n IN

Determinare estremo superiore ed estremo inferiore dell insieme ( 1) n A = n + 1 : n IN Prima prova di verifica in itinere di ANALISI MATEMATICA Gennaio 00 Determinare estremo superiore ed estremo inferiore dell insieme { } ( ) n A = n + : n IN specificando se si tratta rispettivamente di

Dettagli

Matematica e Statistica

Matematica e Statistica Matematica e Statistica Prova d esame (0/07/03) Università di Verona - Laurea in Biotecnologie - A.A. 0/3 Matematica e Statistica Prova di MATEMATICA (0/07/03) Università di Verona - Laurea in Biotecnologie

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x).

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x). Esame liceo Scientifico : ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMI Problema. Sia ABCD un quadrato di lato, P un punto di AB e γ la circonferenza

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Elementi di topologia della retta

Elementi di topologia della retta Elementi di topologia della retta nome insieme definizione l insieme è un concetto primitivo che si accetta come intuitivamente noto secondo George Cantor, il padre della teoria degli insiemi: Per insieme

Dettagli

Teoria dei Fenomeni Aleatori 1

Teoria dei Fenomeni Aleatori 1 Integrale Doppio Sia g( x,y ) una funzione continua nel piano ( x,y ) o D è un dominio sul piano ( x,y ) o P è una sua partizione che ricopre il dominio D: ( ) P D D... D... = 1,1 1,2 i,j, con Di,j = ΔxiΔ

Dettagli

IL CALCOLO VETTORIALE (SUPPLEMENTO AL LIBRO)

IL CALCOLO VETTORIALE (SUPPLEMENTO AL LIBRO) IL CALCOLO VETTORIALE SUPPLEMENTO AL LIBRO CLAUDIO BONANNO Contents. Campi di vettori e operatori 2. Il lavoro di un campo di vettori 5 2.. Lavoro e campi conservativi 6 2.2. Lavoro e campi irrotazionali:

Dettagli

Funzioni reali di più variabili reali

Funzioni reali di più variabili reali Funzioni reali di più variabili reali Generalità. Indichiamo con R n il prodotto cartesiano di R per sé stesso, n volte: R n = {(, 2,, n ) ;! R,, n!r}. Quando n = 2 oppure n = 3 indicheremo le coordinate

Dettagli

Massimi e minimi vincolati

Massimi e minimi vincolati Massimi e minimi vincolati In problemi di massimo e minimo vincolato viene richiesto di ricercare massimi e minimi di una funzione non definita su tutto R n, ma su un suo sottoinsieme proprio. Esempio:

Dettagli

Dipendenza dai dati iniziali

Dipendenza dai dati iniziali Dipendenza dai dati iniziali Dopo aver studiato il problema dell esistenza e unicità delle soluzioni dei problemi di Cauchy, il passo successivo è vedere come le traiettorie di queste ultime dipendono

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni reali di variabile reale Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

Osservazione 2 L elemento di arrivo ( output) deve essere unico corrispondenza univoca da A e B. f : A B

Osservazione 2 L elemento di arrivo ( output) deve essere unico corrispondenza univoca da A e B. f : A B FUNZIONI Definizione 1 Dati due insiemi A e B, si chiama funzione da A a B una legge che ad ogni elemento di A associa un (solo) elemento di B. L insieme A si chiama dominio della funzione e l insieme

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1.

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1. EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti 1. Determinare la soluzione dell equazione differenziale (x 2 + 1)y + y 2 =. y + x tan y = 2. Risolvere il problema di Cauchy y() = 1 2 π. 3. Risolvere il problema

Dettagli

Analisi Complessa. Prova intermedia del 7 novembre 2002 - Soluzioni. (z 11 1) 11 1 = 0.

Analisi Complessa. Prova intermedia del 7 novembre 2002 - Soluzioni. (z 11 1) 11 1 = 0. Analisi Complessa Prova intermedia del 7 novembre 2002 - Soluzioni Esercizio. Si consideri l equazione z 0. Quante soluzioni distinte esistono in C? Quante di esse sono contenute all interno del disco

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Programma di Matematica

Programma di Matematica Programma di Matematica Modulo 1. Topologia in R 2. Funzioni in R 3. Limite e continuità di una funzione Unità didattiche Struttura algebrica di R Insiemi reali limitati e illimitati Intorno di un punto

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1. Federico Lastaria federico.lastaria@polimi.it

Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1. Federico Lastaria federico.lastaria@polimi.it Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1 Federico Lastaria federico.lastaria@poi.it Primi teoremi di caclolo differenziale Ottobre 2010. Indice 1 Funzioni derivabili su un intervallo 1 1.1

Dettagli

Esercizi svolti e assegnati su integrali doppi e tripli

Esercizi svolti e assegnati su integrali doppi e tripli Esercizi svolti e assegnati su integrali doppi e tripli Esercizio. ove R R xy x + y + x + y dxdy } x, y R : x, y, x x + y x Svolgimento. Passo : per disegnare R, studiamo C : x + y x, C : x + y x Completando

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

Note di Analisi Matematica 2

Note di Analisi Matematica 2 Annamaria Mazzia Note di Analisi Matematica 2 Università degli Studi di Padova corso di laurea in Ingegneria Edile-Architettura a.a. 2012-2013 Questo lavoro è pubblicato sotto una Creative Commons Attribution-Noncommercial-No

Dettagli

Funzioni a 2 variabili

Funzioni a 2 variabili Funzioni a 2 variabili z = f(x, y) Relazione che associa ad ogni coppia di valori x,y (variabili indipendenti) uno ed un solo valore di z (variabile dipendente). Esempi: z = x 2y + 4 z = x 2 y 2 2x z =

Dettagli

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara Funzioni Lorenzo Pareschi Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara http://utenti.unife.it/lorenzo.pareschi/ lorenzo.pareschi@unife.it Lorenzo Pareschi (Univ. Ferrara)

Dettagli

Calcolo integrale per funzioni di più variabili reali

Calcolo integrale per funzioni di più variabili reali CAPITOLO 4 Calcolo integrale per funzioni di più variabili reali La definizione di integrale definito per funzioni di una variabile reale è motivato dal problema del calcolo delle aree: si desidera calcolare

Dettagli

Le derivate versione 4

Le derivate versione 4 Le derivate versione 4 Roberto Boggiani 2 luglio 2003 Riciami di geometria analitica Dalla geometria analitica sulla retta sappiamo ce dati due punti del piano A(x, y ) e B(x 2, y 2 ) con x x 2 la retta

Dettagli

Corrispondenze e funzioni

Corrispondenze e funzioni Corrispondenze e funzioni L attività fondamentale della mente umana consiste nello stabilire corrispondenze e relazioni tra oggetti; è anche per questo motivo che il concetto di corrispondenza è uno dei

Dettagli

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari Serie numeriche Definizioni e proprietà elementari Sia { } una successione, definita per ogni numero naturale n n. Per ogni n n, consideriamo la somma s n degli elementi della successione di posto d s

Dettagli

MOMENTI DI INERZIA. m i. i=1

MOMENTI DI INERZIA. m i. i=1 MOMENTI DI INEZIA Massa Ad ogni punto materiale si associa uno scalare positivo m che rappresenta la quantità di materia di cui è costituito il punto. m, la massa, è costante nel tempo. Dato un sistema

Dettagli

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA Simulazione 01/15 ANNO SCOLASTICO 01/15 PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA DELL ESAME DI STATO PER IL LICEO SCIENTIFICO Il candidato risolva uno dei due problemi Problema 1 Nella

Dettagli

NOTAZIONI DIFFERENZIALI IN FISICA

NOTAZIONI DIFFERENZIALI IN FISICA NOTAZIONI IFFERENZIALI IN FISICA Elio Proietti Abstract (Versione agosto 2012) Il tumultuoso sviluppo ed i successi del calcolo differenziale nel Settecento indussero il matematico Jean-Baptiste d Alambert

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

1.1. Spazi metrici completi

1.1. Spazi metrici completi SPAZI METRICI: COMPLETEZZA E COMPATTEZZA Note informali dalle lezioni 1.1. Spazi metrici completi La nozione di convergenza di successioni è centrale nello studio degli spazi metrici. In particolare è

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio. Funzioni e insiemi numerici.4 Verificare che (A B) (A B) = (A A ) B. ) Sia (a, b) (A B) (A B). Allora a (A A ) e b B, da cui (a,

Dettagli

Facoltà di Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell'informazione anno accademico 2014/15 Registro lezioni del docente SPORTELLI LUIGI

Facoltà di Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell'informazione anno accademico 2014/15 Registro lezioni del docente SPORTELLI LUIGI Facoltà di Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell'informazione anno accademico 2014/15 Registro lezioni del docente SPORTELLI LUIGI Attività didattica ANALISI MATEMATICA [2000] Periodo di svolgimento:

Dettagli

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete 1) Cosa intendiamo, esattamente, quando parliamo di funzione reale di due variabili reali? Quando esiste una relazione fra tre variabili reali

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ INSIEMISTICA \ TEORIA DEGLI INSIEMI (1)

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ INSIEMISTICA \ TEORIA DEGLI INSIEMI (1) ALGEBRA \ INSIEMISTICA \ TEORIA DEGLI INSIEMI (1) Un insieme è una collezione di oggetti. Il concetto di insieme è un concetto primitivo. Deve esistere un criterio chiaro, preciso, non ambiguo, inequivocabile,

Dettagli

Stabilità di Lyapunov

Stabilità di Lyapunov Stabilità di Lyapunov Flaviano Battelli Dipartimento di Scienze Matematiche Università Politecnica delle Marche Ancona Introduzione. In queste note presentiamo i primi elementi della teoria della stabilità

Dettagli

Funzioni con dominio in R n

Funzioni con dominio in R n 0.1 Punti e vettori di R n Politecnico di Torino. Funzioni con dominio in R n Nota Bene: delle lezioni. Questo materiale non deve essere considerato come sostituto Molto spesso risulta che una quantita

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

Note di matematica per microeconomia

Note di matematica per microeconomia Note di matematica per microeconomia Luigi Balletta Funzioni di una variabile (richiami) Una funzione di variabile reale ha come insieme di partenza un sottoinsieme di R e come insieme di arrivo un sottoinsieme

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

5. LE RAPPRESENTAZIONI CARTOGRAFICHE vers 100609

5. LE RAPPRESENTAZIONI CARTOGRAFICHE vers 100609 5. LE RAPPRESENTAZIONI CARTOGRAFICHE vers 100609 sostituscono le pagg. 50-58 (fino alle eq. 5.28) Come già visto è stato scelto l'ellissoide come riferimento planimetrico sul quale proiettare tutti i punti

Dettagli

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla ESERCITAZIONI DI ANALISI FOGLIO FOGLIO FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI Marco Pezzulla gennaio 05 FOGLIO. Determinare il dominio e il segno della funzione ( ) f(x) arccos x x + π/3.

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

APPENDICE NOZIONI BASE E VARIE

APPENDICE NOZIONI BASE E VARIE pag. 131 Appendice: Nozioni base e varie G. Gerla APPENDICE NOZIONI BASE E VARIE 1. Funzioni e relazioni di equivalenza Questi appunti sono rivolti a persone che abbiano già una conoscenza elementare della

Dettagli

Quesiti di Analisi Matematica A

Quesiti di Analisi Matematica A Quesiti di Analisi Matematica A Presentiamo una raccolta di quesiti per la preparazione alla prova orale del modulo di Analisi Matematica A. Per una buona preparazione é consigliabile rispondere ad alta

Dettagli