NUOVE PROSPETTIVE DI UTILIZZO ED IMPATTO SANITARIO DEI FARMACI CANNABINOIDI NELLA REGIONE MARCHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUOVE PROSPETTIVE DI UTILIZZO ED IMPATTO SANITARIO DEI FARMACI CANNABINOIDI NELLA REGIONE MARCHE"

Transcript

1 Alma Mater Studiorum Università di Bologna FACOLTA DI FARMACIA Corso di Laurea in Farmacia NUOVE PROSPETTIVE DI UTILIZZO ED IMPATTO SANITARIO DEI FARMACI CANNABINOIDI NELLA REGIONE MARCHE Tesi di Laurea pratico-professionale in Farmacovigilanza Presentata da: VALERIA FABBRI Relatore: Chiar.mo Prof. LUIGI PATREGNANI Sessione I Anno Accademico

2 INTRODUZIONE DALLA CANNABIS AL SISTEMA ENDOCANNABINOIDE LA CANNABIS: UN APPROCCIO BOTANICO Classificazione tassonomica CANNABINOIDI NATURALI E SINTETICI Principi attivi Derivati sintetici IL SISTEMA ENDOCANNABINOIDE I recettori cannabinoidi Il segnale endocannabinoide Gli endocannabinoidi NORMATIVA SULL USO DI CANNABIS E DERIVATI CENNI DI STORIA MODERNA DELLA CANNABIS LA REALTA ATTUALE: PAESI A CONFRONTO Canada Stati Uniti Olanda Spagna Germania Regno Unito LA SITUAZIONE LEGISLATIVA ITALIANA La normativa internazionale La normativa nazionale

3 Appelli, mozioni e proposte di legge L importazione dall Estero LA DELIBERA DELLA REGIONE MARCHE IL DOCUMENTO ISTRUTTORIO IL PROTOCOLLO INTEGRATIVO RUOLO FISIOPATOLOGICO ED IMPLICAZIONI TERAPEUTICHE DEI CANNABINOIDI INDICAZIONI TERAPEUTICHE ESAMINATE DALLA DELIBERA Dolore Neuroinfiammazione e sclerosi multipla Nausea ed emesi Stimolazione dell appetito Glaucoma ed altre patologie oculari NUOVE PROSPETTIVE DI APPLICAZIONE Patologie del sistema nervoso centrale Osteoporosi Patologie gastrointestinali Patologie cardiovascolari TOSSICITA Interazioni farmacologiche

4 5. FARMACI AUTORIZZATI: USO CLINICO E REAZIONI AVVERSE SATIVEX Descrizione Studi clinici Posologia Reazioni avverse DRONABINOL E MARINOL Descrizione Studi clinici Posologia Reazioni avverse NABILONE E CESAMET Descrizione Studi clinici Posologia Reazioni avverse ADR (ADVERSE DRUG REACTION): SEGNALAZIONI DI FARMACOVIGILANZA L IMPATTO SANITARIO DELLA DELIBERA 470/2008 NELLA REGIONE MARCHE MATERIALI E METODI ANALISI DEI DATI: I 3 CASI CLINICI DELLA Z.T.1 DI PESARO

5 Analisi del caso N Analisi del caso N Analisi del caso N RISULTATI DISCUSSIONE CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA LINKS

6 INTRODUZIONE Questo lavoro è un invito alla curiosità e alla scoperta. Di una pianta. Il cui uso medico affonda le radici nella Cina del III millennio a.c., che già la includeva nella più antica Farmacopea conosciuta. Dei suoi principi attivi. Il cui isolamento intorno alla metà del XX secolo ha segnato una svolta da un approccio empirico ad un approccio sperimentale. Del sistema endocannabinoide. Di un sistema ampiamente espresso all interno del nostro organismo ed intimamente correlato alle nostre funzioni fisiologiche. Del potenziale d applicazione dei cannabinoidi. Verso cui la ricerca sta dedicando molte forze, ottenendo risultati promettenti e di sempre più ampio respiro. Dei farmaci cannabinoidi autorizzati. Con uno sguardo attento alle loro indicazioni e critico verso i loro effetti collaterali. Della loro regolamentazione. Partendo da un analisi all interno della storia moderna, per approfondire la situazione contemporanea. Dello stato normativo Italiano. Tra gli ostacoli che la cannabis ed i farmaci incontrano in una realtà non ancora allineata al livello degli altri Paesi. Una discussione sicuramente sfaccettata, come sfaccettato è il contesto in cui si colloca l uso di questi farmaci. Tanto approfondita, quanto doverosa. Per inquadrare il senso della Delibera Regionale che ha facilitato l accesso alle terapie a base di cannabinoidi e nel suo primo anno sta offrendo interessanti prospettive di crescita. E per fornire spunti di riflessione su una questione ancora troppo silenziosa e poco conosciuta. 6

7 1. DALLA CANNABIS AL SISTEMA ENDOCANNABINOIDE 1.1. LA CANNABIS: UN APPROCCIO BOTANICO 7

8 La canapa è una pianta erbacea a ciclo annuale. L'altezza varia tra 1,5-2 m, ma in sottospecie coltivate può arrivare fino a 5 metri. Presenta una lunga radice a fittone e un fusto, eretto o ramificato, con escrescenze resinose, angolate, a volte cave, specialmente al di sopra del primo paio di foglie. Le foglie sono picciolate e provviste di stipole; ciascuna è palmata, composta da 5-13 foglioline lanceolate, a margine dentato-seghettato, con punte acuminate fino a 10 cm di lunghezza ed 1,5 cm di larghezza; nella parte bassa del fusto le foglie si presentano opposte, nella parte alta invece tendono a crescere alternate, soprattutto dopo il nono/decimo nodo della pianta, ovvero a maturazione sessuale avvenuta. Salvo rari casi di ermafroditismo, le piante di canapa sono dioiche e i fiori unisessuali crescono su individui di sesso diverso. I fiori maschili (staminiferi) sono riuniti in pannocchie alle ascelle delle foglie e ciascuno presenta 5 tepali fusi alla base e 5 stami. I fiori femminili (pistilliferi) sono riuniti in gruppi di 2-6 alla base di brattee formanti corte spighe. La pianta germina in primavera e fiorisce in estate inoltrata. L'impollinazione è anemofila (trasporto tramite il vento). In autunno compaiono i frutti, degli acheni duri e globosi, ciascuno trattenente un seme con un endosperma carnoso ed embrione curvo Classificazione tassonomica Sull'esatta tassonomia del genere Cannabis (fam. Cannabaceae) vi sono opinioni diverse a seconda si consideri la specie monotipica o politipica. La nomenclatura binomiale (Linneo, 1735) considera tale genere come monotipico, con l unica specie denominata Cannabis sativa L. Nel 1785 il biologo Lamarck descrisse una seconda specie di Cannabis, che denominò Cannabis indica Lam.: questa specie, di minor importanza rispetto alla C. sativa come pianta da fibra, mostra un effetto più consistente nell uso voluttuario. Con il nome di Cannabis indica è entrata a far parte della Farmacopea di numerosi paesi, indicando pertanto la specie designata per le preparazioni medicinali. 8

9 Nel 1924 il botanico russo Janichevsky introdusse nella nomenclatura la canapa ruderale, definendola sia una varietà della C. sativa, sia una specie separata: C. sativa L. var. ruderalis Janisch. e Cannabis ruderalis Janisch. Nel 1976 Small e Cronquist nella loro revisione tassonomica definirono una singola specie di Cannabis, con due sottospecie: C. sativa L. subsp. sativa, and C. sativa L. subsp. indica (Lam.) Small & Cronq. L ipotesi era che le due sottospecie si differenziassero sostanzialmente come risultato della selezione dell uomo: la C. sativa subsp. Sativa era stata selezionata per la produzione di fibra o semi, mentre C. sativa subsp. Indica era stata selezionata a scopo medico e voluttuario. Studi tassonomici condotti negli stessi anni condussero il botanico Schultes ad individuare, sulla base di differenze morfologiche, almeno tre specie, C. sativa, C. indica, and C. ruderalis, rigettando così le teorie monotipiche. 9

10 1.2. CANNABINOIDI NATURALI E SINTETICI Principi attivi La cannabis contiene almeno 483 composti chimici, alcuni dei quali, tipici di questa specie, sono stati denominati cannabinoidi, o fitocannabinoidi. Altri composti presenti nella Cannabis, comunque ampiamente diffusi nel regno vegetale, sono i terpeni (il gruppo più abbondante, costituito da almeno 140 molecole tra cui il beta-mircene, il beta-cariofillene, il d- limonene e il linalolo) e i flavonoidi di cui si possono ricordare l apigenina, la quercetina e la canna flavina. I fitocannabinoidi sono composti di natura terpenofenolica a 21 atomi di carbonio. A differenza della maggior parte dei composti con azione sul SNC, incluso gli oppiacei, la cocaina, la nicotina e la caffeina, essi non contengono nitrogeni e quindi non sono alcaloidi. In passato si pensava che i fitocannabinoidi fossero presenti esclusivamente nella pianta di cannabis (Cannabis sativa L.), ma recentemente alcuni bibenzili simili ai cannabinoidi sono stati trovati in alcune briofite (Radula perrottetii e Radula marginata). I cannabinoidi derivano da una reazione di addizione tra fenoli e terpeni, sono apolari e caratterizzati da una bassa solubilità in acqua. La loro struttura chimica può essere descritta come quella di un terpene unito ad un resorcinolo a sostituzione alchilica, oppure come quella di un sistema ad anello benzopiranico. Le due descrizioni implicano anche una nomenclatura differente: con la prima il principale cannabinoide viene definito come delta-1-tetraidrocannabinolo (delta-1-thc), mentre con la seconda diventa delta-9-thc (fig.1.1). Fig.1.1: Numerazione secondo il sistema monoterpenoide (delta-1-thc) e secondo il sistema dibenzopiranico (delta-9-thc). 10

11 Sono stati finora identificati 66 cannabinoidi, la maggior parte dei quali può essere classificata all interno di 10 sottoclassi: tipo cannabigerolo (CBG); tipo cannabicromene (CBC); tipo cannabidiolo (CBD;); tipo delta-9-thc (Δ 9 -THC: vi appartengono un totale di 9 molecole, con catene laterali di 1, 3, 4, 5 atomi di carbonio); tipo delta-8-thc (Δ 8 -THC); tipo cannabinolo (CBN); tipo cannabinodiolo (CBDL) ; tipo cannabiciclolo (CBL); tipo cannabielsoino (CBE); tipo cannabitriolo (CBTL); tetraidrocannabivarina (THCV). I composti quantitativamente più importanti sono gli acidi del delta-9- THC, del cannabidiolo, del cannabicromene, del cannabigerolo e del cannabinolo (fig.1.2). La composizione varia nei differenti ceppi di cannabis ed in genere solo tre o quattro cannabinoidi si trovano in una pianta in concentrazioni superiori allo 0.1%. Gli acidi cannabinoidi del THC sono privi di azione psicotropa, e devono essere decarbossilati a fenoli per essere attivi e produrre gli effetti tipici della marijuana. Il rapporto tra acido e fenolo per il delta-9-thc varia tra 2:1 e >20:1 nelle foglie e nelle infiorescenze della Cannabis sativa. Fig.1.2: I principali cannabinoidi della Cannabis sativa. 11

12 I cannabinoidi si trovano soprattutto nella resina che viene prodotta dai peli ghiandolari (tricomi) localizzati per lo più nei calici dei fiori femminili e nelle foglioline intorno. Fig.1.3: Infiorescenze femminili a maturazione. Fig.1.4: Tricomi secernenti resina Derivati sintetici Il capostipite dei fitocannabinoidi, cui sono attribuiti i principali effetti e le proprietà psicoattive della cannabis, è il delta-9-thc. Il suo prodotto naturale di ossidazione è il cannabinolo che, insieme al cannabidiolo (caratteristica molecola priva di attività psicotropa), è stato identificato negli anni Quaranta (Hawks, 1982). Tuttavia il delta-9-thc non è stato identificato prima del 1964, anno in cui Gaoni e Mechoulam lo isolarono e sintetizzarono (Gaoni, 1964), e, studiandone la stereochimica, chiarirono che le proprietà biologiche risiedono nello stereoisomero L (Mechoulam, 1967). Queste scoperte condussero negli anni Settanta allo sviluppo di un ampio numero di analoghi sintetici, che includevano non solo i composti strutturalmente simili ai fitocannabinoidi, ma anche composti con strutture chimiche differenti, inclusi i cannabinoidi classici, non-classici e gli amminoalchilindoli. I cannabinoidi classici includono strutture tricicliche di tipo dibenzopiranico, tra cui possono essere ricordati (fig.1.5): 12

13 Acido ajulemico (HU-239); Dexanabinolo (HU-211); JWH-051; JWH-133; Nabilone. I cannabinoidi non-classici comprendono strutture bicicliche e tricicliche, analoghe del delta-9-thc, tra cui (fig.1.6): CP-55,940; HU-308. Tra gli amminoalchilindoli (fig.1.7): WIN 55, Acido ajulemico CP-55,940 Dexanabinol (HU-211) HU-308 Fig.1.6: Cannabinoidi non-classici JWH-051 JWH-133 WIN 55,212-2 Fig.1.7: Amminoalchilindoli Nabilone Fig.1.5: Cannabinoidi classici 13

14 Gli studi farmacologici si sono concentrati anche sulla sintesi di antagonisti al recettore (fig.1.8): AM 251; AM281; AM630 SR ; Rimonabant (SR141716A); Surinabant (SR147778). Tali composti sono considerati degli agonisti inversi, piuttosto che degli antagonisti puri: anziché bloccare la risposta indotta dall agonista, attivano una via del segnale opposta a quella dell agonista. AM251 AM281 AM630 SR SR141716A Surinabant Fig.1.8: Antagonisti cannabinoidi. 14

15 1.3. IL SISTEMA ENDOCANNABINOIDE I recettori cannabinoidi Le prime indicazioni dell esistenza dei recettori cannabinoidi sono derivate dal fatto che l attività farmacologica dei cannabinoidi è significativamente influenzata dalla struttura chimica e che i cannabinoidi con i centri chirali mostrano stereoselettività: l attività farmacologica dell isomero (-)-trans-delta-9-thc è volte maggiore rispetto all isomero (+)-trans (Dewey, 1984) (fig.1.9). Fig.1.9: I due stereoisomeri del delta-9-thc. Dopo la dimostrazione negli anni Ottanta che un agonista radiomarcato possedeva dei siti leganti ad alta affinità, saturabili, stereospecifici (Devane, 1988), si tentò di identificare e clonare le strutture recettoriali coinvolte. I tessuti dei mammiferi esprimono almeno 2 recettori per i cannabinoidi: il primo, denominato CB 1, è stato identificato nel 1990 (Matsuda, 1990); il secondo, denominato CB 2, è stato descritto nel 1993 (Munro, 1993). Il recettore CB 1, di cui sono stati individuati i due sottotipi CB 1A (Shire, 1995) e CB 1B (Ryberg, 2005), è localizzato prevalentemente a livello del sistema nervoso centrale. Studi autoradiografici e immunoistochimici hanno rilevato le seguenti localizzazioni e funzioni (fig.1.10): gangli basali, con coinvolgimento nelle funzioni motorie, cognitive e nell apprendimento; cervelletto, in cui sono implicati nella coordinazione della funzione motoria, della postura e dell equilibrio; corteccia, sede delle attività cognitive superiori; 15

16 ippocampo, con un ruolo nei processi di apprendimento, di memoria e di stress; ipotalamo in cui presiedono alla regolazione della temperatura, dell attività neuroendocrina, dell appetito; amigdala, in cui integrano la dimensione emozionale-affettiva delle percezioni; midollo spinale dove sembrano prevalentemente coinvolti nell effetto antinocicettivo; tronco encefalico, da cui presiedono al controllo di nausea e vomito, dell appetito e della nocicezione; nucleo del tratto solitario, in cui sono coinvolti nelle percezioni viscerali e nei meccanismi di nausea e vomito; sostanza grigia periacqueduttale, da cui presiedono ai meccanismi dell analgesia. Fig.1.10: Localizzazione dei recettori CB 1 a livello del sistema nervoso centrale. In rosso le regioni a maggior densità, in nero le regioni con una minor espressione recettoriale. La localizzazione prevalentemente centrale dei recettori CB 1 non esclude la loro presenza nelle cellule e nei tessuti periferici, dove si ritrovano a concentrazioni più ridotte. 16

17 I recettori CB 2 sono espressi prevalentemente a livello periferico, nelle cellule del sistema immunitario ed ematopoietico, ma più recentemente la loro presenza è stata rilevata a livello cerebrale (Van Sickle, 2005; Gong, 2006), incluse le cellule gliali, nelle cellule non-parenchimatiche di fegato cirrotico (Julien, 2005), nel pancreas endocrino (Juan-Pico, 2005), nell osso (Karsak, 2004; Idris, 2005) e nei cheratinociti (Ibrahim, 2005). Nuovi recettori cannabinoidi non-cb 1 e non-cb 2 Studi più recenti hanno supportato l esistenza di nuovi recettori, non ancora clonati, sulla base di azioni cannabinoidi rilevate in topi CB 1 e CB 2 -knockout. Se ne possono menzionare almeno quattro: 1. Recettore centrale putativo TRPV-1. Appartenente alla famiglia dei canali ionici di tipo TRP (Transient Receptor Potential), il recettore vanilloide di tipo 1 è un canale non-selettivo per gli ioni calcio, magnesio, e sodio di natura eccitatoria, attivato da molecole con nucleo vanilloide quali capsaicina e analoghi. E implicato nell integrazione degli stimoli nocicettivi; 2. Recettore putativo non-cb 1 e non-cb 2 per l abnormal cannabidiol (Abn-CBD). Sensibile al regioisomero sintetico del cannabidiolo, il recettore è accoppiato alle proteine G i/o (Offertaler, 2003), e media delle risposte ipotensive e di vasodilatazione mesenterica (Jarai, 1999); 3. Recettore putativo non-cb 1 e non-cb 2. Denominato recettore per la palmitoiletanolamide, quando attivato riduce il dolore associato ad uno stato infiammatorio; il recettore implicato sembra appartenere alla superfamiglia dei recettori nucleari PPAR, e precisamente PPAR-α (i cui ligandi naturali sono gli acidi grassi saturi ed insaturi, quali l acido oleico, palmitico, linoleico, arachidonico) (Lo Verme, 2005). Esistono comunque numerose altre evidenze a supporto degli effetti dei cannabinoidi sui recettori PPAR-α, PPAR-β, e PPAR-γ (Sun, 2007). 4. Recettore WIN : a livello di questo recettore si è notato che l endocannabinoide anandamide e l aminoalchilindolo WIN sono in grado di promuovere il legame del GTPγS. Questo 17

18 recettore esibisce una diversa farmacologia rispetto ai recettori CB 1 e CB2, dal momento che non risulta attivato né dal delta-9-thc, né dagli agonisti cannabinoidi classici Il segnale endocannabinoide La stimolazione dei recettori CB 1 e CB 2 attiva un gran numero di vie di trasduzione del segnale, attraverso il sottotipo G i/o della famiglia delle proteine G. Entrambi i recettori presentano infatti un architettura a sette domini transmembranari, accoppiati alle proteine eterotrimeriche G (fig1.11). Il legame degli agonisti conduce ad una riduzione della produzione di AMP ciclico per inibizione dell attività dell adenilato ciclasi, generalmente correlato alla subunità G α libera. Altri effetti sono invece mediati dal dimero libero G βγ. Tra questi: l attivazione di tutti i membri delle tre famiglie di chinasi delle proteine attivate dal mitogeno (MAPK): chinasi p44/42 MAP, chinasi p38, chinasi JUN-terminale (Wartmann, 1995; Derkinderen, 2001; Rueda, 2000); l attivazione della fosfatidilinositolo-3-chinasi (PI3K) (Gómez Del Pulgar, 2002); l aumento del legame del GTPγS (Guanosin trifosfato-gamma-tio) non idrolizzabile (Sim, 1996); la regolazione dell attività di alcuni tipi di canali del calcio (principalmente del tipo N) e del potassio (Mackie, 1992; Mackie, 1995). I cannabinoidi possono anche regolare l attività delle fosfatasi: ne sono un esempio la regolazione CB 1 -mediata della calcineurina (proteinfosfatasi 2b) (Cannich, 2004), e l attivazione della fosfatasi-1 della chinasi della proteina attivata dal mitogeno, che gioca un ruolo 18

19 importante nelle proprietà anti-infiammatorie dei cannabinoidi (Eljaschewitsch, 2006). Fig.1.11: Struttura dei recettori CB 1 e CB 2 a sette domini transmembranari. L omologia dei due recettori è di circa il 44% (fino all 82% nei domini transmembrana). Effetti dei cannabinoidi sulla neurotrasmissione: i recettori CB 1 presinaptici I recettori cannabinoidi CB 1 sono presenti anche a livello pre-sinaptico: questa collocazione suggerisce un effetto modulatorio dei composti cannabinoidi sulla neurotrasmissione, fenomeno definito come plasticità sinaptica mediata dagli endocannabinoidi. A conferma di questo sono i dati sperimentali che dimostrano l inibizione del rilascio di numerosi mediatori tra cui: L-glutammato, GABA, noradrenalina, dopamina, serotonina e acetilcolina. I meccanismi cellulari implicati nel processo di inibizione sembrano essere correlati all effetto diretto di blocco dei canali del calcio di tipo N, operato dall attivazione del recettore CB 1 (Caulfield, 1992; Mackie, 1992). In alcuni casi gli studi hanno evidenziato l esistenza di meccanismi indipendenti dal calcio, proponendo ad esempio l implicazione dei canali del potassio. L effetto inibitorio sull adenilato ciclasi causa una ridotta fosforilazione dei canali del potassio di tipo A ad opera della chinasi A camp-dipendente: questo si traduce in 19

20 un attivazione dei canali con un accorciamento della durata del potenziale d azione. Nuove prospettive sul ruolo fisiologico dei cannabinoidi sono emerse con la scoperta dei meccanismi della soppressione dell inibizione indotta dalla depolarizzazione (DSI) e della soppressione dell eccitazione indotta dalla depolarizzazione (DSE) (fig.1.12). La DSI, nota già da diversi anni (Alger, 1995), coinvolge i neuroni GABAergici (di tipo inibitorio), ed è particolarmente prominente nell ippocampo e nel cervelletto, mentre la DSE, descritta solo più recentemente (Kreitzer, 2001), coinvolge la neurotrasmissione glutammatergica (di tipo eccitatorio). Il meccanismo è legato ad un messaggero cannabinoide che, rilasciato dal neurone post-sinaptico, si lega agli eterocettori del neurone pre-sinaptico, modulandone il rilascio del neurotrasmettitore: il cannabinoide funziona pertanto come un messaggero retrogrado. Solo nel 2001 si scoprì l implicazione dei cannabinoidi in questa forma di feedback, mentre prima era supposto l intervento del glutammato: tale affermazione risulta avvallata dalla dimostrazione che l antagonista CB 1 AM251, già alle basse dosi, è in grado di bloccare la DSI, in contrasto con il debole e scarsamente specifico blocco ottenuto con gli antagonisti del glutammato (Wilson, 2001). Questi meccanismi di inibizione, che persistono per alcuni secondi, sono noti come forme di plasticità sinaptica a breve termine, indotte da un aumento della concentrazione di calcio nel neurone post-sinaptico, che induce il rilascio degli endocannabinoidi. Tali meccanismi giocano un ruolo fondamentale nel controllo dei circuiti neuronali, in particolare cerebellari ed ippocampali; è stato inoltre suggerito per la DSE un effetto neuroprotettivo legato alla riduzione dell eccitotossicità e della morte neuronale causate da uno sbilanciamento del segnale glutammatergico. 20

21 Fig.1.12: Meccanismo della DSI (soppressione della inibizione indotta dalla depolarizzazione). L aumento di calcio a livello della cellula post-sinaptica depolarizzata induce la sintesi e la liberazione di cannabinoidi. I cannabinoidi agendo come messaggeri retrogradi, causano una iperpolarizzazione del terminale pre-sinaptico, che riduce l ulteriore rilascio del neuromediatore. DSI e DSE non sono però le uniche forme note di plasticità sinaptica mediata dagli endocannabinoidi: si possono citare ad esempio (Mackie, 2005): soppressione metabotropica dell inibizione o dell eccitazione (MSI/MSE). In questo meccanismo sono coinvolti l acetilcolina ed il glutammato rilasciati dalle cellule adiacenti: questi mediatori, legandosi rispettivamente ai recettori muscarinici M 1,M 3 ed ai recettori metabotropici del glutammato del gruppo I, attivano la produzione degli endocannabinoidi. Gli endocannabinoidi, una volta rilasciati, diffondono attraverso lo spazio sinaptico e si legano ai recettori CB 1 pre-sinaptici, producendo una inibizione transitoria della neurotrasmissione. Depressione a lungo termine (LTD). In questo meccanismo la stimolazione ripetuta a bassa frequenza della trasmissione glutammatergica conduce ad una prolungata attivazione dei 21

22 recettori metabotropici del gruppo I e ad un elevata produzione di endocannabinoidi. La prolungata attivazione dei recettori CB 1 che ne deriva conduce ad una inibizione a lungo termine della trasmissione glutammatergica che permane anche dopo la produzione di endocannabinoidi Gli endocannabinoidi L esistenza di specifici recettori nelle cellule dei mammiferi in grado di legare i fitocannabinoidi ha sollevato l idea della presenza di ligandi endogeni. Le prime conferme giunsero nel 1992, con l isolamento dal cervello di maiale del lipide arachidonoiletanolammide (AEA), amide dell acido arachidonico con l etanolammina (Devane, 1992). Tale molecola, denominata anandamide, secondo una parola sanscrita che significa stato di grazia, mostrava un alta affinità recettoriale, mimando le proprietà del THC. L anandamide è un agonista parziale o pieno dei recettori CB 1, in base al tessuto e all azione biologica considerata, mentre, pur legandosi ai recettori CB 2, mostra verso di essi una minor affinità e un azione antagonista. Tre anni più tardi la scoperta dell anandamide fu identificato, ad opera di due gruppi indipendenti (Mechoulam, 1995; Sugiura, 1995), un secondo endocannabinoide, il 2-arachidonoilglicerolo (2-AG). Questo composto mostra un affinità per i due recettori simile a quella dell anandamide, ma un attività superiore. ANANDAMIDE 2-ARACHIDONOILGLICEROLO Fig.13: I primi 2 endocannabinoidi identificati: anandamide e 2-arachidonoilglicerolo. 22

23 Più recentemente sono stati identificati altri 5 endocannabinoidi: Noladin etere, che mostra una buona affinità per il recettore CB 1 ed una debole capacità legante per il CB 2 ; Virodamina, agonista parziale dei recettori CB 1 (con attività antagonista in vivo) e agonista pieno dei recettori CB 2 ; N-arachidonoildopamina (NADA); Dihomo-γ-linoleoiletanolammide (HEA), con affinità CB 1 ; Docosotetraenoiletanolammide (DEA), con affinità CB 1. Biosintesi e metabolismo degli endocannabinoidi L anandamide, come tutti gli endocannabinoidi, non viene immagazzinata, ma viene sintetizzata al momento, in risposta all innalzamento dei livelli intracellulari di calcio. Questo comportamento, diverso rispetto alla maggior parte dei neurotrasmettitori, sembra legato alla natura lipofila che caratterizza questi ligandi: infatti le molecole fosfolipidiche di membrana servono per essi sia da precursori, sia da forma di deposito. In particolare il precursore dell anandamide è l Narachidonoilfosfatidiletanolammina (NAPE), che subisce conversione ad opera della fosfolipasi D. L anandamide è rimossa dai siti d azione tramite processi di ricaptazione cellulare che coinvolgono: proteine carrier transmembranarie, proteine leganti associate alla membrana, e/o diffusione semplice. Subisce metabolizzazione intracellulare ad acido arachidonico ed etanolammina, catalizzata dall idrolasi delle ammidi degli acidi grassi (FAAH), enzima che nei neuroni centrali è situato prevalentemente nelle superfici citosoliche delle cisterne del reticolo endoplasmatico liscio e nei mitocondri. L anandamide è metabolizzata anche ad opera di altri enzimi: PAA (palmitoylethanolamide-preferring Acid Amidase), ciclossigenasi-2, lipossigenasi e citocromo P450. Il 2-arachidonoilglicerolo viene sintetizzato a partire dal diacilglicerolo, per azione della diacilglicerolo (DAG) lipasi. Analogamente all anandamide, il 2-AG viene rimosso dai siti d azione attraverso dei 23

24 meccanismi di ricaptazione cellulare e metabolizzato a livello intracellulare: nonostante sia rapidamente idrolizzato dalla FAAH, dalla ciclossigenasi-2, dalla lipossigenasi, la principale via di degradazione sembra essere quella della monoacilglicerolo (MAG) lipasi, che produce acido arachidonico e glicerolo. Ruolo fisiologico del sistema endocannabinoide Il sistema endocannabinoide, con i suoi specifici recettori, ligandi ed enzimi inattivanti svolge dunque un ruolo neuromodulatorio, andando ad influenzare l attività degli altri sistemi di neurotrasmissione. I cannabinoidi e la concomitante attivazione dei recettori CB 1 sono coinvolti nell effetto antinocicettivo, nel controllo del movimento e nell inibizione della memoria a breve termine. Il sistema endocannabinoide ha poi un ruolo fondamentale nella regolazione della secrezione di ormoni, non solo attraverso un azione sull ipotalamo, ma anche attraverso un azione diretta sulla ghiandola pituitaria. Sono state recentemente descritte l espressione dei recettori CB 1 e la sintesi degli endocannabinoidi a livello delle cellule ipofisarie, la capacità di queste molecole di inibire la secrezione della prolattina e dell ormone della crescita, nonché di aumentare la produzione dell ormone adrenocorticotropo (ACTH) (Pagotto, 2001). La modulazione dell asse ipotalamo-ipofisi-surrene ad opera dei cannabinoidi, ed il coinvolgimento nelle risposte su base di stress sono supportate dalla dimostrazione che gli agonisti cannabinoidi sono in grado di produrre effetti ansiolitici. Inoltre il sistema endocannabinoide è in grado di modulare le risposte immunitarie ed infiammatorie e varie funzioni fisiologiche, tra cui quelle cardiovascolari (inducendo vasodilatazione e variazioni nella frequenza e nella gittata cardiaca), quelle respiratorie (provocando iper- o ipoventilazione e broncodilatazione), quelle riproduttive (inibendo la secrezione di testosterone, provocando anovulazione, rilassamento uterino) e quelle oculari (riducendo la pressione endoculare). Un altra 24

25 prospettiva estremamente interessante è quella legata alle proprietà antitumorali. Da aggiungere è infine il ruolo neuroprotettivo sostenuto da questa classe di composti, particolarmente utile nel danno ipossico e traumatico. 25

26 2. NORMATIVA SULL USO DI CANNABIS E DERIVATI 2.1. CENNI DI STORIA MODERNA DELLA CANNABIS La cannabis, come tutte le altre sostanze dotate di potenziale d abuso, è da tempo oggetto di numerose dispute che vedono contrapporsi le spinte proibizioniste e quelle antiproibizioniste. Il dibattito in particolare si è acceso nei primi anni del Novecento, interessando il panorama internazionale a partire dal primo trattato riguardante il controllo delle sostanze d abuso, l International Opium Convention del 1912, sottoscritto da dodici potenze tra cui l Italia, avente come obiettivo il controllo della produzione, della distribuzione, della vendita, dell importazione di morfina e cocaina. La Convenzione entrò in vigore a livello mondiale nel 1919 con l inclusione nel Trattato di Versailles. La seconda conferenza ebbe luogo nel 1924, ed istituì un organismo internazionale di controllo, il Permanent Central Opium Board. In questa sede l Egitto, con l appoggio della Cina e degli Stati Uniti, richiese l introduzione dell hashish nella Convenzione. La cannabis fu inserita, al pari di morfina e cocaina, tra le sostanze narcotiche con la decisione di stabilire un controllo che impedisse il traffico illecito della Cannabis indica. Furono dichiarate legittime la manifattura, l importazione, la vendita, la distribuzione, l esportazione e l uso al solo scopo medicoscientifico delle preparazioni galeniche (estratto e tintura) della Cannabis indica. In seguito a questa convenzione, sulla base degli effetti psicotropi ritenuti dannosi, numerosi stati la dichiararono illegale. Negli stessi anni però, gli studi su questa pianta cominciavano a portare timidamente alla luce, in maniera empirica, gli effetti benefici dell azione euforizzante e stimolante dell appetito negli stati depressivi e ansiosi, il potenziale nel trattamento della sindrome astinenziale da morfina, le azioni positive su pazienti epilettici, l attività antibatterica. 26

Cannabis: una opzione terapeutica ora utilizzabile

Cannabis: una opzione terapeutica ora utilizzabile Cannabis: una opzione terapeutica ora utilizzabile Dr. Alessandro Bonci Domus De Maria (CA) 5-10 ottobre 2015 Classificazione Endocannabinoidi per i composti naturali umani, i ligandi endogeni dei recettori

Dettagli

Cannabis. Cannabis sativa var. indica. foglie e infiorescenze femminili. resina. marijuana. hashish

Cannabis. Cannabis sativa var. indica. foglie e infiorescenze femminili. resina. marijuana. hashish Cannabis Cannabis sativa var. indica foglie e infiorescenze femminili marijuana resina hashish Cannabinoidi 9-tetraidrocannabinolo 8-tetraidrocannabinolo cannabinolo cannabidiolo Farmacocinetica THC alta

Dettagli

M OZIONE dei Consiglieri MIARDINI

M OZIONE dei Consiglieri MIARDINI Atti C onsiliari VII LEGISLATURA ATTO N. 1233 M OZIONE dei Consiglieri MIARDINI E ANTONINI Uiìlìz.zo medico della canapa indiana e dei suoi derivati. Depositato al Servizio Assistenza agli Organi, Iter

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MIGLIOLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MIGLIOLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3512 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MIGLIOLI Modifiche al testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre

Dettagli

Canapa indiana. Cannabis sativa var. indica Circa 70 principi attivi. foglie e infiorescenze femminili. resina. hashish. olio.

Canapa indiana. Cannabis sativa var. indica Circa 70 principi attivi. foglie e infiorescenze femminili. resina. hashish. olio. Canapa indiana Cannabis sativa var. indica Circa 70 principi attivi foglie e infiorescenze femminili marijuana resina olio hashish infiorescenze Derivati della Cannabis Marijuana: Hashish: Olio di hashish:

Dettagli

Tipi di neurotrasmettitori

Tipi di neurotrasmettitori Tipi di neurotrasmettitori Neurotrasmettitori classici: molecole a basso peso molecolare, di varia natura: acetilcolina amine biogene (dopamina, adrenalina, noradrenalina) istamina aminoacidi (GABA, glicina,

Dettagli

La marijuana è un medicinale?

La marijuana è un medicinale? La marijuana è un medicinale? Da oltre 20 anni negli Stati Uniti la marijuana viene somministrata per alleviare una vasta gamma di disturbi. Si ritiene che la marijuana aiuti in presenza di stati dolorosi

Dettagli

CANNABIS. Generazione In- Dipendente

CANNABIS. Generazione In- Dipendente CANNABIS Generazione In- Dipendente CANNABIS Introduzione CANAPA (CANNABIS SATIVA) Principi attivi: tetraidrocannabinolo (Δ 9 -THC) Altri Principi non attivi: cannabinolo, cannabidiolo Con i termini hashis

Dettagli

I neurotrasmettitori

I neurotrasmettitori I neurotrasmettitori Classificazione dei farmaci in base agli effetti sulla trasmissione sinaptica AGONISTI: farmaci che facilitano gli effetti postsinaptici di un certo neurotrasmettitore ANTAGONISTI:

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz FARMACODINAMICA La farmacodinamica può essere definita come lo studio degli effetti biochimici e fisiologici dei farmaci e dei loro meccanismi d azione. Gli obiettivi dell analisi

Dettagli

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale Comunicazione fra le cellule Le cellule comunicano e interagiscono tra loro tramite il fenomeno della segnalazione cellulare Una cellula segnalatrice produce

Dettagli

Cannabis. Il mito di una droga per nulla «leggera» Una presentazione di Alleanza Cattolica. Foto: graffiti, Cannabis Club, Venice, California

Cannabis. Il mito di una droga per nulla «leggera» Una presentazione di Alleanza Cattolica. Foto: graffiti, Cannabis Club, Venice, California Cannabis Il mito di una droga per nulla «leggera» Una presentazione di Alleanza Cattolica Foto: graffiti, Cannabis Club, Venice, California Marijuana: che cos è? La marijuana è ricavata dalle foglie e

Dettagli

Proprietà delle fibre dolorifiche

Proprietà delle fibre dolorifiche IL DOLORE 1 Proprietà delle fibre dolorifiche La percezione del dolore è generata da terminazioni nervose libere che costituiscono la parte sensitiva dei nocicettori (recettori del dolore) Gli assoni che

Dettagli

Assemblea Nazionale di Antigone Bologna 17 maggio 2014 DROGHE. OLTRE IL PROIBIZIONISMO

Assemblea Nazionale di Antigone Bologna 17 maggio 2014 DROGHE. OLTRE IL PROIBIZIONISMO Assemblea Nazionale di Antigone Bologna 17 maggio 2014 DROGHE. OLTRE IL PROIBIZIONISMO Le politiche in controtendenza: Uruguay l Uruguay è il primo Paese al mondo a legalizzare la cannabis per scopi medici,

Dettagli

Cannabinoidi e Sistema Endocannabinoide

Cannabinoidi e Sistema Endocannabinoide Cannabinoids 2006;1(1):10-14 [Versione italiana] Mini-review Cannabinoidi e Sistema Endocannabinoide Franjo Grotenhermen nova-institut, Goldenbergstraße 2, D-50354 Hürth, Germany Sommario Il corpo umano

Dettagli

Cannabis sativa. Endocannabinoidi. Fitocannabinoidi

Cannabis sativa. Endocannabinoidi. Fitocannabinoidi CANNABINOIDI Fitocannabinoidi Endocannabinoidi Tetraidrocannabinolo Cannabidiolo Cannabigerolo Cannabicromene Cannabinolo Anandamide 2-arachidonoil-glicerolo (2-AG) 2-arachidonil-gliceril-etere (noladinetere)

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Senatore Manconi

DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Senatore Manconi DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Senatore Manconi Modifiche al testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, concernenti l uso terapeutico della cannabis sativa

Dettagli

FORUM CLINICO. CANNABIS AD USO MEDICO IN ITALIA Tra normative regionali e disposizioni ministeriali. Dicembre 2015 InfoFarma 6

FORUM CLINICO. CANNABIS AD USO MEDICO IN ITALIA Tra normative regionali e disposizioni ministeriali. Dicembre 2015 InfoFarma 6 Gallo U 1, Font M 2, Roni C 3, Scroccaro G 3, Grion AM 1 1. Farmacista Dip.Interaziendale Politiche del Farmaco, Ulss 16 Padova 2. Farmacista - UOC Servizio Farmaceutico, Ulss 20 Verona 3. Farmacista-

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 132

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 132 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 132 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori PORETTI e PERDUCA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Disposizioni riguardanti l acquisto, il possesso,

Dettagli

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento L o l i o d i c a n a p a n e l l a l i m e n t a z i o n e L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

Dettagli

Farmaci del sistema nervoso autonomo

Farmaci del sistema nervoso autonomo Farmaci del sistema nervoso autonomo Farmaci colinergici Esercitano i loro effetti farmacologici sul sistema nervoso parasimpatico che utilizza Acetilcolina come mediatore chimico L acetilcolina (Ach)

Dettagli

Spett.le. Ministero Della Salute. Ufficio VIII Ufficio Centrale Stupefacenti. PEC: dgfdm@postacert.sanita.it. Alla cortese attenzione

Spett.le. Ministero Della Salute. Ufficio VIII Ufficio Centrale Stupefacenti. PEC: dgfdm@postacert.sanita.it. Alla cortese attenzione Spett.le Ministero Della Salute Ufficio VIII Ufficio Centrale Stupefacenti PEC: dgfdm@postacert.sanita.it Alla cortese attenzione della Dott.ssa Germana Apuzzo Direttore dell'ufficio Centrale Stupefacenti

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA PROPOSTA DI LEGGE Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nell ambito del servizio sanitario regionale Iniziativa del Consigliere

Dettagli

LA TERAPIA FARMACOLOGICA DELLE DIPENDENZE

LA TERAPIA FARMACOLOGICA DELLE DIPENDENZE Pesaro, 14 ottobre 2005 LA TERAPIA FARMACOLOGICA DELLE DIPENDENZE Marco Saettoni Università di Pisa Dipartimento di Psichiatria, FNB Scuola di Psicoterapia Cognitiva Grosseto PROGRAMMA Premesse generali:

Dettagli

Farmacodipendenza. Addiction

Farmacodipendenza. Addiction Farmacodipendenza Ricerca compulsiva di una sostanza per ottenere uno stato di piacere /euforia o per alleviare uno stato di sofferenza, nonostante vi siano gravi conseguenze sociali o per la salute Addiction

Dettagli

PROGETTO SCUOLA: ALCOL E SOSTANZE D ABUSO NEI LUOGHI DI LAVORO GRAVIDANZA E LAVORO

PROGETTO SCUOLA: ALCOL E SOSTANZE D ABUSO NEI LUOGHI DI LAVORO GRAVIDANZA E LAVORO PROGETTO SCUOLA: ALCOL E SOSTANZE D ABUSO NEI LUOGHI DI LAVORO GRAVIDANZA E LAVORO Dr.ssa Lucia Bramanti Servizio di Prevenzione, Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro AUSL Viareggio 24 25 novembre 2009

Dettagli

I SISTEMI NEUROTRASMETTITORI

I SISTEMI NEUROTRASMETTITORI I SISTEMI NEUROTRASMETTITORI PERCHÉ UNA SOSTANZA POSSA DIRSI NEUROTRASMETTITORE (NT) 1.1 La molecola deve essere localizzata nel neurone presinaptico IMMUNOCITOCHIMICA 1.2 La molecola deve essere sintetizzata

Dettagli

DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA. Informazioni per i giovani. www.droganograzie.it

DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA. Informazioni per i giovani. www.droganograzie.it DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA? s i b a cann Informazioni per i giovani www.droganograzie.it CANNABIS Anno 2009 A cura di: Dipartimento Politiche Antidroga - Presidenza del Consiglio dei Ministri Tratto

Dettagli

Introduzione alla canapa e ai suoi prodotti. contenuto. (elementi utili per il medico)

Introduzione alla canapa e ai suoi prodotti. contenuto. (elementi utili per il medico) Introduzione alla canapa e ai suoi prodotti (elementi utili per il medico) G. M. Zanini Mese delle dipendenze Canapa nello studio medico Locarno, 20 novembre 2014 Lugano, 27 novembre 2014 contenuto 1.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PORETTI, BELTRANDI, MELLANO, CAPEZZONE, D ELIA, TURCO, GRILLINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PORETTI, BELTRANDI, MELLANO, CAPEZZONE, D ELIA, TURCO, GRILLINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2028 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PORETTI, BELTRANDI, MELLANO, CAPEZZONE, D ELIA, TURCO, GRILLINI Disposizioni concernenti

Dettagli

INDAGINE SULL'USO TERAPEUTICO DELLA CANNABIS IN ITALIA A cura dell Associazione Cannabis Terapeutica

INDAGINE SULL'USO TERAPEUTICO DELLA CANNABIS IN ITALIA A cura dell Associazione Cannabis Terapeutica INDAGINE SULL'USO TERAPEUTICO DELLA CANNABIS IN ITALIA A cura dell Associazione Cannabis Terapeutica Cara amica, caro amico, come saprà, vi sono numerosi pazienti che riferiscono benefici in seguito all

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 Centro di riferimento per la Fitoterapia Cannabis terapeutica: l'esperienza della Regione Toscana. Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 www.cerfit.org www.cerfit.org www.cerfit.org Immortality pills Tang Dynasty

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE elaborata dalla Associazione per la Cannabis Terapeutica

PROPOSTA DI LEGGE elaborata dalla Associazione per la Cannabis Terapeutica CAMERA DEI DEPUTATI XIV LEGISLATURA PROPOSTA DI LEGGE elaborata dalla Associazione per la Cannabis Terapeutica Norme per agevolare l utilizzo a fini terapeutici di farmaci contenenti derivati naturali

Dettagli

Neuroscienze e diagnostica

Neuroscienze e diagnostica e diagnostica Sta diventando sempre più evidente che il concetto di plasticità cerebrale e sinaptica sia alla base della possibilità dell individuo di cambiare e quindi di diventare non solo quello per

Dettagli

Farmacodinamica II. Mariapia Vairetti. Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare

Farmacodinamica II. Mariapia Vairetti. Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare Farmacodinamica II Mariapia Vairetti Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare Processo di riconoscimento fra farmaco e recettore TIPI DI

Dettagli

Sinapsi chimiche, la trasmissione dei segnali viene garantita da un mediatore chimico Sinapsi elettriche, risultano estremamente veloci nella

Sinapsi chimiche, la trasmissione dei segnali viene garantita da un mediatore chimico Sinapsi elettriche, risultano estremamente veloci nella Sinapsi -sito di contatto tra due cellule nervose -ruolo nella trasmissione delle informazioni -il contatto neurone-fibra muscolare prende il nome di placca motrice o giunzione neuromuscolare Sinapsi

Dettagli

Tossicodipendenze: CANNABINOIDI

Tossicodipendenze: CANNABINOIDI Tossicodipendenze: CANNABINOIDI CANNABINOIDI (categoria di composti sintetizzati dalla pianta) Origine naturale: Cannabis sativa (varianti C. Indica e C. Americana) E impiegata da più di 4000 anni per

Dettagli

Comunicazione chimica

Comunicazione chimica Comunicazione chimica La comunicazione tra le cellule Modalità di comunicazione cellulare: Mediante messaggi elettrici Mediante messaggi chimici In ambedue le modalità il messaggio, sia esso una variazione

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FARMACIA, CHIMICA E TECNOLOGIE FARMACEUTICHE CORSO DI BASI BIOCHIMICHE PER L AZIONE DEI FARMACI. Martina Rossetti Pisa, 17/03/2014

DIPARTIMENTO DI FARMACIA, CHIMICA E TECNOLOGIE FARMACEUTICHE CORSO DI BASI BIOCHIMICHE PER L AZIONE DEI FARMACI. Martina Rossetti Pisa, 17/03/2014 DIPARTIMENTO DI FARMACIA, CHIMICA E TECNOLOGIE FARMACEUTICHE CORSO DI BASI BIOCHIMICHE PER L AZIONE DEI FARMACI Martina Rossetti Pisa, 17/03/2014 Spiegazione della fisiopatologia del dolore emicranico,

Dettagli

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula Mediatore chimico Recettore Trasduzione del segnale Risposta della cellula I mediatori chimici sono prodotti da cellule specializzate e sono diffusi nell organismo da apparati di distribuzione Sistemi

Dettagli

Giunzione neuromuscolare

Giunzione neuromuscolare Il calcio provoca un rimaneggiamento di membrana e la sua conseguente fusione. Questo compito è svolto dalle proteine SNARE che si agganciano tra la membrana interna pre-sinaprica e quella della vescicola.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XIII LEGISLATURA N. 4899 DISEGNO DI LEGGE d'iniziativa del senatore MANCONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 28 NOVEMBRE 2000 Semplificazione della prescrizione, a fini terapeutici,

Dettagli

4. Definizioni e risk assessment

4. Definizioni e risk assessment 4. Definizioni e risk assessment L'espressione Nuova Sostanza Psicoattiva NSP (New Psychoactive Substance NPS) è ormai molto diffusa non solo in ambito scientifico, ma anche istituzionale. Si trova anche

Dettagli

Adolescenza e Droga. dr.giuseppe Mascarella

Adolescenza e Droga. dr.giuseppe Mascarella Adolescenza e Droga dr.giuseppe Mascarella L uso di droghe è una scelta individuale a cui concorrono fattori personali ed ambientali Prima di operare una scelta è bene conoscere le due facce della medaglia

Dettagli

LA DROGA DROGA: tutte le sostanze, naturali o artificiali che modificano il funzionamento del sistema nervoso

LA DROGA DROGA: tutte le sostanze, naturali o artificiali che modificano il funzionamento del sistema nervoso LA DROGA DROGA: tutte le sostanze, naturali o artificiali che modificano il funzionamento del sistema nervoso in genere agiscono sulle sinapsi, alterando la trasmissione dell impulso nervoso e provocando

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nella terapia del dolore

Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nella terapia del dolore *** Consiglio Regionale della Toscana *** - IX legislatura - Consiglio regionale della Toscana Proposta di Legge n. 58 Prot. n. 2114/2.6 del 08.02.2011 Proposta di Legge Regionale: Disposizioni in materia

Dettagli

INSOLUBILI IN ACQUA E SOLUBILI NEI SOLVENTI ORGANICI NON POLARI

INSOLUBILI IN ACQUA E SOLUBILI NEI SOLVENTI ORGANICI NON POLARI LIPIDI Una delle quattro principali classi di sostanze biologicamente attive. I lipidi (la parola deriva dal greco lípos, grasso) sono costituenti delle piante e degli animali, caratterizzati da particolari

Dettagli

*** Consiglio Regionale della Toscana *** - IX legislatura - Proposta di Legge Regionale:

*** Consiglio Regionale della Toscana *** - IX legislatura - Proposta di Legge Regionale: *** Consiglio Regionale della Toscana *** Consiglio regionale della Toscana TESTO SOSTITUTIVO Proposta di Legge n. 58 Prot. n. 9611/2.6 del 08.06.2011 - IX legislatura - Proposta di Legge Regionale: Disposizioni

Dettagli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Surrene: secrezione nelle varie zone del surrene, sintesi degli ormoni surrenali, Mineralcorticoidi-aldosterone,

Dettagli

Realizzato da: S.Abbinante G. Basile

Realizzato da: S.Abbinante G. Basile Realizzato da: S.Abbinante G. Basile Struttura del sistema nervoso Il sistema nervoso è costituito da neuroni, cioè cellule nervose specializzate,che trasferiscono segnali nelle varie parti del corpo.

Dettagli

Sostanza liberata da una cellula nervosa presinaptica, in grado di agire in maniera specifica su una cellula postsinaptica. In alcune sinapsi i

Sostanza liberata da una cellula nervosa presinaptica, in grado di agire in maniera specifica su una cellula postsinaptica. In alcune sinapsi i Neurotrasmettitori e recettori sinaptici Neurotrasmettitore Sostanza liberata da una cellula nervosa presinaptica, in grado di agire in maniera specifica su una cellula postsinaptica. In alcune sinapsi

Dettagli

FARMACOLOGIA DELLE SOSTANZE PSICOTROPE DI PIU FREQUENTE USO TERAPEUTICO

FARMACOLOGIA DELLE SOSTANZE PSICOTROPE DI PIU FREQUENTE USO TERAPEUTICO Seminario Stili di vita e idoneità al lavoro:uso di farmaci psicotropi Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma Associazione Parmense dei Medici del Lavoro FARMACOLOGIA DELLE SOSTANZE PSICOTROPE DI PIU

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei Consigliere Pettenò MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI FARMACI E DELLE PREPARAZIONI GALENICHE A BASE DI CANNABINOIDI

Dettagli

La Fosfatidilserina (PS) è uno dei fosfolipidi contenuti nella struttura della membrana cellulare.

La Fosfatidilserina (PS) è uno dei fosfolipidi contenuti nella struttura della membrana cellulare. FOSFATIDILSERINA La Fosfatidilserina (PS) è uno dei fosfolipidi contenuti nella struttura della membrana cellulare. I Fosfolipidi sono dei grassi simili ai trigliceridi, hanno quindi una struttura di glicerolo

Dettagli

Farmacologia e Tossicologia, 2015. TOSSICOLOGIA-8b SOSTANZE D ABUSOE TOSSICODIPENDANZA. François DESAPHY

Farmacologia e Tossicologia, 2015. TOSSICOLOGIA-8b SOSTANZE D ABUSOE TOSSICODIPENDANZA. François DESAPHY Farmacologia e Tossicologia, 2015 TOSSICOLOGIA-8b SOSTANZE D ABUSOE TOSSICODIPENDANZA Jean-Fran François DESAPHY ALLUCINOGENI Composti di origine naturale o sintetici In grado di amplificare le percezioni

Dettagli

Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci

Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci Corso per farmacisti operanti nei punti di erogazione diretta delle Aziende Sanitarie della Regione Emilia-Romagna AUSL Piacenza

Dettagli

Teofillina: meccanismo d azione 1

Teofillina: meccanismo d azione 1 Teofillinici Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze Bernard B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa Maria Del Zompo 1 Teofillina 3 HC N

Dettagli

L azione delle droghe sul cervello

L azione delle droghe sul cervello Aspettando le Olimpiadi delle Neuroscienze Trento 16 gennaio 2012 in collaborazione con il Museo delle Scienze di Trento L azione delle droghe sul cervello Yuri Bozzi, PhD Laboratorio di Neuropatologia

Dettagli

Progettato da Nicoletta Fabrizi

Progettato da Nicoletta Fabrizi Progettato da Nicoletta Fabrizi SNC è formato dall encefalo e dal midollo spinale,che costituisce un importante collegamento tra l encefalo stesso e il resto del corpo. Il midollo spinale comunica con

Dettagli

Breve storia Farmacologia della Cannabis analgesia ipotermia, immobilità alterazioni comportamentali

Breve storia Farmacologia della Cannabis analgesia ipotermia, immobilità alterazioni comportamentali 1 CANNABINOIDI Le informazioni contenute nel sito possono generare situazioni di pericolo e danni. I dati presenti hanno un fine illustrativo e in nessun caso esortano né spingono ad atti avversi alla

Dettagli

PARTE PRIMA LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI. Il Consiglio regionale ha approvato. Il Presidente della Giunta regionale.

PARTE PRIMA LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI. Il Consiglio regionale ha approvato. Il Presidente della Giunta regionale. 8 PARTE PRIMA LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 28 settembre 2012, n. 38 Disposizioni relative alla erogazione dei medicinali e dei preparati galenici magistrali a base di cannabinoidi per

Dettagli

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI DIPENDENZA DA CANNABINOIDI La cannabis è forse la prima pianta ad essere stata coltivata dall uomo a scopo non commestibile Da sempre è utilizzata per le sue proprietà psicoattive e per produrre fibre

Dettagli

I principali tipi di droghe

I principali tipi di droghe I principali tipi di droghe Droghe e basi neuronali della gratificazione Tutte le sostanze che danno dipendenza aumentano il tono dopaminergico del sistema mesolimbico, in particolare dell accumbens (shell)

Dettagli

L uomo che soffre di EP spesso prova scarsa autostima, disagio, frustrazione, addirittura puo' soffrire anche di ansia e 2, 4, 6

L uomo che soffre di EP spesso prova scarsa autostima, disagio, frustrazione, addirittura puo' soffrire anche di ansia e 2, 4, 6 2f5hy Per problemi di visualizzazione clicchi qui 2f5hx L eiaculazione precoce (EP) e' una condizione medica frequente, in particolare e' la disfunzione sessuale piu' comune e in Italia ne soffre un uomo

Dettagli

Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale NEUROFISIOLOGIA capitolo 1 Cellule nervose capitolo 2 Recettori cellulari

Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale NEUROFISIOLOGIA capitolo 1 Cellule nervose capitolo 2 Recettori cellulari Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale Membrana plasmatica: struttura e funzione Reticolo endoplasmatico Citoscheletro Proteine di membrana Proteine di membrana e segnali Strutture di contatto

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE Struttura La porzione più esterna della corticale, la zona glomerulare, è costituita da piccole cellule mentre la porzione centrale,

Dettagli

PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA

PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA Corteccia cerebrale ed aree associate: da 12 a 15 miliardi di neuroni Cervelletto: 70 miliardi di neuroni

Dettagli

Crisi convulsive Sostanze psicoattive

Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Capo Monitore V.d.S. Iannozzi Emanuela CRISI CONVULSIVE Susseguirsi di movimenti

Dettagli

Classificazione del dolore

Classificazione del dolore Dolore neuropatico Classificazione del dolore NOCICETTIVO NEUROPATICO (dovuto a danno/disfunzione del sistema somatosensoriale) MISTO quando i sintomi del dolore nocicettivo si sommano a quelli del dolore

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Comunicato n. 332 12 dicembre 2007 Ministero della Salute UFFICIO STAMPA Senato approva Ddl proposto dal Ministro Turco sulla semplificazione degli adempimenti amministrativi connessi alla tutela della

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 APRILE 2008 Disposizioni per l assistenza globale dei pazienti

Dettagli

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA Anno accademico 2013/2014 FARMACOLOGIA GENERALE 1. Azione farmacologia 2. Meccanismo di azione dei farmaci 3. Vie di somministrazione 4. Assorbimento 5. Distribuzione, ripartizione,

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 119

PROPOSTA DI LEGGE N. 119 PROPOSTA DI LEGGE N. 119 presentata dai consiglieri Ussai, Bianchi, Dal Zovo, Frattolin, Sergo il 23 ottobre 2015

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CÈ

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CÈ Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 7398 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CÈ Disposizioni per la semplificazione della normativa relativa all impiego di medicinali

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO IX LEGISLATURA 128ª Seduta pubblica Martedì 18 settembre 2012 Deliberazione legislativa n. 34 OGGETTO: PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEL CONSIGLIERE PETTENÒ RELATIVA A DISPOSIZIONI

Dettagli

Il sistema endocrino

Il sistema endocrino Il sistema endocrino 0 I messaggeri chimici 0 I messaggeri chimici coordinano le diverse funzioni dell organismo Gli animali regolano le proprie attività per mezzo di messaggeri chimici. Un ormone è una

Dettagli

Strutture chimiche dei principali cannabinoidi sintetici registrati dal Sistema Nazionale di Allerta Precoce.

Strutture chimiche dei principali cannabinoidi sintetici registrati dal Sistema Nazionale di Allerta Precoce. Cannabinoidi sintetici In Europa, i primi cannabinoidi sintetici sono stati individuati nel 2008 in diverse miscele vegetali, definite herbal mixture o herbal blend, e vendute come incensi o profumatori

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto IL SISTEMA NERVOSO Sistema nervoso centrale Sistema nervoso periferico encefalo midollo spinale sensoriale motorio -Cervello -Cervelletto somatico simpatico autonomo parasimpatico -Midollo allungato Il

Dettagli

I DISTURBI D ANSIA TRA LA PATOLOGIA ORGANICA E LA PATOLOGIA PSICHICA: L APPROCCIO FARMACOTERAPEUTICO

I DISTURBI D ANSIA TRA LA PATOLOGIA ORGANICA E LA PATOLOGIA PSICHICA: L APPROCCIO FARMACOTERAPEUTICO I DISTURBI D ANSIA TRA LA PATOLOGIA ORGANICA E LA PATOLOGIA PSICHICA: L APPROCCIO FARMACOTERAPEUTICO Nella risposta di stress si verificano specifiche variazioni nel rilascio di neurotrasmettitori, neuromodulatori

Dettagli

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Gli Antidepressivi

Dettagli

La Cannabis, non solo droga

La Cannabis, non solo droga La Cannabis, non solo droga SERGIO FERRI Storia Sono poche le piante che sono state oggetto di studi tanto numerosi e approfonditi come la canapa, pianta che cresce spontaneamente in tutte le fasce temperate

Dettagli

Dott.ssa SHEILA LEONE Facoltà di Farmacia

Dott.ssa SHEILA LEONE Facoltà di Farmacia FARMACOLOGIA Dott.ssa SHEILA LEONE Facoltà di Farmacia FARMACOLOGIA Studia le proprietà dei FARMACI, l interazione con l ORGANISMO e le REAZIONI CHE NE CONSEGUONO SOSTANZA INERTE NON INTERFERISCE IN ALCUN

Dettagli

Il dolore acuto e transitorio è localizzato e risulta chiaramente legato ad uno stimolo (meccanico, termico o chimico) di alta intensità

Il dolore acuto e transitorio è localizzato e risulta chiaramente legato ad uno stimolo (meccanico, termico o chimico) di alta intensità DOLORE NEUROPATICO FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI E TERAPIA 2008 Definizione Il dolore, esperienza spiacevole, sensitiva ed emozionale, associata con danno tissutale reale o potenziale oppure descritta nei termini

Dettagli

Indice dei capitoli Principî di farmacologia Struttura e funzione del sistema nervoso Neurotrasmettitori e ormoni

Indice dei capitoli Principî di farmacologia Struttura e funzione del sistema nervoso Neurotrasmettitori e ormoni Indice dei capitoli 1 Principî di farmacologia 1 2 Struttura e funzione del sistema nervoso 37 3 Neurotrasmettitori e ormoni 71 4 Metodi di ricerca nella farmacologia neurocomportamentale 101 5 Catecolamine

Dettagli

Le fonti di documentazione per la farmacovigilanza e le interazioni tra farmaci

Le fonti di documentazione per la farmacovigilanza e le interazioni tra farmaci Le fonti di documentazione per la farmacovigilanza e le interazioni tra farmaci Domenico Motola, PhD Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Unità di Farmacologia Università di Bologna le interazioni

Dettagli

Alessandro Benzi Matteo Rossi Giacomo Conti

Alessandro Benzi Matteo Rossi Giacomo Conti Atti consiliari CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA *********************************************************************************************** IX LEGISLATURA - DOCUMENTI - PROPOSTE

Dettagli

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE Gli acidi grassi omega 3 rappresentano una risorsa fondamentale per la nostra salute, in grado di svolgere numerose funzioni preventive e terapeutiche. Rappresentano un

Dettagli

Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello

Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello PARTE 1 Parte 1 978-88-08-19583-8 1 Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello La farmacologia è la scienza che studia come i farmaci influenzano il

Dettagli

DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA. Informazioni per i giovani. www.droganograzie.it

DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA. Informazioni per i giovani. www.droganograzie.it DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA? y s a t ecs Informazioni per i giovani www.droganograzie.it ECSTASY Anno 2009 A cura di: Dipartimento Politiche Antidroga - Presidenza del Consiglio dei Ministri Tratto

Dettagli

Le Droghe Alcune cose che vale la pena sapere A cura del Dipartimento Dipendenze

Le Droghe Alcune cose che vale la pena sapere A cura del Dipartimento Dipendenze Le Droghe Alcune cose che vale la pena sapere A cura del Dipartimento Dipendenze Az. ULSS 20 Verona Cosa sono? Le Sostanze Psicoattive Sono tutte quelle sostanze legali ed illegali che: 1. Agiscono sul

Dettagli

Trasmissione serotoninergica

Trasmissione serotoninergica Trasmissione serotoninergica Effetti della serotonina (5-HT, 5-idrossitriptamina): Regolazione del tono della muscolatura liscia sistema cardiovascolare tratto gastrointestinale Aumento dell aggregazione

Dettagli

SISTEMA NERVOSO AUTONOMO

SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SISTEMA NERVOSO AUTONOMO TRE DIVISIONI: SISTEMA NERVOSO SIMPATICO SISTEMA NERVOSO PARASIMPATICO SISTEMA NERVOSO ENTERICO COMPONENTI CENTRALI E PERIFERICHE: REGOLANO LE FUNZIONI VITALI DEL CORPO IN ASSENZA

Dettagli

INTOSSICAZIONI Da ABUSO DI SOSTANZE NON TERAPEUTICHE e ALCOOL

INTOSSICAZIONI Da ABUSO DI SOSTANZE NON TERAPEUTICHE e ALCOOL INTOSSICAZIONI Da ABUSO DI SOSTANZE NON TERAPEUTICHE e ALCOOL aspetti generali, alterazioni e primo soccorso Inf.Bazzanella Alessandro e IC Ivano Floriani 2012 stato patologico provocato dall azione nociva

Dettagli

Sistema nervoso autonomo

Sistema nervoso autonomo Sistema nervoso autonomo Provvede alla regolazione delle funzioni viscerali dell organismo, finalizzate al mantenimento dell omeostasi del mezzo interno L omeostasi è mantenuta grazie all equilibrio tra

Dettagli

Alcol: storia, effetti e meccanismi d'azione

Alcol: storia, effetti e meccanismi d'azione Alcol: storia, effetti e meccanismi d'azione L'alcol, più propriamente l'alcol etilico o etanolo, ha un effetto bifasico. A dosi molto basse induce risposte euforizzanti che corrispondono all'attivazione

Dettagli

Uso terapeutico della canapa: presente e futuro prossimo

Uso terapeutico della canapa: presente e futuro prossimo Uso terapeutico della canapa: presente e futuro prossimo Giovanni Appendino Dipartimento di Scienze del Farmaco Università del Piemonte Orientale, Novara appendino@pharm.unipmn.it Vox populi 2.0: La mediatizzazione

Dettagli

FATTORI RESPONSABILI DI VARIABILITA INTER-INDIVIDUALE DI RISPOSTA A FARMACI

FATTORI RESPONSABILI DI VARIABILITA INTER-INDIVIDUALE DI RISPOSTA A FARMACI FARMACOLOGIA DI GENERE Prof. Maurizio Taglialatela CAMPOBASSO 15-05-08 LA MEDICINA PERSONALIZZATA Il farmaco giusto alla dose giusta per il paziente giusto FATTORI RESPONSABILI DI VARIABILITA INTER-INDIVIDUALE

Dettagli