Società immobiliari, fondi comuni. La variabile fiscale nella scelta del modello operativo. In collaborazione con:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Società immobiliari, fondi comuni. La variabile fiscale nella scelta del modello operativo. In collaborazione con:"

Transcript

1 Società immobiliari, fondi comuni d investimento e SIIQ La variabile fiscale nella scelta del modello operativo In collaborazione con:

2 Dal 1986, anno di fondazione, lo Studio è cresciuto fino a contare oggi su di un team di oltre 50 professionisti, tra avvocati e dottori commercialisti, ma è rimasto fedele alla sua impostazione originaria di boutique: ascolto attento di ogni cliente e soluzioni originali, in cui ogni volta entrano in gioco la competenza tecnica, il rigore del metodo e l esperienza dei professionisti. Il diritto tributario è all origine dello Studio ed è tuttora il cuore delle sue attività, con un expertise sulla fiscalità nazionale ed internazionale in tutte le sue sfaccettature, arricchita da competenze specifiche ed integrate specialmente nei diritti societario e finanziario, nonché da una fitta rete di relazioni a livello internazionale. Uno specialista ed un interlocutore ideale per operazioni straordinarie e complesse: M&A, fondi di Private Equity e Real Estate, architetture di strutture societarie, pareristica e contenzioso tributario. Le maggiori pubblicazioni internazionali del settore legale, tra le quali Chambers e Legal 500, collocano Di Tanno e Associati sempre al top del settore Tax in Italia. Nel 2007 e nel 2009 lo Studio ha anche ricevuto il prestigioso premio Top Legal Award come Studio dell anno nel settore Tax ed ha visto alcuni suoi membri ottimamente piazzati nelle classifiche individuali.

3

4

5 Società immobiliari, fondi comuni d investimento e SIIQ Prefazione Non c è dubbio che quello del trattamento fiscale degli investimenti immobiliari sia un territorio che ha sempre determinato un attenzione particolare da parte del legislatore nazionale il quale se, da una parte, sotto il profilo dell imposizione diretta, ha emanato a più riprese provvedimenti normativi volti essenzialmente a contrastare l utilizzo dello strumento societario da parte dei privati per la realizzazione di investimenti in immobili, dall altra parte, sotto il profilo dell imposizione indiretta, ha più volte introdotto correttivi al sistema di alternatività tra IVA e Imposta di Registro sulle compravendite immobiliari e sulle locazioni anch essi apparentemente in chiave anti abuso. Ciò posto, sotto il profilo delle norme comuni, non v è altrettanto dubbio che il medesimo legislatore fiscale si sia sforzato di emanare alcune normative speciali di favore nel comparto immobiliare, di cui la legge sui fondi immobiliari e, più di recente, quella sulle SIIQ e SIINQ costituiscono l asse portante. Tali normative, se devono essere lette anche nel solco del medesimo sfavore per l abuso da parte dei privati dello strumento societario per gli investimenti immobiliari, hanno tuttavia determinato l esistenza, nel panorama legislativo ed economico, di due più che validi strumenti di investimento per gli operatori professionali che, sia pure con alcuni limiti ed inefficienze, costituiscono sicuramente un alternativa, tenendo conto delle rispettive caratteristiche e finalità, allo strumento ordinario delle società immobiliari, se non altro in considerazione dell evidente favore con cui tali opportunità sono considerate dal legislatore fiscale il quale, al contrario e come già detto, non vede affatto di buon occhio l utilizzo delle società (di comodo o meno), un fatto questo che, nell era della normativa antielusione e dell abuso del diritto, non può certo essere trascurato da un accorto investitore. Questo volume, pur senza pretese di esaustività, vuole essere un contributo agile e di semplice comprensione all analisi delle differenze esistenti tra le diverse opportunità offerte dal panorama legislativo italiano, in particolare sotto il profilo fiscale, nell ottica di effettuazione di una scelta del proprio modello operativo per gli investimenti immobiliari che tenga conto di come e quanto la variabile fiscale possa incidere sulla fortuna dell investimento. Peraltro, proprio al momento di andare in stampa, è stato approvato il decreto legge n. 78/2010 Misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e la competitività economica che prevede, tra l altro, sia modifiche al regime civilistico/regolamentare dei fondi comuni di investimento in generale, sia modifiche al regime fiscale dei fondi immobiliari in particolare. Al riguardo, in evidente ottica anti-abuso, vengono introdotte norme più restrittive al fine di arginare il fenomeno dei fondi immobiliari cosiddetti veicolo contrastando l utilizzo strumentale dei fondi comuni immobiliari a ristretta base partecipativa finalizzato al godimento del regime fiscale di favore attualmente previsto. Ovviamente, le norme previste dal suddetto D.L. potrebbero formare oggetto di ulteriori modifiche in sede di conversione. 3

6

7 Sommario Capitolo I Considerazioni di carattere generale in merito al regime fiscale degli investimenti immobiliari e degli istituti previsti dall ordinamento tributario 1. L influenza dei fondamentali economici sulla strutturazione e pianificazione fiscale degli investimenti immobiliari Le reazioni dell ordinamento tributario all abuso dello schermo societario e la previsione di nuovi strumenti di investimento Capitolo II Le società immobiliari - Selezione degli aspetti fiscali di rilievo I. Il trattamento delle società immobiliari ai fini delle imposte dirette Premessa La tassazione degli immobili c.d. patrimonio La deduzione degli interessi passivi L ammortamento dei fabbricati strumentali Il regime della participation exemption La disciplina delle società di comodo Regime IRAP delle plusvalenze da cessione degli immobili Rivalutazione degli immobili nell ambito delle operazioni straordinarie II. IVA e imposte indirette Compravendita di fabbricati Fabbricati abitativi Fabbricati strumentali Trasferimenti di fabbricati abitativi nei confronti di imprese di rivendita immobiliare Scheda riepilogativa del regime IVA e delle imposte indirette delle cessioni di fabbricati Locazione di fabbricati Fabbricati abitativi Fabbricati strumentali Scheda riepilogativa del regime IVA e delle imposte indirette delle locazioni di fabbricati Affitto di aziende

8 Sommario Capitolo III La disciplina regolamentare e fiscale dei fondi immobiliari I. Caratteristiche civilistiche e regolamentari Soggetti coinvolti nello schema SGR/fondo comune d investimento Requisiti della SGR. Cenni Attività tipica della SGR - Deleghe e ausilio di terzi specialisti. Cenni Disciplina civilistico/regolamentare dei fondi comuni di investimento chiusi. Cenni I fondi immobiliari. Cenni Fondi immobiliari ordinari Fondi immobiliari ad apporto pubblico II. Il regime fiscale dei fondi immobiliari Imposte dirette IVA Imposte di registro, ipotecaria e catastale Apporto di immobili prevalentemente locati Regime fiscale dei partecipanti Profili generali Soggetti residenti in Italia che non detengono le quote in relazione ad un impresa commerciale Proventi distribuiti dal fondo Plusvalenze Soggetti residenti in Italia che detengono le quote in relazione ad un attività d impresa e soggetti non residenti aventi una stabile organizzazione in Italia Proventi distribuiti dal fondo Plusvalenze Soggetti non residenti senza stabile organizzazione in Italia Proventi distribuiti dal fondo Plusvalenze Disposizioni anti-abuso: dall imposta patrimoniale dell 1% applicabile ai fondi immobiliari a ristretta base partecipativa e familiari all imposta sostitutiva introdotta dal D.L. n. 78/ Finalità Regime dei fondi immobiliari a ristretta base partecipativa e familiari Presupposti applicativi Applicazione dell imposta patrimoniale, base imponibile ed adempimenti

9 Sommario 6.3 Regime fiscale introdotto dal D.L. n. 78/ Presunzione di residenza delle società ed enti non residenti con patrimonio prevalentemente investito in fondi immobiliari...50 Capitolo IV Le SIIQ e le SIINQ I. SIIQ e SIINQ come strumento di incentivo allo sviluppo nel mercato immobiliare Premessa Fonti normative Il regime SIIQ e SIINQ in sintesi II. Requisiti per l accesso al regime Requisiti soggettivi Requisiti statutari Requisiti della struttura partecipativa Requisiti oggettivi Svolgimento di locazione immobiliare in via prevalente Parametro patrimoniale Parametro reddituale III. Il regime fiscale delle SIIQ e delle SIINQ Esercizio ed effetti dell opzione per il regime Le SIINQ L imposta di ingresso Il regime di esenzione del reddito derivante dall attività di locazione immobiliare e assimilate Obbligo di distribuzione dell utile della gestione esente Obbligo di tenuta di contabilità separate Il trattamento delle perdite fiscali La disciplina delle riserve L opzione per il consolidato nazionale Operazioni straordinarie Cause di cessazione dal regime speciale IV. Il regime dei conferimenti Imposte dirette

10 Sommario 2. IVA e imposte indirette V. Il regime fiscale dei soci Distribuzioni dalle SIIQ o SIINQ Plusvalenze derivanti dalla cessione di partecipazioni in SIIQ o SIINQ Soci non residenti VI. Aspetti relativi ai rapporti internazionali Convenzioni internazionali contro le doppie imposizioni Credito per le imposte pagate all estero Capitolo V Considerazioni conclusive 1. Regimi a confronto Tabelle esemplificative

11

12

13 Considerazioni di carattere generale in merito al regime fiscale degli investimenti immobiliari e degli istituti previsti dall ordinamento tributario Capitolo I Considerazioni di carattere generale in merito al regime fiscale degli investimenti immobiliari e degli istituti previsti dall ordinamento tributario 1. L influenza dei fondamentali economici sulla strutturazione e pianificazione fiscale degli investimenti immobiliari L investimento immobiliare è normalmente un investimento di medio-lungo periodo in cui il ricorso all indebitamento è parte integrante del ciclo economico. Un elemento essenziale di cui occorre tenere conto, dunque, è dato dalla correlazione fra il c.d. servizio del debito (sia per la quota capitale sia per la quota interessi) ed il ciclo dei ricavi, siano essi rappresentati da canoni di locazione o da corrispettivi della cessione delle unità immobiliari. Tale considerazione di carattere generale sembra valida anche con riguardo alla cosiddetta attività di gestione immobiliare, quella, cioè, finalizzata alla locazione dei cespiti, dove, tipicamente, le imprese finanziano buona parte della loro attività ricorrendo all indebitamento bancario, assistito da garanzie ipotecarie gravanti sul patrimonio immobiliare. In questo caso, infatti, è evidente che le caratteristiche strutturali e la logica economica dell attività svolta ruotano essenzialmente intorno all equilibrio, in termini di garanzia di un margine che sia adeguato e costante nel tempo, tra i costi per interessi passivi ed i ricavi per canoni di locazione. In questo contesto, proprio per la rilevante connessione con l elemento temporale, un ruolo decisivo viene ad essere assunto dalla tempistica di recupero dei costi di acquisizione riassumibili - per quanto attiene ai profili tributari - (i) nell effettivo recupero (via detrazione o via rimborso) dell IVA assolta nella fase acquisitiva, (ii) nell ammortamento del costo di acquisto (inclusivo delle eventuali imposte d atto ), (iii) nella deducibilità, ai fini delle imposte sul reddito, di tutti i costi di funzionamento. Sono queste, del resto, le principali motivazioni che spingono ad adottare lo strumento societario per la strutturazione di un investimento nel settore immobiliare. Ma esse non sono certamente le uniche visto che l uso dello schermo societario risponde, poi, anche a comprensibili esigenze di separazione del patrimonio esposto al rischio d impresa, al potenziale coinvolgimento di terzi investitori ed anche a parziali cessioni delle partecipazioni in questione che garantiscono all investimento immobiliare ragionevoli margini di flessibilità. 11

14 Società immobiliari, fondi comuni d investimento e SIIQ 2. Le reazioni dell ordinamento tributario all abuso dello schermo societario e la previsione di nuovi strumenti di investimento L ordinamento tributario nazionale si caratterizza, storicamente, per una certa diffidenza rispetto alla gestione imprenditoriale dell attività immobiliare, principalmente con riguardo all attività di gestione locativa degli immobili. Gli intereventi normativi in materia negli ultimi quarant anni (quantomeno dalla riforma tributaria del ad oggi) sono costituiti da disposizioni volte a prevenire, rendendolo particolarmente oneroso, l utilizzo strumentale da parte dei privati delle regole di determinazione analitica del reddito d impresa. Le disposizioni normative al riguardo sono rintracciabili innanzitutto nelle previsioni dettate ai fini delle imposte sui redditi (tanto per le persone fisiche, come anche per società ed enti), che tendono ad escludere dalla categoria degli immobili strumentali i cespiti oggetto di locazione, non considerandoli utilizzati direttamente nell attività d impresa ma qualificandoli come mero oggetto della stessa. Questa risalente posizione interpretativa sembra fondarsi su un preconcetto secondo cui tutte le immobiliari di gestione nascerebbero per esigenze strumentali di gestione di patrimoni privati e trova la sua espressione sul piano normativo innanzitutto negli articoli 43 e 90 del D.P.R. n. 917/1986 ( TUIR ). In base a tali previsioni normative, infatti, gli immobili relativi alle imprese, ove destinati alla locazione, costituiscono beni strumentali all impresa solo se dal punto di vista oggettivo si caratterizzino per essere immobili non suscettibili di diversa utilizzazione senza radicali trasformazioni (se siano, quindi, immobili strumentali per natura ); diversamente, gli immobili differenti dagli immobili strumentali per natura (quali tipicamente gli immobili a destinazione abitativa) se locati non sono comunque considerati immobili strumentali per destinazione e sono perciò tassati secondo i criteri forfetari. Ciò può d altra parte determinare effetti di penalizzazione a carico dei soggetti che - viceversa - realizzano veramente l attività imprenditoriale mediante la locazione immobiliare. Questa impostazione concettuale, peraltro, sembra essere alla base delle modifiche apportate al regime IVA relativo agli immobili con la riforma del (c.d. riforma Visco) che, da un lato, ha introdotto uno specifico regime di indetraibilità oggettiva per certe tipologie di immobili abitativi (art. 19-bis1 del D.P.R. n. 633/1972) e, da un altro lato, ha disciplinato in modo analitico le ipotesi in cui l utilizzo dello strumento societario deve considerarsi di comodo ai fini dell IVA (art. 4, comma 5, del D.P.R. n. 633/1972), venendo meno il requisito della commercialità e, quindi, la possibilità di recuperare mediante il sistema delle detrazioni e dei rimborsi le imposte pagate sugli acquisti. 12

15 Considerazioni di carattere generale in merito al regime fiscale degli investimenti immobiliari e degli istituti previsti dall ordinamento tributario Una limitazione frutto di tale impostazione è data inoltre dall esclusione delle società immobiliari c.d. di gestione dal regime di esenzione parziale (in misura del 95%) delle plusvalenze derivanti dalla cessione di partecipazioni (regime della participation exemption), che rappresenta il fulcro della tassazione delle società di capitali alla luce della riforma introduttiva dell IRES del 2004 (c.d. riforma Tremonti). Una ulteriore stretta è intervenuta per effetto della successiva novella apportata dal decreto Bersani - Visco (il D.L. n. 223/2006) che, da un lato ha modificato la disciplina delle c.d. società di comodo ai fini delle imposte sui redditi rendendone generalizzata l applicazione, ben al di là dell utilizzazione familiare dello strumento societario, dall altro ha riformato in modo radicale il regime impositivo indiretto tanto delle cessioni quanto delle locazioni immobiliari, incrementando e generalizzando il peso delle imposte ipotecaria e catastale sia pure in un ottica antiabuso. Infine, un impatto notevole sulle attività immobiliari si è verificato pure con gli interventi di riforma del sistema di imposizione sul reddito, attuati con la legge finanziaria per il 2008 (L. n. 244/2007) che (i) hanno eliminato la possibilità di procedere ed ammortamenti per sole ragioni fiscali (in via extracontabile, mediante variazioni in diminuzione in dichiarazione, ai sensi dell art. 109, comma 4, del TUIR) e (ii) hanno riformato i criteri di deducibilità degli interessi passivi ai fini IRES (art. 96 del TUIR). Entrambe le disposizioni ricordate, ma soprattutto quella sulla deducibilità degli interessi passivi, rischiano di incidere in misura determinante, decretandone definitivamente l antieconomicità, sulla gestione immobiliare svolta tramite società commerciali. Ed infatti, se la possibilità di dedurre ammortamenti fiscali non stanziati in bilancio sostanziava una norma forfetaria di tipo sovvenzionale, creando una situazione di vantaggio per la società che ne beneficiava, la possibilità di dedurre pienamente gli interessi passivi rappresenta invece per la società immobiliare una esigenza vitale, proprio in ragione delle caratteristiche strutturali del business condotto e del carattere necessitato di un elevato indebitamento. Sembra essere sostanzialmente per questa ragione - vale a dire per l intervenuta antieconomicità sopravvenuta della gestione immobiliare (in virtù dei numerosi provvedimenti richiamati) - che il legislatore si è, poi, determinato a prevedere, con la medesima norma di legge (art. 1, comma 36, della L. n. 244/2007) (i) da un lato la costituzione di una commissione governativa di studio che avrebbe dovuto tracciare le linee di una riforma organica del settore immobiliare, e (ii) dall altro, in via transitoria ed in attesa dell esito dei lavori di tale commissione, una deroga ai limiti generali alla deducibilità degli interessi passivi relativi a mutui ipotecari contratti in 13

16 Società immobiliari, fondi comuni d investimento e SIIQ relazione ad immobili destinati alla locazione. In conclusione, sembra che la ratio che caratterizza le norme tributarie in materia trovi la sua giustificazione in una visione di piccole dimensioni degli investimenti immobiliari, quale il caso della persona fisica che intende nascondere il proprio patrimonio od utilizzare lo schermo societario per vantaggi fiscali ai quali altrimenti non avrebbe diritto. In sintesi, dunque, per effetto degli interventi normativi sopra menzionati l attività di gestione immobiliare mediante lo strumento societario appare inefficiente dal punto di vista fiscale, soprattutto con riguardo all attività di tipo locativo. A fronte di questo stato di fatto rileva, tuttavia, considerare come l evoluzione legislativa degli ultimi anni abbia prodotto anche un parziale contro-bilanciamento mediante la previsione di due strumenti alternativi di investimento immobiliare dotati di un regime fiscale di favore: - i fondi comuni di investimento immobiliare, e - le società di investimento immobiliare quotate ( SIIQ ). Dopo aver riepilogato i principali aspetti di natura fiscale relativi alle società immobiliari (capitolo II), il presente lavoro contiene una disamina dei profili regolamentari e fiscali dei fondi immobiliari (capitolo III) e delle SIIQ (capitolo IV). 14

17 Le società immobiliari - Selezione degli aspetti fiscali di rilievo Capitolo II Le società immobiliari Selezione degli aspetti fiscali di rilievo I. Il trattamento delle società immobiliari ai fini delle imposte dirette 1. Premessa Le società immobiliari costituite in forma di società di capitali sono, ai fini delle imposte dirette, soggetti passivi dell IRES secondo le regole ordinariamente applicabili. Pertanto, in termini generali, il reddito imponibile delle società immobiliari è soggetto all IRES (27,5%) ed all IRAP (3,9%). Ciò posto, nel presente capitolo vengono riepilogati le principali norme di interesse specifico, ai fini delle imposte dirette, in relazione alle società immobiliari. 2. La tassazione degli immobili c.d. patrimonio Ai sensi dell art. 90, comma 1, del TUIR, i redditi degli immobili c.d. patrimonio, ossia quelli che non costituiscono beni strumentali per l esercizio dell impresa né beni alla cui produzione od al cui scambio è diretta l attività dell impresa, concorrono alla formazione del reddito nell ammontare determinato in base alle regole per i redditi fondiari, vale a dire sulla base delle rendite catastali e, dunque, non sulla base dei ricavi e dei costi effettivi relativi agli immobili in questione. La suddetta regola è derogata qualora gli immobili patrimonio formino oggetto di locazione ed il relativo canone (forfettariamente ridotto del 15% del canone medesimo, nonché dell importo delle spese documentate sostenute ed effettivamente rimaste a carico per la realizzazione degli interventi di cui all art. 3, comma 1, lett. a), D.P.R. n. 380/ ) risulti superiore al reddito medio ordinario dell unità immobi- 1. Si tratta degli interventi edilizi che riguardano le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad integrare o mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti. 15

18 Società immobiliari, fondi comuni d investimento e SIIQ liare 2. In tal caso, il reddito è determinato in misura pari all importo del canone di locazione al netto della riduzione del 15%. Come naturale corollario della tassazione basata sulle rendite catastali, ai sensi del comma 2 dell art. 90 del TUIR, le spese e gli altri componenti negativi relativi agli immobili patrimonio non sono ammessi in deduzione. Ciò trova giustificazione nel fatto che tali spese e componenti negativi sarebbero già considerati ai fini della determinazione delle rendite catastali. In termini concreti, con riguardo agli immobili patrimonio non sono dunque deducibili ai fini fiscali gli ammortamenti e le spese per la manutenzione ordinaria imputate al conto economico. In merito alla disposizione in questione, la legge finanziaria 2008 (art. 1, comma 35, l. n. 244/2007), dirimendo una annosa controversia, ha chiarito, con norma di interpretazione autentica, che tra le spese ed i componenti negativi indeducibili non si comprendono gli interessi passivi (c.d. interessi passivi di finanziamento ) relativi a finanziamenti contratti per l acquisizione degli immobili patrimonio. 3 Come successivamente chiarito dall Amministrazione finanziaria 4, devono considerarsi esclusi dal divieto di deducibilità (e sono, quindi, deducibili secondo le regole ordinarie ed entro i limiti da esse previsti 5 ) non solo gli interessi passivi sostenuti in relazione a finanziamenti accesi per l acquisto di immobili patrimonio, ma anche gli interessi relativi a finanziamenti stipulati per la costruzione degli stessi immobili. Rientrano, invece, nell ambito del divieto di deducibilità gli interessi passivi relativi a finanziamenti contratti, ad esempio, al fine di effettuare interventi di manutenzione straordinaria (c.d. interessi passivi di funzionamento ). 3. La deduzione degli interessi passivi Come noto, il nostro ordinamento tributario prevede una limitazione generalizzata alla deduzione degli interessi passivi, introdotta a partire dal 1 gennaio 2008 con l art. 96 del TUIR in sostituzione della previgente disciplina della thin capitalisation, del pro-rata generale e del pro-rata patrimoniale. 2. Ai sensi dell art. 37, comma 1, del TUIR, il reddito medio ordinario delle unità immobiliari è determinato mediante applicazione delle tariffe d estimo, stabilite secondo le norme della legge catastale per ciascuna categoria e classe, ovvero, per i fabbricati a destinazione speciale o particolare, mediante stima diretta. 3. Prima del chiarimento, l Amministrazione finanziaria aveva inizialmente ritenuto che il divieto di deducibilità si applicasse anche agli interessi passivi relativi a finanziamenti contratti per l acquisizione degli immobili patrimonio (circolare n. 6/E del 2006). 4. Circolare n. 19/E del Si veda quanto osservato nel paragrafo successivo in tema di deduzione degli interessi passivi. 16

19 Le società immobiliari - Selezione degli aspetti fiscali di rilievo In particolare, gli interessi passivi (ed oneri assimilati) sono interamente deducibili in ciascun periodo d imposta fino a concorrenza degli interessi attivi (e proventi assimilati) nello stesso periodo d imposta. L eventuale eccedenza degli interessi passivi è deducibile nei limiti del 30% del risultato operativo lordo della gestione caratteristica 6. Va al riguardo notato che, a partire dal terzo periodo d imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2007 (vale a dire dal periodo d imposta 2010 per i soggetti con esercizio coincidente con l anno solare), la quota del risultato operativo lordo non utilizzata per la deduzione degli interessi passivi può essere utilizzata nei periodi d imposta successivi. Inoltre, gli interessi passivi indeducibili in un determinato periodo d imposta (per superamento del limite del 30%) possono essere dedotti nei periodi d imposta successivi qualora gli interessi passivi di competenza eccedenti gli interessi passivi siano inferiori al 30% del risultato operativo lordo di competenza ed entro tale limite. Disposizioni particolari sono poi previste per le banche e gli altri soggetti finanziari nonché in caso di consolidato fiscale. Per quanto riguarda le società immobiliari, va notato che, a norma del comma 6 dell art. 96 del TUIR, resta comunque ferma l applicazione prioritaria delle regole di indeducibilità assoluta previste dall art. 90, comma 2, dello stesso decreto in relazione agli immobili patrimonio. Sono, dunque, totalmente indeducibili, in base al richiamato art. 90, gli interessi di funzionamento relativi agli immobili patrimonio. Ciò detto, gli interessi passivi di finanziamento relativi agli stessi immobili - che, come notato, non rientrano nel divieto di deducibilità di cui all art. 90, comma 2, del TUIR - sono invece deducibili nei limiti ed alle condizioni di cui all art. 96 in discorso. Infine, una disposizione di particolare rilievo per le società immobiliari è contenuta nell art. 1, comma 36, della legge finanziaria Tale disposizione prevede, nella prima parte, l istituzione di una commissione di studio sulla fiscalità diretta ed indiretta delle imprese immobiliari con il compito di proporre l adozione di modifiche normative al fine di semplificare e razionalizzare il sistema vigente. In prospettiva di realizzare la suddetta revisione organica della fiscalità riguardante le imprese immobiliari, la medesima norma stabilisce, in via transitoria e fino all entrata in vigore delle modifiche normative, la non rilevanza ai fini dell art. 96 del TUIR degli interessi passivi relativi a finanziamenti garantiti da ipoteca su immobili destinati alla locazione. In altri termini, dunque, i suddetti interessi passivi sono interamente deducibili e non si applicano, pertanto, le limitazioni di cui all art. 96 citato. Al 6. Per risultato operativo lordo si intende la differenza tra il valore ed i costi della produzione (con talune esclusioni) previsti, rispettivamente, dalle lettere a) e b) dell art del codice civile. 17

20 Società immobiliari, fondi comuni d investimento e SIIQ riguardo, l Amministrazione finanziaria è intervenuta al fine di individuare l ambito di applicazione soggettivo ed oggettivo della norma in questione. 7 In primo luogo, secondo l Agenzia delle Entrate, l ambito soggettivo è limitato alle c.d. immobiliari di gestione. A tale proposito, sono immobiliari di gestione le società il cui valore del patrimonio (assunto a valori correnti) è prevalentemente costituito da beni immobili diversi dagli immobili alla cui produzione od al cui scambio è effettivamente diretta l attività nonché dagli immobili direttamente utilizzati nell esercizio dell impresa; si tratta, in sintesi, delle società la cui attività consiste principalmente nella mera utilizzazione passiva degli immobili patrimonio e strumentali per natura locati o comunque non utilizzati direttamente. Per quanto concerne il presupposto oggettivo, l Amministrazione finanziaria ritiene che il legislatore faccia riferimento agli immobili patrimonio ed agli immobili strumentali per natura, purché destinati all attività locativa. Sarebbero dunque esclusi - a parere dell Amministrazione e nonostante non vi sia una espressa previsione normativa in tal senso - i beni merce. Infine, è stato chiarito che la disposizione in questione trova applicazione anche nell ipotesi in cui gli immobili, oggetto di locazione, siano detenuti in virtù di un contratto di leasing. 4. L ammortamento dei fabbricati strumentali In generale, le quote di ammortamento dei fabbricati strumentali sono deducibili ai fini fiscali. Per effetto della disposizione di cui all art. 36, comma 7, del D.L. n. 223/2006, ai fini del calcolo delle quote di ammortamento deducibili, il costo complessivo dei fabbricati strumentali è assunto al netto del costo delle aree occupate dalla costruzione e di quelle che ne costituiscono pertinenza. Al riguardo, il costo da attribuire alle aree, ove non autonomamente acquistate, è pari al maggiore tra (i) quello esposto in bilancio nell anno di acquisto e (ii) il 20% (30% per i fabbricati industriali 8 ) del costo complessivo. Tali disposizioni trovano applicazione anche ai fabbricati strumentali in locazione finanziaria. 5. Il regime della participation exemption A norma dell art. 87 del TUIR, le plusvalenze derivanti dalla cessione di partecipazioni in società di capitali non concorrono alle formazione del reddito in quanto 7. Circolare n. 37/E del Per fabbricati industriali si intendono quelli destinati alla produzione o trasformazione di beni. 18

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su:

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su: Pag. 5030 n. 43/98 21/11/1998 I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell su: regolarizzazione degli omessi o insufficienti versamenti relativi al primo acconto modifiche recate dal decreto legislativo

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali

OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali CIRCOLARE N.36/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Catasto e Cartografia Roma, 19 dicembre 2013 Allegati: 1 OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali 2 INDICE Premessa...4

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE L'INSERTO 2 Analisi della rilevanza ai fini IRAP delle voci del Conto Economico A cura

Dettagli

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità 1 Introduzione La riscossione delle imposte è un attività che risale ai tempi antichi. Richiami al pagamento delle imposte si trovano anche nell Antico Testamento.

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti (FAQ)

Risposte alle domande più frequenti (FAQ) COMUNICAZIONE DEI DATI DEI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE E DEI FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL IMPRESA

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE Analisi di alcune fattispecie di variazione in aumento ed in diminuzione maggiormente significative per la determinazione del reddito d'impresa nel Modello Unico SC/2010 Il quadro RF contenuto nel Modello

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli