Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO IGEA Anno 2000 Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il candidato sta esaminando, con alcuni amici neo-diplomati, la possibilità di iniziare un attività imprenditoriale in un settore di servizi particolarmente innovativo e viene incaricato di redigere una relazione da sottoporre a possibili finanziatori nella quale deve indicare: - il settore operativo e il tipo di servizi da prestare; - i motivi per i quali è stato scelto quel tipo di attività e perché si ritiene che il progetto possa avere buone probabilità di risultare vincente sul mercato; - il tipo di società che si intende costituire e i motivi di tale scelta (i mezzi messa a disposizione dai soci promotori risultano pari a L. 200 milioni); - le caratteristiche della struttura organizzativa dell impresa, nonché il ruolo e le modalità di coinvolgimento dei finanziatori. Alla relazione vanno allegati i seguenti documenti: - il prospetto degli investimenti da effettuare con le relative fonti di finanziamento per la costituzione della società e l avvio dell attività; - lo schema di determinazione del reddito previsto, per un arco temporale annuale e triennale, specificando gli aggregati dei costi e dei ricavi che lo determinano. Con riferimento alla società che il candidato ha scelto di costituire, svolgere poi uno dei seguenti punti assumendo gli opportuni dati. 1. Registrare nel libro giornale le operazioni relative alla costituzione della società, tenendo conto che un socio ha conferito beni in natura. Di ogni conto utilizzato si indichi la natura, il funzionamento e il raggruppamento di appartenenza allo Stato patrimoniale o al Conto economico. 2. Predisporre, in forma sintetica, lo Stato patrimoniale e il Conto economico del primo esercizio corredandoli di una breve relazione da inviare ai finanziatori, nella quale si commenti la situazione reddituale e finanziaria dell impresa tenuto conto che il ROI è risultato del 6%.

2 3. Redigere una breve relazione, da inviare ai finanziatori, sull andamento del primo esercizio nella quale viene giustificato, anche con il ricorso all analisi degli scostamenti dei ricavi e dei costi, un reddito operativo lordo inferiore del 5% rispetto alle previsioni. PARTE PRIMA Relazione e prospetti degli investimenti e del reddito Il candidato deve ipotizzare la creazione di un azienda di servizi operante in un settore innovativo ( ad esempio nel settore informatico, della consulenza, nel campo telematico) e deve quindi produrre una relazione da presentare ai soci promotori che li convinca a investire nella nuova impresa. La relazione deve contenere indicazioni precise in merito ai seguenti punti. Il tipo di servizio che si vuole proporre alla clientela e il settore in cui si vuole operare. Nel nostro esempio ipotizziamo un azienda operante nel settore dell assistenza contabile di tipo informatico da offrire alle aziende medio grandi presenti sul territorio. Si deve valutare la realtà geografica e produttiva circostante, la tipologia delle aziende presenti sul territorio, il tipo di attività da esse svolto, l ubicazione delle stesse, la loro struttura (ad esempio se sono aziende divise o indivise). Le motivazioni che spingono alla costituzione delle nuova azienda. Nel nostro caso potrebbe essere la mancanza sul territorio di un azienda in grado di fornire servizi informatici finalizzati alla tenuta della contabilità con personale altamente specializzato in grado di risolvere i problemi contabili, fiscali, organizzativi delle aziende localizzate nel territorio. La relazione deve contenere motivazioni tali da spingere i soci promotori a investire nella nuova azienda di servizi; deve quindi individuare sicuri motivi che la rendano vincente sul mercato (ad esempio non ci sono aziende di tale tipo, l azienda sarà fortemente specializzata, il personale sarà in grado di rispondere a tutte le esigenze della clientela). La scelta della forma aziendale. La traccia indica la presenza di soci promotori che dispongono di un capitale complessivo di lire 200 milioni; la nuova azienda quindi potrebbe strutturarsi in spa (il capitale è sufficiente secondo la normativa civilistica); inoltre la spa, avendo personalità giuridica, consente la limitazione della responsabilità dei soci alle quota di capitale sottoscritta. La spa inoltre, a differenza di tutte le altre società, può finanziare la propria attività anche attraverso l emissione di un prestito obbligazionario: Nel nostro caso chiameremo la nuova società di servizi Help spa, il cui capitale sociale è formato da azioni del valore nominale di lire La struttura della nuova azienda. Essendo di tipo innovativo, la nuova realtà dovrà avere una struttura molto elastica, con personale specializzato; si può anche ipotizzare la presenza sia di personale dipendente sia di consulenti esterni con conseguente limitazione dei costi fissi e quindi maggior possibilità di conseguire un reddito legato al volume di affari realizzabile; Alla relazione si devono poi allegare dei documenti da redigere in forma di prospetto, che sono di supporto alla scelta dei soci promotori. Il primo prospetto deve contenere gli investimenti (nel caso della Help spa ci sono immobilizzazioni materiali quali fabbricati da adibire a uffici, attrezzature e mobili d ufficio per allestimento dei locali dell azienda e immobilizzazioni immateriali quali licenze per i programmi di informatica, concessioni e diritti similari, costi di ricerca per meglio rispondere alle future richieste della clientela, costi di pubblicità e marketing per far conoscere la Help spa sul territorio, costi d impianto per le spese sostenute per la costituzione della nuova azienda) e le fonti di finanziamento (divise tra mezzi propri ossia il capitale sociale sottoscritto dai soci e i finanziamenti di capitale di credito soprattutto a medio lungo termine in quanto necessari a coprire il fabbisogno per investimenti nel capitale immobilizzato; nel caso della Help spa si ipotizzano mutui ipotecari e sovvenzioni a medio termine, non pare realizzabile l emissione di un prestito obbligazionario in quanto l azienda non è ancora conosciuta sul territorio e appare difficile il finanziamento diretto sul mercato stesso). Investimenti importi Fonti di finanziamento Importi

3 Immobilizzazioni Capitale sociale immateriali: Costi di impianto Costi ricerca, sviluppo, Mezzi propri pubblicità Concessioni, licenze marchi Totale Debiti a medio/lungo termine Immobilizzazioni materiali Fabbricati Capitale di terzi Attrezzature e macchine ufficio totale Disponibilità liquide Totale investimenti Totale fonti finanziamento Il secondo prospetto deve indicare il reddito che si presume di conseguire nei periodi successivi (n, n+1, n+2). La traccia non richiede la stesura di un budget anche qui si può pensare a un prospetto a sezioni contrapposte in cui si elencano distintamente i costi previsti (per il personale, manutenzioni e riparazioni, ammortamento su immobilizzazioni immateriali e materiali, canoni di leasing, interessi sui finanziamenti esterni, compensi a collaboratori esterni) e i ricavi conseguibili (canoni pagati dalla clientela sulle prestazioni offerte dalla Help spa). Schema determinazione del reddito previsto (importi diviso mille) Costi previsti n n + 1 n + 2 Ricavi previsti n n + 1 n + 2 Costi per servizi Prestazioni servizi Compensi Proventi diversi collaboratori Canoni leasing Interessi da clienti Salari stipendi Interessi bancari Oneri sociali Plusvalenze TFRL Ammort immateriali Ammort materiali Accantonamenti Svalutazione crediti Interessi passivi Imposte d esercizio Totale costi Reddito di esercizio Totale a pareggio Totale ricavi

4 PARTE SECONDA Stato patrimoniale e Conto economico Facendo sempre riferimento alla impresa di servizi Help spa si deve predisporre un bilancio in forma sintetica relativamente al primo esercizio di funzionamento della spa tenendo conto che la traccia indica un ROI rapporto tra reddito operativo (il reddito generato dalla gestione caratteristica) e il totale degli investimenti (attivo lordo) del 6%. Nel nostro caso il reddito operativo si determina come segue: 100 : 6 = : X X = lire La definizione del bilancio in forma sintetica è semplice. Per lo Stato patrimoniale, partendo dal prospetto degli investimenti, si aggiungono le voci dell attivo circolante ossia i crediti verso la clientela e i fondi liquidi e si ottiene il totale attivo; per il passivo alle fonti di capitale proprio - patrimonio netto - si aggiungono quelle di capitale di terzi già evidenziate nel prospetto sopracitato, si aggiungono poi le passività a breve quali debiti per imposte, fornitori, ratei e risconti. Per la stesura del Conto economico si partirà dal ROI, da esso si ricava il reddito operativo secondo le indicazioni della traccia - e quindi il valore della produzione e i costi della produzione; il reddito operativo viene poi rettificato dal risultato della gestione finanziaria; si ottiene quindi il reddito al lordo delle imposte; da quest ultimo, detraendo le imposte dell esercizio (IRAP e IRPEG) si ottiene il reddito di esercizio. STATO PATRIMONIALE IN FORMA SINTETICA ESERCIZIO N ATTIVO importi PASSIVO importi Immobilizzazioni Patrimonio netto immateriali Capitale sociale materiali Utile d esercizio finanziarie Totale Totale Attivo circolante rimanenze Fondi rischi crediti Debiti TFRL disponibilità liquide Debiti totale Totale debiti Ratei risconti attivi Ratei risconti passivi Totale attivo Totale passivo CONTO ECONOMICO IN FORMA SINTETICA ESERCIZIO N Valore della produzione Costi della produzione Differenza tra valore e costi della produzione Risultato della gestione finanziaria ( ) Risultato della gestione straordinaria Risultato la lordo delle imposte Imposte dell esercizio Utile di esercizio

5 Analisi degli scostamenti Il primo esercizio della Help spa si chiude con un reddito inferiore del 5% rispetto a quello previsto : la società deve quindi inviare ai finanziatori una breve relazione che motivi le cause che hanno determinato tale scostamento tra reddito conseguito e reddito previsto. Le cause dello scostamento possono derivare da una errata valutazione dei ricavi (numero di clienti inferiore rispetto a quello preventivato, nascita sul territorio in cui è collocata la società di servizi di una concorrente ecc.) e/o dei costi (eccessivo costo delle licenze, elevata incidenza dei costi per il personale, degli ammortamenti e degli oneri di finanziamento ecc.). Nel caso della Help spa nell analisi degli scostamenti si confrontano i costi effettivi (desunti dal bilancio redatto alla fine dell esercizio n) con quelli preventivi (desunti dal preventivo inviato ai soci finanziatori), al fine di controllare l efficiente reperimento e impiego delle risorse. Per l analisi degli scostamenti dei costi, si determina, relativamente al servizio prestato dalla Help spa, il costo primo preventivo e il costo primo effettivo e si analizzano le cause degli scostamenti: Costo primo preventivo (5.000 servizi) Fattori di produzione Quantità Prezzo Costo unitario Costo complessivo Servizi Compensi collaboratori Lavoro dipendente Costo primo effettivo (4.700 servizi) Fattori di produzione Quantità Prezzo Costo unitario Costo complessivo Servizi , Compensi , collaboratori Lavoro dipendente , Scostamento globale Scostamento unitario Costo primo effettivo Costo primo effettivo Costo primo preventivo Costo primo preventivo Risparmio globale Aggravio unitario Si verifica quindi un aggravio nei rendimenti effettivi rispetto a quelli programmati per quanto riguarda la manodopera dipendente, invece un miglioramento per i servizi e i compensi per collaborazioni. In termini di costo si ha un aggravio per il costo dei servizi, mentre si verifica una riduzione dei costi per il personale dipendente e il costo delle collaborazioni. Va considerato che i servizi effettivamente resi alla clientela sono inferiori di 300 unità a quelli programmati (4.700 rispetto a previsti).

6 Scostamento nei prezzi Fattori di Quantità Prezzi Scostamenti Aggravio/ produzione effettiva Qe Effettivi Pe Preventivi Ps Pe - Ps risparmio Qe x ( Pe - Ps) Servizi , , Compensi , , collaboratori Lavoro dipendente , , Fattori di produzione Scostamento nelle quantità Prezzi Quantità preventivi Ps Effettivi Qe Preventivi Qs Scostamenti Qe - Qs Aggravio/ risparmio Ps x ( Qe - Qs) Servizi Compensi collaboratori Lavoro dipendente Scostamenti unitario: = Riassumendo e tenendo conto di 4700 servizi effettivamente prestati, si ha: Scostamento di prezzo ( x 4700) Scostamento di rendimento ( x 4700) Scostamento di volume ( x ) Risparmio totale di costi variabili Nel caso della Help spa è evidente che sulle variazioni di costo primo hanno inciso soprattutto lo scostamento nei rendimenti verificatesi rispetto a quelli preventivati in sede di inizio attività, ad esempio per una certa difficoltà della società a reperire consulenti, pertanto l azienda può aver fatto maggior ricorso al personale interno con conseguente aumento dei costi e quindi riduzione del reddito operativo. La stessa analisi viene anche effettuata per i ricavi : dal confronto tra i ricavi programmati e quelli effettivi si possono analizzare le problematiche connesse con le strategie di promozione aziendale. Consideriamo ora gli scostamenti dei ricavi; i ricavi programmati sono: Vendite programmate Prezzo unitario Ricavi programmati Ricavi effettivi ( x 4700) Ricavi programmati ( x 4700) Scostamento globale positivo

7 Scostamento di prezzo Prezzo effettivo Prezzo Variazione Volume effettivo Scostamento Pe programmato Pp Ve (Pe - Pp) x Ve Scostamento di volumi Vendite effettive Vendite Variazione Prezzo Scostamento Ve preventivate Vp preventivato Pp (Ve Vp) x Pp Scostamento di prezzo Scostamento di volume Variazione positiva La variazione positiva dei ricavi è dovuta all aumento dei prezzi dei servizi sul mercato (+ 9940); tale aumento compensa in modo adeguato le diminuzioni dei ricavi dovute alla riduzione di 300 unità di servizi offerti alla clientela. Concludendo, l azienda, essendo innovativa sul mercato, ha conseguito ricavi maggiori di quelli preventivati. Quindi la diminuzione del reddito operativo del 5% rispetto a quello programmato è da imputare a un aggravio dei costi del personale: la Help spa, se vuole raggiungere gli obiettivi fissati, deve necessariamente ricercare e contattare professionisti ben preparati per rispondere alle richieste della clientela nonché ottimizzare l attività svolta dai propri dipendenti. Anticipo su fatture La nostra società non riesce a correlare la riscossione dei crediti con il pagamento dei debiti di fornitura, quindi evidenzia un fabbisogno finanziario di breve periodo; la Help spa, per risolvere tale problema, decide di ricorrere a un finanziamento bancario. Ottiene un fido bancario utilizzabile mediante anticipo su fatture. La traccia richiede la rilevazione in PD sul giornale, sia della Help spa sia della banca finanziatrice (Banca Nazionale del Lavoro), di un anticipo su fatture per un totale di lire 82 milioni (si tratta di due fatture entrambe scadenti il rispettivamente di lire e lire ; quest ultima, alla scadenza, risulta insoluta); la banca anticipa immediatamente in data 29/09 - il 70% del valore del credito. A fine trimestre si liquidano gli interessi a carico della Help spa per lire

8 Rilevazioni in PD sul giornale della Help spa 29/09 29/09 31/12 31/ BNL C/C BNL C/ANTICIPI SU FATTURE BNL C/ANTICIPI SU FATTURE CREDITI V/CLIENTI BNL C/ANTICIPI SU FATTURE BNL C/C CREDITI INSOLUTI CREDITI V/CLIENTI BNL C/C BNL C/ANTICIPI SU FATTURE INTERESSI PASSIVI BANCARI BNL C/C Accreditato anticipo 70% Anticipo 70% Buon fine fattura Saldo fattura Mancato buon fine fatt Fattura insoluta Fattura insoluta Giro a crediti insoluti Gira saldo da anticipi Giro saldo a c/c Interessi trimestrali Addebito c/c Anticipo x 70% Anticipo x 70% Accreditamento in c/c ordinario Rilevazioni in PD sul giornale della banca finanziatrice 29/09 29/09 31/12 31/ ANTICIPI SU FATTURE C/C DI CORRISPONDENZA C/C DI CORRISPONDENZA ANTICIPI SU FATTURE Finanziamento Help Accredito finanziamento Bonifico fatture riscosse Bonifico fatture riscosse Giro eccedenza a c/c.... ANTICIPI SU FATTURE C/C DI CORRISPONDENZA Saldo fatture cedute C/C DI CORRISPONDENZA Addebito fattura ANTICIPI SU FATTURE insoluta Addebito fattura insoluta C/C DI CORRISPONDENZA Addebito interessi INTERESSI ATTIVI SU Addebito interessi.. ANTICIPI La traccia proposta per la maturità richiede delle scelte ben motivate del candidato che deve comunque esprimere delle scelte di tipo personale. Il candidato deve ipotizzare la creazione di un azienda di servizi operante in un settore innovativo (ad esempio nel settore informatico, della consulenza, nel campo telematico) e deve quindi

9 produrre una relazione da presentare ai possibili finanziatori che li convinca ad investire nella nuova impresa. La relazione, in forma libera, deve però contenere indicazioni precise in merito ai seguenti punti: Il tipo di servizio che si vuole proporre alla clientela e il settore in cui si vuole operare: nel nostro esempio ipotizziamo un azienda operante nel settore dell assistenza contabile di tipo informatico da offrire alle aziende medio grandi presenti sul territorio; si deve pertanto valutare la realtà geografica e produttiva circostante, la tipologia delle aziende presenti sul territorio, il tipo di attività da esse svolto, l ubicazione delle stesse, la loro struttura (ad esempio se sono aziende divise o indivise); Le motivazioni che spingono alla costituzione delle nuova azienda ad esempio nel nostro caso potrebbe essere la mancanza sul territorio di un azienda in grado di fornire servizi informatici finalizzati alla tenuta della contabilità con personale altamente specializzato in grado di risolvere i problemi contabili, fiscali, organizzativi delle aziende localizzate nel territorio. La relazione deve contenere motivazioni tali da spingere i soci promotori ad investire nella nuova azienda di servizi, deve quindi individuare sicuri motivi che la rendano vincente sul mercato (ed esempio non ci sono aziende di tale tipo, l azienda sarà fortemente specializzata, il personale sarà in grado di rispondere a tutte le esigenze della clientela); La scelta della forma aziendale: la traccia indica la presenza di soci promotori che dispongono di un capitale complessivo di lire 200 milioni; la nuova azienda quindi potrebbe strutturarsi in Spa (il capitale è sufficiente secondo la norma civilistica); inoltre la spa, avendo personalità giuridica propria, consente la limitazione della responsabilità dei soci alle quota di capitale sottoscritta. La spa inoltre, a differenza di tutte le altre società, può finanziare la propria attività anche attraverso l emissione di prestiti obbligazionari: nel nostro caso chiameremo la nuova società di servizi Help spa formata da n azioni del valore nominale di lire 1000; La struttura della nuova azienda: essendo di tipo innovativo, dovrà avere una struttura molto elastica, con personale specializzato; si può anche ipotizzare la presenza sia di personale dipendente sia di consulenti esterni con conseguente limitazione dei costi fissi e quindi maggior possibilità di conseguire un reddito legato al volume di affari realizzabile; Alla relazione si devono poi allegare dei documenti da redigere in forma di prospetto (in forma libera in quanto sono documenti non previsti dalla normativa ma che sono di supporto alla scelta dei soci promotori): Il primo prospetto deve contenere la contrapposizione tra gli investimenti (nel caso della Help spa ci sono immobilizzazioni materiali quali fabbricati da adibire ad uffici, attrezzature e mobili d ufficio per allestimento dei locali dell azienda e immobilizzazioni immateriali quali licenze per i programmi di informatica, concessioni e diritti similari, spese di ricerca per meglio rispondere alle future richieste della clientela, costi di pubblicità e marketing per far conoscere la Help spa sul territorio, costi d impianto per le spese sostenute per la costituzione della nuova azienda) e le fonti di finanziamento (divise tra mezzi propri ossia il capitale sociale sottoscritto dai soci e i finanziamenti esterni soprattutto a medio lungo termine in quanto necessari a coprire il fabbisogno per investimenti nel capitale immobilizzato; nel caso della Help spa si ipotizzano mutui ipotecari e sovvenzioni a medio termine, non pare realizzabile l emissione di un prestito obbligazionario in quanto l azienda non è ancora conosciuta sul territorio e appare difficile il finanziamento diretto sul mercato stesso). Il secondo prospetto deve indicare il reddito che si presume di conseguire nei periodi successivi; non si tratta di un vero e proprio budget in quanto la società non è ancora sorta; anche qui si può pensare ad un prospetto a sezioni contrapposte in cui si elencano distintamente i costi prevedibili (per il personale, per acquisti di materiali sussidiari, manutenzioni e riparazioni, ammortamento su immobilizzazioni materiali ed immateriali, canoni leasing, interessi sui finanziamenti esterni, compensi a collaboratori esterni) e i ricavi conseguibili ( canoni pagati dalla clientela sulle prestazioni offerte dalla Help spa, cessioni per eventuali licenze ottenute in economia). PARTE SECONDA La seconda parte prevede la possibilità per il candidato di scegliere uno dei seguenti punti: 1. Facendo sempre riferimento alla società di servizi la Help spa si deve predisporre un bilancio in forma abbreviata relativamente al primo esercizio di funzionamento della spa tenendo conto che la traccia indica un ROI rapporto tra reddito operativo quindi il reddito generato dalla gestione caratteristica e il totale dell investimento ossia l attivo lordo del 6%; la

10 definizione del bilancio in forma abbreviata è semplice: per lo Stato Patrimoniale, partendo dal prospetto degli investimenti, si aggiungono le voci dell attivo circolante ossia i crediti verso la clientela e i fondi liquidi e si ottiene il totale attivo, per il passivo alle fonti interne - patrimonio netto - si aggiungono quelle esterne già evidenziate nel prospetto sopracitato, quindi si indicano alcune passività a breve quali i debiti per imposte, fornitori, ratei e risconti. Per la stesura del Conto Economico si partirà dal ROI, da esso si ricava il reddito operativo e quindi il valore della produzione e il costo della produzione (essendo il reddito operativo la differenza della gestione caratteristica); il reddito operativo viene poi rettificato dal risultato della gestione finanziaria; si ottiene quindi il reddito al lordo delle imposte; da quest ultimo, detraendo le imposte dell esercizio pari al 45% ca. del reddito lordo si determina il reddito di esercizio; 2. Nel secondo caso si presume che il primo esercizio della Help spa si chiuda con un reddito inferiore del 5% rispetto a quello previsto ( come da schema di determinazione del reddito previsto nella prima parte) : la società deve quindi inviare ai soci una breve relazione in forma libera che motivi le cause che hanno determinato tale scostamento tra reddito conseguito e reddito previsto; le cause di scostamento possono derivare da una errata valutazione dei ricavi ( numero di clienti inferiore rispetto a quello preventivato, nascita sul territorio in cui è collocata la società di servizi di una concorrente, acquisita capacità per le aziende clienti di crearsi in autonomia una propria rete di informatica) e/o dei costi (eccessivo costo delle licenze, elevata incidenza dei costi per il personale, degli ammortamenti e degli oneri di finanziamento). 3. La nostra società non riesce a correlare la riscossione dei crediti con il pagamento dei debiti, quindi evidenzia un fabbisogno finanziario di breve periodo; la Help spa, per risolvere tale problema, decide di ricorrere al prestito bancario. Dopo aver ottenuto l apertura di un fido bancario, utilizza il credito ottenuto mediante anticipo su fatture. La traccia richiede la doppia rilevazione sul giornale della Help spa e su quello della banca finanziatrice di un anticipo su fatture per un totale di 82 milioni; si ipotizza che la banca anticipi immediatamente il 70% del valore del credito nel nostro caso lire che vengono accreditate sul c/c bancario della società. Alla scadenza si può ipotizzare che una fattura di 15 milioni (per la quale era stato accreditato il 70% pari a lire ) risulti insoluta; la banca allora addebiterà il c/c della Help spa per e lo accrediterà per la differenza della fatture riscosse lire (dato da x 30%)-; a fine trimestre poi liquiderà addebitando il c/c del cliente gli interessi a carico della Help spa.

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA Anno 2000 Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il candidato sta esaminando, con alcuni amici neo-diplomati, la possibilità di iniziare un attività imprenditoriale in

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale 2006

Commento al tema di Economia aziendale 2006 Commento al tema di Economia aziendale 2006 Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici Commerciali è incentrato sulla gestione finanziaria dell impresa ed è articolato in

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

CORSO SPERIMENTALE - Progetto "BROCCA"

CORSO SPERIMENTALE - Progetto BROCCA ITC CORSO SPERIMENTALE - Progetto "BROCCA" Anno 24 Tema di: ECONOMIA AZIENDALE La contabilità generale si fonda sul quadro dei conti e sulle note illustrative che spiegano il loro funzionamento. Il candidato

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sul controllo di gestione ed è articolato in una parte obbligatoria e tre

Dettagli

MATURITÀ TECNICA COMMERCIALE SPERIMENTALE PROGETTO IGEA Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE

MATURITÀ TECNICA COMMERCIALE SPERIMENTALE PROGETTO IGEA Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE MATURITÀ TECNICA COMMERCIALE SPERIMENTALE PROGETTO IGEA Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il tema proposto per la maturità tecnico commerciale sperimentale IGEA risulta

Dettagli

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf Temi in preparazione alla maturità Analisi di bilancio, bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, decisioni aziendali, portafoglio sbf di Rossana MANELLI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIA:

Dettagli

ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE

ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Sessione ordinaria 2006 Seconda prova scritta ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE La funzione finanza

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

Svolgimento Tema di Economia d azienda

Svolgimento Tema di Economia d azienda Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 10 Esame di Stato 2015 Indirizzi: Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Linguistico Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Informatico Svolgimento

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano

AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21 Registro delle Imprese di Milano Codice fiscale e numero di iscrizione 12237260158 Numero di iscrizione all Albo

Dettagli

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA IL TRATTAMENTO CONTINUATIVO E SISTEMATICO DEL FLUSSO INFORMATIVO CONSENTE L

Dettagli

Attivo anno n+1 anno n Passivo anno n+1 anno n A) Crediti verso i soci per versamenti ancora dovuti. - - A) Patrimonio netto

Attivo anno n+1 anno n Passivo anno n+1 anno n A) Crediti verso i soci per versamenti ancora dovuti. - - A) Patrimonio netto ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Analisi di bilancio per indici di Lucia BARALE Materie: Economia aziendale (Classe 5 a IGEA) La verifica consente di valutare le conoscenze e le abilità acquisite dagli studenti sulla

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

Elaborazione del bilancio d esercizio

Elaborazione del bilancio d esercizio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 7 Elaborazione del bilancio d esercizio Antonia Mente COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica

Dettagli

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO L Alba Spa è società svolgente attività industriale e al 31/12/n prima di procedere alle scritture di assestamento di bilancio presenta le seguenti situazioni contabili:

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING Temi in preparazione alla maturità ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Materie: Economia aziendale (Classe 5 a Istituto Tecnico e Istituto

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca YMER - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO SPERIMENTALE Progetti MERCURIO e SIRIO

Dettagli

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 Bilancio 2014 Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 AITR ASSOCIAZIONE ITALIANA TURISMO RESPONSABILE Codice fiscale 97219890155 Partita iva 08693820964 VIA TOMMASO DA CAZZANIGA SNC - 20144

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario OIC 10 Parma, 1 Ottobre 2014 1 Indice 1. Finalità del principio 3 2. Ambito di applicazione 4 3. Definizioni 5 4. Contenuto e struttura 6 5. Classificazione

Dettagli

Modello e Teoria del Bilancio di Esercizio ALLOCAZIONE DI VALORI NEGLI SCHEMI DI BILANCIO. Normativa italiana

Modello e Teoria del Bilancio di Esercizio ALLOCAZIONE DI VALORI NEGLI SCHEMI DI BILANCIO. Normativa italiana ALLOCAZIONE DI VALORI NEGLI SCHEMI DI BILANCIO Normativa italiana 1. Allocazione di valori nello Stato patrimoniale Si proceda all individuazione delle poste di Stato patrimoniale nelle quali trovano iscrizione

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2013 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale MODULO PER LA VALUTAZIONE DELLE IMPRESE DI RECENTE COSTITUZIONE PER FINANZIAMENTI DI IMPORTO SUPERIORE A 50.000,00 EURO (importi in migliaia di Euro) Immobilizzazioni Rimanenze Disponibilità Bilanci previsionali

Dettagli

TRACCIA A ESERCIZIO 1

TRACCIA A ESERCIZIO 1 TRACCIA A ESERCIZIO 1 Nel corso del 2009 la ditta individuale Verdi ha effettuato, tra le altre, le operazioni di gestione di seguito riportate. Presentare le scritture a libro giornale (gestione e assestamenti;

Dettagli

Adelante Dolmen società cooperativa sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano

Adelante Dolmen società cooperativa sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano Adelante Dolmen società cooperativa sociale Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21 Registro delle Imprese di Milano Codice fiscale e numero di iscrizione 12237260158 Numero di iscrizione all Albo delle

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività:

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività: Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sulla scomposizione del reddito di esercizio nei risultati parziali generati

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico Economico Aziendale) è incentrato

Dettagli

Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Copyright 2015 - McGraw-Hill Education (Italy) srl PIANO DEI CONTI

Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Copyright 2015 - McGraw-Hill Education (Italy) srl PIANO DEI CONTI PIANO DEI CONTI 1. COMPONENTI POSITIVE DI REDDITO 1.1. Ricavi di vendita 1.1.1. Prodotti c/vendite 1.1.2. Merci c/vendite 1.1.3. Servizi c/vendite 1.1.4. Prodotti c/vendite estero 1.1.5. Merci c/vendite

Dettagli

PATRIMONIALIZZAZIONE DEI COSTI, BILANCIO CON DATI A SCELTA, INDICI DI BILANCIO, PROSPETTI DELLA NOTA INTEGRATIVA, ANTICIPO SU FATTURE

PATRIMONIALIZZAZIONE DEI COSTI, BILANCIO CON DATI A SCELTA, INDICI DI BILANCIO, PROSPETTI DELLA NOTA INTEGRATIVA, ANTICIPO SU FATTURE Tema d esame PATRIMONIALIZZAZIONE DEI COSTI, BILANCIO CON DATI A SCELTA, INDICI DI BILANCIO, PROSPETTI DELLA NOTA INTEGRATIVA, ANTICIPO SU FATTURE di Stefano RASCIONI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI

Dettagli

IL BILANCIO DI ESERCIZIO

IL BILANCIO DI ESERCIZIO IL BILANCIO DI ESERCIZIO Mette in evidenza il risultato della gestione annuale e deriva dal sistema contabile il cui scopo è la registrazione di tutti i fatti gestionali che hanno effetti sulle variazioni

Dettagli

SVOLGIMENTO TIPOLOGIA C

SVOLGIMENTO TIPOLOGIA C SVOLGIMENTO Una società per azioni che produce mobili in legno al termine dell esercizio n presenta una situazione di difficoltà: L esercizio si è chiuso con una perdita di 300.000 euro che ha portato

Dettagli

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE Business Plan (PIANO DI IMPRESA) DELL IMPRESA CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE PAGE \*Arabic 1 PARTE DESCRITTIVA Parte generale a a descrizione dell impresa: - denominazione - forma giuridica

Dettagli

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 5 Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Walter Roverelli Sulla base del seguente bilancio di verifica al 31/12/n, redatto

Dettagli

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 10 Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Antonia Mente COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Interpretare i sistemi aziendali nei loro

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

Parte a trattazione obbligatoria

Parte a trattazione obbligatoria Esame di Stato anno scolastico 2004/2005 Indirizzo: Giuridico Economico Aziendale (IGEA) Tema di: Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a UNITÀ B La gestione e i suoi risultati: il patrimonio e il reddito Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a La gestione delle aziende di produzione: settori e profili di analisi Documento Esercizi Operazioni

Dettagli

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale.

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Capitolo 11 Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini Esercizio 1 Una Società, il 31-12-2 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Terreni Immobilizzazioni tecniche Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze

Traccia n. 1. Prospetto dei conti al 31 dicembre. Eccedenze Traccia n. 1 1. Il Candidato compili la Situazione Contabile dell impresa «Omega SpA», tenendo conto che il prospetto contabile di seguito presentato è stato redatto dopo la prima e la seconda fase dell

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo Partendo dal bilancio di verifica della società TWENTY SpA si effettui un analisi delle tre dimensioni della: - Liquidità - Solidità - Redditività STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 24 Analisi per flussi: il rendiconto finanziario Conoscenza: componenti di reddito monetari e componenti di reddito non monetari; flussi corrispondenti

Dettagli

Bilancio di esercizio

Bilancio di esercizio Barbara Scozzi bscozzi@poliba.it Contabilità direzionale Strumenti tecnico-contabili di supporto a rilevazione, organizzazione e interpretazione delle informazioni economico-finanziarie Budget Contabilità

Dettagli

FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE

FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE P.O.R. ABRUZZO Ob. 3 2000-2006 ALLEGATO PER LL.RR. 143/95 E 96/97 136/96-55/98 ANNUALITA MISURA / AZIONE (*) L.R. ART. (*) - Azione D3.1 per le LL.RR. 136/96 e 55/98

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE ATTIVO A) CREDITI V/S SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI B) IMMOBILIZZAZIONI C) ATTIVO CIRCOLANTE D) RATEI E RISCONTI PASSIVO A) PATRIMONIO NETTO B) FONDI PER RISCHI

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A.

ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A. ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A. A cura di A.N.I.N.S.E.I. www.aninsei.it Soluzione a cura dei proff. Biscontin Franco e Carnio

Dettagli

ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2005 UNIVERSITA di FERRARA

ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2005 UNIVERSITA di FERRARA ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2005 UNIVERSITA di FERRARA Svolgimento della prima prova scritta I temi scelti dalla Commissione

Dettagli

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2009 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

SECONDO AGGIORNAMENTO DEL PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015

SECONDO AGGIORNAMENTO DEL PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015 SECONDO AGGIORNAMENTO DEL PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015 Il Preventivo Economico 2015, approvato dal Consiglio con delibera n.13 del 16/12/2014, è stato redatto secondo le indicazioni dettate

Dettagli

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 11 Scritture di gestione; scritture di assestamento, epilogo, chiusura; Situazione contabile finale; bilancio d esercizio Conoscenza: natura

Dettagli

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014 COLFERT S.P.A. Sede legale: VIA DEI MILLE N. 32 - FRESCADA PREGANZIOL (TV) Iscritta al Registro Imprese di TREVISO C.F. e numero iscrizione: 00401460266 Iscritta al R.E.A. di TREVISO n. 120644 Capitale

Dettagli

Il bilancio d esercizio

Il bilancio d esercizio ESAME DI STATO 2005 - TEMA DI ECONOMIA AZIENDALE - INDIRIZZO IGEA di Monica Ceccherelli Il bilancio d esercizio Il bilancio d esercizio è il principale documento di sintesi redatto per dare informazioni

Dettagli

CE.VAL,CO. Spa in liquidazione Via della Fiera 3 Venturina R.E.A. n. 84406 R.I. n. 00899140495

CE.VAL,CO. Spa in liquidazione Via della Fiera 3 Venturina R.E.A. n. 84406 R.I. n. 00899140495 1 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 Signori Soci, ricordo che in data 24.12.2009 la società è stata posta in liquidazione. La fase liquidatoria si sta prolungando oltre le previsioni

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2013/2014 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2013/2014 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2013/2014 Svolgimento Tema di Economia aziendale La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo Giuridico Economico Aziendale è focalizzata

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

Riclassificazione del bilancio e analisi con indici

Riclassificazione del bilancio e analisi con indici Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 23 Riclassificazione del bilancio e analisi con indici Risultati attesi Saper fare: riclassificare lo Stato patrimoniale e il Conto economico;

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL Sede in VIA PALLODOLA 23 SARZANA Codice Fiscale 00148620115 - Numero Rea P.I.: 00148620115 Capitale Sociale Euro 844.650 Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono

Dettagli

Allegato D CONCEDENTE

Allegato D CONCEDENTE Allegato D CONCEDENTE FinBard S.p.a. Loc. Grand Chemin, 34 11020 - Saint-Christophe(AO) Telefono: +39.0165.230053 - Fax: +39.0165.236214 finbard@netvallee.it www.infobard.it OGGETTO: CONCESSIONI-CONTRATTO

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali Professore a contratto Dottore di ricerca in Economia Aziendale

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE Edmondo De Amicis Via C. Parenzo 16 ROVIGO Tel. 0425-21240 Fax 0425-422820 E-mail segreteria@itcrovigo.it Web www.itcrovigo.it C.F. 93028770290 C.M. ROIS008009

Dettagli

RICHIESTA DI ADESIONE AL CIRCUITO DI CREDITO COMMERCIALE in Moneta Complementare VENEX

RICHIESTA DI ADESIONE AL CIRCUITO DI CREDITO COMMERCIALE in Moneta Complementare VENEX RICHIESTA DI ADESIONE AL CIRCUITO DI CREDITO COMMERCIALE in Moneta Complementare VENEX Al Comitato Promotore di VEN-EXCHANGE Via Niccolò Tommaseo, 69 35131 - Padova (PD) Il sottoscritto nato a residente

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 -

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 40 ) Operazioni relative alla S.p.A.:

Dettagli

Esercitazione sul bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio

Esercitazione sul bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio Esercitazione sul bilancio Vedere sussidio didattico sul bilancio LA SOCIETA ALFA FASI costituzione dell azienda; gestione dell azienda; determinazione dei risultati. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONCETTI

Dettagli

ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI

ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI ESERCITAZIONE N. 2 - ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI Dott.ssa Carlotta del Sordo Corso di Economia Aziendale CLEGA Facoltà di Economia di Forlì Università degli Studi

Dettagli

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

ALFA SPA. Bilancio al 2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro ALFA SPA Sede in Via Medicei 123 - MILANO (MI) 20100 Codice Fiscale 01234567890 - Rea CCIAA 211471 P.I.: 01234567890 Capitale Sociale Euro 101.400 i.v. Forma giuridica: Soc.a responsabilita' limitata A

Dettagli

LIQUIDITA' Nome del conto Natura Classificazione

LIQUIDITA' Nome del conto Natura Classificazione Impresa individuale esercente attività mercantile Piano dei conti e prospetto di raccordo LIQUIDITA' Nome del conto Natura Classificazione P Banche c.c Fondi liquidi Attivo P c.c. postali Fondi liquidi

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 20 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 F. Scritture relative all

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata. Esercitazione: La riclassificazione dei prospetti di bilancio

Ragioneria Generale e Applicata. Esercitazione: La riclassificazione dei prospetti di bilancio Esercitazione: La riclassificazione dei prospetti di bilancio 1 Parte I La riclassificazione dello Stato Patrimoniale Si proceda a collocare le voci sotto elencate riprese dal bilancio di esercizio 2009

Dettagli

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO ALLEGATO 5 - Pag. 1 di 9 Per le imprese di nuova costituzione (ovvero quelle costituite o che hanno avviato la propria attività non oltre tre anni prima della richiesta di ammissione al Fondo di Garanzia

Dettagli

Analisi di bilancio per indici

Analisi di bilancio per indici Analisi di bilancio per indici Al 31/12/n la Carrubba spa, svolgente attività industriale, presenta la seguente situazione contabile finale: SITUAZIONE PATRIMONIALE Software 20.000,00 Fondo ammortamento

Dettagli

COMPITO A Candidato matricola.

COMPITO A Candidato matricola. COMPITO A Candidato matricola. Si risponda sinteticamente alle seguenti domande e si risolva ordinatamente il punto 8. 1 a domanda Definire il concetto di soggetto giuridico con riferimento alle varie

Dettagli

ATTIVO: A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti, con separata indicazione della parte già richiamata.

ATTIVO: A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti, con separata indicazione della parte già richiamata. ATTIVO: A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti, con separata indicazione della parte già richiamata. B) Immobilizzazioni, con separata indicazione di quelle concesse in locazione finanziaria:

Dettagli

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio 1 di 6 La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio Come possono essere classificate le operazioni di gestione? La gestione aziendale è l insieme coordinato di operazioni attraverso le quali l impresa

Dettagli

Esercitazione sul bilancio

Esercitazione sul bilancio Esercitazione sul bilancio 03 2012-2013 Vedere sussidio didattico sul bilancio LA SOCIETA ALFA FASI costituzione dell azienda; gestione dell azienda; determinazione dei risultati. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO

BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO I.R.P.E.T. Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO 2015 2 INDICE Conto economico preventivo annuale Proiezione triennale del Conto economico preventivo

Dettagli

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426)

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) 22 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ACQUISTO DI UNA IMMOBILIZZAZIONE MATERIALE DA TERZI CON ACCONTO AL FORNITORE (punto 1, art. 2426) Si faccia l esempio dell

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

In data 27 maggio 20.. Viene costituita la snc ABCD il cui capitale viene così sottoscritto:

In data 27 maggio 20.. Viene costituita la snc ABCD il cui capitale viene così sottoscritto: Costituzione di una s.n.c In data 27 maggio 20.. Viene costituita la snc ABCD il cui capitale viene così sottoscritto: SOCIO A 120.000 SOCIO B 80.000 SOCIO C 200.000 SOCIO D 140.000 Il socio A (quota 120.000)

Dettagli

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE TITOLO I DOCUMENTI CONTABILI E GESTIONE DEL BILANCIO Articolo 1 Contabilità economico-patrimoniale L Ente Parco adotta, quale sistema di rilevazione dei

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5 focus modulo 4 lezione 50 La gestione finanziaria La correlazione tra investimenti e finanziamenti L analisi dei flussi finanziari 1. I flussi finanziari I flussi finanziari che hanno origine dall attività

Dettagli

Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento

Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento PERCORSO B IMPRESE BANCARIE Conto economico: commento delle voci e calcolo di risultati intermedi Il percorso B, relativo alle imprese bancarie,

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LA DEI CONTI E LA FORMAZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO 1 IL PROCESSO DI RILEVAZIONE CONTABILE RILEVAZIONE DELLE OPERAZIONI DI GESTIONE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO DEI CONTI

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario.

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario. Il processo di formulazione del budget dell impresa si conclude con il consolidamento dei singoli budget settoriali in un unico bilancio previsionale (MASTER BUDGET), che si compone dei seguenti documenti

Dettagli

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE Sede in TORRE EUROPA - VIA ANNOVAZZI, 00053 CIVITAVECCHIA (RM) Codice Fiscale 03908900586 - Numero Rea RM 911152 P.I.: 01259061008 Capitale Sociale Euro - i.v. Forma

Dettagli