UN PIANO DI INVESTIMENTI PER L EUROPA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UN PIANO DI INVESTIMENTI PER L EUROPA"

Transcript

1 DOSSIER DI DOCUMENTAZIONE UN PIANO DI INVESTIMENTI PER L EUROPA ISTITUZIONE DEL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI 9 aprile

2 I. BACKGROUND E CONTESTO MACROECONOMICO L assenza di crescita e di investimenti che caratterizza l Europa da oltre sei anni ha compromesso il benessere di oltre 500 milioni di persone. La crisi finanziaria globale ha colpito duramente il continente europeo, dove la maggior parte dei paesi lottano con alti tassi di disoccupazione, crescita assente o limitata e carenza di investimenti. La crisi economica e finanziaria ha provocato una caduta degli investimenti considerevole: rispetto al picco del 2007 i livelli medi di investimento sono al di sotto del 15%, con punte eccezionali in alcuni Stati membri (Grecia 67% ; Spagna 38%). In particolare, come sottolineato dal Parlamento europeo, gli investimenti necessari in infrastrutture del trasporto, energetiche e digitali sono stimate a circa 2000 miliardi di euro; la base industriale europea è crollata a rappresentare il 14% del PIL della UE; 25 milioni di persone, 7 milioni in più rispetto al 2008, sono disoccupate. La caduta ha riguardato sia gli investimenti privati, a causa di una bassa fiducia degli investitori, a sua volta dovuta a basse aspettative riguardo alla domanda, frammentazione dei mercati finanziari e mancanza di capitale di rischio, contesto regolatorio non uniforme e spesso disincentivante (qualità delle istituzioni, funzionamento della giustizia e delle procedure di public procurement, oneri amministrativi per le imprese), cui si aggiungono mancanza di fiducia nell euro e alti livelli di indebitamento in alcuni paesi europei; sia gli investimenti pubblici, limitati dai vincoli posti dal Patto di Stabilità, ciò che ha esacerbato gli effetti totali sulla crescita. Di fronte al rischio, non banale, di un ristagno secolare o di una depressione economica, la Commissione europea sembra aver abbandonato le politiche di mera austerità annunciando l obiettivo politico prioritario del rilancio di crescita ed occupazione e lanciando il Piano di investimenti per l Europa (COM(2014)903), poi dettagliato nella proposta di Regolamento COM(2015)10 relativa all istituzione del Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS). Inoltre, al fine di rafforzare le sinergie tra i tre pilastri su cui è imperniata la strategia per la crescita piano di investimenti, responsabilità fiscale e riforme strutturali la Commissione ha pubblicato la Comunicazione COM(2015)12, sul miglior uso della flessibilità all interno delle regole esistenti del Patto di Stabilità e Crescita (PSC). In quest ultimo documento, e con riferimento all ambito del braccio preventivo del PSC (che è quello in cui si colloca l Italia) si dice, quanto ai contributi finanziari degli Stati membri al FEIS, che detti contributi non incidono sul saldo strutturale; quanto al cofinanziamento da parte di Stati membri di singoli progetti di investimento finanziati anche dal FEIS, la c.d. investment clause permette allo Stato membro di deviare temporaneamente dall obiettivo o dal percorso verso l obiettivo nel caso in cui la crescita del PIL sia negativa o al di sotto del potenziale e qualora la deviazione non implichi il superamento del valore del 3% fissato per il disavanzo. A tale politica fiscale espansiva da parte della Commissione europea si affianca la strategia di politica monetaria espansiva della Banca Centrale europea, che prende la forma del cosiddetto quantitative easing, acquisto di titoli pubblici e privati per 60 miliardi di euro, iniziato lo scorso mese di marzo e che continuerà fino al settembre del 2016 e comunque finché non sarà scongiurato il rischio di deflazione. Una manovra che, contribuendo a ridurre i rendimenti dei titoli di Stato a lunga scadenza, potrebbe spingere le banche, grandi detentrici di titoli di Stato, ad utilizzare la liquidità in modo più profittevole prestando il denaro ad imprese e famiglie. Un ultima considerazione riguarda la possibilità che, nell attuale contesto dell economia mondiale ed europea in particolare, interventi di politica economica di tipo keynesiano volti ad aumentare la domanda aggregata possano essere utili nel breve periodo, ma che nel lungo periodo la sola strada per assicurare una 2

3 ripresa stabile stia nell elaborazione di un progetto di politica economica schumpeteriano o, meglio, dell innovazione che sia capace di creare ed organizzare vere e proprie coalizioni per l innovazione in grado di orientare la convergenza e l integrazione delle iniziative delle singole imprese su progetti collettivi di ampio respiro strutturale che promuovano l introduzione di intere filiere innovative, puntando ad esempio su ricerca, digitale, energie alternative, tecnologie eco-compatibili, istruzione. In tal caso, una azione incisiva della Commissione potrebbe valorizzare le potenzialità dell Unione per promuovere ed accelerare l emersione dei nuovi grappoli tecnologici. Va da sé che il ruolo del contesto istituzionale ed il governo delle attività innovative e delle esternalità tecnologiche è fondamentale, così come il completamento del mercato interno nei settori su citati. II. IL PIANO DI INVESTIMENTI PER L EUROPA Per le ragioni su esposte è evidente che se il c.d. Piano Juncker non rappresenta la leva di Archimede, pure esso va accolto come una importante scelta di politica economica. Importante non solo nei contenuti, ma allo stesso modo nel significato che porta in sé: la Commissione ha creato forti aspettative sul Piano Juncker; un suo fallimento significherebbe perdita di credibilità dell Europa nei confronti del resto del mondo, ulteriore rafforzamento dei partiti e movimenti euroscettici, ulteriore allontanamento degli investitori che perderebbero fiducia nei confronti di successive iniziative. È bene dunque partire dalla consapevolezza che l importanza per l Europa del Piano Juncker va al di là delle cifre, sta invece nel merito e serietà delle scelte di investimento che saranno effettuate come pure del metodo utilizzato nella governance, e rappresenta un banco di prova importantissimo per la credibilità dell Unione, con ciò che ne consegue. L obiettivo politico del piano Juncker è comunque recuperare l investment gap in un sistema in cui la liquidità esiste ma non si muove. Il Piano di investimenti per l Europa (COM(2014)903) prevede tre aree di intervento 1. 1) La mobilitazione di 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati aggiuntivi nei prossimi 3 anni. 2) La focalizzazione su investimenti che raggiungano l economia reale. 3) Il miglioramento del contesto normativo e regolatorio nel quale si svolge l attività di investimento, rimuovendo le barriere che ne ostacolano la crescita. Per il successo del PJ è necessario che tutte e tre le condizioni siano realizzate. Dei 315 miliardi mobilitati dal PJ, 240 miliardi dovranno essere destinati ad investimenti strategici a lungo termine e 75 miliardi al finanziamento del sistema delle imprese medio-piccole (fino a 250 dipendenti) e mid-cap (da 250 a 3000 dipendenti). Al fine di raggiungere tale obiettivo, la Commissione ha presentato la proposta di Regolamento COM(2015)10 relativa al FEIS (Fondo europeo per gli investimenti strategici) che, secondo la timeline, dovrebbe essere approvata con procedura fast-track entro giugno Il documento relativo alla istituzione del FEIS contiene previsioni relative alle risorse finanziarie ed alle relative garanzie; alle finalità di utilizzo delle risorse; alla governance del fondo. 1 Per maggiori dettagli si veda la slides n. 2. 3

4 Risorse finanziarie e garanzie. Il Regolamento FEIS prevede uno stanziamento iniziale di 21 miliardi 2, di cui una garanzia di 16 miliardi proveniente dal bilancio UE (di cui soltanto 2 miliardi dalla riserva di bilancio, mentre 2,7 miliardi sono ricavati da Horizon 2020 e 3,3 miliardi dal European Connecting Mechanism 3 ) e da un impegno della BEI (non è specificato se a titolo di finanziamento o garanzia) di 5 miliardi. L effetto moltiplicativo del FEIS è indicato pari a 15. Il FEIS, sotto l ombrello BEI, dovrebbe poi emettere titoli per arrivare a 63 miliardi (effetto moltiplicativo pari a 3), mentre, partendo da questi 63 miliardi la Commissione ipotizza che i privati ne investiranno altri 252 (effetto moltiplicativo pari a 5) arrivando ai 315 miliardi del Piano. Secondo la Commissione tale stima è comunque prudente e si basa su una stima al ribasso rispetto ad effetti moltiplicativi verificatisi nell ambito di altri progetti BEI. Anche secondo molti altri osservatori la stima del moltiplicatore non è irrealistica. Ad una condizione: gli investitori privati dovranno avere lo status di senior tranches, mentre il pubblico di junior tranches 4. Finalità di utilizzo delle risorse. Il regolamento FEIS concentra il suo potenziale di finanziamento su alcuni settori di importanza strategica per l UE, in cui la BEI ha una provata esperienza e capacità di ottenere un impatto positivo sull economia reale. Tali settori includono: Le infrastrutture strategiche (investimenti in digitale, trasporti ed energia) Istruzione, ricerca e innovazione Investimenti che aumentano l impiego, attraverso il finanziamento di PMI e mid-cap e misure per l impiego dei giovani Progetti eco-sostenibili (energie rinnovabili ed efficienza energetica) A tali finalizzazioni sono legati livelli di rischio e rimuneratività molto differenti. L utilizzo di piattaforme di investimento con maggiore presenza di finanziamenti pubblici per gli investimenti a redditività minore e di finanziamenti privati per investimenti a redditività minore assicurerà la possibilità di attivare e coprire, mediante FEIS, diversi tipi di investimenti. Governance del FEIS. La struttura di governance si articola su due livelli: 1) Livello strategico: uno Stearing Board (Comitato direttivo) decide l indirizzo strategico, l allocazione strategica delle attività e le politiche e le procedure operative, tra cui la politica di investimento per i progetti ammessi al sostegno e il profilo di rischio, 5. Finché l UE e la BEI restano gli unici contributori al FEIS, il numero dei membri e dei voti in seno al Comitato direttivo è assegnato in base all entità del rispettivo contributo in contanti o sotto forma di garanzia 6. Qualora uno o più Stati membri aderiscano all accordo, il numero dei membri e dei voti in seno al comitato è assegnato in base all entità del contributo. Il Comitato direttivo si adopera comunque per giungere a decisioni consensuali. 2) Livello tecnico: un Investment Committee (Comitato per gli investimenti) è responsabile dell esame delle potenziali operazioni, in linea con le politiche di investimento del FEIS, senza vincoli territoriali 2 Di questi 5 miliardi possono essere destinati al finanziamento di PMI e mid-cap tramite il FEI, Fondo europeo per gli investimenti. 3 La proposta di Regolamento prevede che la Commissione europea versi con gradualità al FEIS le relative risorse fino ad un importo del 50% delle garanzie prestate (16 miliardi); in base a tale importo è costituito un fondo di garanzia di 8 miliardi. 4 Nel linguaggio finanziario ciò significa che, nella condivisione del rischio, è il pubblico a subire per primo eventuali perdite fino ad esaurimento del proprio investimento. Unicamente nel caso in cui le perdite superino tale importo ci sarebbero rischi anche per i privati. Non è ancora chiaro se verranno istituiti ulteriori strumenti di garanzia per i privati. 5 Art. 3, par. 1, proposta di Regolamento COM(2015) 10 6 Art. 3, par. 2, proposta di Regolamento COM(2015) 10 4

5 e settoriali e massimizzando il valore aggiunto europeo. È composto da sei esperti indipendenti (esperienza riconosciuta, vasta e pertinente, nel finanziamento dei progetti) e da un amministratore delegato, nominato dal Comitato direttivo. Il FEIS potrà altresì cofinanziare anche piattaforme di investimento a livello nazionale, regionale o settoriale. Infine è prevista la creazione di un Polo europeo di consulenza sugli investimenti per l individuazione, la preparazione, lo sviluppo ed il finanziamento dei progetti. Per il suo finanziamento è previsto un supplemento di finanziamento fino ad un massimo di 20 milioni di euro l anno. 7 III. CRITICITÀ E SUGGERIMENTI La più frequente critica rivolta al Piano Juncker è quella della inadeguatezza delle risorse messe in campo: a fronte di un investment gap stimato in circa miliardi l anno dall inizio della crisi, nel più ottimistico dei casi il PJ attiverà circa 100 miliardi l anno nel periodo Volume degli investimenti attivati dal PJ Sarebbe auspicabile attivare risorse di partenza aggiuntive per un volume almeno doppio a quello del PJ, favorendo l attivazione di nuovi investimenti anche a livello degli Stati membri. Occorrerebbe verificare, ad esempio, se la disponibilità degli Stati membri al finanziamento del FEIS potrebbe essere influenzata positivamente dalla prospettiva di avvalersi di una quota di investimenti corrispondenti nel proprio territorio. 1. Occorre precisare che le risorse utilizzate a titolo di garanzia del FEIS derivano per la maggior parte (su 8 miliardi dichiarati solo 2 miliardi sono attinti da risorse di bilancio non già impegnate in altri fondi) dalla sottrazione di risorse a programmi già avviati quali Horizon 2020 e European Connecting Mechanism. Ciò impone la necessità di valutare il costo opportunità di quei fondi sottratti, tanto più che entrambi i programmi su citati hanno dimostrato un forte potenziale moltiplicativo. Addizionalità degli interventi Occorrerebbe dunque non solo che le risorse distolte siano in grado di generare un rendimento aggiuntivo rispetto all assegnazione originario ma, per precisione contabile, conteggiare come vero valore aggiunto del PJ soltanto la differenza di rendimento. 2. Serve inoltre scongiurare il rischio che attraverso il FEIS si selezionino progetti con un apporto di capitale privato che si sarebbe comunque attivato anche in assenza di garanzie. È il caso di investimenti già profittevoli per il mercato per i quali il meccanismo FEIS attribuirebbe solo un guadagno ingiustificato al capitale privato. Il sistema di governance del FEIS ed il meccanismo di selezione sono critici a questo proposito. Il sistema dovrà garantire la massima serietà nella selezione. Sarebbe opportuno introdurre dei meccanismi di controllo che vedano coinvolto il Parlamento europeo. 7 Per uno schema riassuntivo del Piano Juncker si veda la slide n. 3. La Timeline del Piano per gli investimenti è riassunta nella slide n L ILO stima che il PJ potrebbe creare un bilancio netto di 2,1 milioni di posti di lavoro e riduzione del tasso di disoccupazione di un punto percentuale entro il 2018 a condizione che le potenzialità del PJ quanto alla catalizzazione degli investimenti privati sia raggiunta in pieno. Se incompleta, si stima un beneficio di unità di lavoro aggiuntive. 5

6 Secondo le nuove linee guida interpretative tracciate nella Comunicazione COM(2015)12 sul miglior uso della flessibilità all interno delle regole esistenti del Patto di Stabilità e Crescita (PSC), con riguardo al contributo iniziale diretto al FEIS, la flessibilità si applica sia agli Stati membri che rientrano nell ambito del cosiddetto braccio correttivo del PSC, sia a quelli del braccio preventivo; diverso è per i cofinanziamenti a progetti in ambito nazionale finanziati anche dal FEIS, per cui la flessibilità si limita agli Stati del braccio preventivo 9. In ogni caso, anche l Italia, pur potendo beneficiare della flessibilità avrà margini di manovra molto ristretti (dovrà comunque mantenere il disavanzo entro il 3% del PIL). Flessibilità e crowding out (spiazzamento) Occorre che il PJ non discrimini quanto a possibilità per gli Stati membri di partecipare alle attività del FEIS. Due ordini di incentivi agli Stati membri di aumentare il proprio contributo complessivo, diretto e indiretto, al FEIS potranno derivare sia da un ampliamento della clausola di flessibilità a coprire i cofinanziamenti a progetti in ambito nazionale finanziati anche dal FEIS, sia dalla previsione di non obbligatorietà del cofinanziamento nazionale quale incentivo a contribuire con fondi strutturali di spettanza nazionale a progetti cofinanziati dal FEIS. L Italia potrebbe giovarsene riuscendo così a spendere le risorse residue dei fondi strutturali della programmazione , così scongiurando il rischio di revoca delle somme inutilizzate. Occorre allo stesso tempo mantenere distinte le finalità dei due Fondi, assicurarne un effettivo coordinamento al fine di evitare potenziali sostituzioni ed avviare invece sinergie e crescita del reciproco valore aggiunto. 10 È indiscusso che il criterio di selezione degli investimenti debba procedere con una severa preselezione sulla validità tecnica e la sostenibilità finanziaria, ma ciò rappresenta solo una condizione per l efficacia del Piano. L altra condizione, che non è ancora chiaro se possa essere soddisfatta dalla composizione attuale prevista dallo Stearing Committee, è che vi sia una strategia politica ed economica globale, che sappia far coesistere nel modo più efficace tutti i progetti di investimento europei all interno di un quadro complessivo. Governance e criteri di selezione dei Progetti È da valutare se, all interno del quadro di governance FEIS non vadano introdotti meccanismi di controllo preventivo attraverso il Parlamento europeo. 11 Il secondo pilastro del Piano consiste in iniziative volte a garantire che i finanziamenti aggiuntivi generati dal FEIS siano destinati a progetti con un reale valore aggiunto per l economia sociale di mercato europea. A tale scopo prevede l individuazione di una riserva di progetti, alimentabile comunque nel tempo, di rilevanza europea. Una lista preliminare di progetti è stata già predisposta dalla task force per gli investimenti, composta da BEI e Stati membri. L Italia ha presentato la propria lista di progetti 12. Economia reale e Piattaforme di investimento 9 In base alle Winter forecasts della Commissione, nel 2015 la clausola di flessibilità dovrebbe limitarsi a sei Paesi (Danimarca, Finlandia, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi e Slovacchia). 10 Di questo parere anche il Relatore L. Van Nistelrooij della commissione per lo Sviluppo regionale del Parlamento europeo nella Draft Opinion sulla proposta di Regolamento relativo al FEIS. 11 Alcune proposte di emendamento alla proposta di Regolamento relativo al FEIS delle commissioni budgets e affari economici e monetari del Parlamento europeo (Relatori J.M. Fernandes e U. Bullmann) sembrano andare nella appropriata direzione. 12 A tale proposito, si veda l Allegato II del presente documento. 6

7 La contribuzione con fondi strutturali di spettanza nazionale ai progetti cofinanziati dal FEIS potrebbe avvenire attraverso la creazione di piattaforme di investimento che potranno essere regionali (anche cross-border, coinvolgendo più di uno Stato membro), settoriali (coinvolgono più Stati membri in uno stesso settore) e nazionali. L autorità di gestione del fondo strutturale potrà decidere se investire in una piattaforma di investimento o contribuire ad una struttura in cui lo strumento del fondo e la piattaforma di investimento potrebbero coinvestire in specifici progetti insieme ad investitori privati. 13 Le piattaforme di investimento potrebbero divenire stabilmente una parte complementare del PJ. La Commissione si è detta pronta a ricevere in merito proposte specifiche. Le piattaforme di investimento potrebbero rivestire un importanza strategica per consentire a regioni o raggruppamenti di regioni una gestione congiunta degli investimenti strategici insieme con le banche di promozione nazionale. Uno dei rischi legati al successo del PJ è il timore che le condizioni regolamentari diverse tra Paesi ostacolino i progetti transfrontalieri, quelli invero più indispensabili all Europa soprattutto nei settori del digitale, dell energia e delle telecomunicazioni. Rischio di investimento e rischio Paese. Anche gli ostacoli che si frappongono al completamento del mercato interno, soprattutto nei settori su citati, rappresentano forti deterrenti agli investimenti privati. Contesto normativo e regolatorio e Completamento del mercato interno Occorre fare progressi in entrambi i settori senza frapporre più ostacoli. Secondo i risultati presentati nel Global Competitiveness Index Executive Opinion Survey vi sono alcuni Investment risks estremamente difficili da mitigare e che in ultima analisi determineranno se l investimento avrà luogo in una certo paese/territorio oppure no. Tra i fattori determinanti: la protezione dei diritti di proprietà, incluse le assets finanziarie; la protezione della proprietà intellettuale; l indipendenza della magistratura; l efficienza della giustizia amministrativa nella risoluzione delle controversie, in particolare le business disputes e nella Challenging regulation (protezione del settore privato da azioni e/o regolamentazioni pubbliche lesive); protezione degli interessi degli stakeholders di minoranza; qualità globale delle infrastrutture (inclusi trasporti, telefonia, energia). IV. DOCUMENTI UTILI Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, alla Banca centrale europea, al Comitato economico e sociale europeo, al Comitato delle Regioni e alla Banca europea per gli Investimenti - Un piano di investimenti per l Europa - (COM(2014) 903) scarica il documento Proposta di Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Fondo europeo per gli investimenti strategici e che modifica i regolamenti (UE) nn. 1291/2013 e 1316/ (COM(2015)10) scarica il documento Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, alla Banca centrale europea, al Comitato economico e sociale europeo, al Comitato delle Regioni e alla Banca europea per gli Investimenti Sfruttare al meglio la flessibilità consentita dalle norme vigenti del Patto di Stabilità e di Crescita - (COM(2015) 12) scarica il documento 13 Vedi la Draft Opinion sulla proposta di Regolamento relativo al FEIS della commissione lo Sviluppo regionale del Parlamento europeo, Relatore L. Van Nistelrooij. 7

8 ALLEGATO I 8

9 9

10 10

11 11

12 ALLEGATO II SPECIAL TASK FORCE (MEMBER STATES, COMMISSION, EIB) ON INVESTMENT IN THE EU ANNEX 2 - Project lists from Member States and the Commission PART 1 ITALIA (vedi fascicolo allegato) 12

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Strasburgo, 13.1.2015 COM(2015) 10 final 2015/0009 (COD) Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativo al Fondo europeo per gli investimenti strategici e che

Dettagli

La Banca europea per gli investimenti in sintesi

La Banca europea per gli investimenti in sintesi La Banca europea per gli investimenti in sintesi Come banca dell Unione europea (UE), forniamo finanziamenti e consulenza per progetti d investimento validi e sostenibili situati in Europa e nei Paesi

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

SFRUTTARE AL MEGLIO LA FLESSIBILITÀ CONSENTITA DALLE NORME VIGENTI DEL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA

SFRUTTARE AL MEGLIO LA FLESSIBILITÀ CONSENTITA DALLE NORME VIGENTI DEL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA COMMISSIONE EUROPEA Strasburgo, 13.1.2015 COM(2015) 12 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO, AL

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Una Guida ai PPP. Manuale di buone prassi

Una Guida ai PPP. Manuale di buone prassi European PPP Expertise Centre European PPP Expertise Centre European PPP Expertise Centre European PPP Expertise Centre Manuale di buone prassi rifi Unità Tecnica Finanza di Progetto Manuale di buone

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

Il Trattato sulla stabilità, il coordinamento e la governance nell unione economica e monetaria (c.d. fiscal compact) n. 209

Il Trattato sulla stabilità, il coordinamento e la governance nell unione economica e monetaria (c.d. fiscal compact) n. 209 Documentazione per le Commissioni ATTIVITÀ DELL'UNIONE EUROPEA Il Trattato sulla stabilità, il coordinamento e la governance nell unione economica e monetaria (c.d. fiscal compact) n. 209 7 marzo 2012

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Cos è la Banca europea per gli investimenti?

Cos è la Banca europea per gli investimenti? Cos è la Banca europea per gli investimenti? La BEI è la banca dell Unione europea. Come principale mutuatario e finanziatore multilaterale, eroghiamo finanziamenti e consulenze tecniche per progetti d

Dettagli

IDEE & SOLUZIONI PER L'OCCUPAZIONE E LA RIPRESA IN EUROPA MERIDIONALE

IDEE & SOLUZIONI PER L'OCCUPAZIONE E LA RIPRESA IN EUROPA MERIDIONALE IDEE & SOLUZIONI PER L'OCCUPAZIONE E LA RIPRESA IN EUROPA MERIDIONALE L INIZIATIVA COLLABORA CON NOI! Offriamo varie opportunità per prendere parte a questa grande iniziativa per il cambiamento. Solo col

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA,

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, IL REGNO DI DANIMARCA, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA,

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 150 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO Risultati degli esami approfonditi ai sensi del regolamento

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale n. 30 - febbraio 2012 a cura di Franco Bruni e Antonio Villafranca 1 ABSTRACT: La Nota fornisce una breve analisi e delle indicazioni di policy

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2 /98 IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO CRISTINA BRANDIMARTE * - SOLANGE LEPROUX * - FRANCO SARTORI ** Introduzione Il Patto di stabilità

Dettagli

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. sulla segnalazione e la trasparenza delle operazioni di finanziamento tramite titoli

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. sulla segnalazione e la trasparenza delle operazioni di finanziamento tramite titoli COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 29.1.2014 COM(2014) 40 final 2014/0017 (COD) Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla segnalazione e la trasparenza delle operazioni di finanziamento

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA Il presente documento contiene le principali misure concrete a breve-medio termine proposte dalla Commissione per contribuire a stabilizzare

Dettagli

La nuova definizione di PMI Guida dell utente e modello di dichiarazione

La nuova definizione di PMI Guida dell utente e modello di dichiarazione PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE GENERALE PER LE IMPRESE E L'INDUSTRIA La presente guida contiene: La nuova definizione di PMI Guida dell utente e modello di dichiarazione particolari e spiegazioni sulla

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 130 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI Bilancio

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori

Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori giugno 2014 Nell Unione europea la legislazione a tutela dei consumatori garantisce a ogni cittadino il diritto di ricevere un trattamento

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Audizione nell ambito dell indagine conoscitiva sulla Attuazione ed efficacia delle politiche della UE in Italia

Audizione nell ambito dell indagine conoscitiva sulla Attuazione ed efficacia delle politiche della UE in Italia Audizione nell ambito dell indagine conoscitiva sulla Attuazione ed efficacia delle politiche della UE in Italia 2015 XIV Commissione permanente Politiche dell Unione Europea Camera dei Deputati 14/01/2015

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.5.2015 COM(2015) 262 final Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia e che formula un parere del Consiglio sul

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014.

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015 anno esercizio centoventunesimo esercizio CXXI Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno - centoventunesimo esercizio Roma, 26 maggio 2015 Signori

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

INNOVAZIONE AMMINISTRATIVA

INNOVAZIONE AMMINISTRATIVA INNOVAZIONE AMMINISTRATIVA E CRESCITA DEL PAESE Rapporto con raccomandazioni L IMPATTO DELL UNIONE EUROPEA E DEGLI ORGANISMI INTERNAZIONALI: CASI ED ESPERIENZE Marina Caporale Testo in corso di revisione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Superare la crisi. Un patto globale per l occupazione

Superare la crisi. Un patto globale per l occupazione Superare la crisi Un patto globale per l occupazione adottato dalla Conferenza Internazionale del Lavoro alla sua novantottesima sessione Ginevra, 19 giugno 2009 ISBN 978-92-2-820672-2 (web pdf) Prima

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità

Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità 6 settembre 2012 Bruno Koch Situazione iniziale tipica in una città campione Numero di abitanti: 100 000 Volume di fatture: ricevute

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti

Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti di L.Va. pdf L indagine conoscitiva sulla sostenibilità del Ssn Questa

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli