17/09/2014 Corriere Mercantile - Genova. (diffusione:10321, tiratura:13833)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "17/09/2014 Corriere Mercantile - Genova. (diffusione:10321, tiratura:13833)"

Transcript

1 17/09/2014 Corriere Mercantile - Genova Pag. 2 (diffusione:10321, tiratura:13833) Edilio Lancellotti, 63 anni, nel suo laboratorio di via Peschiera: il locale ha tutte le caratteristiche e i controlli di una industria farmaceutica in miniatura. Uniche differenze sono l'ampiezza dei locali e la quantità del prodotto finale. Il compito del farmacista è soddisfare le richieste delle ricette prescritte dai medici con dosaggi particolari e le associazioni dei vari principi attivi. Preparazioni gestite da due software che garantiscono il corretto carico e scarico delle materie prime. Il «Così curiamo i malati con la cannabis legale» MICHELE VARÌ «Alcuni degenti affetti da sclerosi grazie a questi farmaci hanno ripreso a camminare» La prima telefonata in negozio «Quanto costano 5 grammi?» a prima telefonata ricevuta quando abbiamo iniziato a vendere prodotti a base di cannabis è stata quella di un uomo che con una domanda secca mi ha chiesto: "Quanto me li mette cinque grammi di hashish?". Ho buttato giù il telefono perché noi non siamo spacciatori ma farmacisti». Edilio Lancellotti, 63 anni, è il titolare di una della farmacie, l'"assarotti" di via Peschiera, che a Genova grazie alle nuove leggi e la prima casa farmaceutica italiana autorizzata (di Piacenza) a importare marijuana essiccata dall'olanda, preparano prodotti galenici a base di cannabinoidi. Una specializzazione di cui quasi si sconosceva l'esistenza e che di fatto ha reso, nel rispetto delle norme vigenti, libero l'uso di stupefacenti a fini terapeutici. Se un medico decide che il paziente può godere di benefici dai cannabinoidi, non deve fare altro che redigere la ricetta con il piano terapeutico, poi basta presentarsi davanti al bancone del negozio di via Peschiera per pagare e prendere il medicinale. Farmaco ancora non rimborsato dal sistema nazionale sanitario e con prezzi ancora molto elevati. Come ha svelato il quarantenne genovese afflitto da una grave patologia degenerativa alle ossa le cui vicissitudini (per risparmiare coltivava marijuana in casa) hanno fatto scoprire ai carabinieri questo giro di ricette e farmaci a base di cannabis legalizzato. «Per sei grammi spendo 208 euro, mentre se vado a comprarla da uno dei tanti spacciatori presenti nel centro storico ne spendo 10 volte in meno, visto che mi bastano 20 euro», ha svelato al "Corriere Mercantile" l'uomo, in cura presso il centro Terapia del Dolore della Casa della Salute di Struppa, dove la dottoressa Rossella Tonetti gli prescrive da un anno una cura a base di cannabinoidi. Il quarantenne però lo stupefacente avrebbe dovuto assumerlo con un infuso o vaporizzarlo, invece di fumarselo come ha ammesso candidamente ai carabinieri che lo hanno denunciato per la coltivaziuone delle piante di marijuana. «La platea dei nostri clienti che chiedono preparati galenici a base di cannabis è ampia racconta Edilio Lancellotti - La maggior parte però riguarda pazienti in cura dai neurologi o ai centri come l'aism che cura la sclerosi multipla e il centro antidolore della Gigi Ghiorotti». Il farmacista, una sorta di "scienziato" dei medicinali, racconta che ogni preparazione cambia: «I dosaggi variano da paziente a paziente, dipendono dalle combinazioni a livello cellulare dei soggetti e la risposta dei principi attivi del farmaco. Per la cannabis si va dai 30 milligrammi o al massimo ai 100 milligrammi, che si possono assumere con tisane o un'attrezzatura chiamata vulcano che vaporizza, come un phon, il farmaco». Lancellotti, grazie alla sua grande esperienza nel preparare farmaci galenici e il ruolo di consigliere dell'ordine dei Farmacisti, è quasi un garante per la categoria: «Quando una farmacia non è attrezzata, posso indicare il collega che in fatto di medicinali non convenzionali può dare la risposta migliore all'esigenza dei pazienti». Fra gli usi più diffusi della cannabis, quelli della cura dei dolori neuromuscolari indotti, come accade nella Sclerosi Multipla, da patologie del sistema nervoso periferico che trasmette gli impulsi al resto del corpo: «Grazie a questi rivoluzionari farmaci si agisce sui processi chimici all'origine di questi impulsi. La marijuana ripristina la situazione dove è compromessa, alleviando i dolori, ma non solo, una terapia adeguata potrebbe essere anche in grado di curare la patologia. Ci sono persone afflitte da questa patologia che non camminavano più e poi sono tornati ad avere una buona deambulazione proprio grazie a farmaci cannabinodi». Buoni risultati sono stati ottenuti anche per altre svariate malattie: dalla spasticità con dolore, alla sclerosi multipla e le lesioni al midollo, dalle nausee e il vomito indotti dalle cure oncologiche al dolore cronico e la sindrome di Gilles de la Tourette, dal trattamento palliativo del cancro all'aids, e ancora: il glaucoma resistente, la stimolazione dell'appetito in pazienti malati da cancro o Hiv. Il numero dei clienti che usano abitualmente questi farmaci? «Per ora limitato, non più di cinquanta o sessanta, ma destinato a crescere» assicura il mago TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 17/09/

2 17/09/2014 Corriere Mercantile - Genova Pag. 2 (diffusione:10321, tiratura:13833) dei prodotti galenici di via Peschiera, che sconsiglia a tutti lo spinello: «Fumando la marijuana si aspirano anche le tante sostanze nocive presenti nelle sigarette». TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 17/09/

3 17/09/2014 Il Manifesto - Ed. nazionale Pag. 14 (diffusione:24728, tiratura:83923) FUORILUOGO La drug policy che funziona Giorgio Bignami Nel 2011 il rapporto della «Global Commission on Drug Policy», denunciando i fallimenti della «War on Drugs», analizzando i disastri di questa guerra, fece tremare i palazzi proibizionisti nazionali e planetari. Questo, sia per i suoi contenuti, sia per le firme di molti pezzi grossi dell'establishment internazionale, a partire dall'ex segretario generale dell'onu Kofi Annan, assistiti da una scelta schiera di esperti. Dopo il rapporto del 2011, la Commissione ha seguitato a lavorare su specifici problemi, per esempio i costi dell'applicazione della legge penale e la riduzione del danno (vedi il rapporto fra droghe, Hiv/Aids ed epatite C su globalcommissionondrugs.org/). Finché il 9 settembre scorso è stato pubblicato il nuovo rapporto Taking Control: Pathways to Drug Politics that Work - "Prendere il controllo: percorsi verso politiche delle droghe che funzionino". Qui solo qualche rapido cenno ai contenuti del rapporto, a partire dalle raccomandazioni finali: 1. spostare il più possibile risorse dalle azioni repressive e punitive agli interventi sanitari e sociali di provata efficacia; 2. porre fine sia alla criminalizzazione dell'uso e del possesso di droghe per uso personale (l'italica depenalizzazione di uso e possesso è il più delle volte una tragica frode, almeno dalla Jervolino-Vassalli in poi e ancor più negli anni della Fini-Giovanardi), sia ai trattamenti obbligatori (quasi una allusione a certe nostre comunità terapeutiche); 3. cogliere l'opportunità della prossima assemblea generale Onu sulle droghe (Ungass) del 2016 per cambiare le convenzioni internazionali, sinora ricalcate sul modello proibizionista varato a Vienna nel 1961; 4. puntare sulle alternative al carcere per i «pesci piccoli» del narcotraffico (piccoli produttori, corrieri al dettaglio, piccoli spacciatori); 5. permettere e incoraggiare i diversi esperimenti di legalizzazione controllata, a partire da (ma non fermandosi a) cannabis, foglie di coca e parte delle nuove sostanze psicoattive; quindi 6. puntare a una riduzione del potere delle organizzazioni criminali per ridurre la violenza e l'insicurezza alimentate dalle competizioni tra di loro e con lo Stato; infine 7. assicurare l'equo accesso ai farmaci essenziali, in particolare gli oppiacei per il dolore (per inciso, l'ultima relazione ad hoc al Parlamento del nostro Ministero della salute mostra qualche progresso, ma anche quanto siamo ancora lontani dagli standard di altri paesi soprattutto del centro e nord-europa e del nord-america). Poco spazio resta per le parti analitiche del rapporto. Il fallimento delle strategie di controllo è documentato dagli aumenti di produzioni e consumi di droghe pesanti; il danno alla salute pubblica e alla sicurezza dalla frequenza delle adulterazioni e delle morti da overdose, dalle restrizioni alle strategie di riduzione del danno (solo in Russia iniettori sono infetti da virus Hiv); l'attacco ai diritti umani dagli oltre mille giustiziati all'anno per reati di droghe, dagli innumerevoli carcerati e reclusi in «centri speciali», dalle gravi discriminazioni a danno delle minoranze etniche e razziali; l'incentivazione della criminalità e dell'arricchimento dei criminali dai quasi quattrocento miliardi di dollari annui di vendite al dettaglio, dall'escalation della violenza e del finanziamento del terrorismo; giù giù, sino ai dati sul dilagare della corruzione, sull'inquinamento dell'economia legale, e chi più ha più ne metta. Insomma, conclude la Commissione, vi supplichiamo, potenti della terra, facciamola finita; e per fortuna, aggiunge, qualcuno qua e là ha iniziato a capire l'antifona. Rapporto e sommario italiano su TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 17/09/

4 18/09/2014 Corriere Mercantile - Genova Pag. 10 (diffusione:10321, tiratura:13833) «Cannabis utile contro il dolore ma niente illusioni» SI VENDE IN FARMACIA I farmaci alla cannabis ora si vendono in farmacia farmaci a base di cannabinoidi sono molto utili ad alleviare i dolori dei nostri pazienti, ma guai a illudersi: non curano e si dimostrano efficaci solo nei casi meno gravi, quando il dolore è meno severo. Per i casi più disperati, a mio avviso, rimane sempre meglio affidarsi agli antidolorifici classici e gli oppiacei a base di morfina». A parlare è Franco Henriquet, il medico genovese fondatore e anima dell'associazione Gigi Ghirotti per la terapia del dolore e le cure palliative a domicilio e in hospice: «Ormai da un anno per la legislazione italiana i farmaci con cannabis si possono liberamente prescrivere, purtroppo però il loro costo è ancora molto elevato, tanto che una terapia medica minima di 60 milligrammi per un mese può costare dai 100 ai 120 euro». Henriquet ricorda che per non far pagare i farmaci la Regione Liguria si è dotata, fra le prime in Italia, di una legge ad hoc, «purtroppo mancano i fondi per attuarla». Il medico dice che appena sino a pochi anni fa per le terapie con farmaci cannabinoidi c'era quasi solo una farmacia come punto di riferimento, la Assarotti, mentre adesso la rete di distribuzione è molto più estesa e tutti possono, ovviamente presentando una ricetta di uno specialista, comprare i medicinali da un grossista in Toscana e in molte farmacie genovesi: «Noi, ad esempio, ci riforniamo alla San Raffaele di corso Gastaldi». «Il problema rimarca Heriquet - è che l'uso di questi farmaci è ancora molto limitato per i suoi costi elevati». Lo specialista poi torna sui benefici dei cannabinoidi per alcune malattie, che qualcuno ha definito quasi miracolosi: «Io non li enfatizzerei troppo, noi quei farmaci li prescriviamo a dosaggi accurati per alleviare gli effetti collaterali, dalla nausea alla stipsi, e altri ancora, che possono causare in alcuni soggetti i medicinali derivati dagli oppiacei». E a chi dice che la cannabis è miracolosa con i malati di sclerosi multipla, risponde: «Non abbiamo molta esperienza con malati afflitti da questa patologia, ma la nostra anedottica dice il contrario, nel senso che non abbiamo constatato effetti clamorosi». Henriquet proprio per l'uso dei farmaci nel suo hospice non convenzionali, in quel caso oppiacei, era finito nei guai per poi essere assolto con tanto di scuse. «Con le norme attuali non sarebbe accaduto» sottolinea. «Cosa penso dello spinello libero? Assolutamente contrario, perché soprattutto nei giovani può provocare dei danni anche gravi». TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 18/09/

5 18/09/2014 Il Cittadino di Monza e Brianza Economia Elettrodi per il dolore cronico Wise, sviluppo da un milione Si chiama Wise la start-up milanese di Luca Ravagnan, vincitore del noto riconoscimento alcuni anni fa ed ora co-titolare dell'azienda associata a Confindustria Monza e Brianza, che si occupa di produrre elettrodi per neurostimolazione per la cura del dolore cronico e del Parkinson, attraverso una tecnologia che consente di inserire microcircuiti elettronici biocompatibili su siliconi. Fondata nel 2011 da quattro soci con un investimento di 80 mila euro, lo scorso anno l'ingresso di due nuovi finanziatori ha permesso un nuovo investimento in ricerca e sviluppo da un milione di euro, proiettando la start-up - che ha una seconda sede anche a Berlino e che presto potrebbe trovare casa in Brianza - in una dimensione di maggior respiro europeo. «Ciò che ci caratterizza come start-up - ha specificato Ravagnan - è il fatto di trovarci in una fase antecedente al lancio del prodotto sul mercato, cosa che non avverrà almeno per i prossimi due anni visto che l'iter relativo a brevetti e test sui prototipi, in questo settore è particolarmente lungo». Lo sviluppo si basa interamente sugli investimenti dei soci finanziari che permettono, oltre alla ricerca, il lavoro di sette persone: «È un modello anglosassone di impresa - ha continuato Ravagnan - con i suoi pregi e con i suoi difetti: la pmi italiana nasce con un piccolo investimento e poi si ingrandisce, ad esempio Rana e Ferrero hanno iniziato così. Invece nel mondo anglosassone si punta subito ad un progetto ambizioso, che necessita quindi di un investitore forte che permetta lo sviluppo del prodotto in fase di start-up». Non esistono, di conseguenza, mezzi termini: «O si ottengono ottimi risultati oppure si fallisce, ma questo nella mentalità anglosassone non è un problema, nè una vergogna: per grandi imprenditori come Bill Gates non sempre la prima è stata buona». L.Sca. TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 18/09/

6 18/09/2014 Tema Farmacia - N.8 - settembre 2014 Pag. 10 ATTUALITA Tessile medicale La somministrazione transdermica II primo dispositivo per la somministrazione transdermica di un medicinale è stato messo in commercio negli Stati Uniti nel Nel tempo il numero di tarmaci che utilizzano questa via è cresciuto: si pensi ai contraccettivi, ai medicinali che curano gli stati di dolore cronico, o per mantenere i livelli di nicotina durante il periodo di disintossicazione dal fumo, o ancora per il trattamento dell'angina pectoris. E dato che il principale strumento per il passaggio delle cure tramite la cute è il cerotto, è naturale che la ricerca si sia sviluppata sia dal punto di vista farmacologico sia da quello degli strumenti di somministrazione, ovvero i tessuti. E proprio per illustrare le caratteristiche principali della cute umana, il suo comportamento e quindi, a cascata, come funziona la somministrazione transdermica dei medicinali, si è tenuto un convegno sui 'Tessili per applicazioni biomedicali" al Politecnico di Torino dove è intervenuta Federica Leone, ricercatrice alla facoltà di Farmacia all'università del capoluogo piemontese. Nella somministrazione transdermica il farmaco deve superare lo strato corneo dell'epidermide e raggiungere il derma che è il tessuto vascolarizzato. La caratteristica principale dello strato corneo è di essere idrofobico ed è questo che impedisce all'acqua e ad altri liquidi di penetrare nel corpo. Il superamento dello strato corneo può avvenire attraverso un sistema intracellulare, intercellulare (ovvero sfruttando la composizione lipidica del derma, "incuneandosi" tra una cellula e l'altra) o annessiale (cioè sfruttando gli annessi cutanei come peli e capelli, ma dato che costituiscono una parte residuale del corpo questo sistema non ha molta rilevanza). In entrambe le due prime tecniche di assorbimento, di grande importanza è il grado di lipofilia del farmaco, che permette di combattere l'idrofobicità dello strato cutaneo più esterno. Tuttavia, altri fattori possono incidere sull'efficacia del passaggio del medicinale attraverso la pelle. Il più importante è quello fisicochimico, che impone che le molecole siano piccole e leggere, che abbiano effetto già a basse concentrazioni, che non irritino la pelle e che abbiano una buona lipofilia; il che rende il numero di molecole adatte al passaggio transdermico piuttosto limitato. Bisogna inoltre tener conto dei fattori biologici dei pazienti: lo spessore dello L'aderenza alla terapia può essere migliorata anche con nuove vie di somministrazione. Il passaggio dei tarmaci attraverso la cute è uno dei sistemi più studiati. Debora Ferrerò e Carla Fiorio strato corneo varia a seconda dei punti del corpo e anche l'età influisce sulla permeabilità della cute. Per esempio, i bambini hanno una maggiore permeabilità rispetto agli adulti, ed è per questo motivo che in farmacia lo studio di medicinali pediatrici somministrabili per via transdermica è in grande crescita. La formulazione farmaceutica può essere ottimizzata, in particolare attraverso i cosiddetti "nanocourier", ovvero dei microvettori che migliorano la penetrabilità, come le ciclodestrine, le particene polimeriche e i liposomi. Poi possono essere adoperati dei miglioranti chimici, cioè delle sostanze che modificano lo strato corneo o scompaginano la conformazione lipidica. Infine, possono essere utilizzati dei miglioranti fisici come l'applicazione di piccole scariche elettriche a basso voltaggio con tecniche come la iontoforesi e l'elettroporazione. Il principale sistema di somministrazione transdermica è il cerotto: oggi sul mercato esistono strutture a serbatoio, nelle quali le molecole sono circondate da una membrana microporosa che regola il loro passaggio; ci sono poi le strutture a matrice, che prevedono una distribuzione uniforme del medicinale su una matrice polimerica; infine, ci sono le strutture a microreservoir, che combinano i due modelli precedenti con microserbatoi disposti su una matrice. Ed è in questo campo che la ricerca tessile può far progredire ulteriormente la somministrazione transdermica, sia lavorando sui materiali utilizzabili per realizzare i cerotti sia intervenendo sulle strutture di rilascio del farmaco, che possono essere innovate e migliorate. Il campo è dunque aperto per nuove sperimentazioni, che dovranno poi superare i numerosi test che la farmacopea prevede per poter permettere a un nuovo farmaco di raggiungere i banconi dei farmacisti. Foto: RIPRODUZIONE RISERVATA TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 18/09/

7 19/09/ :05 Virgilio.it Sito Web Dolore cronico, colpiti 12 mln di italiani (ANSA) - ROMA, 19 SET - In Italia le persone che soffrono di dolore cronico sono stimate in 12 milioni, circa il 20% della popolazione. "Una tragedia nascosta e troppo spesso trascurata" che causa la perdita di oltre un miliardo di ore lavorative e una spesa di circa 2 mld di euro per... (ANSA) - ROMA, 19 SET - In Italia le persone che soffrono di dolore cronico sono stimate in 12 milioni, circa il 20% della popolazione. "Una tragedia nascosta e troppo spesso trascurata" che causa la perdita di oltre un miliardo di ore lavorative e una spesa di circa 2 mld di euro per prestazioni e farmaci e sui cui permane un deficit informativo visto che il "40% dei cittadini non sa a chi rivolgersi". Numeri e scenari evidenziati durante la presentazione della giornata 'Cento città contro il dolore', promossa dalla Fondazione Isal. "Con questa campagna - ha affermato il presidente Isal William Raffaeli - vogliamo rompere il muro dell'indifferenza e chiedere alle Istituzioni nazionali e internazionali di finanziare la ricerca scientifica per trovare una terapia anche a quei dolori difficilmente trattabili (dolore idiopatico, cioè senza causa apparente, il dolore oncologico grave, la fibromalgia, l'endometriosi e il dolore da lesione del sistema nervoso)". Ma il problema non è solo di risorse. Nonostante il dolore cronico sia molto diffuso, il 40% delle persone che ne soffre non sanno che ci sono centri specialistici. Solo il 32% è stato informato dal proprio medico, il 22% da amici e parenti e il 14% su internet. Inoltre, solo il 35% sa che in Italia c'è una legge sul tema (legge 38/2010). Secondo i risultati di un questionario della Fisal, il 44% degli intervistati ha dichiarato di essere affetto da dolore cronico da più di 3 anni, il 15% da più di un anno, il 14% da sei mesi a un anno. Chi ne soffre è però mediamente poco soddisfatto delle cure ricevute dai professionisti sanitari e vorrebbe avere terapie adeguate (35%) ma anche più attenzione e ascolto (24%). "C'è ancora troppa confusione sui percorsi di cura - sottolinea Raffaeli - in molti fanno dei veri e propri pellegrinaggi nella rete o tra gli amici prima di arrivare nello studio di un terapista del dolore". La Giornata 'Cento città contro dolore' è giunta alla quarta edizione e si svolgerà il 27 settembre in 100 comuni di tutta Italia e in 12 Paesi di cinque continenti dove medici e volontari spiegheranno come e dove è possibile curare il dolore cronico. (ANSA). dovtype feed --> TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 22/09/

8 19/09/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 31 (diffusione:619980, tiratura:779916) Salute Coltivazioni in un centro militare a Firenze. A ottobre il protocollo Entro un anno in farmacia la cannabis terapeutica Via alla produzione italiana Firmato l'accordo: gratuita su prescrizione Margherita De Bac ROMA - La parola cannabis evoca fantasmi. È legata agli spinelli, al rischio che costituisca l'anticamera di droghe pesanti. Bisognerà mettere da parte questo pregiudizio e, una volta tanto, pensare positivamente al più antico degli stupefacenti, usato già in epoca neolitica per le sue proprietà miorilassanti, analgesiche e sedative. Apre nuove prospettive di cura l'accordo firmato dai ministri Beatrice Lorenzin (Salute) e Roberta Pinotti (Difesa) per la prima produzione nazionale di sostanze e preparazioni di origine vegetale. La piantina verrà coltivata nei terreni dell'istituto militare chimico farmaceutico, a Firenze, per estrarne il principio attivo da trasformare poi in preparazioni galeniche impiegate in pazienti con dolore neuropatico centrale. La terapia sarà gratuita, prescritta dai medici quando gli altri farmaci non funzionano. La stima è di mila malati in Italia. I cannabinoidi hanno avuto il via libera per l'impiego farmaceutico nel Da allora però non sono entrati realmente nei prontuari regionali, passaggio che avrebbe permesso la distribuzione gratuita. Abruzzo, Marche, Piemonte, Sicilia e Emilia Romagna (pochi giorni fa) hanno deliberato senza tuttavia che fossero attivate, dopo gli annunci, le procedure per rendere disponibile la terapia. Dopo il via alla produzione nazionale il ministero appronterà entro ottobre un protocollo da far approvare al Consiglio Superiore di Sanità da poco rinnovato, ai vertici due donne, Roberta Siliquini e Eleonora Porcu. Poi la coltivazione nei campi militari. Il principio attivo sarà preparato e distribuito da farmacie territoriali e ospedaliere. Tempi, entro il Il sistema prevede piena tracciabilità per il controllo del consumo e dei destinatari. Finora la materia prima è stata importata dall'estero a costi più alti. «L'Italia sarà autosufficiente - dice Lorenzin -. Distinguiamo, però. La droga fa male, un giovane su quattro fuma cannabis, siamo preoccupati. L'uso di sostanze per terapie è ben diverso. Noi ragioniamo in termini sanitari. Altro punto da chiarire. Questo non è assolutamente il primo passo per permettere l'auto-coltivazione da parte dei malati. Sono contraria a provvedimenti naif». Per Annarosa Racca, presidente dell'associazione Federfarma, è una bella novità: «Siamo pronti a lavorare». Il consumo di oppioidi per la cura del dolore da noi è ancora basso nonostante il progresso di fatturato. I medici prescrivono poco e permane una certa resistenza culturale, alimentata anche dalla politica. Wiliam Raffaeli, presidente della Fondazione Isal per la ricerca sul dolore (il 27 settembre al via le giornate per sensibilizzare i cittadini), non ammaina la bandiera: «C'è ancora molto da fare. C'è ancora molta inappropriatezza nel combattere il dolore cronico. Il 50% delle spese sono per gli antinfiammatori, una minima parte per gli oppiacei, come la morfina». E sulla cannabis aggiunge: «Ben venga. Io la prescrivo, ma le famiglie se la sono pagata da sé. È un farmaco di cui bisogna sfruttare le potenzialità anche se non esistono prove schiaccianti per la sua efficacia. Molti malati ne traggono benefici ed è questo che conta». RIPRODUZIONE RISERVATA Terapia del dolore Antinausea nei pazienti oncologici sottoposti a chemioterapia Stimolazione dell'appetito nei malati di Aids Cura del glaucoma Traumi cerebrali/ictus La sostanza Secondo alcuni studi i cannabinoidi possono inibire il dolore fisico e la sua percezione a livello mentale agendo attraverso i recettori dei neuroni CB1 e CB2 500 mila I pazienti con dolori che non rispondono ad altre terapie kg Il fabbisogno annuale di cannabis terapeutica Il costo mensile individuale della terapia Per produrre cannabis terapeutica il THC IL PROTOCOLLO TRA MINISTERO USO TERAPEUTICO DELLA SALUTE E DELLA DIFESA DEL TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 19/09/2014 5

9 19/09/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 31 (diffusione:619980, tiratura:779916) PRINCIPIO ATTIVO DELLA CANNABIS Dal 2007 è prescrivibile per legge. Marche, Abruzzo, Sicilia, Emilia Romagna, Piemonte hanno deliberato di inserirla nel prontuario terapeutico (ma non è mai stato disponibile realmente) La norma Fonte: ministero della Salute Vaporizzazione, combustione, farmaci Come può essere somministrata Analgesico, miorilassante, euforizzante Gli effetti Il prodotto sarà coltivato nello Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze Il principio attivo verrà distribuito alle farmacie territoriali e ospedaliere Il paziente avrà bisogno della prescrizione medica L'autocoltivazione resta vietata La sostanza sarà gratuita Infiammazioni Controllo del dolore cronico neuropatico associato a sclerosi multipla Controllo di alcune spasticità croniche Artrite reumatoide La struttura molecolare del THC 15 Foto: Euro Il costo al grammo sostenuto attualmente dalle Regioni italiane per importare dall'estero la sostanza a fini terapeutici. Con il nuovo protocollo la cannabis costerà la metà e sarà inserita nel ticket sanitario regionale 80 Foto: Il numero dei dipendenti impiegati nella struttura militare di Firenze (compresi due periti agrari) che saranno coinvolti nella produzione del principio attivo della cannabis per uso terapeutico Foto: Secondo il documento firmato ieri dai ministri della Salute e della Difesa i primi prodotti a base di cannabis dovrebbero arrivare entro il 2015 (nella foto Reuters una confezione di cannabis terapeutica in una farmacia olandese) TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 19/09/2014 6

10 19/09/2014 Giornale di Sicilia - Agrigento Pag. 16 Cardiopatici ed antinfiammatori Allarme dei medici agrigentini L'ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Agrigento, guidato da Giuseppe Augello, implementa, ed è il primo in Italia, il progetto CardioPain, "nato con l'obiettivo - si legge in un comunicato stampa diffuso ieri - di ridurre l'uso improprio di antinfiammatori non steroidei (Fans) nei pazienti a rischio cardiovascolare, e guadagnandosi il plauso dell'agenzia Italiana del Farmaco". La questione sarà illustrata domani, durante un evento formativo a cui parteciperanno oltre 400 medici di tutta la Provincia. "L'abuso di antinfiammatori è - scrivono i medici - una pratica tutta italiana, tanto da porci tra i primi paesi al mondo per l'impiego di questi farmaci. Tuttavia, i segnali di un'inversione di tendenza non mancano. Come dimostra il progetto CardioPain. Nato presso il nosocomio di Roccadaspide, che ha predisposto un monito esplicito circa l'uso di Fans e inibitori selettivi della COX-2 nella scheda di dimissione ospedaliera dei pazienti cardiopatici, successivamente è stato implementato da diverse strutture di Piemonte, Calabria e Lazio. Oggi CardioPain arriva anche ad Agrigento, con un'importante differenza: qui a sposarlo - si legge ancora nel comunicato stampa - non è semplicemente l'ospedale ma, primo caso in Italia, tutto l'ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della Provincia. A sancire ufficialmente l'adesione al progetto, un evento formativo organizzato dall'omceo, al quale prenderanno parte oltre 400 clinici provenienti da diverse discipline: Il dolore: riconoscimento, valutazione e gestione; l'ordine dei Medici di Agrigento e il progetto Cardiopain". "Il consumo di questi farmaci si mantiene ancora elevato nel nostro paese?- dice Giuseppe Augello, presidente dell'ordine dei medici della provincia di Agrigento -. Secondo un recente rapporto Osmed quasi il 4 per cento dei soggetti a rischio cardiovascolare fa un uso improprio di Fans, assumendoli per oltre 90 giorni all'anno". TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 22/09/

11 20/09/2014 Il Tempo - Ed. nazionale Pag. 15 (diffusione:50651, tiratura:76264) Ecco come vincere la battaglia con il dolore Sabato prossimo a Roma e nel resto del mondo incontro con i medici in piazza La verità sui farmaci inutili e dispendiosi. Gli indirizzi giusti e l'appello per la ricerca 12 milioni di malati Perdono ogni anno 1 miliardo di ore di lavoro e spendono 2 miliardi William Raffaeli * Dolore oncologico, mal di testa, mal di schiena, dolore da artrosi, da nevralgie, "arto fantasma", dolore posttraumatico. Sono tanti i possibili nomi del dolore cronico, quel dolore che dura almeno sei mesi e diventa una vera e propria malattia, che ferisce il corpo e lo spirito, compromette la qualità della vita e le relazioni. Il dolore cronico è una tragedia invisibile e spesso trascurata che incide su quella che chiamiamo qualità della vita ma che soprattutto cambia radicalmene la vita di chi ci deve fare i conti. In Italia si stima interessi 12 milioni di persone, il 20% della popolazione, causando ogni anno la perdita di oltre un miliardo di ore lavorative e la spesa di circa due miliardi di euro per prestazioni e farmaci. Il 10% delle persone con dolore cronico necessita per tutta la vita di più terapie combinate, mentre il 4% - e sono quasi mezzo milione di italiani - è colpita da un dolore di cui oggi non c'è ancora alcuna cura. È proprio per chi soffre che il prossimo 27 settembre con "Cento città contro il dolore" saremo a Roma, lungo la penisola e anche all'estero, da Malta fino all'australia. Saremo nelle piazze, coi nostri camici bianchi, per ribadire che il dolore non va inutilmente sopportato, ma che spesso è possibile curarlo. Indicheremo i centri e gli specialisti a cui ci si può rivolgere: molti non li conoscono e impiegano mesi prima di arrivare nello studio del terapista giusto. Spiegheremo che l'italia è stato il primo Paese al mondo a dotarsi di una legge, la 38/2010, che garantisce a tutti l'accesso alla terapia del dolore, seppure questa stessa legge aspetti ancora di essere pienamente applicata da tutte le Regioni ed è ora che lo sia. Ma per dare una speranza a chi oggi non ne ha, bisogna rompere il muro dell'indifferenza con cui l'universo scientifico è stato lasciato solo ad affrontare i bisogni delle persone. Per questo chiediamo all'italia e all'europa di finanziare la ricerca per trovare una terapia a quei dolori difficilmente trattabili e meno conosciuti. Come il dolore idiopatico, cioè senza causa apparente, oppure il dolore oncologico grave e il dolore neuropatico di tipo centrale dovuto a lesioni del sistema nervoso: ne soffre l'11% delle persone che hanno avuto un ictus e circa il 35% di chi ha avuto un trauma midollare per un incidente stradale o sul lavoro. Spesso sono giovani nel cuore della vita. Economie i m p o r t a n t i p o t r e b b e r o arrivare da una razional i z z a z i o n e della spesa sanitaria, che oramai è indifferibile. A questo aggiungiamo - chiamando in ballo molti colleghi - anche una profonda e audace revisione dei processi di diagnosi e cura: ci sono ampie sacche di ridondanza in esami, spesso inutili per la ricaduta sulla salute. Lo stesso vale per terapie farmacologiche inappropriate. Basti pensare che in Italia per il dolore si spendono 580 milioni di euro per i Fans, i comuni antinfiammatori, ma di questi forse più della metà è sprecata. Il giusto percorso dal medico di famiglia allo specialista porterebbe più velocemente alla cura, oltre che a una riduzione dei costi. Con "Cento città contro il dolore" siamo infine anche sui social network con la campagna #Zeropain. Sono già centinaia e centinaia i selfie provenienti da tutto il mondo di chi ha scelto di metterci la faccia e di dire il suo "no" al dolore cronico. Le persone con sofferenza non devono isolarsi, non devono chiudersi in se stesse, ma possono sforzarsi di far sentire la loro voce all'unisono, aldilà delle singole patologie da cui sono afflitte. Sappiano che noi condividiamo la loro battaglia e che insieme possiamo trovare una soluzione. Perché solo se saremo uniti saremo forti e troveremo ascolto. * Presidente Fondazione Isal (Nella foto «Dolore» di Giuseppe Amisani) TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 22/09/

12 21/09/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 60 (diffusione:619980, tiratura:779916) La decisione A Rovigo Centro di ricerca a supporto della produzione farmacologica Scelti i referenti per un compito che richiede competenza e sicurezza Così si coltiveranno le piante di cannabis per uso terapeutico Enti designati Gli esperti veneti collaborerannocon Stabilimento chimico militare di Firenze Garanzie Produzione e lavorazione devono rispettare procedure rigorose Ruggiero Corcella «Non può esserci nulla di amatoriale nel produrre derivati dalla canapa, non solo per un quadro legislativo, che comunque è un riferimento ineludibile, ma anche perché dietro c'è tutta una professionalità per realizzare qualcosa che alla fine possa essere di aiuto nella salute di certe patologie invece di essere un'incognita se gestita malamente». A spiegarlo è stato il professor Marcello Donatelli, direttore del Centro di ricerca per le colture industriali (CRA-CIN il più grande ente italiano di ricerca in agricoltura, controllato dal Ministero delle Politiche Agricole) durante l' "open day" sulla cannabis terapeutica, organizzato di recente dalla sede distaccata di Rovigo del CRA-CIN. «Non sfruttare le capacità interne al Paese per sopperire alla richiesta di cannabis a livello medicale sarebbe autolesionismo», ha proseguito il direttore, sottolineando con orgoglio il ruolo di eccellenza di tutto l'ente. L'istituto di Rovigo, in particolare, non è solo l'unico in Italia in grado di produrre cannabis a uso medico in ambiente indoor, ma uno dei più quotati a livello internazionale nel campo della ricerca sulla canapa. Fondato nel 1912 dall'agronomo Ottavio Munerati come "Regia Stazione sperimentale di bieticoltura", l'istituto produce diverse varietà di cannabis medica a differenti contenuti di cannabinoidi (THC, CBD, CBG, THCV e CBDV), a fini di ricerca scientifica. Nel 2002 il direttore, Gianpaolo Grassi, ha voluto che la sede si specializzasse nella canapa. E adesso sarà proprio l'istituto di Rovigo a supportare e "istruire" gli specialisti dello Stabilimento chimicomilitare farmaceutico di Firenze, nella coltivazione delle piante utilizzate per i medicinali a base di cannabis, oggetto dell'accordo di collaborazione siglato giovedì scorso tra ministeri della Salute e della Difesa per l'avvio della produzione nazionale di cannabis medicinale allo Stabilimento fiorentino. «Il CRA collaborerà con lo Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze (SCFM) - ha confermato il ministero delle Politiche Agricole - fornendo il supporto logistico tecnico e operativo che si renderà necessario. Il criterio concordato di valutazione del luogo, oltre la professionalità e capacità operativa specifica, è stato quello della sicurezza, che lo SCFM può garantire». Sui circa 60 ettari di terreno coltivati a Rovigo, ondeggiano distese di piante provenienti da diverse parti del mondo, dalla Siberia alla Cina, dal Nepal fino al Sudafrica. Vengono studiate per migliorarne la varietà, soprattutto ad uso tessile. Appena varcato il cancello di ingresso del Centro, su un rettangolo di 3 mila metri quadrati recintato e controllato da telecamere di sicurezza svettano le piante del Progetto Europeo "Multi Hemp" che punta alla selezione di genotipi a basso contenuto di THC (tetraidrocannabinolo, la sostanza psicoattiva della canapa) per la produzione di fibra di qualità. Sì, perché la vocazione e la missione originaria dell'istituto di Rovigo sono gelosamente custodite. «Siamo una Stazione di ricerca in agricoltura - ha ribadito all'"open day" il professor Donatelli -. Coltiviamo materiale vegetale adatto anche alla trasformazione in medicinali, ma non facciamo medicinali. La produzione di sostanze che hanno un contenuto psicotropo ha problemi di sicurezza molto particolari. Quindi un minimo di produzione a livello sperimentale può sicuramente essere gestita qui, poi però ci devono pensare istituzioni più attrezzate dal punto di vista della sicurezza, come lo Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze». Ai piani superiori dell'edificio del Centro ci sono i laboratori, dove vengono selezionate le varietà e analizzato il contenuto dei principi attivi. Alcune stanze ospitano le "scorte" di cannabis: quelle con molto THC (tetraidrocannabinolo, la sostanza psicoattiva), molto cannabidiolo o cannabigerolo, che sono i cugini minori del THC perché non psicotropi. Ma anche quelli senza THC, utili come placebo in determinati studi clinici TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 22/09/2014 6

13 21/09/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 60 (diffusione:619980, tiratura:779916) (randomizzati, in cieco o in doppio cieco). L'intero complesso è sotto vigilanza e con allarmi. All'interno ci sono regole severe da rispettare sui controlli e la sicurezza. Il materiale che può contenere sostanze stupefacenti viene tenuto in frigoriferi o in stanze con chiusura blindata, sotto protezione. Il cuore della produzione per uso farmaceutico è la "serra controllata", all'interno di un capannone blindato. In un'atmosfera da fantascienza, sotto la luce giallognola delle lampade a 600 Watt che forniscono 25 mila lux, le piantine selezionate all'origine vengono "allevate" in ambiente quasi sterile. «Qui non ci sono insetti, nè possibilità di contaminazioni pericolose - dice Grassi - e non usiamo prodotti chimici per trattare le piante. Per arrivare ad avere anche la produzione di un vegetale che poi possa essere trasformato o destinato a farmaco bisogna seguire procedure specifiche e ottenere un materiale che sia caratterizzato da livelli elevati di salubrità e di assenza di contaminazione. La pianta deve produrre il massimo e il prodotto deve essere uniforme in qualunque stagione e con qualsiasi temperatura. Una delle caratteristiche ricercate dal prodotto farmaceutico è proprio la costanza e la standardizzazione del principio attivo». Questo per dare la massima garanzia al paziente e al medico, sia sull'origine che sull'efficacia del farmaco. Ma quanta sostanza si può ottenere? «In questa serra alleviamo mediamente 150 piante. Ogni pianta produce una quantità di fiori, che è la parte più ricca e di interesse, per circa 30 grammi, per cui diciamo circa 4,5 chili di materiale per ciclo. Con un lavoro intensivo, possiamo arrivare anche a quattro cicli l'anno». Il percorso di produzione della canapa per uso medico, oltre ad essere normato dalla legge (la 309 del 1990), deve seguire altre regole ben precise. «La canapa medica - precisa Grassi - deve essere fatta esclusivamente con cloni, cioè materiali riprodotti geneticamente, non sono ammessi i semi. Le varietà devono essere registrate, ben definite, depositate presso Centri adatti a questo scopo che sono in Italia o in Europa». La produzione deve rispettare dall'inizio alla fine i canoni della "Good agricultural practice", cioè tutta una serie di fasi ben definite e scritte. E bisogna porre molta attenzione a tutti i passaggi di lavorazione. «L'essicazione ad esempio - esemplifica il direttore dell'istituto di Rovigo -. Sembra una banalità, ma se viene eseguita male può causare la crescita di muffe. Dunque va fatta a bassa temperatura, con un'apparecchiatura particolare e al buio. Anche la conservazione è fondamentale per la stabilità dei principi attivi. La sterilità dovrebbe essere garantita con i raggi gamma, come accade oggi in altri laboratori all'estero. Occorre infatti considerare che queste sostanze potrebbero essere assunte da categorie di malati con un sistema immunitario indebolito». A Firenze si dovrà tenere conto di tutto questo. La produzione della materia prima e la sua trasformazione in medicinale in Italia consentirà di abbattere i costi dei farmaci a base di cannabis. E darà così maggiori possibilità di accedere alle cure ai malati che ne hanno bisogno. RIPRODUZIONE RISERVATA 11 Le Regioni che hanno legiferato sull'uso della cannabis terapeutica. A queste si aggiunge la Provincia di Bolzano. Mancano tuttavia i regolamenti attuativi. Nella foto, cannabis al Centro di ricerca di Rovigo Per saperne di più Il sito del Consiglio per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura Le indicazioni Quali sono le principali indicazioni per quanto riguarda l'utilizzo dei medicinali a base di cannabis? Anche se medici e scienziati si dividono sul tema, si può dire che i campi meno controversi sono quelli delle cure palliative, della terapia del dolore cronico (compreso quello neuropatico connesso alla sclerosi multipla), della terapia di supporto contro la nausea e il vomito nella chemioterapia. TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 22/09/2014 7

14 21/09/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 60 (diffusione:619980, tiratura:779916) L'efficacia della cannabis è stata studiata (con risultati non definitivi) per glaucoma, traumi cerebrali, ictus, sindrome di Tourette, epilessia e artrite reumatoide. L'uso della marijuana è ipotizzato anche per ridurre i dosaggi degli oppiacei e in altre patologie come le sindromi ansioso-depressive, le malattie autoimmuni e l'asma bronchiale. Gli studi clinici sono però ancora troppo pochi. TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 22/09/2014 8

15 21/09/2014 Il Giornale - Ed. nazionale Pag. 28 (diffusione:192677, tiratura:292798) OSPEDALI Una rete di specialisti e medici di famiglia Un'alleanza contro il dolore Parte da Parma e coinvolge oltre venti centri ospedalieri il progetto Apod Luigi Cucchi Negli ospedali italiani, si continua a soffrire, quasi fosse un obolo da pagare per guarire. Secondo l'organizzazione mondiale della sanità il 90% del dolore può essere controllato nei pazienti ricoverati negli ospedali. Da anni il problema è all'attenzione dei grandi organismi internazionali che si occupano di sanità ed hanno promosso numerose campagne internazionali, tra cui una all'insegna di «Verso ospedali senza dolore», per una cultura più attenta alla sofferenza. L'Italia nel passato ha avviato una sperimentazione in 20 ospedali. Si stima che il dolore possa essere oggi controllato efficacemente nel 90 per cento dei casi. La medicina ha sviluppato la capacità di tenere sotto controllo il dolore nel 95% dei casi. Tutti i pazienti possono ricevere trattamenti efficaci dalle strategie terapeutiche di cui disponiamo: interventi invasivi e non invasivi, neurochirurgici e psicologici, una vasta gamma di farmaci. Il mondo medico tende però a respingere come un insulto l'affermazione che il dolore dei pazienti sia trascurato. Di altra opinione sono molti pazienti: lamentano che i propri dolori, grandi e piccoli, non siano presi in seria considerazione. É importante cercare indicatori oggettivi. Da tempo si è affermato il criterio proposto dall' Oms: per valutare l'efficacia dei programmi di controllo del dolore acuto in particolare quello da cancro - si deve considerare come indice il consumo annuale di analgesici oppioidi. Rispetto a questo dato, l'italia occupa uno degli ultimi posti in Europa. Nonostante nove ricoverati su dieci accusino qualche forma di dolore e quasi la metà lo avverte «al limite della sopportabilità», meno di un terzo dei paziente riceve cure contro il dolore. Non solo: l'80 per cento delle persone che rivelavano dolore intenso e il 60 per cento di quelli che segnalano un dolore moderato, non ricevono alcun trattamento efficace per tali sintomi. Le cause di dolore sono: interventi chirurgici (23,8%), traumi (6,9%), procedure diagnostiche (6,7%), cancro (5,0%), ma nella maggioranza dei casi la causa è andata persa (32,6%). Ora un nuovo progetto: Ambulatory Pain Open Door (Apod) è stato lanciato dall'azienda ospedaliera universitaria di Parma che, nello spirito della legge 38, intende sviluppare una rete di cure palliative e terapia del dolore, e garantire la continuità assistenziale e terapeutica nel campo delle cure antalgiche. Il progetto Apod mette in contatto diretto i medici di medicina generale con gli specialisti del dolore : per favorire un dialogo più serrato fra la medicina territoriale e la specialistica, e per aiutare i medici di famiglia a identificare più rapidamente il tipo di dolore avvertito dai pazienti. L'effettiva sviluppo delle Reti, passa anche dall'instaurazione di un rapporto interpersonale, diretto, fra medici che operano negli stessi distretti territoriali. In tal modo i medici sul territorio sapranno anche dove - e a chi - indirizzare i casi più complessi. Parma, Firenze, Roma, Milano, Castelfranco Emilia, Modena, Verona, Vicenza, Napoli, Orvieto, Palermo, Torino, Cagliari, Cremona, Bari e Genova, attraverso ospedali universitari, centri d'eccellenza e Asl sono attivi nel progetto Apod, che si svilupperà in 3 fasi: un primo passo teorico, nel quale i centri specialistici apriranno le porte ai medici di famiglia, per una sessione di formazione nella quale sarà illustrato il progetto. Nella seconda fase il terapista del dolore affiancherà il medico di medicina generale nella visita ai pazienti. Si termina con la fase applicativa e l'adozione in ambulatorio, nell'arco di 30 giorni, gli strumenti terapeutici appresi, condividendo con lo specialista i dati sulla terapia consigliata. Foto: OBBIETTIVO L'alleanza tra specialisti e medici sul territorio si propone di offrire la continuità assistenziale e terapeutica nel campo delle cure antalgiche TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 22/09/

Non siamo nati per soffrire

Non siamo nati per soffrire Non siamo nati per soffrire Dolore cronico e percorsi assistenziali ABSTRACT con il sostegno di Non siamo nati per soffrire. Dolore cronico e percorsi assistenziali ABSTRACT Non siamo nati per soffrire.

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 119

PROPOSTA DI LEGGE N. 119 PROPOSTA DI LEGGE N. 119 presentata dai consiglieri Ussai, Bianchi, Dal Zovo, Frattolin, Sergo il 23 ottobre 2015

Dettagli

La Regione Toscana contro il dolore. Il controllo e la cura del dolore sono diritti del cittadino

La Regione Toscana contro il dolore. Il controllo e la cura del dolore sono diritti del cittadino La Regione Toscana contro il dolore Il controllo e la cura del dolore sono diritti del cittadino Indice Insieme per curare il dolore inutile Misurare il dolore Controllare il dolore La morfina non è una

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora.

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora. Dieci anni di sanità in Puglia 19 maggio 2011 Brindisi di Emilio Gianicolo È arduo il compito di mostrare in poche righe punti di forza e punti di debolezza di un sistema sanitario in confronto ai sistemi

Dettagli

La sanità nella Legge Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida

La sanità nella Legge Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida La sanità nella Legge Finanziaria 2008 La sanità nella Legge Finanziaria 2008/1 Per la sanità prosegue la politica di potenziamento dei servizi e dei livelli di assistenza Cresce ancora il fondo sanitario

Dettagli

Caratteristiche dell indagine

Caratteristiche dell indagine L indagine condotta dall Associazione Vivere senza dolore Negli ultimi mesi si è parlato spesso di dolore in vari contesti, dove è stato possibile ascoltare la voce di esperti, medici, politici, aziende

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali 2/5 La Conferenza Stato Regioni il 25 marzo scorso ha approvato la proposta per la realizzazione degli

Dettagli

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 Centro di riferimento per la Fitoterapia Cannabis terapeutica: l'esperienza della Regione Toscana. Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 www.cerfit.org www.cerfit.org www.cerfit.org Immortality pills Tang Dynasty

Dettagli

ARRIVA IL PERSONAL TRAINER DEL MEDICO DI FAMIGLIA. LA SIMG: GARANTIAMO CURE AL TOP NONOSTANTE I TAGLI

ARRIVA IL PERSONAL TRAINER DEL MEDICO DI FAMIGLIA. LA SIMG: GARANTIAMO CURE AL TOP NONOSTANTE I TAGLI Rassegna Stampa Conferenza stampa ARRIVA IL PERSONAL TRAINER DEL MEDICO DI FAMIGLIA. LA SIMG: GARANTIAMO CURE AL TOP NONOSTANTE I TAGLI Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Via Malta, 12/B

Dettagli

Regione Umbria. LEGGE REGIONALE 17 aprile 2014, n. 7. Disposizioni per la somministrazione ad uso terapeutico dei farmaci cannabinoidi.

Regione Umbria. LEGGE REGIONALE 17 aprile 2014, n. 7. Disposizioni per la somministrazione ad uso terapeutico dei farmaci cannabinoidi. Regione Umbria LEGGE REGIONALE 17 aprile 2014, n. 7 Disposizioni per la somministrazione ad uso terapeutico dei farmaci cannabinoidi. Pubblicazione: Bollettino Ufficiale n. 20 del 23/04/2014 L'Assemblea

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA PROPOSTA DI LEGGE Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nell ambito del servizio sanitario regionale Iniziativa del Consigliere

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO

CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO DOLORE FederAnziani

Dettagli

24-NOV-2015 da pag. 37 foglio 1

24-NOV-2015 da pag. 37 foglio 1 Tiratura 09/2015: 391.681 Diffusione 09/2015: 270.207 Lettori Ed. II 2015: 2.458.000 Quotidiano - Ed. nazionale Dir. Resp.: Ezio Mauro da pag. 37 24/11/2015 Responsabilità professionale. Intervista a Trojano

Dettagli

"Scaccomatto al Dolore", Formazione e informazione in 33 tappe in tutta Italia Bologna, 19 Aprile 2013

Scaccomatto al Dolore, Formazione e informazione in 33 tappe in tutta Italia Bologna, 19 Aprile 2013 RASSEGNA STAMPA aggiornata al 28 Aprile 2013 Rassegna stampa "Scaccomatto al Dolore", Formazione e informazione in 33 tappe in tutta Italia Bologna, 19 Aprile 2013 Testata Agenzie stampa Lettori Ascoltatori

Dettagli

Percorso raccomandato:

Percorso raccomandato: Percorso raccomandato: 1) Ottenere una diagnosi accurata. 2) Crescere il paziente come un bambino o una bambina (il consiglio dei medici è di grande aiuto in questa fase). 3) Ottenere informazioni dettagliate

Dettagli

M OZIONE dei Consiglieri MIARDINI

M OZIONE dei Consiglieri MIARDINI Atti C onsiliari VII LEGISLATURA ATTO N. 1233 M OZIONE dei Consiglieri MIARDINI E ANTONINI Uiìlìz.zo medico della canapa indiana e dei suoi derivati. Depositato al Servizio Assistenza agli Organi, Iter

Dettagli

Scheda 4 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLA MOBILITÀ GREEN JOBS Formazione e Orientamento Il tema della mobilità sostenibile può essere visto da un particolare punto di vista cioè

Dettagli

LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite. Federazione Cure Palliative Onlus

LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite. Federazione Cure Palliative Onlus LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite Federazione Cure Palliative Onlus Cure Palliative - Definizione Le Cure Palliative sono la cura

Dettagli

La Sanità del futuro: Prevenzione, Innovazione e Valore

La Sanità del futuro: Prevenzione, Innovazione e Valore Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 La Sanità del futuro: Prevenzione, Innovazione e Valore Massimo Scaccabarozzi 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Questo

Dettagli

DOLORE CRONICO E PERCORSI ASSISTENZIALI QUESTIONARIO RIVOLTO AI PAZIENTI CON PATOLOGIA CRONICA

DOLORE CRONICO E PERCORSI ASSISTENZIALI QUESTIONARIO RIVOLTO AI PAZIENTI CON PATOLOGIA CRONICA DOLORE CRONICO E PERCORSI ASSISTENZIALI QUESTIONARIO RIVOLTO AI PAZIENTI CON PATOLOGIA CRONICA Gentilissimo/a, Cittadinanzattiva, e in particolare il Tribunale per i diritti del malato e il Coordinamento

Dettagli

Nella ricerca, il benessere per l umanità

Nella ricerca, il benessere per l umanità Nella ricerca, il benessere per l umanità Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl?

Dettagli

Rassegna Stampa. Conferenza stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata

Rassegna Stampa. Conferenza stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Rassegna Stampa Conferenza stampa LA SIMG: SIAMO LE SENTINELLE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE PARTE VÌOLA, IL PROGETTO PER ABBATTERE IL MURO DEL SILENZIO Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata

Dettagli

Albania, Croazia, Danimarca, * El Salvador, Israele, Perù, Filippine, Tailandia, Ucraina e Stati Uniti: bozza di risoluzione revisionata

Albania, Croazia, Danimarca, * El Salvador, Israele, Perù, Filippine, Tailandia, Ucraina e Stati Uniti: bozza di risoluzione revisionata Nazioni Unite Consiglio Economico e Sociale Rivisto E/CN.7/2012/L.8/Rev.1 Distribuzione Limitata 15 marzo 2012 Commissione stupefacenti 55ª sessione Vienna, 12-16 marzo 2012 Punto 6 (a) dell agenda Attuazione

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. A cura di Gian Piero Di Folco uff.stampa.difolco@farmacap.it

RASSEGNA STAMPA. A cura di Gian Piero Di Folco uff.stampa.difolco@farmacap.it RASSEGNA STAMPA A cura di Gian Piero Di Folco uff.stampa.difolco@farmacap.it Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Rubrica Primo Piano 41 Il Messaggero - Cronaca di Roma 11/06/2015 "MI HANNO

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

Rassegna Stampa. Co n stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata. Preliminare

Rassegna Stampa. Co n stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata. Preliminare Rassegna Stampa Preliminare Co n stampa Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Via Malta, 12/B 25124 Brescia Tel. 030 22 61 05 Fax 030 24 20 472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it www.intermedianews.tv

Dettagli

Il paziente e la ricerca: cosa sapere

Il paziente e la ricerca: cosa sapere Il paziente e la ricerca: cosa sapere 1 Perché è importante la ricerca? Negli ultimi decenni la ricerca scientifica ha conseguito importanti risultati nella lotta contro i tumori. La qualità e l eccellenza

Dettagli

LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite. Federazione Cure Palliative Onlus

LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite. Federazione Cure Palliative Onlus LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite Federazione Cure Palliative Onlus Cure Palliative - Definizione Le Cure Palliative sono la cura

Dettagli

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL.

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. CHE COS È FASE 1 SRL? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

4 Attualità. Martedì 5 febbraio 2013. Il dossier dell Aifa. Il dossier dell Aifa

4 Attualità. Martedì 5 febbraio 2013. Il dossier dell Aifa. Il dossier dell Aifa 4 Attualità Martedì 5 febbraio 2013 CAMPOBASSO. Gli italiani hanno acquistato, nei primi nove mesi del 2012, un totale di 1 miliardo e 368 milioni di confezioni di medicinali, per una media - ha calcolato

Dettagli

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere Studi clinici tutto quello che bisogna sapere Prefazione Questo opuscolo intende fornire ai pazienti, ai loro familiari e a tutti coloro che se ne prendono cura, gli elementi fondamentali per comprendere

Dettagli

Ospedali, hospice, assistenza domiciliare: una rete di servizi sensibili alla sofferenza. L Emilia-Romagna contro il dolore

Ospedali, hospice, assistenza domiciliare: una rete di servizi sensibili alla sofferenza. L Emilia-Romagna contro il dolore Ospedali, hospice, assistenza domiciliare: una rete di servizi sensibili alla sofferenza. L Emilia-Romagna contro il dolore Perch Perché la cura del dolore e della sofferenza Prendersi cura della persona

Dettagli

Rassegna Stampa. Conferenza stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata

Rassegna Stampa. Conferenza stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Rassegna Stampa Conferenza stampa TUMORE DEL PANCREAS, 1.200 NUOVE DIAGNOSI ALL ANNO IN CAMPANIA. NAPOLI È IN PRIMA FILA PER SOSTENERE LA PREVENZIONE Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Via

Dettagli

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA COMUNICATO STAMPA PER L 8 MARZO TANTI GIOVANI SI SONO CONFRONTATI SUL TEMA DELLA VIOLENZA SULLE DONNE CON L INIZIATIVA DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PARI OPPORTUNITA, DI AMNESTY INTERNATIONAL E DELL L

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Domenica, 14.09.2014. Il Secolo XIX - Ed. Levante. La Repubblica 1 La giungla dell eterologa dai ticket ai limiti d età le Regioni

RASSEGNA STAMPA. Domenica, 14.09.2014. Il Secolo XIX - Ed. Levante. La Repubblica 1 La giungla dell eterologa dai ticket ai limiti d età le Regioni RASSEGNA STAMPA Domenica, 14.09.2014 Il Secolo XIX - Ed. Levante 1 Regioni, il piano: l esenzione ticket scatterà a 67 anni La Repubblica 1 La giungla dell eterologa dai ticket ai limiti d età le Regioni

Dettagli

ASSOCIAZIONE CURE PALLIATIVE ONLUS BERGAMO

ASSOCIAZIONE CURE PALLIATIVE ONLUS BERGAMO CURE PALLIATIVE Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite ASSOCIAZIONE CURE PALLIATIVE ONLUS BERGAMO Aderente alla Federazione Cure Palliative Onlus

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Le cure palliative domiciliari

Le cure palliative domiciliari Le cure palliative domiciliari Associazione per l Assistenza Domiciliare Oncologica - ONLUS VERONA Medicina palliativa...il meglio possibile, quando tutto ormai sembra impossibile... CHE COSA SONO LE CURE

Dettagli

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI Luca Sinigallia Il Borgo Onlus Presentazione Con questo breve e sintetico rapporto di ricerca si intendono proiettare

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

ASSISTENZA HOSPICE: UNA NUOVA REALTA NELL ASL BT

ASSISTENZA HOSPICE: UNA NUOVA REALTA NELL ASL BT ASSISTENZA HOSPICE: UNA NUOVA REALTA NELL ASL BT G. Lella (1), F. V. Rizzi (2), C. Crapolicchio (1), L. N. Visaggio (1), D. Ancona (2) 1. Servizio di Farmacovigilanza; 2. Area Gestione Servizio Farmaceutico

Dettagli

INFORMAZIONI PRELIMINARI PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI PAZIENTI CON MALATTIE NEUROMUSCOLARI - ONLUS

INFORMAZIONI PRELIMINARI PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI PAZIENTI CON MALATTIE NEUROMUSCOLARI - ONLUS INFORMAZIONI PRELIMINARI PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI PAZIENTI CON MALATTIE NEUROMUSCOLARI - ONLUS Prima di iscriversi alla scheda di malattia del presente Registro, è importante capire di cosa si

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

ANALISI E PROPOSTE PER IL CONTENIMENTO DELLA SPESA SANITARIA E LA RICOSTITUZIONE DEL FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

ANALISI E PROPOSTE PER IL CONTENIMENTO DELLA SPESA SANITARIA E LA RICOSTITUZIONE DEL FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA ANALISI E PROPOSTE PER IL CONTENIMENTO DELLA SPESA SANITARIA E LA RICOSTITUZIONE DEL FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA SINTESI PER LA STAMPA Intervento del Prof. Emilio Mortilla Presidente Ageing Society-Osservatorio

Dettagli

richiesta scritta del medico, dove sono indicate le medicine da comprare

richiesta scritta del medico, dove sono indicate le medicine da comprare Modulo Assistenza familiare Unità 2 Servizi Sanitari e Farmaci CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere un testo che dà informazioni sulla ricetta medica del servizio sanitario nazionale parole

Dettagli

Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino

Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino Tribunale per i diritti del malato Cittadinanzattiva Francesca Moccia Benevento, 20 ottobre 2006 Cittadinanzattiva - Movimento di partecipazione civica che

Dettagli

PRESENTAZIONE OPUSCOLO. Patologie oncologiche e invalidanti. Quello che è importante sapere per le lavoratrici e i lavoratori.

PRESENTAZIONE OPUSCOLO. Patologie oncologiche e invalidanti. Quello che è importante sapere per le lavoratrici e i lavoratori. PRESENTAZIONE OPUSCOLO Patologie oncologiche e invalidanti. Quello che è importante sapere per le lavoratrici e i lavoratori Roma 19 aprile 2012 Sala D Antona Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi 3 per Toscana: la Salute Il controllo e la cura del dolore Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi a questo fondamentale principio etico, il Progetto speciale Il controllo e la cura del

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI:

DIVENTARE GENITORI OGGI: In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: ASPETTI MEDICO-SANITARI Sintesi della ricerca Roma, 2 aprile 2015 Che il nostro Paese viva un problema di scarsa natalità è un opinione che la grande parte

Dettagli

Lotta alla produzione industriale di marijuana tra miti, coperture e dubbi. G. M. Zanini Convegno internazionale sulla canapa Lugano, 10 ottobre 2003

Lotta alla produzione industriale di marijuana tra miti, coperture e dubbi. G. M. Zanini Convegno internazionale sulla canapa Lugano, 10 ottobre 2003 Lotta alla produzione industriale di marijuana tra miti, coperture e dubbi G. M. Zanini Convegno internazionale sulla canapa Lugano, 10 ottobre 2003 Panoramica sulla canapa e i suoi derivati 1. la pianta

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei Consigliere Pettenò MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI FARMACI E DELLE PREPARAZIONI GALENICHE A BASE DI CANNABINOIDI

Dettagli

LES una Patologia spesso trascurata

LES una Patologia spesso trascurata Gruppo Italiano per la lotta contro il LES XXIX Congresso Sezione S.I.A.I.C. Toscana, VIII Congresso Sezione S.I.A.I.C. Toscana, Emilia Romagna e San Marino, I Congresso Sezione S.I.A.I.C. Umbria e Marche

Dettagli

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO.

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. SABATO 21 E DOMENICA 22 NOVEMBRE Centro d Abruzzo Ipercoop San Giovanni Teatino www.centrodabruzzo.com Chi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CHIAVACCI, BRUNALE, DAMERI. Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per pazienti terminali

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CHIAVACCI, BRUNALE, DAMERI. Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per pazienti terminali Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5951 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CHIAVACCI, BRUNALE, DAMERI Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per pazienti

Dettagli

DONAZIONE e TRAPIANTO di ORGANI e di TESSUTI

DONAZIONE e TRAPIANTO di ORGANI e di TESSUTI DONAZIONE e TRAPIANTO di ORGANI e di TESSUTI A cura del Coordinatore Locale Donazione e Trapianti Asl 1 dott. Ezio Szorenyi I TRAPIANTI NON ESISTONO SENZA DONAZIONI Ad oggi non è possibile sostituire un

Dettagli

Quotidiani. Marijuana a Montecitorio, Modavi: sconcerto Radicali

Quotidiani. Marijuana a Montecitorio, Modavi: sconcerto Radicali Quotidiani Marijuana a Montecitorio, Modavi: sconcerto Radicali 9 NOVEMBRE 2012 15:58 Roma LA manifestazione odierna dei Radicali italiani è sconcertante questo il grido d allarme lanciato dal Movimento

Dettagli

MEDICINA DEL DOLORE E TERAPIA ANTALGICA

MEDICINA DEL DOLORE E TERAPIA ANTALGICA STRUTTURA SEMPLICE DIPARTIMENTALE MEDICINA DEL DOLORE E TERAPIA ANTALGICA legge 38/2010 AOU San Luigi Gonzaga - Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Medicina del Dolore e Terapia Antalgica Tel.

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

OGGETTO: Morfina nel trattamento del dolore dei terminali.

OGGETTO: Morfina nel trattamento del dolore dei terminali. MINISTERO DELLA SANITA' DIPARTIMENTO VALUTAZIONE MEDICINALI E FARMACOVIGILANZA UFFICIO CENTRALE STUPEFACENTI N. 800.UCS/AG1/2255 MORFINA NEL TRATTAMENTO DEL DOLORE DEI PAZIENTI TERMINALI ZZZZ Roma, 20-4-2000

Dettagli

SANITÀ. SIFO: I MIGRANTI NON PESANO SULLA SPESA FARMACEUTICA

SANITÀ. SIFO: I MIGRANTI NON PESANO SULLA SPESA FARMACEUTICA Newsletter Sanità http://www.direnews.it/newsletter_sanita/anno/2011/ottobre/20/?news=04 Pagina 1 di 2 20/10/2011 SANITÀ. SIFO: I MIGRANTI NON PESANO SULLA SPESA FARMACEUTICA "IL 50% DEGLI STRANIERI CONSUMA

Dettagli

ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA. Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com

ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA. Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com ADOSITALIA ADOS = Associazione Donne Operate al Seno Siamo un associazione di

Dettagli

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B,

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B, Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Hai lavorato tanto e adesso ti si prospettano diversi mesi in cui potrai rilassarti in vista della prossima estate. Sarebbe bello se fosse così semplice,

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

La sanità nella manovra Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida

La sanità nella manovra Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida La sanità nella manovra Finanziaria 2008 La sanità nella manovra Finanziaria 2008/1 Più risorse per i livelli essenziali di assistenza e cresce il Fondo per i non autosufficienti Potenziato il piano pluriennale

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Senatore Manconi

DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Senatore Manconi DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Senatore Manconi Modifiche al testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, concernenti l uso terapeutico della cannabis sativa

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

Boehringer Ingelheim. Obiettivo salute

Boehringer Ingelheim. Obiettivo salute Boehringer Ingelheim Obiettivo salute 124 anni di esperienza al servizio della salute Presente in 47 paesi con oltre 41.000 dipendenti Sedi Boehringer Ingelheim nel mondo Tra le prime 20 aziende farmaceutiche

Dettagli

AGENPARL STAMINALI: METODO STAMINA, INCONGRUITA' TUTTA ITALIANA

AGENPARL STAMINALI: METODO STAMINA, INCONGRUITA' TUTTA ITALIANA AGENPARL STAMINALI: METODO STAMINA, INCONGRUITA' TUTTA ITALIANA - Roma 11 giu - Le cellule staminali possono rappresentare una possibile opzione terapeutica per diverse malattie di vari organi e apparati

Dettagli

(10) Legalizzazione delle droghe. La posizione di Garattini e di altri opinionisti scientifici

(10) Legalizzazione delle droghe. La posizione di Garattini e di altri opinionisti scientifici (10) Legalizzazione delle droghe. La posizione di Garattini e di altri opinionisti scientifici S ilvio Garattini, da oltre 40 anni dirige l Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, uno dei massimi

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

IDEE PER LA SANITA PROF. VITO D ANDREA

IDEE PER LA SANITA PROF. VITO D ANDREA IDEE PER LA SANITA PROF. VITO D ANDREA Il Servizio Sanitario Nazionale Italiano è universale e garantisce a tutti l assistenza sanitaria gratuita, fondandosi sulla medicina di famiglia, sulla continuità

Dettagli

La Fondazione Floriani Francesca Crippa Floriani

La Fondazione Floriani Francesca Crippa Floriani La Fondazione Floriani Francesca Crippa Floriani Il Volontario per la Salute e per la Famiglia Piazza Duca D Aosta, 3 Palazzo Pirelli Auditorium Gaber Milano, 5 dicembre 2014 Era una sera del 1976. Floriani,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato RAISI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato RAISI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 639 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato RAISI Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per i pazienti terminali Presentata

Dettagli

L arte dell assistere per accompagnare: Il bisogno dei Pazienti

L arte dell assistere per accompagnare: Il bisogno dei Pazienti Corso specialistico Assistenti familiari per Pazienti con malattie avanzate e/o terminali Cascina Brandezzata - Milano 24 Gennaio 2015 L arte dell assistere per accompagnare: Il bisogno dei Pazienti Dr.

Dettagli

Convegno Risk Management vs Health Technology Assessment&Horizon Scanning. Ottobre/ Novembre/ Dicembre 2010

Convegno Risk Management vs Health Technology Assessment&Horizon Scanning. Ottobre/ Novembre/ Dicembre 2010 Convegno Risk Management vs Health Technology Assessment&Horizon Scanning Ottobre/ Novembre/ Dicembre 2010 Il Mattino 25 ottobre 2010 Giornale di Napoli 25 ottobre 2010 Corriere del Mezzogiorno 27 ottobre

Dettagli

E la vostra salute Siate coinvolti

E la vostra salute Siate coinvolti E la vostra salute Siate coinvolti Il finanziamento per questo progetto e stato fornito dal Ministero della Sanita e dell Assistenza a Lungo Termine dell Ontario www.oha.com 1. Siate coinvolti nella cura

Dettagli

Il Contributo Delle Associazioni Dei Genitori. Alla Gestione Del Dolore Dei Bambini In Ospedale: L esperienza di ASEOP.

Il Contributo Delle Associazioni Dei Genitori. Alla Gestione Del Dolore Dei Bambini In Ospedale: L esperienza di ASEOP. Il Contributo Delle Associazioni Dei Genitori Alla Gestione Del Dolore Dei Bambini In Ospedale: L esperienza di ASEOP Erica Andreotti ASEOP ONLUS ASSOCIAZIONE SOSTEGNO EMATOLOGIA ONCOLOGIA PEDIATRICA ASEOP

Dettagli

Definizione di Farmaco

Definizione di Farmaco Ordine dei Farmacisti Pesaro & Urbino Scuola Media Virgilio, Roma Martedì 6 marzo 2012 I farmaci: istruzioni per l uso Definizione di Farmaco Sostanza esogena, organica o inorganica, naturale o sintetica,

Dettagli

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer Gruppo di studio SIGG LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA VITA la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer evelina bianchi Firenze 53 Congresso nazionale SIGG 2008 Firenze 53 congresso SIGG evelina

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello 1

Università per Stranieri di Siena Livello 1 Unità 4 In farmacia In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su dove comprare i medicinali parole relative alla farmacia e all uso corretto dei farmaci l uso dei verbi servili

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

I ritmi di vita imposti dalla società moderna talvolta non permettono di dedicare alle persone che si amano tutto il tempo e le attenzioni dovute.

I ritmi di vita imposti dalla società moderna talvolta non permettono di dedicare alle persone che si amano tutto il tempo e le attenzioni dovute. I ritmi di vita imposti dalla società moderna talvolta non permettono di dedicare alle persone che si amano tutto il tempo e le attenzioni dovute. Frequentemente siamo costretti ad affidare i nostri cari

Dettagli

Puglia: dolore oncologico, tappa a Bari per progetto Behta. Progetto Behta_Terapia del dolore_corso per medici. 1.309.

Puglia: dolore oncologico, tappa a Bari per progetto Behta. Progetto Behta_Terapia del dolore_corso per medici. 1.309. RASSEGNA STAMPA aggiornata al 27 Aprile 2012 Rassegna stampa PROGETTO BEHTA, SPECIALISTI DEL DOLORE RIUNITI OGGI A BARI PER FORMARSI ED INFORMARE SUL BREAKTHROUGH CANCER PAIN " Bari, 26 Aprile 2012 Testata

Dettagli

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Sintesi dei risultati di ricerca Preparata per O.N.Da Milano, 20 gennaio 2011 SCENARIO E OBIETTIVI

Dettagli

Da dove cominciare? Dalla mia Tesi

Da dove cominciare? Dalla mia Tesi Il TdP incontra gli ex esposti all Amianto: una Storia fatta di Persone Oristano 27 maggio 2011 M. FADDA - Asl Oristano Da dove cominciare? Dalla mia Tesi Mentre costruivo la mia Tesi di Laurea non immaginavo

Dettagli

richiesta scritta del medico, dove sono indicate le medicine da comprare

richiesta scritta del medico, dove sono indicate le medicine da comprare Modulo Assistenza familiare Unità 2 Servizi Sanitari e Farmaci In questa unità imparerai: a comprendere un testo che dà informazioni sulla ricetta medica del servizio sanitario nazionale parole relative

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli