Storia e arte Ambientale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Storia e arte Ambientale"

Transcript

1 Periodico quadrimestrale di informazione bancaria e di cultura locale della Banca della Marca Credito Cooperativo Società Cooperativa. 46 Anno XVI N. 46 Maggio 2008 Poste Italiane spa Spedizione in abbonamento postale, 70% DCB TV. Centro Educazione Museo Ricordo Storia e arte Ambientale del Novecento di Toti Dal Monte locale

2 SOTTOVOCE Cibo: tutto lo spreco che finisce nella spazzatura Secondo una recente indagine della Confederazione italiana agricoltori circa venticinque milioni di tonnellate di cibo vengono buttate annualmente tra i rifiuti. Oltre la metà, circa diciotto milioni di tonnellate, finiscono nei cassettoni della spazzatura direttamente da case, negozi, ristoranti, mense, hotel, aziende alimentari, mentre tutto il resto viene perduto nella distribuzione, nelle fattorie, nei campi e nei negozi. In definitiva buttiamo nella spazzatura un terzo del cibo prodotto nel Paese, qualcosa che vale trenta miliardi di euro, ovvero il due per cento del prodotto interno lordo. Se rapportiamo il dato al numero delle famiglie italiane, emerge che il costo di questi scarti ammonta a cinquecentottanta euro annui per gruppo famigliare; se poi andiamo a vedere la natura degli scarti scopriamo che il 30% dello spreco è dato da prodotti freschi (latte, uova, formaggi, yogurt), il 19% dal pane, il 17% da frutta e verdura, il 10% da affettati e il 6% da prodotti in busta, ossia alimenti basilari acquistati e non consumati. Le cause di questo disastro alimentare sono diverse, ma quasi tutte riconducibili alla poca educazione all acquisto: compriamo troppo e male, talvolta attirati dalle offerte del marketing, dalla seduzione della confezione, dalle novità, dalle promozioni, dai prezzi sottocosto che stimolano fortemente all acquisto. È l accusa che i sociologi muovono al consumatore italiano, portato a riempire il carrello di cibo che non riuscirà mai a consumare prima che vada a male. Per il sociologo il consumatore è troppo distratto, ha poca coscienza ecologica, non è attento alla scadenza del prodotto che acquista; ha perduto l abitudine alla parsimonia ma anche alla misura di una spesa fatta, se non giornalmente, almeno più volte la settimana, comprando ciò che realmente ha bisogno per uno o due giorni nei mercati di quartiere o dal negoziante sotto casa. Invece siamo presi dalla fretta e così la spesa si effettua al sabato al supermercato pensando ai pasti di tutta la settimana con il rischio che molti prodotti freschi finiscono col il marcire e quindi buttati in spazzatura. Ma il problema fondamentale è che la maggior parte della gente non si rende conto di contribuire a un dramma di vaste dimensioni: non c è solo il costo di prodotti che non si consumano ma anche quelli per il loro smaltimento che vanno a carico dell intera società. Un problema non da poco. sommario ANNO XVI N. 46 MAGGIO Cibo: tutto lo spreco che finisce nella spazzatura 3 Editoriale 4 Notizie in breve 7 Clementa, un angelo per i bambini 9 Un valore da condividere 10 Il salice nel nostro paesaggio 13 Centro di Educazione Ambientale 16 Tanto di barba e baffi 18 Museo della Grande Guerra e del Novecento 19 Ricordo di Toti Dal Monte 21 Un mondo che scompare 22 Le pantere della SPES ruggiscono in A1 24 I nostri anziani raccontano 26 Allo Zancanaro di Sacile il teatro di gioventù 28 L artista Marcello Fogolino 29 Daniele Francesconi autore del Settecento veneto 31 Le costituzioni Italiana (1948) e Romana (1849) 34 A Pieve di Soligo accordo con La Nostra Famiglia In copertina. Capitello a Valdobbiadene. Foto. Archivio Banca della Marca, Foto Viola, Giorgio Mies, Norma Grafica. Quadrimestrale di informazione bancaria e di cultura locale della Banca della Marca Direzione e redazione Via Garibaldi, Orsago/Tv Direttore responsabile Angelo Roman In redazione Claudio Bortolotto, Adriano Ceolin, Giovanni Guizzo, Piergiovanni Mariano, Giuseppe Maset, Mario Meneghetti, Gianpiero Michielin, Vittorio Janna, Gino Zanatta Progetto Janna/Pn Stampa Tipolitografia Carlet Giuseppe s.r.l. Orsago/Tv Registrazione Tribunale Treviso n. 911 del 27 maggio 1993 Le opinioni esposte in articoli firmati o siglati esprimono il punto di vista dei singoli autori e non quello dell Amministra zione della Banca. Gli articoli inviati alla redazione, anche se non pubblicati, non si restituiscono. È consentita la riproduzione dei testi purché venga citata la fonte. L Editore si rende disponibile ad assolvere agli obblighi in materia di diritto d autore con i soggetti interessati non individuati che avanzino legittima richiesta. Garanzia di riservatezza. I dati personali dei destinatari della rivista saranno utilizzati dall Editore, titolare del trattamento, unicamente per l invio della pubblicazione e di eventuali offerte commerciali secondo le finalità e i modi consentiti dalla D. Lgs. n. 196/2003. Pertanto, i dati potranno essere trattati con mezzi informatici o manualmente anche da parte di terzi che svolgono attività strumentali (etichettatura, spedizione) e potranno essere consultati, modificati, integrati o cancellati in ogni momento dagli interessati inoltrando richiesta al responsabile, nominato per la carica, sig. Patrizio Pillon all indirizzo della redazione. Internet:

3 EDITORIALE di Gianpiero Michielin, presidente bilancio AL 31 DICEMBRE 2007 Nell aula magna dell Istituto «Da Collo» di Conegliano, il 4 maggio scorso ha avuto luogo l Assemblea Ordinaria annuale della nostra Banca con all ordine del giorno la discussione e l approvazione del Bilancio al Un appuntamento importante del Consiglio di Amministrazione con i Soci del nostro Istituto, passati dai del 2006 ai del 2007, per conoscersi e confrontarsi sugli aspetti gestionali dell Azienda. In questa sede, anche perché i dati sono disponibili nel fascicolo predisposto, ritengo opportuno tralasciare la citazione dei numeri della lusinghiera crescita ottenuta nel corso dell esercizio negli aggregati patrimoniali e dell importante risultato economico registrato. La congruità e la valenza dei risultati raggiunti dalla nostra Banca trova un ulteriore, importante conferma nel rating ufficiale della Società Moody s che ha dato il giudizio pari ad «A3», il massimo attualmente ottenibile da una società di piccole dimensioni ed operante in un mercato ristretto. Sottolineo solo che i risultati d eccellenza registrati, che contraddistinguono da anni la dinamicità della nostra Banca, sono frutto della sinergia, senza sbavature, tra tutti coloro che reggono le sorti dell azienda quali il Consiglio di Amministrazione, il Collegio Sindacale, la Direzione Generale, e nascono per merito di un organico aziendale all altezza del compito, preparato professionalmente, coinvolto e partecipe della mission aziendale e, assai importante, di una compagine sociale che apprezza e vive convinta l esperienza della Cooperazione. Il 2007 è stato l anno di un evento importante che considero utile sinteticamente ricordare perché caratterizza e dà prova della capacità della Banca di mettere in pratica un alto dinamismo impreditoriale saldamente legato al territorio in cui opera. Con il determinante contributo della nostra Banca è stata fondata la Società di Mutuo Soccorso «Marca Solidale sms» con la finalità principale di erogare servizi alle famiglie dei Clienti nell ambito della salute, della prevenzione e dell assistenza sanitaria. Un progetto subito ampiamente condiviso tanto che, in meno di un anno, ha trovato già oltre 1500 adesioni. Un ulteriore conferma della lungimiranza che, diversi anni addietro, ci ha spinti e convinti ad attivare il «Progetto famiglia» con l obiettivo di essere a fianco dei giovani e dei genitori, unitamente al mondo dello sport e della scuola, per condividere percorsi atti a garantire ai ragazzi valori e stili di vita validi ed adeguati alle loro esigenze attuali. È stato il riconoscimento da parte della Regione Veneto con l assegnazione alla Banca della Marca del «Marchio Famiglia» quale soggetto significativo che nell ambito del territorio in cui opera si occupa dei bisogni della famiglia. Unica realtà privata, unitamente ad un azienda veronese, ad avere questa menzione in Veneto. Tutto questo significa che mai ci siamo adagiati sui successi ottenuti e che, di contro, siamo sempre dinamici alla ricerca di idee innovative avendo sempre come primo obiettivo il servizio ai Soci ed ai Clienti che per noi sono sempre e solo persone, individualmente importanti, e non numeri. Il 2008 si è presentato come un anno difficile perché l inflazione cresce, i tassi non si riducono, è stagnante il potere d acquisto e più di qualche famiglia è in difficoltà. Proprio per questo Banca della Marca deve sempre più impegnarsi a ricercare il ruolo delle origini, quello delle Casse Rurali: dare aiuto e servizi di qualità alle fascie di popolazione maggiormente a rischio, stimolando la voglia di reagire e puntando su una crescita solida, a misura d uomo, concreta, lontana dalla speculazione. Siamo una Banca longeva perché abbiamo saputo adattarci ai cambiamenti del nostro mercato e su questa strada dobbiamo continuare perché, come tutto il mondo del Credito Cooperativo, abbiamo un modello organizzativo inimitabile. Nel fascicolo del Bilancio Sociale distribuito durante l Assemblea abbiamo cercato di illustrare i valori che ci contraddistinguono e lo sforzo attuato per operare nell interesse della comunità locale mirando ad uno sviluppo economico e sociale. La lettura delle relazioni e dei dati riportati dettagliatamente nel fascicolo sintetizzano il ruolo importante di Banca della Marca nello sviluppo del territorio e nel sostegno all associazionismo ed al volontariato. I francescani, già diversi secoli addietro, dicevano che «l elemosina aiuta a sopravvivere, ma non a vivere. Perché vivere significa produrre e l elemosina non aiuta a produrre». Siamo convinti che se nel nostro territorio viviamo bene una piccola parte di merito ce la possiamo prendere.

4 PRIMO PIANO in NOTIZIE BREVE STORIA LOCALE FOTOGRAFIE DELLA GUERRA DEL L attenzione per il nostro passato sta vivendo da oltre un decennio momenti di particolare euforia documentata con la pubblicazione di interessanti volumi, frutto di scrupolose ricerche d archivio. È sicuramente un percorso da apprezzare e da sostenere perché la nostra identità, i nostri valori, il nostro senso di appartenenza ad una Comunità passa attraverso la conoscenza della nostra storia. Bertolt Brecht diceva, infatti: «il popolo che non conosce la sua storia è condannato a ripeterla». Il Comune di Vazzola, dopo aver organizzato una mostra storico-fotografica, ha deciso di raccogliere in un volume e narrare le vicende ed i momenti assai tristi dell occupazione durante la guerra Oltre alla copiosa documentazione fotografica, in parte inedita, il volume raccoglie le memorie scritte da alcuni parroci ospiti presso la canonica di Vazzola nel triste periodo dal novembre 1917 alla fine della guerra. I diari sono di don Giovanni Dal Poz e di don Amerigo Garbuio, rispettivamente parroci a Cimadolmo e San Michele di Piave. Queste relazioni sono poi integrate dalle testimonianze scritte a quel tempo da due ragazze vazzolesi, quaderni che ben fanno trasparire una spontaneità giovanile ma anche la fame e la paura di quei giorni. L iniziativa ha trovato in Banca della Marca un valido e puntuale sostegno.. A CORDIGNANO PROGETTO DI UN NUOVO PARCO Ad inizio anno, presso il teatro «E. Francesconi» di Cordignano, è stato presentato ed illustrato il progetto di realizzare, nell area del Colle Castelir che sovrasta l abitato di Villa di Villa di Cordignano, un parco naturalistico-archeologico. L idea di questa iniziativa è del Gruppo Archeologico di Cordignano che, con l apprezzamento di Provincia di Treviso e Comune di Cordignano, ha evidenziato la necessità di salvaguardare un territorio di rilevante pregio e ha visto la possibilità, sia pur non immediata, di creare interesse turistico in ambito locale e non solo. Essa trova valenza ed integrazione con il progettato Parco della foresta del Cansiglio e le aree contermini delle sorgenti del Livenza, delle Grotte del Caglieron e dell area fluviale del Meschio. L insieme del progetto, che si articola in diverse fasi, prevede visite ai siti archeologici paleoveneti, oggetto di scavo e studio da parte dell Università di Padova, spazi di ritrovo, un giardino botanico con la ricca flora autoctona e molto altro. Per la fase di avvio e la gestione dell insieme è indispensabile una coesione ed una sinergia tra pubblico e privato affinché la progettualità divenga interessante, oltre che sotto l aspetto naturalistico-archeologico, anche sotto quello economico che non è di trascurabile rilevanza. Il tutto è stato raccolto in una pubblicazione realizzata con il sostegno di Banca della Marca. IN PRIMO PIANO I NOSTRI COLLEGHI TORNEO INTERBANCARIO DI TENNIS ICCREA l Istituto Centrale delle Banche di Credito Cooperativo ha organizzato nei giorni 22, 23 e 24 maggio, a Milano Marittima in comune di Cervia, come avviene già da oltre due decenni, il torneo interbancario di tennis del Credito Cooperativo. A questa competizione sportiva, voluta nell Italia centrale proprio per permettere di partecipare a tutti

5 gli appassionati dipendenti di Banche di Credito Cooperativo, aderiscono in numero sempre maggiore, e sempre più preparati, atleti provenienti da tutte le regioni. In rappresentanza di Banca della Marca hanno partecipato due dipendenti: Ermanno Pizzinato, Direttore della filiale di Conegliano, e Roberto Dall Antonia, componente dello staff della filiale di Sacile. Ermanno Pizzinato, per ben la terza volta, ha vinto la gara del «singolo», quella più ambita e con Roberto Dall Antonia ha giocato la finale del doppio. Un grazie agli atleti, anche dal nostro giornale, per averci ben rappresentato. dell Unione Europea oltre ad Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera. Il codice IBAN è sempre indicato nell estratto di conto corrente che la Banca invia periodicamente alla clientela. Deve essere comunicato a chi effettua i pagamenti, perché l utilizzo non corretto può comportare disguidi, ritardi ed anche oneri aggiuntivi. PRIMO PIANO A VENEZIA CONVENTION DEL PERSONALE Domenica 11 maggio si è svolta l annuale Convention di tutti i dipendenti di Banca della Marca. Il lussuoso contesto scelto per quest anno è stata la magnifica nave da crociera Costa Serena ormeggiata per l occasione al porto di Venezia. Alta la partecipazione da parte dei dipendenti che hanno ascoltato con grande attenzione gli interventi dello Staff di Direzione sull andamento della Banca nell anno appena trascorso e sullo scenario e gli obiettivi previsti per l anno Alcuni colleghi di filiale hanno inoltre portato la loro testimonianza sull essere «Banca del territorio». ALLA FILIALE DI TREVISO IMPIANTO ATM D AVANGUARDIA Da inizio febbraio 2008 è entrato in funzione, presso la filiale di Treviso della nostra Banca, il primo ATM «drive in» del Veneto. Si tratta di un impianto Bancomat con la caratteristica di essere più basso di quelli tradizionali sparsi sul territorio e posizionato in modo tale da potersi accostare ed effettuare tutte le operazioni senza scendere dalla vettura. Rappresenta un ulteriore garanzia di sicurezza e un attenzione in più nei confronti delle persone diversamente abili. Un miglior servizio alla clientela ed una risposta alle esigenze ed ai bisogni della comunità. COORDINATE BANCARIE IN FUNZIONE NUOVI CODICI IBAN Da gennaio 2008 sono «andate in pensione» le vecchie coordinate bancarie (ABI, CAB e numero di conto) ed è entrato in funzione per eseguire tutti i bonifici bancari il codice IBAN (International Bank Account Number). Questo è il codice unico bancario che permette di effettuare i pagamenti in euro in tutti gli Stati VITA DI BANCA NUOVO PENSIONATO Con la fine di dicembre scorso è entrato in quiescenza il collega Giovanni Benedet, da anni responsabile della Cassa centrale (matricola n.1). Il Benedet era stato assunto dalla nostra Banca nell aprile del 1970, quando ancora l istituto era classificato come Cassa Rurale San Benedetto. Con noi quindi ha vissuto la grande stagione dei cambiamenti e della crescita della nostra Banca. A lui vadano i migliori auguri dei colleghi rimasti al lavoro, del Presidente, del Consiglio di Amministrazione e di quelli della redazione. INSIEME CON FIDUCIA 5

6 PRIMO PIANO PROGETTO FAMIGLIA RESPONSABILITÀ EDUCATIVE All inizio di marzo scorso è stato organizzato dall Istituto Comprensivo di San Polo di Piave, organismo d intesa operativa che unisce al Comune di San Polo anche quelli di Cimadolmo ed Ormelle, un incontro dal tema «L educazione è di rigore». Banca della Marca ha sostenuto quest iniziativa, che rientra tra quelle del «Progetto Famiglia», e che ha visto la presenza di un pubblico assai numeroso ed attento. La serata era stata organizzata in collaborazione con l Associazione pattinaggio Ormelle, l Associazione pallacanestro Ormelle e il Volley Grifone di San Polo di Piave. Gli interventi sono stati tenuti da Lollo Bernardi, eletto il pallavolista del 20 secolo e dalla dottoressa Marcella Bounous, esperta in psicologia dello sport. L incontro mirava a far riflettere sulle co-responsabilità educative della famiglia e delle società sportive. Affrontava il particolare impegno che oggi è richiesto per accompagnare i giovani a diventare adulti responsabili. Durante la serata è stata presentata anche la mostra di disegno «Emozioni in movimento» degli studenti delle scuole medie. CAMBIO AL VERTICE CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Alla scadenza del suo mandato di consigliere il Vice Presidente Vicario Giovanni Guizzo ha ritenuto di non riproporre la sua candidatura per il prossimo triennio. A lui vada il ringraziamento di tutti noi per il lavoro svolto nel Consiglio di Amministrazione fin dalla costituzione di Banca della Marca. La conoscenza personale e l amicizia cementatasi in questi anni di lavoro insieme, mi consentono di esprimere la certezza che Gianni continuerà, da Socio, ad assicurare alla nostra Banca il suo prezioso appoggio con quella correttezza, disponibilità e grande impegno che hanno connotato la sua attività, prima di Consigliere e poi di Vice Presidente Vicario. IL PRESIDENTE 6 INSIEME CON FIDUCIA PER ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE IN FUNZIONE NUOVE NORME Dal 30 aprile 2008 sono entrate in vigore le nuove norme antiriciclaggio previste dal decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231 pubblicato sulla G.U. n. 268 del 14 novembre Questo decreto fissa che tutti gli assegni bancari, postali e circolari di importo pari o superiore a 5.000,00 euro devono recare l indicazione del nome o della ragione sociale del beneficiario e la clausola di non trasferibilità. Inoltre, gli assegni bancari e postali, emessi all ordine del traente (c.d. assegno a me medesimo) possono essere girati unicamente per l incasso ad una banca o a Poste Italiane S.p.A. e ciò a prescindere dall importo recato dagli stessi. Nel rispetto delle nuove disposizioni, le banche rilasceranno dal 30 aprile 2008 gli assegni muniti della clausola di non trasferibilità. Il cliente potrà tuttavia richiedere per iscritto il rilascio in forma libera di assegni circolari e bancari, da utilizzare in detta forma libera esclusivamente per importi inferiori a 5.000,00 euro. In tal caso il richiedente dovrà corrispondere a titolo di imposta di bollo la somma di 1,50 euro per ciascun modulo di assegno e, in caso di girata, dovrà essere apposto, pena la nullità, il codice fiscale del girante indipendentemente dall importo del titolo. Con lo stesso decreto sono state introdotte novità anche per i libretti di deposito a risparmio «al portatore». A decorrere dal 30 aprile 2008 il saldo dei libretti di deposito bancari e postali «al portatore» deve essere inferiore a 5.000,00 euro. In caso di trasferimento di libretti «al portatore», indipendentemente dal saldo, il cedente è tenuto a comunicare, entro trenta giorni, alla Banca emittente, i dati identificativi del cessionario e la data del trasferimento. I libretti di deposito bancari e postali «al portatore» con saldo pari o superiore a 5.000,00 euro, esistenti alla data di entrata in vigore della nuova normativa, devono essere estinti dal portatore, ovvero il loro saldo deve essere ridotto ad una somma inferiore al predetto importo entro il 30 giugno 2009.

7 SOCIETÀ OGGI Clementa UN ANGELO PER I BAMBINI DALLA GUINEA BISSAU A SANTA LUCIA DI PIAVE PER SALVARE I BAMBINI AFFETTI DA MALFORMAZIONI Clementa Dos Olis Viera ha una vocazione: aiutare i bambini del suo paese di origine, la Guinea Bissau. In particolare i bambini colpiti da malformazioni, che in quel poverissimo paese dell Afri - ca Occidentale hanno un esistenza difficile. Le credenze popolari infatti, molto radicate soprattutto nei villaggi più sperduti, conside - ra no le deformazioni del corpo opera di spiriti cattivi e chi ne è portatore un indemoniato. Spesso i bambini deformi vengono uccisi. Clementa, 27 anni, è in Italia da quando ne aveva 20. Da qualche tempo si è stabilita con il marito Carlos a Santa Lucia di Piave. La - vora come operatrice sanitaria in una casa di riposo ed è impegnata nella promozione dei diritti delle donne immigrate, come com ponente del Tavolo provinciale per l Immigrazione presso la Prefettura di Treviso. Lui fa l ope - raio e frequenta le scuole serali per prendere il diploma di elettricista. Una vita non certo facile, ma Clementa non ha chiuso le porte a chi ha più bisogno. «Non ho scelto di vivere in pace» ammette. E così nel suo appartamentino di via Comisso ospita, oltre al nipo - te Edmanuel, Aliou, 7 anni, e Do - mingas, per tutti Minga, 7 anni, assieme alla madre di quest ultima N injdai. Entrambi i bimbi sono stati portati in Italia per essere curati. Dei due, Aliu è più fortunato perché l intervento chi - rur gico all ospedale di Cone glia - no ha risolto del tutto i suoi pro - blemi deambulatori. La deforma - zione di Minga, invece, era più grave. La scienza medica la de fi - nisce «piede torto congenito bilaterale» e se non è corretta nei primi anni di vita impedisce non solo la deambulazione, ma la stes sa postura eretta. Quando è arrivata in Italia, due anni fa, grazie all interessamento di un frate

8 SOCIETÀ OGGI A CLEMENTA NEL DICEMBRE SCORSO È STATO ASSEGNATO IL PREMIO CIVILITAS 2007 tera comunità, estesa oltre i confini di Santa Lucia, che ha rispo - sto con generosità anche al recente appello dell associazione onlus Amici Parco Bolda per la raccolta dei fondi necessari all ultimo intervento chirurgico di Min ga. «Nella nostra comunità la so lidarietà è un fatto, non solo una parola dice il presidente Giancarlo Antoniazzi, molto soddisfatto della risposta data dai suoi concittadini all appello per aiutare la famiglia di Clementa. Per operare Minga servivano euro, ne abbiamo raccolti euro, che copriranno ancome un fattore civile importante. Clementa ora ha intrapreso un nuovo progetto: costruire nella pe riferia di Bissau, la capitale del Paese e sua città natale, una ca - sa-famiglia per ospitare le mam - me che vogliono salvare la vita (e tentare di curare) i loro pic coli affetti da qualche disabilità. «Ab - biamo già individuato il terreno dove costruire la casa e abbiamo contattato alcuni professionisti per il progetto spiega Clementa. Questa casa vuole essere un punto di accoglienza per le mam - me che non vogliono sacrificare il loro figlio alla supersti zione. I 8 INSIEME CON FIDUCIA francescano fra Mariano e all intermediazione dell associazione veronese Rete Guinea Bissau, la piccola non camminava ma si trascinava a terra con le mani. In tale arco di tempo ha subito ben tre operazione chirurgiche alla schiena, ai piedi e alle ginocchia in centri specializzati del Nord Italia, l ultima il 20 marzo a Vi - cen za. Oggi Minga è ferma su un lettino in attesa di guarire e di po ter tornare, pur sempre sorretta dalle sue stampellette, all asilo. In autunno, si concluderà la sua per manenza in Italia e rientrerà in Africa con la madre per «testimoniare che le malformazioni non sono opera del demonio e che da esse si può guarire» spiega Cle - menta. Attorno a questa atipica e numerosa famiglia si è coagulata, da tempo, la solidarietà di un in- che le spese per la riabilitazione e per il rientro in Africa». L abitazione di Clementa Dos Olis Viera è sempre molto frequentata. Tutti a Santa Lucia conoscono la dinamica guineiana e il suo impegno verso i connazionali meno fortunati. Di lei si è accorta anche la Dama Castellana che, nel di - cembre scorso, le ha assegnato il premio Civilitas 2007, rico no scen - do le sue opere di solidarietà bambini meno gravi po tranno essere curati in loco dai medici italia ni volontari, i più gravi potranno essere portati in Italia, come abbiamo fatto con Minga». Insomma, l impegno di Clementa continua e le persone generose che fino a oggi le sono state vi - cine e l hanno aiutata avranno anch esse nuovi fronti di solida - rie tà in cui cimentarsi. FRANCESCA NICASTRO

9 SOCIETÀ OGGI DONAZIONE ORGANI Un valore DA CONDIVIDERE Nei mesi scorsi è iniziata la campagna di informazione per la donazione e il trapianto di organi, tessuti e cellule a cura dell Aido, l associazione che da oltre trent anni opera nella speranza che le idee di «società» e «solidarietà» si uniscano in quella di «responsabilità» nella coscienza della maggior parte dei cittadini. Acconsentire al prelievo dei nostri organi e tessuti dopo la morte diventa in quest ottica la manifestazione della nostra consapevolezza che la malattia degli «altri», le loro difficoltà a vivere normalmente devono coinvolgere tutti. Purtroppo intorno alla donazione degli organi persistono ancora molte prevenzioni. Eppure questi tipi di trapianti sono una delle dimostrazioni più rilevanti del progresso della medicina nella cura di un gran numero di malattie per le quali non esiste nessuna soluzione alternativa. I progressi delle tecniche chirurgiche e la scoperta di nuovi farmaci che migliorano la tolleranza dell organo trapiantato nel ricevente, hanno fatto sì che migliaia di malati potessero beneficiare con successo dei trapianti. Tuttavia la scarsità degli organi donati è, al momento, il principale ostacolo alla crescita del numero dei trapianti e ancor oggi molti ammalati muoiono o vivono con tante limitazioni perché l offerta di organi è Per informazioni insufficiente. Per questo diventa necessario continuare a rivolgersi sensibilizzare l opinione pubblica alla sede regionale sul fatto che la collaborazione di dell Aido: ciascuno di noi in questo campo è fondamentale per poter Mestre via Filasi, 86. diminuire il divario oggi esistente tra la disponibilità e la necessità di organi. L Aido dunque rivolge un invito a tutti per manifestare la volontà di donazione con l iscrizione alla società oppure con la registrazione all Asl. INSIEME 9

10 TERRITORIO SCOPRIRE IL MONDO VEGETALE Il salice NEL NOSTRO PAESAGGIO Parlare del salice, di questa umile pianta così diffusa nel nostro territorio al punto da essere una caratteristica del nostro paesaggio, è un po fare la storia della nostra civiltà contadina per l utile impiego che la pianta (e parte di essa) ha sempre avuto nel lavoro e nelle attività del mondo rurale. Ma anche al di là del mondo contadino, la grande famiglia delle Salicacee (a cui appartiene il genere Salix, ossia piante e arbusti comunemente chiamati salici) si è dimostrata particolarmente utile all uomo che ne ha utilizzato il legno per farne tavole per pavimenti (in particolare quello del Salix alba), attrezzi spor tivi, carbone per fabbricare pol vere pirica o, più semplicemente, carboncini per disegno. Dalla corteccia di alcune specie si estrae ancora i tannini impiegati nelle concerie nonché la salicina, un glucoside dal quale si ottiene l acido salicilico e il salicilato di sodio, efficace contro le febbri, rimedio nei reumatismi articolari e nella malaria. All infuori di questo però i salici non hanno mai goduto di una coltura che non fosse esclusivamente legata all agricoltura. Piante molto antiche, presenti sulla Terra ancora nell era Ter - ziaria, i salici si sono sempre rivelati poco importanti per l addobbo di parchi e giardini in quanto non raggiungono forme mae - stose o altezze straordinarie; non hanno vita lunghissima, né of-

11 , UMILE E SEMPLICE, IL SALICE FA PARTE DELLA NOSTRA TRADIZIONE CONTADINA TERRITORIO frono una fioritura di particolare bellezza; i loro fiori, infatti, insignificanti ed elementari, sono formati solo da organi riproduttivi, mancando del tutto di quel - l in volucro variopinto e affascinante (calice e corolla) che comunemente si intende come fio re. Ma di salici ce ne sono moltissimi e non sempre sono facilmente riconoscibili al di là di quelle poche e comuni specie che ancor oggi qualcuno dei nostri contadini indica con nomi dialettali (quali gatolèr, salghèr, saes zal, saes ross, venchèr), e che tuttora vengono utilizzati, come accennato, per i lavori della campagna (tralci di salice per la potatura della vite, ad esempio). Il genere Salix è numeroso, comprende circa cin quan ta specie di alberi e arbusti senza contare i numerosissimi ibridi spontanei, originati dal vento loro pronubo principale e dagli insetti impollinatori. Esclusive dell emisfero boreale, le

12 , AMMALIANTI SCULTURE, RICOVERO DI UNA RICCA BIODIVERSITÀ ANIMALE E VEGETALE Salicacee vivono prevalentemente in zone temperate e fredde, dalla pianura alle vette. In piano, ama - no fiumi, torrenti, ruscelli, laghi e prediligono pertanto suoli con ampie falde freatiche e terreni di risorgiva, particolarità che le ren - de così comuni nel nostro territorio. Qualche specie si adatta anche a terreni asciutti e sassosi: è il caso del salicone (Salix ca prae), così chiamato perché delle sue foglie si nutrono le ca pre; altre vi - vo no in zone alte e fredde, stri - scianti tra rocce quale il Salix erbacea che mostra solo qualche foglia nella stagione propizia o il Salix reticolata dalle foglie venate e bianche per i peli densi. Per quanto concerne il nostro ter ritorio, fino a poco tempo fa, l inverno caratterizzava all orizzonte, mettendole in risalto, file squadrate di salici lungo i fossi dei campi o ai margini di qualche stagno che ancora non era stato toccato dalla bonifica dell uomo. Si trattava del Salix elacagnos, usa to per colonizzare terreni calcarei e alluvionali e soprattutto del salice rosso (Salix purpurea) utilizzato per legare i tralci della vite, e del salice giallo (Salix vi - minalis), detto anche venco o vi - mine, coi rametti del quale i no - stri contadini e artigiani facevano ceste, canestri, nasse, gabbie, culle, impagliature per sedie, stuoie e persino cappelli. Sullo sfondo di paesaggi nebbiosi, i loro rami verticali formavano dei bellissimi scenari rossi e gialli; poi, recisi i rami, il tronco si ingrossava a dismisura generando grot - tesche e ammalianti sculture, ricovero di una ricca biodiversità animale e vegetale. Molto di tutto questo è scomparso o sta lentamente scomparendo; nessun altro albero, tranne forse il gelso, può essere assunto a testimonianza di que sto cam - bia mento quanto i salici che ab - bia mo conosciuto nelle passate stagioni. Dovremmo abi tuar ci a vederli finalmente cre scere ri - gogliosi, a riconoscerli e a distin - guerli tra loro dalla chioma e dalle foglie, a ripensare con essi ad altri

13 tipi di paesaggi e ad altre figure sugli orizzonti. Per concludere ricordiamo che, unico della sua specie, il salice pian gente (Salix babilonica) ha trovato un suo posto tra le pian - te ornamentali. Originario dalla regione asiatica subtropicale, è stato importato in Europa dalla Cina nel corso del XIII secolo a motivo della sua bellezza e subito impiantato in fastosi giardini a ornare i corsi d acqua. Precocemente, a primavera, i suoi rami lunghi e penduli si coprono di piccole lucenti foglie verdi, rese tali dall azione diretta del sole e dai riflessi luminosi dell acqua; ed è quasi una rivincita per tutte le pian te e gli arbusti della sua spe - cie, così poco tenute in conside - ra zione. Tutti i salici alla fine fruttificano: dai frutti escono numerosi semi muniti di un ciuffo di peli candidi simili a fiocchi di cotone che favoriscono la diffusione. Germineranno solo se cadranno su terreni umidi. ELISABETTA DAL COL TERRITORIO Centro DI EDUCAZIONE AMBIENTALE >> << A SERNAGLIA DELLA BATTAGLIA CORSI PER INSEGNANTI SUL RISPETTO PER L AMBIENTE Ogni anno sono centinaia gli insegnanti di vario grado che frequentano il Centro di Educazione Ambientale «Media Piave» (CEA) di Fontigo e migliaia gli studenti. Corsi di aggiornamento per docenti e visite guidate al Centro ed al territorio circostante sono in prevalenza le attività svolte da circolo locale di Legambiente grazie ad un intesa di vecchia data, con l Amministrazione comunale di Sernaglia della Battaglia che ha concesso l uso dei locali, dismessi, dell ex scuola elemen tare di Fontigo, che ospitano il CEA. Una realtà partita quasi in sordina ma che nel corso degli anni si è conquistata un ruolo di primordine nella formazione sia degli educatori sia dei giovani e dei bambini, infondendo loro interesse e rispetto per l ambiente sotto i più svariati profili: da quello prettamente ecologico alla geologia, senza trascurare le tra dizioni culturali del Quartier del Piave, ne tanto meno le vicende storiche di cui è stato teatro, quali il Primo Conflitto mondiale. Il Centro di Educazione Ambien tale è dotato di ampi spazi dove di frequente vengono allestite mostre a carattere ambientale o legate alla cultura locale, con particolare riguardo alle tradizioni del fiume Piave ed è dotato di una sala

14 14 INSIEME CON FIDUCIA TERRITORIO proiezioni per video e diapositive, una serie di espositori di reperti (campioni di rocce, fossili, strumenti usati dall uomo primitivo, erbario ), vario materiale cartografico (mappe, carte topografiche e geologiche e plastici) oltre a cartelloni illustrativi (schemi didattici, flora, fauna, ecc.). Una visita guidata al CEA «Media Piave» consente quindi di cogliere gli aspetti geomorfologici, ambientali, della flora e della fauna nonché la storia che caratterizzano e spiegano l attuale configurazione del Quartier del Piave, con le sue peculiarità ambientali come i Palù e le Fon tane Bianche. La visita al CEA, già esaustiva da un punto di vista teorico, può essere integrata da escursioni lungo i numerosi itinerari di seguito proposti oppure nei laboratori didattici. Le visite guidate propongono diversi percorsi, con la presenza di esperti qualificati, quali: le Fontane Bian che (celebri risorgive che affiorano nella golena del Piave), una passeggiata nel Miocene, i feno meni glaciali nella Valle del So ligo, i sassi del Piave, i Palù di Mo riago (frutto dell antico ingegno benedettino, nella pianificazione territoriale), tracce di romanità nel Quartier del Piave, visita all orto botanico, alla scoperta degli insediamenti. I laboratori invece sono caratterizzati da un attività ricca di proposte che vanno dallo studio della flora, agli indicatori biologici delle acque del fiume, passando per l importanza della selce nella preistoria fino alle rocce ed alle loro composizioni. Il CEA ha inoltre programmi ad hoc da svolgere in classe, volti a infondere una maggiore sensibilità verso le tematiche ambientali, è il caso dell offerta che tratta di «Con sumi e rifiuti». Una carrellata di immagini e soprattutto di sintetiche spiegazioni delle attività sono a disposizione di tutti visitando il sito del CEA recentemente rinnovato nella grafica e nei contenuti. «Il toponimo Palù che richiama l antica presenza di una zona paludosa, indica un area di circa 1000 ettari compresa tra i comuni di Sernaglia, Moriago, Vidor e Farra di Soligo si legge nel sito Il paesaggio costituito da una maglia di prati umidi, con fossati e piante perimetrali, e l aspetto storico naturalistico è unico nel suo genere in Italia e in Europa ha delle realtà paragonabili in alcune zone della Francia dove sono presenti i cosiddetti «bocages» mentre per le Fontane Bianche viene spiegato che come accenna il toponimo stesso (l ag gettivo bianche si riferisce alla costante limpidezza delle acque di risorgiva, in contrapposizione alla periodica torbidità di quelle fluviali), l elemento caratterizzante questa porzione

15 di territorio non è tanto l idrografia superficiale quanto quella profonda. Le numerose conche e risorgive presenti sono alimentate dalle acque di falda di un bacino imbrifero a monte che si snoda da parte delle Prealpi Trevigiane, alle colline ed ai Palù del Quartier di Piave, per una estensione di circa ettari. Come ha rilevato l analisi chimica (dai rilevamenti del tasso di atrazina nelle acque della zona) la falda accennata è in massima parte indipendente dalla confluenza con la Piave e si mantiene costante e copiosa anche in corrispondenza delle secche di quest ultima». Gli aspetti che si possono TERRITORIO approfondire al CEA sono quindi davvero tanti e affascinanti. Il Centro di Edu cazione Ambientale «Media Pia ve» è ubicato in Piazza del Po polo al civico 21 di Fontigo, è aperto la domenica pomeriggio dalle 15 alle 19 e l ingresso è gratuito, ma si può visitare anche negli altri giorni previo prenotazione telefonica allo oppure al INGRID FELTRIN INSIEME CON FIDUCIA 15

16 TERRITORIO TANTO DI BARBA e baffi A CASUT NEI CAMOLLI LA SIMPATICA MANIFESTAZIONE SI TERRÀ SABATO 6 SETTEMBRE Secondo il detto popolare, la barba è da sempre considerata un simbolo di maturità, mentre i baf fi sono espressione di virilità. Vero o falso che sia, la peluria sul viso è comunque un sintomo di libertà, oltre che di cura e passione, perché la si può far cre - scere secondo proprie preferenze e propri modelli estetici, seguendo tagli che si modellano da viso a viso. Per questo motivo non esi - stono barbe perfette e baffi ideali, ma esistono tagli e sfumature che interpretano lo stile e il carattere di chi li porta; pertanto barba e baffi sono spesso la rappresentazione esteriore del carattere, tanto che dal loro aspetto si po - trebbe capire la personalità di chi abbiamo davanti. Per averne un riscontro basta ri - tro varsi sabato 6 settembre, co me ormai avviene da ventisei anni, presso il Bar Mexico del Casut, nei Camolli sacilesi, dove si terrà la consueta e tradizionale ras se - gna delle barbe e dei baffi. È una 16 INSIEME CON FIDUCIA

17 simpatica manifestazione non dissimile da quelle che si tengono in altre località italiane ed euro - pee che qui assume un carattere tutto particolare per la semplicità della gara ma anche per lo spirito di amicizia e ospitalità che aleggia su questa piccola frazione campagnola, sul confine tra la pia nura friulana e quella veneta. «Qui arrivano anche dall Austria e dalla Germania ci dice Luigi Favret, gestore del Bar Trattoria Mexico e organizzatore della ma - nifestazione insieme ad altri amici non certo a gareggiare per un premio simbolico, ma per il pia - cere di vivere una giornata tra appassionati, a raccontarsi allegramente, ma anche orgo glio - samente, le diverse esperienze». Inutile aggiungere che, per tra - dizione, il piatto forte della trattoria in questo giorno di gare so - no gli gnocchi al sugo d anatra ac compagnati da formaggi e salumi locali, abbondantemente in- naffiati da vini veneti e friulani. «Nessuno rinuncerebbe a tor na - re l anno dopo perché que sta, più che una competizione, è una festa dell allegria e dell amicizia». Ma la manifestazione dei Camolli è pur sempre una gara e lo dimostra l impegno con il quale la giuria, formata da cinque maestri barbieri, seleziona i concorrenti e motiva le premiazioni. Sono infatti ben quindici (nove per i baffi e sei per le barbe) le categorie sulle quali i giudici debbono esprimersi, e i dettagli per ogni singola categoria sono molti, cia scu - no dei quali potrebbe incidere sulla vittoria. E non sono da meno i concorrenti, i quali si presentano con un abbigliamento consono alla propria barba o ai baffi. È questo l aspetto più spettacolare della ma ni - festazione che, a colpo d oc chio, fa rivivere personaggi fa mosi (Ver - di, Garibaldi, Kaiser, il cor saro ne - ro) o semplici borghesi in bombetta, mandarini cinesi, granatieri o guardie reali, giovani rivolu - zionari ottocenteschi, tanti costumi per dare risalto all aspetto elegante delle curatissime barbe; insom ma la rivisitazione di un tempo nel quale la barba era veramente «onor del mento», ov - vero un emblema. Oggi la barba e il baffo, dopo aver vissuto con l Ottocento il loro periodo d oro, non sono più così diffusi come un tempo anche se si riscontra un certo loro ritorno dettato da una moda passeggera piuttosto che da co - stu me sociale come lo fu nel passato. La tendenza odierna è quella di avere un viso ben ra - sato anche se una bella barba può dare un tocco di eleganza e di personalità senza ricorrere a schemi del passato. Secoli di barba Gli Assiri erano soliti cospargerla con olii profumati per darle lucidità, gli Egizi ne utilizzavano una finta, i Greci la riservavano solo ai filosofi, i Romani l amavano poco: la barba ha cavalcato i secoli dell uomo accompagnandolo in tutte le manifestazioni della vita, più o meno accattata, ma sempre tenuta in grande considerazione e dovuto rispetto. La portavano i santi in segno di devozione, i monaci per mortificazione, i condottieri e i briganti se ne servivano per incutere paura, gli uomini di corte l addobbavano con treccine d oro. Papa Clemente VII, dopo il sacco di Roma (1527) da parte dei Lanzichenecchi, non volle più tagliarsela in segno di lutto e di dolore; a Venezia erano invece proibite quelle false, troppo spesso indossate per nascondere il volto a scopo criminale. Insomma, la barba ha una storia lunghissima con una numerosa varietà di fogge e tagli che finirono con il marcare inconfondibilmente il costume del tempo. Un esempio fra tanti: il pizzo seicentesco come ce lo hanno lasciato i busti marmorei di cardinali e prelati, artisti e letterati di quel tempo.

18 TERRITORIO Museo DELLA GRANDE GUERRA E DEL NOVECENTO 18 INSIEME CON FIDUCIA A CROCETTA DEL MONTELLO UNA NUOVA STRUTTURA MUSEALE PER COMPRENDERE A FONDO IL 900 Un nuovo museo dedicato alle vicende del secolo scorso. A Crocetta del Montello, già sede del Museo Civico di Storia Naturale in Villa Ancilotto, è nata una nuova sede museale dedicata alla Grande Guerra ed al Novecento. Lo spazio espositivo è stato realizzato con il sostanziale recupero di Villa Pontello, un tempo istituto orfanotrofio, che l Amministrazione comunale ha concesso in comodato gratuito per dieci anni all Associazione «Gruppo Bisnent». Il neonato Museo della Grande Guerra e del Novecento, si articola in due sezioni distinte: una dedicata al primo conflitto mondiale ed alle ripercussioni che quest evento ha avuto sul territorio locale, quindi una seconda sezione dedicata agli aspetti di vita più significativi, del secolo scorso. Gli allestimenti sono davvero notevoli sotto il profilo scenografico, grazie anche alla collaborazione dei volontari dell Associazione con una nota azienda locale, che opera anche a livello internazionale pro prio in questo specifico setto re. Il qualificato recupero di Villa Pontello è frutto anche del gran de lavoro di raccolta dei materiali d epoca, intrapreso dal «Gruppo Bisnent» che ha potuto contare sulla generosità e disponibilità di tante persone, che si sono sentite partecipi di questo progetto: cimeli bellici, oggetti di uso comune appartenuti alle nostre nonne, ma anche tanti documenti e reperti di pregio arricchiscono questo nuovo ambito culturale. Nella sezione dedicata al Novecento si può così ammirare la fedele ricostruzione di una casa di inizio 900, con tanto di «filò», nonché un aula scolastica della

19 stessa epoca. «La prima sezione fa riferimento ad avvenimenti bellici e riguardanti principalmente il territorio da Nervesa fino a Segusino, lungo il Piave e fino alle falde del Monte Grappa si legge nel sito internet Troviamo allestimenti tridimensionali legati alla Battaglia del Solstizio ed anche un esposizione di oggettistica riguardante la vita del soldato e delle popolazioni profughe». Insomma sono davvero tanti i motivi per visitare il nuovo Museo di Crocetta del Montello e per farlo basta telefonare allo , per prenotare o avere informazioni sulle modalità di fruizione. INGRID FELTRIN NELL ANNIVERSARIO PUCCINIANO TERRITORIO RICORDO DI Toti Dal Monte IL SOPRANO TREVIGIANO TRA I PIÙ GRANDI DI TUTTI I TEMPI Ricorre quest anno il centocinquantesimo anniversario della nascita di Giacomo Puccini. L occasione ci è propizia per ricordare una grande artista lirica della nostra terra, che fu pure, tra l altro, interprete di alcune opere del maestro toscano. Parliamo di Toti Dal Monte, nome d arte di Antonietta Meneghel, soprano leggero e attrice italiana nata a Mogliano Veneto il 27 giugno 1893 e morta a Pieve di Soligo il 26 gennaio Allieva del Conservatorio di Venezia, studiò pianoforte e poi canto con la Marchisio (allieva di Rossini). Esordì al teatro della Scala di Milano nel 1916 interpretando il personaggio di Biancofiore nella Francesca da Rimini di Zandonai. Da principio incerta fra il ruolo di soprano lirico e quella di soprano leggero optò decisamente per il secondo dopo il trionfale successo del Rigoletto a Torino nel Memorabile, quattro anni dopo, il successo alla Scala di Milano con la stessa opera a fianco di Galeffi e Lauri-Volpi, sotto la direzione di Arturo Toscanini che seguì nella tournèe in Germania effettuata nel 1919, riconfermata per dieci stagioni consecutive al celebre teatro milanese. Cantò contemporaneamente nei maggiori teatri d Europa e d America, dal Colon di Buenos Aires (1923) al Covent Garden di Londra (1925) e all Opera di Berlino, dal Casinò di Montecarlo all Opera di Parigi e al Metropolitan di New York.

20 20 INSIEME CON FIDUCIA TERRITORIO VOCE SPLENDIDA DI GRANDE ESTENSIONE CON SOVRACUTI LIMPIDI E SICURI Eccelse nel Barbiere di Siviglia, Lucia di Lammemoor, La figlia del Reggimento, Linda di Cha mou - nix, Don Pasquale, Mignon. Negli ultimi anni della sua strepitosa carriera interpretò più volte le opere Traviata e Madama But - terfly, riscuotendo sempre enor - me successo. Abbandonate le scene liriche si diede alla prosa recitando nel 1948 nella compagnia di Cesco Baseggio, riscuotendo ancora tanti successi. Fu anche attrice di ci nema e consulente nel 1956 nel Conservatorio e teatri del - l Unio ne So vietica. Nel 1928 aveva spo sato a Melbourne il celebre te nore Renzo De Muro Lomanto. Ha lasciato una biografia «Una voce nel mondo» pubblicata a Milano nel Toti Dal Monte fu un soprano leggendario e amatissimo dalle folle di tutti i teatri del mondo. Era chiamato l usignolo italiano per la purezza della sua voce: timbro dolcissimo, cristallino, estre ma naturalezza nei passaggi acrobatici più insidiosi, dotata di una di - zione perfetta. Trentaquattro anni di travolgente carriera artistica dal 1916 al 1950 poi l apertura di una scuola di canto nella sua villa di Bar bisanello. Un fenomeno irripe - tibile in quell epoca, quando tutti i cantanti facevano le gare per arri vare primi. Anche oggi, ascol - tando la sue registrazioni (sto- riche), si rimane sempre affascinati dal suo timbro dolcissimo, verginale e cristallino. I punti di forza della sua splendida voce era no una grande estensione, con sovracuti sempre limpidissimi e sicuri, una straordinaria tecnica vocale che le permetteva di ese - guire i passaggi acrobatici più insidiosi (abbellimenti, fioriture, trilli, scale veloci semitonali, suoni picchiettati e fiati ) con spensierata naturalezza, ma soprattutto ammaliava il suo timbro di una freschezza, ingenuità e dolcezza senza uguali. Le sue eroine, fanciulle limpide, fragili e indifese, suscitavano palpiti d emozione e, se ferite dal «fato spietato» o da qualche animo malvagio, commozione irrefrenabile. Questa è stata la sua grandissima arte. Curiosa osservazione del grandissimo maestro Arturo Toscanini, al celebre soprano Toti Dal Monte durante la prove del Rigoletto alla Scala di Milano: «Signorina, si ricordi sempre che le arie bisogna cantarle non darsele». LUCIANO PIZZINATO

5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010 9:45 Pagina 1

5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010 9:45 Pagina 1 5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010 9:45 Pagina 1 Giugno 2010 5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010 9:45 Pagina 2 5-A2 adulti estero.qxd:5-a2 adulti estero.qxd 19-05-2010

Dettagli

Un Parco per la scuola Proposte di educazione ambientale e attività all aria aperta

Un Parco per la scuola Proposte di educazione ambientale e attività all aria aperta PARCO MATILDICO DI MONTALTO via Lolli, 45 43030 Vezzano sul Crostolo (RE) tel./fax. 0522-858432 info@parcomatildico.com www.parcomatildico.com Un Parco per la scuola Proposte di educazione ambientale e

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Il Parco di Villa Carcano

Il Parco di Villa Carcano Il Parco di Villa Carcano Punto d incontro tra Natura, Storia, Arte e Tecnologia Villa Carcano: punto d incontro tra Natura, Storia, Arte e Tecnologia Nel cuore dell Alta Brianza il Parco di Villa Carcano

Dettagli

LA CASCATA È LÌ, BELLISSIMA, LIMPIDA,

LA CASCATA È LÌ, BELLISSIMA, LIMPIDA, PROGETTO EDUCAZIONE AMBIENTALE LA CASCATA È LÌ, BELLISSIMA, LIMPIDA, FRESCA INFANZIA Il progetto si prefigge di veicolare in un ottica interdisciplinare gli obiettivi fissati nel P.O.F. Esso è rivolto

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

A tutti i bimbi della terra perché aiutino noi grandi a lasciare loro..un mondo migliore

A tutti i bimbi della terra perché aiutino noi grandi a lasciare loro..un mondo migliore A tutti i bimbi della terra perché aiutino noi grandi a lasciare loro..un mondo migliore Progetti di educazione ambientale per l anno scolastico 2011/2012 nel Parco Nazionale dell Asinara Egregio Dirigente

Dettagli

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE La Macchina del Tempo Il progetto ideato e realizzato da L Asino d Oro Associazione Culturale per le scuole primarie, dal titolo La Macchina del Tempo, si propone come uno strumento

Dettagli

Premio Artistico Letterario don Peppe Diana XII edizione Anno 2015

Premio Artistico Letterario don Peppe Diana XII edizione Anno 2015 Premio Artistico Letterario don Peppe Diana XII edizione Anno 2015 Questa mattina per fortuna c è un aria diversa Il sole coi suo raggi penetra dalla finestra Quant è bella la mia terra c è un aria diversa..

Dettagli

LE CLASSI 1 e 2 Scuola Media Gioacchino da Fiore Sede coordinata di le Castella PRESENTANO

LE CLASSI 1 e 2 Scuola Media Gioacchino da Fiore Sede coordinata di le Castella PRESENTANO LE CLASSI 1 e 2 Scuola Media Gioacchino da Fiore Sede coordinata di le Castella PRESENTANO Progetto di recupero naturalistico di un terreno confiscato ANNO SCOLASTICO 2010/2011 V Bando di concorso Regoliamoci

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Relazione al bilancio di previsione. Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione

Relazione al bilancio di previsione. Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione Relazione al bilancio di previsione Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione Anno 2013 Pubblica Istruzione Dimensionamento Scolastico

Dettagli

1 livello: alfabetizzazione di base per alunni neo immigrati 2 livello: rinforzo, consolidamento della lingua italiana

1 livello: alfabetizzazione di base per alunni neo immigrati 2 livello: rinforzo, consolidamento della lingua italiana dal POF 6.. Progettii comunii a tuttii ii pllessii Progetto di accoglienza per alunni di lingua non italiana Il Progetto di Accoglienza del nostro Istituto è articolato in diversi interventi educativo

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014

Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014 Area Protetta Provinciale GIARDINO BOTANICO MONTANO PRATORONDANINO Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014 2 PRESENTAZIONE Il Giardino Botanico di Pratorondanino, ideato nel 1979

Dettagli

spettacolo delle luci, dove ciascuno a mostrato la sua abilità roteando fiamme e lanciando in alto palloncini luminosi.

spettacolo delle luci, dove ciascuno a mostrato la sua abilità roteando fiamme e lanciando in alto palloncini luminosi. Cari amici dei Salesiani, all inizio di questo nuovo anno formativo desideriamo presentarvi un breve riassunto delle nostre attività dalla fine del giugno scorso fino a settembre. 1 giugno - Animazione

Dettagli

VACANZE STUDIO ITALIA MARINA DI ASCEA -SAPARCO NAZIONALE DEL CILENTO E DEL VALLO DI DIANO VILLAGGIO OLIMPIA

VACANZE STUDIO ITALIA MARINA DI ASCEA -SAPARCO NAZIONALE DEL CILENTO E DEL VALLO DI DIANO VILLAGGIO OLIMPIA INPDAP e I SOGGIORNI STUDIO 20 anni di Soggiorni Studio, tante generazioni di giovani che grazie all Istituto hanno avuto modo di confrontarsi con una esperienza all estero, dando loro una visione più

Dettagli

ORTO BOTANICO DI BRERA. Proposte didattiche per la scuola

ORTO BOTANICO DI BRERA. Proposte didattiche per la scuola ORTO BOTANICO DI BRERA Proposte didattiche per la scuola 2014 PERCORSI a cura del Comune di Milano Educazione e Istruzione Settore Scuole Paritarie e Case Vacanza Sezione Didattica Orto Botanico di Brera

Dettagli

Istituto Comprensivo P. Marocco Arsiero (VI) Scuola primaria I. Stella Arsiero. a.s. 2013-14. Progetto A scuola di Guggenheim ARTE NATURA

Istituto Comprensivo P. Marocco Arsiero (VI) Scuola primaria I. Stella Arsiero. a.s. 2013-14. Progetto A scuola di Guggenheim ARTE NATURA Istituto Comprensivo P. Marocco Arsiero (VI) Scuola primaria I. Stella Arsiero a.s. 2013-14 Progetto A scuola di Guggenheim ARTE E NATURA L albero: forme e colori dell arte della natura Le contrade di

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Laboratori didattici. Proposte didattiche ed educative del Giardino Botanico Alpino Rezia di Bormio SO

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Laboratori didattici. Proposte didattiche ed educative del Giardino Botanico Alpino Rezia di Bormio SO Proposte didattiche ed educative del di Bormio SO Il costituisce un punto di riferimento per la riproduzione di specie rare, una fonte di divulgazione scientifica, un richiamo per gli appassionati della

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

PROGETTO LUDICO - DIDATTICO OLYMPIC VILLAGE 2014

PROGETTO LUDICO - DIDATTICO OLYMPIC VILLAGE 2014 Olympic Village, un percorso ludico-didattico che ha come tema l origine dei Giochi Olimpici e la Magna Grecia. Il progetto propone un viaggio indietro nel tempo di migliaia di anni alla scoperta della

Dettagli

Via Trieste 73B 67051 Avezzano (AQ) Tel. 0863/1940278 fax 0863/7431178 Web www.sherpa.abruzzo.it mail info@sherpa.abruzzo.it

Via Trieste 73B 67051 Avezzano (AQ) Tel. 0863/1940278 fax 0863/7431178 Web www.sherpa.abruzzo.it mail info@sherpa.abruzzo.it Via Trieste 73B 67051 Avezzano (AQ) Tel. 0863/1940278 fax 0863/7431178 Web www.sherpa.abruzzo.it mail info@sherpa.abruzzo.it MOD. GNS del25_01_2014 PRESENTAZIONE Esperienza indimenticabile in luoghi incantati

Dettagli

Il mondo intorno a noi

Il mondo intorno a noi Il mondo intorno a noi SCUOLA INFANZIA CASOLA - BERZANTINA ANNO SCOLASTICO 2014/15 Le insegnanti, Germana Liani Giovanna d Isanti 1 Loredana Camiscia Angela Tomasi SCUOLA DELL INFANZIA DI CASOLABERZANTINA

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

L ENERGIA DELLA TERRA IL PICCOLO ORTOLANO STORIE DALLA TERRA LA VITA DELLA CERAMICA

L ENERGIA DELLA TERRA IL PICCOLO ORTOLANO STORIE DALLA TERRA LA VITA DELLA CERAMICA La Cooperativa Solidarietà Onlus di Treviso ha alle spalle una storia di 38 anni basata sull obiettivo dell inclusione sociale, con una particolare attenzione nei confronti della disabilità. È radicata

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

PREMIO INTERNAZIONALE DI POESIA E NARRATIVA AMICI SENZA CONFINI EDIZIONE 2012. Scrivere di gusto

PREMIO INTERNAZIONALE DI POESIA E NARRATIVA AMICI SENZA CONFINI EDIZIONE 2012. Scrivere di gusto PREMIO INTERNAZIONALE DI POESIA E NARRATIVA AMICI SENZA CONFINI EDIZIONE 2012 Scrivere di gusto Cibo, elemento da sempre fondamentale alla vita di ogni essere vivente, ma per l uomo è anche simbolo di

Dettagli

4 Consigli per una gita in fattoria. La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica. Una guida a cura della Redazione di:

4 Consigli per una gita in fattoria. La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica. Una guida a cura della Redazione di: 4 Consigli per una gita in fattoria La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica Una guida a cura della Redazione di: PERCHÉ UNA GITA IN FATTORIA? I motivi per fare una gita in

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Progetti SCOPRIAMO I SEGRETI DEL PARCO

Progetti SCOPRIAMO I SEGRETI DEL PARCO Progetti SCOPRIAMO I SEGRETI DEL PARCO Dalle pendici delle Prealpi si allunga un corridoio verde che giunge sino alle porte di Monza seguendo il corso del fiume. Il Parco della Valle del Lambro offre un

Dettagli

La memoria delle terre alte. a colloquio con. www.gyp-monitoring.com/index.php; www.grand-paradis.it

La memoria delle terre alte. a colloquio con. www.gyp-monitoring.com/index.php; www.grand-paradis.it FOCUS ORIZZONTI La memoria delle terre alte Museo del gipeto a Rhême Notre-Dame a colloquio con Luisa Vuillermoz www.gyp-monitoring.com/index.php; www.grand-paradis.it A sinistra, Luisa Vuillermoz, Direttore

Dettagli

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION Il presente report sintetizza i risultati dell indagine di customer satisfaction, condotta dall Ufficio II della Direzione Centrale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

ASSOCIAZIONE PER L ARNO O.N.L.U.S.

ASSOCIAZIONE PER L ARNO O.N.L.U.S. CON IL PATROCINIO DIMinistero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale ASSOCIAZIONE PER L ARNO O.N.L.U.S. c/o UISP Via Bocchi, 32-50126

Dettagli

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca MUSEO STORICO DELLA RESISTENZA Sant Anna di Stazzema COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca PARCO NAZIONALE DELL A PACE Parco nazion Alla cortese attenzione di: Dirigenti

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato

Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato della Maestra Mery Anesa Mery Anesa Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato Giugno 2011 Osservazioni e commenti

Dettagli

Relazione al bilancio 2012

Relazione al bilancio 2012 Relazione al bilancio 2012 L assemblea di oggi rappresenta una tappa importante sul cammino della nostra associazione in quanto segna un passaggio importante sulla sua esistenza e più ogni altro elemento

Dettagli

(ANNO SCOLASTICO 2015/18)

(ANNO SCOLASTICO 2015/18) (ANNO SCOLASTICO 2015/18) dal Rapporto La Buona Scuola. Facciamo crescere il Paese, frutto del lavoro portato avanti congiuntamente dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi e dal Ministro Stefania Giannini

Dettagli

Bosco di Smerillo Via A. C. Nobili, 11-63856 Smerillo (FM) Tel. 0734.79423 - email. info@smerillo.com - web. www.smerillo.com

Bosco di Smerillo Via A. C. Nobili, 11-63856 Smerillo (FM) Tel. 0734.79423 - email. info@smerillo.com - web. www.smerillo.com Centro di Educazione Ambientale Bosco di Smerillo Via A. C. Nobili, 11-63856 Smerillo (FM) Tel. 0734.79423 - email. info@smerillo.com - web. www.smerillo.com P resentazione Il CEA di Smerillo nasce nel

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola San Martino Treviglio dell infanzia e primaria paritaria PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Un bambino non è un vaso da riempire ma un fuoco da accendere (Plutarco) - 02 - novembre 2015 grafica: Paolo

Dettagli

Gennaio 2014. Viaggio in Africa

Gennaio 2014. Viaggio in Africa Gennaio 2014 Viaggio in Africa Nella religione Tambor de Mina le tradizioni afro e indio convivono col cattolicesimo Nascono tre nuovi gruppi di giovani. E la casa in cui viviamo è invasa dai bambini Quella

Dettagli

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne la simbologia con domande stimolo: - Perché la Storia

Dettagli

STORIA, ARTE, ARTIGIANATO, AGRICOLTURA, VEDER LENTAMENTE EMERGERE, CON IL DECIMO ANNO DELLA FÉRA È UN TRAGUARDO DAVVERO IMPORTANTE PER QUESTA

STORIA, ARTE, ARTIGIANATO, AGRICOLTURA, VEDER LENTAMENTE EMERGERE, CON IL DECIMO ANNO DELLA FÉRA È UN TRAGUARDO DAVVERO IMPORTANTE PER QUESTA v IL DECIMO ANNO DELLA FÉRA È UN TRAGUARDO DAVVERO IMPORTANTE PER QUESTA MANIFESTAZIONE CHE RACCOGLIE UN ANTICA TRADIZIONE DELLA VALLE SAN MARTINO. AL LAVELLO, IN OCCASIONE DELL ANNUNCIAZIONE, SI TENEVA

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

Eccoci tornati da una splendida esperienza in Portogallo. Questa settimana in trasferta, lontana dalla scuola italiana ma vicina a una concezione di

Eccoci tornati da una splendida esperienza in Portogallo. Questa settimana in trasferta, lontana dalla scuola italiana ma vicina a una concezione di Eccoci tornati da una splendida esperienza in Portogallo. Questa settimana in trasferta, lontana dalla scuola italiana ma vicina a una concezione di scuola diversa, ha arricchito la nostra capacità di

Dettagli

PRESENTAZIONE... ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. LE ATTIVITÀ DIDATTICHE... 3 SCUOLA DELL INFANZIA... 4 ZOOLOGIA... 5 Z.1 ANIMALI DA FAVOLA...

PRESENTAZIONE... ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. LE ATTIVITÀ DIDATTICHE... 3 SCUOLA DELL INFANZIA... 4 ZOOLOGIA... 5 Z.1 ANIMALI DA FAVOLA... Indice PRESENTAZIONE... ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. LE ATTIVITÀ DIDATTICHE... 3 SCUOLA DELL INFANZIA... 4 ZOOLOGIA... 5 Z.1 ANIMALI DA FAVOLA... 5 Z.2 - ANIMALI ANIMATI... 5 Z.3 IL MISTERIOSO

Dettagli

C era una volta un Castellazzo

C era una volta un Castellazzo VILLA ARCONATI PER LE SCUOLE... DELL INFANZIA C era una volta un Castellazzo Una favola animata in cui tutto sarà possibile: fantasia e realtà per una storia d'altri tempi! Attività guidata da un operatore

Dettagli

Genus Bononiae per le Scuole. - Servizi educativi - Genus Bononiae. Musei nella Città

Genus Bononiae per le Scuole. - Servizi educativi - Genus Bononiae. Musei nella Città Genus Bononiae per le Scuole - Servizi educativi - Genus Bononiae. Musei nella Città I Sevizi educativi di Genus Bononiae. Musei nella Città hanno elaborato per l anno scolastico 2015-2016 una nuova offerta

Dettagli

ECCOCI. Sommario. Ottobre 2014 - n. 7. Alle famiglie 1. Pronti...partenza...via... 2. Tempo di nuove conoscenze. Una vacanza speciale 4

ECCOCI. Sommario. Ottobre 2014 - n. 7. Alle famiglie 1. Pronti...partenza...via... 2. Tempo di nuove conoscenze. Una vacanza speciale 4 ECCOCI Sommario Alle famiglie 1 Pronti...partenza...via... 2 Tempo di nuove conoscenze al CSE Una vacanza speciale 4 Sempre più creativi... insieme Tappi e non solo 6 Prossimi appuntamenti 7 Recapiti 8

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it Gusto

Dettagli

Istituto comprensivo A. Manzoni di Parabiago. Progetto Scuola Famiglia per l A. s. 2014-2015:

Istituto comprensivo A. Manzoni di Parabiago. Progetto Scuola Famiglia per l A. s. 2014-2015: Istituto comprensivo A. Manzoni di Parabiago Progetto Scuola Famiglia per l A. s. 2014-2015: INTRODUZIONE Il corpo e l anima sono ugualmente importanti: se il primo va nutrito con il cibo, come appunto

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Scheda attività Progetto Ambiente PRATICHE E MODELLI PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE. Rifiuti: le cinque erre. Acqua: in viaggio sul Seveso

Scheda attività Progetto Ambiente PRATICHE E MODELLI PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE. Rifiuti: le cinque erre. Acqua: in viaggio sul Seveso Scheda attività Progetto Ambiente PRATICHE E MODELLI PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE Rifiuti: le cinque erre Acqua: in viaggio sul Seveso Energia in gioco INFORMAZIONI GENERALI PROGETTO Tipo di scuola - Scuola

Dettagli

PIANO REGIONALE DI AZIONE AMBIENTALE 2008-2010

PIANO REGIONALE DI AZIONE AMBIENTALE 2008-2010 REGIONE EMILIA ROMAGNA PIANO REGIONALE DI AZIONE AMBIENTALE 2008-2010 CONSORZIO PARCO REGIONALE BOSCHI DI CARREGA PROGETTO ESECUTIVO A SCUOLA DI BIODIVERSITA : percorsi di partecipazione linea B del bando

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Parco Regionale dei Sassi di Roccamalatina anno scolastico 2010-2011

Parco Regionale dei Sassi di Roccamalatina anno scolastico 2010-2011 Parco Regionale dei Sassi di Roccamalatina anno scolastico 2010-2011 Centro di Educazione alla Sostenibilità Sassi di Roccamalatina Via Pieve di Trebbio 1287-41052 Guiglia, loc. Pieve di Trebbio Tel. 059

Dettagli

Il 28 novembre 2015, noi classe 1^B, come tutti gli alunni del nostro Istituto, abbiamo aperto la nostra scuola al territorio. L esperienza è stata

Il 28 novembre 2015, noi classe 1^B, come tutti gli alunni del nostro Istituto, abbiamo aperto la nostra scuola al territorio. L esperienza è stata Il 28 novembre 2015, noi classe 1^B, come tutti gli alunni del nostro Istituto, abbiamo aperto la nostra scuola al territorio. L esperienza è stata molto positiva perché ci ha permesso di far conoscere

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

C E N T R O D I M O N T E C C H I O

C E N T R O D I M O N T E C C H I O 4_CENTRO VIVAISTICO DI MONTECCHIO PRECALCINO Il Centro Vivaistico e per le Attività Fuori Foresta di Veneto Agricoltura si inserisce nell area di una ex cava riorganizzata a moderno centro vivaistico che

Dettagli

Gli obiettivi specifici che ci siamo proposti sono stati:

Gli obiettivi specifici che ci siamo proposti sono stati: Relazione funzione strumentale area 3 Progetto educazione alla salute Anno scolastico 2012-2013 Istituto comprensivo Lercara Friddi-Castronovo di sicilia Prof. Grazia Madonia- Prof. Maria Lino Durante

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

ESTRATTO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO 2012/2013

ESTRATTO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO 2012/2013 ESTRATTO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO 2012/2013 Sezione lattanti Curiosando Titolo: Benvenuti al nido Descrizione: Il periodo dell'inserimento servirà a far conoscere ai bambini L'universo nido con tutto

Dettagli

Metodologie che promuovono la partecipazione tramite interventi diversificati e flessibili

Metodologie che promuovono la partecipazione tramite interventi diversificati e flessibili Strategia Metodologie che promuovono la partecipazione tramite interventi diversificati e flessibili Obiettivo Permetter e la comprensione di Complessità e delle relazioni Svolgere argomenti della disciplina

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

AbioRomaInforma. anno III n. 1, Gennaio 2007

AbioRomaInforma. anno III n. 1, Gennaio 2007 AbioRomaInforma anno III n. 1, Gennaio 2007 sommario Rinnovo cariche Direttivo Grease: un vero successo! II giornata nazionale ABIO Italia Corsi di formazione base e permanente Operai creativi al Policlinico

Dettagli

Allegato A BANDO DI CONCORSO: A SCUOLA CAMMINANDO EDIZIONE 2011

Allegato A BANDO DI CONCORSO: A SCUOLA CAMMINANDO EDIZIONE 2011 Art. 1 Allegato A BANDO DI CONCORSO: A SCUOLA CAMMINANDO EDIZIONE 2011 La Provincia di Torino, attraverso il suo Laboratorio Territoriale di educazione ambientale, da alcuni anni ha attivato progetti di

Dettagli

Turismo Lento. Cosa è e quali opportunità offre ai territori? Filippo Lenzerini - Punto 3 s.r.l.

Turismo Lento. Cosa è e quali opportunità offre ai territori? Filippo Lenzerini - Punto 3 s.r.l. Turismo Lento Cosa è e quali opportunità offre ai territori? - Punto 3 s.r.l. 1 1999 Laurea in Scienze Geologiche all Università di Ferrara 2000 Master in Gestione Integrata dell ambiente presso lo IUSS

Dettagli

ISTITUTO BEATA MARIA DE MATTIAS SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO A.S.2015-2016 I DONI DELLA NATURA

ISTITUTO BEATA MARIA DE MATTIAS SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO A.S.2015-2016 I DONI DELLA NATURA ISTITUTO BEATA MARIA DE MATTIAS SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO A.S.2015-2016 I DONI DELLA NATURA SCHEDA PROGETTO Indicazioni Nome Progetto Area di Riferimento Estensore/i Descrizione I DONI DI MADRE NATURA

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Laboratori di ZOOANTRPOLOGIA DIDATTICA

Laboratori di ZOOANTRPOLOGIA DIDATTICA Laboratori di ZOOANTRPOLOGIA DIDATTICA Che emozione in fattoria! Tema: EDUCAZIONE AMBIENTALE-EDUCAZIONE ALLE EMOZIONI Età: ASILI NIDO E SCUOLA DELL INFANZIA Periodo: Marzo-Giugno; Settembre-Ottobre Costo,

Dettagli

IL MUSEO E LA SCUOLA Visita al Museo e Laboratori

IL MUSEO E LA SCUOLA Visita al Museo e Laboratori Toni Benetton Treviso, Italia 1910-1996, è considerato uno dei maggiori scultori contemporanei, particolarmente autorevole nel campo delle Macrosculture. Nel 1938 frequenta il corso di scultura all Accademia

Dettagli

Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie

Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie ANNO SCOLASTICO 2013-2014 A cura di Un iniziativa proposta alle scuole da Intesa Sanpaolo

Dettagli

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado Fondazione Pirelli Educational 2015 2016 Laboratori Fondazione Pirelli Per l anno scolastico 2015-2016 la Fondazione organizza un programma gratuito di percorsi didattici e creativi rivolto alle scuole

Dettagli

BANDO DI CONCORSO A PREMI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO DELLA PROVINCIA DI TREVISO

BANDO DI CONCORSO A PREMI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO DELLA PROVINCIA DI TREVISO BANDO DI CONCORSO A PREMI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO DELLA PROVINCIA DI TREVISO Anno scolastico 2010/2011 La Fondazione Zanetti ONLUS, ente non a scopo di lucro che ha come obiettivo

Dettagli

Nido Integrato Pesciolino Rosso

Nido Integrato Pesciolino Rosso Trivignano - Venezia Via Chiesa 18/C 30174 Tel. Fax 041-909271 - Scuola Paritaria - sito internet: WWW.REGINAPACE.IT Scuola dell Infanzia REGINA DELLA PACE Nido Integrato PESCIOLINO ROSSO PROGETTO EDUCATIVO

Dettagli

Le schede sono suddivise nei seguenti argomenti, secondo l età dei possibili destinatari e le due aree museali: ANNI 5 11 ANNI 11 16

Le schede sono suddivise nei seguenti argomenti, secondo l età dei possibili destinatari e le due aree museali: ANNI 5 11 ANNI 11 16 Gentile insegnante, preparare una visita al Museo e Villaggio Africano significa affrontare in una prospettiva interdisciplinare qualsiasi aspetto della realtà, dai gesti del corpo ai rapporti familiari,

Dettagli

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica.

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Comune di Brentonico Provincia autonoma di Trento Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Collaborazione Istituto comprensivo Scuola primaria Brentonico

Dettagli

8/9/10 Maggio 2015 Piazza Università, Catania

8/9/10 Maggio 2015 Piazza Università, Catania 8/9/10 Maggio 2015 Piazza Università, Catania Catania corre per Catania Corri Catania è una corsa-camminata non competitiva di solidarietà aperta a tutti che dal 2009 coniuga sport, emozioni, divertimento

Dettagli

VACANZE STUDIO ITALIA PESCASSEROLI -AQ- HOTEL IL PICCHIO

VACANZE STUDIO ITALIA PESCASSEROLI -AQ- HOTEL IL PICCHIO INPDAP e I SOGGIORNI STUDIO 20 anni di Soggiorni Studio, tante generazioni di giovani che grazie all Istituto hanno avuto modo di confrontarsi con una esperienza all estero, dando loro una visione più

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2 per Stranieri di Siena Centro CILS : Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi. Sono brevi dialoghi o annunci. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Parrocchia di San Paolo

Parrocchia di San Paolo Parrocchia di San Paolo Consiglio pastorale 27 Novembre 2011 Questa speciale edizione del Consiglio Pastorale prende vita in una soleggiata domenica novembrina: presenti 45 persone che, dopo aver celebrato

Dettagli

Ti do i miei occhi laboratorio di educazione sentimentale

Ti do i miei occhi laboratorio di educazione sentimentale Premessa Ti do i miei occhi laboratorio di educazione sentimentale Partendo dall esperienza dello scorso anno che ha visto impegnate n.8 classi di scuola secondaria di I e di II grado (di Milano e delle

Dettagli

CAMPAGNA FINANZIATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N. 1234/07

CAMPAGNA FINANZIATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N. 1234/07 CAMPAGNA FINANZIATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N. 1234/07 IL PROGETTO Il progetto SiciliaDOC continente del vino nasce da un idea della Cooperativa Agricola Valdibella. Lo scopo è quello di promuovere

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

Museo Civico Naturalistico dei Monti Prenestini

Museo Civico Naturalistico dei Monti Prenestini Museo Civico Naturalistico dei Monti Prenestini Il Museo Civico Naturalistico dei Monti Prenestini, che ha da poco spento le sue prime 10 candeline, continua e continuerà ad essere un faro sulle realtà

Dettagli