SETTORE TERRITORIO Servizio urbanistica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SETTORE TERRITORIO Servizio urbanistica"

Transcript

1 SETTORE TERRITORIO Servizio urbanistica OGGETTO : Disciplina urbanistica degli alberghi ai sensi dell articolo 2 della legge regionale 7 febbraio 2008 n. 1 Valutazione delle istanze di non assoggettamento al vincolo di destinazione d uso ad albergo. Aggiornamento ottobre 2011 La legge regionale 7 febbraio 2008 n. 1 prevede che le strutture ricettive classificate albergo siano soggette a specifico vincolo di destinazione d uso ad albergo, con divieto di modificare tale destinazione. I Comuni, contestualmente all adozione della variante al PRG contenente le norme tecnico urbanistiche idonee alla soddisfazione delle esigenze di miglioramento e/o ampliamento delle strutture alberghiere possono proporre, su richiesta del proprietario ed acquisito il parere del gestore, il non assoggettamento al vincolo di cui sopra. Sono state inviate a tutte le strutture alberghiere site nel Comune di Sanremo, sia i proprietari degli immobili che ai gestori delle aziende, le comunicazioni di avvio del procedimento. I proprietari degli immobili in cui hanno sede i seguenti esercizi alberghieri hanno richiesto il non assoggettamento al vincolo: 1) Hotel Astoria (4 stelle 225 posti letto) Corso Matuzia 8 prot del 14/6/2010 richiede la trasformazione in RTA 2) Hotel Bobby Executive (3 stelle 182 posti letto) Corso Marconi 208 prot del 16/6/ ) Hotel Bononia (3 stelle 66 posti letto) Piazza Cesare Battisti 23 prot del 17/6/ ) Hotel Eveline Portosole (4 stelle 44 posti letto) Corso Cavallotti 111 prot del 17/6/ ) Hotel Ariston Montecarlo(3 stelle 100 posti letto) Corso Mazzini 507 prot del 21/6/ ) Nyala Suite Hotel (4 stelle 157 posti letto) Strada Solaro 134 prot del 21/6/ ) Hotel Paradiso(4 stelle 78 posti letto) Via Roccasterone 12 prot del 21/6/ ) Pensione Al Dom (1 stella 14 posti letto) Corso Mombello 13 prot del 28/6/ ) Hotel Belsoggiorno (3 stelle 66 posti letto) Corso Matuzia 41 prot del 9/7/ ) Albergo Ambrosiano (2 stelle 14 posti letto) Via Roma 36 prot del 12/7/ ) Hotel Morandi (3 stelle 59 posti letto) Corso Matuzia 51 prot del 12/7/ ) Hotel Santa Chiara (1 stella 20 posti letto) Via Martiri della libertà 80 - Prot del 22/7/ ) Hotel Albergo Stella (1 stella 11 posti letto) Via San Francesco 37 prot del 10/8/ ) Pensione Giorgiana (1 stella 15 posti letto) Via San Francesco 37 prot del 5/5/2010 e prot del 26/5/ ) Hotel Oasi - Via Poggio 37 - tale istanza è stata presentata sia nel corso della procedura di pubblicazione della variante al PRG sia successivamente (prot del 17/5/2010) 1

2 Un caso particolare, da ricomprendersi nel gruppo suddetto, è costituito dal Grand Hotel Des Anglais (4 stelle 184 posti letto) sito in salita Grande Albergo 8 che è struttura alberghiera con proprietà frazionata; hanno richiesto lo svincolo i seguenti proprietari di parti dell immobile: 1) Paolo Viganò e Giuseppina Acquistapace Proprietari unità 20, 21 e 36B prot del 14/6/2010 2) Bartolomeo Acquistapace e Rosa Paglierini Proprietari unità 323 prot del 15/6/2010 3) Luigi Menino Proprietari unità Fg 39 mapp 14 sub 28 e 29 prot del 17/6/ ) Maria Duca e Alberto Parsenziani Proprietari unità Fg 39 mapp 14 sub 43 prot del 17/6/ ) Pietro Elia Rho Proprietari unità Fg 39 mapp 14 sub 46 e sub 47 - prot del 17/6/ ) COGEMO sas di Cortinovis Gianluca Proprietari unità Fg 39 mapp 14 sub 101 prot del 19/7/2010 7) BI.TRE s.r.l Legale rappresentante ing. Marco Stobbione - Proprietaria dei locali posti nel sottotetto prot del 19/5/2009 nell ambito della procedura di pubblicazione della variante al PRG adottata con delibera del CS. n. 73/2009. Quindi complessivamente sono state presentate istanze di non assoggettamento al vincolo che riguardano 16 strutture alberghiere. Ulteriore fase della procedura ha riguardato l interpello dei gestori delle aziende alberghiere per i quali i proprietari degli immobili avevano richiesto il non assoggettamento al vincolo. Sono state interessate le seguenti strutture alberghiere già ricomprese nel precedente elenco: 1) Grand Hotel Des Anglais prot del 3/11/2010; 2) Hotel Bel Soggiorno prot del 2/11/2010; 4) Pensione Al Dom prot del 3/11/2010; 5) Hotel Ariston Montecarlo prot del 3/11/2010; 6) Pensione Santa Chiara prot del 2/11/ ) Albergo Ambrosiano prot del 2/11/ ) Albergo Stella prot del 2/11/ ) Pensione Giorgiana prot del 3/11/2010. Delle 16 strutture che hanno richiesto lo svincolo 5 sono classificate (secondo la precedente classificazione) 4 stelle (Astoria, Evelin Portosole, Nyala, Paradiso, Des Anglais); 5 classificate 3 stelle (Ariston Montecarlo, Bel Soggiorno, Bobby Executive, Bonomia, Morandi) - 1 classificata con 2 stelle (Ambrosiano), 4 classificate con 1 stella (Al Dom, Giorgiana,Santa Chiara, Stella) ed 1 struttura che ha cessato l attività (Oasi). L eventuale accoglimento di tutte le istanze di svincolo presentate comporterebbe una potenziale riduzione di un circa un terzo degli attuali posti letto, prospettiva che non può certamente essere positivamente valutata soprattutto in riferimento agli alberghi classificati con quattro o tre stelle. Per gli esercizi classificati con una o due stelle viceversa le conseguenze sulla offerta cittadina di ospitalità turistica sarebbero meno importanti e quindi è possibile valutare positivamente l istanza a condizione che non vi sia opposizione da parte del gestore. Alcune richieste di svincolo, nonché alcune osservazioni presentate a seguito della pubblicazione della delibera CS n. 63/2008 eccepiscono profili di incostituzionalità nella legge regionale laddove impone il vincolo alberghiero ai singoli immobili in oggi classificati alberghi. Pur condividendo la delicatezza della questione, il Comune non può che applicare la legge regionale attivando le procedura dalla stessa previste, precisando che il vincolo imposto dalla presente 2

3 variante non è a tempo indeterminato ma sarà necessariamente riconsiderato tra dieci anni o anche prima qualora ne ricorrano gli estremi e comunque durante la redazione del PUC per il quale è in corso di redazione il progetto preliminare. Nel seguito si valutano le singole istanze pervenute evidenziando che il comma 4 dell articolo 2 della legge regionale 1/2008 individua le possibili cause (da valutarsi da parte del Comune in riferimento alla eventuale richiesta di svincolo) che non consentirebbero di esercitare l attività alberghiera in relazione alla sopravvenuta inadeguatezza a mantenere la presenza sul mercato dell offerta ricettiva ed alla non sostenibilità economica della stessa, suddividendole in due gruppi: a) oggettiva impossibilità dell immobile ad adeguare le sue caratteristiche distributive, funzionali e dimensionali al livello degli standard qualitativi del settore alberghiero, a causa dell esistenza di vincoli paesaggistici, monumentali od urbanistico edilizi non superabili. b) collocazione della struttura in un contesto le cui caratteristiche urbanistiche o territoriali determino la incompatibilità o la insostenibilità della funzione alberghiera. 1) HOTEL ASTORIA Corso Matuzia 8 (4 stelle 225 posti letto). Presentata da arch. Giuseppe Lorenzino legale rappresentante della Logam s.r.l. con sede legale in via Bogino, 13 Moncalieri (TO) proprietaria dell immobile. Viene richiesto l affrancamento dal vincolo alberghiero proponendo la trasformazione in RTA (Residenza turistico alberghiera). L immobile è attualmente in corso di ristrutturazione, a seguito dell ottenimento di un permesso di costruire e la presentazione di alcune SCIA che prevedono il mantenimento della destinazione ad albergo con la realizzazione di suites, il 30% delle quali dotate di posto cottura. Inoltre, nell area antistante il fabbricato, è in corso di realizzazione un autorimessa interrata che prevede la realizzazione di posti auto in parte pertinenziali alla struttura ricettiva ed in parte pertinenziali agli immobili residenziali vicini. La società sostiene, anche in riferimento alle argomentazioni meglio esplicitate nel contenzioso amministrativo aperto presso il TAR Liguria contro il Comune, di aver già maturato un assenso implicito in tal senso a seguito delle proposte progettuale a suo tempo presentate al Comune. Inoltre la società ritiene sussistano i presupposti per lo svincolo, considerando che la struttura alberghiera è obsoleta e quindi inadeguata come dimostrerebbe la insostenibilità economica della gestione cessata da circa 7 anni ed evidenzia inoltre la presunta impossibilità di sostenere la concorrenza con le altre strutture alberghiere esistenti in Corso Matuzia. La richiesta di trasformazione dell Albergo Astoria in Residenza Turistica alberghiera già non era stata motivatamente accolta con la deliberazione del Commissario Straordinario n. 73 del 26 febbraio 2009, laddove si affermava che la posizione dell immobile posto nella zona dei grandi alberghi storici della città, nelle immediate vicinanze del litorale e del Casinò Municipale poteva proficuamente garantire il mantenimento della destinazione alberghiera e comunque perlomeno era compatibile con la funzione alberghiera. In un primo tempo l amministrazione comunale aveva valutato in termini non negativi la possibilità che l immobile potesse assumere la nuova destinazione di residenza turistica alberghiera a condizione che venisse garantita l offerta di ospitalità turistica libera ed indifferenziata al pubblico tramite una gestione unitaria dei servizi di pernottamento, rispettando anche l obbligo di accatastamento come unica unità immobiliare di categoria produttiva come previsto dall articolo 7 della legge regionale 2/2008. In tal senso sono state eseguite delle verifiche di fattibilità tecnico giuridica presso la Regione Liguria finalizzate a meglio definire la procedura ed è stata indirizzata alla società la nota prot del 6/7/2010. Tale disponibilità ad accogliere l istanza di trasformazione in RTA è stata oggetto di un primo ripensamento, poiché a seguito di alcune verifiche condotte dagli uffici si era appurato che la proprietà aveva attivato una campagna vendite dell immobile, anche tramite pubblicazione su siti 3

4 internet, mediante l utilizzo di messaggi pubblicitari ambigui e idonei ad indurre in errore i potenziali acquirenti in ordine all oggetto dell operazione, che allo stato poteva solo riguardare la cessione di quote dell albergo sotto una gestione unitaria dello stesso. Tale campagna di vendita è stata ritirata dalla società ma una prima proposta predisposta dall assessorato redatta in data 2 maggio 2011 prevedeva di non accogliere l istanza di svincolo. Tale proposta, unitamente alle altre istanze di svincolo ed alla disciplina urbanistica degli alberghi è stata esaminata dalla Giunta Comunale come da verbale n. 182 del 27 maggio 2011 e quindi trasmessa all esame della seconda commissione consiliare. Nella riunione del 13 luglio 2011 la suddetta commissione, anche a seguito dell audizione dei rappresentati della società e dei suoi legali, ha restituito la pratica all ufficio proprio per approfondire la posizione dell ex hotel Astoria; sono quindi intercorsi contatti con la società proprietaria che con nota in data 18 ottobre 2011 acquisita agli atti con prot del 20/10/2011 ha trasmesso un atto unilaterale d obbligo a sottoscrivere la convenzione che intende regolare i rapporti tra Comune e società in ordine ala progetto di ristrutturazione dell ex albergo. In particolare è prevista la ristrutturazione dell immobile con il mutamento di destinazione d uso in residenza turistica alberghiera costituita indicativamente da 75 unità abitative con annesso ristorante e centro benessere nel rispetto delle indicazioni contenute nelle normative di legge del settore che possono così riassumersi: obbligo di offerta di ospitalità turistica libera ed indifferenziata al pubblico; vincolo di destinazione d uso registrato e trascritto; obbligo di accatastamento come unica unità immobiliare; prescrizioni particolari da inserire nell atto di vendita delle quote millesimali indivise di fabbricato unitario, non frazionato a destinazione RTA. La società si impegna inoltre a versare al Comune l importo corrispondente agli oneri di urbanizzazione con la tariffa della ristrutturazione edilizia, nonché un canone mensile per i box auto autorizzati con il vincolo della pertinenzialità che rimanessero invenduti. Nel trasmettere la suddetta proposta di convenzione la società si è inoltre impegnata, al rilascio dei pertinenti titoli edilizi, a rinunciare ai ricorsi pendenti al TAR Liguria n. 113/2007 e 782/2007. Si propone quindi di accogliere l istanza di svincolo a condizione che sia preventivamente sottoscritta la convenzione sopra richiamata. 2) HOTEL BOBBY EXECUTIVE Corso Marconi 208 (3 stelle 182 posti letto) La richiesta di non assoggettamento al vincolo è presentata dalla proprietà che gestisce anche l albergo. Tale istanza evidenzia la localizzazione periferica dell immobile e la vicinanza all area degradata di Pian di Poma; è segnalato inoltre il rischio di perdere la piscina per contenzioso con confinanti; inoltre il generale calo delle presenze turistiche nella città penalizza gravemente la struttura. Si propone di non accogliere la richiesta di svincolo poiché la collocazione in area periferica dell immobile non presenta elementi negativi tali da ritenere incompatibile o insostenibile la funzione alberghiera : essa costituisce indubbiamente un elemento non del tutto positivo, ma le conseguenze negative sono mitigate dalla contiguità con la via Aurelia (con conseguente ottima accessibilità veicolare), dalla vicinanza del capolinea del trasporto pubblico urbano e dalla vicinanza con la pista ciclopedonale realizzata sulle aree dismesse dalla ferrovia, che costituisce una attrattiva turistica di grande importanza. 3) HOTEL BONONIA Piazza Cesare Battisti 23 (3 stelle 66 posti letto). Istanza presentata dalla proprietà. L albergo ha cessato l attività in data 10/3/2010; viene segnalata la gestione antieconomica allegando una relazione del commercialista dott. Grassi ed inoltre sono 4

5 segnalate le difficoltà tecniche ad adeguare la struttura che non può essere ampliata ed adeguata alle esigenze del moderno mercato come da relazione tecnica dei geom. Adami e Piccone. Si propone di non accogliere l istanza di svincolo poiché la posizione dell immobile, posto in contiguità con il centro commerciale cittadino, il Casinò Municipale e la zona litoranea è compatibile con la funzione alberghiera e può consentirne una proficua gestione. Alla carenza di parcheggi potrebbe sopperirsi con un convenzionamento con le strutture pubbliche sul lungomare Italo Calvino, esistenti ed in prevista realizzazione. 4) HOTEL EVELINE PORTOSOLE Corso Cavallotti 111 (4 stelle 44 posti letto) Richiesta presentata dalla proprietà che gestisce anche l albergo; è stata presentata una relazione tecnica (geom. Cardarelli) che evidenzia le difficoltà di adeguare la struttura, evidenziando in particolare la impossibilità di realizzare una sala per meeting, un centro benessere ed ampliare la dotazione di parcheggi in oggi insufficienti: da ciò consegue la difficoltà a mantenere la classificazione a quattro stelle. Vengono inoltre evidenziate le difficoltà economiche della gestione che non consente di realizzare utili e si mantiene in pareggio solamente per l impegno personale della proprietaria. Si propone di non accogliere l istanza di svincolo poiché la localizzazione dell immobile è compatibile con la funzione alberghiera e può consentirne una proficua gestione. Infatti l immobile è contiguo al Parco di Villa Ormod, è posto nelle immediate vicinanze di Portosole e della nuova stazione Ferroviaria, nonché a poche decine di metri dalla pista ciclopedonale del parco costiero del ponente ligure. La posizione non è nemmeno defilata dal centro commerciale della città, che è raggiungibile a piedi con una breve passeggiata oppure tramite i mezzi pubblici di trasporto. 5) HOTEL ARISTON MONTECARLO Corso Mazzini 507 (3 stelle 100 posti letto) Richiesta presentata dalla proprietà; il gestore, all uopo interpellato con nota prot del 30/11/2010 ha richiesto una proroga al termine di presentazione delle osservazioni, la proroga è stata concessa ma al momento nulla è pervenuto. La proprietà evidenzia presunti profili di illegittimità nel vincolo; inoltre nel caso particolare ritiene che la collocazione dell albergo al di fuori del centro urbano sia elemento negativo; segnala l assenza di servizio di trasporto pubblico efficiente e rapido e la contiguità con via Aurelia con conseguente molto traffico e rumore; rimarca poi l assenza di attrattive negli immediati paraggi, paventando la possibile concorrenza del realizzando centro turistico di Capo Verde; evidenzia infine il forte calo delle presenze in tutto il territorio cittadino con una crisi generale del turismo nella nostra città; infine segnala che la reddività dell immobile è irrisoria rispetto ad eventuale altra destinazione Si propone di non accogliere la richiesta di svincolo considerato che il vigente PRG ricomprende l albergo in zona T2 destinata a nuovi insediamenti turistici e quindi la funzione alberghiera è da ritenersi assolutamente compatibile. Si evidenzia a riguardo che nell anno 2008 è stato rilasciato in capo alla Capoverde s.r.l. il permesso di costruire per un nuovo albergo posto a breve distanza dall Ariston Montecarlo ed è stato comunicato l inizio dei lavori di costruzione; ciò, anziché generare una dannosa concorrenza, dovrebbe contribuire a consolidare la funzione alberghiera nella zona. La posizione periferica è compensata dalla ottima accessibilità dell albergo garantita dalla vicinanza dello svincolo della Aurelia bis e la contiguità con la pista ciclabile ha sicuramente contribuito a migliorare l offerta turistica della struttura. Riguardo alle prospettive future l impegno del Comune nella promozione turistica della città sarà incrementato come dimostrano le iniziative recentemente assunte. 5

6 6) NYALA SUITE HOTEL Strada Solaro 134 (4 stelle 157 posti letto) Presentata da ing. Calisto Varnero legale rappresentante della Solaro Sud s.r.l. e della Villa Stella Maris s.r.l. proprietarie dell immobile ed anche gestore dell albergo. Evidenzia presunti profili di illegittimità nel vincolo; nel caso particolare viene evidenziata la carenza delle infrastrutture viarie che rendono difficoltoso raggiungere l hotel agli autobus turistici; la mancata realizzazione di un polo turistico in località Solaro come da previsioni del PRG non attuate; lontananza dal centro cittadino; negativi risultati economici della gestione. Non viene proposta una nuova particolare destinazione. La richiesta di svincolo non viene accolta per le motivazioni di seguito riportate La difficoltà di accesso al Nyala Hotel poiché non il Comune non ha adeguato la rete stradale circostante con particolare riguardo a via Solaro Rapelin è oggettiva : la dotazione infrastrutturale stradale della zona non è stata potenziata come risultava dai programmi urbanistici e dai progetti inseriti nel programma dei lavori pubblici, attuati solo in minima parte; è peraltro in corso da parte di ANAS la progettazione della tratta Sanremo Centro Foce della Aurelia bis che dovrebbe migliorare in modo sostanziale l accessibilità della zona del Solaro. Il bilancio della società di gestione da alcuni anni è in passivo: tale condizione non è tra quelle previste dal comma 4 articolo 2 della LR 1/2008 per consentire lo svincolo. 7) HOTEL PARADISO Via Roccasterone 12 (4 stelle 78 posti letto) Richiesta presentata dalla proprietà che gestisce anche l albergo. Evidenzia presunti profili di illegittimità nel vincolo; nel caso particolare evidenzia l impossibilità di ampliare l albergo per vincoli privatistici non rimovibili; la antieconomicità della gestione Si propone di non accogliere l istanza di svincolo per le seguenti motivazioni : l albergo è posto nella zona degli alberghi storici di Sanremo, quindi in un ambito di particolare pregio urbanistico ed ambientale e pertanto la funzione alberghiera è compatibile e sostenibile. la vetustà dell edificio che ospita l albergo se da un lato rende indubbiamente più complessi ed onerosi interventi di moderna ristrutturazione d altro canto contribuisce ad offrire l immagine di albergo di charme che sicuramente è gradita all ospite che sceglie Sanremo per il suo soggiorno. 8) PENSIONE AL DOM Corso Mombello 13 - (1 stella 14 posti letto) Richiesta presentata dall avv. Raffa per conto della proprietà di una parte dell immobile già occupato dalla struttura alberghiera con quattro camere ed in oggi non utilizzata per cessata locazione a seguito di causa vinta dalla proprietà nel 2006; viene allegata una relazione tecnica (geom. Coggiola) che descrive lo stato attuale dell immobile. Considerato che la pensione all insegna Al DOM è ancora attiva è stato interpellato l ex gestore che ha risposto con nota prot del 30/12/2010; il gestore ha precisato che ha rinnovato il contratto di affitto nei locali attigui a quelli interessati all istanza di svincolo che sono di altra proprietà e dichiara la disponibilità a riprendere eventualmente l attività anche nei locali per i quali ha subito lo sfratto Evidenziato che i locali per i quali è stata presentata richiesta di svincolo sono in oggi non utilizzati, che a suo tempo è stata corrisposta una indennità di avviamento per il rilascio dell immobile e che l azienda alberghiera è rimasta comunque attiva, si ritiene di poter accogliere la richiesta di svincolo. La nuova destinazione d uso che sarà impressa ai locali seguirà le regole e gli adempimenti previsti per la zona A3 del vigente PRG in cui l immobile è collocato. 9) HOTEL BELSOGGIORNO Corso Matuzia 41 (3 stelle 66 posti letto) Richiesta presentata dalla proprietà che presenta una relazione nella quale si evidenzia che l edificio è vetusto, che vi è estrema difficoltà ad eseguire adeguamenti strutturali importanti che consentano di mantenere i livelli qualitativi richiesti dal mercato; segnalano inoltre la impossibilità di realizzare 6

7 ampliamenti esterni all edificio per obbligo del rispetto dei vincoli paesaggistici ed urbanistici,ed infine evidenziano la difficoltà di rispettare le norme sul contenimento energetico. Il gestore, titolare della licenza di esercizio, con nota prot del 9/12/2010 si associa alla istanza della proprietà. Si ritiene di non accogliere la richiesta di svincolo per le seguenti motivazioni : l albergo è posto nella zona degli alberghi storici di Sanremo, quindi in un ambito di particolare pregio urbanistico ed ambientale e pertanto la funzione alberghiera è compatibile e sostenibile. La vetustà dell edificio che ospita l albergo se da un lato rende indubbiamente più complessi ed onerosi gli interventi di adeguamento funzionale, impiantistico ed in materia di risparmio energetico d altro canto contribuisce ad offrire l immagine di albergo di charme che sicuramente è gradita all ospite che sceglie Sanremo per il suo soggiorno. L impossibilità di ampliare l insufficiente parcheggio esistente è sicuramente un elemento negativo, che può trovare parziale compensazione negli ampi spazi di parcheggio pubblico disponibili a ragionevole distanza soprattutto al di fuori della stagione estiva sul lungomare Vittorio Emanuele II. 10) ALBERGO AMBROSIANO Via Roma 36 (2 stelle 14 posti letto) Richiesta presentata dalla proprietà che evidenzia come la struttura sia situata al 4^ piano di un immobile prevalentemente residenziale e ad uffici professionali; il canone di affitto è ritenuto basso in relazione all importanza dell immobile; non è conosciuta la reddività della gestione alberghiera, ma viene segnalata la sua ridotta dimensione, la carenza di dotazioni minime, la mancanza di parcheggi. Interpellato il gestore è pervenuta la nota prot del 25/11/2010 con la quale si comunica che recentemente è stata acquisita la nuova classificazione che è passata da 2 a 3 stelle; e quindi il gestore si oppone allo svincolo ritenendo non fondate le motivazioni addotte dalla proprietà. Si propone di non accogliere la richiesta di svincolo poiché l immobile è sito in una zona centrale di Sanremo compatibile con la funzione alberghiera e la recente classificazione con incremento del livello testimonia la possibilità di svolgere l attività senza la necessità di ulteriori particolari interventi di adeguamento. 11) HOTEL MORANDI Corso Matuzia 51 (3 stelle 59 posti letto) Richiesta presentata dal legale rappresentante della società proprietaria dell immobile e titolare della licenza di esercizio. Sono allegate una relazione finanziaria ed economica che evidenzia le perdite di esercizio della ultime annualità ed una relazione tecnica a firma del geom. Cardarelli che descrive l inadeguatezza della struttura riguardo al numero di parcheggi, la mancanza di sale conferenze e riunioni, di un centro benessere (difficoltà ed onerosità per una eventuale loro realizzazione) nonché la necessità di un difficile ed oneroso adeguamento tecnologico generalizzato. Si propone di non accogliere l istanza di svincolo poiché l albergo è posto nella zona dei grandi alberghi storici di Sanremo, vicino al Casinò, al centro commerciale della città ed alla zona litoranea; la funzione alberghiera è quindi sicuramente compatibile ed anche sostenibile: inoltre se l ampliamento è forse impossibile certamente possibile appare un adeguamento funzionale. 12) HOTEL SANTA CHIARA Via Martiri della libertà 80 - (1 stella 12 camere - 20 posti letto) L istanza è stata presentata dal proprietario di una parte dell immobile che ospita la struttura (4 camere sulle 12 di cui dispone l albergo) Il richiedente evidenzia che in origine l immobile era un appartamento di un condominio residenziale, afferma che non è possibile procedere ad adeguamenti od ampliamenti; da ultimo ricorda il contesto sociale degradato e l assenza di parcheggi dedicati. L altra parte della proprietà non ha presentato alcuna istanza. 7

8 Il gestore con nota prot del 27/4/2011 ha comunicato di aver recentemente rinnovato i contratti di affitto e di essere intenzionato a proseguire l attività alberghiera. Si propone quindi di non accogliere la richiesta di svincolo. 13) HOTEL ALBERGO STELLA Via San Francesco 37 (1 stella 7 camere - 11 posti letto) Richiesta è stata presentata dalla proprietà che, a giustificazione della richiesta di svincolo rappresenta i seguenti argomenti : l albergo è posto al primo piano di un condominio prevalentemente residenziale; si ritiene impossibile realizzare ampliamenti e difficile operare ristrutturazioni interne per i vincoli tecnici ed estetici del fabbricato condominiale; manca un accesso autonomo ed è impossibile realizzarlo; alcune camere sono prive di servizi igienici e la loro eventuale realizzazione è assai difficoltosa; è impossibile reperire in zona parcheggi riservati; infine al pian terreno dello stabile vi è un supermercato che per la sua rumorosità è ritenuto incompatibile con la funzione alberghiera. E stato interpellato il gestore che con note prot del 15/11/2010 e prot del 15/11/2010 che, in relazione anche alla nuova classificazione alberghiera recentemente ottenuta, ribadisce la piena idoneità della struttura a svolgere la funzione alberghiera, sostenendo infondate le argomentazione contrarie rappresentate dalla proprietà. Poiché non vi è accordo tra proprietà e gestore l istanza di svincolo viene respinta. 14) PENSIONE GIORGIANA Via San Francesco 37 (1 stella 8 camere - 15 posti letto) Richiesta presentata dalla proprietà che evidenzia come l albergo sia situato in un immobile a prevalente destinazione residenziale; viene altresì documentato come la gestione sia antieconomica allegando una relazione a firma del commercialista dott. Zanchi; vengono altresì rappresentate le difficoltà, e per certi versi l impossibilità, dell adeguamento della struttura (relazione a firma geom. Piccone). Interpellato il gestore è pervenuta la nota prot del 22/11/2010 evidenziando che non si oppone allo svincolo alberghiero dell immobile. Si propone di accogliere l istanza di svincolo per le ridotte dimensioni della struttura alberghiera. 15) GRAND HOTEL DES ANGLAIS - Salita Grande Albergo 8 (4 stelle 184 posti letto) Trattasi di albergo costituito da numerose unità immobiliari frazionate ed alienate sotto espressa accettazione del mantenimento, sulle stesse, del vincolo di destinazione alberghiera con impegno a mettere a disposizione per l offerta turistica le singole unità qualora richiesto dalla gestione. Purtuttavia alcuni soggetti ritengono non applicabile alle loro proprietà il vincolo della LR 1/2008 e ciò per diverse motivazioni, tra cui l esistenza di condoni edilizi rilasciati o comunque presentati ma non definiti, la mancata dichiarazione di messa a disposizione della propria unità immobiliare alla gestione, l implicito riconoscimento della destinazione residenziale del sottotetto a seguito di autorizzazioni rilasciate dal Comune, con ciò ritenendosi concretata nei fatti una vera e propria destinazione residenziale. La società che gestisce l albergo, con nota prot del 17/12/2010, con articolate motivazioni che fanno riferimento alla particolare situazione giuridica dell immobile ed al contenzioso intercorso tra i diversi proprietari e con il Comune in relazione alla ristrutturazione dei locali sottotetto richiede che, qualunque decisione assuma l Amministrazione, per l intero edificio sia prevista una destinazione unitaria, cioè o l intero edificio manterrà la destinazione alberghiera oppure sempre l intero edifico non dovrà essere più assoggettato al vincolo alberghiero. Il Consiglio di Stato con sentenza n del ha definito una prima tranche del contenzioso insorto tra le parti ritenendo, tra l altro, che il provvedimento conclusivo del 8

9 procedimento di revisione dell autorizzazione comunale alla ristrutturazione dei locali sottotetto fosse stato da questa Amministrazione correttamente assunto. Poiché le ulteriori controversie - intercorse tra la gestione e la proprietà del sottotetto che hanno inevitabilmente coinvolto anche il Comune - sono in prossima discussione nel merito dinnanzi al TAR Liguria (udienza fissata per il ), si propone di respingere le attuali richieste di svincolo, confermando il mantenimento della destinazione alberghiera, prevista negli atti di trasferimento delle singole unità immobiliari e nel succitato provvedimento conclusivo del procedimento di revisione. Senza contare che in ogni caso l immobile è posto nella zona dei grandi alberghi storici di Sanremo e la sua posizione, vicino al litorale, al Casinò Municipale ed al centro commerciale della città rendono compatibile e sostenibile la funzione alberghiera. 16) HOTEL OASI Via Poggio 37 - (già 2 stelle 14 posti letto) Richiesta presentata dalla proprietà dell immobile. L albergo ha cessato l attività in data 6/9/2004; l albergo era dotato di n. 14 posti letto collocati in 10 camere e quindi aveva dimensioni assai limitate. Trattasi di edificio realizzato nei primi anni del 1900 nato originariamente come residenza, e successivamente utilizzato prima come pensione e poi come albergo. E pendente un contenzioso presso il Consiglio di Stato avverso il diniego del mutamento di destinazione d uso dopo che il TAR Liguria ha riconosciuto legittimo e fondato il diniego del permesso di costruire per la ristrutturazione dell immobile. Si propone di accogliere la richiesta di svincolo poiché l azienda alberghiera all insegna OASI ha cessato l attività da oltre 6 anni; inoltre le modeste dimensioni dell area di pertinenza rende impossibile realizzare posti auto od altri servizi accessori all attività alberghiera. L assentimento della nuova funzione residenziale, prevista nella zona Bc7 in cui è collocato l immobile, è subordinato oltre agli oneri di urbanizzazione, anche al reperimento degli standard per le nuove costruzioni (eventualmente monetizzabili) come da deliberazione del CC n. 63 del 15/9/2010. Da monetizzare anche la percentuale di ERS ai sensi della LR 38/2008 secondo in criteri previsti dalla variante casa in itinere. In sintesi si riporta l elenco delle strutture alberghiere per le quali si propone il non assoggettamento al vincolo: 1) Hotel Astoria Corso Matuzia 8 (con destinazione RTA e previa sottoscrizione della convenzione sopra richiamata) 2) Hotel Oasi Via Poggio 37 (con destinazione tra quelle ammesse dal PRG) 3) Pensione Al Dom Corso Mombello 13 (limitatamente alla parte in oggi non più utilizzata come albergo e con destinazione tra quelle ammesse dal PRG) 4) Pensione Giorgiana Via San Francesco 37 (con destinazione tra quelle ammesse dal PRG). Poiché delle quattro strutture alberghiere di cui si propone di accogliere l istanza di svincolo solamente la Pensione Giorgiana è attualmente in attività, la riduzione dei posti letto attualmente offerti al pubblico è di sole 15 unità. Sanremo, 25 ottobre 2011 L ASSESSORE ALL URBANISTICA Alessandro Dolzan IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO Ing. Alberto LOCATELLI 9

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE AL PRG VIGENTE RELATIVA ALLA DISCIPLINA URBANISTICA DEGLI ALBERGHI AI SENSI DELLA L.R. 07 FEBBRAIO 2008 N. 1 RELAZIONE TECNICA Sanremo, 2/05/2011 Istruttore

Dettagli

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Medie strutture di vendita Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto

Dettagli

Comune di Lentate sul Seveso

Comune di Lentate sul Seveso Comune di Lentate sul Seveso Provincia di Monza e Brianza PGT PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO Maggio 2013 Proposta di controdeduzione alle osservazioni ALLEGATO H ELENCO DELLE OSSERVAZIONI NEL PERIODO

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente...

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente... REGIONE VENETO Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 1 INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L UTILIZZO DELL EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO

Dettagli

PARERE N. 41 DEL 01/07/2011

PARERE N. 41 DEL 01/07/2011 Assessorato Territorio e Ambiente Dipartimento Regionale Urbanistica Servizio 6 Varianti Urbanistiche relative alle Conferenze di Servizi Unità Operativa 6.1 OGGETTO: Comune di Ispica Art. 5 D.P.R. n.

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna Pag. 1 di 10 COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna AUTORIZZAZIONI PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA E NORME SUL PROCEDIMENTO - Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 84 del 16/12/2004

Dettagli

allegato C norme tecnico-urbanistiche redatte ai sensi e per gli effetti dell articolo 2, comma 2, della legge regionale 07 febbraio 2008 n.

allegato C norme tecnico-urbanistiche redatte ai sensi e per gli effetti dell articolo 2, comma 2, della legge regionale 07 febbraio 2008 n. allegato C norme tecnico-urbanistiche redatte ai sensi e per gli effetti dell articolo 2, comma 2, della legge regionale 07 febbraio 2008 n. 1 articolo 1. 1. Le presenti disposizioni costituiscono la disciplina

Dettagli

Prot. 622916 Roma 16/11/2015

Prot. 622916 Roma 16/11/2015 AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO IL DIRETTORE Prot. 622916 Roma 16/11/2015 A Roma Capitale A tutti i Responsabili degli Uffici SUAP o SUAR dei Comuni del Lazio Alla Città Metropolitana di Roma Capitale Alle

Dettagli

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella DELIBERA 1. DI ADOTTARE la variante parziale al P.S.C. consistente nella modifica delle classificazioni delle aree Bertanella (tav. 2) e Golf (tav. 1B) e della normativa (artt. 6.10 6.10 bis 6.19-7.4.4);

Dettagli

COMUNE DI ARCO PROVINCIA DI TRENTO. Regolamento per l applicazione del contributo di concessione

COMUNE DI ARCO PROVINCIA DI TRENTO. Regolamento per l applicazione del contributo di concessione COMUNE DI ARCO PROVINCIA DI TRENTO Regolamento per l applicazione del contributo di concessione Approvato con: Deliberazione del Consiglio comunale n. 64 di data 26 giugno 2002 ed entrato in vigore il

Dettagli

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI PREGNANA MILANESE (Provincia di Milano) SETTORE ASSETTO ED USO DEL TERRITORIO UFFICIO URBANISTICA RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE INTRODUZIONE L art. 43 della legge Regionale

Dettagli

Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata

Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata OGGETTO: INDIRIZZI INTERPRETATIVI DELLA L. R. 4/2009 AGGIORNAMENTO AL 18.10.2010 ART. 1 Finalità 1) L obiettivo primario

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI. Servizio Edilizia Privata

COMUNE DI CAGLIARI. Servizio Edilizia Privata COMUNE DI CAGLIARI Servizio Edilizia Privata Indirizzi Interpretativi 19 Dicembre 2013 1 La presente nota scaturisce dalla necessità di dare risposta ai quesiti più frequenti posti all ufficio da parte

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI ATTO DI INDIRIZZO PER I PROCEDIMENTI DI COMPETENZA COMUNALE DEFINITI DAGLI ARTICOLI 4, 5, 6 bis, 7, 8, 9 E 11 bis DELLA LEGGE REGIONALE 28 DICEMBRE 2009 N. 19 Misure urgenti per il rilancio economico,

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013 DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA Prot.n 7708 del 31/12/2013.. Cat 6.30.6.6. (da citare nella risposta) Torino, 31/12/2013 O. d. S. n. 11 / 2013 Oggetto:

Dettagli

per accesso e individuazione catastale, anche adiacenti ad altri edifici; sono esclusi gli edifici cosiddetti a schiera e quelli di tipo

per accesso e individuazione catastale, anche adiacenti ad altri edifici; sono esclusi gli edifici cosiddetti a schiera e quelli di tipo Regione Piemonte Bollettino Ufficiale n. 38 del 24 settembre 2009 Circolare della Presidente della Giunta Regionale 21 settembre 2009, n. 4/PET Legge regionale 14 luglio 2009, n. 20 Snellimento delle procedure

Dettagli

COMUNE DI BIBBIENA RIFERITA A PORZIONI TERRITORIALI 2013

COMUNE DI BIBBIENA RIFERITA A PORZIONI TERRITORIALI 2013 COMUNE DI BIBBIENA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO E AL PIANO STRUTTURALE RIFERITA A PORZIONI TERRITORIALI 2013 Relazione ai sensi della Legge 1/2005, art.53 comma 3, lett c) bis e c) ter e art. 55

Dettagli

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA 2-T2 NELLA FRAZIONE DI VADA E VARIANTE CARTOGRAFICA PER PRESA D ATTO DEL NUOVO TRACCIATO AUTOSTRADALE E DELLA VIABILITÀ SECONDARIA.

Dettagli

Ufficio Tecnico Comunale

Ufficio Tecnico Comunale COMUNE di LEIVI Provincia di Genova Via IV Novembre, n.1 16040 LEIVI Tel.0185.319033 + Fax.0185.319569 ufficio tecnico@comune.leivi.ge.it Ufficio Tecnico Comunale REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE. VISTO il parere del Servizio Urbanistica in data 28.02.2005, dal quale risulta:

IL CONSIGLIO COMUNALE. VISTO il parere del Servizio Urbanistica in data 28.02.2005, dal quale risulta: OGGETTO: DITTA IMT GROUP S.R.L. - PIANO DI RECUPERO DELL'IMMOBILE SITO IN VIA GALLODORO - VIA ZANNONI - SOTTOZONA A3 - ADOZIONE AI SENSI DELLA L.R. N.34/92 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI PREMESSO:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 118/E

RISOLUZIONE N. 118/E RISOLUZIONE N. 118/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Imposte sui redditi - Spese sostenute per la redazione di un atto di vincolo unilaterale - Art. 16-bis del TUIR - Istanza

Dettagli

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i.

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. COMUNE DI LIMENA Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. Approvate con la deliberazione di C.C. n. 33 del 28.09.2011

Dettagli

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 11/11/2009 n. 19; L. 21/10/2010 n. 17 Aumenti massimi (salvo casi particolari) + 35% volume con

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA ***

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** ATTO DI MODIFICA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 6.10.2005 Il giorno del mese di dell anno 2014 nel Comune

Dettagli

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI Comune di Cisano B.sco Piano dei Servizi Disciplina degli interventi COMUNE DI CISANO BERGAMASCO DISCIPLINA DEL PIANO DEI SERVIZI DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

CONVENZIONE EDILIZIA. relativa all esecuzione del progetto di ristrutturazione dell immobile sito in via REPUBBLICA ITALIANA

CONVENZIONE EDILIZIA. relativa all esecuzione del progetto di ristrutturazione dell immobile sito in via REPUBBLICA ITALIANA Repertorio n. CONVENZIONE EDILIZIA relativa all esecuzione del progetto di ristrutturazione dell immobile sito in via Colonnello Aprosio 106/108/110 Vallecrosia (ex Hotel Impero) REPUBBLICA ITALIANA L

Dettagli

Oggetto: Quesito sulla gratuità ovvero onerosità degli interventi edilizi.

Oggetto: Quesito sulla gratuità ovvero onerosità degli interventi edilizi. Oggetto: Quesito sulla gratuità ovvero onerosità degli interventi edilizi. Al fine di poter compiutamente illustrare il quesito che si andrà a formulare, necessita introdurre una breve premessa. Per conoscere

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

ALLEGATO A. Tabella Destinazione Tabella Destinazione. Tabella A2 Artigianali o industriali Tabella A4 Commerciale all ingrosso

ALLEGATO A. Tabella Destinazione Tabella Destinazione. Tabella A2 Artigianali o industriali Tabella A4 Commerciale all ingrosso ALLEGATO A OGGETTO: Adeguamento annuale degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria e del costo di costruzione in ragione della variazione degli indici ISTAT, già previsto dalla disciplina della

Dettagli

Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione

Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione COMUNE DI ALA Provincia di Trento Ufficio Tecnico Urbanistico Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione Art. 107 L.P. 5 settembre 1991, n. 22 e s.m.i. Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE Urbanistica Edilizia privata Comune di Fauglia Provincia di Pisa CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE DISCIPLINA IN MATERIA DI SANZIONI AMMINISTRATIVE DI CUI L ART. 140

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE. DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE. DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS Ufficio Tecnico Settore Urbanistica DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 13 del 21.01.2010 1 DEI PARCHEGGI PRIVATI

Dettagli

Il Vicepresidente GELLI

Il Vicepresidente GELLI 10 14.2.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 Art. 25 Entrata in vigore 1. Il presente regolamento entra in vigore novanta giorni dopo la sua pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE 1 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.6 ART.7 PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ATTREZZATURE PUBBLICHE E DI INTERESSE PUBBLICO

Dettagli

3(5&2175,%87,&2081$/,),1$/,==$7,$/

3(5&2175,%87,&2081$/,),1$/,==$7,$/ 5(*2/$0(172 3(5&2175,%87,&2081$/,),1$/,==$7,$/ 5(&83(52'(/&(17526725,&2', 021'2/)2 - Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 41 del 01.06.1998 esaminato dal CO.RE.CO. di Ancona nella seduta del

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data ottobre 2009 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. del REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE

Dettagli

Schema di convenzione di Lottizzazione

Schema di convenzione di Lottizzazione Schema di convenzione di Lottizzazione per piani con volumetria superiore a 10.000 mc approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 del 11.03.2002 modificato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

Spazio per l ufficio protocollo (si prega di verificare in accettazione la presenza degli allegati indicati nell allegato II pagina 4)

Spazio per l ufficio protocollo (si prega di verificare in accettazione la presenza degli allegati indicati nell allegato II pagina 4) Apporre contrassegno telematico (marca da bollo) da 14.62 Spazio per l ufficio protocollo (si prega di verificare in accettazione la presenza degli allegati indicati nell allegato II pagina 4) Avvertenze

Dettagli

COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE. - Provincia di Bologna - REPUBBLICA ITALIANA ACCORDO PRELIMINARE AI SENSI DELL ART. 18 DELLA LEGGE DELLA

COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE. - Provincia di Bologna - REPUBBLICA ITALIANA ACCORDO PRELIMINARE AI SENSI DELL ART. 18 DELLA LEGGE DELLA COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE - Provincia di Bologna - Repertorio n.. REPUBBLICA ITALIANA ACCORDO PRELIMINARE AI SENSI DELL ART. 18 DELLA LEGGE DELLA REGIONALE 24 MARZO 2000, N. 20 E ART. 11 LEGGE N.

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE - OGGETTO - ESTENSIONE DELL AMBITO DI

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA Servizio SUAP ed Attività Economiche Assessorato al Commercio

COMUNE DI RAVENNA Servizio SUAP ed Attività Economiche Assessorato al Commercio COMUNE DI RAVENNA Servizio SUAP ed Attività Economiche Assessorato al Commercio CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA E NORME SUL PROCEDIMENTO Approvato con Delibera

Dettagli

Le semplificazioni e i procedimenti introdotti. dal decreto del fare in edilizia

Le semplificazioni e i procedimenti introdotti. dal decreto del fare in edilizia SAMANTA RICCO LUCA GRASSI mercoledì, martedì, 23 18 settembre 2014 2013 Le semplificazioni e i procedimenti introdotti Giornata del Decreto del fare dal decreto del fare in edilizia DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio)

AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio) 1 AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio) - - - - - - - 2 3 AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0392. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale

PROGETTO DI LEGGE N. 0392. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale REGIONE LOMBARDIA VIII LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 15996 PROGETTO DI LEGGE N. 0392 di iniziativa del Presidente della Giunta regionale Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

ALLEGATO A COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d Argento al Valor Civile SERVIZIO URBANISTICA AGGIORNAMENTO DEL COSTO DI COSTRUZIONE E DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ADEGUAMENTO ISTAT GIUGNO 2006 DICEMBRE

Dettagli

118 18 0 - DIREZIONE URBANISTICA, SUE E GRANDI PROGETTI - SETTORE URBANISTICA Proposta di Deliberazione N. 2013-DL-467 del 12/12/2013

118 18 0 - DIREZIONE URBANISTICA, SUE E GRANDI PROGETTI - SETTORE URBANISTICA Proposta di Deliberazione N. 2013-DL-467 del 12/12/2013 118 18 0 - DIREZIONE URBANISTICA, SUE E GRANDI PROGETTI - SETTORE URBANISTICA Proposta di Deliberazione N. 2013-DL-467 del 12/12/2013 ALLARGAMENTO DELL AMBITO TERRITORIALE DI RIFERIMENTO PER L ASSEGNAZIONE

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE 13/2015 Promossa dalla Giunta al Consiglio Comunale nella seduta del 5 febbraio 2015 OGGETTO: Realizzazione del Campus sportivo di Beata Giuliana. Affidamento della costruzione e gestione mediante concessione

Dettagli

COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE

COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE 1. Finalità del regolamento 2. Definizione di attività temporanee e tipologie consentite 3. Deroghe

Dettagli

PIANO CASA 2 CONFRONTO REGIONALE. Direzione Legislazione Mercato Privato

PIANO CASA 2 CONFRONTO REGIONALE. Direzione Legislazione Mercato Privato PIANO CASA 2 CONFRONTO REGIONALE Direzione Legislazione Mercato Privato DOSSIERAGGIORNATOAL17marzo2010 Senzaalcuna specificazione divolume: AMPLIAMENTI EDIFICI AMMESSI DESTINAZIONI D'USO MUTAMENTO DESTINAZIONED'USO

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Rientra il consigliere comunale Dilillo IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO CHE: In data 14/04/2005, con nota Prot. n.22485 i Sigg.ri Palmitessa Francesco,Palmitessa Giuseppe, Palmitessa Angela Raffaella, nella

Dettagli

I PROGRAMMI INTEGRATI NELL ESPERIENZA ROMANA UNA RICOGNIZIONE

I PROGRAMMI INTEGRATI NELL ESPERIENZA ROMANA UNA RICOGNIZIONE INU Lazio Gruppo di Lavoro Programmi integrati Paola Carobbi Daniel Modigliani Irene Poli Chiara Ravagnan I PROGRAMMI INTEGRATI NELL ESPERIENZA ROMANA UNA RICOGNIZIONE I Programmi integrati: principi e

Dettagli

COMUNE di MAGNAGO. Provincia di Milano

COMUNE di MAGNAGO. Provincia di Milano COMUNE di MAGNAGO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER IL RIFACIMENTO DELLE COPERTURE IN CEMENTO AMIANTO DEGLI EDIFICI AD USO CIVILE, PRODUTTIVO, COMMERCIALE,

Dettagli

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 ALLEGATO A Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 Approvato con deliberazione di CC n.47 in data 29/10/2009

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO LODIGIANO Provincia di Lodi RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI SANTO STEFANO LODIGIANO Provincia di Lodi RELAZIONE TECNICA COMUNE DI SANTO STEFANO LODIGIANO Provincia di Lodi RELAZIONE TECNICA D AGGIORNAMENTO DEGLI ONERI D URBANIZZAZIONE, VALORI MINIMI E CRITERI PER LA MONETIZZAZIONE DEGLI STANDARD IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

Dettagli

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano N. 20/2015 NUOVA DISCIPLINA DEL MUTAMENTO D USO E DELL'INSTALLAZIONE DEI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI Disposizione tecnico

Dettagli

COMUNE DI CHIOGGIA (Provincia di Venezia)

COMUNE DI CHIOGGIA (Provincia di Venezia) COMUNE DI CHIOGGIA (Provincia di Venezia) SETTORE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO ECOLOGIA-AMBIENTE CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE DI CHIOGGIA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE GIUGNO 2002 Il Responsabile

Dettagli

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO Direzione Commercio e Artigianato Settore Programmazione e Interventi dei Settori Commerciali INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DI ADDENSAMENTI COMMERCIALI EXTRAURBANI (ARTERIALI) A.5.

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessore all urbanistica e ambiente Via Jacopo Aconcio, n. 5-38100 Trento Tel. 0461 493202- Fax 0461 493203 e-mail: ass.urbambiente@provincia.tn.it Trento, 8 MAGGIO 2006 Prot.

Dettagli

Pagina 1 di 6. Allegato A

Pagina 1 di 6. Allegato A Allegato A LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAGLI ARTICOLI 2, 3 e 4 DELLA LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 08.07.2009 e smi Pagina 1 di 6 Limiti e modalità applicative per gli interventi

Dettagli

Comune di Verona Sessione ordinaria di Consiglio Comunale Proposta di Deliberazione N. 42 dell ODG

Comune di Verona Sessione ordinaria di Consiglio Comunale Proposta di Deliberazione N. 42 dell ODG Comune di Verona Sessione ordinaria di Consiglio Comunale Proposta di Deliberazione N. 42 dell ODG Oggetto: URBANISTICA - PRESA D'ATTO DI UN PROGETTO PER OPERE DI RISTRUTTURAZIONE E AMPLIAMENTO IN EDIFICIO

Dettagli

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1)

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) SOMMARIO Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 - Opere abusive suscettibili di sanatoria Art. 3 -

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata

1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata 1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata interessata da profondi fenomeni di trasformazione dell apparato

Dettagli

C O N S O R Z I O A T T I V I T A' P R O D U T T I V E - A R E E E S E R V I Z I -

C O N S O R Z I O A T T I V I T A' P R O D U T T I V E - A R E E E S E R V I Z I - C O N S O R Z I O A T T I V I T A' P R O D U T T I V E - A R E E E S E R V I Z I - OGGETTO N. 85: Società EURO BAR Srl, proprietaria superficiaria del lotto di terreno, relativo al fabbricato ubicato nel

Dettagli

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA COMUNE DI PORDENONE TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1) altri titolari oltre al presente dichiarante NO SI n (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica per ogni

Dettagli

C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi

C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS Approvato

Dettagli

DL sblocca Italia: le misure a favore dell edilizia

DL sblocca Italia: le misure a favore dell edilizia Ai gentili clienti Loro sedi DL sblocca Italia: le misure a favore dell edilizia (DL n. 133 del 12.09.2014) Premessa Con il DL n. 133 del 12.09.2014 sono state introdotte alcune nuove disposizioni in materia

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 96 del 15 ottobre 2009

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 96 del 15 ottobre 2009 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 08-10-2009 REGIONE MARCHE Interventi della Regione per il riavvio delle attività edilizie al fine di fronteggiare la crisi economica, difendere l occupazione, migliorare la sicurezza

Dettagli

Direzione Operativa Riqualificazione e Sviluppo del Territorio. Servizio Attività Produttive e supporto amministrativo - U.O.SUEAP

Direzione Operativa Riqualificazione e Sviluppo del Territorio. Servizio Attività Produttive e supporto amministrativo - U.O.SUEAP Piacenza, 10.06.2015 AL DIRIGENTE SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE e SUPPORTO AMMINISTRATIVO AL RESPONSABILE SUEAP AGLI ISTRUTTORI TECNICI SUEAP OGGETTO: Deliberazione Assemblea Legislativa Regione Emilia

Dettagli

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE COMUNE DI PIETRACAMELA Versate teramano del Gran Sasso d Italia PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE NORME TECNICHE Pietracamela lì 25.5.1971 Il Progettista Dott. Ing. Mario Dragone Comune di Pietracamela Piano

Dettagli

COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DELLE CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE

COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DELLE CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DELLE CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 104 del 22.10.2007

Dettagli

Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione

Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione Vengono posti al Servizio scrivente diversi quesiti in ordine alla caducazione del

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 OGGETTO: Comune di Torino. Intervento di ristrutturazione del Palazzo del Lavoro Italia 61. Indirizzi dell Ente di gestione L anno duemilanove

Dettagli

PI 2014 COMUNE DI CASIER

PI 2014 COMUNE DI CASIER PI 2014 COMUNE DI CASIER Variante n. 4 (Legge Regionale n. 11/2004 e s.m.i.) SCHEDE F (Art.3 L.R. 50/2012) 11.04.2014 19.12.2013 12.12.2013 06.12.2013 Elaborato 24 AREE DEGRADATE Art.3 L.R. n. 50/2012

Dettagli

Sblocca Italia: ecco la tabella con le novità per l edilizia in vigore

Sblocca Italia: ecco la tabella con le novità per l edilizia in vigore Sblocca Italia: ecco la tabella con le novità per l edilizia in vigore Il decreto Sblocca Italia (DL 133/2014 convertito nella Legge 164/2014) ha introdotto significative modifiche al Testo Unico dell

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 42 del 24.03.2014 OGGETTO:Variante al PRG ai sensi dell art. 6 della L.R. 4/2011 (piano casa) e riperimetrazione area boscata Località Belvedere pratiche

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE URBANA E TERRITORIALE LEGGE REGIONE PIEMONTE 5/12/1977, n. 56 art. 17 PIANO REGOLATORE GENERALE APPROVATO CON D.G.R. DEL 06/06/1989, N. 93-29164 VARIANTE N. 14 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

integrazione delle politiche urbane con le politiche di welfare; la programmazione come base irrinunciabile della pianificazione;

integrazione delle politiche urbane con le politiche di welfare; la programmazione come base irrinunciabile della pianificazione; ALLEGATO G Indirizzi per l applicazione del titolo V della l.r. 38/07 e s.m.i.. 1. Premesse: principi informatori. La legge regionale 38/07 e s.m.i. è ispirata ad alcuni principi generali che rinnovano

Dettagli

BANDO PUBBLICO - Delibera di Consiglio Comunale n. 48 del 28/07/2011

BANDO PUBBLICO - Delibera di Consiglio Comunale n. 48 del 28/07/2011 COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO BANDO PUBBLICO - Delibera di Consiglio Comunale n. 48 del 28/07/2011 PROPOSTA PROGETTUALE PER LA REALIZZAZIONE DI UN CENTRO SERVIZI PER L AUTOMOBILE CON AUTOHOTEL PER

Dettagli

CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 318/2010 del 29/12/2010

CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 318/2010 del 29/12/2010 CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 318/2010 del 29/12/2010 Oggetto: Procedimento di sportello unico attività produttive - trasferimento due punti vendita

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 07 In data 13.01.2015 Prot. N. 866 OGGETTO: COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Allegato a) RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente provvedimento riguarda un area compresa nell isolato tra la via Sansovino e le vie Refrancore e Cuniberti, situato nella parte nord della Città, nella Circoscrizione

Dettagli

REGOLAMENTO MISURE PER L EMERGENZA ABITATIVA. Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE

REGOLAMENTO MISURE PER L EMERGENZA ABITATIVA. Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE REGOLAMENTO MISURE PER L EMERGENZA ABITATIVA Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento intende: - riordinare in modo organico i criteri per individuare i soggetti aventi titolo a fruire dei

Dettagli

COMUNE DI CASTANO PRIMO

COMUNE DI CASTANO PRIMO COMUNE DI CASTANO PRIMO PROVINCIA DI MILANO ZONIZZAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE RISPOSTE OSSERVAZIONI SETTEMBRE 2009 1 Il Comune di Castano Primo ha provveduto, ai sensi della L.R. 13/2001 ad

Dettagli

DECISIONE. Eurotel Rapallo - SOGER s.r.l., rappresentata e difesa dall avv. Ludovico Villani, elettivamente domiciliata presso il medesimo.

DECISIONE. Eurotel Rapallo - SOGER s.r.l., rappresentata e difesa dall avv. Ludovico Villani, elettivamente domiciliata presso il medesimo. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N. 431/07 Reg.Sent Anno N.9134 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2005 ha pronunciato la seguente DECISIONE sul ricorso

Dettagli

Variante al Piano Attuativo dell Arenile 2001

Variante al Piano Attuativo dell Arenile 2001 COMUNE DI CARRARA Provincia di Massa Carrara SETTORE ASSETTO DEL TERRITORIO, URBANISTICA U.O. CONTROLLO DEL TERRITORIO Variante al Piano Attuativo dell Arenile 2001 RELAZIONE TECNICA Progetto a cura del

Dettagli

CONVENZIONE in attuazione della delibera del Consiglio comunale di Spinea n. 32 del 25/05/2012

CONVENZIONE in attuazione della delibera del Consiglio comunale di Spinea n. 32 del 25/05/2012 CONVENZIONE in attuazione della delibera del Consiglio comunale di Spinea n. 32 del 25/05/2012 fra il COMUNE DI SPINEA, cf. 82005610272, rappresentato in questo atto dall arch. Fiorenza Dal Zotto nata

Dettagli

C O M U N E D I I L L A S I

C O M U N E D I I L L A S I C O M U N E D I I L L A S I PROVINCIA DI VERONA DEFINIZIONI, LIMITI, MODALITA E CRITERI INTERPRETATIVI DELLA LEGGE REGIONALE VENETO 8 LUGLIO 2009 N.14 NEL TERRITORIO COMUNALE DI ILLASI TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI LUCIGNANO Provincia di Arezzo DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Atto n. 17 Seduta del 12 maggio 2008 Oggetto: Variante n. 9/R.U. per il Piano di Recupero in loc. Tozzo ai sensi dell art. 73,

Dettagli