PRINCIPATO DI MONACO. A cura di: Ambasciata d'italia - PRINCIPATO DI MONACO. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRINCIPATO DI MONACO. A cura di: Ambasciata d'italia - PRINCIPATO DI MONACO. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri."

Transcript

1 A cura di: Ambasciata d'italia - Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese Con la collaborazione di: Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane - ICE Camere di Commercio italiane all'estero

2 INDICE PERCHE' Perchè Dati generali Dove investire Cosa veere OUTLOOK POLITICO Politica interna Relazioni internazionali OUTLOOK ECONOMICO Quadro macroeconomico Politica economica Iicatori macroeconomici Tasso di cambio Bilancia commerciale Saldi e riserve internazionali Investimenti - Stock Investimenti - Flussi Barriere tariffarie e non tariffarie COMPETITIVITA' E BUSINESS ENVIRONMENT Iici di Apertura al commercio internazionale ACCESSO AL CREDITO RISCHI Accesso al credito Rischi politici Rischi economici Rischi operativi RAPPORTI CON L'ITALIA Overview Scambi commerciali Investimenti con l'italia - Stock Investimenti con l'italia - Flussi Flussi turistici

3 PERCHE' PERCHÈ Vetrina sul moo Posizione geografica strategica e ambiente internazionale Rete di affari diversificata ed internazionale Qualità della vita, dei servizi e sicurezza sociale Presenza della comunità italiana Vetrina sul moo Il Principato di Monaco è una realtà cosmopolita, un luogo di incontro e di scambio, spazio globale e crocevia di nazioni. Inserita in un contesto internazionale di altissimo profilo, Monaco rappresenta un luogo ideale per la promozione e il lancio di nuovi prodotti. Posizione geografica strategica e ambiente internazionale dicembre 2014, abitanti. Il Principato di Monaco è, dopo la Citta del Vaticano, il secoo Stato più piccolo al moo. Situato sulla costa del Mar Ligure, 18 chilometri ad est Nizza e 14 km a sud-ovest di Ventimiglia, è molto vicino al confine italiano. La popolazione del Principato conta al 31 Rete di affari diversificata ed internazionale Il Principato di Monaco si caratterizza per la stabilità del suo quadro politico, istituzionale ed economico. La presenza di infrastrutture competitive, le molteplici attività legate alla finanza, una fiscalità leggera, la sicurezza di beni e delle persone, fanno di Monaco oltre che uno dei principali centri finanziari globali, una piattaforma strategica per un insediamento in Europa. Qualità della vita, dei servizi e sicurezza sociale Il Principato di Monaco è in grado offrire servizi pubblici e sanitari eccellenti, sicurezza interna e protezione civile, elementi che determinano una qualità della vita molto alta. Presenza della comunità italiana La presenza dell'italia e dell'italianità, è di forte impatto e rappresenta una speciale unicità. La comunità italiana residente nel Principato gode di grae prestigio ed è pienamente inserita nel contesto socio-economico. Molto diffusa è la conoscenza della lingua e della cultura italiana, fattori che reono il Principato un luogo particolarmente attraente per gli operatori italiani. Ultimo aggiornamento: 29/05/2015 DATI GENERALI Forma di stato Superficie Lingua Religione Moneta Monarchia costituzionale 1,97 km² francese, monegasco cattolica euro Ultimo aggiornamento: 28/05/2015 1

4 DOVE INVESTIRE Attività immobiliari Altri mezzi di trasporto (navi e imbarcazioni, locomotive e materiale rotabile, aeromobili e veicoli spaziali, mezzi militari) Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli Prodotti chimici Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici Attività immobiliari Investire nel mercato immobiliare del Principato di Monaco è da decenni considerato un interessante impiego del capitale, sia come investimento in generale, che come utilizzo del bene immobiliare ad uso residenza o secoa abitazione. Altri mezzi di trasporto (navi e imbarcazioni, locomotive e materiale rotabile, aeromobili e veicoli spaziali, mezzi militari) Il Principato di Monaco rappresenta la terza piazza dello shipping internazionale,dopo Lora e New York. Ad oggi sono presenti circa 30 società del settore, di cui il 40% italiane, con un incidenza del 5% circa sull'intero giro d'affari. Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli Le attività di import/expor nel settore alimentare, in particolare biologico, sono molto sviluppate. Monaco rappresenta un importante mercato di snodo verso i mercati internazionali. Prodotti chimici Il settore chimico è uno dei principali settori del tessuto produttivo monegasco. Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici Il settore farmaceutico, soprattutto dell'omeopatia, è molto sviluppato. Ultimo aggiornamento: 29/05/2015 2

5 COSA VENDERE Costruzioni Altri mezzi di trasporto (navi e imbarcazioni, locomotive e materiale rotabile, aeromobili e veicoli spaziali, mezzi militari) Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia) Prodotti alimentari Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi Costruzioni Il Principato di Monaco sta attuao nel corso di questi ultimi anni un vasto piano di riqualificazione urbanistica. Numerosi sono i progetti e le nuove costruzioni in corso di realizzazione, realizzati con materiali e forniture italiane di altissima qualità, come marmi, ardesie, laterizi, ceramiche, piastrelle, vetri, mobilio e arredamenti d interni. Altri mezzi di trasporto (navi e imbarcazioni, locomotive e materiale rotabile, aeromobili e veicoli spaziali, mezzi militari) La piazza di Monaco rappresenta un' importante opportunità per il Sistema Italia per quanto riguarda la veita di yacht e imbarcazioni di lusso. Il "Monaco Yacht Show", salone internazionale dedicato alla nautica da diporto di lusso, ospita ogni anno a settembre espositori italiani di altissimo livello. Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia) Il Principato di Monaco attribuisce grae importanza al settore della moda. Sono presenti i piu' grai marchi della moda italiana (Fei, Ferragamo, Prada, Gucci, Valentino etc.). Particolarmente apprezzata l' haute couture, la profumeria e la gioielleria. Nel cuore della città si trova il famoso Cercle d Or, che accoglie eleganti boutiques di lusso. Dalle stradine della città vecchia, dove i negozi espongono i loro oggetti-ricordo tipici, alle gallerie del Métropole, delle Allées Lumières, o del Centro Commerciale di Fontvieille, con le loro vetrine di prêt-à-porter, decorazione, pelletteria, articoli regalo. Prodotti alimentari L'agroalimentare rappresenta una grae opportunità per le aziee del settore. Monaco è conosciuta per essere una vetrina internazionale, una piattaforma internazionale per il lancio di prodotti sui mercati internazionali. Particolarmente apprezzati nel Principato sono gli eventi di promozione enogastronomica. Grae interesse riscuotono inoltre anche i prodotti biologici e artigianali di qualità. Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi Si tratta di una delle principali voci delle importazioni monegasche, che riguarda componentisca e forniture per autoveicoli. L'Italia è uno dei Paesi leader nella produzione di autoveicoli. Ultimo aggiornamento: 28/05/2015 3

6 OUTLOOK POLITICO POLITICA INTERNA Il potere legislativo viene esercitato dal Consiglio Nazionale, che legifera in accordo con il Principe Sovrano, il quale, a sua volta, esercita il potere esecutivo nominao direttamente il Ministre d État e i Conseillers de Gouvernement. La revisione degli Accordi bilaterali con la Francia avvenuta nel novembre 2005 ha causato profoe ripercussioni sul piano politico interno. Obiettivo di tali modifiche, quello di riaffermare l iipeenza e la piena sovranità del Principato, nonché di adeguare il sistema costituzionale agli staard del Consiglio d Europa. La più rilevante delle modifiche costituzionali è stata quella relativa alla successione al trono, prevista per via collaterale, affinchè il Principato potesse mantenere la propria autonomia e il proprio Stato. All Assemblea sono stati conferiti nuovi poteri in materia di politica estera e di iniziativa legislativa, prima riservata solo al Governo. La dialettica tra le componenti politiche del Conseil National (UPM, REM, UNAM) si mantiene in equilibrio in un gioco di ruoli tra soggetti schierati su posizioni abbastanza tradizionaliste, con sfumate differenze, con l importante riferimento comune, costituito dalla fedeltà al Principe. Negli ultimi anni si sono registrati segnali di risveglio nel dibattito politico con momenti di confronto tra le varie componenti istituzionali. Occorre rilevare inoltre che dall ascesa al trono del Principe Alberto II, si è registrato un progressivo ringiovanimento della classe politica e dirigenziale ed un graduale passaggio degli incarichi istituzionali di rilievo ai monegaschi. Monaco intrattiene relazioni diplomatiche con 121 Paesi e vari organismi internazionali. Dal 2 gennaio 2006, a seguito agli accordi franco-monegaschi, vengono elevati ad Ambasciate, gli allora Consolati Generali d Italia e Francia. Ultimo aggiornamento: 22/05/2015 RELAZIONI INTERNAZIONALI Il 18 marzo 2015 si è tenuta a Bruxelles la cerimonia di apertura dei negoziati con i tre Ministri degli Esteri di Aorra, San Marino e Monaco, per la conclusione di uno o piu accordi di Associazione con l'unione Europea. Questa tappa è frutto di un lungo percorso iniziato nel 2009 con il Trattato di Lisbona, che all art.8 invitava l Unione Europea a rinforzare i legami con i Paesi terzi dell UE. Con la definizione di uno o più accordi, sarà garantita la partecipazione dei tre microstati al mercato unico e le restrizioni che oggi limitano il loro agire nei più diversi settori saranno ridimensionate. Il rafforzamento dei legami economici con i tre Paesi potrebbe avere un ruolo determinante nella ripresa economica sostenibile in Europa nell ambito della Strategia Europa 2020, soprattutto in termini di crescita d impiego, scambi commerciali e investimenti nelle regioni della UE limitrofe a questi paesi. La politica estera del Principato è largamente ispirata alle strette ed articolate relazioni con la Francia, regolate da specifici accordi, che concernono le questioni politiche e le relazioni economico-finanziarie. Il Principato di Monaco è allineato sulle posizioni dell Unione Europea e l acquis comunitario costituisce il suo principale riferimento legislativo. Membro ONU dal 28 maggio del 1993, Monaco è impegnata nel raggiungimento degli obiettivi del millennio per lo sviluppo. La partecipazione a numerose conferenze internazionali, l'adesione ai molteplici organismi internazionali, in particolare quelli intergovernativi di cooperazione scientifica e tecnologica, nonché agenzie specializzate dell'onu (UIT, OMS,UNESCO,UPU,AIEA,OMPI, OACI, OMI,OIAC,OMM,CTBTO,OMT E FAO), e la firma di molte convenzioni bilaterali reono sempre piu' importante la presenza di Monaco a livello internazionale. L'azione del Principato è orientata principalmente verso i Paesi del Mediterraneo, il settore della cooperazione allo sviluppo con progetti prioritari in Africa, le politiche a tutela dell ambiente, degli oceani e a tutela delle specie protette, nonché gli eventi legati allo sport internazionale. Ultimo aggiornamento: 26/05/2015 4

7 OUTLOOK ECONOMICO QUADRO MACROECONOMICO Le ridotte dimensioni del territorio e la collocazione all interno dell area doganale francese non fanno rientrare il Principato di Monaco negli ordinari parametri economici, molti dei quali non sono pertanto rilevabili. Secoo i dati pubblicati dall IMSEE[1] a gennaio 2015, nel 2013 il prodotto interno lordo monegasco è salito al 9,3%, in forte ripresa rispetto al 2012, anno in cui aveva raggiunto l 1,2%. Il reddito pro-capite nominale per dipeente è salito a euro, con un aumento del 6,8% rispetto al Quanto al 2014, gli ultimi disponibili, evidenziano nel complesso il buon aamento dell economia monegasca, attualmente in una delicata fase di trasformazione, soprattutto per quanto riguarda il settore iustriale. E' importante notare che Monaco, nonostante sia un piccolo stato, rappresenta il bacino d impiego più dinamico del sud dell Europa, con circa imprese. A tale proposito sarà determinante il negoziato già avviato, per la conclusione di un possibile accordo di Associazione con l'unione Europea, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti di carattere economico-commerciale. Tra i settori in crescita figurano quello dell' occupazione, il commercio con l estero e il settore immobiliare, a fronte di un calo registrato nel settore turistico e del commercio all ingrosso. Il fatturato complessivo delle imprese, escluse le attività finanziarie e assicurative, vede comunque al primo posto il commercio all ingrosso, seguito dal commercio al dettaglio, dalle attività tecniche e scientifiche e servizi amministrativi. Tra i settori in maggiore difficoltà figurano le costruzioni (-21,4%) e l iustria (- 9,9%). In particolare il settore dell occupazione ha mostrato una crescita del 3,8%, con posti di lavoro in piu a fine 2014, distribuiti prevalentemente nel settore delle attività tecniche e scientifiche e servizi amministrativi. [1] Institute Monégasque de la Statistique et des Études Économiques Ultimo aggiornamento: 04/06/2015 POLITICA ECONOMICA L economia di Monaco ha subito innovazioni strutturali, con profoe modifiche a livello di ordinamento legislativo, tali da reere il Principato un polo bancario e finanziario riconosciuto a livello internazionale. Il principio generale della fiscalità monegasca è l assenza di imposizione diretta per i redditi delle persone fisiche monegasche e per i residenti nel Principato, ad eccezione dei cittadini francesi. Monaco dispone di una fiscalité douce, articolata su diversi tipi di tassazioni, tra cui l imposta sugli utili (ISB) del 33,33% a carico delle imprese che esercitano un'attività iustriale o commerciale e che realizzano più del 25% del loro fatturato al di fuori di Monaco, i diritti di registro, e l'imposta sul Valore Aggiunto (TVA), con aliquote corrispoenti a quelle francesi. Da lato dei conti pubblici, occorre segnalare che grazie all'adozione da parte del Governo monegasco di efficaci politiche economiche, a fine 2014 le entrate statali sono state pari a 1.114,4 milioni di euro, con un incremento del 17,6% rispetto all'anno precedente. Tali proventi sono derivati dall'iva, dai diritti per le transazioni immobiliari, dai monopoli, dai dividei di Monaco Telecom e dal lavoro delle società che contribuiscono alla crescita del Paese. Si rileva che negli ultimi tre anni, il Governo monegasco ha applicato una severa politica di tagli alle spese, senza ridurre pero in alcun modo gli investimenti per la realizzazione di progetti, parcheggi, nuovi appartamenti, infrastrutture, etc. Il Principato inoltre non ha debito sovrano e può contare su un Foo Costituzionale di Riserva (FRC), costituitosi grazie alle eccedenze di bilancio accumulatesi dal secoo dopoguerra. Cospicui introiti provengono allo Stato anche dall'attività del Casinò (di proprietà dello stesso dal 1967), dalle emissioni filateliche e dalle concessioni riguardanti l'emittente radiotelevisiva locale. La presenza dello stato nell economia si concretizza attraverso la proprietà dell aziea semi-pubblica Société des Bains de Mer (SBM), che detiene la maggior parte degli alberghi del Principato, del Casinò, del Teatro dell'opera e dei circoli più eleganti nonché le rilevanti proprietà del Tesoro e della Casa del Principe, composte da immobili e partecipazioni azionarie in importanti istituti finanziari monegaschi e non. Anche lo Yacht Club di Monaco è a partecipazione statale.occorre segnalare gli importanti progressi compiuti da Monaco nel processo di attuazione degli staard internazionali in materia di trasparenza fiscale. A tale riguardo di segnala che il Principato di Monaco ha firmato il 13 ottobre 2014 la Convenzione multilaterale sulla mutua assistenza amministrativa in materia fiscale dell'o.c.s.e. L accordo, che prevede tutte le forme di reciproca assistenza intergovernativa in materia tributaria, dallo scambio di informazioni, alle verifiche fiscali all'estero, fino alla riscossione delle tasse, rafforza maggiormente la collaborazione internazionale in materia fiscale. Da notare che il sistema bancario monegasco ha accelerato il processo di autoregolamentazione e controllo dei conti privati, finalizzato ad incrementare la trasparenza del settore bancario nella sua totalità. Monaco, che ha già sottoscritto 32 accordi bilaterali in materia di scambio di informazioni fiscali, partecipa inoltre, da numerosi anni, ai vari organismi internazionali in materia di trasparenza fiscale e di lotta contro il riciclaggio, finanziamento del terrorismo e lotta alla corruzione, come il Global Tax Forum dell'ocse, il Gafi, il Moneyval e la Greco. Il Principato si è dotato altresi' di una cellula d'informazione finanziaria (S.I.C.C.FIN), ossia un Servizio d'informazione e controllo sui circuiti finanziari. Il settore bancario e finanziario si basa sull'attività di circa 40 banche a 50 società di gestione, con un totale di risorse gestite pari a circa 100 miliardi di euro. Gli Istituti di credito monegaschi, sono principalmente filiali e agenzie di grai gruppi bancari internazionali, mentre le società di gestione si sono sviluppate maggiormente a seguito dell'arrivo dei gestori di hedge fus o di imprese specializzate in transazioni borsistiche. L'intera attività bancaria è sotto il controllo della Banque de France. 5

8 Ultimo aggiornamento: 20/05/2015 6

9 INDICATORI MACROECONOMICI PIL Nominale (mln ) Variazione del PIL reale (%) 3,23 6,6 1,2 9,3 Popolazione (mln) 0,04 Inflazione (%) 1,5 1,9 Variazione del volume delle importazioni di beni e servizi (%) 37,4 Fonte: Fonte: IMSEE 2014: Reddito per impiegato a prezzi correnti: euro ; Popolazione al = (censimento 2008) Ultimo aggiornamento: 20/05/2015 TASSO DI CAMBIO Controlla il cambio giornaliero sul sito di Banca d'italia 7

10 BILANCIA COMMERCIALE EXPORT Export Previsioni di crescita 2015 Previsioni di crescita 2016 Totale 695,6 mln ,3 mln ,6 mln. % % PRINCIPALI DESTINATARI 2012 (mln. ) 2013 (mln. ) 2014 (mln. ) ITALIA 82,9 ITALIA 135,5 SVIZZERA 185,2 REGNO UNITO 58 GERMANIA 122 ITALIA 106,4 GERMANIA 51,3 SVIZZERA 112,2 GERMANIA 105,2 Italia Position: Italia Position: Italia Position: 8

11 IMPORT Import Previsioni di crescita 2015 Previsioni di crescita 2016 Totale 760,8 mln ,8 mln ,8 mln. % % PRINCIPALI FORNITORI 2012 (mln. ) 2013 (mln. ) 2014 (mln. ) ITALIA 212,2 ITALIA 278 ITALIA 291,3 CINA 85,4 REGNO UNITO 124,9 REGNO UNITO 127,9 REGNO UNITO 77 CINA 75,4 GERMANIA 66 Italia Posizione: Italia Posizione: Italia Posizione: OSSERVAZIONI Il commercio estero rappresenta un settore chiave per il Principato di Monaco, che rientra nel territorio doganale comunitario dal 1968, a seguito alla Convenzione Doganale sottoscritta nel 1963 tra il Principato stesso e la Francia.Le autorità francesi sono responsabili dei controlli doganali e dello sdoganamento, nonché della riscossione dei dazi doganali per conto di Monaco, che fa riferimento al diritto doganale dell'unione Europea. Nel caso di scambi commerciali tra Monaco e gli Stati membri dell Unione Europea non sono previste dichiarazioni doganali. L IVA, che viene riscossa a Monaco corrispoe alla stessa aliquota prevista nel territorio francese: esiste un unico conto su cui confluisce l IVA riscossa in Francia e a Monaco (Regime IVA Europeo). Le merci beneficiano della libera circolazione delle merci all'interno dell'ue. Dopo l ottima performance registrata nel 2013, è proseguito anche nel 2014 il tre di crescita del commercio estero monegasco. In particolare secoo gli ultimi dati provvisori diffusi dall IMSEE, le esportazioni hanno raggiunto nel 2014 quota 1.141,6 milioni di euro, faceo registrare un incremento del 3,9% rispetto all anno precedente, a differenza delle importazioni che sono ammontate a 1.061,8 milioni di euro, con un calo del 2,7%. Il surplus della bilancia commerciale è passato da 13,5 a 79 milioni di euro. L Unione Europea si conferma il primo partner commerciale di Monaco, con il 54% degli scambi commerciali complessivi, e un saldo commerciale negativo di 27 milioni di euro. Nel 2014 i primi tre partner commerciali di Monaco sono stati: l Italia, la Svizzera e il Regno Unito. I primi tre Paesi fornitori sono risultati: Italia, Regno Unito, e Germania, mentre i primi tre Paesi acquirenti sono stati Svizzera, Italia e Germania. A dominare l export monegasco, prodotti iustriali, apparati elettrici, elettronici e informatici, materiali per il trasporto, e prodotti alimentari, bevae e tabacco, mentre le importazioni riguardano prodotti iustriali, materiali per il trasporto, apparati elettrici, elettronici e informatici, prodotti alimentari, bevae e tabacco. 9

12 SALDI E RISERVE INTERNAZIONALI Saldo commerciale (Exp. - Imp.) (mln. ) 12,05 Fonte: Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati EIU Ultimo aggiornamento: 21/02/

13 INVESTIMENTI - STOCK 11

14 OSSERVAZIONI 12

15 INVESTIMENTI - FLUSSI 13

16 OSSERVAZIONI 14

17 BARRIERE TARIFFARIE E NON TARIFFARIE Market Access Database della Commissione Europea 15

18 INDICI DI APERTURA AL COMMERCIO INTERNAZIONALE COMPETITIVITA' E BUSINESS ENVIRONMENT Valore (%) Valore (%) Peso % del commercio sul PIL 28,3 28,1 Fonte: Elaborazioni Ambasciata italiana nel Principato di Monaco Ultimo aggiornamento: 07/03/

19 ACCESSO AL CREDITO ACCESSO AL CREDITO Non ci sono osservazioni da formulare sull'argomento Ultimo aggiornamento: 20/05/

20 RISCHI RISCHI POLITICI Non si evidenziano particolari rischi politici Non si evidenziano particolari rischi politici Ultimo aggiornamento: 19/04/

21 RISCHI ECONOMICI Non si evidenziano particolari rischi economici Non si evidenziano particolari rischi economici Ultimo aggiornamento: 19/04/2013 RISCHI OPERATIVI Non si evidenziano particolari rischi operativi Non si evidenziano particolari rischi operativi Ultimo aggiornamento: 19/04/

22 RAPPORTI CON L'ITALIA OVERVIEW Le relazioni commerciali bilaterali sono intense. Monaco rappresenta un mercato di snodo foamentale dei prodotti italiani sui mercati internazionali. Punto di forza dell Italia nel Principato di Monaco è la comunità Italiana residente, che gode di grae prestigio ed è pienamente inserita nel settore istituzionale, sociale, culturale ed economico. L Italia si conferma nel 2014 il primo partner commerciale di Monaco, seguita da Svizzera e Regno Unito. Una parte consistente dell export italiano si concentra in particolare nei settori della cantieristica navale (nautica da diporto), enogastronomia, design, innovazione tecnologica e del lusso. Numerose sono le aziee italiane che operano nel tessuto economico monegasco. Al 16 aprile 2015 risultavano iscritte nel Registro delle imprese di Monaco società gestite da italiani, di cui 546 S.r.L. (fonte IMSEE), attive prevalentemente nei settori: farmaceutico, alberghiero, ristorazione, immobiliare, costruzione, cantieristica navale, servizi di intermediazione e trading internazionale, enogastronomia, sport, design, moda, arte e automobilismo. Tra queste si segnala: il Gruppo Es-Ko (progetti di cooperazione, logistica, fornitura equipaggiamenti e approvvigionamenti alimentari, assistenza a forze di pace, strutture e contingenti ONU e NATO), il Gruppo Ferrero (settore dolciario) presente a Monaco con la Soremartec (ricerca) la Silversea Cruises (crociere di lusso), il Gruppo Marzocco e la ENGECO (costruzione) il Gruppo Giraudi, (distribuzione carne e ristorazione), la Frimo (alimentare), Risso&Cambiaso, la V Ships, e la D Amico Ship (marittimo), le Assicurazioni Generali (assicurativo). Quanto al settore bancario, si registra la presenza di alcuni istituti connessi al sistema italiano, che operano sia direttamente, che tramite partecipazioni in istituzioni finanziarie di diritto monegasco. Tra queste la Compagnie Monégasque de Banque (CMB) (Mediobanca), foata nel 1976 su iniziativa della Banca Commerciale Italiana, la Banca Martin Maurel Sella, e la Banca Popolare di Sorio. Ultimo aggiornamento: 21/05/

23 SCAMBI COMMERCIALI EXPORT ITALIANO VERSO IL PAESE: Export italiano verso il paese: Totale 212,2 mln. 278 mln. 291,3 mln. mln. mln. 21

24 IMPORT ITALIANO DAL PAESE: Import italiano dal paese: Totale 82,9 mln. 135,5 mln. 106,4 mln. mln. mln. OSSERVAZIONI Nel 2014 l'italia si riconferma il primo partner commerciale di Monaco, seguita da Svizzera e Regno Unito, primo Paese fornitore e secoo Paese acquirente. L'ammontare dell''interscambio commerciale è stato pari a 397,7 milioni di euro. In particolare le esportazioni (+ 4,7% rispetto al 2013) e le importazioni i(-21,5% rispetto al 2013) sono ammontate rispettivamente a 291,3 (27,4% del totale) e 106,4 milioni di euro (9,3% del totale). Nel 2014 l Italia ha esportato nel Principato di Monaco principalmente: - prodotti tessili, articoli di abbigliamento, cuoio e calzature; - materiali trasporto (componentistica e materiali autoveicoli, navi e imbarcazioni); - prodotti in gomma, plastica e altri prodotti minerali non metallici; - cibo, bevae e prodotti a base di tabacco; - manufatti vari. Nel 2014 l Italia ha importato dal Principato di Monaco principalmente: - materiali trasporto (componentistica e materiali autoveicoli); - prodotti dell iustria chimica; - prodotti agricoli, della pesca e silvicoltura; - cibo, bevae e tabacco; - prodotti tessili, abbigliamento e cuoio e calzature; - prodotti informatici, elettronici e ottici; - manufatti vari 22

25 INVESTIMENTI CON L'ITALIA - STOCK 23

26 OSSERVAZIONI 24

27 INVESTIMENTI CON L'ITALIA - FLUSSI 25

28 OSSERVAZIONI 26

29 FLUSSI TURISTICI Il turismo è uno dei comparti trainanti dell'economia monegasca. Secoo gli ultimi dati ad oggi disponibili è cresciuto il numero dei turisti francesi (+17,89%), inglesi (+11,96%), italiani (+11,30%), americani (+10,01%), russi (+7,22%), tedeschi (5,31%) e svizzeri (4,15%). Buoni risultati anche per quanto riguarda il turismo d'affari, in virtu' dei numerosi convegni e conferenze internazionali, che si svolgono abitualmente nel Principato nel corso dell'anno. Tali eventi hanno comportato un sensibile aumento dei pernottamenti alberghieri in particolare tra giugno e settembre 2013, mesi in cui sono stati organizzati gli eventi Oréal, IMB, Ernst & Young, Fu Forum, Festival Internazionale della Televisione, Monaco Yatch Show, etc.. In tale periodo il settore alberghiero ha registrato una crescita del 7%, in linea con il tre positivo registrato nel 2011 (+4%), nel 2012 (+3,8%) e nel 2013 (+2,9%). In forte ascesa anche il turismo da crociera di livello premium e lusso (+96%). Nel 2013 il settore alberghiero ha registrato una crescita complessiva del 64,54% rispetto all'anno precedente. Non sono disponibili dati statistici sul flusso turistico outgoing. Occorre comunque rilevare la forte propensione a visitare il nostro Paese, in costante aumento grazie, oltre che alla vicinanza geografica, storica e culturale tra i due Paesi, anche ai numerosi eventi di promozione dell'italia, dedicati principalmente all'enogastronomia, alla moda e alla cultura, organizzati nel corso dell'anno, dall'ambasciata d'italia e dall'associazione Impreitori Italiani di Monaco, tra cui il "Montecarlo Food a Wine Festival", le degustazioni enogastronomiche promosse da Regioni italiane e le numerose iniziative inserite nell'ambito del Mese della Cultura e Lingua italiana, evento giunto alla sua IV Edizione. Ad accrescere l'interesse verso il nostro Paese anche altri eventi organizzati nel Principato, tra cui il Monaco Yatch Show, il Salone del Lusso e quello della Gastronomia, occasioni a cui partecipano aziee italiane esponeo l'eccellenza del "Made in Italy". Nel 2015 l'apertura dell' Expo di Milano rappresenterà un' importante occasione per richiamare in Italia flussi turistici provenienti dal Principato. Ultimo aggiornamento: 01/04/

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Capitolo 3. Confronto con altri paesi

Capitolo 3. Confronto con altri paesi Capitolo 3 Confronto con altri paesi Indice Sintesi introduttiva... 215 Tavola 3.1 Quadro di sintesi (anno 2006)... 216 Organizzazione... 217 Tavola 3.2 Sede centrale: strutture dirigenziali di primo

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Bergamo, 6 maggio 2013 GLI ADEMPIMENTI DOGANALI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE Dott.ssa

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014).

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014). COMUNICATO STAMPA ADRIATIC SEA FORUM: al via oggi a Dubrovnik la seconda edizione di Adriatic Sea Forum cruise, ferry, sail & yacht, evento internazionale itinerante dedicato ai settori del turismo via

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E. L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.) Milano, 25 marzo 2004 p. 1 L import-export dei diritti d autore

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Capitolo I - Campo di applicazione della Convenzione

Capitolo I - Campo di applicazione della Convenzione CONVENZIONE TRA LA REPUBBLICA D'ITALIA ED IL REGNO DI THAILANDIA PER EVITARE LE DOPPIE IMPOSIZIONI E PREVENIRE LE EVASIONI FISCALI IN MATERIA DI IMPOSTE SUL REDDITO 1. Il Governo della Repubblica d'italia

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Una guida per diportisti e operatori. nautica& FISCO REGIONE LIGURIA. a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria

Una guida per diportisti e operatori. nautica& FISCO REGIONE LIGURIA. a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria Una guida per diportisti e operatori REGIONE LIGURIA nautica& FISCO a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria UCINA nautica& FISCO Una guida per diportisti e operatori

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 17 aprile 2015 (OR. fr) Fascicolo interistituzionale: 2013/0025 (COD) 7768/15 ADD 1 REV 1 NOTA PUNTO "I/A" Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.5.2015 COM(2015) 262 final Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia e che formula un parere del Consiglio sul

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008 CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA IL SISTEMA CONFAPI Costituita nel 1947, Confapi è cresciuta insieme alla PMI italiana ed è oggi uno dei protagonisti della vita economica

Dettagli

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 -

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 - COMUNICATO STAMPA PRESENTAZIONE DI UN ECCEZIONALE INSIEME DI CREAZIONI DI JEAN PROUVÉ E DI UNA SELEZIONE DI GIOIELLI E OROLOGI DA COLLEZIONE CHE SARANNO PROPOSTI NELLE PROSSIME ASTE. - GIOVEDÌ 9 APRILE

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Direzione Cultura, Educazione e Gioventù 2015 01215/069 Servizio Promozione della città e Turismo CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Cultura, Educazione e Gioventù 2015 01215/069 Servizio Promozione della città e Turismo CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Cultura, Educazione e Gioventù 2015 01215/069 Servizio Promozione della città e Turismo CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 22 approvata il 23 marzo 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 20 marzo 2015 (OR. en) EUCO 11/15 CO EUR 1 CONCL 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Riunione del Consiglio

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli