Tutorato di Analisi 2 - AA 2014/15

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tutorato di Analisi 2 - AA 2014/15"

Transcript

1 Tutorato di Analisi - AA /5 Emanuele Fabbiani 5 marzo 5 Integrali doppi. La soluzione più semplice... Come per gli integrali in una sola variabile, riconoscere eventuali simmetrie evita di sprecare tempo prezioso in calcoli inutili. Se la funzione integranda f è PARI rispetto alla variabile - ovvero f, f, - e il dominio di integrazione è simmetrico rispetto all'asse, allora: f, dd f, dd. Se la funzione integranda f è ISPARI rispetto alla variabile - ovvero f, f, - e il dominio di integrazione è simmetrico rispetto all'asse, allora: f, dd. Analogo discorso può essere proposto con la variabile. Se la funzione integranda f è PARI rispetto alla variabile - ovvero f, f, - e il dominio di integrazione è simmetrico rispetto all'asse, allora: f, dd f, dd. Se la funzione integranda f è ISPARI rispetto alla variabile - ovvero f, f, - e il dominio di integrazione è simmetrico rispetto all'asse, allora: f, dd.. Integrali doppi. Risolvere i seguenti integrali doppi sull'insieme dd,, R : } Il primo passo è riconoscere e disegnare il dominio di integrazione. La prima condizione,, indica che l'insieme è limitato alla fascia di piano compresa tra le rette orizzontali e. La seconda, invece, specica che la coordinata dei punti appartenenti all'insieme varia tra la curva, ovvero il ramo della parabola contenuto nel primo quadrante, e la retta verticale. I graci successivi riportano le curve e l'insieme da esse individuato.

2 Figura.: ominio di integrazione. L'insieme non è simmetrico rispetto ad alcuno dei due assi: non ha senso ragionare su eventuali simmetrie della funzione. Si può procedere quindi con l'integrazione per li orizzontali - quella per li verticali richiederebbe di spezzare il dominio in due parti. Per ricavare gli estremi dell'integrale più interno occorre immaginare di intersecare l'insieme con una retta orizzontale: questa incontra dapprima e poi. Sull'asse, invece, l'insieme è limitato dalle rette e. Quindi: ˆ ˆ ˆ [ 5 + dd 5 + d d 5 + ] d.5 ˆ. [ ] d dd,, R : + } Il primo passo è riconoscere e disegnare il dominio di integrazione. La prima condizione, +, identica i punti compresi nel cerchio ci raggio centrato nell'origine. La seconda, invece, individua la regione di piano posta al di sotto del graco della parabola. La terza obbliga a considerare unicamente il semipiano a destra dell'asse. I graci successivi riportano le curve e l'insieme da esse individuato Figura.: ominio di integrazione. L'insieme non è simmetrico rispetto ad alcuno dei due assi: non ha senso ragionare su eventuali simmetrie della funzione.

3 Sia che si scelga l'integrazione per li orizzontali, sia che si opti per quella per li verticali, si rende necessario dividere il dominio di integrazione in due insiemi distinti. Si propende per i li orizzontali e di divide in e, tali che. I graci sono riportati nella gura seguente. }.6 < }.7 a } b < } Figura.: ominio di integrazione. Quindi: + dd + dd + + dd.8 Per quanto riguarda, i li orizzontali intercettano dapprima la parabola, poi la circonferenza. al momento che l'integrale più interno è nella variabile, occorre scrivere le due curve nella forma f Il segno positivo davanti alle radici è giusticato dal fatto che è contenuto nel primo quadrante, dove le ascisse sono positive. Gli estremi dell'integrale in, invece, sono e il punto di intersezione tra la parabola e la circonferenza, che si ricava mettendo a sistema le due curve. In denitiva: dd ˆ non accettabile. ˆ + d d. Per quanto riguarda, invece, la è compresa tra l'asse e la parte destra della circonferenza:. Il segno positivo davanti alle radici è giusticato dal fatto che è contenuto nel quarto quadrante, dove le ascisse sono positive. La variabile, invece, ha come estremi quelli ssati dal raggio della circonferenza:. Pertanto: + dd ˆ ˆ + d d.5

4 Si può ora risolvere l'intero integrale: + dd + dd + + dd.6 ˆ ˆ + ˆ ˆ d d + + d d ˆ [ ˆ ˆ [ ] + d ˆ ˆ d + ˆ d + ] [ ] + d + d + + d ] [ arctan dd,, R : + } Il dominio di integrazione è identico a quello descritto nell'esercizio precedente, senza però la condizione che impone di considerare solo i punti con ascissa positiva. I graci successivi riportano le curve e l'insieme da esse individuato Figura.: ominio di integrazione. Si nota che l'insieme è simmetrico rispetto all'asse : si cercano quindi eventuali simmetrie della funzione integranda rispetto alla variabile : f, + + arctan arctan f,.7 La funzione è dispari. Senza ulteriori calcoli, si conclude: + + arctan dd.8

5 . dd,, R : } Si esamina il dominio di integrazione. La prima condizione,, equivale a e indica che l'insieme è limitato alla fascia di piano compresa tra le rette orizzontali e. La seconda, invece, specica che la coordinata dei punti appartenenti all'insieme varia tra la parabola con asse parallelo all'asse delle ascisse e la retta verticale. I graci successivi riportano le curve e l'insieme da esse individuato Figura.5: ominio di integrazione. L'insieme è simmetrico rispetto all'asse delle ascisse : si ricercano eventuali proprietà della funzione integranda rispetto alla variabile. f, f,.9 La funzione è pari: è quindi possibile considerare soltanto metà dell'insieme. dd dd dd. L'ultima uguaglianza è giusticata dal fatto che il nuovo insieme di integrazione è completamente contenuto nel primo quadrante, dove e. Si può procedere quindi con l'integrazione per li verticali - ugualmente semplice sarebbe risultata quella per li orizzontali. Per ricavare gli estremi dell'integrale più interno occorre immaginare di intersecare l'insieme con una retta verticale: questa incontra dapprima la parabola, poi l'asse.. Sull'asse, invece, l'insieme è limitato dalle rette e. Quindi: dd ˆ ˆ d. d ˆ ˆ d d ˆ ˆ ˆ ˆ [ d d 5 d [ ] ] d. 5

6 5. dd, triangolo A ;, B ;, C ; 5 Il dominio di integrazione è un triangolo contenuto nel primo quadrante, rappresentato nella gura seguente Figura.6: ominio di integrazione. L'insieme non è simmetrico rispetto ad alcun asse: è quindi inutile considerare le simmetrie della funzione. Per evitare di dividere il dominio di integrazione si decide di utilizzare li verticali. al disegno si può notare che la coordinata è compresa tra le due rette, le cui equazioni e + 6 sono ottenibili mediante la formula della retta passante per due punti. La coordinata, invece, è limitata dagli estremi numerici e Si può quindi risolvere l'integrale: dd ˆ ˆ 6 d d ˆ [ ] 6 d ˆ 6 d.6 ˆ d ] [6 [ 9 ] dd,, R : + } Si esamina il dominio di integrazione. Le curve proposte dalla prima condizione + e + sono circonferenze, di raggio rispettivamente e. La disuguaglianza impone di considerare i punti compresi tra le due, quindi una corona circolare di raggio interno e raggio esterno. Un altro possibile ragionamento è interpretare la quantità + come il quadrato della distanza di un punto dall'origine: in questo caso, la disequazione individua tutti i punti la cui distanza dall'origine è compresa tra e. La seconda, invece, descrive i punti che si trovano al di sopra dell'asse delle ascisse ma al di sotto della retta. I graci successivi riportano le curve e l'insieme da esse individuato. 6

7 Figura.7: ominio di integrazione. al momento che il dominio di integrazione è un settore di una corona circolare, risulta utile il passaggio in coordinate polari: ρ cos θ.7 ρ sin θ La funzione diventa: + + ρ cos θ + ρ sin θ + ρ cos θ + sin θ + ρ +.8 Occorre ora ricavare gli estremi di integrazione nelle nuove variabili. ρ rappresenta il raggio del cerchio che viene spazzato dall'integrale e deve quindi variare tra il raggio interno e il raggio esterno della corona circolare. ρ.9 θ, invece, identica l'angolo formato dal vettore che collega un punto dell'insieme di integrazione all'origine e dal semiasse positivo delle ascisse. Nell'insieme in esame tale angolo è compreso tra e l'angolo θ ma formato dalla retta con l'asse. Rispolverando le formule di quarta liceo, si scopre che l'angolo formato da una retta con l'asse è pari ad arctan m dove m è il coeciente angolare. θ arctan. θ π. Ricordando che il cambio di dierenziali richiesto dalla coordinate polari è: Si può riscrivere l'integrale. ˆ ρ ρ + dρ + + dd ρ + ρdρdθ dθ dd ρdρdθ. ˆ [ ln ρ + ] dθ ln 5 ln dθ ln 5 7. dd,, R : + } ρ ρ + dρ dθ. dθ π 6 ln 5 7

8 Si disegna l'insieme di integrazione: semipiano delle ordinate positive. il semicerchio di raggio centrato nell'origine e contenuto nel Figura.8: ominio di integrazione. Il dominio è simmetrico rispetto all'asse, si cercano quindi eventuali simmetrie della funzione rispetto all'incognita. f, f,. La funzione è pari: è quindi possibile considerare soltanto metà dell'insieme. dd dd dd.5 L'ultimo passaggio si giustica osservando che, sul nuovo dominio di integrazione, sia che sono sempre positive. al momento che il dominio di integrazione è un quarto di circonferenza, risulta utile il passaggio in coordinate polari: ρ cos θ.6 ρ sin θ La funzione diventa: ρ cos θ ρ sin θ ρ cos θ sin θ.7 Occorre ora ricavare gli estremi di integrazione nelle nuove variabili. ρ rappresenta il raggio del cerchio che viene spazzato dall'integrale e deve quindi variare tra e il raggio della circonferenza. ρ.8 θ, invece, identica l'angolo formato dal vettore che collega un punto dell'insieme di integrazione all'origine e dal semiasse positivo delle ascisse. Nell'insieme in esame tale angolo è compreso tra e l'angolo formato dagli assi cartesiani, per denizione ortogonali tra loro. θ π.9 Ricordando che il cambio di dierenziali richiesto dalla coordinate polari è: dd ρdρdθ. Si può riscrivere l'integrale. ˆ dd ρ cos θ sin θ ρdρdθ ρ cos θ sin θ dρ dθ. cos θ sin θ dθ 8 ˆ ρ dρ

9 al momento che cos θ sin θ non dipende dalla variabile ρ può uscire dall'integrale più interno e rimanere unicamente in quello più esterno. Similmente, ρ è una costante rispetto ala variabile θ. L'integrale in θ si risolve mediante le formule di duplicazione del seno. Quindi: sin sin cos sin cos sin. cos θ sin θ dθ ˆ ρ dρ sin θ [ cos θ] π [ ρ ] dθ ˆ ρ dρ sin θ dθ + 8. dd,, R : + } ˆ ρ dρ. Il dominio è molto simile all'esercizio precedente, ad eccezione del fatto che occorre considerare la semicirconferenza nel semipiano delle negative Figura.9: ominio di integrazione. Il dominio è simmetrico rispetto all'asse, si cercano quindi eventuali simmetrie della funzione rispetto all'incognita. f, f,. La funzione è dispari: senza ulteriori indugi si conclude. dd.5 9. cos + e dd,, R : + π } La particolare forma della funzione integranda e del dominio di integrazione suggeriscono di utilizzare un cambio di variabili. u +.6 v In questo modo sia la funzione che l'insieme vengono notevolmente semplicati. cos + e cos u e v.7 9

10 , R : + π } u, v R : u π } v.8 Nelle nuove variabili il dominio di integrazione non è altro che un rettangolo di base π e altezza con centro di simmetria nell'origine. a ominio nelle coordinate e. b ominio nelle coordinate u e v. Figura.: ominio di integrazione. Rimane da considerare il cambio dei dierenziali. dd det Jac Φ, dudv.9 dove det Jac Φ, è il determinante della matrice jacobiana del cambio di variabili. u + Φ, + ;.5 v Quindi l'integrale diventa:. Jac Φ, [ + [ det Jac Φ, det ] [ ].5 ] det.5 + cos + e dd cos u e v dd π ˆ cos u du e v dv e + e e e π ˆ cos u e v dv du.5 e + + dd,, R : + + } La particolare forma della funzione integranda e del dominio di integrazione suggeriscono di utilizzare un cambio di variabili. u +.5 v + In questo modo sia la funzione che l'insieme vengono notevolmente semplicati. e + + eu v.55

11 , R : + + } u, v R : u v } Nelle nuove variabili il dominio di integrazione non è altro che un quadrato di lato a ominio nelle coordinate e. b ominio nelle coordinate u e v. Figura.: ominio di integrazione. Rimane da considerare il cambio dei dierenziali. dd det Jac Φ, dudv.57 dove det Jac Φ, è il determinante della matrice jacobiana del cambio di variabili. u + Φ, + ; +.58 v + Jac Φ, [ + + det Jac Φ, det Quindi l'integrale diventa: e + + dd ˆ ˆ e u du [ ] ] [ ].59 det u e v dd ˆ ˆ e u v dv du.6 v dv [ ] e u [ln v ] e ln ln e ln. Integrali di supercie.. Calcolare l'area della supercie cartesiana di equazione z + limitata al dominio, R : + 8 }. L'area di una supercie σ u, v ristretta al dominio è denita come: A n u, v dudv.6 dove n u, v è la norma del vettore normale alla supercie vedi sezione Superfici. Il primo passo è quindi il calcolo del vettore normale a σ. Nel caso di una supercie cartesiana, ovvero descritta dal graco di una funzione f,, si può utilizzare la formula: n, f, ; f, ;.6

12 Nel caso in esame la funzione è f, +. Pertanto: n, ; ;.6 La cui norma è: n, L'integrale da risolvere è quindi: n, dd + + dd.66 Si cerca innanzitutto di capire quale sia la curva che descrive l'insieme d'integrazione L'equazione individua un ellisse con i fuochi sull'asse e vertici di coordinate ± 8; e ; ±. Il verso della disequazione impone di considerare i punti interni alla curva Figura.: ominio di integrazione. al momento che l'insieme è costituito dall'area racchiusa da un ellisse, è opportuno passare alle coordinate ellittiche. aρ cos θ.7 bρ sin θ dove ρ e θ sono le variabili di integrazione, mentre a e b sono i parametri dell'ellisse scritto nella forma a + b. Nel caso in esame si ha a 8 e b. 8ρ cos θ.7 ρ sin θ Applicando la sostituzione, la funzione diventa: + + 8ρ cos θ + ρ sin θ + 8ρ +.7 Occorre ora ricavare gli estremi di integrazione nelle nuove variabili. Nelle coordinate ellittiche, ρ varia sempre tra e : sono i parametri a e b a rendere conto delle dimensioni della curva. ρ.7

13 Come nelle coordinate polari, θ identica l'angolo formato dal vettore che collega un punto dell'insieme di integrazione all'origine e dal semiasse positivo delle ascisse. Nell'insieme in esame tale angolo deve spazzare l'intero piano. θ π.7 Ricordando che il cambio di dierenziali richiesto dalla coordinate ellittiche è: Si può riscrivere l'integrale. + + dd 8ρ + ρ 8 dρdθ dθ 6 ˆ 6ρ 8ρ + dρ 8π dd ρab dρdθ.75 ˆ ρ 8ρ + dρ dθ.76 6 [ 8ρ + ] π [ 8ρ + ] 6π. Risolvere il seguente integrale di supercie. dσ.77 σ z Sulla supercie σ di equazione z + ristretta al dominio, R : } +. Gli integrali di supercie si trasformano in integrali doppi grazie alla seguente formula: f,, z dσ f σ u, v n u, v dudv.78 σ dove σ u, v è la supercie su cui si intende eettuare l'integrazione, ristretta al dominio, n u, v è la norma del vettore normale alla supercie e la scrittura f σ u, v identica la funzione f alle cui variabili, e z vengono sostituite le componenti della supercie σ. Nel caso in esame, σ è una supercie cartesiana. Pertanto può essere scritta come: σ,, z ; ; +.79 Come nel caso precedente, il vettore normale si ricava mediante la formula: f, f, n, ; ; In questo caso, la funzione f, è f, +. Pertanto: n, + ; + ;.8.8 La cui norma è: n, L'integrale da risolvere è quindi: f σ u, v n u, v dudv dd + Si scrive il dominio d'integrazione in una forma più leggibile. + dd

14 Si riconosce ora che la disequazione rappresenta la corona circolare compresa tra le due circonferenze di raggio e centrate nell'origine Figura.: ominio di integrazione. al momento che l'insieme è costituito da una corona circolare, è opportuno passare alle coordinate polari. ρ cos θ.86 ρ sin θ Applicando la sostituzione, la funzione diventa: + ρ cos θ + ρ sin θ ρ.87 Occorre ora ricavare gli estremi di integrazione nelle nuove variabili. ρ rappresenta il raggio del cerchio che viene spazzato dall'integrale e deve quindi variare tra il raggio dalla circonferenza interna e quello della circonferenza esterna. ρ.88 La variabile θ identica l'angolo formato dal vettore che collega un punto dell'insieme di integrazione all'origine e dal semiasse positivo delle ascisse. Nell'insieme in esame tale angolo deve spazzare l'intero piano. θ π.89 Ricordando che il cambio di dierenziali richiesto dalla coordinate polari è: Si può riscrivere l'integrale. + dd ρ ρdρdθ dθ ˆ. Risolvere il seguente integrale di supercie. dd ρ dρdθ.9 ρ dρ [ ρ π σ ] π ˆ ρ dρ dθ.9 [ ] ρ π z + dσ.9 + +

15 Sulla supercie σ di equazione z ristretta al dominio, R : + + }. Gli integrali di supercie si trasformano in integrali doppi grazie alla seguente formula: f,, z dσ f σ u, v n u, v dudv.9 σ dove σ u, v è la supercie su cui si intende eettuare l'integrazione, ristretta al dominio, n u, v è la norma del vettore normale alla supercie e la scrittura f σ u, v identica la funzione f alle cui variabili, e z vengono sostituite le componenti della supercie σ. Nel caso in esame, σ è una supercie cartesiana. Pertanto può essere scritta come: σ,, z ; ;.9 Come nel caso precedente, il vettore normale si ricava mediante la formula: f, f, n, ; ;.95 In questo caso, la funzione f, è f,. Pertanto: La cui norma è: n, L'integrale da risolvere è quindi: f σ u, v n u, v dudv n, ; ; dd dd Si esamina il dominio d'integrazione: la prima condizione identica i punti interni ad un ellisse I fuochi sono sull'asse e i vertici hanno coordinate ±; e ; ±. La seconda disequazione, invece, individua i punti esterni alla circonferenza di raggio centrata nell'origine Figura.: ominio di integrazione. L'insieme è simmetrico sia rispetto a che rispetto a. Si vericano quindi eventuali simmetrie della funzione integranda: f, f,. 5

16 f, f,. La funzione è pari sia rispetto alla variabile che rispetto a. Si sceglie quindi di considerare solo la parte di contenuta nel primo quadrante: dd dd dd. L'ultimo passaggio è lecito perché, nel nuovo dominio, sempre. Si procede quindi con l'integrazione per li orizzontali. Immaginando di intersecare l'insieme con una retta orizzontale, il limite inferiore al segmento che si otterrebbe sarebbe rappresentato dalla circonferenza, mentre quello superiore dall'ellisse. Si rende ora necessario esprimere le due curve nella forma f Quindi:.6 Per quanto riguarda la variabile, invece, l'inseme è limitato dai valori e : Si può quindi risolvere l'integrale: dd ˆ ˆ ˆ d d + d 6.7 ˆ. Applicazioni dei doppi integrali alla sica. ˆ d 6 [ ] d ˆ ] [ 6 [ ] d.8. Si dimostri che il momento d'inerzia di un disco cavo di massa m, raggio interno r i e raggio esterno r e è I m ri + e r. La denizione di momento d'inerzia per un corpo bidimensionale è ˆ I r dm.9 S Considerando un disco cavo con centro nell'origine degli assi e densità superciale di massa σ,, si ha: ˆ ˆ I + σ, dd. disco cavo Supponendo σ, costante su tutta la supercie: ˆ ˆ ˆ ˆ I + σdd σ disco cavo Si opera ora la trasformazione in coordinate polari: ˆ ˆ I σ Con Quindi: I σ ˆ re r i disco cavo disco cavo + dd. ρ ρdρdθ. r i ρ r e. θ π. ˆ re ρ dρdθ σπ ρ dρ σπ r i 6 [ ρ ] re r i σπ r e r i.5

17 Si scompone ora il termine tra parentesi: I σπ re ri re + ri.6 Si riconosce inoltre che π re ri rappresenta l'area della gura. Il prodotto tra questa e la densità superciale fornisce la massa del corpo: m σπ re ri.7 In denitiva, I r m e + ri.8 7

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Integrali di superficie: esercizi svolti

Integrali di superficie: esercizi svolti Integrali di superficie: esercizi svolti Gli esercizi contrassegnati con il simbolo * presentano un grado di difficoltà maggiore. Esercizio. Calcolare i seguenti integrali superficiali sulle superfici

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

M P = PA^V. Il risultante e denito semplicemente come la somma dei vettori di a

M P = PA^V. Il risultante e denito semplicemente come la somma dei vettori di a VETTORI APPLICATI Sistema di vettori applicati L'ente matematico costituito da un punto P e da un vettore (libero) V, si dice vettore applicato in P e si denota con (P;V). E comodo rappresentare il vettore

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1]

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: 1. y = 16 x ;. y = e 1 x +4 + x + x + 1; 3. y = 10 x x 3 4x +3x; 4. y =

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte 1 Introduzione In questa lezione impareremo a definire e ricercare le funzioni inverse e le funzioni composte. Al termine di questa lezione sarai in grado di:

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue:

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue: CAMPO DI ESISTENZA. Poiché la funzione data è una razionale fratta, essa risulta definita su tutto l asse reale tranne che nei punti in cui il denominatore della frazione si annulla, cioè: C.E. { R: 0}

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it 3 4 5 Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it Qualche osservazione preliminare sul Teorema di Pitagora e le terne

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette:

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette: FASCI DI RETTE DEFINIZIONE: Si chiama fascio di rette parallele o fascio improprio [erroneamente data la somiglianza effettiva con un fascio!] un insieme di rette che hanno tutte lo stesso coefficiente

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ;

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; 1. Un triangolo ha area 3 e due lati che misurano 2 e 3. Qual è la misura del terzo lato? : L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; nel nostro

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Lo studio di unzione Ing. Alessandro Pochì Appunti di analisi Matematica per la Classe VD (a.s. 011/01) Schema generale per lo studio di una unzione Premessa Per Studio unzione si intende, generalmente,

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

LA FUNZIONE INTEGRALE

LA FUNZIONE INTEGRALE LA FUNZIONE INTEGRALE MAGLIOCURIOSO & CAMILLO magliocurioso@hotmail.it Sommario. In questa breve dispensa ho semplicementrascritto in L A TEX il contenuto di questa discussione: http://www.matematicamente.it/forum/

Dettagli

ESEMPI DIDATTICI CON CABRI Jr. A cura di P. Accomazzo C. Dané N. Nolli

ESEMPI DIDATTICI CON CABRI Jr. A cura di P. Accomazzo C. Dané N. Nolli ESEMPI DIDATTICI CON CABRI Jr. A cura di P. Accomazzo C. Dané N. Nolli I tasti utilizzati con Cabri Jr. [Y=] [WINDOW] [ZOOM] [TRACE] [GRAPH] [2ND] [DEL] [CLEAR] [ALPHA] [ENTER] Apre il menu File (F1).

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i NUMERI COMPLESSI Esercizi svolti 1. Calcolare le seguenti potenze di i: a) i, b) i, c) i 4, d) 1 i, e) i 4, f) i 7. Semplificare le seguenti espressioni: a) ( i) i(1 ( 1 i), b) ( + i)( i) 5 + 1 ) 10 i,

Dettagli

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308)

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308) CNC 8065 Linguaggio ProGTL3 (Ref. 1308) SICUREZZA DELLA MACCHINA È responsabilità del costruttore della macchina che le sicurezze della stessa siano abilitate, allo scopo di evitare infortuni alle persone

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

Formule trigonometriche

Formule trigonometriche Formule trigonometriche C. Enrico F. Bonaldi 1 Formule trigonometriche In trigonometria esistono delle formule fondamentali che permettono di calcolare le funzioni goniometriche della somma di due angoli

Dettagli

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE Quando si studia una funzione! " #$%&' (funzione reale di variabile reale) è fondamentale conoscere il segno, in altre parole sapere per quali valori di &( #$%&'$è positiva,

Dettagli

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo 68 Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo 0) ircocentro 0) Incentro 03) Baricentro 04) Ortocentro Pagina 68 di 73 Unità Didattica N 8 Punti

Dettagli

Fuoco, direttrice ed equazione di una parabola traslata. Bruna Cavallaro, Treccani scuola

Fuoco, direttrice ed equazione di una parabola traslata. Bruna Cavallaro, Treccani scuola Fuoco, direttrice ed equazione di una parabola traslata Bruna Cavallaro, Treccani scuola 1 Traslare parabole con fuoco e direttrice Su un piano Oxy disegno una parabola, con fuoco e direttrice. poi traslo

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

6. Moto in due dimensioni

6. Moto in due dimensioni 6. Moto in due dimensioni 1 Vettori er descriere il moto in un piano, in analogia con quanto abbiamo fatto per il caso del moto in una dimensione, è utile usare una coppia di assi cartesiani, come illustrato

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4.0. Esponenziale. Nella prima sezione abbiamo definito le potenze con esponente reale. Vediamo ora in dettaglio le proprietà della funzione esponenziale a,

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson

Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson Antonio Paradies Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Università degli studi di Napoli Federico II Napoli, 25 Febbraio

Dettagli

Le origini delle coniche: da Euclide ad Apollonio

Le origini delle coniche: da Euclide ad Apollonio Corso di Storia ed epistemologia della matematica Prof. Lucio Benaglia Le origini delle coniche: da Euclide ad Apollonio Specializzando: Stefano Adriani Matricola 56152 Relatore: prof. Lucio Benaglia Anno

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem)

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Raccolta di Esercizi di Matematica Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Contenuti: 8-1. L ordine Algebrico delle Operazioni 8-2. Problemi sulle Percentuali 8-3. Le Forme Standard e Point-Slope

Dettagli

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso 441 APPENDICE A4 NUMERI COMPLESSI A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso Si riepilogano i concetti e le operazioni elementari relativi ai numeri complessi. Sia z un numero complesso;

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

FUNZIONI DI DUE VARIABILI: graöci 3D e curve di livello

FUNZIONI DI DUE VARIABILI: graöci 3D e curve di livello FUNZIONI DI DUE VARIABILI: graöci 3D e curve di livello Una funzione di due variabili Ë una funzione in cui per ottenere un valore numerico bisogna speciöcare il valore di 2 variabili x e y, non pi di

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

1. Limite finito di una funzione in un punto

1. Limite finito di una funzione in un punto . Limite finito di una funzione in un punto Consideriamo la funzione: f ( ) = il cui dominio risulta essere R {}, e quindi il valore di f ( ) non è calcolabile in =. Quest affermazione tuttavia non esaurisce

Dettagli

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari Lezione del 8--006 Teoria dei vettori ordinari. Esercizio Sia B = {i, j, k} una base ortonormale fissata. ) Determinare le coordinate dei vettori v V 3 complanari a v =,, 0) e v =, 0, ), aventi lunghezza

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

Si sa che la via più breve tra due punti è la linea retta. Ma vi siete mai chiesti, Qual è la via più breve tra tre punti? o tra quattro punti?

Si sa che la via più breve tra due punti è la linea retta. Ma vi siete mai chiesti, Qual è la via più breve tra tre punti? o tra quattro punti? Dov'è Moriart? Cerchiamo la via più breve con Mathcad Potete determinare la distanza più breve da tre punti e trovare Moriart? Si sa che la via più breve tra due punti è la linea retta. Ma vi siete mai

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1 Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13 ESERCIZIO n. 1 [Krugman, Obstfeld e Melitz, Capitolo 3: Problemi n. 1, 2, 3, 4, 5 e 9 (pp. 66 67)] SOLUZIONE 1. Il paese H ha a disposizione

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

Esercitazioni di Excel

Esercitazioni di Excel Esercitazioni di Excel A cura dei proff. A. Khaleghi ed A. Piergiovanni. Queste esercitazioni hanno lo scopo di permettere agli studenti di familiarizzare con alcuni comandi specifici di Excel, che sono

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli