Capitolo 5 INTEGRALI DOPPI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 5 INTEGRALI DOPPI"

Transcript

1 Capitolo 5 INTEGRALI DOPPI Ci proponiamo di estendere alle funzioni reali di due variabili la nozione di integrale di Riemann nel caso dei domini normali. Vedremo che, in opportune ipotesi, il calcolo di tali integrali si riconduce al calcolo successivo di due integrali di funzioni di una variabile. Per tale motivo gli integrali delle funzioni di due variabili si chiamano integrali doppi. DOMINI NORMALI Definizione 1 Siano α(x) e β(x) due funzioni reali continue nell intervallo compatto [a,b] e tali che α(x) β (x) x [a,b]. Il sottoinsieme di R 2 D = { (x,y) [a,b] x R : α (x) y β (x) } si chiama dominio normale (rispetto) all asse x definito dalle limitazioni (*) a x b α(x) y β(x) Osservazione 1 Si noti dalla teoria dell integrale di Riemann che un dominio D normale all asse x è un insieme dotato di area (insieme misurabile) e la sua area che denoteremo col simbolo m(d) è espressa dall intergale definito (vedi figura) Osservazione 2 m(d) = β(x)dx α(x)dx = (β(x) α(x))dx Si noti che un dominio D normale all asse x è effettivamente un dominio e cioè la chiusura di un aperto solo quando risulta α(x) < β(x) x [a,b]. Se α(x) = β(x) in un sottoinsieme di [a,b], D non è un dominio. Tuttavia si conviene di utilizzare il termine dominio normale all asse x per l insieme D anche quando D non è un dominio perché ciò non è una differenza nella teoria dell integrale doppio. Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 1 di 16

2 Osservazione 3 Si noti che il dominio D normale rispetto all asse x definito dalle limitazioni (*) gode della seguente proprietà. Ogni retta perpendicolare all asse x e passante per un punto dell intervallo [a,b] intercetta su D un segmento che può anche ridursi ad un punto (segmento degenere). ****************** In maniera del tutto analoga si definiscono i domini normali all asse y: Definizione 2 Siano γ(y) e δ(y) due funzioni reali continue nell intervallo compatto [c, d] e tali che γ(y) δ(y) y [c,d]. Il sottoinsieme di R 2 D = { (x, y) [c, d] x R : γ(y) x δ(y) } si chiama il dominio normale (rispetto) all asse y definito dalle limitazioni: c y d ; γ(y) x δ(y) Osservazione 4 Per i domini normali all asse y valgono, con le ovvie modifiche, le considerazioni fatte nelle osservazioni 1, 2 e 3. Definizione 3 Un dominio normale all asse x (all asse y) si dice un dominio regolare normale all asse x (all asse y) quando la sua frontiera è una curva semplice chiusa regolare a tratti. Osservazione 5 Si noti che D dominio normale all asse x definito dalle limitazioni (*) è dominio regolare normale all asse x se e solo se le funzioni α(x) e β(x) sono di classe C (1) in [a, b]. Analogamente per i domini normali all asse y. Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 2 di 16

3 INTEGRALI DOPPI SU DOMINI NORMALI Premettiamo una definizione Definizione 1 Sia D R 2 un dominio limitato (non necessariamente dominio normale) e D 1, D 2,, D n (n > 1), i domini contenuti in D. Si dice che i domini D 1, D 2, D n costituiscono una partizione o anche una decomposizione di D quando risulta: 1) D 1, D 2,, D n sono due a due domini privi di punti interni comuni. 2) D 1 D 2 D n = D. Una partizione del dominio D negli n domini D 1, D 2, D n si denota col simbolo { D 1, D 2, D n } e i domini D 1, D 2, D n si chiamano gli elementi della partizione. Osservazione 1 Si noti che in se D è un dominio decomponibile in un numero finito di domini misurabili (cioè dotati di area) i quali costituiscono una partizione di D, per la proprietà additiva della misura, risulta che D è a sua volta misurabile e m(d) = m(d 1 ) + m(d 2 ) + + m(d n ) Definizione 2 (di integrale doppio) Sia ƒ(p) = ƒ(x, y) una funzione reale limitata in D in R 2 dominio normale (all asse x, all asse y, oppure anche normale ad entrambi gli assi x, y). Per ogni partizione P = {D 1, D 2,, D n } di D in domini normali porremo: m i = inf ƒ(p); M i = sup ƒ(p) D i e considereremo le due somme integrali D i i {1,2,..n} s(p ) = Σ m i m(d i ) ; S(P ) = Σ M i m(d i ) dove m(d i ) denota la misura o anche l area del dominio normale D i i = 1,2, n. Al variare della partizione P di D in domini normali, tali somme integrali descrivono due insiemi numerici Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 3 di 16

4 A = {s(p )} ; B = {S(P )}. Si dimostra che, analogamente al caso delle funzioni di una variabile, tali insiemi numerici sono separati. Conseguentemente A e B ammettono elementi separatori. Se A e B sono anche contigui l unico elemento separatore si chiama l integrale doppio di ƒ(p) = ƒ(x,y) esteso al dominio D e si denota con uno dei simboli: Osservazione 2 ƒ(p)dxdy ; ƒ(x, y)dxdy. Analogamente al caso delle funzioni di una variabile si dimostra che se ƒ(p) = ƒ(x,y) è continua in D, ƒ(p) = ƒ(x,y) è integrabile in D. L integrale doppio gode di tutte le proprietà dell integrale. In particolare valgono le seguenti proprietà: 1) Proprietà distributiva Se ƒ, g sono funzioni integrabili nel dominio normale D e c 1 e c 2 sono costanti reali, risulta: [c 1 ƒ(x, y) + c 2 g(x, y) ]dxdy = c 1 ƒ(x, y)dxdy + c 2 g(x, y)dxdy 2) Proprietà additiva Se { D 1, D 2,, D n } è una partizione del dominio normale D in domini normali e ƒ(x,y) è una funzione integrabile in D, risulta: ƒ(x, y)dxdy = ƒ(x, y)dxdy + ƒ(x, y)dxdy ƒ(x, y)dxdy SIGNIFICATO GEOMETRICO DELL INTEGRALE DOPPIO Premettiamo che se ƒ(x,y) è una funzione continua in un dominio connesso e limitato D (non necessariamente normale) il sottoinsieme di R 3 : S = { (x, y, z) R 3 : (x, y) D e z = ƒ(x, y) } è, come vedremo, una superficie che si chiama il diagramma della funzione ƒ(x,y). L equazione z = ƒ(x,y) si chiama l equazione cartesiana del diagramma di ƒ(x,y). Definizione Sia ƒ(x, y) una funzione reale di due variabili continua e non negativa in un dominio normale D. L insieme: C = { (x, y, z) R 3 : (x, y) D e 0 z ƒ(x,y) } si chiama cilindroide di base D relativo alla funzione ƒ(x, y). Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 4 di 16

5 Osservazione Il cilindroide C è un insieme compatto di R 3 che ha per frontiera la superficie diagramma z = ƒ(x,y), il dominio normale D e i segmenti paralleli all asse z passanti per i punti della frontiera D del dominio D. Se ƒ(x,y) = h > 0 ( cioè se ƒ è costante) il cilindroide si riduce al cilindro di base D e altezza h. Premesso tutto ciò, si dimostra che il cilindroide C di base D relativo alla funzione ƒ è un solido misurabile ( cioè dotato di volume) e risulta vol. C = ƒ(x,y)dxdy Conseguentemente: se ƒ è continua e non negativa nel dominio normale D l integrale doppio di ƒ esteso a D rappresenta il volume del cilindroide C di base D relativo alla funzione ƒ. FORMULE DI RIDUZIONE DEGLI INTEGRALI DOPPI È fondamentale per le applicazioni il seguente risultato che consente di calcolare un integrale doppio mediante il calcolo successivo di due integrali semplici e cioè integrali di funzioni di una sola variabile. Teorema ( che contiene le formule di riduzione) Sia ƒ(x,y) una funzione reale continua nel dominio normale D. Se il dominio D è definito dalle limitazioni: a x b ; α(x) y β(x) e cioè è un dominio normale all asse x, vale la formula di riduzione (*) ƒ(x,y) dxdy = dx ƒ(x,y) dy se, invece, D e definito dalle limitazioni: c y d ; γ(y) x δ(y) e cioè è un dominio normale all asse y, vale la formula di riduzione (**) ƒ(x,y) dxdy = dy ƒ(x,y) dx Rimandiamo, per motivi di brevità, alla dimostrazione di questo teorema. Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 5 di 16

6 Osservazione 1 Le uguaglianze (*), (**) contenute in questo teorema si chiamano le formule di riduzione degli integrali doppi. Si noti che, se poniamo: g(x) = ƒ(x, y)dy x [a, b] allora il simbolo a secondo membro della formula (*) si interpreta nel seguente modo: dx ƒ(x,y)dy = ( ƒ(x,y)dy )dx = g(x)dx e cioè è un simbolo che compendia due integrazioni successive di funzioni di una sola variabile. La prima integrazione va eseguita rispetto ad y e conduce alla determinazione della funzione g(x), la seconda integrazione rispetto ad x della funzione g(x) conduce poi al calcolo dell integrale doppio. Un analogo ragionamento vale per la formula di riduzione (**). È evidente in conclusione, l utilità pratica delle formule di riduzione. INTEGRALI DOPPI SU DOMINI REGOLARI Premettiamo che, considerato nel piano cartesiano (O, x, y) un dominio limitato D, si dice che D è un dominio regolare quando risulta decomponibile in un numero finito D 1,D 2, D n di domini normali regolari a due a due privi di punti interni in comune. Ad esempio è un dominio regolare la corona circolare D di centro l origine O (0,0) e raggi r 1 e r 2 (vedi figura). Infatti mediante la retta di equazione x = r 1 e x = r 1, D si decompone nei quattro domini normali regolari D 1, D 2, D 3, D 4. Ciò posto, se ƒ(x,y) è una funzione continua nel dominio regolare D e se D è decomponibile nei domini normali regolari D 1, D 2,, D n, a due a due privi di punti interni in comune, si pone per definizione: ƒ(x,y)dxdy = ƒ(x,y)dxdy + ƒ(x,y)dxdy + + ƒ(x,y)dxdy Si dimostra che l integrale doppio a primo membro non dipende dalle partizioni { D 1, D 2,, D n } di D. Osservazione1 (notevole) Dalla definizione precedente si deduce che per calcolare l integrale doppio di una funzione continua in un dominio regolare D è necessario decomporre il dominio D in domini normali D 1, D 2,, D n ; calcolare con una formula di riduzione gli integrali doppi di ƒ estesi ai domini D 1, D 2,..., D n e infine sommare. Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 6 di 16

7 Nella pratica, la necessità di decomporre il dominio D in domini normali si può presentare anche quando, pur essendo D un dominio normale, almeno una delle due curve frontiera non si può esprimere mediante un unica equazione cartesiana. Osservazione2 (notevole) Si noti che se D è il dominio normale all asse x definito dalle limitazioni a x b ; α(x) y β(x) risulta: 1 dxdy = dx 1 dy = [β(x) α(x)] dx = m(d) Analogamente se D è un dominio normale all asse y. È facile a questo punto concludere che ogni dominio regolare D è numerabile (cioè è un insieme dotato di area) e risulta: m(d) = dxdy FORMULE DI GAUSS E CONSEGUENZE Ci proponiamo di dimostrare un teorema molto importante che fornisce delle formule, dette di Gauss, le quali consentono di calcolare un integrale doppio mediante un integrale curvilineo e viceversa. Teorema Se ƒ(x, y) è una funzione di classe C (1) in un dominio regolare D, valgono le seguenti formule di Gauss: dxdy = ƒ dy ; dxdy = ƒ dx ƒ x ƒ y Dimostrazione Premettiamo che, essendo un dominio regolare unione di un numero finito di domini normali, basta dimostrare il teorema per i domini normali. Per ragioni di semplicità ci limitiamo a dimostrare la prima delle formule di Gauss nel caso che D sia un dominio normale rispetto all asse y definito dalle limitazioni : c y d ; γ(y) x δ(y) Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 7 di 16

8 Osserviamo innanzitutto che in tal caso, per la formula di riduzione, risulta: (*) ƒ dxdy = dy ƒ dx = [ƒ(x, y)] dy = [ ƒ(δ(y), y) ƒ(γ(y), y) ]dy x x D altra parte, se indichiamo con +Г 1, +Г 2, +Г 3, +Г 4, gli archi di curva semplici e regolari che compongono la frontiera D del domino D orientati nel verso che lascia alla sinistra i punti interni, risulta (vedi figura): ƒ(x,y)dy = ƒ(x,y)dy + ƒ(x,y)dy + ƒ(x,y)dy + ƒ(x,y)dy Il primo e il terzo degli integrali curvilinei a secondo membro di questa uguaglianza sono nulli perché sui segmenti Г 1, Г 3 l ordinata y è costante. D altra parte Г 2, Г 4 ammettono rispettivamente le rappresentazioni parametriche: x = δ(t) y = t t [c, d] ; x = γ(t) y = t t [c, d] ; per cui, tenuto anche conto dell orientamento di tali curve, si ha: (**) ƒ(x, y)dy = ƒ(δ(t), t)dt ƒ(γ(t), t)dt = [ ƒ(δ(t), t) ƒ(γ(t), t) ]dt Confrontando (**) con (*) si ha la tesi. Una conseguenza immediata di questo teorema è il seguente risultato che lega gli integrali doppi agli integrali curvilinei delle forme differenziali lineari. Teorema di Stokes Sia Xdx + Ydy una forma differenziale lineare di classe C (1) nel dominio regolare D R 2 In tale ipotesi risulta : Xdx + Ydy = (Y x X y )dxdy Dimostrazione Dalle formule di Gauss risulta Y dxdy = Ydy ; X dxdy = Xdx x y sottraendo membro a membro queste uguaglianze e applicando la proprietà distributiva dell integrale, si ha la tesi. Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 8 di 16

9 Siamo ora in grado di dimostrare la condizione sufficiente affinché una forma differenziale lineare di classe C (1) in un aperto A ivi chiusa, sia esatta. Teorema Sia Xdx + Ydy una forma differenziale lineare di classe C (1) in un aperto A semplicemente connesso. Vale la seguente implicazione (Xdx + Ydy chiusa in A) ( Xdx + Ydy esatta in A ) Dimostrazione Sia Г una curva semplice chiusa regolare a tratti contenuta in A e D A il dominio regolare avente per frontiera la curva Г. Per il teorema di Stokes risulta Xdx + Ydy = (Y x X y )dxdy Ne segue, essendo X y = Y x in D, in forza dell ipotesi, Xdx + Ydy = 0 Dal teorema che caratterizza le forme differenziali lineari esatte mediante una proprietà dell integrale curvilineo, segue l asserto. CALCOLO DI UN INTEGRALE DOPPIO MEDIANTE LE COORDINATE POLARI Premettiamo che, se P = (x, y) è un punto del piano cartesiano (O, x, y) diverso dall origine O = (0,0), il numero ρ = distanza di P da O e il numero θ misura in radianti dell angolo formato dal segmento OP col semiasse positivo delle x (vedi figura) si chiamano le coordinate polari del punto P. Il legame tra le coordinate cartesiane (x, y) di P e le coordinate polari (ρ, θ) è espresso dalle uguaglianze x = ρ cosθ y = ρ senθ le quali si chiamano le formule del passaggio dalle coordinate polari alle coordinate cartesiane. Le formule di passaggio dalle coordinate polari alle coordinate cartesiane consentono di trasformare insiemi del piano cartesiano (O, ρ, θ) (cioè di origine O e assi ρ Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 9 di 16

10 e θ) in insiemi del piano cartesiano (O, x, y). Per tale motivo si dice che le (*) costituiscono una trasformazione di equazioni x = ρ cosθ, y = ρ senθ. Definizione Siano φ(θ) e ψ(θ) funzioni reali di classe C (1) nell intervallo [α, β] con β α 2π tali che 0 φ(θ) ψ(θ) per ogni θ [α, β]. L insieme D dei punti (x, y) le cui coordinate polari (ρ, θ) verificano le limitazioni (**) α θ β ; 0 ρ ψ(θ) si chiama il dominio polarmente normale definito (mediante le coordinate polari) dalle limitazioni (**). In particolare l insieme D dei punti (x, y) le cui coordinate polari verificano le limitazioni si chiama il vettore di equazione polare Osservazione1 α θ β ; 0 ρ ψ(θ) ρ = ψ(θ) ; θ [α, β]. Il motivo per cui il dominio D è detto polarmente normale è che ogni semiretta uscente dall origine la quale formi con l asse x un angolo θ [α, β] intercetta su D un segmento. Ciò comporta che, mediante le formule (*) D è il trasformato di un dominio T del piano (O, ρ, θ) normale rispetto all asse θ, verificante le limitazioni (**) (vedi figura). Ciò premesso, vale il seguente risultato che fornisce una formula di cambiamento delle variabili per gli integrali doppi. Teorema Sia D il dominio polarmente normale definito dalle limitazioni α θ β ; φ(θ) ρ ψ(θ) dove β α 2π e 0 φ(θ) ψ(θ) sono funzioni di classe C (1) in [α, β]. Se ƒ(x, y) è una funzione reale continua in D e se T è il dominio del piano (O, θ, ρ) di cui D è il trasformato mediante le formule (*) risulta Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 10 di 16

11 ƒ(x, y)dxdy = ƒ(ρcosθ, ρsenθ) dove il determinante (x, y) (ρ, θ) dρdθ (x, y) (ρ, θ) x x cosθ -ρsenθ = ρ θ = = ρ y y senθ ρcosθ ρ θ si chiama lo jacobiano della trasformazione di equazioni (*). Conseguentemente la formula di cambiamento delle variabili anzidetta si riscrive Osservazione ƒ(x, y)dxdy = ƒ(ρcosθ, ρsenθ) ρ dρdθ Poiché T è un dominio normale rispetto all asse θ, applicando la formula di riduzione degli integrali doppi, si ha: ƒ(x, y)dxdy = ƒ(ρcosθ, ρsenθ) ρ dρdθ = dθ ƒ(ρcosθ, ρsenθ)ρ dρ Conseguentemente le formule del passaggio alle coordinate polari sono particolarmente utili quando D è un dominio polarmente normale. In particolare se D è il vettore di equazione polare ρ = φ(θ) ; θ [α, β], si ha (***) m(d) = 1 dxdy = dθ ρ dρ = ½ φ 2 (θ)dθ e questa è la formula che fornisce l area del vettore polarmente normale. LA FORMULA DI CAMBIAMENTO DELLE VARIABILI PER GLI INTEGRALI DOPPI Il calcolo di un integrale doppio mediante il passaggio alle coordinate polari e cioè mediante la trasformazione di equazioni x = ρcosθ y = ρsenθ Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 11 di 16

12 è soltanto un caso particolare di una formula generale detta di cambiamento delle variabili per gli integrali doppi. Diamo un accenno a questa questione per non uscire dai limiti imposti dal corso compatto. Sia T un dominio regolare del piano cartesiano (O, u, v) e consideriamo la funzione vettoriale di classe C (1) in T: Φ(u,v) = ( x(u,v), y(u,v) ) (u,v) T. osserviamo che questa funzione vettoriale ad ogni punto (u,v) T fa corrispondere il punto (x,y) D con D = Φ(T), tali che (*) x = x(u,v) y = y(u,v) Per tale motivo la funzione Φ si chiama una trasformazione del dominio regolare T del piano (O, u, v) nell insieme D del piano (O, x, y). Le equazioni (*) si chiamano le equazioni della trasformazione, l insieme D = Φ(T) si chiama il trasformato del dominio T mediante la trasformazione Φ. Il determinante (x, y) x u x v (u, v) = = x u y v x v y u y u si chiama lo jacobiano della trasformazione Φ di equazioni (*). Premesso tutto ciò si dà la seguente Definizione y v Una trasformazione Φ del dominio regolare T nell insieme D di equazioni (*) si dice una trasformazione regolare quando accade che: 1. La funzione Φ : T D è biunivoca e cioè Φ è invertibile in T e inoltre ogni elemento di D è immagine mediante Φ di un unico elemento di T (x, y) 2. 0 (u, v) T (u, v) Si può dimostrare che se Φ è una trasformazione regolare di T in D allora l insieme trasformato D = Φ(T) è a sua volta un dominio regolare. Conseguentemente Φ trasforma domini regolari del piano (O, u, v) in domini regolari del piano (O, x, y). Una volta data questa definizione si dimostra il seguente Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 12 di 16

13 Teorema di cambiamento della variabile per gli integrali doppi Sia Φ la trasformazione regolare del dominio T nel dominio D, di equazioni x = x(u,v) (u, v) T y = y(u,v) e ƒ(x, y) una funzione reale continua nel dominio D. In tali ipotesi risulta: (x, y) (*) ƒ(x, y)dxdy = ƒ(x(u,v), y(u,v) ) dudv. (u, v) Osservazione La formula (*) si chiama formula di cambiamento delle variabili per gli integrali doppi e fornisce una regola di calcolo degli integrali doppi che è analoga alla regola di sostituzione per gli integrali semplici. Si dimostra che tale formula è applicabile anche quando la trasformazione Φ non è biunivoca sulla frontiera dei domini T e D (non è biunivoca tra T o e D o ) e anche quando lo jacobiano si annulla nei punti di D. Ciò può accadere, ad esempio, quando, si usano le formule di passaggio alle coordinate polari. DOMINI NORMALI DI R 3 Definizione Siano φ(x,y), ψ (x,y) due funzioni reali continue nel dominio D del piano (O, x, y) normale rispetto ad uno degli assi cartesiani x, y e tali che φ(x, y) ψ (x, y) (x, y) D. Il sottoinsieme di R 3 E = { (x, y, z) DxR : φ(x, y) z ψ(x, y) } si chiama dominio normale rispetto al piano (O, x, y) definito dalle limitazioni (*) (x, y) D ; φ(x, y) z ψ(x, y). Analogamente è possibile definire i domini di R 3 normali rispetto ai piani(o,y,z) e (O,x,z). Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 13 di 16

14 Osservazione Dalla teoria delle funzioni di due variabili si deduce che un dominio E di R 3 normale rispetto ad uno dei piani coordinati è un insieme dotato di volume (cioè misurabile). In particolare se E è il dominio normale definito dalle limitazioni (*) risulta: vol. E = [ψ(x,y) φ(x,y)] dxdy INTEGRALI TRIPLI La definizione di integrale triplo di una funzione ƒ(x, y, x) continua in E R 3 dominio normale rispetto ad uno dei piani coordinati (O, x, y), (O, y, z), (O, x, z) è del tutto analoga alla definizione di integrale doppio per cui non ce ne occupiamo. L integrale triplo di ƒ(x,y,z) esteso ad E si denota col simbolo ƒ(x,y,z)dxdydz Contrariamente a quanto avviene per gli integrali doppi, l integrale triplo non ha un significato geometrico interessante perché i sottoinsiemi di R 4 sono oggetti astratti. L unica eccezione è il caso ƒ(x,y,z) = 1 (x,y,z) E, in quanto, come vedremo in seguito, risulta analogamente al caso delle funzioni di due variabili vol E = 1dxdydz FORMULE DI RIDUZIONE Anche per gli integrali tripli si dimostrano le formule di riduzione. Per esempio sia E un dominio normale rispetto al piano (O, x, y) definito dalle limitazioni: (x,y) D; φ(x, y) z ψ(x,y) Considerata una funzione reale di tre variabili ƒ(x,y,z) continua nel dominio E si dimostra che vale la seguente formula di riduzione ƒ(x,y,z)dxdydz = dxdy ƒ(x,y,z)dz Ne segue che se D è, in particolare, un dominio normale rispetto all asse x definito dalle limitazioni a x b ; α(x) y β(x) per le formule di riduzione degli integrali doppi, risulta ancora ƒ(x,y,z)dxdydz = dx dy ƒ(x, y, z)dz e, in conclusione, il calcolo dell integrale triplo si riduce al calcolo successivo di tre integrali semplici. Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 14 di 16

15 Analogamente, se D è un dominio normale rispetto all asse y definito dalle limitazioni: c y d ; γ(y) x δ(y) risulta ƒ(x,y,z)dxdydz = dy dx ƒ(x,y,z)dz CALCOLO DEL VOLUME DI UN SOLIDO DI ROTAZIONE Dalle formule di riduzione degli integrali tripli si deduce che se E R 3 è il dominio normale rispetto al piano (O, x, y) definito dalle limitazioni : (x, y) D; φ(x, y) z ψ(x, y) Risulta: 1 dxdydz = dxdy dz = [ψ(x,y) φ(x,y)]dxdy = vol E Conseguentemente, in generale, il calcolo del volume di un solido il quale risulti essere un dominio normale di R 3 o, più in generale,decomponibile in un numero finito di domini normali di R 3 due a due privi di punti interni comuni, è un problema che riguarda la teoria degli integrali tripli. Tuttavia è possibile dimostrare, ma su ciò non possiamo soffermarci, che se E è un dominio di R 3 verificante le seguenti ipotesi: 1. E si proietta ortogonalmente sull asse x in un intervallo [a,b] ; 2. x [a,b] la sezione S(x) di E col piano perpendicolare all asse x e passante per il punto (x,0,0) è un insieme misurabile (cioè dotato di area); 3. La funzione areas(x) è continua in [a,b] ; allora risulta : vol E = [areas(x)]dx In altri termini per calcolare il volume di E basta integrare tra a e b l area della sezione piana S(x). Un caso particolare notevole di applicazione di questo risultato è quello dei solidi di rotazione. Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 15 di 16

16 Più precisamente supponiamo che E R 3 sia il solido ottenuto ruotando intorno all asse x di un angolo giro il rettangoloide del piano (O, x, y) di base l intervallo [a, b] relativo alla funzione ƒ(x) continua e non negativa in [a,b]. È facile convincersi che E è un solido di rotazione che verifica le seguenti ipotesi. 1. Si proietta ortogonalmente sull asse x in [a,b] ; 2. la sezione S(x) è il cerchio di raggio ƒ(x) la cui area è π (ƒ(x))²; 3. la funzione π (ƒ(x))² è continua in [a, b] per le ipotesi poste su ƒ. Ne segue allora che vol E = π (ƒ(x))²dx Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 16 di 16

17 Capitolo 1 FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI Ci proponiamo di studiare le funzioni reali di più variabili reali e cioè le funzioni ƒ : R k R con k > 1. Per motivi di semplicità ci riferiremo esclusivamente alle funzioni di due variabili estendendo poi i risultati ottenuti, quando è necessario alle funzioni di tre o più variabili. A tale scopo è opportuno premettere le principali proprietà topologiche dell insieme R² {(x,y) : x R e y R² }e cioè dell insieme R² visto come oggetto geometrico. È noto che R² si rappresenta geometricamente sul piano mediante un sistema di assi cartesiani ortogonali. PROPRIETÀ TOPOLOGICHE DI R² Definizione 1 Distanza: Siano P 0 = (x 0, y 0 ) e P 1 = (x 1, y 1 ) due elementi di R 2 o anche due punti di R 2. Si chiama distanza di P 1 = (x 1, y 1 ) da P 0 = (x 0, y 0 ) il numero reale non negativo: δ = La distanza fra due punti è uguale alla lunghezza del segmento di estremi P 0 e P 1. Definizione 2 Intorno: Sia P 0 = (x 0,y 0 ) un punto di R 2 e δ un numero reale positivo. Si chiama intorno (circolare) di centro P 0 = (x 0, y 0 ) e raggio δ >0 l insieme I δ (P 0 ) = I δ (x 0, y 0 ) = { (x,y) R 2 : < δ } e cioè l insieme dei punti P = (x,y) R 2 che appartengono al cerchio di centro P 0 = (x 0,y 0 ) e raggio δ privato della circonferenza (cerchio aperto). Definizione 3 Punto interno e interno di un insieme: Sia A R 2. Si dice che il punto P 0 = (x 0, y 0 ) A è interno ad A se esiste un intorno I δ (P 0 ) di centro P 0 e raggio δ tutto contenuto in A. Si chiama interno di A e si denota con il simbolo Å l insieme dei punti interni ad A. Definizione 4 Punto esterno: Sia A R 2. Si dice che il punto P 0 = (x 0, y 0 ) A è esterno ad A se esiste un intorno I δ (P 0 ) che non contiene punti di A e cioè tale che I δ (P 0 ) A =. Evidentemente P 0 è esterno ad A se è interno al complementare di A rispetto a R 2 e cioè se è interno all insieme R 2 A. Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 1 di 20

18 Definizione 5 Punto frontiera e di frontiera: Sia A R 2. Si dice che il punto P 0 = (x 0,y 0 ) R 2 è un punto frontiera di A se non è nè interno nè esterno ad A. Conseguentemente in ogni intorno di P 0 cadono sia punti di A sia punti che non appartengono ad A. L insieme dei punti frontiera si chiama frontiera di A e si denota con il simbolo A. Osservazione 1 Si noti che un punto frontiera non è tenuto ad appartenere all insieme A. Ad esempio il cerchio di centro il punto P 0 = (x 0, y 0 ) e raggio r e lo stesso cerchio privato della circonferenza (cerchio aperto) hanno entrambi per frontiera la circonferenza di centro P 0 e raggio r. Nel primo caso la frontiera appartiene al cerchio, nel secondo caso non appartiene. Definizione 6 Punto di accumulazione e insieme derivato: Sia A R 2 e P 0 = (x 0, y 0 ) R 2. Si dice che P 0 è un punto di accumulazione di A se in ogni intorno I(P 0 ) = I(x 0, y 0 ) di centro P 0 cadono infiniti punti di A diversi da P 0. L insieme dei punti di accumulazione di A si chiama il derivato di A. Definizione 7 Insieme limitato e non limitato: Un insieme A R 2 si dice limitato se è contenuto in un intorno I δ (O) di centro l origine O = (0,0). Si dice non limitato se ciò non accade. Definizione 8 Insieme aperto e chiuso: Un insieme A R 2 si dice aperto se A = Å e cioè se ogni punto di A è un punto interno ad A; si dice chiuso se il suo complementare rispetto a R 2 e cioè l insieme R 2 A è aperto. Osservazione 2 Si noti che un insieme aperto non contiene punti frontiera, mentre un insieme chiuso contiene tutti i punti frontiera. Si noti ancora che un insieme A R 2 che non sia aperto non è tenuto ad essere chiuso. Ad esempio l insieme: A = {(x,y) : x [1,2[ e y [2,3[} non è né aperto né chiuso. Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 2 di 20

19 Definizione 9 Chiusura di un insieme: Sia A R 2. Si chiama chiusura di A e si denota con il simbolo Ā, l insieme unione di A e della frontiera di A. In simboli: Ā = A U A. La chiusura Ā di A è un insieme chiuso perché contiene tutti i punti frontiera. Definizione 10 Dominio: Si chiama dominio ogni sottinsieme di R 2 che risulti essere la chiusura di un insieme aperto, e cioè anche l unione di un insieme aperto e della sua frontiera. Ad esempio un cerchio chiuso, un angolo chiuso sono domini. L insieme ottenuto come unione di un cerchio chiuso e di un segmento non è un dominio. LA DEFINIZIONE DI LIMITE La definizione di limite, già nota per le funzioni di una variabile, si estende facilmente alle funzioni di due variabili. Sia ƒ(x,y) una funzione reale definita nell insieme A R 2 e P 0 = (x 0, y 0 ) un punto di accumulazione per A. Si dice che ƒ ha limite l R in P 0 e si scrive lim ƒ (x, y) = l oppure anche lim ƒ(p) = l (x, y) (x 0,y 0 ) P P 0 quando vale la seguente proprietà detta definizione di limite. J ε (l) I δ (P 0 ) : P A I δ (P 0 ) {P 0 } f(p) J ε (l) la quale essendo J ε (l) un intervallo aperto di centro l e raggio ε e cioè J ε (l)=] l ε; l +ε [ e I δ (P 0 ) un cerchio aperto di centro P 0 e raggio δ e cioè I δ(p 0 ) = { (x,y) R 2 : ε > 0 δ > 0 : (x,y) A e 0 < < δ }, si esprime in maniera equivalente: < δ ƒ(x,y) l < ε I due casi l = + e l = - si trattano in maniera analoga. Ad esempio lim ƒ(p) = + significa che vale la proprietà: P P 0 J(+ ) I δ (P 0 ): x A I(P 0 ) {P 0 } ƒ(p) J(+ ) e cioè se: J(+ ) = ]M, + [ con M > 0. Μ > 0 δ > 0 : (x,y) A e 0 < < δ ƒ(p) > Μ. Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 3 di 20

20 Definizione di funzione continua Sia f : A R 2 R e P 0 = (x 0, y 0 ) A. Si dice che ƒ è continua in P 0 = (x 0, y 0 ) quando risulta lim ƒ (x, y) = l oppure anche lim ƒ(p) = l. (x, y) (x 0,y 0 ) P P 0 Si dice che ƒ è continua nell insieme A quando è continua in ogni punto di A. A proposito delle funzioni continue, si estende il teorema di Weiestrass nella maniera seguente. Teorema di Weiestrass Se ƒ(x,y) è una funzione continua in un insieme A chiuso e limitato (cioè compatto) allora ƒ assume in A il minimo ed il massimo e cioè esistono in A due punti (x, y) e (x, y) tali che ƒ(x, y) ƒ(x, y) ƒ(x, y) (x, y) A. Osservazione La definizione di limite, la continuità e il teorema di Weiestrass si estendono facilmente alle funzioni reali di k variabili con k > 2. Di ciò la cura al lettore. Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 4 di 20

21 DERIVATE PARZIALI Sia ƒ(x,y) una funzione reale definita in un insieme A e P 0 = (x 0, y 0 ) un punto interno ad A. In tali ipotesi esiste un intorno I r (P 0 ) di centro P 0 e raggio r tutto contenuto in A ed ha senso considerare la funzione della sola variabile x: (*) ƒ(x, y 0 ) ƒ(x 0, y 0 ) x x 0 con x ] x 0 r, x 0 + r [ {x 0 } Si chiama derivata parziale di ƒ rispetto a x nel punto P 0 e si denota con uno dei simboli ƒ x (P 0 ), ƒ(p 0 ) il limite in x 0 della funzione (*) sempre che tale limite esista e sia x finito. Riassumendo: ƒ x (P 0 ) = ƒ x (x 0, y 0 ) = ƒ(p 0 ) x lim x x 0 ƒ(x, y 0 ) ƒ(x 0, y 0 ) x x 0 Analogamente si chiama derivata parziale di ƒ rispetto a y nel punto P 0 e si denota con uno dei simboli ƒ y (P 0 ), ƒ(p 0 ) il limite in y 0 della funzione y ƒ(x 0, y) ƒ(x 0, y 0 ) y y 0 con y ] y 0 r, y 0 + r [ {y 0 } quando tale limite esiste ed è finito. In simboli: ƒ y (P 0 ) = ƒ y (x 0, y 0 ) = ƒ(p 0 ) y lim y y 0 ƒ(x 0, y) ƒ(x 0, y 0 ) y y 0 Si dice che ƒ(x,y) è derivabile nel punto P 0 =(x 0, y 0 ) quando esistono finite in P 0 entrambe le derivate parziali. Se A = Å e cioè se A è un aperto e se ƒ(x,y) è derivabile in ogni punto di A si dice che ƒ è derivabile nell insieme A. Appunti corso Analisi Matematica II prof. Giuga Pagina 5 di 20

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Dipendenza dai dati iniziali

Dipendenza dai dati iniziali Dipendenza dai dati iniziali Dopo aver studiato il problema dell esistenza e unicità delle soluzioni dei problemi di Cauchy, il passo successivo è vedere come le traiettorie di queste ultime dipendono

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto Relatore Prof. Andrea

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

Integrali di superficie: esercizi svolti

Integrali di superficie: esercizi svolti Integrali di superficie: esercizi svolti Gli esercizi contrassegnati con il simbolo * presentano un grado di difficoltà maggiore. Esercizio. Calcolare i seguenti integrali superficiali sulle superfici

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

Numeri complessi e polinomi

Numeri complessi e polinomi Numeri complessi e polinomi 1 Numeri complessi L insieme dei numeri reali si identifica con la retta della geometria: in altri termini la retta si può dotare delle operazioni + e e divenire un insieme

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz:

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz: FUNZIONI DI PIU VARIABILI Esercizi svolti. Determinare il dominio delle seguenti funzioni e rappresentarlo graficamente : (a) f log( x y ) (b) f log(x + y ) (c) f y x 4 (d) f sin(x + y ) (e) f log(xy +

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Capitolo Dodicesimo CALCOLO DIFFERENZIALE PER FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI

Capitolo Dodicesimo CALCOLO DIFFERENZIALE PER FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI Capitolo Dodicesimo CALCOLO DIFFERENZIALE PER FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI CAMPI SCALARI Sono dati: un insieme aperto A Â n, un punto x = (x, x 2,, x n )T A e una funzione f : A Â Si pone allora il PROBLEMA

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2 L. Pandolfi Lezioni di Analisi Matematica 2 i Il testo presenta tre blocchi principali di argomenti: A Successioni e serie numeriche e di funzioni: Cap., e 2. B Questa parte consta di due, da studiarsi

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo 5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo X m a (mod n ) Oggetto di questo paragrafo è lo studio della risolubilità di congruenze del tipo: X m a (mod n) con m, n, a Z ed m, n > 0. Per l effettiva

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Università degli Studi di Trieste - Sede di Pordenone Facoltà di Ingegneria Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Luciano Battaia Versione del 29 dicembre

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Appunti di Algebra Lineare

Appunti di Algebra Lineare Appunti di Algebra Lineare Indice 1 I vettori geometrici. 1 1.1 Introduzione................................... 1 1. Somma e prodotto per uno scalare....................... 1 1.3 Combinazioni lineari e

Dettagli

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 INTRODUZIONE Il problema agli autovalori di un operatore La trattazione del problema agli autovalori di un operatore fatta negli spazi finitodimensionali

Dettagli

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0)

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0) Numeri Complessi Un numero complesso z può essere definito come una coppia ordinata (x,y) di numeri reali x e y. L insieme dei numeri complessi è denotato con C e può essere identificato con il piano cartesiano

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio.

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio. Appunti di Analisi Matematica Docente:Fabio Camilli SAPIENZA, Università di Roma A.A. 4/5 http://www.dmmm.uniroma.it/~fabio.camilli/ (Versione del 9 luglio 5) Note scritte in collaborazione con il prof.

Dettagli

Analisi Matematica I

Analisi Matematica I Analisi Matematica I Fabio Fagnani, Gabriele Grillo Dipartimento di Matematica Politecnico di Torino Queste dispense contengono il materiale delle lezioni del corso di Analisi Matematica I rivolto agli

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i NUMERI COMPLESSI Esercizi svolti 1. Calcolare le seguenti potenze di i: a) i, b) i, c) i 4, d) 1 i, e) i 4, f) i 7. Semplificare le seguenti espressioni: a) ( i) i(1 ( 1 i), b) ( + i)( i) 5 + 1 ) 10 i,

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Numeri complessi. x 2 = 1.

Numeri complessi. x 2 = 1. 1 Numeri complessi Nel corso dello studio della matematica si assiste ad una progressiva estensione del concetto di numero. Dall insieme degli interi naturali N si passa a quello degli interi relativi

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04 I numeri reali Note per il corso di Analisi Matematica 1 G. Mauceri a.a. 2003-04 2 I numeri reali Contents 1 Introduzione 3 2 Gli assiomi di campo 3 3 Gli assiomi dell ordine 4 4 Valore assoluto 5 5 I

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

FORME DIFFERENZIALI IN R 3 E INTEGRALI

FORME DIFFERENZIALI IN R 3 E INTEGRALI FORME DIFFERENZIALI IN R 3 E INTEGRALI CLADIO BONANNO Contents 1. Spazio duale di uno spazio vettoriale 1 1.1. Esercizi 3 2. Spazi tangente e cotangente 4 2.1. Esercizi 6 3. Le forme differenziali e i

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso 441 APPENDICE A4 NUMERI COMPLESSI A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso Si riepilogano i concetti e le operazioni elementari relativi ai numeri complessi. Sia z un numero complesso;

Dettagli

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte 1 Introduzione In questa lezione impareremo a definire e ricercare le funzioni inverse e le funzioni composte. Al termine di questa lezione sarai in grado di:

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Calcolo differenziale per funzioni di più variabili reali

Calcolo differenziale per funzioni di più variabili reali CAPITOLO 3 Calcolo differenziale per funzioni di più variabili reali Scopo di questo capitolo è studiare le principali caratteristiche dei grafici di funzioni di più variabili, con particolare attenzione

Dettagli

FUNZIONI DI DUE VARIABILI: graöci 3D e curve di livello

FUNZIONI DI DUE VARIABILI: graöci 3D e curve di livello FUNZIONI DI DUE VARIABILI: graöci 3D e curve di livello Una funzione di due variabili Ë una funzione in cui per ottenere un valore numerico bisogna speciöcare il valore di 2 variabili x e y, non pi di

Dettagli

1 Se dy = x converge ==> y(x) è definita perogni x > 0. se diverge è definita solo in [0, x] 2. f definita perogni y > y0

1 Se dy = x converge ==> y(x) è definita perogni x > 0. se diverge è definita solo in [0, x] 2. f definita perogni y > y0 Punti Critici, classificazione e studio: equazione autonoma del prim'ordine: y' = f(y) con f C1 in I. studiamo il PC: y' = f(y) && y(0) = y0. y0 in I quindi PC ha una sola soluzione locale se f(y0) = 0

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli