Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 16. Aggiungi un posto a tavola: la ristorazione di domani.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 16. Aggiungi un posto a tavola: la ristorazione di domani."

Transcript

1 Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 16 Aggiungi un posto a tavola: la ristorazione di domani Contributo n 43

2 LE IDEE DI EXPO 2015 VERSO LA CARTA DI MILANO Milano, 7 febbraio 2015 TAVOLO N 16 Tavolo di Lavoro: Aggiungi un posto a tavola: la ristorazione di domani Coordinatore: Paolo Marchi Ideatore e Curatore di Identità Golose Rapporteur: Luca Rimoldi. Antropologo Assegnista di Ricerca Bicocca4Expo l Partecipanti al Tavolo: 1. Massimo Bergami, Professore Ordinario Università di Bologna, Dipartimento di Scienze Aziendali; Dean Bologna Business School, Chair EMBA Consortium for Global Business Innovation. 2. Enrico Borniotto, Amministratore delegato, Msc catering. 3. Massimo Bottura, Chef e Patron dell' Osteria Francescana (Modena). 4. Lucio Cavazzoni, Imprenditore Alce Nero. Socio Alce Nero Berberè. 5. Carlo Cracco, Chef e Patron del Ristorante Cracco (Milano). 6. Antonia Klugmann, Chef e Patron del ristorante L Argine a Vencò (Dolegna del Colle, GO). 7. Claudio Liu patron di Iyo (Milano). 8. Maurizio Patron, Key Account Manager, Electrolux Professional. 9. Franco Pepe, maestro pizzaiolo a Pepe in Grani (Caiazzo CE). 10. Marco Reitano, Sommelier presso La Pergola del Rome Cavalieri (Roma) 11. Severino Salvemini, Docente Ordinario Università Bocconi, Dipartimento di Management e Tecnologia. 12. Lino Stoppani, Presidente di EPAM (Associazione Provinciale Milanese dei Pubblici Esercizi), Consigliere e Vice presidente di Unione Confcommercio. 13. Pietro Zito, Patron del ristorante Antichi Sapori (Montegrosso di Andria BAT). SESSIONE MATTUTINA Verbale narrativo della discussione della mattina (tenersi intorno a massimo caratteri, spazi inclusi) Sono stati toccati vari temi che compongono il variegato mondo della ristorazione di qualità tra cui, ad esempio, la formazione del personale di cucina e di sala, la ricerca dei produttori e l attenzione al territorio. Nel corso della discussione è emersa la necessità di una responsabilizzazione dei ristoratori sia dal punto di vista dello spreco del cibo, sia dal punto di vista della sensibilizzazione al diritto al cibo. È stato proposto un approccio top-down (cioè che parta dalle istituzioni e arrivi ai consumatori, passando per i ristoratori) alla tutela del patrimonio che la ristorazione rappresenta. Questa è percepita sia come un insieme di saperi e conoscenze, ma anche come una preziosa risorsa economica in grado di contribuire al rilancio dello sviluppo economico del Paese attraverso l inserimento della ristorazione in un paradigma volto ad aumentare la dignificazione del settore e a sostenere la ristorazione di qualità come un elemento cruciale del Made in Italy. Si è inoltre discusso del ruolo che la ristorazione potrebbe assumere all interno del tessuto sociale e, in particolar modo, dal punto di vista del recupero del cibo, dell educazione al consumo di cibo come fonte di salute e di benessere, del controllo della filiera. Partendo dalla premessa che la ristorazione di alta gamma rappresenta una piccola quota del fatturato complessivo della ristorazione, è emersa la necessità di comunicare sempre meglio per far conoscere al mondo intero il Paese attraverso la biodiversità dei suoi prodotti e la vivacità della sua cucina. A ciò andrebbe aggiunto il non facile compito di evidenziare la diversità di ciascun territorio, esaltandone le caratteristiche migliori e più singolari. I rappresentanti del mondo della ristorazione diventerebbero così ambasciatori e custodi del patrimonio alimentare del Paese 1

3 con il dovere di raccontarlo, condividerlo e di cucinarlo al meglio. Elenco delle parole chiave/concetti raccolti e loro descrizione sintetica: 1. CONCRETO: credere in un progetto, che abbia una prospettiva inclusiva di tutti gli attori che compongono il mondo della ristorazione. L obiettivo è quello di FARE SISTEMA, ALLEANZA, UNIONE, GIOCO DI SQUADRA. 2. QUALITÀ: Ricerca della qualità dei prodotti e FORMAZIONE volta a garantire la qualità del servizio. 3. VALIDITÀ: La qualità deve passare da un processo di validazione che rispetti leggi e regolamenti. 4. RESPOSNSABILITÀ: Attraverso un OSSERVAZIONE attenta e uno sguardo di ampia prospettiva culturale è necessario costruire una nuova idea di RESPOSNSABILITÀ che coniughi quella sulla qualità del cibo con gli aspetti ETICI della sua produzione (legame prodotto agricolo e ristorazione). 5. RECUPERO: Attenzione allo spreco del cibo e messa in opera di progetti volti a recuperare il possibile. 6. CUSTODI: I ristoratori dovrebbero essere custodi di memoria, storia, della località, del bello e del buono e sano, inteso anche come prodotto biologico. 7. UNIMLTÀ: Necessità di un approccio più aggregante e che favorisca la socialità. 8. MASSA CRITICA: La ristorazione di qualità può e deve crescere nel futuro, per farlo è necessaria anche un educazione all imprenditoria. 9. GODOT: Investire in un nuovo modello imprenditoriale che sia in grado di evitare di dover attendere le decisioni degli enti pubblici. Descrizione delle case history segnalate: 1. Franco Pepe: Nella mia personale esperienza ho potuto appurare che il mio lavoro di ricerca e sperimentazione a un certo punto si è dovuto fondere inevitabilmente con quello degli agricoltori vecchi e nuovi, insieme a quello degli artigiani del cibo e di diverse figure professionali necessarie per poter offrire pizze sempre migliori e ricercate. La spontanea collaborazione si è trasformata in rapporto continuativo spinto dalla curiosità, dalla voglia di sperimentare, alimentato dal raggiungimento di obiettivi sempre più determinati. Il momento storico ha favorito l affermazione di una nuova socialità del contadino, contemporanea e positiva. Con i giovani custodi dell eredità del territorio ho avviato un processo di recupero di antichi semi arrivando alla coltivazione di prodotti un tempo perduti. Questo percorso collettivo ha creato in poco tempo un circolo virtuoso fatto di collaborazioni concatenate, scambi di idee e valori che hanno portato ad azioni concrete che oggi vedono impegnata un intera comunità che si è reinventata e ha scelto di vivere e promuovere la propria terra. Questo lavoro è servito a creare un ecosistema forte, che ha unito e affermato la comunità contadina che oggi ha scelto di costituirsi in un associazione di cui sono felice d essere stato nominato Presidente onorario, in quanto soggetto promotore. Questa associazione mira a fare sistema sul luogo, creando reti sempre più ampie al servizio dell intera comunità, generando connessioni e sviluppo. Osservando il processo che si è spontaneamente attivato, che ha visto muoversi competenze che spaziano dagli agronomi ai nutrizionisti, passando per chi ha scelto di reinventarsi, ci ha fatto giungere alla conclusione che questo è un modello di lavoro scalabile, riproducibile altrove. 2. Lucio Cavazzoni: Le Cooperative che lavorano le terre confiscate, patrimonio restituito alla collettività, che costruiscono nuovi percorsi economici. 3. L esperienza di Norandino in Perù, luogo in cui più di 5000 famiglie stanno soppiantando le coltivazioni di coca con quelle di cacao, zucchero di canna e caffè biologico. 4. MBA Food and Wine di Bologna Business School come acceleratore di nuove imprese e generatore di managerialità nel settore. Esempi di ex studenti che hanno fondato nuove imprese negli ultimi 2 anni: - Federico Spisani > Fondatore format "Il Tortellino" (produzione/vendita 7/7 - h24) 2

4 - Nicholas Mucci > fondatore di Mucci Imports (import di vino italiano negli US) - Jessica Canal > imprenditore di seconda generazione a Di Palo Selects (piano di crescita) - Veda Liu e Antonia Caserta > Turismo eno-gastronomico inbound focalizzato sul segmento affluent asiatico (Cavava Plus Travel) - Daniele Elia > startup Trullo S. Angelo + La Civetta Bistrot a Ceglie Messapica - Camilla Montanari > startup della Cesoia (Spinoff del ristorante di famiglia Cesarina ) 5. Pietro Zito: Se oggi con orgoglio mi trovo qui circondato dai più grandi chef Italiani e mondiali non è certo per la mia tecnica o bravura in cucina, ma perché da oltre 20 anni amo raccontare la storia della mia terra e dare certezze con i miei piatti semplici. La semplicità e la serietà di garantire la qualità di un piatto in ogni sua componente ha fatto si che Antichi Sapori Montegrosso fosse tra i più consolidati ristoranti pugliesi nel mondo, con una utenza internazionale. 6. Il caso di IYO, unico ristorante giapponese stellato in Italia, mette in evidenza come un piatto non sia solo un insieme di ingredienti, ma il frutto di una passione condivisa da una squadra multietnica che parla una sola lingua, quella del gusto. Al suo interno una visione globale: culture diverse dialogano e creano mettendo al centro le materie prime, il team, le idee e partendo dal presupposto che dalla condivisione nasce la creatività, e che dall incontro tra culture gastronomiche nasce l eccellenza. 7. Identità Golose è il più vecchio congresso di cucina al mondo fuori dalla Spagna, Paese che prima di tutti gli altri, Francia compresa, ha capito che i cuochi vanno messi su un palco a spiegare le loro novità, come è da decenni con medici, studiosi, architetti, stilisti, industriali del settore automobilistico e così via. L idea nel gennaio 2004, la prima edizione l anno successivo: due giorni per 18 lezioni; ormai da diverse edizioni con questo numero copre due terzi delle realizzazioni di una singola giornata, circa 25 in tutto. È stato subito coinvolto il mondo della pasticceria da ristorante e in anni più vicini a noi quello della sala, il lato in crisi della ristorazione perché tutti sognano di diventare chef, nemmeno cuoco, chef, cioè capo. Identità Golose nacque da una arrabbiatura: troppi cuochi italiani erano al congresso di Madrid Fusion 2004 solo per copiare, senza porsi il problema del perché quei loro colleghi proponevano qualcosa in un certo modo. Copiare è la negazione della professionalità, la resa della mente. Ben diverso dall eseguire un piatto. Ci saranno sempre i Verdi (compositori) e i Toscanini (esecutori), ma senza Verdi Toscanini sarebbe stato un disoccupato. SESSIONE POMERIDIANA Verbale narrativo della discussione del pomeriggio (tenersi intorno a massimo caratteri, spazi inclusi). Sono stati approfondite alcune delle tematiche emerse nella sessione mattutina e si è cercato di creare una sintesi tra le due grandi istanze portate avanti, a vario di titolo, dai protagonisti del mondo della ristorazione. Sono stati messi in luce i diversi aspetti che rendono speciale l Italia e che, nella storia, hanno costruito il successo del Paese: gli artisti, gli imprenditori del bello e del buono (eccellenze legate al cibo, alla moda, alla meccanica), la luce (rappresentata dai pittori manieristi), le differenze culturali, linguistiche, climatiche e alimentari, il territorio (fatto di piccoli e grandi spazi di comunicazione), le piccole aziende, la forma dell Italia, il sex appeal degli italiani, la forza della classicità. Anche il mondo della ristorazione non può non prendere in considerazione queste realtà storiche e culturali, ma deve cercare di guardare il passato in chiave critica e costruttiva e non nostalgica. Anche il futuro della ristorazione passa per percorsi formativi e culturali. Negli ultimi anni l attenzione dei media agli chef stellati ha fatto sì che molti di loro siano diventati dei veri e propri brand, che hanno svolto un ruolo di traino positivo su tutta la categoria dei cuochi italiani. Mentre in altri contesti europei la ristorazione è riuscita a crescere e a fare sistema, nel nostro Paese il percorso è molto tardivo a causa di alcuni fattori ostacolanti: - La mancanza di un progetto di lungo termine di impresa creativa (le strategie sono troppo emergenti e incrementalistiche ); - Lo sviluppo dell impresa troppo vincolato alle sorti del fondatore; 3

5 - - - La mancanza di confronto con le altre industrie creative per verificare se alcune best practices sono trasferibili nel settore; La carenza di un atteggiamento imprenditoriale favorevole alla replicazione; La carenza di un controcanto ai giornalisti gastronomici che sono schiavi di una dimensione eccessivamente artigiana (e qui emerge tutta la retorica della proprietà famigliare, della memoria del passato, della cucina regionale). Da questi fattori derivano le difficoltà di accettare la sfida di coniugare l alta qualità e l eccellenza con una dimensione più di massa. Elenco degli impegni-raccomandazioni emersi nella discussione (laddove possibile divisi per i cluster di riferimento della Carta 1.cittadini, 2. associazioni, 3.imprese, 4.istituzioni) 1. Cittadini Imparare a onorare il cibo, la terra che lo ha generato, le mani che lo hanno plasmato, l affetto che è la fatica che ce lo consegna. I ristoranti di qualità possono offrire ai clienti esperienze eccellenti anche senza la presenza fisica dello chef, perché hanno ormai grandi squadre fatte da professionisti di grande rigore. Vorrei che Expo diventasse il mezzo per spingere i cittadini, ma anche i cuochi, a comprendere gli ingredienti, le tradizioni locali anche attraverso lo studio della storia contemporanea al fine di creare cuochi e clienti sempre più consapevoli e responsabili 2. Associazioni Creare una fitta rete di produttori. Lavorare per far crescere la reputazione sociale attraverso la creazioni di progetti attenti al sociale. Solo identificando e codificando una cucina che cambia da regione a regione, da borgo a borgo, da chilometro a chilometro, e abbinandola alla creatività, alle nuove tecniche ed alla pluralità delle esperienza individuali dei cuochi, sarà possibile partecipare alla creazione di un grande patrimonio gastronomico mondiale e contribuire, quindi, al superamento di questo periodo di stagnazione dell economia del settore. Il cibo vero è sempre relazione: l agricoltura che lo partorisce è sempre di prossimità, anche quando lontana. 3. Imprese Valorizzare la micro-economia. La missione è quella di mettere al centro degli interessi il prodotto insieme ai produttori ed i territori che lo originano, evidenziandone tutta la bellezza e arricchendola con la tradizione della nostra grande creatività culinaria Cercare nella rete il superamento degli individualismi. Riflettere sul fatto che cibo e la ristorazione stanno diventando il cardine per molte realtà che fino a poco tempo fa erano molto lontane da queste tematiche È fondamentale e improcrastinabile far radicare una nuova cultura d impresa nella ristorazione Italiana, irremovibile nella consapevolezza di dover uscire dall omologazione culinaria e dalla globalizzazione e 4

6 attenta a cogliere le grandi opportunità di consolidamento della nostra identità gastronomica. Attrezzatevi per diventare veri imprenditori! Ricordatevi di chi erano negli ani 70 i vari Armani, Versace, Artemide, Cassina. Se loro non avessero sfidato la sindrome del piccolo, non sarebbero mai diventati grandi e non ci sarebbe oggi il Made in Italy. Non dobbiamo avere paura di misurarci con le imprese che operano all estero e di ammettere che abbiamo tanto da imparare. Dal momento che i dati rivelano che la maggior parte dei nuovi ristoranti italiani chiude in breve tempo, si auspica un maggiore controllo 4. Istituzioni Ripensare i percorsi di formazione all interno delle scuole alberghiere in modo tale che i docenti siano persone impiegate nel settore della ristorazione in modo attivo dal momento che, alo stato attuale, la qualità dei servizi offerti dagli Istituti non è proporzionale alla crescita della richiesta. Legare lo studio delle tradizioni regionali nelle scuole alberghiere alla storia contemporanea del nostro paese: l abbandono delle campagne e della vita rurale, la non tutela del paesaggio, l artigianato alimentare sostituito dall industria, il benessere slegato dal concetto di qualità, tutto è il prodotto della nostra storia ed è la chiave per capire come risolvere i problemi di oggi nel nostro settore. Insegnare l educazione alimentare in tutti i percorsi formativi scolastici. Ripensare la regolamentazione sugli stage che non dovrebbe essere di meno di 12 mesi e che, allo stato attuale, non consente un numero adeguato di personale in formazione. Incentivare il mercato agroalimentare delle piccole e medie imprese e con esso il settore terziario senza dimenticare un attenzione alle attività economicamente rilevanti. Ci vuole una strategia-paese per grandi ambasciatori del Made in Italy, come oggi i cuochi di grande notorietà. Gli chef possono essere rilevanti catalizzatori per il turismo italiano. Considerando che la maggior parte dell Italian Food all estero è fake, si rendono necessari controlli più accurati per tutelare il Made in Italy anche in questo settore. Necessità di sburocratizzare il settore della ristorazione per consentire una più agevole gestione di questo tipo di imprese. Indicazione di eventi, iniziative, progetti, documenti segnalati durante i lavori del tavolo. Franco Pepe: Istituzione del tavolo dei contadini, un progetto che possa mettere in relazione i ristoratori, gli imprenditori agroalimentari, gli agronomi e i cittadini vogliosi di riavvicinarsi alla terra per reinventarsi o per curiosità, attraverso degli incontri tematici sulla scoperta, la salvaguardia delle tipicità, il racconto orale delle tradizioni e la possibilità di dialogo con le istituzioni. Percorsi dedicati a piccole realtà cittadine, borghi rurali e zone depresse per creare sinergie, percorsi di crescita, costruzioni di nicchie di mercato che rispondano in primis ai fabbisogni locali e che possano diventare patrimonio collettivo diventando paradigmi virtuosi. 5

7 Antonia Klugmann: Il cuoco può decidere di lavorare esclusivamente per un guadagno alla fine del mese, può cucinare per dare piacere alla pancia e (se è fortunato) alla mente dei propri ospiti, ma può anche decidere di voler pensare e di preoccuparsi per un fine diverso. Capisce di essere il tramite attraverso cui qualcosa si muove e diventare il mezzo per un progresso più giusto. Non sempre futuro significa miglioramento, ma anche il cuoco può essere artefice di cambiamento. Ogni ristorante, pizzeria, trattoria, bar, pasticceria può culturalmente e fattivamente fare la differenza per il proprio territorio, diventare i custodi di qualcosa: di una storia, della bellezza, della tradizione, di persone e legami, dei talenti, di rispetto per l ambiente e per gli animali, della creatività. In un paese come il nostro in cui lo Stato risulta precario davanti ai bisogni di molti, il rapporto con il cibo espresso in un luogo pubblico diventa straordinariamente importante. Molti possono essere influenzati con poco e anche le più piccole realtà produttive come la mia possono fare una qualche differenza. Ho deciso di costruire un ristorante sul confine. Sono nata sul confine e sto bene in luoghi in cui l identità è multipla, non confusa, ma permeata di influenze. Per spiegare l origine di un ingrediente ad un cliente o ad un collega non posso non parlare di storia, di piccole storie o di Storia con la esse maiuscola. Mi sono legata a diverse iniziative che intendono collegare l Italia, la Slovenia e l Austria, ma ritengo che queste possano diventare utili solo se il mio ristorante (mulino nel Settecento e polveriera durante la prima guerra mondiale), diventa anche il mezzo per capire un po di più un territorio tanto complesso. Non si può non parlare quindi di violenze, persecuzioni, discriminazioni. La finestra della mia cucina si rivolge ad Est e guarda oltre il confine. L identità tedesca, slava, italiana si incrociano nel mio territorio in modi inaspettati. Il mio desiderio è che Expo racconti anche l Europa del cibo. Massimo Bottura Il progetto Refettorio Ambrosiano coinvolgerà 40/50 cuochi di tutto il mondo che andranno a cucinare il cibo che avanzerà dai Padiglioni di Expo 2015 negli spazi ricavati dal teatro Greco. Lucio Cavazzoni Nel semestre di expo nel padiglione del biologico e delle biodiversità parteciperanno agricoltori, filosofi, ricercatori scienziati, film-maker, utilizzatori di prodotti bio, per parlare di cibo vero, cibo libero e agricoltura di prossimità. Paolo Marchi Identità Golose si sposterà sempre di più all estero perché è lì che si vince il confronto che le altre potenze della cucina: Londra a fine primavera, New York e Chicago a inizio ottobre. Ciò avverrà senza tradire il confronto tra Italia e Mondo, su tutto Identità Expo per sei mesi. SINTESI COMPLESSIVA dei lavori della giornata - max.2000 caratteri spazi inclusi Sintetizzando l andamento dell intera giornata, si potrebbe affermare che la ristorazione di domani dovrà tenere in considerazione molteplici aspetti. La storia, la memoria e la tradizione della cucina italiana, che andrebbe ripensata in modo critico e non guardata con sguardo nostalgico. Il ruolo sociale di cuochi e chef, custodi del patrimonio alimentare italiano tout court, ma anche dei saperi e dei prodotti così come dei produttori locali dei singoli territori in cui si trovano a operare. Si avverte il bisogno di una rivalutazione e di una riqualificazione del personale di sala e di cucina attraverso un ripensamento dei loro percorsi formativi e di avvio al lavoro, attraverso leggi che semplifichino e sburocratizzino gli stage all interno delle cucine e delle sale dei ristoranti e di un attenta valutazione del 6

8 personale docente degli Istituti alberghieri italiani, il cui compito la formazione dei cuochi e degli chef del domani non può non coesistere con una presenza lavorativa attiva nei rispettivi ambiti. È inoltre stata enfatizzata l importanza della relazione tra mondo agricolo e ristorazione, dal momento che la qualità nasce dal campo ; ciò ha portato ha soffermarsi sull agricoltura biologica, praticata senza pesticidi che uccidono le api erbicidi che seccano la terra, e senza petrofertilizzanti che inquinano. Anche se politiche di tutela e valorizzazione dovrebbero partire dalla località, non si può mettere in ombra il fatto che, nonostante i consumi, il settore della ristorazione deve diventare uno dei motori per il rilancio economico del Paese. Lo sviluppo della ristorazione di qualità dovrebbe pertanto essere accompagnata da politiche di valorizzazione e di tutela che permettano a questo settore, come avviene per quello della moda e del design, di poter rappresentare a pieno il Made in Italy nel mondo. 7

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 11. La sfida alle indicazioni geografiche. Contributo n 38

Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 11. La sfida alle indicazioni geografiche. Contributo n 38 Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 11 La sfida alle indicazioni geografiche Contributo n 38 LE IDEE DI EXPO 2015 VERSO LA CARTA DI MILANO Milano, 7 febbraio 2015 TAVOLO N

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO CHI SIAMO Sagitter One é la compagnia specializzata nel fornire soluzioni all avanguardia nel mercato dell ospitalità, della promozione agroalimentare, del marketing territoriale e dell organizzazione

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

P.E./24H La cas@ fuori casa. Programma. Venerdì 18 ottobre 2013 PAD.14 STAND M34 N47 ORARIO LOCATION EVENTO TEMA

P.E./24H La cas@ fuori casa. Programma. Venerdì 18 ottobre 2013 PAD.14 STAND M34 N47 ORARIO LOCATION EVENTO TEMA Venerdì 18 ottobre 2013 Welcome Coffee 12.30-14.30 Area 14.30-16.30 Master Class Il bar del futuro Lavoro nella Ristorazione: risorsa vincente oltre i confini generazionali Il breakfast e la tradizione

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Sono nati per l autoconsumo,

Sono nati per l autoconsumo, Il prodotto bio è fai da te Consumatori Li considerano troppo cari e con una tracciabilità inadeguata. Eppure gli shopper apprezzano sempre di più le referenze biologiche. Così decidono di coltivarle in

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore VOI esprime sia una dedica ai nostri graditissimi ospiti, destinatari delle nostre attenzioni quotidiane, sia l acronimo di VERA OSPITALITÀ ITALIANA,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia Il disciplinare della rete Enogastronomia marzo 2004 A. Le premesse L Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Palermo

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese

Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese PRIMA GIORNATA CIA IN EXPO Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese 5 maggio 2015 AUDITORIUM DI PALAZZO ITALIA PADIGLIONE ITALIA EXPO MILANO 2015 Cia è main partner del parco della biodiversità

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Dove: Principioattivo Via Melzo 34, 20129 Milano Giorni/Orari apertura: 14/19

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli