FundLogic Alternatives p.l.c. (società d investimento multicomparto a capitale variabile con responsabilità separata tra comparti)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FundLogic Alternatives p.l.c. (società d investimento multicomparto a capitale variabile con responsabilità separata tra comparti)"

Transcript

1 FundLogic Alternatives p.l.c. (società d investimento multicomparto a capitale variabile con responsabilità separata tra comparti) Una società costituita come società a responsabilità limitata in forma di società di investimento aperta a capitale variabile secondo il diritto irlandese e registrata al numero PROSPETTO La data di questo Prospetto è il 18 febbraio 2014 Gli Amministratori di FundLogic Alternatives plc i cui nomi sono riportati in questo Prospetto si assumono la responsabilità delle informazioni in esso contenute. Per quanto a conoscenza degli Amministratori (che si sono assicurati con tutta la cura ragionevole che questo sia il caso) le informazioni contenute in questo documento corrispondono ai fatti e non ci sono omissioni che possano diminuirne l attendibilità. Il presente Prospetto dovrebbe essere letto congiuntamente ai Supplementi relativi ai Comparti della società. Gestore degli Investimenti Fundlogic SAS

2 FundLogic Alternatives plc L autorizzazione di FundLogic Alternatives plc (il Fondo) da parte della banca Centrale non è una garanzia della performance del Fondo e la Banca Centrale non sarà responsabile del successo o dell insuccesso nella realizzazione della performance da parte del Fondo. L applicazione di una commissione iniziale e/o di rimborso alla differenza tra il prezzo di emissione e quello di rimborso delle Azioni del relativo Comparto comporta che l investimento dovrebbe essere considerato come un investimento di medio/lungo termine. Il valore e il reddito derivante dalle Azioni del Fondo possono aumentare o diminuire e le somme investite nel Fondo possono non essere recuperate. Il presente Prospetto contiene le informazioni generali relative al Fondo. Le Azioni di ciascun comparto del Fondo (un Comparto ) sono descritte nei Supplementi al presente Prospetto. Prima di investire nel Fondo si consiglia di esaminare i rischi relativi a tale investimento. Si invita ad esaminare i Fattori di rischio relativi ad ogni Comparto descritti nei Supplementi. Per qualsiasi dubbio sul contenuto di questo Prospetto si invita a consultare il proprio broker, direttore di banca, avvocato, contabile o altro consulente finanziario di fiducia. La diffusione di questo Prospetto non è autorizzata in qualsiasi giurisdizione se esso non è corredato di una copia dell ultima relazione annuale con il bilancio certificato del Fondo e, se pubblicata in data successiva a tale relazione, di una copia della relazione semestrale più recente e del bilancio non certificato. Tali relazioni insieme a questo Prospetto costituiscono il prospetto relativo all emissione di Azioni del Fondo. Il Fondo è una società di investimento multicomparto a capitale variabile con responsabilità separata tra Comparti costituita il 28 aprile 2010 e autorizzata in Irlanda come organismo d investimento collettivo in valori mobiliari ai sensi del Regolamento delle Comunità Europee (Organismi di investimento collettivo in valori mobiliari) del 2011 (S.I. 352 del 2011) e successive modifiche. Tale autorizzazione non è un avallo o una garanzia del Fondo o dei relativi Comparti da parte della Banca Centrale, e la Banca Centrale non è responsabile del contenuto di questo Prospetto. Questo Prospetto non può essere utilizzato come offerta o sollecitazione d investimento nelle giurisdizioni o in circostanze nelle quali tale offerta o sollecitazione d investimento non sia ammessa per legge o non sia autorizzata. In particolare, le Azioni non sono state registrate ai sensi dello United States Securities Act del 1933 (e successive modifiche) e non possono essere offerte o vendute direttamente o indirettamente negli Stati Uniti d America o a Persone statunitensi, tranne che in transazioni ammesse dalle leggi statunitensi relative a operazioni su titoli. Il Fondo non sarà registrato ai sensi dello United States Investment Company Act del 1940 (e successive modifiche). Lo Statuto del Fondo conferisce agli Amministratori il potere di imporre restrizioni alla detenzione di Azioni da parte di (e di conseguenza di riacquistare Azioni detenute da), o di trasferire Azioni a qualsiasi persona (inclusa qualsiasi Persona statunitense) che sembri violare le leggi o le disposizioni di qualsiasi paese, o autorità governativa o qualsiasi persona o persone in circostanze che coinvolgano direttamente e/o indirettamente tale persona o tali persone, e considerate singolarmente o in associazione con qualsiasi altra persona, correlata o no, o in qualsiasi altra circostanza ritenuta pertinente dagli Amministratori, qualora gli Amministratori ritengano che ciò possa assoggettare il Fondo a qualsiasi obbligo fiscale o provocare un grave svantaggio pecuniario, regolamentare, legale o amministrativo rilevante del quale il Fondo non avrebbe dovuto altrimenti farsi carico. Lo Statuto consente inoltre agli Amministratori, se necessario, di riacquistare e cancellare Azioni (e loro frazioni) detenute da una persona che agisce o è ritenuta agire per conto di un Soggetto d Imposta Irlandese qualora si verifichi un evento imponibile ai fini del regime fiscale irlandese

3 Si consiglia, prima di sottoscrivere e acquistare Azioni, di informarsi sulle (a) possibili implicazioni fiscali, (b) norme giuridiche, (c) qualsiasi restrizione valutaria o disposizione di controllo valutario e (d) qualsiasi altra disposizione governativa o altri permessi o formalità obbligatori ai sensi della legislazione dei paesi di registrazione, cittadinanza, residenza o domicilio eventualmente pertinenti ai fini della sottoscrizione, dell acquisto, della detenzione o della dismissione di Azioni. Questo Prospetto può essere tradotto in altre lingue. Ogni traduzione deve contenere esclusivamente le stesse informazioni e avere gli stessi significati di questo documento in inglese. Per qualsiasi discrepanza tra questo documento in inglese e il documento in un altra lingua, sarà vincolante questo documento in inglese tranne per quanto richiesto dalle leggi di qualsiasi paese e territorio (ma limitatamente a questo) nel quale le Azioni sono vendute; in quest ultimo caso per un azione avviata in base alla comunicazione di informazioni contenute in un documento in una lingua diversa dall inglese, sarà vincolante la lingua del documento su cui si basa tale azione. Tutte le informazioni fornite o le dichiarazioni rilasciate da qualsiasi negoziatore di titoli, venditore o altra persona non contenute in questo Prospetto o nelle relazioni e nei bilanci del Fondo che ne costituiscono parte integrante devono essere considerate non autorizzate e quindi non attendibili. Né la consegna di questo Prospetto né l offerta, l emissione o la vendita di Azioni costituirà in alcuna circostanza una dichiarazione che le informazioni contenute in questo Prospetto sono corrette in qualsiasi momento successivo alla data del Prospetto. Questo Prospetto può essere aggiornato periodicamente per tenere conto di modifiche rilevanti e gli eventuali sottoscrittori sono invitati ad informarsi preventivamente presso l Amministratore o il Gestore degli Investimenti sulla pubblicazione del Prospetto più recente o di qualsiasi relazione e dei bilanci del Fondo. Tutti gli Azionisti hanno diritto a trarre beneficio, sono vincolati e ritenuti essere a conoscenza delle disposizioni contenute nell Atto costitutivo e nello Statuto del Fondo, le cui copie sono disponibili su richiesta. Le definizioni dei termini utilizzati in questo Prospetto sono elencate nell Appendice 1. Questo Prospetto non costituisce un offerta o una sollecitazione d investimento da parte di nessuno nelle giurisdizioni in cui tale offerta o sollecitazione d investimento non sia autorizzata o a persone a cui sia contrario alla legge rivolgere tale offerta o sollecitazione. Si informano gli investitori che è un onere di coloro che intendano sottoscrivere le Azioni quello di informarsi riguardo a e di agire in conformità a tutte le leggi ed i regolamenti applicabili. È possibile che vengano addebitate spese iniziali per la sottoscrizione delle Azioni e/o spese di rimborso per il rimborso delle Azioni e/o spese di conversione per la conversione delle Azioni. I dettagli inerenti a tali oneri esigibili relativamente alle Azioni di qualsiasi Comparto del Fondo saranno definiti nel relativo Supplemento, ma in ogni caso non potrà essere superato il 5% per le spese di sottoscrizione e il 3% per le spese di rimborso

4 INDICE PAGINA N. 1 ELENCO DEGLI INDIRIZZI INTRODUZIONE AMMINISTRATORI DEL FONDO GESTORE DEGLI INVESTIMENTI DEPOSITARIO AMMINISTRATORE E CUSTODE DEL REGISTRO OBIETTIVO E POLITICHE DI INVESTIMENTO LIMITI AGLI INVESTIMENTI ASSUNZIONE DI PRESTITI E LEVA FINANZIARIA INVESTIMENTI CONSENTITI LIMITI AGLI INVESTIMENTI INVESTIMENTI IN ORGANISMI DI INVESTIMENTO COLLETTIVI DISPOSIZIONI GENERALI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI GESTIONE EFFICIENTE DEL PORTAFOGLIO FATTORI DI RISCHIO POLITICA DEI DIVIDENDI SOTTOSCRIZIONE DI AZIONI RIMBORSO DI AZIONI CONVERSIONE DI AZIONI PREZZI DI EMISSIONE E DI RIMBORSO / CALCOLO DEL VALORE PATRIMONIALE NETTO / VALUTAZIONE DELLE ATTIVITÀ SOSPENSIONE DEL CALCOLO DEL VALORE PATRIMONIALE NETTO COMMISSIONI E SPESE DI GESTIONE

5 24. ONERI E SPESE GENERALI INCENTIVI TRANSAZIONI DEL COMPARTO E CONFLITTI DI INTERESSE REGIME FISCALE 28. RELAZIONI E BILANCI TRASFERIMENTO DI AZIONI COMUNICAZIONE DEI PREZZI INFORMAZIONI GENERALI APPENDICE I DEFINIZIONI APPENDICE II - MERCATI

6 1 ELENCO DEGLI INDIRIZZI FundLogic Alternatives p.l.c. 70 Sir John Rogerson s Quay Dublino 2 Irlanda GESTORE DEGLI INVESTIMENTI FundLogic SAS 61 Rue de Monceau Parigi Francia PROMOTORE E DISTRIBUTORE Morgan Stanley & Co International plc 25 Cabot Square Canary Wharf Londra E14 4QA Regno Unito DEPOSITARIO Northern Trust Fiduciary Services (Ireland) Limited George's Court Townsend Street Dublino 2 Irlanda AMMINISTRATORE Northern Trust International Fund Administration Services (Ireland) Limited George's Court Townsend Street Dublino 2 Irlanda SEGRETARIO Matsack Trust Limited 70 Sir John Rogerson s Quay Dublino 2 Irlanda REVISORI Ernst & Young Harcourt Centre Harcourt Street Dublino 2 Irlanda CONSULENTE LEGALE IRLANDESE DEL FONDO

7 Matheson 70 Sir John Rogerson s Quay Dublino 2 Irlanda

8 2. INTRODUZIONE Il Fondo è strutturato come società d investimento multicomparto a capitale variabile, nell ambito della quale gli Amministratori possono costituire di volta in volta Comparti diversi, previa autorizzazione della Banca Centrale. I particolari relativi ad ogni singolo Comparto sono contenuti in un Supplemento al Prospetto separato (ciascuno un Supplemento). Ciascuno di questi Supplementi elencherà tutti i Comparti esistenti. I Supplementi devono essere letti congiuntamente al Prospetto. In relazione ad un Comparto possono essere emesse diverse classi di Azioni. La creazione di nuove classi di azioni sarà preventivamente comunicata alla Banca Centrale e da questa approvata. Al momento dell introduzione di ogni nuova classe di Azioni il Fondo redigerà e gli Amministratori pubblicheranno la documentazione contenente le informazioni dettagliate relative a ognuna di queste classi di Azioni. Ogni Comparto avrà un portafoglio di attività separate e queste saranno investite conformemente all obiettivo d investimento di tale Comparto. Il Fondo può rifiutare in tutto o in parte qualsiasi richiesta di sottoscrizione di Azioni senza essere obbligato a giustificare i motivi del rifiuto e può respingere una sottoscrizione iniziale di Azioni per qualsiasi importo (escluse le eventuali spese preliminari) se inferiore alla Sottoscrizione iniziale minima a meno che gli Amministratori non abbiano rinunciato ad una Sottoscrizione iniziale minima. Le emissioni e i rimborsi di Azioni successivi all emissione iniziale avverranno al Valore Patrimoniale Netto per Azione aumentato o ridotto degli oneri e delle spese (a seconda del caso), incluse tutte le spese iniziali o di rimborso specificate nei relativi Supplementi. Il Valore Patrimoniale Netto delle Azioni di ogni classe e i prezzi di emissione e di rimborso saranno calcolati secondo le disposizioni riepilogate nel capitolo Prezzi di emissione e di rimborso/calcolo del Valore Patrimoniale Netto/Valutazione delle Attività di questo Prospetto. I dettagli dei Giorni di Trattazione in relazione a ciascuno dei Comparti sono indicati nei relativi Supplementi. Tutti gli Azionisti hanno diritto a trarre beneficio, sono vincolati e ritenuti essere a conoscenza delle disposizioni contenute nell Atto costitutivo e nello Statuto contenute nel capitolo intitolato Informazioni generali del presente Prospetto, le cui copie sono disponibili come indicato nel Prospetto medesimo. Il Fondo ha passività separata tra i Comparti e di conseguenza le responsabilità per conto o attribuibili a ciascun Comparto saranno liquidate esclusivamente a valere sulle attività dei Comparti. 3 Amministratori del Fondo Gli Amministratori della Società sono: Kevin Molony ha una vasta e approfondita esperienza nella gestione degli investimenti e nel campo dei servizi di amministrazione e broking per clienti istituzionali avendo lavorato presso eminenti società internazionali nel corso della sua carriera. Attualmente fornisce servizi indipendenti di amministrazione per numerosi gestori internazionali nel campo degli investimenti. È stato Amministratore delegato di Walkers Corporate Services (Dublin) Limited fino a giugno 2012, quando la società è stata oggetto di acquisizione. Dal 1999 al 2009, nel suo ruolo di Amministratore di Citigroup Global Markets, ha dato un contributo determinante alla costituzione e costruzione della loro attività di broking istituzionale in Irlanda, specializzandosi nel mercato azionario statunitense e latino-americano. Prima di entrare in Citigroup, ha lavorato come broker istituzionale per Deutsche Bank. Ha iniziato la sua carriera

9 come gestore di un fondo azionario britannico presso Phillips & Drew Fund Managers, all'epoca la principale società londinese di gestione degli investimenti istituzionali. In seguito, è entrato a far parte di AIB Investment Managers in qualità di gestore di portafoglio senior con specializzazione nei fondi azionari statunitensi. Ha conseguito una laurea BA in scienze economiche presso lo University College Dublin e un diploma di specializzazione in corporate governance alla Smurfit Business School, Dublino. Wyndham Williams è un dirigente bancario senior di grande esperienza con un ampio bagaglio di competenze a livello internazionale e nazionale nel settore del corporate banking e della direzione generale. Membro dell Institute of Bankers in Irlanda, opera nell ambito dei servizi finanziari e bancari fin dal È stato rappresentante per il Nord America di AIB Bank a New York nel 1973, prima di assumere il ruolo di direttore senior per le attività di prestito, nel 1977, nell'international Corporate Banking Division di AIB, con il compito di sviluppare la strategia aziendale di AIB in relazione alle società multinazionali che andavano costituendosi in Irlanda. Nel 1991, è stato nominato responsabile regionale dell area metropolitana di Dublino, sempre per AIB, e nel 1995 è diventato Amministratore delegato di AIB Home Mortgages. Il sig. Williams ha conseguito una laurea con lode e un master in gestione, entrambi presso il Trinity College di Dublino. Benjamin Walker è il co-direttore europeo del ramo Equity Financing Products presso Morgan Stanley, società dove ha trascorso gli ultimi 13 anni della sua carriera e dove attualmente è uno degli amministratori delegati della divisione Institutional Equity. Oltre al suo incarico presso Morgan Stanley, il sig. Walker siede nel consiglio di amministrazione di Source Holdings Limited. Prima di entrare a far parte di Morgan Stanley, ha lavorato come contabile presso Deloitte & Touche. Possiede la qualifica di Associate Chartered Accountant (ACA) e ha conseguito una laurea (con lode) in economia aziendale presso l'università di Sheffield. Il Fondo ha delegato la gestione giornaliera e la conduzione del Fondo conformemente alle politiche approvate dagli Amministratori all Amministratore, al Gestore degli Investimenti ed al Distributore ed ha assegnato al Depositario la custodia delle attività del Fondo. Di conseguenza nessuno degli Amministratori del Fondo ha incarichi esecutivi. 4. Gestore degli Investimenti Il Gestore degli Investimenti è Fundlogic SAS, costituita in Francia. Il Gestore degli Investimenti è stato nominato per fornire al Fondo servizi di gestione degli investimenti. La sede legale del Gestore degli Investimenti è in 61 Rue de Monceau, Parigi, Francia. Sotto il controllo imposto dagli Amministratori ai sensi del contratto di gestione degli investimenti, di tutte le leggi ed i regolamenti applicabili, di questo Prospetto e dello Statuto, il Gestore degli Investimenti ha il potere discrezionale di assumere decisioni di investimento giorno per giorno, di effettuare gli investimenti e di svolgere la gestione del Fondo. Il Gestore degli Investimenti è soggetto alla vigilanza dell Autorité des Marches Financiers in Francia. Al 31 dicembre 2013 Fundlogic SAS aveva in via approssimativa 2,1 miliardi di Dollari statunitensi di attività in gestione. Ai sensi del contratto di gestione degli investimenti, e previa approvazione del Fondo e della Banca Centrale, il Gestore degli Investimenti potrà di volta in volta nominare uno o più Subgestori degli Investimenti che svolgano e/o esercitino tutte o alcune delle sue funzioni, facoltà, discrezionalità, compiti e doveri previsti secondo i termini del contratto di gestione degli investimenti. Tali Subgestori degli Investimenti non saranno retribuiti dal patrimonio del Fondo. I

10 dettagli inerenti ai Subgestori degli Investimenti saranno comunicati agli Azionisti su richiesta e le informazioni ad essi relative saranno pubblicate nelle relazioni periodiche del Fondo. Il Fondo potrà nominare altri gestori degli investimenti in relazione a un Comparto specifico. Alternativamente, il Gestore degli Investimenti potrà nominare uno o più subgestori degli investimenti in relazione a un Comparto specifico. I dettagli inerenti agli altri gestori o subgestori degli investimenti, ove presenti, nominati per Comparti specifici saranno indicati nel Supplemento del relativo Comparto. I Supplementi saranno quindi sottoposti alla Banca Centrale prima della nomina effettiva di tali altri gestori o subgestori degli investimenti. Per evitare ogni dubbio, tutti i riferimenti relativi al Gestore degli Investimenti contenuti nel successivo testo del presente documento saranno intesi includere anche tali altri gestori o subgestori degli investimenti, secondo necessità. 5. Depositario Il Fondo ha nominato Northern Trust Fiduciary Services (Ireland) Limited, in qualità di depositario delle attività di ciascuno dei Comparti e fornitore di servizi fiduciari a ciascuno dei Comparti in conformità alla Normativa sui Fondi..Il Depositario è una società a responsabilità limitata costituita in Irlanda in data 5 luglio 1990 ed è una controllata di Northern Trust Corporation. Northern Trust Corporation e rispettive controllate comprendono il Gruppo Northern Trust, uno dei fornitori leader nel mondo di servizi amministrativi e di deposito a custodia rivolti a investitori privati e istituzionali. Il Depositario è soggetto al controllo della Banca Centrale. La principale attività del Depositario è di fornire servizi fiduciari e di custodia agli organismi di investimento collettivo. Il Depositario potrà di volta in volta, e dietro richiesta del Fondo, nominare entità esterne al Gruppo Northern Trust in qualità di sub-depositario globale delle attività di un particolare Comparto. In tal caso, il sub-depositario sarà responsabile del deposito in custodia delle attività del Comparto e il Depositario dovrà esercitare debita cura e diligenza nella selezione e nella nomina del sub-depositario al fine di garantire che questi abbia e mantenga un livello di perizia, competenza e reputazione idoneo ad assolvere le responsabilità previste. Tale nomina dovrà essere conforme alle disposizioni contenute negli Avvisi dell Autorità di vigilanza finanziaria. Il Depositario dovrà altresì esercitare un adeguata attività di supervisione nei confronti del subdepositario globale ed effettuare di volta in volta le debite verifiche al fine di accertarsi che i suoi obblighi continuino ad essere opportunamente assolti. I dettagli inerenti a ciascuna nomina saranno indicati nel Supplemento del relativo Comparto. 6. Amministratore e Custode del registro Il Fondo ha nominato Northern Trust International Fund Administration Services (Ireland) Limited in qualità di amministratore di ciascun Comparto. L Amministratore è responsabile dell amministrazione giornaliera di ciascuno dei Comparti comprese le funzioni di custode del registro e di agente per i trasferimenti nonché per la fornitura di servizi di contabilità per i Comparti, compreso il calcolo del Valore Patrimoniale Netto per Azione. L Amministratore è una società a responsabilità limitata costituita il 15 giugno 1990ed è completamente di proprietà di Northern Trust Corporation. Northern Trust Corporation e rispettive controllate comprendono il Gruppo Northern Trust, uno dei fornitori leader nel mondo di servizi amministrativi e di deposito a custodia rivolti a investitori privati e istituzionali. La principale attività dell Amministratore è di erogare servizi amministrativi agli organismi di investimento collettivo

11 7. Obiettivo e politiche di investimento Lo Statuto stabilisce che l obiettivo e le politiche d investimento di ogni Comparto saranno formulati dagli Amministratori al momento della costituzione del Comparto. Informazioni dettagliate sull obiettivo e sulle politiche d investimento di ogni Comparto sono riportate nel Supplemento del relativo Comparto. Le modifiche dell obiettivo o della politica d investimento di un Comparto sono ammesse solo con l approvazione di una delibera ordinaria da parte dei suoi Azionisti. In conformità e fatto salvo quanto appena illustrato con riguardo alle modifiche dell obiettivo e/o della politica di investimento di un Comparto, gli Azionisti dovranno essere informati con congruo anticipo per poter chiedere il rimborso delle proprie Azioni. 8. Limiti agli investimenti I limiti agli investimenti specifici di ogni Comparto saranno formulati dagli Amministratori al momento della costituzione di ogni Comparto e riportati nel relativo Supplemento. I dettagli dei limiti agli investimenti stabiliti in conformità agli Avvisi dell Autorità di vigilanza finanziaria applicabili ad ogni Comparto sono indicati qui di seguito. 9. Assunzione di prestiti e leva finanziaria Il Fondo può assumere prestiti in qualsiasi momento per un importo non superiore al 10% del patrimonio netto di un Comparto per conto di qualsiasi Comparto e il Depositario può mettere in conto le attività di tale Comparto a garanzia di tale prestito, a condizione che tale prestito sia acceso unicamente per scopi temporanei. Le specifiche restrizioni all assunzione di prestiti per un Comparto saranno contenute nel Supplemento del relativo Comparto. Fermo restando il potere del Fondo di investire in valori mobiliari, esso non può concedere crediti o fungere da garante per terzi. Un Comparto può acquistare titoli di debito e titoli non interamente liberati. 10. Investimenti consentiti Gli investimenti di ogni Comparto sono limitati a: Valori mobiliari e strumenti del mercato monetario, come previsto negli Avvisi dell Autorità di vigilanza finanziaria, quotati nel listino ufficiale di una borsa valori di uno Stato membro o non membro o negoziati in un mercato regolamentato, operante regolarmente, riconosciuto e aperto al pubblico in uno Stato membro o non membro (e che sia in ogni caso elencato nell Appendice II) Valori mobiliari emessi recentemente che saranno quotati nel listino ufficiale di una borsa valori o altro mercato (come descritto qui sopra) entro un anno Strumenti del mercato monetario come descritti negli Avvisi dell Autorità di vigilanza finanziaria diversi da quelli negoziati in un mercato regolamentato Quote di OICVM Quote di società non OICVM come definiti nella Guidance Note 2/03 della Banca Centrale Depositi presso istituti di credito come prescritto negli Avvisi dell Autorità di vigilanza finanziaria Strumenti derivati finanziari (FDI) come prescritto negli Avvisi dell Autorità di vigilanza finanziaria. 11. Limiti agli Investimenti 11.1 Ogni Comparto può investire fino ad un massimo del 10% del patrimonio netto in valori mobiliari e strumenti del mercato monetario diversi da quelli indicati nel paragrafo

12 11.2 Ogni Comparto può investire fino ad un massimo del 10% del patrimonio netto in valori mobiliari di recente emissione che saranno quotati nel listino ufficiale di una borsa valori o altro mercato (come descritto nel paragrafo 10.1) entro un anno. Questa restrizione non si applica relativamente all investimento di ogni Comparto in certi titoli statunitensi contemplati dalla Norma 144A purché: i titoli siano emessi con l impegno di registrarli presso l US Securities and Exchange Commission entro un anno dall emissione; e i titoli non siano illiquidi, vale a dire possono essere realizzati da ogni Comparto entro sette giorni al prezzo, o al prezzo approssimativo, al quale sono valutati dal Comparto Ogni Comparto può investire fino ad un massimo del 10% del patrimonio netto in valori mobiliari o strumenti del mercato monetario emessi dallo stesso organismo purché il valore totale dei valori mobiliari e strumenti del mercato monetario detenuti negli organismi emittenti in ognuno dei quali il Comparto investe più del 5% sia inferiore al 40% Previa approvazione della Banca Centrale, il limite del 10% citato al punto 11.3 viene esteso al 25% nel caso di obbligazioni emesse da un istituto di credito con sede legale in uno Stato membro e soggetto per legge a vigilanza pubblica speciale destinata a proteggere i detentori di titoli di debito. Quando un Comparto investe più del 5% del suo patrimonio netto in queste obbligazioni emesse da un singolo emittente, il valore totale di questi investimenti non può essere superiore all 80% del valore patrimoniale netto del Comparto Il limite del 10% di cui al punto 11.3 è esteso al 35% quando i valori mobiliari o strumenti del mercato monetario sono emessi o garantiti da uno Stato membro o dalle sue autorità locali o da uno Stato non membro o da un organismo pubblico internazionale di cui sono membri uno o più Stati membri I valori mobiliari e strumenti del mercato monetario di cui ai punti 11.4 e 11.5 non rientreranno nel conteggio ai fini dell applicazione del limite del 40% di cui al punto Ogni Comparto può investire fino ad un massimo del 20% del patrimonio netto in depositi effettuati presso lo stesso istituto di credito. Depositi presso qualsiasi istituto di credito diverso da un istituto di credito autorizzato nel See o da un istituto di credito autorizzato in uno stato (diverso da uno Stato membro del See) firmatario dell Accordo di Basilea sulla convergenza del capitale del luglio 1988, o un istituto di credito autorizzato nel Jersey, Guernsey, Isola di Man, Australia o Nuova Zelanda detenuti come liquidità ausiliaria, non devono superare il 10% del patrimonio netto. Questo limite si può estendere al 20% nel caso di depositi effettuati presso il Depositario Il rischio di esposizione del Comparto all altra parte con cui si effettua un operazione di derivati over the counter (OTC) non può superare il 5% del patrimonio netto. Questo limite è esteso al 10% nel caso di un istituto di credito autorizzato nel See o un istituto di credito autorizzato in uno stato (che non sia uno Stato membro del See) firmatario dell Accordo di Basilea sulla convergenza del capitale del luglio 1988; o un istituto di credito autorizzato nel Jersey, Guernsey, Isola di Man, Australia o Nuova Zelanda Fermi restando i paragrafi 11.3, 11.7 e 11.8 qui sopra, una combinazione di due o più investimenti tra quelli elencati qui di seguito emessi da o effettuati presso lo stesso organismo non può superare il 20% del patrimonio netto: investimenti in valori mobiliari o strumenti del mercato monetario;

13 depositi, e/o esposizioni al rischio di controparte derivanti da operazioni su derivati OTC I limiti di cui ai punti 11.3, 11.4, 11.5, 11.7, 11.8 e 11.9 qui sopra non possono essere combinati, per cui l esposizione ad un singolo organismo non può essere superiore al 35% del patrimonio netto I gruppi di società sono considerati un singolo emittente ai fini dei punti 11.3, 11.4, 11.5, e Un limite del 20% del patrimonio netto può tuttavia essere applicato all investimento in valori mobiliari e strumenti del mercato monetario nell ambito di uno stesso gruppo Ogni Comparto può investire fino al 100% del suo patrimonio netto in valori mobiliari o strumenti del mercato monetario emessi o garantiti da qualsiasi Stato membro, autorità locale di uno Stato membro, da uno Stato non-membro o da un organismo pubblico internazionale di cui uno o più stati membri facciano parte, o da Giappone, Canada, Nuova Zelanda, Australia, Norvegia, Stati Uniti d America, Svizzera, da un paese membro dell Ocse (purché siano investment grade), Unione Europea, Banca europea per gli investimenti, Banca Centrale Europea, Euratom, Eurofima, Consiglio d Europa, Banca asiatica di sviluppo, Banca interamericana di sviluppo, Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo, Banca internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo (Banca Mondiale), Società finanziaria internazionale, Fondo monetario internazionale, Federal National Mortgage Association (Fannie Mae), Federal Home Loan Mortgage Corporation (Freddie Mac), Government National Mortgage Association (Ginnie Mae) Federal Home Loan bank (FHLB), Federal Farm Credit Bank (FFCB), Tennessee Valley Authority (TVA) e la Student Loan Marketing Association (Sallie Mae). Il Comparto in oggetto deve detenere titoli di almeno sei emissioni diverse e i titoli di una singola emissione non devono costituire più del 30% del suo patrimonio netto. 12 Investimenti in Organismi di Investimento Collettivi 12.1 Un Comparto non può investire più del 10% del suo patrimonio netto in altri organismi d investimento collettivi (OIC) 12.2 Quando un Comparto investe in quote di altri OIC gestiti, direttamente o per delega, dal gestore di ciascun Comparto o da qualsiasi altra società alla quale il gestore è legato da gestione o controllo comune, o da una partecipazione diretta o indiretta rilevante, né il gestore né l altra società possono addebitare commissioni di sottoscrizione, conversione o rimborso in conseguenza dell investimento del Comparto nelle quote di tale altro OIC Qualora una commissione (inclusa una commissione di retrocessione) sia percepita dal gestore di un Comparto a seguito di un investimento nelle quote di un altro OIC, questa commissione deve essere versata nella proprietà del Comparto. Comparti indicizzati 12.4 Un Comparto può investire fino al 20% del patrimonio netto in azioni e/o obbligazioni emesse dallo stesso organismo quando la politica d investimento del Comparto consiste nel replicare un indice che soddisfi i criteri stabiliti negli Avvisi dell Autorità di vigilanza finanziaria ed è riconosciuto dalla Banca Centrale Il limite indicato al punto 12.4 qui sopra può essere esteso al 35% e applicato ad un singolo emittente, quando ciò sia giustificato da condizioni eccezionali del mercato La frequenza di ribilanciamento dell'indice sarà indicata, congiuntamente al suo effetto sui costi

14 del Comparto, nel relativo Supplemento. 13 Disposizioni generali 13.1 Il Gestore degli Investimenti, agendo in combinazione con tutti gli OIC gestiti, non può acquisire azioni con diritto di voto che le consentirebbero di esercitare un influenza significativa sulla gestione di un emittente Ogni Comparto può acquistare solo fino ad un massimo del: % delle azioni senza diritto di voto di un singolo emittente; % delle obbligazioni di un singolo emittente; % delle quote di un singolo OIC; % degli strumenti del mercato monetario di un singolo emittente. AVVERTENZA: I limiti stabiliti ai punti , e qui sopra possono non essere considerati al momento dell acquisizione se in quel momento non sia possibile calcolare l importo lordo delle obbligazioni o degli strumenti del mercato monetario, o l importo netto dei titoli emessi e 13.2 non sono applicabili a: valori mobiliari e strumenti del mercato monetario emessi o garantiti da uno Stato membro o dalle sue autorità locali; valori mobiliari e strumenti del mercato monetario emessi o garantiti da uno Stato non membro; valori mobiliari e strumenti del mercato monetario emessi da organismi pubblici internazionali di cui sono membri uno o più Stati membri; azioni detenute da ogni Comparto nel capitale di una società costituita in uno Stato non membro che investe le sue attività principalmente nei titoli di emittenti con sede legale in questo Stato, per cui ai sensi della legislazione di questo Stato tale tipo di detenzione rappresenti il solo modo in cui ogni Comparto può investire nei titoli di emittenti dello Stato stesso. Questa deroga è applicabile solo se la politica d investimento della società nello Stato non membro è conforme ai limiti stabiliti nei punti da 11.3 a 11.11, 13.1, 13.2, 13.4, 13.5 e 13.6, e purché, nel caso siano superati questi limiti, si osservino i punti 13.5 e 13.6; azioni detenute da un Comparto nel capitale di società controllate che svolgono unicamente attività di gestione, consulenza o commercializzazione nel paese in cui ha sede la società controllata, riguardo al rimborso di quote su richiesta dell Azionista unicamente per loro conto Un Comparto non deve ottemperare alle restrizioni agli investimenti descritte in questo documento nell esercizio dei diritti di sottoscrizione associati a valori mobiliari o strumenti del mercato monetario che fanno parte delle proprie attività La Banca Centrale può consentire a Comparti di recente autorizzazione di derogare alle disposizioni previste dai punti da 11.3 a 11.12, 12.4 e 12.5 per sei mesi dalla loro autorizzazione, purché osservino il principio di ripartizione del rischio Se i limiti descritti in questo documento sono superati per motivi che esulano dal controllo del Comparto, o come risultato dell esercizio dei diritti di sottoscrizione, come obiettivo prioritario delle sue operazioni di vendita il Comparto deve mirare a rimediare a tale situazione, tenendo debito conto degli interessi dei suoi azionisti

15 13.7 Un Comparto non può vendere allo scoperto: Valori mobiliari; Strumenti del mercato monetario; Quote di OIC o Strumenti finanziari derivati (FDI) Un Comparto può detenere liquidità ausiliarie Resta inteso che ciascun Comparto avrà il potere di avvalersi di qualsiasi modifica di leggi, regolamenti o linee guida che consentano investimenti in attività e titoli su scala più estesa in conformità ai requisiti stabiliti dalla Banca Centrale. 14. Strumenti Finanziari Derivati 14.1 Un Comparto può investire in FDI over the counter (OTC) se le controparti delle transazioni over the counter sono istituzioni soggette ad attenta supervisione e se appartenenti a categorie approvate dalla Banca Centrale L'esposizione della posizione ai titoli sottostanti gli FDI, con inclusione di FDI incorporati in valori mobiliari o strumenti del mercato monetario, se combinati con inerenza a posizioni derivanti da investimenti diretti, non può eccedere i limiti agli investimenti stabiliti dagli Avvisi dell Autorità di vigilanza finanziaria. (Questa regola non si applica nel caso di FDI, basati su indice, a condizione che l'indice sottostante rientri nella tipologia che rispetta i criteri stabiliti dagli Avvisi dell Autorità di vigilanza finanziaria). Gli investimenti in FDI sono soggetti alle condizioni e ai limiti stabiliti dalla Banca Centrale. Per ciascun Comparto, il Fondo adotta un processo di gestione del rischio che consente di misurare accuratamente, monitorare e gestire i rischi di varia natura connessi con gli FDI. Una relazione su tale processo di gestione del rischio è stata già presentata alla Banca Centrale. Il Fondo, su richiesta, fornirà informazioni supplementari agli Azionisti in merito a qualsiasi metodo di gestione dei rischi che venga adottato per qualunque Comparto, con inclusione dei limiti quantitativi impiegati e di qualsiasi sviluppo recente relativo ai rischi, nonché alle caratteristiche di rendimento delle principali categorie degli investimenti. Qualsiasi FDI che sia contemplato nel presente Prospetto, ma non incluso nel processo di gestione del rischio, non potrà essere utilizzato prima che sia stato sottoposto alla Banca Centrale un processo di gestione del rischio aggiornato. Le tecniche e gli strumenti da impiegarsi per ciascun Comparto, se presenti, saranno illustrati nel relativo Supplemento. 15. Gestione efficiente del portafoglio L'uso di tecniche e strumenti in relazione a valori mobiliari e strumenti del mercato monetario impiegati con lo scopo di rendere efficiente la gestione del portafoglio, dovrebbe essere effettuato con riferimento a tecniche e strumenti che rispettano i seguenti criteri: 15.1 essere economicamente appropriati, nel senso che sono realizzati a costi vantaggiosi; 15.2 essere introdotti per uno o più dei seguenti scopi specifici: riduzione del rischio; riduzione dei costi; o generazione di capitale addizionale o di rendimenti per il Comparto per un

16 livello di rischio che sia coerente con il profilo di rischio del comparto stesso e secondo le regole di diversificazione dei rischi previste dagli Avvisi dell Autorità di vigilanza finanziaria i loro rischi sono adeguatamente captati nel processo di gestione del rischio; e 15.4 non possono provocare cambiamenti nell'obiettivo di investimento dichiarato del Comparto o aggiungere rischi supplementari sostanziali rispetto alla politica generale di rischio così come viene descritta nei suoi documenti di vendita. L'FDI usato per un'efficiente gestione del portafoglio deve egualmente rispettare gli Avvisi dell Autorità di vigilanza finanziaria. Tale FDI può comprendere future, contratti a termine, opzioni e swap e il loro uso può comportare la copertura contro i movimenti di mercato, i rischi di cambio o di tassi di interesse in conformità alle politiche di investimento di un Comparto ed entro le condizioni e i limiti stabiliti dalla Banca Centrale ai sensi della Normativa sui Fondi. Rispetto alle Classi di Azioni con Copertura ci si aspetta che il livello di copertura dell'esposizione della divisa relativa, secondo i requisiti e le condizioni imposte dalla Banca Centrale, rientri in una gamma che va dal 95% al 105% del Valore Patrimoniale Netto della relativa Classe di Azioni con Copertura. Si possono originare posizioni di sovra-copertura o sotto-copertura provocate da fattori che sono al di fuori del controllo del relativo Comparto. Le posizioni con copertura saranno tenute sotto controllo per accertarsi che le posizioni di sovracopertura non eccedano il 105% del Valore Patrimoniale Netto della relativa Classe di Azioni con Copertura. Questo controllo includerà una procedura per assicurare che non vengano portate avanti da un mese all'altro le posizioni materialmente in eccesso del 100% Un Comparto può anche aderire a contratti di pronti contro termine, pronti contro termine inversi ( contratti repo ) e/o accordi di prestito titoli in conformità con i requisiti della Banca Centrale. I contratti repo e le transazioni di prestito titoli non costituiscono assunzione di debito ai fini della Normativa sui Fondi. Quanto segue si applica ai contratti repo e di prestito titoli stipulati in relazione al Fondo, è armonizzato con i requisiti della Banca Centrale ed è soggetto ad eventuali modifiche dei predetti requisiti: (a) I contratti repo e di prestito titoli possono essere eseguiti esclusivamente in conformità alle normali prassi di mercato. (b) Il Fondo deve avere il diritto di rescindere eventuali contratti di prestito titoli stipulati in qualsiasi momento ovvero di chiedere la restituzione di ogni e qualsivoglia titolo prestato. (c) Se il Fondo stipula contratti di pronti contro termine in relazione a un Comparto, deve essere in grado in qualsiasi momento di rientrare in possesso di qualunque titolo oggetto del contratto di pronti contro termine o di rescindere il contratto stipulato. I contratti di pronti contro termine aventi scadenza non superiore a sette giorni devono essere considerati accordi che consentono al Fondo di rientrare in possesso degli attivi in qualsiasi momento. (d) Se il Fondo stipula contratti di pronti contro termine inversi in relazione a un Comparto, deve essere in grado in qualsiasi momento di rientrare in possesso dell'intero ammontare liquido o di rescindere il contratto di pronti contro termine inverso secondo il criterio di competenza oppure secondo il valore di mercato corrente. Quando l'ammontare di liquidità è recuperabile in qualsiasi momento

17 secondo il valore di mercato corrente, per il calcolo del Valore Patrimoniale Netto deve essere utilizzato il valore di mercato corrente del contratto di pronti contro termine inverso. I contratti di pronti contro termine inversi aventi scadenza non superiore a sette giorni devono essere considerati accordi che consentono al Fondo di rientrare in possesso degli attivi in qualsiasi momento. La controparte in un contratto repo o di prestito titoli deve avere un rating creditizio minimo di A-2 o equivalente oppure deve essere considerata dal Fondo come avente un rating implicito di A-2. In alternativa, una controparte priva di rating è accettabile se il Fondo/il Comparto viene manlevato o garantito contro le perdite subite in caso di inadempienza della controparte da un'entità che detiene e mantiene un rating A-2 o equivalente. I ricavi generati da tecniche di gestione efficiente del portafoglio non percepiti direttamente dal Fondo in relazione a un Comparto, al netto di costi e oneri operativi diretti e indiretti (che non includono i ricavi latenti), saranno restituiti al Comparto. Le entità cui vengono corrisposti costi e oneri diretti e indiretti saranno indicate nelle relazioni periodiche del Fondo, specificando se si tratta di parti correlate al Fondo o al Depositario. Nella misura in cui il Fondo si avvale del prestito titoli in relazione al Comparto, esso può nominare un agente di prestito titoli che potrebbe percepire una commissione per le sue attività in merito. Tale agente di prestito titoli non dovrebbe essere affiliato al Depositario o al Gestore degli Investimenti. Eventuali costi operativi derivanti dalle suddette attività di prestito saranno a carico dell'agente di prestito titoli a valere sulla sua commissione

18 15.6 Gestione della garanzia collaterale per operazioni in FDI OTC e gestione efficiente del portafoglio Ai fini della presente sezione, "Istituto Competente" indica un istituto di credito autorizzato nel SEE, un istituto di credito autorizzato in uno stato (che non sia uno Stato membro del SEE) firmatario dell Accordo di convergenza del capitale del luglio 1988 o un istituto di credito autorizzato nel Jersey, Guernsey, Isola di Man, Australia o Nuova Zelanda. (a) Una garanzia collaterale ottenuta in relazione a operazioni FDI OTC e tecniche di gestione efficiente del portafoglio ("Garanzia Collaterale"), quali contratti repo o di prestito titoli, deve ottemperare ai seguenti criteri: (i) (ii) (iii) (iv) (v) (vi) liquidità: la Garanzia Collaterale (diversa dalle disponibilità liquide) deve avere un grado elevato di liquidità ed essere scambiata in un mercato regolamentato o sistema multilaterale di negoziazione ad un prezzo trasparente affinché sia cedibile rapidamente ad un prezzo che si avvicini alla sua valutazione prevendita. La Garanzia Collaterale ricevuta deve altresì ottemperare alle disposizioni della Norma 74 della Normativa sui Fondi; valutazione: la Garanzia Collaterale deve essere valutabile quotidianamente e gli attivi che presentano un grado elevato di volatilità del prezzo non sono accettabili come Garanzia Collaterale a meno che non sia previsto uno scarto di garanzia sufficientemente conservativo; qualità creditizia dell'emittente: la Garanzia Collaterale deve avere una qualità elevata; correlazione: la Garanzia Collaterale deve essere emessa da un'entità indipendente rispetto alla controparte e non dovrebbe esibire una correlazione elevata con la performance della controparte; diversificazione: la Garanzia Collaterale deve essere sufficientemente diversificata in termini di paesi, mercati ed emittenti con un'esposizione massima a un singolo emittente non superiore al 20% del Valore Patrimoniale netto del Comparto. Se il Comparto ha un'esposizione a controparti diverse, i vari panieri di garanzie collaterali devono essere aggregati per calcolare il limite del 20% di esposizione al singolo emittente; e disponibilità immediata: la Garanzia Collaterale deve essere interamente esercitabile da parte del Fondo in qualsiasi momento senza alcuna consultazione o approvazione della controparte. Tutte le attività ricevute in relazione a un Comparto nell'ambito di tecniche di gestione efficiente del portafoglio saranno considerate Garanzia Collaterale ai fini della Normativa sui Fondi e dovranno rispondere ai criteri sopra menzionati. I rischi legati alla gestione di garanzie collaterali, ivi compresi i rischi operativi e legali, vengono identificati e contenuti mediante le procedure di gestione del rischio adottate dal Fondo

19 (b) (c) (d) La Garanzia Collaterale deve essere affidata al Depositario o suo agente (ove sia previsto il trasferimento del titolo di proprietà). Tuttavia, qualora non vi sia trasferimento del titolo di proprietà, la Garanzia Collaterale può essere affidata a un terzo depositario che è soggetto a vigilanza prudenziale e non è correlato al fornitore della Garanzia Collaterale. una Garanzia Collaterale non monetaria non può essere venduta, reinvestita o costituita in pegno. Garanzia Collaterale monetaria: Le disponibilità liquide ricevute a titolo di Garanzia Collaterale possono essere esclusivamente: (i) (ii) (iii) (iv) date in deposito o investite in certificati di deposito presso Istituti Competenti; investite in titoli di Stato di qualità elevata; utilizzate per contratti di pronti contro termine inversi a condizione che l'operazione venga effettuata con istituti di credito soggetti a vigilanza prudenziale e che il Fondo possa in qualsiasi momento rientrare in possesso dell'intero ammontare liquido secondo il criterio di competenza; investite in fondi del mercato monetario a breve termine. Una garanzia collaterale monetaria reinvestita deve essere diversificata in conformità con i requisiti per la diversificazione applicabili alle Garanzie Collaterali non monetarie indicati sopra. Il Fondo deve avere la certezza, in ogni momento, che qualsiasi investimento di una Garanzia Collaterale monetaria gli consentirà comunque di adempiere ai suoi obblighi di rimborso. La Garanzia Collaterale monetaria investita non può essere data in deposito alla controparte di un'entità correlata né investita in titoli emessi da tale controparte. (e) (f) (g) Il Fondo ha implementato una politica documentata relativa allo scarto di garanzia per ciascuna classe di attivi ricevuta a titolo di Garanzia Collaterale in relazione a un Comparto. Uno scarto di garanzia è uno sconto sul valore di un attivo usato come Garanzia Collaterale per rendere conto del fatto che la sua valutazione, o profilo di liquidità, potrebbe deteriorarsi nel tempo. La politica sullo scarto di garanzia prende in considerazione le caratteristiche della classe di attivi rilevante, ivi compresa l'affidabilità creditizia del soggetto che emette la Garanzia Collaterale, la volatilità di prezzo della Garanzia Collaterale e i risultati di eventuali stress test che possano essere eseguiti in conformità con la politica sugli stress test. Il valore di qualsiasi Garanzia Collaterale ricevuta dal Fondo, rettificato in base alla politica sullo scarto di garanzia, deve essere in qualsiasi momento pari o superiore alla relativa esposizione alla controparte. Le esposizioni al rischio di controparte derivanti da operazioni in FDI OTC e tecniche di gestione efficiente del portafoglio devono essere combinate all'atto di calcolare i limiti del rischio di controparte stabiliti nella sezione del Prospetto intitolata "Restrizioni agli investimenti". Se un Comparto ha ricevuto una Garanzia Collaterale per almeno il 30% del suo patrimonio netto, deve adottare una politica sugli stress test volta a garantire che siano regolarmente condotti stress test in condizioni di liquidità normali ed eccezionali affinché il Comparto possa valutare il rischio di liquidità correlato alla Garanzia Collaterale

20 16. Fattori di rischio I seguenti fattori di rischio possono comparire per qualsiasi investimento nel Fondo: 16.1 In generale Gli investimenti del Comparto in titoli sono soggetti alle normali fluttuazioni di mercato e ad altri rischi inerenti all'investimento in titoli. Il valore degli investimenti e i rendimenti che ne derivano, e pertanto il valore di e i rendimenti da, Azioni in relazione a ciascun Comparto possono scendere oppure salire e un investitore può non riuscire a recuperare la somma che investe. Anche i cambiamenti nei tassi di cambio tra le valute o le conversioni da una valuta a un'altra possono provocare l'aumento o la diminuzione del valore degli investimenti. Anche se le disposizioni dei Companies Act, , prevedono passività separate tra Comparti, tali norme devono essere ancora testate nei tribunali stranieri, in particolare per quel che concerne l accoglimento dei reclami dei creditori locali. Di conseguenza non è esclusa la possibilità che le attività di un Comparto qualsiasi del Fondo non siano esposte alle passività di altri Comparti del Fondo. Al momento della redazione del presente Prospetto gli Amministratori non sono al corrente di una passività esistente o contingente di un Comparto del Fondo. Il Fondo e il Gestore degli Investimenti non avranno il controllo sulle attività di nessuna società o di qualsiasi organismo di investimento collettivo in cui abbia investito un Comparto. I gestori di organismi di investimento collettivi e le società nelle quali un Comparto può investire possono incorrere in posizioni fiscali indesiderate, impiegare un indebitamento eccessivo o gestire gli organismi di investimento collettivo, o venire gestiti, in un modo non previsto dal Gestore degli Investimenti. Non vi è alcuna garanzia che un Comparto raggiunga i propri obiettivi di investimento Ritenuta d'acconto I rendimenti e i guadagni che il Fondo ricava dalla proprie attività possono essere soggetti alla ritenuta d'acconto la quale potrebbe non essere rimborsabile nei paesi in cui sono prodotti tali rendimenti e guadagni. Se questa posizione cambia in futuro e l'applicazione di un tasso inferiore ha come risultato il rimborso al Fondo, il relativo Valore Patrimoniale Netto non sarà riformulato e il beneficio sarà assegnato agli Azionisti esistenti in forma rateizzata al momento del rimborso Foreign Account Tax Compliance Act Le disposizione del Foreign Account Tax Compliance Act (FATCA) dell'internal Revenue Code statunitense possono imporre al Fondo obblighi in materia di diligenza, informativa e certificazione. Di conseguenza, il Fondo potrebbe richiedere informazioni, consensi o certificazioni ulteriori agli Azionisti al fine di assolvere determinati obblighi imposti dal FATCA o dall'accordo intergovernativo FATCA stipulato tra Stati Uniti e Irlanda. Si prega di consultare la sezione "Il Foreign Account Tax Compliance Act statunitense" nel successivo capitolo "Regime fiscale" Contratti di pronti contro termine, pronti contro termine inverso e transazioni di prestito titoli Un Comparto può stipulare contratti di riacquisto, riacquisto inverso e accordi su titoli in conformità alle condizioni e ai limiti stabiliti dagli Avvisi dell Autorità di vigilanza finanziaria. Se l'altra parte di un accordo fosse inadempiente, il Comparto potrebbe subire una perdita nella misura in cui i proventi della vendita dei titoli sottostanti o di garanzia, come del caso, posseduti dal Comparto in connessione con l accordo di riacquisto respinto siano inferiori al prezzo di riacquisto. Inoltre, in caso di bancarotta o procedimento simile dell'altra parte dell'accordo di riacquisto, o nel caso di inadempimento dell obbligo di riacquisto o di restituzione dei titoli come concordato, il Comparto potrebbe subire delle perdite, comprese perdite degli interessi e del capitale del titolo nonché costi derivanti da ritardi e dall esecuzione del contratto di riacquisto

ABSOLUTE INSIGHT FUNDS PLC. Seconda Appendice al Prospetto informativo

ABSOLUTE INSIGHT FUNDS PLC. Seconda Appendice al Prospetto informativo ABSOLUTE INSIGHT FUNDS PLC Seconda Appendice al Prospetto informativo La presente Seconda Appendice costituisce parte integrante e deve essere letta contestualmente al prospetto informativo, datato 17

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short db x-trackers su indici daily short ETF su indici daily short: investire nei mercati orso L investimento in un ETF db x-trackers correlato ad indice daily short è destinato unicamente ad investitori sofisticati

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included 1 protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Termini e condizioni generali di acquisto

Termini e condizioni generali di acquisto TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CONDIZIONI DEL CONTRATTO L ordine di acquisto o il contratto, insieme con questi Termini e Condizioni Generali ( TCG ) e gli eventuali documenti allegati e

Dettagli

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE L 173/190 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 12.6.2014 DIRETTIVA 2014/59/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 maggio 2014 che istituisce un quadro di risanamento e risoluzione degli enti

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Luglio 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli