UN PIANO DI INVESTIMENTI PER L EUROPA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UN PIANO DI INVESTIMENTI PER L EUROPA"

Transcript

1 DOSSIER DI DOCUMENTAZIONE UN PIANO DI INVESTIMENTI PER L EUROPA ISTITUZIONE DEL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI 9 aprile

2 I. BACKGROUND E CONTESTO MACROECONOMICO L assenza di crescita e di investimenti che caratterizza l Europa da oltre sei anni ha compromesso il benessere di oltre 500 milioni di persone. La crisi finanziaria globale ha colpito duramente il continente europeo, dove la maggior parte dei paesi lottano con alti tassi di disoccupazione, crescita assente o limitata e carenza di investimenti. La crisi economica e finanziaria ha provocato una caduta degli investimenti considerevole: rispetto al picco del 2007 i livelli medi di investimento sono al di sotto del 15%, con punte eccezionali in alcuni Stati membri (Grecia 67% ; Spagna 38%). In particolare, come sottolineato dal Parlamento europeo, gli investimenti necessari in infrastrutture del trasporto, energetiche e digitali sono stimate a circa 2000 miliardi di euro; la base industriale europea è crollata a rappresentare il 14% del PIL della UE; 25 milioni di persone, 7 milioni in più rispetto al 2008, sono disoccupate. La caduta ha riguardato sia gli investimenti privati, a causa di una bassa fiducia degli investitori, a sua volta dovuta a basse aspettative riguardo alla domanda, frammentazione dei mercati finanziari e mancanza di capitale di rischio, contesto regolatorio non uniforme e spesso disincentivante (qualità delle istituzioni, funzionamento della giustizia e delle procedure di public procurement, oneri amministrativi per le imprese), cui si aggiungono mancanza di fiducia nell euro e alti livelli di indebitamento in alcuni paesi europei; sia gli investimenti pubblici, limitati dai vincoli posti dal Patto di Stabilità, ciò che ha esacerbato gli effetti totali sulla crescita. Di fronte al rischio, non banale, di un ristagno secolare o di una depressione economica, la Commissione europea sembra aver abbandonato le politiche di mera austerità annunciando l obiettivo politico prioritario del rilancio di crescita ed occupazione e lanciando il Piano di investimenti per l Europa (COM(2014)903), poi dettagliato nella proposta di Regolamento COM(2015)10 relativa all istituzione del Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS). Inoltre, al fine di rafforzare le sinergie tra i tre pilastri su cui è imperniata la strategia per la crescita piano di investimenti, responsabilità fiscale e riforme strutturali la Commissione ha pubblicato la Comunicazione COM(2015)12, sul miglior uso della flessibilità all interno delle regole esistenti del Patto di Stabilità e Crescita (PSC). In quest ultimo documento, e con riferimento all ambito del braccio preventivo del PSC (che è quello in cui si colloca l Italia) si dice, quanto ai contributi finanziari degli Stati membri al FEIS, che detti contributi non incidono sul saldo strutturale; quanto al cofinanziamento da parte di Stati membri di singoli progetti di investimento finanziati anche dal FEIS, la c.d. investment clause permette allo Stato membro di deviare temporaneamente dall obiettivo o dal percorso verso l obiettivo nel caso in cui la crescita del PIL sia negativa o al di sotto del potenziale e qualora la deviazione non implichi il superamento del valore del 3% fissato per il disavanzo. A tale politica fiscale espansiva da parte della Commissione europea si affianca la strategia di politica monetaria espansiva della Banca Centrale europea, che prende la forma del cosiddetto quantitative easing, acquisto di titoli pubblici e privati per 60 miliardi di euro, iniziato lo scorso mese di marzo e che continuerà fino al settembre del 2016 e comunque finché non sarà scongiurato il rischio di deflazione. Una manovra che, contribuendo a ridurre i rendimenti dei titoli di Stato a lunga scadenza, potrebbe spingere le banche, grandi detentrici di titoli di Stato, ad utilizzare la liquidità in modo più profittevole prestando il denaro ad imprese e famiglie. Un ultima considerazione riguarda la possibilità che, nell attuale contesto dell economia mondiale ed europea in particolare, interventi di politica economica di tipo keynesiano volti ad aumentare la domanda aggregata possano essere utili nel breve periodo, ma che nel lungo periodo la sola strada per assicurare una 2

3 ripresa stabile stia nell elaborazione di un progetto di politica economica schumpeteriano o, meglio, dell innovazione che sia capace di creare ed organizzare vere e proprie coalizioni per l innovazione in grado di orientare la convergenza e l integrazione delle iniziative delle singole imprese su progetti collettivi di ampio respiro strutturale che promuovano l introduzione di intere filiere innovative, puntando ad esempio su ricerca, digitale, energie alternative, tecnologie eco-compatibili, istruzione. In tal caso, una azione incisiva della Commissione potrebbe valorizzare le potenzialità dell Unione per promuovere ed accelerare l emersione dei nuovi grappoli tecnologici. Va da sé che il ruolo del contesto istituzionale ed il governo delle attività innovative e delle esternalità tecnologiche è fondamentale, così come il completamento del mercato interno nei settori su citati. II. IL PIANO DI INVESTIMENTI PER L EUROPA Per le ragioni su esposte è evidente che se il c.d. Piano Juncker non rappresenta la leva di Archimede, pure esso va accolto come una importante scelta di politica economica. Importante non solo nei contenuti, ma allo stesso modo nel significato che porta in sé: la Commissione ha creato forti aspettative sul Piano Juncker; un suo fallimento significherebbe perdita di credibilità dell Europa nei confronti del resto del mondo, ulteriore rafforzamento dei partiti e movimenti euroscettici, ulteriore allontanamento degli investitori che perderebbero fiducia nei confronti di successive iniziative. È bene dunque partire dalla consapevolezza che l importanza per l Europa del Piano Juncker va al di là delle cifre, sta invece nel merito e serietà delle scelte di investimento che saranno effettuate come pure del metodo utilizzato nella governance, e rappresenta un banco di prova importantissimo per la credibilità dell Unione, con ciò che ne consegue. L obiettivo politico del piano Juncker è comunque recuperare l investment gap in un sistema in cui la liquidità esiste ma non si muove. Il Piano di investimenti per l Europa (COM(2014)903) prevede tre aree di intervento 1. 1) La mobilitazione di 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati aggiuntivi nei prossimi 3 anni. 2) La focalizzazione su investimenti che raggiungano l economia reale. 3) Il miglioramento del contesto normativo e regolatorio nel quale si svolge l attività di investimento, rimuovendo le barriere che ne ostacolano la crescita. Per il successo del PJ è necessario che tutte e tre le condizioni siano realizzate. Dei 315 miliardi mobilitati dal PJ, 240 miliardi dovranno essere destinati ad investimenti strategici a lungo termine e 75 miliardi al finanziamento del sistema delle imprese medio-piccole (fino a 250 dipendenti) e mid-cap (da 250 a 3000 dipendenti). Al fine di raggiungere tale obiettivo, la Commissione ha presentato la proposta di Regolamento COM(2015)10 relativa al FEIS (Fondo europeo per gli investimenti strategici) che, secondo la timeline, dovrebbe essere approvata con procedura fast-track entro giugno Il documento relativo alla istituzione del FEIS contiene previsioni relative alle risorse finanziarie ed alle relative garanzie; alle finalità di utilizzo delle risorse; alla governance del fondo. 1 Per maggiori dettagli si veda la slides n. 2. 3

4 Risorse finanziarie e garanzie. Il Regolamento FEIS prevede uno stanziamento iniziale di 21 miliardi 2, di cui una garanzia di 16 miliardi proveniente dal bilancio UE (di cui soltanto 2 miliardi dalla riserva di bilancio, mentre 2,7 miliardi sono ricavati da Horizon 2020 e 3,3 miliardi dal European Connecting Mechanism 3 ) e da un impegno della BEI (non è specificato se a titolo di finanziamento o garanzia) di 5 miliardi. L effetto moltiplicativo del FEIS è indicato pari a 15. Il FEIS, sotto l ombrello BEI, dovrebbe poi emettere titoli per arrivare a 63 miliardi (effetto moltiplicativo pari a 3), mentre, partendo da questi 63 miliardi la Commissione ipotizza che i privati ne investiranno altri 252 (effetto moltiplicativo pari a 5) arrivando ai 315 miliardi del Piano. Secondo la Commissione tale stima è comunque prudente e si basa su una stima al ribasso rispetto ad effetti moltiplicativi verificatisi nell ambito di altri progetti BEI. Anche secondo molti altri osservatori la stima del moltiplicatore non è irrealistica. Ad una condizione: gli investitori privati dovranno avere lo status di senior tranches, mentre il pubblico di junior tranches 4. Finalità di utilizzo delle risorse. Il regolamento FEIS concentra il suo potenziale di finanziamento su alcuni settori di importanza strategica per l UE, in cui la BEI ha una provata esperienza e capacità di ottenere un impatto positivo sull economia reale. Tali settori includono: Le infrastrutture strategiche (investimenti in digitale, trasporti ed energia) Istruzione, ricerca e innovazione Investimenti che aumentano l impiego, attraverso il finanziamento di PMI e mid-cap e misure per l impiego dei giovani Progetti eco-sostenibili (energie rinnovabili ed efficienza energetica) A tali finalizzazioni sono legati livelli di rischio e rimuneratività molto differenti. L utilizzo di piattaforme di investimento con maggiore presenza di finanziamenti pubblici per gli investimenti a redditività minore e di finanziamenti privati per investimenti a redditività minore assicurerà la possibilità di attivare e coprire, mediante FEIS, diversi tipi di investimenti. Governance del FEIS. La struttura di governance si articola su due livelli: 1) Livello strategico: uno Stearing Board (Comitato direttivo) decide l indirizzo strategico, l allocazione strategica delle attività e le politiche e le procedure operative, tra cui la politica di investimento per i progetti ammessi al sostegno e il profilo di rischio, 5. Finché l UE e la BEI restano gli unici contributori al FEIS, il numero dei membri e dei voti in seno al Comitato direttivo è assegnato in base all entità del rispettivo contributo in contanti o sotto forma di garanzia 6. Qualora uno o più Stati membri aderiscano all accordo, il numero dei membri e dei voti in seno al comitato è assegnato in base all entità del contributo. Il Comitato direttivo si adopera comunque per giungere a decisioni consensuali. 2) Livello tecnico: un Investment Committee (Comitato per gli investimenti) è responsabile dell esame delle potenziali operazioni, in linea con le politiche di investimento del FEIS, senza vincoli territoriali 2 Di questi 5 miliardi possono essere destinati al finanziamento di PMI e mid-cap tramite il FEI, Fondo europeo per gli investimenti. 3 La proposta di Regolamento prevede che la Commissione europea versi con gradualità al FEIS le relative risorse fino ad un importo del 50% delle garanzie prestate (16 miliardi); in base a tale importo è costituito un fondo di garanzia di 8 miliardi. 4 Nel linguaggio finanziario ciò significa che, nella condivisione del rischio, è il pubblico a subire per primo eventuali perdite fino ad esaurimento del proprio investimento. Unicamente nel caso in cui le perdite superino tale importo ci sarebbero rischi anche per i privati. Non è ancora chiaro se verranno istituiti ulteriori strumenti di garanzia per i privati. 5 Art. 3, par. 1, proposta di Regolamento COM(2015) 10 6 Art. 3, par. 2, proposta di Regolamento COM(2015) 10 4

5 e settoriali e massimizzando il valore aggiunto europeo. È composto da sei esperti indipendenti (esperienza riconosciuta, vasta e pertinente, nel finanziamento dei progetti) e da un amministratore delegato, nominato dal Comitato direttivo. Il FEIS potrà altresì cofinanziare anche piattaforme di investimento a livello nazionale, regionale o settoriale. Infine è prevista la creazione di un Polo europeo di consulenza sugli investimenti per l individuazione, la preparazione, lo sviluppo ed il finanziamento dei progetti. Per il suo finanziamento è previsto un supplemento di finanziamento fino ad un massimo di 20 milioni di euro l anno. 7 III. CRITICITÀ E SUGGERIMENTI La più frequente critica rivolta al Piano Juncker è quella della inadeguatezza delle risorse messe in campo: a fronte di un investment gap stimato in circa miliardi l anno dall inizio della crisi, nel più ottimistico dei casi il PJ attiverà circa 100 miliardi l anno nel periodo Volume degli investimenti attivati dal PJ Sarebbe auspicabile attivare risorse di partenza aggiuntive per un volume almeno doppio a quello del PJ, favorendo l attivazione di nuovi investimenti anche a livello degli Stati membri. Occorrerebbe verificare, ad esempio, se la disponibilità degli Stati membri al finanziamento del FEIS potrebbe essere influenzata positivamente dalla prospettiva di avvalersi di una quota di investimenti corrispondenti nel proprio territorio. 1. Occorre precisare che le risorse utilizzate a titolo di garanzia del FEIS derivano per la maggior parte (su 8 miliardi dichiarati solo 2 miliardi sono attinti da risorse di bilancio non già impegnate in altri fondi) dalla sottrazione di risorse a programmi già avviati quali Horizon 2020 e European Connecting Mechanism. Ciò impone la necessità di valutare il costo opportunità di quei fondi sottratti, tanto più che entrambi i programmi su citati hanno dimostrato un forte potenziale moltiplicativo. Addizionalità degli interventi Occorrerebbe dunque non solo che le risorse distolte siano in grado di generare un rendimento aggiuntivo rispetto all assegnazione originario ma, per precisione contabile, conteggiare come vero valore aggiunto del PJ soltanto la differenza di rendimento. 2. Serve inoltre scongiurare il rischio che attraverso il FEIS si selezionino progetti con un apporto di capitale privato che si sarebbe comunque attivato anche in assenza di garanzie. È il caso di investimenti già profittevoli per il mercato per i quali il meccanismo FEIS attribuirebbe solo un guadagno ingiustificato al capitale privato. Il sistema di governance del FEIS ed il meccanismo di selezione sono critici a questo proposito. Il sistema dovrà garantire la massima serietà nella selezione. Sarebbe opportuno introdurre dei meccanismi di controllo che vedano coinvolto il Parlamento europeo. 7 Per uno schema riassuntivo del Piano Juncker si veda la slide n. 3. La Timeline del Piano per gli investimenti è riassunta nella slide n L ILO stima che il PJ potrebbe creare un bilancio netto di 2,1 milioni di posti di lavoro e riduzione del tasso di disoccupazione di un punto percentuale entro il 2018 a condizione che le potenzialità del PJ quanto alla catalizzazione degli investimenti privati sia raggiunta in pieno. Se incompleta, si stima un beneficio di unità di lavoro aggiuntive. 5

6 Secondo le nuove linee guida interpretative tracciate nella Comunicazione COM(2015)12 sul miglior uso della flessibilità all interno delle regole esistenti del Patto di Stabilità e Crescita (PSC), con riguardo al contributo iniziale diretto al FEIS, la flessibilità si applica sia agli Stati membri che rientrano nell ambito del cosiddetto braccio correttivo del PSC, sia a quelli del braccio preventivo; diverso è per i cofinanziamenti a progetti in ambito nazionale finanziati anche dal FEIS, per cui la flessibilità si limita agli Stati del braccio preventivo 9. In ogni caso, anche l Italia, pur potendo beneficiare della flessibilità avrà margini di manovra molto ristretti (dovrà comunque mantenere il disavanzo entro il 3% del PIL). Flessibilità e crowding out (spiazzamento) Occorre che il PJ non discrimini quanto a possibilità per gli Stati membri di partecipare alle attività del FEIS. Due ordini di incentivi agli Stati membri di aumentare il proprio contributo complessivo, diretto e indiretto, al FEIS potranno derivare sia da un ampliamento della clausola di flessibilità a coprire i cofinanziamenti a progetti in ambito nazionale finanziati anche dal FEIS, sia dalla previsione di non obbligatorietà del cofinanziamento nazionale quale incentivo a contribuire con fondi strutturali di spettanza nazionale a progetti cofinanziati dal FEIS. L Italia potrebbe giovarsene riuscendo così a spendere le risorse residue dei fondi strutturali della programmazione , così scongiurando il rischio di revoca delle somme inutilizzate. Occorre allo stesso tempo mantenere distinte le finalità dei due Fondi, assicurarne un effettivo coordinamento al fine di evitare potenziali sostituzioni ed avviare invece sinergie e crescita del reciproco valore aggiunto. 10 È indiscusso che il criterio di selezione degli investimenti debba procedere con una severa preselezione sulla validità tecnica e la sostenibilità finanziaria, ma ciò rappresenta solo una condizione per l efficacia del Piano. L altra condizione, che non è ancora chiaro se possa essere soddisfatta dalla composizione attuale prevista dallo Stearing Committee, è che vi sia una strategia politica ed economica globale, che sappia far coesistere nel modo più efficace tutti i progetti di investimento europei all interno di un quadro complessivo. Governance e criteri di selezione dei Progetti È da valutare se, all interno del quadro di governance FEIS non vadano introdotti meccanismi di controllo preventivo attraverso il Parlamento europeo. 11 Il secondo pilastro del Piano consiste in iniziative volte a garantire che i finanziamenti aggiuntivi generati dal FEIS siano destinati a progetti con un reale valore aggiunto per l economia sociale di mercato europea. A tale scopo prevede l individuazione di una riserva di progetti, alimentabile comunque nel tempo, di rilevanza europea. Una lista preliminare di progetti è stata già predisposta dalla task force per gli investimenti, composta da BEI e Stati membri. L Italia ha presentato la propria lista di progetti 12. Economia reale e Piattaforme di investimento 9 In base alle Winter forecasts della Commissione, nel 2015 la clausola di flessibilità dovrebbe limitarsi a sei Paesi (Danimarca, Finlandia, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi e Slovacchia). 10 Di questo parere anche il Relatore L. Van Nistelrooij della commissione per lo Sviluppo regionale del Parlamento europeo nella Draft Opinion sulla proposta di Regolamento relativo al FEIS. 11 Alcune proposte di emendamento alla proposta di Regolamento relativo al FEIS delle commissioni budgets e affari economici e monetari del Parlamento europeo (Relatori J.M. Fernandes e U. Bullmann) sembrano andare nella appropriata direzione. 12 A tale proposito, si veda l Allegato II del presente documento. 6

7 La contribuzione con fondi strutturali di spettanza nazionale ai progetti cofinanziati dal FEIS potrebbe avvenire attraverso la creazione di piattaforme di investimento che potranno essere regionali (anche cross-border, coinvolgendo più di uno Stato membro), settoriali (coinvolgono più Stati membri in uno stesso settore) e nazionali. L autorità di gestione del fondo strutturale potrà decidere se investire in una piattaforma di investimento o contribuire ad una struttura in cui lo strumento del fondo e la piattaforma di investimento potrebbero coinvestire in specifici progetti insieme ad investitori privati. 13 Le piattaforme di investimento potrebbero divenire stabilmente una parte complementare del PJ. La Commissione si è detta pronta a ricevere in merito proposte specifiche. Le piattaforme di investimento potrebbero rivestire un importanza strategica per consentire a regioni o raggruppamenti di regioni una gestione congiunta degli investimenti strategici insieme con le banche di promozione nazionale. Uno dei rischi legati al successo del PJ è il timore che le condizioni regolamentari diverse tra Paesi ostacolino i progetti transfrontalieri, quelli invero più indispensabili all Europa soprattutto nei settori del digitale, dell energia e delle telecomunicazioni. Rischio di investimento e rischio Paese. Anche gli ostacoli che si frappongono al completamento del mercato interno, soprattutto nei settori su citati, rappresentano forti deterrenti agli investimenti privati. Contesto normativo e regolatorio e Completamento del mercato interno Occorre fare progressi in entrambi i settori senza frapporre più ostacoli. Secondo i risultati presentati nel Global Competitiveness Index Executive Opinion Survey vi sono alcuni Investment risks estremamente difficili da mitigare e che in ultima analisi determineranno se l investimento avrà luogo in una certo paese/territorio oppure no. Tra i fattori determinanti: la protezione dei diritti di proprietà, incluse le assets finanziarie; la protezione della proprietà intellettuale; l indipendenza della magistratura; l efficienza della giustizia amministrativa nella risoluzione delle controversie, in particolare le business disputes e nella Challenging regulation (protezione del settore privato da azioni e/o regolamentazioni pubbliche lesive); protezione degli interessi degli stakeholders di minoranza; qualità globale delle infrastrutture (inclusi trasporti, telefonia, energia). IV. DOCUMENTI UTILI Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, alla Banca centrale europea, al Comitato economico e sociale europeo, al Comitato delle Regioni e alla Banca europea per gli Investimenti - Un piano di investimenti per l Europa - (COM(2014) 903) scarica il documento Proposta di Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Fondo europeo per gli investimenti strategici e che modifica i regolamenti (UE) nn. 1291/2013 e 1316/ (COM(2015)10) scarica il documento Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, alla Banca centrale europea, al Comitato economico e sociale europeo, al Comitato delle Regioni e alla Banca europea per gli Investimenti Sfruttare al meglio la flessibilità consentita dalle norme vigenti del Patto di Stabilità e di Crescita - (COM(2015) 12) scarica il documento 13 Vedi la Draft Opinion sulla proposta di Regolamento relativo al FEIS della commissione lo Sviluppo regionale del Parlamento europeo, Relatore L. Van Nistelrooij. 7

8 ALLEGATO I 8

9 9

10 10

11 11

12 ALLEGATO II SPECIAL TASK FORCE (MEMBER STATES, COMMISSION, EIB) ON INVESTMENT IN THE EU ANNEX 2 - Project lists from Member States and the Commission PART 1 ITALIA (vedi fascicolo allegato) 12

Risoluzione n. 1/2015

Risoluzione n. 1/2015 X Legislatura Risoluzione n. 1/2015 Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Fondo europeo per gli investimenti strategici e che modifica i regolamenti (UE) nn. 1291/2013

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Un piano di investimenti per l'europa

Un piano di investimenti per l'europa Un piano di investimenti per l'europa Il "triangolo virtuoso" INVESTIMENTI RIFORME STRUTTURALI RESPONSABILITÀ DI BILANCIO 1 Un piano di investimenti per l'europa MOBILITARE I FINANZIAMENTI PER GLI INVESTIMENTI

Dettagli

REGOLAMENTO (UE)2015/1017 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (UE)2015/1017 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO Generalsekretariat des Landes Amt für Gesetzgebung Segreteria generale della Provincia Ufficio Legislativo REGOLAMENTO (UE)2015/1017 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 25 giugno relativo al Fondo

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XXIV n. 53 RISOLUZIONE DELLA 14ª COMMISSIONE PERMANENTE (Politiche dell Unione europea) d iniziativa del senatore GUERRIERI PALEOTTI approvata il 4 agosto

Dettagli

TITOLO. APPROFONDIMENTO: Il Piano Juncker - COM(2014) 903 RELAZIONE

TITOLO. APPROFONDIMENTO: Il Piano Juncker - COM(2014) 903 RELAZIONE TITOLO APPROFONDIMENTO: Il Piano Juncker - COM(2014) 903 RELAZIONE L idea sottostante al Piano d investimenti per l Europa, meglio conosciuto come Piano Juncker, è che le difficoltà dell economia europea

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

Il Piano di investimenti per l Europa

Il Piano di investimenti per l Europa Il Piano di investimenti per l Europa si propone di stimolare gli investimenti sostenendo progetti strategici in tutta l Unione europea. Il Piano consentirà di mobilitare investimenti del valore di almeno

Dettagli

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI?

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 104 i dossier www.freefoundation.com FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 10 luglio 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il Fiscal Compact Lo stato dell arte in Europa Lo stato dell arte in Italia Le misure

Dettagli

Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione

Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione Presentazione del VI rapporto sulla coesione economica, sociale e territoriale in Europa 6 ottobre2014 Massimo Sabatini Politiche regionali e

Dettagli

Un nuovo strumento per promuovere crescita e investimenti sostenibili nelle aree urbane con i finanziamenti dell UE. Che cos è JESSICA?

Un nuovo strumento per promuovere crescita e investimenti sostenibili nelle aree urbane con i finanziamenti dell UE. Che cos è JESSICA? JESSICA Un nuovo strumento per promuovere crescita e investimenti sostenibili nelle aree urbane con i finanziamenti dell UE Che cos è JESSICA? JESSICA (Joint European Support for Sustainable Investment

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su Infrastrutture, crescita e competitività Piero Casadio Confindustria, 15 dicembre 2011 1 Introduzione Il capitolo del Rapporto di Confindustria

Dettagli

Sguardo sulla Banca europea per gli investimenti

Sguardo sulla Banca europea per gli investimenti Sguardo sulla Banca europea per gli investimenti In veste di banca dell UE, forniamo finanziamenti e consulenze per progetti d investimento validi e sostenibili situati in Europa e nei Paesi terzi. I nostri

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

IL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI

IL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI Un piano di investimenti per l Europa IL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI REG2015/1017 Audizione presso la XIV Commissione del Senato Politiche dell Unione europea Roma, 22 luglio 2015 Adozione

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian Economic Policy Reforms Going for Growth 2009 Summary in Italian Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009 Riassunto in italiano Gestire la crisi è oggi il compito prioritario dei

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Piano di Investimenti per l Europa. Partenariato tra CE e Bei per stabilire un Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici (EFSI)

Piano di Investimenti per l Europa. Partenariato tra CE e Bei per stabilire un Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici (EFSI) Piano di Investimenti per l Europa Partenariato tra CE e Bei per stabilire un Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici (EFSI) Dario Scannapieco Vicepresidente Banca europea per gli investimenti Presidente

Dettagli

Obiettivi e Strumenti

Obiettivi e Strumenti Libro verde sul quadro al 2030 per le politiche energetiche e climatiche Consultazione pubblica del Ministero dello Sviluppo Economico Risposte Confindustria Confindustria considera il tema affrontato

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, l intero Paese Logiche d intervento nell utilizzo dei Fondi Strutturali: Adattamento ed evoluzione. Pasquale D Alessandro DG REGIO Unità G3: Italia

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

n. 52 settimana dal 14 all 18 giugno 2010 A cura della Delegazione di Confindustria presso l Ue

n. 52 settimana dal 14 all 18 giugno 2010 A cura della Delegazione di Confindustria presso l Ue ACCADE AL PE n. 52 settimana dal 14 all 18 giugno 2010 A cura della Delegazione di Confindustria presso l Ue SETTIMANA DAL 14 AL 18 GIUGNO Questa settimana hanno inviato i propri contributi: Anita, Assica

Dettagli

C. Affari Economici e Finanziari

C. Affari Economici e Finanziari C. Una Nuova Agenda di Politica Economica L attuale congiuntura richiede un profondo cambiamento nell agenda di politica economica dell UE, che vada nella direzione di una strategia politica più efficace

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 19.6.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 175/11 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 25 aprile 2012 in merito alla proposta di regolamento del

Dettagli

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles n 4 Marzo/Aprile 2014 in collaborazione con S O M M A R I O A C C E S S O A I F I N A N Z I A M E N T I Horizon 2020 Operativo lo strumento PMI N E W S D A L L E I

Dettagli

La Banca europea per gli investimenti in sintesi

La Banca europea per gli investimenti in sintesi La Banca europea per gli investimenti in sintesi Come banca dell Unione europea (UE), forniamo finanziamenti e consulenza per progetti d investimento validi e sostenibili situati in Europa e nei Paesi

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo)

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo) Conversione in legge del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, recante disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l'efficientamento energetico dell'edilizia scolastica e universitaria,

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Luciana Saccone Dipartimento per le politiche della famiglia Piano di Azione per la Coesione Nel corso del 2011, l azione del Governo nazionale

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA Quale obiettivo si prefigge l Unione europea nel rafforzare la sua coesione economica, sociale e territoriale? L Unione europea sviluppa

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Certificati a Leva Fissa

Certificati a Leva Fissa Certificati a Leva Fissa Commerzbank, leader europeo dei prodotti di borsa, propone da oggi i suoi certificati a Leva Fissa sul mercato italiano! Messaggio pubblicitario La banca al tuo fianco 2 I Certificati

Dettagli

SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive

SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive INTERVENTO: La Riforma della contabilità delle amministrazioni pubbliche: le principali innovazioni e

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

Bruxelles, 26.11.2014 COM(2014) 903 final

Bruxelles, 26.11.2014 COM(2014) 903 final COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26.11.2014 COM(2014) 903 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019

IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 Il nuovo piano si basa su quello presentato a marzo 2015, accelerando la creazione di valore nell ambito dei quattro principi fondamentali ed aggiungendone

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE 75 i dossier www.freefoundation.com COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE NEL RAPPORTO CONCLUSIVO DELLA MISSIONE IN ITALIA DEL 3-16 MAGGIO 17 maggio 2012 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE ACP-EU JOINT PARLIAMENTARY ASSEMBLY ASSEMBLEE PARLEMENTAIRE PARAIRE ACP-UE Commissione per lo sviluppo economico, le finanze e il commercio ACP-UE/101.868/B 19.3.2015 PROGETTO DI RELAZIONE sul finanziamento

Dettagli

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed.

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed. Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS 1 Anteprima Con il termine politica monetaria si intende la gestione dell offerta di moneta. Sebbene il concetto possa apparire semplice,

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo Mediterraneo S.p.A.: Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Trimestre: gennaio 2008 marzo 2008 Margine di interesse pari a euro 327.660 Margine di intermediazione

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 REGOLAMENTO (UE) N. 1233/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 663/2009 che istituisce

Dettagli

Interventi urgenti a sostegno della crescita

Interventi urgenti a sostegno della crescita Interventi urgenti a sostegno della crescita Misure di accelerazione dell utilizzo delle risorse della politica di coesione (Fondo Sviluppo e Coesione, Piano Azione Coesione e Programmi dei Fondi Strutturali

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Francesco Prota Piano della lezione Le funzioni della moneta La teoria quantitativa della moneta Inflazione La domanda di moneta Moneta, prezzi e inflazione I costi

Dettagli

RISORSE E PROGRAMMI UE European Project Management

RISORSE E PROGRAMMI UE European Project Management MASTER IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE RISORSE E PROGRAMMI UE European Project Management Relatore: Francesco Riganti Buongiorno a tutti! Il mio nome è Francesco Riganti Laureato in Scienze Politiche

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

NER 300 PROGETTI DI DIMOSTRAZIONE COMMERCIALE FINALIZZATI AL TRATTENIMENTO, IN TOTALE SICUREZZA AMBIENTALE, E LO STOCCAGGIO GEOLOGICO DI CO2.

NER 300 PROGETTI DI DIMOSTRAZIONE COMMERCIALE FINALIZZATI AL TRATTENIMENTO, IN TOTALE SICUREZZA AMBIENTALE, E LO STOCCAGGIO GEOLOGICO DI CO2. NER 300 PROGETTI DI DIMOSTRAZIONE COMMERCIALE FINALIZZATI AL TRATTENIMENTO, IN TOTALE SICUREZZA AMBIENTALE, E LO STOCCAGGIO GEOLOGICO DI CO2. PROGETTI DI DIMOSTRAZIONE DI TECNOLOGIE INNOVATIVE PER LA PRODUZIONE

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale permettono di investire,

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano)

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Scenario internazionale Economia globale sconta ancora l eredità della crisi

Dettagli

PIANO JUNCKER: ECCO COSA PENSA LA STAMPA ESTERA

PIANO JUNCKER: ECCO COSA PENSA LA STAMPA ESTERA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 839 PIANO JUNCKER: ECCO COSA PENSA LA STAMPA ESTERA 28 novembre 2014 EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a

Dettagli

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Capo del Dipartimento per l Istruzione SEDE Ai Direttori Generali

Dettagli

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Strasburgo, 13.1.2015 COM(2015) 10 final 2015/0009 (COD) Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativo al Fondo europeo per gli investimenti strategici e che

Dettagli

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio nell ambito dell Indagine conoscitiva sul Piano di investimenti per l Europa

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio nell ambito dell Indagine conoscitiva sul Piano di investimenti per l Europa Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio nell ambito dell Indagine conoscitiva sul Piano di investimenti per l Europa Commissione V Bilancio Camera dei Deputati 25 febbraio 2015 1. Introduzione

Dettagli

La consapevolezza di. 30giorni LA PREVIDENZA. questo difficile momento economico rende auspicabile una programmazione

La consapevolezza di. 30giorni LA PREVIDENZA. questo difficile momento economico rende auspicabile una programmazione LA PREVIDENZA CAPITALIZZAZIONE DEI MONTANTI CONTRIBUTIVI Con la modulare capitale e rendimento sono garantiti Con la pensione modulare è garantita la restituzione del capitale, maggiorato di rendimento.

Dettagli

Notizie dall Unione europea

Notizie dall Unione europea Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione Notizie dall Unione europea 20 novembre 2006 La Commissione europea propone un divieto totale del commercio

Dettagli

BOZZA DISCORSO PRESIDENTE MARINI PER FORUM COESIONE: GOVERNANCE MULTILIVELLO DEI FONDI DEL QUADRO STRATEGICO COMUNE

BOZZA DISCORSO PRESIDENTE MARINI PER FORUM COESIONE: GOVERNANCE MULTILIVELLO DEI FONDI DEL QUADRO STRATEGICO COMUNE BOZZA DISCORSO PRESIDENTE MARINI PER FORUM COESIONE: GOVERNANCE MULTILIVELLO DEI FONDI DEL QUADRO STRATEGICO COMUNE Molti obbiettivi non possono essere conseguiti con un azione individuale: la loro realizzazione

Dettagli

TERNA: PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2016-2019

TERNA: PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 TERNA: PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 IL NUOVO FRAMEWORK REGOLATORIO, L ACQUISIZIONE DELLA RETE FS E L ULTERIORE EFFICIENZA DEI PROCESSI CONSENTONO UNA NUOVA POLITICA DEI DIVIDENDI Centrati i

Dettagli

Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico.

Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico. Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico. Assumersi responsabilità. Con provvedimenti energeticamente efficienti. L efficienza energetica è una strategia efficace per la protezione

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Tlc: la Ue pronta a rimuovere almeno un terzo dei mercati soggetti a regole exante

Tlc: la Ue pronta a rimuovere almeno un terzo dei mercati soggetti a regole exante Publication: Key4Biz Tlc: la Ue pronta a rimuovere almeno un terzo dei mercati soggetti a regole exante La Reding ribadisce la necessità di un'authority europea e di un'agenzia Ue per lo spettro. La liberalizzazione

Dettagli

Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013

Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013 Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013 Comitato di Sorveglianza - 12 maggio 2015 Gli Strumenti Finanziari nella Programmazione 2014-2020 (1/2) Il Contesto Europeo La Programmazione 2014-2020

Dettagli

Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi

Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi 26 giugno 2014 Alessandro Laterza Vice Presidente per il Mezzogiorno e le Politiche regionali Con la crisi, in calo gli investimenti pubblici in Europa 4,5

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

UNA NUOVA STRATEGIA PER IL MERCATO UNICO AL SERVIZIO DELL ECONOMIA E DELLA SOCIETÀ EUROPEA

UNA NUOVA STRATEGIA PER IL MERCATO UNICO AL SERVIZIO DELL ECONOMIA E DELLA SOCIETÀ EUROPEA 10 IL MONTI PENSIERO UNA NUOVA STRATEGIA PER IL MERCATO UNICO AL SERVIZIO DELL ECONOMIA E DELLA SOCIETÀ EUROPEA Rapporto di Mario Monti al Presidente della Commissione europea José Manuel Barroso 9 maggio

Dettagli

Presentazione della Comunicazione sulle linee guida relative alla flessibilità

Presentazione della Comunicazione sulle linee guida relative alla flessibilità Presentazione della Comunicazione sulle linee guida relative alla flessibilità Il presente documento ha l obiettivo di fornire alcune indicazioni generali riguardo al nuovo approccio della Commissione

Dettagli

Info Day Horizon SC5 LIFE. Ministero dell ambiente della tutela del territorio e del mare/sogesid Direzione per lo sviluppo sostenibile

Info Day Horizon SC5 LIFE. Ministero dell ambiente della tutela del territorio e del mare/sogesid Direzione per lo sviluppo sostenibile Info Day Horizon SC5 LIFE Ministero dell ambiente della tutela del territorio e del mare/sogesid Direzione per lo sviluppo sostenibile Stefania Betti National Contact Point LIFE Complementarietà I regolamenti

Dettagli

Mediazione Civile. Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009

Mediazione Civile. Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009 Mediazione Civile Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009 dicembre 2009 A cura della Commissione Arbitrato e Conciliazione Presidente Flavia Silla Componenti

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Anno accademico 2014/2015 Corso di Politica Economica Docente: Claudio Di Berardino Informazioni sito docente: http://claudiodiberardino.jimdo.com mail: c.diberardino@unich.it 1 lezione - Le teorie degli

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Salvo Mura Coordinamento Area Didattica Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Il Coordinamento Area Didattica è stato costituito come unità organizzativa nel 2008 e le

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO casaeclima.com http://www.casaeclima.com/ar_18985 ITALIA-Ultime-notizie-paee-efficienza-energetica-Efficienza-energetica-online-il-Pianodazione-2014-PAEE.-IL-TESTO-.html Efficienza energetica, online il

Dettagli