III a DISPENSA di ECONOMIA E TECNICA DEGLI SCAMBI INTERNAZIONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "III a DISPENSA di ECONOMIA E TECNICA DEGLI SCAMBI INTERNAZIONALI"

Transcript

1 Prof. Beniamino A. Piccone Con la supervisione del Prof. Francesco Arcucci III a DISPENSA di ECONOMIA E TECNICA DEGLI SCAMBI INTERNAZIONALI Finanza internazionale: Struttura finanziaria dei Paesi industrializzati, attività finanziaria e bancaria internazionale, gli investitori istituzionali internazionali A.A I PARTE 1

2 Ai miei genitori che mi sono sempre stati vicini, senza esagerare 2

3 Il futuro non è più quello di una volta, Paul Valéry 1 La fortuna non esiste, Mario Calabresi 2 La vie ne fait pas de cadeaux, Jacques Brel 3 Se fallisci un affare, puoi rifarti. Se perdi l onore puoi riscattarti. Se smarrisci il coraggio, allora hai perso davvero, Mario Draghi 4 Occorre compiere fino in fondo il proprio dovere, qualunque sia il sacrificio da sopportare, costi quel che costi, perché è in ciò che sta l'essenza della dignità umana, Giovanni Falcone 5 Questo è quello che voglio sottolineare oggi: la responsabilità di ciascuno di voi nella vostra educazione. Parto da quella che avete nei confronti di voi stessi. Ognuno di voi sa far bene qualcosa, ha qualcosa da offrire. Avere la responsabilità di scoprirlo. Che cosa farete della vostra possibilità di ricevere un istruzione deciderà il futuro di questo Paese. Ciò che oggi studiate domani sarà decisivo per decidere se noi come nazione sapremo raccogliere le sfide che ci riserva il futuro. Qualunque cosa facciate, voglio che vi dedichiate. So che a volte la tv vi dà l impressione di poter diventare ricchi e famosi senza dover davvero lavorare, diventando una star del basket o un rapper, o protagonista di un reality. Ma è poco probabile, la verità è che il successo è duro da conquistare...quindi da voi quest anno mi aspetto serietà. Mi aspetto il massimo dell impegno in qualsiasi cosa voi facciate. Mi aspetto grandi cose, da ognuno di voi. Rendeteci orgogliosi di voi. So che potete farlo. Barack Obama 6 1 Ambroise-Paul-Toussaint-Jules Valéry ( ), poeta francese. 2 Mario Calabresi, La fortuna non esiste. Storia di uomini e donne che hanno avuto il coraggio di rialzarsi, Mondadori, Jacques Brel ( ) è stato un cantautore e compositore belga di lingua francese. La vita non fa regali, la vita è difficile e bisogna affrontarla con attenzione dando il meglio di noi stessi. 4 Governatore della Banca d Italia, attualmente Presidente del Financial Stability Board 5 Giovanni Falcone (Palermo, 18 maggio 1939 Palermo, 23 maggio 1992) è stato un magistrato italiano, tra i padri della lotta alla mafia, ed è considerato un eroe italiano, come Paolo Borsellino, di cui fu amico e collega. Si consiglia la lettura di G. Falcone, Cose di Cosa Nostra, Rizzoli, Barack Obama, estratto del discorso di saluto che il Presidente degli Stati Uniti ha fatto agli studenti per l apertura dell anno scolastico, 8 settembre

4 INDICE PREMESSA FINANZA NAZIONALE E COMPARAZIONI INTERNAZIONALI 1. INTRODUZIONE 2. LA FUNZIONE DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA TRA CENTRI DI FORMAZIONE DEL RISPARMIO E CENTRI DI IMPIEGO DEL RISPARMIO 3. LA RICCHEZZA DEGLI ITALIANI Il confronto internazionale Analisi di distribuzione del reddito QUADRO N. 1 LA CONCORRENZA Analisi temporale dei saldi finanziari Analisi comparata dei saldi finanziari 4. LA FINANZA INDIRETTA 4a LA BANCA CENTRALE 4b IL SISTEMA BANCARIO Modello banca specializzata Modello banca universale Retail banking Corporate banking - Private banking Modello gruppo polifunzionale Gli sviluppi recenti del sistema bancario 4c GLI INTERMEDIARI NON BANCARI Fondi comuni di investimento aperti ; QUADRO N. 2 I GESTORI ACTIVIST CESR e UCITS; classificazione dei fondi aperti; QUADRO N. 3 IL CAPITALISMO ALL ITALIANA E I BENEFICI PRIVATI DEL CONTROLLO Le componenti di costo dei fondi comuni aperti; la vigilanza; la crisi del risparmio gestito italiano; il credito d imposta; fondi chiusi, hedge funds e loro classificazione, confronto internazionale, il ruolo degli hedge fund nella crisi, fondi immobiliari; indici Fondi pensione; la previdenza complementare, confronto internazionale Le società assicurative, polizze unit linked e index linked Le società finanziarie: SIM e SGR I fondi sovrani Considerazioni finali sul risparmio gestito 5. LA FINANZA DIRETTA 4

5 La finanza non strutturata La finanza strutturata, le borse valori, i centri borsistici; QUADRO N. 4 - I PAESI EMERGENTI Gli operatori, le condizioni per l ammissione alla quotazione, modalità organizzative per la formazione del prezzo Le autorità di controllo QUADRO N. 5 PAOLO BAFFI E GIORGIO AMBROSOLI Insider trading e OPA Il fondo di garanzia e la Cassa di Compensazione e Garanzia Come si evolvono i prezzi: random walk theory, analisi fondamentale; teoria della riflessività; analisi tecnica Appendici: 1) Dalla previdenza familiare alla previdenza sociale e alla responsabilità del proprio futuro; 2) Fondi pensione e Advisory: una grande opportunità 3) I mercati gestiti da Borsa Italiana S.p.A., LSE Group QUADRO N. 6 I MERCATI FUTURES 4) Il price/earning ratio e l equity risk premium 5) Il processo di integrazione delle borse FINANZA INTERNAZIONALE 1. INTRODUZIONE ALL ATTIVITA FINANZIARIA INTERNAZIONALE 2. DALLA FINANZA NAZIONALE ALLA FINANZA INTERNAZIONALE 3. CENTRI FINANZIARI NAZIONALI E I CENTRI OFF-SHORE 4. FINANZA INTERNAZIONALE NETTA E LORDA 5. L ATTIVITA BANCARIA INTERNAZIONALE 6. LA GESTIONE DEL RISCHIO: RISCHI DI MERCATO RISCHIO DI INTERESSE QUADRO N. 7 TASSI A BREVE E TASSI A LUNGO TERMINE RISCHIO DI CAMBIO; RISCHIO DI PORTAFOGLIO; RISCHIO DI LIQUIDITA ; RISCHIO DI CREDITO; BASILEA ; RISCHIO OPERATIVO; CREDIT DEFAULT SWAP QUADRO N. 8 LA RACCOLTA DEGLIINTERMEDIARI CREDITIZI RISCHIO DI REGOLAMENTO, RISCHIO PAESE, INSOLVENZE 5

6 QUADRO N. 9 - LA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE 7. ASPETTI STRUTTURALI DELL ATTIVITA BANCARIA INTERNAZIONALE 8. LA GESTIONE IN CAMBI 9. LA MONETA INTERNAZIONALE, MONETA DI RISERVA E MONETA CONVERTIBILE: RISERVE UFFICIALI DELLE BANCHE CENTRALI, DIRITTI SPECIALI DI PRELIEVO, SIGNORAGGIO 6

7 PREMESSA Parlando della struttura finanziaria dei paesi industrializzati si può affrontare l argomento a diversi livelli. Nel presente lavoro suddivideremo in quattro tappe i vari gradi di approfondimento (Figura n. 1). La prima tappa ci porterà ad analizzare la struttura finanziaria - o sistema finanziario del nostro Paese 7 che ci servirà come paradigma di base. Proseguendo nell analisi, al secondo livello affronteremo la struttura finanziaria dei principali Paesi industrializzati evidenziando alcune differenze tra i medesimi. Con l introduzione del quinto settore - quello estero - passeremo alla terza tappa dove l attenzione sarà posta sulla struttura finanziaria di un Paese rispetto al resto del mondo, per arrivare infine al quarto livello dove analizzeremo la tematica della struttura finanziaria dell economia mondiale. A questo punto è importante sottolineare che, quando analizzeremo la struttura finanziaria dei paesi industriali nei primi due livelli, ci limiteremo ad affrontare temi di finanza nazionale, mentre solo nei livelli terzo e quarto noi potremo parlare in senso stretto di finanza internazionale. Figura n. 1 Sistema finanziario Paesi Industrializzati: Italia Sistema finanziario Paesi Industrializzati e comparazione Finanza nazionale Sistema finanziario Paesi Industrializzati vs Resto del Mondo Finanza Internazionale Sistema finanziario Economia Mondiale 7 L analisi del Paese Italia al primo livello, corrisponde ad un esigenza didattica di rendere più agevole l apprendimento dei concetti, in quanto nella realtà con l avvento dell Unione Monetaria Europea noi dovremmo analizzare l aggregato Europeo. 7

8 FINANZA NAZIONALE E CONFRONTI INTERNAZIONALI 1 INTRODUZIONE Per sistema finanziario si intende 1'insieme degli strumenti, delle istituzioni, dei meccanismi di raccordo che assicurano il trasferimento dei saldi finanziari dalle unità in avanzo a quelle in disavanzo. Si rende quindi necessario, al fine di un'analisi delle strutture finanziarie dei Paesi industrializzati e di quelli in via di sviluppo, chiarire la definizione data, specificando le funzioni svolte da un sistema finanziario ed esaminando i concetti di saldo fìnanziario e di unità in avanzo e in disavanzo. 2 LA FUNZIONE DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA TRA CENTRI DI FORMAZIONE DEL RISPARMIO E CENTRI DI IMPIEGO DEL RISPARMIO. Con la nascita della moneta si sono prodotte le condizioni necessarie al sorgere delle strutture finanziarie; ma il vero "propellente al loro sviluppo è stato - ed è tuttora - il formarsi, presso alcuni operatori, di un'eccedenza fra risorse complessive di risparmio e impieghi in attività reali. La finanza ha come finalità quella di trasferire questi saldi eccedenti dagli operatori in avanzo ad altri che raccolgono tali fondi da investire in beni reali. Nella realtà 1'assunzione di debiti non ha sempre soltanto la finalità di predisporre i mezzi per l acquisto di attività reali, ma questa è certamente la più importante motivazione. Cosa si intende per saldo fïnanziario? Il concetto di saldo finanziario esprime la quantità di fondi che in un determinato periodo temporale si aggiunge ai fondi accumulatasi nei periodi precedenti. Si tratta di una "grandezza-flusso", rappresentazione di una "variazione" che non necessariamente corrisponde al risparmio (altra variabile-flusso). Il risparmio infatti è la differenza fra proventi correnti e spese correnti e solo in alcune circostanze prende integralmente la forma di saldo finanziario. Esso infatti potrebbe essere interamente e direttamente impiegato in investimenti reali: in questo caso, a fronte di risparmio vi sarebbe un saldo finanziario nullo. Potrebbe anche accadere che 1'investimento in beni reali sia superiore al risparmio presso una determinata unità economica: allora, pur essendovi un risparmio positivo, vi sarebbe un saldo finanziario negativo. 8

9 Analogamente, potrebbe accadere che, in un determinato periodo caratterizzato da un risparmio nullo, vi sia un disinvestimento di attività reali e quindi un saldo finanziario positivo. Usando i simboli (R per i proventi correnti, C per le spese correnti, S per il risparmio e AR per le variazioni degli investimenti in attività reali), i saldi finanziari (SF) sono evidenziabili, in prima approssimazione, dalla relazione: R C = S - AR = SF A questo punto è bene ricorrere al metodo dei flussi di fondi che si basa sui seguenti concetti fondamentali: 1. I1 sistema economico costituisce un insieme di attività di consumo e di produzione strettamente correlate le une alle altre, non solo in senso spaziale (in un luogo si consuma ciò che viene prodotto altrove), ma anche temporale (la produzione corrente è collegata con la produzione precedente non consumata) e con le caratteristiche tecniche dei beni in cui il risparmio è stato investito. 2. Nel sistema economico operano due categorie di aziende non omogenee dal punto di vista dell'ottenimento di risorse e dell'impiego di fondi: sono i centri di formazione del risparmio (CFS), o unità in avanzo finanziario e i centri di investimento del risparmio (CIS) o unità in disavanzo finanziario. 3. Lo strumento utilizzato per illustrare il modo in cui ogni soggetto ottiene e impiega le risorse è il conto delle fonti e degli impieghi di fondi, realizzato secondo le regole classiche della partita doppia (il totale degli impieghi deve essere uguale al totale delle fonti). 4. Si definisce attività reale (res=termine latino per cosa) un bene tangibile; si tratta di un elemento che compare solo nel bilancio del possessore, nella sezione "dare". Con attività finanziaria viene denominato, invece, il diritto ad una prestazione nei confronti di un altro soggetto, il quale, a sua volta, emette una passività finanziaria (spesso rappresentata da un titolo mobiliare). Per questo motivo, la posta corrispondente ad una attività o ad una passività finanziaria compare sia nel bilancio del possessore del diritto (attività, in "dare") sia in quello dell'emittente (passività, in "avere"). CENTRI DI FORMAZIONE DEL RISPARMIO (CFS) Attività reali (AR) Attività finanziarie (AF) Risparmio (S) 9

10 CENTRI DI IMPIEGO DEL RISPARMIO (CIS) Attività reali (AR) Passività finanziarie (PF) Risparmio (S) Per i CFS vale la relazione: S > AR con S = proventi correnti - spese correnti; mentre per i CIS: S < AR; ciò significa che, disponendo di un flusso di risorse interne maggiore di quanto non se ne utilizzino direttamente in spese correnti e in AR, i CFS sono fornitori netti di fondi (presentano un surplus finanziario). I CIS, presentando un deficit finanziario, sono richiedenti netti di fondi. Ad un aumento di passività finanziarie (per esempio attraverso l'ottenimento di un prestito) corrisponde un incremento di risorse disponibili; un decremento delle stesse (dovuto, per esempio, al rimborso di un prestito) implica una riduzione di risorse. Allo stesso modo accrescere le attività finanziarie (tramite la concessione di prestiti), significa aumentare gli impieghi di fondi mentre una riduzione delle medesime equivale ad una diminuzione degli impieghi. Nella seguente relazione il primo membro evidenzia le fonti di fondi e il secondo i1 loro impiego: S + PF = AR + AF Ai fini dell'analisi finanziaria è importante considerare la distribuzione dei saldi finanziari fra le varie categorie di operatori che compongono un sistema economico. Si noterà subito che le componenti fondamentali dei saldi finanziari sono quelle che influenzano la formazione dei redditi, dei consumi e degli investimenti diretti in attività reali. Inoltre, prescindendo temporaneamente dall'estero, ai saldi positivi di certe categorie devono necessariamente far fronte saldi negativi di pari importo di altre categorie. Per quanto dal punto di vista logico non vi sia alcuna difficoltà a svolgere il prosieguo dell'analisi considerando ogni soggetto separatamente da tutti gli altri, tuttavia i problemi 10

11 pratici che si incontrano con una metodologia di questo genere sono quasi insormontabili; se volessimo tener conto di tutti gli scambi, reali e finanziari che avvengono tra famiglia e famiglia, tra famiglia e impresa, tra impresa e impresa e se volessimo descrivere accuratamente tutte le attività produttive che si svolgono all'interno di ogni impresa, il numero delle operazioni che dovremmo rilevare risulterebbe così elevato da rendere assai arduo, per non dire impossibile, ogni tentativo di generalizzazione. In qualche modo, se vogliamo svolgere una analisi semplificata ma rigorosa, dobbiamo aggregare i vari soggetti in poche categorie e attuare un'operazione analoga anche per la tipologia di operazioni, di scambi, di rapporti che si instaurano fra loro. Ogni processo di aggregazione ci fa perdere alcune informazioni, perché, nel momento in cui consideriamo come un'unità due o più soggetti diversi, noi annulliamo con un tratto di penna tutti i rapporti che intercorrono fra loro, dato che, per ipotesi, li consideriamo come un tutt'uno. A fronte di questo costo abbiamo il vantaggio di ridurre la complessità del sistema il cui comportamento e le cui caratteristiche vogliamo esaminare. Le unità economiche finali vengono tradizionalmente "segmentate" in tre categorie: famiglie (o Centri di Formazione del Risparmio); imprese (o Centri di Impiego del Risparmio); pubblica amministrazione, che pure è un centro di impiego del risparmio, ma va tenuta distinta dalle imprese per le sue peculiarità. 11

12 La struttura dei saldi finanziari, cioè la loro intensità e distribuzione fra queste categorie, dipende da diversi fattori, fra i quali due assumono particolare importanza: il modello di distribuzione dei redditi e il rapporto fra finanza diretta e finanza indiretta. Il modello di distribuzione dei redditi - e quindi l'andamento del rapporto prezzi-salari-profitti incide, sui saldi delle imprese e su quelli delle famiglie: se ai lavoratori vengono distribuiti soltanto i redditi sufficienti ad alimentare i loro consumi e le imprese trattengono non solo i ricavi necessari per pagare i consumi correnti, ma anche quelli per fare gli investimenti, si formerà una struttura di saldi tendenti a zero in entrambe le categorie. E' il caso in particolare dei Paesi ad economia centralizzata e di alcuni Paesi in via di sviluppo. Al contrario, se alle famiglie venissero distribuiti redditi superiori, esse si troverebbero con saldi positivi e le imprese, qualora intendessero fare gli stessi investimenti dell'ipotesi precedente, con saldi negativi. Un ragionamento simile si può fare con riferimento alla finanza pubblica. Anche in questo caso, lo stato può scegliere fra un regime di relativamente bassa imposizione fiscale - in relazione alle spese - ed allora si formeranno saldi finanziari attivi presso le famiglie e le imprese e saldi negativi nei conti della pubblica amministrazione. Alternativamente, lo stato può imporre un carico fiscale maggiore: in tal caso - ovviamente a parità di altre condizioni - diminuiranno i saldi finanziari positivi di imprese e famiglie e parallelamente miglioreranno quelli negativi della pubblica amministrazione. Analizzando la struttura dei saldi finanziari di un'economia con questo schema concettuale, si scopre come i bisogni di finanza derivino dal modello di sviluppo e specificamente dalla distribuzione del valore aggiunto e siano quindi diversi e specifici da Paese a Paese. Sono superficiali certe affermazioni che, senza approfondire la struttura e l articolazione dei consumi e della pressione fiscale, attribuiscono ad una categoria, ad esempio alla pubblica amministrazione, il demerito di distruggere il risparmio accumulato dalle prime. I saldi finanziari di un settore non sono altro che il riflesso dei rapporti che si formano fra questo e gli altri settori. Lo studio dell'evoluzione dei saldi finanziari consente di valutare il fabbisogno di intermediazione e lo sviluppo della finanza. Un valore puntuale dei medesimi offre informazioni scarse e di limitata utilità. Per trarre elementi utili, è necessario esaminare la struttura dei saldi lungo due direzioni: a) prendendo i valori di un Paese per seguirne 1'evoluzione nel tempo (analisi temporale); 12

13 b) scegliendo un momento temporale per confrontare i valori con quelli di altri Paesi (analisi comparata). Prima di passare ad analizzare i saldi finanziari appare però utile analizzare l'andamento del risparmio del sistema economico italiano e in particolare la ricchezza delle famiglie italiane. Esso evidenzia due fenomeni fondamentali. Il primo è costituito dalla progressiva contrazione della quota del reddito nazionale che viene risparmiata, pur partendo da livelli assai elevati. Questo calo della propensione al risparmio è peraltro un fenomeno comune alla maggior parte dei Paesi industrializzati. Negli Stati Uniti fino alla crisi del 2008 la propensione al risparmio era negativa per poi nel corso del 2009 salire in modo significativo verso il 5% del reddito. II secondo fenomeno è rappresentato dal peso assolutamente preponderante delle famiglie nel processo di accumulazione del risparmio: questa categoria di operatori fornisce infatti almeno i 3/4 del risparmio totale in tutti gli ultimi venti anni. 3 LA RICCHEZZA DEGLI ITALIANI Nel 2007 l ammontare complessivo della ricchezza netta delle famiglie italiane 8, cioè la somma di attività reali (abitazioni, terreni, ecc.) e attività finanziarie (depositi, titoli, azioni, ecc.) meno i debiti (mutui, prestiti personali, ecc.), risulta pari a circa miliardi di euro (Tavv. 1A e 3A). E opportuno premettere che nel 1865 poco dopo l unificazione - l Italia aveva circa il 75% di analfabeti. Adesso siamo nel G20. Ma l essere diventati ricchi in così poco tempo rende l italiano molto prudente nei suoi investimenti, che in misura maggiore si riversano sui beni immobiliari (maggiore è la ricchezza reale verso la ricchezza finanziaria). Il 8 Informazioni e grafici successivi sono tratti da: Banca d Italia, Supplementi al Bollettino Statistico, La ricchezza delle famiglie italiane, Anno 2010, Numero 67, 20 dicembre

14 Governatore della Banca d Italia Mario Draghi nelle Considerazioni finali del 31 maggio 2010 scrive: La più grande sfida sul piano delle riforme strutturali fu affrontata quando l Italia appena unita entrò nel consesso europeo con il 75% di analfabeti, contro il 30 del Regno Unito e della Svezia. Governanti, amministratori, maestri, Nord e Sud, combatterono insieme la battaglia dell alfabetizzazione. Alla fine ci portammo su livelli europei. Fu questo uno dei fattori alla base del miracolo economico dell ultimo dopoguerra. Sempre Draghi, 2010: La struttura finanziaria dell Italia presenta molti punti di forza. La ricchezza accumulata delle famiglie è pari, al netto dei debiti, a quasi 2 volte il PIL nella sola 14

15 componente finanziaria, a circa 5 volte e mezzo includendo le proprietà immobiliari, livelli tra i più alti dell area dell euro. Sempre in rapporto al PIL, i debiti delle famiglie sono tra i più bassi dell area, quelli delle imprese inferiori alla media. LA RICCHEZZA DELLE FAMIGLIE ITALIANE I PRINCIPALI RISULTATI Alla fine del 2009 la ricchezza lorda delle famiglie italiane è stimabile in circa miliardi di euro, quella netta a miliardi, corrispondenti a circa 350 mila euro in media per famiglia. Le attività reali rappresentavano il 62,3 per cento della ricchezza lorda, le attività finanziarie il 37,7 per cento. Le passività finanziarie, pari a 860 miliardi di euro, rappresentavano il 9,1 per cento delle attività complessive. La ricchezza netta complessiva è aumentata tra la fine del 2008 e la fine del 2009 di circa l 1,1 per cento, per effetto di un aumento del valore delle attività finanziarie (2,4 per cento) superiore a quello delle passività (1,6 per cento); le attività reali hanno registrato un rialzo più lieve (0,4 per cento). A prezzi costanti, usando come deflatore quello dei consumi, l aumento della ricchezza complessiva è stato dell 1,3 per cento. Alla fine del 2009 la ricchezza in abitazioni detenuta dalle famiglie italiane poteva essere stimata in circa miliardi di euro. In termini reali la ricchezza in abitazioni è aumentata rispetto alla fine del 2008 dello 0,4 per cento. Secondo stime preliminari, nel primo semestre 2010 la ricchezza netta delle famiglie sarebbe diminuita dello 0,3 per cento in termini nominali, in seguito a una diminuzione delle attività finanziarie e a un aumento delle passività, che hanno più che compensato la 15

16 crescita delle attività reali. Secondo studi recenti, la quota di ricchezza netta mondiale posseduta dalle famiglie italiane sarebbe pari al 5,7 per cento, superiore alla quota italiana del PIL e della popolazione del mondo (rispettivamente pari a circa il 3 e l 1 per cento). Nel confronto internazionale le famiglie italiane risultano relativamente poco indebitate; l ammontare dei debiti è pari al 78 per cento del reddito disponibile lordo (in Germania e in Francia esso è circa del 100 per cento, mentre negli Stati Uniti e in Giappone è del 130 per cento). La distribuzione della ricchezza è caratterizzata da un elevato grado di concentrazione: molte famiglie detengono livelli modesti o nulli di ricchezza mentre all opposto poche dispongono di una ricchezza elevata. Le informazioni sulla distribuzione della ricchezza desunte dall indagine campionaria della Banca d Italia sui bilanci delle famiglie italiane indicano che nel 2009 la metà più povera delle famiglie italiane deteneva il 10 per cento della ricchezza totale, mentre il 10 per cento più ricco deteneva il 45 per cento della ricchezza complessiva. L indice di Gini, che varia tra 0 (minima concentrazione) e 1 (massima concentrazione), risulta pari a 0, Le attività reali A fine 2009 la quota di attività reali in abitazioni risultava pari a oltre l 82 per cento del totale delle attività reali e quella in fabbricati non residenziali a meno del 6 per cento. Impianti, macchinari, attrezzature, scorte e avviamento incidevano per poco meno del 6 per cento, mentre i terreni e gli oggetti di valore ammontavano rispettivamente al 4 e al 2 per cento circa. E opportuno - in relazione al forte peso delle attività reali nei portafoglio degli Italiani - riprendere il pensiero di Roberto Saviano espresso in modo impeccabile in 16

17 Gomorra : Gli imprenditori italiani vincenti provengono dal cemento. Loro stessi sono parte del ciclo del cemento. Lo so che prima di trasformarsi in uomini di fotomodelle, in manager da barca, in assalitori di gruppi finanziari, in acquirenti di quotidiani, prima di tutto questo e dietro tutto questo c è il cemento, le ditte in subappalto, la sabbia, il pietrisco, i camioncini zeppi di operai che lavorano di notte e scompaiono al mattino, le impalcature marce, le assicurazioni fasulle. Lo spessore delle pareti è ciò su cui poggiano i trascinatori dell economia italiana. La Costituzione dovrebbe mutare. Scrivere che si fonda sul cemento e sui costruttori. Sono loro i padri. Non Ferruccio Parri, non Luigi Einaudi, non Pietro Nenni, non il comandante Valerio. Furono i palazzi a tirare per lo scalpo l Italia affossata dal crac Sindona e dalla condanna senza appello del Fondo Monetario Internazionale. Cementifici, appalti, palazzi, quotidiani. Non esiste impero economico nato nel Mezzogiorno che non veda il passaggio nelle costruzioni. L imprenditore italiano che non ha i piedi del suo impero nel cemento non ha speranza alcuna. E il mestiere più semplice per far soldi nel più breve tempo possibile, conquistare fiducia...il talento del costruttore è quello del mediatore e del rapace...le banche italiane sanno accordare ai costruttori il massimo credito, diciamo che le banche italiane sembrano edificate per i costruttori...la concretezza del cemento e dei mattoni è l unica vera materialità che le banche italiane conoscono Le attività finanziarie Alla fine del 2009 il 44,2 per cento delle attività finanziarie era detenuto in obbligazioni private, titoli esteri, prestiti alle cooperative, azioni, partecipazioni e fondi comuni di investimento. Il contante, i depositi bancari e il risparmio postale rappresentavano meno di unterzo del complesso delle attività finanziarie; la quota investita direttamente dalle famiglie in titoli pubblici italiani era pari a poco più del 5 per cento. Le riserve tecniche di assicurazione, che rappresentano le somme accantonate dalle assicurazioni e dai fondi pensione per future prestazioni in favore delle famiglie, ammontavano al 17,7 per cento del totale delle attività finanziarie (Fig. 6). 9 Saviano Roberto, Gomorra, Mondadori, 2006, p

18 Durante il 2009 è proseguita la ricomposizione dei portafogli delle famiglie verso forme di investimento più liquide, quali i depositi in conto corrente e il risparmio postale, le cui quote di ricchezza finanziaria sono cresciute rispettivamente di 1,4 e 0,3 punti percentuali. Rispetto al 2008 si osserva comunque una riduzione della quota di ricchezza detenuta in titoli pubblici italiani, pari a oltre 2 punti percentuali, mentre è cresciuta quella detenuta in azioni e partecipazioni (aumento della quota di oltre un punto percentuale). Più in particolare si osserva una ricomposizione dei portafogli verso titoli esteri a discapito dei titoli italiani: la quota di ricchezza finanziaria detenuta in obbligazioni e azioni estere è cresciuta di oltre un punto percentuale mentre quella detenuta in obbligazioni e azioni italiane è diminuita di 1,8. Dopo la forte riduzione di ricchezza detenuta in fondi comuni d investimento osservata durante il 2008, il 2009 vede una ripresa seppur debole di questo comparto. Il confronto internazionale Alla fine del 2008 la ricchezza netta era pari a 7,8 volte il reddito disponibile lordo delle famiglie italiane, rapporto in linea con quello della Francia (7,5) e del Regno Unito (7,7), lievemente superiore a quello del Giappone (7), e significativamente superiore a quello del Canada (5,4) e degli Stati Uniti (4,8) (Tav. 1). Le attività reali detenute alla fine del 2008 dalle famiglie italiane erano pari a 5,4 volte il reddito disponibile, un valore di poco inferiore a quello della Francia (5,7), in linea con quello 18

19 del Regno Unito (5,2), ma superiore a quello degli Stati Uniti (2,2), del Canada (3,3) e del Giappone (3,4) (Tav. 1). Si conferma per l Italia una maggiore propensione all investimento immobiliare, che riflette tra l altro una struttura del sistema produttivo che vede la preponderanza delle microimprese familiari, per le quali gli immobili sono anche capitale d impresa.nel 2006, ultimo anno per il quale la disponibilità dei dati consente questo confronto, le attività reali delle famiglie italiane risultavano pari a 5,1 volte il reddito disponibile, un valore inferiore a quello di Regno Unito e Francia ma superiore a quello registrato negli Stati Uniti e in Germania (dove si riscontrava un valore rispettivamente pari a circa 3 e 4 volte il reddito disponibile delle famiglie) (Tav. 1). il 170% del reddito disponibile lordo rispettivamente in Francia, Germania, Stati Uniti e Regno Unito. 19

20 Analisi di distribuzione del reddito Uno dei metodi più semplici per misurare la disuguaglianza economica è quello rappresentato dalla curva di Lorenz, statistico statunitense che nel 1905 propose questa rappresentazione: Figura 1 Sull'asse orizzontale del grafico sono rappresentate le percentuali di famiglie che appartengono a una data popolazione, ordinate in maniera crescente in base al reddito. Sull'asse verticale viene riportata invece la parte del reddito totale detenuta da ciascuna quota di famiglie. L'indice normalmente utilizzato per misurare la disuguaglianza è quello di Gini 10, pari al rapporto tra l'area A e la somma delle aree A e B. Tale indice vale 0 quando il reddito è ugualmente distribuito (la curva coincide con la diagonale e quindi l'area A è nulla) mentre vale 1 (ovvero 100% in termini percentuali) quando si ha la disuguaglianza massima (una sola famiglia detiene tutto il reddito). Perciò l'indice di Gini aumenta con 10 Corrado Gini ( ), è stato nel 1926 il primo presidente dell'istat. Statistico, demografo e fondatore nel 1936 della prima facoltà di Scienze statistiche a Roma, lavorò per un trentennio all'individuazione di condizioni adatte all'aumento di popolazione (diminuzione della mortalità infantile, miglioramento delle condizioni ambientali urbane, ritorno al ruralismo, attuazione delle condizioni più favorevoli al concepimento). 20

LA QUESTIONE MERIDIONALE

LA QUESTIONE MERIDIONALE ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI Centro Linceo Interdisciplinare Beniamino Segre I LINCEI PER LA SCUOLA Lezioni Lincee di Economia Roma, 9 febbraio 2011 LA QUESTIONE MERIDIONALE Anna Giunta agiunta@uniroma3.it

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO Luca Limonta Nella lezione del 30 aprile abbiamo analizzato 4 punti: 1- L evoluzione delle classi sociali nel tempo 2- Le prime rilevazioni statistiche 3- I poveri, una classe particolare 4- L indice di

Dettagli

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa 1. Il surplus persistente della bilancia dei pagamenti correnti giapponese

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

La Stampa in Italia (2010 2012)

La Stampa in Italia (2010 2012) (2010 2012) Roma 5 giugno 2013 La crisi dell editoria quotidiana e periodica: la negativa congiuntura economica, l evoluzione tecnologica e i fattori di criticità strutturali L editoria quotidiana e periodica

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Il capitale nel XXI secolo di T. Piketty. Roberto Tamborini Università di Trento, Dipartimento di Economia e Management

Il capitale nel XXI secolo di T. Piketty. Roberto Tamborini Università di Trento, Dipartimento di Economia e Management Il capitale nel XXI secolo di T. Piketty Roberto Tamborini Università di Trento, Dipartimento di Economia e Management Di cosa parla il libro Il capitale di Piketty non è il Capitale di Marx Ricchezza

Dettagli

LA DISUGUAGLIANZA NEL MONDO TENDENZE RECENTI

LA DISUGUAGLIANZA NEL MONDO TENDENZE RECENTI Corso Avanzato di Economia dello Sviluppo LA DISUGUAGLIANZA NEL MONDO TENDENZE RECENTI Pier Giorgio Ardeni Dipartimento di Scienze Economiche November 28, 2012 1 La disuguaglianza nel mondo Diseguaglianza

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Pianificare il futuro

Pianificare il futuro Pianificare il futuro THINK private. Linea Planning Banca Fideuram Banca Fideuram è uno dei principali protagonisti del private banking in Europa, con oltre 50 miliardi di euro di attività in gestione.

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 4. LA NECESSITÀ DELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA. Una visione d insieme. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 4. LA NECESSITÀ DELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA. Una visione d insieme. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 4. LA NECESSITÀ DELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA 1. Una visione d insieme 2. I settori istituzionali 3. I saldi finanziari 4. Le Famiglie 5.

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Il ruolo delle piattaforme nella distribuzione dei Fondi. Milano 28 gennaio 2015

Il ruolo delle piattaforme nella distribuzione dei Fondi. Milano 28 gennaio 2015 Il ruolo delle piattaforme nella distribuzione dei Fondi Milano 28 gennaio 2015 Stefano Sardelli Direttore Generale Presidente MILLENNIUM Sim La demografia incide in modo molto importante sulla crescita

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29%

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Tra le vittime di episodi di bullismo 42% Tra chi ha compiuto atti di bullismo Non coinvolti

Dettagli

Figli e denaro: verso il futuro

Figli e denaro: verso il futuro Educare al futuro: il ruolo dell educazione finanziaria Francesco Saita CAREFIN, Università Bocconi Figli e denaro: verso il futuro FAES PattiChiari, Milano, 12 ottobre 2013 1 Introduzione Parlare di educazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011 Macroeconomia Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Nuovo Orario Riassunto lezione precedente Definizione e misurazione: PIL

Dettagli

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011 STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Redditi, consumi e risparmi delle a confronto con le Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle in Italia nel 2008 Agosto 2011 1 CONSIDERAZIONI E

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

I processi decisionali all interno delle coppie

I processi decisionali all interno delle coppie 9 aprile 2003 I processi decisionali all interno delle coppie Nel 2001 l indagine Panel europeo sulle famiglie ha dedicato una particolare attenzione agli aspetti legati ai processi decisionali all interno

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

Uno sguardo sull istruzione: Indicatori dell OCSE 2012

Uno sguardo sull istruzione: Indicatori dell OCSE 2012 SCHEDA PAESE Uno sguardo sull istruzione: Indicatori dell OCSE 2012 PRINCIPALI CONCLUSIONI ITALIA I tassi d iscrizione all università sono aumentati dopo che l Italia ha introdotto una nuova struttura

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Moneta e Tasso di cambio

Moneta e Tasso di cambio Moneta e Tasso di cambio Come si forma il tasso di cambio? Determinanti del tasso di cambio nel breve periodo Determinanti del tasso di cambio nel lungo periodo Che cos è la moneta? Il controllo dell offerta

Dettagli

IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI. a cura di Claudio Picozza

IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI. a cura di Claudio Picozza IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI a cura di Claudio Picozza 1 CONTABILITA NAZIONALE E CONTI ECONOMICI NAZIONALI La Contabilità Nazionale è rappresentata da l'insieme di tutti i conti economici che

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Comunicato stampa GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA: I RISULTATI DI BILANCIO 2008 CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Dati economici consolidati riclassificati Proventi Operativi Netti

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Ma i poveri studiano con i soldi dei poveri La Voce.info. Andrea Ichino e Daniele Terlizzese

Ma i poveri studiano con i soldi dei poveri La Voce.info. Andrea Ichino e Daniele Terlizzese Ma i poveri studiano con i soldi dei poveri La Voce.info Andrea Ichino e Daniele Terlizzese Nel giudicare l equità del trasferimento di risorse implicito nel finanziamento pubblico degli atenei va considerato

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!!

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! A comprare il nostro Paese sono pronte le maggiori istituzioni finanziarie internazionali che,

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

BASILEA 3. L Imprenditore, la Media Impresa e la Finanza oggi. Costantino Di Carlo Alberto Camporesi

BASILEA 3. L Imprenditore, la Media Impresa e la Finanza oggi. Costantino Di Carlo Alberto Camporesi Costantino Di Carlo Alberto Camporesi PREMESSA Fino alla metà degli Anni 90 prevaleva nel dialogo Banca Impresa l attenzione su fatti patrimoniali (prevalentemente immobiliari) e relazioni interpersonali

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

L INDAGINE TECNOBORSA 2004: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE - IL RICORSO ALLE ASTE IMMOBILIARI E AI MUTUI

L INDAGINE TECNOBORSA 2004: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE - IL RICORSO ALLE ASTE IMMOBILIARI E AI MUTUI L INDAGINE TECNOBORSA 2004: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE - IL RICORSO ALLE ASTE IMMOBILIARI E AI MUTUI a cura di Giovanni Chessa e Alice Ciani Centro Studi sull Economia Immobiliare di

Dettagli

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Introduzione Un aspetto al quale è stata dedicata relativamente poca attenzione durante gli

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013 Seminario "La qualità della scuola: che cosa fa il mondo, che cosa può fare l'italia" Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro Milano,

Dettagli

www.statigeneralidelleditoria.it

www.statigeneralidelleditoria.it www.statigeneralidelleditoria.it Stati generali dell editoria 2008 Più cultura, più lettura, più Paese: scommettere sui giovani Scommettere sui giovani La sintesi della ricerca Iard La lettura dei libri

Dettagli

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI In un contesto ancora debole, il esprime una redditività in crescita continuando

Dettagli

Obiettivi della lezione #4

Obiettivi della lezione #4 Obiettivi della lezione #4 La lezione oggi affronta i seguenti temi: modelli DCF: valore attuale netto e rendimento (saggio di rendimento interno) di un progetto il ruolo delle modalità di finanziamento

Dettagli

zurich open flex i passi giusti per il futuro

zurich open flex i passi giusti per il futuro zurich open flex i passi giusti per il futuro zurich open flex i passi giusti per il futuro Zurich Open Flex è la polizza unit linked pensata da Zurich Investments life per rispondere alle tue domande

Dettagli

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Il concetto di Economia aperta si applica ai mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

La politica dell entrata

La politica dell entrata La politica dell entrata Le entrate dello Stato si classificano in: 1.Entrate tributarie: rappresentano la parte più consistente delle entrate statali e sono costituite da: Imposte=sono prelievi obbligatori

Dettagli

IL GENIO DEL SALVADANAIO

IL GENIO DEL SALVADANAIO IL GENIO DEL SALVADANAIO L importanza di un Fondo Pensione per i giovani. Al tuo fianco, ogni giorno 6 ANNI L ISCRIZIONE AL FONDO PENSIONE Chiara ha 6 anni e il padre ha deciso di regalarle il Genio del

Dettagli

Cassa depositi e prestiti

Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti Il Gruppo Cassa depositi e prestiti opera a sostegno della crescita del Paese ed impiega le sue risorse, prevalentemente raccolte attraverso il Risparmio Postale (Buoni fruttiferi

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 10 Il mercato valutario La strategia di copertura della Volkswagen 10-3 La Volkswagen, il più grande produttore europeo di autovetture, ha comunicato una diminuzione

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p.

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p. Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p.

Dettagli

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA Prof.ssa Stefania Manfrellotti 2 LA I GUERRA MONDIALE Con lo scoppio della prima guerra mondiale, le spese dello Stato

Dettagli

PIL : produzione e reddito

PIL : produzione e reddito PIL : produzione e reddito La misura della produzione aggregata nella contabilità nazionale è il prodotto interno lordo o PIL. Dal lato della produzione : oppure 1) Il PIL è il valore dei beni e dei servizi

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2016

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2016 L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE Edizione 2016 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila).

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila). COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2010, a sei mesi dal termine di presentazione (settembre

Dettagli

Aspettative, consumo e investimento

Aspettative, consumo e investimento Aspettative, consumo e investimento In questa lezione: Studiamo come le aspettative di reddito e ricchezza futuro determinano le decisioni di consumo e investimento degli individui. Studiamo cosa determina

Dettagli

L investimento immobiliare delle Casse e degli Enti di Previdenza privatizzati: cosa è cambiato nell ultimo anno

L investimento immobiliare delle Casse e degli Enti di Previdenza privatizzati: cosa è cambiato nell ultimo anno L investimento immobiliare delle Casse e degli di Previdenza privatizzati: cosa è cambiato nell ultimo anno Pubblicato su Il Settimanale di Quotidiano Immobiliare del 27/04/2013 n. 19 Introduzione Dopo

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli