Cannabis, è ora di piantarla?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cannabis, è ora di piantarla?"

Transcript

1 150 IL LEGNO STORTO n. 3 Maggio-Giugno 2002 Cannabis, è ora di piantarla? S. PINATO Farmacista, Servizio Farmaceutico Territoriale ULSS 20 di Verona E. MOSELE Farmacista, Farmacia Ospedaliera ULSS 4 di Thiene La scoperta del sistema cannabinoide endogeno ha rinnovato l interesse della comunità scientifica per la Cannabis. L attività terapeutica che le viene attribuita spazia dalla terapia del dolore acuto e cronico al trattamento della nausea e del vomito indotti dalla chemioterapia. La marijuana viene proposta anche come stimolante dell appetito in pazienti affetti da AIDS, per il trattamento dell emicrania, dell epilessia e dei disordini del movimento associati al morbo di Parkinson, per ridurre la pressione intraoculare nel glaucoma e nel trattamento della spasticità muscolare associata a sclerosi multipla o a danno spinale 1. In questo articolo riportiamo gli aspetti più rilevanti che segnano il dibattito sull uso terapeutico di Cannabis: le evidenze in termini di efficacia e di tollerabilità e le prese di posizione in merito alla sua legalizzazione. Denominazione Cannabis sativa var. Indica (famiglia delle Moracee, ordine delle Urticacee). Droga Infiorescenze femminili e loro brattee dove si trovano le ghiandole che secernono la resina. PREPARAZIONE PARTI IMPIEGATE VIA DI SOMM. % THC MARIJUANA Preparazione mista: sommità fiorite + foglie Fumata ~ 1% Orale (in India BHANG Preparazione mista: il bhang è usato sommità fiorite + foglie come bevanda ~ 1% mescolato al latte) Resina + brattee GANJA delle infiorescenze Fumata ~ 3% femminili HASHISH Resina pura Fumata ~ 5% OLIO Resina concentrata Fumata ~ 30% Meccanismo d azione Sono stati identificati due distinti recettori per la Cannabis, il recettore CB1 espresso sui neuroni centrali e periferici 2, e il recettore CB2 presente a livello delle cellule del sistema immunitario 3. Non tutti gli effetti farmacologici dei cannabinoidi sono legati alla loro interazione con i recettori CB1 e CB2 ma la stimolazione dei recettori CB1 ne spiega la maggior parte. Questi recettori sono fisiologicamente attivati dagli endocannabinoidi ed in particolare dall anandamide, un derivato dell acido arachidonico 4,5. Principi attivi Un insieme di circa 70 componenti indicati con il termine di cannabinoidi di cui il 9 tetraidrocannabinolo è il più abbondante. I derivati cannabinoidi valutati negli studi clinici sono stati: PRINCIPIO ATTIVO CARATTERISTICHE 9 THC Costituente più abbondante e maggiormente responsabile dell attività della pianta. Benzopiranoperidina Analogo sintetico azotato del 9 THC. Dronabinolo THC sintetico. In commercio in Germania, (Marinol ) Olanda e negli USA 5. Derivato di sintesi con proprietà farmacologiche Levonantradolo simili al 9 THC ma più potente. Disponibile per usi sperimentali e non in commercio 5. Nabilone Derivato sintetico con proprietà farmacologiche (Cesamet simili al THC. ) In commercio in Gran Bretagna e Canada 5. Estratto naturale Prodotto dall European Institute for di Cannabis Oncology and Immunological Research (Cannador ) di Berlino. Impieghi terapeutici supportati da evidenze scientifiche - terapia del dolore; - nausea indotta da chemioterapia; in attesa di evidenze - spasmi muscolari da sclerosi multipla o lesioni del midollo spinale; - stimolazione dell appetito in pazienti con sindrome da deperimento causata dall AIDS; - glaucoma; - asma bronchiale; - epilessia; - disturbi dell umore e condizioni psichiatriche; - artrite reumatoide; - patologie neurodegenerative. Reazioni avverse - distorsione della percezione spazio-tempo, allucinazioni; - euforia, paranoia, disforia, depressione; - vertigini; - alterazioni temporanee del quoziente intellettivo senza effetti negativi a lungo termine 6 ; - sedazione, sonnolenza; - ipotensione.

2 n. 3 Maggio-Giugno 2002 IL LEGNO STORTO 151 GLI STUDI CLINICI Trattamento del dolore Una revisione sistematica ha cercato di stabilire se la Cannabis possa essere una valida alternativa, in termini di efficacia e di sicurezza, nella terapia del dolore. Sono stati considerati 9 studi clinici, per un totale di 222 pazienti randomizzati al trattamento con cannabinoidi ( 9 THC 5-20 mg per os, un derivato sintetico del THC 1-4 mg per os, levonantradolo 1,5-3 mg im, benzopiranoperidina 2-4 mg per os) vs codeina ( mg) o vs placebo. I pazienti arruolati erano affetti da dolore neoplastico, da dolore cronico non maligno o da dolore acuto post-operatorio. Nei 2 studi clinici che hanno valutato in 36 soggetti il trattamento del dolore acuto post-operatorio, levonantradolo è risultato superiore a placebo ma non più efficace di codeina 7. Dei 5 studi clinici, in dose singola, condotti su un totale di 128 pazienti con dolore neoplastico, 4 hanno dimostrato una non superiorità dei derivati della Cannabis su codeina, e un effetto analgesico superiore a placebo, con effetti avversi dose limitanti I trattamenti hanno confrontato: THC per os 10 mg e 20 mg vs codeina 60 mg e 120 mg, il derivato sintetico di THC per os 4 mg vs codeina 50 mg e vs placebo e THC 5-20 mg vs palcebo. In uno degli studi, benzopiranopiridina (2-4 mg) è risultata non efficace rispetto né a codeina ( mg) né a placebo 11. Gli unici 2 studi condotti in pazienti con dolore cronico non maligno hanno coinvolto 1 paziente ognuno (n of 1 trial). Né THC né placebo hanno dato sollievo ad un soggetto con dolori addominali correlati a Febbre Familiare Mediterranea, ma in seguito all assunzione di THC è stata registrata una minore richiesta di morfina 12. Simile è stata l azione di THC (5 mg) nel ridurre il dolore neuropatico rispetto a codeina (50 mg) ma solo THC ha comportato una diminuzione della spasticità secondaria a ependimoma spinale 13. L uso terapeutico dei cannabinoidi è risultato fortemente limitato dagli effetti sulla psiche 14 quali ansia e attacchi di panico, paranoia e riduzione delle capacità cognitive e psicomotorie e dai suoi effetti fisici 15 che includono bocca secca, visione offuscata, palpitazioni, tachicardia e ipotensione posturale. I derivati della Cannabis hanno dimostrato una attività analgesica al massimo equivalente a codeina. Un unico interessante ambito d azione sembra essere il trattamento della spasticità e del dolore neuropatico per i quali il bisogno terapeutico è, oltretutto, maggiore rispetto al dolore postoperatorio 16. Critiche sono arrivate alla redazione del British Medical Journal che ha pubblicato questa revisione: nessuno studio ha valutato gli effetti analgesici di marijuana intera. La necessità di studi clinici che considerino la Cannabis e non i suoi derivati è stata affermata anche dalla comuni- 17, 18 tà scientifica internazionale in quanto sembrano esserci evidenze che gli estratti di Cannabis abbiano un più favorevole profilo di tollerabilità rispetto ai suoi derivati di sintesi 17. La maggior parte degli studi ha considerato la somministrazione orale dei derivati della marijuana, ma l effetto di primo passaggio secondario alla somministrazione per os potrebbe limitarne l effetto terapeutico, visto che gli effetti positivi vengono riferiti in seguito ad inalazione. Attività antiemetica In un altra revisione sistematica è stata quantificata l attività antiemetica e gli effetti avversi dei derivati della Cannabis in soggetti sottoposti a chemioterapia 19. Nessuno studio ha valutato gli effetti antiemetici del fumo di marijuana. Nabilone per os 20, 21, dronabinolo per os 22, 23 e levonantradolo im sono stati confrontati con procloperazina, metoclopramide, clorpromazina, tietilperazina, aloperidolo, domperidone o alizapride in 30 RCT condotti su un totale di pazienti. L end point primario ha valuato l efficacia antiemetica mentre come end point secondario è stato considerato il numero di soggetti che, al termine dello studio, hanno espresso preferenza per la Cannabis per futuri cicli di terapia. Tutti i cannabinoidi si sono dimostrati in assoluto più efficaci nel controllo della nausea e del vomito (NNT=6 e NNT=8, rispettivamente) in seguito a chemioterapia mediamente ematogenica mentre nessuna superiorità è stata dimostrata in soggetti sottoposti a chemioterapie poco o molto ematogeniche. La preferenza dell uso dei derivati di Cannabis per i cicli terapeutici successivi oscillava tra il 38% e il 90%. Effetti avversi si sono avuti più spesso con cannabinoidi: euforia, stanchezza, sonnolenza ma anche depressione, disforia, allucinazioni, paranoia e ipotensione arteriosa. Nessuno studio ha confrontato, però, i cannabinoidi con gli antagonisti del recettore della 5-idrossitriptamina, che rappresentano la terapia standard nella prevenzione della nausea e del vomito indotti da chemioterapia; tali studi di confronto sembrano, comunque, necessari per poter eliminare le incertezze sull indicazione dei cannabinoidi come antiemetici

3 152 IL LEGNO STORTO n. 3 Maggio-Giugno 2002 IN ATTESA DI EVIDENZE SCIENTIFICHE Sclerosi Multipla Numerosi case report descrivono sintomatici benefici in pazienti affetti da sclerosi multipla, sul piano della spasticità muscolare, della coordinazione motoria, dell equilibrio e dei disturbi della vescica in seguito all assunzione di Cannabis Tali testimonianze trovano supporto scientifico in alcuni studi clinici che arruolano pochi pazienti ma che sembrano fornire evidenze di efficacia Chiarimenti si attendono da uno studio clinico su larga scala 32, finanziato dal Medical Research Council inglese, iniziato nel 1999 e che si concluderà alla fine del Si tratta di uno studio multicentrico, in doppio cieco contro placebo che coinvolge 660 pazienti randomizzati al trattamento con un cannabinoide sintetico, il dronabinolo (Marinol ), o con un estratto naturale di Cannabis (Cannador ) prodotto dall European Institute for Oncology and Immunological Research di Berlino. Sindrome da deperimento in pazienti affetti da HIV Esperienze aneddotiche riportano l utilità del fumo di marijuana nel trattamento dell anoressia e della perdita di peso associate ad infezione da HIV 33, 34. Studi condotti su volontari sani hanno dimostrato un aumento del peso corporeo e dell appetito 35, 36, ma nessun trial ha coinvolto pazienti affetti da AIDS. Emicrania Marijuana è stata proposta molte volte per il trattamento dell emicrania ma pochi dati sono disponibili per avvalorare questo uso terapeutico di Cannabis. Una possibile relazione tra cannabinoidi ed emicrania può essere l abbondanza di recettori per i cannabinoidi a livello della regione periacqueduttale del cervello, parte del sistema nervoso adibita alla soppressione del dolore e che si pensa sia coinvolta nella generazione dell emicrania 37. Glaucoma L applicazione oculare di preparati a base di THC sembra potersi rivelare efficace nell abbassare la pressione dell occhio senza creare pericolosi effetti collaterali 38 ; al contrario l assunzione di THC per os 39 o di marijuana per via inalatoria 40, 41 non possono essere raccomandate per il trattamento del glaucoma, dal momento che il dosaggio richiesto per avere l effetto terapeutico è causa di importanti effetti avversi. IL CASO E LA LEGGE In Italia... Per la prima volta in Italia, un magistrato ha ordinato ad una ASL di fornire provvisoriamente e gratuitamente ad uso terapeutico medicinali a base di Cannabis. È quanto è successo in provincia di Venezia a metà del mese di marzo, a favore di una malata terminale di cancro per lenire i dolori non più alleviati dalle sostanze analgesiche in commercio. Ed è stato solo l inizio di una serie di prese di posizione ufficiali da parte del Ministero della Salute e degli organi amministrativi italiani. In risposta all ordinanza del magistrato veneziano, il Ministero della Salute ha emanato due Comunicati nei quali viene precisato che nessun medicinale contenente derivati di Cannabis risulta autorizzato in Italia, né vi è stata alcuna comunicazione di sperimentazione approvata a questo scopo 42 e che, sebbene dalla letteratura scientifica internazionale non ci sia prova che la Cannabis abbia effetti analgesici superiori alle alternative in commercio, il Ministro non è contrario a sperimentazioni che portino ai pazienti benefici effetti antidolorifici 43. Si sono schierate a favore della regolamentazione dell utilizzo medico della Cannabis anche la Provincia di Teramo, la Regione Piemonte e la Regione Lombardia. Il Consiglio Provinciale di Teramo ha approvato una proposta di legge da presentare al Governo e all Istituto Superiore di Sanità affinché venga formalizzato un percorso di ricerca e di sperimentazione sull uso terapeutico della Cannabis e dei suoi derivati, chiedendo al Parlamento di approvare una normativa che ne regolamenti l uso medico. In Italia Cannabis e cannabinoidi sono presenti nella Farmacopea Ufficiale Italiana alle tabelle I e II (box 1). Box 1 FARMACOPEA UFFICIALE ITALIANA ED. X TAB. I - i tetraidrocannabinoli e i loro analoghi; - le preparazioni contenenti le sostanze sopra riportate. TAB. II - la Cannabis indica, i prodotti da essa ottenuti, le sostanze ottenibili per sintesi o semisintesi che siano ad essa riconducibili per struttura chimica o per effetto farmacologico, ad eccezione di quelle iscritte in tabella I; - le preparazioni contenenti le sostanze sopra riportate.

4 n. 3 Maggio-Giugno 2002 IL LEGNO STORTO 153 nel mondo La diatriba tra legalizzazione per usi terapeutici e messa al bando della Cannabis è presente anche oltre Oceano: negli Stati Uniti sebbene le leggi federali ne vietino la libera distribuzione in quanto sostanza stupefacente, in 9 Stati la Cannabis è consentita per usi terapeutici 44. Il New England Journal of Medicine ha pubblicato nel 1997 una sostenuta difesa dell uso terapeutico della Cannabis: viene definito illogico e non motivato proibire ai pazienti di fumare marijuana per lenire le sofferenze associate a cancro, AIDS e altre devastanti patologie; gli effetti collaterali della Cannabis e l eventuale dipendenza non sembrano così importanti per pazienti che non hanno nessuna speranza di guarigione. Inoltre, sembra ipocrita vietare la prescrizione di Cannabis quando è autorizzata la prescrizione di morfina e meperidina per la dispnea e il dolore. Questi farmaci presentano un ristretto margine terapeutico mentre non c è alcun rischio di morte associato al fumo di marijuana 45. In Canada, dopo una serie di battaglie legali sostenute dai malati, dalla fine di luglio 2001, è entrato in vigore un progetto di accesso alla marijuana che è prescrivibile dai medici come analgesico per malati cronici o terminali. Il Canada risulta essere il primo paese al mondo a produrre in proprio la marijuana da impiegare per scopi terapeutici e che viene coltivata in una piantagione gestita dalle autorità di Governo 46. In Europa, Germania e Olanda hanno già autorizzato la Cannabis ad uso terapeutico mentre in Gran Bretagna la commissione governativa sull abuso delle droghe ha proposto di riclassificare la Cannabis nella categoria C, la stessa delle amfetamine 47. I risultati delle due revisioni sistematiche pubblicate dal British Medical Journal non aiutano a chiarire le perplessità sull uso terapeutico della marijuana. Evidenze scientifiche non convincenti e studi che considerano derivati della Cannabis poco efficaci e tossici continuano a scontrarsi con le testimonianze di chi, fumando Cannabis, trova sollievo in patologie devastanti. Dallo studio su malati di sclerosi multipla, che terminerà a fine 2002, e dall uso terapeutico legalizzato in Canada e in alcuni paesi europei si attendono informazioni scientificamente valide che possano supportare il ruolo terapeutico di questa discussa pianta. Nel frattempo sembra necessario sviluppare e investigare nuovi derivati cannabinoidi che mostrino un migliore profilo rischio/beneficio rispetto a quelli fin qui considerati e avviare studi clinici che valutino la Cannabis intera e che ne definiscano le reali potenzialità, visto che assenza di evidenze di efficacia non equivale ad evidenze di assenza di efficacia 16. BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO 1. Mechoulam R, Ben-Shabat S, Hanus L, Ligumsky M, Kaminski NE, Schatz AR et al. Identification of an endogenous 2-monoglyceride, present in canine gut, that binds to cannabinoid receptors. Boichem Pharmacol 1995; 50: Matsuda LA, Lolait SJ, Brownstein MJ, Young AC, Bonner TI: Structure of a Cannabinoid receptor and functional expression of the cloned DNA. Nature 1990; 346: Munro S, Thoms KL, Abu-Shaar M: Molecular characterization of a peripheral receptor for cannabinoids. Nature 1993; 365: Joy JE et al. Marijuana and Medicine: Assessing the Science Base Institute of Medicine, Karniol British Medical Association Staff. Therapeuthic uses of Cannabis. Gordon & Breach Science Pub, Fried P, Watkinson B, James D, Gray R. Current and former marijuana use: preliminary findings of a longitudinal study of effects on IQ in young adults. CMAJ 2002; 166 (7): Jain AK, Ryan JR, McMahon FG, Smith G. Evaluation of intramuscular levonantradol and placebo in acute postoperative pain. J Clin Pharmacol 1981; 21 (8 9): Noyes Jr R, Brunk SF, Baram DA, Canter A. Analgesic effect of delta-9-tetrahydrocannabinol. J Clin Pharmacol 1975; 15: Noyes Jr R, Brunk SF, Avery DAH, Canter AC. The analgesic properties of delta-9-tetrahydrocannabinol and codeine. Clin Pharmacol Ther ; 18: Staquet M, Gantt C, MAchin D. Effect of a nitrogen analog of tetrahydrocannabinol on cancerpain. Clin Pharmacol Ther 1978; 23: Jochimsen PR, Lawton RL, VerSteeg K, Noyes Jr R. Effect of benzopyranoperidine, a delta-9-thc congener, on pain. Clin Pharmacol Ther 1978; 24: Holdcroft A, Smith M, Jacklin A, Hodgson H, Smith B, Newton M et al. Pain relief with oral cannabinoids in familial Mediterranean faver. Anaesthesia 1997; 52: Maurer M, Henn V, Dittrich A, Hofmann A. Delta-9-tetrahydrocannabinol shows antispastic and analgesic effects in a single case double-blind trial. Eur Arch Psychiatry Clin Neurosci 1990; 240: Tramèr MR, Carroll D, Campbell FA, Reynolds DJM, Moore Ra, McQuay HJ. Cannabinoids for control of chemotherapy-induced and vomiting: quantitative systematic review. BMJ 2001; 323: Ashton CH. Adverse effects of cannabis and cannabinoids. Br J Anaesth 1999; 83: Campbell FA, Tramèr MR, Carroll D, Reynolds DJM, Moore RA, McQuay HJ. Are cannabinoids an effective and safe treatment option in the management of pain? A qualitative systematic review. BMJ 2001; 323: House of Lords. Cannabis: the Scientific and Medical Evidence. Ninth Report from the Select Committee on Scientce and Technology. London: The Stationery Office, Joy JE, Watson SJ Jr, Benson JA. Matijuana and Medicine: Assessing the Science Base. Washington DC: National Academy Press Tramèr MR, Carroll D, Campbell FA, Reynolds DJM, Moore RA. Cannabinoids for control of chemotherapy induced nausea and vomiting: quantitative systematic review. BMJ 2001; 323: Chan HS, Correia JA, MacLeod SM. Nabilone versus prochlorperazine for control of cancer chemotherapy-induced emesis in children: a double-blind, crossover trial. Pediatrics 1987; 79: Einhorn LH, Nagy C, Furnas B, Williams SD. Nabilone: an effective antiemetic in patients receiving cancer chemotherapy. J Clin Pharmacol 1981; 21: Kluin-Nelemen JC, Nelemen FA, Mauwissen OJAT, Maes RAA. Delta-9-tetrahydrocannabinol (THC) as an antiemetic for patients receiving cancer chemotherapy: a double blind cross-over trial against placebo. Vet Hum Toxicol 1979; 21: McCabe M, Smith FP, Macdonald JS, Woolley PV, Goldberg D. Efficacy of te-

5 154 IL LEGNO STORTO n. 3 Maggio-Giugno 2002 trahydrocannabinol in patients refractory to standard antiemetic therapy. Invest New Drugs 1988; 6: Voth EA, Schwartz RH. Medicinal applications of delta-9-tetrahydrocannibinol and marijuana. Ann Intern Med 1997; 127: Nelson KA, Walsh D, Sheehan FA. The cancer-anorexia cachexia syndrome. J Clin Oncol 1994; 12: Meek C. Doctors want cannabis prescriptions allowed. BMA News Review 1994: Belknap S. Commentary on Review: Delta-9-tetrahydrocannabinol is effective in alleviating cancer chemotherapy induced nausea. ACP J Club 1997; Nov-Dec; 127: 65. Comment on: Voth EA, Schwartz RH. Medicinal applications of delta-9-tetrahydrocannibinol and marijuana. Ann Intern Med 1997; 127: Gilbert PE. A comparison of THC, nantradol, and morphine in the chronic spinal dog. J Clin Pharmacol 1981; 21: Ho BT, Johnson KM. Sites of neurochemical action delta-9-tetrahydrocannabinol: interaction with reserpine. Nahas GG, Paton WDM, Idaanpaan-Heikkila JE. Marihuana chemistry, biochemistry, and cellular effects. Spinger. New York Berlin Heidelberg 1976: Howes JF, Osgood PF. Cannabinoids and inhibition of prostaglandin synthesis. Nahas GG, Paton WDM, Idaanpaan-Heikkila JE. Marihuana chemistry, biochemistry, and cellular effects. Spinger. New York Berlin Heidelberg 1976: Duun M, Davis R. The perceived effects of marijuana on spinal cord injured males. Paraplegia 1974; 12: The Pharmaceutical Journal 1999; 263: Clarke RC Marijuana Botany An Advanced Study: The Propagation and Breeding of Distinctive Cannabis. Berkeley, CA: Ronin Publishing. 34. Grinspoon L, Bakalar JB Marijuana: The Forbidden Medicine. New Haven: Yale University Press. 35. Foltin RW, Fischman MW, Byrne MF Effects of smoked marijuana on food intake and body weight of humans living in a residential laboratory. Appetite 11: Mattes RD, Engelman K, Shaw LM, Elsohly MA Cannabinoids and appetite stimulation. Pharmacology, Biochemistry and Behavior 49: Goadsby PJ, Gundlach AL Localization of [3H]-dihydroergotamine binding sites in the cat central nervous system: Relevance to migraine. Annals of Neurology 29: Merrit JC, Perry DD, Rossell DN et al. Topical Delta-9-.THC and aqueous dynamics in glaucoma. J Clin Pharmacol 1981; Tiedeman JS, Shilds MB, Weber PA et al. Effect of synthetic cannabinoids on elevated intraocular pressore. Ophthalmology 1981; 88: Merrit JC, Olsen JL, Armstrong JR: Topical Delta-9-THC in hypertensive glaucomas. J Pham Pharmacol 1981; 33: Merrit JC, McKinnon S, Armstrong JR et al. Oral Delta-9-THC in heterogeneous glaucomas. Ann Ophthamol 1980; Aug: Ministero della Salute. Comunicato n 74 del 13 marzo Precisazione del Ministro sull impiego dei derivati di Cannabis sativa. 43. Ministero della Salute. Comunicato n 76 del 14 marzo Precisazioni del Ministro sulla sperimentazione della Cannabis. 44. Young D. States forge ahead with medical marijuana despite federal ruling. Am J Health-Syst Pharm 2001; 58: Jerome P, Kassirer MD. Federal Foolishhness and Marijuana. NEJM; Kassirer 336 (5): Canada, cannabis libera per scopi terapeutici. Marijuana Medical Access Regulatins, 30/07/ In Brief. BMJ 2002; 324: 694. In allegato con questo numero di Dialogo sui farmaci verrà pubblicato L ELENCO DEI FARMACI CLASSIFICATI NELLE FASCE A - B - H e C 8 a edizione

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico del dolore persistente nei bambini con patologie croniche gravi

Linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico del dolore persistente nei bambini con patologie croniche gravi Linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico del dolore persistente nei bambini con patologie croniche gravi FONDAZIONE IRCCS ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI Linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida 5 ottobre 2013 Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida Simeone Liguori U.S.C. Cure Palliative Terapia del Dolore Az. Ospedaliera Papa Giovanni XXIII Il numero degli anziani sta crescendo

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII MULTINATIONAL ASSOCIATION OF SUPPORTIVE CARE IN CANCER CONSENSUS CONFERENCE SULLA TERAPIA ANTIEMETICA PERUGIA, 29-31 marzo, 2004 Ultimo aggiornamento: 1 settembre

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi eurolettici (antipsicotici) Trovano impiego nel trattamento delle psicosi Rappresentativi della classe

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA Esenzione dalla spesa farmaceutica Tabella Riepilogativa - Modalità di compilazione della a partire dal 1 luglio 2011 ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA a carico Esenzione Totale e quota E03 E04

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE COCAINA COCAINA La cocaina è una sostanza liposolubile che attraversa facilmente qualsiasi membrana, usata per tanto tempo come anestetico locale di superficie. Emivita plasmatica in media inferiore a

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC SOC REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) TOTALE PERC Esami diagnostici Pressione arteriosa ridotta 1 0.2% Patologie cardiache Cianosi 2 0.4% Bradicardia 1 0.2% Tachicardia 9 1.9% Extrasistoli

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera G. M. Zanini Convegno AFI-AFTI l impatto delle nuove normative comunitarie sulla produzione dei farmaci per uso sperimentale e sulla

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento)

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) 1. Tutti i convocati (uomini e donne) dovranno presentarsi con: - originale o copia

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

La Terapia con Bifosfonati

La Terapia con Bifosfonati Capire La Terapia con Bifosfonati International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (United States and Canada) 818-487-7455 FAX: 818-487-7454

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE La presentazione dei dati per molte ricerche mediche fa comunemente riferimento a frequenze, assolute o percentuali. Osservazioni cliniche conducono sovente

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

Dolori da cancro e loro cura. Una guida della Lega contro il cancro per pazienti e familiari

Dolori da cancro e loro cura. Una guida della Lega contro il cancro per pazienti e familiari Dolori da cancro e loro cura Una guida della Lega contro il cancro per pazienti e familiari Impressum _Editore Lega svizzera contro il cancro Effingerstrasse 40 Casella postale 8219 3001 Berna Tel. 031

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli