Cannabis, è ora di piantarla?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cannabis, è ora di piantarla?"

Transcript

1 150 IL LEGNO STORTO n. 3 Maggio-Giugno 2002 Cannabis, è ora di piantarla? S. PINATO Farmacista, Servizio Farmaceutico Territoriale ULSS 20 di Verona E. MOSELE Farmacista, Farmacia Ospedaliera ULSS 4 di Thiene La scoperta del sistema cannabinoide endogeno ha rinnovato l interesse della comunità scientifica per la Cannabis. L attività terapeutica che le viene attribuita spazia dalla terapia del dolore acuto e cronico al trattamento della nausea e del vomito indotti dalla chemioterapia. La marijuana viene proposta anche come stimolante dell appetito in pazienti affetti da AIDS, per il trattamento dell emicrania, dell epilessia e dei disordini del movimento associati al morbo di Parkinson, per ridurre la pressione intraoculare nel glaucoma e nel trattamento della spasticità muscolare associata a sclerosi multipla o a danno spinale 1. In questo articolo riportiamo gli aspetti più rilevanti che segnano il dibattito sull uso terapeutico di Cannabis: le evidenze in termini di efficacia e di tollerabilità e le prese di posizione in merito alla sua legalizzazione. Denominazione Cannabis sativa var. Indica (famiglia delle Moracee, ordine delle Urticacee). Droga Infiorescenze femminili e loro brattee dove si trovano le ghiandole che secernono la resina. PREPARAZIONE PARTI IMPIEGATE VIA DI SOMM. % THC MARIJUANA Preparazione mista: sommità fiorite + foglie Fumata ~ 1% Orale (in India BHANG Preparazione mista: il bhang è usato sommità fiorite + foglie come bevanda ~ 1% mescolato al latte) Resina + brattee GANJA delle infiorescenze Fumata ~ 3% femminili HASHISH Resina pura Fumata ~ 5% OLIO Resina concentrata Fumata ~ 30% Meccanismo d azione Sono stati identificati due distinti recettori per la Cannabis, il recettore CB1 espresso sui neuroni centrali e periferici 2, e il recettore CB2 presente a livello delle cellule del sistema immunitario 3. Non tutti gli effetti farmacologici dei cannabinoidi sono legati alla loro interazione con i recettori CB1 e CB2 ma la stimolazione dei recettori CB1 ne spiega la maggior parte. Questi recettori sono fisiologicamente attivati dagli endocannabinoidi ed in particolare dall anandamide, un derivato dell acido arachidonico 4,5. Principi attivi Un insieme di circa 70 componenti indicati con il termine di cannabinoidi di cui il 9 tetraidrocannabinolo è il più abbondante. I derivati cannabinoidi valutati negli studi clinici sono stati: PRINCIPIO ATTIVO CARATTERISTICHE 9 THC Costituente più abbondante e maggiormente responsabile dell attività della pianta. Benzopiranoperidina Analogo sintetico azotato del 9 THC. Dronabinolo THC sintetico. In commercio in Germania, (Marinol ) Olanda e negli USA 5. Derivato di sintesi con proprietà farmacologiche Levonantradolo simili al 9 THC ma più potente. Disponibile per usi sperimentali e non in commercio 5. Nabilone Derivato sintetico con proprietà farmacologiche (Cesamet simili al THC. ) In commercio in Gran Bretagna e Canada 5. Estratto naturale Prodotto dall European Institute for di Cannabis Oncology and Immunological Research (Cannador ) di Berlino. Impieghi terapeutici supportati da evidenze scientifiche - terapia del dolore; - nausea indotta da chemioterapia; in attesa di evidenze - spasmi muscolari da sclerosi multipla o lesioni del midollo spinale; - stimolazione dell appetito in pazienti con sindrome da deperimento causata dall AIDS; - glaucoma; - asma bronchiale; - epilessia; - disturbi dell umore e condizioni psichiatriche; - artrite reumatoide; - patologie neurodegenerative. Reazioni avverse - distorsione della percezione spazio-tempo, allucinazioni; - euforia, paranoia, disforia, depressione; - vertigini; - alterazioni temporanee del quoziente intellettivo senza effetti negativi a lungo termine 6 ; - sedazione, sonnolenza; - ipotensione.

2 n. 3 Maggio-Giugno 2002 IL LEGNO STORTO 151 GLI STUDI CLINICI Trattamento del dolore Una revisione sistematica ha cercato di stabilire se la Cannabis possa essere una valida alternativa, in termini di efficacia e di sicurezza, nella terapia del dolore. Sono stati considerati 9 studi clinici, per un totale di 222 pazienti randomizzati al trattamento con cannabinoidi ( 9 THC 5-20 mg per os, un derivato sintetico del THC 1-4 mg per os, levonantradolo 1,5-3 mg im, benzopiranoperidina 2-4 mg per os) vs codeina ( mg) o vs placebo. I pazienti arruolati erano affetti da dolore neoplastico, da dolore cronico non maligno o da dolore acuto post-operatorio. Nei 2 studi clinici che hanno valutato in 36 soggetti il trattamento del dolore acuto post-operatorio, levonantradolo è risultato superiore a placebo ma non più efficace di codeina 7. Dei 5 studi clinici, in dose singola, condotti su un totale di 128 pazienti con dolore neoplastico, 4 hanno dimostrato una non superiorità dei derivati della Cannabis su codeina, e un effetto analgesico superiore a placebo, con effetti avversi dose limitanti I trattamenti hanno confrontato: THC per os 10 mg e 20 mg vs codeina 60 mg e 120 mg, il derivato sintetico di THC per os 4 mg vs codeina 50 mg e vs placebo e THC 5-20 mg vs palcebo. In uno degli studi, benzopiranopiridina (2-4 mg) è risultata non efficace rispetto né a codeina ( mg) né a placebo 11. Gli unici 2 studi condotti in pazienti con dolore cronico non maligno hanno coinvolto 1 paziente ognuno (n of 1 trial). Né THC né placebo hanno dato sollievo ad un soggetto con dolori addominali correlati a Febbre Familiare Mediterranea, ma in seguito all assunzione di THC è stata registrata una minore richiesta di morfina 12. Simile è stata l azione di THC (5 mg) nel ridurre il dolore neuropatico rispetto a codeina (50 mg) ma solo THC ha comportato una diminuzione della spasticità secondaria a ependimoma spinale 13. L uso terapeutico dei cannabinoidi è risultato fortemente limitato dagli effetti sulla psiche 14 quali ansia e attacchi di panico, paranoia e riduzione delle capacità cognitive e psicomotorie e dai suoi effetti fisici 15 che includono bocca secca, visione offuscata, palpitazioni, tachicardia e ipotensione posturale. I derivati della Cannabis hanno dimostrato una attività analgesica al massimo equivalente a codeina. Un unico interessante ambito d azione sembra essere il trattamento della spasticità e del dolore neuropatico per i quali il bisogno terapeutico è, oltretutto, maggiore rispetto al dolore postoperatorio 16. Critiche sono arrivate alla redazione del British Medical Journal che ha pubblicato questa revisione: nessuno studio ha valutato gli effetti analgesici di marijuana intera. La necessità di studi clinici che considerino la Cannabis e non i suoi derivati è stata affermata anche dalla comuni- 17, 18 tà scientifica internazionale in quanto sembrano esserci evidenze che gli estratti di Cannabis abbiano un più favorevole profilo di tollerabilità rispetto ai suoi derivati di sintesi 17. La maggior parte degli studi ha considerato la somministrazione orale dei derivati della marijuana, ma l effetto di primo passaggio secondario alla somministrazione per os potrebbe limitarne l effetto terapeutico, visto che gli effetti positivi vengono riferiti in seguito ad inalazione. Attività antiemetica In un altra revisione sistematica è stata quantificata l attività antiemetica e gli effetti avversi dei derivati della Cannabis in soggetti sottoposti a chemioterapia 19. Nessuno studio ha valutato gli effetti antiemetici del fumo di marijuana. Nabilone per os 20, 21, dronabinolo per os 22, 23 e levonantradolo im sono stati confrontati con procloperazina, metoclopramide, clorpromazina, tietilperazina, aloperidolo, domperidone o alizapride in 30 RCT condotti su un totale di pazienti. L end point primario ha valuato l efficacia antiemetica mentre come end point secondario è stato considerato il numero di soggetti che, al termine dello studio, hanno espresso preferenza per la Cannabis per futuri cicli di terapia. Tutti i cannabinoidi si sono dimostrati in assoluto più efficaci nel controllo della nausea e del vomito (NNT=6 e NNT=8, rispettivamente) in seguito a chemioterapia mediamente ematogenica mentre nessuna superiorità è stata dimostrata in soggetti sottoposti a chemioterapie poco o molto ematogeniche. La preferenza dell uso dei derivati di Cannabis per i cicli terapeutici successivi oscillava tra il 38% e il 90%. Effetti avversi si sono avuti più spesso con cannabinoidi: euforia, stanchezza, sonnolenza ma anche depressione, disforia, allucinazioni, paranoia e ipotensione arteriosa. Nessuno studio ha confrontato, però, i cannabinoidi con gli antagonisti del recettore della 5-idrossitriptamina, che rappresentano la terapia standard nella prevenzione della nausea e del vomito indotti da chemioterapia; tali studi di confronto sembrano, comunque, necessari per poter eliminare le incertezze sull indicazione dei cannabinoidi come antiemetici

3 152 IL LEGNO STORTO n. 3 Maggio-Giugno 2002 IN ATTESA DI EVIDENZE SCIENTIFICHE Sclerosi Multipla Numerosi case report descrivono sintomatici benefici in pazienti affetti da sclerosi multipla, sul piano della spasticità muscolare, della coordinazione motoria, dell equilibrio e dei disturbi della vescica in seguito all assunzione di Cannabis Tali testimonianze trovano supporto scientifico in alcuni studi clinici che arruolano pochi pazienti ma che sembrano fornire evidenze di efficacia Chiarimenti si attendono da uno studio clinico su larga scala 32, finanziato dal Medical Research Council inglese, iniziato nel 1999 e che si concluderà alla fine del Si tratta di uno studio multicentrico, in doppio cieco contro placebo che coinvolge 660 pazienti randomizzati al trattamento con un cannabinoide sintetico, il dronabinolo (Marinol ), o con un estratto naturale di Cannabis (Cannador ) prodotto dall European Institute for Oncology and Immunological Research di Berlino. Sindrome da deperimento in pazienti affetti da HIV Esperienze aneddotiche riportano l utilità del fumo di marijuana nel trattamento dell anoressia e della perdita di peso associate ad infezione da HIV 33, 34. Studi condotti su volontari sani hanno dimostrato un aumento del peso corporeo e dell appetito 35, 36, ma nessun trial ha coinvolto pazienti affetti da AIDS. Emicrania Marijuana è stata proposta molte volte per il trattamento dell emicrania ma pochi dati sono disponibili per avvalorare questo uso terapeutico di Cannabis. Una possibile relazione tra cannabinoidi ed emicrania può essere l abbondanza di recettori per i cannabinoidi a livello della regione periacqueduttale del cervello, parte del sistema nervoso adibita alla soppressione del dolore e che si pensa sia coinvolta nella generazione dell emicrania 37. Glaucoma L applicazione oculare di preparati a base di THC sembra potersi rivelare efficace nell abbassare la pressione dell occhio senza creare pericolosi effetti collaterali 38 ; al contrario l assunzione di THC per os 39 o di marijuana per via inalatoria 40, 41 non possono essere raccomandate per il trattamento del glaucoma, dal momento che il dosaggio richiesto per avere l effetto terapeutico è causa di importanti effetti avversi. IL CASO E LA LEGGE In Italia... Per la prima volta in Italia, un magistrato ha ordinato ad una ASL di fornire provvisoriamente e gratuitamente ad uso terapeutico medicinali a base di Cannabis. È quanto è successo in provincia di Venezia a metà del mese di marzo, a favore di una malata terminale di cancro per lenire i dolori non più alleviati dalle sostanze analgesiche in commercio. Ed è stato solo l inizio di una serie di prese di posizione ufficiali da parte del Ministero della Salute e degli organi amministrativi italiani. In risposta all ordinanza del magistrato veneziano, il Ministero della Salute ha emanato due Comunicati nei quali viene precisato che nessun medicinale contenente derivati di Cannabis risulta autorizzato in Italia, né vi è stata alcuna comunicazione di sperimentazione approvata a questo scopo 42 e che, sebbene dalla letteratura scientifica internazionale non ci sia prova che la Cannabis abbia effetti analgesici superiori alle alternative in commercio, il Ministro non è contrario a sperimentazioni che portino ai pazienti benefici effetti antidolorifici 43. Si sono schierate a favore della regolamentazione dell utilizzo medico della Cannabis anche la Provincia di Teramo, la Regione Piemonte e la Regione Lombardia. Il Consiglio Provinciale di Teramo ha approvato una proposta di legge da presentare al Governo e all Istituto Superiore di Sanità affinché venga formalizzato un percorso di ricerca e di sperimentazione sull uso terapeutico della Cannabis e dei suoi derivati, chiedendo al Parlamento di approvare una normativa che ne regolamenti l uso medico. In Italia Cannabis e cannabinoidi sono presenti nella Farmacopea Ufficiale Italiana alle tabelle I e II (box 1). Box 1 FARMACOPEA UFFICIALE ITALIANA ED. X TAB. I - i tetraidrocannabinoli e i loro analoghi; - le preparazioni contenenti le sostanze sopra riportate. TAB. II - la Cannabis indica, i prodotti da essa ottenuti, le sostanze ottenibili per sintesi o semisintesi che siano ad essa riconducibili per struttura chimica o per effetto farmacologico, ad eccezione di quelle iscritte in tabella I; - le preparazioni contenenti le sostanze sopra riportate.

4 n. 3 Maggio-Giugno 2002 IL LEGNO STORTO 153 nel mondo La diatriba tra legalizzazione per usi terapeutici e messa al bando della Cannabis è presente anche oltre Oceano: negli Stati Uniti sebbene le leggi federali ne vietino la libera distribuzione in quanto sostanza stupefacente, in 9 Stati la Cannabis è consentita per usi terapeutici 44. Il New England Journal of Medicine ha pubblicato nel 1997 una sostenuta difesa dell uso terapeutico della Cannabis: viene definito illogico e non motivato proibire ai pazienti di fumare marijuana per lenire le sofferenze associate a cancro, AIDS e altre devastanti patologie; gli effetti collaterali della Cannabis e l eventuale dipendenza non sembrano così importanti per pazienti che non hanno nessuna speranza di guarigione. Inoltre, sembra ipocrita vietare la prescrizione di Cannabis quando è autorizzata la prescrizione di morfina e meperidina per la dispnea e il dolore. Questi farmaci presentano un ristretto margine terapeutico mentre non c è alcun rischio di morte associato al fumo di marijuana 45. In Canada, dopo una serie di battaglie legali sostenute dai malati, dalla fine di luglio 2001, è entrato in vigore un progetto di accesso alla marijuana che è prescrivibile dai medici come analgesico per malati cronici o terminali. Il Canada risulta essere il primo paese al mondo a produrre in proprio la marijuana da impiegare per scopi terapeutici e che viene coltivata in una piantagione gestita dalle autorità di Governo 46. In Europa, Germania e Olanda hanno già autorizzato la Cannabis ad uso terapeutico mentre in Gran Bretagna la commissione governativa sull abuso delle droghe ha proposto di riclassificare la Cannabis nella categoria C, la stessa delle amfetamine 47. I risultati delle due revisioni sistematiche pubblicate dal British Medical Journal non aiutano a chiarire le perplessità sull uso terapeutico della marijuana. Evidenze scientifiche non convincenti e studi che considerano derivati della Cannabis poco efficaci e tossici continuano a scontrarsi con le testimonianze di chi, fumando Cannabis, trova sollievo in patologie devastanti. Dallo studio su malati di sclerosi multipla, che terminerà a fine 2002, e dall uso terapeutico legalizzato in Canada e in alcuni paesi europei si attendono informazioni scientificamente valide che possano supportare il ruolo terapeutico di questa discussa pianta. Nel frattempo sembra necessario sviluppare e investigare nuovi derivati cannabinoidi che mostrino un migliore profilo rischio/beneficio rispetto a quelli fin qui considerati e avviare studi clinici che valutino la Cannabis intera e che ne definiscano le reali potenzialità, visto che assenza di evidenze di efficacia non equivale ad evidenze di assenza di efficacia 16. BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO 1. Mechoulam R, Ben-Shabat S, Hanus L, Ligumsky M, Kaminski NE, Schatz AR et al. Identification of an endogenous 2-monoglyceride, present in canine gut, that binds to cannabinoid receptors. Boichem Pharmacol 1995; 50: Matsuda LA, Lolait SJ, Brownstein MJ, Young AC, Bonner TI: Structure of a Cannabinoid receptor and functional expression of the cloned DNA. Nature 1990; 346: Munro S, Thoms KL, Abu-Shaar M: Molecular characterization of a peripheral receptor for cannabinoids. Nature 1993; 365: Joy JE et al. Marijuana and Medicine: Assessing the Science Base Institute of Medicine, Karniol British Medical Association Staff. Therapeuthic uses of Cannabis. Gordon & Breach Science Pub, Fried P, Watkinson B, James D, Gray R. Current and former marijuana use: preliminary findings of a longitudinal study of effects on IQ in young adults. CMAJ 2002; 166 (7): Jain AK, Ryan JR, McMahon FG, Smith G. Evaluation of intramuscular levonantradol and placebo in acute postoperative pain. J Clin Pharmacol 1981; 21 (8 9): Noyes Jr R, Brunk SF, Baram DA, Canter A. Analgesic effect of delta-9-tetrahydrocannabinol. J Clin Pharmacol 1975; 15: Noyes Jr R, Brunk SF, Avery DAH, Canter AC. The analgesic properties of delta-9-tetrahydrocannabinol and codeine. Clin Pharmacol Ther ; 18: Staquet M, Gantt C, MAchin D. Effect of a nitrogen analog of tetrahydrocannabinol on cancerpain. Clin Pharmacol Ther 1978; 23: Jochimsen PR, Lawton RL, VerSteeg K, Noyes Jr R. Effect of benzopyranoperidine, a delta-9-thc congener, on pain. Clin Pharmacol Ther 1978; 24: Holdcroft A, Smith M, Jacklin A, Hodgson H, Smith B, Newton M et al. Pain relief with oral cannabinoids in familial Mediterranean faver. Anaesthesia 1997; 52: Maurer M, Henn V, Dittrich A, Hofmann A. Delta-9-tetrahydrocannabinol shows antispastic and analgesic effects in a single case double-blind trial. Eur Arch Psychiatry Clin Neurosci 1990; 240: Tramèr MR, Carroll D, Campbell FA, Reynolds DJM, Moore Ra, McQuay HJ. Cannabinoids for control of chemotherapy-induced and vomiting: quantitative systematic review. BMJ 2001; 323: Ashton CH. Adverse effects of cannabis and cannabinoids. Br J Anaesth 1999; 83: Campbell FA, Tramèr MR, Carroll D, Reynolds DJM, Moore RA, McQuay HJ. Are cannabinoids an effective and safe treatment option in the management of pain? A qualitative systematic review. BMJ 2001; 323: House of Lords. Cannabis: the Scientific and Medical Evidence. Ninth Report from the Select Committee on Scientce and Technology. London: The Stationery Office, Joy JE, Watson SJ Jr, Benson JA. Matijuana and Medicine: Assessing the Science Base. Washington DC: National Academy Press Tramèr MR, Carroll D, Campbell FA, Reynolds DJM, Moore RA. Cannabinoids for control of chemotherapy induced nausea and vomiting: quantitative systematic review. BMJ 2001; 323: Chan HS, Correia JA, MacLeod SM. Nabilone versus prochlorperazine for control of cancer chemotherapy-induced emesis in children: a double-blind, crossover trial. Pediatrics 1987; 79: Einhorn LH, Nagy C, Furnas B, Williams SD. Nabilone: an effective antiemetic in patients receiving cancer chemotherapy. J Clin Pharmacol 1981; 21: Kluin-Nelemen JC, Nelemen FA, Mauwissen OJAT, Maes RAA. Delta-9-tetrahydrocannabinol (THC) as an antiemetic for patients receiving cancer chemotherapy: a double blind cross-over trial against placebo. Vet Hum Toxicol 1979; 21: McCabe M, Smith FP, Macdonald JS, Woolley PV, Goldberg D. Efficacy of te-

5 154 IL LEGNO STORTO n. 3 Maggio-Giugno 2002 trahydrocannabinol in patients refractory to standard antiemetic therapy. Invest New Drugs 1988; 6: Voth EA, Schwartz RH. Medicinal applications of delta-9-tetrahydrocannibinol and marijuana. Ann Intern Med 1997; 127: Nelson KA, Walsh D, Sheehan FA. The cancer-anorexia cachexia syndrome. J Clin Oncol 1994; 12: Meek C. Doctors want cannabis prescriptions allowed. BMA News Review 1994: Belknap S. Commentary on Review: Delta-9-tetrahydrocannabinol is effective in alleviating cancer chemotherapy induced nausea. ACP J Club 1997; Nov-Dec; 127: 65. Comment on: Voth EA, Schwartz RH. Medicinal applications of delta-9-tetrahydrocannibinol and marijuana. Ann Intern Med 1997; 127: Gilbert PE. A comparison of THC, nantradol, and morphine in the chronic spinal dog. J Clin Pharmacol 1981; 21: Ho BT, Johnson KM. Sites of neurochemical action delta-9-tetrahydrocannabinol: interaction with reserpine. Nahas GG, Paton WDM, Idaanpaan-Heikkila JE. Marihuana chemistry, biochemistry, and cellular effects. Spinger. New York Berlin Heidelberg 1976: Howes JF, Osgood PF. Cannabinoids and inhibition of prostaglandin synthesis. Nahas GG, Paton WDM, Idaanpaan-Heikkila JE. Marihuana chemistry, biochemistry, and cellular effects. Spinger. New York Berlin Heidelberg 1976: Duun M, Davis R. The perceived effects of marijuana on spinal cord injured males. Paraplegia 1974; 12: The Pharmaceutical Journal 1999; 263: Clarke RC Marijuana Botany An Advanced Study: The Propagation and Breeding of Distinctive Cannabis. Berkeley, CA: Ronin Publishing. 34. Grinspoon L, Bakalar JB Marijuana: The Forbidden Medicine. New Haven: Yale University Press. 35. Foltin RW, Fischman MW, Byrne MF Effects of smoked marijuana on food intake and body weight of humans living in a residential laboratory. Appetite 11: Mattes RD, Engelman K, Shaw LM, Elsohly MA Cannabinoids and appetite stimulation. Pharmacology, Biochemistry and Behavior 49: Goadsby PJ, Gundlach AL Localization of [3H]-dihydroergotamine binding sites in the cat central nervous system: Relevance to migraine. Annals of Neurology 29: Merrit JC, Perry DD, Rossell DN et al. Topical Delta-9-.THC and aqueous dynamics in glaucoma. J Clin Pharmacol 1981; Tiedeman JS, Shilds MB, Weber PA et al. Effect of synthetic cannabinoids on elevated intraocular pressore. Ophthalmology 1981; 88: Merrit JC, Olsen JL, Armstrong JR: Topical Delta-9-THC in hypertensive glaucomas. J Pham Pharmacol 1981; 33: Merrit JC, McKinnon S, Armstrong JR et al. Oral Delta-9-THC in heterogeneous glaucomas. Ann Ophthamol 1980; Aug: Ministero della Salute. Comunicato n 74 del 13 marzo Precisazione del Ministro sull impiego dei derivati di Cannabis sativa. 43. Ministero della Salute. Comunicato n 76 del 14 marzo Precisazioni del Ministro sulla sperimentazione della Cannabis. 44. Young D. States forge ahead with medical marijuana despite federal ruling. Am J Health-Syst Pharm 2001; 58: Jerome P, Kassirer MD. Federal Foolishhness and Marijuana. NEJM; Kassirer 336 (5): Canada, cannabis libera per scopi terapeutici. Marijuana Medical Access Regulatins, 30/07/ In Brief. BMJ 2002; 324: 694. In allegato con questo numero di Dialogo sui farmaci verrà pubblicato L ELENCO DEI FARMACI CLASSIFICATI NELLE FASCE A - B - H e C 8 a edizione

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 Centro di riferimento per la Fitoterapia Cannabis terapeutica: l'esperienza della Regione Toscana. Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 www.cerfit.org www.cerfit.org www.cerfit.org Immortality pills Tang Dynasty

Dettagli

PARTE PRIMA LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI. Il Consiglio regionale ha approvato. Il Presidente della Giunta regionale.

PARTE PRIMA LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI. Il Consiglio regionale ha approvato. Il Presidente della Giunta regionale. 8 PARTE PRIMA LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 28 settembre 2012, n. 38 Disposizioni relative alla erogazione dei medicinali e dei preparati galenici magistrali a base di cannabinoidi per

Dettagli

CANNABIS. Generazione In- Dipendente

CANNABIS. Generazione In- Dipendente CANNABIS Generazione In- Dipendente CANNABIS Introduzione CANAPA (CANNABIS SATIVA) Principi attivi: tetraidrocannabinolo (Δ 9 -THC) Altri Principi non attivi: cannabinolo, cannabidiolo Con i termini hashis

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2526 del 23 dicembre 2014 pag. 1/10

ALLEGATOA alla Dgr n. 2526 del 23 dicembre 2014 pag. 1/10 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2526 del 23 dicembre 2014 pag. 1/10 LINEE DI INDIRIZZO PER L UTILIZZO DEI MEDICINALI A BASE DI CANNABINOIDI NELLA REGIONE VENETO - LEGGE REGIONALE

Dettagli

La marijuana è un medicinale?

La marijuana è un medicinale? La marijuana è un medicinale? Da oltre 20 anni negli Stati Uniti la marijuana viene somministrata per alleviare una vasta gamma di disturbi. Si ritiene che la marijuana aiuti in presenza di stati dolorosi

Dettagli

Sono stati identificati due tipi

Sono stati identificati due tipi 160 > DOSSIER Dialogo sui farmaci n. 4/2007 CANNABIS IN TERAPIA: DUBBI SU EFFICACIA E SICUREZZA cura della Redazione di Dialogo sui Farmaci Summary Drugs derived from Cannabis are now recognised in Italy

Dettagli

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI DIPENDENZA DA CANNABINOIDI La cannabis è forse la prima pianta ad essere stata coltivata dall uomo a scopo non commestibile Da sempre è utilizzata per le sue proprietà psicoattive e per produrre fibre

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO IX LEGISLATURA 128ª Seduta pubblica Martedì 18 settembre 2012 Deliberazione legislativa n. 34 OGGETTO: PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEL CONSIGLIERE PETTENÒ RELATIVA A DISPOSIZIONI

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA PROPOSTA DI LEGGE Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nell ambito del servizio sanitario regionale Iniziativa del Consigliere

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 132

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 132 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 132 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori PORETTI e PERDUCA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Disposizioni riguardanti l acquisto, il possesso,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PORETTI, BELTRANDI, MELLANO, CAPEZZONE, D ELIA, TURCO, GRILLINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PORETTI, BELTRANDI, MELLANO, CAPEZZONE, D ELIA, TURCO, GRILLINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2028 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PORETTI, BELTRANDI, MELLANO, CAPEZZONE, D ELIA, TURCO, GRILLINI Disposizioni concernenti

Dettagli

DOSSIER CANNABIS E CANNABINOIDI NELLA SCLEROSI MULTIPLA

DOSSIER CANNABIS E CANNABINOIDI NELLA SCLEROSI MULTIPLA DOSSIER CANNABIS E CANNABINOIDI NELLA SCLEROSI MULTIPLA Contenuti dossier del Cannabinoidi: che cosa sono? Applicazioni terapeutiche della cannabis Meccanismi di azione PREMESSA Farmaci contenenti derivati

Dettagli

Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nella terapia del dolore

Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nella terapia del dolore *** Consiglio Regionale della Toscana *** - IX legislatura - Consiglio regionale della Toscana Proposta di Legge n. 58 Prot. n. 2114/2.6 del 08.02.2011 Proposta di Legge Regionale: Disposizioni in materia

Dettagli

Alessandro Benzi Matteo Rossi Giacomo Conti

Alessandro Benzi Matteo Rossi Giacomo Conti Atti consiliari CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA *********************************************************************************************** IX LEGISLATURA - DOCUMENTI - PROPOSTE

Dettagli

*** Consiglio Regionale della Toscana *** - IX legislatura - Proposta di Legge Regionale:

*** Consiglio Regionale della Toscana *** - IX legislatura - Proposta di Legge Regionale: *** Consiglio Regionale della Toscana *** Consiglio regionale della Toscana TESTO SOSTITUTIVO Proposta di Legge n. 58 Prot. n. 9611/2.6 del 08.06.2011 - IX legislatura - Proposta di Legge Regionale: Disposizioni

Dettagli

(10) Legalizzazione delle droghe. La posizione di Garattini e di altri opinionisti scientifici

(10) Legalizzazione delle droghe. La posizione di Garattini e di altri opinionisti scientifici (10) Legalizzazione delle droghe. La posizione di Garattini e di altri opinionisti scientifici S ilvio Garattini, da oltre 40 anni dirige l Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, uno dei massimi

Dettagli

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Firenze, 2-3 Dicembre 2011 Aula Magna del Seminario Arcivescovile Maggiore L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Mauro Vannucci Elena Tamburini Il 62% delle visite dal medico danno

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti

Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti Prevenzione e sostenibilità: la collaborazione possibile tra AIFA e farmacisti Prof. Sergio Pecorelli Presidente, Agenzia Italiana del Farmaco Relazione tra consumo di farmaci e aspettativa di vita in

Dettagli

Terapia di stimolazione del midollo spinale (SCS): documento informativo

Terapia di stimolazione del midollo spinale (SCS): documento informativo Terapia di stimolazione del midollo spinale (SCS): documento informativo Che cos è la terapia SCS? La stimolazione del midollo spinale (SCS) è un opzione chirurgica che potrebbe apportare un miglioramento

Dettagli

Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello

Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello PARTE 1 Parte 1 978-88-08-19583-8 1 Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello La farmacologia è la scienza che studia come i farmaci influenzano il

Dettagli

CHE I GENITORI POTREBBERO NON SAPERE RIGUARDO ALLA

CHE I GENITORI POTREBBERO NON SAPERE RIGUARDO ALLA 10 COSE CHE I GENITORI POTREBBERO NON SAPERE RIGUARDO ALLA Marijuana PREVENZIONE E RIABILITAZIONE DALLE DROGHE CONOSCI LE RISPOSTE A QUESTE DOMANDE SULLA MARIJUANA? 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 L uso di marijuana

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Senatore Manconi

DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Senatore Manconi DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Senatore Manconi Modifiche al testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, concernenti l uso terapeutico della cannabis sativa

Dettagli

La sclerosi multipla (SM) è una malattia immuno-mediata

La sclerosi multipla (SM) è una malattia immuno-mediata 206 I cannabinoidi nel trattamento della sclerosi multipla Riassunto La sclerosi multipla (SM) si associa molto frequentemente a dolore, sia di origine centrale sia come conseguenza dell ipertono muscolare

Dettagli

Medicina Occidendale e Medicina Orientale: due mondi a confronto

Medicina Occidendale e Medicina Orientale: due mondi a confronto Medicina Occidendale e Medicina Orientale: due mondi a confronto Agopuntura, quali evidenze? 1972: Viaggio di Nixon in Cina La stampa internazionale incomincia ad interessarsi della agopuntura Nixon incontra

Dettagli

2.1.8 Clinica e terapia dei disturbi da uso di sostanze. Cannabinoidi

2.1.8 Clinica e terapia dei disturbi da uso di sostanze. Cannabinoidi 2.1.8 Clinica e terapia dei disturbi da uso di sostanze. Cannabinoidi Introduzione La marijuana è un derivato della canapa indiana, la Cannabis Sativa. La principale sostanza psicoattiva che se ne ricava

Dettagli

ZICONOTIDE (30-10-2007)

ZICONOTIDE (30-10-2007) ZICONOTIDE (30-10-2007) Specialità: Prialt (Eisai Srl) Forma farmaceutica: soluzione per infusione intratecale 1fl 1ml 100mcg/ml 556.10 1fl 5ml 100mcg/ml 2.780.52 Prezzo al pubblico da banca dati Farmadati

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Crisi convulsive Sostanze psicoattive

Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Capo Monitore V.d.S. Iannozzi Emanuela CRISI CONVULSIVE Susseguirsi di movimenti

Dettagli

AUTORI - Horvat Ionut - Zopellaro Luca

AUTORI - Horvat Ionut - Zopellaro Luca CANNABIS AUTORI - Horvat Ionut - Zopellaro Luca INDICE -Cosa è? -Effetti -POSITIVI -NEGATIVI - Legallizzare o no? -Siti utilizzati COSA E? La Cannabis, in normali condizioni di coltivazione, è una pianta

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

Cannabis e cannabinoidi nelle cure palliative

Cannabis e cannabinoidi nelle cure palliative e cannabinoidi nelle cure palliative Francesco Crestani MD, Ali Muftah Shaladi PhD, MD, Bruno Piva MD, Stefano Tartari MD Servizio di Terapia del e Cure Palliative Azienda U.L.S.S. 18, Rovigo-Trecenta

Dettagli

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Indicazione terapeutica Classificazione: Spesa per paziente trattato (euro, posologia/durata)

Dettagli

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE Luca Luciani TOLLERANZA Fenomeno a causa del quale un consumatore di sostanze stupefacenti deve assumere dosi sempre maggiori per ottenere l effetto desiderato

Dettagli

Dispositivi Medici Impiantabili Attivi per Malattie Neurologiche Il punto di vista del neurochirurgo

Dispositivi Medici Impiantabili Attivi per Malattie Neurologiche Il punto di vista del neurochirurgo II Conferenza Nazionale dei Dispositivi Medici Dispositivi Medici Impiantabili Attivi per Malattie Neurologiche Il punto di vista del neurochirurgo Giovanni Broggi Direttore Dip di Neurochirurgia Fond.

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI MARAVIROC ATC J05AX09 (Celsentri ) Presentata da Commissione Terapeutica Provinciale Sassari In data novembre 2008 Per le seguenti motivazioni: Trattamento dell infezione

Dettagli

Associazione per la Cannabis Terapeutica (ACT)

Associazione per la Cannabis Terapeutica (ACT) Associazione per la Cannabis Terapeutica (ACT) sede legale: studio Campanelli/Averni via Dardanelli 37, 00195 Roma cod. fiscale : 900 3011 0507 c.c. bancario: n. 410618055 cod. ABI 01020 cod. CAB 04621

Dettagli

Associazione per la Cannabis Terapeutica (ACT)

Associazione per la Cannabis Terapeutica (ACT) Associazione per la Cannabis Terapeutica (ACT) sede legale: studio Campanelli/Averni via Dardanelli 37, 00195 Roma cod. fiscale : 900 3011 0507 c.c. bancario: n. 410618055 cod. ABI 01020 cod. CAB 04621

Dettagli

Introduzione alla canapa e ai suoi prodotti. contenuto. (elementi utili per il medico)

Introduzione alla canapa e ai suoi prodotti. contenuto. (elementi utili per il medico) Introduzione alla canapa e ai suoi prodotti (elementi utili per il medico) G. M. Zanini Mese delle dipendenze Canapa nello studio medico Locarno, 20 novembre 2014 Lugano, 27 novembre 2014 contenuto 1.

Dettagli

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tossicita da chemioterapia e differenze di genere Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tumori e genere:quali dati? Pochi dati prospettici e da trials clinici

Dettagli

Cos è la cefalea cronica quotidiana?

Cos è la cefalea cronica quotidiana? Lifting The Burden Campagna mondiale di informazione per la lotta contro la cefalea Cos è la cefalea cronica quotidiana? Cos'è la cefalea cronica quotidiana? "Ho iniziato ad avere mal di testa che comparivano

Dettagli

Tossicodipendenze: CANNABINOIDI

Tossicodipendenze: CANNABINOIDI Tossicodipendenze: CANNABINOIDI CANNABINOIDI (categoria di composti sintetizzati dalla pianta) Origine naturale: Cannabis sativa (varianti C. Indica e C. Americana) E impiegata da più di 4000 anni per

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Cannabinoidi e Sistema Endocannabinoide

Cannabinoidi e Sistema Endocannabinoide Cannabinoids 2006;1(1):10-14 [Versione italiana] Mini-review Cannabinoidi e Sistema Endocannabinoide Franjo Grotenhermen nova-institut, Goldenbergstraße 2, D-50354 Hürth, Germany Sommario Il corpo umano

Dettagli

Ostarina H 3 C O OH NH O N F F F. Nome Ostarina (Ostarine) Struttura molecolare. Formula di struttura C 19 N 3 H 14 F 3 O 3. Numero CAS 841205-47-8

Ostarina H 3 C O OH NH O N F F F. Nome Ostarina (Ostarine) Struttura molecolare. Formula di struttura C 19 N 3 H 14 F 3 O 3. Numero CAS 841205-47-8 NEW DRUGS Nuove Sostanze Psicoattive Ostarina Nome Ostarina (Ostarine) Struttura molecolare H 3 C O OH NH O N F F F N Formula di struttura C 19 H 14 F 3 N 3 O 3 Numero CAS 841205-47-8 Nome IUPAC (2S) 3-(4-cyanophenoxy)-N-[4-cyano-3-(trifluoromethyl)phenyl]-2-hydroxy-2-methyl-propanamide

Dettagli

REGINA CETTOLIN INFERMIERA COMITATO OSPEDALE SENZA DOLORE U.O.S TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE

REGINA CETTOLIN INFERMIERA COMITATO OSPEDALE SENZA DOLORE U.O.S TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE REGINA CETTOLIN INFERMIERA COMITATO OSPEDALE SENZA DOLORE U.O.S TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE OSPEDALE CIVILE DI CONEGLIANO AZIENDA U.L.S.S N.7 REGIONE DEL VENETO IL DOLORE

Dettagli

Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva?

Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva? Prof. Dr. med. Claudio Marone eoc Ospedale San Giovanni, Schweiz Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva? Keywords: ipertensione, automisurazione della

Dettagli

AlCe Cluster informa: 11-09-2012. I perchè di una delusione

AlCe Cluster informa: 11-09-2012. I perchè di una delusione AlCe Cluster informa: 11-09-2012 Agenas: linee guida nazionali di riferimento per la prevenzione e terapia delle cefalee nell adulto I perchè di una delusione Lo scorso 28 Giugno sono state presentate

Dettagli

Alcol, droghe e comportamenti a rischio

Alcol, droghe e comportamenti a rischio 26 marzo 2014 h. 09.10-11.00: LEZIONE DI LEGALITA Alcol, droghe e comportamenti a rischio prof.ssa Alessandra Busulini Mosaico - classi 1 e : prevenzione all uso di alcol Mosaico - classi 2 e : prevenzione

Dettagli

CANNABIS PER USO TERAPEUTICO

CANNABIS PER USO TERAPEUTICO CANNABIS PER USO TERAPEUTICO Informazioni pratiche per: Medici e Farmacisti MATERIALE INFORMATIVO AD USO ESCLUSIVO DELLA RETE VENDITA 1-Informazioni per i Medici 1.1-PRODOTTI DISPONIBILI Nella tabella

Dettagli

Comparabilità fra le somministrazioni successive effetto di trascinamento ( carry-over ) effetto di periodo

Comparabilità fra le somministrazioni successive effetto di trascinamento ( carry-over ) effetto di periodo Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 2 Gli studi crossover Periodo 1 Periodo 2 R A N D O M A B A B Valutazione Tempo 1 0 1 1 2 0 2 1 Gli studi crossover Metodo epidemiologici per la clinica

Dettagli

SINTESI GENERALE DELLA VALUTAZIONE SCIENTIFICA DEI MEDICINALI CONTENENTI ACIDO VALPROICO/VALPROATO (cfr. allegato I)

SINTESI GENERALE DELLA VALUTAZIONE SCIENTIFICA DEI MEDICINALI CONTENENTI ACIDO VALPROICO/VALPROATO (cfr. allegato I) ALLEGATO II CONCLUSIONI SCIENTIFICHE E MOTIVI DELLA MODIFICA DEI RIASSUNTI DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO E DEI FOGLIETTI ILLUSTRATIVI PRESENTATI DALL AGENZIA EUROPEA PER I MEDICINALI 108 CONCLUSIONI

Dettagli

Introduzione. Generalità

Introduzione. Generalità DIPENDENZE Introduzione In questo capitolo si illustrano le situazioni di urgenza che si possono verificare in pazienti che abusano di sostanze farmacologiche di natura diversa. Senza entrare in questa

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari?

Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari? Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari? Stefano Maria Zuccaro 12 GIUGNO 2015 18 marzo 2014 Cascata dell acido arachidonico CASCATA DELL ACIDO ARACHDONICO Il mismatch

Dettagli

2C-H O NH 2. Nome 2C-H. Struttura molecolare. Formula di struttura C 10 H 15 NO 2. Numero CAS 3600-86-0 / 3166-74-3 (sale cloridrato)

2C-H O NH 2. Nome 2C-H. Struttura molecolare. Formula di struttura C 10 H 15 NO 2. Numero CAS 3600-86-0 / 3166-74-3 (sale cloridrato) NEW DRUGS Nuove Sostanze Psicoattive 2C-H Nome 2C-H Struttura molecolare O NH 2 O Formula di struttura C 10 H 15 NO 2 Numero CAS 3600-86-0 / 3166-74-3 (sale cloridrato) Nome IUPAC 2-(2,5-dimethoxyphenyl)ethanamine

Dettagli

1-(5-Fluoropentil)-1H-indol-3-il)(2,2,3,3- tetrametilciclopropil)metanone (5FUR-144)

1-(5-Fluoropentil)-1H-indol-3-il)(2,2,3,3- tetrametilciclopropil)metanone (5FUR-144) NEW DRUGS Nuove Sostanze Psicoattive 1-(5-Fluoropentil)-1H-indol-3-il)(2,2,3,3- tetrametilciclopropil)metanone (5FUR-144) Nome (1-(5-fluoropentil)-1H-indol-3-il)(2,2,3,3-tetrametilciclopropil)metanone;

Dettagli

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA Anno accademico 2013/2014 FARMACOLOGIA GENERALE 1. Azione farmacologia 2. Meccanismo di azione dei farmaci 3. Vie di somministrazione 4. Assorbimento 5. Distribuzione, ripartizione,

Dettagli

Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali

Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali Affrontare il Dolore cronico in ambito clinico. Licia Serra Centro Sociale Oncologico ASS1 4 marzo 2010 Definizione di DOLORE Un esperienza

Dettagli

PIANO STRATEGICO PER IL CONTROLLO DEL DOLORE SUL TERRITORIO Alcune interessanti indagini europee sul dolore L assistenza domiciliare cure palliative Protocollo sedazione palliativa al domicilio REVIEW

Dettagli

AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco

AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON LE AUTORITÀ REGOLATORIE EUROPEE E L'AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA) Marzo 2011 Restrizione dell indicazione terapeutica della specialità medicinale ZERIT

Dettagli

CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI

CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI Nato a Roma il 12-04-1961 e ivi residente in Via Antonino Giuffrè 129 Laureato in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Roma La Sapienza il 07-04-1988

Dettagli

Proprietà delle fibre dolorifiche

Proprietà delle fibre dolorifiche IL DOLORE 1 Proprietà delle fibre dolorifiche La percezione del dolore è generata da terminazioni nervose libere che costituiscono la parte sensitiva dei nocicettori (recettori del dolore) Gli assoni che

Dettagli

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI NADIA PALLOTTA 128 L INTESTINO IRRITATO ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI Nei paesi industrializzati, nel corso dell ultimo secolo, le migliori condizioni sociali, economiche e sanitarie hanno determinato una

Dettagli

Rassegna Stampa. Parametri di Ricerca impostati: Intervallo di tempo: dal 01/09/2014 al 16/09/2014

Rassegna Stampa. Parametri di Ricerca impostati: Intervallo di tempo: dal 01/09/2014 al 16/09/2014 Rassegna Stampa Parametri di Ricerca impostati: Intervallo di tempo: dal 01/09/2014 al 16/09/2014 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende 20129 Milano Via Mameli,

Dettagli

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico:

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Premesse 2 Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Su 8 molecole che presentano potenzialità terapeutiche solo 1, solitamente,

Dettagli

La Terapia Antalgica Invasiva. Il 4 Gradino4. DR. S. Di Santo

La Terapia Antalgica Invasiva. Il 4 Gradino4. DR. S. Di Santo La Terapia Antalgica Invasiva Il 4 Gradino4 DR. S. Di Santo Chronic Pain Treatment Continuum Dolore cronico: Scala dei Trattamenti Terapia medica (NSAIDs, oppioidi, antidepressivi, anticonvulsivanti, cortisonici,

Dettagli

La Medicina basata sulle evidenze è l uso coscienzioso delle evidenze attualmente disponibili sulle terapie impiegate per curare ogni paziente In

La Medicina basata sulle evidenze è l uso coscienzioso delle evidenze attualmente disponibili sulle terapie impiegate per curare ogni paziente In L. Notari DVM, MSc La Medicina basata sulle evidenze è l uso coscienzioso delle evidenze attualmente disponibili sulle terapie impiegate per curare ogni paziente In Medicina Umana l approccio evidence-based

Dettagli

Approfondimenti tematici a cura del Comitato scientifico dell Osservatorio nazionale sulle tossicodipendenze

Approfondimenti tematici a cura del Comitato scientifico dell Osservatorio nazionale sulle tossicodipendenze PARTE 5 Approfondimenti tematici a cura del Comitato scientifico dell Osservatorio nazionale sulle tossicodipendenze Nota metodologica. Diffusione della cannabis: droga di ingresso e pericolosità intrineseca.

Dettagli

Un analisi dell utilizzo del Prozac, Paxil e Zoloft negli Usa dal 1988 al 2002.

Un analisi dell utilizzo del Prozac, Paxil e Zoloft negli Usa dal 1988 al 2002. Le tabelle sui suicidi indotti dall uso di psicofarmaci. Un analisi dell utilizzo del Prozac, Paxil e Zoloft negli Usa dal 1988 al 2002. Il metodo IMR - Patient Flow Model è stato ora utilizzato per analizzare

Dettagli

Accettata dall EMEA per l esame la domanda di autorizzazione alla commercializzazione di LENALIDOMIDE

Accettata dall EMEA per l esame la domanda di autorizzazione alla commercializzazione di LENALIDOMIDE Accettata dall EMEA per l esame la domanda di autorizzazione alla commercializzazione di LENALIDOMIDE NEUCHATEL, Svizzera, 7 aprile/prnewswire/ -- - EMEA sta valutando LENALIDOMIDE come terapia orale per

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

3. Forma farmaceutica Fiori secchi della pianta di Cannabis sativa L. di sesso femminile (gamma-irradiati)

3. Forma farmaceutica Fiori secchi della pianta di Cannabis sativa L. di sesso femminile (gamma-irradiati) Ministero della Salute, Welfare e Sport (versione data: 11 dicembre 2008) Office of Medicinal Cannabis P.O. Box 16.144 NL-2500 BC The Hague Paesi Bassi Cannabis Medicinale Informazioni per i medici 1.

Dettagli

sintomi,decorso coinfezioni

sintomi,decorso coinfezioni 2007 L epatite è un infiammazione del fegato; se è causata da un virus l epatite può essere trasmessa da una persona all altra.invece l epatite non è contagiosa se ha origine da abuso di alcool o medicamenti,

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

Alla ricerca delle prove di efficacia

Alla ricerca delle prove di efficacia Ozzano dell Emilia EBVM e accesso a informazioni evidence-based 14 marzo 2009 Claudio Fabbri Biblioteca Centralizzata Polo Scientifico-Didattico di Rimini Università degli Studi di Bologna Alla ricerca

Dettagli

(*)Direttore della U.O.C. di Medicina Interna di S. Arcangelo di Romagna (Rimini)

(*)Direttore della U.O.C. di Medicina Interna di S. Arcangelo di Romagna (Rimini) Dal blog di Marco Grandi, su segnalazione di Giorgio Ioli (*) vi proponiamo questo articolo: Tosse e statine (*)Direttore della U.O.C. di Medicina Interna di S. Arcangelo di Romagna (Rimini) Il presente

Dettagli

Gabriella Serio. Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari

Gabriella Serio. Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari Gabriella Serio Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari GOOD CLINICAL PRACTICE GCP LE GCP SONO UNO STANDARD IN BASE AL QUALE GLI STUDI CLINICI SONO

Dettagli

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A L AIDS MARTINA ZAMINATO CLASSE 3 A ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AIDS e HIV: sintomi - cause - test - trasmissione Introduzione AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) sta per sindrome da immunodeficienza

Dettagli

Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl.

Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

DEFINIZIONE DI DIPENDENZA

DEFINIZIONE DI DIPENDENZA DIPENDENZA DA FUMO Il tabagismo è l'abitudine o dipendenza dal fumo di tabacco a cui consegue un'intossicazione di tipo cronico DEFINIZIONE DI DIPENDENZA Per dipendenza si intende una alterazione del comportamento

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

ASPETTI PSICHIATRICI

ASPETTI PSICHIATRICI Le nuove droghe e addiction comportamentali Varese, 5 dicembre 2012 ASPETTI PSICHIATRICI Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE 2011 DELL'OSSERVATORIO EUROPEO DELLE DROGHE E TOSSICODIPENDENZE Cannabis: Prevalenza

Dettagli

LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it

LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALCIATI ALESSANDRA Indirizzo Telefono 3381985310 CF E-mail VIA CAPRERA 4, 20144 MILANO LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it

Dettagli

SCHEDA DI SEGNALAZIONE DI SOSPETTA REAZIONE AVVERSA A SEGUITO DI UTILIZZO DI SIGARETTA ELETTRONICA

SCHEDA DI SEGNALAZIONE DI SOSPETTA REAZIONE AVVERSA A SEGUITO DI UTILIZZO DI SIGARETTA ELETTRONICA SCHEDA DI SEGNALAZIONE DI SOSPETTA REAZIONE AVVERSA A SEGUITO DI UTILIZZO DI SIGARETTA ELETTRONICA Codice segnalazione Codice centro Dati del segnalatore Data compilazione Nome e Cognome del segnalatore

Dettagli

27-08-2014 12+1 1 / 2

27-08-2014 12+1 1 / 2 Quotidiano Data Pagina Foglio 27-08-2014 12+1 1 / 2 Codice abbonamento: 097156 Quotidiano Data Pagina Foglio 27-08-2014 12+1 2 / 2 Codice abbonamento: 097156 Quotidiano Data Pagina Foglio 27-08-2014 22

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie renali PREMESSA: In tutti i casi di malattia a carico dell emuntorio renale deve essere richiesta la visita specialistica nefrologica con allegati esami ematochimici

Dettagli

Allegato III. Modifiche agli specifici paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e del Foglio Illustrativo

Allegato III. Modifiche agli specifici paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e del Foglio Illustrativo Allegato III Modifiche agli specifici paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e del Foglio Illustrativo Nota: Queste modifiche agli specifici paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

LE PATOLOGIE DEGLI ANZIANI

LE PATOLOGIE DEGLI ANZIANI LE PATOLOGIE DEGLI ANZIANI Depressione Cardiopatie Osteoporosi Disturbi respiratori Demenze Tumori Diabete Ictus 1 L ALZHEIMER La più frequente delle demenze e una delle malattie a maggior impatto sociale

Dettagli

IL DISEGNO DELLO STUDIO

IL DISEGNO DELLO STUDIO IL DISEGNO DELLO STUDIO Le strategie dell epidemiologia clinica Epidemiologia osservazionale Studi descrittivi Case-report Case-series Studi costruttivi Trasversali Caso-controllo Coorte Epidemiologia

Dettagli

Peptidi oppioidi e Analgesici oppiacei

Peptidi oppioidi e Analgesici oppiacei Peptidi oppioidi e Analgesici oppiacei Farmacologia Speciale ß-Endorfina. Gangli della base. Ipofisi. Corteccia. N. arcuato ipotalamo. Amigdala. midollo allungato Encefaline Dinorfine ampia distribuzione

Dettagli

Congresso Regionale A.N.I.M.O.

Congresso Regionale A.N.I.M.O. Congresso Regionale A.N.I.M.O. Qualità e responsabilità Applicazione in medicina interna IL DOLORE Valutazione e strumenti Inf. Montaniero Roberto U.O. Medicina Interna P.O. S. Maria del Popolo degli Incurabili

Dettagli

Date (da a) 1972-1985 (1-3); 2000-2002(4) Nome e tipo di istituto di. Università G. D Annunzio Chieti-Pescara (1-3); istruzione o formazione

Date (da a) 1972-1985 (1-3); 2000-2002(4) Nome e tipo di istituto di. Università G. D Annunzio Chieti-Pescara (1-3); istruzione o formazione Formato europeo per il curriculum vitae Informazioni personali Nome Indirizzo Telefono 0871358478-9 Fax 0871358479 E-mail Amedeo Costantini (CSTMDA54E23G838I) via G.N. Durini, 5. 66100 CHIETI terapiadolore.chieti@asl2abruzzo.it

Dettagli

L ANESTESIA. Cos è ed a cosa serve. Notizie utili per il paziente. Presentazione

L ANESTESIA. Cos è ed a cosa serve. Notizie utili per il paziente. Presentazione Provincia Autonoma di Trento Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari via Degasperi, 79-38100 - Trento Dipartimento Anestesia e Rianimazione Direttore: dr. Edoardo Geat U.O. Anestesia e Rianimazione

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

A.O. Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello -P.O. Vincenzo Cervello

A.O. Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello -P.O. Vincenzo Cervello C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Francesco Arcoleo, Dirigente Medico strutturato a tempo indeterminato dal 1993. Indirizzo Via Giovanni Zappalà, 19-90144-Palermo Telefono 091/6802882,

Dettagli

Le nuove molecole in oncologia prostatica. Gianmauro Numico Direttore SC Oncologia Azienda USL della Valle d Aosta

Le nuove molecole in oncologia prostatica. Gianmauro Numico Direttore SC Oncologia Azienda USL della Valle d Aosta Le nuove molecole in oncologia prostatica Gianmauro Numico Direttore SC Oncologia Azienda USL della Valle d Aosta Castration 2013 Abiraterone 1996 Mitoxantrone 2004 Docetaxel Death Tumor volume Local Therapy

Dettagli