I CRITERI PER LA DIMOSTRAZIONE DELLA PATOLOGIA E LA SUA CORRELAZIONE AL LAVORO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I CRITERI PER LA DIMOSTRAZIONE DELLA PATOLOGIA E LA SUA CORRELAZIONE AL LAVORO"

Transcript

1 I CRITERI PER LA DIMOSTRAZIONE DELLA PATOLOGIA E LA SUA CORRELAZIONE AL LAVORO Dott.ssa Simona Codazzi Psicologa Esperta in Psicologia Giuridica Padova, 4 dicembre 2012

2 Mobbing e risarcimento Chiunque si senta per qualsivoglia ragione emarginato, privato di incarichi o riconoscimenti di prestigio, a prescindere dalle proprie capacità o rendimento, si ritiene mobbizzato, e per tale motivo ha pretese risarcitorie.

3 MOBBING:COSA E! Il mobbing costituisce un fenomeno di natura relazionale e comunicativa, piuttosto che una particolare forma di psicopatologia.

4 Legislazione: L onere della prova risulta essere a carico del ricorrente: sia per la sussistenza della patologia stessa sia per la sua correlazione con l attività lavorativa.

5 L accertamento del mobbing e della sussistenza del danno da mobbing consiste: 1) accertare che vi sia stato effettivamente mobbing nei confronti di un soggetto. 2) dimostrare il nesso di causalità fra le eventuali patologie riportate e le azioni mobbizzanti subite/la situazione stressante sperimentata sul lavoro (necessità della PERIZIA). 3) qualora fosse dimostrato il nesso causale tra fattori di rischio e patologia sviluppata si potrà parlare di patologia professionale. 4) valutazione del danno biologico definendo quale sia la capacità lavorativa residua del malato.

6 La valutazione del danno da mobbing prevede: 1. Analisi documentazione di interesse clinico; 2. Colloquio clinico finalizzato a: Valutazione delle singole funzioni psichiche del soggetto (attenzione, memoria, percezione, pensiero, affettività, volontà e capacità di giudizio) Accertamento relativo alla presenza o assenza di eventuali psicopatologie preesistenti alla vicenda di mobbing Raccolta delle informazioni relative alla vita, le abilità sociali, il livello di integrazione preesistente alle vessazioni in ambito lavorativo Analisi del momento e del tipo di cambiamento intervenuto 3. Test psicodiagnostici; 4. Diagnosi psicopatologica; 5. Stima dei riflessi negativi della vicenda di mobbing sullo stile di vita del soggetto e la specificazione delle abilità sociali compromesse (gestione familiare, ménage coniugale, sfera sociale); 6. Formulazione di un giudizio prognostico a breve e medio termine; 7. Quantificazione del danno.

7 Criteri per Mobbing Continuità nel tempo: almeno 1 volta a settimana per almeno 6 mesi continuativi (criterio della persistenza e sistematicità) Attacchi a: - Comunicazione - Relazioni sociali - Immagine sociale - Situazione professionale - Salute

8 Circolare INAIL 71/2003: Le situazioni di costrittività organizzativa (fattori di rischio) più frequenti individuate sono: marginalizzazione dell attività lavorativa; svuotamento delle mansioni; mancata assegnazione di compiti lavorativi con inattività forzata; mancata assegnazione degli strumenti di lavoro; ripetuti trasferimenti ingiustificati; prolungata attribuzione di compiti dequalificanti rispetto al profilo professionale posseduto;

9 Circolare INAIL 71/2003: Le situazioni di costrittività organizzativa (fattori di rischio) più frequenti individuate sono: prolungata attribuzione di compiti esorbitanti o eccessivi anche in relazione a eventuali condizioni di handicap psico-fisici; impedimento sistematico e strutturale all accesso a notizie; inadeguatezza strutturale e sistematica delle informazioni inerenti all ordinaria attività di lavoro; esclusione reiterata del lavoratore rispetto ad iniziative formative, di riqualificazione ed aggiornamento personale; esercizio esasperato ed eccessivo di forme di controllo.

10 Circolare INAIL 71/2003: Sono invece esclusi dal rischio tutelato: i fattori organizzativo-gestionali legati al normale svolgimento del rapporto di lavoro (nuova assegnazione, trasferimento, licenziamento); le situazioni indotte dalle dinamiche psicologico-relazionali comuni sia agli ambienti di lavoro che a quelli di vita (conflittualità interpersonali, difficoltà relazionali etc.)

11 1. ACCERTARE IL MOBBING Il modello a sei fasi - Harald Ege, La pre-fase. È chiamata la condizione zero. È il normale conflitto fisiologico, generalizzato, presenti in tutti gli ambienti di lavoro. Non può essere considerato mobbing perché non c è la volontà di distruggere l altro, ma solo quella di elevarsi sugli altri. Si caratterizza di diverbi di opinioni, discussioni, piccole ripicche e accuse. La prima fase. È caratterizzata da un conflitto mirato; in questo stadio si individua una vittima e si dirige la conflittualità generale. Il conflitto diventa specifico e ha come obiettivo quello di distruggere l altro. La seconda fase. Rappresenta l inizio del mobbing e del terrore psicologico, il conflitto quotidiano diventa continuativo e si trasforma in mobbing. In questa fase i due attori, la vittima e l autore delle vessazioni, esaltano le loro divergenze. I conflitti creano alla vittima una sensazione di disagio e fastidio.

12 1. ACCERTARE IL MOBBING La terza fase. È costituita dai primi sintomi psicosomatici. La vittima comincia a manifestare dei problemi psichici e fisici. La quarta fase. Si caratterizza dagli errori e dagli abusi dell amministrazione del personale. Questa fase è legata al manifestarsi dei problemi psicofisici della vittima poiché questi ultimi costringono i lavoratori ad assentarsi frequentemente per malattia. Tali comportamenti insospettiscono i vertici aziendali che giudicano le frequenti assenze, fornendo giudizi superficiali, come comportamenti estremamente negativi. La vittima inizia ad essere stigmatizzata, isolata. La quinta fase. La salute psicofisica della vittima si aggrava. La sesta fase. Rappresenta l esclusione dal modo del lavoro. Esasperata dalle continue vessazioni, la vittima lascia il posto di lavoro. Ci sono diversi modi che un azienda adotta per escludere un soggetto produttivo: il licenziamento, la liquidazione, il prepensionamento, il trasferimento.

13 1. ACCERTARE IL MOBBING Si riscontrano tre diversi tipi di esclusione dal mondo produttivo: - le dimissioni da parte del lavoratore; - il licenziamento da parte del datore di lavoro; - il licenziamento a seguito di accordi da entrambe le parti. In questo ultimo caso l azienda offre al lavoratore una buona uscita che può avvenire attraverso la incentivazione, il prepensionamento, il trasferimento.

14 Le conseguenze psicologiche Interessa l intero organismo, con sintomi psichici e psicosomatici: disagio profondo, ansia, depressione, disistima, panico, paura di affrontare la giornata, vuoti di memoria, vertigini, perdita di identità, pensieri autolesionistici e/o suicidi, irritabilità, insonnia improvvisa, incubi, cefalea, dermatosi, perdita capelli, gastriti, ulcera, impotenza sessuale, tachicardia,

15 Patologie psichiche: Le patologie riconosciute come possibile conseguenza di costrittività organizzativa sui luoghi di lavoro sono: Il disturbo dell adattamento cronico il disturbo d ansia generalizzato Il disturbo post traumatico da stress cronico.

16 Occorre inoltre escludere ai fini della diagnosi differenziale la presenza di: sindromi e disturbi psichici riconducibili a patologie d organo, all abuso di farmaci e all uso di sostanze stupefacenti; sindromi psicotiche di natura schizofrenica, sindrome affettiva bipolare, maniacale, gravi disturbi della personalità.

17 Il danno biologico Consiste nella menomazione, temporanea o permanente, all integrità psico-fisica della persona, comprensiva degli aspetti soggettivi dinamicorelazionali, passibile di accertamento e valutazione medico-legale ed indipendente da ogni riferimento alla capacità di produrre reddito,

18 Il danno psichico Il danno psichico è un danno alla salute, inteso quale menomazione psichica in conseguenza a fatto illecito di terzi, consistente nella turbativa dell equilibrio mentale determinante una modificazione della salute psichica, con alterazioni, temporanee o permanenti, delle funzioni psichiche.

19 Le conseguenze sociali La persistenza dei disturbi psicofisici porta ad assenze dal lavoro sempre più prolungate, con "sindrome da rientro al lavoro" sempre più accentuata, fino alle dimissioni o al licenziamento. La perdita dell autostima e del ruolo sociale comporta insicurezza, difficoltà relazionali e, per le fasce d età più avanzate, l impossibilità di nuovi inserimenti lavorativi. Il soggetto porta all interno dell ambito familiare il proprio stato di grave disagio, e non sono rari i casi di separazioni e divorzi, disturbi nello sviluppo psicofisico dei figli e disturbi nelle relazioni sociali

20 Le conseguenze economiche Lunghi periodi di malattia e continui interventi del servizio del personale, con costi esorbitanti per le aziende, per il soggetto e per la collettività in termini di produttività e investimenti nella formazione, perdita di professionalità e deterioramento della qualità della vita, costi sociali.

21 RIASSUMENDO LE CONSEGUENZE - Sulla persona: patologie organiche e psicopatologiche - Sulla famiglia: conflitti familiari, isolamento sociale - Sul lavoro: aumento degli infortuni, delle assenze per malattia, più errori - Sulla collettività: aumento dei costi sanitari, dei costi previdenziali, dei comportamenti devianti

22 IN CONCLUSIONE: È di fondamentale importanza non confondere il fattore di rischio (azione vessatoria) con la patologia ad esso conseguente (disturbi psichici). Per essere ritenuti affetti da disturbi psichici da costrittività lavorativa non è sufficiente essere vittime di una situazione vessatoria ingiustificata, occorre anche avere sviluppato la patologia conseguente. È quindi necessario tracciare una netta distinzione tra il semplice disagio lavorativo ed i veri e propri fattori patogeni. Il disagio lavorativo è la percezione negativa, puramente soggettiva, che un lavoratore può avere di alcune situazioni presenti sul luogo di lavoro, senza per questo sviluppare patologie suscettibili di inquadramento nosologico.

23 Il rapporto di causalità Fondamentale è la dimostrazione del RAPPORTO DI CAUSALITA esistente tra le cause e le concause, che devono essere cronologicamente, qualitativamente, quantitativamente e modalmente idonee a produrre l effetto dannoso, che sarà analizzato nella sua natura, entità e conseguenze che ha provocato.

24 GRAZIE PER L ATTENZIONE E BUON PROSEGUIMENTO!

Dr.ssa Silvia Testi. Psicologa Psicoterapeuta Iscrizione Ordine Psicologi della Lombardia n. 6774

Dr.ssa Silvia Testi. Psicologa Psicoterapeuta Iscrizione Ordine Psicologi della Lombardia n. 6774 Breve estratto dell intervento: Conseguenze cliniche e psicologiche del mobbing: malattie professionali, conseguenze sul nucleo familiare, ricadute sociali e individuali L intervento si propone un esposizione

Dettagli

Quale vigilanza? Il ruolo degli SPISAL nella prevenzione e nell'accertamento di patologie professionali legate allo stress

Quale vigilanza? Il ruolo degli SPISAL nella prevenzione e nell'accertamento di patologie professionali legate allo stress Quale vigilanza? Il ruolo degli SPISAL nella prevenzione e nell'accertamento di patologie professionali legate allo stress dott. Pierantonio Zanon SPISAL ULSS N. 6 VICENZA 13 maggio 2010 Un salto indietro

Dettagli

Sentenza della Corte Costituzionale n. 179 del 18 febbraio 1988: introduzione del sistema misto di tutela delle malattie professionali.

Sentenza della Corte Costituzionale n. 179 del 18 febbraio 1988: introduzione del sistema misto di tutela delle malattie professionali. Organo: DIREZIONE GENERALE - DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI - SOVRINTENDENZA MEDICA GENERALE Documento: Circolare n. 71 del 17 dicembre 2003(*) Oggetto:Disturbi psichici da costrittività organizzativa

Dettagli

MOBBING e PSICOTERAPIA. Stefano Caracciolo Straordinario di Psicologia Clinica Facoltà di Medicina, UNIFE

MOBBING e PSICOTERAPIA. Stefano Caracciolo Straordinario di Psicologia Clinica Facoltà di Medicina, UNIFE MOBBING e PSICOTERAPIA Stefano Caracciolo Straordinario di Psicologia Clinica Facoltà di Medicina, UNIFE Definizione Dall inglese to mob, attaccare, accerchiare Termine usato per indicare un meccanismo

Dettagli

Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro

Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro Circolare n. 9/09 del 28.settembre.2009* Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro Mobbing nei luoghi di lavoro Nozione. Con l espressione mobbing si intende la sequenza di atti o comportamenti posti

Dettagli

Le patologie psichiche lavoro correlate nella tutela INAIL. Dr. Paolo Bastini Dr. Antonio Polino S.M.R. INAIL Veneto

Le patologie psichiche lavoro correlate nella tutela INAIL. Dr. Paolo Bastini Dr. Antonio Polino S.M.R. INAIL Veneto Le patologie psichiche lavoro correlate nella tutela INAIL Dr. Paolo Bastini Dr. Antonio Polino S.M.R. INAIL Veneto 1 Sentenza Corte Costituzionale 179/1988 Dl.gs 38/2000 (art.10 comma 4) sono malattie

Dettagli

Disagio da lavoro. analisi del fenomeno, azione e prevenzione. Dott.ssa Sabina Sernia Dott.ssa Maddalena Quintili

Disagio da lavoro. analisi del fenomeno, azione e prevenzione. Dott.ssa Sabina Sernia Dott.ssa Maddalena Quintili Disagio da lavoro analisi del fenomeno, azione e prevenzione Dott.ssa Sabina Sernia Obiettivo primario Medicina del Lavoro salvaguardia della salute dei lavoratori, la promozione di un lavoro sicuro e

Dettagli

INDICE. PARTE PRIMA Premesse metodologiche

INDICE. PARTE PRIMA Premesse metodologiche INDICE PARTE PRIMA Premesse metodologiche IL PROFILO GIURIDICO E MEDICOLEGALE DEL DANNO BIOLOGICO DI NATURA PSICHICA PROIETTATO NEL CONTESTO DEL DSM-5 E DEL PDM... 3 LE PECULIARITÀ EZIOPATOGENETICHE DEL

Dettagli

Il profilo assicurativo della. costrittivita organizzativa in. rapporto alle tecnopatie denunciate

Il profilo assicurativo della. costrittivita organizzativa in. rapporto alle tecnopatie denunciate Firenze 23 aprile 2012 Il profilo assicurativo della costrittivita organizzativa in rapporto alle tecnopatie denunciate L Inail garantisce un sistema di tutela NON SOLO Assicurazione obbligatoria per i

Dettagli

RUOLO ED ATTIVITA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

RUOLO ED ATTIVITA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO RUOLO ED ATTIVITA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO IL RUOLO DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO, DOPO IL D. LGS. N.626/94, È QUELLO DI ESPLORATORE

Dettagli

*Il mobbing. * Dott. Paolo Cardoso * Psicologo psicoterapeuta

*Il mobbing. * Dott. Paolo Cardoso * Psicologo psicoterapeuta *Il mobbing * Dott. Paolo Cardoso * Psicologo psicoterapeuta Si tratta di un comportamento strategico che può verificarsi anche sul luogo di lavoro dove viene utilizzato per allontanare soggetti indesiderati

Dettagli

Lo stress lavoro correlato Il ruolo dell INAIL. Carlo Enrico Manca INAIL Direzione Regionale Sardegna

Lo stress lavoro correlato Il ruolo dell INAIL. Carlo Enrico Manca INAIL Direzione Regionale Sardegna Lo stress lavoro correlato Il ruolo dell INAIL Carlo Enrico Manca INAIL Direzione Regionale Sardegna Aspetti prevenzionali (adozione di misure idonee per la prevenzione) Aspetti assicurativi (riconoscimento

Dettagli

Nelle imprese si punta sempre di più alla performance sia organizzativa che individuale

Nelle imprese si punta sempre di più alla performance sia organizzativa che individuale Nelle imprese si punta sempre di più alla performance sia organizzativa che individuale E a questa richiesta sempre maggiore si associa la precarietà del lavoro elariduzione dei legami di impiego con un

Dettagli

LO STRAINING. Avvocato Cristina Ceci

LO STRAINING. Avvocato Cristina Ceci LO STRAINING Avvocato Cristina Ceci 1 Straining cos è Dal verbo inglese to strain: tendere, sforzare, distorcere, stringere, mettere sotto pressione. Strained è definita in inglese una persona leggermente

Dettagli

MOBBING E INSEGNAMENTO: UNA PANORAMICA DEL FENOMENO

MOBBING E INSEGNAMENTO: UNA PANORAMICA DEL FENOMENO DIREZIONE DIDATTICA DI PAVONE CANAVESE APPROFONDIMENTO SUL TEMA MOBBING E INSEGNAMENTO: UNA PANORAMICA DEL FENOMENO a. s. 2006 2007 CHE COSA INDICA IL TERMINE MOBBING? Deriva dal termine inglese to mob

Dettagli

Benessere organizzativo, rischi psicosociali e stress lavoro-correlato: aspetti normativi

Benessere organizzativo, rischi psicosociali e stress lavoro-correlato: aspetti normativi Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro Direttore: Prof. Giovanni Battista Bartolucci SEMINARI DI MEDICINA DEL LAVORO 2008 Benessere organizzativo e prevenzione del disagio in ambiente di lavoro

Dettagli

Il Mobbing: come e perché

Il Mobbing: come e perché Il Mobbing: come e perché Cos è il mobbing Alcune definizioni: Etimologia: Il terrore psicologico o Mobbing lavorativo consiste in una comunicazione ostile e non etica diretta in maniera sistematica da

Dettagli

Facoltà di Psicologia. Corso di Medicina Sociale. Il Mobbing. Prof. Plinio Fabiani. 1 Dicembre 2008 ore 15

Facoltà di Psicologia. Corso di Medicina Sociale. Il Mobbing. Prof. Plinio Fabiani. 1 Dicembre 2008 ore 15 Facoltà di Psicologia Corso di Medicina Sociale Il Mobbing Prof. Plinio Fabiani 1 Dicembre 2008 ore 15 Mobbing: definizioni Il termine Mobbing deriva dall inglese to mob che significa accerchiare, aggredire,

Dettagli

Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico

Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico La prevenzione del suicidio in Ospedale Dr. Maurizio Belligoni Direttore Generale Agenzia Regionale Sanitaria Definizione di evento

Dettagli

Stress lavoro-correlato Art. 28 comma 1 D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni; Accordo Europeo (08.10.04) così come recepito in Italia dall Accordo Interconfederale (09.06.08) 21/06/2011

Dettagli

Donne dentro, oltre la violenza

Donne dentro, oltre la violenza Donne dentro, oltre la violenza VIOLENZA MORALE E DANNO PSICHICO ALLA LAVORATRICE Studio di un caso d'esperienza Studio Legale Avv. Rossella Di Costanzo - Via Torino, 2-20123 Milano LE DOMANDE DI FONDO

Dettagli

I RISCHI PSICOSOCIALI: dalla tutela alla consapevolezza (seminari 9-16 novembre 2010)

I RISCHI PSICOSOCIALI: dalla tutela alla consapevolezza (seminari 9-16 novembre 2010) I RISCHI PSICOSOCIALI: dalla tutela alla consapevolezza (seminari 9-16 novembre 2010) 1 Isabella Corradini Docente di Psicologia Sociale Università degli Studi di L Aquila Presidente Centro Ricerche Themis

Dettagli

IN-FORMAZIONE & PREVENZIONE

IN-FORMAZIONE & PREVENZIONE IN-FORMAZIONE & PREVENZIONE Progetto informativo e di indagine sui rischi occupazionali psicosociali ed in particolare sul rischio mobbing rivolto ai lavoratori della Giunta Regione Marche Mobbing & Rischi

Dettagli

CONOSCERE E PREVENIRE: Lo Stress Lavoro Correlato

CONOSCERE E PREVENIRE: Lo Stress Lavoro Correlato Convegno di Studio e Approfondimento CONOSCERE E PREVENIRE: Lo Stress Lavoro Correlato Relatore: dott. Francesco Bonaccorso BRESCIA, 19 maggio 2015 dalle ore 9.30 alle ore 12.30 Le presenti «slide» sono

Dettagli

Lesioni micropermanenti: indicati i nuovi importi per il risarcimento dei danni da incidenti stradali

Lesioni micropermanenti: indicati i nuovi importi per il risarcimento dei danni da incidenti stradali Lesioni micropermanenti: indicati i nuovi importi per il risarcimento dei danni da incidenti stradali Il ministero dello Sviluppo economico ha emanato il decreto (27 maggio 2010 pubblicato sulla Gazzetta

Dettagli

Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative. Obblighi normativi. Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio

Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative. Obblighi normativi. Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative Obblighi normativi Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio Stress lavoro correlato Tema di attualità Incidenza elevata Cambiamento

Dettagli

A.2 Le malattie professionali non tabellate

A.2 Le malattie professionali non tabellate A.2 Le malattie professionali non tabellate A.2.1 La tutela dei disturbi psichici da costrittività organizzativa Negli ultimi anni, nell ambito delle malattie professionali non tabellate, le cui denunce

Dettagli

04-06-2009 Mobbing: tutto quello che c è da sapere su cosa fare e come difendersi

04-06-2009 Mobbing: tutto quello che c è da sapere su cosa fare e come difendersi 04-06-2009 Mobbing: tutto quello che c è da sapere su cosa fare e come difendersi a cura di ANNALISA ROSIELLO, AVVOCATO CONSULENTE DELLA CGIL DI MILANO Sempre più spesso si parla di mobbing, fenomeno spesso

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO MEDICI COMPETENTI. Belluno 5 novembre 2014

INCONTRO INFORMATIVO MEDICI COMPETENTI. Belluno 5 novembre 2014 INCONTRO INFORMATIVO MEDICI COMPETENTI Belluno 5 novembre 2014 La valutazione del rischio SLC e ruolo del MC Legge Regione Veneto 22 gennaio 2010, n. 8 ~ sportelli di ascolto ~ centri di riferimento Attività

Dettagli

Patologie più comunemente coinvolte nel mobbing.

Patologie più comunemente coinvolte nel mobbing. Patologie più comunemente coinvolte nel mobbing. Episodio Depressivo Maggiore. Cinque o più dei seguenti sintomi sono presenti da almeno due settimane comportando un cambiamento rispetto al precedente

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

IL MOBBING: APPUNTI PER UNA RIFLESSIONE DI GENERE

IL MOBBING: APPUNTI PER UNA RIFLESSIONE DI GENERE IL MOBBING: APPUNTI PER UNA RIFLESSIONE DI GENERE Il mobbing si realizza attuando una sorta di terrorismo psicologico, che implica un atteggiamento ostile e non etico posto in essere in forma sistematica

Dettagli

L'ANSIA, UN EMOZIONE UNIVERSALE.

L'ANSIA, UN EMOZIONE UNIVERSALE. L'ANSIA, UN EMOZIONE UNIVERSALE. ELEMENTO FONDANTE DELLO SVILUPPO E DELLA MATURAZIONE DELLA PERSONALITA DEI NOSTRI FIGLI, PUO MANIFESTARSI NEGLI ATTACCHI DI PANICO COME UNA FIAMMATA IMPROVVISA CHE TRAVOLGE

Dettagli

Dott. Liliana La Torre - RELAZIONE SUL MOBBING, presentata al Distretto Nord Est ad aprile 2011, nell'ambito della giornata dedicata all'equal Pay Day

Dott. Liliana La Torre - RELAZIONE SUL MOBBING, presentata al Distretto Nord Est ad aprile 2011, nell'ambito della giornata dedicata all'equal Pay Day Dott. Liliana La Torre - RELAZIONE SUL MOBBING, presentata al Distretto Nord Est ad aprile 2011, nell'ambito della giornata dedicata all'equal Pay Day Partiamo da 2 articoli della nostra Costituzione,

Dettagli

Studio Legale Associato

Studio Legale Associato Studio Legale Associato Avv. Amedeo Mazzocconi Avv. Loris Silenzi Avv. Stefano Massimiliano Ghio RELAZIONE SUL MOBBING NELLA GIURISPRUDENZA Convegno dell 11/ marzo / 2005 (Macerata) Il termine Mobbing

Dettagli

PREVENZIONE: valutazione del rischio per gruppi omogenei di lavoratori, monitoraggio dei c.d. eventi sentinella, intervento tempestivo, soluzione del

PREVENZIONE: valutazione del rischio per gruppi omogenei di lavoratori, monitoraggio dei c.d. eventi sentinella, intervento tempestivo, soluzione del DANNO DA STRESS LAVORO-CORRELATO PREVENZIONE e RIMEDI PREVENZIONE: valutazione del rischio per gruppi omogenei di lavoratori, monitoraggio dei c.d. eventi sentinella, intervento tempestivo, soluzione del

Dettagli

Seminario. "Il rischio Mobbing negli ambienti di lavoro. Roma, 22 ottobre 2003 Ore 10.00-12.30 CNR - Aula "Arangio Ruiz P.le Aldo Moro, 7 - Roma

Seminario. Il rischio Mobbing negli ambienti di lavoro. Roma, 22 ottobre 2003 Ore 10.00-12.30 CNR - Aula Arangio Ruiz P.le Aldo Moro, 7 - Roma Seminario "Il rischio Mobbing negli ambienti di lavoro Roma, 22 ottobre 2003 Ore 10.00-12.30 CNR - Aula "Arangio Ruiz P.le Aldo Moro, 7 - Roma IL MOBBING Dott. Roberto Moccaldi Coordinatore Medicina del

Dettagli

Mobbing: aspetti psico-sociali e vie d uscita dott.ssa Laura Barnaba Psicologa

Mobbing: aspetti psico-sociali e vie d uscita dott.ssa Laura Barnaba Psicologa Mobbing: aspetti psico-sociali e vie d uscita dott.ssa Laura Barnaba Psicologa CUG Ministero Infrastrutture e Trasporti Ex vice- presidente Comitato paritetico sul fenomeno mobbing Roma 17 dicembre 2012

Dettagli

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE 1 CORSO FORMATIVO 24 /3 1 MAGGIO 2016 PATROCINATO DAL COMUNE DI MESORACA DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE DOTT. GIUSEPPE ESPOSITO DOTT.SSA ANASTASIA CARCELLO DEPRESSIONE DEFINIZIONE Il disturbo depressivo

Dettagli

SPECIFICITA delle CONSEGUENZE della TORTURA e dei TRAUMI ESTREMI

SPECIFICITA delle CONSEGUENZE della TORTURA e dei TRAUMI ESTREMI Interferenza dei disturbi dissociativi e della memoria conseguenti a tortura sulla Procedura di riconoscimento della Protezione Internazionale SPECIFICITA delle CONSEGUENZE della TORTURA e dei TRAUMI ESTREMI

Dettagli

Come riconoscere la violenza e le molestie sul lavoro

Come riconoscere la violenza e le molestie sul lavoro Università degli Studi di Messina Sezione di Medicina del Lavoro Dipartimento di Scienze biomediche, odontoiatriche e delle immagini morfologiche e funzionali Come riconoscere la violenza e le molestie

Dettagli

Bologna 22 ottobre. Dott. Angela Marina Codifava MMG di MO

Bologna 22 ottobre. Dott. Angela Marina Codifava MMG di MO Bologna 22 ottobre Dott. Angela Marina Codifava MMG di MO Job description del Medico generale 50-60 contatti die per 1300-1500 pz * Attività ambulatoriale 5-6 ore die visite generali 61,3%, accessi veloci

Dettagli

Società Italiana di Psicoterapia Integrata per lo Sviluppo Sociale 1 LEZIONE - 2 ottobre 2010 9,30 Presentazione del Master 10,30

Società Italiana di Psicoterapia Integrata per lo Sviluppo Sociale 1 LEZIONE - 2 ottobre 2010 9,30 Presentazione del Master 10,30 1 LEZIONE - 2 ottobre 2010 9,30 Presentazione del Master Obiettivi, modalità didattiche, progetti di ricerca-intervento. 10,30 Il disagio psico-sociale. Definizione, ricerche, statistiche, dati per comprendere

Dettagli

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La Responsabiilliità Verso ii Prestatorii d Opera Studio Assicurativo Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La copertura R.C.O. La Ratio della Garanzia RCO Non sempre è chiaro per

Dettagli

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra 1 Caro collega, La invitiamo a rispondere alle domande del presente questionario sulla gestione dei Disturbi

Dettagli

M OBBING PARLIAMO DI. Comitato Paritetico sul fenomeno del mobbing

M OBBING PARLIAMO DI. Comitato Paritetico sul fenomeno del mobbing Comitato Paritetico sul fenomeno del mobbing M OBBING M PARLIAMO DI Direzione Centrale Comunicazione P.le Giulio Pastore, 6-00144 ROMA e-mail: dccomunicazione@inail.it COMITATO PARITETICO PER IL FENOMENO

Dettagli

RISCHIO PSICOSOCIALE E PROMOZIONE DEL BENESSERE DELL ORGANIZZAZIONE

RISCHIO PSICOSOCIALE E PROMOZIONE DEL BENESSERE DELL ORGANIZZAZIONE DR.SSA GIULIANA GIAMPIERI Psicologa e Psicoterapeuta Azienda USL di Rieti Gruppo di lavoro per la valutazione del rischio psicosociale RISCHIO PSICOSOCIALE E PROMOZIONE DEL BENESSERE DELL ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP Ing Antonio Giorgi Ing. Antonio Giorgi RSPP Il Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei

Dettagli

IL MOBBING E IL BURN OUT QUALI FENOMENI NEGATIVI DEL LAVORO

IL MOBBING E IL BURN OUT QUALI FENOMENI NEGATIVI DEL LAVORO IL MOBBING E IL BURN OUT QUALI FENOMENI NEGATIVI DEL LAVORO Bruno PRIMICERIO Il Convegno odierno affronta, approfondendolo nei suoi aspetti principali, un argomento che oggi si presenta sempre più spesso

Dettagli

LA VALUTAZIONE. L indagine psicosociale e l approfondimento diagnostico. Dott.ssa Elena Marino

LA VALUTAZIONE. L indagine psicosociale e l approfondimento diagnostico. Dott.ssa Elena Marino LA VALUTAZIONE L indagine psicosociale e l approfondimento diagnostico Dott.ssa Elena Marino L indagine psicosociale Definizione: Raccolta di informazioni sulle condizioni di vita e sul contesto sociale

Dettagli

Progetto di legge n 2143

Progetto di legge n 2143 Progetto di legge n 2143 D iniziativa del deputato Tarantino (Forza Italia) Presentata il 21 dicembre 2001 Disposizioni per la tutela dei lavoratori da molestie morali e violenze psicologiche Onorevoli

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciano a SCUOLA STRESS LAVORO-CORRELATO

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciano a SCUOLA STRESS LAVORO-CORRELATO LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciano a SCUOLA STRESS LAVORO-CORRELATO COSA E LO STRESS Lo stress è una risposta naturale dell organismo che permette di affrontare situazioni percepite come problematiche

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

Infortuni sul lavoro: gli adempimenti a carico dell impresa

Infortuni sul lavoro: gli adempimenti a carico dell impresa Infortuni sul lavoro: gli adempimenti a carico dell impresa Nozione Si considera infortunio, ai fini della tutela assicurativa obbligatoria, ogni evento avvenuto per causa violenta in occasione di lavoro,

Dettagli

TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI. GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com

TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI. GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com Lucca, 7 settembre 2013 Definizione Problemi correlati Modelli di trattamento Principi

Dettagli

Anno Scolastico 2014/2015

Anno Scolastico 2014/2015 I.P.S.S.C.T. L. Einaudi - FOGGIA Anno Scolastico 2014/2015 Classe IV^ D Indirizzo: Servizi socio-sanitari Programma svolto di: Psicologia generale ed applicata Docente: Pellegrini Raffaele Testo di riferimento:

Dettagli

Il danno psichico e le sue implicazioni cliniche s cura del Dott. Antonio Violo. Giuristi&diritto.it

Il danno psichico e le sue implicazioni cliniche s cura del Dott. Antonio Violo. Giuristi&diritto.it Il danno psichico e le sue implicazioni cliniche s cura del Dott. Antonio Violo Giuristi&diritto.it Nel presente contributo si intendono evidenziare i risvolti psicologici che un tragico life event (evento

Dettagli

Gruppo medici legali e psichiatri forensi della provincia di Trento eventi formativi 2013 Elementi fisiologici e patologici del lutto: stima clinica

Gruppo medici legali e psichiatri forensi della provincia di Trento eventi formativi 2013 Elementi fisiologici e patologici del lutto: stima clinica Gruppo medici legali e psichiatri forensi della provincia di Trento eventi formativi 2013 Elementi fisiologici e patologici del lutto: stima clinica e medico/legale Si riferisce ad una serie di comportamenti

Dettagli

I rischi da stress lavoro correlato

I rischi da stress lavoro correlato I rischi da stress lavoro correlato dr.ssa Elena Padovan Psicologa del Lavoro Logo Soggetto Attuatore Stress lavoro correlato D.Lgs 81/2008 art. 28 La valutazione ( ) deve riguardare tutti i rischi per

Dettagli

LA DEPRESSIONE CONCETTI GENERALI

LA DEPRESSIONE CONCETTI GENERALI LA DEPRESSIONE CONCETTI GENERALI Dott. Lorenzo Flori - Psicologo di Pesaro, Fano e Rimini Cell. 349 683 53 89 Giornalmente il nostro umore può subire oscillazioni fisiologiche tra sentimenti di felicità

Dettagli

dell organismo a richieste esterno Dott. Giuseppe Marmo Ordine degli Psicologi di Basilicata

dell organismo a richieste esterno Dott. Giuseppe Marmo Ordine degli Psicologi di Basilicata SINDROME GENERALE DI ADATTAMENTO Risposta generale aspecifica dell organismo a richieste provenienti dall ambiente esterno Ordine degli Psicologi di Basilicata Ad un stimolo stressogeno si risponde con:

Dettagli

Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato

Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato ASPP Addetto ai servizi di protezione e prevenzione ANALISI DOCUMENTALE Lettura dell organizzazione del lavoro (organigramma, flussi produttivi,

Dettagli

Depressione? In generale Il ruolo femminile

Depressione? In generale Il ruolo femminile Depressione? In generale Il ruolo femminile A tutti capita di sentirsi tristi di tanto in tanto. È un esperienza che tutti, prima o poi, provano. Se le attività che vi piacevano prima ora non vi piacciono

Dettagli

Alcol e disturbi psichiatrici

Alcol e disturbi psichiatrici Alcol e disturbi psichiatrici In tutti i sistemi che si occupano del trattamento dei problemi alcolcorrelati e complessi prima o poi iniziano le difficoltà dovute all inserimento delle famiglie con problemi

Dettagli

I COMPORTAMENTI NEGATIVI SUL LAVORO

I COMPORTAMENTI NEGATIVI SUL LAVORO Università degli Studi di Siena LE PARI OPPORTUNITÀ NELL'ANNO EUROPEO DELLA LOTTA ALLA POVERTÀ E ALL'ESCLUSIONE SOCIALE Dott.ssa Monica Bianchi Psicologa Specialista in Criminologia clinica I COMPORTAMENTI

Dettagli

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento.

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA.

Dettagli

Aspetti psicologici della vulvodinia. Dott.ssa Chiara Micheletti Consulente per la psicoterapia H San Raffaele - Resnati Milano. obiettivi Quando deve intervenire lo psicoterapeuta. Cosa deve fare. Cosa

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA

SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO DI PSICOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI PSICOLOGIA PRESSO I CONSULTORI AIED Il servizio di psicologia nei consultori Aied, articolato nelle

Dettagli

il ruolo del medico competente nella valutazione dello stress correlato al lavoro e di fronte ai sintomi di disagio psichico

il ruolo del medico competente nella valutazione dello stress correlato al lavoro e di fronte ai sintomi di disagio psichico il ruolo del medico competente nella valutazione dello stress correlato al lavoro e di fronte ai sintomi di disagio psichico Il MC e la valutazione dello SLC Il MC e il lavoratore con disagio psichico

Dettagli

MILANO c/o A&P Business Lounge Marzo-Settembre 2013. DANNO PSICHICO E MOBBING Prassi giuridica e peritale CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA - 36 ORE

MILANO c/o A&P Business Lounge Marzo-Settembre 2013. DANNO PSICHICO E MOBBING Prassi giuridica e peritale CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA - 36 ORE MILANO c/o A&P Business Lounge Marzo-Settembre 2013 DANNO PSICHICO E MOBBING Prassi giuridica e peritale CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA - 36 ORE Obiettivi PRESENTAZIONE DEL CORSO Negli ultimi anni sono

Dettagli

MODULO 01. DIMENSIONI, SINTOMI ANSIA E DEPRESSIONE DEPRESSIONE SOTTOSOGLIA Donatella Alesso Alfonsino Garrone

MODULO 01. DIMENSIONI, SINTOMI ANSIA E DEPRESSIONE DEPRESSIONE SOTTOSOGLIA Donatella Alesso Alfonsino Garrone MODULO 01 DIMENSIONI, SINTOMI ANSIA E DEPRESSIONE DEPRESSIONE SOTTOSOGLIA Donatella Alesso Alfonsino Garrone STATO DEPRESSIVO: dimensione e sintomi 2 Su 10 pazienti che si presentano nello studio di un

Dettagli

Clinica del Lavoro Luigi Devoto Centro per la prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione della patologia da disadattamento lavorativo Milano LA PATOLOGIA DA STRESS OCCUPAZIONALE Renato Gilioli Maria

Dettagli

Medicina sociale. Prof. Giovanna Tassoni Istituto di Medicina legale Università degli Studi di Macerata

Medicina sociale. Prof. Giovanna Tassoni Istituto di Medicina legale Università degli Studi di Macerata Medicina sociale Prof. Giovanna Tassoni Istituto di Medicina legale Università degli Studi di Macerata Concetto di salute Concetto di salute dell Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) uno stato di

Dettagli

Numero 22 /2014 Quale riconoscimento delle patologie psichiche legate al lavoro? Studio di Eurogip in 10 paesi europei (1)

Numero 22 /2014 Quale riconoscimento delle patologie psichiche legate al lavoro? Studio di Eurogip in 10 paesi europei (1) Numero 22 /2014 Quale riconoscimento delle patologie psichiche legate al lavoro? Studio di Eurogip in 10 paesi europei (1) Al tema dello stress è dedicata la campagna annuale della Agenzia di Bilbao mentre

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

GIOCA PER TE E NON CONTRO DI TE

GIOCA PER TE E NON CONTRO DI TE GIOCA PER TE E NON CONTRO DI TE Differenze tra gioco sano e patologico: inquadramento diagnostico CONVEGNO: "LUDOPATIA TRA SOCIETA E TERAPIA" Pieve Emanuele, 23 Novembre 2013 Dott.ssa Beatrice Peroni DEFINIZIONE

Dettagli

Azienda USL Roma C. Servizio Prevenzione e Sicurezza F. CHICCO * F. D ORSI** E. VALENTI***

Azienda USL Roma C. Servizio Prevenzione e Sicurezza F. CHICCO * F. D ORSI** E. VALENTI*** Azienda USL Roma C Dipartimento di Prevenzione Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro F. CHICCO * F. D ORSI** E. VALENTI*** Modalità di intervento di un Centro di prevenzione per il

Dettagli

Le parole chiave della sicurezza CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.3

Le parole chiave della sicurezza CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.3 Le parole chiave della sicurezza Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 1.3 SALUTE Stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, non consistente solo in un assenza

Dettagli

CONVEGNO MOBBING: SENSIBILIZZAZIONE E PREVENZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO IN REGIONE VENETO

CONVEGNO MOBBING: SENSIBILIZZAZIONE E PREVENZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO IN REGIONE VENETO CONVEGNO MOBBING: SENSIBILIZZAZIONE E PREVENZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO IN REGIONE VENETO Spinea, 3 giugno 2010 IMPEGNO DEL COMITATO ANTI-MOBBING Sensibilizzare amministrazioni, dirigenti e dipendenti

Dettagli

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA La nostra Associazione Mariposa si pone come obiettivo quello di approfondire la percezione ed il grado di conoscenza del tema della violenza assistita dai minori

Dettagli

Seminario sicurezza e salute sul lavoro

Seminario sicurezza e salute sul lavoro Seminario sicurezza e salute sul lavoro Valutazione dei rischi psicosociali: stress lavoro correlato A cura del Dott. Gianluca Celeste Aifos Logo Soggetto Attuatore Il mondo del lavoro sta cambiando? Tramonto

Dettagli

COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO

COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO Società Cooperativa Sociale Sette COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO Società cooperativa Sociale sette ONLUS Cascina Segrona, Mairano di Noviglio 20082 (MI) Tel: 02.900.61.32 Fax:

Dettagli

TESTIMONIANZE DI CAREGIVER FAMILIARE. Dott.ssa MariaScala Psicologa e Psicodiagnosta

TESTIMONIANZE DI CAREGIVER FAMILIARE. Dott.ssa MariaScala Psicologa e Psicodiagnosta TESTIMONIANZE DI CAREGIVER FAMILIARE Dott.ssa MariaScala Psicologa e Psicodiagnosta SOPRAGGIUNGE LA MALATTIA ROTTURA DELL EQUILIBRIO La scoperta della malattia comporta uno scompenso omeostatico nei diversi

Dettagli

Conferenza. L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa. Dr. R. Bonacina Dott.ssa L.

Conferenza. L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa. Dr. R. Bonacina Dott.ssa L. Conferenza L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa 29/03/2012 Auditorium Aldo Moro Dr. R. Bonacina Dott.ssa L. Rivolta Recapiti Dottor Roberto Bonacina, urologo

Dettagli

Mobbing: rischio tutelato e diagnosi di malattia professionale Circolare INAIL 17.12.2003 n 71. http://www.altalex.com/index.php?

Mobbing: rischio tutelato e diagnosi di malattia professionale Circolare INAIL 17.12.2003 n 71. http://www.altalex.com/index.php? Mobbing: rischio tutelato e diagnosi di malattia professionale Circolare INAIL 17.12.2003 n 71 http://www.altalex.com/index.php?idnot=7225 L'INAIL con circolare 71/2003 definisce le modalità del trattamento

Dettagli

Il risarcimento del danno alla persona. Considerazioni di un economista. Dario Focarelli Direttore Generale ANIA

Il risarcimento del danno alla persona. Considerazioni di un economista. Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Il risarcimento del danno alla persona. Considerazioni di un economista. Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Agenda Le previsioni del codice Cosa è stato fatto? Le conseguenze delle scelte L attuazione

Dettagli

Newsletter 03/2013. Introduzione. Il modello italiano Ege a 6 fasi. La Condizione zero IL MOBBING COME FATTORE DI MALESSERE ORGANIZZATIVO

Newsletter 03/2013. Introduzione. Il modello italiano Ege a 6 fasi. La Condizione zero IL MOBBING COME FATTORE DI MALESSERE ORGANIZZATIVO Codroipo, lì 14 marzo 2013 Prot. 4913LM Newsletter 03/2013 Introduzione IL MOBBING COME FATTORE DI MALESSERE ORGANIZZATIVO Nella newsletter precedente abbiamo esposto il fenomeno del mobbing con particolare

Dettagli

Il significato del verbo TO MOB è: attaccare, assalire tumultuosamente in massa, malmenare, aggredire

Il significato del verbo TO MOB è: attaccare, assalire tumultuosamente in massa, malmenare, aggredire Termine inglese utilizzato per descrivere il fenomeno dell attacco e della eliminazione di un animale da parte di animali simili Il significato del verbo TO MOB è: attaccare, assalire tumultuosamente in

Dettagli

STUPEFACENTI, ALCOOL E STRESS - A CHE PUNTO SIAMO -

STUPEFACENTI, ALCOOL E STRESS - A CHE PUNTO SIAMO - DIPARTIMENTO di PREVENZIONE SPISAL SERVIZIO PREVENZIONE IGIENE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI di LAVORO STUPEFACENTI, ALCOOL E STRESS - A CHE PUNTO SIAMO - : procedure accertative, inquadramenti diagnostici,

Dettagli

Anno Scolastico 2013/14 STUDIO DELLA FAMIGLIA DELLA COPPIA E DELL INDIVIDUO

Anno Scolastico 2013/14 STUDIO DELLA FAMIGLIA DELLA COPPIA E DELL INDIVIDUO STUDIO DI PSICOTERAPIA SISTEMICO RELAZIONALE DELLA FAMIGLIA DELLA COPPIA E DELL INDIVIDUO Dott.ssa Alessandra Ferraris C e l l. 3 2 8 7 0 2 3 7 4 8 E m a i l a l e s s a n d r a _ f e r r a r i s @ l i

Dettagli

LAVORO E NON LAVORO Motivazione, incentivazione e mobbing

LAVORO E NON LAVORO Motivazione, incentivazione e mobbing LAVORO E NON LAVORO Motivazione, incentivazione e mobbing Università degli Studi di Milano Graduate School in Social Sciences Corso breve di diritto del lavoro per il Dottorato in Scienze del Lavoro -

Dettagli

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa Una persona nervosa 1 Caso: Una persona nervosa modificato da DSM-IV-TR CASI CLINICI, p. 235 Un tappezziere coniugato di 27 anni lamenta vertigini, tremore alle mani, palpitazioni e ronzii alle orecchie

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

A.A. 2008-2009 - Corso di Psicologia del lavoro e delle organizzazioni Prof. Claudio Cortese MOBBING E BOSSING. Aprile/Maggio 2009

A.A. 2008-2009 - Corso di Psicologia del lavoro e delle organizzazioni Prof. Claudio Cortese MOBBING E BOSSING. Aprile/Maggio 2009 A.A. 2008-2009 - Corso di Psicologia del lavoro e delle organizzazioni Prof. Claudio Cortese MOBBING E BOSSING Aprile/Maggio 2009 UNA DEFINIZIONE IL TERMINE MOBBING DERIVA DAL VERBO INGLESE TO MOB, IL

Dettagli

Accettazione della malattia diabetica e la famiglia. Dott.ssa Annalisa Tintori Psicologa

Accettazione della malattia diabetica e la famiglia. Dott.ssa Annalisa Tintori Psicologa Accettazione della malattia diabetica e la famiglia Dott.ssa Annalisa Tintori Psicologa Malattia cronica Condizione patologica che dura tutta la vita Medico deviazione da una norma biologica. Oggettività

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

Mobbing: rischio tutelato e diagnosi di malattia professionale ( Circolare INAIL 17.12.2003 n. 71 )

Mobbing: rischio tutelato e diagnosi di malattia professionale ( Circolare INAIL 17.12.2003 n. 71 ) Mobbing: rischio tutelato e diagnosi di malattia professionale ( Circolare INAIL 17.12.2003 n. 71 ) L'INAIL con circolare 71/2003 definisce le modalità del trattamento delle pratiche di danno da mobbing

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

LUMSA Master in Psicologia Forense e. Criminologia

LUMSA Master in Psicologia Forense e. Criminologia LUMSA Master in Psicologia Forense e Prof.ssa Paula Benevene Criminologia MOBBING Il Mobbing Il termine mobbing è mutuato dalla lingua inglese. To mob significa: attaccare, assalire, malmenare, accalcarsi

Dettagli