Buone Feste! NOVEMBRE DICEMBRE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Buone Feste! NOVEMBRE DICEMBRE 2013 6"

Transcript

1 Buone Feste! NOVEMBRE DICEMBRE

2

3 Dal 1. luglio 2009 è in vigore la modifica della «Legge sull orientamento scolastico e professionale e sulla formazione professionale e continua (Lorform)». Scopo della modifica è stato di promuovere, organizzare e gestire la formazione professionale di base, superiore e continua. Per questo il Consiglio di Stato, d intesa con le organizzazioni del mondo del lavoro di importanza cantonale (OML), ha istituito un Fondo cantonale generale, dichiarandone obbligatoria la partecipazione di tutte le aziende astrette al pagamento di contributi in base alla legislazione sull AVS, agenzie di intermediazione incluse, chiamandole a contribuire allo stesso. Il Fondo finanzia, totalmente o parzialmente, obbligatoriamente: le spese residue riconosciute, dedotti i contributi federali e cantonali, delle aziende e delle organizzazioni del mondo del lavoro per i corsi interaziendali; le spese a carico delle aziende per le procedure di qualificazione della formazione professionale di base; le spese di trasferta delle persone in formazione dall azienda formatrice alle scuole professionali e ai corsi interaziendali. Inoltre finanzia, facoltativamente, ogni altra misura conforme agli scopi della presente legge, in particolare le azioni di promozione della formazione e del tirocinio ed in generale delle formazioni professionali rivolte alle aziende. Il suo finanziamento è garantito da un contributo, obbligatorio per tutte le aziende assoggettate all AVS, che la Legge stabilisce fra un minimo dello 0.9 e un massimo del 2.9 per mille della massa salariale. L aliquota viene stabilita annualmente da una speciale Commissione. EDITORIALE Il settore principale della costruzione, finora esentato dal Fondo cantonale per la formazione professionale (FCFP), aderirà allo stesso a partire dal prossimo anno. Ci sarà quindi un aggravio pari allo 0.09%. Tuttavia l adesione a questo fondo libererà il Fondo per la formazione professionale gestito dalla CPC (FFP-CPC) dall obbligo di sostituirsi a quello cantonale per finanziare le prestazioni previste da quest ultimo. Verranno così liberati dei capitali che la CPC ha deciso di utilizzare per incentivare ulteriormente la partecipazione ai corsi di formazione di base e continua. I partecipanti godranno perciò di tasse d iscrizione ridotte e percepiranno, se saranno soddisfatte determinate condizioni, un indennità perdita di guadagno (IPG) e un rimborso per il pasto di mezzogiorno. Il regolamento lo si potrà trovare, da inizio anno, sul sito della CPC (www.cpcedilizia.ch). Quello appena descritto è un aggravio finanziario che però, per chi ne vorrà approfittare, potrà essere ampiamente compensato. Il secondo onere a carico delle imprese di costruzione che vi sarà a partire dal 2014 è rappresentato dall aumento salariale per il personale di cantiere concordato a livello nazionale fra la SSIC e i sindacati. Nonostante una nuova diminuzione nell ultimo anno (ottobre-ottobre) dell indice dei prezzi al consumo pari a 0.3 punti percentuali, è stato concesso un aumento dello 0.8% (0.4% generale e 0.4% al merito), oltre all adeguamento del rimborso per il pranzo di 1.- franco al giorno. Il 2013 sta volgendo al termine e sono state molte le attività e gli avvenimenti che hanno contraddistinto questo anno di intensa operosità associativa. La spiccata vitalità nell edilizia, il lavoro svolto e le soddisfazioni raccolte ci servono da stimolo per continuare, con impegno e motivazione, la nostra attività nell intento di promuovere il buon andamento del settore ticinese della costruzione e per far fronte alle difficoltà spesso riconducibili ad una concorrenza interna ed estera sfrenata e per niente positiva. A nome personale, dei colleghi membri di Ufficio presidenziale e di Consiglio sezionale, dei Direttori e di tutte le collaboratrici e i collaboratori del Segretariato di Bellinzona e del Centro di formazione di Gordola, porgo ai lettori di metrocubo gli auguri più belli per un lieto Natale e un 2014 ricco di salute e nuove soddisfazioni. BUONE FESTE! ing. Cleto Muttoni Presidente SSIC Sezione Ticino Dal 2008 a oggi, l indice dei prezzi è diminuito di 1.3 punti percentuali e ciononostante nell edilizia principale sono stati accordati aumenti generali del 5.0% e aumenti individuali pari all 1.7%. Uno sforzo generoso, ulteriore testimonianza di quanto i datori di lavoro abbiano a cuore i propri collaboratori e sono loro riconoscenti, ma come sempre misconosciuto dai sindacati. Va ricordato che l edilizia principale vanta di gran lunga i salari più elevati e le migliori condizioni di lavoro del settore, con dei minimi in Ticino che ammontano a Fr./mese 4'477.- per i principianti e Fr./mese 5'478.- per i muratori diplomati, per un orario di lavoro pari a 40.5 ore settimanali. Vittorino Anastasia Direttore SSIC Sezione Ticino 1 EDITORIALE 3 LA POLTRONA Intervista a Jörg De Bernardi, Delegato del Cantone Ticino per i rapporti confederali 5 GIORNATA ECONOMIA È tempo di riforme fiscali 6 7 INFO DA GORDOLA TicinoSkills e Porte aperte al CFP TICINO E ROMANDIA Corso per istruttori muratori dei Centri di formazione SSIC 9 INCONTRO SSIC TI Subappalto e nuove disposizioni 11 RIFLETTORI SU... Infortuni e malattie non professionali SICUREZZA SUL LAVORO Attività con pericoli particolari: formazione necessaria 12 HG COMMERCIALE Promozione valigia d utensili Nuovi oneri per il 2014 Responsabile Nicola Bagnovini Editore SSIC Sezione Ticino Viale Portone Bellinzona tel fax Fotografie redazionali SSIC TI, Bellinzona Stampa Tipo Print Roncoroni+Sulmoni Mendrisio Grafica Guido Robbiani Tiratura 2'700 copie 6 volte all anno Foto di copertina Marco Fässler 1 novembre-dicembre 2013

4

5 Dal 1 marzo 2011 lei ricopre il ruolo di Delegato del Cantone Ticino per i rapporti confederali. Signor De Bernardi, quali sono i principali compiti che è chiamato a svolgere in questo delicato ambito? LA POLTRONA Intervista a Jörg De Bernardi Mi occupo soprattutto della tutela degli interessi del Cantone (il lobbying ), ma pure della promozione della presenza di ticinesi in seno alla Amministrazione federale e della cura dell immagine del nostro Cantone. Va però smitizzato il concetto di lobbying : per l essenziale consiste nell evitare malintesi e disinformazione. Bisogna, in altre parole, far pervenire le proprie posizioni alle persone corrette, nel momento opportuno, in un formato che risponda alle esigenze dell interlocutore, dunque nella sua lingua, in maniera sintetica e con proposte operative realistiche. La difficoltà risiede nel fatto di operare all interfaccia tra due mondi politico-amministrativi, ognuno con le proprie priorità, la propria logica operativa e la propria tempistica. La Società svizzera impresari costruttori Sezione Ticino ha preso atto con particolare soddisfazione del Messaggio presentato lo scorso 13 settembre dal Consiglio federale in merito alla costruzione di una nuova galleria per il risanamento del collegamento autostradale attraverso il San Gottardo. Quale coordinatore del Gruppo di lavoro interdipartimentale che si occupa del risanamento di questo tunnel, cosa ci può dire in merito all iter procedurale che ci possiamo attendere per questo progetto di fondamentale importanza per l intera economia ticinese? Effettivamente il Consiglio di Stato reputa che la costruzione di un tubo di risanamento senza aumento di capacità, come proposto dal Consiglio federale, costituisca la soluzione migliore. Essa permette di mantenere lo status quo sotto il profilo viario: una chiusura totale del tunnel di quasi tre anni sarebbe inammissibile. Garantisce pure il rispetto dell articolo costituzionale sulla protezione delle Alpi che vieta un aumento di capacità. Va ricordato che in Ticino era stato accolto con oltre il 63% dei voti. La proposta del Consiglio federale permette pure di accrescere la sicurezza del tunnel: si potrà finalmente abolire il regime di traffico bidirezionale e circolare in due gallerie a una corsia. Ricordo infine che la costruzione di un tubo di risanamento non costituisce una misura eccezionale: così, ad esempio, al fine di permettere il risanamento del tunnel autostradale del Belchen, sulla A2, nel Giura, verrà costruito un terzo tubo, con costi al chilometro decisamente più importanti che per il tubo di risanamento al Gottardo. Progetti di risanamento stradale vanno affrontati con gli stessi criteri in tutto il paese, senza imporre soluzioni più sfavorevoli ad alcune regioni. L oggetto è ora al vaglio del Parlamento, la cui decisione è attesa per la fine del È già stato annunciato un referendum: per la prima volta nella storia della Confederazione il popolo sarà pertanto chiamato ad esprimersi sul merito di un progetto di risanamento autostradale. I lavori di scavo potranno, nella migliore delle ipotesi, iniziare nel 2020, la seconda galleria essere aperta al traffico nel 2028 e il risanamento del vecchio tubo essere terminato attorno al Al di là dei buoni intendimenti che regolarmente affiorano durante gli incontri ufficiali, il dialogo politico tra Bellinzona e Berna non sempre produce gli effetti sperati. Pensiamo ad esempio ai rapporti internazionali con l Italia riferiti alla mancanza di reciprocità nell ambito degli appalti pubblici. Signor De Bernardi, qual è la sua opinione in tal senso e quale strategia sarebbe interessante perseguire per essere maggiormente considerati dalla Berna federale? L esempio potrebbe anche servire quale prova dell ottima collaborazione. È su richiesta del Cantone, in effetti, che la Confederazione ha tematizzato il problema in occasione di incontri diplomatici ad alto livello. Berna ha pure coinvolto la Commissione europea, garante del rispetto degli accordi bilaterali firmati con la Svizzera. L Italia ha dovuto adattare la propria legislazione. Dobbiamo lavorare con intelligenza, e questo significa, tra le altre cose, agire non solo con riferimento alla realtà cantonale. Non esiste Berna : è il nome che per comodità diamo a un insieme di istituzioni e a un ampio campo di forza, teso dagli interessi variegati dei molti attori che a livello federale cercano di far sentire la loro voce. Conoscendo questa realtà si possono forgiare posizioni precise, tessere delle alleanze e darsi un piano d azione. Queste possibilità sono precluse a chi percepisce Berna come autorità monolitica lontana, destinataria di sommarie rivendicazioni. Il Ticino, in ragione della sua identità linguistica e culturale, della sua storia e della sua locazione geografica, ha una sensibilità particolare e competenze uniche. Siamo chiamati a contribuire attivamente e in prima fila al dibattito nazionale, senza sottovalutare il nostro potenziale. Jörg De Bernardi, Delegato del Cantone Ticino per i rapporti confederali. Foto Maffi, 3 novembre-dicembre 2013

6

7 Sfide e soluzioni sono state protagoniste della giornata dell economia organizzata da SSIC TI, ABT, AITI, Cc-Ti, CATEF in collaborazione con economiesuisse, lo scorso 21 novembre nella Sala multiuso di Sant Antonino incentrata quest anno sulla fiscalità nazionale e cantonale. La domanda posta riguarda in particolare la competitività del nostro Cantone da un punto di vista fiscale. Questa competitività dipende in parte dalle riforme che siamo in grado di attuare in Svizzera e pure da come si muovono le piazze economiche concorrenti. E queste non stanno certo a guardare, anzi, colpite violentemente e a più livelli dalla crisi finanziaria, economica e di indebitamento, promuovono una politica dinamica e innovativa per avvantaggiarsi nella conquista di buoni contribuenti e imprese interessanti. Questa dinamica i cui corollari non sono per nulla deleteri come alcuni vorrebbero far credere impone una revisione costante degli atout di una Nazione. Numerosi Paesi hanno messo in atto modelli interessanti che alleggeriscono la tassazione per imprese particolarmente innovative, o per imprese che garantiscono i finanziamenti all interno di gruppi o ancora altre attività come ad esempio il trading di materie prime. Dunque, per proporre soluzioni interessanti diventa determinante il tipo di impresa che si vuole attrarre sul proprio territorio offrendo, oltre ad un assetto fiscale favorevole, anche tutta una serie di condizioni quadro coerenti. La Riforma III dell imposizione delle imprese di cui si discuterà a livello federale proprio l anno prossimo mira proprio a riformare il nostro sistema fiscale, discriminando non più, come oggi, secondo il luogo di attività delle imprese, ma proponendo soluzioni interessanti per chi in Svizzera garantisce posti di lavoro di qualità e svolge attività ad alto valore aggiunto. Basta guardarsi attorno senza inventare l acqua calda, copiare un po dai concorrenti e lasciare al contempo margini di manovra ai Cantoni, permettendo loro di proporre, una volta ancora, soluzioni all avanguardia in grado di riportare la nostra nazione ad essere tra quelle più attrattive da un punto di vista fiscale. Le associazioni economiche cantonali vogliono inserirsi a pieno titolo in questa discussione e garantire che a questa causa contribuisca anche il Ticino. GIORNATA ECONOMIA L immobilismo del nostro Cantone in questo ambito ci è costato la perdita di molte posizioni nella graduatoria dei Cantoni elvetici più attrattivi. Una situazione che preoccupa le associazioni economiche ticinesi e alla quale si vorrebbe far fronte sulla base di una serie di misure concrete ed attuabili, presentate proprio durante la Giornata dell economia cantonale. Angelo Geninazzi Responsabile economiesuisse per la Svizzera italiana Le proposte cantonali* Negli ultimi anni molte sono state le proposte volte ad una diminuzione del carico fiscale per imprese e persone fisiche ticinesi, nello specifico molte di queste prevedevano una riduzione generale delle aliquote fiscali. Tuttavia ad oggi nessuna di queste proposte è stata implementata nella nostra legge tributaria, anche a causa della nota situazione finanziaria in cui versa il Cantone. Al fine di apportare un cambiamento sostenibile, le associazioni economiche ticinesi ci hanno conferito, nel mese di giugno 2013, mandato di individuare delle possibili aree di miglioramento fiscale che non fossero delle mere riduzioni di aliquote. In un primo momento abbiamo pertanto proceduto con uno studio comparatistico delle normative di altri Cantoni e altri Stati. Tale analisi ha permesso di appurare che il Ticino non ha nessuna punta di eccellenza, ma si situa fra i Cantoni che hanno un tasso di competitività mediocre. Nel rispetto dei principi costituzionali e di impegni internazionali, abbiamo quindi scelto di proporre delle misure mirate a ripristinare la competitività del nostro Cantone in specifici settori, così da considerare anche esigenze (quasi) antitetiche quali quelle di gettito fiscale. Al fine di un efficace e rapida implementazione di dette misure, ci siamo in parte ispirati a quanto già introdotto in altre legislazioni cantonali. Nel concreto ecco quanto da noi individuato: Per le persone fisiche: - La possibilità di dedurre (come in tutti gli altri Cantoni) gli accantonamenti per spese di ricerca e sviluppo - La limitazione dell imposta sulla sostanza Sia limitando la doppia imposizione economica Sia introducendo un massimale al combinato prelievo di imposta sul reddito e sulla sostanza Per le persone giuridiche: - Licence box - Computo dell imposta sul capitale nell imposta sull utile - Aliquota differenziata per utili destinati a prodotti innovativi, al risparmio di energia e alla protezione dell ambiente - Imposizione limitata degli investimenti collettivi di capitale a possesso fondiario diretto Rileviamo infine che il nostro lavoro è uno studio avanzato, ma ancora preliminare. L attività continuerà con la redazione di proposte concrete di modifiche di legge auspicando una convergenza d intenti che permetta finalmente una modifica del diritto tributario ticinese ed un aumento del tasso di competitività del nostro Cantone. È tempo di riforme fiscali La conferenza dal titolo «La fiscalità cantonale e nazionale tra spunti e proposte» è stata moderata dal Direttore del Corriere del Ticino Giancarlo Dillena e i tre relatori principali sono stati (vedi foto grande, da sinistra) Peter A. Jäggi, Rudolf Minsch (Presidente a.i. della Direzione di economiesuisse) e Angelo Geninazzi. *A cura di: Peter A.Jäggi avvocato, esperto fiscale dipl. fed., Socio Studio legale tributario Jäggi & Scheller SA, Lugano Nicola Franchini MAS tax law SUPSI, Partner Studio fiduciario Pagani SA, Lugano Gianluca Nessi MA ATT ADIT LLM (Tax), Direttore Icofin SA, Ascona 5 novembre-dicembre 2013

8 Giovedì 17, venerdì 18 e sabato 19 ottobre 2013, il Centro di Formazione Professionale della SSIC Sezione Ticino di Gordola, con il sostegno della Divisione della formazione professionale, ha organizzato le giornate di porte aperte, in concomitanza con i Ticino Skills (Campionati cantonali delle professioni), per diverse associazioni, aprendosi così alle scolaresche e alla popolazione. La manifestazione ha riscosso un grande successo. Molti sono stati infatti i ragazzi di scuola media, in particolare quelli del terzo e quarto anno, che hanno potuto visitare questo luogo di formazione pratica dedicato alle professioni della costruzione e dell artigianato dell edilizia. Accompagnati dai propri docenti e grazie alle spiegazioni fornite dagli istruttori delle 16 associazioni professionali presenti in quel di Gordola, i giovani hanno potuto farsi un idea concreta di alcuni aspetti che caratterizzano le belle professioni dell edilizia. Mestieri che richiedono abilità manuale, inventiva, precisione, senso pratico e che, proprio per questo, possono regalare molte soddisfazioni a chi intraprende la via dell apprendistato. Una decisione indubbiamente difficile, quella che i giovani si trovano a dover affrontare alla fine della scuola dell obbligo, da condividere con le rispettive famiglie. Tutto questo, pur consapevoli che l attuale iter formativo dell apprendistato lascia comunque aperte tutte le strade per il futuro (specializzazioni e possibilità di carriera nella professione scelta oppure rientro nelle scuole superiori a tempo pieno). Dunque anche i genitori hanno potuto approfittare, specialmente il sabato, di questa simpatica vetrina sul mondo delle professioni dell edilizia supportata dalle spiegazioni degli esperti. INFO DA GORDOLA TicinoSkills e Porte aperte al CFP Come detto in entrata, nell ambito delle porte aperte, sono stati pure organizzati, per la prima volta in Ticino, ben 8 campionati professionali nel settore artigianale (autista di veicoli pesanti, carpentiere, falegname, giardiniere paesaggista, meccanico di macchine agricole, metalcostruttore, muratore, pittore e decoratore). I giovani partecipanti, apprendisti all ultimo anno di formazione o che hanno appena terminato il tirocinio, con un età massima di 20 anni, si sono sfidati nelle proprie professioni per aggiudicarsi un posto ai primi Campionati svizzeri centralizzati delle professioni in previsione a Berna nel settembre del Evento, quest ultimo, paragonabile, per numeri e modalità di svolgimento, ad un Campionato mondiale delle professioni. Durante le 3 giornate di gara svoltesi a Gordola, il pubblico ha potuto entrare nei diversi laboratori, attrezzati con moderne infrastrutture di lavoro, e ammirare i giovani apprendisti che si cimentavano in attività pratiche. Un occasione questa, più unica che rara, per vederli all opera e comprendere quanto l attività pratica nel nostro settore possa consentire e garantire opportunità formative di lavoro interessanti, alle quali fa seguito una buona richiesta sul mercato del lavoro ticinese (finora i bravi artigiani non riscontrano difficoltà nel trovare un occupazione gratificante). I candidati e le candidate hanno lavorato con impegno e passione, nei loro abituali laboratori, su progetti definiti dalle rispettive associazioni professionali. A loro è Sul sito Internet è riportata la lista di tutti i premiati oltre ad una nutrita galleria fotografica. 6 novembre-dicembre 2013

9 stato chiesto, oltre che di operare nel rispetto delle regole dell arte e dunque puntando sulla qualità esecutiva, di gestire le attività richieste in un tempo limitato. Anche per le 9 professioni non interessate dalla competizione, (costruttore vie del traffico e selciatore; cucitore per arredamenti interni; elettricista in reti di distribuzione; gessatore; installatore di impianti sanitari, di riscaldamento e di ventilazione; installatore elettricista; lattoniere; posatore binari; tappezziere e decoratore d interni) l aspetto puramente dimostrativo dell iniziativa è stato ugualmente apprezzato dai visitatori. Ognuno ha infatti lavorato con impegno e passione, spinto anche dalla volontà di ben figurare. Per animare le porte aperte, nei laboratori sono anche state proposte attività e giochi per i bambini, i ragazzi, ma anche per i loro genitori. Le giornate di porte aperte al CFP si sono concluse con la premiazione dei campionati professionali (Skills) e dei migliori apprendisti per l Unione svizzera del metallo e con l attribuzione del Premio UBS Gordola per i migliori apprendisti nel settore artigianale. Visto il bel successo riscontrato, tutti gli attori coinvolti (Ufficio della formazione professionale, Ufficio dell orientamento scolastico e professionale, Associazioni presenti al CFP) si stanno occupando per dare continuità a questa positiva esperienza, concretizzatasi anche grazie all entusiasmo della signora Sara Rossini, delegata Swiss Skills presso la Divisione della formazione professionale. Alle pagine 6-7 sono riportate alcune immagini scattate durante gli eventi TicinoSkills e Porte aperte al Centro di formazione professionale degli scorsi 17, 18 e 19 ottobre. Foto: Marco Fässler, CFP Gordola. Il 24 e 25 ottobre, si è svolto al Centro di formazione professionale SSIC di Gordola il corso per gli istruttori muratori dei Centri di formazione della Svizzera romanda e del Ticino. Questo momento formativo rappresenta ormai una bella e consolidata realtà ed ogni anno, a rotazione, uno dei Centri di formazione della SSIC si incarica dell organizzazione. Quest anno il compito è toccato ai ticinesi. Un ottima opportunità per intrattenere i contatti con i colleghi romandi e per presentare sia le metodologie d insegnamento adottate (vedi insegnamento a moduli), sia le infrastrutture a disposizione. La prima giornata è stata dedicata all insegnamento e segnatamente alle canalizzazioni. Dopo la presentazione del modulo specifico, il pomeriggio è stato caratterizzato da una conferenza tenuta dall ing. Carlo Livio dello Studio Comal e Associati SA di Morbio Inferiore sul tema «Controllo della qualità dei lavori di canalizzazione». Nella giornata di venerdì si è presentato agli ospiti francofoni un percorso della pietra naturale. L uscita è incominciata con la visita TICINO E ROMANDIA alla cava Bettazza Graniti SA di Cevio, dove il titolare ha spiegato tutte le problematiche inerenti la gestione di un azienda, dall estrazione alla lavorazione e alla commercializzazione del prodotto. Seconda tappa a Brontallo, dove l Associazione Pro Brontallo ci ha accolti, presentandoci il progetto pilota Brontallo (progetto di sviluppo regionale e di promozione di prodotti indigeni e regionali). Terza tappa a Mogno e visita guidata dall architetto Giovan Luigi Dazio alla chiesa progettata da Mario Botta, chiudendo così il percorso tematico della pietra: estrazione e lavorazione, recupero dei vecchi nuclei e moderno. Interessanti e significativi i momenti conviviali, durante i quali è stato interessante scambiare esperienze di lavoro e competenze che verranno sicuramente utili nel proseguio dell attività a favore dei nostri apprendisti. Giorgio Petrini Responsabile corsi genio civile CFP SSIC TI, Gordola Corso per istruttori muratori dei Centri di formazione SSIC Foto di gruppo scattata durante l uscita a Brontallo, in Valle Lavizzara. 7 novembre-dicembre 2013

10 LEGNO MATERIA PRIMA RINNOVABILE LEGNAMI D OPERA COMBUSTIBILI LEGNOSI PALERIA, RECINZIONI IN CASTAGNO MANUFATTI RECUPERO E RICICLAGGIO STATUE

11 Giovedì 31 ottobre 2013, presso il nostro Centro di formazione professionale di Gordola, abbiamo organizzato un incontro informativo sul tema della responsabilità del subappaltatore, al quale hanno partecipato una quarantina di associati. Lo scopo della riunione, era quello di chiarire gli effetti principali delle modifiche delle normative sui lavoratori distaccati in Svizzera (legge ed ordinanza), entrate in vigore lo scorso 15 luglio. Nella sua dettagliata presentazione, il Direttore della SSIC Ticino, ing. Vittorino Anastasia, ha anche informato che sul nostro sito Internet è possibile accedere alla documentazione esplicativa e ai formulari preparati sull argomento dalla SECO e dalla nostra sede centrale. L avvocato Patrick Hauser (Direttore del servizio giuridico della SSIC di Zurigo) ha poi condotto l animata discussione con la quale si è conclusa la mattinata. L intento principale di questa revisione (pubblicamente avversata dalla SSIC) è quello di aumentare il controllo dell appaltatore primario sull eventuale catena contrattuale di subappalto, introducendone la responsabilità sussidiaria per il mancato rispetto delle condizioni lavorative e salariali minime da parte di uno qualsiasi dei subappaltatori. Infatti un dipendente di un subappaltatore, che ha proceduto invano (o non può procedere, p. es. per fallimento della ditta) contro il suo datore di lavoro per il mancato rispetto delle condizioni minime, sulla base delle nuove disposizioni può ora intentare una causa civile direttamente contro l appaltatore primario, senza dover risalire lungo l intera catena contrattuale. La legge prevede anche che l appaltatore primario è liberato dalla responsabilità se può dimostrare che ha preteso e controllato il rispetto delle condizioni minime da parte di tutti i subappaltatori che hanno lavorato più o meno direttamente per lui (obbligo di diligenza). Quali prove di diligenza per l appaltatore primario, l ordinanza prevede che egli disponga di dichiarazioni ed attestati del subappaltatore e che attui dei provvedimenti contrattuali ed organizzativi, purtroppo non meglio definiti. Sebbene si tratti di una legge prevista nell ambito delle misure fiancheggiatrici agli accordi di libera circolazione sottoscritti con la Comunità Europea, per quanto concerne la INCONTRO SSIC TI responsabilità, si applica anche per il subappalto a ditte svizzere. Sono molte le questioni lasciate aperte da questa legge che, quale unica certezza, comporta un notevole aumento delle procedure burocratiche. Meno scontata è la tutela dei diritti dei lavoratori. Questa sfiduciata considerazione è la laconica conclusione alla quale siamo portati dalla disorientante mancanza di una certezza del diritto. Per capire gli effetti pratici dalla responsabilità del subappaltatore, bisognerà aspettare le decisioni dei tribunali che, vista la delicatezza della fattispecie e la complessità della procedura, molto probabilmente richiederanno parecchi anni per essere validate. Un atteggiamento prudente consiglia di limitare contrattualmente il subappalto del subappalto, impedendo la formazione di catene ed assegnandolo unicamente a ditte competenti, che hanno alle loro dipendenze il personale qualificato necessario e che possano dimostrare di rispettare le condizioni lavorative imposte dalle leggi e dai contratti collettivi di lavoro. Anche operando con dei partner di fiducia, è importante richiedere dei documenti che attestino il loro rispetto delle condizioni lavorative. Per delle collaborazioni ricorrenti è sufficiente rinnovare la documentazione quando subentrano dei cambiamenti delle condizioni quadro (es. nuovo personale), ma comunque va aggiornata almeno annualmente. La ditta che fa capo a personale in prestito (anche quello proveniente dalle agenzie interinali) non può garantire per questi lavoratori e dunque non può inserirli sulla lista del proprio personale. Pur non trattandosi di un subappalto, anche in questo caso è preferibile tutelarsi, procurandosi delle dichiarazioni, possibilmente firmate sia dal prestatore di personale che dal lavoratore. Si consiglia comunque di limitare il ricorso a questo genere di collaboratori. Infine si raccomanda di controllare e di registrare regolarmente tutto il personale presente sui propri cantieri (le liste di presenza sono inoltre degli importanti documenti che possono servire a controllare l esattezza delle richieste di un eventuale querelante, per quanto concerne la durata effettiva della sua presenza sui cantieri in questione). Questi provvedimenti precauzionali dovrebbero permettere ad un appaltatore primario denunciato di dimostrare la propria estraneità e la sua diligenza nel pretendere il rispetto delle condizioni lavorative e salariali minime da parte dei subappaltanti. La nostra associazione è contraria al subappalto fatto per speculazione, in quanto si tratta di un atto di concorrenza sleale nei confronti delle ditte serie che rappresentiamo e che rispettano le norme vigenti nel nostro Paese, anche in materia di diritto del lavoro. Pur mantenendo i nostri dubbi sulla loro reale efficacia, nutriamo comunque la speranza che questi nuovi obblighi legali riguardanti la responsabilità del subappaltatore possano contribuire ad una corretta gestione dei cantieri. Alain Hohl Capo Ufficio tecnico SSIC Sezione Ticino Subappalto e nuove disposizioni Il Direttore del servizio giuridico della SSIC di Zurigo, Avv. Patrick Hauser, ha risposto alle numerose domande dei partecipanti all incontro informativo. 9 novembre-dicembre 2013

12 <wm>10cfwmsq6emaxdv6ivnzsskbgxiybt7vkq8_3_djqnyzys69n7hlpf43u7vtsncegrjm1wcxfw7x50q02mgkilqaujdpfax3yzds5adqbgvk9ybgw6wvlhq441tp7o6w8mkkcegaaaaa==</wm> <wm>10casnsjy0mday0buwmje3ngiav5w-fq8aaaa=</wm> Moreschi Gianfranco & Co. SA - Sementina Impianti riscaldamenti - sanitari - lattonieri tetti piani studio tecnico - specialisti energie rinnovabili Tel Fax Installazioni elettriche Impianti telefonici Impianti EDV Quadri elettrici Progettazioni Partner Swisscom N via P.F. Mola Bellinzona Tel. +41 (0) Fax +41 (0) Ing. dipl. ETH/SIA/OTIA INGEGNERIA STU STU D IDO I O D INGEGNERIA CONI TALLERI VISANI RUSCONI SA TALLERI SA SA Ing. Ing. dipl. dipl. ETH/SIA/OTIA Ing. dipl. ETH/SIA/OTIA Centro Carvina 2, Centro casella Carvina postale 2, 555, 2, casella 6807 postale Taverne 555, 555, Taverne Vicolo Centro del Carvina Gabi 2, Vicolo casella 2, casella del postale del Gabi postale Gabi 2, 121, 2, casella 555, postale Gordola Taverne 121, 121, Gordola Vicolo del Gabi Tel. 2, casella (0041) 091 postale 911 Tel. Tel , (0041) Gordola sella postale Fax Tel. (0041) 555, Fax Taverne 911 (0041) Fax 10 (0041) sella postale 121, 6596 Gordola Fax (0041) l. (0041) x (0041) mail: Studio d ingegneria Studio per impianti d ingegneria e applicazioni per per impianti nel campo e applicazioni e nel nel campo delle costruzioni e delle delle energie costruzioni e delle e delle energie Studio d ingegneria er impianti per e applicazioni impianti e applicazioni nel campo ruzioni e delle nel campo energie delle costruzioni e delle energie 6500 BELLINZONA-RAVECCHIA

13 Dallo scorso mese di settembre, la Suva di Bellinzona dispone di un nuovo servizio per la gestione della salute e la prevenzione degli infortuni non professionali. Se ne occupa Paola Lurati, specialista nell ambito della sicurezza, alla quale abbiamo rivolto alcune domande. Innanzitutto per quali motivi la Suva ha deciso di istituire questo servizio e in cosa differisce rispetto all operato dell Ufficio prevenzione infortuni, del quale lei è stata per diversi anni la responsabile in Ticino? La Suva ha deciso di ampliare la sua offerta di prestazioni per le aziende in Ticino al fine di rispondere ad un bisogno reale delle imprese. Le assenze per malattia rappresentano circa l 80% delle assenze totali e causano dei costi molto elevati alle aziende. Basti pensare alla diffusione del mal di schiena e a tutti gli altri disturbi dell apparato muscolo-scheletrico. Gli infortuni nel tempo libero rappresentano i 2/3 di tutti gli infortuni. Per prevenirli occorre professionalità ed esperienza. La Suva sostiene le aziende proponendo metodi di prevenzione efficaci e già testati in altre imprese. Per garantire maggior incisività nella riduzione delle assenze si mette a disposizione uno strumento per la gestione delle assenze. Negli ultimi anni le aziende hanno investito molto nella prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali, raggiungendo risultati positivi. Maggiori difficoltà le riscontriamo nel RIFLETTORI SU... campo della prevenzione degli infortuni nel tempo libero. Come leggere questa situazione? Ci sono aziende in altri settori che da anni si impegnano nella prevenzione degli infortuni non professionali e hanno ottenuto altrettanti risultati positivi. È fondamentale motivare il collaboratore a comportarsi in modo più sicuro anche nel tempo libero, mostrando le possibili conseguenze di un infortunio non professionale e sottolineando i vantaggi che ne trae per la sua salute, adottando un comportamento sicuro. Inoltre si possono dare degli incentivi, quale per esempio la possibilità di avere delle scarpe di sicurezza scontate anche per il tempo libero. La presenza di un ente esterno, quale la Suva per la sensibilizzazione, si è rivelato un fattore di successo importante. Signora Lurati, pensando alle imprese di costruzione ticinesi, come intende affrontare la problematica della gestione della salute e della prevenzione degli infortuni non professionali? Nel settore della costruzione possiamo identificare diversi problemi legati alla gestione della salute. Parlavo prima del mal di schiena, problemi all apparato muscoloscheletrico (per esempio alle articolazioni), sovrappeso, stress, ecc. Per quanto attiene agli infortuni nel tempo libero sappiamo che il settore della costruzione ha un rischio di infortunio non professionale relativamente alto e il potenziale di miglioramento è notevole. Per le piccole e medie imprese mettiamo a disposizione del materiale informativo e una consulenza telefonica, mentre per quelle con 100 o più collaboratori offriamo una consulenza direttamente in azienda, durante la quale si analizza la situazione, si determinano le cause delle assenze e si propongono iniziative mirate e concrete. Offriamo delle sensibilizzazioni sul tema dell alcol, sull ergonomia (sollevare e spostare dei pesi), sull alimentazione, consigli pratici per prevenire il mal di schiena ed esercizi che aiutano a ritrovare il benessere fisico, ecc. Proponiamo per esempio la formazione/sensibilizzazione dei capocantiere e offriamo dei moduli interattivi da impiegare in azienda, per esempio il percorso cadute. Infortuni e malattie non professionali Per ulteriori informazioni rivolgersi direttamente a Paola Lurati Consulente e formatrice Tel Natel Nell ambito del servizio di consulenza per la sicurezza sul lavoro, mi capita spesso di dover chiarire la questione riferita all obbligo di formazione per coloro che usano la motosega sui cantieri. In pratica, ogni attività che presenta pericoli particolari (e l uso della motosega rientra fra questi) può essere affidata soltanto a persone adeguatamente formate al riguardo. La base legale a sostegno di questa affermazione si trova nell Art. 8 dell Ordinanza prevenzione infortuni (OPI). Pure la Suva, in qualità di organo esecutivo in questo ambito, richiede ai datori di lavoro di formare i collaboratori abilitati all uso della motosega. La formazione può avvenire all interno della ditta, oppure facendo capo a specifici corsi disponibili anche in Ticino. È importante tener presente che tale istruzione SICUREZZA SUL LAVORO deve comprendere sia una parte teorica sull uso in sicurezza della motosega (ad esempio sulla base della Scheda tematica della Suva i), sia una parte di esercitazioni pratiche. La pratica può limitarsi alla tipologia di utilizzo della motosega in cantiere, che non ha nulla a che vedere, ad esempio, con i più impegnativi corsi per selvicoltori che si svolgono su più giornate. In questo contesto, il nostro Centro di formazione professionale di Gordola si sta attivando per proporre un corso appositamente rivolto alle imprese di costruzione, facendo capo ad esperti del settore. Gli argomenti da toccare sono parecchi e vanno dalla scelta della motosega idonea in funzione del lavoro da eseguire allo studio della struttura e del funzionamento dell apparecchio, dall affilatura alla sostituzione della catena, dai piccoli interventi di manutenzione alla gestione del carburante e del lubrificante, per finire con l apprendimento della tecnica di taglio da eseguire usando i necessari dispositivi di protezione individuali. L intenzione è di proporre i primi corsi già a gennaio Maggiori dettagli verranno comunque forniti, appena possibile, direttamente dal nostro Centro di formazione professionale di Gordola. Nicola Bagnovini Vicedirettore SSIC Sezione Ticino Attività con pericoli particolari: formazione necessaria Scheda tematica Suva i 11 novembre-dicembre 2013

14

15 tipografia tipo print studio grafico stampa offset, digitale, oro e argento a caldo fustellatura e taglio etichette vino autocollanti in continuo confezione - spedizione - mailing tutto per le esigenze qualitative dei nostri clienti roncoroni + sulmoni sa Via Vignalunga 13 / 6850 Mendrisio tel / fax

16 GAB 6850 MENDRISIO-STAZIONE

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

Consigliere di Stato On. Michele Barra, Arbedo 11 giugno 2013.

Consigliere di Stato On. Michele Barra, Arbedo 11 giugno 2013. In tal senso il costituirsi oggi di un associazione che, in pratica, evidenzia e difende la qualità del lavoro sui cantieri in tutti i suoi aspetti, mi è di aiuto. Consigliere di Stato On. Michele Barra,

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

La sua cartella sanitaria

La sua cartella sanitaria La sua cartella sanitaria i suoi diritti All ospedale, lei decide come desidera essere informato sulla sua malattia e sulla sua cura e chi, oltre a lei, può anche essere informato Diritto di accesso ai

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO TEMA Il concorso Un mondo tutto mio è dedicato all ambiente in cui vivono i bambini, come è e come lo vorrebbero. L idea è far descrivere agli alunni il posto ideale

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Ufficio delle scuole comunali Collegio degli ispettori Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Bellinzona, dicembre 2010 Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Comunicazioni

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

GPL. gruppo podisti leventina. Saluto del Sindaco. Gentili Signore, Egregi Signori,

GPL. gruppo podisti leventina. Saluto del Sindaco. Gentili Signore, Egregi Signori, ORGANIZZA: nuovo Partenze: (nuovo percorso) 18.15 Nordic Walking 18.20 Walking In collaborazione con: 18.30 Kids Running Night Faido Running Night Venerdì 18 maggio 2012 ore 20.00 Start da Piazza Stefano

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

Riceve quanto le spetta?

Riceve quanto le spetta? Italiaans / Italian Lei lavora temporaneamente nel settore edilizio olandese Riceve quanto le spetta? Informazioni per i lavoratori stranieri e per i lavoratori interinali Queste informazioni sono state

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro

Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro 2.07 Contributi Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve La procedura di conteggio semplificata rientra nel quadro della legge federale concernente

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S)

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) 318.703 i 01.15 2 di 11 Indice 1. Scopo del questionario... 3 2. Compiti degli organizzatori(trici)

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Rapporto esplicativo

Rapporto esplicativo Rapporto esplicativo concernente l approvazione del Protocollo n. 15 recante emendamento alla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali 13 agosto 2014 Compendio

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo.

Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo. Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo. Reiner Gfeller. Responsabile Asset Management. Allianz Suisse Immobiliare SA. La Allianz Suisse Immobiliare SA collabora dal 2011 con Livit. L azienda

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando?

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando? Nationale Plattform Naturgefahren PLANAT Plate-forme nationale "Dangers naturels" Plattaforma nazionale "Pericoli naturali" National Platform for Natural Hazards c/o BAFU, 3003 Berna Tel. +41 31 324 17

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli