Buone Feste! NOVEMBRE DICEMBRE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Buone Feste! NOVEMBRE DICEMBRE 2013 6"

Transcript

1 Buone Feste! NOVEMBRE DICEMBRE

2

3 Dal 1. luglio 2009 è in vigore la modifica della «Legge sull orientamento scolastico e professionale e sulla formazione professionale e continua (Lorform)». Scopo della modifica è stato di promuovere, organizzare e gestire la formazione professionale di base, superiore e continua. Per questo il Consiglio di Stato, d intesa con le organizzazioni del mondo del lavoro di importanza cantonale (OML), ha istituito un Fondo cantonale generale, dichiarandone obbligatoria la partecipazione di tutte le aziende astrette al pagamento di contributi in base alla legislazione sull AVS, agenzie di intermediazione incluse, chiamandole a contribuire allo stesso. Il Fondo finanzia, totalmente o parzialmente, obbligatoriamente: le spese residue riconosciute, dedotti i contributi federali e cantonali, delle aziende e delle organizzazioni del mondo del lavoro per i corsi interaziendali; le spese a carico delle aziende per le procedure di qualificazione della formazione professionale di base; le spese di trasferta delle persone in formazione dall azienda formatrice alle scuole professionali e ai corsi interaziendali. Inoltre finanzia, facoltativamente, ogni altra misura conforme agli scopi della presente legge, in particolare le azioni di promozione della formazione e del tirocinio ed in generale delle formazioni professionali rivolte alle aziende. Il suo finanziamento è garantito da un contributo, obbligatorio per tutte le aziende assoggettate all AVS, che la Legge stabilisce fra un minimo dello 0.9 e un massimo del 2.9 per mille della massa salariale. L aliquota viene stabilita annualmente da una speciale Commissione. EDITORIALE Il settore principale della costruzione, finora esentato dal Fondo cantonale per la formazione professionale (FCFP), aderirà allo stesso a partire dal prossimo anno. Ci sarà quindi un aggravio pari allo 0.09%. Tuttavia l adesione a questo fondo libererà il Fondo per la formazione professionale gestito dalla CPC (FFP-CPC) dall obbligo di sostituirsi a quello cantonale per finanziare le prestazioni previste da quest ultimo. Verranno così liberati dei capitali che la CPC ha deciso di utilizzare per incentivare ulteriormente la partecipazione ai corsi di formazione di base e continua. I partecipanti godranno perciò di tasse d iscrizione ridotte e percepiranno, se saranno soddisfatte determinate condizioni, un indennità perdita di guadagno (IPG) e un rimborso per il pasto di mezzogiorno. Il regolamento lo si potrà trovare, da inizio anno, sul sito della CPC (www.cpcedilizia.ch). Quello appena descritto è un aggravio finanziario che però, per chi ne vorrà approfittare, potrà essere ampiamente compensato. Il secondo onere a carico delle imprese di costruzione che vi sarà a partire dal 2014 è rappresentato dall aumento salariale per il personale di cantiere concordato a livello nazionale fra la SSIC e i sindacati. Nonostante una nuova diminuzione nell ultimo anno (ottobre-ottobre) dell indice dei prezzi al consumo pari a 0.3 punti percentuali, è stato concesso un aumento dello 0.8% (0.4% generale e 0.4% al merito), oltre all adeguamento del rimborso per il pranzo di 1.- franco al giorno. Il 2013 sta volgendo al termine e sono state molte le attività e gli avvenimenti che hanno contraddistinto questo anno di intensa operosità associativa. La spiccata vitalità nell edilizia, il lavoro svolto e le soddisfazioni raccolte ci servono da stimolo per continuare, con impegno e motivazione, la nostra attività nell intento di promuovere il buon andamento del settore ticinese della costruzione e per far fronte alle difficoltà spesso riconducibili ad una concorrenza interna ed estera sfrenata e per niente positiva. A nome personale, dei colleghi membri di Ufficio presidenziale e di Consiglio sezionale, dei Direttori e di tutte le collaboratrici e i collaboratori del Segretariato di Bellinzona e del Centro di formazione di Gordola, porgo ai lettori di metrocubo gli auguri più belli per un lieto Natale e un 2014 ricco di salute e nuove soddisfazioni. BUONE FESTE! ing. Cleto Muttoni Presidente SSIC Sezione Ticino Dal 2008 a oggi, l indice dei prezzi è diminuito di 1.3 punti percentuali e ciononostante nell edilizia principale sono stati accordati aumenti generali del 5.0% e aumenti individuali pari all 1.7%. Uno sforzo generoso, ulteriore testimonianza di quanto i datori di lavoro abbiano a cuore i propri collaboratori e sono loro riconoscenti, ma come sempre misconosciuto dai sindacati. Va ricordato che l edilizia principale vanta di gran lunga i salari più elevati e le migliori condizioni di lavoro del settore, con dei minimi in Ticino che ammontano a Fr./mese 4'477.- per i principianti e Fr./mese 5'478.- per i muratori diplomati, per un orario di lavoro pari a 40.5 ore settimanali. Vittorino Anastasia Direttore SSIC Sezione Ticino 1 EDITORIALE 3 LA POLTRONA Intervista a Jörg De Bernardi, Delegato del Cantone Ticino per i rapporti confederali 5 GIORNATA ECONOMIA È tempo di riforme fiscali 6 7 INFO DA GORDOLA TicinoSkills e Porte aperte al CFP TICINO E ROMANDIA Corso per istruttori muratori dei Centri di formazione SSIC 9 INCONTRO SSIC TI Subappalto e nuove disposizioni 11 RIFLETTORI SU... Infortuni e malattie non professionali SICUREZZA SUL LAVORO Attività con pericoli particolari: formazione necessaria 12 HG COMMERCIALE Promozione valigia d utensili Nuovi oneri per il 2014 Responsabile Nicola Bagnovini Editore SSIC Sezione Ticino Viale Portone Bellinzona tel fax Fotografie redazionali SSIC TI, Bellinzona Stampa Tipo Print Roncoroni+Sulmoni Mendrisio Grafica Guido Robbiani Tiratura 2'700 copie 6 volte all anno Foto di copertina Marco Fässler 1 novembre-dicembre 2013

4

5 Dal 1 marzo 2011 lei ricopre il ruolo di Delegato del Cantone Ticino per i rapporti confederali. Signor De Bernardi, quali sono i principali compiti che è chiamato a svolgere in questo delicato ambito? LA POLTRONA Intervista a Jörg De Bernardi Mi occupo soprattutto della tutela degli interessi del Cantone (il lobbying ), ma pure della promozione della presenza di ticinesi in seno alla Amministrazione federale e della cura dell immagine del nostro Cantone. Va però smitizzato il concetto di lobbying : per l essenziale consiste nell evitare malintesi e disinformazione. Bisogna, in altre parole, far pervenire le proprie posizioni alle persone corrette, nel momento opportuno, in un formato che risponda alle esigenze dell interlocutore, dunque nella sua lingua, in maniera sintetica e con proposte operative realistiche. La difficoltà risiede nel fatto di operare all interfaccia tra due mondi politico-amministrativi, ognuno con le proprie priorità, la propria logica operativa e la propria tempistica. La Società svizzera impresari costruttori Sezione Ticino ha preso atto con particolare soddisfazione del Messaggio presentato lo scorso 13 settembre dal Consiglio federale in merito alla costruzione di una nuova galleria per il risanamento del collegamento autostradale attraverso il San Gottardo. Quale coordinatore del Gruppo di lavoro interdipartimentale che si occupa del risanamento di questo tunnel, cosa ci può dire in merito all iter procedurale che ci possiamo attendere per questo progetto di fondamentale importanza per l intera economia ticinese? Effettivamente il Consiglio di Stato reputa che la costruzione di un tubo di risanamento senza aumento di capacità, come proposto dal Consiglio federale, costituisca la soluzione migliore. Essa permette di mantenere lo status quo sotto il profilo viario: una chiusura totale del tunnel di quasi tre anni sarebbe inammissibile. Garantisce pure il rispetto dell articolo costituzionale sulla protezione delle Alpi che vieta un aumento di capacità. Va ricordato che in Ticino era stato accolto con oltre il 63% dei voti. La proposta del Consiglio federale permette pure di accrescere la sicurezza del tunnel: si potrà finalmente abolire il regime di traffico bidirezionale e circolare in due gallerie a una corsia. Ricordo infine che la costruzione di un tubo di risanamento non costituisce una misura eccezionale: così, ad esempio, al fine di permettere il risanamento del tunnel autostradale del Belchen, sulla A2, nel Giura, verrà costruito un terzo tubo, con costi al chilometro decisamente più importanti che per il tubo di risanamento al Gottardo. Progetti di risanamento stradale vanno affrontati con gli stessi criteri in tutto il paese, senza imporre soluzioni più sfavorevoli ad alcune regioni. L oggetto è ora al vaglio del Parlamento, la cui decisione è attesa per la fine del È già stato annunciato un referendum: per la prima volta nella storia della Confederazione il popolo sarà pertanto chiamato ad esprimersi sul merito di un progetto di risanamento autostradale. I lavori di scavo potranno, nella migliore delle ipotesi, iniziare nel 2020, la seconda galleria essere aperta al traffico nel 2028 e il risanamento del vecchio tubo essere terminato attorno al Al di là dei buoni intendimenti che regolarmente affiorano durante gli incontri ufficiali, il dialogo politico tra Bellinzona e Berna non sempre produce gli effetti sperati. Pensiamo ad esempio ai rapporti internazionali con l Italia riferiti alla mancanza di reciprocità nell ambito degli appalti pubblici. Signor De Bernardi, qual è la sua opinione in tal senso e quale strategia sarebbe interessante perseguire per essere maggiormente considerati dalla Berna federale? L esempio potrebbe anche servire quale prova dell ottima collaborazione. È su richiesta del Cantone, in effetti, che la Confederazione ha tematizzato il problema in occasione di incontri diplomatici ad alto livello. Berna ha pure coinvolto la Commissione europea, garante del rispetto degli accordi bilaterali firmati con la Svizzera. L Italia ha dovuto adattare la propria legislazione. Dobbiamo lavorare con intelligenza, e questo significa, tra le altre cose, agire non solo con riferimento alla realtà cantonale. Non esiste Berna : è il nome che per comodità diamo a un insieme di istituzioni e a un ampio campo di forza, teso dagli interessi variegati dei molti attori che a livello federale cercano di far sentire la loro voce. Conoscendo questa realtà si possono forgiare posizioni precise, tessere delle alleanze e darsi un piano d azione. Queste possibilità sono precluse a chi percepisce Berna come autorità monolitica lontana, destinataria di sommarie rivendicazioni. Il Ticino, in ragione della sua identità linguistica e culturale, della sua storia e della sua locazione geografica, ha una sensibilità particolare e competenze uniche. Siamo chiamati a contribuire attivamente e in prima fila al dibattito nazionale, senza sottovalutare il nostro potenziale. Jörg De Bernardi, Delegato del Cantone Ticino per i rapporti confederali. Foto Maffi, 3 novembre-dicembre 2013

6

7 Sfide e soluzioni sono state protagoniste della giornata dell economia organizzata da SSIC TI, ABT, AITI, Cc-Ti, CATEF in collaborazione con economiesuisse, lo scorso 21 novembre nella Sala multiuso di Sant Antonino incentrata quest anno sulla fiscalità nazionale e cantonale. La domanda posta riguarda in particolare la competitività del nostro Cantone da un punto di vista fiscale. Questa competitività dipende in parte dalle riforme che siamo in grado di attuare in Svizzera e pure da come si muovono le piazze economiche concorrenti. E queste non stanno certo a guardare, anzi, colpite violentemente e a più livelli dalla crisi finanziaria, economica e di indebitamento, promuovono una politica dinamica e innovativa per avvantaggiarsi nella conquista di buoni contribuenti e imprese interessanti. Questa dinamica i cui corollari non sono per nulla deleteri come alcuni vorrebbero far credere impone una revisione costante degli atout di una Nazione. Numerosi Paesi hanno messo in atto modelli interessanti che alleggeriscono la tassazione per imprese particolarmente innovative, o per imprese che garantiscono i finanziamenti all interno di gruppi o ancora altre attività come ad esempio il trading di materie prime. Dunque, per proporre soluzioni interessanti diventa determinante il tipo di impresa che si vuole attrarre sul proprio territorio offrendo, oltre ad un assetto fiscale favorevole, anche tutta una serie di condizioni quadro coerenti. La Riforma III dell imposizione delle imprese di cui si discuterà a livello federale proprio l anno prossimo mira proprio a riformare il nostro sistema fiscale, discriminando non più, come oggi, secondo il luogo di attività delle imprese, ma proponendo soluzioni interessanti per chi in Svizzera garantisce posti di lavoro di qualità e svolge attività ad alto valore aggiunto. Basta guardarsi attorno senza inventare l acqua calda, copiare un po dai concorrenti e lasciare al contempo margini di manovra ai Cantoni, permettendo loro di proporre, una volta ancora, soluzioni all avanguardia in grado di riportare la nostra nazione ad essere tra quelle più attrattive da un punto di vista fiscale. Le associazioni economiche cantonali vogliono inserirsi a pieno titolo in questa discussione e garantire che a questa causa contribuisca anche il Ticino. GIORNATA ECONOMIA L immobilismo del nostro Cantone in questo ambito ci è costato la perdita di molte posizioni nella graduatoria dei Cantoni elvetici più attrattivi. Una situazione che preoccupa le associazioni economiche ticinesi e alla quale si vorrebbe far fronte sulla base di una serie di misure concrete ed attuabili, presentate proprio durante la Giornata dell economia cantonale. Angelo Geninazzi Responsabile economiesuisse per la Svizzera italiana Le proposte cantonali* Negli ultimi anni molte sono state le proposte volte ad una diminuzione del carico fiscale per imprese e persone fisiche ticinesi, nello specifico molte di queste prevedevano una riduzione generale delle aliquote fiscali. Tuttavia ad oggi nessuna di queste proposte è stata implementata nella nostra legge tributaria, anche a causa della nota situazione finanziaria in cui versa il Cantone. Al fine di apportare un cambiamento sostenibile, le associazioni economiche ticinesi ci hanno conferito, nel mese di giugno 2013, mandato di individuare delle possibili aree di miglioramento fiscale che non fossero delle mere riduzioni di aliquote. In un primo momento abbiamo pertanto proceduto con uno studio comparatistico delle normative di altri Cantoni e altri Stati. Tale analisi ha permesso di appurare che il Ticino non ha nessuna punta di eccellenza, ma si situa fra i Cantoni che hanno un tasso di competitività mediocre. Nel rispetto dei principi costituzionali e di impegni internazionali, abbiamo quindi scelto di proporre delle misure mirate a ripristinare la competitività del nostro Cantone in specifici settori, così da considerare anche esigenze (quasi) antitetiche quali quelle di gettito fiscale. Al fine di un efficace e rapida implementazione di dette misure, ci siamo in parte ispirati a quanto già introdotto in altre legislazioni cantonali. Nel concreto ecco quanto da noi individuato: Per le persone fisiche: - La possibilità di dedurre (come in tutti gli altri Cantoni) gli accantonamenti per spese di ricerca e sviluppo - La limitazione dell imposta sulla sostanza Sia limitando la doppia imposizione economica Sia introducendo un massimale al combinato prelievo di imposta sul reddito e sulla sostanza Per le persone giuridiche: - Licence box - Computo dell imposta sul capitale nell imposta sull utile - Aliquota differenziata per utili destinati a prodotti innovativi, al risparmio di energia e alla protezione dell ambiente - Imposizione limitata degli investimenti collettivi di capitale a possesso fondiario diretto Rileviamo infine che il nostro lavoro è uno studio avanzato, ma ancora preliminare. L attività continuerà con la redazione di proposte concrete di modifiche di legge auspicando una convergenza d intenti che permetta finalmente una modifica del diritto tributario ticinese ed un aumento del tasso di competitività del nostro Cantone. È tempo di riforme fiscali La conferenza dal titolo «La fiscalità cantonale e nazionale tra spunti e proposte» è stata moderata dal Direttore del Corriere del Ticino Giancarlo Dillena e i tre relatori principali sono stati (vedi foto grande, da sinistra) Peter A. Jäggi, Rudolf Minsch (Presidente a.i. della Direzione di economiesuisse) e Angelo Geninazzi. *A cura di: Peter A.Jäggi avvocato, esperto fiscale dipl. fed., Socio Studio legale tributario Jäggi & Scheller SA, Lugano Nicola Franchini MAS tax law SUPSI, Partner Studio fiduciario Pagani SA, Lugano Gianluca Nessi MA ATT ADIT LLM (Tax), Direttore Icofin SA, Ascona 5 novembre-dicembre 2013

8 Giovedì 17, venerdì 18 e sabato 19 ottobre 2013, il Centro di Formazione Professionale della SSIC Sezione Ticino di Gordola, con il sostegno della Divisione della formazione professionale, ha organizzato le giornate di porte aperte, in concomitanza con i Ticino Skills (Campionati cantonali delle professioni), per diverse associazioni, aprendosi così alle scolaresche e alla popolazione. La manifestazione ha riscosso un grande successo. Molti sono stati infatti i ragazzi di scuola media, in particolare quelli del terzo e quarto anno, che hanno potuto visitare questo luogo di formazione pratica dedicato alle professioni della costruzione e dell artigianato dell edilizia. Accompagnati dai propri docenti e grazie alle spiegazioni fornite dagli istruttori delle 16 associazioni professionali presenti in quel di Gordola, i giovani hanno potuto farsi un idea concreta di alcuni aspetti che caratterizzano le belle professioni dell edilizia. Mestieri che richiedono abilità manuale, inventiva, precisione, senso pratico e che, proprio per questo, possono regalare molte soddisfazioni a chi intraprende la via dell apprendistato. Una decisione indubbiamente difficile, quella che i giovani si trovano a dover affrontare alla fine della scuola dell obbligo, da condividere con le rispettive famiglie. Tutto questo, pur consapevoli che l attuale iter formativo dell apprendistato lascia comunque aperte tutte le strade per il futuro (specializzazioni e possibilità di carriera nella professione scelta oppure rientro nelle scuole superiori a tempo pieno). Dunque anche i genitori hanno potuto approfittare, specialmente il sabato, di questa simpatica vetrina sul mondo delle professioni dell edilizia supportata dalle spiegazioni degli esperti. INFO DA GORDOLA TicinoSkills e Porte aperte al CFP Come detto in entrata, nell ambito delle porte aperte, sono stati pure organizzati, per la prima volta in Ticino, ben 8 campionati professionali nel settore artigianale (autista di veicoli pesanti, carpentiere, falegname, giardiniere paesaggista, meccanico di macchine agricole, metalcostruttore, muratore, pittore e decoratore). I giovani partecipanti, apprendisti all ultimo anno di formazione o che hanno appena terminato il tirocinio, con un età massima di 20 anni, si sono sfidati nelle proprie professioni per aggiudicarsi un posto ai primi Campionati svizzeri centralizzati delle professioni in previsione a Berna nel settembre del Evento, quest ultimo, paragonabile, per numeri e modalità di svolgimento, ad un Campionato mondiale delle professioni. Durante le 3 giornate di gara svoltesi a Gordola, il pubblico ha potuto entrare nei diversi laboratori, attrezzati con moderne infrastrutture di lavoro, e ammirare i giovani apprendisti che si cimentavano in attività pratiche. Un occasione questa, più unica che rara, per vederli all opera e comprendere quanto l attività pratica nel nostro settore possa consentire e garantire opportunità formative di lavoro interessanti, alle quali fa seguito una buona richiesta sul mercato del lavoro ticinese (finora i bravi artigiani non riscontrano difficoltà nel trovare un occupazione gratificante). I candidati e le candidate hanno lavorato con impegno e passione, nei loro abituali laboratori, su progetti definiti dalle rispettive associazioni professionali. A loro è Sul sito Internet è riportata la lista di tutti i premiati oltre ad una nutrita galleria fotografica. 6 novembre-dicembre 2013

9 stato chiesto, oltre che di operare nel rispetto delle regole dell arte e dunque puntando sulla qualità esecutiva, di gestire le attività richieste in un tempo limitato. Anche per le 9 professioni non interessate dalla competizione, (costruttore vie del traffico e selciatore; cucitore per arredamenti interni; elettricista in reti di distribuzione; gessatore; installatore di impianti sanitari, di riscaldamento e di ventilazione; installatore elettricista; lattoniere; posatore binari; tappezziere e decoratore d interni) l aspetto puramente dimostrativo dell iniziativa è stato ugualmente apprezzato dai visitatori. Ognuno ha infatti lavorato con impegno e passione, spinto anche dalla volontà di ben figurare. Per animare le porte aperte, nei laboratori sono anche state proposte attività e giochi per i bambini, i ragazzi, ma anche per i loro genitori. Le giornate di porte aperte al CFP si sono concluse con la premiazione dei campionati professionali (Skills) e dei migliori apprendisti per l Unione svizzera del metallo e con l attribuzione del Premio UBS Gordola per i migliori apprendisti nel settore artigianale. Visto il bel successo riscontrato, tutti gli attori coinvolti (Ufficio della formazione professionale, Ufficio dell orientamento scolastico e professionale, Associazioni presenti al CFP) si stanno occupando per dare continuità a questa positiva esperienza, concretizzatasi anche grazie all entusiasmo della signora Sara Rossini, delegata Swiss Skills presso la Divisione della formazione professionale. Alle pagine 6-7 sono riportate alcune immagini scattate durante gli eventi TicinoSkills e Porte aperte al Centro di formazione professionale degli scorsi 17, 18 e 19 ottobre. Foto: Marco Fässler, CFP Gordola. Il 24 e 25 ottobre, si è svolto al Centro di formazione professionale SSIC di Gordola il corso per gli istruttori muratori dei Centri di formazione della Svizzera romanda e del Ticino. Questo momento formativo rappresenta ormai una bella e consolidata realtà ed ogni anno, a rotazione, uno dei Centri di formazione della SSIC si incarica dell organizzazione. Quest anno il compito è toccato ai ticinesi. Un ottima opportunità per intrattenere i contatti con i colleghi romandi e per presentare sia le metodologie d insegnamento adottate (vedi insegnamento a moduli), sia le infrastrutture a disposizione. La prima giornata è stata dedicata all insegnamento e segnatamente alle canalizzazioni. Dopo la presentazione del modulo specifico, il pomeriggio è stato caratterizzato da una conferenza tenuta dall ing. Carlo Livio dello Studio Comal e Associati SA di Morbio Inferiore sul tema «Controllo della qualità dei lavori di canalizzazione». Nella giornata di venerdì si è presentato agli ospiti francofoni un percorso della pietra naturale. L uscita è incominciata con la visita TICINO E ROMANDIA alla cava Bettazza Graniti SA di Cevio, dove il titolare ha spiegato tutte le problematiche inerenti la gestione di un azienda, dall estrazione alla lavorazione e alla commercializzazione del prodotto. Seconda tappa a Brontallo, dove l Associazione Pro Brontallo ci ha accolti, presentandoci il progetto pilota Brontallo (progetto di sviluppo regionale e di promozione di prodotti indigeni e regionali). Terza tappa a Mogno e visita guidata dall architetto Giovan Luigi Dazio alla chiesa progettata da Mario Botta, chiudendo così il percorso tematico della pietra: estrazione e lavorazione, recupero dei vecchi nuclei e moderno. Interessanti e significativi i momenti conviviali, durante i quali è stato interessante scambiare esperienze di lavoro e competenze che verranno sicuramente utili nel proseguio dell attività a favore dei nostri apprendisti. Giorgio Petrini Responsabile corsi genio civile CFP SSIC TI, Gordola Corso per istruttori muratori dei Centri di formazione SSIC Foto di gruppo scattata durante l uscita a Brontallo, in Valle Lavizzara. 7 novembre-dicembre 2013

10 LEGNO MATERIA PRIMA RINNOVABILE LEGNAMI D OPERA COMBUSTIBILI LEGNOSI PALERIA, RECINZIONI IN CASTAGNO MANUFATTI RECUPERO E RICICLAGGIO STATUE

11 Giovedì 31 ottobre 2013, presso il nostro Centro di formazione professionale di Gordola, abbiamo organizzato un incontro informativo sul tema della responsabilità del subappaltatore, al quale hanno partecipato una quarantina di associati. Lo scopo della riunione, era quello di chiarire gli effetti principali delle modifiche delle normative sui lavoratori distaccati in Svizzera (legge ed ordinanza), entrate in vigore lo scorso 15 luglio. Nella sua dettagliata presentazione, il Direttore della SSIC Ticino, ing. Vittorino Anastasia, ha anche informato che sul nostro sito Internet è possibile accedere alla documentazione esplicativa e ai formulari preparati sull argomento dalla SECO e dalla nostra sede centrale. L avvocato Patrick Hauser (Direttore del servizio giuridico della SSIC di Zurigo) ha poi condotto l animata discussione con la quale si è conclusa la mattinata. L intento principale di questa revisione (pubblicamente avversata dalla SSIC) è quello di aumentare il controllo dell appaltatore primario sull eventuale catena contrattuale di subappalto, introducendone la responsabilità sussidiaria per il mancato rispetto delle condizioni lavorative e salariali minime da parte di uno qualsiasi dei subappaltatori. Infatti un dipendente di un subappaltatore, che ha proceduto invano (o non può procedere, p. es. per fallimento della ditta) contro il suo datore di lavoro per il mancato rispetto delle condizioni minime, sulla base delle nuove disposizioni può ora intentare una causa civile direttamente contro l appaltatore primario, senza dover risalire lungo l intera catena contrattuale. La legge prevede anche che l appaltatore primario è liberato dalla responsabilità se può dimostrare che ha preteso e controllato il rispetto delle condizioni minime da parte di tutti i subappaltatori che hanno lavorato più o meno direttamente per lui (obbligo di diligenza). Quali prove di diligenza per l appaltatore primario, l ordinanza prevede che egli disponga di dichiarazioni ed attestati del subappaltatore e che attui dei provvedimenti contrattuali ed organizzativi, purtroppo non meglio definiti. Sebbene si tratti di una legge prevista nell ambito delle misure fiancheggiatrici agli accordi di libera circolazione sottoscritti con la Comunità Europea, per quanto concerne la INCONTRO SSIC TI responsabilità, si applica anche per il subappalto a ditte svizzere. Sono molte le questioni lasciate aperte da questa legge che, quale unica certezza, comporta un notevole aumento delle procedure burocratiche. Meno scontata è la tutela dei diritti dei lavoratori. Questa sfiduciata considerazione è la laconica conclusione alla quale siamo portati dalla disorientante mancanza di una certezza del diritto. Per capire gli effetti pratici dalla responsabilità del subappaltatore, bisognerà aspettare le decisioni dei tribunali che, vista la delicatezza della fattispecie e la complessità della procedura, molto probabilmente richiederanno parecchi anni per essere validate. Un atteggiamento prudente consiglia di limitare contrattualmente il subappalto del subappalto, impedendo la formazione di catene ed assegnandolo unicamente a ditte competenti, che hanno alle loro dipendenze il personale qualificato necessario e che possano dimostrare di rispettare le condizioni lavorative imposte dalle leggi e dai contratti collettivi di lavoro. Anche operando con dei partner di fiducia, è importante richiedere dei documenti che attestino il loro rispetto delle condizioni lavorative. Per delle collaborazioni ricorrenti è sufficiente rinnovare la documentazione quando subentrano dei cambiamenti delle condizioni quadro (es. nuovo personale), ma comunque va aggiornata almeno annualmente. La ditta che fa capo a personale in prestito (anche quello proveniente dalle agenzie interinali) non può garantire per questi lavoratori e dunque non può inserirli sulla lista del proprio personale. Pur non trattandosi di un subappalto, anche in questo caso è preferibile tutelarsi, procurandosi delle dichiarazioni, possibilmente firmate sia dal prestatore di personale che dal lavoratore. Si consiglia comunque di limitare il ricorso a questo genere di collaboratori. Infine si raccomanda di controllare e di registrare regolarmente tutto il personale presente sui propri cantieri (le liste di presenza sono inoltre degli importanti documenti che possono servire a controllare l esattezza delle richieste di un eventuale querelante, per quanto concerne la durata effettiva della sua presenza sui cantieri in questione). Questi provvedimenti precauzionali dovrebbero permettere ad un appaltatore primario denunciato di dimostrare la propria estraneità e la sua diligenza nel pretendere il rispetto delle condizioni lavorative e salariali minime da parte dei subappaltanti. La nostra associazione è contraria al subappalto fatto per speculazione, in quanto si tratta di un atto di concorrenza sleale nei confronti delle ditte serie che rappresentiamo e che rispettano le norme vigenti nel nostro Paese, anche in materia di diritto del lavoro. Pur mantenendo i nostri dubbi sulla loro reale efficacia, nutriamo comunque la speranza che questi nuovi obblighi legali riguardanti la responsabilità del subappaltatore possano contribuire ad una corretta gestione dei cantieri. Alain Hohl Capo Ufficio tecnico SSIC Sezione Ticino Subappalto e nuove disposizioni Il Direttore del servizio giuridico della SSIC di Zurigo, Avv. Patrick Hauser, ha risposto alle numerose domande dei partecipanti all incontro informativo. 9 novembre-dicembre 2013

12 <wm>10cfwmsq6emaxdv6ivnzsskbgxiybt7vkq8_3_djqnyzys69n7hlpf43u7vtsncegrjm1wcxfw7x50q02mgkilqaujdpfax3yzds5adqbgvk9ybgw6wvlhq441tp7o6w8mkkcegaaaaa==</wm> <wm>10casnsjy0mday0buwmje3ngiav5w-fq8aaaa=</wm> Moreschi Gianfranco & Co. SA - Sementina Impianti riscaldamenti - sanitari - lattonieri tetti piani studio tecnico - specialisti energie rinnovabili Tel Fax Installazioni elettriche Impianti telefonici Impianti EDV Quadri elettrici Progettazioni Partner Swisscom N via P.F. Mola Bellinzona Tel. +41 (0) Fax +41 (0) Ing. dipl. ETH/SIA/OTIA INGEGNERIA STU STU D IDO I O D INGEGNERIA CONI TALLERI VISANI RUSCONI SA TALLERI SA SA Ing. Ing. dipl. dipl. ETH/SIA/OTIA Ing. dipl. ETH/SIA/OTIA Centro Carvina 2, Centro casella Carvina postale 2, 555, 2, casella 6807 postale Taverne 555, 555, Taverne Vicolo Centro del Carvina Gabi 2, Vicolo casella 2, casella del postale del Gabi postale Gabi 2, 121, 2, casella 555, postale Gordola Taverne 121, 121, Gordola Vicolo del Gabi Tel. 2, casella (0041) 091 postale 911 Tel. Tel , (0041) Gordola sella postale Fax Tel. (0041) 555, Fax Taverne 911 (0041) Fax 10 (0041) sella postale 121, 6596 Gordola Fax (0041) l. (0041) x (0041) mail: Studio d ingegneria Studio per impianti d ingegneria e applicazioni per per impianti nel campo e applicazioni e nel nel campo delle costruzioni e delle delle energie costruzioni e delle e delle energie Studio d ingegneria er impianti per e applicazioni impianti e applicazioni nel campo ruzioni e delle nel campo energie delle costruzioni e delle energie 6500 BELLINZONA-RAVECCHIA

13 Dallo scorso mese di settembre, la Suva di Bellinzona dispone di un nuovo servizio per la gestione della salute e la prevenzione degli infortuni non professionali. Se ne occupa Paola Lurati, specialista nell ambito della sicurezza, alla quale abbiamo rivolto alcune domande. Innanzitutto per quali motivi la Suva ha deciso di istituire questo servizio e in cosa differisce rispetto all operato dell Ufficio prevenzione infortuni, del quale lei è stata per diversi anni la responsabile in Ticino? La Suva ha deciso di ampliare la sua offerta di prestazioni per le aziende in Ticino al fine di rispondere ad un bisogno reale delle imprese. Le assenze per malattia rappresentano circa l 80% delle assenze totali e causano dei costi molto elevati alle aziende. Basti pensare alla diffusione del mal di schiena e a tutti gli altri disturbi dell apparato muscolo-scheletrico. Gli infortuni nel tempo libero rappresentano i 2/3 di tutti gli infortuni. Per prevenirli occorre professionalità ed esperienza. La Suva sostiene le aziende proponendo metodi di prevenzione efficaci e già testati in altre imprese. Per garantire maggior incisività nella riduzione delle assenze si mette a disposizione uno strumento per la gestione delle assenze. Negli ultimi anni le aziende hanno investito molto nella prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali, raggiungendo risultati positivi. Maggiori difficoltà le riscontriamo nel RIFLETTORI SU... campo della prevenzione degli infortuni nel tempo libero. Come leggere questa situazione? Ci sono aziende in altri settori che da anni si impegnano nella prevenzione degli infortuni non professionali e hanno ottenuto altrettanti risultati positivi. È fondamentale motivare il collaboratore a comportarsi in modo più sicuro anche nel tempo libero, mostrando le possibili conseguenze di un infortunio non professionale e sottolineando i vantaggi che ne trae per la sua salute, adottando un comportamento sicuro. Inoltre si possono dare degli incentivi, quale per esempio la possibilità di avere delle scarpe di sicurezza scontate anche per il tempo libero. La presenza di un ente esterno, quale la Suva per la sensibilizzazione, si è rivelato un fattore di successo importante. Signora Lurati, pensando alle imprese di costruzione ticinesi, come intende affrontare la problematica della gestione della salute e della prevenzione degli infortuni non professionali? Nel settore della costruzione possiamo identificare diversi problemi legati alla gestione della salute. Parlavo prima del mal di schiena, problemi all apparato muscoloscheletrico (per esempio alle articolazioni), sovrappeso, stress, ecc. Per quanto attiene agli infortuni nel tempo libero sappiamo che il settore della costruzione ha un rischio di infortunio non professionale relativamente alto e il potenziale di miglioramento è notevole. Per le piccole e medie imprese mettiamo a disposizione del materiale informativo e una consulenza telefonica, mentre per quelle con 100 o più collaboratori offriamo una consulenza direttamente in azienda, durante la quale si analizza la situazione, si determinano le cause delle assenze e si propongono iniziative mirate e concrete. Offriamo delle sensibilizzazioni sul tema dell alcol, sull ergonomia (sollevare e spostare dei pesi), sull alimentazione, consigli pratici per prevenire il mal di schiena ed esercizi che aiutano a ritrovare il benessere fisico, ecc. Proponiamo per esempio la formazione/sensibilizzazione dei capocantiere e offriamo dei moduli interattivi da impiegare in azienda, per esempio il percorso cadute. Infortuni e malattie non professionali Per ulteriori informazioni rivolgersi direttamente a Paola Lurati Consulente e formatrice Tel Natel Nell ambito del servizio di consulenza per la sicurezza sul lavoro, mi capita spesso di dover chiarire la questione riferita all obbligo di formazione per coloro che usano la motosega sui cantieri. In pratica, ogni attività che presenta pericoli particolari (e l uso della motosega rientra fra questi) può essere affidata soltanto a persone adeguatamente formate al riguardo. La base legale a sostegno di questa affermazione si trova nell Art. 8 dell Ordinanza prevenzione infortuni (OPI). Pure la Suva, in qualità di organo esecutivo in questo ambito, richiede ai datori di lavoro di formare i collaboratori abilitati all uso della motosega. La formazione può avvenire all interno della ditta, oppure facendo capo a specifici corsi disponibili anche in Ticino. È importante tener presente che tale istruzione SICUREZZA SUL LAVORO deve comprendere sia una parte teorica sull uso in sicurezza della motosega (ad esempio sulla base della Scheda tematica della Suva i), sia una parte di esercitazioni pratiche. La pratica può limitarsi alla tipologia di utilizzo della motosega in cantiere, che non ha nulla a che vedere, ad esempio, con i più impegnativi corsi per selvicoltori che si svolgono su più giornate. In questo contesto, il nostro Centro di formazione professionale di Gordola si sta attivando per proporre un corso appositamente rivolto alle imprese di costruzione, facendo capo ad esperti del settore. Gli argomenti da toccare sono parecchi e vanno dalla scelta della motosega idonea in funzione del lavoro da eseguire allo studio della struttura e del funzionamento dell apparecchio, dall affilatura alla sostituzione della catena, dai piccoli interventi di manutenzione alla gestione del carburante e del lubrificante, per finire con l apprendimento della tecnica di taglio da eseguire usando i necessari dispositivi di protezione individuali. L intenzione è di proporre i primi corsi già a gennaio Maggiori dettagli verranno comunque forniti, appena possibile, direttamente dal nostro Centro di formazione professionale di Gordola. Nicola Bagnovini Vicedirettore SSIC Sezione Ticino Attività con pericoli particolari: formazione necessaria Scheda tematica Suva i 11 novembre-dicembre 2013

14

15 tipografia tipo print studio grafico stampa offset, digitale, oro e argento a caldo fustellatura e taglio etichette vino autocollanti in continuo confezione - spedizione - mailing tutto per le esigenze qualitative dei nostri clienti roncoroni + sulmoni sa Via Vignalunga 13 / 6850 Mendrisio tel / fax

16 GAB 6850 MENDRISIO-STAZIONE

Giugno 2011, sommario dell invio

Giugno 2011, sommario dell invio 6501 Bellinzona, Viale Portone 4 casella postale 1220, telefono 091 825 91 88 fax 091 825 48 45 e-mail: info@cpcedilizia.ch / sito internet: www.cpcedilizia.ch Commissione Paritetica Cantonale dell Edilizia

Dettagli

Revisione della Legge sulle commesse pubbliche Consultazione

Revisione della Legge sulle commesse pubbliche Consultazione Revisione della Legge sulle commesse pubbliche Consultazione Conferenza stampa venerdì 17 ottobre 2014, ore 15.00 Bellinzona Repubblica e Cantone Ticino Consiglio di Stato Il contesto normativo Il margine

Dettagli

Settembre 2014, sommario dell invio

Settembre 2014, sommario dell invio Bellinzona, settembre 2014 Alle imprese di costruzione e agli enti attivi nel settore dell edilizia principale del Cantone Ticino a.c.a. dei Preposti alla sicurezza sul lavoro Settembre 2014, sommario

Dettagli

Legge sull orientamento scolastico e professionale e sulla formazione professionale e continua (Lorform) (del 4 febbraio 1998)

Legge sull orientamento scolastico e professionale e sulla formazione professionale e continua (Lorform) (del 4 febbraio 1998) Legge sull orientamento scolastico e professionale e sulla formazione professionale e continua (Lorform) (del febbraio 1998) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO - visto il messaggio 1 marzo

Dettagli

ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA

ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA BENVENUTI Conferenza stampa ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA 2015 della SSIC Sezione Ticino Bellinzona, giovedì 7 maggio 2015 ore 10.30 Saluto e introduzione Ing. Cleto Muttoni Presidente SSIC Sezione Ticino

Dettagli

5.2.1.1.6. Regolamento sui corsi interaziendali

5.2.1.1.6. Regolamento sui corsi interaziendali 5.2.1.1.6 Campo d applicazione Responsabilità Composizione delle Commissioni Regolamento sui corsi interaziendali (del 7 settembre 2010) IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO richiamati:

Dettagli

Tuttavia, le direttive federali non vietano che le notifiche siano effettuate con procedure diverse rispetto a quella online.

Tuttavia, le direttive federali non vietano che le notifiche siano effettuate con procedure diverse rispetto a quella online. Discorso pronunciato dal Consigliere di Stato Michele Barra in occasione della Conferenza stampa Padroncini e distaccati, una situazione da correggere 26 luglio 2013 Fa stato il discorso orale Pagina 1

Dettagli

Comunicato stampa EMBARGO fino al 14.01.15 ore 11.30. Inchiesta congiunturale 2014/2015

Comunicato stampa EMBARGO fino al 14.01.15 ore 11.30. Inchiesta congiunturale 2014/2015 Comunicato stampa EMBARGO fino al 14.01.15 ore 11.30 Inchiesta congiunturale 2014/2015 Dopo il miglioramento fatto registrare nel 2013, la situazione delle aziende ticinesi nel 2014 si è stabilizzata in

Dettagli

Donatella Ferrari. Scuola Universitaria della Svizzera Italiana (SUPSI), Lugano

Donatella Ferrari. Scuola Universitaria della Svizzera Italiana (SUPSI), Lugano Donatella Ferrari Scuola Universitaria della Svizzera Italiana (SUPSI), Lugano 1 Art. 3 Federalismo Cost. Fed. I Cantoni sono sovrani per quanto la loro sovranità non sia limitata dalla Costituzione federale

Dettagli

Novità legislative federali e cantonali

Novità legislative federali e cantonali 2/26 Novità legislative federali e cantonali Una panoramica sui diversi cambiamenti in ambito di imposte dirette I. Novità legislative federali Dal 1. gennaio 2011 sono previste importanti novità legislative

Dettagli

Creare e organizzare una rete di aziende formatrici

Creare e organizzare una rete di aziende formatrici Promemoria 20 Creare e organizzare una rete di aziende formatrici Di cosa bisogna tenere conto quando si organizza una rete di aziende formatrici? Esistono molti esempi di reti di aziende formatrici create

Dettagli

FISCALE Per Titolare/Responsabile Amministrativo LE NUOVE REGOLE PER LAVORARE IN CANTON TICINO DOPO L ENTRATA IN VIGORE DELLA LIA

FISCALE Per Titolare/Responsabile Amministrativo LE NUOVE REGOLE PER LAVORARE IN CANTON TICINO DOPO L ENTRATA IN VIGORE DELLA LIA (SB/sb) FISCALE Per Titolare/Responsabile Amministrativo LE NUOVE REGOLE PER LAVORARE IN CANTON TICINO DOPO L ENTRATA IN VIGORE DELLA LIA Lo scorso 20 gennaio 2016 gli organi cantonali ticinesi hanno deliberato

Dettagli

Associazione per l applicazione paritetica, l aggiornamento professionale e il fondo sociale per il settore del prestito di personale

Associazione per l applicazione paritetica, l aggiornamento professionale e il fondo sociale per il settore del prestito di personale STATUTO dell Associazione per l applicazione paritetica, l aggiornamento professionale e il fondo sociale per il settore del prestito di personale - - Statuto dell Associazione per l applicazione paritetica,

Dettagli

Legge sull aiuto alle scuole universitarie: obiettivi non raggiunti dossierpolitica

Legge sull aiuto alle scuole universitarie: obiettivi non raggiunti dossierpolitica Legge sull aiuto alle scuole universitarie: obiettivi non raggiunti dossierpolitica 24 agosto 2009 Numero 20 Legge sull aiuto alle scuole universitarie La legge federale sull aiuto alle scuole universitarie

Dettagli

Formarsi oggi per costruire le imprese di domani

Formarsi oggi per costruire le imprese di domani Formarsi oggi per costruire le imprese di domani Impresario costruttore diplomato Formazione a moduli in preparazione all Esame superiore di Impresario costruttore diplomato Centro di formazione professione

Dettagli

VALE IL DISCORSO ORALE

VALE IL DISCORSO ORALE VALE IL DISCORSO ORALE Convegno SUPSI-SIA/TI-ATG-Rotary Club Mendrisiotto AlpTransit 2019: un futuro ad alta velocità per il Ticino? «Una rivoluzione per la mobilità e un opportunità per il territorio»

Dettagli

LE REGOLE PER LAVORARE IN SVIZZERA alla luce dell accordo bilaterale sulla libera circolazione delle persone

LE REGOLE PER LAVORARE IN SVIZZERA alla luce dell accordo bilaterale sulla libera circolazione delle persone LE REGOLE PER LAVORARE IN SVIZZERA alla luce dell accordo bilaterale sulla libera circolazione delle persone a cura di: Camera di Commercio di Como, Sviluppo Impresa, Confartigianato Imprese Como, Ance

Dettagli

1. Comitato consultivo del CSDU

1. Comitato consultivo del CSDU Centro svizzero di competenza per i diritti umani (CSDU) Fase pilota 2011 2015 Parere e raccomandazioni del Comitato consultivo del CSDU del 29 aprile 2015 Compendio La valutazione conferma quanto sostenuto

Dettagli

Quadri dell edilizia nel settore principale della costruzione Modello per la formazione e il perfezionamento

Quadri dell edilizia nel settore principale della costruzione Modello per la formazione e il perfezionamento Quadri dell edilizia nel settore principale della costruzione Modello per la formazione e il perfezionamento Versione 2010 2011 SSIC Documentazione Formatori Muratore / Muratrice AFC 1 Indice 3 Prefazione

Dettagli

Tavolo. Crescita ed equità

Tavolo. Crescita ed equità Tavolo Crescita ed equità Roma 19 giugno 2007 Le Organizzazioni dell artigianato e del commercio, preso atto delle linee di intervento indicate nella relazione del Ministro del Lavoro e della Previdenza

Dettagli

Corso di preparazione all esame professionale Maestro/a conducente con attestato professionale federale

Corso di preparazione all esame professionale Maestro/a conducente con attestato professionale federale Repubblica e Cantone Ticino Divisione della formazione professionale Ufficio della formazione continua e dell innovazione Corso di preparazione all esame professionale Maestro/a conducente con attestato

Dettagli

Svizzera Votazione popolare dell 8 marzo: bocciati gli assegni esentasse per i figli e la tassa sull energia

Svizzera Votazione popolare dell 8 marzo: bocciati gli assegni esentasse per i figli e la tassa sull energia N E W S D A L M O N D O 18 M A R Z O 2 0 1 5 Svizzera Votazione popolare dell 8 marzo: bocciati gli assegni esentasse per i figli e la tassa sull energia Svizzera Votazione popolare dell 8 marzo: bocciati

Dettagli

Finanze Cantone La situazione oggi Premessa: I limiti della situazione attuale nella politica di risanamento finanziario

Finanze Cantone La situazione oggi Premessa: I limiti della situazione attuale nella politica di risanamento finanziario Finanze Cantone La situazione oggi Premessa: Da anni ormai il bilancio del Cantone segna rosso, con elevati deficit ricorrenti ormai consolidati. Il che significa che si tratta di un problema strutturale

Dettagli

GIOVANI E REALTÀ SOCIO-ECONOMICHE

GIOVANI E REALTÀ SOCIO-ECONOMICHE 16a sessione Consiglio Cantonale dei Giovani CARTELLA STAMPA GIOVANI E REALTÀ SOCIO-ECONOMICHE Hotel Ristorante Croce Federale, Viale Stazione 12A, 6500 Bellinzona Mercoledì 13 gennaio 2015, ore 10:00

Dettagli

Strategia della sorveglianza sulle assicurazioni in Svizzera

Strategia della sorveglianza sulle assicurazioni in Svizzera Strategia della sorveglianza sulle assicurazioni in Svizzera 1. Base legale...2 2. Compiti principali...2 3. Esigenze per l adempimento dei compiti principali...2 3.1. Cultura della responsabilità...3

Dettagli

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi 2.09 Stato al 1 gennaio 2010 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Un fondo cantonale per la formazione professionale

Un fondo cantonale per la formazione professionale Conferenza stampa Un fondo cantonale per la formazione professionale Bellinzona, 5 giugno 2008 1 Gabriele Gendotti Consigliere di Stato e direttore del DECS 2 Paolo Colombo Direttore della Divisione della

Dettagli

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero?

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? «Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? Consigli per motivare al comportamento sicuro sul lavoro Forse vi è già capitato di trovarvi nei panni di questo allenatore di hockey e di pensare che i vostri

Dettagli

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014 Comunicato stampa Inchiesta congiunturale 2013/2014 Sensibile miglioramento nel 2013 per le aziende ticinesi dopo le difficoltà degli ultimi anni. Previsioni sostanzialmente positive anche per il 2014,

Dettagli

Comprare casa in Svizzera: guida fiscale all acquisto (prima parte)

Comprare casa in Svizzera: guida fiscale all acquisto (prima parte) di: Roberto Lenzi Avvocato, Lenzi e Associati Comprare casa in Svizzera: guida fiscale all acquisto (prima parte) A quali forme di tassazione si va incontro comprando una casa in Svizzera? Ecco la prima

Dettagli

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Gentili ospiti Signore e Signori, Autorità e colleghi Costruttori, vi ringrazio della vostra presenza oggi alla

Dettagli

Mediazione Civile & Commerciale. Studio Legale MM & PARTNERS. Viale Majno,7 20122, Milano Tel. 02/76280777 02/76280776 Fax.

Mediazione Civile & Commerciale. Studio Legale MM & PARTNERS. Viale Majno,7 20122, Milano Tel. 02/76280777 02/76280776 Fax. Studio Legale MM & PARTNERS Viale Majno,7 20122, Milano Tel. 02/76280777 02/76280776 Fax. 02/76407336 Mediazione Civile & Commerciale Avv. Maria Sorbini m.sorbini@mmjus.it INDICE: 1. DOPO UN TORMENTATO

Dettagli

SECONDA PARTE: PROPOSTE DI MISURE A SOSTEGNO DELL'ECONOMIA

SECONDA PARTE: PROPOSTE DI MISURE A SOSTEGNO DELL'ECONOMIA SECONDA PARTE: PROPOSTE DI MISURE A SOSTEGNO DELL'ECONOMIA 5. ESITO DELLE CONSULTAZIONI EFFETTUATE CON LE ORGANIZZAZIONI ECONOMICHE E ATTI PARLAMENTARI PENDENTI Al manifestarsi della crisi e in particolare

Dettagli

Elenco dei criteri per la procedura di qualificazione scritta

Elenco dei criteri per la procedura di qualificazione scritta Elenco dei criteri per la procedura di qualificazione scritta Competenze professionali: 1.1.2.1 Trattare le richieste dei clienti 1.1.2.2 Condurre e concludere colloqui di consulenza e/o di vendita 1.1.2.3

Dettagli

Riconoscere le prestazioni di tutte le famiglie

Riconoscere le prestazioni di tutte le famiglie 1 INIZIATIVA DELLE CITTÀ SÌ ALLA SICUREZZA SOCIALE " Prospettiva - Politica familiare Riconoscere le prestazioni di tutte le famiglie Posizione 2 Informazioni Segretariato della COFF Ufficio federale delle

Dettagli

Attività di volontariato per i disoccupati Manuale ad uso degli uffici di collocamento e delle organizzazioni di volontariato

Attività di volontariato per i disoccupati Manuale ad uso degli uffici di collocamento e delle organizzazioni di volontariato Attività di volontariato per i disoccupati Manuale ad uso degli uffici di collocamento e delle organizzazioni di volontariato Stranieri e volontariato Beneficiari del sostegno sociale e volontariato Beneficiari

Dettagli

Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport 6501 Bellinzona

Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport 6501 Bellinzona Segretariato Cantonale Via Balestra 19 CH - 6901 Lugano tel.: 091-91 15 51 fax: 091-93 53 65 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport 6501 Bellinzona N. rif. V. rif. Lugano, 14 marzo 008

Dettagli

Guida. Sostegno individuale nella formazione professionale di base

Guida. Sostegno individuale nella formazione professionale di base Guida Sostegno individuale nella formazione professionale di base 2 Utilizzo della guida Nella guida sono riportate le misure e le possibilità d azione basate sulle esperienze fatte finora. I responsabili

Dettagli

Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione

Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione (Legge sulla CPC) Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 34 quater e 85 numeri 1 e 3 della Costituzione

Dettagli

Atti Parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI

Atti Parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI Atti Parlamentari - 1 - Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NARDUCCI Modifica agli articoli 1, 2, 3 e 4 della legge 5 giugno 1997, n. 147, concernente la

Dettagli

Sommario rassegna stampa

Sommario rassegna stampa Sommario rassegna stampa Luglio/agosto 2013 Pagina Articolo 2 laregioneticino, 1. luglio 2013 Advanced Studies SUPSI 3 Giornale del popolo, 3 luglio 2013 Ditte dall Italia al Ticino: i retroscena del trasloco

Dettagli

4500-01 DICHIARAZIONI DELL'OFFERENTE

4500-01 DICHIARAZIONI DELL'OFFERENTE DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO DIVISIONE DELLE COSTRUZIONI AREA DEL SUPPORTO E DEL COORDINAMENTO CASELLA POSTALE 2170-6501 BELLINZONA Lotto o incarto N 4500-01 DICHIARAZIONI DELL'OFFERENTE Avvertenza importante:

Dettagli

Risoluzione del Consiglio Cantonale dei Giovani 2011 all indirizzo del Consiglio di Stato

Risoluzione del Consiglio Cantonale dei Giovani 2011 all indirizzo del Consiglio di Stato 08.10.11 Risoluzione al Consiglio di Stato 1 Risoluzione del Consiglio Cantonale dei Giovani 2011 all indirizzo del Consiglio di Stato L Undicesimo Consiglio Cantonale dei Giovani quest anno si china sul

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

Argomenti Contro 13.084. Dokumentation Documentation Documentazione

Argomenti Contro 13.084. Dokumentation Documentation Documentazione Parlamentsdienste Services du Parlement Servizi del Parlamento Servetschs dal parlament 13.084 Argomenti Contro Sostenere le famiglie! Esentare dalle imposte gli assegni per i figli e gli assegni di formazione.

Dettagli

ASIPG Associazione svizzera imprenditori pittori e gessatori. Riforma della formazione professionale di base dei pittori

ASIPG Associazione svizzera imprenditori pittori e gessatori. Riforma della formazione professionale di base dei pittori ASIPG Associazione svizzera imprenditori pittori e gessatori Pittrice AFC / Pittore AFC e Aiuto pittrice CFP / Aiuto pittore CFP Riforma della formazione professionale di base dei pittori COSA CAMBIA DAL

Dettagli

Corsi di formazione continua 2015-2017 Jardin Suisse Ticino

Corsi di formazione continua 2015-2017 Jardin Suisse Ticino Organizzatore: Jardin Suisse Ticino Associazione Svizzera Imprenditori Giardinieri Via Carvina 3, 6807 Taverne Tel: 091 968 12 54, Fax: 091 968 15 39 e- mail: info@jardinsuisse-ti.ch sito web: www.jardinsuisse-ti.ch

Dettagli

Legge federale sulla riduzione delle emissioni di CO 2

Legge federale sulla riduzione delle emissioni di CO 2 Legge federale sulla riduzione delle emissioni di CO 2 (Legge sul CO 2) Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 74 e 89 della Costituzione federale 1 ; visto

Dettagli

Direttive Esame professionale per Specialista del personale

Direttive Esame professionale per Specialista del personale Direttive Esame professionale per Specialista del personale Opzioni A Gestione del personale B Consulente del personale secondo il Regolamento 2000, versione 2.0 Organo svizzero responsabile degli esami

Dettagli

Votazione cantonale del 22 settembre 2002

Votazione cantonale del 22 settembre 2002 Opuscolo informativo Votazione cantonale Iniziativa popolare generica contro il monopolio le tariffe degli avvocati notai e controprogetto Gran Consiglio Repubblica e Cantone Ticino Su cosa siete chiamati

Dettagli

Diploma di approfondimento La fiscalità svizzera

Diploma di approfondimento La fiscalità svizzera Diploma di approfondimento La fiscalità svizzera Edizione II Presentazione Alla luce del successo della prima edizione, il diploma "La fiscalità svizzera" viene riproposto in un formato aggiornato e conforme

Dettagli

Promemoria: trattamento fiscale delle spese di perfezionamento

Promemoria: trattamento fiscale delle spese di perfezionamento Promemoria: trattamento fiscale delle spese di perfezionamento Osservazione preliminare Questo promemoria si prefigge di agevolare agli studenti degli esami modulari, quelli professionali federali e quelli

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

L UNIONE SVIZZERA DEL METALLO FEDERAZIONE TICINO. presenta il corso

L UNIONE SVIZZERA DEL METALLO FEDERAZIONE TICINO. presenta il corso L UNIONE SVIZZERA DEL METALLO FEDERAZIONE TICINO presenta il corso MAESTRIA 2015 Corso preparatorio EP / EPS Esame professionale e Esame professionale superiore per ottenere i seguenti attestati professionali

Dettagli

Legge sugli aiuti allo studio (LASt) (del 23 febbraio 2015)

Legge sugli aiuti allo studio (LASt) (del 23 febbraio 2015) Legge sugli aiuti allo studio (LASt) (del 23 febbraio 2015) 5.1.3.1 IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 25 giugno 2014 n. 6955 e il messaggio aggiuntivo 23 dicembre 2014

Dettagli

21.4.2015 INFORMAZIONI IMPORTANTI PER I BENEFICIARI DI UNA RENDITA PEAN

21.4.2015 INFORMAZIONI IMPORTANTI PER I BENEFICIARI DI UNA RENDITA PEAN 21.4.2015 INFORMAZIONI IMPORTANTI PER I BENEFICIARI DI UNA RENDITA PEAN Inhalt Decisione sulle prestazioni 1 Domanda definitiva 1 Verifica della decisione sulle prestazioni 2 Contributo di risparmio LPP

Dettagli

2.09 Stato al 1 gennaio 2013

2.09 Stato al 1 gennaio 2013 2.09 Stato al 1 gennaio 2013 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

TAXeNEWS. Ticino. Novità in ambito legale e delle assicurazioni sociali

TAXeNEWS. Ticino. Novità in ambito legale e delle assicurazioni sociali Novità in ambito legale e delle assicurazioni sociali TAXeNEWS Ticino Questo bollettino informativo redatto in lingua italiana dal nostro ufficio di Lugano è indirizzato alla clientela domiciliata in Ticino

Dettagli

Helsana non vi abbandona.

Helsana non vi abbandona. Helsana non vi abbandona. Affidabile competente impegnata. Copertura assicurativa su misura grazie a soluzioni modulari. Assicuriamo le aziende e i loro collaboratori contro le conseguenze di malattia

Dettagli

Secondo tubo al Gottardo: un finanziamento privato è fattibile dossierpolitica

Secondo tubo al Gottardo: un finanziamento privato è fattibile dossierpolitica Secondo tubo al Gottardo: un finanziamento privato è fattibile dossierpolitica 20 febbraio 2012 Numero 2 Partenariato pubblico-privato (PPP) La galleria autostradale del Gottardo deve essere risanata.

Dettagli

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Ingegneria civile

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Ingegneria civile Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design Corso di laurea in Ingegneria civile Dipartimento ambiente costruzioni e design Il Dipartimento ambiente

Dettagli

Scelte di carriera di operatrici e operatori sociosanitari

Scelte di carriera di operatrici e operatori sociosanitari Scelte di carriera di operatrici e operatori sociosanitari Risultati della prima inchiesta relativa ai progetti di carriera Management Summary Partecipazione al progetto Istituto Universitario Federale

Dettagli

Lavorare dove inizia il futuro.

Lavorare dove inizia il futuro. Lavorare dove inizia il futuro. Volete una carriera con un futuro? Allora unitevi al team di Swiss Life. 2 Lavorare dove inizia il futuro. Swiss Life investe nel futuro dei suoi collaboratori. E voi? Chi

Dettagli

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Chi è Inter-Agire? Inter-Agire è un associazione di volontariato internazionale composta da candidati per una

Dettagli

Domande frequenti sul CCL Personale a prestito Versione del 20.2.2012

Domande frequenti sul CCL Personale a prestito Versione del 20.2.2012 S. 1 Domande frequenti sul CCL Personale a prestito Versione del 20.2.2012 Nuovo nell edizione dal 20.02.2012 Campo d applicazione Chi è soggetto al CCL Personale a prestito e chi no? Tutti i membri di

Dettagli

SINDICATO UNIA Weltpoststrasse 20, casella postale 3000 Berna 15 Telefono 031 350 21 11, fax 031 350 22 11 www.unia.ch

SINDICATO UNIA Weltpoststrasse 20, casella postale 3000 Berna 15 Telefono 031 350 21 11, fax 031 350 22 11 www.unia.ch Indice: Convenzione addizionale del 25 maggio 2010 che modifica l art. 58 CNM e l appendice 12 al CNM (Convenzione addizionale per i lavori in sotterraneo «Convenzione per i lavori in sotterraneo») SOCIETÀ

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE Come viene alimentata la posizione previdenziale? Il finanziamento è attuato mediante contribuzione a carico del lavoratore, del datore di lavoro e tramite

Dettagli

Modifica del diritto di locazione nel Codice delle obbligazioni (progetto) Spiegazioni

Modifica del diritto di locazione nel Codice delle obbligazioni (progetto) Spiegazioni 6 maggio 2014 Modifica del diritto di locazione nel Codice delle obbligazioni (progetto) Spiegazioni Indice Modifica del diritto di locazione nel Codice delle obbligazioni (progetto)... 1 Spiegazioni...

Dettagli

La salute ha tante sfaccettature

La salute ha tante sfaccettature La salute ha tante sfaccettature La nostra offerta assicurativa: protezione ottimale per ogni azienda. Helsana Business Salary Oggetto Indennità giornaliera di malattia secondo la LCA Malattia Parto (solo

Dettagli

Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte

Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte SCHEDA D INFORMAZIONE N 3: QUESTIONI SULLA RIDISTRIBUZIONE Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte Parlare della riforma dell imposizione delle imprese significa anche affrontare i timori relativi

Dettagli

N.2. Autunno 2007. Detenzione di partecipazioni attraverso società svizzere alla luce degli accordi UE

N.2. Autunno 2007. Detenzione di partecipazioni attraverso società svizzere alla luce degli accordi UE Servizi di consulenza fiscale e di amministrazione ewslet News letter Autunno 2007 N.2 Detenzione di partecipazioni attraverso società svizzere alla luce degli accordi UE Con l Accordo del 26.10.2004 tra

Dettagli

LE QUATTRO DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE

LE QUATTRO DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE LE QUATTRO DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE Formazione Formazione continua Riforme delle professioni Ricerca e sviluppo INDICE 3 LE QUATTRO DIMENSIONI DELL A FORMAZIONE PROFESSIONALE 5 INTERLOCUTORI

Dettagli

www.professioni-costruzione.ch

www.professioni-costruzione.ch Diario di stage in impresa Seguendo uno stage in impresa, potrai informarti, in modo molto semplice, su una delle professioni della costruzione vivendone la pratica nel quotidiano. Ti poni delle domande,

Dettagli

UN ESEMPIO DA VALUTARE: LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI E DEI BENI DELLA SVIZZERA

UN ESEMPIO DA VALUTARE: LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI E DEI BENI DELLA SVIZZERA UN ESEMPIO DA VALUTARE: LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI E DEI BENI DELLA SVIZZERA Nel n. 118, 1977 di questa rivista, avevamo riprodotto il modulo utilizzato nel Canton Ticino per la dichiarazione non solo

Dettagli

CONFERENZA INTERNAZIONALE Protezione civile e aiuti umanitari, uniti per affrontare disastri e crisi. Roma, 10-11 novembre 2011

CONFERENZA INTERNAZIONALE Protezione civile e aiuti umanitari, uniti per affrontare disastri e crisi. Roma, 10-11 novembre 2011 CONFERENZA INTERNAZIONALE Protezione civile e aiuti umanitari, uniti per affrontare disastri e crisi Rafforzare la cooperazione sul campo per una capacità di risposta internazionale più efficace Roma,

Dettagli

NOI CON. Il nostro impegno e le nostre prestazioni per voi. Gli uffici regionali di collocamento e le casse di disoccupazione.

NOI CON. Il nostro impegno e le nostre prestazioni per voi. Gli uffici regionali di collocamento e le casse di disoccupazione. NOI CON VIi VOi Il nostro impegno e le nostre prestazioni per voi. Gli uffici regionali di collocamento e le casse di disoccupazione. Una campagna dell Assicurazione contro la disoccupazione in collaborazione

Dettagli

Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani

Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani 1 Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani La situazione dei giovani lavoratori italiani risulta a noi particolarmente svantaggiata. La società di oggi richiede ai giovani

Dettagli

La nostra visione del traffico transfrontaliero di merci e di viaggiatori è ben diversa! Per illustrarla vi abbiamo invitato a questo incontro.

La nostra visione del traffico transfrontaliero di merci e di viaggiatori è ben diversa! Per illustrarla vi abbiamo invitato a questo incontro. Signore e signori, questo cartello, fotografato alla stazione di confine di Domodossola, dice tutto sull attuale situazione nel traffico ferroviario tra l Italia e la Svizzera: Strutture obsolete Impianti

Dettagli

ISCRIZIONE. PREMIOSWISSENGINEERINGTICINO edizione 2016. SUPSI Dipartimento ambiente costruzioni e design

ISCRIZIONE. PREMIOSWISSENGINEERINGTICINO edizione 2016. SUPSI Dipartimento ambiente costruzioni e design ISCRIZIONE PREMIOSWISSENGINEERINGTICINO edizione 2016 SUPSI Dipartimento ambiente costruzioni e design PRESENTAZIONE Il PREMIOSWISSENGINEERINGTICINO è nato per promuovere i/le giovani verso il mondo del

Dettagli

UNIONE EUROPEA. Un area molto vasta di libero mercato, libera circolazione delle persone, dei lavoratori, delle aziende, delle merci e dei capitali.

UNIONE EUROPEA. Un area molto vasta di libero mercato, libera circolazione delle persone, dei lavoratori, delle aziende, delle merci e dei capitali. UNIONE EUROPEA Un area molto vasta di libero mercato, libera circolazione delle persone, dei lavoratori, delle aziende, delle merci e dei capitali. 1 2 SVIZZERA: UNICO CONFINE RIMASTO IN EUROPA LA SVIZZERA

Dettagli

6654 19 giugno 2012 TERRITORIO / FINANZE E ECONOMIA

6654 19 giugno 2012 TERRITORIO / FINANZE E ECONOMIA 6654 19 giugno 2012 TERRITORIO / FINANZE E ECONOMIA Rapporto del Consiglio di Stato sulla mozione 21 febbraio 2011 presentata dal gruppo PS (Nicoletta Mariolini, Carlo Lepori e cofirmatari) Mobilità aziendale

Dettagli

Informazioni utili per il soggiorno in Svizzera

Informazioni utili per il soggiorno in Svizzera Informazioni utili per il soggiorno in Svizzera CH-4501 Soletta Dornacherstrasse 28A Casella postale 246 Telefono 032 346 18 18 Telefax 032 346 18 02 info@ch-go.ch www.ch-go.ch Indice Introduzione... 3

Dettagli

Profilo di qualificazione per impiegata/impiegato di commercio AFC

Profilo di qualificazione per impiegata/impiegato di commercio AFC Profilo di qualificazione per impiegata/impiegato di commercio AFC 68500 Impiegata/impiegato di commercio AFC formazione base 68600 Impiegata/impiegato di commercio AFC formazione estesa Ordinanza dell

Dettagli

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO ... Legge sull Università della Svizzera italiana, sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana e sugli Istituti di ricerca (del ottobre 99) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE

Dettagli

Promemoria relativo alle notifiche di licenziamenti collettivi o cessazione dell attività per motivi economici

Promemoria relativo alle notifiche di licenziamenti collettivi o cessazione dell attività per motivi economici telefono fax e-mail Ufficio giuridico Residenza governativa Piazza Governo 6501 Bellinzona 091 814 31 03 091 814 44 96 dfe-ug@ti.ch Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento delle finanze e dell'economia

Dettagli

Accordi bilaterali Unione Europea Svizzera: un opportunità nel cuore dell Europa. Lugano, 4 giugno 2007

Accordi bilaterali Unione Europea Svizzera: un opportunità nel cuore dell Europa. Lugano, 4 giugno 2007 Accordi bilaterali Unione Europea Svizzera: un opportunità nel cuore dell Europa Lugano, 4 giugno 2007 Obiettivo degli Accordi bilaterali: diminuire l isolamento della Svizzera Gli Accordi bilaterali sono

Dettagli

Il Decreto Legislativo 81/2008 e i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Il Decreto Legislativo 81/2008 e i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Il Decreto Legislativo 81/2008 e i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Edizione 2009 Testo realizzato da: Silvia Maria Squarcina Responsabile Processo Prevenzione Sede INAIL di Parma Giovanna

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La scuola per capi-azienda nelle arti e mestieri

La scuola per capi-azienda nelle arti e mestieri IFCAM - Istituto svizzero per la formazione di capi-azienda nelle arti e mestieri La scuola per capi-azienda nelle arti e mestieri Istituto svizzero per la formazione di capi azienda Scopo del corso La

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

SEFRI, giugno 2014. Valutazione nazionale del Case Management Formazione professionale Capitolato d oneri

SEFRI, giugno 2014. Valutazione nazionale del Case Management Formazione professionale Capitolato d oneri SEFRI, giugno 2014 Valutazione nazionale del Case Management Formazione professionale Capitolato d oneri Indice 1 CONTESTO... 3 1.1 CONDIZIONI QUADRO... 3 1.2 CASE MANAGEMENT FORMAZIONE PROFESSIONALE...

Dettagli

L offerta di mense e doposcuola nelle scuole pubbliche del Cantone Ticino

L offerta di mense e doposcuola nelle scuole pubbliche del Cantone Ticino di Michela Crespi Branca e Luana Tozzini Paglia* L Ufficio del monitoraggio e dello sviluppo scolastico (UMSS) ha effettuato nell anno scolastico il censimento dei servizi pasti a mezzogiorno e dei doposcuola

Dettagli

Legge federale concernente il finanziamento e l ampliamento dell infrastruttura ferroviaria

Legge federale concernente il finanziamento e l ampliamento dell infrastruttura ferroviaria Termine di referendum: 25 settembre 2014 Legge federale concernente il finanziamento e l ampliamento dell infrastruttura ferroviaria del 21 giugno 2013 L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice ACCORDO in materia di ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM Stipulato da: ALSTOM, rappresentata da Patrick Dubert, E: la FEM (Federazione Europea Metalmeccanici), rappresentata da Bart

Dettagli

Convegno Alptransit 2017 organizzato da SIA Ticino, SUPSI, Rotary Ticino e Alptransit il 24 marzo 2011

Convegno Alptransit 2017 organizzato da SIA Ticino, SUPSI, Rotary Ticino e Alptransit il 24 marzo 2011 Presidente Associazione svizzera Alta Capacità Lugano-Milano già Consigliere nazionale Convegno Alptransit 2017 organizzato da SIA Ticino, SUPSI, Rotary Ticino e Alptransit il 24 marzo 2011 Tempi di percorrenza

Dettagli

31 marzo 2011. Rapporto www.ch.ch/publicjobs 2010

31 marzo 2011. Rapporto www.ch.ch/publicjobs 2010 31 marzo 2011 Rapporto www.ch.ch/publicjobs 2010 Indice 1. Premesse... 3 1.1. Basi legali... 3 1.2. Organizzazione... 3 1.3. Strategia... 3 2. Rapporto di attività... 4 2.1. Ampliamento / ottimizzazioni...

Dettagli

bilaterali Svizzera-UE

bilaterali Svizzera-UE Dipartimento federale degli affari esteri DFAE Direzione degli affari europei DAE Sezione informazione I principali accordi bilaterali Svizzera-UE Marzo 2013 Accordi bilaterali Svizzera-UE 2 I primi Accordi

Dettagli