Notiziario di S.A.M Numero 46 Novembre - Dicembre 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Notiziario di S.A.M. 2001 Numero 46 Novembre - Dicembre 2009"

Transcript

1 Notiziario di S.A.M Numero 46 Novembre - Dicembre 2009 Il G9 una magnifica replica di Buoso e Candidi per chiudere un anno in bellezza una scintillante immagine ben augurale per un anno nuovo

2 SAM 2001 L AQUILONE Associazione Sportivo Culturale CF Carta poste pay n.: Cod. IBAN: IT46 X010 O56O 16OO Quota sociale : Assicurazione: CONSIGLIO DIRETTIVO -Presidente: Giovanni Ridenti Via di S.Godenzo, Roma Tel V.Presidente: Paolo Montesi Viale Piramide Cestia,1/b Roma Tel Segretario: Giuseppe Carbini Via Monte Cauriol, Bassano del Grappa Tel Tesoriere : Giuseppe Carbini -Dir. Tecnico: Valeriano Tascone Via del Casaletto, Roma Tel SOMMARIO - La voce del Presidente G. Ridenti 1 - Dalla Redazione M. Zunica 2 - La penna al Segretario G. Carbini 4 - Bando al mercato G. Cantù 5 - Lo Scricciolo G. Fea.(a cura MarZu) 6 - Una nota C. de Robertis (red.) 7-8 Conv. Tecn. Aerom. A. de Nicola 8 - Texaco per tutti L. Kanneworff 9 - I modelli MarZu (a cura) 12 - Cura motore diesel C. Santoni (trad.) 16 - Camp. del mondo 1960 D. Vescovi 21 - Coppa Campidoglio C. Santoni 22-5 Conv. St. Motori Aerom. G. Carbini 24 - Gran Prix 2009 C. Minotti Marzu (a cura) 28 In redazione: Marcello Zunica Via Palermo, Padova PD Tel Giuseppe Carbini Via Monte Cauriol, Bassano del Grappa VI Tel Sezione Tecnica Giacomo Mauro Via G Venezian, Messina ME Tel Attività sportiva: Giuseppe Tortora V.le dei Quattro Venti, Roma RM Tel Vincenzo Canestraro Via Cammello, Ferrara FE Tel: La documentazione fotografica di questo numero è stata fornita da Franco Candidi, Antonio de Nicola, Carlo Minotti, Curzio Santoni, Marcello Zunica e i riferimenti storici sono tratti dalle raccolte di Marcello Zunica. Nella prima di copertina «La replica del G 9 di Buoso e Candidi» Nella quarta il «CS 15 semiriproduzione di de Nicola» Il contenuto degli articoli e degli inserti firmati è di responsabilità dell Autore e non rispecchia, necessariamente, il pensiero della Redazione.

3 LA VOCE DEL PRESIDENTE Anche il 2009 volge al termine, pertanto colgo l occasione di scrivere due parole rivolgendomi ai soci e agli appassionati di modelli old timer. Quando leggerete saranno ormai trascorsi ben 8 anni e 1/2 circa da quando è nata SAM Quello che mi appaga dei numerosi e notevoli sacrifici che la mia carica comporta, è che l Associazione viaggia molto bene, con numero di soci costantemente in aumento, sia a nord che a sud. Questo soprattutto grazie alla solerzia di quei collaboratori come il Segretario, l impagabile prof. redattore del nostro Aquilone, il Responsabile della Sez. Tecnica che con la sua attività ha riempito il sud Italia di soci e a tutti i componenti del Direttivo. Forse siamo stati un poco carenti dal lato sportivo circa le gare old timer radioassistiti ma d altro canto il carniere è pieno di risultati e numero di partecipanti alle gare monomodello V.V.C. GIP-46. Formula quanto mai azzeccata. Complimenti all ideatore. D altronde è opinione generale del Direttivo SAM 2001 che fare SAM non sia proprio fare gare ogni settimana tanto chi sale sul podio, si sa, è già scontato. Far concorrere modelli nati anche con oltre 20 anni di differenza e con installazioni di bordo mai viste allora (possibili ora grazie alla radio) che senso ha? Per noi fare SAM significa innanzi tutto occuparsi della storia dell aeromodellismo e di quello italiano in particolare. Questo però, per molti che non hanno background, è più difficile che non organizzare gare o raduni. Occorre preparazione, che non si vende né in scatole di montaggio né in altra forma. In SAM 2001, da questo lato, le cose vanno molto bene in quanto già è stato pubblicato un libro sui motori italiani per auto costruzione, molto apprezzato, specialmente all estero. Sono stati organizzati numerosi simposi di tecnica motoristica con tematiche personali e universitarie di notevole interesse unitamente a mostre e prove di motori d epoca ed ora è in preparazione un revival della cosiddetta Gara dei Giornalisti che è stata la più importante manifestazione dell anteguerra, in quanto aveva ben oltre trenta partecipanti (al Concorso Nazionale del 1938 i partecipanti furono 6 o poco più). Però dei risultati di questa gara ben poco si sa. Occuparsi di queste cose, recuperare una informazione leggendo e rileggendo chili su chili di carta stampata, venire a conoscenza di chi ha costruito quei modelli, girare per biblioteche per consultare introvabili pubblicazioni, questo per noi significa fare SAM, appunto. Con l occasione, prima di chiudere, ricordo a tutti i soci ed appassionati di aeromodellismo d epoca che anche quest anno (sabato e domenica 9/10 gennaio 2010) si terrà il solito raduno di inizio anno. Questa volta è il 23 : ventitreesimo! (il primo fu nel gennaio del 1988). Siete tutti invitati a partecipare. Affrettatevi a dare l adesione in quanto i posti sono limitati ad un massimo di 70 sia alla cena del sabato che al day after ed annessa assemblea generale dei soci. Il tutto inizierà nelle prime ore del pomeriggio di sabato 9. L assemblea si terrà al mattino di domenica 10. Chiudo inviando a tutti voi ed ai collaboratori calorosi auguri di buone feste da estendere - naturalmente - ai vostri cari Giovanni Ridenti Per chi necessita di alloggio consiglio l Albergo 4 Pini, t (s. 40 /d. 60 ); oppure l Hotel Flaminius, t (s. 55 /d. 70 ). Prenotarsi per cena sabato e pranzo domenica al (Ninetto). Servizio da e per alberghi a cura mia e di soci volenterosi sia il sabato notte che la domenica mattina. N 46 Novembre - Dicembre

4 DALLA REDAZIONE Alla fine del 2009 e dopo quattro anni di conduzione de l Aquilone, è d uopo trarre qualche considerazione e magari togliersi anche qualche sassolino dalle scarpe. Sono stati anni forse non del tutto lievi per l avvicendarsi di accadimenti, a volte sull onda della polemica, che hanno lasciato traccia nel nostro convivere e che si sono riflessi anche sulla vita del giornale. Quattro anni che pesano per quanti di noi risentono dell anagrafe che risale per molti al terzo decennio del secolo scorso, se non prima ancora, e che fanno riflettere su l incanutimento delle nostre immagini e sull evidente rallentare dei nostri ritmi. Ne scaturisce che, se non vogliamo uno smarrimento della SAM, occorre un recupero in avanti nel tempo per le nostre formule. Allora sarebbe il caso di ribadire che se una SAM Nazionale deve privilegiare la propria cultura occorre che non si proponga in termini statici ma che sia disposta a coinvolgere altre categorie di modelli o quelle sviluppatesi dopo i tetti temporali stabiliti alla sua nascita: i FAI 2.5, ad esempio, e non mi si dica che mancano motori vecchi e repliche per questa categoria; i veleggiatori A2 che hanno visto in Italia e in Europa espressioni altissime anche nei primi anni della loro comparsa; i veleggiatori RCV e i motoveleggiatori RCVM degli anni 60/ 70 (senza scomodare i decenni successivi: vero Mersecchi?) che tanto seguito e successo ebbero pur iniziando solo col monocomando. E, per tirare acqua al mio mulino, perchè sono relegati nel dimenticatoio i Dynoderivati magari nella versione 40 di motore (le cose buone di altri regolamenti vanno riconosciute!!) che offrono voli sicuri, tranquilli, rilassanti adatti alle stanche membra dei meno giovani? E perché - non foss altro per eliminare la noia di molte nostre giornate, qualche po di colesterolo e toglierci dai piedi delle nostre donne - non stimolare la formula delle gare postali, quella del Tomboy, ad esempio, che implica un modello essenziale, coinvolge gruppi anche ridotti al minimo (solo due!) di appassionati che possono usufruire di qualsiasi giorno e di qualsiasi campo visto anche che trascinatori e organizzatori non mancano (vero Sagnotti e Lusso?). Certo, sono proposte in parte da codificare ma perché non si comincia a vedere di portare avanti la cosa, magari a lato di manifestazioni più reclamizzate (sic!?). L iniziativa di Carbini relativa al volo vincolato mi sembra un ottimo esempio da seguire purché, naturalmente, ci sia un coinvolgimento e ci si dedichi con passione e costanza. Capisco come qualcuno possa storcere il naso nel pensare di spostare certe date limite senza pensare che SAM ITALIA, a suo tempo, ha fissato il suo tetto al 1956 rispetto ai limiti USA e in Europa, come si evince anche dai differenti Notiziari, non ci si formalizza troppo sulle date. Non voglio soffermarmi sul binomio modello anticomotore elettrico solo per rispetto di quegli amici impediti da normative che negano l uso del motore a combustione (non me ne voglia Santoni v. pag, 23). N 46 Novembre - Dicembre

5 Continuo ad arrabattarmi alla ricerca di nuovo materiale e di nuove idee da proporre nel nostro giornale, non voglio ulteriormente tediare con lamentazioni ma anzi desidero esprimere qualche nota di ottimismo dato che sempre più spesso mi si dice che si leggono volentieri queste pagine, anzi qualcuno mi ha detto che le succhia dalla prima all ultima parola. C è però anche chi vorrebbe una nuova veste editoriale: ritengo che almeno io non possa fare di più aldilà di questa essenziale impostazione. Lo vietano la disponibilità di tempo, l assoluta solitudine nella quale mi arrabatto, la copertura finanziaria e, quindi, l impossibilità di cambiare formato, di ricorrere al colore, di modificare la veste e la tiratura, il che peraltro imporrebbe anche un coinvolgimento legale/burocratico/ amministrativo arduo da affrontare. Mi si è detto che, così com è, il formato de l AQ può paragonarsi ad un bollettino parrocchiale (!?) e mi chiedo se illo tempore L Aviazione popolare, Aeromodelli, Il Giornale dell Aeromodellista, Modelli e Sport, Modellistica pur essendo in formato A5, non abbiano avuto un loro carisma; ma senza far riferimento a quella stampa ufficiale, di tutto rispetto come classificare Clarion SAM 1066, SAM 35 Speaks, Antik-Rundschau ecc. ecc.? Evidentemente, se si commentano i contenuti potrei anche cospargermi la testa di cenere e auspicare la venuta (magari!?) di qualcuno che sappia e voglia fare meglio di me ma alla critica sugli aspetti formali proprio non ci sto. Certo la stampa patinata non ci aiuta, forse a motivo di una nostra apatia o meglio di una idiosincrasia verso l attuale modo di intendere l aeromodellismo (si veda l articolo di pagina 5) ma - e questo lo voglio ribadire con fermezza - a me pare che non dobbiamo essere noi a dover dare l indirizzo a quella stampa ma semmai compete ai responsabili proprio di quella stampa di darle un taglio che possa interessarci stimolando e sollecitando le necessarie collaborazioni. E inutile insistere sull argomento, un giornale si legge se c è qualcosa che possa interessare, se ci sono rubriche dedicate. Nell ultimo numero di AQ citavo AMI with Aeromodeller (a proposito questo un tempo era in formato A5!). Ma la maggior parte di noi continua a costruire modelli con pochi spiccioli, tecnologia d avanguardia e relativa pubblicità interessano poco, evidentemente siamo una casta che non conta, anagraficamente destinata a scomparire (faccio i dovuti gesti scaramantici), che economicamente rende poco, quindi, apparteniamo alla categoria degli abbonati che possono essere trascurati. Eppure - tra i tanti suggerimenti possibili - se ci fosse qualche rubrica che si interessasse del motore amatoriale, del suo mercato, del suo collezionismo, dei suoi scambi, delle sue repliche, chissà! Perdonatemi se ho abusato della vostra pazienza, vorrei solo aggiungere che nell ambito di SAM L AQUILONE 2001 non sono mancate iniziative intese a ricordare e far conoscere la nostra attività: mi riferisco agli stands alle Fiere di Verona e di Novegro che hanno trovato in queste pagine la dovuta risonanza insieme a molte altre iniziative ma di questo penso vi informerà il nostro infaticabile segretario Pino Carbini che dobbiamo ringraziare anche per il fattivo e insostituibile contributo nei confronti del giornale. Al Presidente Giovanni Ridenti, a tutti i componenti dei Consigli Direttivi presenti e passati, ai Soci di SAM 2001, a tutti i collaboratori, a quanti ci leggono, a tutti gli amici gli auguri più sentiti e più cordiali per le prossime festività. (Marcello Zunica) N 46 Novembre - Dicembre

6 LA PENNA AL SEGRETARIO Come già anticipato dal Presidente, domenica 10 gennaio 2010 si terrà a Roma, presso la sua abitazione, l Assemblea Generale Ordinaria. Le modalità e l ordine dle giorno potete leggerle nella lettera di convocazione allegata. In occasione dell assemblea avverrà il passaggio di consegne tra il Consiglio Direttivo uscente, composto da Giovanni Ridenti, Paolo Montesi, Giuseppe Carbini e Valeriano Tascone e quello subentrante, nominato in base al risultato delle elezioni tenutesi nello scorso mese di giugno, composto da Giovanni Ridenti, Giancarlo Gosio, Giuseppe Carbini, Pierangelo Quaglieri e Vincenzo Canestraro. In terza di copertina trovate il calendario provvisorio delle attività Prego gli interessati di controllare e di non avere remore a segnalarmi errori e dimenticanze. Come potete leggere in più punti, si comincia a parlare di un museo di SAM Da Eraldo Padovano ho ricevuto lo Scricciolo di Fea e alcuni disegni Aeropiccola, che si sono aggiunti ad altri materiali già consegnatimi in passato. Altri disegni e raccolte di riviste mi sono stati già offerti da alcuni amici, che ho dovuto pregare di soprassedere perché a casa mia non ho più posto per conservare documenti o materiali. Come sempre, chi avesse suggerimenti in merito è pregato di dare il suo contributo. Alcuni soci hanno già provveduto a rinnovare l iscrizione per il 2010 e per me è ora di sollecitare i restanti. In attesa dell insediamento del nuovo tesoriere,,le modalità restano invariate rispetto al 2009, cioè ricarica della carta postepay o bonifico bancario. I partecipanti alla riunione del 9 e 10 gennaio a casa del presidente possono ovviamente approfittare dell occasione per versare il dovuto in contanti. Le quote sono invariate. Chi ha avuto la copertura assicurativa della nostra polizza, ricordi che la stessa scade al 28 febbraio e che, per non avere periodi scoperti, occorre che il rinnovo venga regolarizzato entro la metà del prossimo febbraio. Allegato trovate un revival preparato da Mario Perrone, in cui si parla dei modelli 1/2A Texaco e si danno validi consigli per ottenere i migliori risultati. Per la verità il documento è in mio possesso da due anni, ma per vari problemi di composizione e dimenticanza, sinora era rimasto fermo in archivio. Molti di voi mi hanno già inviato messaggi con gli auguri per le festività di fine anno. Li ringrazio di cuore e approfitto di un po di spazio che mi avanza per augurare a tutti voi: BUON NATALE E BUON ANNO Pino Carbini N 46 Novembre - Dicembre

7 Ho notato, approssimandosi le feste natalizie, una esposizione di aeromodelli nelle vetrine di giocattoli. Milleseicento lire costano gli eleganti policromi veleggiatori, intelligentemente appesi con fili invisibili al soffitto delle luccicanti vetrine del centro Guardando le vetrine ti può venire la tentazione di pensare ingenuamente che questo esibizionismo bottegaio della nostra arte possa servire a diffondere tra i giovani la nostra passione. Stavo appunto rimuginando tra me queste considerazioni davanti ad un lussuoso negozio, quando, se ce ne fosse stato bisogno, i miei pensieri vennero dileguati improvvisamente dall esclamazione gioiosa di un bambino (due anni?): Mamma complami l aloplano. Mio Dio! Pensai con rammarico alla cattiva stella che aveva visto nascere quel disgraziato modello. Volli seguire la signora ed il bambino nel negozio di balocchi: vidi allibito la commessa involgere il veleggiatore ed incassare le 1600 lire: Grazie, signora, buon giorno. Pensai allo strazio che sarebbe inevitabilmente avvenuto della bella costruzione ai primi contatti con le dita irrequiete del bambino: trac trac...il rivestimento dopo un ora è in brandelli: il giorno dopo tutto il modello è sfasciato. Ebbene, amici delle più complete organizzazioni aeromodellistiche italiane, cosa avete guadagnato? O meglio, cosa ha guadagnato l aeromodellismo? Siete certi di avergli reso un buon servizio? Mi obbietterete che non tutti i vostri modelli vanno a finire nelle mani dei bambini. Ammesso: ma quale vantaggio ne avrà l aeromodellismo, se un ragazzo qualunque, che non sa cosa significhi, ad esempio deriva o stabilizzatore, che ignora l esistenza (non dico la natura) delle termiche, sarà venuto in possesso del vostro giocattolo? Che se ne farà del modello, quando questo si sarà danneggiato ai primi lanci? Come lo riparerà? E non potrà forse rimanere disgustato da questa categoria di giocattoli che soddisfano solo per il primo momento e subito si rompono? Vogliamo ammettere pure che il pseudo aeromodellista dopo essere immancabilmente rimasto sinistrato, venga a contatto di autentici aeromodellisti che potrebbero incamminarlo nella giusta via: come permetterà il padre del nuovo aspirantecostruttore che il figlio acquisti il materiale necessario per fabbricarsi un altro giocattolo inutile e dispendioso? Anche a voler considerare il mercato degli aeromodelli efficace diffusione di uno sport, siamo ben lontani dall essenza dell aeromodellismo, che è innanzi tutto tecnica ed arte. Se si deve pertanto plaudire incondizionatamente all iniziativa delle grandi Ditte di costruzioni aeromodellistiche di mettere sul mercato motori e materiali vari, non altrimenti dappertutto trovabili, non si può - a mio avviso - essere soddisfatti di vedere smerciare degli aeromodelli costruiti in serie dalle Ditte stesse. Non si può infatti seriamente chiamare aeromodellista un ragazzo che s è trovato tra le mani un veleggiatore bello e finito, senza conoscere le più elementari regole di costruzione e le nozioni basilari dell aerodinamica, per non parlare degli innumerevoli altri problemi che all aeromodellismo sono connessi. Ché. se è indispensabile fornire al principiante delle tavole progettate da esperti - sempre però dandogli opportune istruzioni attraverso la scuola o le riviste tecniche - è necessario arrivare al punto in cui ogni aeromodellista, non solo si costruisca, ma si progetti il proprio modello sulla scorta delle cognizioni ed esperienze personalmente acquisite. Vengano pure perciò le scatole complete dei pezzi occorrenti alla costruzione del modello, ma anche queste si diano in mano agli allievi dei corsi di aeromodellismo, o a quei ragazzi che possono venire adeguatamente istruiti dagli anziani di buona volontà (che non mancano in nessun gruppo). Bando al mercato dei modelli! I Gruppi promuovano scuole, anche private, di aeromodellismo. La propaganda sia affidata no a negozi di giocattoli, ma alla serietà dei Gruppi. Questi si faranno conoscere con le gare, che saranno frequenti e non localizzate al solito aeroporto o alla solita collina, ma disputate in varie località di ciascuna provincia Gianni Cantù Articolo trascritto integralmente tratto da: NOTIZIARIO AEROMODELLISTICO a. I n dic 1945 [Archivio MarZu] N 46 Novembre - Dicembre

8 Il 65 di Fea con le sue toppe, gli strappi le svergolature sopra il disegno originale a matita e la pagina de l AQ n.1 del 1953 dove venne pubblicato. Un particolare del tappo-elica e la dedica sul lato dello scatolone. Nella pagina di fronte il disegno sul retro di un manifesto. Un foglio di recupero, come si conveniva all epoca. [pagg. a cura di MarZu] N 46 Novembre - Dicembre

9 - LO SCRICCIOLO «A SAM 2001 In ricordo di Guido Fea che con Igino Maina ed Eraldo Padovano fondò 60 anni fa il Gruppo Aeromodellisti della Scuola Allievi Fiat Padovano» E la dedica scritta nella cassetta contenente l originale dello Scricciolo, con le sue toppe e i segni del tempo, che Eraldo ha voluto donare a SAM 2001 insieme ad un bel numero di disegni dell Aeropiccola. Il tutto è finito nel nostro archivio in attesa di una più adeguata collocazione - a futura memoria - dell attività e dei trascorsi di quanti si sono dedicati alla nostra attività, Un sincero grazie con gli auguri più sentiti da tutti i soci di SAM L A- QUILONE 2001 UNA NOTA E DUE VELOCI PRECISAZIONI da Cesare De Robertis Leggo sull Aquilone che ci sarebbe la proposta di integrare gli RCV fino al lo trovo semplicemente ridicolo. Va bene che gli anni passano, ma una cosa del genere sarebbe davvero fuori dallo spirito SAM! Arrivare ai primi anni 70 sarebbe già fin troppo, a mio avviso. Caro Cesare, giro a Marcello Zunica il tuo appunto sulla storia dell Aquilone. E giusto che la storia sia conosciuta integralmente. Per quanto riguarda gli RCV, il limite del 1992 è chiaramente esagerato e l idea mia e di Marcello l ho scritta nel mio spazio su l AQ 45. Penso che la data andrebbe ancorata a qualcosa di preciso (cambio di regolamento o modello particolare). Hai qualche idea? (P. Carbini) Mi sembra doveroso aggiungere che personalmente in fatto di RCV non mi sono mai espresso in termini di date limite (v. pag. 2). Mi sembra invece che sia giunto il momento (come detto e ripetuto) di dare più spazio ad altre categorie come appunto gli RCV, i FAI 2.5cc, i veleggiatori A2 (con tetti temporali storicamente definiti, ovviamente). D altronde gli esiti positivi del rilancio del volo vincolato (GIP 46 in particolare) avvalora questo mio pensiero. Qui di seguito le due precisazioni. (MarZu) Non sopporto le persone che si prendono meriti che non hanno e ciò, ovviamente, vale anche per me. Per questa ragione, a margine dell interessante cronistoria di Galè, mi farebbe piacere che nel prossimo numero vi fosse questa precisazione: «quando come segretario della SAM ho cominciato ad occuparmi anche dell Aquilone (era il 1988, se non erro) l idea di utilizzare la testata originale non fu mia ma di Mario Perrone, il quale, assieme a Silvano Boccianti, collaborò con me dietro le quinte per tutto il periodo del mio incarico. Il loro contributo fu assolutamente essenziale. Per quel che invece riguarda Modellismo, l idea di riaprirlo non fu mia ma di Mario Gialanella, con i buoni uffici di Giampiero Janni e l entusiastica (ed un po sorpresa) approvazione di Gastone Martini. A me personalmente l idea in quanto tale sarebbe certamente piaciuta, ma se non fosse stato per il più che sostanziale contributo di Mario Gialanella nei primi due anni di vita della rivista, il nuovo Modellismo sarebbe rimasto semplicemente un bel sogno irrealizzato. Cesare» N 46 Novembre - Dicembre

10 8 CONVEGNO DI TECNICA AEROMODELLISTICA - MILANO, Sono da poco tornato dall 8 Convegno di Tecnica Aeromodellistica tenutosi a Milano il 28 novembre scorso. Vi ho partecipato con entusiasmo perché gli organizzatori mi hanno dato l opportunità di ricordare ai presenti che i modelli si possono costruire ancora alla vecchia maniera e con pochi mezzi, ricavandone la grossa soddisfazione di poter dire di aver fatto tutto da solo e senza l impiego di tutti quegli accorgimenti tecnologici che arricchiscono sì le prestazioni, ma che sono frutto di studi altrui e di realizzazioni commercializzate da gruppi di specialisti. Tanto di cappello, comunque, a tutti quei relatori che hanno brillantemente esposto le loro esperienze ed il loro lavoro di ricerca nel campo dell elettronica e dei moderni materiali impiegabili per le nostre costruzioni, ma tanto di cappello anche a quei teorici (e cito soltanto Filippo Surace per tutti) che danno il necessario supporto scientifico per il miglioramento in termini di rendimento ed affidabilità dei nostri modelli che, ovviamente, non possono progredire se relegati al ruolo di copie conformi. Dico questo con buona pace per il movimento old timer che è nato con altri scopi e che quanto meno serve, oltre che per nostro compiacimento, anche per far vedere ai giovani cosa fosse l aeromodellismo di una volta. Due parole, ora, per il modello che ho presentato ai convegnisti presenti a Milano. Si tratta di una semiriproduzione (non ho la velleità di avventurarmi nel campo delle riproduzioni pure, perché almeno nel campo del volo libero sono più dei soprammobili che dei modelli volanti) di un aereocorsa del 1940 progettato in Italia e dotato di un motore di 2250 CV azionante due eliche coassiali controrotanti. L ho ridotto in scala 1:10 e per il gruppo propulsore ho utilizzato cinque ingranaggi azionati da una matassa elastica del peso di 30 grammi e con 60 mm 2 di sezione. Le doti di volo sono modeste sia per la ridotta potenza a disposizione sia per gli attriti degli organi meccanici che sono non trascurabili. Resta però il fatto che l essere uscito dai soliti schemi standardizzati mi ha dato una grandissima soddisfazione forse ben maggiore di quella che si può provare vincendo una gara grazie anche ad una certa dose di fortuna. Chi ne volesse sapere qualcosa di più non ha che da chiedermelo e sarò lieto di accontentarlo. Antonio de Nicola CS 15 aereocorsa del Semiriproduzione di A. De Nicola N 46 Novembre - Dicembre

11 TEXACO PER TUTTI? La categoria Texaco risulta essere da tempo la più praticata nelle gare di aeromodelli Old Timer, forse per la sua derivazione diretta dal Regolamento USA, forse per la sua specificità tecnica di gara tipo Economy, cioè basata sul minimo consumo di carburante. Però, proprio su questo punto sono sorte le più ampie discussioni all atto dell emanazione del Regolamento Sportivo Unificato in vigore dal predisposto dalla Commissione di cui fui sciaguratamente nominato coordinatore - con il quale i quantitativi di carburante ammessi sono stati praticamente dimezzati (valori precedenti : 2 + 1), al fine di ridurre i tempi di volo e le quote raggiunte, sia per problemi di visibilità e per ridurre il ricorso ai lanci di spareggio, sia per questioni di sicurezza, per prevenire possibili incidenti con aeromobili, che potrebbero avere gravissime conseguenze. Le rimostranze di molti praticanti hanno però portato a contrasti anche fra SAM 2001 e SAM 62, e fino all anno scorso sono state organizzate gare con regolamenti diversi, costringendo i concorrenti ad adattamenti di serbatoi, di messa a punto, ecc. A fine 2008 anche SAM 62 ha accettato la nuova tabella ridotta dei quantitativi di carburante, ma i precedenti contrasti, anche su altri punti del Regolamento, hanno portato all approvazione ufficiale di due Regolamenti distinti, ed è rimasto comunque in molti concorrenti un forte malcontento, che li ha in taluni casi indotti a disertare le gare, come recentemente fatto notare dall amico Giuliano Rosati, che nelle gare organizzate a Terni dal Gruppo Aeromodellistico Ternano (aderente al RIAS) ha continuato ad adottare la tabella con i quantitativi maggiorati. Questa situazione mi ha fatto nascere un idea, che potrebbe, se attuabile, conciliare tutte le esigenze ed i diversi punti di vista. Ma esaminiamo anzitutto i vari aspetti del problema: - credo sia innegabile che il progresso tecnico, soprattutto sotto l aspetto motoristico, e l orientamento su modelli più efficienti aerodinamicamente abbiano portato a risultati sempre crescenti, soprattutto in termini di altezze raggiunte (con maggiori possibilità di trovare e sfruttare le correnti ascendenti); ciò comporta problemi di visibilità (ad una certa età non tutti possono conservare una vista ottimale), ma anche di sicurezza, oltre che per eventuali collisioni con altri mezzi aerei, anche per la possibilità di perdere il controllo del modello, che potrebbe andare a cadere anche in posti in cui possono crearsi situazioni di forte pericolo (ad esempio le autostrade); - come ormai accertato, non esiste una norma di legge o amministrativa che stabilisca dei limiti di altezza per il volo degli aeromodelli (per alcune categorie i regolamenti sportivi, compresi quelli internazionali della FAI, prevedono il raggiungimento di altezze di qualche centinaio di metri), mentre per gli ultraleggeri (volo da diporto o sportivo con o senza motore), in base al DPR 404 del 1988, applicativo della Legge 106 del 1985, è ammessa un altezza massima dal terreno di 500 piedi (150 metri circa), elevati a piedi nei giorni di sabato, domenica e altre festività, restando comunque ad una distanza non inferiore a 5 km dagli aeroporti (cogliamo l occasione per ricordare che il termine quota, che spesso utilizziamo a sproposito, non corrisponde all altezza dal terreno, ma all altitudine rispetto al livello medio del mare); - per gli aeromobili in VFR (volo a vista), inclusi gli elicotteri, è invece stabilita un altezza minima pari alla più alta fra piedi (500 al di fuori di centri abitati) AGL N 46 Novembre - Dicembre

12 ( above ground level, ossia rispetto al terreno) e piedi (circa 900 metri) AMSL ( above mean sea level, ossia sul livello del mare), oltre al rispetto di requisiti di ceiling (distanza minima dalle nubi). Si potrebbe quindi ritenere che per gli aeromodelli, salvo i casi di volo in collina o in montagna, una buona dose di spazio aereo fino ad una quota (altezza AMSL) di 900 metri dovrebbe risultare libero (cercando, naturalmente, di evitare gli spazi frequentati dagli ultraleggeri), e quindi non dovrebbe comportare rischio di collisioni con aeromobili. Ma in realtà, anche se non ho trovato una normativa al riguardo, gli elicotteri di vari servizi di Stato e di soccorso (Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco, Croce Rossa, ecc.) volano a quote più basse, come possiamo vedere normalmente, ed il rischio di collisioni con un aeromodello potrebbe verificarsi, ed in quel caso è opinione comune, anche di esperti legali, che un giudice chiamato a decidere sulla responsabilità potrebbe applicare per analogia i limiti di altezza vigenti per gli ultraleggeri, con pesanti conseguenze per la nostra attività, sia personale che generale. Tutto ciò considerato, resto del parere che la tabella ridotta dei quantitativi di carburante predisposta a fine 2006 dalla deprecata Commissione resti più che valida (e addirittura c è chi auspicherebbe ulteriori riduzioni, peraltro difficili da attuare conservando i principi informatori a suo tempo osservati, e cioè mantenere gli scaglioni di peso in vigore ed evitare quantitativi di carburante con frazioni di cc), anche se gli americani utilizzano tuttora misure quasi doppie di quelle in vigore da noi fino al 2006 (4 cc di miscela per libbra 453 g di massa del modello, con tempo di cronometraggio illimitato!), ma loro vivono in una società più liberista e dispongono di spazi di volo certo superiori ai nostri, e non è detto che dobbiamo copiarli in tutto e per tutto! Resta però insoluto il problema di trovare il modo di ridurre l abbandono delle gare da parte dei concorrenti meno motoristi, che con la miscela ridotta non riescono a raggiungere quote soddisfacenti, che offrano almeno la possibilità di agganciare un ascendenza ed ottenere un risultato sportivo onorevole. Ecco quindi l idea che vorrei sottoporre al giudizio degli interessati, e che forse potrebbe costituire una soluzione: sdoppiare la categoria in due sottoclassi, con la prima che adotta la tabella ridotta (con scarti di 1 cc per ogni 400 g di massa) e la seconda che si attiene a quella precedente (con scarti di 2 cc per ogni 400 g), naturalmente con classifiche separate (la loro denominazione è un problema secondario; evitando intestazioni riduttive per una di esse tipo serie A e B, o I e II si potrebbero chiamare richiamandone il contenuto tecnico Supereconomy ed Economy, o semplicemente, come suggerito da Nino Ridenti, Senior e Sport ); si potrebbe temere che qualche esperto, non troppo sicuro delle sue capacità, tenda ad optare per la classe più facile, per fare incetta di trofei, ma penso che i veri sportivi non vogliano essere classificati come cannibali di coppe! E comunque si può individuare qualche impedimento; ad esempio, anche senza ricorrere a complicate promozioni e retrocessioni, si può semplicemente stabilire che chi vince una gara della classe Sport è tenuto alla gara successiva a partecipare nella Senior. Mi pare che il concetto potrebbe funzionare, riportando sui campi di gara gli scontenti della formula attuale. Certamente non potrà essere approvato ufficialmente in tempi brevi, perché siamo in un anno pari, e le proposte di modifica dei Regolamenti di ambedue le SAM possono essere presentate solo entro luglio 2010, per entrare in vigore nel N 46 Novembre - Dicembre

13 Ma intanto qualcuno di buona volontà, e favorevole all idea, potrebbe organizzare qualche gara sperimentale, per vedere come viene accolta dagli interessati, dopo di che, al momento giusto, cinque sportivi in attività, possibilmente soci di ambedue le SAM, dovrebbero presentare le proposte nella forma e nelle sedi opportune. Io non prenderò l iniziativa, perché non sono direttamente interessato, e poi chissà se sarò ancora presente! Buoni voli a tutti. Loris Kanneworff Valle Gaffaro - Montesi avvia l Anderson Spitfire del suo Stentorean ; un OTMR che si arrampica con sicurezza N 46 Novembre - Dicembre

14 I MODELLI A.R. 36 Luigi Arcesilai (L ALA 1946-n.7/8) PINNUTO Aldo Conte (l ALA 1946-n.9) ZEFFIRO Leardo Goi (Av. Popolare 1945-n.1) ETA 47 bis - Elio Tacchella (L ALA 1947-n.11) era da poco terminato la guerra - Riviste che spopolarono - pubblicizzate da «l Aviazione Popolare» del e che furono d ispirazione per molti aeromodellisti dell epoca. - Quattro modelli campioni: il veleggiatori di Arcesilai con le centine a traliccio; l elastico di Conte uno dei più famosi di quel momento; il motomodello di Goi vincitore del 21 Conc. di Arcore; il telecomandato di Tacchella che a Verona superò i 127 km/h. - Modelli classificati nel Motoconcorso indetto da L ALA e pubblicati nei nn. 5 e 6 del N 46 Novembre - Dicembre

15 B.M. 9 di Adriano Bacchetti (2 class.) LIBELLULA 46 di Mario Leale (3 class.) (A cura di MarZu) N 46 Novembre - Dicembre

16 L A.Z.31 è un modello di alta classe, dalla costruzione semplicissima e di alto rendimento, classe 80 cm, affermatasi con successo nelle competizioni romane dei primissimi anni 40. Disegnato e costruito dal mitico ERCOLE ARSENI fu pubblicato in scala 1:2 nell altrettanto mitico n.1 di «MODELLISMO» Oggi il trittico è richiesto dagli oldtaimeristi inglesi che praticano la categoria ad elastico 80 centimetri con successo N 46 Novembre - Dicembre

17 CURA E MANTENIMENTO DEL MOTORE DIESEL Agli inizi del 1947 ho cominciato a lavorare per Walt Schroeder che aveva in carico la produzione del Mite Diesel un motore diesel da.09. Il motore era appena entrato in produzione ed io fui abbastanza fortunato da ottenere l incarico di collaudatore. Ho testato e fatto girare circa dei motori prodotti. Quando però la candela glow prese piede sul mercato, le vendite del Mite crollarono e Walt chiuse i battenti della ditta. Io ero ormai acchiappato dai motori diesel ed iniziai ad usare il Leon s Shulman s Drone per i miei modelli V.V.C., categoria che allora praticavo. Quando, nel 1949, cominciai a praticare il radio-comando, il mio primo modello fù motorizzato utilizzando un Drone. Tuttavia avevo notato che il Drone era troppo grande per il nuovo modello che avevo disegnato, il quale aveva una superficie alare di soli 600 sq.in. Un mio caro amico conosceva un modellista in Inghilterra che voleva avere alcuni dei nostri motori glow (per loro era difficile averne nel primo dopoguerra) e così facemmo un horse trading. Io presi un AMCO 3.5 cc. (0.21). Questo fù il motore che ho usato per i miei successivi 5 modelli e dopo aver usato motori diesel per 48 anni, sento di averli compresi appieno. Ad alcune persone il motore diesel appare come una bestia rara. Ogniqualvolta arrivo al campo di volo con i miei modelli motorizzati diesel qualcuno, vedendomi accendere e carburare i miei motori, mi dà dei consigli, la maggior parte basati sulla sua esperienza con i motori glow: mi limito a sorridere e non dico nulla, realizzando che chi mi parla non ha alcuna cognizione sul come funziona il motore a ciclo diesel. Molto più spesso però mi trovo a rispondere alla domanda come fa a funzionare un diesel? A queste persone generalmente spiego il funzionamento di un diesel, che è ciò che farò adesso. Il motore diesel è stato inventato agli inizi del 1900 dal tedesco Rudolf Diesel ed è stato ampiamente usato da allora ai nostri giorni. I moderni diesel sono tutti a quattro tempi ed impiegano il sistema ad iniezione per funzionare. Quando il pistone è al massimo della sua corsa una quantità prestabilita di carburante viene polverizzata all interno di una camera di scoppio fortemente riscaldata causando l esplosione della miscela, l espansione dei gas ed il movimento discendente del pistone. Noi tutti abbiamo familiarità con i motori glow. La batteria viene collegata alla candela rendendo rovente la spiralina. Questo elemento, a contatto con la miscela aria-carburante all interno della camera di scoppio causerà l esplosione che guiderà verso il basso l unica cosa che si può muovere nel cilindro e cioè il pistone. Il diesel per uso modellistico è un due tempi a compressione-iniezione che non usa né la candela spark né la glow per innescare l esplosione dei gas nel cilindro, ma l innalzamento della pressione all interno del cilindro fino al punto in cui l etere, contenuto nella miscela, comincia a bruciare, innescando così l esplosione del carburante principale che è il kerosene. Come negli altri motori a due tempi l olio è presente nella mistura solo per la lubrificazione delle parti in movimento. La legge che governa questo ciclo è quella dovuta all innalzamento della temperatura causato dall aumento della pressione di un fluido. Se avete mai usato una pompa per gonfiare una gomma di bicicletta vi sarete accorti che il tubo di collegamento tra pompa e valvola tende a scaldarsi più si insiste a gonfiare. Più aria si pompa, più pressione si ottiene e più si scalda il tutto. N 46 Novembre - Dicembre

18 La miscela per motori diesel è una mistura volatile che contiene etere. Generalmente rappresenta un terzo del volume. Questo ingrediente viene usato a causa del suo basso punto di infiammabilità. Ed è proprio questo che necessita per ottenere l iniezione dei gas. Vantaggi del Diesel A seconda dalle dimensioni dell elica usata e da come si regola la carburazione il motore diesel brucerà dalla metà a due terzi di carburante rispetto ad un pari motore glow. Questo significa un serbatoio più piccolo ed una minore variazione del centraggio tra serbatoio pieno e vuoto: 1) Il motore diesel ha una rumorosità inferiore tra 6 e 10 decibel rispetto ad un glow. Un O.S..25 (usando una testata di conversione Devis) tira una 11X6 con 80 Db. Un.40 registra circa 85 Db. Decisamente più silenziosi 2) Il motore diesel non richiede candela di avviamento né avviatore per partire. Un motore correttamente settato necessita solamente di un cicchetto e di alcuni colpi di elica 3) Una coppia più alta è la caratteristica principale del diesel. Questo permette di utilizzare eliche di diametro più grande a pari cilindrata. Il problema è che molti modellisti che sperimentano un diesel non hanno realmente capito il suo funzionamento e tentano di trattarlo come un glow. Per ottenere le migliori prestazioni dal vostro motore dovete capire come funziona. Il motore glow viene carburato correttamente con il solo utilizzo del solo spillo del carburatore ed è questo che genera la maggior confusione. Nel diesel si deve trovare la corretta carburazione agendo sia sullo spillo che sul contropistone. Una volta stabilito il giusto equilibrio dei due elementi non bisogna mai variarne la posizione ad eccezione dell avviamento riportandoli alla posizione stabilita una volta scaldato il motore. Il carburante diesel e la sua conservazione La miscela dei motori diesel è composta da quattro ingredienti base: 1) Etere: per iniziare il processo di combustione; 2) Kerosene: è il vero carburante; 3) Olio: per la lubrificazione (generalmente non uso altro che olio di ricino); 4) Nitrato d Amile: per stabilizzare la combustione. La percentuale può variare tra un motore ed un altro, ma tutti questi quattro elementi sono sempre inclusi. Userò un esempio per chiarire il funzionamento della miscela. Pensate ad un candelotto di dinamite. A causare la sua esplosione può essere o un forte impatto od una esplosione. Un detonatore fornisce questa esplosione ed è proprio quello che l etera fa al Kerosene. A causa del fatto che una porzione della miscela utilizzata è volatile (etere e nitrato d amile) è molto importante che questi due ingredienti non vadano persi a causa dell evaporazione, perciò bisogna avere molta cura nel maneggiare ed usare questo carburante attenendosi alle seguenti precauzioni: 1) se avete comprato la miscela in grossa quantità o la conservate in una grossa tanica, usatene una più piccola (es. da 500 cc.) per effettuare i rifornimenti. Tendete a portarvi dietro solo la quantità di carburante che utilizzerete per le prove di volo e non di N 46 Novembre - Dicembre

19 più; 2) non lasciare mai il contenitore aperto per nessun motivo e, soprattutto, non rimettere la miscela avanzata dentro il contenitore nel quale conservate la vostra miscela. Il motivo è quello di evitare di contaminare la miscela fresca con quella che ha perso parte dei componenti volatili a causa dell evaporazione o per l esposizione ad altri agenti deterioranti (polvere, umidità, residui di combustione); 3) preparatevi una lattina per il rifornimento che abbia due tubi, lunghi un paio di cm, saldati sulla parte superiore che verranno collegati dal tubo che utilizzerete per rifornire il serbatoio, evitando così di aprire il tappo della lattina. L operazione è semplice perché il rifornimento avviene grazie alla forza di gravità (vedi foto) ed una volta riempito si provvede a riattaccare il tubo all altro attacco sulla lattina, evitando così il contatto della miscela con l aria e la perdita di componenti volatili. Comprendiamo i Diesel Il motore diesel è capace di un alto numero di giri. Ma come tutti i motori ci sono motori sport e ci sono motori da competizione. In base alla cilindrata, i diesel operano ad un numero di giri che varia da a Ci sono dei motori speciali da competizione per gare di velocità che raggiungono i giri, come il Moki.15 ABC. Questi motori sono stati concepiti per tipi di gare dove non solo la velocità è importante, è importante anche il consumo. In queste gare la capacità del serbatoio è limitata e non ci si auspica di effettuare soste per rifornimento più di quelle che fanno gli altri. Dalla parte opposta della scala c è il P.A.W..19 per le conosciute gare A Texaco. Questi motori sono regolati di fabbrica per girare con eliche tra e giri. A questa velocità il motore gira per 5-8 minuti con un serbatoio da 14 c.c.. Provate a fare questo con un motore glow. Bene, ma da dove viene questa potenza e questa economicità di consumi? Viene da una legge ben conosciuta che dice: Maggiore è la compressione e maggiore è l energia prodotta dal carburante. Gli attuali motori glow della categoria sport hanno un rapporto di compressione di 8:1. Dall altra parte abbiamo i motori diesel che hanno un rapporto di compressione di 11-13:1. Da qui si capisce perché i diesel girano di più dei glow a parità di quantità di carburante. Come detto in precedenza, l alta compressione causa alta temperatura e l alta temperatura fa variare il rapporto di compressione dilatando i metalli e riscaldando i gas che si trovano a loro contatto. Il contropistone ci viene incontro per risolvere il problema. A causa del fatto che la corsa è fissa il rapporto di compressione viene variato aumentando lo spazio tra pistone e cielo della camera di scoppio. Quindi quando aggiustate la leva del contropistone dobbiamo regolare la compressione in modo che la temperatura raggiunta corrisponda al punto minimo richiesto per la combustione dell etere. Una volta che l etere ha iniziato la combustione, si sviluppa il calore sufficiente a far iniziare la combustione del kerosene (il kerosene richiede una temperatura superiore all etere per bruciare) ed il ciclo si conclude. Con ciascuno scoppio del motore dopo l avvio, la combustione innalza la temperatura del metallo attorno. La temperatura sale fino alla temperatura normale di utilizzo che varia tra i 350 fino a 500 F. secondo al numero dei giri e la dimensione dell elica usata. Naturalmente, con la temperatura che si alza dovete ridurre progressivamente il rapporto di compressione tanto minore quanto maggiore è la temperatura raggiunta per evitare il fenomeno della preaccensione. Questo N 46 Novembre - Dicembre

20 accade quando la miscela esplode prima che il pistone abbia raggiunto il P.M.S. abbassando la resa del funzionamento (batte in testa ). In questo caso il contropistone funziona come l anticipo dei motori spark. Quando il motore raggiunge la temperatura ottimale, farete l aggiustamento definitivo della compressione non notando più alcuna variazione nel regime dei giri. Solo allora aggiusterete definitivamente carburazione ed eventualmente il contropistone prima del lancio. Tecnica di funzionamento del motore Cominciamo dall inizio. Dopo aver montato il motore e riempito il serbatoio, la prima cose che faccio è quella di chiudere completamente lo spillo del carburatore, segnando quanti giri ho dato per chiudere. Normalmente lo scrivo da qualche parte dato che sono di memoria corta. Adesso do alcuni colpi all elica per sentire come risponde il motore. La compressione del motore probabilmente è quella che è stata messa a punto in fabbrica al momento del collaudo. Comunque, non si sa mai se qualcuno che guardava il motore prima di un possibile acquisto, ha giocato con la vite della compressione o con lo spillo. Dopo aver constatato che il motore è secco, dare un cicchetto con un po di miscela nel carburatore e cominciate a dare colpi all elica di nuovo. Probabilmente non succede nulla così, a questo punto, aumentate la compressione di un quarto di giro e date alcuni colpi di elica. Se ancora non succede nulla, stringere ancora di un 1/8 di giro continuando a dare colpi con l elica. Dando colpi all elica, fate in modo che siano non bruschi ma decisi fino a quando non sentite un gratificante pop. Ripetete la procedura precedente fino a quando il motore non risponde. Se ha cominciato a fare scoppi ad ogni colpo di elica, insistete fino a quando non smette per mancanza di miscela e, a questo punto, lasciate la compressione come sta e mettete di nuovo il cicchetto. Nel caso in cui con il cicchetto il motore avesse un inizio di blocco idraulico, riducete la compressione di 1/8 di giro per volta. L obbiettivo di tale procedura è quello di trovare la giusta compressione così che possa mettersi in moto il motore consumando tutta la miscela introdotta con il cicchetto. Se per un paio di volte di seguito il motore parte e consuma il cicchetto vuol dire che è giunto il momento di aprile lo spillo del carburatore. Aprite lo spillo di tanti giri quanti risultano essere stati segnati. Ho trovato, comunque, che i diesel girano con una apertura di spillo che và da 1 ½ a 3 giri. Di nuovo cicchettare il motore come avete fatto in precedenza ed il motore dovrebbe partire e prendere giri. Se il motore gira ma non è regolare, incrementate leggermente la compressione fino a che il suono diventa regolare. Se gira ma sputa miscela dallo scarico, provvedete a chiudere un po lo spillo; è ricco di carburazione e sicuramente noterete un aumento di giri. Non esagerate con l intensità della correzione o si fermerà bruscamente. Come il motore si scalda comincerà a battere in testa e se non fate nulla si fermerà presto. Questo succede perché la camera di scoppio si sta scaldando e varia il rapporto di compressione ed il punto di accensione dell etere. Quello che va fatto e solo il ridurre la compressione fino a quando il motore riprenda a girare correttamente. Arrivati a questo punto sapete che se il motore non gira correttamente dipende solo dalla carburazione. A seconda della temperatura ambiente, un motore diesel impiega da 1 a 4 minuti per stabilizzare la temperatura di esercizio. A quel punto, e solo allora, potrete fare la correzione finale a compressione e carburazione. N 46 Novembre - Dicembre

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

INTERVISTA A WOLFGANG EGGER

INTERVISTA A WOLFGANG EGGER INTERVISTA A WOLFGANG EGGER Domande a cura di Carlo Alberto Monti, Presidente Club Alfa Sport Trascrizione: Mapelli Paolo, Responsabile Stampa Fotografie: Mapelli Paolo per Club Alfa Sport Come vive la

Dettagli

Preventivo vacanze. Carlo Romanelli. (in collaborazione con Franco Favilli e Laura Maffei) Nucleo: Numeri, relazioni e funzioni

Preventivo vacanze. Carlo Romanelli. (in collaborazione con Franco Favilli e Laura Maffei) Nucleo: Numeri, relazioni e funzioni Carlo Romanelli (in collaborazione con Franco Favilli e Laura Maffei) Nucleo: Numeri, relazioni e funzioni Introduzione Tematica: Costruzione, entro un budget assegnato, di un preventivo per le proprie

Dettagli

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai.

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Prima di tutto voglio farti i complimenti per l apertura mentale che ti ha portato a voler scaricare questo mini ebook. Infatti, non è da

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

MANUALE MONEY MANAGEMENT

MANUALE MONEY MANAGEMENT 1 MANUALE MONEY MANAGEMENT BY SNIPERTRADING 2 Disclaimer Le opinioni qui espresse sono quelle dell autore e non sono da intendersi come un offerta o una sollecitazione alla vendita o all acquisto di strumenti

Dettagli

COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE

COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE Senza cambiare benzinaio, percorsi o abitudini di spostamento. Premetto che scrivo questo e-book perché ho sperimentato personalmente tutto ciò che andrò

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato

Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato della Maestra Mery Anesa Mery Anesa Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato Giugno 2011 Osservazioni e commenti

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

Buone Feste e Felicissimo 2015

Buone Feste e Felicissimo 2015 Il Presidente e tutto il Consiglio di Amministrazione augurano a tutti i campeggiatori un felicissimo 2015 con la speranza di una vita serena per le vostre famiglie e per tutte le persone a voi care. L

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

sono dello stesso colore i colori delle caselle A e B risultano identici

sono dello stesso colore i colori delle caselle A e B risultano identici Eccoci qui. Vi trovo agguerriti e un po'... tesi, del resto come me, come se fosse il primo giorno di scuola o, meglio, il giorno di nascita di un'amicizia. Io sono molto più fortunato di voi: guardate

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

di Svetlana Prodan Classe 3A Scuola media Colombo a.s. 2010-2011

di Svetlana Prodan Classe 3A Scuola media Colombo a.s. 2010-2011 di Svetlana Prodan Classe 3A Scuola media Colombo a.s. 2010-2011 Schema di una relazione Titolo Scopo dell esperimento Materiale occorrente Previsione di ciò che succede Istruzioni o descrizioni Osservazioni

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 3

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 3 24 CHE invariabile senza preposizioni PRONOMI RELATIVI CHE = Il quale - i quali masch. La quale -le quali femm. Es. Le persone, che vedi, sono i miei amici = Le persone, le quali vedi, sono i miei amici

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film)

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film) CULTURA ITALIANA Introduzione Bologna è una città medievale, dove la bellezza è nascosta, bisogna scoprirla. Ma ha anche dei segreti, per esempio la qualità della cucina. Il tortellino è il principe della

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

Esperimenti Informazioni per il PD

Esperimenti Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/7 Compito Gli alunni conducono degli esperimenti sul tema dell auto con propulsione a razzo usando diversi materiali. Obiettivo Gli alunni acquisiscono nuove conoscenze e rafforzano

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO Libretto di La Promessa

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

La tecnica dell Automobile. Il motore diesel principi di funzionamento.

La tecnica dell Automobile. Il motore diesel principi di funzionamento. La tecnica dell Automobile Il motore diesel principi di funzionamento. Proseguiamo in questo numero di Motor la serie di articoli di approfondimento tecnico. Tante volte, infatti, leggendo un articolo

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr Verona Innovazione Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr 19/06/2015 Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi La parola ai nostri protagonisti Diario descrittivo

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT N E W S O U T H W A L E S HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION 1998 ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT 2 ITEM 1 PAOLO PAOLO Ieri ho avuto una bella sorpresa; ho ricevuto una lettera da Paolo.

Dettagli

9 aprile 2012 - Progettare compiti significativi. Classe di riferimento: 3^ primaria ins. BRAIDOTTI. Competenze: Ricezione orale (ascolto)

9 aprile 2012 - Progettare compiti significativi. Classe di riferimento: 3^ primaria ins. BRAIDOTTI. Competenze: Ricezione orale (ascolto) 9 aprile 2012 - Progettare compiti significativi Classe di riferimento: 3^ primaria ins. BRAIDOTTI Competenze: Ricezione orale (ascolto) Aspetto/i di competenza (in questo caso il tipo di ascolto e i processi

Dettagli

1. Premessa. 2. Forme di energia

1. Premessa. 2. Forme di energia 1. Premessa. Sinteticamente, il rendimento rappresenta il rapporto tra quanto si ottiene e quanto si spende in un trasferimento di energia. Ad esempio, se la potenza prelevata dal motore (spesa) è 50 KW

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago.

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago. 31 gennaio 2009 Consiglio comunale ragazzi Verbale Consiglio Comunale dei di sabato 31 gennaio 2009 La riunione si apre alle ore 11.05 con il seguente Ordine del Giorno: 1. Elezione del Sindaco 2. Varie

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Saluti alle autorità Presidente dott. Silvagni Segretario di stato alla cultura Segretario

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2 per Stranieri di Siena Centro CILS : Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi. Sono brevi dialoghi o annunci. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

SETTIMANA FLESSIBILE 18 23 FEBBRAIO 2013 RELAZIONE SUI DATI FORNITI DAI QUESTIONARI RIVOLTI A DOCENTI CLASSI

SETTIMANA FLESSIBILE 18 23 FEBBRAIO 2013 RELAZIONE SUI DATI FORNITI DAI QUESTIONARI RIVOLTI A DOCENTI CLASSI IIS SCALCERLE A.S. 2012/2013 SETTIMANA FLESSIBILE 18 23 FEBBRAIO 2013 RELAZIONE SUI DATI FORNITI DAI QUESTIONARI RIVOLTI A DOCENTI CLASSI QUESTIONARIO RIVOLTO AI DOCENTI SUL RECUPERO E/O APPROFONDIMENTO

Dettagli

APP TUTTI PAZZI PER L'...!

APP TUTTI PAZZI PER L'...! PPROFESSIONE FARMACIA APP TUTTI PAZZI PER L'...! PROFESSIONE FARMACIA di Alessandro Fornaro, giornalista e farmacista Alcuni siti propongono a negozi, ristoranti e qualsiasi altra sorta di attività commerciale

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano GABRIELLA tanti master,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO

MILENA GABANELLI IN STUDIO COME VA A FINIRE? Contanti saluti al nero aggiornamento del 15/4/2012 Di Stefania Rimini MILENA GABANELLI IN STUDIO Il 15 aprile scorso abbiamo proposto di ridurre drasticamente l uso del contante. Perché

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

La Veneziana Nuoto vince la Coppa Cantù. Giancarlo Paulon primatista italiano 400 s.l. categoria ragazzi

La Veneziana Nuoto vince la Coppa Cantù. Giancarlo Paulon primatista italiano 400 s.l. categoria ragazzi CURRICULUM SPORTIVO di Giancarlo Paulon Nato a Venezia il 14/05/1928 Residente: Dorsoduro 2359 30123 Venezia Tel. 041 72 23 52 Cell. 340 38 12 734 Mail: giancarlo.paulon@gmail.com Nella foto: Paulon dopo

Dettagli

COMPOSIZIONE E FUNZIONAMENTO DEL MOTORE QUATTRO TEMPI(4-Stroke)

COMPOSIZIONE E FUNZIONAMENTO DEL MOTORE QUATTRO TEMPI(4-Stroke) COMPOSIZIONE E FUNZIONAMENTO DEL MOTORE QUATTRO TEMPI(4-Stroke) Salve a tutti. In questa recensione spiegherò la composizione e il funzionamento del motore a scoppio Quattro Tempi, in inglese 4-stroke.

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

Durante il restauro:

Durante il restauro: Dedico questo breve racconto alle mitiche Saab 900 ed anche un po a mio padre che ebbe la fortuna di comprarle quando erano nuove, lasciandomi un ricordo affettuoso che condivido con voi appassionati.

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE Maria Elena Ridolfi Regolazione emozionale: obiettivi COMPRENDERE LE EMOZIONI RIDURRE LA VULNERABILITA EMOZIONALE RIDURRE LA SOFFERENZA EMOZIONALE

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Il manuale è concentrato su questi articoli:

Il manuale è concentrato su questi articoli: Questo manuale è stato creato per aiutare i team leader e gli assistenti nel loro lavoro, dandoli una dritta specifica su alcuni dei loro doveri principali nel dirigere i propri gruppi di lavoro. La dirigenza

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

2. NUMERO DA INDOVINARE

2. NUMERO DA INDOVINARE 1. L ASINO DI TOBIA (Cat. 3) Tobia è andato in paese ed ha acquistato 6 sacchi di provviste. Li vuole trasportare con il suo asino fino alla sua casa sulla cima del monte. Ecco i sacchi di provviste sui

Dettagli

ATTENZIONE! SE VUOI CONTINUARE A BUTTARE INUTILMENTE I TUOI SOLDI NELLE BOLLETTE DI LUCE, ACQUA E GAS, NON LEGGERE QUESTA LETTERA

ATTENZIONE! SE VUOI CONTINUARE A BUTTARE INUTILMENTE I TUOI SOLDI NELLE BOLLETTE DI LUCE, ACQUA E GAS, NON LEGGERE QUESTA LETTERA ATTENZIONE! SE VUOI CONTINUARE A BUTTARE INUTILMENTE I TUOI SOLDI NELLE BOLLETTE DI LUCE, ACQUA E GAS, NON LEGGERE QUESTA LETTERA Ecco come un esperto termoidraulico con oltre 30 anni di esperienza ti

Dettagli

DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE

DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE di Daniela Morandi Prefazione di Barry Sears. Con la partecipazione di Claudio Belotti Copyright 2012 Good Mood ISBN 978-88-6277-409-3 Prefazione del dottor Barry

Dettagli

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Quali strade per il futuro? Il ruolo della regione nell ottica della devolution (*) Guido Della Frera Assessore

Dettagli

A- All inizio ho trovato delle difficoltà in banca per accedere ai crediti

A- All inizio ho trovato delle difficoltà in banca per accedere ai crediti INTERVISTA 8 I- Ha avuto qualche altra esperienza lavorativa prima di mettere in piedi questa attività A- Io ho 50 anni, ho iniziato a lavorare a 17 anni e per 10 anni ho lavorato in un impresa stradale,

Dettagli

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA.

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. TEST LIVELLO B1 QCE NOME COGNOME. CLASSE.. DATA.. COMPRENSIONE ORALE DETTATO. ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. 1.. Fabio e Barbara si incontrano A) alla stazione di Pisa. B) all aeroporto di

Dettagli

COME PARLARE DI CULTURA ONLINE

COME PARLARE DI CULTURA ONLINE Registro 6 COME PARLARE DI CULTURA ONLINE Consigli per gestire contenuti e pubblico creando un magazine di successo TIPS&TRICKS DI SIMONE SBARBATI INDEX 3 5 8 13 15 Introduzione Senza nome resta (sempre)

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli