La sclerosi multipla (SM) è una malattia immuno-mediata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La sclerosi multipla (SM) è una malattia immuno-mediata"

Transcript

1 206 I cannabinoidi nel trattamento della sclerosi multipla Riassunto La sclerosi multipla (SM) si associa molto frequentemente a dolore, sia di origine centrale sia come conseguenza dell ipertono muscolare spastico. La Cannabis sativa (CS), usata per millenni come terapia erboristica per svariate patologie e sintomi, è annoverata tra le sostanze illegali in quanto il suo uso a scopo voluttuario può provocare abuso e dipendenza. Negli ultimi anni ricerche sperimentali hanno portato a ipotizzare un ruolo della Cannabis e dei suoi derivati di sintesi nella terapia del dolore e dell emesi associata a chemioterapia. Oltre alle principali sostanze psicoattive naturali derivate dalla Cannabis (delta-9 tetraidrocannabinolo e cannabidiolo), in alcuni Paesi sono registrati e commercializzati i derivati di sintesi quali il dronabinolo e il nabilone. In Italia, attualmente, non è registrato alcun farmaco contenente cannabinoidi. Le prove disponibili sull efficacia dei cannabinoidi nel trattamento dei sintomi della SM derivano da una letteratura scarsa, con pochi studi validi, che presentano casistiche di ridotta numerosità e i cui risultati sono spesso di difficile interpretazione. I dati più promettenti provengono dagli studi che hanno indagato l utilità dei cannabinoidi nella spasticità e nel dolore ad essa associato. Al momento non è, tuttavia, possibile formulare raccomandazioni relativamente al loro uso nel trattamento sintomatico dei disturbi della SM, in quanto il bilancio benefici/rischi e il ruolo rispetto agli altri analgesici disponibili rimane da chiarire. Abstract Multiple sclerosis (MS) is frequently associated to pain, both of central origin or due to hypertonic spastic muscle. Cannabis sativa (CS), used for ages as a herbal remedy for the treatment of several pathologies and symptoms, is considered an illegal substance because it may cause abuse and dependence if used as a luxury drug. Lately, experimental research led to assume that Cannabis and its synthesis derivates may be used for the treatment of pain and emesis associated to chemotherapy. Synthesis derivates, such as dronabinol and nabilone, are authorized and marketed in In Italia non è registrato alcun farmaco contenente cannabinoidi several countries, together with the main natural psychoactive substances derived from Cannabis (delta-9-tetrahydrocannabinol and cannabidiol). At present no drug containing cannabinoids is registered in Italy. Available evidences on the efficacy of cannabinoids for the treatment of MS symptoms come from few valuable studies presenting cases with a low number of patients and whose results are often difficult to interpret. More favourable data come from studies investigating the use of cannabinoids in the treatment of spasticity and associated pain. Nevertheless, at present we cannot recommend their use for symptomatic treatment of MS, since their benefit-risk profile and role compared to other analgesics need to be clarified. Introduzione La sclerosi multipla (SM) è una malattia immuno-mediata a eziologia sconosciuta che colpisce la sostanza bianca del sistema nervoso centrale (SNC). In genere, compare tra la seconda e la terza decade con difetti neurologici focali ad esordio acuto o subacuto che tendono successivamente a stabilizzarsi e a regredire spontaneamente nell arco di qualche settimana. I sintomi d esordio colpiscono più di frequente il nervo ottico, il tronco encefalico e il midollo spinale. Accanto a questa forma recidivante-remittente, che colpisce circa l 80% dei malati, esiste una forma a decorso secondariamente progressivo (gli attacchi tendono a lasciare sequele con un conseguente stato permanente di malattia) e una più rara forma, primariamente progressiva, a localizzazione spesso midollare ed esordio tardivo. Alla disseminazione delle lesioni nel SNC fa riscontro un notevole polimorfismo delle manifestazioni cliniche: segni focali (neurite ottica, oftalmoplegia o altre neuropatie craniche) si possono associare a sindromi complesse midollari o cerebellari, con atassia, spasticità, faticabilità, dolore, turbe minzionali, ecc. La prognosi della SM è molto variabile, sia per l imprevedibile progressione della malattia sia per la variabilità individuale della risposta ai trattamenti 1.

2 bollettino d informazione sui farmaci 207 Mentre gli attacchi acuti vengono trattati con corticosteroidi, i farmaci registrati in Italia per la prevenzione delle ricadute sono, nella forma recidivante-remittente, il glatiramer acetato, gli interferoni beta-1a e beta-1b ricombinanti e il natalizumab e, nelle forme secondariamente progressive, il solo interferone beta-1b ricombinante (nota AIFA 65). Mediamente il 50% dei malati di SM accusa dolore, con una variabilità, a seconda delle casistiche, dal 10% all 86% 2,3. Il dolore può essere una conseguenza diretta delle lesioni a livello del SNC (dolore centrale), oppure essere associato ai deficit neurologici e alla conseguente disabilità, in particolar modo, alla spasticità muscolare 2. Una casistica italiana, comprendente oltre 1600 malati, mostra che il dolore ha una prevalenza del 43% ed è secondario a ipertono muscolare spastico nell 11% dei pazienti, mentre il dolore a genesi centrale si manifesta come disestesia nel 18%, fenomeno di Lhermitte nel 9% e nevralgia trigeminale nel 2% 3. Quindi, i malati di SM spesso necessitano di un trattamento sintomatico relativamente a sindromi dolorose a patogenesi complessa. Tra i numerosi farmaci sperimentati per il trattamento sintomatico dei disturbi associati alla SM vi sono i derivati della Cannabis sativa (CS), o cannabinoidi, per i quali da tempo si ipotizza un ruolo nell alleviare il dolore di origine centrale e quello da spasticità muscolare. Aspetti clinici La CS viene utilizzata da millenni come terapia per svariate malattie e sintomi: dall isteria, alla nausea, al glaucoma e, fin dall inizio del XX secolo, è stata impiegata in Europa e in USA come sedativo e antidolorifico. Tuttavia, nei successivi decenni la disponibilità di nuove molecole di analgesici ne ha progressivamente ridotto l uso, mentre il diffusissimo abuso a scopo voluttuario ha spinto i governi a dichiararne l illegalità, ponendola tra le sostanze stupefacenti e psicotrope 4. Fumare la CS (hashish, marijuana) e i suoi derivati produce un immediato effetto euforizzante, caratterizzato da senso di benessere e di amplificazione percettiva e sensoriale, logorrea, attacchi Tra i numerosi farmaci sperimentati per il trattamento sintomatico dei disturbi associati alla SM vi sono i derivati della Cannabis sativa di riso, distorsione nella percezione temporale. I più frequenti effetti avversi associati al consumo di CS comprendono: riduzione dei tempi di reazione, ansia, pensieri paranoidi, depressione, disforia e sintomi psicotici (depersonalizzazione, delirio, allucinazioni); circa il 17% dei consumatori abituali di marijuana riferisce di averli sperimentati almeno una volta. Casistiche americane mostrano che il 32%-46% della popolazione generale ha provato almeno una volta la marijuana, con un consumo prevalente nella fascia di età compresa tra i 18 e i 25 anni e un netto declino dopo i 34 anni. Circa il 10% dei consumatori di CS tende a sviluppare una dipendenza. In utilizzatori abituali di CS, la sospensione provoca una sindrome da astinenza lieve se confrontata ai sintomi causati dalla sospensione di alcool o eroina, che si manifesta soprattutto con irrequietezza, irritabilità, lieve agitazione, insonnia, nausea e crampi muscolari 5. Inoltre, sembra che il consumo di CS possa aumentare il rischio di sviluppare sindromi psicotiche croniche, quali schizofrenia o depressione, con un effetto dose-risposta 6. Le ipotesi su un possibile ruolo terapeutico dei derivati della CS provengono, oltre che da riscontri aneddotici, da sperimentazioni su animali che hanno mostrato un effetto analgesico legato all azione modulatoria sui meccanismi nocicettivi. Gli effetti dei cannabinoidi sono legati all azione su due tipi di recettori: CB1, presenti a livello del SNC (ippocampo, corteccia cerebrale, area olfattiva, gangli della base, cervelletto e midollo spinale) e CB2, strettamente correlati alle cellule del sistema immunitario, in particolare, macrofagi. Sugli stessi recettori agiscono anche cannabinoidi endogeni (anandamide, 2-arachidonilglicerolo, palmitoiletanolamide), il cui ruolo non è del tutto chiaro, anche se le prove disponibili suggeriscono un coinvolgimento nell elaborazione degli stimoli dolorifici, nei processi cognitivi, nella regolazione dell attività locomotoria e in alcune funzioni autonomiche (appetito, vomito, motilità intestinale, broncodilatazione, tono uterino, pressione intraoculare), oltre che nei processi infiammatori e nella modulazione dell attività immunitaria 7. I derivati della CS possono essere distinti in cannabinoidi naturali e di sintesi. I cannabinoidi natu-

3 206 I cannabinoidi nel trattamento della sclerosi multipla Riassunto La sclerosi multipla (SM) si associa molto frequentemente a dolore, sia di origine centrale sia come conseguenza dell ipertono muscolare spastico. La Cannabis sativa (CS), usata per millenni come terapia erboristica per svariate patologie e sintomi, è annoverata tra le sostanze illegali in quanto il suo uso a scopo voluttuario può provocare abuso e dipendenza. Negli ultimi anni ricerche sperimentali hanno portato a ipotizzare un ruolo della Cannabis e dei suoi derivati di sintesi nella terapia del dolore e dell emesi associata a chemioterapia. Oltre alle principali sostanze psicoattive naturali derivate dalla Cannabis (delta-9 tetraidrocannabinolo e cannabidiolo), in alcuni Paesi sono registrati e commercializzati i derivati di sintesi quali il dronabinolo e il nabilone. In Italia, attualmente, non è registrato alcun farmaco contenente cannabinoidi. Le prove disponibili sull efficacia dei cannabinoidi nel trattamento dei sintomi della SM derivano da una letteratura scarsa, con pochi studi validi, che presentano casistiche di ridotta numerosità e i cui risultati sono spesso di difficile interpretazione. I dati più promettenti provengono dagli studi che hanno indagato l utilità dei cannabinoidi nella spasticità e nel dolore ad essa associato. Al momento non è, tuttavia, possibile formulare raccomandazioni relativamente al loro uso nel trattamento sintomatico dei disturbi della SM, in quanto il bilancio benefici/rischi e il ruolo rispetto agli altri analgesici disponibili rimane da chiarire. Abstract Multiple sclerosis (MS) is frequently associated to pain, both of central origin or due to hypertonic spastic muscle. Cannabis sativa (CS), used for ages as a herbal remedy for the treatment of several pathologies and symptoms, is considered an illegal substance because it may cause abuse and dependence if used as a luxury drug. Lately, experimental research led to assume that Cannabis and its synthesis derivates may be used for the treatment of pain and emesis associated to chemotherapy. Synthesis derivates, such as dronabinol and nabilone, are authorized and marketed in In Italia non è registrato alcun farmaco contenente cannabinoidi several countries, together with the main natural psychoactive substances derived from Cannabis (delta-9-tetrahydrocannabinol and cannabidiol). At present no drug containing cannabinoids is registered in Italy. Available evidences on the efficacy of cannabinoids for the treatment of MS symptoms come from few valuable studies presenting cases with a low number of patients and whose results are often difficult to interpret. More favourable data come from studies investigating the use of cannabinoids in the treatment of spasticity and associated pain. Nevertheless, at present we cannot recommend their use for symptomatic treatment of MS, since their benefit-risk profile and role compared to other analgesics need to be clarified. Introduzione La sclerosi multipla (SM) è una malattia immuno-mediata a eziologia sconosciuta che colpisce la sostanza bianca del sistema nervoso centrale (SNC). In genere, compare tra la seconda e la terza decade con difetti neurologici focali ad esordio acuto o subacuto che tendono successivamente a stabilizzarsi e a regredire spontaneamente nell arco di qualche settimana. I sintomi d esordio colpiscono più di frequente il nervo ottico, il tronco encefalico e il midollo spinale. Accanto a questa forma recidivante-remittente, che colpisce circa l 80% dei malati, esiste una forma a decorso secondariamente progressivo (gli attacchi tendono a lasciare sequele con un conseguente stato permanente di malattia) e una più rara forma, primariamente progressiva, a localizzazione spesso midollare ed esordio tardivo. Alla disseminazione delle lesioni nel SNC fa riscontro un notevole polimorfismo delle manifestazioni cliniche: segni focali (neurite ottica, oftalmoplegia o altre neuropatie craniche) si possono associare a sindromi complesse midollari o cerebellari, con atassia, spasticità, faticabilità, dolore, turbe minzionali, ecc. La prognosi della SM è molto variabile, sia per l imprevedibile progressione della malattia sia per la variabilità individuale della risposta ai trattamenti 1.

4 bollettino d informazione sui farmaci 207 Mentre gli attacchi acuti vengono trattati con corticosteroidi, i farmaci registrati in Italia per la prevenzione delle ricadute sono, nella forma recidivante-remittente, il glatiramer acetato, gli interferoni beta-1a e beta-1b ricombinanti e il natalizumab e, nelle forme secondariamente progressive, il solo interferone beta-1b ricombinante (nota AIFA 65). Mediamente il 50% dei malati di SM accusa dolore, con una variabilità, a seconda delle casistiche, dal 10% all 86% 2,3. Il dolore può essere una conseguenza diretta delle lesioni a livello del SNC (dolore centrale), oppure essere associato ai deficit neurologici e alla conseguente disabilità, in particolar modo, alla spasticità muscolare 2. Una casistica italiana, comprendente oltre 1600 malati, mostra che il dolore ha una prevalenza del 43% ed è secondario a ipertono muscolare spastico nell 11% dei pazienti, mentre il dolore a genesi centrale si manifesta come disestesia nel 18%, fenomeno di Lhermitte nel 9% e nevralgia trigeminale nel 2% 3. Quindi, i malati di SM spesso necessitano di un trattamento sintomatico relativamente a sindromi dolorose a patogenesi complessa. Tra i numerosi farmaci sperimentati per il trattamento sintomatico dei disturbi associati alla SM vi sono i derivati della Cannabis sativa (CS), o cannabinoidi, per i quali da tempo si ipotizza un ruolo nell alleviare il dolore di origine centrale e quello da spasticità muscolare. Aspetti clinici La CS viene utilizzata da millenni come terapia per svariate malattie e sintomi: dall isteria, alla nausea, al glaucoma e, fin dall inizio del XX secolo, è stata impiegata in Europa e in USA come sedativo e antidolorifico. Tuttavia, nei successivi decenni la disponibilità di nuove molecole di analgesici ne ha progressivamente ridotto l uso, mentre il diffusissimo abuso a scopo voluttuario ha spinto i governi a dichiararne l illegalità, ponendola tra le sostanze stupefacenti e psicotrope 4. Fumare la CS (hashish, marijuana) e i suoi derivati produce un immediato effetto euforizzante, caratterizzato da senso di benessere e di amplificazione percettiva e sensoriale, logorrea, attacchi Tra i numerosi farmaci sperimentati per il trattamento sintomatico dei disturbi associati alla SM vi sono i derivati della Cannabis sativa di riso, distorsione nella percezione temporale. I più frequenti effetti avversi associati al consumo di CS comprendono: riduzione dei tempi di reazione, ansia, pensieri paranoidi, depressione, disforia e sintomi psicotici (depersonalizzazione, delirio, allucinazioni); circa il 17% dei consumatori abituali di marijuana riferisce di averli sperimentati almeno una volta. Casistiche americane mostrano che il 32%-46% della popolazione generale ha provato almeno una volta la marijuana, con un consumo prevalente nella fascia di età compresa tra i 18 e i 25 anni e un netto declino dopo i 34 anni. Circa il 10% dei consumatori di CS tende a sviluppare una dipendenza. In utilizzatori abituali di CS, la sospensione provoca una sindrome da astinenza lieve se confrontata ai sintomi causati dalla sospensione di alcool o eroina, che si manifesta soprattutto con irrequietezza, irritabilità, lieve agitazione, insonnia, nausea e crampi muscolari 5. Inoltre, sembra che il consumo di CS possa aumentare il rischio di sviluppare sindromi psicotiche croniche, quali schizofrenia o depressione, con un effetto dose-risposta 6. Le ipotesi su un possibile ruolo terapeutico dei derivati della CS provengono, oltre che da riscontri aneddotici, da sperimentazioni su animali che hanno mostrato un effetto analgesico legato all azione modulatoria sui meccanismi nocicettivi. Gli effetti dei cannabinoidi sono legati all azione su due tipi di recettori: CB1, presenti a livello del SNC (ippocampo, corteccia cerebrale, area olfattiva, gangli della base, cervelletto e midollo spinale) e CB2, strettamente correlati alle cellule del sistema immunitario, in particolare, macrofagi. Sugli stessi recettori agiscono anche cannabinoidi endogeni (anandamide, 2-arachidonilglicerolo, palmitoiletanolamide), il cui ruolo non è del tutto chiaro, anche se le prove disponibili suggeriscono un coinvolgimento nell elaborazione degli stimoli dolorifici, nei processi cognitivi, nella regolazione dell attività locomotoria e in alcune funzioni autonomiche (appetito, vomito, motilità intestinale, broncodilatazione, tono uterino, pressione intraoculare), oltre che nei processi infiammatori e nella modulazione dell attività immunitaria 7. I derivati della CS possono essere distinti in cannabinoidi naturali e di sintesi. I cannabinoidi natu-

5 208 rali vengono prodotti dalle ghiandole epidermiche della CS, situate a livello di diversi organi vegetali (foglie, stelo e brattea). Le principali sostanze psicoattive naturali derivate dalla CS sono il delta-9 tetraidrocannabinolo (THC), il cannabidiolo (CBD) e il cannabinolo. Il THC e il CBD in associazione sono commercializzati per il trattamento del dolore in pazienti affetti da cancro e da SM sotto forma di spray buccali, in quanto l assorbimento per via orale di tali sostanze è molto scarso a causa di un importante effetto di primo passaggio epatico. La ricerca di agonisti e antagonisti del recettore CB1 ha portato alla scoperta di numerosi cannabinoidi di sintesi, tra i quali il trans-delta-9-tetraidrocannabinolo (dronabinol) e il nabilone hanno indicazioni approvate in alcuni Paesi. Altri cannabinoidi di sintesi quali il levonantradol, l acido ajulemico e il dexanabinol non sono al momento disponibili in commercio ma sono oggetto di studi come antidolorifici 8, antiemetici 9,10 e neuroprotettori 11. Aspetti medico-legali Il diffuso uso voluttuario della CS e le restrizioni imposte dalle legislazioni dei governi sulle sostanze stupefacenti sono alla base di un paradosso riguardante le conoscenze disponibili su efficacia e sicurezza dei cannabinoidi in campo medico. Infatti, a fronte di un abuso estremamente diffuso (la CS è al terzo posto tra le sostanze usate a scopo voluttuario, dopo tabacco e alcool) 11, gli studi clinici sull utilizzo della CS in campo medico sono scarsi soprattutto se rapportati alla rapida espansione della ricerca di base. La conduzione di studi sui cannabinoidi è problematica soprattutto a causa delle restrizioni regolatorie e legali vigenti su queste sostanze 5. Una revisione sistematica 8 sul ruolo dei cannabinoidi nel controllo del dolore ha identificato solamente 9 studi di buona qualità pubblicati tra il 1975 e il 1997, per un totale di 222 pazienti reclutati. Una più recente metanalisi 2, focalizzata sull uso della CS nel trattamento del dolore neuropatico e associato a SM, ha identificato 7 studi, con un totale di 298 pazienti inclusi. In Italia, l uso della CS è illegale e ad oggi non è stato registrato alcun A fronte di un abuso estremamente diffuso, gli studi clinici sull utilizzo della CS in campo medico sono scarsi farmaco contenente cannabinoidi come principio attivo. Il D.M. 18 aprile ha, tuttavia, introdotto il THC, il dronabinol e il nabilone nella tabella II, sezione B delle sostanze stupefacenti e psicotrope creando così le basi normative per la loro autorizzazione all immissione in commercio nel mercato italiano. Nella terapia farmacologica di alcune malattie (tra cui la SM) è, quindi, possibile utilizzare i derivati della CS, che possono attualmente essere importati, previa autorizzazione dell Ufficio Centrale Stupefacenti del Ministero della Salute, nel caso in cui il medico ritenga dover sottoporre i propri pazienti al trattamento con tali sostanze. Cannabinoidi e sclerosi multipla: quali prove? Le ipotesi sull efficacia terapeutica della CS e derivati nella terapia sintomatica del dolore e della spasticità associate alla SM sono nate da esperienze aneddotiche di pazienti che, dopo aver fumato marijuana, riferivano un miglioramento del dolore associato alla spasticità. Tuttavia, fumare la CS non è attualmente considerato un metodo terapeutico accettabile in quanto comporta gli ormai noti danni da fumo e introduce nell organismo, oltre ai cannabinoidi, altre sostanze contenute nella pianta di CS, molte delle quali biologicamente attive e potenzialmente dannose. Nelle principali linee guida e documenti di technology assessment sulla terapia della SM, i cannabinoidi non vengono riportati tra le terapie consigliate bensì citati come possibili strategie terapeutiche sintomatiche (soprattutto per la spasticità e il dolore ad essa associato) per le quali, tuttavia, non esistono ancora prove sufficienti per formulare raccomandazioni 13,14. Nella tabella I vengono riportate due revisioni sistematiche e una metanalisi sull uso dei cannabinoidi in pazienti con SM. Una revisione sistematica 15 e la metanalisi 2 hanno valutato i risultati di studi randomizzati controllati (RCT) sull efficacia di tali farmaci, rispettivamente nel trattamento dell atassia e del dolore; gli autori hanno sottolineato la scarsità di studi metodologicamente validi e il limitato numero di pazienti inclusi. Per quanto riguarda l atassia di origine cerebellare (anormalità nell esecuzione dei movimenti volontari che può includere incoordinazione, di-

6 208 rali vengono prodotti dalle ghiandole epidermiche della CS, situate a livello di diversi organi vegetali (foglie, stelo e brattea). Le principali sostanze psicoattive naturali derivate dalla CS sono il delta-9 tetraidrocannabinolo (THC), il cannabidiolo (CBD) e il cannabinolo. Il THC e il CBD in associazione sono commercializzati per il trattamento del dolore in pazienti affetti da cancro e da SM sotto forma di spray buccali, in quanto l assorbimento per via orale di tali sostanze è molto scarso a causa di un importante effetto di primo passaggio epatico. La ricerca di agonisti e antagonisti del recettore CB1 ha portato alla scoperta di numerosi cannabinoidi di sintesi, tra i quali il trans-delta-9-tetraidrocannabinolo (dronabinol) e il nabilone hanno indicazioni approvate in alcuni Paesi. Altri cannabinoidi di sintesi quali il levonantradol, l acido ajulemico e il dexanabinol non sono al momento disponibili in commercio ma sono oggetto di studi come antidolorifici 8, antiemetici 9,10 e neuroprotettori 11. Aspetti medico-legali Il diffuso uso voluttuario della CS e le restrizioni imposte dalle legislazioni dei governi sulle sostanze stupefacenti sono alla base di un paradosso riguardante le conoscenze disponibili su efficacia e sicurezza dei cannabinoidi in campo medico. Infatti, a fronte di un abuso estremamente diffuso (la CS è al terzo posto tra le sostanze usate a scopo voluttuario, dopo tabacco e alcool) 11, gli studi clinici sull utilizzo della CS in campo medico sono scarsi soprattutto se rapportati alla rapida espansione della ricerca di base. La conduzione di studi sui cannabinoidi è problematica soprattutto a causa delle restrizioni regolatorie e legali vigenti su queste sostanze 5. Una revisione sistematica 8 sul ruolo dei cannabinoidi nel controllo del dolore ha identificato solamente 9 studi di buona qualità pubblicati tra il 1975 e il 1997, per un totale di 222 pazienti reclutati. Una più recente metanalisi 2, focalizzata sull uso della CS nel trattamento del dolore neuropatico e associato a SM, ha identificato 7 studi, con un totale di 298 pazienti inclusi. In Italia, l uso della CS è illegale e ad oggi non è stato registrato alcun A fronte di un abuso estremamente diffuso, gli studi clinici sull utilizzo della CS in campo medico sono scarsi farmaco contenente cannabinoidi come principio attivo. Il D.M. 18 aprile ha, tuttavia, introdotto il THC, il dronabinol e il nabilone nella tabella II, sezione B delle sostanze stupefacenti e psicotrope creando così le basi normative per la loro autorizzazione all immissione in commercio nel mercato italiano. Nella terapia farmacologica di alcune malattie (tra cui la SM) è, quindi, possibile utilizzare i derivati della CS, che possono attualmente essere importati, previa autorizzazione dell Ufficio Centrale Stupefacenti del Ministero della Salute, nel caso in cui il medico ritenga dover sottoporre i propri pazienti al trattamento con tali sostanze. Cannabinoidi e sclerosi multipla: quali prove? Le ipotesi sull efficacia terapeutica della CS e derivati nella terapia sintomatica del dolore e della spasticità associate alla SM sono nate da esperienze aneddotiche di pazienti che, dopo aver fumato marijuana, riferivano un miglioramento del dolore associato alla spasticità. Tuttavia, fumare la CS non è attualmente considerato un metodo terapeutico accettabile in quanto comporta gli ormai noti danni da fumo e introduce nell organismo, oltre ai cannabinoidi, altre sostanze contenute nella pianta di CS, molte delle quali biologicamente attive e potenzialmente dannose. Nelle principali linee guida e documenti di technology assessment sulla terapia della SM, i cannabinoidi non vengono riportati tra le terapie consigliate bensì citati come possibili strategie terapeutiche sintomatiche (soprattutto per la spasticità e il dolore ad essa associato) per le quali, tuttavia, non esistono ancora prove sufficienti per formulare raccomandazioni 13,14. Nella tabella I vengono riportate due revisioni sistematiche e una metanalisi sull uso dei cannabinoidi in pazienti con SM. Una revisione sistematica 15 e la metanalisi 2 hanno valutato i risultati di studi randomizzati controllati (RCT) sull efficacia di tali farmaci, rispettivamente nel trattamento dell atassia e del dolore; gli autori hanno sottolineato la scarsità di studi metodologicamente validi e il limitato numero di pazienti inclusi. Per quanto riguarda l atassia di origine cerebellare (anormalità nell esecuzione dei movimenti volontari che può includere incoordinazione, di-

7 bollettino d informazione sui farmaci 209 Tabella I Revisioni sistematiche e metanalisi di studi sui cannabinoidi nella sclerosi multipla. Sintomo Autore Farmaco/controllo N pazienti Durata Risultati Atassia cerebellare Mills DRO, 43* 2-10 settimane Nessuno dei 3 RCT THC+CBD/placebo ha riscontrato differenze significative utilizzando diversi metodi validati di valutazione del tremore. Dolore neuropatico Iskedjian THC+CBD, CBD, settimane I cannabinoidi producono e associato a SM DRO/placebo un miglioramento di 1,5 punti su una VAS (0-10 punti). Il placebo produce un miglioramento di 0,8 punti Spasticità Shakespeare THC, CBD, settimane Differenze non significative THC+CBD/placebo nei punteggi della scala di Ashworth tra intervento e controllo. DRO=dronabinol; VAS=scala analogico-visiva; *30 pazienti in cross-over. La ricerca clinica sull uomo non ha finora prodotto risultati convincenti smetria, adiadococinesia o tremore), i risultati cumulati di 3 RCT non mostrano differenze statisticamente significative tra il gruppo di trattamento e il placebo. In tutti gli studi è stato valutato l effetto della terapia sul tremore, la cui entità è stata misurata mediante svariate metodiche validate 15. La metanalisi di Iskedjian, relativa al dolore neuropatico associato a SM, misurato mediante scala visuale-analogica a 11 punti, mostra, invece, differenze a favore dei cannabinoidi che, pur raggiungendo una significatività statistica, possiedono una dubbia rilevanza clinica. Infatti, tra inizio e fine dello studio, vi è un miglioramento di 1,5 punti nel gruppo di intervento e di 0,8 punti nel gruppo placebo, con un effetto terapeutico netto di 0,8 punti a favore dei cannabinoidi 2. La revisione sistematica 16, riferita agli agenti antispastici nella SM, ha reperito solamente due studi cross-over (per un totale di 34 pazienti affetti da SM e trattati con THC, CBD o una loro associazione) con risultati contrastanti, sui quali non è stato possibile effettuare un analisi quantitativa. Altri studi clinici più recenti, non inclusi nella revisione, forniscono risultati discordanti. Lo studio CAMS 17 ha arruolato 667 pazienti con SM clinicamente stabile e spasticità che sono stati trattati con estratti medicinali della CS, dronabinol o placebo. Dopo 15 settimane non sono state rilevate differenze statisticamente significative tra i pazienti trattati con cannabinoidi e quelli del gruppo placebo in termini di spasticità, misurata mediante i punteggi della scala Ashworth. Questi risultati vanno interpretati alla luce di un importante limitazione dello studio: l elevata incidenza di effetti avversi lievi associati all assunzione di cannabinoidi (disequilibrio, sonnolenza, ecc.), come osservato dagli stessi autori, ha permesso ai pazienti e ai medici di immaginare quale dei trattamenti veniva utilizzato, inficiando così la cecità dello studio 17. Un altro RCT 18 cross-over, effettuato su 50 pazienti trattati con estratto di CS, contenente THC e CBD, non mostra differenze statisticamente significative rispetto al placebo sulla spasticità misurata mediante scala Ashworth. Al contrario, i risultati di un recente RCT 19 evidenziano che la somministrazione di THC in associazione con CBD (Sativex ) per 6 settimane produce un miglioramento statisticamente significativo, ancorché di dubbia rilevanza clinica, della spasticità misurata mediante una scala numerica a 11 punti (riduzione di 1,8 punti nel gruppo di intervento e di 0,63 punti nel gruppo placebo). In un RCT 20 cross-over, 13 pazienti affetti da spasticità dolorosa associata a sindrome del primo motoneurone sono stati randomizzati a ricevere nabilone o placebo per 9 settimane. I risultati mostrano un miglioramento consistente in una dif-

8 210 ferenza statisticamente significativa (riduzione mediana di 2 punti) del punteggio di una scala analogico-visuale a 11 punti. Purtroppo solo 7 dei 13 pazienti inclusi nello studio erano affetti da SM e i risultati di questo sottogruppo non sono stati calcolati. Attualmente non è quindi possibile una valutazione accurata del ruolo della CS nella terapia della spasticità sia a causa di una scarsa comprensione della sua fenomenologia (fisiopatologia e ricadute delle manifestazioni cliniche sulla vita di relazione), sia di un inadeguatezza degli strumenti a disposizione per misurarla. La validità della scala di Ashworth, lo strumento maggiormente usato negli studi sulla spasticità, è stata infatti messa in discussione; inoltre, i metodi per applicarla e tradurre in punteggio gli elementi clinici sono variabili da uno studio all altro, rendendo difficile o impossibile una valutazione quantitativa cumulativa 16. L efficacia dei cannabinoidi sui disturbi della minzione è stata indagata da Freeman et al. in un sottogruppo di pazienti reclutati nella studio CAMS 17, che presentavano incontinenza urinaria da urgenza 21. I risultati hanno mostrato un miglioramento statisticamente significativo dell outcome primario (riduzione degli episodi di incontinenza da urgenza registrati dal paziente mediante un diario) sia nei due bracci di trattamento sia nel gruppo placebo. Inoltre, entrambi i gruppi sottoposti a trattamento con cannabinoidi hanno mostrato un miglioramento significativo rispetto al placebo. Questi risultati, peraltro promettenti, vanno valutati alla luce delle limitazioni dello studio CAMS precedentemente descritte. Gli effetti avversi associati all uso di cannabinoidi sono frequenti ma di lieve entità: sonnolenza (12%-40%), vertigini (35%-50%), astenia (42%), turbe gastroenteriche (37%), cefalea (13%) 2,17. Un solo studio in aperto 22 ha valutato la sicurezza a lungo termine (media 434 giorni) degli estratti medicinali della CS (THC+CBD) su 137 pazienti con SM già reclutati in uno studio precedente 23. Il tasso di abbandono complessivo è stato del 42,3% (58 pazienti, dei quali 24 per mancanza di efficacia e 17 per effetti avversi). Dei 292 effetti avversi segnalati, l 86% erano classificabili come lievi o moderati; tuttavia, il verificarsi di 4 prime crisi epilettiche richiede ulteriori approfondimenti sulla sicurezza dei cannabinoidi a lungo termine. Conclusioni Le basi biochimiche del meccanismo d azione e i dati derivati da sperimentazioni su animali suggeriscono che i cannabinoidi potrebbero svolgere un ruolo utile nella terapia di alcuni sintomi della SM come la spasticità e il dolore. La ricerca clinica sull uomo, pur mostrando in qualche caso modesti benefici rispetto al placebo, non ha finora prodotto risultati convincenti, a causa di casistiche ridotte e frequenti limitazioni metodologiche degli studi. Inoltre, non esistono confronti diretti tra i derivati della CS e gli altri analgesici disponibili. Questi dubbi sull efficacia assumono particolare importanza in considerazione del profilo di sicurezza dei cannabinoidi che, pur essendo globalmente ben tollerati durante brevi periodi di somministrazione, presentano un rischio di abuso e dipendenza e potrebbero associarsi, specialmente a lungo termine, a effetti avversi anche gravi. Il potenziale ruolo di questi composti nella terapia sintomatica della SM potrà essere chiarito da sperimentazioni cliniche controllate adeguatamente condotte, utilizzando composti di sintesi e da eventuali nuove acquisizioni sulla biochimica dei cannabinoidi endogeni e dei loro recettori.

9 bollettino d informazione sui farmaci 211 Bibliografia 1. Noseworthy JH, Lucchinetti C, Rodriguez M, Weinshenker BG. Multiple sclerosis. N Engl J Med 2000; 343: Iskedjian M, Bereza B, Gordon A, Piwko C, Einarson TR. Meta-analysis of cannabis based treatments for neuropathic and multiple sclerosis-related pain. Curr Med Res Opin 2007; 23: Solaro C, Brichetto G, Amato MP, et al.; PaIMS Study Group. The prevalence of pain in multiple sclerosis: a multicenter cross-sectional study. Neurology 2004; 63: Burns T, Ineck J. Cannabinoid analgesia as a potential new therapeutic option in the treatment of chronic pain. Ann Pharmacother 2006; 40: Institute of Medicine. Marijuana and medicine. Assessing the science base. (ultimo accesso 17 settembre 2007). 6. Moore TH, Zammit S, Lingford-Hughes A, et al. Cannabis use and risk of psychotic or affective mental health outcomes: a systematic review. Lancet 2007; 370: Sharpe P, Smith G. Cannabis: time for scientific evaluation of this ancient remedy? Anesth Analg 2000; 90: Campbell F, Tramér M, Carroll D, Reynolds D, Moore R, McQuay H. Are cannabinoids an effective and safe treatment option in the management of pain? A qualitative systematic review. BMJ 2001; 323: Tramer MR, Carroll D, Campbell FA, Reynolds DJ, Moore RA, McQuay HJ. Cannabinoids for control of chemotherapy induced nausea and vomiting: quantitative systematic review. BMJ 2001; 323: Lucraft HH, Palmer MK. Randomised clinical trial of levonantradol and chlorpromazine in the prevention of radiotherapy-induced vomiting. Clin Radiol 1982; 33: Baker D, Pryce G, Giovannoni G, Thompson AJ. The therapeutic potential of cannabis. Lancet Neurol 2003; 2: Decreto Ministero della Salute 18 aprile G.U. n. 98 del 28/04/ NICE Clinical Guideline n.8. Management of multiple sclerosis in primary and secondary care. November (ultimo accesso 7 settembre 2007). 14. Royal College of Physicians. Cannabis and cannabis-based medicines Potential benefits and risks to health Report of a Working Party (ultimo accesso 7 settembre 2007). 15. Mills RJ, Yap L, Young CA. Treatment for ataxia in multiple sclerosis. Cochrane Database Syst Rev Shakespeare DT, Boggild M, Young C. Anti-spasticity agents for multiple sclerosis. Cochrane Database Syst Rev Zajicek J, Fox P, Sanders H, et al. Cannabinoids for treatment of spasticity and other symptoms related to multiple sclerosis (CAMS study): multicentre randomised placebo-controlled trial. Lancet 2003; 362: Vaney C, Heinzel-Gutenbrunner M, Jobin P, et al. Efficacy, safety and tolerability of an orally administered cannabis extract in the treatment of spasticity in patients with multiple sclerosis: a randomized, doubleblind, placebo-controlled, crossover study. Mult Scler 2004; 10: Collin C, Davies P, Mutiboko IK, Ratcliffe S. Randomized controlled trial of cannabis-based medicine in spasticity caused by multiple sclerosis. Eur J Neurol 2007; 14: Wissel J, Haydn T, Muller J, et al. Low dose treatment with the synthetic cannabinoid Nabilone significantly reduces spasticity-related pain: a double-blind placebo-controlled cross-over trial. J Neurol 2006; 253: Freeman RM, Adekanmi O, Waterfield MR, Waterfield AE, Wright D, Zajicek J. The effect of cannabis on urge incontinence in patients with multiple sclerosis: a multicentre, randomised placebo-controlled trial (CAMS-LUTS). Int Urogynecol J Pelvic Floor Dysfunct 2006; 17: Wade DT, Makela PM, House H, Bateman C, Robson P. Long-term use of a cannabis-based medicine in the treatment of spasticity and other symptoms in multiple sclerosis. Mult Scler 2006; 12: Wade DT, Makela P, Robson P, House H, Bateman C. Do cannabis-based medicinal extracts have general or specific effects on symptoms in multiple sclerosis? A doubleblind, randomized, placebo-controlled study on 160 patients. Mult Scler 2004; 10: Davide, studente universitario di 24 anni, si è recato preoccupato dal proprio medico di famiglia perché di colpo ha iniziato a vedere doppio Raccolta una breve anamnesi e vista la giovane età del paziente, il medico consiglia a Davide di andare da un oculista e gli preannuncia che potrebbe essere poi utile avere il parere di un neurologo Segui la storia di Davide su:

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE COCAINA COCAINA La cocaina è una sostanza liposolubile che attraversa facilmente qualsiasi membrana, usata per tanto tempo come anestetico locale di superficie. Emivita plasmatica in media inferiore a

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Compagnia di San Paolo LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Comunità Europea European Space Agency Attività extraveicolare sulla Stazione Spaziale

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico del dolore persistente nei bambini con patologie croniche gravi

Linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico del dolore persistente nei bambini con patologie croniche gravi Linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico del dolore persistente nei bambini con patologie croniche gravi FONDAZIONE IRCCS ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI Linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini 13 marzo 2010 Cefalea e donna Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari Maria Clara Tonini Responsabile Centro Diagnosi e Cura delle Cefalee UO Neurologia Ospedale di Garbagnate M. Classificazione secondo

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida 5 ottobre 2013 Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida Simeone Liguori U.S.C. Cure Palliative Terapia del Dolore Az. Ospedaliera Papa Giovanni XXIII Il numero degli anziani sta crescendo

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la CEFALEE Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la cefalea rappresenta l'unico sintomo di malattia)

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Ogni giorno dopo i pasti

Ogni giorno dopo i pasti Ogni giorno dopo i pasti Se si facesse un sondaggio su che cosa la gente porti, abitualmente, nella borsa, uno degli oggetti più quotati sarebbe: medicinali. Non dico gli anziani, ma sapete quanti adolescenti

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa Scheda informativa Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa I preparati ormonali vengono impiegati da anni nelle donne durante e dopo la menopausa per alleviare i disturbi del climaterio.

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO 2014

RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO 2014 RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO 2014 Uso di sostanze stupefacenti e tossicodipendenze in Italia Dati relativi all anno 2013 e primo semestre 2014 - elaborazioni 2014 INDICE 1. CONSUMO DI SOSTANZE STUPEFACENTI

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Dolori da cancro e loro cura. Una guida della Lega contro il cancro per pazienti e familiari

Dolori da cancro e loro cura. Una guida della Lega contro il cancro per pazienti e familiari Dolori da cancro e loro cura Una guida della Lega contro il cancro per pazienti e familiari Impressum _Editore Lega svizzera contro il cancro Effingerstrasse 40 Casella postale 8219 3001 Berna Tel. 031

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

So.M.I.Par. Italiana di Paraplegia

So.M.I.Par. Italiana di Paraplegia CLASSIFICAZIONE NEUROLOGICA STANDARD NEI TRAUMI MIDOLLARI Maurizio D Andrea VARIETA DEL QUADRO CLINICO GRAVITA SEDE STRUTTURE concussione cervicale toracica lombare midollo cauda radici lesione incompleta

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

NON È PIÙ LUI, NON È PIÙ LEI

NON È PIÙ LUI, NON È PIÙ LEI NON È PIÙ LUI, NON È PIÙ LEI Malattia di Alzheimer Una guida per le famiglie per un assistenza ottimale al malato Premessa 3 L importante rete di servizi residenziali e domiciliari presente nella nostra

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Scopo della ricerca Lo scopo della ricerca è di valutare l efficacia

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli