SIELM. Valore nominale passività ristrutturate Onere concordatario Valore nominale attivi. 23,1 mln 6,0 mln 45,2 mln. Highlights dell operazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SIELM. Valore nominale passività ristrutturate Onere concordatario Valore nominale attivi. 23,1 mln 6,0 mln 45,2 mln. Highlights dell operazione"

Transcript

1 SIELM Europa Investimenti, attraverso la società controllata Lanzone Tre S.r.l., che ha svolto il ruolo di assuntore, ha portato a termine l operazione di concordato fallimentare sulla società Sielm S.p.A.. Il concordato, omologato dal Tribunale di Roma in data 12 giugno 2009 è divenuto definitivo in data 1 ottobre A fronte di un passivo accertato ed in contenzioso pari a nominali Euro 23,1 milioni, l assuntore Lanzone Tre S.r.l., ha eseguito pagamenti per complessivi Euro 6,0 mln, assumendo attivi per nominali Euro 45,2 milioni, costituiti in maggior misura da azioni di revocatoria avverso istituti di credito. 23,1 mln 6,0 mln 45,2 mln

2 CANTIERE NAVALE VALDETTARO Il Cantiere Navale Valdettaro S.r.l., cantiere storico in provincia di La Spezia, venne dichiarato fallito nel Europa Investimenti ha presentato domanda di concordato fallimentare, omologata con decreto del Tribunale della Spezia in data 16 marzo 2009 e passata in giudicato nel luglio dello stesso anno. L operazione, condotta dalla società Lanzone Tre S.r.l., controllata da Europa Investimenti, ha consentito il pagamento integrale dei creditori privilegiati e delle spese di procedura, nonché il pagamento in percentuale dei creditori chirografari. 18,4 mln 2,2 mln 11,0 mln

3 L UIGI P ROCACCI In data 24 marzo 2010 è stato omologato dal Tribunale di Trani il concordato fallimentare proposto dalla Lanzone Uno S.r.l., controllata di Europa Investimenti, per il fallimento della ditta individuale Luigi Procacci, la cui procedura risultava aperta dal luglio La proposta di Lanzone Uno S.r.l. prevedeva il pagamento integrale degli oneri in prededuzione e dei creditori privilegiati, nonché la soddisfazione dei creditori chirografari nella misura del 21,0%, per un onere concordatario complessivo di Euro 0,9 milioni. Il decreto di omologa del concordato ha consentito il trasferimento in favore dell assuntore del residuo attivo del fallimento, costituito in massima parte da contenziosi promossi contro istituti di credito. 2,8 mln 0,9 mln 2,2 mln

4 GRUPPO NADINI In data 31 marzo 2010 è stato omologato dal Tribunale di Modena il concordato fallimentare relativo alla società fallita Gruppo Nadini S.p.A. in liquidazione. Detto concordato è stato presentato dalla Eurodemo S.r.l., partecipata al 45,0% da Europa Investimenti. La proposta è stata garantita attraverso il rilascio di una fideiussione per l importo di Euro 10,0 milioni, emessa da primaria banca italiana. A fronte degli impegni verso i creditori del fallimento, Eurodemo S.r.l. ha beneficiato del trasferimento degli attivi residui della procedura, costituiti da liquidità, da contenziosi promossi contro istituti di credito e altri soggetti, da un immobile industriale e crediti non performing. 79,2 mln 8,8 mln 14,7 mln

5 EURO FRESCO Il concordato fallimentare, proposto dalla Lanzone Uno S.r.l., controllata di Europa Investimenti, relativo al fallimento Euro Fresco S.r.l., pendente avanti al Tribunale di Bologna, è stato omologato in data 25 maggio L operazione è stata realizzata attraverso la conclusione di accordi transattivi con due istituti di credito convenuti in giudizio di revocatoria dalla Curatela per un petitum complessivo pari a Euro 1,5 milioni. 1,6 mln 0,7 mln 1,8 mln

6 SIMELTEL In data 21 giugno 2010, il Tribunale di Napoli ha emesso il decreto di omologa relativo al concordato fallimentare della Simeltel S.r.l., la cui procedura risultava aperta dal 14 febbraio ,7 mln 0,2 mln 0,5 mln

Informazione Regolamentata n. 0489-29-2015

Informazione Regolamentata n. 0489-29-2015 Informazione Regolamentata n. 0489-29-2015 Data/Ora Ricezione 07 Settembre 2015 21:44:54 MTA Societa' : DMAIL GROUP Identificativo Informazione Regolamentata : 62927 Nome utilizzatore : MAILN03 - Mereghetti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 263/E. Roma, 26 ottobre 2009

RISOLUZIONE N. 263/E. Roma, 26 ottobre 2009 RISOLUZIONE N. 263/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 26 ottobre 2009 OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Soggetto passivo d imposta nel concordato fallimentare

Dettagli

TRIBUNALE DI PROC. PENALE N.. R.G.N.R. Il sottoscritto. nato a e residente a.in qualità di

TRIBUNALE DI PROC. PENALE N.. R.G.N.R. Il sottoscritto. nato a e residente a.in qualità di TRIBUNALE DI PROC. PENALE N.. R.G.N.R. ATTO DI COSTITUZIONE PARTE CIVILE Il sottoscritto. nato a e residente a.in qualità di curatore del fallimento in liquidazione con sede in. Fall. N. G.D.. autorizzato

Dettagli

Corso Avanzato di Formazione Professionale

Corso Avanzato di Formazione Professionale Corso Avanzato di Formazione Professionale GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NELL AMBITO DELLE PROCEDURE CONCORSUALI Diritto dei Contratti, Diritto Fallimentare e Crisi D impresa MODULO 1: Diritto dei Contratti

Dettagli

Comunicato al pubblico ed ai creditori del concordato preventivo a carico della Cmr Cooperativa muratori di Reggiolo Sc. -----------------------------

Comunicato al pubblico ed ai creditori del concordato preventivo a carico della Cmr Cooperativa muratori di Reggiolo Sc. ----------------------------- Comunicato al pubblico ed ai creditori del concordato preventivo a carico della Cmr Cooperativa muratori di Reggiolo Sc. ----------------------------- A seguito della pubblicazione di articoli di stampa

Dettagli

Caso pratico Predisposizione domanda di transazione fiscale nell ambito di un concordato preventivo Liquidatorio ESERCITAZIONE PRATICA:

Caso pratico Predisposizione domanda di transazione fiscale nell ambito di un concordato preventivo Liquidatorio ESERCITAZIONE PRATICA: Firenze, 18-19 19 maggio 2012 La scuola per il Praticante Dottore Commercialista ed Esperto Contabile Caso pratico Predisposizione domanda di transazione fiscale nell ambito di un concordato preventivo

Dettagli

SERVIZI SVOLTI A FAVORE DELLE PROCEDURE CONCORSUALI

SERVIZI SVOLTI A FAVORE DELLE PROCEDURE CONCORSUALI SERVIZI SVOLTI A FAVORE DELLE PROCEDURE CONCORSUALI VIVA S.p.A. Via Romagna n 38 31033 Castelfranco Veneto (TV) Tel. 0423.495969 r.a. fax 0423.490774 www.vivaspa.it e-mail: info@vivaspa.it P.E.C. vivaspa@legalmail.it

Dettagli

RUOLO E RESPONSABILITÀ DELL ATTESTATORE. L Evoluzione delle Regole in tema di Crisi di Impresa 26 ottobre 2012 Stefania Chiaruttini

RUOLO E RESPONSABILITÀ DELL ATTESTATORE. L Evoluzione delle Regole in tema di Crisi di Impresa 26 ottobre 2012 Stefania Chiaruttini RUOLO E RESPONSABILITÀ DELL ATTESTATORE 1 LE NUOVE ATTESTAZIONI Attestazioni ai sensi dell art. 182 quinquies I comma: Finanziamenti prededucibili IV e V comma: Pagamento creditori anteriori Attestazioni

Dettagli

GABETTI PROPERTY SOLUTIONS S.P.A. Sede legale: Milano, Via Bernardo Quaranta n. 40. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 19.100.

GABETTI PROPERTY SOLUTIONS S.P.A. Sede legale: Milano, Via Bernardo Quaranta n. 40. Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 19.100. GABETTI PROPERTY SOLUTIONS S.P.A. Sede legale: Milano, Via Bernardo Quaranta n. 40 Capitale Sociale sottoscritto e versato Euro 19.100.389,26 Registro delle Imprese di Milano n. 81019220029 Iscritta al

Dettagli

EUROPA INVESTIMENTI SPA. Relazione sulla gestione del bilancio consolidato al 30 giugno 2014

EUROPA INVESTIMENTI SPA. Relazione sulla gestione del bilancio consolidato al 30 giugno 2014 Bilancio 2014 Bilancio Consolidato al 30/06/2014 GRUPPO Reg. Imp. 09439410151 Rea 1294831 Sede in VIA LANZONE 31-20123 MILANO Capitale sociale Euro 5.890.894,60 Relazione sulla gestione del bilancio

Dettagli

Dott. Alfonso Mariella

Dott. Alfonso Mariella CASO PRATICO Caratteristiche della società GAMMA che propone il concordato: - holding di partecipazione; - le partecipazione possedute sono in società che operano nel settore industriale da oltre 20 anni;

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA. Sezione Fallimentare

TRIBUNALE DI MODENA. Sezione Fallimentare TRIBUNALE DI MODENA Sezione Fallimentare Concordato Preventivo DEDALOS SRL in Liquidazione con sede in Formigine (MO) Loc Casinalbo via Erri Billò, 31 C.F. 02203450362 INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE DEL GIUDIZIALE

Dettagli

TRIBUNALE DI MATERA. CONCORDATO PREVENTIVO n. 8/2014 So.Me.Co S.r.l.

TRIBUNALE DI MATERA. CONCORDATO PREVENTIVO n. 8/2014 So.Me.Co S.r.l. TRIBUNALE DI MATERA CONCORDATO PREVENTIVO n. 8/2014 So.Me.Co S.r.l. Giudice delegato Dott. ANTONELLO VITALE Relazione sulla nota depositata in data 04/03/2015 dal Sig. Raele Michele e su eventi successivamente

Dettagli

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA STEP 1: presentazione della domanda Presentazione al Tribunale competente dell istanza per accedere alla procedura di concordato

Dettagli

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione DOTT. ALBERTO GUIOTTO Bergamo, 5 febbraio 2013 STUDIO AGFM CONCORDATO PREVENTIVO E NUOVA

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE - sezione seconda civile -

TRIBUNALE DI UDINE - sezione seconda civile - TRIBUNALE DI UDINE - sezione seconda civile - CRON. Il Tribunale, riunito in camera di consiglio, composto dai signori magistrati: Dott. Gianfranco Pellizzoni Presidente rel. Dott. Francesco Venier Giudice

Dettagli

Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione. Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015

Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione. Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015 Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015 di Giuseppina Mattiello Pubblicato il 14/09/2015 Il creditore

Dettagli

ASSOCIAZIONE UNIJURIS

ASSOCIAZIONE UNIJURIS ASSOCIAZIONE UNIJURIS ILCASO.IT IL CONCORDATO PREVENTIVO CON RISERVA E CON CONTINUITA E CONTRATTI IN CORSO DI ESECUZIONE Gli incentivi alle procedure di composizione di crisi dell impresa Prof. Sido Bonfatti

Dettagli

IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE DECRETO

IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE DECRETO Tribunale di Roma, Sez. Fall., 24 maggio 2012 così composto: IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE dott. Marco Vannucci dott. Giuseppe Di Salvo dott. Aldo Ruggiero Presidente Giudice Giudice rel. riunito

Dettagli

CENTRO STUDI DI DIRITTO FALLIMENTARE DI SIRACUSA CORSO DI DIRITTO FALLIMENTARE

CENTRO STUDI DI DIRITTO FALLIMENTARE DI SIRACUSA CORSO DI DIRITTO FALLIMENTARE CORSO DI DIRITTO FALLIMENTARE dal 9 ottobre al 12 dicembre 2015 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Siracusa Salone Gaspare Conigliaro - Viale Santa Panagia n.141/e I GIORNATA

Dettagli

Bilancio consolidato al 30/06/2012

Bilancio consolidato al 30/06/2012 BILANCIO 2012 BILANCIO 2012 Bilancio consolidato al 30/06/2012 Stato Patrimoniale Bilancio Consolidato al 30 giugno 2012 A B I 1 3 4 7 II 1 2 4 III 1 a b 2 b d B C II 1 2 3 4b 4t 5 IV 1 3 C D Voci dell

Dettagli

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI IL MANDATO IRREVOCABILE AD INCASSARE E A DISTRIBUIRE IL CREDITO ERARIALE ATTRIBUITO A UNA SOCIETA FIDUCIARIA: ESAME DI UN CASO PRATICO 1 Il problema - Le Procedure

Dettagli

Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE

Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE Direttiva 2006/112/CE Insolvenza Procedura di concordato

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 13 01.04.2015 Gli accordi di ristrutturazione del debito Concordato preventivo, accordo di ristrutturazione del debito e piano di risanamento attestato

Dettagli

RELAZIONE. del COMMISSARIO GIUDIZIALE. ai sensi dell art. 172 L.F. INTEGRAZIONE COOPCA SOCIETÀ COOPERATIVA CARNICA DI CONSUMO

RELAZIONE. del COMMISSARIO GIUDIZIALE. ai sensi dell art. 172 L.F. INTEGRAZIONE COOPCA SOCIETÀ COOPERATIVA CARNICA DI CONSUMO RELAZIONE del COMMISSARIO GIUDIZIALE ai sensi dell art. 172 L.F. INTEGRAZIONE di COOPCA SOCIETÀ COOPERATIVA CARNICA DI CONSUMO Procedura di Concordato Preventivo n. 24/2014 Tribunale di Udine Giudice Delegato:

Dettagli

CORPUS IURIS FISCALIS. Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006

CORPUS IURIS FISCALIS. Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006 CORPUS IURIS FISCALIS Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006 RISOLUZIONE DEL 17/01/2006 N. 10 Oggetto: Istanza d interpello - Curatela del Fallimento Immobiliare X S.r.L. Procedura esecutiva

Dettagli

parmalat finanziaria spa in Amministrazione Straordinaria

parmalat finanziaria spa in Amministrazione Straordinaria Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 815.669.721 COMUNICATO STAMPA 14 luglio 2004 Parmalat comunica i recovery ratios relativi alla Proposta di Concordato contenuta nel Programma di Ristrutturazione

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE ATTO DI INTEGRAZIONE AL PIANO E PRODUZIONI DOCUMENTALI EX ART. 162 L.F. p r e m e s s o:

TRIBUNALE DI UDINE ATTO DI INTEGRAZIONE AL PIANO E PRODUZIONI DOCUMENTALI EX ART. 162 L.F. p r e m e s s o: TRIBUNALE DI UDINE ATTO DI INTEGRAZIONE AL PIANO E PRODUZIONI DOCUMENTALI EX ART. 162 L.F. per: COOPCA SOCIETA COOPERATIVA CARNICA DI CONSUMO, con l avv. Giuseppe Campeis (d ora innanzi anche la Società

Dettagli

Relazione degli Amministratori, redatta ai sensi dell articolo 125 ter Testo Unico della Finanza, sull unico punto all ordine del giorno dell

Relazione degli Amministratori, redatta ai sensi dell articolo 125 ter Testo Unico della Finanza, sull unico punto all ordine del giorno dell Relazione degli Amministratori, redatta ai sensi dell articolo 125 ter Testo Unico della Finanza, sull unico punto all ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria degli Azionisti del 27 febbraio 2015

Dettagli

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI (di Gianluca Tarantino) La legge fallimentare è stata negli ultimi anni oggetto di diversi interventi legislativi (si fa riferimento ai vari interventi operati dalla

Dettagli

PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE

PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE Fallimento N. Giudice Delegato Dott. TRIBUNALE DI COSENZA Prima sezione civile Ufficio fallimenti PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE EX ART. 104-TER L.F. Illustrissimo Signor Giudice Delegato, il sottoscritto Curatore

Dettagli

Regolamento operativo

Regolamento operativo Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio 1996, n. 415) Regolamento operativo Settembre 2010 Fondo Nazionale di Garanzia (Art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio

Dettagli

CESPEC ORDINE AVVOCATI DI MILANO. 3 novembre 2015. Il versamento del saldo prezzo Avv. Gloria Gatti

CESPEC ORDINE AVVOCATI DI MILANO. 3 novembre 2015. Il versamento del saldo prezzo Avv. Gloria Gatti CESPEC ORDINE AVVOCATI DI MILANO 3 novembre 2015 Il versamento del saldo prezzo Avv. Gloria Gatti 1 Misure urgenti in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e funzionamento

Dettagli

Seminario dott.ssa Silvia Cecchini del 4 marzo 2013 STRUMENTI GIURIDICI NELLE SOLUZIONI DELLE CRISI D IMPRESA

Seminario dott.ssa Silvia Cecchini del 4 marzo 2013 STRUMENTI GIURIDICI NELLE SOLUZIONI DELLE CRISI D IMPRESA Seminario dott.ssa Silvia Cecchini del 4 marzo 2013 STRUMENTI GIURIDICI NELLE SOLUZIONI DELLE CRISI D IMPRESA Normativa di riferimento modifiche -apportate dal legislatore al R.D.267/1942 (legge fallimentare

Dettagli

CRISI D IMPRESA, CONCORDATI E FALLIMENTO MASTER DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

CRISI D IMPRESA, CONCORDATI E FALLIMENTO MASTER DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE La Forum srl organizza per il periodo Maggio/Luglio 2014 CRISI D IMPRESA, CONCORDATI E FALLIMENTO MASTER DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE DIREZIONE SCIENTIFICA Cons. Fabrizio Di Marzio Magistrato

Dettagli

Tribunale di Vicenza, 11 marzo 2013. Presidente estensore Limitone. DECRETO

Tribunale di Vicenza, 11 marzo 2013. Presidente estensore Limitone. DECRETO Tribunale di Vicenza, 11 marzo 2013. Presidente estensore Limitone. DECRETO rilevato che con decreto del 13.12.2013 è stata dichiarata aperta la procedura di concordato preventivo della ditta Gino Cappozzo

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI NELLA RIFORMA DELLA LEGGE FALLIMENARE Sommario: - 1. La natura dell istituto e i presupporti. 1.1. La natura dell istituto. 1.2. Rapporto con il concordato preventivo.

Dettagli

NEWSLETTER N 7/12 DECRETO SVILUPPO: NUOVI STRUMENTI PER IL SUPERAMENTO DELLA CRISI D IMPRESA

NEWSLETTER N 7/12 DECRETO SVILUPPO: NUOVI STRUMENTI PER IL SUPERAMENTO DELLA CRISI D IMPRESA NEWSLETTER N 7/12 DECRETO SVILUPPO: NUOVI STRUMENTI PER IL SUPERAMENTO DELLA CRISI D IMPRESA Riferimenti: - D.L. 22 giugno 2012, n 83 (Decreto Sviluppo) convertito dalla legge 7 agosto 2012, n 134: art.33

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

2 a PARTE REDAZIONE DI UN PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO

2 a PARTE REDAZIONE DI UN PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO 2 a PARTE REDAZIONE DI UN PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO 1 TRIBUNALE DI VARESE FALLIMENTO SOCIETA R. F. N... PROGRAMMA DI LIQUIDAZIONE (art. 104 ter L.F.) GIUDICE DELEGATO: CURATORE:. SENTENZA DICHIARATIVA

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SUL CONCORDATO PREVENTIVO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SUL CONCORDATO PREVENTIVO INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIII CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SUL CONCORDATO PREVENTIVO Guida bibliografica... 3 1. Origini dell istituto.... 5 2. Il concordato preventivo

Dettagli

TOSCOGEN S.p.A. in liquidazione - in concordato preventivo con cessione di beni. Società del gruppo Toscana Gas

TOSCOGEN S.p.A. in liquidazione - in concordato preventivo con cessione di beni. Società del gruppo Toscana Gas TOSCOGEN S.p.A. in liquidazione - in concordato preventivo con cessione di beni Società del gruppo Toscana Gas con sede legale in Via Bellatalla n.1, fraz. Ospedaletto Pisa Capitale sociale 2.582.284 i.v.

Dettagli

SEMINARIO DI FORMAZIONE D ECCELLENZA IL NUOVO DIRITTO FALLIMENTARE E IL DIRITTO DELLA CRISI DI IMPRESA E DEL SOVRAINDEBITAMENTO

SEMINARIO DI FORMAZIONE D ECCELLENZA IL NUOVO DIRITTO FALLIMENTARE E IL DIRITTO DELLA CRISI DI IMPRESA E DEL SOVRAINDEBITAMENTO SEMINARIO DI FORMAZIONE D ECCELLENZA IL NUOVO DIRITTO FALLIMENTARE E IL DIRITTO DELLA CRISI DI IMPRESA E DEL SOVRAINDEBITAMENTO Ottobre - Dicembre 2013 Il Seminario offre un ampia panoramica della procedura

Dettagli

*** L art. 182 l. fall., infatti, dispone quanto segue:

*** L art. 182 l. fall., infatti, dispone quanto segue: Quesito n. 299-2013/I-E - trasferimento posto in essere dal liquidatore di un concordato preventivo e normativa sulla conformità catastale, urbanistica ed edilizia Si pone i seguenti quesiti relativi all

Dettagli

GIOVANI CURATORI. 12 48 ore

GIOVANI CURATORI. 12 48 ore Titolo del corso GIOVANI CURATORI Obiettivo del corso Il Corso per Giovani Curatori si propone di fornire ai partecipanti tutti gli strumenti tecnici e pratici per svolgere al meglio l incarico di Curatore

Dettagli

seconda edizione sede dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Verona Verona, Via Tezone n. 5 gennaio aprile 2014

seconda edizione sede dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Verona Verona, Via Tezone n. 5 gennaio aprile 2014 seconda edizione sede dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Verona Verona, Via Tezone n. 5 gennaio aprile 2014 Ordine degli Avvocati di Verona E un corso promosso dagli Ordini

Dettagli

RISOLUZIONE N. 54/E. Oggetto: Istanza d interpello - Art. 87, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 917 del 1986 - Requisito dell ininterrotto possesso -

RISOLUZIONE N. 54/E. Oggetto: Istanza d interpello - Art. 87, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 917 del 1986 - Requisito dell ininterrotto possesso - RISOLUZIONE N. 54/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 20 febbraio 2008 Oggetto: Istanza d interpello - Art. 87, comma 1, lettera a), del D.P.R. n. 917 del 1986 - Requisito dell ininterrotto

Dettagli

GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA PROCEDURE CONCORSUALI

GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA PROCEDURE CONCORSUALI UNIPROF CONSORZIO Università degli Studi di Roma Tor Vergata O.D.C.E.C. di Roma Università di Roma Tor Vergata e Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma ha attivato, nell ambito

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAMI DI STATO DOTTORI COMMERCIALISTI II SESSIONE 2012 TEMI D ESAME

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAMI DI STATO DOTTORI COMMERCIALISTI II SESSIONE 2012 TEMI D ESAME La fusione: aspetti civilistici, contabili e fiscali. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAMI DI STATO DOTTORI COMMERCIALISTI II SESSIONE 2012 TEMI D ESAME PRIMA PROVA SCRITTA (20/11/2012) TEMA N. 1 (Tema

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA Concordato Preventivo n. 48/2014 Casa Generalizia dell Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio Fatebenefratelli

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA Concordato Preventivo n. 48/2014 Casa Generalizia dell Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio Fatebenefratelli Spett.le Roma, 10 agosto 2015 comunicazione via PEC/Raccomandata A.R. Rif.: Avviso ai creditori ex art. 171, II co., L.F. - Concordato preventivo n. 48/2014 - Casa Generalizia dell Ordine Ospedaliero di

Dettagli

INDICE UN DIRITTO PER LE IMPRESE IN CRISI PROFILI ATTUALI E ASPETTI PRATICI PARTE PRIMA CAPITOLO I FIGURE DI CONTINUITÀ DELL IMPRESA IN CRISI

INDICE UN DIRITTO PER LE IMPRESE IN CRISI PROFILI ATTUALI E ASPETTI PRATICI PARTE PRIMA CAPITOLO I FIGURE DI CONTINUITÀ DELL IMPRESA IN CRISI UN DIRITTO PER LE IMPRESE IN CRISI PROFILI ATTUALI E ASPETTI PRATICI Nota introduttiva... 3 PARTE PRIMA CAPITOLO I FIGURE DI CONTINUITÀ DELL IMPRESA IN CRISI Fabrizio Di Marzio INTRODUZIONE AL CONCORDATO

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 5

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 5 INDICE SOMMARIO Prefazione........................................................ pag. 5 Costituzione in mora del debitore 1. Lettera di convocazione per tentativo di definizione bonaria...» 21 2. Lettera

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN MATERIA DI RISCOSSIONE DEI TRIBUTI (codice )

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN MATERIA DI RISCOSSIONE DEI TRIBUTI (codice ) Programma corso Pag 1 di 6 Ministero dell economia e delle finanze Scuola superiore dell economia e delle finanze Dipartimento delle scienze Tributarie Destinatari: partecipanti Corso CORSO DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

TRIBUNALE DI FR SINON E ORDINE DI SERVIZIO IN DATA 1/12/08 ALLEGATO A Criteri di suddivisione delle materie tra i gruppi del settore civile

TRIBUNALE DI FR SINON E ORDINE DI SERVIZIO IN DATA 1/12/08 ALLEGATO A Criteri di suddivisione delle materie tra i gruppi del settore civile TRIBUNALE DI FR SINON E ORDINE DI SERVIZIO IN DATA 1/12/08 ALLEGATO A Criteri di suddivisione delle materie tra i gruppi del settore civile PRIMO GRUPPO Contratti atipici _1.43.101 Cessione di azienda

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI TORINO SESTA SEZIONE CIVILE FALLIMENTI. Fallimento n. 133/13: PLAISIR ITALIA s.r.l.

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI TORINO SESTA SEZIONE CIVILE FALLIMENTI. Fallimento n. 133/13: PLAISIR ITALIA s.r.l. TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI TORINO SESTA SEZIONE CIVILE FALLIMENTI Fallimento n. 133/13: PLAISIR ITALIA s.r.l. Presidente e Giudice Delegato: Dott.ssa Giovanna Carla DOMINICI Curatore: Dott.ssa Bianca

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile Unità Stralcio

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile Unità Stralcio Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile Unità Stralcio DECRETO n. 0903 AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DELLA MASSA PASSIVA DI CUI AL DECRETO LEGGE 30 DICEMBRE 2009,

Dettagli

Concordato preventivo

Concordato preventivo Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre CONCORDATO PREVENTIVO 63 CAPITOLO 4 Concordato preventivo SOMMARIO I. Chi può proporlo e a quali condizioni. 324 II. Schema generale della procedura... 330 III. Piano di

Dettagli

I nuovi privilegi ex D.l.98/2011 e le ulteriori criticità per il concordato preventivo e gli accordi di ristrutturazione

I nuovi privilegi ex D.l.98/2011 e le ulteriori criticità per il concordato preventivo e gli accordi di ristrutturazione Ordine dei Dottori Commercialisti ed esperti contabili Bergamo I nuovi privilegi ex D.l.98/2011 e le ulteriori criticità per il concordato preventivo e gli accordi di ristrutturazione Bergamo, 5 dicembre

Dettagli

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA Società Cooperativa

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCOLARO LAURA Indirizzo VIA S. SEBASTIANO, 14 98122 MESSINA VIA G. MATTEOTTI, 17 98060 OLIVERI (ME) Telefono

Dettagli

Decisione N. 1789 del 25 marzo 2014

Decisione N. 1789 del 25 marzo 2014 COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) CARRIERO (NA) CONTE (NA) PATRONI GRIFFI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) RUSSO Membro designato

Dettagli

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione (Tribunale di Bari, G.E. dott. N.Magaletti, ord. del 18.11.2013) MUTUO FONDIARIO CONCORDATO PREVENTIVO DIVIETO AZIONI ESECUTIVE La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione di Walter

Dettagli

Allegato A. (ai sensi dell articolo 4, comma 3 del CCNL Regioni enti locali del 5 ottobre 2001)

Allegato A. (ai sensi dell articolo 4, comma 3 del CCNL Regioni enti locali del 5 ottobre 2001) Allegato A REGOLAMENTO RECUPERO EVASIONE ICI DEL PERIODO 1998/2001 RELATIVO A OMESSI E PARZIALI VERSAMENTI, RETTIFICHE D UFFICIO ED OMESSE DICHIARAZIONI PER AREE FABBRICABILI. (ai sensi dell articolo 4,

Dettagli

La prededuzione può essere riconosciuta ai professionisti del concordato solo nell'eventuale successivo fallimento

La prededuzione può essere riconosciuta ai professionisti del concordato solo nell'eventuale successivo fallimento La prededuzione può essere riconosciuta ai professionisti del concordato solo nell'eventuale successivo fallimento Tribunale di Vicenza, 11 marzo 2014. Presidente estensore Limitone. riserva Finanziam

Dettagli

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.)

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) COSTITUZIONE AMMINISTRAZIONE EFFICACIA OPPONIBILITA REVOCATORIA CESSAZIONE REGIME FISCALE DOTT.SSA ALESSANDRA DE LEONARDIS OBIETTIVI DEL FONDO CONCETTO DI FAMIGLIA

Dettagli

INTRODUZIONE di Sido Bonfatti 13. PARTE PRIMA La composizione negoziale delle crisi d'impresa

INTRODUZIONE di Sido Bonfatti 13. PARTE PRIMA La composizione negoziale delle crisi d'impresa INTRODUZIONE INTRODUZIONE di Sido Bonfatti 13 ANALISI PARTE PRIMA La composizione negoziale delle crisi d'impresa CAPITOLO 1 LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO DI RISTRUTTURAZIONE AZIENDALE NELLE PROCEDURE DI

Dettagli

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XV Introduzione...» XXIII

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XV Introduzione...» XXIII INDICE - SOMMARIO Prefazione... pag. XV Introduzione...» XXIII CAPITOLO I: La riforma della riscossione 1. La riforma della riscossione... pag. 1 2. L agente della riscossione: Riscossione s.p.a. ed il

Dettagli

CORSO PER GIOVANI CURATORI FALLIMENTARI

CORSO PER GIOVANI CURATORI FALLIMENTARI in collaborazione con e con il patrocinio di CORSO PER GIOVANI CURATORI FALLIMENTARI L obiettivo del corso è quello di formare a 360 i giovani commercialisti, giovani avvocati e tirocinanti, che aspirano

Dettagli

Concordato preventivo e crediti prededucibili

Concordato preventivo e crediti prededucibili PAOLO MENTI Associato di diritto commerciale nella Università di Padova Concordato preventivo e crediti prededucibili traccia della relazione svolta nella 1ª giornata del CONVEGNO DI DIRITTO FALLIMENTARE

Dettagli

Il Tribunale di Udine, sezione civile, DECRETO

Il Tribunale di Udine, sezione civile, DECRETO Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati dott. Alessandra Bottan Griselli dott. Francesco Venier Presidente; Giudice dott. Mimma Grisafi Giudice

Dettagli

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo 3/2009 Il Caso La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo IN BREVE La Cassazione è intervenuta per la prima volta sulla disciplina del concordato preventivo, di recente

Dettagli

LE VENDITE FALLIMENTARI E NEL CONCORDATO PREVENTIVO CON CESSIONE DI BENI

LE VENDITE FALLIMENTARI E NEL CONCORDATO PREVENTIVO CON CESSIONE DI BENI 1 LE VENDITE FALLIMENTARI E NEL CONCORDATO PREVENTIVO CON CESSIONE DI BENI Vendite fallimentari 2 Ante riforma (16.7.2006), solo vendite secondo il c.p.c.; vendite con incanto e vendite senza incanto;

Dettagli

TRACCE TEMI ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA

TRACCE TEMI ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA TRACCE TEMI ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA 2013 II^ SESSIONE PRIMA PROVA Tema n. 1 Il candidato dopo aver sinteticamente illustrato le motivazioni economiche che sovrintendono ad una operazione

Dettagli

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE DAL DECRETO SVILUPPO BIS (DECRETO-LEGGE 18 OTTOBRE 2012 N. 179)

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE DAL DECRETO SVILUPPO BIS (DECRETO-LEGGE 18 OTTOBRE 2012 N. 179) Senni Boero Galli & Partners l a w f i r m SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE DAL DECRETO SVILUPPO BIS (DECRETO-LEGGE 18 OTTOBRE 2012 N. 179) 1. Oggetto della modifica Definizione di sovraindebitamento.

Dettagli

TRIBUNALE DI SALERNO

TRIBUNALE DI SALERNO AVV. GIOVANNI NOSCHESE patrocinante in cassazione 84134 Salerno Via Ernesto Farina, 4 tel 089.2592.384 fax 089.791.304 00136 Roma Via Cipro, 46 tel. e fax 06.3972.0251 CONCORDATOPUMAFARM@PEC.IT TRIBUNALE

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO ANALISI DI DUE CASE STUDY

RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO ANALISI DI DUE CASE STUDY RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO ANALISI DI DUE CASE STUDY Milano, 21 settembre 2013 A cura dell Avv. Antonio Azzarà Strumenti per la gestione della crisi: generale Le ristrutturazioni sono realizzate principalmente

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi Premessa. La pendenza della procedura di concordato preventivo non produce uno spossessamento del debitore ma soltanto una limitazione dei suoi poteri. Tale limitazione

Dettagli

Assemblea dei portatori delle obbligazioni del prestito obbligazionario Arkimedica 2007-2012 convertibile 5%

Assemblea dei portatori delle obbligazioni del prestito obbligazionario Arkimedica 2007-2012 convertibile 5% Assemblea dei portatori delle obbligazioni del prestito obbligazionario Arkimedica 2007-2012 convertibile 5% Relazione del Rappresentante Comune degli Obbligazionisti Signori Obbligazionisti, siete stati

Dettagli

LA FIDEIUSSIONE ESCUSSA È UN RAPPORTO PENDENTE AI SENSI DELL ART. 169BIS L.F.? di LUCIANA CIPOLLA

LA FIDEIUSSIONE ESCUSSA È UN RAPPORTO PENDENTE AI SENSI DELL ART. 169BIS L.F.? di LUCIANA CIPOLLA LA FIDEIUSSIONE ESCUSSA È UN RAPPORTO PENDENTE AI SENSI DELL ART. 169BIS L.F.? di LUCIANA CIPOLLA SOMMARIO: 1. La massima - 2. Il caso - 3. La questione - 4. Soluzioni giuridiche 5 Osservazioni. 1. La

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA CANCELLERIA DEI FALLIMENTI. Fallimento N. 103/99 MUNDICI ARREDAMENTI S.N.C., di MUNDICI

TRIBUNALE DI MODENA CANCELLERIA DEI FALLIMENTI. Fallimento N. 103/99 MUNDICI ARREDAMENTI S.N.C., di MUNDICI TRIBUNALE DI MODENA CANCELLERIA DEI FALLIMENTI Fallimento N. 103/99 MUNDICI ARREDAMENTI S.N.C., di MUNDICI ROMANO, e MUNDICI SILVANO, nonché dei soci Mundici Romano e Mundici Silvano Giudice Delegato:

Dettagli

IL PARERE DELL AGENZIA

IL PARERE DELL AGENZIA La transazione fiscale nella legge fallimentare IL PARERE DELL AGENZIA Presupposto oggettivo L art. 182-ter della legge fallimentare individua i crediti suscettibili di transazione fiscale in base alla

Dettagli

Il Concordato fallimentare

Il Concordato fallimentare Dottore Commercialista - Revisore legale E mail: stefano.tonelato@studiotonelato.it Sito internet: www.studiotonelato.it Iscritto all Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Verona, Sez.

Dettagli

Indice La Chiusura Della Procedura Fallimentare ------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice La Chiusura Della Procedura Fallimentare ------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO FALLIMENTARE LEZIONE IX LA CHIUSURA DELLA PROCEDURA FALLIMENTARE E L ESDEBITAZIONE PROF. SIMONE LABONIA Indice 1 La Chiusura Della Procedura Fallimentare -------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N MUTUO CHIROGRAFARIO AGRI BCC

FOGLIO INFORMATIVO N MUTUO CHIROGRAFARIO AGRI BCC FOGLIO INFORMATIVO N MUTUO CHIROGRAFARIO AGRI BCC INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Buonabitacolo Soc. Coop. Sede legale in Buonabitacolo,via S.Francesco Tel.: 0975-91541/2 Fax:

Dettagli

Master breve in diritto fallimentare e nuovi strumenti per la gestione della crisi d'impresa

Master breve in diritto fallimentare e nuovi strumenti per la gestione della crisi d'impresa Master breve in diritto fallimentare e nuovi strumenti per la gestione della crisi d'impresa Aggiornato al d.l. 83/2015 (c.d. decreto fallimenti) Vicenza dal 19 febbraio al 18 marzo 2016 Palazzo delle

Dettagli

COMPAGNIA TIRRENA DI ASSICURAZIONI S.p.A. in liquidazione coatta amministrativa PIANO DI RIPARTO PARZIALE RELAZIONE INTRODUTTIVA

COMPAGNIA TIRRENA DI ASSICURAZIONI S.p.A. in liquidazione coatta amministrativa PIANO DI RIPARTO PARZIALE RELAZIONE INTRODUTTIVA COMPAGNIA TIRRENA DI ASSICURAZIONI S.p.A. in liquidazione coatta amministrativa PIANO DI RIPARTO PARZIALE RELAZIONE INTRODUTTIVA Il presente piano di riparto è stato predisposto a seguito di ricognizione

Dettagli

IL PAGAMENTO DEL CREDITO PER L IVA DI RIVALSA NEL CONCORDATO PREVENTIVO

IL PAGAMENTO DEL CREDITO PER L IVA DI RIVALSA NEL CONCORDATO PREVENTIVO IL PAGAMENTO DEL CREDITO PER L IVA DI RIVALSA NEL CONCORDATO PREVENTIVO di Antonello Fabbro (Tribunale di Treviso) Gli artt. 2758 comma 2 e 2772, co. 3, del codice civile prevedono il privilegio speciale,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO. "IBL BANCA S.p.A. 27/11/2014 27/11/2019 T.F. Subordinate Tier II"" Istituto Bancario del Lavoro S.p.A.

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO. IBL BANCA S.p.A. 27/11/2014 27/11/2019 T.F. Subordinate Tier II Istituto Bancario del Lavoro S.p.A. REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO "IBL BANCA S.p.A. 27/11/2014 27/11/2019 T.F. Subordinate Tier II"" Istituto Bancario del Lavoro S.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Via di Campo Marzio, 46-00186

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO FARMACIE BT (breve termine) Aggiornato al 29/10/2015 PER CLIENTI NON CONSUMATORI

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO FARMACIE BT (breve termine) Aggiornato al 29/10/2015 PER CLIENTI NON CONSUMATORI FOGLIO INFORMATIVO MUTUO FARMACIE BT (breve termine) Aggiornato al 29/10/2015 PER CLIENTI NON CONSUMATORI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA IFIS S.P.A. Sede Legale: via Terraglio 63-30174 Venezia Mestre Direzione

Dettagli

Le novità in materia di finanza interinale e concordato preventivo

Le novità in materia di finanza interinale e concordato preventivo Le novità in materia di finanza interinale e concordato preventivo Autore: Cristian Fischetti Categoria News: Fallimento e procedure concorsuali L ennesima mini riforma del diritto fallimentare ha visto

Dettagli

COMUNE DI RIESI. (Provincia di Caltanissetta) REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI. Articoli del Regolamento

COMUNE DI RIESI. (Provincia di Caltanissetta) REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI. Articoli del Regolamento COMUNE DI RIESI (Provincia di Caltanissetta) REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI Articoli del Regolamento Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art.

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 346 del 2L 12.2015 OGGETTO: FALLIMENTO DELLA SOC. FORMIA SERVIZI SPA - INCARICO ATTIVITÀ DUEDILIGENCE CONCORDATO FALLIMENTARE.

Dettagli

parmalat finanziaria spa in Amministrazione Straordinaria

parmalat finanziaria spa in Amministrazione Straordinaria Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 815.669.721 PARMALAT VERSO IL CONCORDATO: LA STRUTTURA LEGALE, LA NUOVA CORPORATE GOVERNANCE, IL CONSULENTE FINANZIARIO Parmalat Finanziaria S.p.A. in amministrazione

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Tributi - Contenzioso SETTORE : Licheri Sandra. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 31/12/2015. in data

COMUNE DI SESTU. Tributi - Contenzioso SETTORE : Licheri Sandra. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 31/12/2015. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Tributi - Contenzioso Licheri Sandra DETERMINAZIONE N. in data 2287 31/12/2015 OGGETTO: Approvazione domanda di di Bricosarda Srl, promossa ai fallimentare. Accantonamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia

FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia INFORMAZIONI SUL CONFIDI CONFIDI IMPRESE TOSCANE Società Cooperativa di garanzia collettiva dei fidi

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO INTEKCAPITAL SPA. Sede legale Milano Foro Buonaparte n. 44 Capitale sociale EURO 34.427.356,00 Registro Imprese di Milano e Codice fiscale n. 13216310154 R.E.A. di Milano n. 1622441 Società con socio unico

Dettagli

Studio Galeotti Flori - Firenze. Dott. Stefano Berti

Studio Galeotti Flori - Firenze. Dott. Stefano Berti COMPIUTI NELL AMBITO DI PROCEDURE FALLIMENTARI ED I PROVVEDIMENTI DI AGGIUDICAZIONE, ANCHE IN SEDE DI SCIOGLIMENTO DI COMUNIONI; LA TASSAZIONE DEGLI EVENTUALI CONGUAGLI Firenze, 25 marzo 2015 1 IMPOSTA

Dettagli

Assenze dei dipendenti comunali (art. 21 Legge n. 69/2009) del mese di Gennaio 2011

Assenze dei dipendenti comunali (art. 21 Legge n. 69/2009) del mese di Gennaio 2011 del mese di Gennaio 2011 area unica 684 136 548 19,88% 80,12% 32 del mese di Febbraio 2011 area unica 684 97 587 14,18% 85,82% 32 del mese di Marzo 2011 area unica 768 95 673 12,37% 87,63% 32 del mese

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI 28.6.2013 di Giovanni Sandrini, Commercialista Sommario: 1. Premesse - 2. I finanziamenti nelle imprese in crisi - 3. I finanziamenti suddivisi

Dettagli

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA Pubblicità L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA PIANO ATTESTATO DI RISANAMENTO Il piano attestato di risanamento può essere pubblicato nel r.i. su richiesta del debitore. CONCORDATO PREVENTIVO

Dettagli