III a DISPENSA di ECONOMIA E TECNICA DEGLI SCAMBI INTERNAZIONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "III a DISPENSA di ECONOMIA E TECNICA DEGLI SCAMBI INTERNAZIONALI"

Transcript

1 Prof. Beniamino A. Piccone Con la supervisione del Prof. Francesco Arcucci III a DISPENSA di ECONOMIA E TECNICA DEGLI SCAMBI INTERNAZIONALI Finanza internazionale: Struttura finanziaria dei Paesi industrializzati, attività finanziaria e bancaria internazionale, gli investitori istituzionali internazionali A.A I PARTE 1

2 Ai miei genitori che mi sono sempre stati vicini, senza esagerare 2

3 Il futuro non è più quello di una volta, Paul Valéry 1 La fortuna non esiste, Mario Calabresi 2 La vie ne fait pas de cadeaux, Jacques Brel 3 Se fallisci un affare, puoi rifarti. Se perdi l onore puoi riscattarti. Se smarrisci il coraggio, allora hai perso davvero, Mario Draghi 4 Occorre compiere fino in fondo il proprio dovere, qualunque sia il sacrificio da sopportare, costi quel che costi, perché è in ciò che sta l'essenza della dignità umana, Giovanni Falcone 5 Questo è quello che voglio sottolineare oggi: la responsabilità di ciascuno di voi nella vostra educazione. Parto da quella che avete nei confronti di voi stessi. Ognuno di voi sa far bene qualcosa, ha qualcosa da offrire. Avere la responsabilità di scoprirlo. Che cosa farete della vostra possibilità di ricevere un istruzione deciderà il futuro di questo Paese. Ciò che oggi studiate domani sarà decisivo per decidere se noi come nazione sapremo raccogliere le sfide che ci riserva il futuro. Qualunque cosa facciate, voglio che vi dedichiate. So che a volte la tv vi dà l impressione di poter diventare ricchi e famosi senza dover davvero lavorare, diventando una star del basket o un rapper, o protagonista di un reality. Ma è poco probabile, la verità è che il successo è duro da conquistare...quindi da voi quest anno mi aspetto serietà. Mi aspetto il massimo dell impegno in qualsiasi cosa voi facciate. Mi aspetto grandi cose, da ognuno di voi. Rendeteci orgogliosi di voi. So che potete farlo. Barack Obama 6 1 Ambroise-Paul-Toussaint-Jules Valéry ( ), poeta francese. 2 Mario Calabresi, La fortuna non esiste. Storia di uomini e donne che hanno avuto il coraggio di rialzarsi, Mondadori, Jacques Brel ( ) è stato un cantautore e compositore belga di lingua francese. La vita non fa regali, la vita è difficile e bisogna affrontarla con attenzione dando il meglio di noi stessi. 4 Governatore della Banca d Italia, attualmente Presidente del Financial Stability Board 5 Giovanni Falcone (Palermo, 18 maggio 1939 Palermo, 23 maggio 1992) è stato un magistrato italiano, tra i padri della lotta alla mafia, ed è considerato un eroe italiano, come Paolo Borsellino, di cui fu amico e collega. Si consiglia la lettura di G. Falcone, Cose di Cosa Nostra, Rizzoli, Barack Obama, estratto del discorso di saluto che il Presidente degli Stati Uniti ha fatto agli studenti per l apertura dell anno scolastico, 8 settembre

4 INDICE PREMESSA FINANZA NAZIONALE E COMPARAZIONI INTERNAZIONALI 1. INTRODUZIONE 2. LA FUNZIONE DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA TRA CENTRI DI FORMAZIONE DEL RISPARMIO E CENTRI DI IMPIEGO DEL RISPARMIO 3. LA RICCHEZZA DEGLI ITALIANI Il confronto internazionale Analisi di distribuzione del reddito QUADRO N. 1 LA CONCORRENZA Analisi temporale dei saldi finanziari Analisi comparata dei saldi finanziari 4. LA FINANZA INDIRETTA 4a LA BANCA CENTRALE 4b IL SISTEMA BANCARIO Modello banca specializzata Modello banca universale Retail banking Corporate banking - Private banking Modello gruppo polifunzionale Gli sviluppi recenti del sistema bancario 4c GLI INTERMEDIARI NON BANCARI Fondi comuni di investimento aperti ; QUADRO N. 2 I GESTORI ACTIVIST CESR e UCITS; classificazione dei fondi aperti; QUADRO N. 3 IL CAPITALISMO ALL ITALIANA E I BENEFICI PRIVATI DEL CONTROLLO Le componenti di costo dei fondi comuni aperti; la vigilanza; la crisi del risparmio gestito italiano; il credito d imposta; fondi chiusi, hedge funds e loro classificazione, confronto internazionale, il ruolo degli hedge fund nella crisi, fondi immobiliari; indici Fondi pensione; la previdenza complementare, confronto internazionale Le società assicurative, polizze unit linked e index linked Le società finanziarie: SIM e SGR I fondi sovrani Considerazioni finali sul risparmio gestito 5. LA FINANZA DIRETTA 4

5 La finanza non strutturata La finanza strutturata, le borse valori, i centri borsistici; QUADRO N. 4 - I PAESI EMERGENTI Gli operatori, le condizioni per l ammissione alla quotazione, modalità organizzative per la formazione del prezzo Le autorità di controllo QUADRO N. 5 PAOLO BAFFI E GIORGIO AMBROSOLI Insider trading e OPA Il fondo di garanzia e la Cassa di Compensazione e Garanzia Come si evolvono i prezzi: random walk theory, analisi fondamentale; teoria della riflessività; analisi tecnica Appendici: 1) Dalla previdenza familiare alla previdenza sociale e alla responsabilità del proprio futuro; 2) Fondi pensione e Advisory: una grande opportunità 3) I mercati gestiti da Borsa Italiana S.p.A., LSE Group QUADRO N. 6 I MERCATI FUTURES 4) Il price/earning ratio e l equity risk premium 5) Il processo di integrazione delle borse FINANZA INTERNAZIONALE 1. INTRODUZIONE ALL ATTIVITA FINANZIARIA INTERNAZIONALE 2. DALLA FINANZA NAZIONALE ALLA FINANZA INTERNAZIONALE 3. CENTRI FINANZIARI NAZIONALI E I CENTRI OFF-SHORE 4. FINANZA INTERNAZIONALE NETTA E LORDA 5. L ATTIVITA BANCARIA INTERNAZIONALE 6. LA GESTIONE DEL RISCHIO: RISCHI DI MERCATO RISCHIO DI INTERESSE QUADRO N. 7 TASSI A BREVE E TASSI A LUNGO TERMINE RISCHIO DI CAMBIO; RISCHIO DI PORTAFOGLIO; RISCHIO DI LIQUIDITA ; RISCHIO DI CREDITO; BASILEA ; RISCHIO OPERATIVO; CREDIT DEFAULT SWAP QUADRO N. 8 LA RACCOLTA DEGLIINTERMEDIARI CREDITIZI RISCHIO DI REGOLAMENTO, RISCHIO PAESE, INSOLVENZE 5

6 QUADRO N. 9 - LA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE 7. ASPETTI STRUTTURALI DELL ATTIVITA BANCARIA INTERNAZIONALE 8. LA GESTIONE IN CAMBI 9. LA MONETA INTERNAZIONALE, MONETA DI RISERVA E MONETA CONVERTIBILE: RISERVE UFFICIALI DELLE BANCHE CENTRALI, DIRITTI SPECIALI DI PRELIEVO, SIGNORAGGIO 6

7 PREMESSA Parlando della struttura finanziaria dei paesi industrializzati si può affrontare l argomento a diversi livelli. Nel presente lavoro suddivideremo in quattro tappe i vari gradi di approfondimento (Figura n. 1). La prima tappa ci porterà ad analizzare la struttura finanziaria - o sistema finanziario del nostro Paese 7 che ci servirà come paradigma di base. Proseguendo nell analisi, al secondo livello affronteremo la struttura finanziaria dei principali Paesi industrializzati evidenziando alcune differenze tra i medesimi. Con l introduzione del quinto settore - quello estero - passeremo alla terza tappa dove l attenzione sarà posta sulla struttura finanziaria di un Paese rispetto al resto del mondo, per arrivare infine al quarto livello dove analizzeremo la tematica della struttura finanziaria dell economia mondiale. A questo punto è importante sottolineare che, quando analizzeremo la struttura finanziaria dei paesi industriali nei primi due livelli, ci limiteremo ad affrontare temi di finanza nazionale, mentre solo nei livelli terzo e quarto noi potremo parlare in senso stretto di finanza internazionale. Figura n. 1 Sistema finanziario Paesi Industrializzati: Italia Sistema finanziario Paesi Industrializzati e comparazione Finanza nazionale Sistema finanziario Paesi Industrializzati vs Resto del Mondo Finanza Internazionale Sistema finanziario Economia Mondiale 7 L analisi del Paese Italia al primo livello, corrisponde ad un esigenza didattica di rendere più agevole l apprendimento dei concetti, in quanto nella realtà con l avvento dell Unione Monetaria Europea noi dovremmo analizzare l aggregato Europeo. 7

8 FINANZA NAZIONALE E CONFRONTI INTERNAZIONALI 1 INTRODUZIONE Per sistema finanziario si intende 1'insieme degli strumenti, delle istituzioni, dei meccanismi di raccordo che assicurano il trasferimento dei saldi finanziari dalle unità in avanzo a quelle in disavanzo. Si rende quindi necessario, al fine di un'analisi delle strutture finanziarie dei Paesi industrializzati e di quelli in via di sviluppo, chiarire la definizione data, specificando le funzioni svolte da un sistema finanziario ed esaminando i concetti di saldo fìnanziario e di unità in avanzo e in disavanzo. 2 LA FUNZIONE DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA TRA CENTRI DI FORMAZIONE DEL RISPARMIO E CENTRI DI IMPIEGO DEL RISPARMIO. Con la nascita della moneta si sono prodotte le condizioni necessarie al sorgere delle strutture finanziarie; ma il vero "propellente al loro sviluppo è stato - ed è tuttora - il formarsi, presso alcuni operatori, di un'eccedenza fra risorse complessive di risparmio e impieghi in attività reali. La finanza ha come finalità quella di trasferire questi saldi eccedenti dagli operatori in avanzo ad altri che raccolgono tali fondi da investire in beni reali. Nella realtà 1'assunzione di debiti non ha sempre soltanto la finalità di predisporre i mezzi per l acquisto di attività reali, ma questa è certamente la più importante motivazione. Cosa si intende per saldo fïnanziario? Il concetto di saldo finanziario esprime la quantità di fondi che in un determinato periodo temporale si aggiunge ai fondi accumulatasi nei periodi precedenti. Si tratta di una "grandezza-flusso", rappresentazione di una "variazione" che non necessariamente corrisponde al risparmio (altra variabile-flusso). Il risparmio infatti è la differenza fra proventi correnti e spese correnti e solo in alcune circostanze prende integralmente la forma di saldo finanziario. Esso infatti potrebbe essere interamente e direttamente impiegato in investimenti reali: in questo caso, a fronte di risparmio vi sarebbe un saldo finanziario nullo. Potrebbe anche accadere che 1'investimento in beni reali sia superiore al risparmio presso una determinata unità economica: allora, pur essendovi un risparmio positivo, vi sarebbe un saldo finanziario negativo. 8

9 Analogamente, potrebbe accadere che, in un determinato periodo caratterizzato da un risparmio nullo, vi sia un disinvestimento di attività reali e quindi un saldo finanziario positivo. Usando i simboli (R per i proventi correnti, C per le spese correnti, S per il risparmio e AR per le variazioni degli investimenti in attività reali), i saldi finanziari (SF) sono evidenziabili, in prima approssimazione, dalla relazione: R C = S - AR = SF A questo punto è bene ricorrere al metodo dei flussi di fondi che si basa sui seguenti concetti fondamentali: 1. I1 sistema economico costituisce un insieme di attività di consumo e di produzione strettamente correlate le une alle altre, non solo in senso spaziale (in un luogo si consuma ciò che viene prodotto altrove), ma anche temporale (la produzione corrente è collegata con la produzione precedente non consumata) e con le caratteristiche tecniche dei beni in cui il risparmio è stato investito. 2. Nel sistema economico operano due categorie di aziende non omogenee dal punto di vista dell'ottenimento di risorse e dell'impiego di fondi: sono i centri di formazione del risparmio (CFS), o unità in avanzo finanziario e i centri di investimento del risparmio (CIS) o unità in disavanzo finanziario. 3. Lo strumento utilizzato per illustrare il modo in cui ogni soggetto ottiene e impiega le risorse è il conto delle fonti e degli impieghi di fondi, realizzato secondo le regole classiche della partita doppia (il totale degli impieghi deve essere uguale al totale delle fonti). 4. Si definisce attività reale (res=termine latino per cosa) un bene tangibile; si tratta di un elemento che compare solo nel bilancio del possessore, nella sezione "dare". Con attività finanziaria viene denominato, invece, il diritto ad una prestazione nei confronti di un altro soggetto, il quale, a sua volta, emette una passività finanziaria (spesso rappresentata da un titolo mobiliare). Per questo motivo, la posta corrispondente ad una attività o ad una passività finanziaria compare sia nel bilancio del possessore del diritto (attività, in "dare") sia in quello dell'emittente (passività, in "avere"). CENTRI DI FORMAZIONE DEL RISPARMIO (CFS) Attività reali (AR) Attività finanziarie (AF) Risparmio (S) 9

10 CENTRI DI IMPIEGO DEL RISPARMIO (CIS) Attività reali (AR) Passività finanziarie (PF) Risparmio (S) Per i CFS vale la relazione: S > AR con S = proventi correnti - spese correnti; mentre per i CIS: S < AR; ciò significa che, disponendo di un flusso di risorse interne maggiore di quanto non se ne utilizzino direttamente in spese correnti e in AR, i CFS sono fornitori netti di fondi (presentano un surplus finanziario). I CIS, presentando un deficit finanziario, sono richiedenti netti di fondi. Ad un aumento di passività finanziarie (per esempio attraverso l'ottenimento di un prestito) corrisponde un incremento di risorse disponibili; un decremento delle stesse (dovuto, per esempio, al rimborso di un prestito) implica una riduzione di risorse. Allo stesso modo accrescere le attività finanziarie (tramite la concessione di prestiti), significa aumentare gli impieghi di fondi mentre una riduzione delle medesime equivale ad una diminuzione degli impieghi. Nella seguente relazione il primo membro evidenzia le fonti di fondi e il secondo i1 loro impiego: S + PF = AR + AF Ai fini dell'analisi finanziaria è importante considerare la distribuzione dei saldi finanziari fra le varie categorie di operatori che compongono un sistema economico. Si noterà subito che le componenti fondamentali dei saldi finanziari sono quelle che influenzano la formazione dei redditi, dei consumi e degli investimenti diretti in attività reali. Inoltre, prescindendo temporaneamente dall'estero, ai saldi positivi di certe categorie devono necessariamente far fronte saldi negativi di pari importo di altre categorie. Per quanto dal punto di vista logico non vi sia alcuna difficoltà a svolgere il prosieguo dell'analisi considerando ogni soggetto separatamente da tutti gli altri, tuttavia i problemi 10

11 pratici che si incontrano con una metodologia di questo genere sono quasi insormontabili; se volessimo tener conto di tutti gli scambi, reali e finanziari che avvengono tra famiglia e famiglia, tra famiglia e impresa, tra impresa e impresa e se volessimo descrivere accuratamente tutte le attività produttive che si svolgono all'interno di ogni impresa, il numero delle operazioni che dovremmo rilevare risulterebbe così elevato da rendere assai arduo, per non dire impossibile, ogni tentativo di generalizzazione. In qualche modo, se vogliamo svolgere una analisi semplificata ma rigorosa, dobbiamo aggregare i vari soggetti in poche categorie e attuare un'operazione analoga anche per la tipologia di operazioni, di scambi, di rapporti che si instaurano fra loro. Ogni processo di aggregazione ci fa perdere alcune informazioni, perché, nel momento in cui consideriamo come un'unità due o più soggetti diversi, noi annulliamo con un tratto di penna tutti i rapporti che intercorrono fra loro, dato che, per ipotesi, li consideriamo come un tutt'uno. A fronte di questo costo abbiamo il vantaggio di ridurre la complessità del sistema il cui comportamento e le cui caratteristiche vogliamo esaminare. Le unità economiche finali vengono tradizionalmente "segmentate" in tre categorie: famiglie (o Centri di Formazione del Risparmio); imprese (o Centri di Impiego del Risparmio); pubblica amministrazione, che pure è un centro di impiego del risparmio, ma va tenuta distinta dalle imprese per le sue peculiarità. 11

12 La struttura dei saldi finanziari, cioè la loro intensità e distribuzione fra queste categorie, dipende da diversi fattori, fra i quali due assumono particolare importanza: il modello di distribuzione dei redditi e il rapporto fra finanza diretta e finanza indiretta. Il modello di distribuzione dei redditi - e quindi l'andamento del rapporto prezzi-salari-profitti incide, sui saldi delle imprese e su quelli delle famiglie: se ai lavoratori vengono distribuiti soltanto i redditi sufficienti ad alimentare i loro consumi e le imprese trattengono non solo i ricavi necessari per pagare i consumi correnti, ma anche quelli per fare gli investimenti, si formerà una struttura di saldi tendenti a zero in entrambe le categorie. E' il caso in particolare dei Paesi ad economia centralizzata e di alcuni Paesi in via di sviluppo. Al contrario, se alle famiglie venissero distribuiti redditi superiori, esse si troverebbero con saldi positivi e le imprese, qualora intendessero fare gli stessi investimenti dell'ipotesi precedente, con saldi negativi. Un ragionamento simile si può fare con riferimento alla finanza pubblica. Anche in questo caso, lo stato può scegliere fra un regime di relativamente bassa imposizione fiscale - in relazione alle spese - ed allora si formeranno saldi finanziari attivi presso le famiglie e le imprese e saldi negativi nei conti della pubblica amministrazione. Alternativamente, lo stato può imporre un carico fiscale maggiore: in tal caso - ovviamente a parità di altre condizioni - diminuiranno i saldi finanziari positivi di imprese e famiglie e parallelamente miglioreranno quelli negativi della pubblica amministrazione. Analizzando la struttura dei saldi finanziari di un'economia con questo schema concettuale, si scopre come i bisogni di finanza derivino dal modello di sviluppo e specificamente dalla distribuzione del valore aggiunto e siano quindi diversi e specifici da Paese a Paese. Sono superficiali certe affermazioni che, senza approfondire la struttura e l articolazione dei consumi e della pressione fiscale, attribuiscono ad una categoria, ad esempio alla pubblica amministrazione, il demerito di distruggere il risparmio accumulato dalle prime. I saldi finanziari di un settore non sono altro che il riflesso dei rapporti che si formano fra questo e gli altri settori. Lo studio dell'evoluzione dei saldi finanziari consente di valutare il fabbisogno di intermediazione e lo sviluppo della finanza. Un valore puntuale dei medesimi offre informazioni scarse e di limitata utilità. Per trarre elementi utili, è necessario esaminare la struttura dei saldi lungo due direzioni: a) prendendo i valori di un Paese per seguirne 1'evoluzione nel tempo (analisi temporale); 12

13 b) scegliendo un momento temporale per confrontare i valori con quelli di altri Paesi (analisi comparata). Prima di passare ad analizzare i saldi finanziari appare però utile analizzare l'andamento del risparmio del sistema economico italiano e in particolare la ricchezza delle famiglie italiane. Esso evidenzia due fenomeni fondamentali. Il primo è costituito dalla progressiva contrazione della quota del reddito nazionale che viene risparmiata, pur partendo da livelli assai elevati. Questo calo della propensione al risparmio è peraltro un fenomeno comune alla maggior parte dei Paesi industrializzati. Negli Stati Uniti fino alla crisi del 2008 la propensione al risparmio era negativa per poi nel corso del 2009 salire in modo significativo verso il 5% del reddito. II secondo fenomeno è rappresentato dal peso assolutamente preponderante delle famiglie nel processo di accumulazione del risparmio: questa categoria di operatori fornisce infatti almeno i 3/4 del risparmio totale in tutti gli ultimi venti anni. 3 LA RICCHEZZA DEGLI ITALIANI Nel 2007 l ammontare complessivo della ricchezza netta delle famiglie italiane 8, cioè la somma di attività reali (abitazioni, terreni, ecc.) e attività finanziarie (depositi, titoli, azioni, ecc.) meno i debiti (mutui, prestiti personali, ecc.), risulta pari a circa miliardi di euro (Tavv. 1A e 3A). E opportuno premettere che nel 1865 poco dopo l unificazione - l Italia aveva circa il 75% di analfabeti. Adesso siamo nel G20. Ma l essere diventati ricchi in così poco tempo rende l italiano molto prudente nei suoi investimenti, che in misura maggiore si riversano sui beni immobiliari (maggiore è la ricchezza reale verso la ricchezza finanziaria). Il 8 Informazioni e grafici successivi sono tratti da: Banca d Italia, Supplementi al Bollettino Statistico, La ricchezza delle famiglie italiane, Anno 2010, Numero 67, 20 dicembre

14 Governatore della Banca d Italia Mario Draghi nelle Considerazioni finali del 31 maggio 2010 scrive: La più grande sfida sul piano delle riforme strutturali fu affrontata quando l Italia appena unita entrò nel consesso europeo con il 75% di analfabeti, contro il 30 del Regno Unito e della Svezia. Governanti, amministratori, maestri, Nord e Sud, combatterono insieme la battaglia dell alfabetizzazione. Alla fine ci portammo su livelli europei. Fu questo uno dei fattori alla base del miracolo economico dell ultimo dopoguerra. Sempre Draghi, 2010: La struttura finanziaria dell Italia presenta molti punti di forza. La ricchezza accumulata delle famiglie è pari, al netto dei debiti, a quasi 2 volte il PIL nella sola 14

15 componente finanziaria, a circa 5 volte e mezzo includendo le proprietà immobiliari, livelli tra i più alti dell area dell euro. Sempre in rapporto al PIL, i debiti delle famiglie sono tra i più bassi dell area, quelli delle imprese inferiori alla media. LA RICCHEZZA DELLE FAMIGLIE ITALIANE I PRINCIPALI RISULTATI Alla fine del 2009 la ricchezza lorda delle famiglie italiane è stimabile in circa miliardi di euro, quella netta a miliardi, corrispondenti a circa 350 mila euro in media per famiglia. Le attività reali rappresentavano il 62,3 per cento della ricchezza lorda, le attività finanziarie il 37,7 per cento. Le passività finanziarie, pari a 860 miliardi di euro, rappresentavano il 9,1 per cento delle attività complessive. La ricchezza netta complessiva è aumentata tra la fine del 2008 e la fine del 2009 di circa l 1,1 per cento, per effetto di un aumento del valore delle attività finanziarie (2,4 per cento) superiore a quello delle passività (1,6 per cento); le attività reali hanno registrato un rialzo più lieve (0,4 per cento). A prezzi costanti, usando come deflatore quello dei consumi, l aumento della ricchezza complessiva è stato dell 1,3 per cento. Alla fine del 2009 la ricchezza in abitazioni detenuta dalle famiglie italiane poteva essere stimata in circa miliardi di euro. In termini reali la ricchezza in abitazioni è aumentata rispetto alla fine del 2008 dello 0,4 per cento. Secondo stime preliminari, nel primo semestre 2010 la ricchezza netta delle famiglie sarebbe diminuita dello 0,3 per cento in termini nominali, in seguito a una diminuzione delle attività finanziarie e a un aumento delle passività, che hanno più che compensato la 15

16 crescita delle attività reali. Secondo studi recenti, la quota di ricchezza netta mondiale posseduta dalle famiglie italiane sarebbe pari al 5,7 per cento, superiore alla quota italiana del PIL e della popolazione del mondo (rispettivamente pari a circa il 3 e l 1 per cento). Nel confronto internazionale le famiglie italiane risultano relativamente poco indebitate; l ammontare dei debiti è pari al 78 per cento del reddito disponibile lordo (in Germania e in Francia esso è circa del 100 per cento, mentre negli Stati Uniti e in Giappone è del 130 per cento). La distribuzione della ricchezza è caratterizzata da un elevato grado di concentrazione: molte famiglie detengono livelli modesti o nulli di ricchezza mentre all opposto poche dispongono di una ricchezza elevata. Le informazioni sulla distribuzione della ricchezza desunte dall indagine campionaria della Banca d Italia sui bilanci delle famiglie italiane indicano che nel 2009 la metà più povera delle famiglie italiane deteneva il 10 per cento della ricchezza totale, mentre il 10 per cento più ricco deteneva il 45 per cento della ricchezza complessiva. L indice di Gini, che varia tra 0 (minima concentrazione) e 1 (massima concentrazione), risulta pari a 0, Le attività reali A fine 2009 la quota di attività reali in abitazioni risultava pari a oltre l 82 per cento del totale delle attività reali e quella in fabbricati non residenziali a meno del 6 per cento. Impianti, macchinari, attrezzature, scorte e avviamento incidevano per poco meno del 6 per cento, mentre i terreni e gli oggetti di valore ammontavano rispettivamente al 4 e al 2 per cento circa. E opportuno - in relazione al forte peso delle attività reali nei portafoglio degli Italiani - riprendere il pensiero di Roberto Saviano espresso in modo impeccabile in 16

17 Gomorra : Gli imprenditori italiani vincenti provengono dal cemento. Loro stessi sono parte del ciclo del cemento. Lo so che prima di trasformarsi in uomini di fotomodelle, in manager da barca, in assalitori di gruppi finanziari, in acquirenti di quotidiani, prima di tutto questo e dietro tutto questo c è il cemento, le ditte in subappalto, la sabbia, il pietrisco, i camioncini zeppi di operai che lavorano di notte e scompaiono al mattino, le impalcature marce, le assicurazioni fasulle. Lo spessore delle pareti è ciò su cui poggiano i trascinatori dell economia italiana. La Costituzione dovrebbe mutare. Scrivere che si fonda sul cemento e sui costruttori. Sono loro i padri. Non Ferruccio Parri, non Luigi Einaudi, non Pietro Nenni, non il comandante Valerio. Furono i palazzi a tirare per lo scalpo l Italia affossata dal crac Sindona e dalla condanna senza appello del Fondo Monetario Internazionale. Cementifici, appalti, palazzi, quotidiani. Non esiste impero economico nato nel Mezzogiorno che non veda il passaggio nelle costruzioni. L imprenditore italiano che non ha i piedi del suo impero nel cemento non ha speranza alcuna. E il mestiere più semplice per far soldi nel più breve tempo possibile, conquistare fiducia...il talento del costruttore è quello del mediatore e del rapace...le banche italiane sanno accordare ai costruttori il massimo credito, diciamo che le banche italiane sembrano edificate per i costruttori...la concretezza del cemento e dei mattoni è l unica vera materialità che le banche italiane conoscono Le attività finanziarie Alla fine del 2009 il 44,2 per cento delle attività finanziarie era detenuto in obbligazioni private, titoli esteri, prestiti alle cooperative, azioni, partecipazioni e fondi comuni di investimento. Il contante, i depositi bancari e il risparmio postale rappresentavano meno di unterzo del complesso delle attività finanziarie; la quota investita direttamente dalle famiglie in titoli pubblici italiani era pari a poco più del 5 per cento. Le riserve tecniche di assicurazione, che rappresentano le somme accantonate dalle assicurazioni e dai fondi pensione per future prestazioni in favore delle famiglie, ammontavano al 17,7 per cento del totale delle attività finanziarie (Fig. 6). 9 Saviano Roberto, Gomorra, Mondadori, 2006, p

18 Durante il 2009 è proseguita la ricomposizione dei portafogli delle famiglie verso forme di investimento più liquide, quali i depositi in conto corrente e il risparmio postale, le cui quote di ricchezza finanziaria sono cresciute rispettivamente di 1,4 e 0,3 punti percentuali. Rispetto al 2008 si osserva comunque una riduzione della quota di ricchezza detenuta in titoli pubblici italiani, pari a oltre 2 punti percentuali, mentre è cresciuta quella detenuta in azioni e partecipazioni (aumento della quota di oltre un punto percentuale). Più in particolare si osserva una ricomposizione dei portafogli verso titoli esteri a discapito dei titoli italiani: la quota di ricchezza finanziaria detenuta in obbligazioni e azioni estere è cresciuta di oltre un punto percentuale mentre quella detenuta in obbligazioni e azioni italiane è diminuita di 1,8. Dopo la forte riduzione di ricchezza detenuta in fondi comuni d investimento osservata durante il 2008, il 2009 vede una ripresa seppur debole di questo comparto. Il confronto internazionale Alla fine del 2008 la ricchezza netta era pari a 7,8 volte il reddito disponibile lordo delle famiglie italiane, rapporto in linea con quello della Francia (7,5) e del Regno Unito (7,7), lievemente superiore a quello del Giappone (7), e significativamente superiore a quello del Canada (5,4) e degli Stati Uniti (4,8) (Tav. 1). Le attività reali detenute alla fine del 2008 dalle famiglie italiane erano pari a 5,4 volte il reddito disponibile, un valore di poco inferiore a quello della Francia (5,7), in linea con quello 18

19 del Regno Unito (5,2), ma superiore a quello degli Stati Uniti (2,2), del Canada (3,3) e del Giappone (3,4) (Tav. 1). Si conferma per l Italia una maggiore propensione all investimento immobiliare, che riflette tra l altro una struttura del sistema produttivo che vede la preponderanza delle microimprese familiari, per le quali gli immobili sono anche capitale d impresa.nel 2006, ultimo anno per il quale la disponibilità dei dati consente questo confronto, le attività reali delle famiglie italiane risultavano pari a 5,1 volte il reddito disponibile, un valore inferiore a quello di Regno Unito e Francia ma superiore a quello registrato negli Stati Uniti e in Germania (dove si riscontrava un valore rispettivamente pari a circa 3 e 4 volte il reddito disponibile delle famiglie) (Tav. 1). il 170% del reddito disponibile lordo rispettivamente in Francia, Germania, Stati Uniti e Regno Unito. 19

20 Analisi di distribuzione del reddito Uno dei metodi più semplici per misurare la disuguaglianza economica è quello rappresentato dalla curva di Lorenz, statistico statunitense che nel 1905 propose questa rappresentazione: Figura 1 Sull'asse orizzontale del grafico sono rappresentate le percentuali di famiglie che appartengono a una data popolazione, ordinate in maniera crescente in base al reddito. Sull'asse verticale viene riportata invece la parte del reddito totale detenuta da ciascuna quota di famiglie. L'indice normalmente utilizzato per misurare la disuguaglianza è quello di Gini 10, pari al rapporto tra l'area A e la somma delle aree A e B. Tale indice vale 0 quando il reddito è ugualmente distribuito (la curva coincide con la diagonale e quindi l'area A è nulla) mentre vale 1 (ovvero 100% in termini percentuali) quando si ha la disuguaglianza massima (una sola famiglia detiene tutto il reddito). Perciò l'indice di Gini aumenta con 10 Corrado Gini ( ), è stato nel 1926 il primo presidente dell'istat. Statistico, demografo e fondatore nel 1936 della prima facoltà di Scienze statistiche a Roma, lavorò per un trentennio all'individuazione di condizioni adatte all'aumento di popolazione (diminuzione della mortalità infantile, miglioramento delle condizioni ambientali urbane, ritorno al ruralismo, attuazione delle condizioni più favorevoli al concepimento). 20

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita?

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Mauro Caselli 1 Paolo Falco 2 1 School of Economics Australian School of Business The University of New South Wales m.caselli@unsw.edu.au

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano 2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano Domenico Siniscalco 2.1 Premessa L Italia è un paese di grandi risparmiatori. Comunque la si misuri in rapporto al reddito disponibile

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012. Uno sguardo sull'istruzione 2012. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012. Uno sguardo sull'istruzione 2012. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012 Summary in Italian Read the full book on: 10.1787/eag-2012-en Uno sguardo sull'istruzione 2012 Sintesi in italiano Lo studio intitolato Uno sguardo

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 MODELLO STATO E MERCATO, 15 Marzo 2011 1/12 Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 FATTORI (O VARIABILI, O COMPONENTI

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli