NOVITA DICHIARATIVI FISCALI 2015 SOCIETA DI CAPITALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOVITA DICHIARATIVI FISCALI 2015 SOCIETA DI CAPITALI"

Transcript

1 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NOVITA DICHIARATIVI FISCALI 2015 SOCIETA DI CAPITALI GIOVE GIUSEPPE Commissione Di Diritto Tributario Nazionale Milano 15 aprile Corso Europa n. 15 1

2 UNITA 1 LE NOVITA DELL UNICO SC 2015 IN GENERALE 2

3 NOVITA NEL FRONTESPIZIO CON IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI (ART. 19 DLGS. N. 175/2014 ) E STATO ABROGATO IL COMMA 2 DELL ART. 4 DEL DPR 600/73, DI CONSEGUENZA : NON E PIU NECESSSARIO INDICARE I CAMPI RELATIVI ALLA SEDE LEGALE E AL DOMICILIO FISCALE DELLA SOCIETA OD ENTI ESTERE CON UNA STABILE ORGANIZZAZIONE IN ITALIA NON E PIU NECESSARIO INDICARE I DATI RELATIVI ALL INDIRIZZO ESTERO DEL RAPPRESENTANTE FIRMATARIO DELLA DICHIARAZIONE 3

4 NOVITA SEZIONE FIRMA DICHIARAZIONE E VISTO DI CONFORMITA NELLA SEZIONE FIRMA DELLA DICHIARAZIONE E PRESENTE LA NUOVA COLONNA «FIRMA PER ATTESTAZIONE» NELLA QUALE I SOGGETTI AI QUALI E ATTRIBUITO IL CONTROLLO CONTABILE E SOTTOSCRIVONO LA RELAZIONE DI REVISIONE, POSSONO APPORRE LA PROPRIA FIRMA PER CONSENTIRE L UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DI CREDITI > AD OVVERO IL RIMBORSO DEL CERDITO IVA > SENZA GARANZIA. E STATA ALTRESI PREVISTA UNA NUOVA CASELLA CHE VA COMPILATA QUALORA IL MODELLO SIA UTILIZZATO IN FORMA UNIFICATA, PER ATTESTARE A QUALE DICHIARAZIONE SI RIFERISCE IL VISTO DI CONFORMITA INDICANDO UNO DEI SUDDETTI CODICI («1», «2» O «3» A SECONDA CHE L ATTESTAZIONE SI RIFERISCA AI REDDITI, ALL IVA OVVERO AD ENTRAMBE) LA STESSA NOVITA E STATA INSERITA NELLA ZONA RISERVATA AL VISTO DI CONFORMITA, APPOSTO DAL PROFESSIONISTA NEL CASO DI DICHIARAZIONE UNIFICATA NEL QUALE INDICARE I PREDETTI CODICI («1», «2» O «3»). 4

5 NOVITA RILEVANTI QUADRO RS - ACE UNA TRA LE NOVITA PIU RILEVANTI DEL QUADRO RS RIGUARDA IL PROSPETTO PER LA DEDUZIONE PER CAPITALE INVESTITO PROPRIO - ACE, DISCIPLINA PREVISTA DALL ART. 1 DEL DL 201/2011. SONO STATE PREVISTE DUE NUOVE COLONNE NEL RIGO RS113: LA 3 ( INCREMENTO SOCIETÀ QUOTATA ), PER INDICARE L INCREMENTO DEL 40% DELLA VARIAZIONE IN AUMENTO DEL CAPITALE PROPRIO PREVISTO PER LE SOCIETÀ CON AZIONI QUOTATE IN MERCATI REGOLAMENTATI O IN SISTEMI MULTILATERALI DI NEGOZIAZIONE DI STATI MEMBRI DELLA UE O ADERENTI ALLO SEE (ARTICOLO 19, COMMA 1, LETTERA A), DL 91/2014); LA 14 ( ECCEDENZA TRASFORMATA IN CREDITO IRAP ), PER INDICARE L ECCEDENZA DI RENDIMENTO TRASFORMATO IN CREDITO D IMPOSTA IN DIMINUZIONE DELL IRAP (ARTICOLO 19, COMMA 1, LETTERA B), DL 91/2014). 5

6 NOVITA RILEVANTI - QUADRO OP IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI (ARTICOLO 16 DLGS 175/2014) HA PREVISTO UNA RAZIONALIZZAZIONE PER LE COMUNICAZIONI RELATIVE ALL ESERCIZIO DELLE OPZIONI PREVISTE NEI REGIMI DELLA «TRASPARENZA FISCALE», DEL «CONSOLIDATO» E DELLA «TONNAGE TAX». IL LEGISLATORE È INTERVENUTO CON L INTENTO DI INTRODURRE LE COMUNICAZIONI RELATIVE ALL ESERCIZIO DELLE OPZIONI NELLA DICHIARAZIONE UNICO SC 2015, MODIFICANDO GLI ARTICOLI E 155 TUIR. SONO TRE LE SEZIONI CHE COMPONGONO IL QUADRO OP: LA SEZIONE I PER LA TONNAGE TAX, LA II PER IL CONSOLIDATO E LA III PER LA TRASPARENZA FISCALE. CON LA COMPILAZIONE DI UNICO 2015, QUINDI, VIENE MENO L OBBLIGO DI PRESENTARE LA COMUNICAZIONE, PRIMA PREVISTA CON APPOSITI MODELLI. MUTANO ANCHE I TERMINI PER ESERCITARE L OPZIONE CHE, ADESSO, VA COMUNICATA ALL AGENZIA DELLE ENTRATE CON LA DICHIARAZIONE PRESENTATA NEL PERIODO D IMPOSTA A DECORRERE DAL QUALE SI INTENDE ESERCITARE L OPZIONE PER IL SINGOLO REGIME. PER IL PERIODO D IMPOSTA IN CORSO AL 31/12/2015 L OPZIONE PER IL CONSOLIDATO VA COMUICATA CON UNICO SC

7 UNITA 2 NOVITA ACE ED IRAP SC

8 NOVITA ACE L'articolo 1 del DL 201/2011 ha introdotto la possibilità di dedurre dal reddito complessivo netto il rendimento nozionale del nuovo capitale proprio (decreto attuativo 14 marzo 2012). Il rendimento nozionale è valutato, per il periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2014, mediante l'applicazione dell'aliquota del 4% (3% fino al 2013) alla variazione in aumento del suddetto capitale rispetto a quello esistente alla chiusura dell'esercizio in corso al 31 dicembre

9 NOVITA RILEVANTI - QUADRO RS ACE (ART. 19 DL 91/2014) LE NOVITÀ DEL PROSPETTO CONTENUTO NEL QUADRO RS SONO ESSENZIALMENTE DUE, AMBEDUE INTRODOTTE DALL'ARTICOLO 19 DEL DL 91/2014. LA PRIMA RIGUARDA LE SOCIETÀ LE CUI AZIONI SONO QUOTATE IN MERCATI REGOLAMENTATI. QUESTE SOCIETÀ POSSONO BENEFICIARE, PER IL PERIODO DI IMPOSTA DI AMMISSIONE AI PREDETTI MERCATI E PER I DUE SUCCESSIVI, DI UN INCREMENTO DEL 40% DELLA VARIAZIONE IN AUMENTO DEL CAPITALE PROPRIO RISPETTO A QUELLO ESISTENTE ALLA CHIUSURA DI CIASCUN ESERCIZIO PRECEDENTE. NELL'ESEMPIO CHE SEGUE L'IMPORTO DELL'INCREMENTO DERIVANTE DALLA NUOVA DISCIPLINA È INDICATO NELLA COLONNA 3 ED E PARI AD *40%=

10 NOVITA RILEVANTI QUADRO RS - ACE (APPROFONDIMENTO) NELL'ESEMPIO PRECEDENTE, DOPO AVER CALCOLATO IL RENDIMENTO NOZIONALE INDICATO IN COL. 8 (480) E UTILIZZATO OBBLIGATORIAMENTE PRIMA IN RIDUZIONE DEL REDDITO DI PERIODO NEL QUADRO RN, LA SOCIETÀ POTRÀ, DECIDERE COME UTILIZZARE QUESTA ECCEDENZA. SUPPONIAMO CHE NEL QUADRO RN IL REDDITO DI PERIODO SIA PARI A ZERO E IL RENDIMENTO MATURATO INDICATO IN COL.13 SIA TUTTO DISPONIBILE (480): IN TAL CASO SI PUÒ DECIDERE DI TRASFORMARLO IN TUTTO O IN PARTE IN CREDITO D'IMPOSTA IRAP (COLONNA 14). LA SOCIETÀ POTRÀ ALTRESI DECIDERE DI RIPORTARE IN AVANTI (COL. 15) L'IMPORTO DEL RENDIMENTO NOZIONALE (COL. 13) CHE NON È STATO POSSIBILE UTILIZZARE IN DEDUZIONE DAL REDDITO COMPLESSIVO NETTO DICHIARATO NEL QUADRO RN, AL NETTO DELL'ECCEDENZA TRASFORMATA IN CREDITO D'IMPOSTA (COLONNA 14), PER COMPUTARLO IN AUMENTO DELL'IMPORTO DEDUCIBILE DAL REDDITO DEI PERIODI D'IMPOSTA SUCCESSIVI. 10

11 ECCEDENZA ACE TRASFORMATA IN CREDITO IRAP L eccedenza ACE non utilizzata per incapienza del reddito complessivo può quindi essere trasformata in un credito d imposta, quantificato applicando alla stessa: il 27,5% per l Ires; le aliquote per scaglioni per l Irpef. il credito d imposta in esame: va ripartito in 5 quote annuali di pari importo; va utilizzato in compensazione dell Irap. Nell esempio precedente l importo del credito d imposta ACE da utilizzare in compensazione dell IRAP è pari a: 400*27,5%=110 E deve essere utilizzato in 5 quote annuali di pari importo: pari ad 22 (110/5) da indicare al rigo IR 22. Mentre la ripartizione dell eccedenza va gestita da ripartire in 5 esercizi va gestita al quadro IS (righi IS85-86). 11

12 ALTRE NOVITA DICHIARAZIONE IRAP 2015 È prevista la deduzione, fino a 15mila euro per dipendente, del costo sostenuto in caso di assunzioni a tempo indeterminato che vanno a incrementare la base occupazionale. L agevolazione vale per il periodo d imposta in cui è avvenuta l assunzione e per i due successivi. Aumenta la deduzione forfetaria per ogni dipendente a tempo indeterminato. Lo sconto base passa da a euro ovvero, per le donne e i lavoratori con meno di 35 anni, da a euro. La deduzione maggiorata per le assunzioni nel sud Italia è incrementata da euro a 15mila euro (per donne e lavoratori under 35, si sale da a 21mila euro). Ritocco all insù anche per la deduzione forfetaria graduata in funzione della base imponibile che ora, quando questa non supera 181 mila euro, spetta nella misura di 8mila euro (prima era di euro). 12

13 DEDUZIONI IRAP 2015 ESEMPIO Esempio: Un impresa i cui componenti positivi della produzione Irap sono pari a , presenta per i propri dipendenti i seguenti dati: Deduzioni Irap per ciascun dipendente Dip Tipo rapporto gg RetribuzL orda Contributi prev. INAIL Deduz. forf Contrib. Previd. Apprend. Disabili e CFL A indeterminato Deduz B* indeterminato * C Disabile D determinato Totale deduzioni Righi nei quali indicare le deduzioni nel quadro Is IS1 IS2 IS3 IS4 IS5 * Dipendente donna *13.500x120/365 13

14 DEDUZIONI IRAP SC 2015 ESEMPIO 14

15 UNITA 3 BONUS INVESTIMENTI E MACCHINARI 15

16 QUADRO RU BONUS INVESTIMENTI E MACCHINARI E UN CREDITO D IMPOSTA CHE COMPETE AI SOLI TITOLARI DI REDDITO D IMPRESA CHE ABBIANO EFFETTUATO INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI NUOVI APPARTENENTI ALLA DIV. ATECO 28 DI VALORE UNITARIO > REALIZZATI NEL PERIODO DAL 25/06/2014 AL 30/06/2015 IN PRESENZA DI UN ECCEDENZA MEDIA AGLI INVESTIMENTI REALIZZATI NEI 5 ESERCIZI PRECEDENTI 16

17 DETERMINAZIONE CREDITO D IMPOSTA CIRC. 5/2015 FASE I SI DEVE VERIFICARE CHE IL BENE OGGETTO DI INVESTIMENTO SIA UN BENE STRUMENTALE «NUOVO» E CHE SIA DI IMPORTO UNITARIO >= IL LIMITE SI RIFERISCE AL PROGETTO DI INVESTIMENTO E NON AL SINGOLO BENE. FASE II SI DEVE PROCEDERE ALL ESAME TEMPORALE DEGLI INVESTIMENTI CHE PER IL MODELLO UNICO 2015 SI RIFERISCE A QUELLI EFFETTUATI DAL 25/06 AL 31/12/2014. FASE III SI DEVE CALCOLARE LA MEDIA DEGLI INVESTIMENTI NEI 5 ESERCIZI PRECEDENTI CON POSSIBILITA DI ESCLUDERE QUELLO NEL QUALE L INVESTIMENTO E STATO MAGGIORE FASE IV SI DEVE DETERMINARE IL CREDITO D IMPOSTA PARI AL 15% SULL ECCEDENZA DEGLI INVESTIMENTI VIRTUOSI. TALE CREDITO POTRA ESSERE FRUITO DAL SECONDO ANNO SUCCESSIVO A QUELLO DI INVESTIMENTO. 17

18 BONUS INVESTIMENTI CHIARIMENTI CIRC. N. 5/2015 I BENI AGEVOLABILI DEVONO ESSERE STRUMENTALI RISPETTO ALL ATTIVITA E RELATIVI A STRUTTURE PRODUTTIVE UBICATE IN ITALIA. L AGEVOLAZIONE SPETTA PER L ACQUISTO DI BENI DA TERZI, PER LA REALIZZAZIONE DEGLI STESSI IN ECONOMIA O MEDIANTE CONTRATTO DI APPALTO O IN LOCAZIONE FINANZIARIA IL CREDITO D IMPOSTA VA RIPARTITO ED UTILIZZATO IN TRE QUOTE ANNUALI DI PARI IMPORTO, TALE CREDITO VA UTILIZZATO A SCOMPUTO DEI VERSAMENTI DOVUTI E DA EFFETTUARSI MEDIANTE MODELLO DI PAGAMENTO F24. L UTILIZZO DEL CREDITO D IMPOSTA (POSSIBILE DAL 2016) NON E SOGGETTO ALLO SPECIFICO LIMITE DI , NON VA CONTEGGIATO AI FINI DEL LIMITE ANNUALE DELLA COMPENSAZIONE DI E NON INCONTRA IL DIVIETO DI COMPENSAZIONE DI CREDITI ERARIALI IN PRESENZA DI SOMME ISCRITTE A RUOLO E SCADUTE>

19 COMPILAZIONE DEL QUADRO RU PER LA FRUIZIONE DEL BONUS BONUS INVESTIMENTI CONVERGE NELLA 1 SEZIONE DEL QUADRO RU DEL MODELLO UNICO 2015 SC. IL BONUS SI IDENTIFICA CON IL CODICE A9. AL RIGO RU1 COL.1 - NEL QUALE INDICARE PER PROMEMORIA ANCHE LA DESCRIZIONE. IL QUADRO VERRÀ COMPILATO POI NELLA COLONNA 3 DEL RIGO RU5 (CREDITO D IMPOSTA SPETTANTE NEL PERIODO), INDICANDO L AMMONTARE COMPLESSIVO DEL CREDITO MATURATO NEL 2014 EX ARTICOLO 18 DEL D. L. N. 91/2014 INFINE, L IMPORTO DEVE ESSERE RIPORTATO NEL RIGO RU12 (CREDITO D IMPOSTA RESIDUO DA RIPORTARE NELLA SUCCESSIVA DICHIARAZIONE), IN QUANTO IL BONUS MATURATO NEL 2014 POTRÀ ESSERE UTILIZZATO IN COMPENSAZIONE SOLO DAL

20 COMPILAZIONE DEL QUADRO RU La societa Alfa srl in attivita da piu di 5 anni presenta i seguenti dati: In tal caso il quadro RU verrà così di seguito compilato: 20

21 UNITA 4 QUADRO RF E INCENTIVI FISCALI 21

22 NOVITA QUADRO RF AL RIGO F10 si evidenzia che: per la determinazione del reddito degli immobili patrimonio, il reddito agrario e dominicale dei terreni (già rivalutato, rispettivamente, del 70% e 80%) va ulteriormente rivalutato del 15%; i canoni di leasing dei contratti stipulati dall possono essere dedotti dall impresa utilizzatrice per un periodo non inferiore a: Metà del periodo di ammortamento per la generalità dei beni 12 anni per i contratti aventi ad oggetto beni immobili Intero periodo d ammortamento per i veicoli ex art TUIR RIGHI RF 16 ED RF 55 (COD.38) l IMU relativa gli immobili strumentali versata nel 2014 è deducibile dal reddito d impresa nella misura del 20% (in luogo del 30% riconosciuto per il 2013). 22

23 BENI MOBILI IN LEASING (INCLUSO AUTO ASSEGNATE AI DIPENDENTI) Ai sensi del nuovo art. 102 co.7 TUIR per i contratti stipulati a partire dal , se la durata del contratto è pari o superiore a quella minima fiscalmente prevista, i canoni sono deducibili per l ammontare imputato a Conto economico; inferiore a quella minima fiscalmente prevista, i canoni sono deducibili in un periodo superiore rispetto a quello di imputazione a Conto economico. N.B.: IN TAL CASO, IL DISALLINEAMENTO TRA VALORI CIVILI E FISCALI DOVRÀ ESSERE GESTITO TRAMITE LE VARIAZIONI IN AUMENTO / DIMINUZIONE NEL MOD. UNICO. Esempio LA CIRC. N. 10/2014 HA CONFERMATO LA DEDUCIBILITÀ DEI CANONI DI LEASING A PRESCINDERE DALLA DURATA DEL CONTRATTO MEDIANTE L UTILIZZO DEL DOPPIO BINARIO CIVILISTICO/FISCALE L la Alfa Srl ha stipulato un contratto di leasing della durata di 60 mesi, ad un canone mensile di 1.200, relativamente ad un impianto il cui coefficiente di ammortamento è pari al 20%. Considerato che il periodo d ammortamento del bene è pari a 5 anni (60 mesi), la spesa relativa ai canoni è deducibile in un periodo di almeno 30 mesi (60 / 2). NB: rientrano nella nozione di beni mobili anche le auto assegnate ai dipendenti 23

24 NOVITA QUADRO RF RIGHI RF 41 E 42 CON RIFERIMENTO AGLI ENTI CREDITIZI / FINANZIARI E ALLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE, SI SEGNALA CHE A SEGUITO DELLA MODIFICA, A DECORRERE DAL 01/01/2014, AI RISPETTIVI ARTICOLI 106 CO.3 TUIR E 111 CO.3 DEL TUIR : AL RIGO RF41 QUOTE DELLE SVALUTAZIONI E DELLE PERDITE SU CREDITI È ORA RICHIESTA L INDICAZIONE SEPARATA DELLE SVALUTAZIONI ANTE 2013 E DELLE SVALUTAZIONI/PERDITE PREGRESSE ; AL RIGO RF42 VARIAZIONE RISERVA SINISTRI E RAMO VITA L INDICAZIONE DELLE QUOTE DEDUCIBILI RISERVA SINISTRI È ORA RICHIESTA CON EVIDENZA DELL IMPORTO RELATIVO AL PRESENTE PERIODO E QUELLO RELATIVO A PERIODI PRECEDENTI 24

25 SPESE PER RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA LA DETRAZIONE IN OGGETTO E STATA CONFERMATA PER LE SPESE SOSTENUTE DAL FINO A TUTTO IL AL 65%. DAL 2016 LA DETRAZIONE SCENDE AL 36% LA LEGGE DI STABILITA 2015 HA ALTRESI PREVISTO, SOLO PER L ANNO 2015, L ESTENSIONE DELL AGEVOLAZIONE AD ALTRI DUE TIPI DI INTERVENTI: SPESE DOCUMENTATE PER ACQUISTO E POSA IN OPERA DI SCHERMATURE SOLARI SPESE DOCUMENTATE PER ACQUISTO E POSA IN OPERA DI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE CON IMPIANTI DOTATI DI GENERATORI DI CALORE ALIMENTATI DA BIOMASSE COMBUSTIBILI. 25

26 DETRAZIONE PER RISPARMIO ENERGETICO INTERVENTI AGEVOLABILI CONTINUANO INVECE AD ESSERE DISTINTE LE SPESE SOSTENUTE FINO AL 5 GIUGNO 2013 (ES. COL. RS83); INFATTI IN QUESTO CASO OCCORRERÀ BARRARE LA COLONNA 2 DEI RIGHI DEL PROSPETTO, POICHÉ PER LE SPESE SOSTENUTE FINO A TALE DATA LA DETRAZIONE SPETTAVA NELLA MISURA DEL 55%. INFINE NEL CASO VI SIANO PIU SOGGETTI AVENTI DIRITTO ALLA DETRAZIONE ( ES. CONDOMINIO) SONO STATE PREVISTE DUE COLONNE RISPETTO ALL UNICO 2014: UNA DOVE INDICARE L IMPORTO TOTALE DELLA SPESA SOSTENUTA DAL CONDOMINIO (COL.3); L ALTRA PER INDICARE L IMPORTO DELLE SPESE SOSTENUTE DAL SINGOLO CONDOMINO PER CIASCUNA AGEVOLAZIONE. 26

27 UNITA 5 EXIT TAX E INVESTIMENTI IN START UP 27

28 EXIT TAX QUADRO TR UNICO 2015 COME PREVISTO DALL ART. 166 TUIR E DAI DECRETI MEF DEL 2/08/2013 E 2/07/2014, IL TRASFERIMENTO ALL ESTERO, CON PERDITA DELLA RESIDENZA FISCALE DI UNA SOCIETA DI CAPITALI, COSTITUISCE REALIZZO, AL VALORE NORMALE DEI COMPONENTI D AZIENDA O DEL COMPLESSO AZIENDALE CHE NON SIANO CONFLUITI IN UNA C STABILE ORGANIZZAZIONE SITUATA NEL TERRITORIO DELLO STATO. IL DECRETO DEL MEF DEL 2/07/2014 SI APPLICA AI PERIODI D IMPOSTA SUCCESSIVI AL E PERMETTE ALLE IMPRESE CHE TRASFERISCONO LA RESIDENZA IN ALTRI STATI UE O DELLO SPAZIO ECONOMICO EUROPEO, IN ALTERNATIVA AL VERSAMENTO NEI TERMINI ORDINARI DELL IMPOSTA DOVUTA SULLA PLUSVALENZA, DI: 1)SOSPENDERE IL VERSAMENTO DELL IMPOSTA DOVUTA SULLA PLUSVALENZA UNITARIAMENTE DETERMINATA; 2) VERSARE IN MODO RATEALE L IMPOSTA DOVUTA SULLA PLUSVALENZA. IL PROVVEDIMENTO DEL 10/07 SCORSO HA PREVISTO, PER I PERIODI D IMPOSTA SUCCESSIVI A QUELLO DI ESERCIZIO DELL OPZIONE PER LA SOSPENSIONE DELL IMPOSTA, LA PRESENTAZIONE ANNUALE DI UN PROSPETTO DI MONITORAGGIO, CONTENUTO NEL QUADRO TR DI UNICO

29 EXIT TAX COMPILAZIONE DEL QUADRO TR E NECESSARIO INDICARE NEL RIGO TR4: 1) L IMPORTO DELLA PLUSVALENZA ANCORA SOSPESA (COL.4); 2)L AMMONTARE DELL IMPOSTA ANCORA DOVUTA (COL.7); 3) IL PATRIMONIO NETTO RISULTANTE DALL ULTIMO BILANCIO (COL.2). LA DICHIARAZIONE VA PRESENTATA ANCHE QUALORA NON SIA DOVUTA ALCUNA IMPOSTA, INDICANDO L AMMONTARE DI QUELLA ANCORA SOSPESA. IL PROVVEDIMENTO HA PREVISTO, INOLTRE, CHE, IN CASO DI OPERAZIONE STRAORDINARIE EFFETUATE SUCCESSIVAMENTE AL TRASFERIMENTO DI RESIDENZA, GLI OBBLIGHI DI MONITORAGGIO RICADONO SULL INCORPORANTE, SULLA SOCIETA RISULTANTE DALLA FUSIONE, SULLA BENEFICIARIA DELLA SCISSIONE O SUL CONFERITARIO. A QUESTI FINI E STATA PREDISPOSTA L ESPOSIZIONE DEI DATI NECESSARI PER EFFETTUARE GLI ADEMPIMENTI NEI RIGHI TRA TR 5 E TR6. 29

30 INVESTIMENTI IN START UP INNOVATIVE ALTRA NOVITA E CONTENUTA NEL PROSPETTO DEL QUADRO RS DEDICATO AGLI INVESTIMENTI EFFETTUATI NELLE START UP INNOVATIVE. INFATTI, IL DL 179/2012 HA INTRODOTTO UNA DEDUZIONE, PARI AL 20% (27% PER START-UP A VOCAZIONE SOCIALE) DEI CONFERIMENTI RILEVANTI EFFETTUATI IN START UP FINO AD UN IMPORTO MAX DI 1,8 MLN (PER APPROFONDIMENTI SU START- UP SI VEDA CIRC. N. 16/2014). LE MODIFICHE RIGUARDANO I CAMPI PER IL MONITORAGGIO DELLE ECCEDENZE RELATIVE ALL AGEVOLAZIONE. INFATTI, DOPO AVER CALCOLATO NEI CAMPI DA RS 160 A RS 164 L AMMONTARE DELLA DEDUZIONE, L AMMONTARE CALCOLATO (RIGO RS 164) E UTILIZZATO A SCOMPUTO DELLA BASE IMPONIBILE DI PERIODO. LA DISCIPLINA PREVEDE CHE L IMPORTO NON UTILIZZATO IN ABBATTIMENTO, CHE ECCEDE IL REDDITO, POTRA ESSERE RIPORTATO IN AVANTI NON OLTRE IL TERZO ESERCIZIO. NELL ESEMPIO CHE SEGUE L AMMONTARE DEDUCIBILE DI PERIODO (12.000) VA A SOMMARSI ALL ECCEDENZA PRECEDENTE NON UTILIZZATA (1.000). TALE IMPORTO SARA SPESO NEL QUADRO RN IN RIDUZIONE DELLA BASE IMPONIBILE. L EVENTUALE ECCEDENZA SARA RIPORTATA NUOVAMENTE NEL QUADRO RS 30

31 INVESTIMENTI IN START UP INNOVATIVE (CONTINUA) SUPPONENDO UN REDDITO PARI A NEL QUADRO RN E UNA DISPONIBILITA TOTALE DI DEDUZIONE COME SOPRA PARI A , AVREMO UN ECCEDENZA DI DEDUZIONE RIPORTABILE IN AVANTI PARI A IN QUESTA IPOTESI, L AMMMONTARE PIU VECCHIO PARI A E UTILIZZATO CON PRECEDENZA RISPETTO ALL AMMONTARE DI PERIODO. 31

Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Circolare 8 del 3 marzo 2015 Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari del credito d imposta... 2 3 Ambito oggettivo di applicazione...

Dettagli

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 11/2015

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 11/2015 Como, 3.3.2015 INFORMATIVA N. 11/2015 Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi INDICE 1 Premessa... pag. 2 2 Soggetti beneficiari del credito d imposta... pag. 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC INFORMATIVA N. 081 25 MARZO 2013 DICHIARAZIONI LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC Istruzioni mod. UNICO 2013 SC Nel mod. UNICO 2013 SC sono presenti alcune novità connesse con l operatività di una serie

Dettagli

Circolare n. 5/2015 Ai Sigg. Clienti Loro Sedi ------------------- Credito di imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Circolare n. 5/2015 Ai Sigg. Clienti Loro Sedi ------------------- Credito di imposta per investimenti in beni strumentali nuovi -------------------------------------- Via C. Colombo, 436 00145 ROMA Tel. 06/5416800 06/5416801 Fax 06/59601838 Mail: info@studiosantececchi.it PEC : studiosantececchi@legalmail.it --------------------------------------

Dettagli

Deducibilità dei canoni di leasing

Deducibilità dei canoni di leasing Circolare Monografica 11 giugno 2014 n. 1989 DICHIARAZIONI Deducibilità dei canoni di leasing Modifiche normative e gestione in UNICO 2014 di Marianna Annicchiarico, Giuseppe Mercurio La Legge 27 dicembre

Dettagli

Fiscal News N. 170. Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC. La circolare di aggiornamento professionale 20.06.2014

Fiscal News N. 170. Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC. La circolare di aggiornamento professionale 20.06.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 170 20.06.2014 Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC Tra le novità ospitate dal quadro RS del Modello Unico SC vi è l agevolazione per le

Dettagli

Prospetto per deduzioni e detrazioni da start-up nell UNICO 2014 Antonio Mastroberti - Esperto fiscale

Prospetto per deduzioni e detrazioni da start-up nell UNICO 2014 Antonio Mastroberti - Esperto fiscale Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. MODELLO UNICO 2014 Prospetto per deduzioni e detrazioni da start-up nell UNICO 2014 Antonio Mastroberti - Esperto fiscale NOVITA " RIFERIMENTI "

Dettagli

Unico 2015: calcolo IRES - IRAP per le società di capitali

Unico 2015: calcolo IRES - IRAP per le società di capitali Unico 2015: calcolo IRES - IRAP per le società di capitali di Maria Vittoria Pegoli Il software Calcolo Imposte da unico 2015 consente di determinare l ammontare delle imposte IRAP ed IRES, da accantonare

Dettagli

UNICO 2015 SOCIETÀ DI CAPITALI SOCIETÀ DI PERSONE ED ENTI NON COMMERCIALI: NOVITÀ

UNICO 2015 SOCIETÀ DI CAPITALI SOCIETÀ DI PERSONE ED ENTI NON COMMERCIALI: NOVITÀ STUDIO PASSARELLI Rag. Adriano Commercialista - Revisore Contabile Tributi Lavoro - Società Circolare informativa per la clientela del 30 aprile 2015 UNICO 2015 SOCIETÀ DI CAPITALI SOCIETÀ DI PERSONE ED

Dettagli

Unico 2012. di Giorgio Gavelli. Studio Sirri-Gavelli-Zavatta & Associati

Unico 2012. di Giorgio Gavelli. Studio Sirri-Gavelli-Zavatta & Associati Unico 2012 di Giorgio Gavelli Studio Sirri-Gavelli-Zavatta & Associati Le novità del modello Unico 2012 Il frontespizio Dichiarazione integrativa Inserita casella «Dichiarazione integrativa (art. 2, comma

Dettagli

Dentro la Notizia. 28 Giugno 2013

Dentro la Notizia. 28 Giugno 2013 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 90/2013 GIUGNO/14/2013 (*) 28 Giugno 2013 NELLA COMPILAZIONE DEL MODELLO

Dettagli

QUADRO RS - Prospetti vari

QUADRO RS - Prospetti vari QUADRO - Prospetti vari Il presente quadro rappresenta un completamento del quadro RF; esso raggruppa, infatti, una serie di prospetti che risultano complementari ai dati relativi al reddito in esso indicati.

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

SOMMARIO CAPITOLO 1 PREMESSA CAPITOLO 2 REDDITO D IMPRESA

SOMMARIO CAPITOLO 1 PREMESSA CAPITOLO 2 REDDITO D IMPRESA SOMMARIO CAPITOLO 1 PREMESSA 1.1 Principali novità fiscali della Legge di Stabilità 2014 CAPITOLO 2 REDDITO D IMPRESA 2.1 Novità in materia di deduzioni 2.2.1 Presupposto soggettivo 2.2.2 Misura dell agevolazione

Dettagli

La dichiarazione Unico 2014 per gli enti e le società. Roma, 18 marzo 2014

La dichiarazione Unico 2014 per gli enti e le società. Roma, 18 marzo 2014 La dichiarazione Unico 2014 per gli enti e le società Roma, 18 marzo 2014 La start-up innovativa Decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179 (legge 17 dicembre 2012, n. 221, artt. 25-32) Favorire la nascita,

Dettagli

Unico 2014 novità reddito d impresa e lavoro autonomo. Il punto sulle società non operative. Francesco Scuderi Pierangela Maugeri

Unico 2014 novità reddito d impresa e lavoro autonomo. Il punto sulle società non operative. Francesco Scuderi Pierangela Maugeri Unico 2014 novità reddito d impresa e lavoro autonomo. Il punto sulle società non operative Francesco Scuderi Pierangela Maugeri Con il provvedimento 31.1.2014 pubblicato sul sito internet dell Agenzia

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

Studio Rosina e Associati

Studio Rosina e Associati FULVIO ROSINA (1931 2014) DANIELA ROSINA ANT ANTONIO ROSINA GIOVANNI TRAVERSO MAURIZIO CIVARDI FRANCESCO PITTIGLIO 16121 GENOVA SIMONETTA MANFREDINI PIAZZA VERDI 4/8 STEFANO LUPINI TEL. 010542966 MASSIMO

Dettagli

CIRCOLARE TEMATICA CREDITO D IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI NUOVI

CIRCOLARE TEMATICA CREDITO D IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI NUOVI Avv. GIORGIO ASCHIERI* Rag. Comm. SIMONETTA BISSOLI* Dott. Comm. MARCO GHELLI* Dott. Comm. ALBERTO MION* Dott. Comm. ALBERTO RIGHINI* Avv. ANTONIO RIGHINI* Dott. MONICA SECCO* Avv. ORNELLA BERTOLAZZI Avv.

Dettagli

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2014 dell Ufficio

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 12 06.05.2014 Riporto delle perdite fiscali Disciplina Ires Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico Società di capitali Ai fini Ires

Dettagli

Bonus investimenti per le imprese e cumulabilità con altre agevolazioni fiscali

Bonus investimenti per le imprese e cumulabilità con altre agevolazioni fiscali S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Bonus investimenti per le imprese e cumulabilità con altre agevolazioni fiscali FLAVIO BRENNA 18 dicembre 2014 Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore

730, Unico 2015 e Studi di settore 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 41 14.05.2015 Le detrazioni per investimenti in start-up innovative L ipotesi di decadenza dall agevolazione Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

Modello UNICO SOCIETA DI CAPITALI: modalità di compilazione del quadro TN

Modello UNICO SOCIETA DI CAPITALI: modalità di compilazione del quadro TN Stampa Modello UNICO SOCIETA DI CAPITALI: modalità di compilazione del quadro TN admin in Quadro normativo - L art. 115, co. 1, del D.P.R. 917/1986 é relativo all opzione per il regime della trasparenza

Dettagli

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici CIRCOLARE gennaio 2014: La Legge di Stabilità e le altre novità fiscali Vi riepiloghiamo le principali e più rilevanti novità introdotte in materia fiscale dalla Legge 27.12.2013 n 147 (Legge di Stabilità

Dettagli

Modello730/2014: analisi delle principali novità

Modello730/2014: analisi delle principali novità A cura di Celeste Vivenzi Modello730/2014: analisi delle principali novità Premessa generale E' stato approvato dall'agenzia delle Entrate con un provvedimento del 15 gennaio 2014 il nuovo Modello 730

Dettagli

Semplificazione in UNICO 2015: frontespizio, visto e opzioni Antonio Mastroberti - Esperto fiscale

Semplificazione in UNICO 2015: frontespizio, visto e opzioni Antonio Mastroberti - Esperto fiscale Semplificazione in UNICO 2015: frontespizio, visto e opzioni Antonio Mastroberti - Esperto fiscale NOVITÀ " FISCO L Agenzia delle Entrate ha approvato i modelli da utilizzare per dichiarare i redditi relativi

Dettagli

Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso. (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014)

Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso. (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014) N. 195 del 10.07.2014 La Memory A cura di Riccardo Malvestiti Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014) Con il DL n. 91 del 24.06.2014 pubblicato

Dettagli

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni E INTRODOTTO IL REGIME FISCALE AGEVOLATO RISERVATO AI

Dettagli

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 CATEGORIE DI REDDITO DETERMINAZIONE DEL REDDITO SCADENZA COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI Il Quadro RN è utilizzato ai fini del calcolo

Dettagli

Fiscal News N. 186. Bonus investimenti. La circolare di aggiornamento professionale 10.07.2014

Fiscal News N. 186. Bonus investimenti. La circolare di aggiornamento professionale 10.07.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 186 10.07.2014 Bonus investimenti Investimenti da effettuare nel periodo 25.06.2014 30.06.2015 Categoria: Agevolazioni Sottocategoria: Varie L

Dettagli

Modello 730/2015 novità

Modello 730/2015 novità Modello 730/2015 novità Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 24/03/2015 1 Principali riferimenti normativi Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle

Dettagli

UNICO 2012 REDDITO D IMPRESA

UNICO 2012 REDDITO D IMPRESA UNICO 2012 REDDITO D IMPRESA Gioacchino Pantoni Claudio Sabbatini Via Roma, 276 Martinsicuro (TE) UNICO 2012 - REDDITO D'IMPRESA - Ascoli Piceno 8 Giugno 2012 1 Sommario Via Roma, 276 Martinsicuro (TE)

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti:

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: CIRCOLARE N. 05 DEL 02/02/2016 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: MAXI-AMMORTAMENTI PER I BENI STRUMENTALI NUOVI ACQUISTATI NEL PERIODO 15.10.2015-31.12.2016 PAG. 2 IN SINTESI:

Dettagli

Art-Bonus Credito d imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura

Art-Bonus Credito d imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura Art-Bonus Credito d imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura 1 PREMESSA L art. 1 del DL 31.5.2014 n. 83, entrato in vigore l 1.6.2014 e convertito nella L. 29.7.2014 n. 106, ha introdotto

Dettagli

MODELLO UNICO 2013 SOCIETÀ DI PERSONE

MODELLO UNICO 2013 SOCIETÀ DI PERSONE aprile MODELLO UNICO 2013 SOCIETÀ DI PERSONE Principali novità A cura di Roberta Braga Dottore commercialista in Mantova. Indice 1. Premessa 2. Novità in tema di reddito di impresa e/o di lavoro autonomo

Dettagli

FOCUS MENSILE FISCALITA IL CREDITO D IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI NUOVI

FOCUS MENSILE FISCALITA IL CREDITO D IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI NUOVI 20 MARZO 1 FOCUS MENSILE FISCALITA IL CREDITO D IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI NUOVI Esame dell agevolazione alla luce anche dei chiarimenti contenuti nella circolare dell Agenzia delle Entrate

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni. studi di settore: cause di esclusione

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni. studi di settore: cause di esclusione PERIODO D IMPOSTA 0 0 REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni Rientro lavoratrici/lavoratori RE Codice attività studi di settore: cause di esclusione

Dettagli

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani 1 Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani Scuola Superiore Economia e

Dettagli

Il modello Unico 2014

Il modello Unico 2014 Il modello Unico 2014 Novità ed esempi di compilazione Giorgio Gavelli Aprile 2014 Le novità 3 Visto di conformità per crediti da imposte dirette La legge di stabilità del 2014 ha previsto che, a partire

Dettagli

Il prospetto degli interessi passivi in Unico SC 2012

Il prospetto degli interessi passivi in Unico SC 2012 Focus di pratica professionale di Francesco Facchini Il prospetto degli interessi passivi in Unico SC 2012 Nel modello Unico Società di Capitali 2012 devono essere indicati i dati relativi al calcolo degli

Dettagli

NUOVA DISCIPLINA DEL RIPORTO DELLE PERDITE

NUOVA DISCIPLINA DEL RIPORTO DELLE PERDITE 1 NUOVA DISCIPLINA DEL RIPORTO DELLE PERDITE 2 Decreto legge n. 98/2011 ARTICOLO 23, COMMA 9 DEL DECRETO LEGGE N. 98/2011 HA MODIFICATO LE MODALITA DEL RIPORTO DELLE PERDITE DISCIPLINATA DALL ARTICOLO

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRES ANNO D IMPOSTA 2012

DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRES ANNO D IMPOSTA 2012 DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRES ANNO D IMPOSTA 2012 Società di capitali Enti non commerciali IRES Società di capitali Di seguito è riportata la definizione e la modalità di calcolo delle singole variabili

Dettagli

LA LEGGE DI STABILITA 2014

LA LEGGE DI STABILITA 2014 Numero circolare 1 Data 20/01/2014 LA LEGGE DI STABILITA 2014 Abstract: Rif.to normativo: Recentemente è stata pubblicata sulla G.U. la Finanziaria 2014, c.d. Legge di stabilità 2014, che tra le principali

Dettagli

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI Anno IV, n. 1 GENNAIO 2014 I N D I C E LEGGE DI STABILITà n. 147/2013... 3 Canoni di locazione Immobili abitativi... 3 Aumento detrazione Irpef lavoro dipendente...

Dettagli

Credito d imposta per attività di ricerca e sviluppo - Provvedimento attuativo

Credito d imposta per attività di ricerca e sviluppo - Provvedimento attuativo A G E V O L A Z I O N I F I S C A L I Credito d imposta per attività di ricerca e sviluppo - Provvedimento attuativo 31 LUGLIO 20151 1 PREMESSA Con il DM 27.5.2015, pubblicato sulla G.U. 29.7.2015 n. 174,

Dettagli

DL n. 91 del 24.06.2014 entrato in vigore dal 25 giugno

DL n. 91 del 24.06.2014 entrato in vigore dal 25 giugno Con il DL n. 91 del 24.06.2014 pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.144 del 24 giugno 2014 ed entrato in vigore dal 25 giugno è stata prevista un agevolazione per i soggetti che effettuano investimenti in

Dettagli

UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF

UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF Seminario LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DELLE SOCIETÀ Arezzo 20 maggio 2008 Firenze 22 maggio 2008 Pisa 28 maggio 2008 UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF Dott. Fabio Giommoni Le novità della dichiarazione

Dettagli

RIPRODUZIONE VIETATA

RIPRODUZIONE VIETATA AVVOCATI E COMMERCIALISTI ASSOCIATI Bari Bologna Brescia Firenze Lecco Milano Padova Roma Torino http://www.lslex.com Circolare Decreto Competitività Data: 3 luglio 2014 Indice Decreto Competitività (D.L.

Dettagli

Novità software Unico 2015

Novità software Unico 2015 Novità software Unico 2015 Elenco argomenti : Trasferimento valori contabili Alcune precisazioni operative Gestioni IVS Gestione Cooperative Gestione ZFU Ricalcolo rate non stampate Gestione manuale quadro

Dettagli

LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE

LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE INFORMATIVA N. 094 09 APRILE 2013 IMPOSTE DIRETTE LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE Art. 102, comma 6, TUIR Art. 3, comma 16-quater, DL n. 16/2012 Dal 2012 ai fini

Dettagli

Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento

Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento FINANZIARE IN MODO EQUILIBRATO LA CRESCITA Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento slide 1 FINANZIAMENTO CREDITO BANCARIO FINANZIAMENTO SOCI LEASING CAMBIALI FINANZIARIE PRESTITI

Dettagli

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Filodiritto.it Premessa La disciplina fiscale del leasing finanziario ha visto, nel tempo, importanti variazioni

Dettagli

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE a cura di Diego Cigna Direzione Regionale dell Emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Fiscalità delle Imprese e Finanziaria LA RIVALUTAZIONE DEGLI

Dettagli

L ACQUISTO AUTONOMO DELL AREA NEL LEASING IMMOBILIARE

L ACQUISTO AUTONOMO DELL AREA NEL LEASING IMMOBILIARE L ACQUISTO AUTONOMO DELL AREA NEL LEASING IMMOBILIARE - a cura dello studio Tributario Gigliotti & Associati - Se il terreno viene acquistato autonomamente, e successivamente la società di leasing procede

Dettagli

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO Ai sensi dell art. 2 del D.Lgs. 446/97 il presupposto dell'irap e' costituito

Dettagli

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL 2012

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL 2012 INFORMATIVA N. 082 26 MARZO 2013 IMPOSTE DIRETTE LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL Art. 6, DL n. 185/2008 Art. 2, comma 1, DL n. 201/2011 Istruzioni mod. UNICO 2013 Nel mod. UNICO 2013 le imprese / lavoratori

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

La dichiarazione dei redditi 2014, relativa al periodo d imposta 2013

La dichiarazione dei redditi 2014, relativa al periodo d imposta 2013 La dichiarazione dei redditi 2014, relativa al periodo d imposta 2013 Modello 730: provvedimento di approvazione del 15 gennaio 2014; provvedimento di modifica del 10 marzo 2014. Modello UNICO Persone

Dettagli

MODELLI UNICO 2014 SP, SC ed ENC NOVITÀ

MODELLI UNICO 2014 SP, SC ed ENC NOVITÀ Circolare informativa per la clientela MODELLI UNICO 2014 SP, SC ed ENC NOVITÀ In questa Circolare 1. Modello Unico 2014 Società di persone 2. Modello Unico 2014 Società di capitali 3. Modello Unico 2014

Dettagli

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni. studi di settore: cause di esclusione

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni. studi di settore: cause di esclusione PERIODO D IMPOSTA 0 PERSONE FISICHE 0 ntrate REDDITI QUADRO RE Reddito di lavoro autonomo derivante dall esercizio di arti e professioni Rientro lavoratrici/lavoratori RE RE Codice attività Compensi derivanti

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 07 11.02.2014 Il leasing per le auto A cura di Devis Nucibella Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette La disposizione di riferimento per l individuazione

Dettagli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto LE NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE (Aggiornata al 24.02.2009) Riferimenti normativi Regime contabile introdotto, a partire dal periodo di imposta 2001, con l art. 13 della

Dettagli

730/2015 quadro E: novità per la detrazione delle spese elededuzionidalreddito Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

730/2015 quadro E: novità per la detrazione delle spese elededuzionidalreddito Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista 730/2015 quadro E: novità per la detrazione delle spese elededuzionidalreddito Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO Il Quadro E del Mod. 730 deve essere utilizzato

Dettagli

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA LA TREMONTI-TER TER Dott. Giampiero GUARNERIO Diretta 17 maggio 2010 AGENDA Che cosa è la Tremonti-ter Principali differenze rispetto alle precedenti versioni Quali soggetti ne possono beneficiare Quali

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA CHECK LIST PER DETERMINARE L IMPONIBILE IRES E IRAP

INDICE PARTE PRIMA CHECK LIST PER DETERMINARE L IMPONIBILE IRES E IRAP INDICE PARTE PRIMA CHECK LIST PER DETERMINARE L IMPONIBILE IRES E IRAP 1. PRINCIPI GENERALI 1.1 Determinazione del reddito imponibile... 3 1.2 Nozione fiscale di ricavo e criteri di imputazione... 8 1.3.

Dettagli

Le novità dei modello UNICO 2013. DC SAC Modulistica Agenzia delle entrate

Le novità dei modello UNICO 2013. DC SAC Modulistica Agenzia delle entrate Le novità dei modello UNICO 2013 DC SAC Modulistica Agenzia delle entrate Le novità del modello UNICO 2013 Persone fisiche Fascicolo 1 ARGOMENTI PRINCIPALI Tra le principali novità del modello Unico PF

Dettagli

- Le nuove regole di deducibilità dei canoni di leasing per i

- Le nuove regole di deducibilità dei canoni di leasing per i LE NOVITÀ DEL LEASING - Le nuove regole di deducibilità dei canoni di leasing per i professionisti e per le imprese - Sale & lease back: opportunità e cautele -Analisi comparativa e di convenienza dei

Dettagli

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI)

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo

Dettagli

STUDIO BALLARDINI http://www.studioballardini.it/ LE NOVITA' DELLA DICHIARAZIONE 730/2015 - Parte 1 -

STUDIO BALLARDINI http://www.studioballardini.it/ LE NOVITA' DELLA DICHIARAZIONE 730/2015 - Parte 1 - STUDIO BALLARDINI http://www.studioballardini.it/ LE NOVITA' DELLA DICHIARAZIONE 730/2015 - Parte 1 - INTRODUZIONE Con provvedimento del direttore dell'agenzia delle Entrate del 15 gennaio 2015, è stato

Dettagli

PrevAer Fondo Pensione

PrevAer Fondo Pensione Pagina 1 di 5 Documento sul Regime Fiscale aggiornato al 27 marzo 2015 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi

Dettagli

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730-3: La STRUTTURA e i DATI IDENTIFICATIVI. Le sezioni del prospetto di liquidazione 730-3 Il risultato dell elaborazione dei dati esposti nel modello

Dettagli

GUIDA ALL'ACCONTO DELLE IMPOSTE DI NOVEMBRE 2013 : ANALISI ED APPROFONDIMENTI

GUIDA ALL'ACCONTO DELLE IMPOSTE DI NOVEMBRE 2013 : ANALISI ED APPROFONDIMENTI GUIDA ALL'ACCONTO DELLE IMPOSTE DI NOVEMBRE 2013 : ANALISI ED APPROFONDIMENTI a cura di Celeste Vivenzi Entro il prossimo 02/12/2013 (il 30/11 cade di sabato) va versata la 2 o unica rata degli acconti

Dettagli

ACE per Unico 2015 (esercizio 2014) Società di Capitali

ACE per Unico 2015 (esercizio 2014) Società di Capitali 1 di 10 Foglio di Calcolo ACE per Unico 2015 (esercizio 2014) Società di Capitali a cura di: Cesare Tomassetti Dottore Commercialista e Revisore Legale In Civitanova Marche Pubblichiamo un utilità per

Dettagli

IRAP determinazione imponibile

IRAP determinazione imponibile Imposta Regionale sulle Attività Produttive - IRAP L IRAP è stata introdotta nel 1997, dando seguito a moltissime polemiche, in quanto si presenta come un imposta del tutto atipica sia per quanto riguarda

Dettagli

Informativa n. 1/2014 Legge di Stabilità 2014, le principali novità

Informativa n. 1/2014 Legge di Stabilità 2014, le principali novità Informativa n. 1/2014 Legge di Stabilità 2014, le principali novità Sommario Premessa 2 Web Tax 2 Sostegno all agricoltura 2 Nuova deduzione ai fini IRAP 2 Incremento ACE 2 Proroga delle detrazioni per

Dettagli

Premessa generale ANALISI PUNTI PRINCIPALI

Premessa generale ANALISI PUNTI PRINCIPALI LE NORME DEL DECRETO COMPETITIVITA' N. 91-2014 CONVERTITO NELLA LEGGE N. 116 DEL 11 AGOSTO 2014 : ANALISI DEI PUNTI PRINCIPALI a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Con il Decreto Competitività n.

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

B R U Z Z O D O T T. A D O L F O D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A - R E V I S O R E C O N T A B I L E

B R U Z Z O D O T T. A D O L F O D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A - R E V I S O R E C O N T A B I L E B R U Z Z O D O T T. A D O L F O D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A - R E V I S O R E C O N T A B I L E Padova, 8/11/2010 Circolare n. 12 Ai gentili Clienti Loro sedi 1. VERSAMENTO DEGLI ACCONTI

Dettagli

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP RELATIVA AL COSTO DEL PERSONALE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP RELATIVA AL COSTO DEL PERSONALE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMATIVA N. 092 05 APRILE 2013 IMPOSTE DIRETTE LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP RELATIVA AL COSTO DEL PERSONALE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 6, DL n. 185/2008 Art. 2, comma 1, DL

Dettagli

Presupposto soggettivo/oggettivo

Presupposto soggettivo/oggettivo IRAP Principi generali Irap: acronimo di Imposta regionale sulle attività produttive. È un'imposta reale che colpisce la ricchezza in quanto tale, senza tener conto delle condizioni personali del contribuente

Dettagli

Giugno 2013. I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette

Giugno 2013. I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette Giugno 2013 I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette Avv. Prof. Stefano Loconte e Avv. Gabriella Antonaci, Studio Legale e Tributario

Dettagli

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011 Focus di pratica professionale di Norberto Villa Le società di comodo in Unico 2011 Il prospetto del quadro RF Il quadro RF del modello Unico SC 2011 contiene le informazioni necessarie per verificare

Dettagli

D.L. Competitività ed altre disposizioni

D.L. Competitività ed altre disposizioni Dr. Anton Pichler Dr. Walter Steinmair Dr. Helmuth Knoll Sparkassenstraße 18 Via Cassa di Risparmio I-39100 Bozen Bolzano T 0471.306.411 F 0471.976.462 E info@interconsult.bz.it I www.interconsult.bz.it

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DL Renzi: le novità in materia fiscale. (DL n. 66 del 24.04.2014)

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DL Renzi: le novità in materia fiscale. (DL n. 66 del 24.04.2014) SEA Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. News per i Clienti dello studio del 6 maggio 2014 Ai gentili clienti Loro sedi DL Renzi: le novità in materia fiscale (DL n. 66 del 24.04.2014) 1 Gentile

Dettagli

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013 Roma, 22 Gennaio 2013 Prot. n. 58/2013/CDA/SS/GN Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI Circolare n. 05/2013 Oggetto: nuovo Modello 730/2013, redditi 2012: principali caratteristiche Con il provvedimento

Dettagli

- Le nuove regole di deducibilità dei canoni di leasing per i

- Le nuove regole di deducibilità dei canoni di leasing per i LE NOVITÀ DEL LEASING - Le nuove regole di deducibilità dei canoni di leasing per i professionisti e per le imprese - Sale & lease back: opportunità e cautele -Analisi comparativa e di convenienza dei

Dettagli

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI Anno 2013 N. RF160 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO RIFERIMENTI CIRCOLARE DEL 12/07/2013 CONTRIBUENTI E MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI ART.

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti

Dettagli

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RN Determinazione dell IRPEF QUADRO RV Addizionale regionale e comunale all IRPEF QUADRO CS Contributo di solidarietà

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RN Determinazione dell IRPEF QUADRO RV Addizionale regionale e comunale all IRPEF QUADRO CS Contributo di solidarietà MODELLO GRATUITO QUADRO RN IRPEF Data: 9/0/0 - Ore: 00::0 - Utente: RCAMRC8S07F89D Soggetto: MARCO RACE ( RCAMRC8S07F89D ) Identificativo dichiarazione: 0880-000000 del 9/9/0 PERIODO D IMPOSTA 0 CODICE

Dettagli

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi.

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi. FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA D.M. LAVORO 5.6.2001 - ISCRIZIONE ALBO FONDI PENSIONE N 116 DOCUMENTO FISCALE

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRAP ANNO D IMPOSTA 2012

DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRAP ANNO D IMPOSTA 2012 DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRAP ANNO D IMPOSTA 2012 IRAP Di seguito è riportata la definizione e la modalità di calcolo delle singole variabili contenute nelle tabelle disponibili attraverso la navigazione

Dettagli

CNM. Consolidato nazionale mondiale 2014. ntrate

CNM. Consolidato nazionale mondiale 2014. ntrate genzia ntrate CNM Consolidato nazionale mondiale 2014 Dichiarazione dei soggetti ammessi alla tassazione di gruppo di imprese controllate residenti e dei soggetti ammessi alla determinazione dell unica

Dettagli

Fiscalità Edilizia. SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA-

Fiscalità Edilizia. SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA- Fiscalità Edilizia SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA- Febbraio 2015 INDICE Premessa... 3 Compensazione credito IVA... 3 Rimborsi IVA Le nuove regole dal 2015...

Dettagli

CREDITO DI IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI NUOVI

CREDITO DI IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI NUOVI CREDITO DI IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI NUOVI CREDITO DI IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI NUOVI Meccanismo di applicazione dell agevolazione Ambito oggettivo Ambito soggettivo

Dettagli

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RN Determinazione dell IRPEF QUADRO RV Addizionale regionale e comunale all IRPEF QUADRO CS Contributo di solidarietà

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RN Determinazione dell IRPEF QUADRO RV Addizionale regionale e comunale all IRPEF QUADRO CS Contributo di solidarietà ORIGINALE CODICE FISCALE PERIODO D IMPOSTA 0 QUADRO RN IRPEF PERSONE FISICHE 0 genzia ntrate REDDITI QUADRO RN Determinazione dell IRPEF QUADRO RV Addizionale regionale e comunale all IRPEF QUADRO CS Contributo

Dettagli

1 DEDUZIONI FORFETARIE PER GLI AUTOTRASPORTATORI PER IL 2010

1 DEDUZIONI FORFETARIE PER GLI AUTOTRASPORTATORI PER IL 2010 Pesaro, lì 24 giugno 2011 A TUTTI I CLIENTI ESTERNI LORO SEDI CIRCOLARE n. 10/2011 1 Deduzioni forfetarie per gli autotrasportatori per il 2010; 2 Autotrasportatori ed il credito contributivo al SSN versato

Dettagli

genzia ntrate UNICO Persone fisiche

genzia ntrate UNICO Persone fisiche genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Persone fisiche INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli